CHALLENGE FUNDS. Relazione Annuale al 31 dicembre Società di gestione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHALLENGE FUNDS. Relazione Annuale al 31 dicembre 2012. Società di gestione"

Transcript

1 CHALLENGE FUNDS Relazione Annuale al 31 dicembre 2012 Società di gestione

2 Il presente documento è traduzione fedele dell'originale in lingua inglese approvato dalla Società di Gestione in data 31 Dicembre 2012 Nel caso di incongruenze tra la versione in lingua inglese e la traduzione in italiano prevarrà il testo in inglese.

3 INDICE Informazioni generali 4-5 Relazione e responsabilità della Banca Depositaria 6 Dichiarazione delle responsabilità della Società di Gestione 7 Relazione dell Investment Manager 8-24 Profilo degli Investment Managers Delegati 25 Relazione di Certificazione del Revisore Indipendente ai Sottoscrittori del Fondo Challenge Funds Stato patrimoniale Rendiconto di gestione Variazioni del Patrimonio Netto attribuibile ai Sottoscrittori di Quote Riscattabili Variazioni del numero di Quote Note di commento ai Prospetti Finanziari Tabelle degli Investimenti CHALLENGE North American Equity Fund CHALLENGE European Equity Fund CHALLENGE Italian Equity Fund CHALLENGE Germany Equity Fund CHALLENGE Spain Equity Fund CHALLENGE Pacific Equity Fund CHALLENGE Emerging Markets Equity Fund CHALLENGE Energy Equity Fund CHALLENGE Cyclical Equity Fund CHALLENGE Counter Cyclical Equity Fund CHALLENGE Financial Equity Fund CHALLENGE Technology Equity Fund CHALLENGE Liquidity Euro Fund CHALLENGE Liquidity US Dollar Fund CHALLENGE Euro Income Fund CHALLENGE International Income Fund CHALLENGE Euro Bond Fund CHALLENGE International Bond Fund CHALLENGE International Equity Fund CHALLENGE Flexible Fund CHALLENGE Solidity and Return Fund CHALLENGE Provident Fund CHALLENGE Provident Fund CHALLENGE Provident Fund CHALLENGE Provident Fund

4 INDICE (cont.) CHALLENGE Provident Fund Tabella delle variazioni di portafoglio

5 INFORMAZIONI GENERALI SOCIETÀ DI GESTIONE E DISTRIBUTORE GLOBALE INVESTMENT MANAGER INVESTMENT MANAGERS DELEGATI Mediolanum International Funds Limited, 2 Shelbourne Buildings, Shelbourne Road, Ballsbridge, Dublin 4, Irlanda Mediolanum Asset Management Limited, 2 Shelbourne Buildings, Shelbourne Road, Ballsbridge, Dublin 4, Irlanda Mediolanum Gestione Fondi, Palazzo Meucci, Via Francesco Sforza, Basiglio - Milano 3, Italia (CHALLENGE Italian Equity Fund) BlackRock Investment Management Limited Murray House, 1 Royal Mint Court, London EC3N HH, United Kingdom. (CHALLENGE Pacific Equity Fund, CHALLENGE European Equity Fund, CHALLENGE Energy Equity Fund, CHALLENGE Cyclical Equity Fund, CHALLENGE Financial Equity Fund, CHALLENGE Counter Cyclical Equity Fund, CHALLENGE Technology Equity Fund, CHALLENGE International Equity Fund) Legal & General Investment Management Limited 1 Coleman Street, London EC2R 5AA, Regno Unito (CHALLENGE North America Equity Fund, CHALLENGE Emerging Markets Equity Fund, CHALLENGE Euro Bond Fund, CHALLENGE International Bond Fund, CHALLENGE Euro Income Fund, CHALLENGE Liquidity Euro Fund, CHALLENGE Liquidity US Dollar Fund, CHALLENGE International Income Fund) DJE Kapital AG Pullacher Strasse 24, D Pullach, Monaco di Baviera, Germania (CHALLENGE Germany Equity Fund) Duemme SGR S.p.A. Piazzetta Maurilio Bossi n , Milano, Italia (CHALLENGE Provident Fund 1, CHALLENGE Provident Fund 2, CHALLENGE Provident Fund 3, CHALLENGE Provident Fund 4, CHALLENGE Provident Fund 5) TREA Capital Partners C/Agustina Saragossa, 3-5, Barcellona, Spagna (CHALLENGE European Equity Fund, CHALLENGE Spain Equity Fund) BNP Paribas Asset Management 5, avenue Kleber, Parigi, Francia (CHALLENGE Solidity and Return Fund) BANCA DEPOSITARIA AGENTE AMMINISTRATIVO, TENUTARIO DEI REGISTRI E AGENTE DI TRASFERIMENTO RBC Investor Services Bank S.A., Filiale di Dublino, (con decorrenza a partire dalla data del 27 luglio 2012, in precedenza RBC Dexia Investor Services Bank S.A., Filiale di Dublino) George s Quay House, 43 Townsend Street, Dublin 2, Irlanda RBC Investor Services Ireland Limited, (con decorrenza a partire dalla data del 27 luglio 2012, in precedenza RBC Dexia Investor Services Ireland Limited) George s Quay House, 43 Townsend Street, Dublin 2, Irlanda 4

6 INFORMAZIONI GENERALI (cont.) BANCA CORRISPONDENTE/ INCARICATO DEI PAGAMENTI IN ITALIA INCARICATO DEI PAGAMENTI IN SPAGNA INCARICATO DEI PAGAMENTI IN GERMANIA State Street Bank S.p.A., Via Ferrante Aporti 10, Milano, Italia Banco Mediolanum S.A., Av Diagonal 670, Barcellona, Spagna Marcard, Stein & Co. AG, Ballindamm 36, Amburgo, Germania REVISORI CONTABILI INDIPENDENTI Deloitte & Touche, Deloitte & Touche House, Chartered Accountants and Registered Auditors, 29 Earlsfort Terrace, Dublin 2, Irlanda CONSULENTI LEGALI CASH MANAGER SOCIETÀ SPONSOR Dillon Eustace, 33 Sir John Rogerson s Quay, Dublin 2, Irlanda Mediolanum Asset Management Limited, Block B, Iona Building, Shelbourne Road, Dublin 4, Irlanda Mediolanum S.p.A., Palazzo Meucci, Milano 3, Via Francesco Sforza, 15, Basiglio, Milano, Italia AMMINISTRATORI DELLA SOCIETÀ Andrew Bates ( Presidente )* DI GESTIONE Furio Pietribiasi ( Direttore generale ) Corrado Bocca John L. Mahon* Vittorio Gaudio Wyndham Williams* Bronwyn Wright* * Amministratori indipendenti 5

7 RELAZIONE E RESPONSABILITÀ DELLA BANCA DEPOSITARIA Responsabilità della Banca depositaria La Banca depositaria ha il dovere di di custodire e detenere il patrimonio del Fondo Challenge Funds ( il Fondo ) per conto dei sottoscrittori delle quote. Ai sensi degli Avvisi relativi ai fondi OICVM emessi dalla Central Bank of Ireland, è dovere della Banca depositaria indagare sulla condotta della Società di Gestione del Fondo e informare i sottoscrittori al riguardo tramite una relazione che comprenda gli argomenti stabiliti dagli Avvisi Relazione della Banca Depositaria per l anno conclusosi il 31 dicembre 2012 A nostro giudizio, nell anno conclusosi il 31 dicembre 2012 il Fondo è stato gestito: (i) (ii) in conformità alle limitazioni relative ai poteri d investimento e di indebitamento imposte alla Società di Gestione dal Regolamento del Fondo e dalla Normativa della Comunità Europea del 2011 (Organismi di Investimento Collettivo in Valori Mobiliari) ( la Normativa ) e, ai sensi di quanto previsto dal Regolamento del Fondo e dalla Normativa. RBC INVESTOR SERVICES BANK S.A. Data: 26 marzo 2013 FILIALE DI DUBLINO RBC Investor Services Bank S.A., Dublin Branch George s Quay House 43 Townsend Street Dublin 2, Ireland T F rbcis.com RBC Investor Services Bank S.A., Dublin Branch is a branch of RBC Investor Services Bank S.A. Registered office: 14, Porte de France, L-4360 Esch-sur-Alzette, Luxembourg Registered in Ireland Incorporated in Luxembourg with Limited Liability Registered in Luxembourg B

8 DICHIARAZIONE DELLE RESPONSABILITÀ DELLA SOCIETÀ DI GESTIONE La Società di Gestione ha il dovere di preparare i prospetti finanziari per ciascun esercizio finanziario che forniscano una rappresentazione veritiera e corretta dello stato delle attività del Fondo e dei profitti e perdite del Fondo durante tale periodo. Nel redigere tali rendiconti, la Società di Gestione è tenuta a: scegliere idonee politiche contabili ed applicarle con costanza; formulare giudizi e valutazioni che siano ragionevoli e prudenti, e preparare i prospetti finanziari nell ottica di una continuità gestionale, a meno che non risulti inappropriato supporre che il Fondo continuerà ad operare. La Società di Gestione è obbligata a tenere adeguata documentazione contabile, che dimostri in qualsiasi momento, con ragionevole precisione, la situazione finanziaria del Fondo e che consenta di verificare che i prospetti finanziari siano conformi ai principi contabili generalmente accettati in Irlanda e nel rispetto della Normativa della Comunità europea (Organismi di Investimento Collettivo in Valori Mobiliari) del 2011 (la normativa OICVM ) e del Regolamento del Fondo. La Società di Gestione ha inoltre il dovere di salvaguardare le attività del Fondo e quindi di prendere tutte le misure ragionevolmente necessarie per prevenire o individuare frodi o altre irregolarità. Firmato per conto della Società di Gestione Amministratore: Amministratore: Data: 27 marzo

9 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 Challenge North American Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 7,12% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto Challenge North American Equity Fund ha registrato un ritorno pari a 7,12% nel Due dei principali titoli aggiunti al portafoglio nel corso dell anno sono stati Phillips 66, a seguito dello scorporo delle attività chimiche e delle raffinerie da ConocoPhillips e il gruppo Kraft Foods Group Inc, dopo lo scorporo della produzione di merendine dalla società capogruppo in settembre. Tra i titoli venduti figurano Medco Health Solutions, acquisita tramite un accordo i contanti e titoli da un altra società farmaceutica, Express Scripts Holdings, e El Paso Corporation, acquisita da Kinder Morgan Inc per $37,6 miliardi. Alla fine del periodo i tre titoli che rappresentavano una quota significativa delle attività detenute dal Comparto erano Apple (3,4%), Exxon Mobil (2,7%) e General Electric (1,5%). Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno contribuito in positivo nel corso dell anno. Sono state applicate varie strategie, fra cui strategie di mercato direzionali e strategie di mercato neutrali, che sono operazioni con beta neutrale volte a sfruttare le cosiddette inefficienze del mercato utilizzando total return swaps. L esposizione corta ai mercati azionari ottenuta tramite contratti future azionari sull indice S&P500 ha contribuito in negativo, in quanto i mercati azionari hanno registrato una sovraperformance nel corso del periodo a cui si riferiscono queste operazioni. Una posizione lunga nei confronti dei materiali e corta nei confronti delle telecomunicazioni, adottata tramite total return swaps a metà agosto e chiusa ai primi di novembre, ha contribuito in positivo al risultato del comparto. Anche la posizione lunga nei confronti di una serie di titoli legati al settore automobilistico USA applicata tramite swap agli inizi di settembre e chiusa ai primi di novembre ha dato un forte contributo positivo alla perfomance. Un altro contributo positivo è stato quello dato da posizioni lunghe attuate tramite contratti future sul Nasdaq, aperte ai primi di novembre e chiuse allla fine di novembre, e altrettanto positivo è stato il contributo delle posizioni in euro nei confronti del dollaro USA adottate tramite contratti a termine su valuta. Challenge North American Equity Fund - Classe con copertura Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 7,90% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L con copertura. Le attività di copertura valutaria, attuata per mezzo di contratti a termine su valuta, hanno dato un contributo positivo al risultato della classe con copertura del Comparto al rischio di cambio, attribuibile ad una lieve riduzione di valore del dollaro USA nei confronti dell euro. 8

10 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 (cont.) Challenge European Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 14,49% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto Challenge European Equity Fund ha registrato un risultato pari a 14,49% nel Gli investimenti del portafoglio nel 2012 si sono concentrati sulle società internazionali la cui principale base di vendite era al di fuori dell Europa. Il gestore ha preferito adottare un basso peso nei confronti dei titoli del settore bancario durante l anno, mantenendo però una certa esposizione nei confronti delle assicurazioni. E ha adottato posizioni significative nei confronti sia dei prodotti di consumo (sia quelli più sensibili che quelli meno sensibili al ciclo economico, per esempio gli alimentari, i prodotti di lusso, HPC e il settore automobilistico) sia dei prodotti farmaceutici e del settore della tecnologia. Complessivamente l obiettivo era quello di includere nel portafoglio titoli di società di comprovato valore, con un buon livello di redditività, crescita e capacità di generare liquidità, e un livello ridotto di leva finanziaria. Tra i paesi europei la Danimarca (+29,25%) e la Germania (+28,89%) sono stati quelli che hanno registrato la miglior performance. In termini settoriali, i migliori risultati sono stati registrati dal settore delle automobili e dei pezzi di ricambio (+40,39%), dalle assicurazioni (+39,98%) e dal software e servizi associati (+44,65%). Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno contribuito in negativo nel corso dell anno. L esposizione corta ai mercati azionari attuata tramite contratti future azionari sull indice Eurostoxx ha contribuito in negativo nel corso del periodo in cui è stata applicata questa strategia. La posizione lunga nei confronti delle settore delle telecomunicazioni in Europa con copertura beta, aperta dai primi di novembre ai primi di dicembre, ha registrato un risultato negativo. La posizione lunga sull indice DAX in combinazione con una posizione corta sull IBEX attuata tramite contratti future, che è stata chiusa alla fine di gennaio, ha compensato in parte la performance negativa. Challenge European Equity Fund - Classe con copertura Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 13,21% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L con copertura. L attività di copertura valutaria attuata per mezzo di contratti a termine su valuta ha dato un contributo negativo al risultato della classe con copertura del Comparto al rischio di cambio, attribuibile all aumento di valore della sterlina inglese e del franco svizzero nei confronti dell euro. Challenge Italian Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 14,65% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto ha registrato un risultato pari a 14,65% nel corso dell anno. Il 2012 è stato un anno positivo per il mercato azionario italiano. I settori che hanno dato il maggior contributo sono stati il settore industriale, quello dei prodotti di consumo non di base e quello dell energia, mentre il risultato più deludente è stato quello del settore delle telecomunicazioni. Dopo un inizio positivo nei primi mesi dell anno, il mercato italiano ha registrato 9

11 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 (cont.) un inversione di tendenza a fine marzo, attribuibile alle preoccupazioni legate al rallentamento dell economia globale e all aumento di un rischio specifico per l Italia. Dopo i risultati estremamente deludenti registrati a fine luglio, quando il differenziale BTP-Bund è salito oltre 500 punti, il mercato italiano ha registrato una forte ripresa attribuibile sia agli interventi del presidente della BCE Mario Draghi che all importante lavoro portato avanti dal Primo Ministro italiano Mario Monti. Durante la prima metà dell anno il portafoglio ha mantenuto un esposizione ridotta ai titoli del settore finanziario, in quanto il gestore ha preferito concentrarsi su titoli di natura più difensiva (per esempio i servizi, come Snam Rete Gas e Terna); nella seconda metà dell anno invece è aumentata l esposizione ai titoli del settore finanziario in modo da sfruttare la forte ripresa registrata da questo settore. La selezione dei titoli si è concentrata su settori con una forte esposizione ai mercati emergenti, come i beni di lusso (Prada, Ferragamo, Tod s, Luxottica, Safilo e Brunello Cucinelli) e sul settore industriale (Brembo, Piaggio). I migliori risultati sono stati quelli di aziende come Ferragamo (+65,9%), Diasorin (+60%), Prysmian (+57,5%), Buzzi (+56,8%), Tod's (+52,2%) e Impregilo (+48,9%). I risultati più deludenti per il 2012 sono stati quelli registrati da A2A (- 39,6%), Mediaset (-25,7%) e Telecom Italia (-17,3%). Challenge Germany Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 21,29% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto ha registrato un risultato pari a 21,29% nel corso dell anno. Il 2012 è stato un anno estremamente positivo per il mercato azionario tedesco, che ha registrato risultati da record: l indice MSCI Germany ha registrato un ritorno pari a +25,24%. I migliori contributi alla performance del Comparto sono stati quelli di Deutsche Post DHL, l azienda all avanguardia nel mercato dei servizi postali in Germania, che ha registrato un ritorno superiore al 46% nel 2012, la società produttrice di software SAP AG (+52% nel 2012) e la compagnia di assicurazioni Hannover Re AG (+61% nel 2012) che ha annunciato degli ottimi risultati nell ultimo trimestre dell anno e sembra avere delle ottime prospettive per il Anche le società automobilistiche Volkswagen AG e BMW AG hanno registrato un buon ritorno nel 2012 (rispettivamente pari a +61% e +46%) e hanno dato un buon contributo al risultato del Comparto. I principali titoli compresi nel portafoglio del Comparto a fine anno erano SAP (7,2%), Bayer (6%) e BASF (5,5%). Challenge Spain Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 6,98% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto Challenge Spain Equity Fund ha registrato un risultato pari a 6,98% nel La strategia di investimento adottata dal portafoglio è stata principalmente mirata ad evitare società nazionali spagnole attive solo sul mercato nazionale, il cui reddito è generato esclusivamente in Spagna, per concentrarsi invece su società con una maggiore diversificazione geografica a livello internazionale. Anche gli investimenti nel settore finanziario sono stati molto ridotti, e il gestore si è concentrato principalmente su società con una buona presenza sui mercati internazionali, utili regolari, un buon livello di liqudità e un basso livello di leva finanziaria. In termini settoriali questo ha portato ad un peso più significativo sia dei prodotti di consumo non di base e dei beni di prima necessità, sia delle società petrolifere, farmaceutiche e del settore dei servizi. I 10

12 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 (cont.) migliori risultati per l anno sono stati quelli registrati da Grifols SA (società del settore sanitario, con un ritorno pari a oltre il 100% nel 2012), Inditex (Prodotti di consumo non di base, oltre il 70% nel 2012) e Amadeus IT Holdings SR (settore IT, oltre il 55% nel 2012). Tra i titoli finanziari, quelli con un maggior peso tra gli investimenti del portafoglio, come Banco Santander (+17%) e Bco Bilbao Viz.Argentaria (+12%) hanno registrato un ritorno positivo, hanno invece contribuito in negativo quelli con un peso minore, come Bco Popular Espanol, che ha registrato un ritorno pari a -67% per l anno. Challenge Pacific Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 12,26% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto, che è strutturato in modo da avere una esposizione strategica ai titoli azionari dell area del Pacifico, ha registrato un risultato pari a 12,26% per l anno. I paesi che hanno registrato i migliori risultati per l anno sono stati Singapore (MSCI Singapore in EUR +24% nel 2012) e Hong Kong (MSCI Hong Kong in EUR +22,2% nel 2012). Il settore che ha registrato la miglior performance è stato quello immobiliare, mentre quello più deludente è stato quello dei servizi. In termini di peso, alla fine del 2012 i tre titoli principali detenuti dal portafoglio erano Toyota Motor Corp con il 3,09% del portafoglio, BHP Billiton Ltd con il 3,02% e Commonwealth Bank of Australia con il 2,48%. Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno contribuito in positivo nel corso dell anno. Il risultato positivo è attribuibile principalmente alla posizione corta sullo yen nei confronti dell euro attuata per mezzo di contratti a termine su valuta, vista la riduzione di valore dello yen rispetto all euro. Questa posizione è stata inizialmente chiusa a metà febbraio, poi riaperta in luglio e chiusa definitivamente a metà dicembre, realizzando un utile in entrambe le occasioni. Anche l esposizione lunga ai mercati azionari attuata tramite contratti future azionari sull indice Nikkei ha registrato un ottimo risultato, vista la sovraperformance dell indice. Il risultato positivo è stato leggermente controbilanciato dalla posizione lunga sui contratti future coreani. Challenge Pacific Equity Fund - Classe con copertura Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 15,38% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L con copertura. L attività di copertura valutaria attuata per mezzo di contratti a termine su valuta ha dato un contributo positivo al risultato della classe con copertura del Comparto al rischio di cambio, attribuibile alla riduzione di valore del dollaro australiano, dello yen giapponese e del dollaro di Hong Kong nei confronti dell euro. 11

13 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 (cont.) Challenge Emerging Markets Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 11,45% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto Challenge Emerging Markets Equity Fund ha registrato un ritorno pari a 11,45% nel La composizione del portafoglio è stata revisionata diverse volte nel corso dell anno, e le posizioni più significative aggiunte in maggio sono state Mr Price Group (Sudafrica) e BR Properties SA ON (Brasile). Grupo Elektra (Messico) è stata la vendita più significativa. In novembre è stata effettuata un altra revisione del portafoglio, che ha portato all aggiunta di Banco Bradesco ON e Ambev ON (entrambe brasiliane), IHH Healthcare (Malesia), Grupo Financiero Santander (Messico) e MegaFon GDR (Russia) tra i titoli principali, mentre Richter Gideon (Ungheria) è stata la vendita più significativa. Alla fine dell anno la composizione geografica del portafoglio era costituita da Asia (60,5%), EMEA (18,1%) e America Latina (21,4%). I principali titoli in portafoglio erano Samsung Electronics (Corea, 3,7%), Taiwan Semiconductor Manufacturing (1,9%) e China Mobile (Red Chip, 1,65%). Le coperture effettuate hanno dato un contributo positivo nel corso dell anno, attribuibile all esposizione azionaria lunga nei confronti di India, Brasile e Cina attuata tramite ETF. Anche l esposizione ai titoli di Hang Seng China Enterprises e ai mercati emergenti in generale, attuata tramite future, ha contribuito in positivo durante l anno. Challenge Energy Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12-0,26% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto Challenge Energy Equity Fund, strutturato in modo da avere una esposizione strategica al settore dell energia e a quello dei materiali a livello globale tramite investimenti in titoli azionari sui mercati sviluppati, nel 2012 ha registrato un ritorno pari a - 0,26%. I titoli che hanno maggiormente contribuito in positivo sono stati Marathon Petroleum Corp. (+90,75% in Euro nel 2012), Lyondell Basell Ind NV (89,00% in Euro nel 2012) e Lafarge SA (80,14% in Euro nel 2012). Il peggior contributo è stato quello di Repsol SA (- 28,78%), Canadian Natural Resources (-23,62%) e BG Group Plc (-23,43%). I tre titoli principali detenuti dal portafoglio del Comparto alla fine dell anno erano Exxon Mobile Corp (7,2%), BP Plc (2,71%) e Royal Dutch Shell (2,66%). Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno dato un contributo negativo nel corso dell anno, attribuibile all esposizione lunga al gas naturale attuata tramite fondi ETF. La posizione corta sullo yen nei confronti dell euro attuata tramite contratti a termine su valuta ha contribuito in positivo, vista la riduzione di valore dello yen rispetto all euro durante gli ultimi sei mesi dell anno, quando è stata effettuata questa operazione. Anche la posizione corta in dollari USA nei confronti dell euro, attuata per mezzo di contratti a termine su valuta, ha contribuito in positivo vista la riduzione di valore del dollaro USA rispetto all euro nel quarto trimestre del

14 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 (cont.) Challenge Cyclical Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 12,57% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto Challenge Cyclical Equity Fund, strutturato in modo da avere una esposizione strategica al settore industriale e a quello dei prodotti di consumo non di base a livello globale tramite investimenti in titoli azionari sui mercati sviluppati, ha registrato un ritorno pari a 12,57% nel corso dell anno. I tre titoli principali detenuti dal portafoglio alla fine dell anno erano General Electric (3,5%), Toyota Motor Corp (2,08%) e Siemens AG (1,45%) che nel 2012 hanno registrato un ritorno in EUR rispettivamente pari a +19,1%, +39,3% e +15,7%. Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno dato un contributo positivo nel corso dell anno, attribuibile in parte alla posizione corta su yen e dollaro USA nei confronti dell euro attuata tramite contratti a termine su valuta, vista la riduzione di valore dello yen rispetto all euro nella seconda metà dell anno. Anche la posizione corta sul dollaro USA attuata tramite contratti a termine su valuta ha contribuito in positivo, vista la riduzione di valore del dollaro USA rispetto all euro durante il periodo in cui è stata adottata questa posizione, dalla fine di settembre alla fine di ottobre. L acquisto di quote di fondi ETF che investono nel settore delle risorse di base è stato un altro elemento che ha contribuito in positivo; la posizione è stata chiusa alla fine di gennaio. Anche la posizione lunga sui materiali e corta sui titoli legati alle telecomunicazioni, attuata tramite total return swap, aperta a metà agosto e chiusa ai primi di novembre, ha contribuito in positivo al ritorno del Comparto, come pure una posizione lunga nei confronti di una serie di titoli legati al settore automobilistico USA applicata tramite swap agli inizi di settembre e chiusa ai primi di novembre. Viceversa, una posizione in fondi ETF SPDR legati al settore dell energia USA, aperta all inizio di luglio e chiusa alla fine del mese, ha danneggiato in parte la performance positiva del Comparto. Challenge Counter Cyclical Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 5,97% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto Challenge Counter Cyclical Equity Fund, strutturato in modo da avere una esposizione strategica al settore sanitario, a quello dei prodotti di consumo di base, ai servizi e alle telecomunicazioni a livello globale tramite investimenti in titoli azionari sui mercati sviluppati, ha registrato un ritorno pari a 5,97% per l anno. I tre titoli principali detenuti dal portafoglio alla fine dell anno erano Nestlè (2,6%), AT & T (2,4%) e Johnson & Johnson (2,4%). Tra i titoli compresi nel portafoglio quelli che hanno registrato la miglior performance per l anno (in Euro) sono stati Regeron Pharmaceuticals (+203,08%), Sprint Nextel Corp. (+137,96%) e Grifols SA (+102,77). Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno dato un contributo positivo nel corso dell anno, attribuibile in parte alla posizione corta sul dollaro USA nei confronti dell euro attuata per mezzo di contratti a termine su valuta, vista la riduzione di valore del dollaro USA rispetto all euro nella seconda metà dell anno. Una posizione lunga nei confronti del settore sanitario e corta nei confronti dei servizi attuata tramite total return swap, che è stata chiusa ai primi di gennaio, ha contribuito in positivo al risultato del Comparto. Anche una posizione tattica corta attuata tramite future sull indice S&P 500, adottata a fine ottobre e chiusa a metà novembre, ha contribuito in positivo. Il risultato positivo è stato in parte controbilanciato da un 13

15 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 (cont.) investimento in un fondo ETF Gold Miners applicato da metà settembre a fine novembre. Una posizione lunga sui titoli telecom con copertura valutaria beta, aperta ai primi di novembre e chiusa ai primi di dicembre, ha contribuito in negativo alla performance. Challenge Financial Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 20,45% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto Challenge Financial Equity Fund, strutturato in modo da avere una esposizione strategica al settore finanziario a livello globale tramite investimenti in titoli azionari sui mercati sviluppati, nel 2012 ha registrato un ritorno pari a 20,45%. I principali titoli compresi nel portafoglio del Comparto alla fine dell anno erano HSBC Holdings (3,36%), Well Fargo (3,97%), e JP Morgan Chase (2,87%). Tra i titoli compresi nel portafoglio, quelli che hanno registrato la miglior performance sono stati KBC Group (+168,93%), Bank of America Corp (+106,06%) e Wheelock & CO ltd (+104,95%). Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno dato un contributo positivo nel corso dell anno. L esposizione lunga ai titoli azionari attuata per mezzo di investimenti in fondi ETF finanziari ha contribuito in positivo, visto l ottimo risultato registrato da questo settore nel Anche la posizione corta sul dollaro USA nei confronti dell euro, attuata tramite contratti a termine su valuta,,ha contribuito in positivo, vista la riduzione di valore del dollaro USA rispetto all euro nel periodo di riferimento, dalla fine di settembre alla fine di ottobre. L esposizione lunga ai titoli finanziari USA e corta a quelli australiani attuata tramite total return swap da settembre a novembre, ha danenggiato il risultato del Comparto. Challenge Technology Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 4,50% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto Challenge Technology Equity Fund, strutturato in modo da avere una esposizione strategica al settore della tecnologia a livello globale tramite investimenti in titoli azionari sui mercati sviluppati, ha registrato un ritorno pari a 4.50% per l anno. I tre titoli principali detenuti dal portafoglio alla fine dell anno erano Apple (7,36%), IBM (6,8%) e Microsoft (6,59%). I titoli che hanno registrato il miglior risultato sono stati Equinix Inc. (+99,7%) e Seagate Technologies Ltd (+91,85%). Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno dato un contributo positivo nel corso del periodo, attribuibile alla posizione lunga sul NASDAQ applicata tramite contratti future, chiusa a metà gennaio dopo una forte ripresa. La posizione è stata riaperta a metà settembre e chiusa a fine novembre, e anche questa operazione ha contribuito in positivo. Inoltre, anche una posizione corta sul dollaro USA nei confronti dell euro attuata per mezzo di contratti a termine su valuta ha dato un contributo positivo, vista la riduzione di valore del dollaro USA rispetto all euro nel periodo di riferimento, da fine settembre fino alla fine di ottobre. 14

16 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 (cont.) Challenge Liquidity Euro Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 0,95% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto ha registrato un ritorno pari a 0,95% per il Alla fine del 2011 il Comparto aveva 81 titoli obbligazionari in portafoglio che sono maturati durante l anno e sono stati sostituiti con nuove obbligazioni. Alla fine dell anno il portafoglio era investito in 84 titoli, costituiti in gran parte da titoli di stato di paesi europei (Belgio, Francia, Paesi Bassi, Germania e Italia) e in minima parte da titoli di debito societario a breve scadenza. La duration del Comparto è stata modificata a 0,37 anni, in linea con la modifica della duration a 0,31 anni applicata nel Challenge Liquidity US Dollar Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12-2,98% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto, che alla fine dell anno aveva in portafoglio 13 titoli obbligazionari del governo americano, ha registrato un ritorno pari a -2,98% per l anno. Il Comparto è stato danneggiato dall esposizione al dollaro USA, che ha registrato una riduzione di valore rispetto all euro. La duration è stata modificata a 0,36 anni, in linea con la duration modificata applicata alla fine del 2011, che era di 0,29 anni. Challenge Euro Income Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 2,69% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto, che aveva in portafoglio un totale di 57 titoli di debito e deteneva come minimo un titolo di ognuno dei paesi dell area euro, ha registrato un ritorno pari a 2,69% nel La duration è stata modificata a 1,94 anni alla fine del 2012, e a fine anno la principale esposizione del Comparto in termini geografici era nei confronti di Italia (24,23%), Germania (22,54%) e Francia (22,23%). Gli investimenti in titoli dei paesi europei periferici, come l Italia, hanno contribuito in positivo, mentre il contributo dei paesi europei principali, come la Germania, è stato meno significativo. Nel 2012 non è stata effettuata nessuna copertura finanziaria per questo Comparto. 15

17 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 (cont.) Challenge International Income Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12-6,35% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto, che alla fine dell anno aveva un totale di 89 titoli in portafoglio, ha registrato un ritorno pari a - 6,35% nel Alla fine dell anno la composizione del portafoglio era la seguente: area del dollaro 57%, Europa (esclusi i paesi dell area euro) 7%, Giappone 32%, Canada 3% e Australia 1%. E la duration modificata del Comparto era pari a 1,93 anni. Il ritorno negativo è attribuibile principalmente all esposizione ai titoli di stato USA e del Regno Unito, e più generalmente all esposizione alle principali valute ad esclusione dell euro, in paricolare lo yen e il dollaro USA, che hanno registrato una riduzione di valore nei confronti dell euro. Questo è stato controbilanciato solo in parte dall aumento di valore della sterlina inglese. Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno dato un contributo positivo durante il periodo. È stata applicata una strategia basata sulle aspettative di una riduzione dei tassi nel Regno Unito, ottenuta tramite la vendita di posizioni corte su contratti future in sterline a 3 mesi. La posizione è stata chiusa alla fine di luglio. 16

18 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 (cont.) Challenge International Income Fund - Classe con copertura Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12-1,24% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L con copertura. L attività di copertura valutaria attuata per mezzo di contratti a termine su valuta nel complesso ha dato un contributo positivo al risultato della classe con copertura del Comparto, attribuibile all aumento di valore dell euro nei confronti del dollaro USA e dello yen, malgrado la riduzione di valore dell euro nei confronti della sterlina inglese. Challenge Euro Bond Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 10,64% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto Challenge Euro Bond Fund, che alla fine dell anno aveva in portafoglio 178 titoli obbligazionari, ha registrato un ritorno pari a 10,64% nel Alla fine dell anno la principale esposizione del Comparto in termini geografici era nei confronti di Francia (25,17%), Italia (22,92%) e Germania (21,82%), e la duration modificata era pari a 7,85 anni. L investimento in titoli di stato italiani è stato tra quelli che hanno dato il maggior contributo positivo al risultato. Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno contribuito in negativo durante l anno. La strategia è stata applicata riducendo la duration del Comparto tramite la vendita di contratti future obbligazionari a lungo (Euro Bund) vista la riduzione dei rendimenti in Germania. L impatto negativo è stato in parte controbilanciato da un operazione a breve termine attuata tramite una posizione lunga su contratti future BTP all inizio dell anno. Challenge International Bond Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12-4,15% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto Challenge International Bond Fund, che alla fine dell anno aveva in portafoglio un totale di 241 titoli obbligazionari, ha registrato un ritorno pari a -4,15% nel Alla fine dell anno la composizione del portafoglio era la seguente: area del dollaro 42%, Europa (esclusi i paesi dell area euro) 12,5%, Giappone 39%, Canada 2%, Australia 1,5% e 3% in liquidità. A fine anno la duration modificata del Comparto era pari a 8,76 anni e il rendimento al riscatto (ponderato in base al valore di mercato) era di 1,62%. Il risultato negativo è attribuibile principalmente all esposizione alle valute principali ad esclusione dell euro, in particolare allo yen e al dollaro USA, che hanno registrato una riduzione di valore nei confronti dell euro, ed è stato solo i parte controbilanciato dall aumento di valore della sterlina inglese. 17

19 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 (cont.) Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno dato un contributo positivo nel corso dell anno. Il risultato positivo è attribuibile principalmente alla posizione corta sullo yen rispetto all euro, attuata tramite contratti a termine su valuta, vista la riduzione di valore dello yen nei confronti dell euro. Questa posizione era stata inizialmente chiusa a metà febbraio, poi riaperta in luglio e chiusa definitivamente a metà dicembre, realizzando un utile in entrambe le occasioni. Un operazione volta a sfruttare l irripidimento della curva, attuata tramite la vendita di future sui titoli di stato USA a 10 anni e l acquisto di future sui titoli di stato USA a 2 anni, ha contribuito leggermente in negativo, e la posizione è stata chiusa ai primi di novembre. Anche una posizione legata al valore relativo attuata tramite una future lunga sui titoli di stato inglesi a 30 anni e corta sui titoli di stato inglesi a 10 anni, aperta in giugno e chiusa agli inizi di settembre, ha danneggiato la performance del Comparto. Challenge International Bond Fund - Classe con copertura Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 0,22% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L con copertura. L attività di copertura valutaria attuata per mezzo di contratti a termine su valuta complessivamente ha dato un contributo positivo al risultato della classe con copertura del Comparto, attribuibile all aumento di valore dell euro nei confronti del dollaro USA e dello yen, malgrado la riduzione di valore dell euro nei confronti della sterlina inglese. Challenge International Equity Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 9,67% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Il Comparto ha registrato un ritorno pari a 9,67% per il Alla fine dell anno gli investimenti del Comparto erano costituiti al 47% da titoli USA, all 8% da titoli giapponesi e all 8,7% da titoli inglesi. Il miglior risultato, in termini geografici, è stato quello del Belgio (MSCI Belgium in EUR +34% nel 2012), seguito dalla Danimarca (MSCI Denmark in EUR +27,6% nel 2012) e da Singapore (MSCI Singapore in EUR +24% nel 2012). Per quanto riguarda la composizione del portafoglio, i tre titoli con un maggior peso erano Apple (con un ritorno pari a +30,19% in Euro nel 2012), Exxon Mobil Corp (+2,82% in Euro nel 2012) e General Electric CO (+19% in Euro nel 2012). In termini settoriali il miglior contributo è stato quello dei titoli finanziari differenziati, dei media e del settore automobilistico. Le coperture effettuate utilizzando strumenti finanziari derivati hanno dato un contribuito positivo nel corso dell anno, attribuibile principalmente alla posizione corta sullo yen rispetto all euro attuata tramite contratti a termine su valuta, vista la riduzione di valore dello yen nei confronti dell euro nel Questa posizione è stata inizialmente chiusa a metà febbraio, poi riaperta in luglio e chiusa definitivamente a metà dicembre, realizzando un utile in entrambe le occasioni. Anche le posizioni in EUR/USD attuate tramite contratti a termine su valuta hanno contribuito in positivo alla performance. L esposizione lunga ai mercati azionari attuata tramite future azionarie sull indice Nikkei ha dato un significativo contributo positivo al risultato, in quanto questo indice ha registrato una sovraperformance nel primo trimestre del Anche la posizione lunga sui materiali e corta sui titoli legati alle telecomunicazioni attuata tramite total return swap, aperta a metà agosto e chiusa ai primi di novembre, ha contribuito in positivo al ritorno del Comparto. Un altro contributo 18

20 RELAZIONE DELL INVESTMENT MANAGER PER L ANNO CONCLUSOSI IL 31 DICEMBRE 2012 (cont.) positivo è stato quello della posizione lunga sul NASDAQ attuata tramite contratti future, aperta ai primi di novembre e chiusa alla fine di novembre. Il risultato positivo è stato leggermente danneggiato dall esposizione corta al mercato azionario USA, attuata tramite contratti future, con una posizione aperta a metà gennaio e chiusa in settembre. Challenge International Equity Fund - Classe con copertura Rendimento* dal 31/12/11 al 31/12/12 10,12% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L con copertura. L attività di copertura valutaria attuata per mezzo di contratti a termine su valuta nel complesso ha dato un contributo positivo al risultato della classe con copertura del Comparto, attribuibile all aumento di valore dell euro nei confronti del dollaro USA e dello yen, malgrado la riduzione di valore dell euro nei confronti della sterlina inglese. Challenge Flexible Fund Rendimento* dal 30/12/11 al 31/12/12 3,11% * Il rendimento è espresso in euro al netto di commissione di gestione, commissione di performance e dei costi ed è basato sul NAV della Classe Mediolanum L. Complessivamente il Comparto ha registrato un ritorno pari a +3,11% per l anno. Nel 2012 l Europa ha scelto la via della solidarietà per superare la crisi economica. Le previsioni relative alla disintegrazione della valuta unica si sono ridotte, ma non sono del tutto sparite visto che continua il problema della recessione. Nella prima parte dell anno, fino al mese di marzo, i risultati sono stati molto positivi a seguito del programma LTRO annunciato dalla BCE alla fine del Ma già verso la fine della primavera i problemi dei paesi europei periferici hanno ricominciato a preoccupare il mercato, in particolare la Spagna, dove una forte svendita di titoli si è protratta fino a metà giugno. Verso la fine di luglio il mercato ha cominciato a riprendersi a seguito di un intervento del presidente Draghi, quando la BCE ha annunciato un piano di emergenza che ha portato ancora una volta ad una inversione di tendenza. Dopo la forte ripresa dei titoli azionari durante l estate, i mercati sono stati danneggiati dalle incertezze legate ai risultati del terzo trimestre, alle elezioni di novembre, al baratro fiscale e alla probabilità di una politica societaria ispirata alla prudenza. Nel quarto trimestre si è assestata la situazione in Cina e in Giappone, con la stabilizzazione della crescita in Cina e la rielezione, in Giappone, del primo ministro Abe. Si prevede ora un aumento significativo dell agevolazione monetaria in Giappone. L anno si è chiuso in positivo, con dei risultati incoraggianti in particolare nel mese di dicembre. Alla fine del 2012 gli investimenti del Comparto erano costituiti al 58% da titoli azionari, al 39% da strumenti dei mercati monetari e al 3% da beni di consumo. Il risultato positivo registrato durante il periodo è attribuibile principalmente all esposizione ai titoli azionari, in particolare agli investimenti in USA e nel Regno Unito; viceversa la copertura valutaria adottata sui mercati nel corso dell anno tramite future sull indice SPX ha contribuito in negativo. Tra i singoli titoli, i contributi più significativi sono stati quelli di Lloyds, Sprint Nextel, Citigroup, Aegon e Vedanta; hanno invece contributo in negativo gli investimenti in KPN, Hewlett Packard, Nokia e France Tel. Anche le posizioni lunghe in titoli azionari dei mercati emergenti e le future sull indice Nikkei hanno contribuito in modo significativo alla performance, e così pure le posizioni in euro nei confronti del dollaro USA, attuate tramite contratti a termine su valuta. 19

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC Seconda Appendice al Prospetto informativo La presente Seconda Appendice costituisce parte integrante e deve essere letta contestualmente al prospetto informativo, datato 17

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Informazioni importanti

Informazioni importanti 0515 Informazioni importanti Sul presente Prospetto - Il Prospetto fornisce informazioni sul Fondo e sui Comparti e contiene informazioni che i potenziali investitori devono conoscere prima di procedere

Dettagli

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto Relazione semestrale SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto R.C.S. Luxembourg B 136 880 Non si accettano sottoscrizioni basate sul presente

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

HANSARD EUROPE LIMITED PROSPETTO - PARTE II

HANSARD EUROPE LIMITED PROSPETTO - PARTE II HANSARD EUROPE LIMITED PROSPETTO - PARTE II Hansard PARTE II DEL PROSPETTO D OFFERTA ILLUSTRAZIONE DEI DATI PERIODICI DI RISCHIO-RENDIMENTO E COSTI EFFETTIVI DELL INVESTIMENTO La Parte II del Prospetto

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

UBS CIO Monthly Letter

UBS CIO Monthly Letter ab CIO WM Ottobre 2012 UBS CIO Monthly Letter I banchieri centrali vestono il mantello dei supereroi Alexander S. Friedman CIO UBS WM Quando ero piccolo, mi piaceva guardare film come Superman. Oggi quei

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo Schroder International Selection Fund Prospetto informativo (Società di investimento a capitale variabile (SICAV) di diritto lussemburghese) Febbraio 2015 Italia Schroder International Selection Fund

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Conoscere la Borsa promuove gli investimenti sostenibili

Conoscere la Borsa promuove gli investimenti sostenibili Valutazione finale 14 dicembre 21 Conoscere la Borsa promuove gli investimenti sostenibili Ance quest anno Conoscere la Borsa a dato a molti giovani europei la possibilitá di confrontarsi con il mercato

Dettagli

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI Rassegna Stampa PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI 12 Giugno 2015 Scritto da: Redazione Grande successo per la prima serata

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

S.A.S. Principe Max von und zu Liechtenstein, CEO di LGT

S.A.S. Principe Max von und zu Liechtenstein, CEO di LGT Breve ritratto «Focalizzazione, continuità, prospettiva globale e l opportunità per i clienti di coinvestire con la proprietaria e i collaboratori ci hanno aiutato a sviluppare ulteriormente la nostra

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet della

Dettagli

Ignis Asset Management

Ignis Asset Management Ignis Asset Management Indice 2 Storia di Ignis 3 Ignis oggi 4 Eredità 5 Punti di forza 6 Capacità: innovazione, competenza ed esperienza 7 Panoramica sui prodotti 8 Assistenza clienti: il potere delle

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE COMUNICATO STAMPA Claudia Buccini +39 02 63799210 claudia.buccini@eur.cushwake.com CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE Causeway Bay a Hong Kong

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager FONTEDIR Selezione Gestori Finanziari Monica Basso Milano, luglio 2007 Institutional Sales Manager Agenda Struttura e esperienza del mercato dei Fondi pensione Filosofia e Processo di investimento Sistema

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

PARTE III DEL PROSPETTO D OFFERTA ALTRE INFORMAZIONI

PARTE III DEL PROSPETTO D OFFERTA ALTRE INFORMAZIONI PARTE III DEL PROSPETTO D OFFERTA ALTRE INFORMAZIONI La Parte III del Prospetto d offerta, da consegnare su richiesta all Investitore-Contraente, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli