RIVISTA TRIMESTRALE DIRITTO DELL ECONOMIA DIREZIONE SCIENTIFICA G. ALPA - M. ANDENAS - A. ANTONUCCI F. CAPRIGLIONE - R. MASERA - G.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIVISTA TRIMESTRALE DIRITTO DELL ECONOMIA DIREZIONE SCIENTIFICA G. ALPA - M. ANDENAS - A. ANTONUCCI F. CAPRIGLIONE - R. MASERA - G."

Transcript

1 2009 RIVISTA TRIMESTRALE DI DIRITTO DELL ECONOMIA RASSEGNA DI DOTTRINA E GIURISPRUDENZA DIREZIONE SCIENTIFICA G. ALPA - M. ANDENAS - A. ANTONUCCI F. CAPRIGLIONE - R. MASERA - G. MONTEDORO

2 DERIVATI E USURA: L UTILIZZO DELLE OPZIONI NELLA COSTRUZIONE DI NEGOZI IN FRODE ALLA LEGGE SOMMARIO: 1. Introduzione Sulle orme di Russell Sage The usury ring Put-call parity Box spread Swaps, caps, floors Alcuni esempi Option-adjusted yields Conclusioni. 1. I concreti timori che la crisi finanziaria in atto abbia causato una contrazione del credito da parte del sistema bancario, con conseguente crescita dei fenomeni di usura, rendono attuale l analisi delle modalità con cui i prestiti usurai possono essere mascherati. In questo lavoro verranno presi in esame alcuni dei modi in cui è possibile servirsi dei contratti derivati per occultare prestiti di denaro a tassi esorbitanti, aggirando così le disposizioni anti-usura contenute nella Legge n All esame delle fattispecie più semplici seguirà quello dei casi più complessi, rappresentati dagli swaps con contenuti opzionali, molto utilizzati nelle relazioni tra banche ed enti locali. La tesi che si vuole dimostrare è che, in questi casi, per far emergere possibili fenomeni di usura, occorre calcolare i «tassi d interesse impliciti aggiustati per tener conto del valore delle opzioni presenti nei contratti» (option-adjusted yields). La ricerca di contratti derivati con caratteristiche complesse può anche essere spiegata come il tentativo da parte del mercato di

3 Derivati e usura 111 sottrarsi ai vincoli normativi imposti dall ordinamento giuridico per i prestiti di denaro. La maggiore complessità dei contratti è un effetto indesiderato della normativa anti-usura che si aggiunge a quello individuato da Montesquieu e da Adam Smith, secondo cui le pene previste per il reato di usura comportano un aumento del costo dei prestiti di denaro: 27 Chi prende a prestito denaro viene a trovarsi nella condizione di dover corrispondere un interesse come corrispettivo sia per l uso del denaro sia per il pericolo cui si espone il creditore di incorrere nelle pene previste dalla legge [Montesquieu, 1748]. Il costo del prestito aumenta perché il debitore deve assicurare il creditore contro il rischio che egli incorra nelle pene previste per il reato di usura [Adam Smith, 1776]. 2. I derivati sono stati utilizzati per aggirare le norme antiusura anche in tempi lontani. Così fece, ad esempio, Russell Sage, un finanziere statunitense ( ) il cui patrimonio all inizio del 1900 raggiunse i $100 milioni, somma superiore ai $250 miliardi di oggi. La sua figura è così descritta nell Enciclopedia Britannica (1963): SAGE, RUSSELL ( ), finanziere statunitense, nacque il 4 agosto 1816 nella contea di Oneida (New York). Cominciò la sua carriera nel settore alimentare. Nel 1853 acquistò le ferrovie di Troy e di Schenectady dalla città di Troy (New York) e le rivendette alla New York Central railroad. Partecipò allo sviluppo e alla riorganizzazione del- 27 DE SECONDAT, Charles-Louis - Baron de La Brède e de Montesquieu, The Spirit of Laws, Part I, Genève, Translation by Thomas Nugent, Kessinger Publishing Co., p. 398, March SMITH, Adam, An Inquiry into the Nature And Causes of the Wealth of Nations, Book Two ( Of the Nature, Accumulation, and Employment of Stock ), Chapter IV ( Of Stock Lent at Interest ), Per altre argomentazioni critiche si veda MASERA, Rainer, Attenti a non favorire l usura, Corriere della Sera, p. 21, 13 dicembre 1996 e ROCCA, Christian, Difesa dell usura, Il Foglio, 22 Aprile 1997.

4 112 Emilio Barone - Gennaro Olivieri le ferrovie del nord-ovest. Nel 1863 Sage si spostò nella città di New York, dove iniziò ad operare come dealer nel mercato delle opzioni (call e put) e del call money. Lavorò con Jay Gould, con cui manipolò le azioni della Union Pacific e di altre società, e fu eletto come rappresentante del «partito liberale» (Whig) al Parlamento ( ). Sage morì il 22 luglio 1906 lasciando il suo patrimonio alla moglie, MARGARET OLIVIA SLOCUM SAGE ( ). Nel 1907, la Sig.ra Sage creò la fondazione Russell Sage. Nel corso della sua vita, ella fece pubbliche donazioni per $ e diede disposizioni affinché dopo la sua morte (il 4 novembre 1918) venissero donati fondi per $ a diverse istituzioni pubbliche. Nessuno più di Sage svolse un ruolo di rilevo nello sviluppo delle ferrovie statunitensi (divenne presidente di oltre 20 società ferroviarie). Egli accumulò parte della sua fortuna non solo con operazioni da investment banker sulle ferrovie ma anche con operazioni di borsa (ad esempio, utilizzò la tecnica delle vendite allo scoperto appresa da Jacob Little per sfruttare il panic selling del 1857). 2.1 Secondo Paul Sarnoff il suo biografo ufficiale Russell Sage era solito prestare denaro a tassi d interesse compresi tra il 14 e il 20 per cento annuo per le operazioni a lungo termine e a tassi del per cento annuo per le operazioni a breve termine. 28 Nel 1867, Russell Sage venne accusato di essere il leader del «circolo dell usura» (usury ring) e venne arrestato, insieme ad altri nove uomini d affari: Cfr. SARNOFF, Paul, Russell Sage: the Money King, p. 119, New York: Ivan Obololensky, Inc., Cfr. GALAI, Dan e GOULD, John P., Transaction Costs and the Relationship between Put and Call Prices, Journal of Financial Economics, 1, , Si veda anche BARONE, GAIA, Arbitraggi e Algebra di Garman, tesi di laurea, Capitolo 2, p. 12, Luiss-Guido Carli, 18 luglio 2005.

5 Derivati e usura 113 Sage aveva concesso ad un broker un prestito mensile ad un tasso annuo del 7 per cento. Dato che non era in grado di restituire il capitale preso in prestito, il broker chiese una dilazione di un mese. Sage acconsentì volentieri alla richiesta ma aumentò il tasso in misura pari all 1 per cento, a titolo di mora. Sfortunatamente, l integrazione fece superare al tasso d interesse il livello massimo del 7 per cento e Sage venne ritenuto colpevole di aver violato la legge anti-usura dello Stato di New York. L episodio è stato così descritto, con maggiori dettagli, da Sarnoff: 30 Nell estate del 1869 Edward P. Scott, un broker di titoli a- zionari, chiese in prestito $ al «Re di Denari» (Money-King) [Russell Sage]. Il prestito doveva essere rimborsato dopo 1 mese al tasso del 7 per cento, maggiorato delle consuete «provvigioni» (service charges). Quando giunse la scadenza, Scott non fu in grado di far fronte ai propri impegni e chiese una dilazione di 1 mese. Grazie alla bontà del suo cuore (e del suo portafoglio), Sage concesse la dilazione e aggiunse al 7 per cento un 1 per cento a titolo di «mora» (late charge). Quando giunse la fine del secondo mese, il broker si rifiutò di restituire il capitale ricevuto in prestito. Sage gli fece causa e Scott si difese accusandolo di usura. Il massimo della pena era di $1.000 e/o 6 mesi di carcere. A ciascun imputato fu comminata una multa di $250. Russell Sage e George Watts un broker furono anche condannati a 5 giorni e a 10 giorni di carcere, rispettivamente. La sentenza di detenzione, emanata dal giudice Albert Cardozo, non venne però mai eseguita. 2.2 In seguito alla condanna, Russell Sage comprese che doveva apportare qualche cambiamento al suo modus operandi se voleva 30 Cfr. SARNOFF, Paul, op. cit., p. 131.

6 114 Emilio Barone - Gennaro Olivieri continuare a prestare denaro a tassi superiori a quelli massimi previsti dalle norme anti-usura. Avendo ben appreso il funzionamento delle opzioni, tanto da essere considerato il «padre» (father) di calls e puts, cominciò a utilizzare le opzioni per mascherare i prestiti di denaro a tassi usurai. Sage inventò un apposita «trasformazione» (conversion): 31 Per evitare problemi per il futuro, Sage mise a punto una nuova strategia. Se il cliente desiderava un prestito per acquistare azioni, Sage stesso avrebbe acquistato le azioni e gli avrebbe venduto una call ricevendo in cambio una put... Più chiaramente: 32 Piuttosto che dare in prestito al cliente a tassi usurai il denaro occorrente all acquisto di 100 azioni, «zio» (uncle) Russell comprava lui stesso le 100 azioni e si proteggeva acquistando una put dal cliente. Quindi vendeva al cliente una call sulle azioni che aveva acquistato. È facile vedere che il portafoglio costruito da Sage (in cui l acquisto di un azione e di una put viene parzialmente finanziato con la vendita di una call) equivale alla concessione di un finanziamento a tasso fisso, ossia all acquisto di un «obbligazione a cedola nulla» (zero-coupon bond). Il modo più semplice per comprendere l equivalenza è quello di rappresentare in una tavola il valore finale del portafoglio e dello zero-coupon bond in funzione del prezzo dell azione. Si consideri, ad esempio, la Tavola 1, dove B 0 è il prezzo corrente (al tempo 0) dello zero-coupon bond con valore nominale K e scadenza T, mentre S 0 è il prezzo corrente dell azione. Inoltre, c 0 e p 0 indicano, rispettivamente, i prezzi correnti delle opzioni call e put, con strike K e scadenza T, scritte sull azione. Infine, S T è il prezzo dell azione al tempo T. Tavola 1 Put-call parity I (opzioni e sottostante) 31 Cfr. GALAI, Dan e GOULD, John P., op. cit., p. 106.

7 Derivati e usura 115 Tempo 0 Tempo T S T < K K S T S 0 S T S T c 0 0 (S T K) p 0 K S T 0 B 0 K K La Tavola 1 mostra che il valore del portafoglio al tempo T è sempre uguale al valore nominale, K, dello zero-coupon bond [se S T < K si ha S T (K S T ) = K, altrimenti se S T K si ha S T (S T K) + 0 = K]. Di conseguenza, affinché non esistano opportunità di arbitraggio, il valore corrente del portafoglio deve essere sempre uguale al valore corrente, B 0, dello zero-coupon bond. L equivalenza mostrata nella tavola non è altro che la put-call parity, che era evidentemente ben nota a Russell Sage: S 0 c 0 + p 0 = B 0. (1) Sage utilizzò la put-call parity per aggirare la legislazione anti-usura: acquistava dal cliente un obbligazione al prezzo, B 0, molto basso (e quindi con tasso d interesse molto elevato) per poi esigere a scadenza il pagamento del valore nominale, K. L obbligazione veniva mascherata utilizzando un portafoglio composto da un azione e da due opzioni call e put, la prima corta (ossia venduta ) e la seconda lunga (ossia comprata ), scritte sull azione. La scadenza delle opzioni era pari alla vita del prestito e il loro prezzo d esercizio corrispondeva al capitale da esigere a scadenza. La tecnica escogitata da Sage può anche essere vista come un pronti contro termine o un contratto di riporto: egli acquistava le a- zioni a pronti, al prezzo spot S 0, e le rivendeva a termine, al prezzo forward F 0 = K. Quest ultima operazione (la vendita a termine, ossia un forward corto) veniva sinteticamente realizzata con l acquisto di 32 Cfr. SARNOFF, Paul, op. cit., p. 137.

8 116 Emilio Barone - Gennaro Olivieri una put e la vendita di una call. In effetti, la relazione (1) può anche essere scritta nel modo seguente: S 0 f 0 = B 0 (2) dove f 0 è il valore corrente del contratto forward corto: f 0 = p 0 c 0. (3) La Tavola 2 verifica la relazione (3), che rappresenta quindi un modo alternativo per esprimere la put-call parity. Tavola 2 Put-call parity II (opzioni e for- Tempo 0 Tempo T S T < K K S T p 0 K S T 0 c 0 0 (S T K) ward) f 0 K S T K S T 2.3 Quello che si è visto non è certo l unico modo in cui si può mascherare un bond facendo ricorso alle opzioni (chiamate privileges ai tempi di Sage). Un altro è il cosiddetto box spread. Invece di acquistare uno zero-coupon bond con valore nominale K 2 K 1 (K 1 < K 2 ) si acquista un portafoglio composto da quattro opzioni, con la stessa scadenza T, scritte sulla stessa attività: una call lunga con strike K 1, una call corta con strike K 2, una put corta con strike K 1 e una put lunga con strike K 2. In altri termini, se B 0 è il prezzo di uno zero-coupon bond con valore nominale K 2 K 1, si ha c 1 c 2 p 1 + p 2 = B 0 (4) dove gli indici di c e p indicano i rispettivi strikes (K 1 o K 2 ). Come si vede dalla Tavola 3, il valore finale del portafoglio è sempre uguale a K 2 K 1, quale che sia l evoluzione del prezzo del sottostante tra il tempo 0 e il tempo T.

9 spreads per mascherare i suoi finanziamenti. A lui viene infatti attribuita l invenzione degli strangles, oltre che degli straddles. 33 Il box spread equivale ad un portafoglio composto da due Derivati e usura 117 Tavola 3 Valore finale di un box spread. Opzione S T < K 1 K 1 S T < K 2 K 2 S T call lunga con strike K 1 0 S T K 1 S T K 1 call corta con strike K (S T K 2 ) put corta con strike K 1 (K 1 S T ) 0 0 put lunga con strike K 2 K 2 S T K 2 S T 0 K 2 K 1 K 2 K 1 K 2 K 1 Un altro modo per esprimere il box spread è quello di considerarlo come la risultante di due strangles, uno lungo in the money è l altro corto out of the money (lo strangle è la combinazione di una call con una put avente uguale scadenza ma diverso prezzo d esercizio). Infatti, dalla (4) si ha (c 1 + p 2 ) (c 2 + p 1 ) = B 0. (5) È possibile che Russell Sage abbia utilizzato anche i box contratti forward, uno lungo con prezzo di consegna K 1 e l altro corto con prezzo di consegna K 2. Infatti, dalla (4) si ha (c 1 p 1 ) (c 2 p 2 ) = B 0. (6) Inoltre, per la put-call parity (1), si ha (c 1 p 1 ) = f 1 e (c 2 p 2 ) = f 2 (7) dove f 1 e f 2 indicano il valore di due contratti forward con prezzi di consegna pari, rispettivamente, a K 1 e a K 2. Pertanto, sostituendo la (7) nella (6) si ottiene f 1 f 2 = B 0. (8) La relazione (8) mostra che il prestito di un importo pari a B 0 equivale ad un portafoglio composto da due contratti for- 33 Cfr. SARNOFF, Paul, op. cit., p. 238 (lo strangle è il denominazione corrente per il termine spread utilizzato da Sarnoff).

10 118 Emilio Barone - Gennaro Olivieri ward, uno lungo con prezzo di consegna K 1 e l altro corto con prezzo di consegna K Le leggi anti-usura possono anche essere aggirate utilizzando swaps, caps e floors. A volte, l ordinario prestito a tasso fisso di un importo pari a B fx viene scomposto in due distinte operazioni: un comune prestito a tasso variabile di un importo pari a B fl e un interest-rate swap, con valore pari a V swap, in cui il cliente paga il fisso e riceve il variabile: 34 B fl V swap = B fx. (9) Il tasso variabile che il cliente riceve grazie allo swap compensa il tasso variabile del prestito originario. Resta quindi da pagare il fisso previsto dallo swap. È difficile che un operazione così definita possa consentire di praticare al cliente un tasso usuraio. Essa è sufficientemente trasparente ed è quindi difficile che il tasso fisso previsto dallo swap, ossia lo swap rate, possa discostarsi eccessivamente dalle quotazioni di mercato. A volte, però, i contratti prevedono clausole a contenuto opzionale, come caps e floors, che aggiungono opacità al prodotto. La tecnica usata è simile a quella escogitata da Russell Sage: un prestito di denaro a tasso fisso può essere mascherato da un portafoglio composto da un prestito a tasso variabile e da un collar. A sua volta, il collar è formato da un floor lungo e un cap corto. Il cap è un portafoglio di caplets, ossia di opzioni call su tassi d interesse, mentre il floor è un portafoglio di floorlets, ossia di opzioni put su tassi d interesse. Se V cap e V floor indicano il valore di un cap e di un 34 In altri casi, è il prestito a tasso variabile che viene scomposto in due distinte operazioni: un comune prestito a tasso fisso e un interest-rate swap in cui il debitore paga il variabile e riceve il fisso.

11 (3) è: 35 V swap = V floor V cap (10) Derivati e usura 119 floor con uguale strike, la relazione equivalente alla put-call parity Sostituendo la (10) nella (9) si ha B fl + V floor V cap = B fx. (11) La relazione (11) mostra che un prestito a tasso fisso può essere replicato da un portafoglio composto da un prestito a tasso variabile e da un collar. 3. Per illustrare quanto esposto nel paragrafo precedente, possono essere utili alcuni esempi. Il primo esempio mostra la tecnica posta in essere da Russell Sage, attraverso l utilizzo della put-call parity. Esempio 1 Supponiamo di voler concedere ad un cliente un finanziamento a 1 anno di $1 destinato all acquisto di un azione, che non paga dividendi, il cui prezzo corrente, S 0, è pari a $1 e la cui volatilità, σ, è pari al 20%. Il tasso, r, a cui intende concedere il prestito è pari all 8 per cento (composto continuamente), ben più elevato del tasso corrente di mercato, r mkt, pari ad esempio al 5 per cento. In tal caso, il valore corrente, B 0, dello zerocoupon bond emesso dal cliente è pari a $1 e il valore nominale, K, è pari a K = B 0 e rt = $1 e 0,08 1 = $1, Per aggirare la normativa anti-usura possiamo mascherare il finanziamento facendo ricorso alle opzioni. I valori, c 0 e p 0, di due opzioni call e put, con scadenza T = 1 anno e prezzo d esercizio K = $1,08329 (= $1 e 0,08 1 ), scritte sull azione sono pari a $0,07966 se r = 8% [contro $0,06655 se ad esempio r mkt è pari al 5%]. Invece di acquistare dal cliente lo zerocoupon bond, acquistiamo l azione a $1 e la put a $0,07966 mentre vendiamo la call a $0, Il corrispettivo pagato al cliente (ossia il finanziamento) è chiaramente pari a $1 (= $1 per l azione + $0,07966 per la 35 Si veda HULL, John C., Opzioni, Futures e Altri Derivati, 7 a ed., Capitolo 28, p. 702, Pearson Paravia Bruno Mondadori, marzo 2009.

12 120 Emilio Barone - Gennaro Olivieri put $0,07966 per la call). Alla scadenza, se il prezzo dell azione, S T, è minore o uguale a K, esercitiamo la put. Pertanto, consegniamo l azione e riceviamo K = $1,08329 dal cliente (che abbandona la call, il cui esercizio non è conveniente). Se invece il prezzo dell azione, S T, è maggiore di K, il cliente esercita la call e noi (che abbandoniamo la put) gli consegniamo l azione, dietro versamento del prezzo d esercizio, K = $1, Pertanto, in entrambi i casi (S T K e S T > K) incassiamo K = $1,08329 a fronte del finanziamento iniziale di $1. Pertanto, il tasso d interesse risulta pari all 8% per cento (composto continuamente), quale che sia l evoluzione del prezzo dell azione. Il secondo esempio illustra il pronti contro termine. Esempio 2 Supponiamo di voler concedere ad un cliente un finanziamento a 1 anno di $1 ad un tasso, r, pari all 8 per cento (composto continuamente), ben più elevato del tasso di mercato, r mkt, che è pari ad esempio al 5 per cento. Sia S 0 = $1 il prezzo corrente di un azione che non paga dividendi. Per aggirare la normativa anti-usura possiamo mascherare il finanziamento acquistando l azione dal cliente a $1 ed entrando in un contratto forward corto in cui ci impegniamo a rivendergli l azione a $1,08329 (= $1 e 0,08 1 ) tra 1 anno. Il prezzo forward pattuito è ben più elevato di quello di mercato, pari a $1,05127 (= $1 e 0,05 1 ) se r mkt = 0,05. Invece di acquistare dal cliente lo zero-coupon bond, acquistiamo a pronti l azione a $1 e la rivendiamo a termine a $1, Il corrispettivo pagato al cliente (ossia il finanziamento) è pari a $1 (= $1 per l azione + $0 per il forward). Alla scadenza tra 1 anno consegneremo l azione al cliente e incasseremo il prezzo forward pattuito (F 0 = $1,08329). Pertanto, il tasso d interesse implicito (composto continuamente) è pari all 8% [= ln($ / $1)]. Il terzo esempio illustra il box spread. Esempio 3 Supponiamo di voler concedere ad un cliente un finanziamento a 1 anno di $1, ad un tasso dell 8 per cento (composto continuamente). Supponiamo che il prezzo corrente, S 0, di un azione che non paga dividendi sia pari a $1 e che la sua volatilità, σ, sia pari al 20%. Per aggirare la normativa anti-usura, acquistiamo dal cliente a $1 un portafoglio composto da 4 opzioni con scadenza tra 1 anno: una call lunga con strike K 1 = $1,058883; una

13 Derivati e usura 121 call corta con strike K 2 = $1,069716; una put corta con strike $1, e una put lunga con strike K 2 = $1, Il valore delle singole opzioni, calcolato con la formula di Black-Scholes sulla base di un tasso d interesse dell 8 per cento (composto continuamente) è il seguente: c 1 = $9,0531; c 2 = $8,5577; p 1 = $6,8003 e p 2 = $7,3050. Pertanto, il valore corrente del portafoglio è pari a $1 (= $9,0531 $8,5577 $6, $7,3050). Come mostra la Tavola 3, il valore del portafoglio alla scadenza è sempre uguale a K 2 K 1 = $1,0833 (= $106,9716 $105,8883). Pertanto, il tasso d interesse implicito (composto continuamente) è pari all 8% [= ln($1,0833 / $1)]. 4. Secondo Sarnoff, il sistema escogitato da Sage lo metteva al riparo da qualsiasi rischio legale: In questo modo Sage non poteva né rimetterci in caso di ribasso del prezzo dell azione, perché avrebbe esercitato la put acquistata dal cliente, né poteva guadagnarci in caso di rialzo, dato che aveva venduto al cliente una call! E non c era legge nello Stato di New York che prevedeva quanto Sage avrebbe dovuto chiedere al cliente come corrispettivo della call che gli aveva venduto. Si possono davvero eludere le norme anti-usura facendo ricorso ai derivati? Ad avviso di chi scrive, i derivati non sono che portafogli di attività elementari e vanno quindi scomposti per farne emergere caratteristiche e funzioni economiche. 36 Per essere efficaci ed evitare fenomeni di elusione, le norme anti-usura dovrebbero aver per oggetto non solo i prestiti tradizionali, ma anche i «prestiti sintetici» (synthetic loans), ossia quelle operazioni che nella sostanza, anche se non nella forma equivalgono a prestiti usurai Cfr. BARONE, Emilio, Derivati complessi come portafogli di attività elementari, in G. Di Giorgio e C. Di Noia (a cura di), Intermediari e mercati finanziari, Il Mulino, ottobre Cfr. KNOLL, Michael S., Put-Call Parity and the Law, Cardozo Law Review, vol. 24, no.1, pp , 2002.

14 122 Emilio Barone - Gennaro Olivieri Se quest interpretazione è corretta, anche le condizioni contrattuali degli swaps dovrebbero essere coerenti con la legislazione anti-usura, secondo la quale i tassi non devono superare di oltre la metà quelli «effettivi globali medi» rilevati trimestralmente dalla Banca d Italia (Tavola 4). Tavola 4 Tassi di interesse effettivi globali medi ai sensi della legge sull usura. Mutui con garanzia ipotecaria Tassi medi (su base annua) Tassi medi aumentati della metà - a tasso fisso 5,39 8,085 - tasso variabile 5,45 8,175 Fonte: Banca d Italia, Comunicato Stampa, 29 dicembre La verifica è semplice nel caso degli swaps standard, nei quali il floater viene scambiato con il fixed-rate bond, ma è più complessa nel caso degli swaps che contengono clausole a contenuto opzionale. In questi casi andrebbe calcolato il «tasso d interesse implicito aggiustato per tener conto del valore delle opzioni presenti nei contratti» (option-adjusted yield). È questo il tasso che dovrebbe essere preso in considerazione ai fini del rispetto delle soglie fissate dalla legge anti-usura. Per determinare l option-adjusted yield (OAY) occorre utilizzare una procedura iterativa: (a) stimare la «struttura per scadenza dei tassi d interesse su titoli a cedola nulla» (zero curve) e la «struttura per scadenza delle volatilità dei tassi d interesse su titoli a cedola nulla» (volatility curve); (b) determinare i pagamenti attesi dello swap, inclusi quelli relativi alle «opzioni incorporate» (embedded options), in modo coerente con le condizioni espresse dalla zero curve e dalla volatility curve;

15 Derivati e usura 123 (c) determinare il valore dello swap attualizzandone i pagamenti attesi in base alla zero curve; (d) ripetere i passi (b) e (c), effettuando ogni volta uno spostamento parallelo della zero curve, finché il valore dello swap non risulta nullo (o pari all eventuale up-front iniziale); (e) calcolare l option-adjusted yield (OAY) dello swap come tasso d interesse che rende nullo (o pari all eventuale upfront) il valore attuale dei pagamenti attesi determinati nell ultima iterazione. Senza entrare in argomenti tecnici che esulano dal contesto di questo lavoro, basta qui accennare che i pagamenti attesi dalle opzioni su tassi d interesse dipendono non solo dal livello corrente e prospettico dei tassi d interesse ma anche dalle volatilità attese dei futuri tassi d interesse. Queste ultime sono di difficile determinazione. Il metodo standard è quello di utilizzare volatilità coerenti con le flat volatilities dei caps (o, indifferentemente, dei floors) quotate dai traders sulla base del modello di Black In conclusione, l utilizzo dell ingegneria finanziaria per aggirare le norme anti-usura non è nuovo, come dimostra il caso Russell Sage. Per tutelare l efficacia delle norme è opportuno verificare che i derivati non vengano utilizzati per fini che contrastano con gli obiettivi del legislatore. 38 Queste volatilità, che variano in funzione della vita residua del cap, sono dette flat perché è la stessa volatilità che viene utilizzata per valutare i diversi caplets di cui il cap è composto. Dalle flat volatilities è comunque possibile ricavare le spot volatilities, valide per i singoli caplets, che sono necessarie per valutare le opzioni con caratteristiche fuori standard. Si veda HULL, JOHN C., Opzioni, Futures e Altri Derivati, Capitolo 28, Pearson Paravia Bruno Mondadori, marzo 2009.

16 124 Emilio Barone - Gennaro Olivieri In particolare, nel caso degli swaps, occorre verificare che il valore delle opzioni incorporate sia in linea con le condizioni di mercato ed evitare, in ultima analisi, che le opzioni vengano utilizzate per rendere poco trasparente l effettivo costo dei finanziamenti. Emilio Barone Docente di Economia del mercato mobiliare presso l Università Luiss G. Carli di Roma Gennaro Olivieri Ordinario di Matematica Finanziaria presso l Università Luiss G. Carli di Roma

17 DERIVATI E USURA: L UTILIZZO DELLE OPZIONI NELLA COSTRUZIONE DI NEGOZI IN FRODE ALLA LEGGE (*) di Emilio Barone e Gennaro Olivieri (Luiss - Guido Carli) e Sommario La ricerca di contratti derivati con caratteristiche complesse può anche essere spiegata come il tentativo da parte del mercato di sottrarsi ai vincoli normativi imposti dall ordinamento giuridico per i prestiti di denaro. È questo un effetto indesiderato della normativa anti-usura che si aggiunge a quello individuato da Montesquieu e da Adam Smith, secondo cui le pene previste per il reato di usura comportano un aumento del costo dei prestiti di denaro perché il debitore deve assicurare il creditore contro i rischi civili e penali cui egli va incontro. In questo lavoro verranno presi in esame alcuni dei modi in cui è possibile servirsi dei contratti derivati per occultare prestiti di denaro a tassi esorbitanti, aggirando così le disposizioni anti-usura contenute nella Legge n All esame delle fattispecie più semplici seguirà quello dei casi più complessi, rappresentati dagli swaps con contenuti opzionali, molto utilizzati nelle relazioni tra banche ed enti locali. La tesi è che, in questi casi, per far emergere possibili fenomeni di usura, occorre calcolare i «tassi d interesse impliciti aggiustati per tener conto del valore delle opzioni presenti nei contratti» (option-adjusted yields). Codifica del Journal of Economic Literature: G14 (Financial Economics, General Financial Markets, Information and Market Efficiency). Parole chiave: put-call parity, forwards, box spreads, strangles, interest-rate swaps, collars, caps, floors, flat volatility, spot volatility. Aprile 2009

18 INDICE 1. Introduzione Sulle Orme di Russell Sage...1 The Usury Ring...2 Put-Call Parity...3 Box Spread...4 Swaps, Caps e Floors Alcuni Esempi Option-Adjusted Yields Conclusioni...8 Riferimenti Bibliografici...9

19 1. INTRODUZIONE I concreti timori che la crisi finanziaria in atto abbia causato una contrazione del credito da parte del sistema bancario, con conseguente crescita dei fenomeni di usura, rendono attuale l analisi delle modalità con cui i prestiti usurai possono essere mascherati. In questo lavoro verranno presi in esame alcuni dei modi in cui è possibile servirsi dei contratti derivati per occultare prestiti di denaro a tassi esorbitanti, aggirando così le disposizioni anti-usura contenute nella Legge n All esame delle fattispecie più semplici seguirà quello dei casi più complessi, rappresentati dagli swaps con contenuti opzionali, molto utilizzati nelle relazioni tra banche ed enti locali. La tesi che si vuole dimostrare è che, in questi casi, per far emergere possibili fenomeni di usura, occorre calcolare i «tassi d interesse impliciti aggiustati per tener conto del valore delle opzioni presenti nei contratti» (option-adjusted yields). La ricerca di contratti derivati con caratteristiche complesse può anche essere spiegata come il tentativo da parte del mercato di sottrarsi ai vincoli normativi imposti dall ordinamento giuridico per i prestiti di denaro. La maggiore complessità dei contratti è un effetto indesiderato della normativa anti-usura che si aggiunge a quello individuato da Montesquieu e da Adam Smith, secondo cui le pene previste per il reato di usura comportano un aumento del costo dei prestiti di denaro: 1 Chi prende a prestito denaro viene a trovarsi nella condizione di dover corrispondere un interesse come corrispettivo sia per l uso del denaro sia per il pericolo cui si espone il creditore di incorrere nelle pene previste dalla legge [Montesquieu, 1748]. Il costo del prestito aumenta perché il debitore deve assicurare il creditore contro il rischio che egli incorra nelle pene previste per il reato di usura [Adam Smith, 1776]. 2. SULLE ORME DI RUSSELL SAGE I derivati sono stati utilizzati per aggirare le norme anti-usura anche in tempi lontani. Così fece, ad esempio, Russell Sage (Figura 1), un finanziere statunitense ( ) il cui patrimonio alla fine del 1800 raggiunse i $100 milioni, somma superiore ai $250 miliardi di oggi. Russell Sage venne accusato di essere il leader del «circolo dell usura» (usury ring). La sua figura è stata così descritta nell Enciclopedia Britannica (1963): SAGE, RUSSELL ( ), finanziere statunitense, nacque il 4 agosto 1816 nella contea di Oneida (New York). Cominciò la sua carriera nel settore alimentare. Nel 1853 acquistò le ferrovie di Troy e di Schenectady dalla città di Troy (New York) e le rivendette alla New York Central railroad. Partecipò allo sviluppo e alla riorganizzazione delle ferrovie del nord-ovest. Nel 1863 Sage si spostò nella città di New York, dove iniziò ad operare come dealer nel mercato delle opzioni (call e put) e del call money. Lavorò con Jay Gould, con cui manipolò le azioni della Union Pacific e di altre società, e fu eletto come rappresentante del «partito liberale» (Whig) al Parlamento ( ). Sage morì il 22 luglio 1906 lasciando il suo patrimonio alla moglie, MARGARET OLIVIA SLOCUM SAGE ( ). Nel 1907, la Sig ra Sage creò la fondazione Russell Sage. Nel corso della sua vita, ella fece pubbliche donazioni per $ e diede disposizioni affinché dopo la sua morte (il 4 novembre 1918) venissero donati fondi per $ a diverse istituzioni pubbliche. Nessuno più di Sage svolse un ruolo di rilevo nello sviluppo delle ferrovie statunitensi (divenne presidente di oltre 20 società ferroviarie). Egli accumulò parte della sua fortuna non solo con operazioni da investment banker sulle ferrovie ma anche con operazioni di borsa (ad esempio, utilizzò la tecnica delle vendite allo scoperto appresa da Jacob Little per sfruttare il panic selling del 1857). 1 DE SECONDAT, Charles-Louis - Baron de La Brède e de Montesquieu, The Spirit of Laws, Part I, Genève, Translation by Thomas Nugent, Kessinger Publishing Co., p. 398, March SMITH, Adam, An Inquiry into the Nature And Causes of the Wealth of Nations, Book Two ( Of the Nature, Accumulation, and Employment of Stock ), Chapter IV ( Of Stock Lent at Interest ), Per altre argomentazioni critiche si veda MASERA, Rainer, Attenti a non favorire l' usura, Corriere della Sera, p. 21, 13 dicembre 1996 e ROCCA, Christian, Difesa dell usura, Il Foglio, 22 Aprile 1997.

20 2 Derivati e Usura Figura 1 Russell Sage all età di 78 anni. The Usury Ring Secondo Paul Sarnoff il suo biografo ufficiale Russell Sage era solito prestare denaro a tassi d interesse compresi tra il 14 e il 20 per cento annuo per le operazioni a lungo termine e a tassi del per cento annuo per le operazioni a breve termine. 2 Nel 1867, Russell Sage venne accusato di essere il leader del «circolo dell usura» (usury ring) e venne arrestato, insieme ad altri nove uomini d affari: 3 Sage aveva concesso ad un broker un prestito mensile ad un tasso annuo del 7 per cento. Dato che non era in grado di restituire il capitale preso in prestito, il broker chiese una dilazione di un mese. Sage acconsentì volentieri alla richiesta ma aumentò il tasso in misura pari all 1 per cento, a titolo di mora. Sfortunatamente, l integrazione fece superare al tasso d interesse il livello massimo del 7 per cento e Sage venne ritenuto colpevole di aver violato la legge anti-usura dello Stato di New York. L episodio è stato così descritto, con maggiori dettagli, da Sarnoff: 4 Nell estate del 1869 Edward P. Scott, un broker di titoli azionari, chiese in prestito $ al «Re di Denari» (Money-King) [Russell Sage]. Il prestito doveva essere rimborsato dopo 1 mese al tasso del 7 per cento, maggiorato delle consuete «provvigioni» (service charges). Quando giunse la scadenza, Scott non fu in grado di far fronte ai propri impegni e chiese una dilazione di 1 mese. Grazie alla bontà del suo cuore (e del suo portafoglio), Sage concesse la dilazione e aggiunse al 7 per cento un 1 per cento a titolo di «mora» (late charge). Quando giunse la fine del secondo mese, il broker si rifiutò di restituire il capitale ricevuto in prestito. Sage gli fece causa e Scott si difese accusandolo di usura. Il massimo della pena era di $1.000 e/o 6 mesi di carcere. A ciascun imputato fu comminata una multa di $250. Russell Sage e George Watts un broker furono anche condannati a 5 giorni e a 10 giorni di carcere, rispettivamente. La sentenza di detenzione, emanata dal giudice Albert Cardozo, non venne però mai eseguita. 2 Cfr. SARNOFF, Paul, Russell Sage the Money King, p. 119, New York: Ivan Obololensky, Inc., Cfr. GALAI, Dan e GOULD, John P., Transaction Costs and the Relationship between Put and Call Prices, Journal of Financial Economics, 1, , Si veda anche BARONE, GAIA, Arbitraggi e Algebra di Garman, tesi di laurea, Capitolo 2, p. 12, Luiss- Guido Carli, 18 luglio Cfr. SARNOFF, Paul, op. cit, p. 131.

DERIVATI E USURA: L UTILIZZO DELLE OPZIONI NELLA COSTRUZIONE DI NEGOZI IN FRODE ALLA LEGGE (*) Emilio Barone e Gennaro Olivieri (Luiss - Guido Carli)

DERIVATI E USURA: L UTILIZZO DELLE OPZIONI NELLA COSTRUZIONE DI NEGOZI IN FRODE ALLA LEGGE (*) Emilio Barone e Gennaro Olivieri (Luiss - Guido Carli) DERIVATI E USURA: L UTILIZZO DELLE OPZIONI NELLA COSTRUZIONE DI NEGOZI IN FRODE ALLA LEGGE (*) di Emilio Barone e Gennaro Olivieri (Luiss - Guido Carli) emilio.barone@luiss.it e olivieri@luiss.it Sommario

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni Introduzione alle opzioni Tipi di Opzioni La call è un opzione di acquisto La put è un opzione di vendita Le opzioni europee possono essere esercitate solo alla scadenza Le opzioni americane possono essere

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni FINANZA OPERATIVA Strategie e tecniche d investimento con le opzioni Dario Daolio FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced, approfonditi e originali, sulle esperienze più

Dettagli

Opzioni. Futures, forwards e opzioni

Opzioni. Futures, forwards e opzioni Opzioni Le calls sono opzioni Le puts sono opzioni per acquistare per vendere una certa attività a* una certa attività a* (o entro**) una certa data (o entro**) una certa data ad un certo prezzo ad un

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

CATALOGO CONSULENZA2014

CATALOGO CONSULENZA2014 CATALOGO CONSULENZA2014 È possibile farsi risarcire dalle banche per somme trattenute indebitamente? Ebbene Si! Nel 99% dei casi G.P. Consult S.r.l. via A. Dell isola, 2 06083 Bastia Umbra (PG) Tel 0758011335

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (43 punti) Lei è il responsabile del dipartimento emissioni obbligazionarie di una banca europea. Questa 10 anni fa ha emesso un obbligazione perpetua subordinata

Dettagli

Metodologie di Factor Sensitivity e Stress Test per la misurazione e gestione del rischio di mercato

Metodologie di Factor Sensitivity e Stress Test per la misurazione e gestione del rischio di mercato Metodologie di Factor Sensitivity e Stress Test per la misurazione e gestione del rischio di mercato Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 3 FACTOR SENSITIVITY Le Factor Sensitivities

Dettagli

Strategie Operative mediante Opzioni

Strategie Operative mediante Opzioni Strategie Operative mediante Opzioni Una posizione su: l opzione e il sottostante è detta hedge 2 o più opzioni dello stesso tipo è detta spread una miscela di calls e puts è detta combinazione Posizioni

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA anno accademico 2007/2008 modulo n. 1 Lezioni 6 Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria LE OPTION Contratto a termine mediante

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni QUIZ CAPITOLO 19 Introduzione alle opzioni 1. La Figura 19.13a rappresenta un venditore dell opzione call; la Figura 19.13b un acquirente dell opzione call. 2. a. Il prezzo di esercizio dell opzione put

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

Il modello di Black-Scholes- Merton. Giampaolo Gabbi

Il modello di Black-Scholes- Merton. Giampaolo Gabbi Il modello di Black-Scholes- Merton Giampaolo Gabbi Premessa Fra le equazioni utilizzate in finanza ne esiste una estremamente semplice. Il contributo di Black e Scholes allo sviluppo della teoria e della

Dettagli

Determinazione dei Prezzi Forward e dei Prezzi Futures

Determinazione dei Prezzi Forward e dei Prezzi Futures Determinazione dei Prezzi Forward e dei Prezzi Futures Lezione 6 5.1 Beni d Investimento e Beni di Consumo I beni d investimento (ad es., oro, argento) sono beni che vengono posseduti solo per fini d investimento

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

I principi di matematica finanziaria per un corretto inquadramento di usura e anatocismo

I principi di matematica finanziaria per un corretto inquadramento di usura e anatocismo Usura e anatocismo: novità legislative e consulenze tecniche nel contenzioso bancario Milano,15 maggio 2014 I principi di matematica finanziaria per un corretto inquadramento di usura e anatocismo Prof.

Dettagli

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 00_caparrelli 20-01-2004 13:10 Pagina VII Prefazione XIII Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 Capitolo 1 I prodotti del mercato monetario 3 1.1 Introduzione al mercato monetario

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (41 punti) Lei ha iniziato a lavorare quale analista obbligazionario. Il primo giorno di lavoro si trova confrontato con il seguente portafoglio obbligazionario

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

CONTRATTI DERIVATI E USURA: IMPATTI E CONSEGUENZE IN PROCEDURE CONCORSUALI

CONTRATTI DERIVATI E USURA: IMPATTI E CONSEGUENZE IN PROCEDURE CONCORSUALI CONTRATTI DERIVATI E USURA: IMPATTI E CONSEGUENZE IN PROCEDURE CONCORSUALI di Roberto Baviera, consulente Rondpoint e docente, e Laura Filippi, dottore commercialista 1. Introduzione: i contratti derivati

Dettagli

VALUTAZIONE ECONOMICA DEI CONTRATTI DERIVATI SUI TASSI DI INTERESSE - INTRODUZIONE - 22/11/2010 1

VALUTAZIONE ECONOMICA DEI CONTRATTI DERIVATI SUI TASSI DI INTERESSE - INTRODUZIONE - 22/11/2010 1 VALUTAZIONE ECONOMICA DEI CONTRATTI DERIVATI SUI TASSI DI INTERESSE - INTRODUZIONE - 22/11/2010 1 LE DUE CATEGORIE DI DERIVATI La prima categoria riguarda quei contratti che realizzano la neutralizzazione

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15 FINANZA AZIENDALE AVANZATO Le opzioni e l option theory Lezioni 14 e 15 I derivati asimmetrici ono contratti/prodotti che fissano le condizioni a cui POTRA aver luogo la compravendita futura dell attività

Dettagli

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY LA PUT-CALL PARITY Questa relazione chiarisce se sia possibile effettuare degli arbitraggi e, quindi, guadagnare senza rischi. La put call parity è una relazione che lega tra loro: il prezzo del call,

Dettagli

MODELLO DI BLACK SCHOLES

MODELLO DI BLACK SCHOLES MODELLO DI BLACK SCHOLES 1 Greche della Put Dalla put-call parity: C P = S Ke P = SN(d 1 ) Ke N(d ) S + Ke P = Ke (1 N(d )) S(1 N(d 1 )) quindi la FORMULA DI BLACK SCHOLES PER LA PUT è P = Ke N( d ) SN(

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 3 Finanziamenti

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 3 Finanziamenti Corso di Educazione Finanziaria Lezione 3 Finanziamenti Indice Argomenti trattati in questa lezione sui finanziamenti: Saggio di interesse* (capitalizzazione e attualizzazione, regime semplice, composto

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Giuseppe Romano, Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique

Giuseppe Romano, Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique Giuseppe Romano, Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique ANATOCISMO CMS DIF - CIV USURA Anatocismo OBBLIGO DI PAGAMENTO, NON SOLO DEL CAPITALE E DEGLI INTERESSI PATTUITI, MA ANCHE DEGLI ULTERIORI

Dettagli

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio BORSA ITALIANA S.p.A. Derivatives Markets Private Investors Business Development Relatore: Gabriele Villa Disclaimer La pubblicazione del presente

Dettagli

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.it Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi www.dimequant.unimib.it

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI UFFICIO DI PRESIDENZA Ufficio Consulenti Tecnici e Periti

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI UFFICIO DI PRESIDENZA Ufficio Consulenti Tecnici e Periti REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI UFFICIO DI PRESIDENZA Ufficio Consulenti Tecnici e Periti PERIZIA TECNICA : Calcolo TEGM e Verifica USURA CESSIONARIO: TIZIO CAIO. Finanziatore: PRESTITALIA

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (50 punti) Lei è analista del dipartimento di investimenti obbligazionari di una compagnia di assicurazioni con sede nella nazione Z, e sta preparando delle

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A. RISOLUZIONE N. 58/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 marzo 2003 OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Equivalenza economica

Equivalenza economica Equivalenza economica Calcolo dell equivalenza economica [Thuesen, Economia per ingegneri, capitolo 4] Negli studi tecnico-economici molti calcoli richiedono che le entrate e le uscite previste per due

Dettagli

ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE

ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE Nota: questo file raccoglie alcuni esempi di prove scritte assegnate negli ultimi anni per gli esami di Matematica Finanziaria IIB e. I testi vanno presi come indicativi,

Dettagli

Mutuo offerto alle imprese

Mutuo offerto alle imprese FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FONDIARIO/IPOTECARIO IMPRESE Mutuo offerto alle imprese Mutuo fondiario garantito da ipoteca per le imprese INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca SANFELICE 1893 Banca Popolare, Piazza

Dettagli

Usura, anatocismo e dintorni: principi giuridici e finanziari e applicazioni pratiche

Usura, anatocismo e dintorni: principi giuridici e finanziari e applicazioni pratiche Usura, anatocismo e dintorni: principi giuridici e finanziari e applicazioni pratiche Corso Leasing ASSILEA - Milano, 10 aprile 2014 Principi di matematica finanziaria per la difesa dalle contestazioni

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo a. APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE (Offerta a Clientela Altri)

FOGLIO INFORMATIVO. relativo a. APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE (Offerta a Clientela Altri) FOGLIO INFORMATIVO relativo a APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE (Offerta a Clientela Altri) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3-20825

Dettagli

Mutuo offerto ai consumatori

Mutuo offerto ai consumatori FOGLIO INFORMATIVO RIEPILOGATIVO Mutuo offerto ai consumatori Mutuo garantito da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca SANFELICE 1893 Banca Popolare, Piazza Matteotti,

Dettagli

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà:

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà: Gli esercizi sono suddivisi per argomenti. A) Piani d ammortamento. ) I esonero 003. Un individuo si accorda per restituire un importo di 300 mila euro mediante il versamento di rate costanti semestrali

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Mutuo offerto ai consumatori

Mutuo offerto ai consumatori FOGLIO INFORMATIVO RIEPILOGATIVO Mutuo offerto ai consumatori Mutuo garantito da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca SANFELICE 1893 Banca Popolare, Piazza Matteotti,

Dettagli

Soluzioni del Capitolo 5

Soluzioni del Capitolo 5 Soluzioni del Capitolo 5 5. Tizio contrae un prestito di 5.000 al cui rimborso provvede mediante il pagamento di cinque rate annue; le prime quattro rate sono ciascuna di importo.00. Determinare l importo

Dettagli

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Sommario I Goldman Sachs 4 II Introduzione 6 Che cosa sono i covered

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Opzioni Le opzioni offrono agli investitori la possibilità di creare

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (56 punti) Lei lavora nel dipartimento di tesoreria di una banca internazionale. La banca è molto conosciuta e può emettere, se necessario, obbligazioni

Dettagli

COMUNE di ORISTANO. Settore Programmazione e Gestione delle Risorse

COMUNE di ORISTANO. Settore Programmazione e Gestione delle Risorse COMUNE di ORISTANO COMUNI de ARISTANIS Settore Programmazione e Gestione delle Risorse NOTA SUI DERIVATI (allegato al rendiconto di gestione 2014 - art. 1 comma 383 Legge 244/2007) La presente nota è allegata

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e 1. Introduzione Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e contabile del rapporto di conto corrente, dedichiamo il presente al tema della pattuizione del tasso

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO (PRESTITO FINALIZZATO)

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO (PRESTITO FINALIZZATO) FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO (PRESTITO FINALIZZATO) INFORMAZIONI SU MAN Financial Services S.p.A. MAN Financial Services S.p.A. (società appartenente al Gruppo MAN) Via Monte Baldo,

Dettagli

Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE. Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza

Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE. Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza NEMANJA RADIĆ 22/04/2009 AGENDA Introduzione I. I modelli basati sul cash flow mapping II. III. 2 Gli obiettivi del cash

Dettagli

VI Esercitazione di Matematica Finanziaria

VI Esercitazione di Matematica Finanziaria VI Esercitazione di Matematica Finanziaria 2 Dicembre 200 Esercizio. Verificare la proprietà di scindibilità delle leggi del prezzo { v(t, s) = exp } 2 (s2 t 2 ) e v(t, s) = e t(s t) Soluzione. Possiamo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a MUTUI CHIROGRAFARI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a MUTUI CHIROGRAFARI FOGLIO INFORMATIVO relativo a MUTUI CHIROGRAFARI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3-20825 Barlassina (MB) Tel.: 0362857711 Fax:

Dettagli

Alessandro Ramponi Lezioni di Finanza Matematica

Alessandro Ramponi Lezioni di Finanza Matematica A01 185 Alessandro Ramponi Lezioni di Finanza Matematica Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN

Dettagli

SURROGAZIONE NELLE GARANZIE

SURROGAZIONE NELLE GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO relativo al MUTUI destinati ad estinguere precedenti finanziamenti, CON SURROGAZIONE NELLE GARANZIE concesse a favore della Banca finanziatrice originaria (c.d. PORTABILITA ) INFORMAZIONI

Dettagli

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6 da emettersi nell ambito del programma BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Il Sig. X è un gestore obbligazionario cui è stata assegnata la gestione del comparto obbligazionario internazionale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANTICIPO SU CREDITI E/O FATTURE

FOGLIO INFORMATIVO ANTICIPO SU CREDITI E/O FATTURE FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO SU CREDITI E/O FATTURE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale: 84038 Sassano (SA) - Via

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria Indice 1 Leggi di capitalizzazione 5 1.1 Introduzione............................ 5 1.2 Richiami di teoria......................... 5 1.2.1 Regimi notevoli...................... 6 1.2.2 Tassi equivalenti.....................

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Il dizionario dei termini finanziari

Il dizionario dei termini finanziari Il dizionario dei termini finanziari Tipi di ordine Ordine a mercato Ordine in stop (buystop-sellstop) Ordine a limite (buylimit-sellimit) Viene dato senza precisare alcun prezzo. Significa che lo si deve

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa

Dettagli