Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 MP 5 SERVIZI V. 1.0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 MP 5 SERVIZI V. 1.0"

Transcript

1 Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 5 SERVIZI 5.0 DESCRIZIONE In questo capitolo è descritta tutta la serie di attività di servizio che, pur non creando direttamente valore aggiunto sulla prestazione, come è il caso dell insegnamento, sono tuttavia indispensabili. Questo servizio rispetta i seguenti criteri: Trasparenza: informazione a tutti gli utenti interessati Efficacia: completezza, rapidità, dinamicità Efficienza: limitazione degli sprechi Flessibilità: disponibilità e capacità ad affrontare situazioni impreviste Responsabilità Per l'adeguatezza e l'efficacia dei processi: 0.D (Direttore dei servizi amministrativi) Per la corretta applicazione dei processi: le funzioni previste dalle singole procedure e sintetizzate in AL 1.1 Matrice delle responsabilità Indicatori Numero degli utenti della comunità Ferminetwork" Numero di rapporti di non conformità sulla gestione dello stabile Numero di prestiti effettuati dalla biblioteca agli studenti Processi e sottoprocessi 5.1 Acquisto e gestione materiali 5.2 Nuove tecnologie 5.3 Gestione stabile 5.4 Segreteria 5.5 Attività finanziaria e contabile 5.6 Biblioteca Pianificazione dei fabbisogni Pianificazione Archiviazione Pianificazione e approvvigionam Richieste d'acquisto e ordinazioni Gestione corrente Corrispondenza generale Ricezione e classificazione Selezione fornitori Progetti informatici Gestione del personale Gestione biblioteca Verifica delle forniture Gestione studenti Valutazione e riqualifica dei fornitori Gestione fatture Immagazzinamento

2 Manuale di gestione della scuola Pagina 2 di ACQUISTO E GESTIONE MATERIALI Per sviluppare nel modo più efficace tutte le prestazioni e i servizi che gli competono, il liceo opera affinché i docenti e i collaboratori possano disporre tempestivamente dei materiali adatti allo scopo. Questa esigenza è soddisfatta attraverso la corretta pianificazione dei fabbisogni, la scelta dei fornitori (per i materiali non forniti attraverso la Provincia), l ordinazione, uno stoccaggio razionale, e quindi facilmente gestibile, dei materiali stessi Pianificazione dei fabbisogni La pianificazione dei fabbisogni è effettuata annualmente, da parte di 0.D. Egli tiene conto delle richieste dei docenti, dei collaboratori e degli utenti, e dei finanziamenti erogati dall Amministrazione scolastica e dalla Provincia al liceo, nell ambito del preventivo dell anno precedente Richieste d acquisto e ordinazioni In funzione delle esigenze pianificate e delle necessità correnti sono designati i seguenti responsabili preposti: R5.7 (Responsabile biblioteca), per il materiale librario, le riviste e il materiale informativo di tipo digitale. R5.1 - R5.2 - R5.4 - R5.5 (Responsabili dei laboratori), per il materiale di consumo speciale destinato ai laboratori. R5.3 (Responsabile Nuove tecnologie), per le attrezzature di nuove tecnologie. R5.6 (Responsabile palestra), per il materiale di consumo speciale, gli oggetti e le attrezzature destinate alla palestra. 0.D (Direttore amministrativo), per oggetti e attrezzature specificatamente definite a preventivo (investimenti, apparecchi, prestazioni esterne ecc.) e per il materiale di cancelleria. Le esigenze pianificate e le necessità correnti sono indicate da ciascun responsabile di settore su apposito modulo e trasmesse a 0.D che, previa verifica della disponibilità finanziaria e dopo la valutazione di eventuali preventivi pervenuti, emette l ordinazione, in forma scritta, specificando i dati d acquisto seguenti: Fornitore, scelto dall elenco fornitori secondo l applicativo SISSI nel rispetto del d.m. 44/01. Specifiche della merce (denominazione, quantitativo, caratteristiche, ev. numero di articolo). Termine e modalità di fornitura. Prezzi e condizioni di pagamento (con o senza IVA, sconti speciali ecc.). Nome dell utente interno. Le modalità di gestione delle richieste di acquisto e delle ordinazioni sono illustrate in P.Q. 5-01, Richiesta di acquisto e di ordinazioni. Le ordinazioni di materiale di uso corrente comportano la formalizzazione dei dati di acquisto sopra indicati sull apposito modulo Selezione dei fornitori Annualmente 0.P e 0.D definiscono l elenco dei fornitori ricorrenti sull applicativo SISSI. I criteri per tale selezione sono i seguenti: esperienze precedenti (vedi 5.1.5) informazioni e referenze (esterne e interne) risultanze di incontri e visite sperimentazioni di forniture campione rapporto qualità/prezzo modalità operative attestate da un SGQ riconosciuto vantaggi logistici. Per acquisti più mirati, oppure nei casi di acquisti sulla base di offerte, i fornitori sono definiti di volta in volta.

3 Manuale di gestione della scuola Pagina 3 di Verifica delle forniture La fornitura è ricevuta da 0.D, che la consegna al preposto unitamente alla rispettiva bolla di accompagnamento. 0.D è responsabile della verifica della fornitura. Le apparecchiature e gli strumenti acquistati sono sottoposti a collaudo da parte di una commissione formata da: 1) responsabile di laboratorio, cui il materiale è posto in carico, - 2) 0.D - 3) assistente tecnico. La verifica ed il collaudo sono eseguiti secondo le modalità indicate in IL 5-01,Collaudo apparecchiature e strumenti. Verificata la conformità della fornitura e del collaudo, il responsabile preposto trasmette la bolla di accompagnamento, firmata da 0.D (Responsabile acquisti e gestione materiali), che dispone la classificazione, in attesa della fattura. La fattura viene evasa secondo quanto indicato in Valutazione e riqualifica dei fornitori I responsabili preposti (vedi 5.1.2) effettuano alla fine dell anno scolastico la valutazione delle prestazioni dei fornitori ricorrenti, mediante ML 5-04, Valutazione dei fornitori, che trasmettono a 0.D. Questi ne sviluppa una sintesi, contenente le proposte di riconferma o di sostituzione dei fornitori, e la sottopone a 0.P per la definizione del nuovo elenco dei fornitori. 0.D provvede inoltre ad informare i fornitori sull esito della valutazione Immagazzinamento Tutti i materiali depositati in magazzino sono identificati secondo la categoria e suddivisi secondo i criteri di praticità d uso. Il responsabile del magazzino è 0.D. Egli gestisce le attività di controllo, sulla base di quanto indicato in IL 5-02, Gestione magazzino Inventario Tutti i materiali, le apparecchiature, gli strumenti, le attrezzature e gli arredi sono inventariati, all atto di acquisto, sull apposito registro di inventario. Su ciascuno di essi è apposta un etichetta indelebile recante il numero di inventario e l intestazione del liceo. Responsabile dell inventario dei beni disponibili è 0.D. 5.2 NUOVE TECNOLOGIE Un infrastruttura basata sulle nuove tecnologie, in particolare la tecnologia informatica efficiente, è oggigiorno indispensabile per l attività curricolare ed extracurricolare e per assicurare il buon funzionamento del sistema organizzativo. L infrastruttura informatica del liceo è costituita da una rete di PC, gestita da alcuni server e da un certo numero di periferiche. Tutte le attività che riguardano il settore informatico, dalla pianificazione dei fabbisogni alla gestione corrente, ai progetti, sono di competenza di R5.3 (Responsabile Nuove tecnologie) che si avvale della collaborazione di R5.4 (Responsabile laboratorio di informatica). 0.Q è responsabile della sicurezza dei documenti e dei dati SGQ gestiti in formato digitale Pianificazione Il fabbisogno di materiale informatico (hardware e software) è definito annualmente da R5.3 (Responsabile Nuove tecnologie), sentito R5.4 (Responsabile laboratorio informatica), dopo aver considerato e analizzato le esigenze espresse da docenti e collaboratori del liceo, sulla base dell evoluzione delle nuove tecnologie e del mercato da esse generato. La pianificazione del fabbisogno deve inoltre tener conto delle diverse risorse a disposizione e più precisamente: per il materiale informatico/nuove tecnologie destinato all uso didattico: programma annuale per il materiale informatico/nuove tecnologie destinato all uso amministrativo: finanziamento concesso dalla Provincia. Per gli acquisti si procede come indicato in

4 Manuale di gestione della scuola Pagina 4 di Gestione corrente La gestione corrente della struttura informatica,spettante a R5.3, comprende diverse attività, quali: Il controllo della manutenzione (HW e SW), le cui modalità sono descritte in IL 5-03, Manutenzione informatica l installazione e messa in servizio di nuove attrezzature (HW e SW) le attività di informazione e formazione degli utenti la gestione degli accessi al sistema informatico e della sicurezza dei dati, secondo IL 5-04, Gestione accessi sistema informatico la gestione della rete, secondo IL 5-05, Gestione rete informatica la gestione delle licenze per l utilizzazione dei prodotti software la gestione del sito WEB del liceo Progetti informatici Il continuo progresso della tecnologia informatica richiede talvolta massicci interventi a livello di ristrutturazione del sistema, come per esempio l evoluzione dell intera rete verso un altra piattaforma di applicativi software, l implementazione di un applicativo particolarmente complesso, l installazione di una nuova aula di informatica ecc. Questi tipi di interventi, non rientrando nelle attività ricorrenti o di routine del liceo sono considerati e gestiti come progetti da parte di R5.3, secondo la metodica sviluppata nella sezione MP 4 di questo Manuale. 5.3 GESTIONE STABILE Gli utenti (studenti e altri beneficiari delle prestazioni e servizi del liceo) esigono che le attività si svolgano in un ambiente sicuro e confortevole. Per questo scopo il liceo deve assicurare la necessaria organizzazione per: gestione e sorveglianza dello stabile pulizia dello stabile. La responsabilità di questo servizio compete a 0.D. I collaboratori scolastici provvedono all apertura ed alla chiusura dell edificio scolastico secondo le disposizioni impartite da 0.D. Essi attendono alla sorveglianza dell edificio scolastico e delle aree annesse ed esercitano il controllo sul corretto utilizzo degli spazi e delle installazioni scolastiche. ML 5-01, Organizzazione del servizio scolastico ausiliario descrive dettagliatamente le precitate attività. Gli interventi di manutenzione più importanti sono di competenza della Provincia. L attribuzione del personale di pulizia è di competenza dell amministrazione statale. L organizzazione del personale per le precitate attività è di competenza di 0.D. cui inoltre compete la responsabilità delle seguenti attività : la vigilanza sulla manutenzione delle infrastrutture da parte di terzi l attribuzione di incarichi per piccole riparazioni, sulla base di constatazioni dirette, oppure in risposta ad azioni di annuncio guasti da parte di docenti / collaboratori del liceo, effettuate mediante l apposito ML 6-08, Proposte di miglioramento. Questo genere di attività è regolato da IL 5-06, Piccole manutenzioni. la gestione e la direzione del personale di pulizia, secondo le indicazioni contenute in IL 5-07, Gestione personale di pulizia. la gestione e lo smaltimento dei residui derivati dalle attività che si svolgono nel laboratorio di Scienze. Per questo incarico 0.D si avvale della collaborazione di R5.2 (Responsabile del laboratorio di Scienze) e del personale tecnico. Lo smaltimento è effettuato da una ditta specializzata ed autorizzata. L operazione è registrata su apposito registro,depositato nel Laboratorio di Scienze(Chimica). La responsabilità della registrazione compete a R5.2. I responsabili dei laboratori effettuano periodici controlli delle attrezzature e degli impianti. Eventuali disfunzioni sono registrate e segnalate su ML 6 08, Proposte di miglioramento.

5 Manuale di gestione della scuola Pagina 5 di SEGRETERIA Come tutte le organizzazioni, il liceo necessita, per lo sviluppo delle proprie prestazioni, di un efficiente servizio di segreteria che assicuri tutte le attività di tipo amministrativo. Responsabile di questo servizio è 0.D (Direttore amministrativo) Archiviazione 0.D è responsabile dell archiviazione dei documenti del liceo. Egli affida il compito esecutivo al personale di segreteria che esegue l archiviazione secondo quanto indicato nella matrice dei documenti e dei dati e sulla base di quanto descritto in IL 5-08, Archiviazione documenti Corrispondenza generale 0.D è responsabile del disbrigo della corrispondenza generale, in entrata e in uscita, dell invio di documenti e dello smistamento della posta in arrivo. Egli è pure responsabile della gestione dei conti correnti. Le attività legate alla corrispondenza generale sono descritte in IL 5-09, Gestione corrispondenza generale Gestione del personale Le attività di gestione operativa del personale (docenti e collaboratori) riguardano in particolare: la redazione e la gestione degli elenchi la gestione delle assenze per malattia e infortunio (IL 5 14) la gestione dei dossier personali (IL 5 15) la gestione delle supplenze (IL 5 16) la gestione dei contratti (IL 5 17) La responsabilità di queste operazioni è di R5.9 (Responsabile gestione personale). Tutte le precedenti operazioni sono eseguite tramite software SISSI, fornito dal MIUR, ed il SIMPI (Sistema Centrale del MIUR) Gestione studenti Le attività di gestione degli studenti riguardano in particolare: la ricezione delle iscrizioni, l ammissione e la registrazione la gestione dei dossier, delle schede personali e delle carte per studenti la gestione delle assenze, per malattia e infortunio la gestione handicap la gestione degli organi collegiali la gestione degli esami di stato, mediante l applicativo CONCHIGLIA la predisposizione delle statistiche di inizio e fine anno scolastico i contributi amministrativi la raccolta delle valutazioni, la redazione e la stampa delle pagelle. Le modalità per lo svolgimento di queste attività sono descritte in IL 5-18, Gestione studenti. Tutte le operazioni sono eseguite tramite il software SISSI e il database denominato Gestione Alunni. Responsabile di queste operazioni è R5.8 (Responsabile gestione studenti) Gestione fatture 0.D riceve le fatture, le verifica e dispone per il pagamento, la registrazione e l archiviazione. L attività è dettagliatamente descritta in ML 1-02, Descrizione di incarico.

6 Manuale di gestione della scuola Pagina 6 di ATTIVITÀ FINANZIARIA E CONTABILE L attività finanziaria e contabile del liceo è di competenza di 0.D che provvede ad allocare le risorse finanziarie secondo la provenienza di esse (statali, regionali, provinciali, enti locali, privati, interessi bancari, ed altro). In collaborazione con 0.P provvede alla stesura del Programma annuale, secondo criteri di efficacia, di efficienza e di economicità. Il documento contabile si conforma al d.m.44/01. 0.D. cura le attività finanziarie consequenziali come lo stato di attuazione del Programma annuale e provvede ad adottare eventuali modifiche. Egli provvede ad assumere, in collaborazione con 0.P, gli impegni di spesa, alla loro liquidazione ed ai pagamenti. 0.D incassa i finanziamenti erogati tramite le reversali di incasso. 0.D sottopone il conto consuntivo a 0.P ed elabora la relazione degli obiettivi programmati da sottoporre all esame del Collegio dei revisori del conto GESTIONE CONTABILE La gestione operativa della contabilità, effettuata mediante l applicativo SISSI, è di competenza di R5.10 (Responsabile gestione contabilità) che vi provvede sulla base delle indicazioni fornite da 0.D e delle prescrizioni contenute in ML 1-02, Descrizione di incarico. 5.6 BIBLIOTECA Il servizio della biblioteca risponde a diverse esigenze culturali e professionali degli studenti, dei docenti e degli altri collaboratori del liceo, in modo particolare per quanto concerne la messa a disposizione di materiale librario, riviste e quotidiani. In biblioteca sono pure disponibili alcune stazioni PC, per ricerche mirate su Internet. L utilizzo della biblioteca è gestito mediante apposito regolamento. La responsabilità del servizio bibliotecario compete a R5.7 (Responsabile biblioteca) Pianificazione e approvvigionamento R5.7 allestisce annualmente una pianificazione dei fabbisogni, che tiene conto di vari fattori quali: le risorse finanziarie a disposizione della biblioteca lo sviluppo degli acquisti effettuati negli anni precedenti le esigenze espresse preventivamente dagli utenti le proposte del mercato librario un adeguata riserva per soddisfare le esigenze che emergeranno nel corso dell anno scolastico. Il piano è presentato a 0.D ed a 0.P, cui compete l approvazione. Per gli acquisti si procede come indicato in Ricezione e classificazione Il materiale librario, le riviste ed i quotidiani vengono ricevute da R5.7, che provvede alla registrazione, alla classificazione, effettuata mediante il sistema Dewey, e alla disposizione nei luoghi di utilizzazione, sia interni sia esterni alla biblioteca Gestione biblioteca Le attività di gestione della biblioteca, condotte sotto la responsabilità di R5.7, comprendono: l informazione agli utenti sui servizi offerti dalla biblioteca e sulle nuove pubblicazioni il prestito di libri e di materiali audiovisivi la consulenza (ricerca pubblicazioni) la gestione delle stazioni di lavoro (PC) Internet l organizzazione delle scaffalature l eliminazione, o la sostituzione dei testi obsoleti. L insieme di queste attività è descritto in IL 5-13, Gestione biblioteca.

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0 Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 5 SOSTEGNO 5.0 DESCRIZIONE Il buon funzionamento dell istituto esige la gestione di tutta una serie di attività che, pur non creando direttamente valore

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale LICEO ERASMO DA ROTTERDAM Gestione del personale Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo Erasmo da Rotterdam PQ04gestione del personale_11_2010rev2 INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI. UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6

GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI. UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6 UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6 SOMMARIO 1. Scopo 2 2. Generalità 2 3. Applicabilità 2 4. Termini e Definizioni 2 5. Riferimenti 2 6. Responsabilità ed Aggiornamento 3 7. Modalità operative 3 REVISIONI N REV.

Dettagli

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 9. MP 2 Formazione curricolare

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 9. MP 2 Formazione curricolare Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 9 2 FORMAZIONE CURRICOLARE 2.0 DESCRIZIONE In questo capitolo si descrivono analiticamente tutte le attività connesse alla missione principale del liceo: la

Dettagli

Procedura di gestione degli approvvigionamenti

Procedura di gestione degli approvvigionamenti Doc.: PQ08 Rev.: 5 Data: 16/03/15 Pag.: 1 di 09 Procedura di gestione degli approvvigionamenti EMESSA DA: Tomasello Maria VERIFICATA DA: Cazzaniga Laura APPROVATA DA: Mariagrazia Fornaroli Doc.: PQ08 Rev.:

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0 REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO Art.1 - Identità dell Ufficio tecnico L Ufficio tecnico: 1. ha la funzione di supporto e coordinamento delle attività di laboratorio e le esercitazioni previste dai Dipartimenti,

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI

APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI Pag.1 di 6 APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI 1. Scopo e campo di applicazione 2. Terminologia e abbreviazioni 3. Responsabilità 4. Modalità operative 5. Riferimenti 6. Archiviazione 7. Allegati

Dettagli

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 MP 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 MP 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO 6.0 DESCRIZIONE Attraverso i processi sviluppati in questo capitolo, il liceo assicura che il servizio offerto adempie ai requisiti

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3 1 di 6 Alta Direzione (DS) DS, nell'ambito dei poteri conferitigli dalla normativa vigente, esercita un'attività di coordinamento dei servizi erogati dall Istituto, in esecuzione delle politiche e degli

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI

Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI Codice procedura: AC01 Revisione n 2 Data revisione: 23-07-2013 MANUALE DELLE PROCEDURE Sommario 1. Scopo della procedura 2. Glossario 3. Strutture

Dettagli

Prot. n 264 /C14 Milano, 29/01/2015 BANDO DI GARA PER CONTRATTO ASSISTENZA TECNICA-INFORMATICA MANUTENZIONE HARDWARE/SOFTWARE IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. n 264 /C14 Milano, 29/01/2015 BANDO DI GARA PER CONTRATTO ASSISTENZA TECNICA-INFORMATICA MANUTENZIONE HARDWARE/SOFTWARE IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n 264 /C14 Milano, 29/01/2015 BANDO DI GARA PER CONTRATTO ASSISTENZA TECNICA-INFORMATICA MANUTENZIONE HARDWARE/SOFTWARE IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI i criteri per le attività negoziali Art. 32 e

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO "E. TOTI" Via Marconi, 3 ~ 30024 Musile di Piave (VE) 0421/54122 ~ Fax 0421/596993 Cod. Scuola VEIC82600X ~ Cod. Fiscale 84003920273 veic82600x@istruzione.it http://www.ictoti.it RELAZIONE

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Codice MGQ 6 Pag. 1 / 6

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Codice MGQ 6 Pag. 1 / 6 Pag. 1 / 6 GESTIONE DELLE RISORSE Indice: 6.0 - Oggetto 6.1 Messa a disposizione delle risorse 6.2 - Le risorse umane 6.3 Gestione delle infrastrutture 6.4 Ambiente di lavoro N. REV. DATA MOTIVO DELLA

Dettagli

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati)

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) Doc.: PQ13 Rev.: 1 Data: 05/05/09 Pag.: 1 di 6 Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO MQ V. 2.0

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO MQ V. 2.0 Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO 6.0 DESCRIZIONE Attraverso i processi sviluppati in questo capitolo, l istituto assicura che il servizio offerto adempie ai requisiti

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA Reg. Gen. n. 390 del 10.08.2015 DETERMINAZIONE DI IMPEGNO DI SPESA N. 192 DEL 10.08.2015 OGGETTO: SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICO SISTEMISTICA HARDWARE E SOFTWARE

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA 6.1 Gestione delle risorse Per attuare, mantenere e migliorare continuamente il SGQ e per conseguire la soddisfazione degli Utenti ed il raggiungimento degli obiettivi, il LS Majorana garantisce - la disponibilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO APPROVATO DALLA GIUNTA DI UNIONCAMERE LAZIO CON DELIBERAZIONE N. 64 DEL 30 SETTEMBRE 2013 Articolo 1 Definizione 1. L Unioncamere

Dettagli

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori.

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori. ORGANIGRAMMA Collegio dei Revisori Assemblea dei Soci Cda - Presidenza Direzione Generale Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione Risorse Umane, Organizzazione e Qualità Appalti e Forniture Sistemi

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione Progetto E-Inclusion Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie Disciplinare di rendicontazione (Premessa) A seguito della pubblicazione dell Avviso per la presentazione di progetti e modalità

Dettagli

Disciplinare Organizzativo della Sezione INFN di Bologna

Disciplinare Organizzativo della Sezione INFN di Bologna Allegato alla deliberazione del Consiglio Direttivo n. 12860/2013 Disciplinare Organizzativo della Sezione di Bologna (ai sensi dell art. 23, comma 1, lett. a), dello Statuto dell e dell art.1, comma 4,

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA data: 20-07-08 Pagina 1 di 12 Sez. 4 PER LA QUALITA Redazione e Revisione Data Modifiche verifica 0 03-04-03 RGQ - Prof. M.L.Bianchi 1 16-04-03 Tabelle a) e b) 2 29-05-03 Tabella b) e 4.2.3 3 12-07-04

Dettagli

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Gestione del processo di approvvigionamento Pag. 1 di 7 PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR Firma verifica RGQ 00 01/09/02

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA Azienda Sanitaria Locale n. 4 - Chiavarese Via G.B. Ghio 9-16043 CHIAVARI C.F. e P.IVA 01038700991 UNITA OPERATIVA GESTIONE TECNICA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-GFA. Procedura per la Gestione dei Fornitori e degli Acquisti

PROCEDURA SGQ PRO-GFA. Procedura per la Gestione dei Fornitori e degli Acquisti PROCEDURA SGQ PRO-GFA Procedura per la Gestione dei Fornitori e degli Acquisti Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE...

Dettagli

Università della Terza Età - "Luigi Imperati" Statuto

Università della Terza Età - Luigi Imperati Statuto Università della Terza Età - "Luigi Imperati" Statuto Art. 1 Istituzione La Provincia di Foggia istituisce l Università della Terza Età "Luigi Imperati" con sede in Foggia, in Palazzo Dogana, presso l

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO "ENRICO FERMI" Via Luosi n. 23 41100 Modena Tel. 059211092 059236398 - (Fax): 059226478 E-mail: motf080005@istruzione.it Pagina web: www.fermi.mo.it C.F. 94138800365

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE MEDARDO ROSSO LECCO

LICEO ARTISTICO STATALE MEDARDO ROSSO LECCO LICEO ARTISTICO STATALE MEDARDO ROSSO LECCO PROGRAMMA ANNUALE ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGRAMMA ANNUALE Il Programma annuale è lo strumento per la gestione finanziaria del

Dettagli

PR_MP4_01 REGISTRAZIONE, ARCHIVIAZIONE E GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL SGQ

PR_MP4_01 REGISTRAZIONE, ARCHIVIAZIONE E GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL SGQ Pagina 1 di 8 PR_MP4_01 REGISTRAZIONE, ARCHIVIAZIONE E GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL SGQ revisione data Descrizione modifiche Redazione e verifica Approvazione 0 3/7/03 Prima emissione 1 10/3/03 Revisione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare del Liceo Artistico Statale Paolo Candiani. INDICE: 04.0 SISTEMA GESTIONE PER LA QUALITÀ 04.1 Requisiti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 1340 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 59 DEL 17/12/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 1340 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 59 DEL 17/12/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 1340 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 59 DEL 17/12/2014 OGGETTO: FORNITURA ARREDI ED ATTREZZATURE PER IL

Dettagli

Preparazione Verifica Approvazione

Preparazione Verifica Approvazione Pag. 1 di pag. 5 NORME UNI EN ISO 9001 : 2008 GESTIONE LE PULIZIE E LA MANUTENZIONE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. PROCEDURA 4.1 Pulizia 4.2 Manutenzione ordinaria e straordinaria

Dettagli

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE N 05 Pag. 1 di 10 PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE LISTA DELLE REVISIONI REV DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 02 15.05.09 03 01.10.09 1 N 05 Pag. 2 di 10 Indice della Procedura P.to

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

6. Gestione delle risorse

6. Gestione delle risorse Manuale Qualità Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App.DS Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE R. Del Rosso - G. Da Verrazzano Via Panoramica, 81-58019

Dettagli

1. Gestione delle risorse

1. Gestione delle risorse pag. 1 1. Gestione delle risorse La Direzione individua i mezzi e le risorse necessarie per attuare e tenere aggiornato il Sistema di gestione per la qualità, per migliorare in modo continuo la sua efficacia

Dettagli

Comitato di Valutazione

Comitato di Valutazione pag.1 di6 3.1- STRUTTURA ORGANIZZATIVA L' organizzazione dell Istituto, è illustrata nell organigramma riportato nella Fig. 3-1. I compiti e le responsabilità dei vari Enti-Funzioni sono definite nel paragrafo

Dettagli

MODELLO DI. Livello strategico

MODELLO DI. Livello strategico ALLEGATO II.1 MODELLO DI CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA ELEMENTI MINIMI La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che l organismo

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Pagina: 1 di 5 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.0 SCOPO DELLA SEZIONE Illustrare la struttura del Sistema di Gestione Qualità SGQ dell Istituto. Per gli aspetti di dettaglio, la Procedura di riferimento

Dettagli

Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo

Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo DI AFFIDARE al dott. Lorenzo Silipigni la responsabilità dei seguenti procedimenti amministrativi: (Affari istituzionali e amministrazione - Informazione e comunicazione) AFFARI ISTITUZIONALI E AMMINISTRAZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2012/2014

PIANO TRIENNALE 2012/2014 COMUNE DI SIRONE PROVINCIA DI LECCO PIANO TRIENNALE 2012/2014 PER L'INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL'UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO,

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 Sezione I Disposizioni generali Articolo 1 Istituzione 1. Al fine di razionalizzare

Dettagli

Prot, 4590/c14 Maniago, 11/09/2013 (CIG. N ZA50B718A4)

Prot, 4590/c14 Maniago, 11/09/2013 (CIG. N ZA50B718A4) ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Evangelista Torricelli Via Udine, 7 - MANIAGO (PN) (- 0427/731491 Fax 0427/732657 http:// www.torricellimaniago.it email: pnis00300q@istruzione.it Prot, 4590/c14 Maniago,

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione

Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione SOFTWARE PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO DEGLI AUSILI TERAPEUTICI 1. INFRASTRUTTURA... 2 2. CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE... 2 3. ELABORAZIONI... 3 4. TEMPI

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÄ Capitolo 4.0 GESTIONE DELLE RISORSE

MANUALE DELLA QUALITÄ Capitolo 4.0 GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Indice 1.0 OBIETTIVI E FINALITÄ... 2 2.0 RESPONSABILITÄ... 2 3.0 RISORSE UMANE... 3 3.1 Inserimento di nuovo personale... 4 3.2 Pianificazione ed attuazione formazione e aggiornamento...

Dettagli

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali AREA 1: Gestione del piano dell Offerta Formativa e delle azioni di Autovalutazione* Coordinamento, monitoraggio e valutazione delle attività del POF Coordina la stesura, la gestione, l aggiornamento,

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

Atto Dirigenziale n. 4180 del 15/12/2009

Atto Dirigenziale n. 4180 del 15/12/2009 Atto Dirigenziale N. 4180 del 15/12/2009 Classifica: 003.02.01 Anno 2009 (3032475) Oggetto ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PRIVACY. DESIGNAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA INTERNI ED INDIVIDUAZIONE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA Rep. Gen. n 423 del 15/09/2015 DETERMINAZIONE DI IMPEGNO DI SPESA N 214 DEL 15/09/2015 OGGETTO: CANONE DI MANUTENZIONE E ASSISTENZA PROGRAMMA DI GESTIONE SISTEMI

Dettagli

Gestione del personale (Processo di Supporto)

Gestione del personale (Processo di Supporto) Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Gestione del personale (Processo di Supporto) Codice PQ 040 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero consegnata a in

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 12.09.2013) Art. 1 Esercizio finanziario 1. L esercizio

Dettagli

AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI ORIGINALE

AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI ORIGINALE Comune di Rometta Provincia di Messina AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI ORIGINALE DETERMINAZIONE N. Area: 44 Data emissione 11/03/2014 N. Generale: 108 Data registrazione 19/03/2014 IL RESPONSABILE DELL AREA

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Via F. Lussana, 2 24121 Bergamo 035 23 71 71 035 21 52 27 segreteria@vittorioemanuele.org

Dettagli

P.6.3.02 GESTIONE DEI LABORATORI E MANUTENZIONE

P.6.3.02 GESTIONE DEI LABORATORI E MANUTENZIONE Indice: P.6.3.02 GESTIONE DEI LABORATORI E MANUTENZIONE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RESPONSABILITA...3 4. PROCEDURA...3 4.1 Gestione dotazioni laboratori...3 4.2 Gestione della manutenzione

Dettagli

UNIONE DI COMUNI LOMBARDA TERRE VISCONTEE - BASSO PAVESE

UNIONE DI COMUNI LOMBARDA TERRE VISCONTEE - BASSO PAVESE Copia UNIONE DI COMUNI LOMBARDA TERRE VISCONTEE - BASSO PAVESE DETERMINAZIONE N. 191 del 26/08/2015 PIANO DI ZONA_ INTEGRAZIONE FORNITURA, CONFIGURAZIONE E INSTALLAZIONE DI HARDWARE E SOFTWARE IN AMBIENTE

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE Approvato con deliberazione consiliare n. 48 del 10 maggio 2000 INDICE Art. 1 Attribuzione

Dettagli

Oggetto: riepilogo circolare

Oggetto: riepilogo circolare Oggetto: riepilogo circolare Direzione Generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale. Avviso pubblico rivolto

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

Carta di Qualità dell offerta formativa

Carta di Qualità dell offerta formativa Carta di Qualità dell offerta formativa Livello strategico Politica della Qualità della HOLLYWOON & FASHION SRL La HOLLYWOON & FASHION SRL definisce la propria politica della Qualità come segue: essere

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 1156 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 114 DEL 19/10/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 1156 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 114 DEL 19/10/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 1156 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 114 DEL 19/10/2015 OGGETTO: FORNITURA DI N.50 ORE DI FORMAZIONE ON

Dettagli

DETERMINA N. 3/198 DEL 02/10/2015 INDICE CRONOLOGICO GENERALE N. 502/2015 SETTORE TECNICO LL.PP. SERVIZIO CED

DETERMINA N. 3/198 DEL 02/10/2015 INDICE CRONOLOGICO GENERALE N. 502/2015 SETTORE TECNICO LL.PP. SERVIZIO CED DETERMINA N. 3/198 DEL 02/10/2015 INDICE CRONOLOGICO GENERALE N. 502/2015 SETTORE TECNICO LL.PP. SERVIZIO CED CIG: Z4617CA034 OGGETTO: IMPEGNO DI SPESA PER l IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA INFORMATICO SOFTWARE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 232 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 55 DEL 11/03/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 232 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 55 DEL 11/03/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 232 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 55 DEL 11/03/2015 OGGETTO: CONTRATTO DI MANUTENZIONE DI DISPOSITIVI SERVER PRESENTI NEL

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ADELAIDE CAIROLI Liceo Linguistico Liceo delle Scienze Umane Liceo Musicale

ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ADELAIDE CAIROLI Liceo Linguistico Liceo delle Scienze Umane Liceo Musicale AE 1 di 5 GESTIONE VIAGGI DI ISTRUZIONE USCITE DIDATTICHE, SCAMBI CULTURALI, ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ELAIDE CAIROLI Liceo Linguistico Liceo delle Scienze Umane Liceo Musicale PAVIA COPIA CONTROLLATA

Dettagli

Destinatari, albo, atti, 1 /ga

Destinatari, albo, atti, 1 /ga Circolare docenti n. 22 Circolare ATA n. 9 Caluso, 26/09/2012 Ai docenti Al personale ATA OGGETTO: Acquisti beni e servizi - Indicazioni procedurali. INDICAZIONI DI CARATTERE PROCEDURALE TIPOLOGIA DI ACQUISTO

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE A.F. 2012

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE A.F. 2012 RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE A.F. 2012 Il programma annuale è stato redatto, secondo quanto previsto dal Decreto Interministeriale n. 44 del 1 febbraio 2001, per attività e progetti. Nell imputare le

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI LABORATORI/ AULE SPECIALI E LA MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE DEI LABORATORI

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI LABORATORI/ AULE SPECIALI E LA MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE DEI LABORATORI PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI LABORATORI/ AULE SPECIALI E LA MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE DEI LABORATORI EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: (Responsabile della gestione dei laboratori/aule )

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO

REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO PREMESSA L'art. 4, comma 3, dei regolamenti di riordino degli istituti tecnici e degli istituti professionali (d.p.r. nn. 87 e 88 del 15.3.2010) prevede che il settore

Dettagli

Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi. Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione

Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi. Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Per quanto riguarda l organizzazione interna della sicurezza nei singoli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA DE TALI s.n.c. Di Tali R. & Tizio F. Via per Dovado, 95/A 790344 Vattelapesca (ZZ) SEZ. 1 Redatto Consulente

Dettagli

4/30/2003 DECRETO NAZIONALE SULL ACCREDITAMENTO ACCREDITAMENTO REGIONALE. Accordo Stato/Regioni 28-02-2000

4/30/2003 DECRETO NAZIONALE SULL ACCREDITAMENTO ACCREDITAMENTO REGIONALE. Accordo Stato/Regioni 28-02-2000 DECRETO NAZIONALE SULL ACCREDITAMENTO ACCREDITAMENTO REGIONALE L'accreditamento è un atto con cui l amministrazione pubblica competente riconosce ad un organismo la possibilità di proporre e realizzare

Dettagli

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI 5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI FUNZIONI STRUMENTALI: Sono funzioni strategiche nell organizzazione della scuola autonoma, che vengono assunte da docenti incaricati i quali, oltre alla

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3 03-10-05 Pagina 1 di 9 Copia on line controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto dell I.P.S.S.C.T. P. Verri MODIFICHE AL DOCUMENTO

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9 STANDARD FORMATIVO PER L ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI IMPIANTI ENERGETICI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA 02 30/09/2006 SOMMARIO

PROCEDURA GESTIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA 02 30/09/2006 SOMMARIO Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RESPONSABILITÀ...2 3 FLOW ATTIVITÀ...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 4 RACCOLTA DATI E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONEERRORE. IL SEGNALIBR

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Provvedimento Organizzativo della Sezione INFN di Genova

Provvedimento Organizzativo della Sezione INFN di Genova Allegato alla deliberazione del Consiglio Direttivo n. 8046/2003 doc.gen. n. 1455/2003 Provvedimento Organizzativo della Sezione INFN di Genova (ai sensi degli articoli 10, comma 4, lettera h), e 20, comma

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli