LightCode. Processi e Tool di Sviluppo del Software v05.00

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LightCode. Processi e Tool di Sviluppo del Software v05.00"

Transcript

1 LightCode Processi e Tool di Sviluppo del Software v05.00 Pagina 1 / 21

2 Introduzione Questo documento presenta l approccio di LightCode allo sviluppo dei progetti software. Si tratta di un manifesto che descrive i principi e le pratiche che regolano i seguenti aspetti del processo di sviluppo: Relazione con i clienti Elicitazione e gestione dei requisiti Pianificazione del progetto Definizione di architettura e progettazione del software Realizzazione degli artefatti software e scrittura del codice Controllo qualità Gestione cambiamenti L applicazione di tali pratiche negli anni con successo su progetti reali e con soddisfazione dei clienti, la ricerca e il continuo miglioramento, e l investimento costante nella formazione e nelle metodologie e tecnologie all avanguardia sono motivi di orgoglio aziendale. Questo documento, seppure con tratti tecnici, ha l obbiettivo di evidenziare il valore di business che il processo utilizzato in LightCode può generare per il cliente finale. Tale valore si manifesta per il cliente nei seguenti aspetti: Qualità della soluzione realizzata, in termini di robustezza, usabilità, e attinenza alle esigenze di business con evidente soddisfazione degli utenti. Manutenibilità del software, con abbattimento di costi e tempi di modifiche del sistema nel tempo, e con garanzia di longevità della soluzione e protezione dell investimento del cliente. Focalizzazione sul business, collaborando con il cliente per spendere il budget e l effort sulle funzioni che più avvantaggiano il business, e per definire una pianificazione che prevede rilasci incrementali al fine di poter utilizzare il prima possibile funzionalità importanti, favorendo il ritorno di investimento. Pagina 2 / 21

3 Metodologie Agile nella realizzazione del Software Introduzione alle Metodologie Agile Nell'ingegneria del software, per metodologie Agile s intendono dei metodi particolari per lo sviluppo del software che coinvolgono quanto più possibile il committente, ottenendo in tal modo un elevata reattività ed aderenza alle sue richieste. Le metodologie agili mirano a ridurre il rischio di criticità e di fallimento dei progetti attraverso diversi strumenti e pratiche: Sviluppo Time-Boxed: il team procede con finestre di tempo limitate chiamate iterazioni che, in genere, durano poche settimane. Ogni iterazione è un piccolo progetto a sé stante e deve contenere tutto ciò che è necessario per rilasciare un piccolo incremento nelle funzionalità del software: pianificazione, analisi dei requisiti, progettazione, implementazione, test e documentazione. Gli obiettivi a breve termine permettono di misurare in modo più efficace la produttività e di mantenere focalizzato il team, creando maggiore commitment. Feedback frequente: Il cliente è coinvolto durante tutto il ciclo di sviluppo del software per regolari revisioni. Gli incrementi di software sono rilasciati in ambienti pilota (o di produzione quando maturano funzionalità adeguate per un utilizzo effettivo). Il feedback raccolto permette al team di correggere la direzione dei lavori in tempo utile. Ottimizzazione del budget: Il cliente ha la possibilità, ad ogni iterazione, di rivedere insieme al team le priorità dei requisiti da realizzare. In questo modo il team sviluppa prima le funzionalità con maggiore valore per il business. Questo, unitamente al rilascio degli incrementi di software, permette al cliente di anticipare il Return On Investment, potendo utilizzare il software stesso il prima possibile, e potenzialmente prima del termine di rilascio stabilito. Risposta ai cambiamenti: Sempre con il meccanismo della revisione delle priorità in corso d opera, il cliente ha la possibilità di introdurre funzionalità a maggior valore a discapito di altre che durante lo sviluppo si sono rivelate meno importanti o obsolete. I principali elementi teorici ed il Manifesto alla base delle metodologie Agile, oltre ad ulteriori informazioni di approfondimento, sono disponibili sul seguente sito: Metodologia Scrum Una delle più diffuse metodologie agili è Scrum, ideata e sviluppata da Ken Schwaber e Mike Beedle verso la fine degli anni novanta. Si basa su tre semplici punti: Sprint, Backlog e Scrum Meeting. La metodologia Scrum prevede di: dividere il progetto in blocchi rapidi di lavoro (Sprint) con l obiettivo di potenzialmente consegnare al cliente una funzionalità utilizzabile alla fine dello Sprint; indicare come definire i dettagli del lavoro da espletare nell'immediato futuro (Backlog) per averne una definizione estesa; organizzare riunioni giornaliere del team di sviluppo (Scrum Meeting) per verificare e pianificare cosa si è fatto e cosa si farà. Pagina 3 / 21

4 Il termine Scrum è mutuato dal mondo del Rugby: indica il pacchetto di mischia ed è evidentemente una metafora del team di sviluppo che deve lavorare insieme in modo che tutti gli attori del progetto spingano nella stessa direzione, agendo come un'unica entità coordinata. Scrum è stato utilizzato in aziende di ogni dimensione, tra cui: Microsoft, Yahoo, Google, Electronic Arts, Lockheed Martin, Philips, Siemens, Nokia, IBM, Capital One, BBC, Intuit, Nielsen Media, First American Real, Estate, BMC Software, Ipswitch, John Deere, Lexis Nexis, Sabre, Salesforce.com, Time Warner, Turner Broadcasting, Oce. Scrum è stato utilizzato per le più diverse tipologie di prodotti software: Commercial software, In-house development, Contract development, Fixed-price projects, Financial applications, ISO 9001-certified applications, Embedded systems, 24x7 systems with % uptime requirements, Video game development, FDA-approved, life-critical systems, Satellite-control software, Websites, Handheld software, Mobile phones, Network switching applications, ISV applications. Pagina 4 / 21

5 Processi di Project Management Le principali Fasi costituenti il processo di Project Management sono le seguenti: Planning & Release Management Risk & Crisis Management Performance Management Planning and Release Management Il ciclo di sviluppo è organizzato secondo due livelli di pianificazione: Release: Si tratta di milestone a medio-lungo termine (tipicamente della durata di diversi mesi). Una Release coincide con il rilascio in produzione di una versione definitiva del software con funzionalità complete concordate in fase di pianificazione. Sprint: Si tratta di un ciclo time-boxed a breve termine (solitamente da 2 a 4 settimane) al termine del quale sarà disponibile un incremento valutabile e potenzialmente utilizzabile del software. Ogni Release è composta da tanti Sprint. Inizialmente il Backlog stimato viene prioritizzato in accordo con il cliente. Durante la pianificazione di ogni Sprint il Backlog restante (o parte di esso) può essere ri-stimato e ri-prioritizzato. Il team alloca ad ogni Sprint i Backlog item di priorità più alta, fino a saturare la capacità produttiva del team per quell iterazione, in base alla stima di effort dei Backlog. Durante lo Sprint si pianificano brevi incontri interni del team, detti anche Daily Scrum (circa minuti tutte le mattine), per condividere l avanzamento dei lavori e per evidenziare criticità riscontrate. Pagina 5 / 21

6 L avanzamento dei Backlog item viene tracciato sugli strumenti di pianificazione in tutte le fasi di lavorazione. Pagina 6 / 21

7 Risk Management Al fine di gestire preventivamente i rischi ed affrontare proattivamente le situazioni di criticità legate al progetto, vengono sistematicamente applicate una serie di Best Practices : Scouting and Spikes: questo approccio consiste nell affrontare al più presto le incognite in modo da prendere consapevolezza il prima possibile dell entità del rischio, e valutare l impatto e le possibili azioni di mitigazione. Le incognite possono essere di natura tecnologica o legate alle conoscenze di business / constraint di progetto. Nel primo caso di pianificano, nei primissimi Sprint, brevi attività di prototipazione (Spikes) in cui si valutano le strade percorribili e si cerca di stabilire l effort e l impatto dell utilizzo delle nuove tecnologie, o di integrazione con altri sistemi. Nel secondo caso si individuano le persone o le fonti in grado di fornire le risposte necessarie per analizzare, stimare, pianificare, e realizzare le funzionalità del software. Burndown Chart: si tratta di uno strumento di reportistica predittiva utilizzata in Scrum. Basandosi sulla consapevolezza che la percentuale di progresso rispetto alle stime iniziali non è necessariamente allineato con la pianificazione del rilascio, l obiettivo di questo report non è quello di comunicare il quanto è stato completato, ma di quanto manca al realmente termine. Pagina 7 / 21

8 Reflective Improvement: al termine di ogni Sprint il team organizza un meeting di Project Retrospective, in cui si analizzano gli aspetti positivi e negativi riscontrati nell iterazione. In questo meeting si prendono decisioni su iniziative da intraprendere per aumentare la produttività del team, migliorare la comunicazione interna ed esterna, ridurre o rivedere le procedure inefficienti o costose, mitigare rischi emergenti. Impediments Tracking: durante tutto il ciclo di sviluppo vengono tracciati gli impedimenti, interni o esterni, che inficiano il lavoro del team. Gli impedimenti possono essere di natura organizzativa, conoscitiva, tecnologica, o imprevisti. Ogni impedimento viene assegnato ad un membro del team che ne deve seguire l evoluzione con il commitment alla sua chiusura nel più breve tempo possibile. Continuous Integration: uno dei rischi più frequenti nei progetti Software è rappresentato dall integrazione dei componenti realizzati dal team o da terze parti. Per evitare cicli costosi e pericolosi di integrazione al termine degli sviluppi (in corrispondenza della consegna finale), si configurano ambienti e strumenti che effettuano l integrazione automatica delle componenti software già dalle prime fase di sviluppo. Si tratta di server dedicati che in modo automatico e schedulato raccolgono le ultime versioni dei sorgenti del software, compilano tutte le componenti realizzate, e lanciano test automatici se disponibili. Pagina 8 / 21

9 Automated Testing: una delle principali cause di sforamento di budget e dei tempi di consegna di un progetto software è la regressione. Si tratta dell effetto dei bugs introdotti involontariamente durante lo sviluppo e ad ogni modifica del codice esistente. Questo effetto si amplifica in modo esponenziale quando i bug non vengono scoperti in tempo utile, e l effort della risoluzione a volte ha un impatto non recuperabile nei margini di sicurezza pianificati, comportando lo sforamento sui tempi di consegna. Il testing automatico è una metodologia che permette di abbattere drasticamente il tempo di debug e la probabilità che si manifestino regressioni sul codice esistente. Pagina 9 / 21

10 Performance Management Al fine di monitorare e migliorare le performance del team vengono misurati alcuni indicatori fondamentali: Velocity: è la capacità produttiva media del team per Sprint. Si tratta della misura dell effort stimato dei Backlog item completati ad ogni Sprint. Questa misura (in genere espresso in man-days) converge, dopo i primi sprint, ad un valore medio abbastanza stabile che permette di determinare in ogni momento la stima al rilascio (in altre parole il tempo necessario per completare il Backlog residuo). Su questo indicatore si basa il report di Burndown Chart. Tempo medio di chiusura dei bug: i bugs sono gestiti come Backlog item ad alta priorità, dal momento che il loro costo di risoluzione sale rapidamente nel tempo. E importante che i bug siano risolti nel minor tempo possibile. Tempo medio di chiusura degli Impediment : gli impedimenti possono comportare lo stallo delle attività di progetto, bloccando le pipeline di sviluppo, oppure possono rendere necessari workaround temporanei che introducono costi aggiuntivi al progetto. E altrettanto importante che gli impedimenti vengano risolti il prima possibile. Pagina 10 / 21

11 Processi di Software Development Le principali Aree costituenti il processo di Software Development sono le seguenti: User Requirements Management Architecture & Design Coding & Testing Quality Management Bug Tracking and Fixing Change Management User Requirements Management I requisiti vengono raccolti utilizzando template e formalismi standardizzati come Use Cases e diagrammi UML. I requisiti formano il Product Backlog che verrà utilizzato per la pianificazione delle attività del team. Pagina 11 / 21

12 Il Backlog è gestito con appositi software di gestione e pianificazione di risorse per Scrum. Ogni Backlog Item è tracciato, assegnato, e versionato nelle seguenti fasi di lavorazione: Registrazione, Realizzazione, Completamento, Verifica. I documenti di analisi sono tracciati con appositi strumenti di versioning. Durante il ciclo di sviluppo il Backlog può essere modificato per introdurre nuovi item o rimuovere item obsoleti, a condizione che non siano già in sviluppo. Può avvenire in questo modo lo switch di Backlog a parità di effort stimato. In alternativa è possibile aggiungere Backlog item che restano out of scope per la Release corrente, ma che vengono comunque registrati per future sviluppi. Il Product Backlog può anche espandersi o comprimersi di comune accordo, considerando le condizioni commerciali e contrattuali, ed eventualmente concordando una variazione del budget e dei termini di consegna. Architecture & Design Mentre i requisiti costituiscono il dominio del problema, l architettura e la progettazione definiscono il dominio della soluzione. In questa fase si definisce l architettura software / hardware della soluzione, e si inquadra il sistema nell ecosistema dell infrastruttura IT del cliente. La conoscenza approfondita delle piattaforme Microsoft e della loro integrazione con infrastrutture e sistemi server permette la definizione di un architettura affidabile che preveda piani di backup, fail-over e disaster recovery dell intera soluzione. Inoltre, anni di esperienza in sistemi Enterprise permettono la definizione di architetture multi-layer che adoperano design pattern consolidati nell industria dello sviluppo software, in grado di garantire flessibilità di deployment e di integrazione con sistemi esistenti. L architettura definisce una mappa di navigazione ad alto livello dei moduli del sistema e della loro interazione con componenti interni ed esterni. La progettazione del software deve rispondere ai vincoli funzionali e non funzionali espressi dai requisiti, e deve consentire l evoluzione e la modifica del sistema per far fronte a nuove o diverse esigenze di business. Tale progettazione deve inoltre permettere la manutenzione del software con costi sostenibili e l innovazione tecnologica preservando gli investimenti nel tempo. Ad oggi la risposta più efficace alla sfida della realizzazione e manutenzione dei sistemi complessi è Domain Driven Design. Domain Driven Design è una metodologia di progettazione Object-Oriented che prevede la realizzazione di un modello ad oggetti che ricalchi nel modo più fedele possibile il dominio del business, comprendendone entità e regole, e che permetta al team di sviluppo di utilizzare la stessa terminologia e gli stessi concetti usati dagli esperti del dominio e dagli utenti finali. Questa corrispondenza riduce il livello di traduzione tecnologica delle esigenze di business che spesso è causa di un disallineamento tra le reali necessità degli utenti e le funzionalità disponibili nel software realizzato. Pagina 12 / 21

13 Coding & Testing Il Coding è l attività che permette di realizzare il software implementando i modelli progettati con l approccio Domain Driven Design. Lo sviluppatore in questa fase è tutt altro che un mero esecutore. Egli, seguendo l architettura del sistema, prende decisioni sul dettaglio del design del software. Il design infatti non viene definito in modo dettagliato prima di sviluppare il codice (approccio Up-Front ), ma è una guida flessibile che aiuta lo sviluppatore a restare conforme alle regole di business, e viene continuamente raffinato e modificato per restare allineato con le stesse regole nel tempo. In questo senso si parla dell approccio Emergent Design, ovvero un design che prende forma man mano che si realizzano funzionalità incrementali del sistema ed è malleabile nella misura di accomodare elementi decisionali e di conoscenza che emergono nel corso del progetto. Pagina 13 / 21

14 Il Testing è un attività integrante dello sviluppo del software. Non è una fase a posteriori, spesso vista come una fase opzionale e sacrificabile in caso di sforamento sui tempi e sui costi. Il testing è proprio la garanzia di mentenere i tempi di sviluppo lineari al crescere della base del codice, ed evitare la sintomatica fase di debug infinito prima e dopo il rilascio del software. Vengono eseguite le seguenti tipologie di testing, con obiettivi e risultati diversi, e per ognuna si cerca di automatizzare l esecuzione in modo da massimizzare l efficacia dei controlli sui risultati: Unit Test: E il test effettuato dallo sviluppatore durante la scrittura del codice, ed ha l obiettivo di verificare il corretto funzionamento delle singole unità del codice stesso (membri delle classi object-oriented). Questo tipo di test è in assoluto quello più integrato nel processo di Coding e per garantire il iglior risultato viene affrontato con la metodologia Test Driven Development (vedi il paragrafo Quality Management). Integration / System / Stress Test: E il test che verifica il corretto funzionamento di più componenti di sistema, assemblati e configurati nel modo più allineato possibile all ambiente di produzione finale. Lo scopo di questo test è valutare la corretta collaborazione e passaggio di informazioni tra i componenti, e di simulare situazioni di picco di carico di lavoro. Eventuali attività di performance tuning utilizzano il risultato di questi test per definire una baseline e misurare successivi miglioramenti. User Acceptance Test: E il test effettuato dagli utenti pilota (o da tester con opportuna conoscenza dei requisiti di business). Lo scopo di questo test è verificare l aderenza del software realizzato con i requisiti funzionali e non funzionali. Nei casi in cui siano stati concordati precedentemente i Test Case, questi vengono eseguiti ed i risultati dei test vengono tracciati come misura oggettiva per la convalida della correttezza del software realizzato. Pagina 14 / 21

15 Quality Management La qualità nello sviluppo del software si manifesta sotto molteplici aspetti: Aderenza ai requisiti funzionali e non funzionali Usabilità dell interfaccia e costo di apprendimento per l utente finale Manutenibilità della base di codice in termini di costi e tempi Configurabilità, Personalizzazioni e gestione del Versioning Robustezza in termini di bug presenti nella versione rilasciata in produzione Integrabilità con altri sistemi informativi Sicurezza e protezione dei dati Affidabilità in termini di capacità di recupero del sistema da disastri di varia natura Al fine di tenere in considerazione gli aspetti citati, sono applicate le seguenti metodologie di lavoro e procedure di controllo (oltre alle metodologie già citate negli altri processi di Project Management e Software Development): ISO 9126: la raccolta dei requisiti è orientata alla verificabilità della qualità del software in termini di aderenza alle caratteristiche stabilite dagli standard ISO Pagina 15 / 21

16 Test Driven Development: si tratta di una tecnica che considera la scrittura dei test automatici di correttezza come parte integrante delle attività di sviluppo del software. Questa pratica riduce nettamente il bug rate del software rilasciato in produzione e lo rende meno vulnerabile agli effetti di regressione durante il suo ciclo di vita. Code Review / Peer Review: si tratta di una pratica di revisione tra membri senior/junior o membri alla pari del team, che permette di valutare la bontà delle soluzioni applicate e di evidenziare le criticità da indirizzare. Inoltre questa pratica aumenta la conoscenza trasversale del lavoro svolto, permettendo una più proficua collaborazione in comune sulle varie parti del software. Pagina 16 / 21

17 Code Coverage: è uno strumento che analizza la copertura del codice di produzione da parte dei test automatici. In breve, in fase di esecuzione dei test automatici, viene profilata l esecuzione delle porzioni del codice del software stimolate dai test stessi. La quantità del codice stimolato viene rapportato alla totalità della base del codice, ottenendo un rapporto di copertura in percentuale. Maggiore è la percentuale della copertura, minore è il rischio che il codice celi bug sfuggiti ai test automatici. Pagina 17 / 21

18 Metriche statiche: si tratta di un analisi statica dei sorgenti che produce una serie di metriche in grado di valutare rapidamente la qualità del codice e del design dello stesso. Alcuni indicatori più importanti sono La Complessità Ciclomatica, La Profondità delle Istruzioni, La Percentuale di Documentazione, Il Numero Medio delle Righe di Codice per Metodo. Pagina 18 / 21

19 Metriche Dinamiche: si tratta di un analisi dinamica sui componenti compilati che rivela le interdipendenze degli stessi e la criticità (e quindi il rischio) della modifica di ogni componente. Alcuni indicatori fondamentali sono: Numero delle Dipendenze Afferenti, Numero delle Dipendenze Efferenti, Distanza dalla Sequenza Principale. Pagina 19 / 21

20 Prototyping, Wireframes, Mock-ups: si tratta di tecniche di analisi e progettazione che proiettano l utente finale verso un possibile risultato finale, in tempi brevi e con un effort contenuto. In questo modo l utente può visualizzare l aspetto finale del prodotto software e immedesimarsi nell interazione con esso. L analista raccoglie il feedback sull usabilità e sulla completezza delle funzioni / informazioni presenti, e comunica al team di sviluppo un idea chiara e condivisa del risultato atteso da parte del cliente. Technical Documentation: Durante lo sviluppo vengono prodotti una serie di artefatti versionati come documentazione tecnica e condivisi internamente ed esternamente: o Wireframes, Mock-ups o Requirements Backlog o Architecture Definition o Design Documents o Test Cases o Bug Reports o Code Coverage Reports and Software Metrics Pagina 20 / 21

21 Bug Tracking and Fixing I bug trovati durante lo sviluppo e le varie fasi di test sono registrati e prioritizzati come Defect nel backlog delle attività. Come tutti i Backlog anche i Defect sono versionati in tutti i cambiamenti di stato fino alla chiusura. A differenza dei Backlog di requisiti pianificati ad ogni Sprint, i Defect possono entrare nello Sprint corrente come attività ad alta priorità. Considerando che il costo della risoluzione dei bug cresce all aumentare del tempo di risoluzione, il team può decidere che i bug ad alta priorità devono essere chiusi immediatamente. Ogni defect è (auto)assegnato ad uno sviluppatore, che ne è responsabile per tutti gli stati fino a quando è pronto per la verifica. La verifica può essere effettuata da un altro membro del team oppure da un test automatico che ne certifica la correzione. Change Management Le Change Request (CR) sono registrate nel Backlog. La gestione dal punto di vista di analisi, progettazione e realizzazione è sostanzialmente è la stessa dei requisiti, la differenza è nella pianificazione. In base alle condizioni contrattuali e ai vincoli di tempi e costi sul progetto, le CR possono essere gestite in due modalità differenti: Riprioritizzazione della Release Corrente: In questa modalità il budget e la scadenza di consegna della Release non sono strettamente vincolati e sono gestiti in modo collaborativo con il cliente. Il cliente ha la possibilità di includere le CR, quelle giudicate di valore, nella Release correnteaumentandone lo scope. Il team proietta una revisione della scadenza del rilascio e del relativo budget. Alternativamente il cliente ha la possibilità di sostituire le CR con requisiti già pianificati, non ancora realizzati, di pari stima. I requisiti sostituiti restano nel Backlog per un eventuale pianificazione in una Release successiva. Manutenzione Evolutiva in Release Successive: In questa modalità i requisiti pianificati per la Release, il budget e la scadenza sono fissati. Le CR registrate nel Backlog formeranno la base dei requisiti per le Release successive. Al termine della Release corrente sarò definito lo scope della prossima Release sulla base dei requisiti (e delle CR) a maggior priorita/valore nel Backlog. Pagina 21 / 21

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi metodologie a.a. 2003-2004 1 metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi più formalmente: un processo da seguire documenti o altri elaborati da produrre usando linguaggi più o

Dettagli

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland The Scrum Guide La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco Ottobre 2011 Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland Indice Scopo della Guida Scrum... 3 Overview di Scrum... 3 Scrum Framework...

Dettagli

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A4_3 V1.1 Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1 Scrum Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 1.0 Pag. 1 Scrum è uno dei processi agili (www.agilealliance.com) il termine è derivato dal Rugby, dove viene chiamato Scrum il pacchetto

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi Un team agile allo sprint 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi una questione di leggerezza COMPLESSITÀ VARIABILITÀ SPRECHI SOVRA-ALLOCAZIONI COLLI DI BOTTIGLIA DEBITO BUSINESS/TECNICO RIDURRE TEMPI ATTESA RIDURRE

Dettagli

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al.

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello Code and fix Processo parte III Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello iniziale Iterazione di due passi scrittura del codice correzione degli errori Problemi: dopo una serie di cambiamenti, la

Dettagli

Ciclo di vita dimensionale

Ciclo di vita dimensionale aprile 2012 1 Il ciclo di vita dimensionale Business Dimensional Lifecycle, chiamato anche Kimball Lifecycle descrive il framework complessivo che lega le diverse attività dello sviluppo di un sistema

Dettagli

Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele. Qualità del Software

Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele. Qualità del Software Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele Qualità del Software Quality Assurance per tutte le esigenze Web Site Testing Mobile Application

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

Classificazione Nuovo Esame PMP

Classificazione Nuovo Esame PMP Notizie sul nuovo esame PMP a partire dal Agosto 0 Classificazione Nuovo Esame PMP Questo è il link al documento del PMI: Crosswalk Between Current and New PMP Classifications del PMI Di seguito trovi

Dettagli

La Guida a Scrum. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Luglio 2013. Sviluppata e mantenuta da Ken Schwaber Jeff Sutherland

La Guida a Scrum. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Luglio 2013. Sviluppata e mantenuta da Ken Schwaber Jeff Sutherland La Guida a Scrum La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco Luglio 2013 Sviluppata e mantenuta da Ken Schwaber Jeff Sutherland Table of Contents Scopo della Guida a Scrum... 3 Definizione di Scrum...

Dettagli

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 2. Ciclo di Vita e Processi di

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, ANALISI, SVILUPPO, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DI SISTEMI INFORMATIVI SU PIATTAFORMA IBM WEBSPHERE BPM (EX LOMBARDI)

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Software Testing. Lezione 1 Introduzione al processo di testing. Federica Spiga. federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: A. Bei/F.

Software Testing. Lezione 1 Introduzione al processo di testing. Federica Spiga. federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: A. Bei/F. Software Testing Lezione 1 Introduzione al processo di testing Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it A.A. 2010-2011 Autori: A. Bei/F.Spiga 1 2 Definizione di Software Testing Glen Myers -The Art of Software

Dettagli

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 13. Ciclo di Vita e Processi

Dettagli

Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software

Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software Sviluppo Agile I processi (di sviluppo) del software bisogni nuovi o modificati Processo software Prodotto software nuovo o modificato Un processo software descrive quali sono le attività che concorrono

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

Principali funzionalità delle soluzioni Microsoft nei processi di project & portfolio management

Principali funzionalità delle soluzioni Microsoft nei processi di project & portfolio management ROMA 12-15 Maggio 2008 Master Diffuso sul Project Management Principali funzionalità delle soluzioni Microsoft nei processi di project & portfolio management KP.Net - SOCIETA E COMPETENZE Kelyan Project.Net

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software Paolo Bottoni

Corso di Ingegneria del Software Paolo Bottoni Corso di Ingegneria del Software Paolo Bottoni Lezione 13: Gestione del progetto: Rischi e garanzia di qualità Obiettivi Discutere rischio e processo di gestione rischio Discutere approccio alla qualità

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami Echi da Amsterdam Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009 Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile Relatore: Bruna Bergami PMI NIC - Tutti i diritti riservati Milano, 19 Giugno

Dettagli

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard Quality gate Nei punti chiave del processo di sviluppo del software, viene integrato un insieme di quality gate per monitorare la qualità del prodotto intermedio prima che quest ultimo possa passare al

Dettagli

Ottimizzare Agile per la. agility made possible. massima innovazione

Ottimizzare Agile per la. agility made possible. massima innovazione Ottimizzare Agile per la agility made possible massima innovazione Agile accelera l'offerta di innovazione Lo scenario aziendale attuale così esigente e in rapida evoluzione ha enormemente amplificato

Dettagli

LINEA PROJECT MANAGEMENT

LINEA PROJECT MANAGEMENT LINEA PROJECT MANAGEMENT ITIL FOUNDATION V3 46.10.3 3 giorni Il corso, nell ambito della Gestione dei Servizi IT, mira a: 1. Comprendere Struttura e Processi di ITIL V3 - Information Technology Infrastructure

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

Collaudo e qualità del software Quali test eseguire

Collaudo e qualità del software Quali test eseguire Collaudo e qualità del software Relatore Ercole Colonese Roma, Tipologie di test Temi trattati nel libro Modello a V Livelli di testing Tipi di test Test funzionali Test delle funzionalità Test di gestione

Dettagli

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica CAPITOLATO TECNICO PER UN SERVIZIO DI MANUTENZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE DELLA COMPONENTE AUTOGOVERNO DEL SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

I lucidi messi a disposizione sul sito del corso di Analisi e progettazione del software NON sostituiscono il libro di testo

I lucidi messi a disposizione sul sito del corso di Analisi e progettazione del software NON sostituiscono il libro di testo Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Sviluppo iterativo, evolutivo e agile Capitolo 2 marzo 2015 Lo sviluppo iterativo dovrebbe essere utilizzato solo per i progetti che si desidera che vadano

Dettagli

Small Software Factories

Small Software Factories NEWITS SERVIZI PER LE NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Small Software Factories Sviluppare software in piccole realtà per grandi clienti Software Configuration Management 1 Software Configuration Management

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Business white paper. Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali

Business white paper. Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali Business white paper Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali Indice 3 Sommario esecutivo 3 Introduzione 3 Best practice a livello aziendale 5 Best practice a

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance 17 Esther BEVERE Miriam MERENDA ALTEN Italia Agenda Rilevanza della Professionalità del Software Tester Professionalità nel Testing Percorsi

Dettagli

Introduzione a Scrum. Prof. Paolo Ciancarini! Corso di Ingegneria del Software! CdL Informatica! Università di Bologna

Introduzione a Scrum. Prof. Paolo Ciancarini! Corso di Ingegneria del Software! CdL Informatica! Università di Bologna Introduzione a Scrum Prof. Paolo Ciancarini! Corso di Ingegneria del Software! CdL Informatica! Università di Bologna Agenda Origini di Scrum: collaborazione responsabile Struttura dello sprint Ruoli Rituali

Dettagli

Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software

Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software Giorgio Brajnik e Andrea Baruzzo Dip. di Matematica e Informatica Università di Udine e Interaction Design Solutions srl

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

-Sistemi per il rilevamento di flussi di persone- Progetto:

-Sistemi per il rilevamento di flussi di persone- Progetto: -Sistemi per il rilevamento di flussi di persone- Progetto: Sistema per il rilevamento e l analisi dei flussi dei clienti in un megastore di 1 piano di 1250m 2, composto da 20 corsie di 1m di lunghezza

Dettagli

ALTEN ITALIA ACADEMY

ALTEN ITALIA ACADEMY Catalogo Corsi ALTEN ITALIA ACADEMY 1/17 ALTEN Italia S.p.A. Società Unipersonale Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 Sede Legale e Amm.va: Via G. Crespi, 12-20134 Milano - Altre sedi: Bologna,

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Agile Origini dello Sviluppo Agile Proposta di un gruppo di sviluppatori che rilevava una serie di criticità degli approcci convenzionali: Troppa rigidità dei

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Creare un vantaggio competitivo nella relazione IT e business Gianluca Quarto Sintesi 2 E un dato di fatto che i sistemi informatici rappresentano uno strumento

Dettagli

TXT e-solutions. Passion for Quality. Marzo 2014

TXT e-solutions. Passion for Quality. Marzo 2014 TXT e-solutions Passion for Quality Marzo 2014 TXT e-solutions S.p.A. Fornitore Internazionale di prodotti e soluzioni software dedicati a Grandi Clienti Un azienda solida, con budget raggiunti e bilanci

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Testing - Strategie di del Software Testing del Software Il testing è quell attivit attività di esercizio del software tesa all individuazione dei malfunzionamenti prima della messa

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Piano di gestione della qualità

Piano di gestione della qualità Piano di gestione della qualità Pianificazione della qualità Politica ed obiettivi della qualità Riferimento ad un eventuale modello di qualità adottato Controllo della qualità Procedure di controllo.

Dettagli

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Quaderno N. 25 Ercole Colonese ercole@colonese.it Roma, 17 dicembre 2007 Argomenti trattati Valutazione del rischio

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

serena.com IL SUCCESSO DIPENDE DAI PROCESSI Velocizzateli con Serena TeamTrack

serena.com IL SUCCESSO DIPENDE DAI PROCESSI Velocizzateli con Serena TeamTrack serena.com IL SUCCESSO DIPENDE DAI PROCESSI Velocizzateli con Serena TeamTrack SERENA TEAMTRACK Serena TeamTrack è un sistema per la gestione dei processi e dei problemi basato sul Web, sicuro e altamente

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 6

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 6 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 6 Francesco Clabot 1 Responsabile erogazione servizi tecnici francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Quali passi per introdurre l Agile in azienda?

Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Garantire reattività e prontezza in uno scenario sempre più dinamico Quali passi per introdurre l Agile in azienda? White Paper Nell attuale contesto di mercato,

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

ALTEN è ad oggi training Provider:

ALTEN è ad oggi training Provider: L ALTEN ITALIA ACADEMY è l ente di formazione specialistica del gruppo ALTEN in Italia che, in ragione del proprio accreditamento, talvolta esclusivo, con alcuni dei più importanti schemi di certificazione

Dettagli

ALTEN ITALIA ACADEMY progetta ed eroga ai propri Clienti e Dipendenti formazione professionale nelle seguenti aree tematiche:

ALTEN ITALIA ACADEMY progetta ed eroga ai propri Clienti e Dipendenti formazione professionale nelle seguenti aree tematiche: ALTEN ITALIA ACADEMY è l ente di formazione specialistica del gruppo ALTEN in Italia che in ragione del proprio accreditamento, talvolta esclusivo, con alcuni dei più importanti schemi di certificazione

Dettagli

Progetto software 2008/2009. Docente Marianna Nicolosi Asmundo

Progetto software 2008/2009. Docente Marianna Nicolosi Asmundo Progetto software 2008/2009 Docente Marianna Nicolosi Asmundo Obiettivi del corso Coinvolgervi nello sviluppo di un progetto software in cui mettere a frutto le conoscenze che avete acquisito durante i

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5 Francesco Clabot 1 Responsabile erogazione servizi tecnici francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

IT Quality e Circolare 263

IT Quality e Circolare 263 IT Quality e Circolare 263 Trasformarsi per tempo puntando su Controllo dei Processi e Test Strutturato «Voi Siete Qui»: continuità ed elementi di novità Crisi 2008-09: nuovi modelli regolatori e normative

Dettagli

ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE

ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 1 di 20 Indice 1 CICLI DI VITA... 3 1.1 Ciclo di Sviluppo...3 1.2 Ciclo di Manutenzione...5 2 LE FASI PROGETTUALI...

Dettagli

ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE

ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 1 di 20 Indice 1 CICLI DI VITA... 3 1.1 Ciclo di Sviluppo... 3 1.2 Ciclo di Manutenzione... 5 2 LE FASI PROGETTUALI...

Dettagli

ESAME CISA 2003: 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino in caso di calamità e continuità operativa (10%)

ESAME CISA 2003: 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino in caso di calamità e continuità operativa (10%) ESAME CISA 2003: 1. Gestione, pianificazione ed organizzazione SI (11%) 2. Infrastrutture tecniche e prassi operative (13%) 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it ESI International Project Management & Business Analysis Solutions www.esi-italy.it Chi siamo Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis Agile Project

Dettagli

ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE

ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE ALLEGATO 1.4 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE Allegato 1.4 Cicli di vita del software Pagina 1 di 16 Indice 1 CICLI DI VITA... 3 1.1 Ciclo di Sviluppo... 3 1.2 Ciclo di Manutenzione... 5 2 LE FASI PROGETTUALI...

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

Concetti di base di ingegneria del software

Concetti di base di ingegneria del software Concetti di base di ingegneria del software [Dalle dispense del corso «Ingegneria del software» del prof. A. Furfaro (UNICAL)] Principali qualità del software Correttezza Affidabilità Robustezza Efficienza

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

LARISSA MOSS. Agile Project Management per progetti di Business Intelligence e Data Warehouse

LARISSA MOSS. Agile Project Management per progetti di Business Intelligence e Data Warehouse LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA LARISSA MOSS Agile Project Management per progetti di Business Intelligence e Data Warehouse ROMA 15-16 MAGGIO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Fasi del ciclo di vita overview Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Modularità Individuazione più agevole delle componenti riutilizzabili Ciclo di vita Esaustività Certezza di coprire tutte

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS

Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS CONFIGURATION MANAGEMENT PLAN Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS Gruppo Laboratorio di Ingegneria del Software 2 Anno Accademico2009/2010 Gruppo Kairos: Maiero Matteo, Bertoni Alan, Zolli

Dettagli

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi AO automazioneoggi Facciamo un po d ordine L approccio ai progetti di implementazione di sistemi ERP è spesso poco strutturato e il processo di implementazione risulta essere frequentemente inefficiente

Dettagli

L importanza di ITIL V3

L importanza di ITIL V3 6HUYLFH'HOLYHU\DQG3URFHVV$XWRPDWLRQ L importanza di ITIL V3 IBM - IT Strategy & Architecture Claudio Valant Le Migliori Prassi (Best Practice) ITIL ƒ ƒ ƒ ƒ,7,/ VWDSHU,QIRUPDWLRQ7HFKQRORJ\,QIUDVWUXFWXUH

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

Application Security Governance

Application Security Governance Application Security Governance 28 ottobre 2010 Francesco Baldi Security & Risk Management Practice Principal 1 AGENDA Problematiche di sicurezza applicativa Modello di riferimento Processo di sicurezza

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia SOA/EDA Composite Apps Software + Services Esercizio EAI Integrazione Punto-a-Punto Web services Consolidamento dell Infrastruttira Razionalizzazione

Dettagli

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT CDC -Corte dei conti DGSIA Direzione Generale Sistemi Informativi Automatizzati SGCUS Servizio per la gestione del Centro Unico dei Servizi PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio

Dettagli

Introduzione all Ingegneria del Software

Introduzione all Ingegneria del Software Introduzione all Ingegneria del Software Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Dicembre 2013 Introduzione all Ingegneria del Software Ingegneria del Software Modelli di Sviluppo del Software

Dettagli

Software di ausilio alla Governance IT

Software di ausilio alla Governance IT Seminario Software di ausilio alla Governance IT Giuseppe Marciante g.marciante@gmail.com IT Cost Management Piano dei conti IT Struttura del Budget IT Procurement Agenda Project & Portfolio Management

Dettagli

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti.

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti. Ottimizzare, Automatizzare e Monitorare i processi aziendali... Migliorare la produttività e la redditività riducendo l investimento Affrontare le sfide del mercato con gli strumenti giusti OT BPM è un

Dettagli

Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV

Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV Avete lavorato molto per costruire una visione per la vostra azienda. Con Microsoft Dynamics NAV potrete trasformare questa

Dettagli