LIFE Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas."

Transcript

1 LIFE Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas. Deliverable 12: 2 nd Report on monitoring activity Action 10: Monitoring and evaluation L'obiettivo dell'attività di misurare è quello di documentare l'efficacia delle azioni del progetto, confrontando la situazione ex-ante con quella successiva all'applicazione delle innovazioni nelle aziende dimostrative (situazione ex-post), al fine di accertare il raggiungimento degli obiettivi stabiliti dal progetto. Per valutare e misurare il raggiungimento dei risultati, è stato applicato il protocollo di previsto in fase di progettazione, riportato nella tabella che segue. Tabella 1: Protocollo di Risultato atteso (Azione) Riduzione del 10 20% N nelle escrezioni in funzione della specie allevata (Azione 1) Riduzione di almeno il 20% del surplus di N a livello degli appezzamenti e aziendale (Azione 2) Indicatori di Bilancio dell'azoto a livello di allevamento. Bilancio dell'n a livello dell'appezzamento e dell'azienda Riduzione delle perdite per N nelle acque di lisciviazione del 40% N drenaggio attraverso l'applicazione di misure ambientali (Azione 3) Esportazione di circa 1000 tons/anno materia organica verso NVZ (Azione 4) Consapevolezza di agricoltori (Azione 8) Consapevolezza di 5000 tecnici (Azione 8) Consapevolezza di 5000 studenti e insegnanti Frazione solida separata Frazione solida trasportata Numero di pubblicazioni Partecipazioni nei seminari/ convegni Demo-days, Visite al sito Internet Interviste Numero di pubblicazioni Partecipazioni nei seminari /convegni Demo-days, Visite al sito Internet Interviste Fonte Frequenza Metodologia Risultati del (dal 2 anno registrazione nell'azione 5) Risultati del (dal 2 anno registrazione nell'azione 5) Risultati del Registrazioni nel tool Azione 5 a partire del secondo anno Banca dati divulgazione Risultati interviste Banca dati divulgazione Risultati interviste annua annua annua Annua a partire del secondo anno Ogni sei mesi Ogni sei mesi Controllo dei risultati del Controllo dei risultati del Controllo dei risultati del Controllo delle registrazioni nell'applicazione Raccolta dei dati di partecipazione a eventi, articoli pubblicati, statistiche sulle visite al sito Internet Raccolta dei dati di partecipazione a eventi, articoli pubblicati, statistiche sulle visite al sito Internet Numero di Banca dati Ogni sei mesi Raccolta dei dati di partecipazione DOC Deliverable 12 1

2 Risultato atteso (Azione) Indicatori di Fonte Frequenza Metodologia (Azione 8) pubblicazioni Partecipazioni nei seminari /convegni Demo-days, Visite al sito Internet Interviste divulgazione Risultati interviste a eventi, articoli pubblicati, statistiche sulle visite al sito Internet Di seguito si elenca il risultato del. 1) Monitoraggio dell'azoto escreto (A.1) Nella tabella 2 si confrontano l'azoto netto al campo/capo registrato nel 2011 e quello ottenuto nel 2012 per tutte le aziende. Le aziende Biagi e Bolzon hanno avviato tardivamente la riduzione dell'azoto delle razioni e quindi i risultati non sono osservabili in questa fase, mentre ciò sarà possibile nella valutazione finale. Nell'azienda Cagnin non è stata introdotta la riduzione proteica della dieta perché il tenore proteico della dieta originale era già estremamente ridotto. Tabella 2: Monitoraggio azione 1 Azoto netto al campo (Kg/capo/anno) Mana Sevega Pinotti * Biagi Zambelli Mori Sgambaro Cagnin Bolzon Suini Vitelloni Latte Suini Suini Latte Latte Vitelloni Latte 7,04 27,6 100,00 11,32 85,40 85,90 20,80 81,30 Azoto netto al campo (Kg/capo/anno) ,37 24,30 96,10 9,90 82,80 79,40 20,40 81,80 Riduzione N al campo (%) 2012/ * Escluse le aziende Biagi, Bolzon e Cagnin, i cui risultati non comprendono ancora la riduzione dell'azoto delle razioni, si osserva che tutte le aziende hanno ridotto l'azoto al campo/capo rispetto al La riduzione è compresa tra il 2% e il 12%. Per quanto riguarda le aziende da latte, la riduzione è inferiore rispetto alle aziende suinicole e agli allevamenti di bovini da carne. 2) Monitoraggio del surplus di azoto a livello aziendale (A.2) La tabella 3 contiene i risultati del bilancio dell'azoto a livello aziendale per tutte le aziende e per la fase ex-ante e la prima fase ex-post. Grazie agli interventi occorsi, la maggior parte delle aziende ha messo in evidenza per il secondo anno un bilancio dell'azoto più favorevole: la riduzione del surplus ottenuta con l'applicazione delle nuove pratiche si pone tra l'8% e il 15% circa; questa riduzione è stata accompagnata da un aumento dell'efficienza che varia tra il 5% e il 12%. I risultati ottenuti sono incoraggianti, considerando che si trattava del primo anno di applicazione e, come tale, di un'annata di transizione. Per le aziende Biagi, Mori e Bolzon, invece, non si osserva ancora alcun miglioramento del bilancio nè dell'efficienza d'uso dell'azoto. Nel caso delle Biagi e Bolzon, perché i cicli di alimentazione modificata sono iniziati con ritardo: si può quindi prevedere che anche in queste aziende l'applicazione dei protocolli porterà ad un miglioramento del bilancio dell'azoto, nella fase finale di DOC Deliverable 12 2

3 valutazione. Per quanto riguarda l'azienda Mori, durante il 2012, si è proceduto alla riduzione del contenuto proteico delle razioni, che già era piuttosto basso: tale modifica non ha avuto effetti sul bilancio al cancello dell'azienda. Riguardo invece la gestione agronomica, non sono stati effettuati cambiamenti significativi, considerando che la gestione era già di tipo estensivo e con uso molto ridotto dei concimi chimici. L'azienda, inoltre, non dispone di un dispositivo per la separazione dei liquami che consenta di distribuire liquami chiarificato sui prati nelle fasi vegetative. Nel 2013 si cercherà d'incrementare le produzioni vegetali, quindi l'efficienza dell'azoto, aumentando la frequenza dei tagli, ad oggi piuttosto ridotta. Tabella 3: Monitoraggio azione 2 Anno Parametro Mana Sevega Pinotti Biagi Zambelli Mori Sgambaro Bolzon 2011 Bilancio (kg N) Efficienza (output/input) 0,61 0,16 0,38 0,58 0,58 0,31 0,24 0, Bilancio (kg N) Efficienza (output/input) 0,61 0,18 0,42 0,54 0,63 0,30 0,27 0, / / 2011 Riduzione Bilancio (%) 6,46 8,46 14,66-6,17 13,54-1,24 10,65-0,64 Aumento Efficienza (%) 0 12,50 10,53-6,90-5,1-3,23 12,5 0,00 3) Monitoraggio della riduzione delle perdite per lisciviazione (A.3) Attività 1 - fasce tampone Le quantità complessive di azoto veicolate in uscita dal campo 1 (non deroga) e 2 (deroga) tramite deflussi sub-superficiali sono intorno a 9,17 kg N/ha nel primo caso e 12,08 kg N/ha nel secondo. Le perdite rispetto al distribuito (250 kg N/ha) sono intorno al 2-3%. Tabella 4: Monitoraggio azione 3 Fasce tampone Periodo di valutazione Campo Non deroga N uscita kgn/ha N perso (%) Campo Deroga N uscita kgn/ha N perso (%) 8/4/2011 7/4/2012 4,6 1,8 7,86 3,1 8/4/ /12/2012 4,57 1,8 4,22 1,7 Totale 9,17 12,08 L'obiettivo fissato è stato raggiunto. Attività 2- fitodepurazione Le condizioni climatiche estremamente siccitose che hanno caratterizzato l'anno 2012 hanno determinato la totale assenza di deflussi idrici fino al 17/12/12; di conseguenza non è stato possibile realizzare il bilancio idrico e misurare l'efficacia della fitodepurazione. DOC Deliverable 12 3

4 4) Esportazioni di frazione solida verso le zone non vulnerabili (A.4) L'obiettivo fissato per quest'azione in fase di progettazione era il trasferimento di 1000 ton/anno di frazione solida. Le attività del consorzio sono state avviate nel mese di giugno 2012, con la produzione di solido separato da parte di due soci del Consorzio. Il primo anno di lavoro sono state trasferite circa 500 ton di frazione separata. Durante il 2013 sono in corso i trasferimenti del materiale proveniente dagli altri soci produttori, ciò che consentirà il raggiungimento dell'obiettivo prefissato. La tabella 5 riassume i trasferimenti della frazione di separato tra aziende che separano il liquame e quelle che ricevono la frazione solida Tabella 5: Monitoraggio azione 4 Data Azienda produttrice Azienda riceventi FS totale trasferita ton 13/06/2012 Soc. Agr. Gandolfi Mario & C. SS LA REDENTA SOC. COOP /06/2012 Soc. Agr. Gandolfi Mario & C. SS TOVAGLIARI ALESSANDRO 60 13/06/2012 Agr. FUTURA DI Smerieri Marco TOVAGLIARI ALESSANDRO 60 14/06/2012 Agr. FUTURA DI Smerieri Marco TOVAGLIARI ALESSANDRO 60 14/06/2012 Agr. FUTURA DI Smerieri Marco TOVAGLIARI ALESSANDRO 60 07/11/2012 Agr. FUTURA DI Smerieri Marco LA REDENTA SOC. COOP /11/2012 Agr. FUTURA DI Smerieri Marco LA REDENTA SOC. COOP /11/2012 Soc. Agr. Gandolfi Mario & C. SS LA REDENTA SOC. COOP /11/2012 Soc. Agr. Gandolfi Mario & C. SS LA REDENTA SOC. COOP /11/2012 Agr. FUTURA DI Smerieri Marco LA REDENTA SOC. COOP /11/2012 Agr. FUTURA DI Smerieri Marco LA REDENTA SOC. COOP /11/2012 Soc. Agr. Gandolfi Mario & C. SS LA REDENTA SOC. COOP /11/2012 Soc. Agr. Gandolfi Mario & C. SS LA REDENTA SOC. COOP /11/2012 Soc. Agr. Gandolfi Mario & C. SS LA REDENTA SOC. COOP. 15 Totale 470 5) Attività di divulgazione (A.8) I risultati delle attività di sono stati distinti a seconda del target group: agricoltori, tecnici, e studenti e professori. Per le azioni di comunicazione diretta (convegni, information days, demonstration days, corsi intensivi), è possibile stimare il numero di partecipanti suddiviso per target attraverso i registri di partecipazione. Il progetto LIFE Aqua ha organizzato circa 20 eventi e ha partecipato in tre conferenze/congressi internazionali. Il numero di persone che hanno partecipato a questi eventi è di circa 1500, senza contare la partecipazione in fiere dove è più difficile contabilizzare i partecipanti e/o identificare il target. La suddivisione per target si riassume nella tabella 6. Tabella 6: Monitoraggio azione 8 Azioni dirette Target n. % Agricoltori ,4 Tecnici ,4 Studenti e professori ,2 Totale 1425 Per quanto riguarda le azioni indirette, articoli e pubblicazioni, il sito internet e le newsletter, sono stati misurate sia in quantità che d'accordo al target: in particolare per quanto riguarda gli articoli è pubblicazioni, per il calcolo sono state utilizzate le tirature e la distribuzione media del target; per il DOC Deliverable 12 4

5 sito internet, sono stati contabilizzati, con qualche problema, come spiegato nell'azione 8, il numero di accessi, invece la newsletter attraverso l'indirizzario. Articoli e pubblicazioni: Il calcolo è stato fatto a partire della tiratura delle singole testate dove sono state pubblicati gli articoli e non abbiamo considerato nessun effetto moltiplicatore dovuto al numero di articoli (in qualche rivista sono stati pubblicati più di un articolo) perché si stima che la maggior parte degli abbonati rimangano gli stessi per tutti i numeri della rivista che escono durante l'anno. Il target delle riviste è stato stimato in funzione del numero di abbonati alle riviste e a dati provenienti di analisi di mercato del settore (tabella 7). Tabella 7: Monitoraggio azione 8 Azioni indirette: articoli e pubblicazioni Pubblicazione Tiratura di cui Agricoltori/allevatori Tecnici Stud e Prof Altri Veneto Agricoltura L'allevatore magazine Agrimpresa Agricoltura Totale Newsletter: Il numero di spedizioni delle newsletter in funzione dei target group è stato desunto dai diversi indirizzari (database contenenti gli indirizzi suddivisi per categoria) utilizzati per le spedizioni. Il 56% delle spedizioni sono indirizzate ad agricoltori/allevatori e tecnici e in minor proporzione a studenti e professori. Tra le categorie che non erano state considerate nel target da monitorare, è da notare l'elevata percentuale di rappresentanti della pubblica amministrazione e anche dell'industria (tabella 8). abella 8: Monitoraggio azione 8 Azioni indirette: newsletter TARGET n. % Agricoltori/allevatori ,96 Tecnici ,57 Studenti e professori 355 9,69 Amministrazione pubblica ,50 Stampa 99 2,70 Industria ,04 Altri 130 3,55 Totale Da segnalare l'aumento del numero di iscritti alla newsletter a partire del 2012 che è passato da circa 2500 spedizioni a circa 3500; si ricorda a questo proposito che i contatti previsti inizialmente nell'azione 8 erano limitati a 1.000; tale incremento è da legare alla partecipazione agli eventi organizzati nel corso del 2012 e, in parte, alle attività indirette di comunicazione, come gli articoli e il sito del progetto. Sito Internet del progetto Per quanto riguarda gli accessi al sito, il sistema di analisi dei log (accessi) utilizzato fino al 2012 ha iniziato ad avere problemi di operatività a partire dal mese di aprile in concomitanza con l'inizio delle attività di ristrutturazione dei siti web gestiti da CRPA; difficoltà legate alla obsolescenza del software di analisi e la progressiva migrazione dei siti web presso una infrastruttura in hosting hanno ostacolato la regolarità della operatività del servizio di analisi dei dati fino a gennaio 2013; è stato quindi configurato un nuovo servizio per l'analisi dei log ai diversi siti web, tra i quali quello DOC Deliverable 12 5

6 di AQUA. I log sono ora analizzati dal servizio Google Analytics (http://www.google.com/analytics/) che di fatto opera su eventi del tutto differenti rispetto al precedente sistema. Infatti mentre il sistema precedente analizzava direttamente i log del web server, Google Analytics analizza log generati dalle pagine visitate che inviano eventi ai sistemi Google. Le informazioni inviate sono minori e pertanto più selettive nell'intercettare gli eventi che occorrono al sito. In generale i due sistemi non sono comparabili e si ritiene che, tra i due, Google Analytics sia più cautelativo. Infatti nel periodo tra marzo e dicembre 2011 le sessioni erano intorno alle 2000 per mese, mentre gli accessi rilevati nel 2013 sono intorno a 200 al mese (tabella 9). Su un totale di 1200 accessi, 779 erano accessi unici. Non è possibile però in questo caso distinguere per tipologia di target. Tabella 9: Monitoraggio azione 8 Azioni indirette, sito internet Data o periodo Unità di misura n n /mese Marzo giugno 2011 Sessioni Giugno dicembre 2011 Sessioni Gennaio dicembre 2012 Sessioni - - Gennaio giugno 2013 Accessi In conclusione, le attività di divulgazione e disseminazione procedono in sintonia con quanto previsto e i risultati, in termini di numero di pubblicazioni, numero di iscritti alla mailing list, partecipanti agli eventi, e gli obiettivi fissati per questo task sono stati già raggiunti (tabella 10). Tabella 10: Monitoraggio azione 8 Riassunto Tipo d'azione TARGET Agricoltori/allevatori Tecnici Studenti e professori Totale Azioni dirette Azioni indirette Articoli Azioni indirette Newsletter Azioni indirette Sito Internet Totale Obiettivo % raggiunto > 100% > 100% > 100% 779 DOC Deliverable 12 6

Meno proteine agli animali meno nitrati nelle falde

Meno proteine agli animali meno nitrati nelle falde Concluso il progetto triennale Aqua, coordinato dal Crpa e finanziato dalla Ue. Modifiche nell alimentazione disuiniebovini sono utili contro l inquinamento delle acque ProgettoAqua Meno proteine agli

Dettagli

Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas

Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas Achieving good water quality status in intensive animal production areas Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas CRPA spa - Reggio Emilia Progetto LIFE+ AQUA KICK-OFF MEETING

Dettagli

LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas.

LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas. LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas. Action 9 : Project management by CRPA Deliverable 14: 4 th Project committee meeting minutes Minuta della quarta

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla

La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla LIFE09 ENV/IT/000208 - AQUA Achieving good water quality status in intensive animal production areas La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla Deroga nitrati cosa fare nel 2014

Dettagli

BonusBiogas: azoto e CAR

BonusBiogas: azoto e CAR BonusBiogas: azoto e CAR C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Tecnologie per la concentrazione e la riduzione dell'azoto (Parte I) Verona, 21 marzo 2013 Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO?

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? Al di là degli obblighi di legge, queste buone tecniche, consentono di limitare i principali problemi (cattivi odori,

Dettagli

Il primo software di e-mail marketing pensato per i rivenditori IL SOFTWARE INCONTRA IL POTERE DELLA NEWSLETTER

Il primo software di e-mail marketing pensato per i rivenditori IL SOFTWARE INCONTRA IL POTERE DELLA NEWSLETTER Il primo software di e-mail marketing pensato per i rivenditori IL SOFTWARE INCONTRA IL POTERE DELLA NEWSLETTER Il software Cos è Mailing-Report? Mailing-Report è una piattaforma tecnologica semplice,

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta Giornate zootecniche di Fossano APS 5 Aprile 2008 Tecnologie disponibili per il trattamento e la gestione degli effluenti zootecnici Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia, www.crpa.it

Dettagli

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi:

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi: Piano di monitoraggio socio economico del progetto LIFE Ripristino degli habitat dunali nel paesaggio serricolo del golfo di Gela per la salvaguardia di Leopoldia gussonei L azione D.3 Monitoraggio socio

Dettagli

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Achieving good water quality status in intensive animal production areas ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Pizzighettone 19

Dettagli

La proteina nell alimentazione del suino pesante

La proteina nell alimentazione del suino pesante SEMINARIO Reggio Emilia il 5 dicembre 2012 La produzione di suini e l'agricoltura reggiana Andrea Rossi, M. Teresa Pacchioli, CRPA S.p.A. Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. dietetica nella

Dettagli

Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio

Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio della provincia di Mantova Bigarello (MN), 26 maggio 2010 Giovanni Masotto Scheda del progetto TITOLO: Progettazione e sperimentazione

Dettagli

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ FARENAIT: Fare Rete per Natura 2000 in Italia LIFE+10 INF/IT/000272 Panoramica delle attività di progetto Roma, 28 giugno 2012 Hotel Quirinale Via Nazionale,

Dettagli

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici 11 INFOBIOGAS BTS - PalaExpo di Verona - 11 Marzo 2015 Il Consorzio Il CIB - Consorzio Italiano

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO Agro-Med Quality Plateforme Méditerranéenne pour la Qualité dans l Agriculture et l Agroalimentaire 1 INDICE 1.INTRODUZIONE..3 1.1 SINTESI DEL PROGETTO AGRO-MED QUALITY

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Piacenza, 11 febbraio 2014 Sostenibilità, opportunità e criticità nella filiera latte post 2015 Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte G.

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

SISTEMA DI FISSAZIONE DEL PREZZO DEI SUINI IN FRANCIA

SISTEMA DI FISSAZIONE DEL PREZZO DEI SUINI IN FRANCIA MERCATO SUINICOLO DELLA BRETAGNA SISTEMA DI FISSAZIONE DEL PREZZO DEI SUINI IN FRANCIA Jean-Pierre JOLY - Direttore Reggio Emilia Italia 23/04/2010 2 PRODUZIONE FRANCESE 2009 25,7 milioni di suini ( -

Dettagli

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione La fertilizzazione con effluenti organici da fermentazione anaerobica: proposta metodologica a scala comprensoriale Luca Bechini, Pietro Marino, Fabrizio Mazzetto * e Tommaso Maggiore luca.bechini@unimi.it

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative. Rota

Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative. Rota Relazioni del 30 Novembre 2007 BIOGAS: progressi ed esperienze innovative Rota ROTA GUIDO è un azienda leader nella progettazione e realizzazione di impianti e tecnologie per la zootecnia - Strutture

Dettagli

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte L IMPRONTA ANIMALE Valutazione dell Impatto Ambientale della Zootecnia Fiera Agricola - Verona. 3 Febbraio 2012 Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte G.Matteo Crovetto Alberto Tamburini DSA Università

Dettagli

PROGETTO START UP. Università e Regione per l occupazione

PROGETTO START UP. Università e Regione per l occupazione PROGETTO START UP Università e Regione per l occupazione Il Progetto START UP è stato finanziato dall Assessorato al Lavoro e Formazione della Regione Lazio, nell ambito degli interventi previsti dal POR

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE LIFE+_Climate change-r

PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE LIFE+_Climate change-r BOZZA VERSIONE ZERO (29/11/2013_fp) PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE LIFE+_Climate change-r LIFE12 ENV/IT/000404 Summary 1. Premessa 2. Scopo del piano di comunicazione e diffusione (PCD) 3. Principali

Dettagli

Direttiva Nitrati. Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008

Direttiva Nitrati. Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 Direttiva Nitrati www.tipograf.it Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 www.agricoltura.regione.lombardia.it Sommario Premessa 1 POA e PUA

Dettagli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli Convegno L Agricoltura Conservativa esperienze concrete e misure di incentivazione Giovedì 30 ottobre 2014, ore 9,30 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 RE Sostanza organica e potenzialità di

Dettagli

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it Dessì Alessandro Cagliari 12 Marzo 2009 Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it IL LABORATORIO BIOMASSE E BIOCOMBUSTIBILI Il laboratorio è stato realizzato nell ambito del Cluster Tecnologico

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

Alla notifica destinata all Organismo di controllo devono essere allegati tutti i documenti specificati nelle presenti istruzioni.

Alla notifica destinata all Organismo di controllo devono essere allegati tutti i documenti specificati nelle presenti istruzioni. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA SPEDIZIONE DEI MODULI RELATIVI ALLA NOTIFICA DI ATTIVITA PRODUTTIVE CON METODO BIOLOGICO (PRIMA NOTIFICA O NOTIFICA DI VARIAZIONE). PREMESSA Il presente modello deve

Dettagli

Allegato F alla determinazione del Direttore Generale n. 156/15 del 29.05.2015. DENOMINAZIONE GRUPPO DI LAVORO

Allegato F alla determinazione del Direttore Generale n. 156/15 del 29.05.2015. DENOMINAZIONE GRUPPO DI LAVORO DENOMINAZIONE GRUPPO DI LAVORO Valorizzazione degli archivi di ricerca e trasferimento: messa a punto di un processo per la fruibilità on line delle informazioni relative al corretto uso delle risorse

Dettagli

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico REGIONE UMBRIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE La pianificazione regionale del Lago Trasimeno Ing. Angelo Viterbo Ing. Angelo Raffaele Di Dio (2 dicembre 2010) Obbiettivi di Piano

Dettagli

AIPAS con iscritto Sezione Veneto e Friuli Venezia Giulia

AIPAS con iscritto Sezione Veneto e Friuli Venezia Giulia Un ALTRA AGRICOLTURA è POSSIBILE con la SEMINA DIRETTA Maggiore redditività aziendale - Minore consumo di gasolio - Minore usura delle macchine - Rapidità di esecuzione - Minore impiego di fertilizzanti

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Associazione Regionale Allevatori della Liguria via Vittorio Veneto 149/2 Mignanego (GE) p.iva 01553510999. tel. 010581938 fax 0107721655

Associazione Regionale Allevatori della Liguria via Vittorio Veneto 149/2 Mignanego (GE) p.iva 01553510999. tel. 010581938 fax 0107721655 Associazione Regionale Allevatori della Liguria via Vittorio Veneto 149/2 Mignanego (GE) p.iva 01553510999. tel. 010581938 fax 0107721655 PRESENTAZIONE DEL PROGETTO ZOOALIMSOST è un progetto finalizzato

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Anno 2014 - N. 4 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 23 Gennaio

Dettagli

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale Silvia Masi Dipartimento Pianificazione Territoriale, Agricoltura, Turismo e Promozione Servizio

Dettagli

Privacy Policy di www.apollohotel.it

Privacy Policy di www.apollohotel.it Privacy Policy di www.apollohotel.it Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Titolare del Trattamento dei Dati H.APOLLOgest. SIRIO HOTEL'S s.a.s di Lazzarini Domenica & C

Dettagli

Foglio Informativo CROSS COMPLIANCE

Foglio Informativo CROSS COMPLIANCE Foglio Informativo CROSS COMPLIANCE Ambiente Marcatura e registrazione dei capi Igiene e sicurezza alimentare Salute e benessere degli animali Mantenimento dei suoli e Tutela delle acque 2014 AUTONOME

Dettagli

La qualità dei fertilizzanti e il loro impatto ambientale

La qualità dei fertilizzanti e il loro impatto ambientale La qualità dei fertilizzanti e il loro impatto ambientale da 100 anni Agricoltori per l Agricoltura Fabbrica Cooperativa Perfosfati Cerea Fiera di Verona 07.02.2008 Prof. Paolo Sequi CRA-RPS Consiglio

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

Sviluppo agricolo auto imprenditorialità Selezione donne Fase a Ottobre Novembre 2012

Sviluppo agricolo auto imprenditorialità Selezione donne Fase a Ottobre Novembre 2012 Completamento del sistema integrato di sviluppo rurale sostenibile, migliorando le condizioni di vita delle donne vulnerabili, attraverso la promozione e lo sviluppo agroalimentare a DSCHANG CAMEROUN RELAZIONE

Dettagli

Listino Servizi Promozione 2012

Listino Servizi Promozione 2012 Listino Servizi Promozione 2012 SERVIZI DI PROMOZIONE GRATUITI Puoi gratuitamente inviarci il materiale per promuovere eventi mostre festival convegni workshop compilando il modulo di segnalazione. Questa

Dettagli

Allevamento zootecnico e ambiente: impatto ambientale e sostenibilità dell'allevamento ovicaprino

Allevamento zootecnico e ambiente: impatto ambientale e sostenibilità dell'allevamento ovicaprino MISURA 215 SUL BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2012/13 Allevamento zootecnico e ambiente: impatto ambientale e sostenibilità dell'allevamento ovicaprino L'impatto ambientale delle attività zootecniche L impatto

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE Con la nascita della Comunità Europea, uno dei problemi derivanti dal libero scambio e dal transito delle merci, anche alimentari, su tutto il

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO 1. PREMESSA L impianto di Olmeto è entrato in funzione nel 1987 ed è stato uno dei primi esempi in Italia di depurazione dei

Dettagli

Politica sulla privacy di Regus Group. Informazioni sulle nostre organizzazioni e sui nostri siti web

Politica sulla privacy di Regus Group. Informazioni sulle nostre organizzazioni e sui nostri siti web Politica sulla privacy di Regus Group Informazioni sulle nostre organizzazioni e sui nostri siti web Regus Group plc e le sue consociate ("Regus Group") rispettano la vostra privacy e si impegnano a proteggerla.

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 BILANCI Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Risultati economici 0. Analisi

Dettagli

Provincia di Forlì - Cesena

Provincia di Forlì - Cesena 1 Il settore avicolo si presenta Marzo 2013 Introduzione: il settore avicunicolo in carni avicole 19% carni ovicaprine 3% La produzione avicola italiana si compone per oltre il 57% da carne di pollo, per

Dettagli

Azienda agricola Leopoldo Fazzolari

Azienda agricola Leopoldo Fazzolari Azienda agricola Leopoldo Fazzolari biologico, benessere animale, tracciabilità 11 L'Azienda Agricola L'Azienda biologica Fazzolari si trova a S. Janni di Cutro in provincia di Catanzaro. Nasce alla fine

Dettagli

MODULO A. e, p.c.: Ill.mo Signor Sindaco del Comune di. (copia in bollo alla Provincia, copia in carta semplice al Comune)

MODULO A. e, p.c.: Ill.mo Signor Sindaco del Comune di. (copia in bollo alla Provincia, copia in carta semplice al Comune) MODULO A. Spettabile Provincia di Torino Area Ambiente, Parchi, Risorse Idriche e tutela della Fauna Servizio Gestione Risorse Idriche Via Valeggio, 5 10128 Torino (copia in bollo alla Provincia, copia

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Indirizzo Telefono Fax E-mail Cittadinanza Cristina Zanfi Italiana Data di nascita 25/10/1976 Sesso Femmina Esperienza professionale Dal 1 luglio 2013 ad

Dettagli

Internet Access Monitor. Informazioni sul prodotto

Internet Access Monitor. Informazioni sul prodotto Internet Access Monitor Informazioni sul prodotto Contenuto Introduzione... 3 Funzioni del programma... 3 Vantaggi del programma... 3 Requisiti di sistema:... 3 Come funziona il programma?... 4 Politica

Dettagli

PROGETTO EDITORI DIGITALI

PROGETTO EDITORI DIGITALI PROGETTO EDITORI DIGITALI SPUNTI DI RIFLESSIONE PER L EDITORIA SPECIALIZZATA CHE LAVORA SUL WEB MagNews, soluzioni per l email marketing MagNews è la business unit di Diennea specializzata in email marketing

Dettagli

Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani

Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani Scenari di Cambiamenti Climatici per gli Allevamenti Italiani Silvia Coderoni Istituto Nazionale di Economia Agraria Conferenza Finale Progetto LIFE- GAS OFF-Integrated strategies for ghg mitigation in

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

Sintesi delle esigenze in agricoltura biologica 2015

Sintesi delle esigenze in agricoltura biologica 2015 Sintesi delle esigenze in agricoltura biologica 2015 Esigenze minime (Obio) OBio = ordinanza sull'agr. biologica DEFR-O = ordinanza del DEFR* Esigenze supplementari BS = Bio Suisse (Gemma e Migros-Bio)

Dettagli

Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo. Il Distretto come capofila di una svolta energetica

Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo. Il Distretto come capofila di una svolta energetica Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo Il Distretto come capofila di una svolta energetica Scopo del Consorzio di Distretto Agroenergetico Lombardo Coordinare, promuovere e perseguire la politica

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2013 STESSO INSIEME DI BILANCI NEI 3 ANNI Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale di imprese

Dettagli

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale marco mietto L Unione europea si è data cinque obiettivi da realizzare entro la fine del decennio: 1.occupazione: il tasso di occupazione deve essere del

Dettagli

Wolters Kluwer Professional Network. Opportunità di sviluppo advertising

Wolters Kluwer Professional Network. Opportunità di sviluppo advertising Wolters Kluwer Professional Network Opportunità di sviluppo advertising Wolters Kluwer: when you have to be right Wolters Kluwer è uno dei principali fornitori a livello mondiale di prodotti e servizi

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

Informativa privacy. per il sito MyLyconet. Versione dati: 3.00 (05.2014) Lyoness Group AG Gürtelturmplatz 1 8020 Graz

Informativa privacy. per il sito MyLyconet. Versione dati: 3.00 (05.2014) Lyoness Group AG Gürtelturmplatz 1 8020 Graz Informativa privacy per il sito MyLyconet Versione dati: 3.00 (05.2014) La protezione dei Vostri dati personali è importante sia per Lyoness che per il proprietario del sito web MyLyconet. Le seguenti

Dettagli

EMISSIONI AGRICOLE E IMPATTO DELLA ZOOTECNIA

EMISSIONI AGRICOLE E IMPATTO DELLA ZOOTECNIA EMISSIONI AGRICOLE E IMPATTO DELLA ZOOTECNIA Area Ambiente e Territorio EMISSIONI AGRICOLE E IMPATTO DELLA ZOOTECNIA Indice pg. 1. EMISSIONI DI GAS SERRA PER SETTORE ECONOMICO E TREND A LIVELLO NAZIONALE

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Anno 2012 - N. 37 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 20 Settembre

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

Questo sito raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.

Questo sito raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Privacy Policy di www.alpilegnosrl.it Questo sito raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Titolare del Trattamento dei Dati Strada Infermiera,1-12073 - Ceva ( CN ) Tipologie di Dati raccolti

Dettagli

Informativa Privacy Privacy Policy di www.castaldospa.it

Informativa Privacy Privacy Policy di www.castaldospa.it Informativa Privacy Privacy Policy di www.castaldospa.it Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Titolare del Trattamento dei Dati Castaldo S.p.A - VIA SPAGNUOLO 14-80020

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

IL PUNTO DI PARTENZA: LA STRATEGIA.

IL PUNTO DI PARTENZA: LA STRATEGIA. L esperienza di una solida agenzia di comunicazione unita alle innumerevoli opportunità offerte dalla rete, con l intento di sottoporre sempre al nostro cliente soluzioni reali, concrete ed efficaci: questa

Dettagli

d'ars: una piattaforma multimediale

d'ars: una piattaforma multimediale advertising@darsmagazine.it d'ars: una piattaforma multimediale Scopri tutti i canali che D ARS offre per veicolare la tua immagine e accrescere la tua visibilità seguendo le più innovative modalità di

Dettagli

Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN.

Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN. Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN. Giuliano Marchesin C o n s o r z i o I t a l i a Z o o t e c n i c a Mercoledì 24 Giugno 2015,

Dettagli

Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana)

Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana) Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana) Per diminuire la dipendenza di ristalli dall estero, stringere una forte alleanza tra produttori di carne & latte e valorizzare il #madeinitaly!

Dettagli

PER GESTIRE IL TUO CLIENTE HAI MAI PENSATO ALL'OPEN SOURCE?

PER GESTIRE IL TUO CLIENTE HAI MAI PENSATO ALL'OPEN SOURCE? PER GESTIRE IL TUO CLIENTE HAI MAI PENSATO ALL'OPEN SOURCE? INDICE OPEN SOURCE PER IL CRM DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 2. Lista dei bisogni 4. Modalità di utilizzo 5. La nostra proposta PREMESSA Cosa

Dettagli

La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica

La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica Luca Battaglini Dipartimento Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Università degli Studi di Torino Accademia di Agricoltura

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE P.zza Europa 10 45100 ROVIGO SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI NOTIFICA INIZIO ATTIVITA (ART.48 D.P.R. 303/56) NUOVA COSTRUZIONE CONCESSIONE EDILIZIA PER: AMPLIAMENTO

Dettagli

Presentazione. PMI.it è il sito di informazione tecnologica dedicato alle Piccole e Medie imprese Italiane.

Presentazione. PMI.it è il sito di informazione tecnologica dedicato alle Piccole e Medie imprese Italiane. Presentazione PMI.it è il sito di informazione tecnologica dedicato alle Piccole e Medie imprese Italiane. Il target di riferimento sono ICT manager e imprenditori di aziende operanti nei settori dei servizi,

Dettagli

VENERDI 27 Marzo (9.00-19.00)

VENERDI 27 Marzo (9.00-19.00) VENERDI 27 Marzo (9.00-19.00) ore 9.15 - Centro Congressi Sala Maschiella Inaugurazione ufficiale della manifestazione ore 10.00 - Palazzina 1 - Sala Riunioni Incontri Mech@grijobs: le nuove professioni

Dettagli

PRIVACY POLICY Semplificata

PRIVACY POLICY Semplificata PRIVACY POLICY Semplificata Privacy Policy di www.sipeoutdoor.it Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i

Dettagli

Le misure del P.S.R. Umbria. Sottomisure 16.1 e 16.2 Supporto per la costituzione e l operatività dei PEI

Le misure del P.S.R. Umbria. Sottomisure 16.1 e 16.2 Supporto per la costituzione e l operatività dei PEI P.S.R. 2014-2020: STRATEGIE, MISURE, TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE Le misure del P.S.R. Umbria Sottomisure 16.1 e 16.2 Supporto per la costituzione e l operatività dei PEI Carlo Arcangeli MISURA 16 COOPERAZIONE

Dettagli

Web Marketing. Prima di mettere on-line un sito

Web Marketing. Prima di mettere on-line un sito Web Marketing Prima di mettere on-line un sito Corso di Marketing Corso di Laurea in Informatica per il Management Università di Bologna Andrea De Marco Sommario Analisi di marketing e di progettazione

Dettagli

EasyLOG Peculiarità e scopi della soluzione

EasyLOG Peculiarità e scopi della soluzione - Torino Cosa è possibile consultare in questo documento: Peculiarità e scopi della soluzione. EasyLOG cosa è in grado di fare. Il software : descrizione delle funzionalità principali. Casi studio di applicazione

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Edile, Civile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Abstract

Dettagli

Relazione del Laboratorio 5 (Azioni 9.5, 18,5) Gruppo di Lavoro 3: Attività agricole, tutela delle acque attraverso le buone pratiche.

Relazione del Laboratorio 5 (Azioni 9.5, 18,5) Gruppo di Lavoro 3: Attività agricole, tutela delle acque attraverso le buone pratiche. Coordinamento: Provincia di Latina Comune di Latina Ente Parco Nazionale del Circeo Consorzio di Bonifica dell Agro Pontino U Space srl Progetto LIFE+08 ENV/IT/000406 REWETLAND Widespread introduction

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

L'olio grezzo come combustibile?

L'olio grezzo come combustibile? Dipartimento Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali Università degli Studi di Padova L'olio grezzo come combustibile? Stefano Bona, Lara Riello e Sara Sandrini Dipartimento Agronomia Ambientale e Produzioni

Dettagli

Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA

Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA Cristian Bolzonella Contagraf, Università di Padova Steven Taff Dipartimento Economia Applicata, Università

Dettagli

Fattoria Reale di Torcino

Fattoria Reale di Torcino Fattoria Reale di Torcino ALLEVAMENTI BUFALINI GRUPPO GAROFALO Incontro formativo del 20 novembre 2014 dott. agr. Roberto Napolano FATTORIA REALE DI TORCINO CIORLANO (CE) Ex allevamento di bovine da latte

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE ALLEGATO A DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE 1.STRUTTURE/ATTIVITA DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE OPERANTI IN AMBITO NAZIONALE 1.1

Dettagli

Fostering Cross-regional Transfer of Innovative e-business policies L Iniziativa TALEA in Piemonte

Fostering Cross-regional Transfer of Innovative e-business policies L Iniziativa TALEA in Piemonte Fostering Cross-regional Transfer of Innovative e-business policies L Iniziativa TALEA in Piemonte Lecce, 12 settembre 2008 Claudia Sibilla Progetti Strategici CSP L iniziativa TALEA in Piemonte: informazioni

Dettagli

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Seminario tecnico Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Allevamento suinicolo sostenibile Monticelli Terme (PR), 9 settembre 2015 Lorella Rossi, Centro

Dettagli