STRATEGIE DI COMUNICAZIONE 2.0 IN SANITÀ.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRATEGIE DI COMUNICAZIONE 2.0 IN SANITÀ."

Transcript

1 Master I Livello MAGPA Management & E-governance per la Pubblica Amministrazione TESI IN STRATEGIE DI COMUNICAZIONE 2.0 IN SANITÀ. IL CASO DELL'USO DI FACEBOOK PER INCREMENTARE LE DONAZIONI DI ORGANI Relatore Candidato Prof. Francesco Manfredi dott. Cirasole Domenico ANNO ACCADEMICO

2 2

3 INDICIE CAPITOLO 1 - E-government, e-governance, e-democracy...pag. 5 CAPITOLO 2 - La comunicazione nelle aziende...pag. 11 CAPITOLO 3 - La comunicazione nelle aziende pubbliche...pag IL PIANO DI COMUNICAZIONE ANNUALE DELL'AZIENDA PUBBLICA pag.22 CAPITOLO 4 - La Comunicazione dell Azienda Ospedaliera pag IL PIANO DI COMUINICAZIONE DELL'AZIENDA OSPEDALIERA...pag. 33 CAPITOLO 5 - I Social media (WEB 2.0) nelle aziende ospedaliere...pag. 39 CAPITOLO 6 - Facebook e il WEB 2.0 per incentivare la donazione degli organi...pag. 44 CONCLUSIONI...pag. 49 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI E NORMATIVI...pag. 51 3

4 4

5 Capitolo 1 E-government, e-governance, e-democracy Questo mio lavoro prende le mosse da una riflessione sulla forma che le aziende sanitarie stanno assumendo in un contesto in cui le dinamiche di gestione non possono più essere interpretate come un tempo, ma necessariamente alla luce di un processo molto complesso conosciuto come governance. Semplificando, la governance indica la progressiva cessione di potere abbinata ad una significativa dilatazione degli attori coinvolti nei processi decisionali (istituzioni, parti sociali, società civile organizzata profit e no-profit). Si fa strada una forma di partecipazione più interattiva che sintetizza i bisogni collettivi. Allo sviluppo di questo scenario ha senz'altro contribuito con una notevole forza d'urto l'esplosione delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT), in particolare di Internet. Proprio in questo contesto, si inserisce la democrazia elettronica (e-democracy) che si propone ambiziosamente come un sistema per governare e per rivitalizzare, la relazione fra pubblica amministrazione e cittadini, facendo sì che questi ultimi siano inclusi nella vita politica della PA e partecipino con continuità ad essa, condividendo. I nuovi media detengono in sé un potenziale democratico, consentono di migliorare la qualità e disponibilità di informazioni per tutti, permettono una divulgazione economicamente conveniente, favoriscono la produzione d informazione da parte di un numero sempre maggiore di utenti/persone e determinano processi comunicativi interattivi. 5

6 Detti utenti sono una minoranza, costituita generalmente da individui fortemente scolarizzati di estrazione sociale medio-alta, già avvezzi alla partecipazione politica tradizionale. L'accesso all'informazione, consente quella trasparenza necessaria a un controllo democratico sull'operato delle aziende sanitarie, consente l'iniziativa diretta da parte di chiunque di presentare appelli, proposte inerenti a questioni che interessano e coinvolgono la comunità e di sottoporle al dibattito della comunità stessa; consentono la partecipazione diffusa dei cittadini ai processi decisionali, quindi il coinvolgimento dei cittadini e delle loro forme associative in specifici processi decisionali. I nuovi media consentono informazione, consultazione e partecipazione attiva. Il rilascio d informazione permette ai cittadini di usarle, di consultarle e di fornire un feedback alle aziende sanitarie, e di partecipare attivamente al processo decisionale. I nuovi media riconoscono il ruolo dei cittadini nel dibattito aziendale, e nella responsabilità delle scelte, coinvolgendoli nell e-democracy consultiva, che si presenta come un feedback pilotato e autoreferenziale delle stesse aziende. Ben diverso è il feedback dal cittadino all'istituzione, dal basso verso l alto. Le Tecnologie per la consultazione catalogate come e-vote (voto elettronico) consentono i processi elettorali istituzionali quali elezioni, referendum (voto-online). La tecnologia utile alla condivisione è il Web 2.0, che ogni giorno contribuisce a diffondere informazioni di massa. 6

7 Il Web di seconda generazione ha dato voce a milioni di persone in tutto il mondo dando libero sfogo ai propri sogni e ideologie. Ad ingrossare le fila dei social network si trova sicuramente al primo posto il gigante Facebook, nato nel Il Web 2.0 promuove la partecipazione dei cittadini alle attività delle pubbliche amministrazioni locali e ai loro processi decisionali migliorandone l'efficacia, l'efficienza e la condivisione da parte degli attori coinvolti. La partecipazione permette l emersione e la definizione del problema, la definizione degli attori, l'individuazione delle possibili soluzioni, la scelta della soluzione sostenibile, la sua attuazione, implementazione, gestione, monitoraggio e valutazione. Aprire la partecipazione dei cittadini ad ognuna di queste fasi ha una forte ragion d'essere in quanto porta con se l'obiettivo di semplificare i processi decisionali democratizzandoli dall'inizio alla fine. Al contrario oggi le istituzioni concedono dall'alto ai cittadini di partecipare nominandosi allo stesso tempo promotori, regolatori e attuatori delle istanze provenienti dal basso. L'e-government conduce alla costruzione di una governance territoriale, in cui l'amministrazione elettronica si sposta verso l'attuazione di processi di governo e di gestione attraverso il progressivo coinvolgimento e ascolto dei cittadini e degli stakeholders. L'e-democracy amministrativa invece, è il primo gradino che si solleva dal diverso concetto di e-government. In senso stretto per e-government si intende null'altro che il processo di informatizzazione della pubblica amministrazione che rivoluzionando l'impianto organizzativo di base 7

8 consente di razionalizzare e di ottimizzare il lavoro degli enti e quindi di offrire ai cittadini servizi più veloci ed efficienti. L'e-democracy amministrativa è un cambiamento molto lungo e complesso che in qualche modo rappresenta il presupposto culturale dei più complessi processi di e-democracy. Al livello dell'e-democracy amministrativa si assiste ad una certa democratizzazione degli enti che attenua il tradizionale impianto gerarchico delle pubbliche amministrazioni e che stimola pratiche collaborative, flessibili e trasparenti in grado di creare una mentalità più aperta al confronto e al dialogo con i cittadini. Si tratta di creare le condizioni per affiancare all'accessibilità delle informazioni, alla limpidezza e alla verificabilità delle procedure amministrative anche meccanismi di feedback necessari alla ricostruzione del legame fiduciario tra aziende sanitarie e cittadini. L'e-democracy amministrativa dovrebbe realizzare azioni mirate di inclusione sociale; maggiore comunicazione e trasparenza dell'azione dell'amministrazione; realizzazione di infrastrutture informatiche per la gestione operativa dell'amministrazione. Negli ultimi anni sono cresciute le occasioni di confronto diretto fra cittadini e istituzioni in molti ambiti delle politiche pubbliche locali, come i patti territoriali, l'urbanistica partecipata, la programmazione strategica dello sviluppo, le Agende e i bilanci partecipativi. Bisogna far convergere la comunità online e dei social networks, con gli ambienti di e- participation online forniti dalle Aziende sanitarie. Quali spazi e quali tecnologie devono utilizzare dunque le aziende sanitarie per creare un'architettura partecipativa vincente come quella del Web 2.0? 8

9 La vera sfida è quella dunque di trovare il modo di veicolare le migliaia di persone che sono attive, ma estremamente disorganizzate e disperse nel web, verso nuovi spazi legittimati dal potere e fondati su un reale spirito di volontà e fiducia. I portali delle pubbliche amministrazioni devono essere ampiamente visitati, facilmente rintracciabili in rete, devono innescare dinamiche partecipative. Appurato che la partecipazione alla definizione delle politiche aziendali attraverso le nuove tecnologie, in termini di ciclo di vita, non è stata pienamente raggiunta, la ricerca continua. L'e-democracy amministrativa partecipativa è finalizzata al raggiungimento della partecipazione attiva, quella in cui i cittadini divengono parte di un processo diffuso di policy making e che si pongono in una condizione teorica di parità con le istituzioni relativamente alle istanze da porre al centro del dibattito politico, sottraendo dalle mani delle aziende sanitarie la responsabilità delle scelte finali. Tale partecipazione attiva non si esaurisce tuttavia in processi di trasparenza istituzionale e di ascolto soft, attuati attraverso i siti web dei principali istituti rappresentativi e nel ricorso a pratiche interattive come l'esercizio di voto elettronico a scopo consultivo e referendario ad integrazione delle forme tradizionali di voto. L'e-democracy amministrativa partecipativa è l'ultimo modello evoluto di democrazia elettronica, detto deliberativo in quanto tende non solo al coinvolgimento dei cittadini ai processi di policy making, ma individua soprattutto nelle dinamiche discorsive e di confronto la modalità imprescindibile secondo cui la partecipazione si attua. Questo modello assume come suo fondamento l'esistenza di un insieme di sfere pubbliche, di una molteplicità di livelli e spazi in cui i cittadini discutono e condividono esperienze, interagendo con le istituzioni, muovendosi al di fuori di esse o parallelamente ad esse. É 9

10 un modello incardinato su due elementi: la centralità dell'individuazione e della proliferazione di soluzioni tecniche in grado di favorire processi di comunicazione interattivi e trasparenti e l'attivazione di meccanismi di partecipazione e deliberazione inclusivi che, pur riconoscendo un ruolo centrale alle istituzioni rappresentative, favoriscono anche altri attori istituzionali. 10

11 Capitolo 2 La comunicazione nelle aziende Saper produrre, offrire servizi oggi non è più il fattore di successo di un impresa pubblica. Quello che fa la differenza è il valore immateriale dell identità che l impresa possiede e che riesce a trasmettere ai target. L identificazione dei membri interni con l organizzazione è una risorsa talvolta sottovalutata ma vitale per l azienda. L identificazione dipende strettamente dalla comunicazione interna che racchiude, quindi, tutti quei processi attivati per relazionarsi con l ambiente esterno ma anche interno. Comunicare significa costruire credibilità e trasmettere spessore manageriale. Ciò significa avere a disposizione persone motivate a svolgere il proprio lavoro ed attrarre nuove leve dall alto profilo tecnico e personale, ma anche consentire al territorio che ospita un azienda pubblica di essere improntato alla massima collaborazione e soddisfazione reciproca. Costruire una buona comunicazione significa partire da solide basi fatte di valori, missione e visione aziendale. Tali basi sono una diretta emanazione della personalità e dell identità aziendale (Corporate Identity), che è complementare con la Corporate Image e Corporate Reputation. Una buona comunicazione, infatti, fonda necessariamente, i propri linguaggi ed i contenuti dei messaggi trasmessi sulle caratteristiche e sui valori della Corporate Identity; tali valori, proprio attraverso i processi di comunicazione, vengono tradotti in significati utili alla creazione della Corporate Image che include la Corporate Personality, ovvero l insieme di 11

12 fattori quali le competenze, lo staff, la cultura, le attrezzature, i prodotti offerti; Corporate Identity, che è invece il modo organizzato in cui l azienda si mostra all esterno; Corporate Image, che invece è il modo in cui la Corporate Identity è percepita ed elaborata dagli stakeholders. Lo strategic management puo modificare (attraverso management communication, marketing communication, organization communication) tanto la Corporate Personality quanto la Corporate Identity attraverso soluzioni che risolvono i bug riscontrati nella Corporate Image, ovvero quelle difformità che restituiscono un immagine dell azienda differente da quella posseduta, e quindi veicolata. Gli obiettivi della comunicazione, infatti sono strettamente funzionali alla copertura delle difformità riscontrate tra la Corporate Identity (immagine che si vuole trasmettere) e la Corporate Image (immagine recepita). Va detto come premessa che, come il piano strategico di marketing, anche il piano di comunicazione comprende obiettivi di comunicazione e tattiche di comunicazione. Le tattiche di comunicazione sono, relative alle modalità scelte, utili a raggiungere gli obiettivi; si tratta molto spesso, non solo della scelta dei contenuti da esprimere, ma anche della scelta dei mezzi e dei veicoli più adeguati all uso, visto che una buona comunicazione è fatta anche dalla qualità ed opportunità dei supporti sfruttati per veicolare le proprie argomentazioni. Le imprese pubblche continuano ad investire poco e male nella comunicazione sia interna che esterna. 12

13 Ad esempio nelle imprese pubbliche è quasi assente la comunicazione istituzionale (espressione della mission aziendale) eliminando così i costanti rapporti con l ambiente nel quale è inserita, perdendo credibilità, fiducia e legittimazione presso gli stakeholder. L azienda è ritenuta portavoce di una best practice produttiva, sviluppata nel corso degli anni se è mantenuta costante e viva, se risulta capace di gestire il proprio business in maniera trasparente e corretta. La comunicazione deve quindi condividere valori e reputazione. È importante che anche all'esterno si abbia una visione positiva dell impresa e che anche il territorio faccia propria la missione dell'azienda pubblica. Tra le tecniche e i mezzi di comunicazione esterna delle aziende pubbliche ritroviamo l organizzazione di eventi, meeting, convegni, le pubblicazioni aziendali, i report annuali, i report ambientali e quelli di sostenibilità, le community events (meeting, tavole rotonde, etc) ed internet. Quest'ultimo mezzo ha dunque, l opportunità di un buona gestione della reputazione e dell identità aziendale, oltre che semplice e veloce, capace di raggiungere gli obiettivi nel più breve tempo possibile e con il minor investimento. Sembra, che l efficacia di questo tipo di comunicazione dipenda semplicemente dalla trasparenza. La comunicazione delle aziende pubbliche al sociale, alla comunità territoriale, ai cittadini, avviene quasi sempre con un sito web mentre i social network sono ancora poco utilizzate. Oggi giorno, grazie alle diverse peculiarità dei Social, le aziende pubbliche possono comunicare con il proprio ambiente di riferimento ( fra utenti, clienti, cittadini) permettendo 13

14 scambio d idee in modo istantaneo. L abbattimento dei limiti comunicativi permette l ampliamento dell e-wom (passaparola elettronico) che si presta ad essere uno strumento a doppio taglio, il cui impatto sui comportamenti degli altri utenti può essere devastante (positivamente o negativamente) per le aziende pubbliche in particolare quelle sanitarie. Alla luce di quanto detto finora, si può affermare che il marketing virale, ovvero il marketing basato sul passaparola elettronico (e-wom), rappresenta una strategia totalmente nuova, per le aziende sanitarie pubbliche. 14

15 Capitolo 3 La comunicazione nelle aziende pubbliche La possibilità di governare e gestire in modo efficace la comunicazione di una amministrazione pubblica dipende da un buon piano di comunicazione annuale. Il Piano è una leva verso l innovazione delle amministrazioni, per migliorare le relazioni e il dialogo dentro e fuori dall organizzazione. La funzione di comunicazione ha assunto un ruolo fondamentale nel panorama delle leve a disposizione delle amministrazioni pubbliche per il miglioramento dei servizi. Le ragioni di questa centralità sono molteplici e partono da una più diffusa consapevolezza dei diritti di cittadinanza che modificano la relazione tra cittadini e amministrazioni. La comunicazione assume dunque un ruolo centrale per l agire amministrativo, come strumento di governo della complessità sociale e della complessità organizzativa e non più solo attività per assicurare la trasparenza dei procedimenti amministrativi. La comunicazione assume valore come strumento di governo per elaborare e attuare politiche pubbliche capaci di meglio soddisfare i bisogni dei cittadini e delle imprese. Diviene così indispensabile per le amministrazioni pubbliche individuare strategie unitarie di comunicazione così come previsto dalla Legge n. 150 del Nel dialogo con il contesto sociale le amministrazioni offrono ai propri cittadini la possibilità di essere parte attiva nella definizione delle politiche pubbliche. Per questo le attività di comunicazione accompagnano le strategie dell organizzazione e si configurano come uno strumento del policy making in tutte le sue fasi, dalla individuazione dei problemi fino alla valutazione degli impatti prodotti dalle azioni amministrative. 15

16 Quindi la comunicazione cambia l organizzazione; i valori e l identità costitutiva si rifondano intorno a nuovi principi guida, le procedure vengono semplificate, i servizi rispondono meglio ai bisogni dell utenza, i linguaggi diventano più comprensibili, le competenze e le conoscenze dentro l organizzazione si affinano e si specializzano, le relazioni migliorano e aumentano. Fino agli inizi del Novecento, i pubblici poteri non dialogavano con gli amministrati, il messaggio implicito era che lo Stato sorvegliava, agli inizi del XX secolo gli enti locali svilupparono forti iniziative nel settore dei servizi urbani in favore della collettività e la comunicazione diventa latente, non c è mentre dovrebbe esserci. Nel periodo fascista la comunicazione delle istituzioni è, insieme, distorta e negata, prevale l aspetto propagandistico, nel cinquantennio repubblicano i principi democratici dell ordinamento spingono verso la scomparsa della supremazia dei poteri pubblici nei riguardi dei cittadini. Con la nascita delle regioni a statuto ordinario sono avvenute nel sistema amministrativo modifiche tali da imporre il problema della comunicazione tra poteri pubblici e cittadini come uno degli elementi cruciali della modernizzazione. Il passaggio dallo Stato alle regioni di funzioni importanti (servizi sociali, istruzione, sviluppo economico, trasporti) ha avvicinato ai cittadini i poteri titolari di tali servizi, costringendo regioni ed enti locali a fronteggiare il problema della comunicazione ai cittadini in termini radicalmente nuovi. Il nuovo volto dei poteri pubblici, insomma, deve colmare la distanza tra poteri pubblici e collettività, deve spiegare tanto se stessi quanto i propri comportamenti, quindi chi sono e perché adottano determinate decisioni, ciò ha più valenza se si guarda l ultimo decennio. L obiettivo di far arretrare le amministrazioni pubbliche dalla gestione dei servizi, per valorizzarne, in cambio, il ruolo di regolatori di attività svolte da soggetti terzi (in 16

17 prevalenza privati anche se con presenza pubblica più o meno marcata), ha contrassegnato dalla sintesi imporre/vietare. Un informazione più chiara ed esauriente determina, di per sé, una maggiore democraticità dell azione dei pubblici poteri. Nel contempo, la stessa pressione sociale induce comportamenti più trasparenti dei poteri pubblici. Migliorare il rapporto con i cittadini attraverso adeguate azioni di comunicazione è un esigenza specifica dell attuale evoluzione del sistema pubblico. La comunicazione è funzionale ai processi di riforma delle amministrazioni pubbliche: senza di essa, infatti, non si promuove effettivo accesso alle istituzioni e non si assicura l efficacia dei provvedimenti di modernizzazione. L esigenza della comunicazione tra istituzioni e cittadini emerge sia in relazione alle informazioni possedute e/o utilizzate dai poteri pubblici, sia in rapporto all obbligo di favorire la partecipazione dei cittadini (consentendo un reale accesso ai documenti amministrativi e fornendo loro informazioni sui servizi di pubblica utilità). Tuttavia occorre tenere presente che la comunicazione, o meglio le relazionalità tra l amministrazione e i propri pubblici di riferimento, dovrebbe riguardare tutte le fasi che contraddistinguono il ciclo di vita di una politica pubblica. La relazionalità è un valore per le amministrazioni pubbliche anche nella fase in cui si costruiscono i processi decisionali che potrebbero essere, data la loro natura pubblica, inclusivi e partecipativi. Per questo la comunicazione si configura, potenzialmente, come una leva strategica anche quando l organizzazione sta definendo, valutando, scegliendo le proprie politiche. 17

18 Avere consenso intorno alle scelte pubbliche riduce le conflittualità, potenzia la fattibilità e incorpora la comunicazione delle scelte stesse. Anche a valle delle scelte decisionali e gestionali la comunicazione è dunque uno degli strumenti di cui l organizzazione si serve per concludere il ciclo di vita di una politica pubblica. La comunicazione non è solo il dare la notizia di quel processo decisionale, ma è una parte integrante del processo decisionale. Gli atti del governo, a tutti i livelli, sono infatti direttamente connessi alla risposta dei cittadini e molte decisioni, per diventare fatti e azioni concrete, richiedono la modifica dei comportamenti dei cittadini. La capacità di informare, coinvolgere e convincere i cittadini è un passaggio indispensabile per raggiungere gli obiettivi dell attività di una pubblica amministrazione. Quando la pubblica amministrazione, attraverso azioni di ascolto strutturato e permanente, è chiamata a scegliere, fra diverse opzioni, quella che può risolvere un determinato problema collettivo, attraverso la relazionalità individua sicuramente le migliori decisioni possibili e con il maggiore consenso percorribile. Le amministrazioni pubbliche infatti non erogano solo servizi, ma sono, in primo luogo, le sedi dove si assumono decisioni in nome dell interesse generale. L ascolto non episodico, strutturato e consapevole, e in questo senso assunto quale scelta strategica da parte del vertice dell organizzazione, concretizza la bidirezionalità e consente di completare il circolo virtuoso della comunicazione, al fine di valorizzare le relazioni in termini di impatti sui processi di innovazione, cambiamento, sviluppo. 18

19 Più la comunicazione avvicina il cittadino all amministrazione più questa diventa altamente sensibile ai bisogni collettivi e capace di rispondervi efficacemente. A segnare esplicitamente e formalmente questi principi ha contribuito il percorso di riforma della pubblica amministrazione e la ridefinizione dei rapporti tra pubblica amministrazione e cittadini nell ambito della dottrina sui nuovi diritti soggettivi e di cittadinanza. A partire dagli anni 90 infatti la trasparenza è diventata una modalità di essere dell azione amministrativa da declinare in procedure, servizi, strutture: per rendere effettivi i diritti di informazione e accesso e per corrispondere ai criteri di imparzialità e buona amministrazione, gli enti sono tenuti ad attrezzarsi e a implementare la comunicazione istituzionale come funzione amministrativa. Da un modello basato sulla informazione unidirezionale (di tipo obbligatorio) si è passati ad un processo bidirezionale. La comunicazione da parte delle istituzioni pubbliche si qualifica, di conseguenza, in comunicazione di servizio (come parte del servizio stesso) o di cittadinanza (se diretta al coinvolgimento dei cittadini nella soluzione di un problema di interesse generale). La comunicazione si presenta come un potente strumento di cambiamento dell amministrazione e, nel contempo, come un fattore centrale per rendere operanti i diritti di cittadinanza. In sintesi, si può ritenere legittimo concludere che le riforme del decennio abbiano segnato il passaggio dal segreto alla trasparenza e dall unilateralità alla partecipazione. Non a caso il punto di partenza è un principio sancito per gli enti locali dall art. 7 della Legge 142/1990, che demandava a norme regolamentari l emanazione di disposizioni atte 19

20 ad assicurare il diritto dei cittadini ad accedere alle informazioni in possesso dell amministrazione locale. Analogo principio fu stabilito, in via generale per tutte le pubbliche amministrazioni, dall art. 22, della Legge 241/1990. Tra le due normative non vi è soltanto un legame strumentale (l una che semplifica la possibilità per il cittadino di ottenere informazioni sull operato dell amministrazione, l altra che crea un punto di contatto e di ascolto delle esigenze dei cittadini), ma vi è soprattutto una coerenza di indirizzo. Punto ideale di arrivo di tale processo è la legge-quadro sulla comunicazione pubblica (150/2000), che fornisce strumenti più incisivi ad un settore chiave per i processi di modernizzazione del sistema pubblico. Tale punto di arrivo sancisce che i pubblici poteri ovvero i gestori di public utilities a prescindere dal tipo di attività svolta sono chiamati a: garantire la trasparenza dei processi decisionali, rendendo effettivo il diritto di accesso dei cittadini agli atti delle amministrazioni pubbliche; informare con completezza e correttezza i cittadini sulle decisioni adottate; individuare gli standard qualitativi dei servizi erogati e garantirne a chiarire ai cittadini le modalità di fruizione dei servizi; fare della customer satisfaction il presupposto e l obiettivo della propria attività; garantire la partecipazione democratica dei cittadini ; l efficacia organizzativa, cioè la capacità di perseguire consapevolmente gli obiettivi amministrativi. 20

21 Il miglioramento della qualità dei servizi resi, o la semplificazione procedurale di un adempimento, o ancora la maggiore velocità di risposta a una devono essere, ovviamente, gli elementi di partenza. Per quanto innanzi detto appare implicito che le amministrazione pubbliche in quanto organizzazioni che perseguono uno scopo possono, anzi debbono, utilmente fare i conti con la cultura maturata nel campo delle esperienze commerciali (marketing, comunicazione istituzionale, corporate identity, brand equity, fidelizzazione, customer satisfaction, eccetera). Infatti la cultura della comunicazione maturata nel campo delle organizzazioni commerciali non può essere riportata né meramente traslata al settore pubblico ma va adattata e resa rispondente alle esigenze specifiche delle organizzazioni della pubblica amministrazione. La domanda diventa quindi di quale comunicazione ha bisogno la pubblica amministrazione per raggiungere i propri obiettivi? Quale è la cultura della comunicazione adatta, appropriata? 21

22 3.1 Il piano di comunicazione annuale dell azienda pubblica La corporate identity ovvero l'immagine percepita, è il frutto di lente stratificazioni di chi riceve il messaggio. La lenta stratificazione rappresenta il nodo fondamentale di un piano di comunicazione. L immagine dunque, è una negoziazione tra emittente e ricevente ed è il ricevente a determinare in ultima analisi il significato poiché lo negozia. Di qui la centralità dell ascolto. Solo un ascolto strutturato, ovvero un monitoraggio della propria immagine, conseguenza delle proprie azioni comunicative consapevoli o inconsapevoli, può permettere una comunicazione efficace. L ascolto è un attività costante nel piano di comunicazione, perchè si ascolta quando si costruisce il piano, si ascolta nella fase di gestione, e si ascolta anche nella fase di valutazione per verificare effetti ed impatti del piano. Il piano di comunicazione di una azienda pubblica ha come obiettivo centrale la trasparenza e l imparzialità. Tutte le funzioni realizzate dall amministrazione pubblica presuppongono una qualche forma di interazione con l esterno o all interno stesso dell ente, per cui non è sufficiente limitarsi a creare dei servizi specializzati come l Urp o l ufficio stampa, ma è necessario che le attività di comunicazione siano trasversali a tutte le funzioni. Il piano dovrebbe trasmettere sia al pubblico interno che a quello esterno la sua identità, i suoi valori costitutivi, il senso di appartenervi e l apporto di ogni specifico ruolo rispetto a tale identità. Non può esserci comunicazione esterna efficace se non c è un altrettanta efficace comunicazione interna. Esso è pertanto, prima di tutto, piano di comunicazione interna. Il piano di comunicazione individua il perché comunichiamo, gli attori, i prodotti gli strumenti e le risorse. 22

23 Iniziamo dalle tecniche di ascolto e valutazione della voce dei molteplici utenti. Il più appropriato mezzo di ascolto è senza dubbio il questionario, ma questo non esclude l intervista, e l osservazione. Il metodo di redazione del piano di comunicazione consiste in sette passaggi: l analisi dello scenario; l individuazione degli obiettivi di comunicazione; l individuazione dei pubblici di riferimento; la scelte strategiche; le scelte di contenuto; l individuazione delle azioni e degli strumenti di comunicazione; la misurazione dei risultati. La prima fase è l identificazione degli obiettivi. Che cosa si prefigge l ente pubblico? Senza ombra di dubbio deve comunicare la trasparenza e l imparzialità dell azione amministrativa. A chi deve comunicare che l'agire è trasparente e imparziale? Questo è il primo step del piano di comunicazione, ciò consiste nell analisi dello scenario. Con il termine scenario possiamo intendere sia il contesto di riferimento (geografico, territoriale, socio-economico), il contesto di settore (ovvero le caratteristiche del mercato), il contesto organizzativo (cioè le caratteristiche dell amministrazione). 23

24 Dall analisi dello scenario si passa alla segmentazione, ovvero alla suddivisione del pubblico di riferimento in gruppi omogenei e significativi di soggetti da raggiungere con una precisa azione di comunicazione. La segmentazione, come step ulteriore del piano di comunicazione, è necessaria per passare dal livello astratto degli obiettivi strategici e comunicativi, al livello pratico. La segmentazione deve rispondere ad una serie di caratteristiche: differenzialità di ogni segmento; misurabilità di eventuali segmenti; significatività del pubblico per dimensione e importanza; accessibilità di ogni singolo segmento, per essere raggiunto in modo sufficientemente chiaro e distinto rispetto alla massa generica del pubblico. Ci sono diversi modi per segmentare il target. I modi più tradizionalmente utilizzati e che possono essere usati anche in maniera integrata sono: segmentazione geografica segmentazione socio-demografica segmentazione psicografica ovvero interessi, stile di vita e status dell utente; segmentazione in base al comportamento di fruizione segmentazione in base ai benefici ricercati. Individuato il segmento si analizza come veicolare il messaggio, se per tutto il pubblico di riferimento senza operare distinzioni, se differente rispetto ad ogni tipo di pubblico rilevato 24

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE 2013-2015

PIANO DI COMUNICAZIONE 2013-2015 S.C. COMUNICAZIONE E RELAZIONI ESTERNE Dirigente Responsabile Dr. Mauro DEIDIER PIANO DI COMUNICAZIONE 2013-2015 SOMMARIO 1) Introduzione e strategie di riferimento 2) Principi fondamentali 3) Obiettivi

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli