Il Modello di Project Management del Consorzio Operativo. Siena, marzo 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Modello di Project Management del Consorzio Operativo. Siena, marzo 2006"

Transcript

1 l Modello di Project Management del Consorzio Operativo Siena, marzo 2006

2 l Modello di Project Management del Consorzio Operativo Modulo 1 ntroduzione al Project Management e Discipline di PM

3 ALCUNE DEFNZON l Progetto è una combinazione integrata di persone, risorse e fattori organizzativi predisposta temporaneamente per raggiungere obiettivi definiti con risorse limitate e rispettando vincoli di tempo, costo e qualità l Project Management è l applicazione di conoscenze, competenze, strumenti e tecniche specifiche alle attività di un progetto, finalizzate a raggiungere gli obiettivi definiti (Project Management nstitute ) 3

4 LE DSCPLNE D PROJECT MANAGEMENT GESTONE QUALTÀ GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE TEMP ANNO +1 3 GESTONE RSCH Project Management GESTONE COST GESTONE CRTCTÀ GESTONE COMUNCAZONE GESTONE ORG. RSORSE UMANE 4

5 L CCLO D VTA D UN PROGETTO MPOSTAZONE PANFCAZONE REALZZAZONE E CONTROLLO CHUSURA GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE TEMP GESTONE COST GESTONE ORG. RSORSE UMANE GESTONE COMUNCAZONE GESTONE CRTCTÀ GESTONE RSCH GESTONE QUALTÀ 5

6 GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE QUALTÀ GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE TEMP GESTONE RSCH GESTONE COST GESTONE CRTCTÀ GESTONE COMUNCAZONE GESTONE ORG. RSORSE UMANE 6

7 GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE AMBTO E OBETTV COSA E La disciplina Gestione Obiettivi ed Ambito si occupa di delineare le finalità ed i confini dell intervento progettuale. noltre, gestisce le eventuali variazioni d ambito definite nel corso del progetto A COSA SERVE Formalizzare i requisiti del richiedente al fine di garantire che il lavoro venga impostato e svolto in coerenza con essi Recepire le eventuali nuove richieste affinché vengano soddisfatte dalle attività di progetto PASS PRNCPAL Definizione obiettivi ed ambito Approvazione obiettivi ed ambito Estensione o modifica ambito 7

8 GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE AMBTO E OBETTV Definizione obiettivi ed ambito Approvazione obiettivi ed ambito Estensione o modifica ambito. DEFNZONE OBETTV ED AMBTO Formalizzazione delle caratteristiche tipiche del progetto: area di influenza del progetto (ambito) e risultati attesi (obiettivi) vincoli e ipotesi di base tecnologie utilizzate competenze e numerosità delle risorse umane necessarie scadenze previste principali aree di rischio. APPROVAZONE OBETTV ED AMBTO Approvazione di obiettivi ed ambito da parte degli organi competenti per delimitare chiaramente i risultati da produrre: in questo senso si parla comunemente di contratto con il richiedente (cliente). ESTENSONE O MODFCA AMBTO Recepimento di nuove richieste o delle modifiche alle richieste originarie, con conseguente estensione o modifica ambito di progetto Definizione di una nuova baseline 8 la baseline è il riferimento di tempi e risorse per il progetto, su cui confrontarsi periodicamente per rilevare gli eventuali scostamenti; tra i documenti che la esplicitano vi sono, ad esempio, il Piano di Lavoro e il documento Obiettivi ed Ambito

9 GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE AMBTO E OBETTV ES. DOCUMENTO OBETTV ED AMBTO Nome Progetto... Anagrafica di Project Leader... Progetto Committente Riferimenti Data Documento... documento Data condivisione... Obiettivi del Progetto.. Ambito del Progetto.. potesi di base.. Tecnologie utilizzate. Principali scadenze.. Budget.. Risorse umane e gdl.. Aree di rischio. contratto nei confronti del cliente 9

10 LE DSCPLNE DEL PROJECT MANAGEMENT GESTONE QUALTÀ GESTONE AMBTO E OBETTV ANNO +1 3 GESTONE TEMP GESTONE RSCH GESTONE COST GESTONE CRTCTÀ GESTONE ORG. RSORSE UMANE GESTONE COMUNCAZONE 10

11 LA GESTONE DE TEMP ANNO +1 GESTONE TEMP 3 COSA E La disciplina Gestione dei Tempi occupa di definire e controllare i tempi di completamento delle attività del progetto Gestisce, inoltre, le eventuali variazioni sulle scadenze pianificate A COSA SERVE Stabilire la durata del progetto Garantire che il lavoro venga svolto nel rispetto delle scadenze pianificate Ridurre gli impatti di eventuali ritardi di singole attività sulla scadenza finale PASS PRNCPAL Definizione attività e milestones Stima impegni Definizione date attività V Controllo e revisione scadenze 11

12 LA GESTONE DE TEMP ANNO +1 GESTONE TEMP Definizione attività e milestones Stima impegni Definizione date attività V Controllo e revisione scadenze 3. DEFNZONE ATTVTA E MLESTONES L articolazione del progetto in attività e milestones è fatta organizzando attività e scadenze in aggregazioni logiche omogenee rispetto, ad esempio, ai risultati o al tipo di impegno La granularità con la quale definire le attività progettuali sarà da bilanciare con la significatività a livello di risultati e deliverables previsti, impegno di risorse e capacità di controllo concetti associati WORK BREAKDOWN STRUCTURE (WBS) WORK PACKAGE MLESTONE SEQUENZA D ATTVTÀ 12

13 LA GESTONE DE TEMP ANNO +1 GESTONE TEMP Definizione attività e milestones Stima impegni Definizione date attività V Controllo e revisione scadenze 3. DEFNZONE ATTVTA E MLESTONES La Work Breakdown Structure (WBS) è una rappresentazione del progetto che organizza le aree di attività, e le attività di dettaglio, per linea gerarchica secondo criteri di processo o di prodotto il Work Package (WP) è un aggregazione di attività logicamente significative, a disposizione degli utenti per supporto nella pianificazione Progetto Cantiere2 Livello 1 Prodotto Prodotto Progetto Finito 1 Progetto Finito 2 Livello 2 Work package A1 Work package B2 Work package C3 Livello 3 attività - a attività - b attività - c Livello 4 13

14 LA GESTONE DE TEMP: ESEMPO ANNO +1 GESTONE TEMP 3 ES. WBS RSTRUTTURAZONE APPARTAMENTO Cantiere PROGETTAZONE OPERE MURARE OPERE ELETTRCHE OPERE D FNTURA NTERNA Prodotti finiti o aree di intervento NDVDUAZONE REQUST AVVO PROGETTO ABBATTMENTO OPERE PREESSTENT ABBATTMENTO PAVMENT REALZZAZONE NUOVE OPERE APERTURA TRACCE POSA CAV CHUSURA TRACCE PAVMENT PTTURA NFSS Workpackage o aree di attività DEFNZONE FABBSOGN NCARCO A PROFESSONSTA SCELTA SOLUZONE NCARCO A PROFESSONSTA PREDSPOSZ. E REALZZAZ. VERFCA/ APPROVAZONE NCARCO A PROFESSONSTA PREDSPOSZ. E REALZZAZ. VERFCA/ APPROVAZONE NCARCO A PROFESSONSTA PREDSPOSZ. E REALZZAZ. VERFCA/ APPROVAZONE Attività di dettaglio VERFCA/ APPROVAZONE 14

15 LA GESTONE DE TEMP ANNO +1 GESTONE TEMP Definizione attività e milestones Stima impegni Definizione date attività V Controllo e revisione scadenze 3. DEFNZONE ATTVTA E MLESTONES Le milestones sono scadenze o eventi significativi che caratterizzano il percorso del progetto, e possono corrispondere a momenti di controllo del progetto sett 3 sett 4 sett 5 POSA PARQUET LUCDATURA PARQUET. CONSEGNA CUCNA. 15

16 LA GESTONE DE TEMP ANNO +1 GESTONE TEMP Definizione attività e milestones Stima impegni Definizione date attività V Controllo e revisione scadenze 3. DEFNZONE ATTVTA E MLESTONES La sequenza delle attività esplicita le relazioni tra le attività in base ai vincoli che possano condizionare la successione temporale degli eventi del progetto FNE-NZO il successore deve iniziare dopo la fine del predecessore es. chiusura delle tracce prima di imbiancatura pareti NZO-NZO il successore deve iniziare dopo l inizio del predecessore es. progetto dell architetto rispetto all individuazione fabbisogni FNE-FNE il successore deve finire dopo la fine del predecessore es. approvazione opere murarie rispetto al termine delle stesse NZO-FNE 16 il successore deve finire dopo l inizio del predecessore es. selezione soluzioni rispetto all individuazione fabbisogni

17 LA GESTONE DE TEMP ANNO +1 GESTONE TEMP Definizione attività e milestones Stima impegni Definizione date attività V Controllo e revisione scadenze 3. STMA DEGL MPEGN La stima degli impegni è una valutazione di tipo intuitivo ed empirico delle diverse variabili di progetto che comportano sforzi e disponibilità di impegno, basata su esperienze e osservazioni oggettive Gli impegni sono definiti in termini di giorni uomo ed economici; le stime sono supportate da eventuali ipotesi, ad esempio tecnologia utilizzata, costo di mercato del pacchetto sw individuato, output previsti (es. n schermate, n report, n transazioni, ) Esistono due approcci alla stima: TOP DOWN: utilizzato quando le variabili in esame sono di tipo globale (es. impegno totale del progetto, numero di persone necessarie,..); generalmente si utilizza nella fase di mpostazione del progetto, in carenza di informazioni BOTTOM UP: approccio analitico utilizzato quando le variabili di progetto vengono stimate sulle singole componenti del lavoro, previste dalla WBS; tale approccio si basa su informazioni più dettagliate relative alle singole attività progettuali da svolgere 17

18 LA GESTONE DE TEMP ANNO +1 GESTONE TEMP Definizione attività e milestones Stima impegni Definizione date attività V Controllo e revisione scadenze 3. STMA MPEGN: APPROCCO TOP- DOWN L approccio top-down prevede che dalla stima dell impegno complessivo di progetto si determini a cascata, seguendo la WBS, la stima per i singoli componenti del progetto fino al livello di dettaglio richiesto (es. utilizzando impegni standard %) DA MPEGNO COMPLESSVO Progetto di ristrutturazione Lavori in muratura 1000 Ristrutturazione Appartamento mpianto Elettrico Finiture nterne Progetto Sottoprogetti A MPEGNO SU SNGOL WP ndividuazio ne requisiti Stesura Progetto Abbattim. murature preesist. Abbattim. pavimenti Realizzazion e nuove murature Apertura tracce Posa cavi Chiusura tracce Pavimenti Pittura nfissi Workpackage 18

19 LA GESTONE DE TEMP ANNO +1 GESTONE TEMP Definizione attività e milestones Stima impegni Definizione date attività V Controllo e revisione scadenze 3. STMA MPEGN: APPROCCO BOTTOM-UP L approccio bottom-up prevede che dalla stima dell impegno per le singole componenti del progetto si determini, attraverso un processo di sintesi dei dati per livelli gerarchici superiori, l impegno complessivo del progetto A MPEGNO COMPLESSVO Progetto di ristrutturazione Lavori in muratura 1000 Ristrutturazione Appartamento mpianto Elettrico Finiture nterne Progetto Sottoprogetti DA MPEGNO SU SNGOL WP ndividuazio ne requisiti Stesura Progetto Abbattim. murature preesist. Abbattim. pavimenti Realizzazion e nuove murature Apertura tracce Posa cavi Chiusura tracce Pavimenti Pittura nfissi Workpackage 19

20 LA GESTONE DE TEMP ANNO +1 GESTONE TEMP Definizione attività e milestones Stima impegni Definizione date attività V Controllo e revisione scadenze 3. DEFNZONE DATE ATTVTÀ Sulla base dei vincoli di dipendenza tra le attività e delle milestones fissate, vengono definite le date d inizio e di fine di ogni attività l percorso critico è la sequenza delle attività che determinano la durata dell intero progetto, ovvero: la durata complessiva del progetto corrisponde alla somma delle durate delle attività collocate lungo il percorso critico ed ogni ritardo delle attività sul percorso critico influenza la durata del progetto nizio al più tardi 0 A Fine al più tardi 5 0 (5) 5 nizio al più Fine al più presto presto B (7) C 5 (4) 17 5 G (8) D S = 3 20 S = F E H (4) (6) (4) S = 12 S = 12 (3) 8 8 (2) ATTVTÀ CRTCHE ATTVTÀ NON CRTCHE 26 S = slittamento (x) = durata attività 26

21 LA GESTONE DE TEMP ANNO +1 GESTONE TEMP Definizione attività e milestones Stima impegni Definizione date attività V Controllo e revisione scadenze 3 V. CONTROLLO E REVSONE DELLE SCADENZE Procedere al controllo delle scadenze significa: verificare il rispetto delle scadenze pianificate identificare le cause degli eventuali ritardi e definire appropriate azioni correttive, valutando l'impatto di queste sulle scadenze future ripianificare le scadenze non rispettate e/o impattate Nel caso in cui gli eventi di progetto rendano necessario variare alcune scadenze significative (es. data di fine progetto, milestones di rilascio prodotti finiti, ), è prevista la revisione della baseline di progetto e la successiva approvazione di una nuova versione di Piano di Lavoro la baseline è il riferimento di tempi e risorse per il progetto, su cui confrontarsi periodicamente per rilevare gli eventuali scostamenti; tra i documenti che esplicitano la baseline vi sono, ad esempio, il Piano di Lavoro e il documento Obiettivi ed Ambito 21

22 LA GESTONE DE TEMP: ESEMPO ANNO +1 GESTONE TEMP 3 ES. DAGRAMMA D GANTT 1^ SETTMANA 2^ SETTMANA 3^ SETTMANA 4^ SETTMANA PROGETTO D RSTRUTTURAZONE NDVDUAZONE REQUST STESURA PROGETTO LAVOR N MURATURA Completamento Progetto ABBATTMENTO MURATURE/PAVMENT NUOVE MURATURE MPANTO ELETTRCO Completamento Muratura APERTURA TRACCE POSA CAV CHUSURA TRACCE Completam. mpianto elettrico 22

23 LE DSCPLNE DEL PROJECT MANAGEMENT GESTONE QUALTÀ GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE TEMP ANNO +1 3 GESTONE RSCH GESTONE COST GESTONE CRTCTÀ GESTONE COMUNCAZONE GESTONE ORG. RSORSE UMANE 23

24 LA GESTONE DE COST GESTONE COST COSA E La disciplina Gestione dei Costi si occupa di stimare i costi complessivi di un progetto e controllarne l evoluzione nel tempo, gestendo gli eventuali scostamenti dal budget iniziale A COSA SERVE Fornire una stima complessiva dei costi del progetto Garantire che il lavoro venga svolto nel rispetto del budget previsto Minimizzare gli impatti sul percorso critico del progetto di eventuali scostamenti rispetto al budget previsto PASS PRNCPAL Stima dei costi Allocazione del budget Controllo dei costi V Revisione del budget di progetto 24

25 LA GESTONE DE COST GESTONE COST Stima dei costi Allocazione del budget Controllo dei costi V Revisione del budget di progetto. STMA DE COST La stima iniziale dei costi di progetto è fatta sulla base delle seguenti categorie di impegno: personale interno prestazioni professionali esterne (es. progetti) forniture di software (es. licenze e canoni) forniture di materiali Le modalità di stima fanno riferimento a: costo medio standard (es. per il personale interno) dati storici disponibili, tra cui: -precedenti ordini a favore degli stessi fornitori -contratti quadro a livello di Gruppo -offerte ricevute da altri fornitori per analoghe prestazioni costo di iniziative analoghe 25

26 LA GESTONE DE COST GESTONE COST Stima dei costi Allocazione del budget Controllo dei costi V Revisione del budget di progetto. ALLOCAZONE DEL BUDGET L allocazione del budget valorizza economicamente le categorie di costo (voci di spesa) secondo quanto previsto dalla contabilità aziendale Le voci di spesa da utilizzare nel Consorzio fanno riferimento a: personale interno prestazioni professionali esterni e software forniture di materiali 26

27 LA GESTONE DE COST: ESEMPO GESTONE COST ES. BUDGET D PROGETTO cantiere / Prodotti Finiti Stima impegni gg/u e valorizzazione gg/ u prestazioni e forniture esterne costi complessivi 27

28 LA GESTONE DE COST GESTONE COST Stima dei costi Allocazione del budget Controllo dei costi V Revisione del budget di progetto. CONTROLLO DE COST Gli obiettivi del processo di controllo dei costi sono: verifica del rispetto del budget tramite monitoraggio dei consumi in corso individuazione delle cause dell eventuale mancato rispetto del budget, predisposizione e attuazione di appropriate azioni correttive valutazione e analisi dell impatto delle azioni correttive richiesta di una modifica del budget (eventuale) V. REVSONE DEL BUDGET D PROGETTO Nel caso in cui risulti necessario richiedere una modifica del budget assegnato si dovrà attivare il processo di riallocazione o extra-budget; anche in questo caso vi è una revisione della baseline di progetto 28

29 LE DSCPLNE DEL PROJECT MANAGEMENT GESTONE QUALTÀ GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE TEMP ANNO +1 3 GESTONE RSCH GESTONE COST GESTONE CRTCTÀ GESTONE COMUNCAZONE GESTONE ORG. RSORSE UMANE 29

30 LA GESTONE DELL ORGANZZAZONE E DELLE RSORSE UMANE GESTONE ORGANZZAZONE RSORSE UMANE COSA E La disciplina Gestione dell Organizzazione delle Risorse Umane si occupa degli aspetti organizzativi legati alla gestione dei progetti, definendo l organizzazione del gruppo di lavoro ed i relativi ruoli A COSA SERVE dentificare le figure professionali necessarie alla realizzazione del progetto Assegnare ruoli e responsabilità Ottenere l effettiva disponibilità delle risorse assegnate garantendo coerenza tra assegnazioni e fabbisogni PASS PRNCPAL ndividuazione Responsabile di Progetto Def. delle figure professionali di progetto Def. organigramma di progetto e assegnazione risorse V Allocazione risorse e controllo corretta allocazione 30

31 LA GESTONE DELL ORGANZZAZONE E DELLE RSORSE UMANE GESTONE ORG. RS. UMANE ndividuazione del Responsabile di Progetto Def. delle figure prof.li di progetto Def. organigr. di progetto e assegnaz. risorse V Allocazione risorse e controllo. NDVDUAZONE RESPONSABLE D PROGETTO Procedere all assegnazione del Responsabile di Progetto significa identificare la risorsa competente e disponibile per guidare l iniziativa progettuale in maniera efficace ed efficiente, nel rispetto sia dei fabbisogni e dei requisiti espressi dal committente, sia dei vincoli di risorse (tempo, competenze, budget, ) Le Direzioni, per i progetti del proprio ambito, definiscono gli Uffici di competenza e, insieme ai Capi Ufficio, identificano i Responsabili di Progetto del Consorzio n caso di progetti particolarmente complessi la Direzione e l Ufficio Pianificazione e Controllo del Consorzio prevedono che la gestione delle tematiche di PM venga svolta con il supporto di Project Manager 31

32 LA GESTONE DELL ORGANZZAZONE E DELLE RSORSE UMANE GESTONE ORG. RS. UMANE ndividuazione del Responsabile di Progetto Def. delle figure prof.li di progetto Def. organigr. di progetto e assegnaz. risorse V Allocazione risorse e controllo. DEFNZONE DELLE FGURE PROFESSONAL D PROGETTO La definizione delle figure professionali da impiegare è strettamente correlata a: tipologia di attività previste durata di ciascuna attività parallelismo/ sequenzialità tra le attività 32

33 LA GESTONE DELL ORGANZZAZONE E DELLE RSORSE UMANE GESTONE ORG. RS. UMANE ndividuazione del Responsabile di Progetto Def. delle figure prof.li di progetto Def. organigr. di progetto e assegnaz. risorse V Allocazione risorse e controllo. DEFNZONE ORGANGRAMMA D PROGETTO E ASSEGNAZONE RSORSE Una volta individuate e quantificate le figure professionali necessarie alla realizzazione del progetto, il Responsabile di Progetto può elaborare un organigramma di progetto, per il momento non nominativo, che evidenzia i riporti gerarchici tra le figure professionali che si pensa di impiegare nel progetto Tale proposta di organizzazione di progetto deve essere condivisa con le Direzioni interessate in termini di: verifica dell effettiva disponibilità delle figure professionali individuate individuazione nominativa delle risorse verifica della coerenza tra le competenze richieste e le risorse effettivamente disponibili, ciascuna per il periodo previsto 33

34 LA GESTONE DELL ORGANZZAZONE E DELLE RSORSE UMANE: ES. GESTONE ORG. RS. UMANE ES. ORGANGAMMA D PROGETTO Responsabile di Progetto Resp. Comunicazione (Staff) Project Manager (Staff) Resp. Archit. e ntegrazione (Staff) Responsabile Prodotto Finito 1 Responsabile Prodotto Finito 2 Responsabile Prodotto Finito Responsabile Prodotto Finito n Analisti funz. Analisti funz. Analisti funz. Analisti funz. Analisti tecnici Analisti tecnici Analisti tecnici Analisti tecnici Programmatori.. Programmatori.. Programmatori.. Programmatori.. 34

35 LA GESTONE DELL ORGANZZAZONE E DELLE RSORSE UMANE GESTONE ORG. RS. UMANE ndividuazione del Responsabile di Progetto Def. delle figure prof.li di progetto Def. organigr. di progetto e assegnaz. risorse V Allocazione risorse e controllo V. ALLOCAZONE RSORSE E CONTROLLO CORRETTA ALLOCAZONE Dopo aver ottenuto l assegnazione delle risorse al progetto il Responsabile di Progetto procede all allocazione nominativa delle risorse sulle attività, in base alla compatibilità di disponibilità e competenze E necessario verificare la disponibilità delle risorse per tutta la durata del progetto: evidenziare e risolvere eventuali situazioni di sovra-utilizzo (fabbisogno maggiore della disponibilità) e di sotto-utilizzo (fabbisogno minore della disponibilità) delle risorse livellare il carico delle risorse agendo, tra le altre, sulle leve della pianificazione ad esempio modificando i parallelismi tra le attività, spostando le date di alcune attività, rivedendo opportunamente l allocazione delle risorse, eccetera 35

36 LA GESTONE DELL ORGANZZAZONE E DELLE RSORSE UMANE: ES. GESTONE ORG. RS. UMANE ES. DAGRAMMA D CARCO DELLE RSORSE impegno standard (normale, tollerato, contrattualizzato, ) periodo 1-18 per Risorsa o gruppo di risorse sovraccarico sottocarico 36

37 LE DSCPLNE DEL PROJECT MANAGEMENT GESTONE QUALTÀ GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE TEMP ANNO +1 3 GESTONE RSCH GESTONE COST GESTONE CRTCTÀ GESTONE COMUNCAZONE GESTONE ORG. RSORSE UMANE 37

38 LA GESTONE DELLA COMUNCAZONE GESTONE COMUNCAZONE COSA E La disciplina Gestione della Comunicazione si occupa di predisporre e diffondere le comunicazioni tra tutti i partecipanti al progetto e di garantire coerenza tra le comunicazioni di PM da utilizzare sia all interno del progetto sia verso entità esterne A COSA SERVE Diffondere e condividere le informazioni all interno del gruppo di lavoro, rafforzare l integrazione fra le persone e gestire eventuali divergenze o conflitti Garantire visibilità sull avanzamento complessivo delle attività agli organi esterni al progetto PASS PRNCPAL Comunicazione interna rivolta ai partecipanti al progetto Produzione e diffusione delle comunicazioni di Project Management 38

39 LA GESTONE DELLA COMUNCAZONE GESTONE COMUNCAZONE Comunicazione interna Comunicazioni di PM. COMUNCAZONE NTERNA La comunicazione interna, rivolta ai partecipanti al progetto, presenta diversi obiettivi a seconda della fase progettuale nella quale è svolta n fase di avvio e pianificazione la comunicazione interna serve a: chiarire l organizzazione complessiva del progetto specificando le figure di responsabilità e a chi devono riportare le risorse comunicare e condividere gli obiettivi comuni coinvolgere e concordare con ciascuno le responsabilità assegnate, evidenziando le interdipendenze tra gli obiettivi assegnati alle singole persone Durante la fase di realizzazione e controllo del progetto, la comunicazione interna è tipicamente svolta con incontri periodici del gruppo di lavoro al fine di: definire lo stato di avanzamento dei lavori condividere e commentare i risultati raggiunti concordare eventuali modifiche al piano di lavoro 39

40 LA GESTONE DELLA COMUNCAZONE GESTONE COMUNCAZONE Comunicazione interna Comunicazioni di PM. PRODUZONE E DFFUSONE DELLE COMUNCAZON D PM La produzione e diffusione di comunicazioni di PM ha lo scopo di garantire la corretta visibilità su obiettivi, organizzazione e avanzamento complessivo del progetto; ciò vale sia all interno del gruppo di lavoro, sia nei confronti di entità esterne che in vario modo e a vari livelli possono essere interessate al progetto Le attività ricorrenti nella predisposizione e diffusione delle comunicazioni di PM sono: definire quali report di PM produrre, con quali informazioni e/o per quali interlocutori e/o con quale periodicità individuare gli strumenti più appropriati per raccogliere le informazioni necessarie predisporre e distribuire i report archiviare la documentazione prodotta l tipico documento di PM volto a descrivere l avanzamento delle attività e delle maggiori evidenze del progetto (criticità o meno) è lo Stato Avanzamento Lavori (o SAL) -di seguito vedremo quali sono, in particolare, i documenti previsti dal Consorzio per la gestione dei progetti- 40

41 LA GESTONE DELLA COMUNCAZONE: ESEMPO GESTONE COMUNCAZONE ES. STATO AVANZAMENTO LAVOR D PROGETTO Progetto XX Attività completate Attività in corso Attività future pianificate Avanzamento impegno gg/u e costi Criticità e altre evidenze BSL ACT ETC EAC= (ACT+ETC) Delta= (BSL-EAC) Budget iniziale approvato (baseline) Lavoro effettivo Lavoro rimanente Lavoro totale (budget ripianificato) Scostamento 41

42 LE DSCPLNE DEL PROJECT MANAGEMENT GESTONE QUALTÀ GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE TEMP ANNO +1 3 GESTONE RSCH GESTONE COST GESTONE CRTCTA GESTONE COMUNCAZONE GESTONE ORG. RSORSE UMANE 42

43 LA GESTONE DELLE CRTCTA GESTONE CRTCTA COSA E La disciplina Gestione delle Criticità si occupa di individuare, gestire e risolvere le potenziali sorgenti di problemi che possono compromettere i risultati del progetto A COSA SERVE ndividuare le circostanze critiche per le attività di progetto Definire le opportune modalità per attenuare gli impatti su obiettivi e risultati di progetto PASS PRNCPAL ndividuazione e segnalazione delle criticità Assegnazione e monitoraggio delle criticità Aggiornamento stato criticità 43

44 LA GESTONE DELLE CRTCTA GESTONE CRTCTA ndividuazione e segnalazione delle criticità Assegnazione e monitoraggio delle criticità Aggiornam. stato criticità. NDVDUAZONE E SEGNALAZONE DELLE CRTCTÀ Qualsiasi risorsa appartenente al gruppo di progetto può individuare e segnalare una criticità, in maniera da anticipare quanto possibile la valutazione di eventuali azioni correttive da parte del Responsabile di Progetto Le criticità che emergono nel corso di un progetto sono caratterizzate dai seguenti requisiti: possono avere impatto negativo sugli obiettivi del progetto o sulle attività previste sono risolvibili tramite azioni e decisioni ad hoc possono necessitare di una escalation per individuare il giusto livello a cui affrontarle Le criticità possono sorgere in qualsiasi momento e riguardare tutti gli elementi del progetto, dalle risorse alle dinamiche di svolgimento delle attività; tutte le criticità devono essere conosciute dal Responsabile di Progetto, che è responsabile della rimozione La gestione delle criticità prevede la catalogazione in una delle seguenti categorie: tecnologica, di Project Management, organizzativa, esterna 44

45 LA GESTONE DE RSCH GESTONE CRTCTA ndividuazione e segnalazione delle criticità Assegnazione e monitoraggio delle criticità Aggiornam. stato criticità CLASSFCAZONE DELLE CRTCTÀ Le criticità possono essere classificati in categorie, ad esempio: tecnologica, se connessa all utilizzo di tecnologie innovative o particolarmente complesse, oppure alla difficoltà di integrazione con altri sistemi, eccetera di Project Management, se relativa all impiego di discipline e strumenti di PM, alla possibilità di definire l ambito di intervento, a scadenze troppo stringenti, eccetera organizzativa, se relativa alla insufficiente disponibilità di risorse umane, a conflitti derivanti dalla condivisione di risorse da parte di più progetti / dalla difficoltà di reperimento di particolari competenze esterna, se di altra natura o fuori del controllo del Project Management (es. normative, leggi, andamento del mercato, eccetera). 45

46 LA GESTONE DELLE CRTCTA GESTONE CRTCTA ndividuazione e segnalazione delle criticità Assegnazione e monitoraggio delle criticità Aggiornam. stato criticità. ASSEGNAZONE E MONTORAGGO DELLE CRTCTÀ l Responsabile di Progetto è tenuto a conoscere ed analizzare tutte le criticità che dovessero emergere, al fine di monitorarne l evoluzione. AGGORNAMENTO STATO CRTCTÀ l Report delle Criticità deve essere aggiornato periodicamente al fine di: segnalare le variazioni di stato o la chiusura delle criticità risolte (chiusa) inserire nuove criticità individuate 46

47 LA GESTONE DELLE CRTCTA : ESEMPO GESTONE CRTCTA La gestione prevede diversi passi operativi, associati al cambio di stato della singola criticità Grafo degli stati della criticità nserimento criticità nel Report Valutazione criticità: Criticità accettata Assegnazione della criticità APERTA dentificazione di una soluzione: Soluzione corretta ASSEGNATA Risoluzione della criticità NDRZZATA CHUSA Nuova criticità SEGNALATA Valutazione della criticità: Criticità rifiutata ANNULLATA dentificazione di una soluzione: Soluzione non corretta 47

48 LA GESTONE DELLE CRTCTA : ESEMPO GESTONE CRTCTA ES. REPORT DELLE CRTCTÀ N Categoria Criticità 1 Project Management Carenza di supporto sulle attività di PM Autore della segnalazione Data segnalazione Riferimento WBS Rilevanzanza mpatti Risorsa A 03/01/03 1-Alta Ritardi nella conclusione delle attività di pianificazione mpatti Stato Proprietario Soluzione 4-Chiusa Risorsa A Richiedere assegnazione di una risorsa dedicata al PM Data Chiusura Prevista 10/01/03 2 Organizzativo Necessità di reperire rapidamente risorse con competenze funzionali Risorsa A 14/01/03 Attività di analisi funzionale 1-Alta Ritardo nell'inizio delle attività di analisi funzionale 3-ndirizzata Risorsa B Richiedere assegnazione tempestiva di risorse con competenze funzionali 01/02/03 3 Organizzativo Ritardo nella definizione dei fornitori esterni 4 Esterno Ritardo nella ricezione dell'offeta da parte del fornitore "X" Risorsa B 14/01/03 Attività dei fornitori esterni 2-Media Ritardi su alcune attività previste dal piano di lavoro Risorsa C 15/01/03 2-Media Ritardi nella formalizzazione del 3-ndirizzata Risorsa C Organizzare una riunione per valutare e scegliere i fornitori 1-Aperta 24/01/03 48

49 LE DSCPLNE DEL PROJECT MANAGEMENT GESTONE QUALTÀ GESTONE AMBTO E OBETTV GESTONE TEMP ANNO +1 3 GESTONE RSCH GESTONE COST GESTONE CRTCTÀ GESTONE COMUNCAZONE GESTONE ORG. RSORSE UMANE 49

50 LA GESTONE DE RSCH GESTONE RSCH COSA E La disciplina Gestione dei Rischi si occupa di identificare i rischi che possono avere effetti negativi sul progetto, analizzarli quantitativamente e monitorare il livello di rischio complessivo A COSA SERVE dentificare e valutare i rischi cui il progetto è esposto, anticipatamente ndividuare le azioni necessarie per ridurre la portata dei rischi sul progetto Monitorare e comunicare i progressi effettuati nel controllo dei rischi PASS PRNCPAL dentificazione e valutazione dei rischi Gestione e controllo dei rischi 50

51 LA GESTONE DE RSCH GESTONE RSCH dentificazione e valutazione dei rischi Gestione e controllo dei rischi : DENTFCAZONE E VALUTAZONE DE RSCH l rischio è un evento che, se si verifica, può avere un effetto negativo su uno o più elementi del progetto, in particolare: ambito: modifica o estensione dell ambito del progetto costi: mancato rispetto del budget inizialmente previsto tempi: mancato raggiungimento degli obiettivi nei tempi stabiliti qualità: ridotto livello qualitativo del prodotto/ servizio realizzato Le possibili aree di rischio sono tipicamente identificate attraverso l analisi di: documentazione di progetto e/o di progetti simili contratti e accordi stipulati con i fornitori analisi di rischi già identificati/ rilevati su progetti analoghi 51

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente logiche per

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 VERSO UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE Enti Locali e politiche di coesione Project Management per gli EELL Ornella Cauli 8 maggio 2013 Centro Servizi Losa La logica del Project

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0 Gestione Pianificazione e gestione del progetto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq. Fundamentals. Syllabus

EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq. Fundamentals. Syllabus EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq Fundamentals Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di epmq Modulo 1 Fundamentals. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

05/03/07 Anna Maria Baratta. Lavorare per progetti

05/03/07 Anna Maria Baratta. Lavorare per progetti 05/03/07 Anna Maria Baratta Lavorare per progetti Cosa e` un Progetto Un progetto e` una serie di attività temporanee e mirate alla creazione un nuovo unico prodotto/servizio. (Project Management Institute

Dettagli

Offerta tecnica. Allegato III Modelli di documentazione

Offerta tecnica. Allegato III Modelli di documentazione Offerta tecnica Allegato III Modelli di documentazione Gestione, sviluppo e manutenzione dell architettura software di Business Intelligence in uso presso Cestec S.p.A. Redatto da Omnia Service Italia

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Roma, 18 dicembre 2003 Agenda dell'incontro Approvazione del regolamento interno Stato di avanzamento del "Progetto Monitoraggio" Prossimi

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale MONITORAGGIO SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2013 DELL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE 1 INDICE

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...1 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...1 1.2 AREA DI APPLICAZIONE...1

Dettagli

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato.

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato. CHI SIAMO La PROGETTI S.r.l., con sede a Mantova, è stata creata nel marzo del 1993, da professionisti che sin dal 1987 hanno operato all interno del Gruppo Eni (Stabilimenti di Mantova, Ferrara, Porto

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi Project Management Modulo: Introduzione prof. ing. Guido Guizzi Definizione di Project Management Processo unico consistente in un insieme di attività coordinate con scadenze iniziali e finali, intraprese

Dettagli

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO

SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO SCHEDA MULTISERVIZIO TECNOLOGICO PER LE STRUTTURE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO Multiservizio tecnologico per le strutture sanitarie della Regione Lazio Il presente caso studio riguarda l affidamento,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management)

UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management) UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management) adozione nazionale in lingua italiana della norma internazionale ISO 21500 A cura di Relatore: Eugenio Rambaldi Presidente Assirep presidente@assirep.it

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Edoardo Bacchini Elvira Milani. ebusiness Suite Solution Team. Oracle Italia

Edoardo Bacchini Elvira Milani. ebusiness Suite Solution Team. Oracle Italia Edoardo Bacchini Elvira Milani ebusiness Suite Solution Team Oracle Italia Cruscotto di controllo per il governo dell ente locale, gestione risorse finanziarie ed umane Catania, 5 Dicembre 2002 Agenda

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Obiettivi specifici Per il generale, si individuano

Dettagli

SUITE SISTEMI. la suite di soluzioni dedicate all ufficio Sistemi Informativi. White Paper

SUITE SISTEMI. la suite di soluzioni dedicate all ufficio Sistemi Informativi. White Paper SUITE SISTEMI la suite di soluzioni dedicate all ufficio Sistemi Informativi White Paper Introduzione Suite Sistemi è un pacchetto di soluzioni per la gestione di tutte le attività che coinvolgono l ufficio

Dettagli

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Dott. Patrizio Monfardini monfardini@unica.it 1 Agenda Il budget Le caratteristiche Le funzioni I vantaggi I limiti Il processo di redazione Il budget nelle

Dettagli

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management Incentive & Performance Management La soluzione per informatizzare e gestire il processo di Performance Management Il contesto di riferimento La performance, e di conseguenza la sua gestione, sono elementi

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

Processi di contabilità analitica

Processi di contabilità analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Processi di contabilità analitica Processi di contabilità analitica PROCEDURA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla. Produzione su commessa

Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla. Produzione su commessa Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla Produzione su commessa GALILEO Produzione su Commessa. La soluzione applicativa si rivolge a quelle aziende del settore manifatturiero e/o impiantista

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. giordano. gariboldi@sini.it Comitato Direttivo Corsi ANIMP 1 PIANIFICAZIONE

Dettagli

Relazione di consuntivo dell anno 2014

Relazione di consuntivo dell anno 2014 1 / 10 Relazione di consuntivo dell anno 2014 U.O.S. Pianificazione Programmazione e Controllo REDATTO DA: (Segue l elenco delle persone che hanno contribuito a redigere il presente documento) Silvia Giovannetti

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

figure professionali software

figure professionali software Responsabilità del Program Manager Valuta la fattibilità tecnica delle opportunità di mercato connesse al programma; organizza la realizzazione del software in forma di progetti ed accorpa più progetti

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

TITOLO. Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze. Parma, 8 Aprile 2009. Progetto IQuEL

TITOLO. Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze. Parma, 8 Aprile 2009. Progetto IQuEL Progetto IQuEL Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze TITOLO Parma, 8 Aprile 2009 Sommario WP2: Attività A2P3: strumenti e metodologia di rilevazione qualitativa e quantitativa

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno dal punto di vista del revisore Università degli studi di Pavia Obiettivo=Relazione Team di Revisione Principi Contabili/Principi

Dettagli

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget Servizio Controllo di Gestione Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo Il processo di budget Il processo ho la scopo di garantire il raggiungimento dei risultati annuali previsti dalla Direzione

Dettagli

Software di ausilio alla Governance IT

Software di ausilio alla Governance IT Seminario Software di ausilio alla Governance IT Giuseppe Marciante g.marciante@gmail.com IT Cost Management Piano dei conti IT Struttura del Budget IT Procurement Agenda Project & Portfolio Management

Dettagli