AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANIA"

Transcript

1 AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANIA CARTA DEI SERVIZI DELLE CURE DOMICILIARI E DELLE CURE PALLIATIVE DOMICILIARI U.O.C. Anziani e Cure Domiciliari Comitato Consultivo ASP di Catania - CittadinanzAttiva - TDM di Catania

2 1 Tienimi per mano al tramonto, quando la luce del giorno si spegne e l'oscurità fa scivolare il suo drappo di stelle... Herman Hesse

3 PREFAZIONE Al fine di agevolare i pazienti nell accesso e nella fruizione dei nostri servizi, si è ritenuto utile realizzare la presente Carta dei Servizi delle Cure Domiciliari e delle Cure Palliative Domiciliari finalizzate all assistenza di coloro che sono affetti da patologie cronico-degenerative e/o terminali. Il domicilio è il luogo migliore per garantire un assistenza clinicamente adeguata, ma anche più attenta alle necessità familiari e psicologiche del paziente non autosufficiente, cronico e/o terminale e per ridurre i ricoveri ospedalieri inappropriati. Che significa ricovero ospedaliero inappropriato? Significa voler porre l'accento, così come prescritto dalla normativa vigente in materia, su un particolare tipo di umanizzazione dell'assistenza, quella che riguarda quei momenti critici in cui la condizione umana si declina nel registro doloroso della malattia, della disabilità o, nel peggiore dei casi, dell'epilogo della vita e in cui il ricovero ospedaliero o in altre strutture può diventare dannoso se non rispondente alle peculiari e reali esigenze dell'assistito. Con quanto detto ci si vuole riferire a quei casi di ricovero che risultano specificamente inadeguati a rispondere alle esigenze emotive ed affettive di questa tipologia di paziente cronico, spesso allettato, già gravemente problematizzato dalla sua patologia, non in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, o che si trova già in fase terminale. Per questa utenza in particolare, si ritiene che l'esperienza del ricovero ospedaliero, quale contesto diverso da quello esistenziale di provenienza, non può essere idonea a mantenere la qualità della vita e meno che mai a migliorarla, se non spesso a diventare ulteriore co-fattore di esiti ingravescenti che potrebbero essere altrimenti ritardati. Proprio in questi casi se l intervento sanitario non può guarire, può però prendersi cura della persona malata, per contenerne il disagio e migliorarne il più possibile la dimensione esistenziale, restituendola al suo habitat affettivo e 2

4 psicologico, in una parola al suo contesto di vita, quello delle consuetudini, dei ricordi, degli oggetti familiari che ne sanciscono identità e appartenenza, come tali certamente più in grado di rispondere ai suoi bisogni più veri e più profondi. Con le Cure Domiciliari, in ambito aziendale, quindi si è inteso tracciare un preciso modello organizzativo-assistenziale per assicurare l appropriatezza delle cure alle specifiche esigenze individuali, il rispetto della dignità e della autonomia del paziente e della famiglia, un adeguata risposta al bisogno di salute e l equità nell accesso all assistenza. L opuscolo è stato pensato per facilitare il dialogo fra il cittadino e l Azienda anche nel delicato compito di valutazione della qualità dei servizi erogati.. È opportuno, infatti, che il cittadino diventi attore consapevole e responsabile della gestione delle politiche e dei programmi di salute. L ASP di Catania, al riguardo, ha voluto condividere l iniziativa con alcuni Organismi rappresentativi della cittadinanza attiva quali il Comitato Consultivo dell ASP di Catania e Cittadinanzattiva-Tribunale Dei Diritti Del Malato, con i quali ha concordato di includere nel presente documento, la Carta dei Diritti degli Anziani e la Carta dei Diritti e Doveri degli Utenti del Servizio Sanitario. Per conoscere la Sua opinione anche come fruitore del servizio è stato predisposto il questionario di soddisfazione dell utente (customer satisfaction, allegato n. 3) che, in forma anonima, raccoglierà le Sue valutazioni quali suggerimenti utili per il miglioramento work in progress del servizio reso al cittadino. Le ricordiamo che il questionario può essere restituito in busta chiusa al personale di assistenza. Il Direttore della U.O.C. Anziani e Cure Domiciliari Dott.ssa Maria Di Franco 3

5 AMBITO TERRITORIALE DI COMPETENZA DELL ASP CATANIA Il Servizio di Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari è rivolto agli utenti residenti o domiciliati nei Comuni di seguito elencati ricadenti nelle competenze territoriali dei relativi Distretti Sanitari dell ASP. Distretto Sanitario di CATANIA Area Metropolitana Comprende i Comuni di Catania, Motta S. Anastasia e Misterbianco. UVM DI CATANIA AREA METROPOLITANA Responsabile: Dott.ssa B. E. Murabito Cure Domiciliari Via Santa Maria la Grande n. 3 - Catania Tel.: Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: martedì e giovedì ore 08,30-12,00 martedì ore 16,00-17,30. 4 UVP DI CATANIA AREA METROPOLITANA Responsabile: Dott. G. Squillaci Cure Palliative Domiciliari Via Monsignor Ventimiglia n. 166 II piano Tel.: / fax RICEVIMENTO AL PUBBLICO: martedì e giovedì ore 09,00-12,00

6 Distretto Sanitario di ACIREALE Comprende i Comuni di Aci Bonaccorsi, Aci Castello, Aci Catena, Aci Sant'Antonio, Acireale, Santa Venerina, Zafferana Etnea. UVM DI ACIREALE Responsabile: Dott. M. Marino Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari Via Martinez n Acireale Tel.: / Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: lunedì, martedì, mercoledì e venerdì ore 08,30-10,00 martedì ore 15,30-17,30. Distretto Sanitario di ADRANO Comprende i Comuni di Adrano, Biancavilla, Santa Maria di Licodia. UVM DI ADRANO Responsabile: Dott. G. Bulla Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari Piazza S. Agostino Adrano (ex Presidio Ospedaliero) Tel.: Fax.: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: martedì e giovedì ore 09,00-12,00 martedì ore 15,00-17,00. 5

7 Distretto Sanitario di BRONTE Comprende i Comuni di Bronte, Maletto, Maniace, Randazzo. UVM DI BRONTE Responsabile: Dott. F. Reali Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari V.le Catania n. 3 (ex INAM) - Bronte Tel.: / Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: da lunedì a venerdì ore 8,30-12,30 Distretto Sanitario di CALTAGIRONE Comprende i Comuni di Caltagirone, Grammichele, Licodia Eubea, Mazzarrone, Mineo, Mirabella Imbaccari, San Cono, San Michele di Ganzaria, Vizzini. UVM DI CALTAGIRONE Responsabile: Dott.ssa M. Rivoltato Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari P.zza Marconi n. 2 Tel.: Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: dal lunedì al venerdì ore 08,30-12,30 6

8 Distretto Sanitario di GIARRE Comprende i Comuni di Calatabiano, Castiglione di Sicilia, Fiumefreddo di Sicilia, Giarre, Linguaglossa, Mascali, Milo, Piedimonte Etneo, Riposto, Sant'Alfio. UVM DI GIARRE Responsabile: Dott. G. Di Mauro Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari Viale Don Minzoni n. 1 - Giarre Tel.: Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì ore 08,30 alle ore 10,30 martedì ore 15,30 alle 16,30 Distretto Sanitario di GRAVINA Comprende i Comuni di Camporotondo Etneo, Gravina di Catania, Mascalucia, Nicolosi, Pedara, San Giovanni La Punta, San Gregorio di Catania, San Pietro Clarenza, Sant'Agata Li Battiati, Trecastagni, Tremestieri Etneo, Valverde, Viagrande. UVM DI GRAVINA Responsabile: Dott.ssa S. Balsamo Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari V. Monti Arsi n. 1 Gravina di Catania Tel.: Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: lunedì e giovedì ore 09,00-12,00 7

9 Distretto Sanitario di PALAGONIA Comprende i Comuni di Castel di Iudica, Militello in Val di Catania, Palagonia, Raddusa, Ramacca, Scordia. UVM DI PALAGONIA Responsabile: Dott. G. Sciarra Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari Via Carducci, 2 - Ramacca Tel.: Fax RICEVIMENTO AL PUBBLICO: lunedì e giovedì ore 08,30-10,30 Distretto Sanitario di PATERNÒ Comprende i Comuni di Belpasso, Paternò, Ragalna. UVM DI PATERNÒ Responsabile: Dott. P. Riciputo Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari Via Massa Carrara n. 2 - Paternò Tel.: / Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: da lunedì a giovedì ore 08,30-10,30 lunedì ore 15,30 16,30 8

10 1. COSA SONO LE CURE DOMICILIARI? Le Cure Domiciliari riguardano attività mediche, infermieristiche, riabilitative e socio-assistenziali prestati da personale qualificato per curare e assistere le persone non autosufficienti e in condizioni di fragilità che presentano patologie o esiti delle stesse, per stabilizzarne il quadro clinico, limitarne il declino funzionale, migliorarne, quindi, la qualità della vita quotidiana. Il livello del bisogno clinico, funzionale e sociale viene valutato dall UVM, molte volte in collaborazione con il Servizio Sociale del Comune, attraverso idonei strumenti di valutazione multidimensionale, tali da consentire la definizione di programmi assistenziali personalizzati ed il conseguente impegno di risorse. 2. A CHI SONO RIVOLTE? 9 Le Cure Domiciliari sono rivolte ai residenti o domiciliati nella provincia di Catania, di qualunque età, in condizioni di non autosufficienza temporanea o permanente per lo più affetti da patologie cronico-degenerative, anche dimessi dalle strutture ospedaliere, con esiti derivanti da incidenti vascolari (ictus), gravi fratture e con patologie progressivamente invalidanti e, quindi, non in condizioni di poter accedere autonomamente ai servizi ambulatoriali. 3. QUALI SONO LE FINALITA DEL SERVIZIO? Evitare il ricorso improprio, ove clinicamente non necessario, al ricovero ospedaliero o presso altre strutture residenziali;

11 Garantire la continuità assistenziale per i dimessi dalle strutture sanitarie con necessità di prosecuzione delle cure al domicilio; Supportare la famiglia nel delicato compito di cura e di assistenza del congiunto; Recuperare le capacità residue di autonomia e di relazione; Prevenire/limitare il deterioramento della persona in condizione di fragilità; Migliorare quanto più possibile la qualità di vita. 4. COSA SONO LE CURE PALLIATIVE DOMICILIARI? Le cure palliative riguardano gli interventi terapeutico-assistenziali, rivolti alle persone con ridotta aspettativa di vita, quando i tentativi di cura non rispondono più ai trattamenti farmacologici specifici. La gravità della malattia, inoltre, richiede un costante monitoraggio del paziente e rivalutazioni periodiche dei piani assistenziali A CHI SONO RIVOLTE? Le Cure Palliative sono rivolte a persone con malattie cronico-degenerative o neoplastiche in fase terminale.

12 6. QUALI SONO LE FINALITÀ DEL SERVIZIO? Globalità dell intervento terapeutico che non si limita solo al controllo del dolore e dei sintomi fisici ma si estende al supporto psicologico, relazionale, sociale e spirituale (prestato da volontari); Pieno rispetto dell autonomia e dei valori della persona malata; Continuità delle cure fino all ultimo istante di vita; Molteplicità di figure professionali coinvolte nel piano di cura; Intensità dell assistenza globale che deve essere in grado di dare risposte specifiche, tempestive, efficaci, adeguate al mutare dei bisogni del malato; Qualità delle prestazioni erogate. 7. QUALI PRESTAZIONI VENGONO FORNITE AL DOMICILIO? 11 Assistenza medica di base e specialistica, (valutazioni clinico-terapeutiche); Assistenza infermieristica (medicazioni, prevenzione lesioni da pressione, supervisione ed educazione all uso di ausili o presidi e alla corretta assunzione dei farmaci, gestione sonde (SNG, PEG) e cateteri (vescicali, venosi, spinali), somministrazione farmaci per via enterale e parenterale, nutrizione artificiale, enterale e parenterale, aiuto nell igiene personale ecc); Assistenza riabilitativa, fisioterapica e logopedica (rieducazione motoria, respiratoria, logopedia, ecc.); Assistenza psicologica per utenti in Cure Palliative (colloquio psicologico del paziente e dei familiari, sostegno, elaborazione lutto);

13 Assistenza sociale (igiene personale, della casa, disbrigo pratiche ecc..) a carico dei Comuni. 8. FIGURE PROFESSIONALI IMPIEGATE. Medico di Medicina Generale (MMG), Pediatra di Libera Scelta /P.L.S); Medico Specialista (Geriatra, Internista, Chirurgo, Pneumologo, Nutrizionista, ); Medico Palliativista; Infermiere; Fisioterapista; Logopedista; Psicologo; 12 Assistente sociale; Operatori Socio-Assistenziali (OSA) secondo protocolli di intesa con i Comuni di residenza del paziente. 9. CRITERI DI ACCESSIBILITÀ ALLE CURE DOMICILIARI E ALLE CURE PALLIATIVE DOMICILIARI Non autosufficienza permanente e/o temporanea tale da impedire l accesso ai servizi ambulatoriali; Presenza di supporto formale o informale valido; Idonee condizioni ambientali;

14 Residenza o domicilio nell ambito dei Distretti Sanitari dell ASP di Catania; Malati terminali ( oncologici o non ) per le Cure Domiciliari Palliative; Scarsa aspettativa di vita per le Cure Palliative. Consenso informato da parte della persona e della famiglia; Presa in carico da parte del Medico di Medicina Generale/Pediatra di Libera Scelta. 10. CRITERI DI NON ACCESSIBILITA ALLE CURE DOMICILIARI E ALLE CURE PALLIATIVE DOMICILIARI Problematiche assistenziali e/o organizzative non sostenibili a livello domiciliare; Mancanza di adeguato supporto familiare e/o assistenziale; 13 Situazioni ambientali igienico-sanitarie non idonee. 11. L U.O.C. ANZIANI E CURE DOMICILIARI L Unità Operativa Complessa Anziani e Cure Domiciliari in ambito aziendale, coerentemente con le Linee Guida Regionali, ha creato un modello di Cure Domiciliari cosiddetto a rete la cui organizzazione mira a garantire la massima continuità assistenziale attraverso la presa in carico globale della persona non autosufficiente e il coordinamento di tutti gli interventi necessari durante le diverse fasi del percorso clinico-assistenziale. La suddetta U.O.C.:

15 Programma, elabora e predispone protocolli operativi e metodologici per le attività mediche, infermieristiche, riabilitative e sociali, tenendo conto degli indirizzi regionali e aziendali, allo scopo di garantire la qualità, l efficacia e l'efficienza del servizio erogato; Concorre all'elaborazione di programmi operativi/protocolli con i Servizi intraziendali (Distretti Sanitari, Presidi Ospedalieri Aziendali, ecc.), ed interaziendali (Aziende Ospedaliere, Distretti Socio-Sanitari, Comuni ricadenti nell ambito della provincia di Catania, ecc.); Sovrintende alla produzione dei dati attinenti al controllo di gestione e alla alimentazione del sistema dei flussi informativi; Promuove e verifica l'integrazione organizzativa e la pratica interdisciplinare mediante il governo tecnico-scientifico delle attività e delle funzioni svolte; Definisce i fabbisogni formativi e propone le attività di aggiornamento e formazione degli operatori delle UVM Distrettuali e della UVP di Catania Area Metropolitana; 14 Concorre al controllo e alla verifica della qualità. 12. L UNITÀ DI VALUTAZIONEMULTIDIMENSIONALE. L Unità di Valutazione Multidimensionale è un gruppo di professionisti interdisciplinare ed interprofessionale formato dal Medico Responsabile dell UVM, dal Fisioterapista, dall Infermiere, dall Assistente Sociale e dal Medico Specialista se la patologia presentata dall utente lo richiede. È presente in ogni Distretto Sanitario ed è preposta a: Effettuare la valutazione multidimensionale dei bisogni dell utente;

16 Definire il Piano Assistenziale Individualizzato (PAI) in condivisione con il Medico di Medicina Generale/Pediatra di Libera Scelta e con l utente/familiare; Monitorare periodicamente le variazioni dello stato di salute, in relazione ai risultati degli interventi effettuati anche in termini di qualità della vita. Individuare un responsabile del caso (case manager) che, in collaborazione con il MMG/PLS coordina gli interventi secondo quanto definito nel PAI. 13. L UNITÀ DI VALUTAZIONE CURE PALLIATIVE (UVP) AREA METROPOLITANA DI CATANIA L UVP Area Metropolitana di Catania è un gruppo di professionisti interdisciplinare ed interprofessionale che utilizza la metodologia della valutazione multidimensionale ( SVAMA) in condivisione con: 15 il Medico di Medicina Generale, il Medico Ospedaliero che dimette l utente, ogni qual volta viene ritenuto necessario affidare l assistito alle cure domiciliari, lo Specialista Oncologo per i pazienti oncologici, l Assistente Sociale dell Azienda/Comune. L UVP definisce il PAI, sottopone alla scelta della famiglia le Società Onlus accreditate e convenzionate con l Azienda Sanitaria, idonee per le cure domiciliari palliative.

17 14. COME SI ATTIVA IL SERVIZIO? Per accedere alle Cure Domiciliari è necessario rivolgersi al Medico Curante o al Pediatra di Libera Scelta che, in base ai bisogni dell utente rilevati, farà richiesta alla UVM Distrettuale per attivare la tipologia di assistenza più appropriata. Tutte le prestazioni sanitarie erogate nelle diverse tipologie di Cure Domiciliari sono gratuite per l utente. Le prestazioni socio-assistenziali erogate dai Servizi Sociali Comunali (secondo Protocolli d Intesa con l ASP) prevedono una eventuale compartecipazione che varia secondo il reddito dell utente. La richiesta o la segnalazione alla UVM Distrettuale può provenire anche dal Medico Ospedaliero (Dimissioni Protette), dal Servizio Sociale, dal Familiare e/o altro. In ogni caso sarà cura della UVM Distrettuale contattare il Medico di famiglia per verificare congiuntamente la possibilità di attivazione delle Cure Domiciliari. Il MMG/P.L.S., in quanto responsabile clinico del processo di cura, è il solo che può attivare le Cure Domiciliari. Egli formula la richiesta di attivazione sull apposito ricettario regionale, e compila la scheda sanitaria SVAMA secondo le indicazioni dalla normativa regionale, compila, ancora, il modulo di disponibilità a partecipare, al domicilio dell utente, alla prima valutazione multidimensionale QUALE MODULISTICA OCCORRE PRESENTARE? La modulistica per le Cure Domiciliari e per le Cure Palliative Domiciliari a cura dell utente e del familiare può essere scaricata dal sito dell ASP di Catania al seguente indirizzo di posta elettronica oppure ritirata presso le sedi delle UVM Distrettuali presenti in ogni Distretto

18 Sanitario dell ASP di Catania e della UVP di Catania, ricevimento indicati. Essa comprende: negli orari di. Prescrizione del medico curante del paziente su ricettario del S.S.R. con la seguente specifica: a) Nel caso di Assistenza Domiciliare Integrata: Si richiede Assistenza Domiciliare Integrata, (aggiungendo Diagnosi ed eventuale progetto terapeutico). b) Nel caso di Assistenza Domiciliare per Cure Palliative: Assistenza Domiciliare per cure palliative, aggiungendo la relativa documentazione sanitaria.. Scheda SVAMA Sanitaria a cura del medico curante del paziente;. Scheda clinica anamnestica riepilogativa del MMG/PLS solo se si tratta di richiesta di Cure Palliative Domiciliari;. Dichiarazione sostitutiva di certificazione; 17. Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità dell Assistito e di chi sottoscrive la richiesta;. Modello di disponibilità del medico curante del paziente. 16. DOVE PRESENTARE LA MODULISTICA? La richiesta unitamente alla modulistica sopra descritta va presentata presso la sede della UVM Distrettuale e/o della UVP Area Metropolitana di Catania. In atto le UVM Distrettuali espletano anche le funzioni del Punto Unico di Accesso (PUA) alle Cure Domiciliari e cioè: accoglienza, informazione,

19 assistenza ed orientamento della domanda di assistenza, accesso al sistema delle cure domiciliari e presa in cario dell utente. Quando il paziente si trova ricoverato in Ospedale le Cure Domiciliari vengono attivate dalla Direzione Sanitaria dell Ospedale che richiede alla UVM Distrettuale e/o alla UVP Area Metropolitana di Catania, la valutazione multidimensionale informando, contestualmente, il MMG/P.L.S. al fine di condividere il PAI dell utente nelle modalità più idonee al trattamento. 17. COME AVVIENE LA PRESA IN CARICO? La presa in carico della persona dell utente avviene dopo aver effettuato la valutazione multidimensionale e predisposto il PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE (abbreviato PAI), di solito entro 72 ore dalla data del primo contatto col paziente. Il PAI deve individuare bisogni, problemi e preferenze del paziente, nonché contenere obiettivi qualitativi e quantitativi, tempi di attuazione, frequenza degli interventi, indicatori di risultato e figure professionali coinvolte. 18 Il PAI deve essere predisposto, condiviso e sottoscritto dall équipe di cura di cui fa parte il Medico di Medicina Generale. Il paziente e/o il suo tutore legale/amministratore di sostegno sottoscriverà il PAI per l accettazione del programma assistenziale. Il PAI dovrà essere revisionato dall équipe curante con una frequenza determinata dai bisogni dell utente e sottoscritta dai soggetti coinvolti. Le attività del PAI devono essere riportate nel diario domiciliare delle prestazioni, datate e controfirmate dall operatore e dall assistito/tutore.

20 Se durante l attuazione del PAI emergono variazioni nelle condizioni della persona assistita (aggravamento, richieste di nuove prestazioni da parte del caregiver) deve essere effettuata una rivalutazione da parte dell UVM Distrettuale. La rivalutazione può esitare nel rinnovo del medesimo profilo o nell attribuzione di un profilo diverso e quindi di un nuovo PAI, previa chiusura di quello in corso. Tenuto presente che le richieste/segnalazioni sono esaminate seguendo l ordine cronologico, le prestazioni di tipo sanitario vengono erogate in base alla priorità clinica e socio assistenziale del bisogno espresso. Tempestività viene assicurata per i pazienti terminali e/o in fase critica. I tempi di effettuazione della valutazione multidimensionale da parte dell UVM sono di 5 giorni lavorativi dalla richiesta accolta, salvo i casi che necessitano di una tempestiva presa in carico (malati terminali) INTEGRAZIONE CON I SERVIZI SOCIALI Le UVM Distrettuali hanno già avviato con i Comuni ricadenti nell ambito distrettuale di riferimento forme di collaborazione per le Cure Domiciliari Integrate. Nelle situazioni di bisogno più complesso, valutate nell ambito dell UVM con il Servizio Sociale Comunale, si concordano congiuntamente gli interventi di sostegno più appropriati tenuto conto della disponibilità della famiglia e delle risorse disponibili. Per questi servizi è prevista dai Comuni la compartecipazione del cittadino secondo tariffe individuate in base alla fascia ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) di appartenenza.

21 Con il Servizio Sociale del Comune di Catania e del Distretto Socio-Sanitario n.16 è stato già siglato un protocollo d intesa per l integrazione per l erogazione delle prestazioni socio-assistenziali nell ambito del servizio ADI rivolto ad utenti di tutte le età parzialmente o totalmente non autosufficienti. Le prestazioni socio-assistenziali offerte dal Distretto Socio-Sanitario n. 16 prevedono una rosa di interventi personalizzati che rispondono alle esigenze temporanee di soggetti parzialmente o totalmente non autosufficienti, assicurando loro un buon livello qualitativo di vita presso il proprio domicilio anche per il miglioramento delle condizioni sanitarie. Le prestazioni assumono la caratteristica delle flessibilità in relazione al bisogno assistenziale, scaturente dal P.A.I. elaborato dal Servizio Sociale Professionale del D.S.S. n. 16 e si articolano in stretta connessione con quelle sanitarie. Le prestazioni previste sono: aiuto e cura della persona, aiuto nella gestione domestica, preparazione e somministrazione pasti, servizio di accompagnamento, disbrigo pratiche e commissioni, sostegno psico-sociale COLLABORAZIONE CON IL VOLONTARIATO È attiva la collaborazione con le Associazioni di Volontariato locali che prestano la loro attività al domicilio e/o in strutture sanitarie con pazienti non autosufficienti. La loro opera si integra nel processo di presa in carico.

22 20. SEGNALAZIONI E RECLAMI Nel caso in cui si verifichino disservizi prima, durante e dopo lo svolgimento delle prestazioni domiciliari, eventuali segnalazioni o reclami, vanno inoltrati all Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) dell ASP di Catania. Numero verde:

23 IL PERCORSO DELLA DOMANDA 22

24 IL PERCORSO DI EROGAZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Decreto Presidente della Regione Siciliana del Linee guida regionali per l accesso e il governo del sistema integrato delle cure domiciliari Associazioni di volontariato, cooperative sociali Medico curante dell assistito Familiari dell assistito, altri soggetti (vicinato, ecc) Medico ospedaliero Medico RSA PUA Punto Unico di Accesso Responsabile della struttura socioassistenziale (Casa di riposo Comunità protetta) Servizi sociali Bisogno semplice Sociale o Sanitario Bisogno complesso Socio-Sanitario 23 Unità Distrettuale competente Unità Distrettuale ADI Prestazioni socio assistenziali Prestazioni sanitarie UVM Unità di Valutazione Multidimensionale PAI CURE DOMICILIARI INTEGRATE (Trattamento, ri/valutazione, Dimissione

25 RIFERIMENTI NORMATIVI Decreto Presidenziale Piano Sanitario Regionale Piano della Salute GURS Parte 1 n. 32 del Decreto Assessore alla Sanità n.2459 del 12/11/2007 Nuova caratterizzazione dell assistenza territoriale domiciliare e degli interventi ospedalieri a domicilio GURS Parte 1 n.56 del 30/11/2007. Decreto Assessore alla Sanità n del 12/11/2007 Linee guida in materia di valutazione multidimensionale per l'ammissione alle prestazioni assistenziali di tipo residenziale, semiresidenziale e domiciliare per anziani ed altri tipi di pazienti non-autosufficienti GURS Parte 1 n.56 del 30/11/2007. Decreto Assessore alla Sanità n. 1543del 02/07/2008 Nuova caratterizzazione dell assistenza territoriale domiciliare e degli interventi ospedalieri a domicilio GURS parte I n.33 del 25/07/ Decreto Assessore della Salute Linee guida sulla riorganizzazione dell attività territoriale (PTA - cure primarie - gestione integrata day service territoriale) di cui all art. 12, comma 8, della legge regionale 14 aprile 2009, n. 5 GURS Parte 1 n. 16 del Decreto Presidenziale del Linee guida regionali per l accesso e il governo del sistema integrato delle cure domiciliari - GURS Parte I n.7 dell 11/02/2011. Decreto Assessoriale del 5 dicembre 2001 Linee Guida per la realizzazione del programma regionale di cure palliative

26 Decreto Assessoriale 08 maggio 2009 Nuova organizzazione delle cure palliative in Sicilia (GURS n.23 del 22/05/2009) Decreto Assessoriale 03 gennaio 2011 Approvazione del Programma di sviluppo della rete delle cure palliative nella Regione siciliana e del Programma di sviluppo della rete di terapia del dolore nella Regione siciliana (GURS n. 2 del 04/02/2011) Legge n. 38 del 15 marzo 2010 Disposizione per garantire l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (GURI n.65 del 19/03/2010). ALTRI RIFERIMENTI Documento Ministeriale anno 2006 LEA Cure Domiciliari. Carta dei Diritti degli Anziani, pubblicata nella news bimestrale del Comitato Consultivo dell ASP di Catania Bimestre Novembre/Dicembre Anno 2012 n "Carta dei Diritti e dei doveri degli Utenti del Servizio Sanitario Nazionale", presentata alla stampa dal Comitato Consultivo dell ASP di Catania il Opuscolo informativo sulle cure palliative diffuso dall ASP di Catania nell anno 2013

27 Allegato n.1 26

28 Allegato n.2 27

29 Allegato n. 3 QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEGLI UTENTI SEGUITI IN CURE DOMICILIARI CURE DOMICILIARI INTEGRATE E CURE PALLIATIVE DOMICILIARI AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE C A T A N I A Gent.ma Signora, Egregio Signore, Le chiediamo di fornire la sua opinione riguardante la qualità del servizio ricevuto. La informiamo che il questionario è anonimo e Lei non potrà essere identificato in alcun modo. Le siamo grati fin da ora per la collaborazione e la sincerità dei giudizi che vorrà esprimere perché, grazie alle sue indicazioni, sarà possibile migliorare aspetti ritenuti critici e rispondere meglio alle esigenze dei nostri assistiti. La ringraziamo per la cortese attenzione e le porgiamo i più cordiali saluti. IL DIRETTORE GENERALE 28 Il questionario può essere restituito in busta chiusa al personale di assistenza oppure trasmesso via posta al seguente indirizzo: U.O.C. Anziani/Cure Domiciliari, via Monsignor Ventimiglia n.166 Catania. Oppure: via fax al numero: 095/

30 A) COMPILAZIONE E RESTITUZIONE ATTENZIONE: PER OGNI DOMANDA METTA UNA X SU UN SOLO QUADRATINO DI RISPOSTA 1) Il questionario viene compilato 1.1 Dall Assistito 1.2 Da un Familiare/ Conoscente 1.3 Con l aiuto di un Familiare/Conoscente B) INFORMAZIONI GENERALI 1) Stato Civile Celibe/Nubile Coniugato/a 1.3 Separato/a 1.4 Divorziato/a 1.5 Vedovo/a 2) Sesso 2..1 Uomo.2.2 Donna 3) Età Da 0 a 17 anni Da 61 a 80 anni Da 18 a 40 anni 3.3 > 80 anni Da 41 a 60 anni 29 4) Scolarità Scuola elementare Scuola media 4..3 Media superiore/università 5) Vive da solo? 5.1 SI 5.2 NO 6) Se no, con chi vive? Coniuge/Convivente/Assistente Figlio/Figli C) ACCESSO 1) Le è sembrata semplice la procedura per accedere ed ottenere: ( Barrare la casella del servizio fruito) le Cure Domiciliari? L Assistenza Domiciliare Integrata? Le Cure Palliative? Per nulla semplice Poco semplice Abbastanza semplice Molto semplice Non saprei

31 2). E soddisfatto del tempo di attesa per ottenere: (Barrare la casella del servizio fruito) Le Cure Domiciliari? L Assistenza Domiciliare Integrata? Le Cure Palliative? Insoddisfatto Poco soddisfatto Soddisfatto Molto soddisfatto Non saprei D) AREA ASSISTENZA Dal punto di vista professionale (Competenza, attenzione, chiarezza delle informazioni/istruzioni ) l infermiere, il fisioterapista, il medico specialista il medico palliativista, l operatore socio-sanitario (OSA) il logopedista il dietista l assistente sociale lo psicologo hanno soddisfatto le sue esigenze? PER NULLA SODDISFATTO POCO SODDISFATTO SODDISFATTO MOLTO SODDISFATTO NON SAPREI E) ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO 1) E soddisfatto/a, in generale, dell organizzazione del servizio di (Frequenza, puntualità degli operatori) (Barrare la casella del servizio fruito) Cure Domiciliari? Cure Domiciliari Integrate? Cure Palliative? Per nulla soddisfatto Poco soddisfatto Soddisfatto 2) Gli operatori hanno rispettano gli orari concordati e stabiliti nel PAI? Molto soddisfatto Non saprei Per nulla Poco Abbastanza Molto Non saprei

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 1/F ORGANICO DI FATTO DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 1/F ORGANICO DI FATTO DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANNO SCOLASTICO 2013/14 PAG. 1 -------------------------! CODICE: CTMM001006 DENOMIN.: GIOVANNI XXIII - CATANIA INDIRIZZO: VIA TORQUATO TASSO 2!! COMUNE: CATANIA DISTR: 012 CAP 95123 TEL. 095 /475037!

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Advancing Integration for a Dignified Ageing Progetto AIDA Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

Linee Operative per l Accesso Unitario ai Servizi Socio - Sanitari Porta Unica di Accesso P.U.A.

Linee Operative per l Accesso Unitario ai Servizi Socio - Sanitari Porta Unica di Accesso P.U.A. A.G.C. 20-Settore 03 A.G.C. 18-Settore 01 Linee Operative per l Accesso Unitario ai Servizi Socio - Sanitari Porta Unica di Accesso P.U.A. 1 INDICE INTRODUZIONE REGIONE CAMPANIA INTRODUZIONE FORMEZ PA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 2 DOTAZIONE ORGANICA DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

M I N I S T E R O D E L L A P U B B L I C A I S T R U Z I O N E MOD. 2 DOTAZIONE ORGANICA DEL PERSONALE DOCENTE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANNO SCOLASTICO 2015/16 PAG. 1 -----------------------------------------------------! CODICE : CTMM001006 DENOMINAZIONE : GIOVANNI XXIII - CATANIA INDIRIZZO : VIA TORQUATO TASSO 2!! COMUNE : CATANIA DISTR:

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI SOMMARIO CRONOLOGIA VARIAZIONI... 3 PRESENTAZIONE DEL DOCUMENTO... 7 OBIETTIVI... 7 STRUTTURA DEL

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani \ Regione Siciliana Azienda Sanitaria Provinciale Trapani Documento di Organizzazione Direzione Amministrativa Direzione Generale Direzione Sanitaria Staff Direzionale TP 1 Distretto Ospedaliero TP 2 Distretto

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli