PARTECIPARE ATTIVAMENTE AL CAMBIAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTECIPARE ATTIVAMENTE AL CAMBIAMENTO"

Transcript

1 PARTECIPARE ATTIVAMENTE AL CAMBIAMENTO

2 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE - PAG LA STRATEGIA - PAG VISION, MISSION, VALORI - PAG GENNAIO 2012: avviare la partecipazione al cambiamento - PAG. 5 Impegno e partecipazione della società civile Impegno e cambiamento nei programmi de Il Sole Onlus 5. PARTECIPARE PER CAMBIARE: il percorso da gennaio 2012 a dicembre PAG. 6 Obiettivo generale Obiettivo esterno Obiettivo interno Azioni per obiettivi 6. DICEMBRE 2014: i risultati - PAG. 13

3 INTRODUZIONE Nell ultimo triennio ( ) Il Sole Onlus ha maturato esperienze significative nell ambito della Tutela dei Diritti dell Infanzia. Da piccola Associazione dedita alla gestione dei sostegni a distanza, Il Sole Onlus ha avviato attività sempre più complesse fino a elaborare proposte progettuali in grado di allargare la quantità e migliorare la qualità dei servizi offerti ai bambini beneficiari dell Associazione. In particolare Il Sole Onlus in questo triennio ha: a) mantenuto il numero di sostenitori del sostegno a distanza, nonostante gli effetti della crisi finanziaria internazionale che sta gravando sulle economie internazionali; b) aumentato il numero di bambini sostenuti con il sostegno a distanza in India, Burkina Faso ed Etiopia, grazie all applicazione di economie di scala in loco in grado di allargare i benefici del sostegno a distanza a più bambini; c) potenziato il progetto Fiori che Rinascono, a tutela dei bambini vittime di violenza sessuale nella città di Addis Abeba, Etiopia, attraverso: i. la collaborazione con esperti in materia di Post Traumatic Stress Disorder (PTSD); ii. la collaborazione con esperti in materia di attività aggregative per il reinserimento sociale dei bambini vittime di abuso sessuale; iii. la valutazione di precisi criteri scientifici in grado di garantire il reinserimento sociale ed economico delle vittime di abuso sessuale; iv. la collaborazione con l Università di Milano Bicocca, Dipartimento di Psicologia per la realizzazione di una ricerca scientifica sulla valutazione del superamento del PTSD; v. la diversificazione delle fonti di finanziamento al fine di dare continuità al progetto. d) avviato il progetto Sogni da riaccendere, a tutela dei bambini vittime di violenza sessuale a Cotonou, Benin; e) ottenuto riconoscimenti come Associazione credibile e riconosciuta esperta in materia di tutela dell infanzia abusata, sia a livello di addetti ai lavori del terzo settore, sia a livello di Società Civile di riferimento in cui Il Sole Onlus è attiva (Lombardia, Piemonte, Sicilia); f) avviato e gestito progetti di formazione, microcredito e avvio di piccole attività generatrici di reddito a favore delle donne in Burkina Faso e India; g) realizzato studi di fattibilità per interventi a tutela dell infanzia abusata in nuovi Paesi (in particolare Costa D Avorio, Camerun, Sudafrica, Tanzania, Madagascar); PAG. 2

4 h) realizzato studi di fattibilità per interventi a tutela dell infanzia soggetta a esperienze sfavorevoli in Italia; i) aperto nuove sedi distaccate, al fine di allargare l estensione territoriale al fine di passare da una connotazione prettamente regionale a una di tipo nazionale; j) diversificato le fonti di finanziamento per la gestione dei progetti e per rendere sempre più efficiente la struttura; k) avviato un processo di ristrutturazione interna in grado di passare da organizzazione a forma collettiva pre-burocratica a organizzazione formale burocratica 1. Consapevole del proprio ruolo all interno della Società Civile, Il Sole Onlus ha elaborato un attenta riflessione sulla realtà sociale sia dal punto di vista internazionale che nazionale. Negli ultimi anni si è aperto un Nuovo Mondo, di difficile interpretazione, ma che ha reso inutilizzabili le definizioni fin qui usate e ormai abusate. Termini come Terzo Mondo, Paesi in Via di Sviluppo definiscono una modalità di concepire il mondo in maniera parziale. Possono servire agli economisti, agli analisti e ai politologi che hanno bisogno di categorie ben definite per studiare un fenomeno, ma non sono più sufficienti per chi si occupa di tutela dei Diritti dell Infanzia. Mettere un confine tra il nostro mondo e i Paesi in Via di Sviluppo significa alzare una barriera che non esiste più. Il concetto di qua e là si riduce a un espressione meramente geografica. La distinzione tra Nord e Sud del Mondo non rappresenta più la società civile mondiale in continua evoluzione. I due ambiti geografici oramai si integrano l un l altro, si mescolano, si confondono e si influenzano a vicenda. Non esiste più un qua e un là, un Nord e un Sud, ma esiste un unica società civile caratterizzata da un unica emergenza sociale di difficile soluzione. Da questo punto di vista i numeri parlano chiaro: il numero di immigrati (clandestini e non) in Italia cresce di anno in anno, il numero di minori immigrati non accompagnati è in continua evoluzione, il fenomeno dei giovani di seconda generazione cresce sempre di più. Il tutto, ovviamente, modifica molto i rapporti (anche economici, inutile nasconderlo), tra il vecchio là e il vecchio qua, creando un nuovo ovunque globalizzato nel quale il tentativo di rispondere ai bisogni dei più vulnerabili deve essere al passo con i tempi 2. La Tutela dei Diritti dell Infanzia non può più essere concepita come una semplice azione precisa e puntuale atta a soddisfare un singolo bisogno immediato, ma deve essere inserita in una strategia più ampia in grado di garantire la massima partecipazione di tutti gli stakeholders, intesi come duty bearer, rights holders3, soggetti attivi nella valutazione della realtà esistente, nella valutazione delle azioni da realizzare, dei bisogni da soddisfare. In questa situazione il concetto di Tutela dei Diritti dell Infanzia legato a quello di solidarietà si riempie di altri contenuti quali quelli legati all immigrazione, alla giustizia riparativa, al reinserimento sociale di soggetti svantaggiati con esperienze sfavorevoli alle spalle. Il tutto, ovviamente, senza alcuna preclusione geografica. In questo documento programmatico Il Sole Onlus vuole evidenziare come, a fronte del cambiamento in atto nella nostra Società Civile, vuole riadattare il suo intervento sia dal punto di vista filosofico (di pensiero) che dal punto di vista operativo (d azione). 1 Vedi paragrafo Obiettivo interno 2 Vedi V rapporto CRC: ultimo aggiornamento: 10 giugno 2012, ma anche Save the Children, Orientamenti per la protezione dei bambini e degli adolescenti nelle emergenze in Italia, Duty bearers sono letteralmente i portatori di doveri: enti locali e nazionali, ma anche sostenitori privati che con il proprio operato si impegnano a garantire il rispetto dei diritti. Rights holders sono letteralmente i portatori di diritti, quelli a cui deve essere garantito il godimento degli stessi. PAG. 3

5 LA STRATEGIA Il processo che ha portato all elaborazione di questa strategia è stato complesso, complessivo e si è sviluppato nell arco di circa sei mesi. La modalità di lavoro ha previsto diversi incontri con lo staff de Il Sole Onlus, con il Consiglio Direttivo, ma anche con i volontari attivi. Tali sedute a volte formali a volte informali hanno permesso di: a) analizzare il lavoro svolto nell ultimo triennio ed evidenziare gli elementi di rottura con il passato, identificando principi e priorità del cambiamento sociale in atto (sia a livello internazionale che nazionale); b)articolare una bozza di documento strategico approvata dal Consiglio Direttivo dell Associazione; c) diffusione e condivisione del documento strategico con tutti i portatori di interesse dell Associazione (sia attraverso sedute formali che informali). Le fasi di lavoro hanno avuto una natura dinamica e partecipata in grado di produrre un maggiore senso di appartenenza all Associazione. Tale senso verrà approfondito e incrementato attraverso la piena condivisione di questo documento. In fase di studio della strategia di intervento de Il Sole Onlus per il triennio un ruolo importante è stato giocato dall analisi dell evoluzione del settore di riferimento (Terzo Settore) sia in Italia che all Estero, nonché l analisi degli effetti sociali di breve e lungo periodo della persistente crisi economica internazionale. In corso d opera hanno ricevuto un attenzione particolare gli eventi legati ai conflitti in Maghreb e le loro conseguenze sia a livello internazionale, che nazionale (incremento dell immigrazione in Italia, accentuarsi di flussi migratori da Sud a Nord, peggioramento delle condizioni di vita dei migranti, sia all estero che in Italia). In sintesi, in corso di sviluppo della strategia è apparso sempre più evidente come questa debba fondarsi su: a) un attenta analisi del settore di riferimento; b) principi e valori legati alla Tutela dei Diritti dell Infanzia universalmente riconosciuti 4 ; c) principi e valori legati alla Tutela dei Diritti dell Infanzia fatti propri da Il Sole Onlus in linea con la propria vision, i propri valori, la propria mission; d) un impianto formale legato al Logical Framework Approach con un linguaggio preciso in grado di mettere in evidenza obiettivi e risultati da raggiungere; e) pochi macro obiettivi obiettivamente misurabili; f) punti di partenza chiaramente individuabili in grado di permettere valutazioni in corso d opera. La strategia di intervento non descrive dettagliatamente le azioni atte a implementarla. Tali azioni verranno dettagliatamente descritte attraverso la definizione di piani operativi di ogni singolo settore di intervento 5. Tali piani operativi saranno concordati, attraverso la piena applicazione della modalità partecipativa, dal Consiglio Direttivo, la Direzione e lo staff de Il Sole Onlus. 4 Convenzione dei diritti dell Infanzia delle Nazioni Unite del I piani operativi di ogni singolo settore di intervento includono il riferimento a obiettivi, risultati, attività, risorse materiali, finanziarie e umane, tempistica per il compimento delle azioni in linea con la strategia di intervento la vision Una società dove i diritti sanciti dalla Convenzione Internazionale sui Diritti del Fanciullo siano tutelati, garantiti, promossi e rispettati. Una realtà in cui ogni bambino viva in armonia con il contesto familiare, comunitario e culturale, valorizzando le proprie risorse attraverso un percorso di crescita che assecondi attitudini e capacità. Per diventare un adulto integrato, partecipe e consapevole all interno della propria società. i valori il coraggio, la coerenza, l impegno, la reciprocità, la trasparenza, la laicità, la legalità e la partecipazione. la mission Garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità. Il Sole Onlus opera, per raggiungere i suoi obiettivi, indipendentemente da etnia, religione e appartenenza socio-culturale dei bambini. I suoi interventi sono mirati a dare concrete e adeguate risposte ai bisogni dei bambini più emarginati, bisognosi e vulnerabili con l obiettivo di garantirgli una vita dignitosa nel rispetto dei loro diritti fondamentali. PAG. 4

6 GENNAIO 2012 Avviare la partecipazione al cambiamento Negli ultimi anni stiamo assistendo da una vera e propria rivoluzione nel campo delle relazioni internazionali. Globalizzazione, conflitti armati, calamità naturali, crisi economica hanno contribuito a ridipingere lo scenario internazionale. Est e Ovest, Nord e Sud sono assi su cui non si regge più nulla. La realtà è più complessa e le conseguenze ancor più di difficile interpretazione: aumenta la povertà, emergono nuove povertà, crescono le disuguaglianze, il rispetto dei Diritti Umani e, soprattutto, dei Diritti dell Infanzia è sempre più a rischio. In questo contesto le riflessioni sull efficacia e sull efficienza dell aiuto all auto-sviluppo producono come risultato il fatto che il mero aiuto ragionato e portato solo in una direzione ha un impatto marginale. Un sostegno a distanza, un azione progettuale non può più essere pensata in maniera unidirezionale. L intervento puntuale in un punto qualsiasi di un non più definibile Sud del Mondo, ha senso solo se si prendono in considerazione anche gli effetti che questo comporta: a) in quel punto; b) in tutto il contesto sociale di riferimento (inteso come benefici e disagi che un intervento può creare); c) all interno della società civile di riferimento; d) sulla nostra società civile (intervenire in un determinato punto è, comunque, una scelta politica con riflessi più o meno evidenti anche sul nostro tessuto sociale). Non esistono più azioni di solidarietà internazionale, di cooperazione allo sviluppo i cui effetti non siano direttamente misurabili anche e soprattutto nel nostro tessuto sociale. I flussi migratori, la provenienza degli immigrati, l incidenza degli immigrati nel nostro tessuto sociale ed economico sono fenomeni che devono essere assolutamente presi in considerazione nel momento in cui si studia un intervento in grado di mobilitare risorse (materiali, finanziarie e umane). A questo proposito, per evitare che la mobilitazione di risorse produca effetti solo parziali, occorre reimpostare la logica e la filosofia de Il Sole Onlus, allargandola alla piena partecipazione, collaborazione di ampi strati della società civile di riferimento. Impegno e partecipazione della società civile A partire da questa analisi è di fondamentale importanza il concetto di aggregazione di risorse (materiali, finanziarie e umane) attorno ad un obiettivo ben preciso: la Tutela dei Diritti dell Infanzia. Tale concetto riassume in sé, prevede e presuppone un impegno politico inteso nel suo senso più puro e originario: la partecipazione. Per questo motivo Il Sole Onlus, al fine di attenersi al cambiamento, ma al contempo di farsi fautore di un cambiamento mirante alla creazione di nuove modalità di pensiero e di azione, ha coniato il termine sostegno a distanza ravvicinata. Il sostegno a distanza ravvicinata è una filosofia di intervento innovativa che permette di ravvicinare le distanze tra i sostenitori, l associazione e i beneficiari. L Associazione vuole essere un tramite, un mezzo, uno strumento per garantire ai bambini il pieno supporto dei propri sostenitori. Più è diretto il rapporto tra sostenitori e beneficiari più è ravvicinata la distanza tra i due attori coinvolti. L Associazione contribuisce con la propria esperienza, professionalità, trasparenza e conoscenza nell indicare la strada giusta per far sì che gli esponenti di due mondi lontani possano comunicare, interagire, confrontarsi al fine di intraprendere un percorso di vita comune e condiviso. d intervento PAG. 52

7 Per questo motivo il sostegno a distanza ravvicinata rappresenta per Il Sole Onlus una filosofia di intervento innovativa. Avviarlo con Il Sole Onlus permette al sostenitore di: a) partecipare attivamente alle attività sostenute; b) contribuire al miglioramento della vita dei nostri bambini; c) conoscere le realtà sociali, culturali, politiche sostenute al fine di diffonderne all esterno, contenuti, tematiche, problematiche e le soluzioni che i sostenitori, partecipando alle attività dell Associazione, contribuiscono a mettere in pratica; d) essere cittadino attivo nella realizzazione di attività di solidarietà internazionale aventi come scopo l applicazione concreta del principio di giustizia sociale. Al tempo stesso, permette al beneficiario di: a) migliorare la propria condizione di vita; b) avviare un percorso di crescita personale e professionale condiviso; c) allargare il proprio ambito di conoscenze, grazie agli scambi con i sostenitori in grado di accrescere il proprio bacino culturale ed esperienziale; d) essere testimone presso la propria società civile di appartenenza, ma anche presso la società civile italiana, del fatto che ravvicinare le distanze nel segno dei principi di giustizia sociale e solidarietà internazionale crea esperienze utili per migliorare il futuro dell intera società. Ciò che deve essere centrale nella modalità operativa per il prossimo triennio è legato al fatto che occorre assolutamente eliminare la logica di solidarietà internazionale che porta aiuti dal Nord verso il Sud del Mondo. La Tutela dei Diritti dell Infanzia è un concetto universale che non deve essere considerato esclusivamente prioritario al Sud del Mondo. Impegno e cambiamento nei programmi de Il Sole Onlus mentale intrecciare le proprie competenze internazionali con il dibattito nazionale sulle politiche sociali riferite all Infanzia. Da tale intreccio emergeranno possibilità di investimento per la realizzazione di interventi finora non ancora sviluppati, ma che, partendo dalle esperienze a oggi maturate, potranno portare effetti positivi nel tessuto sociale di riferimento dell associazione. In particolare alle attività di Educazione alla Mondialità nelle scuole italiane, strettamente collegate agli interventi all estero, si affiancheranno interventi in Italia, laddove gli effetti del fenomeno delle nuove povertà più si riferiscono all infanzia. Fino ad oggi gli interventi de Il Sole Onlus a Tutela dei Diritti dell Infanzia hanno seguito le seguenti linee di intervento: a) Tutela dei bambini vittime di violenza sessuale; b) Prevenzione dello sradicamento dall ambiente familiare, sociale, culturale, e dell abbandono da parte delle famiglie dei propri figli, attraverso progetti di tutela dei diritti delle madri; c) Promozione e tutela del diritto all identità di ogni bambino. Al fine di perseguire principi di giustizia sociale e con l obiettivo di intercettare situazioni problematiche in materia di Tutela dei Diritti dell Infanzia, nel triennio Il Sole Onlus si propone di affiancare alle precedenti anche le suddette linee di intervento: a)accoglienza, orientamento, convivenza pacifica, legata al fenomeno migratorio in essere in Italia e nei Paesi del bacino mediterraneo. In particolare il focus di questa linea di intervento sarà rivolto ai minori extracomunitari non accompagnati che giungono in Italia senza alcuna tutela. In questo caso l intreccio con l impegno e con l esperienza fino a oggi maturata da Il Sole Onlus è permesso dal fatto che i migranti portano con sé le conseguenze di un trauma non indifferente: cambiano tessuto sociale; sono soggetti a lunghe marce per arrivare a destinazione nelle quali, il più delle volte, perdono persone care; sono soggetti ad angherie, violazioni, soprusi di ogni tipo. In questo caso, l esperienza de Il Sole Onlus in materia di Post Traumatic Stress Disorder (PTSD), risulta importante per garantire un servizio di accoglienza, orientamento e convivenza pacifica il più efficiente ed efficace possibile; b) accoglienza, orientamento, convivenza pacifica, legata al concetto di giustizia riparativa. In questo caso Il Sole Onlus Il Sole Onlus, in funzione del mutamento della situazione mondiale, è consapevole che la propria mission può essere perseguita sia sul piano internazionale che su quello nazionale e locale. Riconosce e afferma l universalità dei Diritti dell Infanzia pur avendo maturato esperienza e competenze specifiche nella Tutela dei Diritti dell Infanzia all estero. Per questo motivo, al fine di mantenere intatto il suo impegno in materia di Tutela dell Infanzia, Il Sole Onlus ritiene fondaritiene che il concetto di solidarietà (internazionale e nazionale) può e deve riassumere in sé il concetto di legalità. E riscontrato e riscontrabile nei fatti che laddove la Tutela dei Diritti (nel nostro caso dei Diritti dell Infanzia) viene a mancare, maggiori sono le situazioni di degrado sociale e maggiore il rischio che i minori mettano in pratica atteggiamenti devianti e contro la legge. Come da Convenzione dei diritti del Fanciullo delle Nazioni Unite 6, Il Sole Onlus ritiene di dover garantire il rispetto dei diritti di chi si mette in situazione deviante attraverso l avvio di interventi in questo settore; c) accoglienza, orientamento, convivenza pacifica, legata alla valutazione psicologica di minori con esperienze sfavorevoli. Questa linea di intervento è strettamente collegata e collegabile alla linea di intervento storica dell associazione: Tutela dei bambini vittime di violenza sessuale. In questo caso si tratta di creare delle soluzioni valide per la soluzione dei problemi dei minori in questo stato. Ovviamente è richiesta la collaborazione delle istituzioni locali (pubbliche e private) competenti al fine di poter attuare in pieno il principio di sussidiarietà. Per poter affrontare in maniera efficace ed efficiente questo cambiamento Il Sole Onlus avvierà delle collaborazioni tese a creare attività di rete o a partecipare a reti istituzionali già costituite. 6 L articolo 40 della Convenzione dei diritti del Fanciullo delle Nazioni Unite afferma che Gli Stati parti riconoscono il diritto del fanciullo accusato e riconosciuto colpevole di aver violato la legge penale ad essere trattato in un modo che risulti atto a promuovere il suo senso di dignità e valore, che rafforzi il suo rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali altrui, e che tenga conto della sua età, nonché dell esigenza di facilitare il suo reinserimento nella società e di fargli assumere un ruolo costruttivo in seno a quest ultima. PAG. 62

8 PARTECIPARE PER CAMBIARE Il percorso da gennaio 2012 a dicembre 2014 obiettivo generale de Il Sole Onlus per il triennio è quello di affermarsi come Associazione riconosciuta, rispettabile e credibile in materia di Tutela dei Diritti dell Infanzia nel Mondo sia a livello locale che a livello regionale e nazionale. Pur consapevoli delle difficoltà economiche generali, della carenza di risorse, Il Sole Onlus vuole attivare meccanismi di cooperazione e collaborazione locale, regionale e nazionale al fine di rendere gli interventi i più efficienti ed efficaci possibili, grazie anche alla partecipazione attiva della Società Civile di riferimento. Obiettivo esterno Contribuire all affermazione della centralità della Tutela dei Diritti dell Infanzia nelle nuove situazioni a rischio (nuove povertà), causate tanto dalle crisi in corso quanto da situazioni di povertà consolidate, con forti conseguenze in ambito di: a) immigrazione di bambini e giovani minorenni extracomunitari non accompagnati; b) disagio giovanile dovuto a mancanza di risorse atte a garantire un presente dignitoso a bambini e giovani minorenni; c) valutazione psicologica di minori con esperienze sfavorevoli. Il Sole Onlus crede fermamente nella centralità della Tutela dei Diritti dell Infanzia tanto che, per ogni attività, azione, intervento che mette in opera, si propone di seguire una modalità operativa in grado di tenere in considerazione i principi generali della Convenzione dei Diritti del Fanciullo delle Nazioni Unite: a) principio di non discriminazione (art. 2 CRC) che stabilisce che tutti i diritti sanciti dalla CRC si applicano a tutti i bambini e ragazzi senza alcuna distinzione; b) principio del superiore interesse del minore (art. 3 CRC) che stabilisce che, in tutte le decisioni relative ai minori, il superiore interesse del minore deve avere una considerazione preminente; c) diritto alla vita, alla sopravvivenza, allo sviluppo (art. 6 CRC) in cui si va oltre il basilare diritto alla vita garantendo anche la sopravvivenza e lo sviluppo; d) principio di partecipazione e rispetto per l opinione del minore (art. 12 CRC) che sancisce il diritto di bambine, bambini, ragazze e ragazzi, di essere ascoltati e che la loro opinione sia presa in debita considerazione 7. Per fare ciò Il Sole Onlus adotta una metodologia in grado di integrare i seguenti approcci: a) antropologico: da questo punto di vista viene valutato e analizzato il contesto sociale di riferimento attraverso un analisi attenta degli usi, dei costumi, delle tradizioni delle abitudini sociali. Questo approccio è in grado di valutare anzitempo la capacità di risposta degli interventi che si vogliono proporre e di adeguarli al sistema sociale vigente. Tale approccio è valido sia per interventi all estero che in Italia. b) sociale: da questo punto di vista viene valutata l incidenza dell intervento rispetto al contesto stesso; del cambiamento del contesto sociale in funzione dell intervento realizzato (e, in caso di valutazione ex-ante da realizzare); del cambiamento del bambino o giovane minorenne all interno del suo contesto di riferimento. Tale approccio è valido sia per interventi all estero che in Italia. c) psicologico: consapevoli del fatto che il superiore interesse del minore si misura in termini di centralità del bambino, tale approccio vuole valutare il cambiamento dal punto di vista individuale del bambino o del giovane minorenne beneficiario di un intervento de Il Sole Onlus. Tale approccio è valido sia per interventi all estero che in Italia. 7 ultimo aggiornamento 4 febbraio 2012 PAG. 72

9 obiettivo interno Il Sole Onlus realizza i propri interventi a Tutela dei Diritti dell Infanzia secondo criteri di efficacia, efficienza, trasparenza, pertinenza e sostenibilità, nel pieno rispetto dei propri valori. Per contribuire al raggiungimento della propria mission Il Sole Onlus vuole continuare nel processo di miglioramento delle proprie procedure interne, al fine di raggiungere l obiettivo generale nel pieno rispetto degli standard operativi locali, nazionali e internazionali. Ad oggi Il Sole Onlus si caratterizza come associazione dalla struttura collettiva pre-burocratica. Nel corso del triennio è fondamentale agire e operare al fine di avviare procedure formali in grado di gestire e consolidare la struttura interna e al contempo di crescere anche all esterno. Di seguito una tabella che rappresenta uno schema organizzativo aziendale da seguire per continuare nel processo di crescita. Ovviamente tale tabella è meramente indicativa, in quanto le specificità dell associazione sono diverse da quelle di un azienda (in associazione non si parla di prodotti, ma di progettualità, non si parla di linee di prodotto, ma di linee di intervento), ma al momento sono funzionali per individuare il percorso che l Associazione deve effettuare.

10 Azioni per obiettivi Contribuire all affermazione della centralità della Tutela dei Diritti dell Infanzia nelle nuove situazioni a rischio (nuove povertà), causate tanto dalle crisi in corso quanto da situazioni di povertà consolidate, con forti conseguenze in ambito di immigrazione di bambini e giovani minorenni extracomunitari non accompagnati;di disagio giovanile dovuto a mancanza di risorse atte a garantire un presente dignitoso a bambini e giovani minorenni;di valutazione psicologica di minori con esperienze sfavorevoli. Consolidare gli interventi in corso d opera Gli interventi da consolidare sono quelli previsti dalle tre linee di intervento storicamente attive: a) Tutela dei bambini vittime di violenza sessuale; b) Prevenzione dello sradicamento dall ambiente familiare, sociale, culturale, e dell abbandono da parte delle famiglie dei propri figli, attraverso progetti di tutela dei diritti delle madri; c) Promozione e tutela del diritto all identità di ogni bambino. Gli strumenti operativi in grado di mettere in opera queste linee di intervento sono i seguenti: a) Sostegni a distanza: all inizio di gennaio 2012 il numero di sostegni a distanza attivi è stato calcolato intorno alle 1250 unità. I sostegni a distanza sono attivi in India, Burkina Faso ed Etiopia. Il consolidamento di questa attività passa attraverso tre elementi fondamentali: i. il miglioramento della qualità dei contatti tra Associazione e sostenitore e tra Associazione e referenti locali, in linea con il concetto di sostegno a distanza ravvicinata; ii. il miglioramento della comunicazione tesa all allargamento della base dei sostenitori; iii. la differenziazione e l aumento dei Paesi in cui intervenire (sono in corso d opera studi di fattibilità per l avvio di sostegni a distanza in Costa D avorio, Camerun e Somalia). b) Progetti Estero: all inizio di gennaio 2012 i progetti attivi sono i seguenti: i. Fiori che Rinascono, progetto a tutela delle vittime di abuso sessuale in Etiopia; ii. Sogni da Riaccendere, progetto a tutela delle vittime di abuso sessuale in Benin; iii. Casa delle Donne, progetto a sostegno delle donne in Benin; iv. Casa delle Donne, progetto a sostegno delle donne in Burkina Faso; v. Casa delle Donne, progetto a sostegno delle donne in India. In funzione del consolidamento delle attività in corso e del ruolo che Il Sole Onlus vuole giocare all interno della Società Civile di riferimento, i progetti che verranno maggiormente sottoposti ai finanziatori (già in portafoglio o da ricercare) sono Fiori che Rinascono e Sogni da Riaccendere. Un attenzione particolare verrà data all attualizzazione dei progetti, tenendo sempre presente il mutare delle condizioni in loco, dell emersione di nuovi bisogni, dei mutamenti che l impatto del progetto crea sulla Società Civile di riferimento. Inoltre, uno sforzo non indifferente (data la crisi in corso) verrà applicato nella diversificazione delle fonti di finanziamento in grado di dare sostenibilità alle attività progettuali. c) Progetti Italia: all inizio del mese di gennaio 2012 i progetti attivi in Italia sono quelli legati agli interventi di Educazione alla Mondialità nelle scuole di ogni ordine e grado nelle Provincia di Como. Complice il cambio di sede da Como a Saronno (Va) per mantenere e consolidare queste attività occorrerà concentrare molto l attenzione sulla Società Civile di Saronno (scuole, associazioni, centri culturali) al fine di garantire lo stesso tipo di intervento anche in questo ambito geografico. PAG. 9

11 Avviare azioni di cambiamento Come ampiamente descritto sopra, Il Sole Onlus in questo triennio vuole operare al fine di migliorare la qualità e la quantità dei propri interventi in ambito di Tutela dei Diritti dell Infanzia. Gli ambiti considerati prioritari sono i seguenti: a) Progetti Estero: a fianco dei progetti in Burkina Faso, Etiopia e India sono allo studio nuove azioni progettuali nei seguenti Paesi: i. Costa D Avorio, è allo studio una collaborazione con l Istituto delle Suore della Provvidenza di Belvedere di Tezze (Vi) per la partecipazione congiunta nella gestione di un centro di accoglienza per ragazze vittime di abusi sessuali; ii. Camerun, è allo studio una collaborazione con il COMITE DIOCESAN DES ACTIVITES SOCIO CARITATIVES per la gestione di un progetto integrato di Tutela dei Diritti dell Infanzia con l obiettivo di far emergere il problema dell abuso nella Società Civile di riferimento (Yagoua); iii. Tanzania, è allo studio una collaborazione con l associazione MadeinAfrica Onlus per la gestione di un progetto integrato di tutela dei Diritti dell Infanzia con l obiettivo di far emergere il problema dell abuso nella Società Civile di riferimento (Centro del Paese); iv. Madagascar, è allo studio un progetto di tutela dei bambini vittime di abuso sessuale da gestire in collaborazione con una controparte locale da selezionare. v. Somalia, è allo studio un progetto in collaborazione con un associazione locale per la gestione di un progetto integrato di Tutela dei Diritti dell Infanzia con l obiettivo di far emergere il problema dell abuso nella Società Civile di riferimento (Galkayo e dintorni). In questo caso, a fronte delle novità progettuali da inserire nel corso del triennio, il massimo sforzo da produrre sarà quello di trovare nuove fonti di finanziamento. A fronte dei finanziatori di cooperazione decentrata, di fondazioni grant making, di aziende, Il Sole Onlus dovrà ottenere finanziamenti anche da donatori istituzionali internazionali quali fondazioni europee, Commissione Europea (a questo proposito entro il 2012 verrà avviata la procedura per ottenere l Accordo Quadro con ECHO European Commission Humanitarian Office-), agenzie delle Nazioni Unite. b) Progetti Italia: Il Sole Onlus è consapevole che la parte più consistente del cambiamento è relativa alle attività in Italia. A fianco dei percorsi di Educazione alla Mondialità sono allo studio progettualità in materia di: i. immigrazione, presso la sede distaccata di Marsala (Tp). In questo ambito geografico particolare il fenomeno dell immigrazione è da sempre presente. Negli ultimi tempi, a seguito soprattutto degli eventi legati alla Primavera Araba il fenomeno dell immigrazione si è ancor più accentuato. In collaborazione con un gruppo di associazioni locali e con il Comune di Mazara del Vallo è allo studio un intervento teso a creare un centro di accoglienza per minori extracomunitari non accompagnati. Il progetto si compone di diverse azioni tendenti all accoglienza, all orientamento e alla convivenza pacifica; ii. giustizia riparativa, presso la sede distaccata di Marsala (Tp). In collaborazione con la cooperativa sociale il Miglioramento e in collaborazione con l USSM (l Ufficio Servizi Sociali per Minori del Ministero di Grazia e Giustizia del Tribunale per i Minori di Palermo) è allo studio un percorso di recupero, riabilitazione e reintegro sociale di minori in area penale. Tale percorso potrà sfociare nell invio sui nostri progetti di tutela delle vittime di abuso sessuale sia di minori con reati non gravi sia di minori abusanti. In questo caso la sfida al cambiamento è legata al fatto che si collegano in un trinomio indissolubile i concetti di solidarietà internazionale, legalità e giustizia riparativa. iii. disagio giovanile, a Scampia (Na). In collaborazione con l Istituto Suore della Provvidenza è allo studio un progetto di prevenzione all abbandono scolastico (che a Scampia si traduce anche in prevenzione all illegalità) e di inserimento professionale per minori con gravi difficoltà economiche. iv. esperienze sfavorevoli, a Saronno (Va). In collaborazione con la ReteRosa, con il Comune di Saronno e con altre realtà rappresentanti la Società Civile di riferimento si vogliono avviare attività di formazione per operatori e volontari in grado di accogliere vittime di violenza sessuale, attività di counseling per minori e adulti migranti con problemi di inserimento scolastico e lavorativo, attività di accoglienza, orientamento, convivenza pacifica tra migranti e popolazione locale. Anche in questo caso il massimo sforzo sarà proteso verso la ricerca di nuovi finanziatori in grado di sostenere queste attività progettuali.

12 c) Reti: al fine di dare supporto alle attività in Italia, di rafforzarne l impatto, di migliorarne la qualità, Il Sole Onlus vuole agire per stringere rapporti di collaborazione con enti, istituzioni, associazioni, esponenti della Società Civile. Da questo punto di vista è necessario che Il Sole Onlus partecipi a reti tematiche già esistenti, ma laddove le reti esistenti non siano in grado di soddisfare le esigenze del cambiamento, ne crei di nuove ad hoc. A seconda della portata della rete, Il Sole Onlus agirà da leader o da membro ordinario. La partecipazione alle reti avrà una portata locale, nazionale e internazionale. Quest azione è fondamentale per posizionare l Associazione tanto all interno del Terzo Settore quanto all interno della Società Civile. Inoltre, la partecipazione alle reti esistenti e la costituzione di nuove reti ad hoc permetterà all associazione di intercettare nuove fonti di finanziamento altrimenti non raggiungibili. d) Visibilità e Comunicazione: per il triennio le attività di visibilità e comunicazione dovranno essere in linea con il cambiamento interno e esterno che Il Sole Onlus vuole affrontare. Per quanto riguarda le azioni di visibilità, queste dovranno: i. mirare al posizionamento dell Associazione sia all interno del Terzo Settore sia all interno della Società Civile; ii. coinvolgere tutti i portatori di interesse (duty bearers e rights holders) dell Associazione; iii. permettere la piena comprensione dei contenuti delle iniziative de Il Sole Onlus; iv. permettere la partecipazione di ampi strati della Società Civile di riferimento; v. essere innovative. Per garantire la massima copertura del territorio nazionale a supporto delle attività di visibilità verrà richiesta la partecipazione e la collaborazione in piena autonomia di gruppi di volontari attivi. Per quanto riguarda le attività di comunicazione, queste dovranno: i. comunicare il cambiamento in atto; ii. coinvolgere tutti i portatori di interesse dell Associazione nel processo di cambiamento; iii. permettere la piena comprensione del processo di cambiamento a tutti quelli che entrano in contatto con Il Sole Onlus; iv. favorire la piena partecipazione al processo di cambiamento; v. comunicare in maniera puntuale e precisa lo stato di avanzamento dei progetti in corso; vi. comunicare in maniera puntuale e precisa gli aggiornamenti sull impatto degli interventi de Il Sole Onlus sul tessuto sociale di riferimento del progetto; vii. utilizzare in maniera efficace ed efficiente gli strumenti tecnologici a disposizione viii. diffondere attraverso canali ordinari e straordinari le attività de Il Sole Onlus. La sfida al cambiamento, in questo caso è strettamente collegata alla carenza di risorse finanziarie causata dalla crisi economica in essere. Ciononostante, Il Sole Onlus è convinto di poter far fronte a questa sfida utilizzando al meglio le risorse a disposizione e/o cercando risorse finanziarie ad hoc e/o attuando collaborazioni pro bono con esperti del settore. e) Raccolta fondi: pur con la consapevolezza che la crisi economica sta provocando effetti improduttivi nel settore della raccolta fondi, questo è un settore su cui Il Sole Onlus vuole porre molta attenzione per poter diversificare le fonti di finanziamento. La sfida al cambiamento è legata al fatto di trovare non solo finanziatori puntuali in grado di sostenere un azione progettuale precisa, ma di aggregare le risorse attorno ad un interesse comune, a una finalità condivisa duratura nel tempo. A questo proposito verrà lanciata la possibilità di attivare azioni di cause related marketing con aziende sensibili al tema della Tutela dei Diritti dell Infanzia, in grado di sostenere le progettualità de Il Sole Onlus tanto dal punto di vista finanziario, quanto da quello della visibilità e della comunicazione. Particolare attenzione verrà prestata alle nuove fonti di finanziamento emergenti (crowd fundraising). Inoltre, le progettualità de Il Sole Onlus verranno sottoposte a donatori istituzionali quali: i. nuove fondazioni grant making; ii. fondazioni grant making già finanziatrici de Il Sole Onlus; iii. Europeaid (Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo della Commissione Europea); iv. ECHO (Ufficio degli Affari Umanitari della Commissione Europea); v. Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; vi. Ministero degli Affari Esteri; vii. Ministero degli Interni; viii. Regioni; ix. Province; x. Comuni. E pleonastico sottolineare che Il Sole Onlus avrà cura di gestire i fondi entrati secondo i principi di efficacia, efficienza, pertinenza, sostenibilità e trasparenza che da sempre gli appartengono. Contribuire al raggiungimento della propria mission. Il Sole Onlus vuole continuare nel processo di miglioramento delle proprie procedure interne, al fine di raggiungere l obiettivo generale nel pieno rispetto degli standard operativi locali, nazionali e internazionali. PAG. 11

13 Mobilitare risorse e sostenitori sul territorio nazionale Il Sole Onlus, pur consapevole del periodo di crisi economica e finanziaria che attanaglia l intero sistema produttivo italiano e internazionale si propone di riuscire ad aggregare risorse produttive attorno alle proprie proposte progettuali. Attraverso la piena applicazione del concetto di sostegno a distanza ravvicinata è possibile aggregare diverse tipologie di individui, siano essi privati cittadini, aziende, enti, fondazioni, enti erogatori. Attraverso l impegno e la partecipazione in attività progettuali o in attività funzionali agli obiettivi di progetto è possibile aggregare il maggior numero di risorse produttive. A questo proposito le azioni da compiere avranno un duplice obiettivo: consolidare, mantenere, fidelizzare il parco sostenitori attuale (1200 sostenitori per il sostegno a distanza, circa 3000 contatti di sostenitori casuali, diverse fondazioni grant making, un buon numero di volontari attivi), ma anche sviluppare una nuova rete al fine di allargare il numero di contatti. Questa azione sarà valida sia dal punto di vista qualitativo (incrementare la partecipazione della società civile alle attività associative) sia dal punto di vista qualitativo (incrementare il numero di sostenitori e donatori attivi). Essere un associazione ampiamente riconosciuta, rispettabile e credibile Il Sole Onlus dovrà operare in modo da poter essere presa a modello come associazione competente, motivata, solida e credibile in materia di Tutela dei Diritti dell Infanzia. Attraverso la partecipazione a reti tematiche costituite, ma anche e soprattutto attraverso la creazione di reti ad hoc, associazioni di secondo livello, Il Sole Onlus vuole recitare un ruolo da protagonista all interno del proprio settore di riferimento e vuole inoltre rendersi protagonista attiva all interno del processo di rappresentanza (verso le istituzioni locali, nazionali e internazionali) e rappresentatività (dei propri duty bearers e rights holders) atto a dare voce a quella parte di Società Civile che altrimenti non vedrebbe riconosciuti i propri diritti. Attraverso una comunicazione mirata alla diffusione dei contenuti trattati dall Associazione Il Sole Onlus si farà portavoce di quella parte di Società Civile che rappresenta. Essere un Associazione con una struttura efficace ed efficiente Nel percorso che deve traghettare Il Sole Onlus da organizzazione a forma collettiva pre-burocratica a organizzazione formale burocratica i passaggi cruciali da compiere sono quelli legati al mantenimento di una struttura efficace ed efficiente. A questo proposito Il Sole Onlus è consapevole che per ricoprire un ruolo di rappresentanza e rappresentatività all interno della Società Civile di riferimento è necessario creare modelli di comportamento sostenibili ed etici in linea con i valori dell Associazione. Il Sole Onlus dovrà applicare una gestione delle risorse umane in linea con i propri mezzi economici e al contempo in grado di motivare e mantenere uno staff qualificato, con una forte adesione a mission e valori e che promuova l impegno della Tutela dei Diritti dell Infanzia in tutti gli ambiti di attività. Per quanto riguarda l efficienza, Il Sole Onlus dovrà garantire una corretta gestione delle attività ordinarie e, nel caso, di quelle straordinarie, garantendo sempre un flusso finanziario positivo in grado di dare sostenibilità agli interventi in essere. Nel corso di questo triennio, Il Sole Onlus agirà al fine di consolidare una forte cultura organizzativa interna volta al risultato che si avvale di processi di pianificazione, monitoraggio e analisi. PAG. 12

14 DICEMBRE 2014 I risultati fine triennio, dicembre 2014, Il Sole Onlus sarà un Associazione caratterizzata A dalle seguenti specificità: Consolidare gli interventi in corso d opera - avrà incrementato il numero di sostegni a distanza attivi, migliorandone la qualità di gestione; - avrà consolidato i progetti all estero, migliorandone la qualità, attualizzandone i contenuti, impostando le modifiche richieste dal mutamento sociale in essere e da quello scaturito dall impatto dei progetti nel tessuto sociale di riferimento; - avrà incrementato i percorsi di Educazione alla Mondialità nelle scuole di ogni genere e grado delle località in cui Il Sole Onlus sarà attivo (Lombardia, Sicilia, Piemonte più altre località da aprire); - avrà diversificato le fonti di finanziamento in grado di dare sostenibilità alle proposte progettuali consolidate. Avviare azioni di cambiamento - avrà avviato le progettualità all estero al momento in fase di studio di fattibilità; - avrà consolidato le partnership a oggi in fase di studio; - avrà approfondito dal punto di vista antropologico, sociale e psicologico le realtà in cui andrà a operare; - avrà avviato le progettualità in Italia legate ai temi di immigrazione, giustizia riparativa, disagio giovanile, giovani con esperienze sfavorevoli; - avrà allargato il bacino dei portatori di interesse; - avrà allargato la quantità di bisogni da soddisfare, migliorando, al contempo la qualità dei servizi proposti; - parteciperà a reti tematiche e avrà costituito le reti ad hoc necessarie per i propri scopi associativi; - determinerà un processo di cambiamento all interno delle reti tematiche in cui partecipa; - determinerà un processo di cambiamento all interno della Società Civile di appartenenza grazie al lavoro svolto nelle reti costituite ad hoc; - avrà allargato la base dei sostenitori, incrementando la partecipazione della Società Civile alla vita associativa; - avrà ottenuto un posizionamento tale per cui Il Sole Onlus sarà accreditato come associazione valida nella gestione delle questioni afferente la Tutela dei Diritti dell Infanzia; - avrà migliorato la capacità di comunicazione sia a livello locale che nazionale al fine di essere riconosciuta come fonte affidabile di informazione relativa alla Tutela dei Diritti dell Infanzia; - avrà diversificato le fonti di finanziamento al fine di sostenere le attività associative. Mobilitare risorse e sostenitori sul territorio nazionale - avrà consolidato la base dei sostenitori attraverso la piena applicazione del concetto di sostegno a distanza; - avrà incrementato del 10% la base dei sostenitori attraverso la piena applicazione del concetto di sostegno a distanza; - avrà consolidato i gruppi esterni presenti in Lombardia, Piemonte e Sicilia; - avrà creato nuovi gruppi esterni (Veneto, Liguria, Lazio, Marche, Trentino Alto Adige); - avrà coinvolto tutta la Società Civile laddove Il Sole Onlus sarà presente; - avrà una migliore sostenibilità economica in virtù della differenziazione delle entrate. PAG. 132

15 Essere un Associazione ampiamente riconosciuta, rispettabile e credibile - parteciperà a reti tematiche e avrà costituito le reti ad hoc necessarie per i propri scopi associativi; - determinerà un processo di cambiamento all interno delle reti tematiche in cui partecipa; - determinerà un processo di cambiamento all interno della Società Civile di appartenenza grazie al lavoro svolto nelle reti costituite ad hoc; - avrà ottenuto una riconoscibilità nelle regioni in cui è già presente (Lombardia, Piemonte, Sicilia) e in quelle in cui lo sarà (Veneto, Liguria, Lazio, Marche, Trentino Alto Adige); - avrà sviluppato un autorevolezza su temi legati alla Tutela dei Diritti dell Infanzia, resa fruibile dall attività di comunicazione; - sarà riconosciuta come fonte affidabile di informazione relativa alla Tutela dei Diritti dell Infanzia. Essere un Associazione con una struttura efficace ed efficiente - avrà le caratteristiche dell organizzazione formale burocratica 8 ; - avrà una governance ben definita, con una struttura ben organizzata e procedure chiare ed efficaci; - avrà uno staff professionale, responsabile, intraprendente, attivo a livello sociale in grado di portare al di fuori dell associazione i valori e le esperienze maturate in essa; - sarà un organizzazione in grado di creare un modello di comportamento sostenibile ed etico, in linea con i propri principi e valori; - avrà una gestione dei fondi efficiente, in linea con i propri principi e valori. Viale Rimembranze Saronno Tel Vedi paragrafo Obiettivo interno

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

COMMENTO GENERALE N. 12

COMMENTO GENERALE N. 12 COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMMENTO GENERALE N. 12 Il diritto del bambino e dell adolescente di essere ascoltato uniti per i bambini COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/GC/12 Cinquantunesima

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione europea, in occasione del 2007 - Anno europeo delle

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

La Convenzione O.N.U. sul diritto alle Persone con disabilità. (traduzione di Maria Rita Saulle ultimata il 2 marzo 2007)

La Convenzione O.N.U. sul diritto alle Persone con disabilità. (traduzione di Maria Rita Saulle ultimata il 2 marzo 2007) La Convenzione O.N.U. sul diritto alle Persone con disabilità * (traduzione di Maria Rita Saulle ultimata il 2 marzo 2007) 1 Il lungo cammino dei diritti delle persone con disabilità * L adozione per approvazione,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli