SPECIALE. aluteguide CESENA I SERVIZI SANITARI L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI L A TUTELA DEL CITTADINO LA CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL DI CESENA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPECIALE. aluteguide CESENA I SERVIZI SANITARI L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI L A TUTELA DEL CITTADINO LA CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL DI CESENA"

Transcript

1 S SPECIALE aluteguide CESENA I SERVIZI SANITARI L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI L A TUTELA DEL CITTADINO LA CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL DI CESENA

2

3 S OMMARIO Premessa 4 Parte prima L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Il Territorio 5 La Direzione 5 Parte seconda I SERVIZI SANITARI I Dipartimenti Territoriali 6 Il Dipartimento di Cure Primarie 6 - L Assistenza Ambulatoriale Territoriale 6 - Il Servizio Infermieristico Domiciliare (SID) 8 e l Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) - L Assistenza Residenziale 8 Il Dipartimento di Sanità Pubblica 9 - Igiene e sanità pubblica 9 - Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro 9 - Sanità veterinaria 9 - Epidemiologia e comunicazione 10 Il Dipartimento di Salute Mentale 10 Il Servizio Sociale 10 - Infanzia, età evolutiva e famiglia 11 - Disabili adulti 11 - Servizio assistenza anziani 11 Gli ospedali dell Azienda USL 12 L Assistenza nell Emergenza 15 Il Pronto Soccorso e i Punti di Primo Intervento 15 Il Emergenze Settore Salute Mentale 16 Il Servizio Medico di Continuità Assistenziale 16 (Guardia Medica) Le altre Strutture di ricovero dell Azienda 17 L Hospice 17 Gli Ospedali di Comunità 17 L Assistenza Farmaceutica 18 Le Strutture Sanitarie 18 private convenzionate del territorio Parte terza L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI Le prestazioni in regime di ricovero 19 Le prestazioni ambulatoriali 19 I documenti necessari per la prenotazione 19 di visite e prestazioni diagnostiche e terapeutiche La prenotazione di visite e di prestazioni 20 diagnostiche e terapeutiche - Il Centro Unificato Prenotazioni (CUP) 20 e il CUPTel - Gli altri sportelli di prenotazione 21 I Tempi di attesa 22 Alcuni percorsi dedicati 23 Percorso nascita 23 Gli screening per i minori 23 Ortodonzia e odontoiatria pediatrica 24 Assistenza odontoiatrica agli adulti 24 Screening oncologico 25 Vaccinazioni per adulti 25 Percorso riabilitativo 25 Il Servizio Infermieristico Domiciliare (SID) 26 e l Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) L Assistenza Residenziale 27 I Trasporti Sanitari in Emergenza-Urgenza 28 e Ordinari Parte quarta LA TUTELA DELLA COLLETTIVITÀ L accesso alle informazioni 29 L Ufficio Stampa e Media 29 Il Sito Internet dell Azienda USL di Cesena 29 I Punti Informativi dell Azienda USL di Cesena 29 L Ufficio Relazioni con il Pubblico 30 Il Centralino dell Azienda USL di Cesena 30 Il Numero Verde Regionale Sanità 30 tel Informahandicap 30 Gli impegni dell Azienda per il cittadino 30 L Ufficio Relazioni con il Pubblico 30 Gli Sportelli per la Manifestazione 31 di Volontà alla Donazione di Organi e Tessuti La Mediazione Culturale 32 Il Comitato Consultivo Misto 32 Gli interventi del volontariato 32 Il Centro per i Diritti del Malato 32 L Associazione Volontari Ospedalieri (AVO) 33 La modalità di Verifica 33 L accesso agli atti 34

4 P REMESSA Maria Basenghi Direttore Generale Azienda USL di Cesena La Carta dei Servizi rappresenta uno strumento di comunicazione e di qualità. È una risposta alla richiesta dei cittadini di efficienza e di chiarezza, costituisce un documento che agevola e semplifica l accesso alla struttura aziendale e facilita la comunicazione attraverso la descrizione dei più importanti percorsi di accesso ai servizi offerti. La Carta dei Servizi, inoltre, fornisce indicazione sui livelli di qualità a cui è volto l impegno della Azienda ed offre la possibilità di valutare il servizio ricevuto in rapporto agli standard qualitativi garantiti. Offre la possibilità di conoscere percorsi e strumenti per la tutela dei diritti della collettività. Contiene informazioni non soggette a rapidi cambiamenti, che sono invece disponibili presso i Punti Informativi Aziendali e su altri documenti a disposizione dei cittadini quali Guida alla Specialistica, Guida al Ricovero, Manuale dell Assetto Organizzativo Aziendale. Nel rinnovare questo importante documento, sia nei contenuti che nella veste grafica, mi auguro di avere esaurientemente risposto ai bisogni di informazione dei cittadini. Infine rivolgo un ringraziamento particolare ai partner privati (Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, Cassa di Risparmio di Cesena Spa,Terme di Cervia e Gruppo Saninvest) che hanno reso possibile la pubblicazione di questa guida. AZIENDA U.S.L DI CESENA Territorio e Comuni DISTRETTO RUBICONE Popolazione Superficie Kmq 306 DISTRETTO CESENA-VALLE DEL SAVIO Popolazione Superficie Kmq 810 4

5 L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE IL TERRITORIO L ambito territoriale dell Azienda USL di Cesena comprende 15 Comuni: Bagno di Romagna, Borghi, Cesena, Cesenatico, Gambettola, Gatteo, Longiano, Mercato Saraceno, Montiano, Roncofreddo, S. Mauro Pascoli, Sarsina, Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone,Verghereto. La sua superficie totale è di Km2, mentre la popolazione residente è di abitanti al 31 dicembre LA DIREZIONE La Direzione Aziendale è composta da Direttore Generale, Direttore Sanitario, Direttore Amministrativo. Alla Direzione Aziendale compete la programmazione, la definizione delle politiche e degli indirizzi aziendali, l emanazione di direttive e lineeguida e la valutazione dei risultati conseguiti. L Azienda USL di Cesena è suddivisa in due Distretti: Distretto di Cesena Valle Savio che comprende i Comuni di Bagno di Romagna, Cesena, Mercato Saraceno, Montiano, Sarsina e Verghereto; Distretto Rubicone che comprende i Comuni di Borghi, Cesenatico, Gambettola, Gatteo, Longiano, Roncofreddo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone. Alle Direzioni di Distretto è affidato il compito di assicurare alla popolazione residente, secondo criteri di equità, accessibilità ed appropriatezza, la disponibilità dei servizi di tipo sanitario e sociale ad alta integrazione sanitaria, anche mediante l acquisizione di prestazioni e servizi da strutture private accreditate e di valutarne la qualità. Svolgono un ruolo cruciale nella rilevazione dei bisogni di salute della popolazione, nella pianificazione e valutazione dell offerta di servizi, nell integrazione tra le diverse istanze dei vari portatori di interesse (sanitari e sociali), nella realizzazione delle attività di promozione della salute, di prevenzione delle malattie e delle disabilità, nello sviluppo della cultura e delle pratiche dell integrazione tra attività territoriali ed ospedaliere e tra i servizi sanitari e quelli sociali. L articolazione organizzativa dell Azienda si espleta attraverso l attività dei Dipartimenti: territoriali ed ospedalieri. 1 di Cesena 5

6 2 I SERVIZI SANITARI Sede di c.so Cavour - Poliambulatori I DIPARTIMENTI TERRITORIALI I Dipartimenti Territoriali aggregano servizi omogenei per tipologia di utenza o per affinità di metodologie operative e assicurano livelli qualitativi uniformi delle prestazioni sull intera area territoriale. L articolazione territoriale dell Azienda USL di Cesena prevede 3 Dipartimenti: Dipartimento di Cure Primarie Dipartimento di Sanità Pubblica Dipartimento di Salute Mentale IL DIPARTIMENTO DI CURE PRIMARIE È unico per tutto il territorio dell Azienda. Assicura la produzione di prestazioni e servizi assistenziali, prestazioni sanitarie a rilevanza sociale nonché, se delegate dai Comuni, prestazioni sociali a rilevanza sanitaria, anche attraverso i Medici di Medicina Generale organizzati in Nuclei di Cure Primarie. Gestisce l assistenza territoriale (ambulatoriale specialistica, domiciliare e residenziale); le convenzioni con i Medici di Medicina Generale (Medici di famiglia) ed i Pediatri di libera scelta. Assicura soluzioni organizzative che garantiscano servizi rispondenti alle necessità assistenziali, promuovendo la presa in carico globale del caso clinico e degli aspetti socio-sanitari allo stesso correlati. Definisce forme di coordinamento per l integrazione tra le diverse fasi assistenziali ed i diversi professionisti. Garantisce la continuità dei processi di cura attraverso l integrazione con le altre strutture aziendali ed il coinvolgimento multiprofessionale e multidisciplinare. Effettua funzioni di vigilanza sulle Farmacie esterne, attraverso la Direzione Assistenza Farmaceutica. Sede di c.so Cavour - Sportello Unico L Assistenza Ambulatoriale Territoriale Viene erogata presso gli Ambulatori ed i Consultori nelle strutture aziendali elencate nella tabella sotto riportata. Per l accesso ai Consultori non occorre la richiesta del Medico di Medicina Generale, ma è comunque necessaria la prenotazione. Per l accesso agli Ambulatori è richiesta la prescrizione del Medico di Medicina Generale, oltre la prenotazione. Per informazioni più specifiche, si veda la Guida alla Specialistica Ambulatoriale consultabile presso i Punti Informativi aziendali, U.R.P. e CUP. La Guida alla Specialistica è stata, altresì, inviata a tutte le famiglie del comprensorio dell Azienda USL di Cesena. 6

7 (segue) località Cesena, corso Cavour, 180 Cesena, piazza Magnani, 146 Cesena, via Brunelli, 474/590 Cesenatico, via Abba, 102 Cesenatico largo S. Giacomo, 15 Savignano corso Perticari, 119 Gambettola via Soprarigossa, 490 Mercato Saraceno via Decio Raggi, 16 S. Piero in Bagno via Decio Raggi, 16 Sogliano, via Cavour, 23 tipologia struttura Ambulatori di: Cardiologia, Chirurgia, Dermatologia, Fisiatria, Neurologia, Oculistica, Odontostomatologia e Protesica, Ortopedia, Otorinolaringoiatria, Pneumologia, Recupero e Rieducazione Funzionale Ambulatori di: Ginecologia, Medicina Sportiva Consultori: Consultorio Familiare, Consultorio Giovani, Consultorio Pediatrico Ambulatori di: Ortodonzia e Odontoiatria Pediatrica Ambulatori di: Dermatologia, Oculistica, Odontostomatologia, Ortopedia, Otorinolaringoiatria, Pneumologia e Allergologia Ambulatori di: Neuropsichiatria Infantile, Logopedia Infantile, Fisioterapia Infantile, Psicologia dell Età Evolutiva Consultori: Consultorio Familiare, Consultorio Ostetrico-Ginecologico, Consultorio Pediatrico Ambulatori di: Anestesia per Terapia Antalgica, Audiometria, Cardiologia, Dermatologia, Diabetologia, Dietista, Fisiatria, Ginecologia Ostetricia, Medicina per Ecografie, Medicina Sportiva, Medicica Vascolare, Neurologia, Neuropsichiatria Infantile, Oculistica, Oncologia, Ortopedia, Otorinolaringoiatria, Pneumologia e Allergologia, Recupero e Rieducazione Funzionale, Urologia Consultori: Consultorio Familiare, Consultorio Giovani, Consultorio Pediatrico Consultori: Consultori Familiare, Consultorio Pediatrico, Neuropsichiatria infantile Ambulatori di: Dermatologia, Fisiatria, Ginecologia Ostetricia, Oculistica, Odontostomatologia e Protesica, Ortopedia, Otorinolaringoiatria, Pneumologia, Recupero e Rieducazione Funzionale. Consultori: Consultorio Familiare, Consultorio Ginecologico, Consultorio Pediatrico Ambulatori di: Dermatologia, Fisiatria, Ginecologia Ostetricia, Oculistica, Odontostomatologia, Ortopedia, Otorinolaringoiatria, Pneumologia, Recupero e Rieducazione Funzionale, Urologia. Consultori: Consultorio Familiare, Consultorio Pediatrico Ambulatorio di: Pediatria telefono Ambulatori Consultori (Familiare) (Pediatrico) Ambulatori (Neuropsichiatria Infant.) Consultori (Familiare) (Giovani) (Pediatrico) (Fam.-Neuropsichiatria infant.) (Pediatrico) Ambulatori Consultori (Familiare e Ginecologico) (Pediatrico) Ambulatori Consultori (Familiare) (Pediatrico)

8 2 I SERVIZI SANITARI Il Servizio Infermieristico Domiciliare (SID) e l Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.) Il Servizio Infermieristico Domiciliare (SID) fornisce assistenza infermieristica direttamente al domicilio dei pazienti non ambulanti o con patologie di non autosufficienza. L Assistenza Domiciliare Integrata riunisce tutte le tipologie di assistenza domiciliare in un unico modello organizzativo e suddivide i pazienti per livelli di bisogno assistenziale (ADI 1 bassa - ADI 2 media - ADI 3 alta) e non per patologia. Garantisce l attuazione di un progetto assistenziale coinvolgendo il paziente e la famiglia. Offre i seguenti servizi: assistenza del proprio medico con visite programmate; assistenza medica specialistica; assistenza infermieristica; assistenza sociale; assistenza riabilitativa; presidi e ausili. Le modalità di accesso al servizio sono dettagliatamente descritte al capitolo Alcuni percorsi dedicati. L Assistenza Residenziale L assistenza residenziale viene erogata dall Azienda USL presso le strutture private del territorio con posti letto autorizzati. Le strutture residenziali sono classificate come segue: Centri Diurni Assistenziali Sono strutture semi-residenziali in cui è garantita l assistenza di base con presenza di personale per tutto il tempo di apertura.vi è una presenza programmata del terapista della riabilitazione nel rapporto di 1 terapista a tempo pieno ogni 80 ospiti. L assistenza infermieristica è erogata in base alle necessità degli ospiti, secondo quanto previsto nei piani assistenziali. Case protette Sono strutture residenziali dove è garantita l assistenza tutelare di base, l assistenza riabilitativa (terapista della riabilitazione) ed infermieristica, secondo parametri prestabiliti, l assistenza farmaceutica tramite fornitura diretta da parte dell AUSL. La presenza di personale infermieristico non è continuativa. Nelle strutture è presente un coordinatore responsabile, un responsabile delle attività assistenziali per ogni nucleo di anziani, un fisiatra con accessi mensili o quindicinali, un geriatra con accessi quindicinali. L attività medica di diagnosi e cura è svolta dai Medici di Medicina Generale con una presenza di 6 ore settimanali ogni 30 anziani. Garantiscono, inoltre, le visite urgenti. La continuità assistenziale è assicurata dal Servizio di Guardia Medica. 8

9 (segue) Residenze sanitarie assistenziali (RSA) Sono strutture residenziali dove è garantita l assistenza infermieristica nelle 24 ore. L assistenza medica è assicurata dal medico specialista geriatra. Vi accedono anziani con progetti assistenziali a termine, nel medio periodo (più di 2 mesi) o nel breve periodo (meno di 2 mesi: ricoveri temporanei ) e che presentano un elevato bisogno sanitario ed assistenziale, anche se con iter diagnostico-terapeutico già impostato ed in condizioni cliniche relativamente stabilizzate. Le modalità di accesso a questi servizi sono dettagliatamente descritte al capitolo Alcuni percorsi dedicati. IL DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA Al Dipartimento di Sanità Pubblica competono sia funzioni tecniche specifiche al fine di garantire l assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro, sia funzioni di supporto alla Direzione Aziendale, agli Enti Locali e, in particolare, alla Conferenza Sanitaria Territoriale, ai fini della promozione della salute, di prevenzione delle malattie e di miglioramento della qualità della vita. Secondo le direttive del Piano Sanitario Regionale, è organizzato in quattro Strutture con le competenze sottoelencate. Igiene e Sanità Pubblica profilassi malattie infettive e diffusive dell uomo; tutela della popolazione nei confronti degli inquinanti degli ambienti interni ed esterni; tutela igienico-sanitaria degli alimenti; pareri su nuovi insediamenti produttivi e strumenti urbanistici; medicina legale. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro vigilanza e controllo sulla sicurezza, sull igiene e sulla prevenzione sanitaria nei luoghi di lavoro; informazione, assistenza, formazione ed educazione alla salute in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro; verifica della sicurezza antinfortunistica di impianti, macchine e apparecchiature nei luoghi di vita e di lavoro; Sanità Veterinaria profilassi malattie infettive e diffusive degli animali; benessere degli animali; sanità degli alimenti di origine animale; 9

10 2 I SERVIZI SANITARI Epidemiologia e Comunicazione osservazione epidemiologica e valutazione dei bisogni sanitari nella realtà locale; elaborazione di strategie, piani per la salute, progetti di promozione alla salute finalizzati a rispondere ai bisogni sanitari; coordinamento di attività di educazione alla salute e comunicazione del rischio; valutazione dell efficacia e dell impatto degli interventi sanitari e di prevenzione. IL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Comprende i Servizi della psichiatria, della neuropsichiatria e riabilitazione dell età evolutiva, della psicologia clinica dell età evolutiva, della clinica delle tossicodipendenze e delle discipline affini che concorrono alla salute mentale. È la struttura aziendale di organizzazione, gestione e produzione delle prestazioni finalizzate alla promozione della salute mentale, alla prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione del disagio psichico, del disturbo mentale e delle disabilità psicofisiche delle persone per l intero arco della vita. Al Dipartimento afferiscono: Centro di Salute Mentale Cesena-Valle Savio, via Brunelli, Cesena Centro di Salute Mentale Rubicone, via Giovanni XXIII, 40 - Gatteo Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura -, viale Ghirotti, Cesena Unità Operativa Neuropsichiatria Infantile Età Evolutiva, piazza Anna Magnani, Cesena Unità Operativa Ser.T, via Brunelli, Cesena Il Dipartimento garantisce l unitarietà e l integrazione degli interventi, la continuità terapeutica nel campo della salute mentale, contribuisce alla costruzione ed all attuazione dei Piani per la Salute. I campi di azione del Dipartimento, in tutte le fasce di età, sono: prevenzione primaria, secondaria; intervento precoce; cura e riabilitazione dei disturbi psichici, garantendo la continuità terapeutica e l integrazione delle prestazioni dei servizi sanitari; tutela dei diritti di cittadinanza della persona in carico ai servizi dipartimentali, in collegamento con i Servizi Sociali, le Autonomie locali ed il Volontariato. IL SERVIZIO SOCIALE Si occupa di attività socio sanitarie e di attività socio assistenziali, nelle aree della famiglia, dei minori, dei disabili e degli anziani. È organizzato nelle seguenti strutture: Infanzia Età Evolutiva e Famiglia; Disabili Adulti; Servizio Assistenza Anziani. 10

11 (segue) Infanzia Età Evolutiva e Famiglia Svolge funzioni di tutela e di protezione dei minori e delle famiglie per la prevenzione, trattamento e superamento delle situazioni a rischio di emarginazione e delle condizioni di disagio, di disadattamento e di devianza. Si rivolge a famiglie che trovano difficoltà nella cura e nell educazione dei figli, a madri sole, ad adolescenti con problematiche di disadattamento e devianza, a genitori di minori disabili, a minori che necessitano di protezione e tutela, a coniugi che vogliono adottare un bambino o accogliere un bambino in affido. Disabili Adulti Possono accedere al servizio le persone che presentano una minorazione fisica, psichica e sensoriale, stabilizzata o progressiva, causa di difficoltà di apprendimento e di relazione o di integrazione lavorativa, tale da determinare un processo di svantaggio o di emarginazione (art. 3 - comma 1 - L. 104/92) e che possiedono i seguenti requisiti: residenza nei Comuni del territorio di competenza della Azienda U.S.L.; età compresa tra i 18 e 64 anni; invalidità civile, accertata dall apposita Commissione dell AUSL, in situazione di handicap. La Struttura opera mediante interventi specifici quali la promozione dell inserimento nel mondo del lavoro, in Centri Socio Riabilitativi Diurni, in Centri di Formazione Lavoro e Centri di Terapia Occupazionale, in Gruppi Appartamento, in Centri socio riabilitativi residenziali. Offre il supporto per interventi di sostegno socio-educativo ed assistenziale domiciliare. La Struttura Organizzativa dispone di un Centro per l adattamento degli ambienti domestici (CAAD) che svolge funzioni di informazione (legislazione, finanziamenti, facilitazioni, ecc.) e consulenza a persone disabili od ai loro familiari. Il CAAD si avvale di un équipe multiprofessionale che si occupa di proporre alla persona disabile ed alla sua famiglia un progetto personalizzato. Il CAAD svolge, inoltre, un servizio specifico dedicato alle persone con disabilità sensoriale, che consiste nell assistenza di un interprete che accompagna il paziente durante gli accessi per prestazioni ambulatoriali ospedaliere. La richiesta di intervento dell interprete viene effettuata all'atto della prenotazione della prestazione ambulatoriale. Il servizio, attualmente, è rivolto prevalentemente ai residenti nel circondario di Cesena. La Struttura Disabili adulti, si avvale anche di un proprio ufficio preposto: Informa Handicap, la cui attività è descritta nella sezione dedicata alle Informazioni. Servizio Assistenza Anziani Si rivolge ad anziani, di età uguale o superiore ai 65 anni, non autosufficienti, in condizione di bisogno socio sanitario, che necessitano di prestazioni sanitarie e socio sanitarie fra loro integrate, rese nell ambito dei programmi assistenziali personalizzati predisposti dall unità di valutazione geriatrica. Il Servizio Assistenza Anziani regola l accesso alla rete dei servizi socio sanitari domiciliari, semi-residenziali e residenziali, quali: l assegno di cura; l assistenza domiciliare di base integrata; il Centro Diurno; l inserimento in Casa Protetta ed in Residenza Sanitaria Assistita. 11

12 2 I SERVIZI SANITARI GLI OSPEDALI DELL AZIENDA USL Gli Ospedali sotto elencati sono parte di un unico Presidio Ospedaliero denominato Bufalini - Marconi - Angioloni : Ospedale Maurizio Bufalini viale Ghirotti, Cesena (FC) Centralino: tel Ospedale Ginesio Marconi via C. Abba, Cesenatico (FC) Centralino: tel Ospedale Pietro Angioloni via Guglielmo Marconi, 36 - località San Piero in Bagno - Bagno di Romagna (FC). Centralino: tel Il Presidio Ospedaliero offre assistenza di pronto soccorso ed emergenza, in regime di ricovero ed ambulatoriale. I percorsi assistenziali sono finalizzati alla promozione, al mantenimento ed al ripristino delle condizioni di salute, con attenzione particolare agli aspetti di continuità di presa in carico del paziente, all integrazione con i servizi territoriali ed all organizzazione ospedaliera concepita secondo livelli di intensità assistenziale diversificati. In linea con il grado di specializzazione caratterizzante i servizi ospedalieri dedicati all'emergenza-urgenza, dal 2000 l è Trauma Center per l Area Romagna. Sede del Centro Grandi Ustionati, è inoltre centro di riferimento regionale per numerose malattie rare. Al fine di favorire una risposta il più possibile integrata al bisogno di salute del cittadino e per l ottimizzazione dell uso delle risorse, il Presidio è organizzato in 7 Dipartimenti comprensivi delle Strutture di seguito elencate: Dipartimento Chirurgico Anestesia Terapia Intensiva Post-Operatoria, Chirurgia Generale Toracica, Day Surgery, Dermatologia, Oculistica, Ortopedia, Ostetricia Ginecologia, Otorinolaringoiatria, Urologia Dipartimento Emergenza Anestesia e Rianimazione, Centro Grandi Ustionati, Chirurgia d Urgenza, Chirurgia Maxillo Facciale, Chirurgia Vascolare, Emergenza Urgenza 118, Medicina d Urgenza, Pronto Soccorso, Neurochirurgia per la Traumatologia - Ingresso principale 12

13 (segue) Dipartimento Immagini Fisica Sanitaria, Medicina Nucleare, Neuroradiologia, Radiologia, Radiologia Territoriale Dipartimento Medicina Internistica Ematologia, Geriatria, Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, Lungodegenza, Malattie Metaboliche e Diabetologia, Medicina Interna -, Medicina Interna - Ospedale Marconi, Medicina Interna - Ospedale Angioloni, Medicina Vascolare e Angiologia, Oncologia, Pneumologia ed Endoscopia Bronchiale, Polo Ospedaliero di Alcologia Clinica e Riabilitativa Dipartimento Medicina Specialistica Cardiologia U.T.I.C., Diagnosi e Cura Fibrosi Cistica, Malattie Infettive, Medicina Cardiovascolare e Riabilitazione Cardiologica, Nefrologia e Dialisi, Pediatria, Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale - Pediatria Dipartimento Neuroscienze Medicina Riabilitativa, Neurochirurgia, Neurologia Dipartimento Patologia Clinica Anatomia Patologica, Laboratorio Analisi, Medicina Trasfusionale La tabella che segue presenta le sedi di erogazione delle prestazioni rese in regime di ricovero ed ambulatoriale da parte delle Strutture Organizzative Ospedaliere. STRUTTURE ORGANIZZATIVE Polo Ospedaliero di Alcologia Clinica e Riabilitativa Anatomia Patologica Anestesia Terapia Intensiva Post-Operatoria Anestesia Rianimazione Cardiologia Utic Grandi Ustionati Chirurgia d Urgenza Chirurgia Generale Toracica Chirurgia Vascolare Chirurgia Maxillo-facciale Day Surgery SEDI ATTIVITÀ DI RICOVERO (Day-hospital / Ordinario / Lungodegenza) // // Ospedale Marconi SEDI ATTIVITÀ AMBULATORIALE Ospedale Angioloni - Ospedale di Comunità S. Colomba - Ospedale Marconi - Poliambulatori Corso Cavour Cesena - Ospedale di Comunità S. Colomba - Ospedale Marconi - Ospedale Angioloni - Ospedale di Comunità S. Colomba - Ospedale di Comunità Cappelli - Ospedale Marconi - Ospedale Angioloni - Ospedale di Comunità S. Colomba - Ospedale di Comunità Cappelli - Ospedale Marconi // 13

14 2 STRUTTURE ORGANIZZATIVE Dermatologia I SERVIZI SANITARI SEDI ATTIVITÀ DI RICOVERO (Day-hospital / Ordinario / Lungodegenza) SEDI ATTIVITÀ AMBULATORIALE - Ospedale Marconi - Ospedale di Comunità S. Colomba Diagnosi e cura fibrosi cistica Ematologia Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Geriatria Laboratorio Analisi* Lungodegenza Malattie Infettive Malattie Metaboliche e Diabetologia Medicina Vascolare e Angiologia Medicina Cardiovascolare Medicina d Urgenza Medicina Interna - Bufalini Medicina Interna - Marconi Medicina Interna - Angioloni Medicina Nucleare Medicina Riabilitativa Medicina Trasfusionale Nefrologia Dialisi Neurochirurgia Neurochirurgia per la traumatologia Neurologia Neuroradiologia Oculistica Oncologia Ospedale di Comunità Cappelli Ospedale Marconi Ospedale Marconi Ospedale Angioloni Ospedale Marconi // Ospedale di Comunità S. Colomba // - Ospedale Marconi - Ospedale Angioloni - Ospedale di Comunità S. Colomba - Ospedale di Comunità S. Colomba Ospedale Marconi - Ospedale di Comunità S. Colomba (Ambulatorio di Pneumologia) Ospedale Marconi - Ospedale di Comunità S. Colomba Ospedale Angioloni - Ospedale di Comunità Cappelli - Ospedale Marconi - Ospedale di Comunità Cappelli - Ospedale Marconi - Ospedale di Comunità S. Colomba - Ospedale di Comunità Cappelli - Ospedale di Comunità S. Colomba - Ospedale di Comunità S. Colomba 14

15 (segue) STRUTTURE ORGANIZZATIVE Ortopedia Ostetricia - Ginecologia Otorinolaringoiatria Pediatria Pneumologia ed Endoscopia Bronchiale Radiologia Radiologia Territoriale Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale Urologia SEDI ATTIVITÀ DI RICOVERO (Day-hospital / Ordinario / Lungodegenza) // // SEDI ATTIVITÀ AMBULATORIALE - Ospedale di Comunità S. Colomba - Palazzine via Brunelli Cesena - Ospedale Marconi Ospedale Angioloni - Ospedale di Comunità Cappelli, Ospedale di Comunità S. Colomba, Poliambulatori c.so Cavour, 180 Cesena - Ospedale Marconi - Ospedale di Comunità S. Colomba - Ospedale di Comunità Cappelli L ASSISTENZA NELL EMERGENZA IL PRONTO SOCCORSO ED I PUNTI DI PRIMO INTERVENTO Sul territorio aziendale sono presenti Un Pronto Soccorso presso: di Cesena Due Punti di Primo Intervento Ospedaliero presso: Ospedale Marconi di Cesenatico - Ospedale Angioloni di San Piero in Bagno - Bagno di Romagna Due Punti di Primo Intervento Territoriale presso: Ospedale di Comunità Cappelli di Mercato Saraceno - Ospedale di Comunità Santa Colomba di Savignano Il Pronto Soccorso è la Struttura per le emergenze-urgenze sanitarie, attiva 24 ore su 24, per tutti i giorni dell anno. L attività del Pronto Soccorso si svolge con modalità differenziate secondo le caratteristiche di gravità/urgenza delle patologie presentate dai pazienti. L accoglienza dei pazienti prevede, infatti, la valutazione della gravità di ognuno (Triage), con formulazione di un codice colore o numerico (rosso, giallo, verde, bianco o 3, 2, 1, 0). Questa attività, espletata da un infermiere, ha il fine di dare un ordine di accesso agli ambulatori, privilegiando coloro che hanno più urgente bisogno, rispetto a quelli che possono aspettare, senza pericolo di aggravamento. Pertanto, l ordine di accesso non è quello di arrivo. I codici colore o numerico sono i seguenti: CODICE ROSSO emergenza (3) Pericolo di vita in atto o alto rischio imminente. È interessata una funzione vitale. I pazienti vengono visitati immediatamente e, conseguentemente, le attese per gli altri codici possono prolungarsi. CODICE GIALLO urgenza indifferibile (2) Urgenza primaria. Accesso alle sale di Pronto Soccorso entro 20 minuti massimo. Presenza di interessamento di almeno una funzione vitale in modo non critico, oppure di un sintomo pericoloso. 15

16 2 I SERVIZI SANITARI CODICE VERDE urgenza differibile (1) Patologia senza caratteri di gravità: l attesa non comporta danni irreversibili. Accesso alle sale appena possibile. I pazienti vengono visitati dopo i codici rosso e giallo. CODICE BIANCO nessuna urgenza (0) Accesso alle sale dopo i codici colore precedentemente descritti. Lesione o malattia per le quali sono presenti percorsi alternativi: Medico di Medicina Generale (Medico di famiglia), Servizio di Continuità Assistenziale (Guardia Medica), Ambulatori Specialistici. Se all atto della dimissione dal Pronto Soccorso al paziente viene attribuito un codice bianco, la prestazione è soggetta al pagamento del ticket, salvo che l accesso non sia avvenuto su richiesta formale del Medico di Medicina Generale (Medico di famiglia) o del Medico del Servizio di Continuità Assistenziale (Guardia Medica). Un accesso improprio al Pronto Soccorso aumenta i tempi di attesa e riduce il tempo di assistenza che il personale sanitario può dedicare ai singoli pazienti. Per patologie lievi è opportuno rivolgersi al proprio Medico di Famiglia, alla Guardia Medica o agli Ambulatori di Primo Intervento. IL 118 È il numero di telefono da comporre in caso di emergenza, incidente, infortunio o quando si verifica un problema grave e urgente di salute. Deve essere chiamato solo se sono coinvolte persone. È attivo 24 ore su 24 e la chiamata è gratuita. Il numero può essere composto da qualsiasi telefono, anche senza monete o schede nel caso di telefono pubblico ed anche senza credito nel caso di telefono cellulare. Per facilitare l'intervento è importante esporre con precisione la richiesta. EMERGENZE SETTORE SALUTE MENTALE Per situazioni di emergenza di carattere psichiatrico è, inoltre, possibile rivolgersi ai numeri sotto riportati, nei giorni ed orari seguenti: Cesena tel Gatteo tel dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 20.00; sabato dalle ore 8.00 alle ore IL SERVIZIO MEDICO DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE (GUARDIA MEDICA) Il Servizio di Guardia Medica garantisce l'assistenza medica di base a domicilio per situazioni che rivestono carattere di urgenza e che si verificano durante le ore notturne (dalle ore alle ore 8.00), nei giorni festivi e pre-festivi (dalle ore 8.00 del giorno pre-festivo). Il Medico di Guardia Medica può prescrivere i farmaci indicati per le terapie di urgenza e nella quantità sufficiente a coprire un ciclo di terapia non superiore a due/tre giorni; può rilasciare certificati di malattia, limitatamente ai giorni coincidenti con i turni di attività della Guardia Medica e per un periodo massimo di tre giorni, rinviando al Medico di Famiglia ogni ulteriore decisione. Può proporre il ricovero ospedaliero urgente. Il Servizio è gratuito per gli assistiti del Servizio Sanitario Nazionale ed è attivabile chiamando il numero verde:

17 LE ALTRE STRUTTURE DI RICOVERO DELL AZIENDA (segue) L HOSPICE È situato presso l Ospedale di Comunità Santa Colomba, in corso Perticari, 119 a Savignano sul Rubicone (tel ). È una struttura residenziale creata per accogliere pazienti oncologici in fase avanzata di malattia o con una sintomatologia di tale gravità da non potere essere trattata a domicilio. L Hospice afferisce alla U.O. Organizzazione dei Servizi Sanitari di Base del Dipartimento Cure Primarie e si raccorda funzionalmente con il Programma Oncologia per la definizione del percorso assistenziale del paziente oncologico che necessita di terapia palliativa. Completa la rete delle strutture per le cure palliative che hanno l obiettivo di alleviare i sintomi della persona sofferente, mantenendone la dignità al livello più elevato possibile. Offre, al contempo, supporto alla famiglia che, con la sua presenza, continua a svolgere un ruolo di primaria importanza interagendo in modo attivo con l équipe sanitaria. L accesso dei pazienti alla Struttura è regolamentato secondo criteri che ne determinano caratteristiche e ordine di priorità per il ricovero. Ospedale di Comunità Santa Colomba di Savignano GLI OSPEDALI DI COMUNITÀ L Ospedale di Comunità è una struttura rivolta alla popolazione locale, dove vengono accolti pazienti con patologie che non necessitano di ricovero ospedaliero e che risultano difficilmente gestibili nell ambiente familiare. L Ospedale di Comunità accoglie il paziente in un contesto che 17

18 2 I SERVIZI SANITARI ne riproduce il più possibile l ambiente familiare, orientato a favorire il rapporto con i propri cari, con orari flessibili. Il paziente ospitato in Ospedale di Comunità è seguito, durante l iter clinico, dal proprio Medico di famiglia (Medico di Medicina Generale), mediante accessi programmati. Sul territorio dell Azienda USL sono presenti due Ospedali di Comunità: Ospedale di Comunità Santa Colomba corso Perticari, Savignano sul Rubicone (FC) tel Ospedale di Comunità L. Cappelli via Decio Raggi, Mercato Saraceno (FC) tel L Ospedale di Comunità afferisce alla responsabilità del Dipartimento Cure Primarie. La responsabilità clinica dei pazienti è in capo ai Medici di Medicina Generale che aderiscono al progetto Ospedale di Comunità, ciascuno per i propri assistiti in scelta. La durata della degenza non può essere superiore, di norma, ai 20 giorni. La permanenza all interno dell Ospedale di Comunità è a carico del Servizio Sanitario Nazionale, senza partecipazione alla spesa da parte dell assistito. La fornitura di farmaci e presidi avviene utilizzando il Prontuario Terapeutico Aziendale, su prescrizione del MMG. L ASSISTENZA FARMACEUTICA L assistenza farmaceutica ai cittadini viene assicurata dall AUSL: mediante le Farmacie convenzionate del territorio; a livello ospedaliero: presso i reparti di degenza, con la distribuzione diretta dei farmaci, al momento della dimissione, da parte del personale medico-infermieristico; presso la Farmacia dell, che effettua la distribuzione di farmaci particolari per i quali è prevista la prescrizione da parte di un Centro Autorizzato e/o la predisposizione di un apposito Piano Terapeutico; a livello territoriale: presso le Strutture Ambulatoriali, con la distribuzione diretta di alcuni farmaci. LE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE CONVENZIONATE DEL TERRITORIO Per integrare il servizio di erogazione delle prestazioni più richieste, l Azienda si avvale di convenzioni con Strutture Private Accreditate, di seguito elencate: Casa di Cura Malatesta Novello via Renato Serra, Cesena (FC).Tel Casa di Cura San Lorenzino via N. Dell Amore, Cesena (FC).Tel Poliambulatorio Columbus viale Marconi, Cesena (FC).Tel Terme di Sant Agnese via Fiorentina, 17 S. Piero in Bagno Bagno di Romagna (FC). Tel

19 L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI 3 LE PRESTAZIONI IN REGIME DI RICOVERO Il ricovero può essere disposto dal medico di Pronto Soccorso oppure avvenire su proposta del Medico di Medicina Generale, dello Specialista ospedaliero o di altro Medico di fiducia del cittadino. Le prestazioni in regime di ricovero possono essere erogate secondo le seguenti modalità: RICOVERO ORDINARIO, URGENTE O PROGRAMMATO Se il cittadino desidera, può decidere per la degenza che prevede la possibilità di scegliere il medico ospedaliero curante, pagando le spese sanitarie. DAY SURGERY E WEEK SURGERY (degenza breve) Molte procedure per interventi chirurgici programmati possono essere eseguite, in tutta sicurezza, mediante ricoveri che si esauriscono in giornata, con una sola notte di degenza (Day Surgery), oppure con ricoveri brevi da due a cinque giorni (Week Surgery). Questo tipo di assistenza è preceduto sempre dal pre-ricovero chirurgico per gli accertamenti pre-operatori. Queste modalità di ricovero, sempre più diffuse, vengono proposte a pazienti che rispondono a precisi requisiti e che hanno una situazione familiare ed abitativa adeguata. RICOVERO DAY-HOSPITAL Il day hospital è caratterizzato da ricoveri o cicli di ricovero, in forma programmata, ciascuno di durata inferiore ad una giornata. Consiste in prestazioni di carattere diagnostico, terapeutico e riabilitativo che non comportano la necessità del ricovero ordinario ma che, per la loro natura o complessità di esecuzione, richiedono che sia garantito un regime di assistenza medica ed infermieristica continua multidisciplinare, non ottenibile in ambito ambulatoriale. Il ricovero in day hospital è proposto direttamente dal medico di reparto. Per informazioni più dettagliate in merito, vedi Guida al Ricovero, disponibile presso i Punti Informativi Aziendali. - Sala operatoria LE PRESTAZIONI AMBULATORIALI Le prestazioni ambulatoriali possono essere erogate, oltre che con le modalità ordinarie, anche in day service. Il Day Service Ambulatoriale (DSA) affronta problemi clinici di tipo diagnostico e terapeutico che necessitano di prestazioni multiple integrate e/o complesse. I DOCUMENTI NECESSARI PER LA PRENOTAZIONE DI VISITE E PRESTAZIONI DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE Per accedere alla prenotazione di visite e/o prestazioni diagnostiche e terapeutiche, nell ambito del Servizio Sanitario Nazionale, sono necessari: richiesta su apposito ricettario del Servizio Sanitario Regionale o modulo aziendale sostitutivo; codice fiscale magnetico o tessera sanitaria magnetica. 19

20 3 L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI L eventuale diritto all esenzione dal pagamento del ticket deve essere attestato dal Medico che compila la richiesta. Per alcune visite nelle discipline sotto elencate - denominate di libero accesso - non è necessaria la richiesta del Medico di Medicina Generale, ma è comunque indispensabile la prenotazione: Ginecologia; Pediatria; Odontoiatria; Oculistica, limitatamente alle prestazioni optometriche; Diabetologia; Psichiatria. Per alcune prestazioni diagnostiche è indispensabile presentare la richiesta del medico Specialista. Per dettagliate informazioni al riguardo, è necessario contattare i Punti Informativi o gli sportelli di prenotazione specifici. LA PRENOTAZIONE DI VISITE E DI PRESTAZIONI DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE La prenotazione di visite specialistiche, di esami diagnostici, di prestazioni diagnostiche e terapeutiche viene effettuata con modalità differenti e presso sportelli dedicati, di seguito illustrati, secondo la prestazione richiesta. Le prestazioni possono essere erogate ambulatorialmente o in regime di day-service. Per l'individuazione delle modalità di accesso alle prestazioni, è utile rivolgersi preventivamente ai Punti Informativi Aziendali, elencati al capitolo L accesso alle informazioni. - Sportelli CUP Il Centro Unificato Prenotazioni (C.U.P.) ed il CUPTel Presso gli sportelli CUP e, telefonicamente, presso il CUPTel è possibile effettuare le prenotazioni per visite specialistiche e per alcuni esami diagnostici. E possibile effettuare la prenotazione presso uno qualsiasi degli sportelli sotto elencati anche per prestazioni erogate in sede diversa da quella dello sportello al quale il cittadino si rivolge. Per informazioni più specifiche riguardanti le prestazioni erogate, si rinvia alla Guida alla specialistica ambulatoriale consultabile anche presso U.R.P. e Punti Informativi Aziendali. 20

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana -Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana Direttore Amministrativo Paolo Gennaro Torrico 59507 direttore.amministrativo O.I.V. Organismo Indipendente di Valutazione Direttore Generale

Dettagli

PAT PAT. Distretto di Castelnovo ne Monti. Il Programma delle Attività. Territoriali (PAT) Territoriali (PAT)

PAT PAT. Distretto di Castelnovo ne Monti. Il Programma delle Attività. Territoriali (PAT) Territoriali (PAT) PAT Il Programma delle Attività Territoriali (PAT) Distretto di Castelnovo ne Monti 2006 Il Buon Samaritano a ricordo dell On. Prof. Pasquale Marconi, fondatore dell Ospedale S. Anna. Autore Suor Gemma

Dettagli

Allegato B - dotazione organica.xls. criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa)

Allegato B - dotazione organica.xls. criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa) rideterminazione della dotazione organica ALLEGATO 1 ALLEGATO 2 ALLEGATO 3 struttura organizzativa criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa) riepilogo per macrostruttura ALLEGATO

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli