Economia Finanziaria e Monetaria. Lezione 14 Recuperare stabilità: riforma finanziaria (UE vs. USA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia Finanziaria e Monetaria. Lezione 14 Recuperare stabilità: riforma finanziaria (UE vs. USA)"

Transcript

1 Economia Finanziaria e Monetaria Lezione 14 Recuperare stabilità: riforma finanziaria (UE vs. USA) 1

2 0. Outline Scaletta della lezione Le buone intenzioni del G-20 del La ri-regolamentazione finanziaria USA 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 4. La ri-regolamentazione finanziaria in East Asia 5. Congruenze e divergenze tra UE, USA e East Asia 6. Il lento pede della ri-regolamentazione finanziaria 2

3 1. Le buone intenzioni del G-20 del Important decisions were agreed at the 2 April 2009 meeting of the G20 in London and at its 25 September 2009 meeting in Pittsburgh. The London meeting of the G20: Among the proposed measures the ones key to our discussion were: i) scaling up the resources available to the IMF for crisis prevention and assistance; ii) establishing the Financial Stability Board (FSB) with the mandate of collaborating with the IMF to provide early warning of macroeconomic and financial risks and the actions needed to address them; iii) reshaping regulatory systems to identify and take account of macro-prudential risks; iv) extending regulation and oversight to all systemically important financial institutions, instruments and markets, for the first time including systemically important hedge funds; 3

4 1. Le buone intenzioni del G-20 del The London meeting of the G20: (cont d) v) endorsing and implementing the tough new principles on pay and compensation mandated by the Financial Stability Forum (predecessor to the FSB) and supporting sustainable compensation schemes and the corporate social responsibility of all firms; vi) taking action, once recovery is assured, to improve the quality, quantity, and international consistency of banks capital. In future, regulation should prevent excessive leverage and require buffers of resources to be built up in good times; vii) taking action against non-cooperative jurisdictions, including tax havens, standing ready to deploy sanctions to protect members public finances and financial systems; viii) calling on the accounting standard setters to work urgently with supervisors and regulators to improve standards on valuation and provisioning and achieve a single set of high-quality global accounting standards; 4

5 1. Le buone intenzioni del G-20 del The London meeting of the G20: (cont d) ix) extending regulatory oversight and registration to Credit Rating Agencies to ensure they meet the international code of good practice, particularly to prevent unacceptable conflicts of interest. The Pittsburgh meeting of the G20: The outcome of the September 2009 meeting of the G20 suggests that the leaders attention is still focused on restoring financial stability via sounder regulation/supervision. The communiqué at the end of the meeting stresses that reckless behaviour and a lack of responsibility led to crisis, we will not allow a return to banking as usual. 5

6 1. Le buone intenzioni del G-20 del The Pittsburgh meeting of the G20: (cont d) It also commits to: raise capital standards; implement strong international compensation standards aimed at ending practices that lead to excessive risk-taking; improve the over-the-counter derivatives market; and create more powerful tools to hold large global firms to account for the risks they take, where the standards for large global financial firms should be commensurate with the cost of their failure. The G20 mandates the FSB to include major emerging economies and coordinate and monitor progress in strengthening financial regulation. More specific measures are designated to: building high quality capital and mitigating procyclicality; reforming compensation practices to support financial stability; improving over-the-counter derivatives markets; addressing cross-border resolutions and systemically important financial institutions. 6

7 1. Le buone intenzioni del G-20 del The Pittsburgh meeting of the G20: (cont d) Regarding the controversial issue of the bonuses, it is agreed that more will be paid out in shares rather than cash, and more pay will be deferred. In particular, efforts will be made to tie remuneration more closely to long-term value creation more paid in restricted shares, with employers able to claw back a portion if trades lead to big losses and multi-year bonus guarantees to be avoided. It is also worth noting that, in the preamble, the world leaders admonish a sense of normalcy should not lead to complacency. 7

8 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 1 The US prospected reform: In the US, President Obama has put forward his blueprint for reform on 17 June 2009 (US Treasury, 2009). It is useful to summarise the main ingredients of the US reform plan for two chief reasons: i) to check whether the US prospected actions are consistent with those in the EU and East Asia; ii) because the US is still the most important financial centre and, thus, what is going to happen there cannot be disregarded elsewhere. In essence, this is a wide range proposal that, if adopted, would greatly overhaul the financial system. It tackles several issues with a macroprudential approach under the authority and responsibility of the Fed: 8

9 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 2 The US prospected reform: (cont d) 1) promoting robust supervision and regulation of financial firms: creating a Financial Services Oversight Council to facilitate information sharing and coordination, identify emerging risks and assist the Fed on the identification of firms whose failure could pose a threat to financial stability due to their combination of size, leverage, and interconnectedness (Tier 1 FHCs); facilitating coordination among all the relevant Agencies; implementing heightened consolidated supervision & regulation of all large, interconnected financial firms; strengthening capital and other prudential standards for all banks and BHCs; better aligning executive compensation practices of financial firms with long-term shareholder value and to prevent compensation practices from providing incentives that could threaten the safety and soundness of supervised institutions; 9

10 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 3 The US prospected reform: (cont d) 1) (cont d) adopting accounting standards to induce financial firms to employ more forward-looking loan loss provisioning practices that incorporate a broader range of available credit information; revise fair value accounting rules to provide users of financial reports with both fair value information and greater transparency regarding the cash flows management expects to receive by holding investments; strengthening firewalls between banks and their affiliates to protect the federal safety net that supports banks and to prevent spread of the subsidy inherent in the federal safety net to bank affiliates; close loopholes in bank regulation; requiring hedge funds and other private pools of capital to register; reducing the susceptibility of money market mutual funds to runs; enhancing oversight of the insurance sector; 10

11 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 4 The US prospected reform: (cont d) 2) establishing comprehensive regulation of financial markets: strengthening supervision and regulation of securitisation markets requiring originators to retain an economic interest in a material portion of the credit risk of securitised credit exposures, aligning compensation of market participants with longer term performance of the underlying loans and increasing the transparency and standardization of securitisation markets requiring robust reporting by issuers of ABS; strengthening the regulation of credit rating agencies including robust policies/ procedures to manage and disclose conflicts of interest, differentiate between structured and other products, and otherwise strengthen the integrity of the ratings process and reducing the use of credit ratings in regulations and supervisory practices; creating comprehensive regulation of all OTC derivatives, including CDS; harmonizing futures and securities regulation. 11

12 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 5 The US prospected reform: (cont d) 3) protecting consumers and investors from financial abuse: creating a new Consumer Financial Protection Agency with the authority/responsibility to improve: a) transparency; b) simplicity; c) fairness; d) access; strengthening investor protection through the SEC. 4) providing the government with the tools it needs to manage financial crises: creating a resolution regime for failing BHCs, including Tier 1 FHCs; amending the Fed s emergency lending authority so that it will not need prior written approval of the Secretary of the Treasury for any extensions of credit by the Fed to individuals, partnerships, or corporations in unusual and exigent circumstances. 12

13 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 6 The US prospected reform: (cont d) 5) raising international regulatory standards and improving international cooperation: recommending the Basel Committee on Banking Supervision (BCBS) to improve Basel II by refining risk weights for trading book/securitised products, introducing supplemental leverage ratio, and improving the definition of capital; urging BCBS to review the Basel II framework to mitigate its procyclical effects; improving the oversight of global financial markets urging national authorities to promote the standardization and improved oversight of credit derivative and other OTC derivative markets, in particular through the use of central counterparties, along the lines of the G-20 commitment, and to advance these goals through international coordination and cooperation; enhancing supervision of internationally active financial firms with the involvement of the FSB; 13

14 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 7 The US prospected reform: (cont d) 5) (cont d) with the help of BCBS, BIS and FSB, reforming crisis prevention and management authorities and procedures and set standards to develop macroprudential tools; expanding the scope of regulation by setting the appropriate Tier 1 FHC definition and application of requirements for foreign financial firms, asking national authorities to quickly implement the G-20 commitment to require hedge funds to register and disclose the information necessary to assess the related systemic risk; introducing better compensation practices not providing incentives for excessive risk taking; improving accounting standards by clarifying and making consistent the application of fair value and improving loan loss provisioning to make it more forward looking; tightening the oversight of the credit rating agencies. 14

15 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 8 Che cosa è stato conseguito negli USA: Il Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act viene firmato dal presidente Barack Obama il 21 luglio Si tratta della riforma finanziaria più importante nella storia moderna degli USA, ma la portata del Dodd-Frank Act è tutt ora incerta. Infatti, la sua efficacia è profondamente dipendente dalla successiva implementazione nonché dalla legislazione secondaria che avrà il compito di rendere effettiva l applicazione delle norme e, infine, dal peso che, con la propria ristrutturazione o creazione ex novo, avranno le agenzie governative preposte. Risulta però già evidente a distanza di un anno dalla sua approvazione che vi sono pesanti e sostanziali ritardi nell implementazione della normativa. 15

16 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 9 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) A fini espositivi, il Dodd-Frank Act può suddividersi in 5 sottosezioni: 1. vigilanza macroprudenziale; 2. vigilanza microprudenziale; 3. riforma della regolamentazione finanziaria; 4. gestione delle crisi; 5. protezione del consumatore. 16

17 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 10 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 1. Vigilanza macroprudenziale Per migliorare la supervisione macroprudenziale è creato il Financial Stability Oversight Council (FSOC), diretto dal ministro del Tesoro e composto dagli otto direttori delle principali agenzie finanziarie [Fed, Comptroller of the Currency, Bureau of Consumer Financial Protection (BCFP), Securities and Exchange Commission (SEC), Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC), Commodity Futures Trading Commission (CFTC), Federal Housing Finance Agency (FHFA), National Credit Union Administration (NCUA)]. Il FSOC ha primariamente le seguenti responsabilità: identificare gli eventuali rischi alla stabilità finanziaria degli USA; promuovere la disciplina dei mercati e l informazione, limitando il moral hazard; individuare e organizzare la risposta a eventuali rischi sistemici o all instabilità finanziaria. 17

18 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 11 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 1. Vigilanza macroprudenziale (cont d) Il FSOC designa le istituzioni non bancarie sistemicamente rilevanti da sottoporre a regole equivalenti a quelle bancarie. Si classificano SIFI le banche con oltre $50 mld di asset. Le SIFI, sottoposte alla vigilanza della Fed, sono soggette a regolamentazione più stringente rispetto alle altre banche. Il FSOC ha responsabilità di supervisione sia macro sia microprudenziale. Per la supervisione macroprudenziale, viene poi creato, come dipartimento del Tesoro, l Office of Financial Research (OFR), col compito di coadiuvare il FSOC nel reperimento e nell analisi dei dati. 18

19 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 12 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 1. Vigilanza macroprudenziale (cont d) La missione dell OFR include: rapporti sul rischio sistemico; monitorare, studiare e informare i cambiamenti nel grado di rischio; enucleare ricerche per migliorare la regolamentazione finanziaria; monitorare/valutare gli stress test e altre prove di stabilità; alta consulenza in tema di regolamentazione; studiare i fallimenti del mercato finanziario e stimolare il FSOC; analizzare l impatto della regolamentazione sul rischio sistemico; promuovere best practices nella gestione del rischio. È necessario attendere per valutare l effettiva portata dell OFR. 19

20 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 13 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 2. Vigilanza microprudenziale La responsabilità della Fed sulla regolamentazione e supervisione di tutte le SIFI include: 1. definizione di standard e requisiti prudenziali di capitale; 2. limiti al livello di leverage; 3. requisiti di liquidità; 4. procedure per l eventuale liquidazione; 5. limiti al livello di concentrazione; 6. requisiti di trasparenza finanziaria; 7. facoltà di imporre la creazione di comitati di gestione del rischio; 8. svolgimento di stress test. 20

21 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 14 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 2. Vigilanza microprudenziale (cont d) Alla Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) spettano: - supervisione e regolamentazione delle banche non SIFI; - liquidazione delle banche non SIFI. Compiti ancillari rispetto alla Fed spettano all Office of the Comptroller of the Currency, alla National Credit Union Administration e alla Securities Investor Protection Corp. Viene eliminato l Office of Thrift Supervision (OTS). Il nuovo Federal Insurance Office (nel Tesoro) monitora il settore assicurativo e collabora col FSOC. Gli hedge funds che gestiscono oltre $100 mln di dollari debbono registrarsi alla SEC, ma con limitati requisiti di trasparenza. 21

22 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 15 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 3. Riforma della regolamentazione finanziaria Il Dodd-Frank Act muove da alcune considerazioni: l utilizzo eccessivo del mark-to-market ha spesso aumentato la volatilità finanziaria [es. il FASB (Financial Accounting Standards Board) cerca di riscrivere i principi contabili per valutare più correttamente i prodotti derivati scambiati sul mercato OTC]. Nel Dodd-Frank vengono definiti i prodotti derivati in base al loro scopo: - o come swaps [regolati dalla Commodity Futures Trading Commission] - o come security-based swaps [regolati dalla SEC]. 22

23 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 16 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 3. Riforma della regolamentazione finanziaria (cont d) In ambito di derivati il Dodd-Frank Act impone: scambi mediante Swap Execution Facility; requisiti di capitale maggiori per scambi OTC; l obbligo di Clearing Houses; il divieto per le banche commerciali eccetto su tassi di interesse e valute estere. Sui requisiti di capitale delle banche il Dodd-Frank Act demanda al BCBS. Vengono introdotti limiti al proprietary trading [attività speculative portate avanti da banche per conto proprio e non per la loro clientela, di definizione poco chiara] ispirati alla Volcker Rule. Di certo alle banche è vietato di detenere quote significative o di supportare in modo sostanziale gli hedge funds e i private equity funds. 23

24 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 17 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 3. Riforma della regolamentazione finanziaria (cont d) Molti ritengono che la Volcker Rule sia una nuova versione del Glass-Steagall Act. In sostanza, le banche possono investire al massimo il 3% del Tier 1 in private equity e hedge funds. Resta loro consentito di fare trading per conto di propri clienti o per ridurre i rischi tradizionali dell attività bancaria. L obiettivo principale è limitare gli investimenti speculativi e di breve termine da parte delle SIFI, cercando di spingerle a un utilizzo del capitale più a lungo termine e più socialmente produttivo. È previsto un lungo periodo di phasing in. 24

25 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 18 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 3. Riforma della regolamentazione finanziaria (cont d) Sulle agenzie di rating il Dodd-Frank Act aumenta il controllo interno, impone una maggiore trasparenza nelle procedure e metodologie per il calcolare rating, pone in capo agli investitori il diritto di agire contro le agenzie e, infine, rinforza sostanzialmente i poteri della SEC nei confronti delle Nationally Recognized Statistical Rating Organizations (NRSRO). Su remunerazione dei manager e corporate governance si cerca di limitare l eccessiva assunzione di rischi: - con il say-on-pay gli shareholder dovrebbero approvare la remunerazione dei manager; - la FDIC propone di innalzare i premi per l assicurazione sui depositi per le banche con politiche di remunerazione poco lungimiranti (forse più moral suasion che azioni concrete); 25

26 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 19 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 3. Riforma della regolamentazione finanziaria (cont d) - il Dodd-Frank si concentra sulle regole di trasparenza: 1. remunerazione dei manager; 2. stato di salute finanziario dell istituzione; 3. remunerazioni medie annuali e possibilità per i lavoratori della banca di coprirsi dalle oscillazioni del prezzo delle azioni della banca stessa comprando strumenti finanziari derivati. 4. Gestione delle crisi Le principali innovazioni riguardano la liquidazione delle SIFI. Per gestire queste ultime vengono creati l Orderly Liquidation Fund (OLF), l Orderly Liquidation Procedure (OLP) e l Orderly Liquidation Authority (OLA). 26

27 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 20 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 4. Gestione delle crisi (cont d) L OLF viene capitalizzato con una tassa calcolata sul profilo di rischio delle singole banche. Questi istituti fanno capo al FSOC. È prevista l amministrazione controllata in caso di concreto rischio di fallimento. Il ministro del Tesoro può attivare, nell ambito della procedura di liquidazione ordinaria, autorizzazioni straordinarie alla Fed per l estensione di credito. Le obbligazioni in capo al Governo non possono superare il 10% del totale degli asset consolidati e il 90% del fair value del totale degli asset consolidati. 27

28 2. La ri-regolamentazione finanziaria USA 21 Che cosa è stato conseguito negli USA: (cont d) 5. Protezione del consumatore È istituito il Bureau of Consumer Financial Protection (BCFP), necessario ricordando la mancata comprensione e inadeguata gestione dei mutui negli USA. Anche se l agenzia è creata all interno della Fed, essa opera in modo indipendente e con poteri estesi. Il BCFP ha il compito principale di regolare i prodotti e i servizi finanziari al consumatore, inclusa la necessità di assicurare standard uniformi per i prodotti plain vanilla. Ciò al fine di fornire ai consumatori informazioni dettagliate e affidabili su prodotti e proteggerli da costi aggiuntivi nascosti, termini abusivi e pratiche scorrette. Anche in questo caso è necessario attendere per verificare l effettiva portata della novità. 28

29 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 1 The EU prospected reform: In October 2008, Europe launched a High Level Group on financial supervision in the EU chaired by J. de Larosière. The Group finalised its report by end February 2009 (de Larosière, 2009). Following a one month consultation period, the European Commission's action in the area of supervision has been inspired to the findings and recommendations of this report. After examining in detail the numerous causes of the crisis, the report covers the issues of how to organise the supervision of financial institutions and markets in the EU; how to strengthen European co-operation on financial stability oversight, early warning and crisis mechanisms; and how EU supervisors should co-operate globally. The Group made a number of recommendations on regulation of financial markets. Regarding the new European financial supervisory framework, these recommendations are based on two pillars: 29

30 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 2 The EU prospected reform: (cont d) a European System of Financial Supervisors (ESFS), for the supervision of individual financial institutions (microprudential supervision) consisting of new European Supervisory Authorities working in tandem with the national financial supervisors, and a European Systemic Risk Council (ESRC) to oversee the stability of the financial system as a whole (macroprudential supervision) & provide early warning of systemic risks and recommendations where necessary. The Spring European Council endorsed the de Larosière report as its basis for action. The key principles for the reform of financial market supervision were further discussed by EU Finance Ministers and Central Bank Governors at the informal Ecofin Council in Prague on 4 April The Commission was then asked to prepare a document to evaluate the action plan. 30

31 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 3 The EU prospected reform: (cont d) To synthesise, the key points of the de Larosière approach are eight: i) policy, regulatory and supervisory processes are inter-twined but should be appropriately separated from an analytical and operational point of view. The interpretation of the main failures behind the crisis and the suggested course of repair hinge on this premise; the innovation of separating macro and micro prudential supervision allows to focus on the missing link of previous approaches: the need to identify and limit the distress of the financial system as a whole. Macroprudential corrective action may require suggesting and bringing forth changes in economic policies. 31

32 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 4 The EU prospected reform: (cont d) ii) the key underlying factors behind the crisis were: (a) ample liquidity creation; (b) low interest rate conditions; (c) global savings glut and excessive investment in housing notably in the US; (d) the financing of large US current account deficits by emerging countries who pegged their currencies to the dollar, imported US monetary policy and accumulated large reserves, which fuelled further global monetary expansion. iii) in this process, macroprudential supervision was lacking, as well as multilateral surveillance on economic policies. 32

33 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 5 The EU prospected reform: (cont d) iv) the lack of adequate macro-prudential oversight, on the one hand, resulted in inappropriate economic policies and ineffective identification of global risks, and, on the other, in regulatory weaknesses, and ineffective microprudential supervision. Key elements of regulation applied by microsupervisors thus played a negative role in fuelling the crisis. Official regulation in some cases aggravated things, generated perverse effects and contributed to the excesses of securitisation. v) the key change in the de Larosière Report is clear comparing Fig. 1 (the traditional approach of the ladder scheme) and 2 (the links of economic policy, regulation and supervision). This top-down approach (Lamfalussy process) puts economic policy at the tip, regulation follows, and enforcement of regulation is delegated to relevant supervisors. So, National Governments (Parliaments) and the Ecofin decide economic policies, subject to EU constraints. 33

34 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 6 Figure 1. Traditional Approach Figure 2. de Larosière Approach!! 34

35 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 7 The EU prospected reform: (cont d) vi) the de Larosière model differs fundamentally (Fig. 2). The main innovation consists in macroprudential oversight. Macroprudential supervision is not confined to banks, but encompasses all sectors of finance, as well as the wider macroeconomic context. This oversight should also take account of global issues. Macroprudential analysis addresses common or correlated shocks and shocks to those parts of the financial system that trigger contagious knock-on or feedback effects and stresses two main dynamic functions of oversight: (i) identifying systemically important components of the financial system (intermediaries, markets, securities, products, derivatives) and sources of systemic risk; (ii) deciding which form of regulation/ supervision is appropriate to which institution/market. 35

36 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 8 The EU prospected reform: (cont d) vi) (cont d) Macro and Micro prudential supervision are both necessary and important. Though they are inter-twined, they should be clearly identified and kept logically separate. As the arrows in Fig. 2 show, macroprudential supervision plays a key role, directly and in terms of interactions, not only with economic policy and microprudential action, but also with regulation. With specific reference to this last link, a clear lesson of the current crisis is that better regulation can only be achieved in terms of a two-way relationship with adequate supervisory arrangements. vii) the Report suggests assigning the Macroprudential oversight to the newly created ESRC, under the auspices of the ECB while conferring Microprudential competences, according to a step-bystep plan, to the ESFS, based on independent Authorities and on the network of national supervisors. 36

37 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 9 The EU prospected reform: (cont d) viii) the ESFS should have the authority with eventual override when needed to settle the possible disputes between national supervisors should the case emerge of them being engaged with different views on the same intermediary operating cross-border. Che cosa è stato conseguito nell UE: Il quadro, disegnato dal Rapporto de Larosière, può essere schematizzato come segue. 37

38 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 10 Che cosa è stato conseguito nell UE: (cont d) FIGURA 5.1 Un nuovo quadro europeo per salvaguardare la stabilità finanziaria 208 Vigilanza macroprudenziale Vigilanza microprudenziale Consiglio Europeo per il rischio sistemico (ESRB) [presieduto dal presidente della BCE] Membri del Consiglio direttivo BCE/SEBC* (eventualmente con supplenti) Informazioni sugli sviluppi microprudenziali Autorità europea settore bancario (EBA) Presidenti di + EBA, EIA + ed ESA** Sistema europeo di vigilanza finanziaria (ESFS) Autorità europea sett. assicurativo (EIA) Commissione Europea Allarme preventivo tempestivo Autorità europea valori mobiliari Compiti principali del Consiglio Europeo per il rischio sistemico: decidere la politica macroprudenziale, dare l allarme preventivo alle autorità di vigilanza UE, raffrontare le osservazioni sugli sviluppi macroeconomici e prudenziali e fornire indicazioni su questi temi. Compiti principali delle nuove autorità: oltre alle competenze attualmente assunte dai comitati di livello 3, le autorità dovrebbero avere anche i seguenti incarichi: 1. mediazione giuridicamente vincolante tra le autorità nazionali di vigilanza, 2. adozione di norme di vigilanza vincolanti, 3. adozione di decisioni tecniche vincolanti applicabili ai singoli istituti finanziari, 4. vigilanza e coordinamento dei collegi di autorità di vigilanza, 5. autorizzazione e vigilanza di istituti specifici di portata UE come le agenzie di rating del credito e le infrastrutture di postnegoziazione, 6. collaborazione obbligatoria con l ESRB per garantire un adeguata vigilanza macroprudenziale e 7. forte ruolo di coordinamento in situazioni di crisi. Aut. naz. vigilanza sett. bancario Aut. naz. vigilanza sett. assicurativo Aut. naz. vigilanza sett. valori mobiliari Compiti principali delle autorità di vigilanza nazionali: continuare a occuparsi interamente della vigilanza quotidiana delle imprese. Fonte: Rapporto de Larosière (2009). * SEBC: Sistema europeo di Banche centrali; ** ESA: European Security Authority. 38

39 3. La ri-regolamentazione finanziaria UE 11 Che cosa è stato conseguito nell UE: (cont d) Un insieme di regole chiave racchiuse in quattro Regolamenti (1092/2010, 1093/2010, 1094/2010, 1095/2010) e una Direttiva (2010/78/EU) stabiliscono la cornice della supervisione finanziaria, dando avvio alla ristrutturazione del sistema. Vengono istituiti quattro nuovi regolatori (dal 1 gennaio 2011): 1) European Systemic Risk Board (ESRB) macroprudenziale 2) European Banking Authority (EBA) micro/macroprudenziale 3) European Insurance & Occupational Pensions Authority (EIOPA) 4) European Securities and Markets Authority (ESMA). Per agevolare il confronto con gli USA, consideriamo le stesse cinque macroaree: 1. vigilanza macroprudenziale; 2. vigilanza microprudenziale; 3. riforma della rego- lamentazione finanziaria; 4. gestione delle crisi; 5. protezione del consumatore. 39

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 16 La riforma della regolamentazione finanziaria (cap.5) La riforma finanziaria in Europa La riforma finanziaria negli Stati Uniti 2 La riforma

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

CRISI DI FIDUCIA E GESTIONE DEL RISPARMIO

CRISI DI FIDUCIA E GESTIONE DEL RISPARMIO CRISI DI FIDUCIA E GESTIONE DEL RISPARMIO Roma, Venerdì 21 gennaio 2011 ore 10 LUISS Business School Divisione di LUISS Guido Carli Sala Colonne Viale Pola, 12 - Roma Crisi di fiducia e regolazione finanziaria

Dettagli

Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti. Norton Rose Fulbright. Gianluigi Gugliotta

Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti. Norton Rose Fulbright. Gianluigi Gugliotta Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti Norton Rose Fulbright Gianluigi Gugliotta Milano, 11 giugno 2014 MiFID (2004/39/CE) PRINCIPALI OBIETTIVI Favorire ulteriormente l integrazione, la

Dettagli

Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria. Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI

Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria. Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI Costi & Business 2009 Roma, 29-30 ottobre 2009 La Global financial stability map del

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

Economia Finanziaria e Monetaria

Economia Finanziaria e Monetaria Economia Finanziaria e Monetaria Lezione 10 Dimensione internazionale: aree valutarie ottimali; tassi di cambio e squilibri esterni; aspetti macro delle crisi finanziarie (modelli di 1 a, 2 a e 3 a generazione)

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 Università degli Studi di Parma Corso di Risk management e creazione di valore Basilea 3 Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 La crisi finanziaria del 2007- Prima della crisi Tassi di interesse

Dettagli

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Andrea Resti carefin@unibocconi.it The Regulatory Tsunami* Luglio 2009 Dicembre 2009 Rischi di mercato: stressed VaR e IR charge Nuove regole su (ri)cartolarizzazioni

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Crediti in sofferenza e crisi bancarie

Crediti in sofferenza e crisi bancarie Crediti in sofferenza e crisi bancarie ISTITUTO PER L ALTA FORMAZIONE E LE ATTIVITA EDUCATIVE (I.P.E.) Napoli, 11 dicembre 2015 Giuseppe Boccuzzi Agenda 1. Crisi bancarie e business model delle banche

Dettagli

Convegno ABI Unione bancaria e Basilea 3

Convegno ABI Unione bancaria e Basilea 3 Convegno ABI Unione bancaria e Basilea 3 Roma, 23/24 Giugno 2015 QUALI PROSPETTIVE? Concetta Brescia Morra Professore di Diritto dei mercati finanziari La nuova architettura della vigilanza e la pdi funzioni

Dettagli

Asset Management Bond per residenti in Italia

Asset Management Bond per residenti in Italia Asset Management Bond per residenti in Italia Agosto 2013 1 SEB Life International SEB Life International (SEB LI www.seb.ie) società irlandese interamente controllata da SEB Trygg Liv Holding AB, parte

Dettagli

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti Contabili Bergamo, 11 febbraio 2011 PROF. MARIO COMANA Ordinario

Dettagli

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa Laura Blasiol Servizio Risk Management Milano, 30 giugno 2010 1 Agenda Solvency II: A challenge and an opportunity 2 Milestones 22/04/2009:

Dettagli

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE)

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Internazionali e Diplomatiche - per l'insegnamento di Geografia

Dettagli

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Tavolo di coordinamento fra Banca d Italia, Consob ed IVASS in materia di applicazione degli IAS/IFRS Trattamento contabile di operazioni di

Dettagli

Unione bancaria: a che punto siamo?

Unione bancaria: a che punto siamo? Unione bancaria: a che punto siamo? Angelo Baglioni Intervento alla tavola rotonda: Crisi in Europa: la risposta dell Unione Europea e degli Stati membri SSEF - Milano, 9 dicembre 2013 UBE: building blocks

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico : l informativa al pubblico Ø Il c.d. terzo pilastro dell accordo di Basilea (Basilea II) ha introdotto obblighi di informativa al pubblico riguardanti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi

Dettagli

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Gianluca Trevisan Banca d Italia Supervisione Gruppi Bancari I Roma, 28 febbraio 2014 1 Perché una regolamentazione

Dettagli

Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici. Introduzione Stefano Micossi. LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014

Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici. Introduzione Stefano Micossi. LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014 Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici Introduzione Stefano Micossi LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014 Nascita e obiettivi dell unione bancaria Giugno 2012:

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Financial Services Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Crisi Finanziaria/ Impegni del G20 Impatti della tecnologia Integrazioni Comunitarie Nuovo schema di vigilanza EU www.pwc.com/it

Dettagli

Uno sguardo al mondo esterno

Uno sguardo al mondo esterno Uno sguardo al mondo esterno Gerardo Rescigno 2009 2 In quale contesto ci stiamo muovendo Riduzione della redditività delle Banche e forte orientamento alla selettività Debolezza dell economia domestica

Dettagli

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari POSITION PAPER 8 giugno 2007 1. Premessa L Associazione Bancaria Italiana (di seguito ABI), che con oltre 800 banche

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

Il cantiere europeo della previdenza complementare

Il cantiere europeo della previdenza complementare Il cantiere europeo della previdenza complementare Antonello Motroni Roma, 20 novembre 2014 Agenda Ue Long term financing investments (LTFI) - Revisione direttiva Iorp Proposta di regolamento su indici

Dettagli

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Interactive Brokers presenta Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Alessandro Bartoli, Interactive Brokers Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member

Dettagli

Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma

Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma Www.ebitda.it Facebook:Ebitda Twitter: Ebitda Discussion Paper Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma Numero 10 Marzo 2014 Analysis methodology The fair value recognition of derivative

Dettagli

Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale

Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale Guido Ferrarini Maria Cristina Ungureanu Università di Genova La normativa è indirizzata a:

Dettagli

A Competitive Advantage for Investment Services in the EU. Un vantaggio competivtivo per i servizi di investimento nell U.E. Cyprus Investment Firms

A Competitive Advantage for Investment Services in the EU. Un vantaggio competivtivo per i servizi di investimento nell U.E. Cyprus Investment Firms Cyprus Investment Firms A Competitive Advantage for Investment Services in the EU Imprese di investimento a Cipro Un vantaggio competivtivo per i servizi di investimento nell U.E. Dr. Stelios Platis MAP

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia 01 Angelo Micocci: fonti e definizioni 1 Obiettivo della lezione Internal Control

Dettagli

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato UBI BANCA Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato 21 Aprile 2015 Il Contesto Normativo Europeo CONCETTUALE In

Dettagli

La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID

La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID Milano, 20 marzo 2013 Avv. Roberto Ciciani La relazione è svolta a titolo personale e non impegna l Amministrazione di appartenenza Il processo

Dettagli

L. 262 and Sarbanes-Oxley Act

L. 262 and Sarbanes-Oxley Act L. 262 and Sarbanes-Oxley Act Sarbanes Oxley Act Law 262 Basel 2 IFRS\ IAS Law 231 From a system of REAL GUARANTEE To a system of PERSONNEL GUARANTEE L. 262 and Sarbanes-Oxley Act Sarbanes-Oxley Act and

Dettagli

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015 EBA/GL/2015/02 23.07.2015 Orientamenti sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento 1 Indice 1. Orientamenti ABE sull elenco minimo degli indicatori qualitativi

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali. Lente sull UE n. 35

Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali. Lente sull UE n. 35 Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali Lente sull UE n. 35 5 ottobre 2015 Background Il 30 settembre 2015, la Commissione europea ha presentato il suo piano d azione per creare un Unione

Dettagli

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options FINANCIAL SERVICES IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options Roma, 30 Novembre 2005 Antonio Mansi Raffaele

Dettagli

NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO

NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO 1. NOVITÀ NORMATIVE... 3 1.1. BANCA D'ITALIA - Requisito di Copertura della Liquidità e Indice di Leva Finanziaria... 3 1.2. CONSOB Comunicazione sulla prestazione

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 17/2014

INFORMATIVA EMITTENTI N. 17/2014 INFORMATIVA EMITTENTI N. 17/2014 Data: 13/05/2014 Ora: 18:00 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: FinecoBank: verifica dei requisiti di indipendenza degli Amministratori e dei sindaci. Nomina dei componenti

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

Syllabus. Course: Risk Management - CFU 6. C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie (Curriculum: Economic and Financial Analysis)

Syllabus. Course: Risk Management - CFU 6. C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie (Curriculum: Economic and Financial Analysis) Syllabus Course: Risk Management - CFU 6 C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie (Curriculum: Economic and Financial Analysis) Academic Year 2013-14 Prof. Enzo Scannella Course Objectives:

Dettagli

shared bytes -> shared good A geek proposal for the Sharing Economy survival

shared bytes -> shared good A geek proposal for the Sharing Economy survival shared bytes -> shared good A geek proposal for the Sharing Economy survival Sharitaly Milano, 9/11/2015 What challenges? Regulatory uncertainty -> -> Spending and investments delays -> Unplanned direction

Dettagli

*** Principali misure di rafforzamento patrimoniale* Min eccedenza/ Max carenza

*** Principali misure di rafforzamento patrimoniale* Min eccedenza/ Max carenza IL GRUPPO VENETO BANCA SUPERA GLI ESAMI EUROPEI CON LE MISURE DI MITIGAZIONE GIA REALIZZATE NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2014 AMPIA SODDISFAZIONE DEI VERTICI Il Gruppo Veneto Banca, prendendo atto dei comunicati

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli

Il rating: come valutare le imprese. Mauro Alfonso Head of Rating Agency

Il rating: come valutare le imprese. Mauro Alfonso Head of Rating Agency Il rating: come valutare le imprese Mauro Alfonso Head of Rating Agency Agenda Il rating Cosa fare per ottenere un rating A cosa può servire un rating 2 Cosa è un rating Il rating è un opinione sulle capacità

Dettagli

La vigilanza europea: assetti, implicazioni, problemi aperti.

La vigilanza europea: assetti, implicazioni, problemi aperti. Master in Diritto Amministrativo e Scienze dell Amministrazione Università degli studi di Roma Tre La vigilanza europea: assetti, implicazioni, problemi aperti. Lezione del Vice Direttore Generale della

Dettagli

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO GRUPPOM O N T EPASC H I C O N V E G N O A BI B ASI L E A 3 ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO A G E ND A Contesto di riferimento Riforma strutturale a livello U E K ey driver

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO TELECOM ITALIA: DEFINITO IL NUOVO CALENDARIO DELLE ATTIVITA SOCIETARIE DI TELECOM ITALIA, TIM E TI MEDIA

COMUNICATO STAMPA GRUPPO TELECOM ITALIA: DEFINITO IL NUOVO CALENDARIO DELLE ATTIVITA SOCIETARIE DI TELECOM ITALIA, TIM E TI MEDIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO TELECOM ITALIA: DEFINITO IL NUOVO CALENDARIO DELLE ATTIVITA SOCIETARIE DI TELECOM ITALIA, TIM E TI MEDIA Milano, 31 dicembre 2004 Telecom Italia, Tim e Telecom Italia Media comunicano,

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

Interactive Brokers presents

Interactive Brokers presents Interactive Brokers presents Il programma Stock Yield Enhancement Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO 1 Perché l alleanza è vincente Per prevenire le frodi occorre avere un corretto controllo interno che è realizzabile anche grazie al supporto dell

Dettagli

Oggetto: Aggiornamento sulla Direttiva Alternative Investment Fund Managers

Oggetto: Aggiornamento sulla Direttiva Alternative Investment Fund Managers Circolare 25/2010 Oggetto: Aggiornamento sulla Direttiva Alternative Investment Fund Managers Si desidera fare un aggiornamento sugli ultimi sviluppi riguardanti la Direttiva sugli Alternative Investment

Dettagli

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino Un trattato per il territorio 1.Ambito di applicazione geografico* 2.Partecipazione attiva degli enti territoriali

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

L opportunitàdel rating pubblico per le PMI

L opportunitàdel rating pubblico per le PMI L opportunitàdel rating pubblico per le PMI Mauro Alfonso Amministratore Delegato Cerved Rating Agency Milano, 3 dicembre 2014 Cerved Rating Agency S.p.A. Agenda Il rating La metodologia di rating corporate

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003 Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Giovanni Carosio Banca d Italia 1 Indice 1. Il quadro normativo 2. Le principali novità

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA *

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * 71 5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * Il processo di integrazione finanziaria in Europa è attualmente in pieno svolgimento. La realizzazione del mercato unico degli strumenti e dei servizi

Dettagli

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica Rossano Giuppa 9 aprile 2015 Giornata di Alto Aggiornamento UNIONE EUROPEA E BASILEA 3 Nuova Vigilanza Europea Le lezioni gestionali

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 1615-51-2015

Informazione Regolamentata n. 1615-51-2015 Informazione Regolamentata n. 1615-51-2015 Data/Ora Ricezione 29 Settembre 2015 18:31:54 MTA Societa' : FINECOBANK Identificativo Informazione Regolamentata : 63637 Nome utilizzatore : FINECOBANKN05 -

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione

FLASH REPORT. Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Quadro normativo. Ambito di applicazione FLASH REPORT Banking Union: come si devono preparare le banche italiane all Asset Quality Review? Novembre 2013 Quadro normativo Il Parlamento Europeo e il Consiglio Europeo hanno approvato il nuovo meccanismo

Dettagli

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Fondo Interbancario: IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Indice Gli impegni normativi Gli impatti L approccio Banksiel Le soluzioni Banksiel Case study 2 Gli impegni normativi 3 Gli impegni normativi

Dettagli

Le iniziative in corso per una politica di promozione della cantieristica europea

Le iniziative in corso per una politica di promozione della cantieristica europea Le iniziative in corso per una politica di promozione della cantieristica europea Genova Port&ShippingTech 30 novembre 2012 ing. Vincenzo Zezza (PhD) Divisione IX politiche industriali dei settori automotive,

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

SYLLABUS. Course: Risk Management - CFU 6. C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie - Curriculum: Economic and Financial Analysis

SYLLABUS. Course: Risk Management - CFU 6. C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie - Curriculum: Economic and Financial Analysis SYLLABUS Course: Risk Management - CFU 6 C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie - Curriculum: Economic and Financial Analysis Academic Year 2014-15 Prof. Enzo Scannella Course Objectives:

Dettagli

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO DI UNA SGR IMMOBILIARE THE INVESTMENT PROCESS OF AN ASSET MANAGEMENT COMPANY

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO DI UNA SGR IMMOBILIARE THE INVESTMENT PROCESS OF AN ASSET MANAGEMENT COMPANY Maria Giuditta Losa MRICS, Responsabile Funzione Valutazioni Serenissima SGR S.p.A. Milano, 11 Aprile 2014, Camera di Commercio Gli Impatti degli effetti della riforma catastale sulla valorizzazione di

Dettagli

Strategie e processi per salvaguardare il valore aziendale

Strategie e processi per salvaguardare il valore aziendale Business Continuity Strategie e processi per salvaguardare il valore aziendale A cura di: Alfredo Bertini Governance, Quality & Safety Manager Direzione Legal, Governance & Compliance Agenda: Roche Italy

Dettagli

Investimenti d impatto Fare bene ciò che è giusto: utopia o realtà? Firenze 05/06/2013

Investimenti d impatto Fare bene ciò che è giusto: utopia o realtà? Firenze 05/06/2013 Investimenti d impatto Fare bene ciò che è giusto: utopia o realtà? Firenze 05/06/2013 Definizione Gli investimenti d impatto sono investimenti fatti in imprese, organizzazioni e fondi con l intenzione

Dettagli

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Fase a distanza DA BASILEA 2 A BASILEA 3: COSA CAMBIA Fase in aula a Milano dal 29 al 31 ottobre

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate PMI e Rating: un nuovo standard di comunicazione Milano, 11 Giugno 2014 CRIF Credit Rating Definizioni Rating Emittente: l opinione

Dettagli

La nuova legislazione sulla Farmacovigilanza. Responsabilità e compiti dell AIFA. Laura Sottosanti. Roma, 13 settembre 2012

La nuova legislazione sulla Farmacovigilanza. Responsabilità e compiti dell AIFA. Laura Sottosanti. Roma, 13 settembre 2012 La nuova legislazione sulla Farmacovigilanza Responsabilità e compiti dell AIFA Laura Sottosanti Roma, 13 settembre 2012 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione

Dettagli

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche AIM Italia: Membership: dal 1 febbraio 2010 Amendments to the AIM Italia: Membership:

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

HIGH PERFORMANCE ANALYTICS PER AUMENTARE LA COMPETITIVITÀ E RISPONDERE AI NUOVI REQUISITI NORMATIVI

HIGH PERFORMANCE ANALYTICS PER AUMENTARE LA COMPETITIVITÀ E RISPONDERE AI NUOVI REQUISITI NORMATIVI HIGH PERFORMANCE ANALYTICS PER AUMENTARE LA COMPETITIVITÀ E RISPONDERE AI NUOVI REQUISITI NORMATIVI SAS CAMPUS, 16 GENNAIO 2014 UNIVERSITA CATTOLICA, MILANO ANSELMO MARMONTI, SAS REGIONAL LEADER RISK MANAGEMENT

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

BASILEA 3 2013. Credit Risk & Risk integration: nuovi requisiti per la raccolta e storicizzazione delle informazioni. Roma, 27 Giugno 2013

BASILEA 3 2013. Credit Risk & Risk integration: nuovi requisiti per la raccolta e storicizzazione delle informazioni. Roma, 27 Giugno 2013 BASILEA 3 2013 Credit Risk & Risk integration: nuovi requisiti per la raccolta e storicizzazione delle informazioni Roma, 27 Giugno 2013 ALCUNI ELEMENTI NORMATIVI (1) Financial Stability Board One of the

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

L equilibrio finanziario della banca (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

L equilibrio finanziario della banca (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L equilibrio finanziario della banca (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Liquidity stress test: gli approcci Liquidity stress test : utilizzato per

Dettagli