ISMEA Istituto di Servizi per il MErcato Agricolo Alimentare

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISMEA Istituto di Servizi per il MErcato Agricolo Alimentare"

Transcript

1 ISMEA Istituto di Servizi per il MErcato Agricolo Alimentare CAPITOLATO TECNICO SEZIONE TESORERIA ALLEGATO ALLA CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI RISCOSSIONE DELLE ENTRATE ED IL PAGAMENTO DELLE SPESE FACENTI CAPO ALL'ISMEA Pag. 1 di 14

2 Sommario 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 4 A. ESECUZIONE PAGAMENTI DISPOSTI DA ISMEA... 4 B. RESTITUZIONE AD ISMEA DELLE INFORMAZIONI RIGUARDANTI GLI ESITI DEI PAGAMENTI EMESSI... 4 C. RESTITUZIONE AD ISMEA DELLE INFORMAZIONI RIGUARDANTI GLI ESITI DEI PAGAMENTI ESEGUITI E/O NON ANDATI A BUON FINE... 4 D. RIEMISSIONE DEI PAGAMENTI NON ANDATI A BUON FINE... 4 E. PREDISPOSIZIONE DI UN APPOSITO SISTEMA INFORMATIVO PER LA CONSULTAZIONE, TRAMITE COLLEGAMENTO TELEMATICO, DELL ITER DEGLI ORDINI DI PAGAMENTO E DEI SINGOLI PAGAMENTI DISPOSTI DA ISMEA... 4 F. GESTIONE DELLE ENTRATE E DELLE ATTIVITÀ ISTITUZIONALI... 4 G. RENDICONTAZIONE DEI MOVIMENTI BANCARI SUI SINGOLI CONTI CORRENTI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEI DATI DEI PAGAMENTI DA ESEGUIRE MODALITÀ DI ESECUZIONE DEI PAGAMENTI - QUANTITATIVI DI RIFERIMENTO... 7 A. ACCREDITAMENTO SUI CONTI CORRENTI BANCARI E/O POSTALI DEI BENEFICIARI... 7 B. VERSAMENTO TRAMITE BOLLETTINI POSTALI... 7 C. TRAMITE INVIO DI ASSEGNI CIRCOLARI NON TRASFERIBILI ALL INDIRIZZO DEI BENEFICIARI SPECIFICATI... 7 D. CON EMISSIONE DI QUIETANZA A FAVORE DI ISMEA COMUNICAZIONE DA INVIARE AI BENEFICIARI DEI PAGAMENTI COMUNICAZIONE AD ISMEA DEGLI ESITI DEI PAGAMENTI EMESSI / ESEGUITI E/O INCASSI AVVENUTI RIEMISSIONE PAGAMENTI NON ANDATI A BUON FINE CONSULTAZIONE DELLE MOVIMENTAZIONI BANCARIE CONSULTAZIONE DEI DATI TRAMITE RICERCA GESTIONE DELLE ENTRATE E DELLE ATTIVITÀ ISTITUZIONALI GESTIONE DELLE ENTRATE (EMISSIONE FATTURE, INCASSI E RENDICONTAZIONE) GESTIONE DEI CONTI CORRENTI VINCOLATI RENDICONTAZIONE Pag. 2 di 14

3 Definizione sinonimi e acronimi: ISMEA Banca S.I. U.O. Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare Istituto di Credito, Raggruppamento di Istituti di Credito aggiudicatari della gara indetta da ISMEA Sistema Informativo Unità Organizzativa Documenti di riferimento Pag. 3 di 14

4 CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI PAGAMENTO E ATTIVITA ISTITUZIONALI 1. Oggetto del servizio L ISMEA affida al Cassiere il servizio di Tesoreria e, in particolare, la riscossione delle entrate ed il pagamento delle spese facenti capo all'istituto. Tali servizi devono essere svolti in conformità alle leggi vigenti, allo statuto ed ai regolamenti dell'ismea nonché ai patti di cui alla convenzione. Nell ambito di tale servizio il Cassiere svolgerà le seguenti attività : a. esecuzione pagamenti disposti da ISMEA b. restituzione ad ISMEA delle informazioni riguardanti gli esiti dei pagamenti emessi c. restituzione ad ISMEA delle informazioni riguardanti gli esiti dei pagamenti eseguiti e/o non andati a buon fine d. riemissione dei pagamenti non andati a buon fine e. predisposizione di un apposito sistema informativo per la consultazione, tramite collegamento telematico, dell iter degli Ordini di pagamento e dei singoli pagamenti disposti da ISMEA f. gestione delle entrate e delle attività Istituzionali g. rendicontazione dei movimenti bancari sui singoli conti correnti h. operazioni bancarie finalizzate all operatività delle attività istituzionali 2. Disposizioni di carattere generale Premesso che : a) si rimanda allo schema di convenzione, di cui il presente capitolato tecnico costituisce parte integrante e sostanziale, per la descrizione delle finalità istituzionali e delle entrate dell Ismea; b) le disponibilità dell'ismea, in base alla natura delle entrate, affluiscono su conti correnti, suddivisi per sezionali di bilancio e di attività; c) il Cassiere aggiudicatario della gara indetta dall ISMEA è tenuto al rispetto delle norme previste dal D. Lgs. 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali con particolare riferimento alle norme riguardanti la sicurezza e riservatezza dei dati ed il controllo degli accessi al sistema informativo dei pagamenti e degli incassi ordinati da ISMEA; d) l ISMEA ha in corso la progettazione e realizzazione di un nuovo sistema informatico, che prevede tra l altro, la gestione automatizzata dell attività amministrativa e contabile; e) l ISMEA è dotata di un proprio sistema informativo nell ambito del quale viene gestita l erogazione di mutui fondiari agli assegnatari richiedenti aventi diritto e la gestione corrente degli assegnatari (fatturazione, incassi); f) nell ambito del citato sistema informativo dell ISMEA, sono già operative apposite procedure informatiche che sovrintendono alla predisposizione di forniture di dati informatizzati destinati al Cassiere per l esecuzione dell emissione di rate verso gli assegnatari nonché all acquisizione degli esiti degli incassi nonché la comunicazione degli incassi non eseguiti e/o non andati a buon fine; g) i rapporti contrattuali, tra l ISMEA e il Cassiere aggiudicatario della gara indetta da ISMEA, riguardanti il servizio bancario e di tesoreria sono regolati da apposita convenzione della quale il presente capitolato tecnico è parte integrante e sostanziale. L aggiudicatario (Capofila in caso di RTI) si impegna a gestire gli Ordinativi Informatici a firma digitale nell ambito del quadro normativo vigente, nonché ad allineare costantemente l applicativo alle innovazioni tecnologiche e normative di legge. Lo stesso, deve impegnarsi a fornire gratuitamente alla stazione appaltante un servizio chiavi in mano, compatibile con sistemi dell Ente, comprendente l attività di analisi e uniformazione dei tracciati ( lato Ente dal sistema di contabilità dell Ente al sistema di applicazione e gestione delle firme digitali e lato Banca per il ricevimento e la gestione dei documenti firmati digitalmente), l hardware relativo ai lettori smart card ed il relativo software di firma Pag. 4 di 14

5 digitale, nonché corsi di formazione per il personale dell Ente, seguirà la fase di collaudo con test, prove ed eventuali paralleli. Il Cassiere aggiudicatario dovrà, inoltre, essere in grado di garantire servizi di pagamento coerenti con gli schemi SEPA (Single Euro Payment Area), a seguito dell entrata in vigore delle nuove normative in materia bancaria, previste nel 2008 e a pieno regime a partire dal Tutto ciò premesso, il presente capitolato tecnico descrive le modalità operative di interscambio di informazioni tra l ISMEA e il Cassiere, nonché gli adempimenti cui deve far fronte il Cassiere aggiudicatario della gara indetta dall ISMEA per i servizi bancari e di tesoreria nel suo complesso. Talune parti del presente capitolato potranno essere modificate in corso d opera a fronte di improrogabili esigenze dell ISMEA derivanti da modifiche introdotte da nuove normative nazionali. Ai fini della corretta gestione del rapporto contrattuale, l ISMEA comunica al Cassiere i nomi dei responsabili operativi dei vari procedimenti di interesse comune. A tale responsabile il Cassiere farà esclusivo riferimento nel corso dell espletamento del rapporto contrattuale. Il Cassiere (di seguito denominata pure Banca o Banca Tesoriera) si impegna ad attuare il servizio di cui al paragrafo 1 entro 60 giorni dalla data di stipula della Convenzione. In tale periodo è compreso il tempo occorrente per l effettuazione dei collaudi. Nel suddetto periodo i tecnici di ISMEA saranno a disposizione del Cassiere ai fini della corretta effettuazione delle attività propedeutiche inerenti l espletamento del servizio previsto nel presente capitolato nonché per concordare eventuali modifiche da apportare derivanti da sopravvenute esigenze dettate da normative comunitarie e/o nazionali. Prima dell entrata a regime del servizio, è prevista una fase di verifica e collaudo; l oggetto del collaudo sarà definito da ISMEA e comunicato al Cassiere almeno 10 giorni prima della data indicata per tale adempimento. Espletata tale fase, i responsabili nominati dall ISMEA ed i responsabili del Cassiere comunicano il nulla osta operativo all attivazione del servizio che, comunque, avrà inizio su comunicazione di ISMEA. Le verifiche ed il collaudo, che saranno espletati in contraddittorio tra le parti, riguarderanno il servizio di pagamento e le applicazioni informatiche descritte nel presente capitolato. I soggetti coinvolti nel servizio descritto nel presente capitolato sono i seguenti : ISMEA Agenzia Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare; Società controllate da ISMEA Banca (istituto di credito raggruppamento di Istituti di credito) Soggetti beneficiari dell intervento istituzionale di ISMEA e delle sue società controllate; Istituti di credito che effettuano transazioni sui titoli emessi dal Cassiere Pag. 5 di 14

6 3. Modalità di trasmissione dei dati dei pagamenti da eseguire ISMEA trasmetterà le proprie disposizioni di pagamento alla Banca prima tramite rete telematica e successivamente, quotidianamente e ad orario da concordare, i relativi supporti cartacei. Gli ordini di pagamento nella forma del mandato elettronico avvengono secondo le disposizioni normative in materia e pertanto devono essere conformi a quest ultima. Le informazioni contenute negli elenchi informatizzati trasmessi da ISMEA alla Banca, del presente paragrafo, saranno conformi ai tracciati standard CBI (Corporate Banking Interbancario). La Banca ritira presso l'ismea i seguenti prodotti: a. Lista degli Ordini di pagamento cartacei b. Copia della lista degli Ordini per la Tesoreria Centrale dello Stato c. Elenco degli Ordini di pagamento disposti da Ismea 1. L ISMEA provvederà inoltre a trasferire, in unica soluzione, dal suo S.I. al sistema informativo della Banca, tramite rete di telecomunicazione, i dati relativi a tutti conti correnti che la Banca deve accendere per dar corso agli accrediti ed agli addebiti. Lo stesso trasferimento dei dati riferiti a ciascun conto corrente sarà effettuato ogni qual volta si dovesse rendere necessario aprire nuovi conti correnti. 2. I conti correnti che l ISMEA richiederà di accendere presso la Banca devono corrispondere esattamente, nella numerazione e nella denominazione, ai conti presenti nei flussi informativi che ISMEA invierà alla Banca tramite rete di telecomunicazioni le cui caratteristiche sono descritte nel paragrafo Le disposizioni di pagamento trasmesse da ISMEA saranno eseguite, entro e non oltre, il giorno lavorativo successivo. Tutte le anomalie sulle suddette disposizioni dovranno essere comunicate immediatamente. 4. Il Cassiere dovrà effettuare con valuta compensata tutti i bonifici che saranno effettuati su altri istituti di credito. 5. L eventuale richiesta di sospendere il pagamento è contenuta nell apposito campo del tracciato record con il quale vengono trasmessi i dati alla Banca, ovvero può pervenire alla Banca tramite comunicazione cartacea, anche via FAX, prima che il pagamento sia eseguito. In quest ultimo caso la Banca provvede a sospendere il pagamento accreditando le relative somme e a dare comunicazione all ISMEA dell avvenuta sospensione. Le informazioni di cui sopra, devono essere utilizzate dalla Banca, oltre che per la quadratura dei conti tra gli importi riportati nel dettaglio di ciascun pagamento e gli Ordini di pagamento, anche nella stampa della comunicazione da inviare al destinatario di ogni pagamento ordinato da ISMEA.. Pag. 6 di 14

7 4. Modalità di esecuzione dei pagamenti - quantitativi di riferimento La Banca esegue i pagamenti ordinati dall ISMEA per i beneficiari specificati negli appositi elenchi, così come descritto al paragrafo 3. Tali elenchi vengono trasmessi dall ISMEA tramite rete telematica. I pagamenti devono essere eseguiti dalla Banca dopo che ha ricevuto l accredito dei fondi da parte della Tesoreria Centrale dello Stato (Banca d Italia) ove detti fondi vengono da questa gestiti. Sulla base di quanto sopra, le possibili modalità di pagamento sono le seguenti: a. accreditamento sui conti correnti bancari e/o postali dei beneficiari Tali pagamenti devono essere eseguiti dalla Banca entro il giorno lavorativo successivo alla data di emissione dell ordinativo, ovvero in cui i fondi vengono accreditati dalla Tesoreria Centrale dello Stato (Banca d'italia) sui conti correnti dell ISMEA accesi presso la Banca. La valuta sul conto corrente dei beneficiari deve essere dello stesso giorno dell atto di disposizione. Su richiesta dell ISMEA deve essere prevista valuta antergata a costo zero (senza che vengano applicate ulteriori commissioni bancarie). b. versamento tramite bollettini postali Tali pagamenti devono essere eseguiti dalla Banca entro la data indicata da Ismea. c. tramite invio di assegni circolari non trasferibili all indirizzo dei beneficiari specificati Tali pagamenti devono essere eseguiti dalla Banca entro due giorni lavorativi successivi dell ordinativo emesso, ovvero dalla data in cui i fondi vengono accreditati dalla Tesoreria Centrale dello Stato (Banca d'italia) sui conti correnti dell ISMEA accesi presso la Banca. La data della valuta sugli assegni circolari deve essere la stessa del giorno in cui gli assegni vengono spediti tramite raccomandata postale o altre modalità di spedizione che garantiscono le stesse misure di sicurezza e riservatezza. d. con emissione di quietanza a favore di ISMEA Tali pagamenti devono essere eseguiti dalla Banca entro la data indicata dall Ismea ovvero entro due giorni lavorativi successivi alla data in cui i fondi vengono accreditati dalla Tesoreria Centrale dello Stato (Banca d Italia) sui conti correnti dell ISMEA accesi presso la Banca. La copia originale delle quietanze deve essere trasmessa all ISMEA entro 5 giorni dall avvenuta esecuzione dei versamenti. Nel caso in cui i pagamenti eseguiti con le modalità sopra descritte, dovessero risultare non eseguibili, la Banca deve riaccreditare i fondi relativi con la stessa valuta e restituire all ISMEA le relative informazioni tramite flussi informativi telematici con valuta allo stesso tasso del conto e dello stesso giorno in cui il pagamento è ritornato alla Banca. Successivamente, a valle della necessaria istruttoria, l ISMEA trasmetterà alla Banca l elenco dei beneficiari per i quali dovrà essere riemesso il pagamento non andato a buon fine. Pag. 7 di 14

8 5. Comunicazione da inviare ai beneficiari dei pagamenti Entro lo stesso giorno di esecuzione del pagamento la Banca invia ai beneficiari una comunicazione riguardante oltre al pagamento anche eventuali importi recuperati per compensazione, stampata su foglio formato A4. Le informazioni da includere nella comunicazione sono reperibili dal tracciato dell elenco che descrive il dettaglio di ogni singolo pagamento, trasmesso dall ISMEA. Pag. 8 di 14

9 6. Comunicazione ad ISMEA degli esiti dei pagamenti emessi / eseguiti e/o incassi avvenuti Entro due giorni dall avvenuta esecuzione dei pagamenti, siano essi pagamenti originari o riemissioni, la Banca deve rendere disponibili sul suo sistema informativo e trasmettere all ISMEA, tramite rete telematica utilizzando i tracciati standard CBI (flusso informativo CMM Cash Management Multibanca ), i dati relativi alla emissione dei pagamenti ordinati da ISMEA con l indicazione dello stato di ogni singolo pagamento. I dati informatizzati relativi agli esiti di ciascun pagamento emesso e/o incasso avvenuto che la Banca trasmetterà all ISMEA nei tempi sopra stabiliti, oltre ad alcune delle informazioni originarie conterranno informazioni riguardanti la data della nota di accredito, la data della valuta riconosciuta al beneficiario, i numeri degli assegni circolari emessi e spediti, la data di spedizione degli assegni circolari e gli estremi della raccomandata postale o di altre modalità di spedizione che garantiscono le stesse misure di sicurezza e riservatezza. Tutte le informazioni riguardanti il flusso informativo degli esiti dei pagamenti emessi / eseguiti e/o incassi avvenuti dovranno essere compatibili ai tracciati standard CBI. In caso di riemissione di un precedente pagamento non andato a buon fine, devono essere fornite all ISMEA oltre alle informazioni del pagamento riemesso, anche le informazioni relative al pagamento originario (CRO/Num. assegno e date di riferimento). La Banca trasmette al sistema informativo dell ISMEA, utilizzando sempre lo stesso tracciato record, le informazioni disponibili di volta in volta relative all esito di ciascun pagamento eseguito indicando la causale in caso di pagamenti non andati a buon fine e/o restituiti secondo le predette modalità. Pag. 9 di 14

10 7. Riemissione pagamenti non andati a buon fine Nel caso in cui i pagamenti eseguiti non dovessero andare a buon fine, la Banca provvede ad eseguire le seguenti operazioni: Accredito della somma sui corrispondenti conti ISMEA accesi presso la Banca. Al riguardo si precisa che essendo possibile che ogni singolo pagamento faccia riferimento a somme prelevate in precedenza da più conti, è essenziale che al momento della restituzione l importo complessivo del pagamento sia riaccreditato in quota parte sui corrispondenti conti con valuta allo stesso tasso del conto e dello stesso giorno in cui il pagamento è ritornato alla Banca. Trasmissione giornaliera al S.I. dell ISMEA via rete telematica, dei relativi dati informatizzati utilizzando lo stesso tracciato. A fronte delle informazioni ricevute dalla Banca, l ISMEA provvede a riesaminare le pratiche inerenti i pagamenti non andati a buon fine e a ritrasmettere alla Banca i dati informatizzati dei pagamenti da riemettere. Pag. 10 di 14

11 8. Consultazione delle movimentazioni bancarie La Banca entro 15 giorni dalla data della sottoscrizione della Convenzione, si impegna a rendere operativo il collegamento telematico tra il suo sistema informativo e il sistema informativo dell ISMEA tramite due reti di telecomunicazione compatibili con il sistema informatico dell ISMEA: una dedicata e una di backup non dedicata da utilizzarsi in caso di necessità. La Banca si impegna altresì a rendere operativo un sistema informativo al fine di consentire all ISMEA di consultare la movimentazione di ogni singolo conto corrente Lo scambio dei dati tra la Banca e l Ismea dovrà avvenire mediante un servizio di telecomunicazione in grado di garantire le prestazioni sottese dai livelli di servizio nonchè l'appropriato livello di sicurezza in termini sia di riservatezza ed integrità delle trasmissioni dati sia di garanzia di continuità del servizio anche a fronte di malfunzionamenti della linea e degli apparati di telecomunicazione. Gli oneri per la acquisizione e la gestione del servizio di telecomunicazione, comprensivo dei necessari apparati di telecomunicazione, saranno a carico del fornitore. Sarà altresì compito del fornitore, per tutta la durata contrattuale, effettuare tutti gli adeguamenti tecnici e prestazionali del servizio che, nel tempo, si dovessero rendere necessari al fine di mantenerne inalterati i livelli di servizio prestabiliti anche a fronte di mutati scenari di servizio Il servizio di telecomunicazioni dovrà pertanto disporre delle seguenti caratteristiche minime: essere dedicato esclusivamente allo scambio dati tra il fornitore ed Ismea, disporre delle citate caratteristiche di sicurezza; avere un troughput non inferiore ai 10Mbps Il sistema informativo della Banca nel suo complesso deve garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati nonché il controllo degli accessi e delle operazioni sulla base di quanto stabilito dalle norme contenute nel D.lgs. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali e s.m.i e nel Regolamento Comunitario n. 885/2006 emanato dalla Commissione della U.E.. In tale ambito, ai fini della consultazione dei dati, devono essere realizzate e rese disponibili all ISMEA nei tempi sopra descritti, le funzioni di seguito descritte: 8.1. Consultazione dei dati tramite ricerca Le chiavi di ricerca di un beneficiario e/o soggetto pagatore devono essere le seguenti: Codice fiscale/partita IVA Cognome e nome o denominazione azienda (anche dati parziali) Banca/Filiale disponente Anno di esercizio Data emissione ordine di pagamento Numero lista per Banca e/o Tesoreria (Banca d Italia) Numero ordine per Banca e/o Tesoreria (Banca d Italia) Numero del documento amministrativo contabile ISMEA Numero assegno / CRO Numero domanda Range di importi (da a ) Per i risultati della ricerca dovranno essere messe a disposizione tutte le informazioni afferenti la movimentazione. Pag. 11 di 14

12 9. Gestione delle entrate e delle attività Istituzionali 9.1. Gestione delle entrate (emissione fatture, incassi e rendicontazione) Per la gestione delle entrate dell Istituto è necessaria la predisposizione, da parte del Cassiere, di una procedura di inoltro dei bollettini MAV verso i soggetti assegnatari in patto di riservato dominio e la successiva rendicontazione degli esiti dei pagamenti afferenti le singole fatture. ISMEA trasmetterà dal suo S.I. al sistema informativo del Cassiere, tramite rete di telecomunicazione o con altra modalità da concordare, i flussi informativi contenenti i dati relativi a tutti i bollettini MAV da emettere. I flussi trasferiti faranno capo ad un determinato periodo di fatturazione con frequenza mensile. Il periodo di validità nel circuito interbancario degli incassi tramite MAV è compreso tra il quarantacinquesimo e il cinquantesimo giorno dalla loro scadenza. Il Cassiere non avendone riscontrato l incasso, dovrà rendicontarne il mancato pagamento tramite flusso standard in formato CBI. L Istituto si riserva di potere cambiare il periodo di validità nel circuito interbancario dei bollettini MAV previa comunicazione di variazione al Cassiere. Successivamente alla ricezione degli elenchi informatizzati, il Cassiere provvederà, entro e non oltre due giorni, ad inviare ai singoli assegnatari tramite posta ordinaria il MAV assieme ad una lettera accompagnatoria predisposta dall Istituto tramite formato standard CBI a testo libero; il Cassiere si farà carico di trasferire all Ismea regolari comunicazioni di incasso con modalità dopo incasso delle singole disposizioni di incasso pagate tramite gli sportelli degli istituti di credito e/o le filiali degli uffici postali. Per tale ragione il Cassiere dovrà garantire che la rendicontazione dei pagamenti, eseguiti dai soggetti destinatari dei bollettini MAV presso l ente poste, sarà inclusa nei flussi di rendicontazione del Cassiere stesso ovvero il Cassiere si farà carico di stabilire accordi con Poste Italiane per gestire i flussi di rendicontazione in formato compatibile CBI. Le informazioni contenute negli elenchi informatizzati in invio e ricezione dovranno essere predisposti in formato elettronico standard CBI. Pag. 12 di 14

13 Viene di seguito rappresentato lo schema del flusso logico relativo alla emissione/riscossione dei bollettini MAV: 1. ISMEA SISTEMA INFORMATIVO S.I. ISMEA Bollettini MAV emessi Invio flusso in formato CBI dei MAV da emettere Esiti pagamenti / incassi 2. BANCA Produzione e spedizione MAV e lettera accompagnatoria Bollettini MAV cartacei Invio flusso di ritorno MAV in formato CBI 5. BANCA 3. ASSEGNATARI Versamento 4. ISTITUTI DI CREDITO / BANCO POSTA Esiti versamenti Accredito su c/c Ismea Il Cassiere accetta, anche senza autorizzazione dell'ismea, le somme che i terzi intendono versare, a qualsiasi titolo e causa, a favore dell'ismea stessa, rilasciando ricevuta contenente, oltre l'indicazione della causale del versamento, la clausola espressa "salvi i diritti dell'ismea". Tali incassi sono segnalati all'ismea, la quale emette i relativi ordinativi di riscossione entro quindici giorni e, comunque, entro il termine del mese in corso. In merito alle riscossioni affluite su conti correnti postali intestati alla Banca su precise disposizioni di ISMEA e per i quali al Cassiere è riservata la gestione, giornalmente o al massimo settimanalmente la Banca trasferisce le relative somme sugli analoghi conti intestati all ISMEA presso lo stesso ente poste e trasmette per via telematica i dettagli delle somme riscosse. In merito alle riscossioni di somme affluite sui conti correnti postali intestati all'ismea e per i quali al Cassiere è riservata la firma di traenza, il prelevamento dai conti medesimi è disposto esclusivamente dall'ismea mediante emissione di ordinativo cui è allegata copia dell'estratto conto postale comprovante la capienza del conto. Il Cassiere esegue l'ordine di prelievo mediante emissione di assegno postale o tramite postagiro e accredita all'ismea l'importo corrispondente al lordo delle commissioni di prelevamento. Pag. 13 di 14

14 9.2. Gestione dei conti correnti vincolati Nell ambito delle attività Istituzionali di Riordino Fondiario, al momento della stipula di un atto di compravendita con patto di riservato dominio, è necessario attivare uno o più conti correnti intestati ai venditori, dove saranno accreditate le somme relative agli acquisti stessi, con il vincolo a favore dell Ismea connesso al soddisfacimento di tutte le clausole contrattuali. Successivamente alla registrazione in conservatoria degli atti di compravendita e all espletamento di tutti gli adempimenti da parte dei venditori Ismea procederà allo svincolo a tranche inviando alla banca opportuna documentazione attestante lo svincolo, totale o parziale, delle somme depositate. 10. Rendicontazione La Banca, entro le ore 17,00 dello stesso giorno in cui vengono accreditate le somme da parte del Cassiere dello Stato (Banca d Italia), comunica, anche via FAX, al Dirigente responsabile dell' ISMEA, la data di accredito dei fondi per ciascun mandato Banca d Italia e l ammontare delle somme accreditate nonché la data valuta che verrà apposta sugli assegni circolari non trasferibili. Giornalmente la Banca deve trasmettere all'ismea l estratto dei conti correnti, contenente i movimenti di accredito addebito tramite via telematica, utilizzando tracciato standard CBI. In tale occasione la BANCA deve comunicare all ISMEA la metodologia di calcolo algoritmo utilizzata per la determinazione degli interessi sia attivi che passivi. Mensilmente, e a chiusura annuale, la Banca invia all ISMEA gli estratti cartacei degli anzidetti conti, disponendo il regolamento per competenza alla chiusura trimestrale coincidente con i periodi solari. Pag. 14 di 14

CAPITOLATO TECNICO SEZIONE SERVIZIO DI CASSA AI SENSI DELLA LEGGE N. 720/84 - TABELLA B ALLEGATO ALLA CONVENZIONE

CAPITOLATO TECNICO SEZIONE SERVIZIO DI CASSA AI SENSI DELLA LEGGE N. 720/84 - TABELLA B ALLEGATO ALLA CONVENZIONE AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO TECNICO SEZIONE SERVIZIO DI CASSA AI SENSI DELLA LEGGE N. 720/84 - TABELLA B ALLEGATO ALLA CONVENZIONE Pag. 1 di 10 Sommario 1. OGGETTO DEL SERVIZIO...

Dettagli

AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA

AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO TECNICO SEZIONE AIUTI COMUNITARI ALLEGATO ALLA CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI PAGAMENTO AI BENEFICIARI DI AIUTI COMUNITARI, CONNESSI E COFINANZIATI

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA

AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO TECNICO SEZIONE AIUTI COMUNITARI ALLEGATO ALLA CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI PAGAMENTO AI BENEFICIARI DI AIUTI COMUNITARI, CONNESSI E COFINANZIATI

Dettagli

AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA

AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO TECNICO SEZIONE AIUTI COMUNITARI ALLEGATO ALLA CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI PAGAMENTO AI BENEFICIARI DI AIUTI COMUNITARI, CONNESSI E COFINANZIATI

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4.

Dettagli

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Il GAL Ternano in esecuzione della deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione n. 12/2014 all ordine del giorno in data 29/01/2014

Dettagli

dal Capitolato Tecnico Sezione Aiuti Comunitari di AGEA - Art. 4 e dal Capitolato Tecnico Sezione Tesoreria di AGEA - Art. 4:

dal Capitolato Tecnico Sezione Aiuti Comunitari di AGEA - Art. 4 e dal Capitolato Tecnico Sezione Tesoreria di AGEA - Art. 4: RISPOSTE AI QUESITI IN RELAZIONE AL BANDO DI GARA SIMAP2_ENTEAGEA-2008-106961-F02-IT - GARA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E SERVIZI BANCARI DELL'AGEA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO Il presente documento descrive le attività amministrativo-contabili inerenti la gestione dei pagamenti

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII N. 152284 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, riguardante disposizioni sull amministrazione del patrimonio e sulla

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA E DEPOSITO PER LA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA E DEPOSITO PER LA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA E DEPOSITO PER LA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra La CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO (di seguito CCSE), con sede in Roma, alla Via

Dettagli

AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA

AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO TECNICO SEZIONE TESORERIA ALLEGATO ALLA CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TESORERIA AI SENSI DELLA LEGGE N. 720/84 - TABELLA B Pag. 1 di 12 Sommario

Dettagli

DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING

DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING Allegato B DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING 1. INTRODUZIONE Il presente allegato ha lo scopo di descrivere gli aspetti del collegamento telematico tra Istituto Cassiere ed Automobile

Dettagli

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE 1 CONVENZIONE PER IL DISIMPEGNO DEL SERVIZIO DI CASSA A) Servizio di cassa per il triennio 2011, 2012, 2013. ART. 1 L A.M.T. affida il proprio servizio di cassa, all istituto di credito....operante su

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 30 aprile 2015 Definizione di nuove modalita' di emissione, di natura informatica, degli ordinativi di pagamento da parte dei titolari di contabilita' speciale.

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO - CCSE - tra La CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO (di seguito CCSE o Ente), con sede in Roma, in Via Cesare

Dettagli

SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE

SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE COMUNE DI CASANDRINO ROVINCIA DI NAPOLI SETTORE PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE BILANCIO TRIBUTI E CONTROLLO DI GESTIONE SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO QUINQUENNALE

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

Fatturazione elettronica PA Nota informativa per i fornitori

Fatturazione elettronica PA Nota informativa per i fornitori Fatturazione elettronica PA Nota informativa per i fornitori Riferimenti normativi e nuovo adempimento obbligatorio Il Decreto Ministeriale n. 55 del 3 aprile 2013, entrato in vigore il 6 giugno 2013,

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB PIACENZA Via Chiapponi n. 37 29100 Piacenza Tel. 0523.327114 Fax 0523.332802

AUTOMOBILE CLUB PIACENZA Via Chiapponi n. 37 29100 Piacenza Tel. 0523.327114 Fax 0523.332802 AUTOMOBILE CLUB PIACENZA Via Chiapponi n. 37 29100 Piacenza Tel. 0523.327114 Fax 0523.332802 Bando di gara per l affidamento del Servizio di Tesoreria e/o Cassa dell Ente per il periodo 01/07/2009 30/06/2013

Dettagli

Allegato A) R E L A Z I O N E

Allegato A) R E L A Z I O N E Allegato A) MISURE ORGANIZZATIVE FINALIZZATE AL RISPETTO DI QUANTO PREVISTO DALL ART. 9 D.L. 01/07/2009, N. 78 CONVERTITO IN LEGGE 03/08/2009, N. 109 DECRETO ANTICRISI R E L A Z I O N E Si richiama innanzitutto,

Dettagli

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it 5. PROCEDURE Le gestione del bando, che comprende le attività di ricezione e istruttoria delle domande, concessione e revoca delle agevolazioni, controllo degli interventi realizzati, è affidata alla Direzione

Dettagli

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI GESTIONE GLOBALE DEL CICLO DELLE VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA IVI COMPRESA LA RISCOSSIONE DELLE STESSE. L anno 2011 il giorno.. del mese

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA. L'anno, addì del mese di con la presente scrittura privata, TRA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA. L'anno, addì del mese di con la presente scrittura privata, TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA L'anno, addì del mese di con la presente scrittura privata, TRA Casa Livorno e Provincia S. p. A. Partita Iva 01461610493 rappresentata da nata a il (C.F.

Dettagli

SOCIALE EUROPEO PREMESSO

SOCIALE EUROPEO PREMESSO REPUBBLICA ITALIANA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI CASSA RELATIVI AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E L ACCESSO AL FONDO SOCIALE EUROPEO L anno 2009, il giorno del mese

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE internet: www.pasian.it GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA BANDO DI GARA Bando di gara per l appalto del servizio di Tesoreria 1. Ente appaltante: Comune di

Dettagli

Ufficio Centrale Orientamento Formazione Professionale Lavoratori. relativo alla gara con procedura aperta per l affidamento del servizio di

Ufficio Centrale Orientamento Formazione Professionale Lavoratori. relativo alla gara con procedura aperta per l affidamento del servizio di MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Ufficio Centrale Orientamento Formazione Professionale Lavoratori CAPITOLATO D ONERI relativo alla gara con procedura aperta per l affidamento del servizio

Dettagli

Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI

Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI Dematerializzazione dell iter autorizzativo ed esecutivo relativo ai mandati di pagamento disposti nell ambito delle procedure concorsuali presso le sezioni fallimentari

Dettagli

CRITERI ECONOMICI: MAX 62%

CRITERI ECONOMICI: MAX 62% Il CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE è quello dell economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art.83 del D.Lgs.12.4.2006, n.163 determinato sulla base dei seguenti criteri e fattori di ponderazione indicati

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK TELEPASS (di seguito TLP) offre ai propri Clienti che abbiano sottoscritto il contratto TELEPASS collegato ad un contratto VIACARD di conto corrente (di seguito

Dettagli

Comune di San Giorgio delle Pertiche (Provincia di Padova)

Comune di San Giorgio delle Pertiche (Provincia di Padova) Comune di San Giorgio delle Pertiche (Provincia di Padova) AREA AFFARI GENERALI Ufficio Segreteria Via Canonica, 4 TEL. 049-9374720 Cod.fiscale 00682290283 FAX 049-9374712 Centralino 049-9374711 35010

Dettagli

Allegato 3) MODULO OFFERTA

Allegato 3) MODULO OFFERTA Allegato 3) MODULO OFFERTA APPALTO N 13/2015 PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO 1\07\2015 31/12/2019 CIG [[6232938F23]] DICHIARAZIONE D OFFERTA con sede in..... con partita

Dettagli

Elementi di Valutazione per l affidamento del servizio di cassa dell Università di Pisa

Elementi di Valutazione per l affidamento del servizio di cassa dell Università di Pisa Allegato 1 alla Convenzione ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELL UNIVERSITÀ DI PISA Il concorrente dovrà presentare un offerta relativamente agli elementi e

Dettagli

ASP Lazzarelli San Severino Marche

ASP Lazzarelli San Severino Marche CAPITOLATO SPECIALE APPALTO SERVIZIO TESORERIA ASP LAZZARELLI PERIODO 2015/2019 1. OGGETTO DELLA CONVENZIONE...2 2. ESERCIZIO FINANZIARIO...2 3. GRATUITÀ DEL SERVIZIO...2 4. INDICAZIONE DEI REGISTRI CHE

Dettagli

Provincia di Livorno POLIZIA MUNICIPALE GESTIONE ASSOCIATA Comuni di Castagneto Carducci e Bibbona

Provincia di Livorno POLIZIA MUNICIPALE GESTIONE ASSOCIATA Comuni di Castagneto Carducci e Bibbona AFFIDAMENTO IN OUTSOURCING, PER LA DURATA DI ANNI 2 (DUE), DELL INSERIMENTO, STAMPA E POSTALIZZAZIONE DELLE CONTRAVVENZIONI AL CODICE DELLA STRADA INCLUSA L ATTIVITA DI RISCOSSIONE ORDINARIA DELLE STESSE.

Dettagli

Procedura aperta per il servizio di cassa dell Università degli Studi di Perugia - CIG : 5872967DAC

Procedura aperta per il servizio di cassa dell Università degli Studi di Perugia - CIG : 5872967DAC RISCONTRO A CHIARIMENTI 5.9.2014 Procedura aperta per il servizio di cassa dell Università degli Studi di Perugia - CIG : 5872967DAC A seguito di richieste di chiarimenti da parte delle imprese interessate

Dettagli

Città di Verbania Provincia del Verbano Cusio Ossola

Città di Verbania Provincia del Verbano Cusio Ossola ALLEGATO 1 ANALISI DELLA PROCEDURA DI SPESA Tentuto conto di quanto prescritto dalle norme contenute nel TUEL (D.Lgs. 267/2000) e nel Regolamento di contabilità dell Ente, nonché dalla prassi invalsa per

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

LA DIRETTIVA La PSD (Payment Service Directive) - Direttiva sui Servizi di Pagamento è stata recepita dall ordinamento giuridico italiano con decorrenza 1 marzo 2010. La Direttiva intende unificare il

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Dettagli

COMUNE DI FARA IN SABINA. Provincia di Rieti. Repubblica Italiana CONTRATTO DI APPALTO DI SERVIZI PER LA REALIZZAZIONE DELLO

COMUNE DI FARA IN SABINA. Provincia di Rieti. Repubblica Italiana CONTRATTO DI APPALTO DI SERVIZI PER LA REALIZZAZIONE DELLO repertorio n Agenzia delle Entrate Registrato a Rieti il n serie versati COMUNE DI FARA IN SABINA Provincia di Rieti Repubblica Italiana CONTRATTO DI APPALTO DI SERVIZI PER LA REALIZZAZIONE DELLO SPORTELLO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA Gara per la fornitura di gas metano per il periodo 1 dicembre 2008 30 novembre 2009 ed energia elettrica per l anno solare 2009 all Università degli Studi di Perugia 1. OGGETTO DELLA GARA CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

MinisterodelloSviluppoEconomico

MinisterodelloSviluppoEconomico MinisterodelloSviluppoEconomico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 24 settembre 2014, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Procedura. Amministrativo-Contabile. Servizio di Cassa Interno. Gestione Servizio di Cassa Interno

Procedura. Amministrativo-Contabile. Servizio di Cassa Interno. Gestione Servizio di Cassa Interno Procedura Amministrativo-Contabile Servizio di Cassa Interno Gestione Servizio di Cassa Interno (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27/06/2012) Art. 1. OBIETTIVO La presente procedura contiene

Dettagli

SEPA e Adempimenti Fiscali-Normativi per l anno 2016

SEPA e Adempimenti Fiscali-Normativi per l anno 2016 SEPA e Adempimenti Fiscali-Normativi per l anno 2016 Il Decreto Legislativo n 175 del 21 Novembre 2014, detto anche Decreto Semplificazioni, (pubblicato in Gazzetta Ufficiale e in vigore dal 13 Dicembre

Dettagli

MODULO DELL OFFERTA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELL UNIVERSITA DI PISA. il sottoscritto.. nato. ... con sede in.. CF p.

MODULO DELL OFFERTA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELL UNIVERSITA DI PISA. il sottoscritto.. nato. ... con sede in.. CF p. marca da bollo da 14,62 ALLEGATO A/2 ( modulo dell offerta ) (Da inserire in BUSTA B -Offerta ) MODULO DELL OFFERTA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELL UNIVERSITA DI PISA Il sottoscritto..

Dettagli

Prot.n. 3693/B15 Afragola, 27/09/2011

Prot.n. 3693/B15 Afragola, 27/09/2011 / 081/8524791-081/8523153 Prot.n. 3693/B15 Afragola, 27/09/2011 - Spett.le Azienda di Credito OGGETTO: Richiesta offerta per stipula nuova Convenzione per la gestione del servizio di cassa Periodo 01/01/2012

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-08-2015 Messaggio n. 5301 Allegati n.2 OGGETTO: Finanziamenti estinguibili dietro cessione del quinto della pensione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Acquisizione Beni e Servizi

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Acquisizione Beni e Servizi Acquisizione Beni e Servizi Indice dei contenuti 1. SCHEDA SERVIZIO ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI...3 1.1. TIPOLOGIA... 3 1.2. SPECIFICHE DEL SERVIZIO... 3 1.2.1 Descrizione del servizio... 3 1.2.2 Obblighi

Dettagli

L ULSS N. 13 DI MIRANO

L ULSS N. 13 DI MIRANO PROCEDURA APERTA PER LA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE NON IPOTECARIO PER L ULSS N. 13 DI MIRANO CAPITOLATO SPECIALE (cod. doc. CS121104) SOMMARIO Art. 1 Oggetto e caratteristiche Art. 2 Erogazione

Dettagli

CHIARIMENTI. (versione definitiva)

CHIARIMENTI. (versione definitiva) CHIARIMENTI (versione definitiva) Per opportuna conoscenza di tutti gli Istituti interessati, si riportano i chiarimenti forniti alle richieste degli Istituti di credito in relazione al bando di gara:

Dettagli

CONTRATTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI VALORIZZAZIONE DEI BREVETTI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA.

CONTRATTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI VALORIZZAZIONE DEI BREVETTI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA. CONTRATTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI VALORIZZAZIONE DEI BREVETTI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA. CIG: Z6618122FF L anno 2016, il giorno. del mese di. 2016 Con la presente scrittura

Dettagli

Oggetto: Riemissione pagamenti di aiuti e premi comunitari non andati a buon fine.

Oggetto: Riemissione pagamenti di aiuti e premi comunitari non andati a buon fine. ORGANISMO PAGATORE Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.646 Fax 06.49499.757 Prot. N. UMU.2013.1147 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 19 giugno 2013 A Tutti gli interessati Agli

Dettagli

4.2 Ri.Ba. 4.2.1 Rivisitazione dell impianto delle Ri.Ba. e degli accordi interbancari

4.2 Ri.Ba. 4.2.1 Rivisitazione dell impianto delle Ri.Ba. e degli accordi interbancari Nuove regole a seguito della Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) recepito dal Decreto Legislativo N. 11 del 27/01/2010 estratto riferito ai pagamenti tramite RiBa: 4.2 Ri.Ba. 4.2.1 Rivisitazione

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA Tra l AUTORITA GARANTE PER L INFANZIA E L ADOLOSCENZA C.F. 11784021005 con sede in Roma Via di Villa Ruffo, 6 che per brevità sarà in seguito chiamata

Dettagli

CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO PER LE SCUOLE PRIMARIE DEL COMUNE DI CORSICO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015

CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO PER LE SCUOLE PRIMARIE DEL COMUNE DI CORSICO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Allegato 1 CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO PER LE SCUOLE PRIMARIE DEL COMUNE DI CORSICO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Art. 1 OGGETTO DELLA FORNITURA L appalto ha per oggetto la fornitura di

Dettagli

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE.

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE. Pag. 1 di 6 CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO AL SERVIZIO FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO 1 Pag. 2 di 6 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA. COMUNE DI SANT ANGELO A SCALA PROVINCIA DI AVELLINO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA. ART. 1 Il servizio di tesoreria del comune è affidato mediante procedura aperta,

Dettagli

INFODELIVERY STANDARD SCHEDA TECNICA

INFODELIVERY STANDARD SCHEDA TECNICA INFODELIVERY STANDARD SCHEDA TECNICA EDIZIONE SETTEMBRE 2014 INDICE 1 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO... 3 1.1 LIVELLI DI SERVIZIO... 5 1.2 COPERTURA TERRITORIALE... 6 2 CONDIZIONI D ACCESSO... 6 3 ATTIVAZIONE

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP SAX Progetto ISP REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERNET SOCIAL POINT DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI PRIVE DI FINALITA LUCRATIVE OPERANTI NELLA REGIONE BASILICATA Il presente regolamento definisce

Dettagli

COMUNE DI CASTELFIDARDO SERVIZIO FINANZIARIO GESTIONE MANDATI/REVERSALI INFORMATICI (MIF)

COMUNE DI CASTELFIDARDO SERVIZIO FINANZIARIO GESTIONE MANDATI/REVERSALI INFORMATICI (MIF) 1 COMUNE DI CASTELFIDARDO GESTIONE MANDATI/REVERSALI INFORMATICI (MIF) o Il quadro normativo o Obiettivi o Atti preliminari o I rapporti con il Tesoriere o L operatività La terminologia Il mandato informatico

Dettagli

www.finpiemonteonline.it

www.finpiemonteonline.it www.finpiemonteonline.it DOCUP 2000/2006 LINEA 2.1B CONVENZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Questo documento è stato strutturato per essere compilato direttamente a video, con l applicativo Word di

Dettagli

TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.)

TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.) TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.) 1 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI IMPRESE CON CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA Tra :...(1)... (di

Dettagli

secondo quanto definito nel presente schema di convenzione e di seguito indicato col termine di Cassiere.

secondo quanto definito nel presente schema di convenzione e di seguito indicato col termine di Cassiere. Schema di convenzione per il servizio di cassa tra a Consorzio di difesa delle terre golenali del Comune di Brescello con sede legale c/o Comune di Brescello, Piazza Matteotti, 12-42041 Brescello (RE)

Dettagli

Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1

Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1 Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1 Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 2 Circolare Agenzia Entrate n. 6/E del 2002 4.3 Documentazione da rilasciare ai contribuenti

Dettagli

FINANZIAMENTI EXPORT/IMPORT IN VALUTA ESTERA E/O EURO

FINANZIAMENTI EXPORT/IMPORT IN VALUTA ESTERA E/O EURO Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. FINANZIAMENTI EXPORT/IMPORT IN VALUTA ESTERA E/O EURO Sezione I - Informazioni sulla Banca Cassa Rurale

Dettagli

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi),

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), E.T.R.A. S.P.A. CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA.- Tra: La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), Largo Parolini n.82/b, C.F. n.03278040245, che interviene

Dettagli

F24 WEB PAGAMENTO ELETTRONICO IMPOSTE E CONTRIBUTI

F24 WEB PAGAMENTO ELETTRONICO IMPOSTE E CONTRIBUTI F24 WEB PAGAMENTO ELETTRONICO IMPOSTE E CONTRIBUTI NOTE OPERATIVE 1. PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO F24 WEB 1.1 Descrizione del Servizio 1.2 A chi si rivolge 1.3 Principali vantaggi 2. SOGGETTI COINVOLTI NEL

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Art. 1 Definizioni 1. Ai fini della presente convenzione si intende per: a) modello F24, il modello di pagamento F24, di cui al capo III, sezione I,

Art. 1 Definizioni 1. Ai fini della presente convenzione si intende per: a) modello F24, il modello di pagamento F24, di cui al capo III, sezione I, CONVENZIONE TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER IL PAGAMENTO MEDIANTE IL MODELLO F24 DEI PREMI E DEI CONTRIBUTI DI SPETTANZA DELL

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI. ALLEGATO 1 al Disciplinare di gara

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI. ALLEGATO 1 al Disciplinare di gara ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI ALLEGATO 1 al Disciplinare di gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CORPORATIVE BANKING - PASSIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO CORPORATIVE BANKING - PASSIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO CORPORATIVE BANKING - PASSIVO CASSA RURALE DI PERGINE Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Gavazzi 5-38057 PERGINE VALSUGANA (tn) Tel.: 0461/500111-

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE Oggetto: Contratto d appalto per l affidamento del servizio di gestione dell albo fornitori telematico e delle gare on-line da parte

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA RURALE DI PERGINE Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Gavazzi 5-38057 PERGINE VALSUGANA (tn) Tel.: 0461/500111- Fax:

Dettagli

Consiglio Regionale della Campania

Consiglio Regionale della Campania Consiglio Regionale della Campania C.F. e P.I. 80051460634 Sede Legale: Via G. Porzio, Centro Direzionale di Napoli, Isola F13-80143 Napoli Sede Amministrativa: Via G. Porzio, Centro Direzionale di Napoli,

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA N. 105 DEL 8 GIUGNO 2006 PROT. N. 42877 modificata dalla PROCEDURA OPERATIVA N. 106 DEL 16 GIUGNO 2006 PROT. N.

PROCEDURA OPERATIVA N. 105 DEL 8 GIUGNO 2006 PROT. N. 42877 modificata dalla PROCEDURA OPERATIVA N. 106 DEL 16 GIUGNO 2006 PROT. N. PROCEDURA OPERATIVA N. 105 DEL 8 GIUGNO 2006 PROT. N. 42877 modificata dalla PROCEDURA OPERATIVA N. 106 DEL 16 GIUGNO 2006 PROT. N. 45067 Gestione del servizio di trasmissione telematica del modello unico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso)

FOGLIO INFORMATIVO. SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso) SERVIZIO DI INCASSO EFFETTI, ASSEGNI ED ALTRI DOCUMENTI (dopo incasso) (trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari D.lgs.1/9/93 n.385 Delibera CICR 4/3/03 INFORMAZIONI SULLA BANCA:

Dettagli

OGGETTO: servizio di brokeraggio assicurativo rischi vari del Comune di Trieste per il periodo

OGGETTO: servizio di brokeraggio assicurativo rischi vari del Comune di Trieste per il periodo SCHEMA DI CONTRATTO allegato sub B) OGGETTO: servizio di brokeraggio assicurativo rischi vari del Comune di Trieste per il periodo 1... IMPRESA: (denominazione e codice fiscale) REPUBBLICA ITALIANA L anno

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia-Tempio

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia-Tempio COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia-Tempio SERVIZIO FINANZIARIO, AMMINISTRATIVO E DEMOGRAFICO AVVISO INDAGINE DI MERCATO OGGETTO: AFFIDAMENTO DELL INCARICO PER LA GESTIONE DELL UFFICIO POSTALE DI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO AVVISO INDAGINE DI MERCATO OGGETTO: Indagine di mercato propedeutica alle procedure per l affidamento del Servizio di trasporto alunni scuola dell obbligo con scuolabus ai sensi dell art. 125, comma 11,

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB D ITALIA. DIREZIONE CENTRALE AMMINISTRAZIONE E FINANZA Ufficio Contabilità Periferiche. Sigg. DIRETTORI UFFICI PROVINCIALI

AUTOMOBILE CLUB D ITALIA. DIREZIONE CENTRALE AMMINISTRAZIONE E FINANZA Ufficio Contabilità Periferiche. Sigg. DIRETTORI UFFICI PROVINCIALI AUTOMOBILE CLUB D ITALIA DIREZIONE CENTRALE AMMINISTRAZIONE E FINANZA Ufficio Contabilità Periferiche Sigg. DIRETTORI UFFICI PROVINCIALI e, p.c. Sigg. DIRETTORI REGIONALI E INTERREGIONALI Sigg. DIRETTORI

Dettagli

OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal.

OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal. SCHEMA DI CONTRATTO allegato sub E) OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal. IMPRESA: (denominazione e codice

Dettagli

! 2. CONCLUSIONE DEL CONTRATTO E ACCETTAZIONE DELLE CONDIZIONI GE- NERALI DI VENDITA

! 2. CONCLUSIONE DEL CONTRATTO E ACCETTAZIONE DELLE CONDIZIONI GE- NERALI DI VENDITA Contenuti 1. INFORMAZIONI GENERALI Condizioni Generali di vendita 2. CONCLUSIONE DEL CONTRATTO E ACCETTAZIONE DELLE CONDIZIONI DI VENDITA 3. TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI 4. OBBLIGHI DEL CLIENTE 5. DEFINIZIONE

Dettagli

RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca)

RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca) PAG 1/5 RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della Banca) Spettabile IWBank Private Investments Luogo e data

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA (Determinazione Dirigente area Amministrazione e contabilità n. 603 del 21 novembre 2011)

DISCIPLINARE DI GARA (Determinazione Dirigente area Amministrazione e contabilità n. 603 del 21 novembre 2011) DISCIPLINARE DI GARA (Determinazione Dirigente area Amministrazione e contabilità n. 603 del 21 novembre 2011) PROCEDURA RISTRETTA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI

Dettagli

Guida utente alle principali funzionalità release gennaio 2007

Guida utente alle principali funzionalità release gennaio 2007 Guida utente alle principali funzionalità release gennaio 2007 Sommario Movimenti e Saldo: Consolidato e Tempo reale....pagina 3 Come disporre: Disposizioni e Distinte...........Pagina 4 Disposizioni:

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno Allegato alla delibera camerale n. 145 del 1 ottobre 2013 Regolamento per l utilizzo delle carte di credito Articolo

Dettagli

PROCEDIMENTI UFFICIO I /R.E. (Ragioneria)

PROCEDIMENTI UFFICIO I /R.E. (Ragioneria) PROCEDIMENTI UFFICIO I /R.E. (Ragioneria) Gestione dei rapporti con Istituto di credito incaricato del servizio di Tesoreria e Tesoreria Banca D'Italia Tipologia procedimenti Modalità di adempimento Termine

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO * * * CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CASSA Con la presente CONVENZIONE posta in essere tra l Azienda Territoriale per l Edilizia

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Copia originale per UNICREDIT INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 1. identità e contatti del finanziatore/intermediario DEL CREDITO Finanziatore UniCredit S.p.A.

Dettagli

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI PAG.2 DI 29 INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. STRUTTURA DEL FLUSSO INFORMATIVO 5 2.1 FLUSSO

Dettagli

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FRosinone

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FRosinone ALLEGATO B al bando prot.6712/2009 AL COMUNE DI TREVI NEL LAZIO 0310 Trevi nel Lazio (fr) OGGETTO: scheda offerta-condizioni per l affidamento del servizio di Tesoreria del Comune di Trevi nel Lazio per

Dettagli

Banca Popolare di Ancona

Banca Popolare di Ancona UBI03380_WEB 21/02/2013 Banca Popolare di Ancona 05308.2 053082 RICHIESTA DI ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE INTESTATO A CLIENTE AL DETTAGLIO (Modulo a disposizione della clientela sul sito internet della

Dettagli

REGOLAMENTO RIMBORSO PER TRASPORTI URBANI / EXTRA URBANI PER I VOLONTARI DI EXPO 2015

REGOLAMENTO RIMBORSO PER TRASPORTI URBANI / EXTRA URBANI PER I VOLONTARI DI EXPO 2015 REGOLAMENTO RIMBORSO PER TRASPORTI URBANI / EXTRA URBANI PER I VOLONTARI DI EXPO 2015 1 SOMMARIO 1. I RIMBORSI PER VIAGGI URBANI... 3 1.1 DISPOSIZIONI GENERALI PER LA RICHIESTA DI RIMBORSO... 4 2. I RIMBORSI

Dettagli