AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANIA"

Transcript

1 AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANIA CARTA DEI SERVIZI DELLE CURE DOMICILIARI E DELLE CURE PALLIATIVE DOMICILIARI U.O.C. Anziani e Cure Domiciliari Comitato Consultivo ASP di Catania - CittadinanzAttiva - TDM di Catania

2 1 Tienimi per mano al tramonto, quando la luce del giorno si spegne e l'oscurità fa scivolare il suo drappo di stelle... Herman Hesse

3 PREFAZIONE Al fine di agevolare i pazienti nell accesso e nella fruizione dei nostri servizi, si è ritenuto utile realizzare la presente Carta dei Servizi delle Cure Domiciliari e delle Cure Palliative Domiciliari finalizzate all assistenza di coloro che sono affetti da patologie cronico-degenerative e/o terminali. Il domicilio è il luogo migliore per garantire un assistenza clinicamente adeguata, ma anche più attenta alle necessità familiari e psicologiche del paziente non autosufficiente, cronico e/o terminale e per ridurre i ricoveri ospedalieri inappropriati. Che significa ricovero ospedaliero inappropriato? Significa voler porre l'accento, così come prescritto dalla normativa vigente in materia, su un particolare tipo di umanizzazione dell'assistenza, quella che riguarda quei momenti critici in cui la condizione umana si declina nel registro doloroso della malattia, della disabilità o, nel peggiore dei casi, dell'epilogo della vita e in cui il ricovero ospedaliero o in altre strutture può diventare dannoso se non rispondente alle peculiari e reali esigenze dell'assistito. Con quanto detto ci si vuole riferire a quei casi di ricovero che risultano specificamente inadeguati a rispondere alle esigenze emotive ed affettive di questa tipologia di paziente cronico, spesso allettato, già gravemente problematizzato dalla sua patologia, non in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, o che si trova già in fase terminale. Per questa utenza in particolare, si ritiene che l'esperienza del ricovero ospedaliero, quale contesto diverso da quello esistenziale di provenienza, non può essere idonea a mantenere la qualità della vita e meno che mai a migliorarla, se non spesso a diventare ulteriore co-fattore di esiti ingravescenti che potrebbero essere altrimenti ritardati. Proprio in questi casi se l intervento sanitario non può guarire, può però prendersi cura della persona malata, per contenerne il disagio e migliorarne il più possibile la dimensione esistenziale, restituendola al suo habitat affettivo e 2

4 psicologico, in una parola al suo contesto di vita, quello delle consuetudini, dei ricordi, degli oggetti familiari che ne sanciscono identità e appartenenza, come tali certamente più in grado di rispondere ai suoi bisogni più veri e più profondi. Con le Cure Domiciliari, in ambito aziendale, quindi si è inteso tracciare un preciso modello organizzativo-assistenziale per assicurare l appropriatezza delle cure alle specifiche esigenze individuali, il rispetto della dignità e della autonomia del paziente e della famiglia, un adeguata risposta al bisogno di salute e l equità nell accesso all assistenza. L opuscolo è stato pensato per facilitare il dialogo fra il cittadino e l Azienda anche nel delicato compito di valutazione della qualità dei servizi erogati.. È opportuno, infatti, che il cittadino diventi attore consapevole e responsabile della gestione delle politiche e dei programmi di salute. L ASP di Catania, al riguardo, ha voluto condividere l iniziativa con alcuni Organismi rappresentativi della cittadinanza attiva quali il Comitato Consultivo dell ASP di Catania e Cittadinanzattiva-Tribunale Dei Diritti Del Malato, con i quali ha concordato di includere nel presente documento, la Carta dei Diritti degli Anziani e la Carta dei Diritti e Doveri degli Utenti del Servizio Sanitario. Per conoscere la Sua opinione anche come fruitore del servizio è stato predisposto il questionario di soddisfazione dell utente (customer satisfaction, allegato n. 3) che, in forma anonima, raccoglierà le Sue valutazioni quali suggerimenti utili per il miglioramento work in progress del servizio reso al cittadino. Le ricordiamo che il questionario può essere restituito in busta chiusa al personale di assistenza. Il Direttore della U.O.C. Anziani e Cure Domiciliari Dott.ssa Maria Di Franco 3

5 AMBITO TERRITORIALE DI COMPETENZA DELL ASP CATANIA Il Servizio di Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari è rivolto agli utenti residenti o domiciliati nei Comuni di seguito elencati ricadenti nelle competenze territoriali dei relativi Distretti Sanitari dell ASP. Distretto Sanitario di CATANIA Area Metropolitana Comprende i Comuni di Catania, Motta S. Anastasia e Misterbianco. UVM DI CATANIA AREA METROPOLITANA Responsabile: Dott.ssa B. E. Murabito Cure Domiciliari Via Santa Maria la Grande n. 3 - Catania Tel.: Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: martedì e giovedì ore 08,30-12,00 martedì ore 16,00-17,30. 4 UVP DI CATANIA AREA METROPOLITANA Responsabile: Dott. G. Squillaci Cure Palliative Domiciliari Via Monsignor Ventimiglia n. 166 II piano Tel.: / fax RICEVIMENTO AL PUBBLICO: martedì e giovedì ore 09,00-12,00

6 Distretto Sanitario di ACIREALE Comprende i Comuni di Aci Bonaccorsi, Aci Castello, Aci Catena, Aci Sant'Antonio, Acireale, Santa Venerina, Zafferana Etnea. UVM DI ACIREALE Responsabile: Dott. M. Marino Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari Via Martinez n Acireale Tel.: / Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: lunedì, martedì, mercoledì e venerdì ore 08,30-10,00 martedì ore 15,30-17,30. Distretto Sanitario di ADRANO Comprende i Comuni di Adrano, Biancavilla, Santa Maria di Licodia. UVM DI ADRANO Responsabile: Dott. G. Bulla Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari Piazza S. Agostino Adrano (ex Presidio Ospedaliero) Tel.: Fax.: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: martedì e giovedì ore 09,00-12,00 martedì ore 15,00-17,00. 5

7 Distretto Sanitario di BRONTE Comprende i Comuni di Bronte, Maletto, Maniace, Randazzo. UVM DI BRONTE Responsabile: Dott. F. Reali Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari V.le Catania n. 3 (ex INAM) - Bronte Tel.: / Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: da lunedì a venerdì ore 8,30-12,30 Distretto Sanitario di CALTAGIRONE Comprende i Comuni di Caltagirone, Grammichele, Licodia Eubea, Mazzarrone, Mineo, Mirabella Imbaccari, San Cono, San Michele di Ganzaria, Vizzini. UVM DI CALTAGIRONE Responsabile: Dott.ssa M. Rivoltato Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari P.zza Marconi n. 2 Tel.: Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: dal lunedì al venerdì ore 08,30-12,30 6

8 Distretto Sanitario di GIARRE Comprende i Comuni di Calatabiano, Castiglione di Sicilia, Fiumefreddo di Sicilia, Giarre, Linguaglossa, Mascali, Milo, Piedimonte Etneo, Riposto, Sant'Alfio. UVM DI GIARRE Responsabile: Dott. G. Di Mauro Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari Viale Don Minzoni n. 1 - Giarre Tel.: Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì ore 08,30 alle ore 10,30 martedì ore 15,30 alle 16,30 Distretto Sanitario di GRAVINA Comprende i Comuni di Camporotondo Etneo, Gravina di Catania, Mascalucia, Nicolosi, Pedara, San Giovanni La Punta, San Gregorio di Catania, San Pietro Clarenza, Sant'Agata Li Battiati, Trecastagni, Tremestieri Etneo, Valverde, Viagrande. UVM DI GRAVINA Responsabile: Dott.ssa S. Balsamo Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari V. Monti Arsi n. 1 Gravina di Catania Tel.: Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: lunedì e giovedì ore 09,00-12,00 7

9 Distretto Sanitario di PALAGONIA Comprende i Comuni di Castel di Iudica, Militello in Val di Catania, Palagonia, Raddusa, Ramacca, Scordia. UVM DI PALAGONIA Responsabile: Dott. G. Sciarra Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari Via Carducci, 2 - Ramacca Tel.: Fax RICEVIMENTO AL PUBBLICO: lunedì e giovedì ore 08,30-10,30 Distretto Sanitario di PATERNÒ Comprende i Comuni di Belpasso, Paternò, Ragalna. UVM DI PATERNÒ Responsabile: Dott. P. Riciputo Cure Domiciliari e Cure Palliative Domiciliari Via Massa Carrara n. 2 - Paternò Tel.: / Fax: RICEVIMENTO AL PUBBLICO: da lunedì a giovedì ore 08,30-10,30 lunedì ore 15,30 16,30 8

10 1. COSA SONO LE CURE DOMICILIARI? Le Cure Domiciliari riguardano attività mediche, infermieristiche, riabilitative e socio-assistenziali prestati da personale qualificato per curare e assistere le persone non autosufficienti e in condizioni di fragilità che presentano patologie o esiti delle stesse, per stabilizzarne il quadro clinico, limitarne il declino funzionale, migliorarne, quindi, la qualità della vita quotidiana. Il livello del bisogno clinico, funzionale e sociale viene valutato dall UVM, molte volte in collaborazione con il Servizio Sociale del Comune, attraverso idonei strumenti di valutazione multidimensionale, tali da consentire la definizione di programmi assistenziali personalizzati ed il conseguente impegno di risorse. 2. A CHI SONO RIVOLTE? 9 Le Cure Domiciliari sono rivolte ai residenti o domiciliati nella provincia di Catania, di qualunque età, in condizioni di non autosufficienza temporanea o permanente per lo più affetti da patologie cronico-degenerative, anche dimessi dalle strutture ospedaliere, con esiti derivanti da incidenti vascolari (ictus), gravi fratture e con patologie progressivamente invalidanti e, quindi, non in condizioni di poter accedere autonomamente ai servizi ambulatoriali. 3. QUALI SONO LE FINALITA DEL SERVIZIO? Evitare il ricorso improprio, ove clinicamente non necessario, al ricovero ospedaliero o presso altre strutture residenziali;

11 Garantire la continuità assistenziale per i dimessi dalle strutture sanitarie con necessità di prosecuzione delle cure al domicilio; Supportare la famiglia nel delicato compito di cura e di assistenza del congiunto; Recuperare le capacità residue di autonomia e di relazione; Prevenire/limitare il deterioramento della persona in condizione di fragilità; Migliorare quanto più possibile la qualità di vita. 4. COSA SONO LE CURE PALLIATIVE DOMICILIARI? Le cure palliative riguardano gli interventi terapeutico-assistenziali, rivolti alle persone con ridotta aspettativa di vita, quando i tentativi di cura non rispondono più ai trattamenti farmacologici specifici. La gravità della malattia, inoltre, richiede un costante monitoraggio del paziente e rivalutazioni periodiche dei piani assistenziali A CHI SONO RIVOLTE? Le Cure Palliative sono rivolte a persone con malattie cronico-degenerative o neoplastiche in fase terminale.

12 6. QUALI SONO LE FINALITÀ DEL SERVIZIO? Globalità dell intervento terapeutico che non si limita solo al controllo del dolore e dei sintomi fisici ma si estende al supporto psicologico, relazionale, sociale e spirituale (prestato da volontari); Pieno rispetto dell autonomia e dei valori della persona malata; Continuità delle cure fino all ultimo istante di vita; Molteplicità di figure professionali coinvolte nel piano di cura; Intensità dell assistenza globale che deve essere in grado di dare risposte specifiche, tempestive, efficaci, adeguate al mutare dei bisogni del malato; Qualità delle prestazioni erogate. 7. QUALI PRESTAZIONI VENGONO FORNITE AL DOMICILIO? 11 Assistenza medica di base e specialistica, (valutazioni clinico-terapeutiche); Assistenza infermieristica (medicazioni, prevenzione lesioni da pressione, supervisione ed educazione all uso di ausili o presidi e alla corretta assunzione dei farmaci, gestione sonde (SNG, PEG) e cateteri (vescicali, venosi, spinali), somministrazione farmaci per via enterale e parenterale, nutrizione artificiale, enterale e parenterale, aiuto nell igiene personale ecc); Assistenza riabilitativa, fisioterapica e logopedica (rieducazione motoria, respiratoria, logopedia, ecc.); Assistenza psicologica per utenti in Cure Palliative (colloquio psicologico del paziente e dei familiari, sostegno, elaborazione lutto);

13 Assistenza sociale (igiene personale, della casa, disbrigo pratiche ecc..) a carico dei Comuni. 8. FIGURE PROFESSIONALI IMPIEGATE. Medico di Medicina Generale (MMG), Pediatra di Libera Scelta /P.L.S); Medico Specialista (Geriatra, Internista, Chirurgo, Pneumologo, Nutrizionista, ); Medico Palliativista; Infermiere; Fisioterapista; Logopedista; Psicologo; 12 Assistente sociale; Operatori Socio-Assistenziali (OSA) secondo protocolli di intesa con i Comuni di residenza del paziente. 9. CRITERI DI ACCESSIBILITÀ ALLE CURE DOMICILIARI E ALLE CURE PALLIATIVE DOMICILIARI Non autosufficienza permanente e/o temporanea tale da impedire l accesso ai servizi ambulatoriali; Presenza di supporto formale o informale valido; Idonee condizioni ambientali;

14 Residenza o domicilio nell ambito dei Distretti Sanitari dell ASP di Catania; Malati terminali ( oncologici o non ) per le Cure Domiciliari Palliative; Scarsa aspettativa di vita per le Cure Palliative. Consenso informato da parte della persona e della famiglia; Presa in carico da parte del Medico di Medicina Generale/Pediatra di Libera Scelta. 10. CRITERI DI NON ACCESSIBILITA ALLE CURE DOMICILIARI E ALLE CURE PALLIATIVE DOMICILIARI Problematiche assistenziali e/o organizzative non sostenibili a livello domiciliare; Mancanza di adeguato supporto familiare e/o assistenziale; 13 Situazioni ambientali igienico-sanitarie non idonee. 11. L U.O.C. ANZIANI E CURE DOMICILIARI L Unità Operativa Complessa Anziani e Cure Domiciliari in ambito aziendale, coerentemente con le Linee Guida Regionali, ha creato un modello di Cure Domiciliari cosiddetto a rete la cui organizzazione mira a garantire la massima continuità assistenziale attraverso la presa in carico globale della persona non autosufficiente e il coordinamento di tutti gli interventi necessari durante le diverse fasi del percorso clinico-assistenziale. La suddetta U.O.C.:

15 Programma, elabora e predispone protocolli operativi e metodologici per le attività mediche, infermieristiche, riabilitative e sociali, tenendo conto degli indirizzi regionali e aziendali, allo scopo di garantire la qualità, l efficacia e l'efficienza del servizio erogato; Concorre all'elaborazione di programmi operativi/protocolli con i Servizi intraziendali (Distretti Sanitari, Presidi Ospedalieri Aziendali, ecc.), ed interaziendali (Aziende Ospedaliere, Distretti Socio-Sanitari, Comuni ricadenti nell ambito della provincia di Catania, ecc.); Sovrintende alla produzione dei dati attinenti al controllo di gestione e alla alimentazione del sistema dei flussi informativi; Promuove e verifica l'integrazione organizzativa e la pratica interdisciplinare mediante il governo tecnico-scientifico delle attività e delle funzioni svolte; Definisce i fabbisogni formativi e propone le attività di aggiornamento e formazione degli operatori delle UVM Distrettuali e della UVP di Catania Area Metropolitana; 14 Concorre al controllo e alla verifica della qualità. 12. L UNITÀ DI VALUTAZIONEMULTIDIMENSIONALE. L Unità di Valutazione Multidimensionale è un gruppo di professionisti interdisciplinare ed interprofessionale formato dal Medico Responsabile dell UVM, dal Fisioterapista, dall Infermiere, dall Assistente Sociale e dal Medico Specialista se la patologia presentata dall utente lo richiede. È presente in ogni Distretto Sanitario ed è preposta a: Effettuare la valutazione multidimensionale dei bisogni dell utente;

16 Definire il Piano Assistenziale Individualizzato (PAI) in condivisione con il Medico di Medicina Generale/Pediatra di Libera Scelta e con l utente/familiare; Monitorare periodicamente le variazioni dello stato di salute, in relazione ai risultati degli interventi effettuati anche in termini di qualità della vita. Individuare un responsabile del caso (case manager) che, in collaborazione con il MMG/PLS coordina gli interventi secondo quanto definito nel PAI. 13. L UNITÀ DI VALUTAZIONE CURE PALLIATIVE (UVP) AREA METROPOLITANA DI CATANIA L UVP Area Metropolitana di Catania è un gruppo di professionisti interdisciplinare ed interprofessionale che utilizza la metodologia della valutazione multidimensionale ( SVAMA) in condivisione con: 15 il Medico di Medicina Generale, il Medico Ospedaliero che dimette l utente, ogni qual volta viene ritenuto necessario affidare l assistito alle cure domiciliari, lo Specialista Oncologo per i pazienti oncologici, l Assistente Sociale dell Azienda/Comune. L UVP definisce il PAI, sottopone alla scelta della famiglia le Società Onlus accreditate e convenzionate con l Azienda Sanitaria, idonee per le cure domiciliari palliative.

17 14. COME SI ATTIVA IL SERVIZIO? Per accedere alle Cure Domiciliari è necessario rivolgersi al Medico Curante o al Pediatra di Libera Scelta che, in base ai bisogni dell utente rilevati, farà richiesta alla UVM Distrettuale per attivare la tipologia di assistenza più appropriata. Tutte le prestazioni sanitarie erogate nelle diverse tipologie di Cure Domiciliari sono gratuite per l utente. Le prestazioni socio-assistenziali erogate dai Servizi Sociali Comunali (secondo Protocolli d Intesa con l ASP) prevedono una eventuale compartecipazione che varia secondo il reddito dell utente. La richiesta o la segnalazione alla UVM Distrettuale può provenire anche dal Medico Ospedaliero (Dimissioni Protette), dal Servizio Sociale, dal Familiare e/o altro. In ogni caso sarà cura della UVM Distrettuale contattare il Medico di famiglia per verificare congiuntamente la possibilità di attivazione delle Cure Domiciliari. Il MMG/P.L.S., in quanto responsabile clinico del processo di cura, è il solo che può attivare le Cure Domiciliari. Egli formula la richiesta di attivazione sull apposito ricettario regionale, e compila la scheda sanitaria SVAMA secondo le indicazioni dalla normativa regionale, compila, ancora, il modulo di disponibilità a partecipare, al domicilio dell utente, alla prima valutazione multidimensionale QUALE MODULISTICA OCCORRE PRESENTARE? La modulistica per le Cure Domiciliari e per le Cure Palliative Domiciliari a cura dell utente e del familiare può essere scaricata dal sito dell ASP di Catania al seguente indirizzo di posta elettronica oppure ritirata presso le sedi delle UVM Distrettuali presenti in ogni Distretto

18 Sanitario dell ASP di Catania e della UVP di Catania, ricevimento indicati. Essa comprende: negli orari di. Prescrizione del medico curante del paziente su ricettario del S.S.R. con la seguente specifica: a) Nel caso di Assistenza Domiciliare Integrata: Si richiede Assistenza Domiciliare Integrata, (aggiungendo Diagnosi ed eventuale progetto terapeutico). b) Nel caso di Assistenza Domiciliare per Cure Palliative: Assistenza Domiciliare per cure palliative, aggiungendo la relativa documentazione sanitaria.. Scheda SVAMA Sanitaria a cura del medico curante del paziente;. Scheda clinica anamnestica riepilogativa del MMG/PLS solo se si tratta di richiesta di Cure Palliative Domiciliari;. Dichiarazione sostitutiva di certificazione; 17. Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità dell Assistito e di chi sottoscrive la richiesta;. Modello di disponibilità del medico curante del paziente. 16. DOVE PRESENTARE LA MODULISTICA? La richiesta unitamente alla modulistica sopra descritta va presentata presso la sede della UVM Distrettuale e/o della UVP Area Metropolitana di Catania. In atto le UVM Distrettuali espletano anche le funzioni del Punto Unico di Accesso (PUA) alle Cure Domiciliari e cioè: accoglienza, informazione,

19 assistenza ed orientamento della domanda di assistenza, accesso al sistema delle cure domiciliari e presa in cario dell utente. Quando il paziente si trova ricoverato in Ospedale le Cure Domiciliari vengono attivate dalla Direzione Sanitaria dell Ospedale che richiede alla UVM Distrettuale e/o alla UVP Area Metropolitana di Catania, la valutazione multidimensionale informando, contestualmente, il MMG/P.L.S. al fine di condividere il PAI dell utente nelle modalità più idonee al trattamento. 17. COME AVVIENE LA PRESA IN CARICO? La presa in carico della persona dell utente avviene dopo aver effettuato la valutazione multidimensionale e predisposto il PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE (abbreviato PAI), di solito entro 72 ore dalla data del primo contatto col paziente. Il PAI deve individuare bisogni, problemi e preferenze del paziente, nonché contenere obiettivi qualitativi e quantitativi, tempi di attuazione, frequenza degli interventi, indicatori di risultato e figure professionali coinvolte. 18 Il PAI deve essere predisposto, condiviso e sottoscritto dall équipe di cura di cui fa parte il Medico di Medicina Generale. Il paziente e/o il suo tutore legale/amministratore di sostegno sottoscriverà il PAI per l accettazione del programma assistenziale. Il PAI dovrà essere revisionato dall équipe curante con una frequenza determinata dai bisogni dell utente e sottoscritta dai soggetti coinvolti. Le attività del PAI devono essere riportate nel diario domiciliare delle prestazioni, datate e controfirmate dall operatore e dall assistito/tutore.

20 Se durante l attuazione del PAI emergono variazioni nelle condizioni della persona assistita (aggravamento, richieste di nuove prestazioni da parte del caregiver) deve essere effettuata una rivalutazione da parte dell UVM Distrettuale. La rivalutazione può esitare nel rinnovo del medesimo profilo o nell attribuzione di un profilo diverso e quindi di un nuovo PAI, previa chiusura di quello in corso. Tenuto presente che le richieste/segnalazioni sono esaminate seguendo l ordine cronologico, le prestazioni di tipo sanitario vengono erogate in base alla priorità clinica e socio assistenziale del bisogno espresso. Tempestività viene assicurata per i pazienti terminali e/o in fase critica. I tempi di effettuazione della valutazione multidimensionale da parte dell UVM sono di 5 giorni lavorativi dalla richiesta accolta, salvo i casi che necessitano di una tempestiva presa in carico (malati terminali) INTEGRAZIONE CON I SERVIZI SOCIALI Le UVM Distrettuali hanno già avviato con i Comuni ricadenti nell ambito distrettuale di riferimento forme di collaborazione per le Cure Domiciliari Integrate. Nelle situazioni di bisogno più complesso, valutate nell ambito dell UVM con il Servizio Sociale Comunale, si concordano congiuntamente gli interventi di sostegno più appropriati tenuto conto della disponibilità della famiglia e delle risorse disponibili. Per questi servizi è prevista dai Comuni la compartecipazione del cittadino secondo tariffe individuate in base alla fascia ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) di appartenenza.

21 Con il Servizio Sociale del Comune di Catania e del Distretto Socio-Sanitario n.16 è stato già siglato un protocollo d intesa per l integrazione per l erogazione delle prestazioni socio-assistenziali nell ambito del servizio ADI rivolto ad utenti di tutte le età parzialmente o totalmente non autosufficienti. Le prestazioni socio-assistenziali offerte dal Distretto Socio-Sanitario n. 16 prevedono una rosa di interventi personalizzati che rispondono alle esigenze temporanee di soggetti parzialmente o totalmente non autosufficienti, assicurando loro un buon livello qualitativo di vita presso il proprio domicilio anche per il miglioramento delle condizioni sanitarie. Le prestazioni assumono la caratteristica delle flessibilità in relazione al bisogno assistenziale, scaturente dal P.A.I. elaborato dal Servizio Sociale Professionale del D.S.S. n. 16 e si articolano in stretta connessione con quelle sanitarie. Le prestazioni previste sono: aiuto e cura della persona, aiuto nella gestione domestica, preparazione e somministrazione pasti, servizio di accompagnamento, disbrigo pratiche e commissioni, sostegno psico-sociale COLLABORAZIONE CON IL VOLONTARIATO È attiva la collaborazione con le Associazioni di Volontariato locali che prestano la loro attività al domicilio e/o in strutture sanitarie con pazienti non autosufficienti. La loro opera si integra nel processo di presa in carico.

22 20. SEGNALAZIONI E RECLAMI Nel caso in cui si verifichino disservizi prima, durante e dopo lo svolgimento delle prestazioni domiciliari, eventuali segnalazioni o reclami, vanno inoltrati all Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) dell ASP di Catania. Numero verde:

23 IL PERCORSO DELLA DOMANDA 22

24 IL PERCORSO DI EROGAZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Decreto Presidente della Regione Siciliana del Linee guida regionali per l accesso e il governo del sistema integrato delle cure domiciliari Associazioni di volontariato, cooperative sociali Medico curante dell assistito Familiari dell assistito, altri soggetti (vicinato, ecc) Medico ospedaliero Medico RSA PUA Punto Unico di Accesso Responsabile della struttura socioassistenziale (Casa di riposo Comunità protetta) Servizi sociali Bisogno semplice Sociale o Sanitario Bisogno complesso Socio-Sanitario 23 Unità Distrettuale competente Unità Distrettuale ADI Prestazioni socio assistenziali Prestazioni sanitarie UVM Unità di Valutazione Multidimensionale PAI CURE DOMICILIARI INTEGRATE (Trattamento, ri/valutazione, Dimissione

25 RIFERIMENTI NORMATIVI Decreto Presidenziale Piano Sanitario Regionale Piano della Salute GURS Parte 1 n. 32 del Decreto Assessore alla Sanità n.2459 del 12/11/2007 Nuova caratterizzazione dell assistenza territoriale domiciliare e degli interventi ospedalieri a domicilio GURS Parte 1 n.56 del 30/11/2007. Decreto Assessore alla Sanità n del 12/11/2007 Linee guida in materia di valutazione multidimensionale per l'ammissione alle prestazioni assistenziali di tipo residenziale, semiresidenziale e domiciliare per anziani ed altri tipi di pazienti non-autosufficienti GURS Parte 1 n.56 del 30/11/2007. Decreto Assessore alla Sanità n. 1543del 02/07/2008 Nuova caratterizzazione dell assistenza territoriale domiciliare e degli interventi ospedalieri a domicilio GURS parte I n.33 del 25/07/ Decreto Assessore della Salute Linee guida sulla riorganizzazione dell attività territoriale (PTA - cure primarie - gestione integrata day service territoriale) di cui all art. 12, comma 8, della legge regionale 14 aprile 2009, n. 5 GURS Parte 1 n. 16 del Decreto Presidenziale del Linee guida regionali per l accesso e il governo del sistema integrato delle cure domiciliari - GURS Parte I n.7 dell 11/02/2011. Decreto Assessoriale del 5 dicembre 2001 Linee Guida per la realizzazione del programma regionale di cure palliative

26 Decreto Assessoriale 08 maggio 2009 Nuova organizzazione delle cure palliative in Sicilia (GURS n.23 del 22/05/2009) Decreto Assessoriale 03 gennaio 2011 Approvazione del Programma di sviluppo della rete delle cure palliative nella Regione siciliana e del Programma di sviluppo della rete di terapia del dolore nella Regione siciliana (GURS n. 2 del 04/02/2011) Legge n. 38 del 15 marzo 2010 Disposizione per garantire l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (GURI n.65 del 19/03/2010). ALTRI RIFERIMENTI Documento Ministeriale anno 2006 LEA Cure Domiciliari. Carta dei Diritti degli Anziani, pubblicata nella news bimestrale del Comitato Consultivo dell ASP di Catania Bimestre Novembre/Dicembre Anno 2012 n "Carta dei Diritti e dei doveri degli Utenti del Servizio Sanitario Nazionale", presentata alla stampa dal Comitato Consultivo dell ASP di Catania il Opuscolo informativo sulle cure palliative diffuso dall ASP di Catania nell anno 2013

27 Allegato n.1 26

28 Allegato n.2 27

29 Allegato n. 3 QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEGLI UTENTI SEGUITI IN CURE DOMICILIARI CURE DOMICILIARI INTEGRATE E CURE PALLIATIVE DOMICILIARI AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE C A T A N I A Gent.ma Signora, Egregio Signore, Le chiediamo di fornire la sua opinione riguardante la qualità del servizio ricevuto. La informiamo che il questionario è anonimo e Lei non potrà essere identificato in alcun modo. Le siamo grati fin da ora per la collaborazione e la sincerità dei giudizi che vorrà esprimere perché, grazie alle sue indicazioni, sarà possibile migliorare aspetti ritenuti critici e rispondere meglio alle esigenze dei nostri assistiti. La ringraziamo per la cortese attenzione e le porgiamo i più cordiali saluti. IL DIRETTORE GENERALE 28 Il questionario può essere restituito in busta chiusa al personale di assistenza oppure trasmesso via posta al seguente indirizzo: U.O.C. Anziani/Cure Domiciliari, via Monsignor Ventimiglia n.166 Catania. Oppure: via fax al numero: 095/

30 A) COMPILAZIONE E RESTITUZIONE ATTENZIONE: PER OGNI DOMANDA METTA UNA X SU UN SOLO QUADRATINO DI RISPOSTA 1) Il questionario viene compilato 1.1 Dall Assistito 1.2 Da un Familiare/ Conoscente 1.3 Con l aiuto di un Familiare/Conoscente B) INFORMAZIONI GENERALI 1) Stato Civile Celibe/Nubile Coniugato/a 1.3 Separato/a 1.4 Divorziato/a 1.5 Vedovo/a 2) Sesso 2..1 Uomo.2.2 Donna 3) Età Da 0 a 17 anni Da 61 a 80 anni Da 18 a 40 anni 3.3 > 80 anni Da 41 a 60 anni 29 4) Scolarità Scuola elementare Scuola media 4..3 Media superiore/università 5) Vive da solo? 5.1 SI 5.2 NO 6) Se no, con chi vive? Coniuge/Convivente/Assistente Figlio/Figli C) ACCESSO 1) Le è sembrata semplice la procedura per accedere ed ottenere: ( Barrare la casella del servizio fruito) le Cure Domiciliari? L Assistenza Domiciliare Integrata? Le Cure Palliative? Per nulla semplice Poco semplice Abbastanza semplice Molto semplice Non saprei

31 2). E soddisfatto del tempo di attesa per ottenere: (Barrare la casella del servizio fruito) Le Cure Domiciliari? L Assistenza Domiciliare Integrata? Le Cure Palliative? Insoddisfatto Poco soddisfatto Soddisfatto Molto soddisfatto Non saprei D) AREA ASSISTENZA Dal punto di vista professionale (Competenza, attenzione, chiarezza delle informazioni/istruzioni ) l infermiere, il fisioterapista, il medico specialista il medico palliativista, l operatore socio-sanitario (OSA) il logopedista il dietista l assistente sociale lo psicologo hanno soddisfatto le sue esigenze? PER NULLA SODDISFATTO POCO SODDISFATTO SODDISFATTO MOLTO SODDISFATTO NON SAPREI E) ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO 1) E soddisfatto/a, in generale, dell organizzazione del servizio di (Frequenza, puntualità degli operatori) (Barrare la casella del servizio fruito) Cure Domiciliari? Cure Domiciliari Integrate? Cure Palliative? Per nulla soddisfatto Poco soddisfatto Soddisfatto 2) Gli operatori hanno rispettano gli orari concordati e stabiliti nel PAI? Molto soddisfatto Non saprei Per nulla Poco Abbastanza Molto Non saprei

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Utente, La ringraziamo in anticipo qualora voglia scegliere o abbia scelto la nostra Cooperativa sociale per il servizio

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2012 Settore residenziale

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2012 Settore residenziale NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di Fausto Gueli (referente OMI) data di pubblicazione: 21 giugno 2013 periodo di

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Signora/Signore, Questa Guida vuole essere un pratico strumento per orientarla nel nostro Servizio di erogazione del Voucher Socio-Sanitario

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare Allegato A) P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione 1 Acronimi INDICE pag.3 1. Introduzione pag.4 2. Quadro Attuale pag.4 3. Definizione ed obiettivi delle cure domiciliari pag.4 3.1 Cure Domiciliari Prestazionali

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Dott.ssa Laura Calcara Dott.ssa Julie Lidia Citarrella U.O.C. Integrazione Socio-Sanitaria ASP PALERMO. Le dimissioni protette: esperienze sul campo

Dott.ssa Laura Calcara Dott.ssa Julie Lidia Citarrella U.O.C. Integrazione Socio-Sanitaria ASP PALERMO. Le dimissioni protette: esperienze sul campo Dott.ssa Laura Calcara Dott.ssa Julie Lidia Citarrella U.O.C. Integrazione Socio-Sanitaria ASP PALERMO Le dimissioni protette: esperienze sul campo Il territorio dell ASP Palermo Comprende la provincia

Dettagli

REGIONE CALABRIA ASP _

REGIONE CALABRIA ASP _ SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI REGIONE CALABRIA ASP _ _ _ Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte generale da compilare dal richiedente/familiare o persona

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna

Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna Allegato alla Delib.G.R. n. 33/32 del 8.8.2013 Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna Il presente documento ha lo scopo di definire le linee attuative della rete

Dettagli

Centrale Operativa di Milano

Centrale Operativa di Milano Carta dei Servizi Centrale Operativa di Milano Informazioni alla famiglia Informazioni alla famiglia MEDICASA ITALIA S.P.A. Medicasa Italia, nata nel 1992, è specializzata nella progettazione ed erogazione

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2013 Settore residenziale

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2013 Settore residenziale NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di Fausto Gueli (referente OMI) data di pubblicazione: 20 giugno 2014 periodo di

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.)

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE N. 26 DEL 06.10.2010 Art. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI La Legge

Dettagli

Le basi organizzative dell'assistenza domiciliare. Maria Borsari Responsabile Ufficio Infermieristico Distretti Modena e Castelfranco E.

Le basi organizzative dell'assistenza domiciliare. Maria Borsari Responsabile Ufficio Infermieristico Distretti Modena e Castelfranco E. Le basi organizzative dell'assistenza domiciliare Maria Borsari Responsabile Ufficio Infermieristico Distretti Modena e Castelfranco E. Definizione assistenza domiciliare OMS intende per assistenza domiciliare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Ufficio VII - Ambito territoriale di Catania

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Ufficio VII - Ambito territoriale di Catania Unità Operativa n.4 Area IV Ufficio V Ufficio RECLUTAMENTO I E II GRADO Catania, 03/09/2015 A seguito dell assegnazione di sede provvisoria conferita in data 31/08/2015 ai docenti di I grado neo immessi

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana Paganella e Cembra Centro Servizi Sanitari 38100 Trento - U.O. DI ASSISTENZA PRIMARIA CARTA DEL SERVIZIO CURE

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5. AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5.1. Analisi dei problemi e definizione degli obiettivi Problemi e fabbisogni dell Ambito Costa sud 2 nell area Disabilità : Bisogno di supporto per le famiglie

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PALOMA 2000 Cooperativa sociale di assistenza a.r.l. Viale Tunisia, 10 20124 Milano tel. 02/29536073-4 fax. 02/29536075 www.paloma200.it - e-mail: info@paloma2000.it DOCUMENTO 04 CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 22945 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 Legge 15 marzo 2010 n. 38 Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative ad alle terapie del dolore. Approvazione Linee Guida

Dettagli

CURE DOMICILIARI INDICE. Cure Palliative per pazienti oncologici. Assistenza Domiciliare Prestazionale. Assistenza Domiciliare Integrata di 1 ASL(ADI)

CURE DOMICILIARI INDICE. Cure Palliative per pazienti oncologici. Assistenza Domiciliare Prestazionale. Assistenza Domiciliare Integrata di 1 ASL(ADI) Cure Palliative per pazienti oncologici CURE DOMICILIARI Assistenza Domiciliare Prestazionale Assistenza Domiciliare Integrata di 1 ASL(ADI) GESTIONE DIRETTA IN ECONOM IA SPERIM ENTAZIONE GESTIONALE AFFIDAM

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 DISTRETTO SANITARIO H4 U.O.S. CAD H4 Tel/fax 06/93275260 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 CARTA DEI SERVIZI CENTRO ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA Supplemento ordinario n. 2 alla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana (p. I) n. 6 del 4 febbraio 2011 (n. 5) GAZZETTA REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA Anno 65 - Numero 6 UFFICIALE PARTE

Dettagli

SOMMARIO. L Azienda... 4. Come utilizzare i servizi sanitari... 8. Medicina di base e prenotazioni...10. Ricovero in ospedale...44

SOMMARIO. L Azienda... 4. Come utilizzare i servizi sanitari... 8. Medicina di base e prenotazioni...10. Ricovero in ospedale...44 REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANIA SOMMARIO Ufficio per le relazioni con il pubblico... 2 L Azienda... 4 Come utilizzare i servizi sanitari... 8 Medicina di base e prenotazioni...10

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA

SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte generale

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ;

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ; Il PROGETTO SCUDO VALDICHIANA è un iniziativa delle Sezioni CALCIT della Valdichiana, dei Medici di Medicina Generale facenti parte della Cooperativa Etruria Medica, della USL8 e dei Comuni di Cortona,

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI Carpi 21 MAGGIO 2011 Vilma Culpo S.A.D.I. Definizione O.M.S. L'assistenza domiciliare è la possibilità di fornire a domicilio del paziente quei

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA Comune di Castel Maggiore (Provincia di Bologna) CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA INDICE - I servizi di aiuto e sostegno alla persona nel sistema locale dei servizi sociali a rete - I

Dettagli

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI Sedi e numeri di telefono L Ente Erogatore ADI ASL di Brescia ha una sede principale presso il Distretto di Brescia in Viale Duca degli Abruzzi, 13. La Segreteria, sita al primo piano, opera con il seguente

Dettagli

Carta dei Servizi ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Voucher Socio Sanitario

Carta dei Servizi ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Voucher Socio Sanitario Carta dei Servizi ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Voucher Socio Sanitario Unità di Offerta accreditata da Regione Lombardia D.d.g. 27 settembre, n. 8403 INDICE PERCHÉ LA CARTA DEI SERVIZI 3 CHI SIAMO

Dettagli

Una guida pratica per garantire il diritto all informazione. La Carta dei Servizi

Una guida pratica per garantire il diritto all informazione. La Carta dei Servizi Guida pratica del cittadino PRESENTAZIONE Una guida pratica per garantire il diritto all informazione. La Carta dei Servizi promossa dall Azienda Sanitaria provinciale di Catania, grazie all impegno dell

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari Convegno «La 975 alla prova» Accessibilità, Presa in carico e Continuità delle Cure Ospedale G. Fracastoro, San Bonifacio (VR), 13 dicembre 2013 Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli

SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER LE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Esercizio finanziario 2009

SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER LE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Esercizio finanziario 2009 PIANO DISTRETTUALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO VT 4 Comune Capofila VETRALLA Esercizio Finanziario 2009 SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 2014

CARTA DEI SERVIZI 2014 CARTA DEI SERVIZI 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDICE: PREMESSA 2 METODOLOGIA DI LAVORO 2 ARTICOLAZIONE DELLE RESPONSABILITA 3 IL PERCORSO DI CURA 3 COME OTTENERE LE CURE DOMICILIARI 3 I PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi Tedaldi Laura Coordinatore Infermieristico Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Ferrara 22 Ottobre 2011 1 Grave Disabilità articolo 3 Legge 104/1992

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di MANDURIA

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di MANDURIA ASL TA/1 - AVETRANA - FRAGAGNANO - LIZZANO - MARUGGIO - SAVA - TORRICELLA - MANDURIA AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di MANDURIA IL RESPONSABILE dell UFFICIO di PIANO Visto l art. 22 comma 2 lett.g della Legge

Dettagli

ASL della Provincia di Bergamo Servizio Programmazione e Controllo cure domiciliari (SPCCD)

ASL della Provincia di Bergamo Servizio Programmazione e Controllo cure domiciliari (SPCCD) ASL della Provincia di Bergamo Servizio Programmazione e Controllo cure domiciliari (SPCCD) Linee guida per l erogazione delle cure palliative domiciliari Le Cure Palliative costituiscono una serie di

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D ALLEGATO D SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) A FAVORE DI PERSONE: ANZIANE, DISABILI, IN SITUAZIONE DI DISAGIO PSICHICO E/O SOCIALE (Il presente

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA 1. FINALITA E OBIETTIVI Il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata(ADI) si colloca nella rete dei servizi sociosanitari volti a garantire alle persone

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

FABBISOGNO PRESTAZIONI SERVIZIO DI CURE DOMICILIARI E METODOLOGIA UTILIZZATA

FABBISOGNO PRESTAZIONI SERVIZIO DI CURE DOMICILIARI E METODOLOGIA UTILIZZATA 1 FABBISOGNO PRESTAZIONI SERVIZIO DI CURE DOMICILIARI E METODOLOGIA UTILIZZATA Indice 1. Normativa regionale 2. Le Cure Domiciliari nell ASL NA 1 Centro 3. Modello organizzativo unico per le Cure Domiciliari

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Servizio Assistenza Domiciliare Integrata

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Servizio Assistenza Domiciliare Integrata CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Servizio Assistenza Domiciliare Integrata Casa di Riposo Monticello Via G. Sirtori 1 23876 Monticello B.za (LC) www.casadiriposomonticello.it

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04 Pag. 1 di 6 Revisione Data Redatto e Elaborato Approvato Firma U.F. DISTRETTO 1 13/10/2012 RAQ Dr.C. Martelli Dr. Fabio Michelotti Pag. 2 di 6 Scopo : Lo scopo del presente protocollo è garantire una omogenea

Dettagli