agra press editrice cooperativa OUTSIDER Via in Lucina ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "agra press editrice cooperativa OUTSIDER Via in Lucina 15-00186 ROMA"

Transcript

1 agra press editrice cooperativa OUTSIDER Via in Lucina ROMA fondatore: giovanni martirano direttore responsabile: letizia martirano agenzia quotidiana di informazioni Tariffa ROC: "Poste italiane spa - Spedizione in a.p. - DL 353/2003 (convertito in legge 27/02/2004 n. 46 ) art. 1 comma 1 DCB ROMA" ANNO LII - N. 283 lunedi' 27 ottobre 2014 SPECIALE ASNACODI Al III Forum dibattito Internazionale sul futuro delle assicurazioni agricole dagli stati uniti all'olanda, dalla turchia alla polonia, e dalla francia all'italia, quello della gestione dei rischi in agricoltura e' un argomento molto delicato e dibattuto, declinato in tempi e modalita' differenti, con esiti e risultati alterni, ma con uno stesso unico obiettivo: proteggere il reddito degli imprenditori che operano nel comparto primario. a livello comunitario il principale strumento di finanziamento istituzionale per la gestione del rischio in agricoltura e' contenuto nel secondo pilastro della politica agricola comune (pac) ovvero la politica di sviluppo rurale, che a livello nazionale e' normata dal programma nazionale di sviluppo rurale (pnsr). il pnsr viene concordato con le regioni e le province autonome e prevede tre tipologie di intervento: le assicurazioni, i fondi di mutualizzazione e gli strumenti di stabilizzazione del reddito (ist), per un investimento finanziario previsto di oltre 1,6 miliardi di euro diviso nei sette anni di programmazione ( ). di tutto cio' si e' approfonditamente parlato nella due giorni di lavori del terzo forum internazionale sulla gestione dei rischi in agricoltura, promosso dall'associazione nazionale dei consorzi di difesa (asnacodi) e dedicato al tema "le politiche, il mercato e la ricerca per lo sviluppo dell'impresa agricola". al forum, oltre a rappresentanti dell'asnacodi e dei consorzi di difesa, sono intervenuti esponenti delle istituzioni, del mercato assicurativo e riassicurativo, delle banche e degli istituti di credito, delle organizzazioni di rappresentanza degli agricoltori e della ricerca scientifica, questi ultimi provenienti da diversi paesi europei ed extraeuropei. la maggior parte degli intervenuti al forum, che e' stato organizzato nell'ambito del piano di comunicazione cofinanziato dall'unione europea e dedicato agli agricoltori "infopac2014", fa parte di un gruppo di lavoro europeo sulla gestione del rischio in agricoltura, che si era riunito gia' diverse volte in previsione dei lavori. la PRIMA GIORNATA dei lavori si e' aperta con gli interventi del presidente e del direttore dell'asnacodi albano AGABITI e giacomo bertolini, i quali hanno presentato l'attuale organizzazione del sistema dei consorzi di difesa e la loro evoluzione negli anni, oltre ad illustrare i principali obiettivi del forum, che - come ha evidenziato il presidente - rappresenta un "momento di approfondimento e di confronto tra gli scenari assicurativi europei e mondiali", che ci consentira' di "dare risposte piu' concrete e puntuali agli agricoltori". in italia nel 2013 "sono stati sfiorati i 7 miliardi di euro di valore assicurato" e questo risultato e' "in netto e continuo miglioramento", ha affermato agabiti, facendo notare che le regioni "piu' performanti" si trovano al nord, dove lo "strumento assicurativo e' conosciuto ed in forte crescita", anche se il nostro intento e' "cercare di portare tutti allo stesso livello assicurativo". nel corso dei lavori il presidente ha chiarito

2 (ap) - n /.. piu' volte che "non si possono coprire tutti i rischi" ai quali si espongono gli imprenditori, e che se anche questo fosse possibile, "verrebbe meno la figura dell'imprenditore agricolo" ed il concetto stesso di rischio legato al mercato, che e' "anche cio' che spinge l'imprenditore a crescere e migliorarsi". un altro argomento sul quale agabiti e' tornato diverse volte e' la soglia del 30% per l'accesso all'indennizzo in caso di danni da avversita' atmosferiche, che "considerando la redditivita' molto ridotta delle imprese agricole", le quali "registrano margini molto piu' bassi, del 7-8% circa per le aziende piu' virtuose", e' "assolutamente inadeguata". BERTOLINI si e' invece soffermato sul progetto "infopac2014", asserendo che "il tema della comunicazione agli agricoltori deve necessariamente essere centrale", soprattutto in un ambito "complicato ed articolato" come quello relativo alle assicurazioni agricole, che "col tempo si e' sempre di piu' arricchito di ulteriori elementi che hanno contribuito a renderlo piu' complesso". negli ultimi dieci anni si e' verificato un "sensibile calo" delle imprese agricole iscritte alle camere di commercio, ma allo stesso tempo si e' registrato un aumento delle superfici agricole e dell'export agroalimentare, con un "grande incremento del valore assicurato in agricoltura", ha evidenziato il direttore, asserendo che "questi dati ci dicono che l'agricoltore deve fare scelte di pianificazione, guardando al mercato ed avendo strumenti che lo traguardino negli anni". allo stato attuale delle cose "la gestione rischio non e' piu' un fattore opinabile, ma va gestita e ragionata in maniera molto piu' strutturata" ed infopac "e' il primo passo in questa direzione". "gli agricoltori non assicurati probabilmente hanno fatto fatica ad avere accesso alle informazioni riguardanti la gestione del rischio", ha rimarcato bertolini. nel resto della giornata si sono poi alternati gli interventi di barry goodwin, della north carolina state university; mauro serra bellini, dirigente del cosvir VII del mipaaf e responsabile della gestione crisi in agricoltura; flavio coturni, della dg agricoltura della commissione europea; giovanni razeto, dirigente ismea; julian roberts, direttore esecutivo della willis; osman gulseven, dell'universita' tecnica del medio oriente; miranda meuwissen, dell'universita' olandese di wageningen; joel lymouzin, presidente fondo mutualistico francese fmse; emilio ferrari, responsabile acquisti grano del gruppo barilla. GOODWIN ha svolto un'accurata relazione sugli strumenti per la gestione dei rischi contenuti nella farm bill 2014, fornendo al contempo una panoramica sulla situazione politica ed agricola americana, che ha suscitato un notevole interesse nella sala. la farm bill ha precisato - ha messo a disposizione degli agricoltori circa 110 miliardi di dollari per le assicurazioni sui raccolti, che negli stati uniti "fanno la parte del leone", seguite da quelle sui ricavi, acquistate "dalla maggior parte degli agricoltori". secondo goodwin pero' bisogna fare attenzione a "non sovvenzionare ogni rischio, perche' questo puo' portare ad altri rischi", distorcendo la produzione o addirittura il mercato. BELLINI ha svolto un intervento molto tecnico, nel quale ha presentato le principali novita' contenute nel programma nazionale di sviluppo rurale (pnsr) presentato a luglio a bruxelles, sul quale "si attendono le osservazioni della commissione". bellini si e' soffermato in particolare sulla parte assicurativa del piano, che - ha spiegato - contiene "numerose misure" riguardanti la gestione del rischio, tra le quali le assicurazioni per i raccolti, i fondi di mutualizzazione e per la stabilizzazione

3 (ap) - n /.. del reddito, interventi per le infrastrutture idriche ed a favore delle innovazioni normative ed operative. COTURNI ha presentato il contesto generale entro il quale le nuove politiche di gestione del rischio sono state inserite nell'ambito della nuova pac. le recenti crisi di mercato - ha detto - quali ad esempio la siccita' del 2012 sul grano, hanno dimostrato l'importanza della gestione del rischio, che "va contrastato anche a causa del sempre crescente cambiamento climatico" e della volatilita' dei prezzi che ne consegue. coturni ha spiegato in particolare le motivazioni che hanno portato allo spostamento delle misure per la gestione del rischio dal primo al secondo pilastro della pac. "dal 2015 infatti non ci saranno piu' i pagamenti diretti e le misure per la gestione del rischio faranno parte dello sviluppo rurale", ha precisato. RAZETO ha parlato del ruolo dell'ismea in relazione alla nuova programmazione ed all'evoluzione dei mercati, analizzando in particolare l'andamento delle assicurazioni agricole in italia negli ultimi dieci anni. nel 2005 il panorama assicurativo era composto per l'81% da polizze per i danni causati dalla grandine, per il 18% da pluririschio e "per appena l'1% dalle multirischio", ha evidenziato, osservando che "oggi la situazione e' radicalmente cambiata", con il 70% di pluririschio ed il 30% di multirischio. "gli imprenditori agricoli oggi possono gestire il rischio a trecentosessanta gradi, con polizze che coprono eventi che fino a pochi anni fa era impensabile assicurare", ha aggiunto, sostenendo che a suo avviso bisogna puntare sull'allargamento della base assicurativa, coinvolgendo piu' agricoltori. ROBERTS ha parlato del contesto dei rischi agricoli nel mercato globale assicurativo e riassicurativo, facendo notare, tra le altre cose, che mentre anni fa c'erano "pochissime societa' professioniste" che lavoravano in questi ambiti, oggi c'e' una "maggiore specializzazione", anche perche' "sono disponibili molto piu' dati che consentono di conoscere meglio il comparto primario e prevedere cio' che potrebbe succedere". e tutto questo "a vantaggio dell'agricoltore", ha aggiunto. allo stato attuale delle cose il mercato assicurativo e' "profondamente cambiato", e' diventato globale e vale circa 30 miliardi di dollari, ha concluso. un notevole interesse ha suscitato la relazione del ricercatore turco GULSEVEN, il quale ha presentato i risultati di uno studio, riferito al mercato turco, ma replicabile in altre realta' europee, nel quale si dava conto di quanto gli agricoltori fossero disposti a spendere per le assicurazioni e di quali fattori influenzassero la loro scelta di assicurarsi o meno. in soli sette anni la turchia, paese nel quale il 25% della popolazione si occupa di agricoltura, "e' passata da una situazione in cui non si sapeva cosa fossero le assicurazione a quasi un milione di certificati, con il 51% di aziende assicurate", anche grazie ad una "scelta governativa molto forte", ha asserito lo studioso. MEUWISSEN ha illustrato i risultati di un'indagine sulla gestione del rischio prezzo in alcune filiere, concentrandosi in particolare su sei casi di studio: il grano in bulgaria e francia, il pomodoro in spagna ed olanda, il maiale in germania ed il formaggio in olanda. lo studio, tra i molteplici risultati ottenuti, ha evidenziato che la volatilita' dei prezzi e' maggiore al livello delle aziende agricole e cala progressivamente nell'intera catena di distribuzione. un processo inverso di

4 (ap) - n /.. dispersione del valore "e' possibile solo i quando consumatori perdono fiducia nella gdo", ha fatto notare la ricercatrice. a queste parole ha fatto seguito una tavola rotonda sul tema "politiche e strumenti per la gestione del rischio", alla quale, oltre al presidente agabiti, che ha moderato gli interventi, hanno portato il loro contributo LYMOUZIN e ferrari. lymouzin ha illustrato ai presenti, suscitando una notevole curiosita', il funzionamento del fondo mutualistico francese per gli eventi ambientali e sanitari, spiegando che esso si basa sul pagamento di una quota di adesione, il cui importo e' forfettario. "ogni filiera deve responsabilizzarsi, definendo l'importo della quota da versare", ha spiegato, sottolineando che in questo modo sono stati raccolti circa dieci milioni di euro, con il 98% di quote versate rispetto a quanto richiesto. una volta raccolti i fondi - ha continuato lymouzin - "esaminiamo i sinistri e le richieste di risarcimento presentate e vediamo quali sono le capacita' ed i mezzi finanziari di cui disponiamo, anche in base alle quote versate". "quando c'e' la volonta' professionale e quando si ha una spiegazione chiara si puo' fare qualsiasi qualcosa", ha asserito. FERRARI ha evidenziato l'importanza della gestione del rischio in una grande azienda come la barilla, spiegando che "quando parliamo di rischio dobbiamo approcciarlo da tre punti di vista: garanzia della quantita' della merce, della qualita' del grano e volatilita' del prezzo". per gestire questi rischi utilizziamo diversi strumenti, come ad esempio lo stoccaggio, la diversificazione geografica della produzione, "in modo da avere maggiori garanzie", ed il ricorso a contratti di coltivazione, "tramite i quali ci interfacciamo direttamente con le controparti agricole e stabiliamo certe quantita' e qualita' di grano, decidendo insieme le varieta' migliori e le regole di prezzo". alla SECONDA GIORNATA dei lavori hanno portato il saluto delle organizzazioni professionali il presidente della coldiretti roberto moncalvo, il vicepresidente nazionale della cia antonio dosi, il delegato della giunta confagricoltura per i problemi assicurativi lorenzo nicoli. sono inoltre intervenuti il direttore generale del mipaaf giuseppe cacopardi, a nome del ministro, il rappresentante della commissione europea davide d'amato, il capo del dipartimento marketing dell'agenzia europea gnss gian gherardo calini, i ricercatori marietta janowiczlomotto, dell'universita' di danzica, e krzystof lyskawa, dell'universita' di poznan, il consigliere asnacodi e rappresentante del gruppo di lavoro sulla gestione del rischio del copa cogeca paola grossi, il dirigente ismea giovanni razeto, il broker di willis italia marco carbonchi, l'amministratore delegato di bruno sforni spa pier ugo andreini, il rappresentante di unicredit italia massimo gazzoli, e di new holland italia domenico reggiani. CACOPARDI ha messo in evidenza l'importanza del tavolo di concertazione permanente del mipaaf con l'asnacodi, le associazioni professionali agricole, l'ania, le regioni e l'ismea, grazie al quale "e' stato gestito il piano assicurativo negli ultimi anni", assicurando che "questo tavolo verra' mantenuto" anche nei prossimi anni. "stiamo cercando di arrivare ad una semplificazione dei sistemi informativi, che spesso sono molteplici e non si parlano tra di loro, intorno ad agea, che dovra' erogare i fondi alle imprese agricole" con l'obiettivo di arrivare ad avere un "sistema informatizzato e piu' semplice", ha spiegato il rappresentante del mipaaf. secondo cacopardi quello della variabile climatica e' un problema "sempre piu' diffuso", del quale gli imprenditori "sono ben consapevoli" e non si

5 (ap) - n /.. dovrebbe pertanto "fare molta fatica a spiegare loro l'importanza di interventi di questo tipo". "le assicurazioni agricole sono ormai fondamentali e le scelte della nuova pac lo confermano", ha asserito MONCALVO assicurando tutto il sostegno della coldiretti all'attivita' di asnacodi. quello che serve - ha aggiunto il presidente - sono "riflessioni profonde, per capire quali sono gli strumenti e le possibilita' assicurative migliori" per le singole aziende. "le sfide sono tante e possono essere affrontate se i consorzi di difesa continuano a migliorarsi per offrire servizi sempre piu' puntuali alle imprese", ha proseguito moncalvo, evidenziando l'importanza di una "copertura assicurativa omogea", di un "corretto equilibrio gestionale e territoriale" della rappresentanza dei consorzi di difesa ed essere punto di riferimento "in termini di qualita' degli strumenti e di prezzi". se l'azienda agricola "non vuole rischiare il default deve tutelarsi tramite strumenti di gestione del rischio", ha osservato DOSI. in tema di gestione del rischio "c'e' molto da costruire assieme", puntando in particolare sull'innovazione, poiche' "dobbiamo essere al passo con i tempi e se possibile anche avanti, dal momento che l'innovazione puo' portare vantaggi e risparmi", ha continuato. NICOLI ha espresso soddisfazione per gli esiti del forum e per gli "interessantissimi" interventi susseguitisi, evidenziando che a suo parere il comparto primario necessita di uno "sforzo di competitivita'" collettivo, "senza che nessuno si senta escluso". "l'autocritica va fatta su tutto il sistema" che deve interrogarsi sui reali ostacoli alla competitivita', ha concluso. D'AMATO ha evidenziato l'importanza della ricerca e del coinvolgimento degli agricoltori nella politica dell'unione europea, soffermandosi in particolare sul programma di lavoro ricerca e innovazione scientifica horizon quello della ricerca - ha spiegato d'amato - e' un "mondo che cerca di uscire dai laboratori ed entrare nella realta', affrontando le complesse sfide che stanno incidendo sulla catena della produzione alimentare". l'unione europea agisce tramite due canali: da un lato con lo sviluppo di politiche e strategie per la mitigazione e l'adattamento climatico, per la biodiversita' e dall'altro con programma di investimenti "che portino a soluzioni fattibili", ha precisato. CALINI ha parlato delle tecnologie e della ricerca a supporto della gestione dei rischi, spiegando quelle che sono le attivita' dell'agenzia europea gnss, tra le infrastrutture satellitari di proprieta' della commissione europea insieme all'agenzia spaziale europea (esa), con particolare riferimento ai progetti egnos e galileo. l'agricoltura "e' uno dei mondi piu' innovativi" e sul quale stiamo lavorando maggiormente, ha continuato, evidenziando le grandissime potenzialita' offerte al comparto primario dall'utilizzo di tecnologie di posizionamento satelitare, dalle quali - ha detto - "ci auguriamo derivera' gran parte del nostro ritorno economico". JANOWICZ e LYSKAWA hanno presentato i risultati di una ricerca sull'utilizzo degli indici assicurativi nella gestione del rischio, con particolare riferimento alle nuove modalita' di assicurazione prevista dalla pac i due ricercatori hanno analizzato in particolare i fattori che spingono gli agricoltori ad assicurarsi, facendo un confronto tra le assicurazioni tradizionali sui raccolti e gli indici

6 (ap) - n /.. assicurativi della pac 2014, tra le quali - hanno rilevato - "ci sono molteplici differenze". la ricerca ha dedicato particolare attenzione ai dati riguardanti il comparto agricolo polacco, paese nel quale "piu' del 90% degli agricoltori e' proprietari di terreni piu' piccoli di 20 ettari" e "c'e' una tassa ad ettaro da pagare per gli agricoltori che decidono di non assicurarsi". anche questa ricerca, come le precedenti esposizioni riguardanti il contesto europeo ed extraeuropeo, ha suscitato un notevole interesse, anche per il taglio dato dai due ricercatori alle loro presentazioni, nelle quali hanno ripercorso la storia delle assicurazioni agricole mettendola in relazione con le vicende storiche che hanno interessato la polonia dalla caduta del socialismo ad oggi. gli interventi di questo forum - ha affermato GROSSI - "ci hanno aperto prospettive abbastanza nuove" e hanno evidenziato che "in tutti i paesi non esistono strumenti di gestione del rischio completamente auto finanziabili, ma c'e' sempre bisogno di un intervento statale". "ci sono sempre una serie di rischi che non sono prevedibili e devono ricadere sulla collettivita', perche' settore agricolo fornisce ad esso beni pubblici ulteriori rispetto alla semplice produzione di cibo", ha aggiunto grossi, facendo notare che "l'agricoltura ha una reputazione che deriva dal fatto che non e' soltanto un settore economico, ma anche un comparto che ha la funzione di assicurare dei beni pubblici a tutti i cittadini, ovvero la sicurezza alimentare, la sicurezza idrogeologica ed il presidio del territorio, fondamentale per la sopravvivenza comunita' urbane". secondo grossi gli strumenti della pac "non potranno risolvere tutte le questioni legate alla variabilita' dei prezzi" e bisogna per questo "puntare su un approccio olistico, in modo da coordinare i fattori di rischio e gli strumenti che possono essere utili a gestirlo ed affrontarlo". i lavori del forum sono stati conclusi dal presidente dell'asnacodi AGABITI, il quale si e' detto soddisfatto dell'esito dei lavori, che hanno confermato il "fermento" che si respira a livello internazionale e mondiale intorno al tema delle assicurazioni in agricoltura e "ci ha fatto capire in maniera chiara che noi siamo ben inseriti" in questo fermento. gli interventi che si sono susseguiti - ha aggiunto - "ci hanno inoltre dimostrato che non ci puo' essere un unico strumento per assicurare il reddito, ma se ne devono usare di molteplici e collaterali". "in questo modo il rischio imprenditoriale si riduce di molto", anche se "nessun contratto o assicurazione si potranno mai sostituire al rischio d'impresa", ha asserito agabiti. gli interventi di oggi - ha continuato - ci hanno dimostrato che la reputazione del mondo agricolo "e' molto alta" e "ne abbiamo avuto conferma dalle banche e dalle compagnie di assicurazioni". "e' su questo che dovremo continuare a costruire il nostro futuro", sfruttando la professionalita' dei nostri rappresentanti dei consorzi di difesa, l'esperienza del gruppo di lavoro internazionale che abbiamo ascoltato in questi giorni, e gli strumenti comunitari che abbiamo a disposizione. ai lavori del forum hanno inoltre partecipato, tra gli altri, il capogruppo del pd in commissione agricoltura della camera nicodemo oliverio (pd), il direttore generale dell'anbi massimo gargano, ed il professor angelo frascarelli, direttore del cesar. le foto del forum sono su https://www.flickr.com/photos/agrapress/sets/ /. (ab) NOTIZIARIO TRASMESSO ALLE 15:00 E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di AGRA PRESS, salvo espliciti e specifici accordi in materia con citazione della fonte. I TESTI CITATI SONO DISPONIBILI CON RIFERIMENTO AL NUMERO DI NOTIZIA Tel fax

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese PRIMA GIORNATA CIA IN EXPO Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese 5 maggio 2015 AUDITORIUM DI PALAZZO ITALIA PADIGLIONE ITALIA EXPO MILANO 2015 Cia è main partner del parco della biodiversità

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

La nuova Pac 2014-2020

La nuova Pac 2014-2020 La nuova Pac 2014-2020 Un analisi delle proposte della Commissione A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Ferdinando Albisinni, Giovanni Anania, Giuseppe Blasi, Vasco Boatto, Gabriele Canali, Mario

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo 30 AGRICOLTURA LA RIFORMA DELLA PAC Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo Un rilevante progresso comunitario Giorgio Ferrero Presidente Coldiretti Piemonte Il provvedimento, frutto della

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La politica agricola comune

La politica agricola comune La politica agricola comune Continua... ANNI di Politica Agricola Comune Pronti per il futuro U N A P A R T N E R S H I P T R A L ' E U R O P A E G L I A G R I C O L T O R I Agricoltura e sviluppo rurale

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

LA PAC 2014-2020. Le decisioni dell Ue e le scelte nazionali. Quaderni. A cura di Fabrizio De Filippis

LA PAC 2014-2020. Le decisioni dell Ue e le scelte nazionali. Quaderni. A cura di Fabrizio De Filippis LA PAC 2014-2020 Le decisioni dell Ue e le scelte nazionali A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Gabriele Canali, Fabrizio De Filippis, Angelo Frascarelli, Roberto Henke, Paolo Magaraggia, Fabio

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.6.2011 COM(2011) 500 definitivo PARTE II COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 23-2 maggio 2008 Stampato in proprio in maggio 2008 In questo numero: Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE PARZIALE... 5 DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli