LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELLE CRISI DI IMPRESA ESPERIENZE A CONFRONTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELLE CRISI DI IMPRESA ESPERIENZE A CONFRONTO"

Transcript

1 LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELLE CRISI DI IMPRESA ESPERIENZE A CONFRONTO SESSIONE 1: La prevenzione della Crisi Il monitoraggio dei rischi creditizi da parte delle banche Giovanni Albanese, CRO Italy, Unicredit S.p.A. Napoli, 20 Marzo 2012

2 AGENDA IL PRESIDIO ORGANIZZATIVO DEL MONITORAGGIO: STRUTTURE E PROCESSI IL MONITORAGGIO DURANTE LA CRISI CASE STUDIES PROSSIME SFIDE 2

3 IL MONITORAGGIO DELLA CLIENTELA IMPRESE È ASSICURATO DA STRUTTURE DI RISK MGMT CENTRALI E TERRITORIALI Strutture di Monitoring Direzione Generale Central Credit Underwriting Credit Operations Italy Central Monitoring SME & Corporate Central Monitoring Large Corporate Central Monitoring Private Banking Monitoring Presidio Fully Centralized Loan Administration Customer Recovery Presidio bilanciato Credit Hubs Architettura singolo Credit Hub 7 CREDIT HUB TERRITORIALE Credit Hub Staff 1 CREDIT HUB Underwriting CREDIT HUB Monitoring 1 Poli Territoriali 3 xx Numero Strutture SB/MID SME Monitoring Monitoring ~ 4 Corporate Monitoring 1

4 Output Descrizione IL PROCESSO DI MONITORAGGIO È SUPPORTATO DA STRUMENTI AUTOMATICI E COMUNQUE PRESIDIATO SIA DAL BUSINESS SIA DA FIGURE SPECIALIZZATE DEL RISK MGMT Focus nelle pag. seguenti Focus nelle pag. seguenti Identificazione dei clienti rischiosi Classificazione gestionale Definizione azioni Monitoraggio I clienti potenzialmente a rischio sono identificati, attraverso: - un automatismo basato su modelli statistici o, in alternativa - su iniziativa del Rel. Manager Le proposte di classificazione automatiche sono elaborate con cadenza prefissata Il Rel. Manager analizza le proposte automatiche e può: - confermare la proposta di classificazione fornita dal sistema oppure - derogare per un certo numero di mesi La deroga alla proposta automatica, oltre un certo numero di mesi, dovrà essere deliberata dal Monitoring Manager (Territoriale o Centrale) Il Rel. Manager propone adeguate azioni, in base alla classificazione e ai risultati delle analisi Il Monitoring Manager conferma le azioni definite Il Rel. Manager concorda le azioni anche con il cliente nelle situazioni di deterioramento Il Rel. Manager monitora il rispetto delle azioni definite da parte del cliente Il Monitoring Manager fornisce supporto e monitora le azioni del Rel. Manager Se il cliente non rispetta le misure definite, si interviene tempestivamente (es. trasferimento a workout) Proposta automatica di classificazione Conferma proposta di classif. automatica Action Plan Eventuali correttivi Action Plan oppure 4 Deroga alla proposta di classif. automatica

5 LA PROPOSTA AUTOMATICA DI CLASSIFICAZIONE GESTIONALE SINTETIZZA LE EVIDENZE DI UN ELEVATO NUMERO DI FONTI INFORMATIVE Legacy system Legacy system Legacy system Legacy system Legacy system Legacy system Database Credit Monitoraggio monitoring crediti database Credit Monito- Modelli di monitoraggio ring models del (with credito or without Bank of Italy info) 1 0 Score Legacy system Legacy system Legacy system Other Altre sources Fonti Protests PROTESTI BANCAROTTA Bankruptcy INFORMAZIONI Insolvency NEGATIVE DA CB CB Other ALTRI events EVENTI Classi gestionali UniCredit In BONIS Standard Watch In Osservazione Called In A Rientro Bonario 5 Data extraction Estrazione dati Once a month all data required to run the Credit monitoring models are Mensilmente extracted and aggregated i dati di into DB2 specific charts for each area to be input dei modelli di investigated monitoraggio del Wide automation credito sono estratti ed aggregati in specifiche tabelle in base alle diverse aree di indagine Score calculation Calcolo dello score Once a month Early Warning System runs behavioral Una models volta al and mese calculates Early Warning proposal System of management fa girare risk i modelli classification comportamentali depending on choosen cut-off e calcola una proposta Analysis is made taking into di classificazione account seriousness, in length base and a cut-off frequency definiti of anomalies L analisi Fully tiene automated in considerazione la gravità, la frequenza e la durata delle anomalie Identification Identificazione of discriminatory degli events eventi discriminanti Discriminatory events are checked regularly (frequency depends on Gli the event) eventi discriminanti sono They are verificati checked for both regolarmente monitored client and (la linked subjects frequenza dipende dell evento specifico) Gli eventi sono controllati sia per i clienti monitorati sia per i soggetti collegati Proposal Proposta of management automatica di risk classification classificazione Output of System sent to Relationship Gli output Manager del and Risk sistema Manager through sono inviati a dedicated al Relationship Web-based tool (SMR) Manager e all Addetto Monitoring attraverso uno strumento webbased dedicato (SMR) Nota: SMR = Sistema di Monitoraggio Rischi

6 CIASCUNA CLASSE GESTIONALE PREVEDE UN PROTOCOLLO SPECIFICO CUI I GESTORI COMMERCIALI DEVO ATTENERSI AL FINE DI SALVAGUARDARE LA QUALITÀ DEL CREDITO Classe di rischio gestionale Descrizione Regole gestionali Azioni In Bonis (BO) Comportamento regolare Monitoraggio costante al fine di valutare ogni forma di deterioramento in maniera tempestiva Colloquio costante col cliente per indirizzarne l attività corrente e mantenere lo status In Osservazione (IO) Segnali di gravi, frequenti e durevoli anomalie che posso essere presumibilmente rimosse Revisione della posizione per la riduzione del profilo di rischio Mantenimento del livello di accordato complessivo (incrementi di esposizione deliberati con consenso Risk Mgmt) Tempi max standard di permanenza nella classe gestionale Possibile variazione dell impianto creditizio - composizione delle linee di credito - condizioni - riduzione esposizione - acquisizione nuove garanzie Special focus da parte del Monitoring Manager 6 A Rientro Bonario (AR) Deterioramento del profilo di rischio, o decisione strategica (politiche creditizie) che ha spinto la Banca ad azzerare la propria esposizione verso il cliente Recupero progressivo ed integrale dell esposizione mediante definizione di un piano di rientro (PdR) Durata max del PdR pari a mesi Raccolta del piano di rientro sottoscritto dal cliente con riconoscimento del debito, rinuncia ai fidi e obbligo di rimborso entro i termini concordati Eventuale richiesta nuove garanzie a tutela di un disciplinato rientro

7 AGENDA IL PRESIDIO ORGANIZZATIVO DEL MONITORAGGIO: STRUTTURE E PROCESSI IL MONITORAGGIO DURANTE LA CRISI CASE STUDIES PROSSIME SFIDE 7

8 LA GESTIONE PROATTIVA E TEMPESTIVA DELLE ESPOSIZIONI PERMETTE DI MIGLIORARE LO STANDING CREDITIZIO DELLA CLIENTELA E DI RIDURRE IL COSTO DEL RISCHIO SME (imprese con fatturato <= 5 mln) - PD e accantonamenti associati alle classi di rating Esemplificativo 54,70% 100% 34,46% PD 0,05% 0,11% 0,26% 0,61% 1,38% 2,65% 5,10% 9,45% 18,61% Classe di rating Accantonamento RISB R1 1 RISB R2 2 RISB R3 3 RISB R4 4 RISB R5 5 RISB R6 6 RISB R7 7 RISB R8 8 RISB R9 9 RISB R10 10 RISB R11 11 PD2 or o worse RC 0,01% 0,02% 0,05% 0,10% 0,22% 0,42% 0,77% 1,47% 2,98% 5,65% 9,36% 20-40% SME (imprese con fatturato > 5 mln) - PD e accantonamenti associati alle classi di rating 41,50% 100% PD 0,09% 0,19% 0,36% 0,79% 1,64% 3,47% 7,29% 13,91% 8 Classe di rating Accantonamento RIC1 R1 RIC2 R2 RIC3 R3 RIC4 R4 RIC5 R5 RIC6 R6 RIC7 R7 RIC8 R8 RIC9 R9 PD2 PD o or RC worse 0,02% 0,04% 0,07% 0,15% 0,31% 0,66% 1,40% 2,75% 7,83% 20-40% Accantonamento = PD * LGD * LCP

9 PREVENIRE IL DETERIORAMENTO DI UNA POSIZIONE PORTA INGENTI BENEFICI AL CONTO ECONOMICO Esemplificativo ESEMPIO: cliente SME con fatturato > 5 mln attualmente in classe di Rating 7, esposizione Mln 2 Accantonamento in R7: k x 1,40% = 28 K Impatto a C/E in R6: k K x 0,66% = 13 K + k 15 - k 372 in Past Due (PD): k K x ~20% = ~ 400 K PD E per compensare simili perdite? 0.09% 0.19% Quanti nuovi impieghi occorrono per generare un impatto simile? k % > Mln % 1.64% 3.47% 7.29% 13.91% 41.50% % Classe di rating R1 R2 R3 Accantonamento 0,07% R4 R5 R6 R7 R8 R9 PD or Worse 0,02% 0,04% 0,15% 0,31% 0,66% 1,40% 2,75% 7,83% 20-40% 9 Nota: stime illustrative assumendo spread netto medio tra 3 ed il 4%

10 SIN DAI PRIMI SEGNALI DELLA CRISI, UNICREDIT HA ATTIVATO SPECIFICI PROGETTI VOLTI AL SUPPORTO ALLA CLIENTELA E AL CONTENIMENTO DEL COSTO DEL RISCHIO Segmento Target Data di avvio Obiettivi Focus nelle pag. seguenti Essere percepiti dai clienti come partner di riferimento per superare la crisi SMALL BUSINESS 1Q09 Contenere il costo del rischio attraverso una gestione proattiva e tempestiva dei clienti che presentano i primi sintomi di deterioramento mediante: MEDIUM ENTERPRISES 3Q10 - Identificazione dei clienti che necessitano di una rimodulazione dell impianto creditizio richiedendo ove possibile ulteriori garanzie e di quelli per cui occorre avviare il rientro bonario con piani di rientro personalizzati a seconda delle reali capacità di rimborso del cliente - Offerta di prodotti per ri-modulare l impianto creditizio della clientela (es. allungamento del piano di ammortamento, accodamento delle rate arretrate, sospensione del pagamento della quota capitale) CORPORATE 4Q10 - Implementazione di strumenti web per supportare/ monitorare le attività - Istituzione di tavole rotonde a livello regionale/ locale coinvolgendo anche Confidi/ Associazioni di Categoria 10

11 UNICREDIT DAL 2008 AL 2011 HA SOSTENUTO CON PROGRAMMI DEDICATI PIÙ DI 100 MILA AZIENDE Data Esigenza Iniziativa Descrizione Novembre 2008 Crisi di liquidità Impresa Italia Disponibilità di 7 mld in collaborazione con Associazioni e Confidi, di cui 3 mld alle imprese con fatturato fino 3 mln Giugno 2009 Sostegno ai settori strategici Italia & Turismo Plafond di ulteriori 500 mln (adesione all Iniziativa del Governo) di sostegno alle Imprese del Turismo Agosto 2009 Dare respiro Moratoria Piccole Imprese Adesione all iniziativa del Governo per aiutare le aziende momentaneamente in difficoltà attraverso strumenti finanziari straordinari di sostegno Settembre 2009 Supporto al Territorio SOS Impresa Italia Iniziativa in collaborazione con le Associazioni per traghettare aziende fuori dalla crisi attraverso misure straordinarie e l organizzazione sul territorio di tavoli di dialogo Aprile 2011 Supporto al rilancio Ripresa Italia Iniziativa in collaborazione con Associazioni di categoria e Confidi messa a disposizione di un plafond dedicato di 1 mld 11 Nuovo Programma Marzo 2012 Supporto alla crescita Programma supportato da stanziamenti governativi UniCredit per l Italia 2 40 mld di finanziamenti per sostenere il rilancio (ottimizzazione del circolante, rafforzamento patrimoniale, supporto all innovazione, nuova imprenditoria e progetti di riconversione industriale) Programma non supportato da stanziamenti governativi

12 I PROGETTI SUI SEGMENTI SMALL BUSINESS E MEDIUM ENTERPRISES HANNO AVUTO POSITIVI ESITI DI RIDUZIONE DEL PORTAFOGLIO IRREGOLARE Evoluzione Portafoglio Irregolare SMALL BUSINESS Evoluzione Portafoglio Irregolare MID ENTERPRISES Dati in Mld Dati in Mld -43% -33% Marzo Kick-off progetto 3,34 Novembre Kick-off progetto 4,05 2,70 1,90 Febbraio 2009 Dicembre 2011 Dicembre 2010 Dicembre

13 AGENDA IL PRESIDIO ORGANIZZATIVO DEL MONITORAGGIO: STRUTTURE E PROCESSI IL MONITORAGGIO DURANTE LA CRISI CASE STUDIES PROSSIME SFIDE 13

14 UNICREDIT UTILIZZA UN APPROCCIO STANDARDIZZATO TARATO SULLE SPECIFICITÀ DI CIASCUN CLIENTE, DEL SETTORE IN CUI OPERA E DEL SUO IMPIANTO CREDITIZIO 1 Analisi del cliente Analisi della performance aziendale Analisi della profittabilità del cliente Analisi della struttura patrimoniale del cliente Analisi liquidità (CCN e flussi) Analisi del settore e del territorio Analisi delle prospettive del settore e del territorio Analisi della strategia industriale del cliente Posizionamento rispetto al settore 2 Sintesi delle cause delle difficoltà aziendali Identificazione e sintesi delle cause (Str. commerciale/ Efficienza op./ Pos. Fin.) Valutazione della coerenza impianto creditizio 3 Definizione strategia commerciale e creditizia 14 Definizione strategia di mitigazione del rischio in funzione di - Cause dell anomalia - Disponibilità di ulteriori garanzie

15 Prospettive PARTICOLARI SETTORI, QUALI IL REAL ESTATE, SONO STATI OGGETTI DI SPECIFICHE LINEE GUIDA DI INTERVENTO Per le posizioni irregolari verso cantieri a SAL l obiettivo della Banca è stato quello di identificare le operazioni in situazione di difficoltà finanziaria ma con prospettive positive per cui un supporto da parte della Banca poteva effettivamente risolvere le criticità finanziarie e portare il cantiere a compimento Se si riscontra almeno uno tra questi problemi: Imprenditore con pregiudizievoli Negative Stato avanzamento lavori arretrato Dubbia commerciabilità nel breve-medio termine Procedere a tempestiva classificazione a workout Gravi irregolarità amministrative sopraggiunte post-erogazione Positive Se si verificano tutte queste condizioni: Imprenditore con esperienza collaudata nel settore Stato avanzamento lavori almeno al 50% e al tetto Aspettative di effettiva commerciabilità prospettica Identificare reali prospettive e cause dell irregolarità Stanziamento di nuova finanza (soggetta a specifici covenant) finalizzata al completamento dei cantieri aperti 15

16 LE AZIONI POSTE IN ESSERE A TUTELA DELLE ESPOSIZIONI SONO TIPICAMENTE FINALIZZATE A RIEQUILIBRARE LA STRUTTURA FINANZIARIA DEL CLIENTE Principali interventi effettuati Consolidamento dell esposizione a b/t mediante la concessione di finanziamenti a m/l ipotecari e/o chirografari con l inserimento di garanzie aggiuntive segnatamente consortili Ri-articolazione delle linee di fido (es: da affidamento in conto corrente ad anticipo fatture) Introduzione - nell ambito delle linee di fido commerciali riviste e revisionate - della cessione perfetta dei crediti con notifica e accettazione del debitore ceduto con eventuale allungamento della durata degli anticipi Trasferimento della ns. creditoria dalla società ai soci garanti non fallibili con eventuale operazione a m/l ipotecaria Applicazione di moratorie interne mediante eventuale rimodulazione, proroga o sospensione della quota capitale in operazioni di finanziamento a m/l, accodamento di rate Concessione di nuova finanza attraverso linee commerciali a fronte dell apporto di nuovi mezzi finanziari da parte della proprietà (aumenti di capitale) 16 Allungamento del piano d ammortamento fino ad ulteriori 5 anni rispetto alla durata originaria

17 ALCUNI CASI PRATICI DI COME SI È RIUSCITI AD INTERVENIRE MIGLIORANDO IL PROFILO CREDITIZIO DEI CLIENTI # Geografia CLIENTE PRINCIPALI CRITICITA 1 Nord AUTORASPORTI Snc di Rossi Mario & c. Trasporti settore siderurgico in passaggio generazionale da supportare Tensioni sul sistema per sconfinamenti 2 Centro LAVORI Srl Impresa edile operante prevalentemente con Enti Pubblici Sconfinamenti per mancato incasso di fatture a carico Enti Pubblici 3 Sud AZIENDA AGRICOLA Snc Azienda agricola operante nel settore produzione trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli Sconfinamento prolungato sulle linee di credito di cassa e smobilizzo concesse Dettagli nelle pagine seguenti.. 17

18 CASE STUDY 1 Autotrasporti Snc di Rossi Mario & c. (1/2) 1 Tipologia d azienda: Azienda costituita nel 1993 come Snc - cliente UniCredit fin dall avvio dell attività - opera nel settore dell autotrasporto di semilavorati del settore siderurgico per conto di aziende del Nord Italia Rating: R7 (limitata solvibilità) in progressivo deterioramento, con PD crescente Classificazione gestionale interna (Sistema Monitoraggio): segnalata In Osservazione per le tensioni su Sistema nel M/T!! Analisi del cliente Situazione Sistema: UniCredit banca di riferimento - presente indebitamento a M/T per leasing su mezzi con sconfinamenti crescenti Esposizione vs. UniCredit: Garanzie: personali e consortili Fatturato: 2007 pari a pari pari a Cause del disagio Dati economici ultimo anno: perdita in formazione nel 2009 per (per effetto della notevole contrazione dei margini) Patrimonio netto: negativo nel 2008 e Andamento settore economico di riferimento: in forte flessione a causa di una marcata riduzione dei servizi svolti per le aziende siderurgiche del territorio!

19 CASE STUDY 1 Autotrasporti Snc di Rossi Mario & c. (2/2) 1 Sintesi delle cause di difficoltà La flessione nel giro d affari ha determinato una crisi di liquidità dovuta all incidenza dei costi connessi all indebitamento assunto nel tempo in previsione di giro d affari costante (es. due contratti di leasing su automezzi) Problematiche legate al passaggio generazionale: il genitore, per raggiunti limiti d età, si ritira dall attività, con decisione di non assumere dipendente in sostituzione Valutazione positiva del cliente che ha colto la necessità di ridurre l indebitamento e ridefinire gli impegni Definizione strategia commerciale e creditizia Proposta creditizia - Ristrutturazione complessiva dell esposizione debitoria mediante proposta di nuovo mutuo ipotecario assistito da garanzia consortile con inquadramento di linee per Riduzione dell indebitamento mediante risoluzione di un contratto di leasing su autocarro 19 L intervento di UniCredit ha aiutato l azienda a superare la crisi e a migliorare la propria posizione: - significativa riduzione dell indebitamento verso la Banca (oggi l esposizione è pari a ) - Il cliente ha migliorato il rating (R2 sicurezza elevata) e presenta un comportamento regolare

20 CASE STUDY 2 Lavori Srl (1/2) 2 Tipologia d azienda: Società costituita nel marzo 2002 cliente UniCredit sin dalla costituzione - operante nel settore edile. L attività viene svolta prevalentemente per conto di Enti Pubblici (opere di urbanizzazione primaria) nel territorio dell Italia Centrale Analisi del cliente Classificazione Rating:R7 (limitata solvibilità) con PD crescente Classificazione gestionale interna (Sistema Monitoraggio): emergono irregolarità gestionali in presenza di sconfinamenti per mancato incasso di fatture a carico Enti Pubblici Situazione Sistema: cliente esclusivo con linee di credito di cassa e smobilizzo Esposizione vs. UniCredit: !! Garanzie: fideiussioni personali e consortili Fatturato: previsione di conseguire nel 2009 volume analogo Dati economici ultimo anno: redditività modesta Patrimonio Netto: mezzi propri contenuti - integrati da finanziamento Soci - con evidente sottocapitalizzazione dell azienda! 20

21 CASE STUDY 2 Lavori Srl (2/2) 2 Sintesi delle cause di difficoltà Sconfinamenti sulle linee operative generati dal progressivo aumento dei tempi di incasso dei crediti vantati verso Enti Pubblici Valutazione del cliente: - Cliente con profilo dell azienda adeguato ad operare nel comparto disponendo delle opportune certificazioni (ISO 9001:2000) - Sostanziale tenuta del fatturato rivolto essenzialmente verso Enti Pubblici Definizione strategia commerciale e creditizia Proposta creditizia (con inquadramento di linee per ): - Rimodulazione delle linee di credito per smobilizzo con previsione di rientro fino a 360 gg - Concessione di linee temporanee per smobilizzo crediti vantati nei confronti di specifico Comune - Concessione di anticipo su contratto stipulato con Enti Pubblici con acquisizione di garanzia consortile 21 Le iniziative intraprese con il cliente hanno consentito, in una prima fase, la rimozione delle anomalie riscontrate Successive evenienze (contenzioso creditizio su fatture) hanno riportato il cliente in status A Rientro, con nuovo peggioramento del rating (R11) L esposizione complessiva attuale si è comunque ridotta a

22 CASE STUDY 3 Azienda Agricola Snc (1/2) 3 Tipologia d azienda: Azienda agricola operante nel Sud Italia nel settore della produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli tipici Analisi del cliente Classificazione Rating: R8 con PD in aumento Classificazione gestionale interna (Sistema Monitoraggio): emergono irregolarità gestionali in presenza di Past Due e conseguenti proposte di classificare la relazione a rientro Situazione Sistema: cliente esclusivo con linee di credito di cassa e smobilizzo in sconfinamento prolungato sulle linee concesse Esposizione vs. UniCredit: !! Garanzie: fideiussioni personali e consortili Fatturato: Dati economici ultimo anno: margini di profitto molto contenuti 22

23 CASE STUDY 3 Azienda Agricola Snc (2/2) 3 Sintesi delle cause di difficoltà Sconfinamenti generati da utilizzo improprio delle linee di credito: investimenti nel fisso (acquisto di terreni agricoli, acquisto linea di imbottigliamento, avvio di altra attività di agriturismo) effettuati negli anni precedenti attingendo al credito b/t Contrazione delle entrate nel 2008 a causa di problematiche climatiche che hanno compromesso la produzione Definizione strategia commerciale e creditizia Valutazione positiva del cliente: coerenza dell imprenditore nel perseguimento del proprio obiettivo volto a creare un impresa specializzata nella promozione dei prodotti tipici anche sull estero Revisione della struttura debitoria del cliente: proposto mutuo ipotecario a 15 anni con intervento anche di Consorzio di Garanzia di Associazione di Categoria finalizzato a ricondurre i rapporti bancari nell ambito di una ordinata gestione (inquadramento di linee per ) Con il supporto di UniCredit il cliente è riuscito a sviluppare il proprio Business Tuttavia, ha risentito del perdurare della crisi economica ed al momento è In Osservazione con una rata arretrata del mutuo ipotecario e Rating R6 L esposizione complessiva attuale è pari a con un utilizzato

24 AGENDA IL PRESIDIO ORGANIZZATIVO DEL MONITORAGGIO: STRUTTURE E PROCESSI IL MONITORAGGIO DURANTE LA CRISI CASE STUDIES PROSSIME SFIDE 24

25 NUOVO MODELLO DI SERVIZIO SPECIAL SITUATIONS RAZIONALI DEL NUOVO MODELLO 1 una difficoltà operativa nel perseguimento concorrente di obiettivi che: Le esperienze maturate dal Gruppo nell ambito di campagne ad hoc di ottimizzazione del costo del rischio hanno evidenziato, con particolare riferimento ai ruoli dei gestori commerciali 2 - da un lato mirano ad incrementare i margini di interesse attraverso nuovi impieghi - dall altro puntano ad una riduzione della perdita attesa (cd Expected Loss ) del portafoglio gestito Necessità di creare 2 reti distinte di gestori commerciali specializzati rispettivamente sullo sviluppo commerciale di clienti con caratteristiche in linea con le strategie creditizie della Banca e sul miglioramento dei parametri creditizi dei clienti (e quindi delle esposizioni) già in portafoglio e considerati ad alto rischio la poco frequente coesistenza delle skills professionali adeguate in relazione alle attività di: - Sviluppo del portafoglio - Contenimento del rischio nell ambito del portafoglio in gestione ad alto rischio 25

26 NUOVO MODELLO DI SERVIZIO SPECIAL SITUATIONS LE SFIDE DEL RISK MANAGEMENT Rete Commerciale Sviluppo Monitoraggio Portafoglio Monitoraggio dello sviluppo del portafoglio impieghi in linea con le strategie creditizie definite a livello di gruppo ed a livello locale Identificazione di possibili aree di criticità nel presidio dei parametri di conformità di processo (e.g. KPIs su andamento rinnovi creditizi, verifica requisiti certezza legale, ) Monitoraggio Singole Controparti Corretto bilanciamento tra attività svolte a livello centrale supportate da strumenti ad elevata automazione e la prossimità alla rete commerciale quale elemento di early detection & management della crisi di singole controparti o distretti territoriali/ industriali Rete Commerciale High Risk Focus sulle dinamiche di scivolamento del portafoglio verso classi di rischio via via maggiori Monitoraggio dell Expected Loss del portafoglio (in linea sia con gli obiettivi di Piano Industriale sia con le performance dei competitors ) Disciplina nel rispetto delle regole stabilite a presidio della qualità delle esposizioni Tempestività nell identificazione delle posizioni in stato di difficoltà strutturale (default) Miglioramento continuo nell interazione tra le strutture preposte al monitoraggio e quelle di workout operations 26

27 DOMANDE & RISPOSTE? 27..Grazie per l attenzione

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Fausto Galmarini Responsabile Direzione Crediti Milano Giugno 00 OBIETTIVO DELLA PRESENTAZIONE Presentare

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

La BDCR Assilea per la valutazione del profilo di rischio delle imprese

La BDCR Assilea per la valutazione del profilo di rischio delle imprese La BDCR Assilea per la valutazione del profilo di rischio delle imprese Luciano Bruccola, Assilea / Conectens RES, ConfiRes 2015 Firenze, 25 febbraio 2015 La Banca Dati Centrale Rischi Assilea BDCR Elementi

Dettagli

IMPRESA ITALIA CATALOGO PRODOTTI - ASSOCIAZIONI

IMPRESA ITALIA CATALOGO PRODOTTI - ASSOCIAZIONI Prodotti a Medio Lungo Termine Prodotto Destinazioni Caratteristiche Prestito Partecipativo (Mutuo Ricapitalizzazione Aziendale) Ricapitalizzazione aziendale con delibera di capitale già sottoscritta dai

Dettagli

Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi

Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi Letizia Sampoli Firenze, 26 febbraio 2015 Cerved è il più grande Information Provider in Italia e una delle principali agenzie

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria

Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria Business Solutions Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo Tel: 035 271974

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing

Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing AICS MEETING DAY 2014 Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing 21 MAGGIO 2014 Agenda: Chi siamo Cos è il Factoring

Dettagli

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno IL CONTRIBUTO DI UNICREDITO ITALIANO AL PROGETTO DI RICERCA Rating interni e controllo del rischio di credito Esperienze, problemi, Soluzioni Milano - 31 marzo 2004 NEWFIN Centro Studi sull innovazione

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Identificare i nuovi potenziali clienti e massimizzare la profittabilità di portafoglio

Identificare i nuovi potenziali clienti e massimizzare la profittabilità di portafoglio Identificare i nuovi potenziali clienti e massimizzare la profittabilità di portafoglio Serena Di Mattia, Simone Capecchi Roma, 14 dicembre 2004 Indice Il segmento Small Business Caratteristiche, specificità

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

PFCONSULT Financial & Business Service

PFCONSULT Financial & Business Service Business Solutions Rapporto Banca-Impresa Miglioramento della propria posizione finanziaria e maggior accesso al credito PFCONSULT Financial & Business Service Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

CAGLIARI, 8 FEBBRAIO 2012

CAGLIARI, 8 FEBBRAIO 2012 CAGLIARI, 8 FEBBRAIO 2012 1 LA SOCIETA Fondosviluppo SpA è una società senza scopo di lucro che gestisce il Fondo mutualistico promosso da Confcooperative per la promozione e lo sviluppo della cooperazione,

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

finnova Prodotti e Servizi

finnova Prodotti e Servizi finnova Prodotti e Servizi INDICE 1 Finnova Mission 2. Portafoglio Prodotti & Servizi Portafoglio Prodotti & Servizi 3. Scenario di Riferimento Ritardo di pagamento delle PA Le cause Ritardo di pagamento

Dettagli

Head of Area Commerciale Catania

Head of Area Commerciale Catania «LE RISORSE FINANZIARIE PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE» Giuseppe Mormino Head of Area Commerciale Catania Siamo la prima banca in Sicilia: «se cresce il Territorio, cresciamo anche noi» conoscere il

Dettagli

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com Al tuo fianco nella sfida di ogni giorno risk management www.cheopeweb.com risk management Servizi e informazioni per il mondo del credito. Dal 1988 assistiamo le imprese nella gestione dei processi di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ACCORDO PER IL CREDITO 2015 All Associazione Bancaria Italiana Servizio di Segreteria Generale Piazza del Gesù, n. 49 00186 ROMA La sottoscritta Banca/Il sottoscritto Intermediario finanziario

Dettagli

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia Convegno Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia 4 febbraio 2010 Sala Convegni Corso Europa,11 Milano 1 Intervento del dr. Mario Venturini Breve remind sulla valutazione dei rischi creditizi e Basilea

Dettagli

Affrontare la crisi: cambiano i comportamenti creditizi dei clienti. Guardiamoli.

Affrontare la crisi: cambiano i comportamenti creditizi dei clienti. Guardiamoli. Affrontare la crisi: cambiano i comportamenti creditizi dei clienti. Guardiamoli. Simone Capecchi Lamberto Barbieri Prestiti a febbraio 2009 Andamento della domanda di Prestito ponderata sui giorni lavorativi

Dettagli

consulenza alle Imprese a 360

consulenza alle Imprese a 360 consulenza alle Imprese a 360 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare del 15 gennaio 2010 Oggetto: ULTIMI CHIARIMENTI MORATORIA BANCHE L ABI ha di recente fornito importanti chiarimenti in tema di moratoria

Dettagli

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 16 marzo 2011 Con la presente circolare informativa siamo ad illustrare il nuovo accordo per il credito alle PMI recentemente stipulato tra ABI (Associazione Bancaria

Dettagli

AVVISO COMUNE. Tutto quello che è utile sapere

AVVISO COMUNE. Tutto quello che è utile sapere AVVISO COMUNE Tutto quello che è utile sapere Per aiutare le piccole e medie imprese del paese a contrastare le difficoltà finanziarie collegate alla crisi, arrivando al momento della ripresa nelle migliori

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa I Settori d Intervento La carta dei servizi dedicati La carta dei prodotti Gli interventi

Dettagli

servizi finanziari schede di prodotto

servizi finanziari schede di prodotto servizi finanziari schede di prodotto aumento di capitale sociale p. 03 socio sovventore p. 05 consolidamento indebitamento a breve termine p. 07 liquidità p. 09 sostegno agli investimenti p. 15 finanziamento

Dettagli

Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013

Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013 Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013 1 Appendice B: Gruppo Banco Popolare Banco Popolare: la struttura del Gruppo al 30/09/2012 Holding e Divisioni Territoriali integrate Controllate bancarie nazionali**

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 4 09.01.2015 Legge di Stabilità 2015: moratoria dei mutui e finanziamenti La quota capitale della rata può essere sospesa fino al 2017 Categoria:

Dettagli

I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI: Riduzione selezione avversa Riduzione moral hazard

Dettagli

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50%

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50% Anticipo export L anticipo all esportazione rende disponibili all azienda i mezzi finanziari necessari per la predisposizione della fornitura da vendere all estero, oppure reintegrare i mezzi finanziari

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa I Settori d Intervento; La carta dei servizi dedicati; La carta dei prodotti; Gli interventi

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO

MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO Accordo tra Intesa Sanpaolo e Confesercenti per il sostegno e lo sviluppo delle imprese di commercio, turismo e servizi. MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO Sommario. 1. Rafforzamento patrimoniale Ricap Business

Dettagli

Gli Istituti di credito e le esigenze di copertura del capitale circolante

Gli Istituti di credito e le esigenze di copertura del capitale circolante Gli Istituti di credito e le esigenze di copertura del capitale circolante Politiche del credito e conseguenti scelte tecniche 11 maggio 2012 Agenda La domanda e l offerta di credito Il capitale circolante

Dettagli

Presentazione Aziendale Generalfinance spa Generalbroker srl

Presentazione Aziendale Generalfinance spa Generalbroker srl Presentazione Aziendale Generalfinance spa Generalbroker srl Cerchi alla testa? Noi vi aiutiamo a farli quadrare. Gruppo General da anni offre alla propria clientela interventi rapidi e personalizzati

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Crediti in sofferenza e crisi bancarie

Crediti in sofferenza e crisi bancarie Crediti in sofferenza e crisi bancarie ISTITUTO PER L ALTA FORMAZIONE E LE ATTIVITA EDUCATIVE (I.P.E.) Napoli, 11 dicembre 2015 Giuseppe Boccuzzi Agenda 1. Crisi bancarie e business model delle banche

Dettagli

Alcune opportunità di accesso al credito per le Imprese

Alcune opportunità di accesso al credito per le Imprese Alcune opportunità di accesso al credito per le Imprese Focus su mutui per ricapitalizzazione aziendale e capital light Riccardo Benanti Specialista di Finanza d'impresa Commerciale Corporate Region Sicilia

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Investimenti necessari all acquisto di impianti, macchinari, arredi, beni e servizi necessari all attività corrente dell impresa.

Investimenti necessari all acquisto di impianti, macchinari, arredi, beni e servizi necessari all attività corrente dell impresa. -Idea Credito- FORMA TECNICA - Apertura di credito in c/c, con piano di rimborso programmato: o Per durate fino a 18 mesi: tipo rapporto CC261 IDEA CREDITO BT o Per durate oltre 18 mesi: tipo rapporto

Dettagli

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Canali e Core Banking Finanza Crediti Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Sistemi Direzionali

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Renato Cavallari Consigliere di Amministrazione 21 novembre 2012 LUISS Business School - Roma Agenda Profilo

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003 LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI ABI Consumer Credit 2003 Roma, 27 marzo 2003 Questo documento è servito da supporto ad una presentazione orale ed i relativi

Dettagli

Il rapporto Banca-Impresa: le nuove opportunità. Dipartimento di Economia & Management

Il rapporto Banca-Impresa: le nuove opportunità. Dipartimento di Economia & Management Il rapporto BancaImpresa: le nuove opportunità Dipartimento di Economia & Management AGENDA 1 L'evoluzione del rapporto BancaImpresa 2 Le garanzie "Istituzionali" SEI Consulting AGENDA 1 L'evoluzione del

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia 20 maggio 2015 COME PREVENIRE LE SOFFERENZE PER IL SISTEMA BANCARIO 1 LE FASI DI VITA DELLE IMPRESE DALL ANALISI SI POSSONO INDIVIDUARE PER UNA

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi NOTA PER LA STAMPA Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi Hanno firmato la nuova moratoria il Ministro Corrado Passera, il Vice Ministro Vittorio Grilli, l ABI e le altre associazioni

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili

Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili Roberta Dalmaschio Gaia Cioci Convegno ABI - Agenda Il contesto congiunturale e la fiducia del cliente La fiducia è il requisito per un ritorno economico

Dettagli

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi Corso di Formazione Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica Padova, 04 Novembre 2014 Ore 09.30 11.00 Antiriciclaggio Antiterrorismo Monitoraggio fiscale Privacy La normativa primaria,

Dettagli

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Nicola Generani Responsabile Direzione Marketing Retail - Private Convegno Dimensione Cliente 200 Roma, 26/03/200 Contenuti Overview Gruppo

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi

NOTA PER LA STAMPA. Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi NOTA PER LA STAMPA Banche: ABI, siglato accordo Nuove misure per il credito alle pmi Hanno firmato la nuova moratoria il Ministro Corrado Passera, il Vice Ministro Vittorio Grilli, l ABI e le altre associazioni

Dettagli

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Gallipoli, Venerdì 2 luglio 2010 Claudio Giannotti Università LUM Laboratorio di Finanza immobiliare Dottorato di Ricerca in Banca e

Dettagli