CURRICULUM DI ECONOMIA AZIENDALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CURRICULUM DI ECONOMIA AZIENDALE"

Transcript

1 CURRICULUM DI ECONOMIA AZIENDALE INTRODUZIONE L indirizzo Amministrazione, finanza e marketing persegue lo sviluppo di competenze relative alla gestione aziendale nel suo insieme e all interpretazione dei risultati economici, con le specificità relative alle funzioni in cui si articola il sistema azienda (amministrazione, pianificazione, controllo, finanza, commerciale, sistema informativo, gestioni speciali). Esso presenta due articolazioni specifiche: - Relazioni internazionali per il Marketing, per approfondire gli aspetti relativi alla gestione delle relazioni commerciali internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche e settoriali e per assicurare le competenze necessarie a livello culturale, linguistico e tecnico; - Sistemi informativi aziendali, per sviluppare competenze relative alla gestione del sistema informativo aziendale, alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi, alla realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, della comunicazione in rete e della sicurezza informatica; L indirizzo Turismo integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire all innovazione e al miglioramento dell impresa turistica. Esso intende promuovere abilità e conoscenze specifiche nel campo dell analisi dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali. I BIENNIO PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA Ai fini del raggiungimento dei risultati di apprendimento nel primo biennio il docente persegue, nella propria azione didattica ed educativa, l obiettivo prioritario di far acquisire allo studente le competenze di base attese a conclusione dell obbligo di istruzione, di seguito richiamate: - riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio; - individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi - collocare l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona della collettività e dell ambiente. L articolazione dell insegnamento di Economia aziendale in conoscenze e abilità è di seguito indicata quale orientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nell ambito della programmazione collegiale del Consiglio di classe. Nell organizzare i percorsi di apprendimento, l insegnante privilegia la contestualizzazione della disciplina attraverso la simulazione e lo studio di casi reali. PERCORSO DIDATTICO FORMATIVO INDIRIZZO AFM-TUR: CLASSI PRIME Competenze: - Eseguire equivalenze, arrotondamenti di numeri decimali, proporzioni, calcoli percentuali e riparti - Saper impostare e risolvere problemi economici - Classificare le funzioni aziendali; rappresentare la struttura organizzativa aziendale esaminando semplici casi - Determinare il prezzo di vendita in funzione delle clausole contrattuali - Determinare la base imponibile di una fattura - Compilare fatture immediate e fatture differite 67

2 1. Strumenti operativi Principali misure del sistema internazionale. Relazioni tra grandezze economiche. Concetto di rapporto e proporzione. Concetto di percentuale e di calcolo percentuale. Concetto di riparto. 2. Le aziende Tipologia di aziende. Azienda come sistema. 3. Gli scambi economici dell azienda Le funzioni aziendali e i modelli organizzativi. Il contratto di compravendita I documenti della compravendita L imposta sul valore aggiunto Eseguire equivalenze. Impostare e risolvere proporzioni. Eseguire calcoli percentuali. Risolvere problemi di calcolo percentuale su base cento, sopra cento e sotto cento. Eseguire riparti diretti semplici e composti. Riconoscere le tipologie di azienda, la loro funzione economico-sociale e i diversi modelli organizzativi. Caratteri ed elementi della compravendita Contenuto e funzioni della fattura, del DDT, della ricevuta fiscale e dello scontrino fiscale Elementi che concorrono ed elementi che non concorrono a formare la base imponibile IVA Determinare il prezzo di vendita in funzione delle clausole contrattuali Determinazione della base imponibile IVA Compilare fatture riguardanti merci/prodotti assoggettati a diverse aliquote IVA INDIRIZZO AFM-TUR: CLASSI SECONDE Competenze: - Compilare fatture - Applicare le formule dirette e inverse di interesse e sconto, montante e valore attuale - Risolvere problemi finanziari. - Compilare i diversi strumenti di regolamento - Rappresentare il prospetto Fonti / Impieghi - Prospetto Costi e Ricavi 1. Ripasso fattura a 1 e a 2 aliquote IVA Ripasso calcoli finanziari Caratteri fondamentali del contratto di compravendita, gli elementi essenziali e le clausole. Documenti della compra-vendita, elementi che entrano a far parte della base imponibile IVA. Interesse, montante, sconto commerciale, valore attuale e formule inverse. Unificazione di più capitali. Compilare fatture Applicare le formule dirette e inverse di interesse e sconto, montante e valore attuale Risolvere problemi finanziari. 68

3 2. Regolamento degli scambi. 3. La gestione Il patrimonio e il reddito Caratteristiche principali dei più comuni strumenti di regolamento. Gli strumenti bancari di regolamento Le cambiali Gli assegni La gestione e il periodo amministrativo Le aree della gestione La classificazione dei costi e ricavi Il concetto di patrimonio e reddito La determinazione del reddito e del patrimonio Distinguere i titoli di credito dagli altri strumenti di regolamento. Compilare i diversi strumenti di regolamento Rappresentare il prospetto Fonti / Impieghi Prospetto Costi e Ricavi II BIENNIO PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA Ai fini del raggiungimento dei risultati di apprendimento nel secondo biennio il docente persegue, nella propria azione didattica ed educativa, l obiettivo prioritario di far acquisire allo studente le competenze di seguito richiamate: - riconoscere e interpretare: le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda; i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse - individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali - interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese - riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date - individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane - gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata - applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati - inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato - orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti - analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa - identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti Nell organizzare i percorsi di apprendimento il docente contestualizza la disciplina attraverso la simulazione e lo studio di casi reali. L articolazione dell insegnamento di Economia aziendale in conoscenze e abilità è di seguito indicata quale orientamento per la progettazione didattica del docente in relazione alle scelte compiute nell ambito della programmazione collegiale del Consiglio di classe. 69

4 PERCORSO DIDATTICO FORMATIVO INDIRIZZO AFM : CLASSI TERZE E CLASSE TERZA SEDE CARCERARIA Competenze: - Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali - Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli e processi - Interpretare i sistemi aziendali nei loro flussi informativi - Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali - Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di software applicativi 1. L AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE 2. LA GESTIONE AZIENDALE La gestione aziendale L aspetto finanziario ed economico delle operazioni Il reddito d esercizio Il patrimonio di funzionamento 3. IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Le rilevazioni aziendali Il conto e le regole di registrazione Le scritture elementari e le contabilità sezionali Le scritture obbligatorie L'inventario Gli adempimenti IVA 4. LA CONTABILITA GENERALE Il metodo della partita doppia Il sistema del patrimonio e del risultato economico Le rilevazioni nella contabilità generale La costituzione L'acquisizione dei fattori produttivi e loro regolamento La vendita e regolamento Le altre operazioni di gestione L azienda e i suoi rapporti con l ambiente. Le diverse tipologie di aziende. I soggetti aziendali. Classificazione delle aziende. Strumenti di rappresentazione, descrizione dei flussi informativi Finalità, concetti e tipologie della comunicazione d impresa. Architettura del sistema informativo aziendale. Modelli, strumenti e forme di comunicazione aziendale integrata. Strumenti di rappresentazione, descrizione e documentazione delle procedure e dei flussi informativi Principi contabili. Regole e tecniche di contabilità generale. Aspetti finanziari ed economici delle diverse aree della gestione aziendale. Individuare gli elementi costitutivi del sistema azienda Riconoscere le tipologie cui appartengono specifiche realtà aziendali Rappresentare e documentare i flussi informativi. Individuare e analizzare le operazioni delle aree gestionali Riconoscere e rappresentare l architettura di un sistema informativo aziendale. Rappresentare e documentare procedure e flussi informativi Individuare le fonti e analizzare i contenuti dei principi contabili. Redigere la contabilità. 5. LA REDAZIONE DEL Normative e tecniche di Redigere i documenti che 70

5 BILANCIO D ESERCIZIO Le scritture di assestamento Le scritture di epilogo La chiusura generale dei conti Il Bilancio d'esercizio 6. LA CONTABILITA DELLE IMPRESE MERCANTILI LABORATORIO 7. LA GESTIONE DELLA LOGISTICA AZIENDALE Il magazzino La politica delle scorte e i costi di gestione degli stock La funzione di approvvigionamento e i piani d acquisto redazione del sistema di bilancio Rilevazioni tipiche della contabilità delle imprese mercantili Conoscenza uso pacchetti applicativi Il concetto di logistica, di magazzino e la loro funzione e organizzazione Gli obiettivi della politica delle scorte e i costi che essa comporta La valutazione delle rimanenze e le conseguenti rilevazioni in P.D. compongono il sistema di bilancio. Gestire le rilevazioni elementari e saperle collocare nei programmi di contabilità integrata Utilizzare pacchetti applicativi (word, excel, power point) Individuare ed analizzare sotto il profilo strategico, finanziario ed economico le operazioni riguardanti le rimanenze INDIRIZZO RIM : CLASSE TERZA Competenze: - Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a soluzioni date - Interpretare i sistemi informativi aziendali nei loro modelli e processi - Individuare e accedere alla normativa civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali - Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali per realizzare attività di comunicazione, anche con l ausilio di programma di contabilità integrata e pacchetti applicativi 1. EVOLUZIONE DELL IMPRESA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE Lo sviluppo economico e i cambiamenti geopolitici mondiali. L azienda e il contesto in cui opera. L internazionalizzazione delle imprese. L impresa come sistema organizzato. 2. LA GESTIONE DELL'IMPRESA: PATRIMONIO E REDDITO La gestione e i suoi diversi aspetti. Teoria e principi di organizzazione aziendale. Modelli organizzativi nelle tipologie di aziende che operano nei mercati nazionali e internazionali. Modelli, strumenti e forme di comunicazione aziendale integrata. Aspetti economici e finanziari delle diverse aree di gestione aziendale Identificare i diversi processi e le dinamiche organizzative in funzione di strategie aziendali date. Riconoscere l assetto strutturale di una impresa attraverso l analisi dei suoi organigrammi e funzioni- grammi. Utilizzare codici e tecniche funzionali a contesti interni ed esterni all azienda. Individuare e analizzare sotto il profilo strategico, finanziario ed economico le operazioni delle aree gestionali. Individuare i modelli 71

6 Il reddito d'esercizio e il patrimonio di funzionamento. 3. IL SISTEMA INFORMATIVO DELL'IMPRESA Il sistema informativo aziendale. L'IVA e i documenti del commercio interno. I documenti del commercio con l'estero. La contabilità generale. Finalità, concetti e tipologie della comunicazione d'impresa. Architettura del sistema informativo aziendale. Modelli, strumenti e forme di comunicazione aziendale integrata. Norme, documentazione e aziendale ed enti e supporto degli importatori e degli esportatori nel commercio interno ed estero. Aspetti tecnici, economici, giuridici e contabili dei regolamenti internazionali. Regole e tecniche di contabilità generale. organizzativi idonei per determinate politiche Cogliere le implicazioni delle diverse funzioni e la necessità del coordinamento Saper distinguere tra pianificazione e programmazione Riconoscere e rappresentare l'architettura di un sistema informativo aziendale. Riconoscere e analizzare i diversi elementi che caratterizzano gli scambi interni ed internazionali, i principali documenti commerciali e bancari in ambiti nazionale ed internazionale. Effettuare calcoli relativi alle operazioni commerciali,finanziarie e bancarie per comparare scelte di convenienza economica. Redigere la contabilità utilizzando programmi applicativi integrati. 4. I PRICIPI DELLA CONTABILITA' GENERALE La costituzione dell'impresa. Gli acquisti e il loro regolamento. Le vendite e il loro regolamento. Le operazioni con le banche. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e strumenti di comunicazione integrata d'impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali. Orientarsi nella normativa pubblicistica, civilistica e fiscale. Individuare le fonti e analizzare i contenuti dei principi contabili. Redigere la contabilità utilizzando programmi applicativi integrati. Individuare e analizzare sotto il profilo strategico, finanziario ed economico le operazioni delle aree gestionali. Le operazioni di gestione. 5. CASI AZIENDALI 6. BUSINESS ENGLISH 7. LA CONTABILITA DELLE IMPRESE MERCANTILI LABORATORIO Il sistema azienda (Power Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento Rilevazioni tipiche della contabilità delle imprese mercantili ESERCITAZIONI Utilizzare lessico e fraseologia specifici di settore, anche in lingua inglese. Gestire le rilevazioni elementari e saperle collocare nei programmi di contabilità integrata Utlizzare pacchetti applicativi 72

7 Point) Reddito Patrimonio (word ed excel) Scritture di gestione (Excel) (word, excel, power point) INDIRIZZO TURISMO: CLASSI TERZE Competenze: - Riconoscere e interpretare: o le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni nel contesto turistico; o i macrofenomeni socio-economici globali in termini generali e specifici dell impresa turistica - Riconoscere le peculiarità organizzative delle imprese turistiche e contribuire a cercare soluzioni funzionali alle diverse tipologie - Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi di gestione e flussi informativi - Progettare, documentare e presentare servizi o prodotti turistici - Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con riferimento al settore turistico 1. Fenomeno turismo Ruolo del turismo nel contesto storico, sociale ed economico. Mercato turistico. Soggetti pubblici che intervengono nell attività turistica. 2. Imprese turistiche La domanda e l offerta turistica e loro caratteristiche. Caratteristiche delle imprese turistiche e del prodotto turistico. Ruoli e responsabilità nelle professioni turistiche. 3. Imprese ricettive Definizione, tipologie e classificazione delle imprese ricettive. Le fasi della prenotazione e i documenti emessi; il contratto d albergo. Le operazioni compiute dalle imprese ricettive e i relativi documenti. Riconoscere le componenti storiche, sociali e culturali che concorrono allo sviluppo integrato del turismo. Riconoscere le tendenze dei mercati. Individuare compiti, azioni e piani di intervento dei soggetti pubblici che operano nel settore turistico. Riconoscere il rischio imprenditoriale e individuare possibili strategie di attenuazione del rischio. Riconoscere gli elementi che compongono il prodotto turistico. Distinguere le strutture organizzative e riconoscere le problematiche del settore. Identificare i ruoli e le responsabilità delle diverse funzioni aziendali nell impresa turistica. Individuare le procedure che caratterizzano la gestione delle aziende turistiche, rappresentandone i processi e i flussi informativi. Riconoscere gli elementi che compongono il prodotto turistico. 73

8 4. Agenzie di viaggio Le ADV e la loro classificazione. Il voucher. I rapporti tra ADV intermediarie e imprese ricettive, tour operator e turisti. I rapporti tra ADV tour organizer e fornitori e clienti. La registrazione ai fini IVA delle operazioni effettuate dalle ADV. La liquidazione IVA. 5. Imprese di trasporto Il trasporto ferroviario. Il trasporto aereo. Il trasporto marittimo. Il trasporto su strada. Individuare le procedure che caratterizzano la gestione delle aziende turistiche, rappresentandone i processi e i flussi informativi. Riconoscere gli elementi che compongono il prodotto turistico. Individuare la documentazione per la realizzazione di un viaggio. Individuare le procedure che caratterizzano la gestione delle aziende turistiche, rappresentandone i processi e i flussi informativi. Individuare la documentazione per la realizzazione di un viaggio. INDIRIZZO AFM-SIA: CLASSI QUARTE Competenze: - Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata e utilizzare i sistemi informativi - Individuare gli elementi distintivi di ciascuna forma societaria, distinguere le norme e applicare le procedure da utilizzare nelle principali operazioni tipiche delle società di persone e di capitale - Individuare le esigenze conoscitive dei soggetti interessati al bilancio d esercizio e quelle dei soggetti interessati alla rendicontazione sociale e ambientale - Individuare le caratteristiche del mercato del lavoro, riconoscere le diverse tipologie di rapporto di lavoro subordinato e autonomo e applicare le norme previdenziali e fiscali; riconoscere gli elementi della retribuzione e del TFR - Analizzare la struttura finanziaria di un impresa attraverso opportuni indicatori, classificare e individuare le fonti da cui un impresa può attingere per soddisfare le proprie esigenze finanziarie e i fattori che determinano la dinamica finanziaria - Conoscere i mercati finanziari, i soggetti operanti nel sistema finanziario e comprendere le attività che essi svolgono individuando i servizi da loro offerti - Individuare gli elementi che caratterizzano l attività bancaria, conoscere le principali forme tecniche di raccolta diretta e distinguere i servizi bancari offerti - Inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda 1. I BILANCI AZIENDALI - LE SOCIETA Principi contabili; Aspetti finanziari ed economici delle diverse aree della gestione aziendale; Normative e tecniche di redazione del bilancio in relazione alla forma giuridica e alla tipologia dell azienda; Rilevare in P.D. le principali operazioni di gestione relative alle società di persone e di capitali. Individuare le fonti e analizzare i contenuti dei principi contabili Redigere e commentare i 74

9 2. IL MERCATO DEL LAVORO E LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 3. LA GESTIONE FINANZIARIA IL MERCATO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI 4. LE IMPRESE BANCARIE: OPERAZIONI E SERVIZI PER I RISPARMIATORI 5. IL MARKETING E IL SISTEMA DISTRIBUTIVO Principi di responsabilità sociale e bilancio sociale/ambientale. Caratteristiche del mercato di lavoro; Struttura e aspetti economici dei contratti di lavoro; Politiche, strategie, amministrazione nella gestione delle risorse umane; Correlazione, calcolo, analisi relative al fabbisogno finanziario e alle connesse fonti di finanziamento nelle diverse forme giuridiche d impresa; Soggetti, mercati, prodotti e organi del sistema finanziario; Aspetti tecnici, economici e contabili delle operazioni di intermediazione finanziaria; Calcoli connessi ai principali contratti bancari Aspetti tecnici, economici, giuridici e contabili delle operazioni di intermediazione bancaria e relativa documentazione Principi, teoria e tecniche di marketing Analisi e politiche di mercato documenti che compongono il sistema di bilancio Descrivere il ruolo sociale dell impresa ed esaminare il bilancio sociale ed ambientale. Raffrontare tipologie diverse di rapporti di lavoro Calcolare la remunerazione del lavoro e redigere i connessi documenti Riconoscere soggetti, caratteristiche gestionali e regole dei mercati finanziari Individuare e descrivere i prodotti dei mercati finanziari Effettuare calcoli relativi alle principali operazioni finanziarie Effettuare calcoli relativi alle operazioni bancarie anche per comparare offerte di investimento Riconoscere e analizzare i principali documenti di sintesi della gestione delle banche Ricercare e descrivere le caratteristiche dei mercati di beni e servizi Individuare in un dato contesto il comportamento dei consumatori e delle imprese concorrenti Riconoscere l evoluzione delle strategie di marketing INDIRIZZO RIM: CLASSE QUARTA Competenze: - Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata - Utilizzare sistemi informativi e strumenti di comunicazione integrata - Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi, con riferimento alle diverse tipologie di imprese - Inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda - Riconoscere e interpretare le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali - Individuare le caratteristiche del mercato del lavoro, gestione del sistema delle rilevazioni 75

10 1. Scritture assestamento- Bilancio 2. Finanza aziendale e decisioni di investimento Inventario d esercizio Scritture di assestamento Le scritture di epilogo e chiusura Il Bilancio d esercizio La riapertura La gestione finanziaria Le decisioni di investimento 3. Il Marketing La funzione di marketing Il marketing mix: prodotto, prezzo comunicazione 4. Il ciclo degli scambi internazionali 5. La gestione delle risorse umane Il marketing mix: la distribuzione Il marketing internazionale Il contratto di compravendita internazionale Il regolamento degli scambi internazionali Il trasferimento della merce all estero Le risorse umane nell impresa L amministrazione del personale Individuare le fonti e analizzare i contenuti dei principi contabili Redigere la contabilità utilizzando programmi applicativi integrati Redigere e commentare i documenti che compongono il Bilancio Individuare le possibili fonti di finanziamento nazionali e internazionali in relazione alla forma giuridica d impresa. Correlare e comparare finanziamenti e impieghi Ricevere e descrivere le caratteristiche dei mercati di beni e servizi Costruire strumenti di indagine, raccogliere dati, elaborarli e interpretarli Riconoscere l evoluzione delle strategie di marketing Elaborare piani di marketing Riconoscere e analizzare i diversi elementi che caratterizzano gli scambi interni e internazionali I principali documenti commerciali e bancari in ambito nazionale e internazionale Raffrontare le diverse tipologie di rapporto di lavoro nazionale e internazionale Calcolare la remunerazione del lavoro e redigere i connessi documenti amministrativi Redigere il CVE INDIRIZZO TURISMO: CLASSI QUARTE Competenze: - Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi di gestione e flussi informativi - Riconoscere le peculiarità organizzative delle imprese turistiche e contribuire a cercare soluzioni funzionali alle diverse tipologie - Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica, fiscale con particolare riferimento a quella del settore turistico - Analizzare e ottimizzare i costi delle imprese turistiche - Riflettere sulle strategie e sulle procedure di marketing - Utilizzare il sistema delle comunicazioni e delle relazioni delle imprese turistiche 76

11 1. L impresa e le società I fondamenti dell attività economica. L azienda. 2. Le risorse umane e i rapporti di lavoro 3. La gestione aziendale e il sistema informativo 4. Patrimonio e reddito: i risultati della gestione aziendale Le diverse forme di società. Le risorse umane in azienda. I principali contratti di lavoro. La busta paga. La liquidazione del TFR La gestione e i suoi caratteri. Le operazioni tipiche della gestione. Il sistema informativo contabile e non contabile. La determinazione del patrimonio aziendale. I componenti di reddito. Il reddito d esercizio e la competenza economica. 5. Il Bilancio d esercizio La formazione del Bilancio d esercizio e il suo valore informativo. Il sistema tributario. 6. La contabilità dei costi La contabilità analitica. Il break-even point. Il concetto di centro di costo, i costi diretti e indiretti. Le configurazioni di costo. I metodi di imputazione dei costi comuni. La determinazione del prezzo nelle imprese turistiche. 7. La gestione finanziaria Le fonti di finanziamento interne ed esterne. Le caratteristiche del factoring. Le caratteristiche delle diverse tipologie di leasing. 8. Il marketing Il marketing. Il marketing mix I contenuti di una ricerca di marketing. La segmentazione del mercato. Distinguere le diverse forme giuridiche delle imprese. Cogliere opportunità e svantaggi dei diversi tipi di società. Comprendere gli elementi della retribuzione e la loro applicazione. Saper calcolare la busta paga e il TFR. Riconoscere le operazioni fondamentali della gestione. Distinguere il ruolo del sistema contabile da quello del sistema non contabile. Riconoscere i caratteri del capitale proprio e del capitale di terzi. Saper determinare il patrimonio aziendale e il reddito d esercizio. Riclassificare le voci della situazione contabile nelle voci di bilancio. Determinare contabilmente il reddito e il patrimonio. Costruire il grafico del break-even point. Distinguere i costi diretti e indiretti. Determinare le diverse configurazioni di costo. Ripartire i costi comuni con il metodo della base unica. Calcolare il prezzo di un servizio turistico. Individuare le fonti di finanziamento interne ed esterne. Determinare i costi di un contratto di factoring. Calcolare la rata di un contratto di leasing. Distinguere i diversi tipi di leasing e le motivazioni del loro utilizzo. Riconoscere gli elementi del marketing e del marketing mix. Individuare gli elementi significativi di una ricerca di marketing. 77

12 9. La comunicazione Il concetto di comunicazione. Il linguaggio verbale, paraverbale e non verbale. Il rapporto diretto con il cliente. Individuare gli elementi della comunicazione e interpretare il linguaggio. Saper gestire il rapporto con il cliente nell ottica della customer satisfaction. QUINTO ANNO PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA Competenze: - Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali - Utilizzare i sistemi informativi aziendali per realizzare attività comunicative - Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati - Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle diverse tipologie di imprese - Inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda - Orientarsi nel mercato dei prodotti bancari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose - Individuare e accedere alla normativa civilistica e fiscale INDIRIZZO AFM-SIA : CLASSI QUINTE E CLASSE QUINTA AFM SEDE CARCERARIA 1. LA CONTABILITÀ, I BILANCI E LA FISCALITÀ D IMPRESA Principali operazioni di gestione di un impresa industriale, con particolare riferimento alla gestione dei beni strumentali Determinazione del reddito d esercizio e il patrimonio di funzionamento di un impresa industriale Funzione informativa del Bilancio L analisi di Bilancio: finalità, analisi per indici, analisi per flussi Normativa per la determinazione del reddito fiscale d impresa 2. LA LOGISTICA Funzione svolta dalla logistica Funzione svolta dal magazzino Valorizzazione carichi e scarichi di magazzino (LIFO, FIFO) Registrare in P.D. le scritture di esercizio e di assestamento di un impresa industriale Redigere la situazione contabile finale e determinare il reddito d esercizio e il patrimonio di funzionamento Calcolare e interpretare gli indici di redditività, produttività, patrimoniali e finanziari Redigere i Rendiconti finanziari Individuare le variazioni da apportare al reddito di bilancio per determinare il reddito fiscale (ammortamenti, spese manutenzione e riparazione,svalutazione crediti plusvalenze e rimanenze) -Individuare le funzioni della logistica aziendale e del magazzino - Individuare e analizzare le tecniche utilizzate nella gestione delle scorte - Applicare i metodi di 78

13 3. LA CONTABILITA GESTIONALE Rappresentazione nel bilancio d Esercizio delle scorte Le funzioni della contabilità gestionale L oggetto della contabilità gestionale Classificazione dei costi nella contabilità gestionale Imputazione dei costi ai prodotti Metodologie di determinazione dei costi (Direct Costing, Full Costing, Activity Based Costing) Rapporti tra contabilità gestionale e contabilità generale Analisi dei costi a supporto delle decisioni aziendali valutazione delle rimanenze di magazzino, Break Even Point analisi differenziale valorizzazione delle scorte - Iscrivere nello SP e CE le scorte di magazzino e le loro variazioni Descrivere le funzioni della contabilità gestionale come supporto informativo delle decisioni aziendali Definire i diversi tipi di oggetto di cui la contabilità gestionale consente di rilevare il costo Classificare i costi secondo parametri diversi in funzione dello scopo della classificazione Scegliere e determinare le diverse configurazioni di costo in funzione dell oggetto o dell obiettivo di calcolo Risolvere i problemi di calcolo dei costi collegati a scelte di break even, accettazione ordini, scelte make or buy 4. LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA E LA PROGRAMMAZIONE AZIENDALE La strategie aziendale: Qualità totale Activity Based Management Aree Strategiche d Affari Matrice BCG Strategia di business e funzionali Swot Analysis La pianificazione strategica La programmazione aziendale e il controllo di gestione Il budget Analisi degli scostamenti Reporting aziendale Business Plan Conoscere la funzione di guida della vision e della mission aziendali Riconoscere le strategie di corporate, della strategia di business e delle strategie funzionali Conoscere la funzione e la composizione del portafoglio strategico e le principali scelte che lo riguardano Riconoscere le caratteristiche delle strategie competitive: strategia di leadership di costo e strategie di differenziazione Conoscere i criteri di determinazione dei costi standard e distinguerne le varie tipologie Redigere in situazioni operative semplificate: i budget settoriali e il budget degli investimenti Calcolare gli scostamenti di costo e di ricavo e individuarne le cause 5. I PRODOTTI BANCARI PER Concetto di fido bancario Identificare le fasi di 79

14 LE IMPRESE 6. BILANCIO CON DATI A SCELTA Istruttoria fido Diverse forme tecniche di finanziamento Apertura di credito in c/c, anticipazione su pegno Smobilizzo dei crediti commerciali (sconto cambiali, portafoglio Sbf, Anticipo su fatture) Factoring Caratteristiche del mutuo Leasing finanziario Bilancio in presenza di vincoli numeri e logici un istruttoria di fido Distinguere le diverse forme tecniche di finanziamento alle imprese a breve e a medio/lungo termine Compilare e analizzare la documentazione bancaria relativa a un apertura di credito in c/c Confrontare le diverse caratteristiche delle operazioni di smobilizzo crediti Confrontare le caratteristiche di forme alternative di finanziamento (leasing finanziario e mutuo) Redigere Bilancio in presenza di vincoli numerici e logici INDIRIZZO TUR : CLASSI QUINTE PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA Competenze: - Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare - Utilizzare il sistema delle comunicazioni e delle relazioni delle imprese turistiche - Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati - Progettare, documentare e presentare servizi o prodotti turistici - Utilizzare strategie di marketing per la promozione del prodotto e dell immagine turistica del territorio in Italia e all estero - Distinguere e valutare i diversi prodotti turistici e i servizi aziendali, effettuando calcoli di convenienza per individuare soluzioni ottimali - Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale 1. IL MERCATO TURISTICO NEL TERZO MILLENIO 2. LA PROGRAMMAZIONE AZIENDALE Le evoluzioni del mercato turistico Le innovazioni delle imprese turistiche odierne Strategia aziendale e pianificazione strategica Tecniche di controllo e monitoraggio dei processi Qualità nelle imprese turistiche Riconoscere le principali caratteristiche delle imprese turistiche presenti sul mercato. Riconoscere gli effetti positivi e le ricadute negative del fenomeno turistico Individuare i più recenti trend del mercato turistico Utilizzare tecniche e strumenti per la pianificazione, la programmazione, l organizzazione, la gestione di eventi e relative attività di sistema Individuare mission, vision,strategia e pianificazione dei casi aziendali dati Individuare i parametri di qualità nelle imprese turistiche 80

15 3. IL BUSINESS PLAN Lo sviluppo della 4. IL BUDGET DELLE IMPRESE TURISTICHE 5. LA COMUNICAZIONE NELL IMPRESA 6. IL PIANO DI MARKETING 7. IL MARKETING TERRITORIALE business idea e lo studio di fattibilità di business plan Il piano di start-up Il preventivo finanziario ed economico Concetto e tipologia di budget I budget di settore delle agenzie di viaggio e dei tour.operator. I budget economici, finanziari e degli investimenti dei diversi operatori del settore turistico Il budgetary control e l analisi degli scostamenti Scopi e forme della comunicazione esterna d impresa Progettazione e stesura del piano di comunicazione Finalità e tecniche della comunicazione d impresa La comunicazione come strumento di promozione personale durante la ricerca di lavoro La pianificazione strategica di marketing Le fasi dell analisi della situazione esterna L analisi della situazione interna La determinazione degli obiettivi e della strategia di marketing La definizione delle tattiche di marketing I compiti della pubblica amministrazione nel settore turistico Lo sviluppo turistico sostenibile Il marketing turistico pubblico Il marketing turistico integrato Il marketing della destinazione turistica I sistemi turistici locali Il piano di marketing Individuare gli elementi necessari per sviluppare una business idea Individuare i punti di forza e di debolezza di un progetto imprenditoriale Redigere il piano di start-up Elaborare il preventivo finanziario, economico e calcolare gli indici di redditività Analizzare le varie tipologie di budget settoriali Calcolare il break even-point Elaborare i budget economici,degli investimenti e finanziari Determinare i costi operativi non distribuiti Effettuare controlli per valutare la validità e correttezza delle previsioni Riconoscere gli obiettivi della comunicazione d impresa Individuare e selezionare le forme, le strategie e le tecniche di comunicazione aziendale più appropriate nei diversi contesti Redigere un semplice piano di comunicazione Scrivere il proprio curriculum vitae in maniera chiara ed efficace Individuare gli elementi necessari per sviluppare un piano di marketing Segmentare il mercato Analizzare l ambiente politico, economico e sociale in cui opera un impresa turistica Individuare i concorrenti di mercato Individuare le opportunità e le minacce provenienti dall ambiente esterno Individuare i punti di forza e di debolezza dell ambiente interno Riconoscere il ruolo svolto dalla pubblica amministrazione per lo sviluppo turistico del territorio Individuare e contestualizzare nel proprio territorio le caratteristiche dello sviluppo turistico sostenibile Distinguere le attività di promozione territoriale degli operatori pubblici e privati Riconoscere le opportunità di collaborazione fra la pubblica amministrazione e le imprese private nel settore turistico Effettuare la SWOT analysis di una destinazione turistica 81

16 8. L ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 9. L ANALISI DI BILANCIO PER FLUSSI strategico turistico pubblico IL bilancio d esercizio L interpretazione e le analisi del bilancio per la conoscenza della situazione aziendale La riclassificazione delle fonti e degli impieghi dello stato patrimoniale Le riclassificazioni del conto economico a valore aggiunto e a costo venduto I margini e il sistema degli indici Le analisi di bilancio per flussi I costi e ricavi monetari e non Il flusso della gestione reddituale Il capitale circolante netto e il rendiconto delle sue variazioni I flussi di liquidità e il loro rendiconto Individuare gli elementi distintivi di un sistema turistico locale Interpretare e analizzare il bilancio Riclassificare lo stato patrimoniale secondo il criterio finanziario Riclassificare il conto economico secondo le configurazioni a valore aggiunto e a costo del venduto Cogliere il valore segnaletico dei margini e degli indici di bilancio Calcolare, valutare e correlare i principali indici economici, finanziari e patrimoniali Distinguere fra fondi e flussi Distinguere i costi e i ricavi non monetari da quelli monetari Redigere il rendiconto del capitale circolante netto Individuare le operazioni che originano flussi di liquidità Redigere il rendiconto delle variazioni di liquidità 82

17 PTOF All. 2 Diritto CURRICULUM DI DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE INTRODUZIONE L insegnamento e l apprendimento delle discipline giuridiche ed economiche è finalizzato a far conseguire agli studenti delle competenze di cittadinanza attiva, favorendo l inserimento nel mondo del lavoro e in quello universitario attraverso l approfondimento di tematiche di carattere normativo e socioeconomico. Al termine del percorso quinquennale di istruzione tecnica del settore economico lo studente deve essere in grado di: analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino a spiegare i comportamenti individuali e collettivi in chiave economica; riconoscere la varietà e lo sviluppo storico delle forme economiche, sociali e istituzionali attraverso le categorie di sintesi fornite dall economia e dal diritto; riconoscere l interdipendenza tra fenomeni economici, sociali, istituzionali, culturali, tecnologici e la loro dimensione locale/globale; stabilire collegamenti tra le tradizioni locali, nazionali e internazionali sia in una prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro. I BIENNIO PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA DIRITTO ED ECONOMIA - Accettare le regole condivise dal gruppo, individuando e scegliendo varie fonti e varie modalità di informazione anche in funzione del proprio metodo di studio e di lavoro. - Sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i propri diritti e bisogni riconoscendo nel contempo quelli altrui, i limiti, le regole e le responsabilità. - Collocare l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona, della collettività e dell ambiente. - Orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio. PERCORSO DIDATTICO FORMATIVO CLASSI PRIME 1. I principi generali del diritto Le norme giuridiche e le fonti I soggetti del diritto: persone fisiche e persone giuridiche. Il rapporto giuridico 2. Lo Stato e la Costituzione Lo Stato: struttura ed elementi costitutivi. Forme di stato e di governo La Costituzione Italiana: struttura, caratteri e principi fondamentali 3. Il sistema economico I fondamenti dell attività economica: bisogni e beni I sistemi economici Individuare le caratteristiche essenziali della norma giuridica e comprenderne l importanza a partire dalle proprie esperienze e dal contesto scolastico. Valorizzare il ruolo personale all interno del sistema Descrivere le caratteristiche essenziali dello Stato e delle sue forme. Riconoscere l importanza della Costituzione Italiana quale fonte primaria ed essenziale del diritto Identificare il ruolo e le funzioni dei principali soggetti economici 83

18 PTOF All. 2 Diritto I soggetti economici: famiglia, impresa, Stato e Resto del Mondo Il circuito economico Mettere in relazione l organizzazione della società con il suo sistema economico Analizzare le relazioni tra i vari operatori del sistema economico REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL SECONDO ANNO 1. I principi generali del diritto Le norme giuridiche e le fonti I soggetti del diritto 2. Lo Stato e la Costituzione Lo Stato, forme di stato e di governo La Costituzione Italiana: struttura e caratteri 3. Il sistema economico I fondamenti dell attività economica: bisogni e beni I soggetti economici I sistemi economici Individuare le caratteristiche essenziali della norma giuridica e delle sue fonti Descrivere le caratteristiche essenziali dello Stato e della Costituzione Italiana Riconoscere il ruolo e le funzioni dei principali soggetti e delle dinamiche del sistema economico CLASSI SECONDE 1. I diritti e i doveri dei cittadini La tutela della libertà personale I rapporti civili, etico-sociali, economici, politici 2. L organizzazione dello Stato Il Parlamento Il Governo Gli Enti locali 3. L organizzazione dello Stato La Magistratura Il Presidente della Repubblica La Corte Costituzionale 4. I mercati Il prezzo, la domanda e l offerta Le diverse forme di mercato 5. La moneta Le tipologie, le funzioni e il valore della monetai Le banche L inflazione, le sue cause e i Riconoscere la necessità di rispettare specifici limiti nell esercizio dei propri diritti in relazione alle esigenze collettive Cogliere l importanza sociale della funzione legislativa e dell attività del Governo Percepire le istituzioni locali come enti vicini alla cittadinanza Comprendere il principio d indipendenza della Magistratura Riflettere sul ruolo super partes del Capo dello Stato Cogliere le strette connessioni tra prezzo, domanda e offerta dei beni Comprendere le dinamiche concorrenziali nelle forme di mercati esistenti Identificare il valore della moneta con il suo potere d acquisto Cogliere l importanza delle 84

19 PTOF All. 2 Diritto suoi effetti misure antinflazionistiche da parte dello Stato REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL TERZO ANNO 1. I diritti e i doveri dei cittadini Le espressioni diverse della liberta personale nei rapporti con gli altri 2. L organizzazione dello Stato La composizione e la funzione degli Organi Costituzionali e degli Enti locali 3. I mercati La struttura e la tipologia diversa dei mercati 4. La moneta Il valore effettivo della moneta L inflazione Individuare le caratteristiche essenziali della norma giuridica e delle sue fonti Descrivere le caratteristiche essenziali dello Stato e della Costituzione Italiana Comprendere il valore degli elementi che danno origine alle varie forme di mercato Correlare il valore della moneta al suo potere d acquisto variabile nel tempo II BIENNIO PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA DIRITTO - saper valutare ed orientare i propri comportamenti in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione e quelli più generali di legalità, anche in riferimento alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell ambiente e del territorio; - individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento; - individuare e accedere alla normativa civilistica con particolare riferimento alle attività aziendali, utilizzando le fonti normative; - individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane; - saper applicare a situazioni concrete le norme relative alle obbligazioni, ai contratti, alle imprese individuali e collettive. INDIRIZZO AFM (articolazioni AFM, RIM e SIA) e INDIRIZZO TURISMO CLASSE TERZA 1. Diritto e ordinamento giuridico 2. Le obbligazioni e le sue fonti Le fonti e i soggetti del diritto; I rapporti giuridici Il rapporto obbligatorio; Adempimento e inadempimento; Elementi del contratto; Art c.c. Reperire le norme nel sistema civilistico e individuare gli elementi costitutivi del rapporto giuridico Applicare disposizioni normative a situazioni date 3. I diritti reali La proprietà e il possesso Applicare disposizioni normative a situazioni date 85

20 PTOF All. 2 Diritto REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO 1. Diritto e ordinamento giuridico 2. Le obbligazioni e le sue fonti Le fonti e i soggetti del diritto. I rapporti giuridici Il rapporto obbligatorio; Adempimento e inadempimento. Elementi del contratto; Art c.c. Reperire le norme nel sistema civilistico e individuare gli elementi costitutivi del rapporto giuridico Descrivere gli elementi essenziali del rapporto obbligatorio INDIRIZZO AFM (articolazioni AFM, RIM e SIA) e INDIRIZZO TURISMO: CLASSE QUARTA 1. L imprenditore La figura dell imprenditore e le sue tipologie; L azienda ed i suoi segni distintivi. L impresa turistica e le strutture ricettive (solo per il corso turismo) 2. Le società Il contratto di società; Tipi di società ed elementi caratterizzanti. 3. Il rapporto di lavoro Disciplina giuridica del lavoro subordinato 4. Lo Stato e la Pubblica Amministrazione (solo per il corso RIM) Elementi costitutivi dello Stato; I principi dell attività amministrativa Definire la figura dell imprenditore e classificarne i vari tipi, individuando le peculiarità di ciascuno di essi. Individuare i diversi segni distintivi Individuare gli elementi costitutivi del contratto di società e distinguere i diversi tipi di società con la relativa disciplina giuridica Reperire e analizzare le principali fonti normative relative al rapporto di lavoro subordinato Definire gli elementi costitutivi dello Stato e descrivere la nozione di attività amministrativa REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO 1. L imprenditore La figura dell imprenditore e le sue tipologie; L azienda ed i suoi segni distintivi 2. Le società Il contratto di società; Tipi di società ed elementi caratterizzanti. Definire la figura dell imprenditore e distinguerne i vari tipi. Individuare i diversi segni distintivi Individuare gli elementi costitutivi del contratto di società e distinguere i diversi tipi di società 3. Il rapporto di lavoro Disciplina giuridica del lavoro Reperire le principali fonti 86

21 PTOF All. 2 Diritto subordinato normative relative al rapporto di lavoro subordinato ECONOMIA POLITICA/RELAZIONI INTERNAZIONALI PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA Riconoscere e interpretare: - le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; - macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda; - i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica e sincronica. INDIRIZZO AMF (articolazioni AFM, RIM e SIA): CLASSE TERZA 1. Introduzione all economia politica e principali teorie economiche Soggetti e sistemi economici. Evoluzione del pensiero economico 2. La produzione I fattori produttivi. I costi di produttivi 3. Il mercato La domanda e l offerta. Le forme di mercato 4. L economia internazionale Globalizzazione e rapporti economici internazionali Descrivere i rapporti tra i soggetti economici e le principali teorie economiche Individuare i fattori della produzione ed i relativi costi Rappresentare graficamente la domanda e l offerta e descrivere gli elementi caratterizzanti le diverse forme di mercato Descrivere l evoluzione del mercato internazionale REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO 1. Introduzione all economia politica e principali teorie economiche Soggetti e sistemi economici. Evoluzione del pensiero economico 2. La produzione I fattori produttivi. I costi di produttivi 3. Il mercato La domanda e l offerta. Le forme di mercato Descrivere i rapporti tra i soggetti economici e le principali teorie economiche Individuare i fattori della produzione ed i relativi costi Definire la domanda e l offerta e gli elementi caratterizzanti le diverse forme di mercato 87

22 PTOF All. 2 Diritto ECONOMIA POLITICA/RELAZIONI INTERNAZIONALI INDIRIZZO AFM (articolazioni AFM, RIM e SIA): CLASSE QUARTA 1. La distribuzione del reddito Prodotto e Reddito nazionale. Tipi di distribuzione del reddito e relative teorie economiche 2. La moneta Origini e funzioni della 3. I rapporti economici internazionali moneta. Le teorie sulla moneta. Il mercato monetario e finanziario. L inflazione. Evoluzione storica dei rapporti economici internazionali. Le politiche commerciali. La bilancia dei pagamenti. Il cambio Descrivere la nozione di prodotto e reddito nazionale. Individuare i vari tipi di distribuzione del reddito e descrivere le principali teorie economiche ad essi relative Definire il valore e le funzioni della moneta. Descrivere le diverse teorie economiche elaborate in merito alla moneta. Cogliere analogie e differenze tra mercato monetario e finanziario. Individuare le cause, gli effetti e le politiche relative all inflazione. Individuare le problematiche relative ai rapporti internazionali. Distinguere le diverse tendenze relative alle politiche commerciali; Individuare le problematiche relative alla contabilità pubblica e al cambio nei rapporti commerciali internazionali REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO 1. La distribuzione del reddito Prodotto e Reddito nazionale. Tipi di distribuzione del reddito e relative teorie economiche 2. La moneta Origini e funzioni della moneta. Le teorie sulla moneta. 3. I rapporti economici internazionali Il mercato monetario e finanziario. L inflazione Evoluzione storica dei rapporti economici internazionali. Le politiche commerciali internazionali Definire il prodotto e il reddito nazionale. Individuare i vari tipi di distribuzione del reddito Definire il valore e le funzioni della moneta. Definire le nozioni di mercato monetario e finanziario. Individuare le cause, gli effetti dell inflazione Individuare le problematiche relative ai rapporti internazionali. Definire le politiche 88

Comunicazione economico-finanziaria

Comunicazione economico-finanziaria Pagina 1 di 6 Comunicazione economico-finanziaria Bilanci aziendali Il bilancio d esercizio - Il sistema informativo di bilancio - La normativa sul bilancio Le componenti del bilancio civilistico: Stato

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE Indirizzo AFM, IGEA, Liceo e Mercurio

ECONOMIA AZIENDALE Indirizzo AFM, IGEA, Liceo e Mercurio ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE Anno scolastico 2011/2012 SCHIAPARELLI-GRAMSCI Schiaparelli via Settembrini 4, 20124 Milano tel. 02/2022931 fax 29512285 E-mail schiaparelli@libero.it Gramsci L.go

Dettagli

Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2

Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Nuovo Domani in azienda 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO TECNICO. ISTITUTO TECNICO Settore ECONOMICO

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO TECNICO. ISTITUTO TECNICO Settore ECONOMICO INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO Settore ECONOMICO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING TURISMO 1-2 1-2 3-4 3-4 MONOENNIO 5 MONOENNIO 5 DIPLOMA in AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING DIPLOMA in TURISMO

Dettagli

MAPPA DEGLI INDIRIZZI E DELLE ARTICOLAZIONI dell ITE MATTEUCCI

MAPPA DEGLI INDIRIZZI E DELLE ARTICOLAZIONI dell ITE MATTEUCCI MAPPA DEGLI INDIRIZZI E DELLE ARTICOLAZIONI dell ITE MATTEUCCI PROFILO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo

Dettagli

SCHEDA DISCIPLINARE ALLEGATA AL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO

SCHEDA DISCIPLINARE ALLEGATA AL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO SCHEDA DISCIPLINARE ALLEGATA AL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO Disciplina: Economia Aziendale Insegnante: Antonello Lutzu Libro di testo in adozione: Autore: P. Boni P. Ghigini C. Robecchi B. Trivellato Titolo:

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Materia: Economia aziendale classi: quinte Sistemi Informativi A.S. 2015/2016 Risultati di apprendimento ( linee guida

Dettagli

Amministrazione, Finanza e Marketing Relazioni internazionali per il Marketing e Sistemi informativi

Amministrazione, Finanza e Marketing Relazioni internazionali per il Marketing e Sistemi informativi Amministrazione, Finanza e Marketing Relazioni internazionali per il Marketing e Sistemi informativi ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO ore DISCIPLINE 1 biennio

Dettagli

CLASSE QUARTA Relazioni Internazionali

CLASSE QUARTA Relazioni Internazionali CLASSE QUARTA Relazioni Internazionali Modulo 1. DALLE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO AL BILANCIO Sapere: Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali, utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Largo Zecca, 4-16124 C.F. 95062410105 PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO TECNICO ECONOMICO CLASSE PRIMA I FONDAMENTI DELL ATTIVITA ECONOMICA: L attività economica La produzione, lo scambio, il consumo,

Dettagli

PIANO DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PIANO DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PIANO DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CLASSE: Terza Sistemi Informativi Aziendali MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE QUADRO ORARIO (ORE SETTIMANALI): 4 ore Finalità Lo studente al termine del percorso dovrà essere

Dettagli

Discipline Economico-Aziendali classe di concorso A017. La Verghetta Maria

Discipline Economico-Aziendali classe di concorso A017. La Verghetta Maria Discipline Economico-Aziendali classe di concorso A017 La Verghetta Maria Ambito 1 Discipline Economico-Aziendali classe di concorso A017 a cura di La Verghetta Maria Lezione 1 Analisi dell impianto culturale

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE ANNO SCOLASTICO CLASSE 1 A TUR PROF.SSA GUAGNANO ELISABETTA. UNITA 1: L azienda

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE ANNO SCOLASTICO CLASSE 1 A TUR PROF.SSA GUAGNANO ELISABETTA. UNITA 1: L azienda ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE 1 A TUR PROF.SSA GUAGNANO ELISABETTA UNITA 1: L azienda 1- L azienda e i suoi elementi costitutivi 2- Classificazioni 3- I soggetti aziendali 4- La produzione 5- L organizzazione

Dettagli

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2015/2016

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2015/2016 CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2015/2016 CLASSI PRIME AFM/SIA(tranne sportivo)/ri/turismo Calcoli percentuali, riparti semplici e composti diretti Concetto di azienda, soggetto economico e giuridico

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE IB FM INSEGNANTE BENINCASA ANNA GLI STRUMENTI OPERATIVI PER L ECONOMIA AZIENDALE... I sistemi di misura Le proporzioni Il calcolo percentuale Calcoli sopra e sotto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA. Competenze

PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA. Competenze DIPLOMA DI ISTRUZIONE PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA A. S. 2015/2016 Disciplina TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI Classe 5^ SCT Indirizzo SERVIZI COMMERCIALI AMBITO TURISTICO Competenze Secondo

Dettagli

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing Materia: ECONOMIA AZIENDALE Classe: V Sezione: C Indirizzo di studi: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Docente: PEZZELLA PIO PROGRAMMA SVOLTO Lineamenti della moderna impresa industriale Che cosa s intende

Dettagli

I.I.S. G. CENA INTRODUZIONE

I.I.S. G. CENA INTRODUZIONE I.I.S. G. CENA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA - IVREA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2016-2017 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI CLASSI IV INDIRIZZO

Dettagli

Diritto - piano di lavoro per la classe quarta

Diritto - piano di lavoro per la classe quarta Diritto - piano per la classe quarta Risultati di Il docente di Diritto concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinque n- nale, risultati di che lo mettano in grado di: riconoscere

Dettagli

Corso: TURISMO PROGRAMMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI

Corso: TURISMO PROGRAMMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI 1 Corso: TURISMO PROGRAMMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO CLASSI 3^, 4^, 5^ SEZIONI E - F Obiettivi minimi: L alunno dovrà: Conoscere e descrivere approfonditamente

Dettagli

Anno scolastico Programma di Economia Aziendale Classe 5^ C SIA Insegnante: Lino Bartolini

Anno scolastico Programma di Economia Aziendale Classe 5^ C SIA Insegnante: Lino Bartolini Anno scolastico 2015-2016 Programma di Economia Aziendale Classe 5^ C SIA Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : L IMPRESA INDUSTRIALE: STRATEGIE - ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE - MARKETING Le caratteristiche

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: Professionale

Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: Professionale Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: Professionale DISCIPLINA: TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI CLASSE: PRIMA INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI OPERATORE AMMINISTRATIVO SEGRETARIALE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2015/2016. I.I.S.S. ''C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO: ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2015/2016. I.I.S.S. ''C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO: ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 I.I.S.S. ''C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO: ECONOMIA AZIENDALE PROF.SSA FAINI DANIELA CLASSE 1 B indirizzo economico AFM n alunni 23 ATTIVITA'

Dettagli

UNITA DIDATTICA. Conoscenze. Sistema azienda e rapporti azienda/ambiente Vantaggio competitivo Modelli di organizzazione aziendale.

UNITA DIDATTICA. Conoscenze. Sistema azienda e rapporti azienda/ambiente Vantaggio competitivo Modelli di organizzazione aziendale. Titolo: L'azienda e la sua organizzazione Codice: E1-S-Pro-Comm Ore previste: 16 Sistema azienda e rapporti azienda/ambiente Vantaggio competitivo Modelli di organizzazione aziendale Interagire nel sistema

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDIO. Indirizzo : Amministrazione, Finanza e Marketing Diploma: Ragioniere e Perito Commerciale

INDIRIZZI DI STUDIO. Indirizzo : Amministrazione, Finanza e Marketing Diploma: Ragioniere e Perito Commerciale INDIRIZZI DI STUDIO Indirizzo : Amministrazione, Finanza e Marketing Diploma: Ragioniere e Perito Commerciale Tale profilo è volto all acquisizione di ampie e sistematiche conoscenze dal punto di vista

Dettagli

Il Progetto Officina delle competenze

Il Progetto Officina delle competenze Documento del consiglio di classe Il Progetto Officina delle competenze Laboratori delle competenze del triennio ITE Obiettivi del progetto 1. Rafforzare l ambito tecnico-professionale del settore economico

Dettagli

Dipartimento di Diritto ISIS ZENALE E BUTINONE TREVIGLIO Anno scolastico

Dipartimento di Diritto ISIS ZENALE E BUTINONE TREVIGLIO Anno scolastico PROGRAMMAZIONE CURRICULARE DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA CLASSI TERZE E QUARTE ISTRUZIONE TECNICA NEL TURISMO COMPETENZE Competenze chiave di cittadinanza imparare ad imparare: organizzare il proprio

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE G. MATTEOTTI DI PISA

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE G. MATTEOTTI DI PISA ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE G. MATTEOTTI DI PISA Programma Economia Aziendale classe 5 indirizzo Economico corso serale Prof.ssa Palla Viola

Dettagli

SCHEDA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE. I.I.S. Abba Ballini Brescia. Classe

SCHEDA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE. I.I.S. Abba Ballini Brescia. Classe Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Per quanto riguarda il primo punto Conoscenze Competenze Si passa alla discussione sul secondo punto.

Per quanto riguarda il primo punto Conoscenze Competenze Si passa alla discussione sul secondo punto. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ADRIANO TILGHER A.S. 2012/2013 VERBALE DELLA RIUNIONE DI DIPARTIMENTO DELLE MATERIE ECONOMICO- AZIENDALI DEL 10 SETTEMBRE 2012 Il giorno 10 settembre 2012, alle ore 8,30,

Dettagli

PIANO ANNUALE DI CLASSE Anno scolastico

PIANO ANNUALE DI CLASSE Anno scolastico ISS BRSSANON-BRIXN IT "Falcone e Borsellino" PIANO ANNUAL DI CLASS Anno scolastico 2016-2017 ARA DISCIPLINAR/ASS CLASS INDIRIZZO INSGNANT OR CULTURAL conomia Aziendale 4 IT Amministrazione, finanza e marketing

Dettagli

Prove di verifica o Esposizione orale degli argomenti trattati. o Verifiche scritte in forma di domande a risposta aperta oppure in forma di tema

Prove di verifica o Esposizione orale degli argomenti trattati. o Verifiche scritte in forma di domande a risposta aperta oppure in forma di tema o La gestione economica nelle imprese turistiche. o Definizione e classificazione dei costi (nelle imprese ricettive, ristorative, e di viaggi). o Formazione graduale dei costi. o Definizione e classificazione

Dettagli

I.I.S. G. CENA RIPASSO DEL PROGRAMMA DEL IV ANNO MODULO A : LE IMPRESE INDUSTRIALI COMPETENZE DISCIPLINARI

I.I.S. G. CENA RIPASSO DEL PROGRAMMA DEL IV ANNO MODULO A : LE IMPRESE INDUSTRIALI COMPETENZE DISCIPLINARI I.I.S. G. CENA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA IVREA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2016/2017 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTALE DI ECONOMIA AZIENDALE Prof.sse Chiara Galatioto, Silvia

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docenti: BURRA STEFANO, DE ROS LORENA, BRAVIN DANI Classi: 3^ A B C AFM

Dettagli

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe III I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale.

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. Falcone e Borsellino Classe III I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale. Anno scolastico 2015 2016 Piano di lavoro individuale IIS Bressanone I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe: III I.T.E. Insegnante: CAVICCHIOLI MARZIA Materia: ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Marzia Cavicchioli

Dettagli

DOCENTE: FRANCESCA DA CORTA FUMEI MATERIA : ECONOMIA AZIENDALE. CLASSE 1^ Sezione D. A.S. 2015/2016. Articolazione dell attività didattica

DOCENTE: FRANCESCA DA CORTA FUMEI MATERIA : ECONOMIA AZIENDALE. CLASSE 1^ Sezione D. A.S. 2015/2016. Articolazione dell attività didattica DOCENTE: FRANCESCA DA CORTA FUMEI MATERIA : ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 1^ Sezione D. A.S. 2015/2016. Unità A I sistemi di misure L.1 Le proporzioni ed il calcolo percentuale L. 2 I calcoli sopra e sottocento

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO DI ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 3ALA ANNO SCOLASTICO 2011/12 PROF.SSA BARTOLI MARIA GRAZIA MODULI DURATA (IN ORE) 1. Lo scambio economico( dal biennio) 20 2. La gestione aziendale 50 3. L

Dettagli

I.P.S.S.A.R. P. Artusi Forlimpopoli Anno Scolastico 2010/11 PROGRAMMAZIONE ANNUALE

I.P.S.S.A.R. P. Artusi Forlimpopoli Anno Scolastico 2010/11 PROGRAMMAZIONE ANNUALE Classi: 3 corso cucina o Bisogni, beni ed attività economica. o Il concetto di azienda. o Soggetti aziendali. o Classificazioni delle aziende. Le imprese turistiche. o Esercizio dell attività: requisiti

Dettagli

MATERIA: DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MATERIA: DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA MATERIA: DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA CLASSE: V - Servizi per l Enogastronomia, Sala e Vendita e l Ospitalità alberghiera Opzione Prodotti dolciari artigianali e industriali

Dettagli

PROGRAMMA a.s CLASSE IIIA Accoglienza turistica

PROGRAMMA a.s CLASSE IIIA Accoglienza turistica 1 Istituto Professionale di Stato Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Bernardo Buontalenti Sede e Segreteria: Via di San Bartolo a Cintoia 19/a 50142 Firenze Tel. 055 462781 Fax: 055

Dettagli

Docente: Massimo Esposito Classe: Terza Amministrazione Finanza & Marketing Materia: Economia Aziendale Asse culturale: Economico Sociale

Docente: Massimo Esposito Classe: Terza Amministrazione Finanza & Marketing Materia: Economia Aziendale Asse culturale: Economico Sociale Docente: Massimo Esposito Classe: Terza Amministrazione Finanza & Marketing Materia: Economia Aziendale Asse culturale: Economico Sociale MODULO 1 - La gestione dell impresa: patrimonio e reddito Competenze

Dettagli

Dipartimento di Diritto ISIS ZENALE E BUTINONE TREVIGLIO Anno scolastico

Dipartimento di Diritto ISIS ZENALE E BUTINONE TREVIGLIO Anno scolastico ricprogrammazione CURRICULARE DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA CLASSI QUINTA ISTRUZIONE TECNICA NEL TURISMO COMPETENZE Competenze chiave di cittadinanza imparare ad imparare: organizzare il proprio apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO - INDIRIZZO TURISTICO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO - INDIRIZZO TURISTICO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO - INDIRIZZO TURISTICO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI CLASSE TERZA 1. Competenze: le specifiche competenze di base disciplinari

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICO - DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSI QUINTE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO TURISMO DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO TURISMO DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO TURISMO DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI CLASSE QUINTA 1. Competenze: le specifiche competenze di base disciplinari previste

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO SANITARI. Programmazione quinquennale d istituto di DIRITTO ED ECONOMIA

ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO SANITARI. Programmazione quinquennale d istituto di DIRITTO ED ECONOMIA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Ruffini D. Aicardi Convitto annesso C.F.: 90051650084 P.IVA: 00169380086 www.ruffiniaicardi.gov.it I.P.S.S.A.R. - Via Lungomare 141 18018 TAGGIA (IM) 0184/461082 0184/461083

Dettagli

Ripetizione delle rilevazioni in p.d. della contabilità generale svolta anche negli anni precedenti

Ripetizione delle rilevazioni in p.d. della contabilità generale svolta anche negli anni precedenti ISTITUTO SALESIANO SACRO CUORE Via Scarlatti 29 Napoli PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE ANNO 2016/17 PROF.SSA MORVILLO ISABELLA CLASSE V IT CONTABILITA GENERALE Ripetizione delle rilevazioni in p.d. della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO TURISMO DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO TURISMO DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO TURISMO DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI CLASSE QUINTA 1. Competenze: le specifiche competenze di base disciplinari previste dalla Riforma (Linee

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI CLASSE TERZA 1. Competenze: le specifiche competenze di base disciplinari previste dalla Riforma (Linee Guida

Dettagli

Programmazione annuale docente

Programmazione annuale docente Programmazione annuale docente Docente PERROTTA TULLIO ELMIRO - DEZIO GIORGIO Classi III sez. A-B Indirizzo TURISTICO Materia di insegnamento ECONOMIA TURISTICA Libro di testo Discipline Turistiche e Aziendali

Dettagli

RIM RELAZIONI IINTERNAZIONALI PER IL MARKETING

RIM RELAZIONI IINTERNAZIONALI PER IL MARKETING RIM RELAZIONI IINTERNAZIONALI PER IL MARKETING CLASSE TERZA RIM CONOSCENZE ABILITA' ECONOMIA AZIENDALE GEOPOLITICA Organizzazione aziendale e analisi del fabbisogno finanziario. Regole e tecniche di contabilità

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE

DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE -Programmazione didattico disciplinare per anni L insegnamento di Economia aziendale così come previsto dalla riforma si articola in conoscenze e abilità ed è così di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2017/2018. I.I.SS. C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO: ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2017/2018. I.I.SS. C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO: ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2017/2018 I.I.SS. C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO: ECONOMIA AZIENDALE PROF.SSA FAINI DANIELA CLASSE 3 B indirizzo AMF n alunni 15 LIVELLI DI PARTENZA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TURISTICO. Programmazione quinquennale d istituto di DISCIPLINE GIURIDICHE

ISTITUTO TECNICO TURISTICO. Programmazione quinquennale d istituto di DISCIPLINE GIURIDICHE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Ruffini D. Aicardi Convitto annesso C.F.: 90051650084 P.IVA: 00169380086 www.ruffiniaicardi.gov.it I.P.S.S.A.R. - Via Lungomare 141 18018 TAGGIA (IM) 0184/461082 0184/461083

Dettagli

NUCLEI FONDANTI L azienda come sistema: elementi soggetti e tipologie La localizzazione e la gestione dell azienda I calcoli finanziari

NUCLEI FONDANTI L azienda come sistema: elementi soggetti e tipologie La localizzazione e la gestione dell azienda I calcoli finanziari DISCIPLINA INDIRIZZO ECONOMIA AZIENDALE TECNICO BIENNIO PRIMO ANNO FINALITA Utilizzare linguaggio e strumenti matematici per trattare informazioni qualitative e quantitative Conoscere i fondamenti del

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO Prof. CARUGI Mauro DISCIPLINA: Economia aziendale CLASSE 3^ SEZIONE DLT Anno 2011/2012 OBIETTIVI : STANDARD MINIMI

Dettagli

COMPETENZE Saper rilevare le scritture in P.D. sul libro giornale e sul libro mastro

COMPETENZE Saper rilevare le scritture in P.D. sul libro giornale e sul libro mastro I.I.S. G. CENA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA IVREA SEZIONE PROFESSIONALE ANNO SCOLASTICO 2016-2017 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE TECNICHE PROFESSIONALI PER I SERVIZI COMMERCIALI CLASSI

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE 3^ A rim

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE 3^ A rim ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE 3^ A rim Docente: DOMENICO VALERIO CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER: U.D. - Modulo -

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE L. DA VINCI Sedi Associate: Liceo - ITC Via Fortis, ARZIGNANO (VI) Sito:

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE L. DA VINCI Sedi Associate: Liceo - ITC Via Fortis, ARZIGNANO (VI) Sito: Le classi attivate nel corso serale sono una quarta e una quinta indirizzo e articolazione Amministrazione, Finanza e Marketing. OBIETTIVI GENERALI In tale percorso di studio il docente di Economia aziendale

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2017-2018 INSEGNANTE: SIMONETTA PERATA CLASSE: V A c SETTORE: servizi INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA DELLA

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE ANNO SCOLASTICO CLASSE 1 A TUR PROF.SSA GUAGNANO ELISABETTA. UNITA 1: L azienda

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE ANNO SCOLASTICO CLASSE 1 A TUR PROF.SSA GUAGNANO ELISABETTA. UNITA 1: L azienda ANNO SCOLASTICO 2016-2017 CLASSE 1 A TUR PROF.SSA GUAGNANO ELISABETTA UNITA 1: L azienda 1- L azienda e i suoi elementi costitutivi 2- Classificazioni 3- I soggetti aziendali 4- La produzione 5- L organizzazione

Dettagli

Istituto Professionale di Stato Sede e Segreteria: Via di San Bartolo a Cintoia 19/a 50142 Firenze a.s. 2014 2015 CLASSE III A Accoglienza turistica DISCIPLINA: DIRITTO E TECNICA AMMINISTRATIVA DELLE IMPRESE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO ECONOMIA AZIENDALE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO ECONOMIA AZIENDALE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE PRIMA 1. Competenze: le specifiche competenze di base disciplinari previste dalla Riforma (Linee Guida

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO ECONOMIA AZIENDALE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO ECONOMIA AZIENDALE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE PRIMA 1. Competenze: le specifiche competenze di base disciplinari previste dalla Riforma (Linee Guida

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SVOLTO. Classe 1 sez.h materia: ECONOMIA AZIENDALE anno scolastico 2015/2016 CONTENUTI

PIANO DI LAVORO ANNUALE SVOLTO. Classe 1 sez.h materia: ECONOMIA AZIENDALE anno scolastico 2015/2016 CONTENUTI Dell I.T.S. F. ALGAROTTI Classe 1 sez.h materia: ECONOMIA AZIENDALE anno scolastico 2015/2016 1) PROPORZIONI E CALCOLI PERCENTUALI a) rapporti e proporzioni; b) grandezze proporzionali; c) calcoli percentuali:

Dettagli

Dipartimento di Diritto ISIS ZENALE E BUTINONE TREVIGLIO Anno scolastico

Dipartimento di Diritto ISIS ZENALE E BUTINONE TREVIGLIO Anno scolastico PROGRAMMAZIONE CURRICULARE DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA CLASSI TERZE E QUARTE ISTRUZIONE TECNICA NEL TURISMO COMPETENZE Competenze chiave di cittadinanza imparare ad imparare: organizzare il proprio

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO 2016/2017

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO 2016/2017 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Enrico Mattei ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LICEO SCIENTIFICO LICEO delle SCIENZE UMANE - LICEO ECONOMICO SOCIALE Via delle Rimembranze, 26 40068 San Lazzaro di Savena BO

Dettagli

RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Il Corso AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING che viene presentato dall Istituto nella sua articolazione RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, integra - competenze

Dettagli

Curricolo disciplinare DIRITTO ED ECONOMIA

Curricolo disciplinare DIRITTO ED ECONOMIA Curricolo disciplinare DIRITTO ED ECONOMIA Il corso di Diritto ed economia concorre a far conseguire allo studente risultati di apprendimento che lo mettono in grado di: -analizzare la realtà e i fatti

Dettagli

UNITA DIDATTICA N 2. Il sistema tributario italiano

UNITA DIDATTICA N 2. Il sistema tributario italiano Istituto Tecnico Commerciale Statale F. Forti Via Caduti di Nassiriya, 87 51015 Monsummano T.me Programma di Discipline turistiche e aziendali Classe QUARTA sezione C indirizzo Turismo a.s. 2015-2016 MODULO

Dettagli

ANNO SCOLASTICO: 2017/2018 MATERIA: DIRITTO-ECONOMIA INSEGNANTE: MARIA INSERO CLASSE: I F SERVIZI COMMERCIALI OPERATORE GRAFICO

ANNO SCOLASTICO: 2017/2018 MATERIA: DIRITTO-ECONOMIA INSEGNANTE: MARIA INSERO CLASSE: I F SERVIZI COMMERCIALI OPERATORE GRAFICO ANNO SCOLASTICO: 2017/2018 MATERIA: DIRITTO-ECONOMIA INSEGNANTE: MARIA INSERO CLASSE: I F SERVIZI COMMERCIALI OPERATORE GRAFICO FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative generali cui tende la disciplina):

Dettagli

Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva, secondo biennio; F. Cammisa, M. Micelli, P. Matrisciano, G. Baccelli; Scuola & Azienda

Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva, secondo biennio; F. Cammisa, M. Micelli, P. Matrisciano, G. Baccelli; Scuola & Azienda Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Programmazione an n u al e a. s. 2 0 1 6-2 0 1 7 MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: IV - Servizi accoglienza e ospitalità

Dettagli

TECNICO - SETTORE ECONOMICO Amministrazione, Finanza e Marketing

TECNICO - SETTORE ECONOMICO Amministrazione, Finanza e Marketing TECNICO - SETTORE ECONOMICO Amministrazione, Finanza e Marketing Competenza descritta in termini di performance Accetta e prende in carico compiti nuovi o aggiuntivi, riorganizzando le proprie attività

Dettagli

PERCHÉ PROGETTARE PER COMPETENZE Le peculiarità della riforma e la finalità dei NUOVI TECNICI

PERCHÉ PROGETTARE PER COMPETENZE Le peculiarità della riforma e la finalità dei NUOVI TECNICI PERCHÉ PROGETTARE PER COMPETENZE Le peculiarità della riforma e la finalità dei NUOVI TECNICI INFORMAZIONE Esempio profilo d uscita del biennio (SKAT6) ESEMPIO DEL PROFILO D USCITA DI UN ARTICOLAZIONE

Dettagli

Istituto Tecnico Statale Luigi Casale PTOF Allegato 1

Istituto Tecnico Statale Luigi Casale PTOF Allegato 1 PTOF Allegato 1 DESCRIZIONE INDIRIZZI E CORSI DI STUDIO... 2 INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING... 2 INDIRIZZO: Amministrazione, finanza e marketing - Articolazioni... 3 Relazioni Internazionali

Dettagli

PIANO DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A. S.

PIANO DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A. S. Abbiamo una ragione, una vera ragione di vita... ISO 9001 - Cert. n 351 DOCENTE : ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE B. RUSSELL A. MORO Sede Corso Molise, 58-10151 TORINO - tel. 011/73310 - fax 0114559041

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DATI GENERALI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DATI GENERALI A.S.2016/17 Data:27 /09/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DEL DIPARTIMENTO Pag. 1 di1. Compilato dal dipartimento DATI GENERALI ORDINE SCOLASTICO REVISIONE N 1 DOCENTI DOCENTE RESPONSABILE DIPARTIMENTO:

Dettagli

I.I.S. VIA SALVINI, 24 ISTITUTO A. GENOVESI A.S PROGRAMMA SVOLTO DI ECONOMIA AZIENDALE. CLASSE IV A Prof.ssa Giuseppina Avolio

I.I.S. VIA SALVINI, 24 ISTITUTO A. GENOVESI A.S PROGRAMMA SVOLTO DI ECONOMIA AZIENDALE. CLASSE IV A Prof.ssa Giuseppina Avolio MODULO 0 Ripasso argomenti anni precedenti MODULO 1 I bilanci Aziendali Il patrimonio Il risultato economico della gestione Il metodo contabile (PD) sistema contabile Amaduzzi Il funzionamento dei conti

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE. CLASSE II sez. P A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE. CLASSE II sez. P A.S. 2015/2016 UNIONE EUROPEA. Istituto Tecnico Lorenzo Mossa Via Carboni - 09170 ORISTANO - cod.fiscale 90008830953 Commerciale C.A.T.- Logistica e Trasporti Turismo-Percorsi II Livello Tel.: 0783/360024 - Fax: 0783/360021

Dettagli

CURRICULUM DI GEOGRAFIA

CURRICULUM DI GEOGRAFIA CURRICULUM DI GEOGRAFIA INTRODUZIONE Gli aspetti geografici forniscono allo studente concetti di base sull organizzazione territoriale, sulla comprensione del significato dell ambiente naturale ed artificiale,

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE A.S. 2015/2016

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE A.S. 2015/2016 DOCENTE MARILENA ANZIVINO CLASSE I A AFM a) Strumenti matematici utilizzabili in Economia aziendale Cenni sui Sistemi di misura:lunghezza, peso, capacità Le proporzioni I calcoli percentuali I problemi

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. CABOTO SEZIONE IPC GAETA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. CABOTO SEZIONE IPC GAETA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. CABOTO SEZIONE IPC GAETA ANNO SCOLASTICO: 2010/11 PROGRAMMAZIONE MODULARE MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: III I.P.C. DOCENTE: Prof. PAOLO LA VALLE TOTALE

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE GAETANO SALVEMINI CASALECCHIO DI RENO (BO)

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE GAETANO SALVEMINI CASALECCHIO DI RENO (BO) ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE GAETANO SALVEMINI CASALECCHIO DI RENO (BO) PIANO DI LAVORO A.S. 2013-2014 PROF. Stefania Ferioli MATERIA: Economia Aziendale CLASSE 5 AM DATA DI PRESENTAZIONE: 10/11/2013

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 3 B SIA A.S 2015/2016

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 3 B SIA A.S 2015/2016 PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 3 B SIA A.S 2015/2016 DOCENTE:MARISA SARTORIO L AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE L AZIENDA, IL CONTESTO IN CUI OPERA, DELOCALIZZAZIONE E GLOBALIZZAZIONE DEI MERCATI

Dettagli

DIPARTIMENTO AREA DISCIPLINARE GIURIDICO-ECONOMICO AZIENDALE MATERIA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

DIPARTIMENTO AREA DISCIPLINARE GIURIDICO-ECONOMICO AZIENDALE MATERIA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA ISTITUTO Di ISTRUZIONE SUPERIORE Enrico Mattei ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LICEO SCIENTIFICO LICEO delle SCIENZE UMANE Via delle Rimembranze, 26 40068 San Lazzaro di Savena BO Tel. 051 464510 464545 fax

Dettagli

SECONDO BIENNIO TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI. CLASSI III e IV

SECONDO BIENNIO TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI. CLASSI III e IV SECONDO BIENNIO TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI CLASSI III e IV Lo studente al termine del secondo biennio dovrà conseguire i seguenti apprendimenti: utilizzare reti e strumenti informatici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE INDIRIZZO COMMERCIALE E INDIRIZZO SERVIZI SOCIO-SANITARI DIRITTO E LEGISLAZIONE SOCIO-SANITARIA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE INDIRIZZO COMMERCIALE E INDIRIZZO SERVIZI SOCIO-SANITARI DIRITTO E LEGISLAZIONE SOCIO-SANITARIA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE INDIRIZZO COMMERCIALE E INDIRIZZO SERVIZI SOCIO-SANITARI DIRITTO E LEGISLAZIONE SOCIO-SANITARIA CLASSI PRIME INDIRIZZO SOCIO-SANITARIO

Dettagli

PIANI DI STUDIO PRIMO BIENNIO ECONOMIA AZIENDALE INDIRITTO MARKETING E FINANZA E TURISTICO. Premessa generale

PIANI DI STUDIO PRIMO BIENNIO ECONOMIA AZIENDALE INDIRITTO MARKETING E FINANZA E TURISTICO. Premessa generale ISTITUTO D'ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA-WEISSE ROSE PIANI DI STUDIO PRIMO BIENNIO ECONOMIA AZIENDALE INDIRITTO MARKETING E FINANZA E TURISTICO Economia aziendale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1A 2A 3A 4A 5A

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 11 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: AFM - SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: De Caro, Garofoli - Masoch - Oldoni - Zuffada ANNO SCOLASTICO 2015/2016 NUCLEI FONDAMENTALI DI

Dettagli

Anno scolastico 2016 / Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: EMANUELA DEGASPERI MARIA CANNONE

Anno scolastico 2016 / Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: EMANUELA DEGASPERI MARIA CANNONE Anno scolastico 2016 / 2017 Piano di lavoro individuale ITE Falcone e Borsellino Classe: IV ITE Insegnante: EMANUELA DEGASPERI MARIA CANNONE Materia: LABORATORIO DI INFORMATICA ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO

Dettagli

Competenze da acquisire attraverso l ASL e sue articolazioni Competenze trasversali

Competenze da acquisire attraverso l ASL e sue articolazioni Competenze trasversali Competenze da acquisire attraverso l ASL e sue articolazioni Competenze trasversali 1 Imparare ad imparare 2 Progettare 3 Comunicare 4 Collaborare e partecipare 5 Agire in modo autonomo 6 Risolvere i problemi

Dettagli

a.s DIRITTO ED ECONOMIA Classe II LICEO SCIENTIFICO Prof.ssa Illia Lanfredi I.I.S. BRESSANONE a.s

a.s DIRITTO ED ECONOMIA Classe II LICEO SCIENTIFICO Prof.ssa Illia Lanfredi I.I.S. BRESSANONE a.s a.s. 2015-2016 DIRITTO ED ECONOMIA Prof.ssa Illia Lanfredi I.I.S. BRESSANONE a.s. 2015-2016 Piano di lavoro individuale Istituto di istruzione secondaria di II grado Bressanone I.T.E. "Falcone e Borsellino"

Dettagli

A.S. 2015/2016 CLASSE 2^ SEZ. A AFM. PROGRAMMA DI ECONOMIA D'AZIENDA Testo utilizzato: CON NOI IN AZIENDA 2 Autori: Fortuna - Montanaro.

A.S. 2015/2016 CLASSE 2^ SEZ. A AFM. PROGRAMMA DI ECONOMIA D'AZIENDA Testo utilizzato: CON NOI IN AZIENDA 2 Autori: Fortuna - Montanaro. A.S. 2015/2016 CLASSE 2^ SEZ. A AFM PROGRAMMA DI ECONOMIA D'AZIENDA Testo utilizzato: CON NOI IN AZIENDA 2 Autori: Fortuna - Montanaro. Le monnier Ripresa dei principali calcoli della classe prima I mezzi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE Classe 4^ F A.S. 2015-2016 Disciplina:Economia Aziendale Docente: Frighetto Giordano Ore settimanali:7 Libro di testo: Con noi in azienda plus 4 versione mista, autori: F. Fortuna,

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSE SEZ.: I C PROGRAMMA SVOLTO CALCOLI AZIENDALI I calcoli percentuali I calcoli sopracento e sottocento I riparti: semplici e composti L euro e il cambio delle valute Esercizi

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE. IV - Servizi accoglienza e ospitalità alberghiera CLASSE:

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE. IV - Servizi accoglienza e ospitalità alberghiera CLASSE: MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: IV - Servizi accoglienza e ospitalità alberghiera LIBRO DI TESTO: Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva, secondo biennio; F. Cammisa, M. Micelli,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE INDIRIZZO COMMERCIALE E. DIRITTO ED ECONOMIA per le classi dell'indirizzo commerciale

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE INDIRIZZO COMMERCIALE E. DIRITTO ED ECONOMIA per le classi dell'indirizzo commerciale PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE INDIRIZZO COMMERCIALE E DIRITTO ED ECONOMIA per le classi dell'indirizzo commerciale CLASSE PRIMA INDIRIZZO COMMERCIALE 1.

Dettagli

Materia: Economia Aziendale Classe: 1E A.S. 2015/2016 Docente: Dal Bianco Ruggero PROGRAMMA SVOLTO

Materia: Economia Aziendale Classe: 1E A.S. 2015/2016 Docente: Dal Bianco Ruggero PROGRAMMA SVOLTO Classe: 1E A.S. 2015/2016 SISTEMA AZIENDA L azienda come sistema Le varie categorie di aziende I soggetti che operano nelle imprese CALCOLI AZIENDALI I calcoli percentuali I calcoli sopracento e sottocento

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI Cesano Maderno (MI) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

Dettagli