LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELLE CRISI DI IMPRESA ESPERIENZE A CONFRONTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELLE CRISI DI IMPRESA ESPERIENZE A CONFRONTO"

Transcript

1 LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELLE CRISI DI IMPRESA ESPERIENZE A CONFRONTO SESSIONE 1: La prevenzione della Crisi Il monitoraggio dei rischi creditizi da parte delle banche Giovanni Albanese, CRO Italy, Unicredit S.p.A. Napoli, 20 Marzo 2012

2 AGENDA IL PRESIDIO ORGANIZZATIVO DEL MONITORAGGIO: STRUTTURE E PROCESSI IL MONITORAGGIO DURANTE LA CRISI CASE STUDIES PROSSIME SFIDE 2

3 IL MONITORAGGIO DELLA CLIENTELA IMPRESE È ASSICURATO DA STRUTTURE DI RISK MGMT CENTRALI E TERRITORIALI Strutture di Monitoring Direzione Generale Central Credit Underwriting Credit Operations Italy Central Monitoring SME & Corporate Central Monitoring Large Corporate Central Monitoring Private Banking Monitoring Presidio Fully Centralized Loan Administration Customer Recovery Presidio bilanciato Credit Hubs Architettura singolo Credit Hub 7 CREDIT HUB TERRITORIALE Credit Hub Staff 1 CREDIT HUB Underwriting CREDIT HUB Monitoring 1 Poli Territoriali 3 xx Numero Strutture SB/MID SME Monitoring Monitoring ~ 4 Corporate Monitoring 1

4 Output Descrizione IL PROCESSO DI MONITORAGGIO È SUPPORTATO DA STRUMENTI AUTOMATICI E COMUNQUE PRESIDIATO SIA DAL BUSINESS SIA DA FIGURE SPECIALIZZATE DEL RISK MGMT Focus nelle pag. seguenti Focus nelle pag. seguenti Identificazione dei clienti rischiosi Classificazione gestionale Definizione azioni Monitoraggio I clienti potenzialmente a rischio sono identificati, attraverso: - un automatismo basato su modelli statistici o, in alternativa - su iniziativa del Rel. Manager Le proposte di classificazione automatiche sono elaborate con cadenza prefissata Il Rel. Manager analizza le proposte automatiche e può: - confermare la proposta di classificazione fornita dal sistema oppure - derogare per un certo numero di mesi La deroga alla proposta automatica, oltre un certo numero di mesi, dovrà essere deliberata dal Monitoring Manager (Territoriale o Centrale) Il Rel. Manager propone adeguate azioni, in base alla classificazione e ai risultati delle analisi Il Monitoring Manager conferma le azioni definite Il Rel. Manager concorda le azioni anche con il cliente nelle situazioni di deterioramento Il Rel. Manager monitora il rispetto delle azioni definite da parte del cliente Il Monitoring Manager fornisce supporto e monitora le azioni del Rel. Manager Se il cliente non rispetta le misure definite, si interviene tempestivamente (es. trasferimento a workout) Proposta automatica di classificazione Conferma proposta di classif. automatica Action Plan Eventuali correttivi Action Plan oppure 4 Deroga alla proposta di classif. automatica

5 LA PROPOSTA AUTOMATICA DI CLASSIFICAZIONE GESTIONALE SINTETIZZA LE EVIDENZE DI UN ELEVATO NUMERO DI FONTI INFORMATIVE Legacy system Legacy system Legacy system Legacy system Legacy system Legacy system Database Credit Monitoraggio monitoring crediti database Credit Monito- Modelli di monitoraggio ring models del (with credito or without Bank of Italy info) 1 0 Score Legacy system Legacy system Legacy system Other Altre sources Fonti Protests PROTESTI BANCAROTTA Bankruptcy INFORMAZIONI Insolvency NEGATIVE DA CB CB Other ALTRI events EVENTI Classi gestionali UniCredit In BONIS Standard Watch In Osservazione Called In A Rientro Bonario 5 Data extraction Estrazione dati Once a month all data required to run the Credit monitoring models are Mensilmente extracted and aggregated i dati di into DB2 specific charts for each area to be input dei modelli di investigated monitoraggio del Wide automation credito sono estratti ed aggregati in specifiche tabelle in base alle diverse aree di indagine Score calculation Calcolo dello score Once a month Early Warning System runs behavioral Una models volta al and mese calculates Early Warning proposal System of management fa girare risk i modelli classification comportamentali depending on choosen cut-off e calcola una proposta Analysis is made taking into di classificazione account seriousness, in length base and a cut-off frequency definiti of anomalies L analisi Fully tiene automated in considerazione la gravità, la frequenza e la durata delle anomalie Identification Identificazione of discriminatory degli events eventi discriminanti Discriminatory events are checked regularly (frequency depends on Gli the event) eventi discriminanti sono They are verificati checked for both regolarmente monitored client and (la linked subjects frequenza dipende dell evento specifico) Gli eventi sono controllati sia per i clienti monitorati sia per i soggetti collegati Proposal Proposta of management automatica di risk classification classificazione Output of System sent to Relationship Gli output Manager del and Risk sistema Manager through sono inviati a dedicated al Relationship Web-based tool (SMR) Manager e all Addetto Monitoring attraverso uno strumento webbased dedicato (SMR) Nota: SMR = Sistema di Monitoraggio Rischi

6 CIASCUNA CLASSE GESTIONALE PREVEDE UN PROTOCOLLO SPECIFICO CUI I GESTORI COMMERCIALI DEVO ATTENERSI AL FINE DI SALVAGUARDARE LA QUALITÀ DEL CREDITO Classe di rischio gestionale Descrizione Regole gestionali Azioni In Bonis (BO) Comportamento regolare Monitoraggio costante al fine di valutare ogni forma di deterioramento in maniera tempestiva Colloquio costante col cliente per indirizzarne l attività corrente e mantenere lo status In Osservazione (IO) Segnali di gravi, frequenti e durevoli anomalie che posso essere presumibilmente rimosse Revisione della posizione per la riduzione del profilo di rischio Mantenimento del livello di accordato complessivo (incrementi di esposizione deliberati con consenso Risk Mgmt) Tempi max standard di permanenza nella classe gestionale Possibile variazione dell impianto creditizio - composizione delle linee di credito - condizioni - riduzione esposizione - acquisizione nuove garanzie Special focus da parte del Monitoring Manager 6 A Rientro Bonario (AR) Deterioramento del profilo di rischio, o decisione strategica (politiche creditizie) che ha spinto la Banca ad azzerare la propria esposizione verso il cliente Recupero progressivo ed integrale dell esposizione mediante definizione di un piano di rientro (PdR) Durata max del PdR pari a mesi Raccolta del piano di rientro sottoscritto dal cliente con riconoscimento del debito, rinuncia ai fidi e obbligo di rimborso entro i termini concordati Eventuale richiesta nuove garanzie a tutela di un disciplinato rientro

7 AGENDA IL PRESIDIO ORGANIZZATIVO DEL MONITORAGGIO: STRUTTURE E PROCESSI IL MONITORAGGIO DURANTE LA CRISI CASE STUDIES PROSSIME SFIDE 7

8 LA GESTIONE PROATTIVA E TEMPESTIVA DELLE ESPOSIZIONI PERMETTE DI MIGLIORARE LO STANDING CREDITIZIO DELLA CLIENTELA E DI RIDURRE IL COSTO DEL RISCHIO SME (imprese con fatturato <= 5 mln) - PD e accantonamenti associati alle classi di rating Esemplificativo 54,70% 100% 34,46% PD 0,05% 0,11% 0,26% 0,61% 1,38% 2,65% 5,10% 9,45% 18,61% Classe di rating Accantonamento RISB R1 1 RISB R2 2 RISB R3 3 RISB R4 4 RISB R5 5 RISB R6 6 RISB R7 7 RISB R8 8 RISB R9 9 RISB R10 10 RISB R11 11 PD2 or o worse RC 0,01% 0,02% 0,05% 0,10% 0,22% 0,42% 0,77% 1,47% 2,98% 5,65% 9,36% 20-40% SME (imprese con fatturato > 5 mln) - PD e accantonamenti associati alle classi di rating 41,50% 100% PD 0,09% 0,19% 0,36% 0,79% 1,64% 3,47% 7,29% 13,91% 8 Classe di rating Accantonamento RIC1 R1 RIC2 R2 RIC3 R3 RIC4 R4 RIC5 R5 RIC6 R6 RIC7 R7 RIC8 R8 RIC9 R9 PD2 PD o or RC worse 0,02% 0,04% 0,07% 0,15% 0,31% 0,66% 1,40% 2,75% 7,83% 20-40% Accantonamento = PD * LGD * LCP

9 PREVENIRE IL DETERIORAMENTO DI UNA POSIZIONE PORTA INGENTI BENEFICI AL CONTO ECONOMICO Esemplificativo ESEMPIO: cliente SME con fatturato > 5 mln attualmente in classe di Rating 7, esposizione Mln 2 Accantonamento in R7: k x 1,40% = 28 K Impatto a C/E in R6: k K x 0,66% = 13 K + k 15 - k 372 in Past Due (PD): k K x ~20% = ~ 400 K PD E per compensare simili perdite? 0.09% 0.19% Quanti nuovi impieghi occorrono per generare un impatto simile? k % > Mln % 1.64% 3.47% 7.29% 13.91% 41.50% % Classe di rating R1 R2 R3 Accantonamento 0,07% R4 R5 R6 R7 R8 R9 PD or Worse 0,02% 0,04% 0,15% 0,31% 0,66% 1,40% 2,75% 7,83% 20-40% 9 Nota: stime illustrative assumendo spread netto medio tra 3 ed il 4%

10 SIN DAI PRIMI SEGNALI DELLA CRISI, UNICREDIT HA ATTIVATO SPECIFICI PROGETTI VOLTI AL SUPPORTO ALLA CLIENTELA E AL CONTENIMENTO DEL COSTO DEL RISCHIO Segmento Target Data di avvio Obiettivi Focus nelle pag. seguenti Essere percepiti dai clienti come partner di riferimento per superare la crisi SMALL BUSINESS 1Q09 Contenere il costo del rischio attraverso una gestione proattiva e tempestiva dei clienti che presentano i primi sintomi di deterioramento mediante: MEDIUM ENTERPRISES 3Q10 - Identificazione dei clienti che necessitano di una rimodulazione dell impianto creditizio richiedendo ove possibile ulteriori garanzie e di quelli per cui occorre avviare il rientro bonario con piani di rientro personalizzati a seconda delle reali capacità di rimborso del cliente - Offerta di prodotti per ri-modulare l impianto creditizio della clientela (es. allungamento del piano di ammortamento, accodamento delle rate arretrate, sospensione del pagamento della quota capitale) CORPORATE 4Q10 - Implementazione di strumenti web per supportare/ monitorare le attività - Istituzione di tavole rotonde a livello regionale/ locale coinvolgendo anche Confidi/ Associazioni di Categoria 10

11 UNICREDIT DAL 2008 AL 2011 HA SOSTENUTO CON PROGRAMMI DEDICATI PIÙ DI 100 MILA AZIENDE Data Esigenza Iniziativa Descrizione Novembre 2008 Crisi di liquidità Impresa Italia Disponibilità di 7 mld in collaborazione con Associazioni e Confidi, di cui 3 mld alle imprese con fatturato fino 3 mln Giugno 2009 Sostegno ai settori strategici Italia & Turismo Plafond di ulteriori 500 mln (adesione all Iniziativa del Governo) di sostegno alle Imprese del Turismo Agosto 2009 Dare respiro Moratoria Piccole Imprese Adesione all iniziativa del Governo per aiutare le aziende momentaneamente in difficoltà attraverso strumenti finanziari straordinari di sostegno Settembre 2009 Supporto al Territorio SOS Impresa Italia Iniziativa in collaborazione con le Associazioni per traghettare aziende fuori dalla crisi attraverso misure straordinarie e l organizzazione sul territorio di tavoli di dialogo Aprile 2011 Supporto al rilancio Ripresa Italia Iniziativa in collaborazione con Associazioni di categoria e Confidi messa a disposizione di un plafond dedicato di 1 mld 11 Nuovo Programma Marzo 2012 Supporto alla crescita Programma supportato da stanziamenti governativi UniCredit per l Italia 2 40 mld di finanziamenti per sostenere il rilancio (ottimizzazione del circolante, rafforzamento patrimoniale, supporto all innovazione, nuova imprenditoria e progetti di riconversione industriale) Programma non supportato da stanziamenti governativi

12 I PROGETTI SUI SEGMENTI SMALL BUSINESS E MEDIUM ENTERPRISES HANNO AVUTO POSITIVI ESITI DI RIDUZIONE DEL PORTAFOGLIO IRREGOLARE Evoluzione Portafoglio Irregolare SMALL BUSINESS Evoluzione Portafoglio Irregolare MID ENTERPRISES Dati in Mld Dati in Mld -43% -33% Marzo Kick-off progetto 3,34 Novembre Kick-off progetto 4,05 2,70 1,90 Febbraio 2009 Dicembre 2011 Dicembre 2010 Dicembre

13 AGENDA IL PRESIDIO ORGANIZZATIVO DEL MONITORAGGIO: STRUTTURE E PROCESSI IL MONITORAGGIO DURANTE LA CRISI CASE STUDIES PROSSIME SFIDE 13

14 UNICREDIT UTILIZZA UN APPROCCIO STANDARDIZZATO TARATO SULLE SPECIFICITÀ DI CIASCUN CLIENTE, DEL SETTORE IN CUI OPERA E DEL SUO IMPIANTO CREDITIZIO 1 Analisi del cliente Analisi della performance aziendale Analisi della profittabilità del cliente Analisi della struttura patrimoniale del cliente Analisi liquidità (CCN e flussi) Analisi del settore e del territorio Analisi delle prospettive del settore e del territorio Analisi della strategia industriale del cliente Posizionamento rispetto al settore 2 Sintesi delle cause delle difficoltà aziendali Identificazione e sintesi delle cause (Str. commerciale/ Efficienza op./ Pos. Fin.) Valutazione della coerenza impianto creditizio 3 Definizione strategia commerciale e creditizia 14 Definizione strategia di mitigazione del rischio in funzione di - Cause dell anomalia - Disponibilità di ulteriori garanzie

15 Prospettive PARTICOLARI SETTORI, QUALI IL REAL ESTATE, SONO STATI OGGETTI DI SPECIFICHE LINEE GUIDA DI INTERVENTO Per le posizioni irregolari verso cantieri a SAL l obiettivo della Banca è stato quello di identificare le operazioni in situazione di difficoltà finanziaria ma con prospettive positive per cui un supporto da parte della Banca poteva effettivamente risolvere le criticità finanziarie e portare il cantiere a compimento Se si riscontra almeno uno tra questi problemi: Imprenditore con pregiudizievoli Negative Stato avanzamento lavori arretrato Dubbia commerciabilità nel breve-medio termine Procedere a tempestiva classificazione a workout Gravi irregolarità amministrative sopraggiunte post-erogazione Positive Se si verificano tutte queste condizioni: Imprenditore con esperienza collaudata nel settore Stato avanzamento lavori almeno al 50% e al tetto Aspettative di effettiva commerciabilità prospettica Identificare reali prospettive e cause dell irregolarità Stanziamento di nuova finanza (soggetta a specifici covenant) finalizzata al completamento dei cantieri aperti 15

16 LE AZIONI POSTE IN ESSERE A TUTELA DELLE ESPOSIZIONI SONO TIPICAMENTE FINALIZZATE A RIEQUILIBRARE LA STRUTTURA FINANZIARIA DEL CLIENTE Principali interventi effettuati Consolidamento dell esposizione a b/t mediante la concessione di finanziamenti a m/l ipotecari e/o chirografari con l inserimento di garanzie aggiuntive segnatamente consortili Ri-articolazione delle linee di fido (es: da affidamento in conto corrente ad anticipo fatture) Introduzione - nell ambito delle linee di fido commerciali riviste e revisionate - della cessione perfetta dei crediti con notifica e accettazione del debitore ceduto con eventuale allungamento della durata degli anticipi Trasferimento della ns. creditoria dalla società ai soci garanti non fallibili con eventuale operazione a m/l ipotecaria Applicazione di moratorie interne mediante eventuale rimodulazione, proroga o sospensione della quota capitale in operazioni di finanziamento a m/l, accodamento di rate Concessione di nuova finanza attraverso linee commerciali a fronte dell apporto di nuovi mezzi finanziari da parte della proprietà (aumenti di capitale) 16 Allungamento del piano d ammortamento fino ad ulteriori 5 anni rispetto alla durata originaria

17 ALCUNI CASI PRATICI DI COME SI È RIUSCITI AD INTERVENIRE MIGLIORANDO IL PROFILO CREDITIZIO DEI CLIENTI # Geografia CLIENTE PRINCIPALI CRITICITA 1 Nord AUTORASPORTI Snc di Rossi Mario & c. Trasporti settore siderurgico in passaggio generazionale da supportare Tensioni sul sistema per sconfinamenti 2 Centro LAVORI Srl Impresa edile operante prevalentemente con Enti Pubblici Sconfinamenti per mancato incasso di fatture a carico Enti Pubblici 3 Sud AZIENDA AGRICOLA Snc Azienda agricola operante nel settore produzione trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli Sconfinamento prolungato sulle linee di credito di cassa e smobilizzo concesse Dettagli nelle pagine seguenti.. 17

18 CASE STUDY 1 Autotrasporti Snc di Rossi Mario & c. (1/2) 1 Tipologia d azienda: Azienda costituita nel 1993 come Snc - cliente UniCredit fin dall avvio dell attività - opera nel settore dell autotrasporto di semilavorati del settore siderurgico per conto di aziende del Nord Italia Rating: R7 (limitata solvibilità) in progressivo deterioramento, con PD crescente Classificazione gestionale interna (Sistema Monitoraggio): segnalata In Osservazione per le tensioni su Sistema nel M/T!! Analisi del cliente Situazione Sistema: UniCredit banca di riferimento - presente indebitamento a M/T per leasing su mezzi con sconfinamenti crescenti Esposizione vs. UniCredit: Garanzie: personali e consortili Fatturato: 2007 pari a pari pari a Cause del disagio Dati economici ultimo anno: perdita in formazione nel 2009 per (per effetto della notevole contrazione dei margini) Patrimonio netto: negativo nel 2008 e Andamento settore economico di riferimento: in forte flessione a causa di una marcata riduzione dei servizi svolti per le aziende siderurgiche del territorio!

19 CASE STUDY 1 Autotrasporti Snc di Rossi Mario & c. (2/2) 1 Sintesi delle cause di difficoltà La flessione nel giro d affari ha determinato una crisi di liquidità dovuta all incidenza dei costi connessi all indebitamento assunto nel tempo in previsione di giro d affari costante (es. due contratti di leasing su automezzi) Problematiche legate al passaggio generazionale: il genitore, per raggiunti limiti d età, si ritira dall attività, con decisione di non assumere dipendente in sostituzione Valutazione positiva del cliente che ha colto la necessità di ridurre l indebitamento e ridefinire gli impegni Definizione strategia commerciale e creditizia Proposta creditizia - Ristrutturazione complessiva dell esposizione debitoria mediante proposta di nuovo mutuo ipotecario assistito da garanzia consortile con inquadramento di linee per Riduzione dell indebitamento mediante risoluzione di un contratto di leasing su autocarro 19 L intervento di UniCredit ha aiutato l azienda a superare la crisi e a migliorare la propria posizione: - significativa riduzione dell indebitamento verso la Banca (oggi l esposizione è pari a ) - Il cliente ha migliorato il rating (R2 sicurezza elevata) e presenta un comportamento regolare

20 CASE STUDY 2 Lavori Srl (1/2) 2 Tipologia d azienda: Società costituita nel marzo 2002 cliente UniCredit sin dalla costituzione - operante nel settore edile. L attività viene svolta prevalentemente per conto di Enti Pubblici (opere di urbanizzazione primaria) nel territorio dell Italia Centrale Analisi del cliente Classificazione Rating:R7 (limitata solvibilità) con PD crescente Classificazione gestionale interna (Sistema Monitoraggio): emergono irregolarità gestionali in presenza di sconfinamenti per mancato incasso di fatture a carico Enti Pubblici Situazione Sistema: cliente esclusivo con linee di credito di cassa e smobilizzo Esposizione vs. UniCredit: !! Garanzie: fideiussioni personali e consortili Fatturato: previsione di conseguire nel 2009 volume analogo Dati economici ultimo anno: redditività modesta Patrimonio Netto: mezzi propri contenuti - integrati da finanziamento Soci - con evidente sottocapitalizzazione dell azienda! 20

21 CASE STUDY 2 Lavori Srl (2/2) 2 Sintesi delle cause di difficoltà Sconfinamenti sulle linee operative generati dal progressivo aumento dei tempi di incasso dei crediti vantati verso Enti Pubblici Valutazione del cliente: - Cliente con profilo dell azienda adeguato ad operare nel comparto disponendo delle opportune certificazioni (ISO 9001:2000) - Sostanziale tenuta del fatturato rivolto essenzialmente verso Enti Pubblici Definizione strategia commerciale e creditizia Proposta creditizia (con inquadramento di linee per ): - Rimodulazione delle linee di credito per smobilizzo con previsione di rientro fino a 360 gg - Concessione di linee temporanee per smobilizzo crediti vantati nei confronti di specifico Comune - Concessione di anticipo su contratto stipulato con Enti Pubblici con acquisizione di garanzia consortile 21 Le iniziative intraprese con il cliente hanno consentito, in una prima fase, la rimozione delle anomalie riscontrate Successive evenienze (contenzioso creditizio su fatture) hanno riportato il cliente in status A Rientro, con nuovo peggioramento del rating (R11) L esposizione complessiva attuale si è comunque ridotta a

22 CASE STUDY 3 Azienda Agricola Snc (1/2) 3 Tipologia d azienda: Azienda agricola operante nel Sud Italia nel settore della produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli tipici Analisi del cliente Classificazione Rating: R8 con PD in aumento Classificazione gestionale interna (Sistema Monitoraggio): emergono irregolarità gestionali in presenza di Past Due e conseguenti proposte di classificare la relazione a rientro Situazione Sistema: cliente esclusivo con linee di credito di cassa e smobilizzo in sconfinamento prolungato sulle linee concesse Esposizione vs. UniCredit: !! Garanzie: fideiussioni personali e consortili Fatturato: Dati economici ultimo anno: margini di profitto molto contenuti 22

23 CASE STUDY 3 Azienda Agricola Snc (2/2) 3 Sintesi delle cause di difficoltà Sconfinamenti generati da utilizzo improprio delle linee di credito: investimenti nel fisso (acquisto di terreni agricoli, acquisto linea di imbottigliamento, avvio di altra attività di agriturismo) effettuati negli anni precedenti attingendo al credito b/t Contrazione delle entrate nel 2008 a causa di problematiche climatiche che hanno compromesso la produzione Definizione strategia commerciale e creditizia Valutazione positiva del cliente: coerenza dell imprenditore nel perseguimento del proprio obiettivo volto a creare un impresa specializzata nella promozione dei prodotti tipici anche sull estero Revisione della struttura debitoria del cliente: proposto mutuo ipotecario a 15 anni con intervento anche di Consorzio di Garanzia di Associazione di Categoria finalizzato a ricondurre i rapporti bancari nell ambito di una ordinata gestione (inquadramento di linee per ) Con il supporto di UniCredit il cliente è riuscito a sviluppare il proprio Business Tuttavia, ha risentito del perdurare della crisi economica ed al momento è In Osservazione con una rata arretrata del mutuo ipotecario e Rating R6 L esposizione complessiva attuale è pari a con un utilizzato

24 AGENDA IL PRESIDIO ORGANIZZATIVO DEL MONITORAGGIO: STRUTTURE E PROCESSI IL MONITORAGGIO DURANTE LA CRISI CASE STUDIES PROSSIME SFIDE 24

25 NUOVO MODELLO DI SERVIZIO SPECIAL SITUATIONS RAZIONALI DEL NUOVO MODELLO 1 una difficoltà operativa nel perseguimento concorrente di obiettivi che: Le esperienze maturate dal Gruppo nell ambito di campagne ad hoc di ottimizzazione del costo del rischio hanno evidenziato, con particolare riferimento ai ruoli dei gestori commerciali 2 - da un lato mirano ad incrementare i margini di interesse attraverso nuovi impieghi - dall altro puntano ad una riduzione della perdita attesa (cd Expected Loss ) del portafoglio gestito Necessità di creare 2 reti distinte di gestori commerciali specializzati rispettivamente sullo sviluppo commerciale di clienti con caratteristiche in linea con le strategie creditizie della Banca e sul miglioramento dei parametri creditizi dei clienti (e quindi delle esposizioni) già in portafoglio e considerati ad alto rischio la poco frequente coesistenza delle skills professionali adeguate in relazione alle attività di: - Sviluppo del portafoglio - Contenimento del rischio nell ambito del portafoglio in gestione ad alto rischio 25

26 NUOVO MODELLO DI SERVIZIO SPECIAL SITUATIONS LE SFIDE DEL RISK MANAGEMENT Rete Commerciale Sviluppo Monitoraggio Portafoglio Monitoraggio dello sviluppo del portafoglio impieghi in linea con le strategie creditizie definite a livello di gruppo ed a livello locale Identificazione di possibili aree di criticità nel presidio dei parametri di conformità di processo (e.g. KPIs su andamento rinnovi creditizi, verifica requisiti certezza legale, ) Monitoraggio Singole Controparti Corretto bilanciamento tra attività svolte a livello centrale supportate da strumenti ad elevata automazione e la prossimità alla rete commerciale quale elemento di early detection & management della crisi di singole controparti o distretti territoriali/ industriali Rete Commerciale High Risk Focus sulle dinamiche di scivolamento del portafoglio verso classi di rischio via via maggiori Monitoraggio dell Expected Loss del portafoglio (in linea sia con gli obiettivi di Piano Industriale sia con le performance dei competitors ) Disciplina nel rispetto delle regole stabilite a presidio della qualità delle esposizioni Tempestività nell identificazione delle posizioni in stato di difficoltà strutturale (default) Miglioramento continuo nell interazione tra le strutture preposte al monitoraggio e quelle di workout operations 26

27 DOMANDE & RISPOSTE? 27..Grazie per l attenzione

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Manuale del Credit Manager canali consumi fuori casa

Manuale del Credit Manager canali consumi fuori casa Sommario Presentazione Note di lettura OBIETTIVI E MODELLI DI GESTIONE Resistenza e possibilità del cambiamento Premessa Paradigma: la natura dell impresa Sistema informativo e sistema informatico Caccia

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

RISPOSTA AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA BANCA D ITALIA LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. RIFLESSI SULLE SEGNALAZIONI DI CENTRALE DEI RISCHI E DI VIGILANZA

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli