INDICE. Il Tempo Composto... Cellule ritmiche... Solfeggio ritmico... Solfeggiamo... Solfeggiamo cantando...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Il Tempo Composto... Cellule ritmiche... Solfeggio ritmico... Solfeggiamo... Solfeggiamo cantando..."

Transcript

1 INDICE...ancora sulla scrittura musicale - Segni di Espressione La legatura di portamento... La legatura di frase... Lo staccato... Il portato o appoggiato... Lo sforzato o accentato... Facciamo Pratica... Il Tempo Composto... Cellule ritmiche... Solfeggio ritmico... Solfeggiamo... Solfeggiamo cantando... Gruppi di tempo irregolari Terzina... Sestina... Solfeggiamo... Solfeggiamo cantando... in compagnia... Le Scale La scala naturale e i suoi gradi... Facciamo Pratica... La scala maggiore... Facciamo Pratica... La scala minore naturale... La scala minore armonica... La scala minore melodica... Facciamo Pratica... Prospetto delle Tonalità... Solfeggiamo... Gli Accordi Accordi maggiori... Accordi minori... La scrittura degli accordi... Oltre... la scrittura classica... Facciamo Pratica... I rivolti degli accordi......e se aggiungiamo un altro suono alla triade!?... Facciamo Pratica... pag. 2 pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 3 pag. 5 pag. 6 pag. 7 pag. 9 pag. 17 pag. 20 pag. 21 pag. 22 pag. 28 pag. 30 pag. 31 pag. 32 pag. 32 pag. 34 pag. 36 pag. 36 pag. 37 pag. 40 pag. 41 pag. 44 pag. 45 pag. 46 pag. 47 pag. 48 pag. 49 pag. 50 pag. 51

2 Il Trasporto... Strumenti traspositori... Facciamo pratica......ancora qualcosa sui Tempi Semplici e Composti Tempi semplici... Tempi composti... Facciamo pratica... pag. 53 pag. 54 pag. 55 pag. 56 pag. 57 pag. 59 Verifica finale di riepilogo... pag. 60

3 Prefazione Dopo circa quindici anni dediti alla raccolta di materiale e applicazione di varie metodologie di insegnamento della musica, dalle più tradizionali alle più innovative, rivolte a diverse tipologie di alunni per età e interesse, ho deciso di scrivere in modo ordinato e organico tutto quello che è scaturito dalle osservazioni sul campo. Pertanto, dall esigenza di fornire agli alunni del corso di strumento musicale nelle scuole medie e nelle scuole di musica un testo essenziale, comprensibile e completo di tutti quegli argomenti inerenti al linguaggio musicale, necessari per leggere e suonare un brano musicale sono scaturiti i tre volumi del Musichese. I tre volumi comprendono la parte teorica (scrittura musicale, scale, accordi, trasporto, ecc.) corredata di ben 130 esercizi pratici da svolgere sul libro e 160 esercizi di solfeggio (ritmico, parlato e cantato). Nella stesura dei tre volumi ho voluto tener conto di alcune caratteristiche peculiari: Per la teoria, mi sono limitato a trattare quegli argomenti che fanno parte degli OSA (obiettivi specifici di apprendimento) riferiti alla difficoltà dei brani che gli alunni potranno affrontare nel triennio. Per il solfeggio, ho preferito lavorare più sulle cellule ritmiche che sui singoli valori, evitando inoltre di proporre quelle che difficilmente (o mai) gli alunni incontreranno nel repertorio. Per lo sviluppo della musicalità, ho scelto prevalentemente brani con un senso musicale definito e non aride formule di valori musicali, per questo, la maggior parte degli esercizi è tratta dal repertorio di melodie della tradizione popolare e di autori classici. Per la musica d insieme, ho inserito alcuni esercizi nel libro e rimando ai colleghi l impegno di privilegiare e promuovere per l esercitazione di solfeggio la formazione di gruppi, nella stessa classe e a classi aperte (con gli altri strumenti), rendendo così lo studio di sicuro più divertente e costruttivo.

4 Per la creatività, ho cercato di stimolare gli alunni all elaborazione del materiale sonoro con un largo utilizzo della tecnica della variazione, partendo da brani dati fino alla creazione libera di semplici composizioni. Ai colleghi che useranno questi testi lascio il compito di approfondire quegli argomenti qui solamente accennati come il dettato ritmico e melodico. Agli alunni voglio augurare che Il Musichese, per il modo in cui sono trattati gli argomenti del linguaggio musicale, possa servire loro per trovare o rafforzare quel piacere che si ha nel fare musica suonando da soli e con gli altri, imparando un linguaggio veramente universale come quello dei suoni. Buon lavoro. Nicotera, 2 febbraio 2007 Un sentito ringraziamento va a quanti mi hanno aiutato nella stesura del libro, innanzitutto a tutti gli allievi che in questi anni mi hanno indirizzato con le loro osservazioni verso questo modo di vedere l insegnamento musicale, all amico fraterno M Stefano Magliaro per la revisione della prima bozza, a mia moglie Francesca e alla collega Giusy Febbraro per la paziente correzione delle bozze, ai colleghi e amici Antonio Aprile, Claudio Fittante, Fabio Sirianni, Antonino Borrino per i preziosi consigli e, in modo particolare, all amico Diego Barbalace che con i suoi disegni ha impreziosito e resa più viva questa pubblicazione. La realizzazione di un libro presenta aspetti complessi e richiede particolare attenzione nei controlli. E difficile evitare completamente inesattezze e imprecisioni che spesso prendono evidenza solo dall uso dell opera. L editore e l autore ringraziano sin da ora chi vorrà indicarle. Per segnalazioni o suggerimenti relativi al presente volume scrivere a: oppure Grazie.

5 5 Finora abbiamo solfeggiato utilizzando i cosiddetti tempi semplici (2/4, 3/4 e 4/4), ora tratteremo altre indicazioni di tempo ovvero i tempi composti (6/8, 9/8 e 12/8). Il TEMPO COMPOSTO La novità del tempo composto, rispetto a quello semplice, consiste nella suddivisione del movimento. Infatti nei tempi semplici ogni movimento si suddivideva in due parti (binario), nei tempi composti invece si duddivide in tre parti (ternario). Questa suddivisione caratterizza il ritmo di questi tempi contribuendo a renderli danzanti. Indicazione numerica Nei tempi composti la frazione deve essere interpretata come segue: il numeratore indica il numero delle suddivisioni di ogni battuta e il denominatore il valore di ogni suddivisione. = 6 suddivisioni = Valore di una suddivisione (1/8) Vi ricordo che nei tempi semplici, invece, la frazione veniva così interpretata: il numeratore indicava il numero dei movimenti di ogni battuta e il denominatore il valore di ogni movimento. = 4 movimenti = Valore di un movimento (1/4) Movimento e Suddivisione Nei tempi composti il valore di un movimento è rappresentato dalla semiminima con il punto ( ). Pertanto ogni movimento, come detto prima, è a suddivisione ternaria, cioè, si suddivide in tre parti uguali (tre crome ). Movimenti Suddivisioni Vi ricordo che nel tempo semplice, invece, la suddivisione è binaria quindi ogni movimento si suddivide in due parti uguali. Nel caso di un tempo 2/4, 3/4 o 4/4 la semiminima (che rappresenta il movimento) si suddivide in due crome. Movimenti Suddivisioni

6 9 S ol fe ggi a m o Calabrisella (Italia) 1 Barcarola (Jacques Offenbach) 2

7 20 Gruppi di tempo irregolari TERZINA e SESTINA I gruppi irregolari vengono così definiti perché la somma delle figure che li compongono, non corrisponde al valore reale che dovrebbero occupare. I più comuni e frequenti di questi gruppi, sono la terzina e la sestina. La Terzina La terzina è un gruppo irregolare molto comune nei tempi semplici, si indica con un 3 posto sopra o sotto il raggruppamento: Essa è formata da 3 note che valgono quanto due della stessa specie ( = ; = ; = ), infatti: in un tempo semplice 3 crome scritte normalmente ( ) occupano un movimento e mezzo ma, se alle stesse note viene apposto il segno di terzina ( ), il loro valore si contrae facendole entrare in un solo movimento. L effetto musicale risultante, dalla piccola riduzione di valore, sarà quello di una maggiore scorrevolezza dei 3 suoni. Con la suddivisione binaria proviamo a pronunciare le parole indicate, battendo una pulsazione regolare. Nell esempio successivo, pur mantenendo la stessa suddivisione, sul secondo e quarto movimento vengono inserite delle suddivisioni ternarie. Cellule Ritmiche Esecuzione Suddivisioni

8 24 33 dall Ave Maria (Franz Schubert ) 34 35

9 28 Sol fe g gi a m o Cantaaaandooo......in compagnia Oh! dolce armonia (W. Amadeus Mozart) 45

10 32 La Scala Maggiore Analizzando le scale del precedente esercizio si può notare subito che i semitoni non sono sempre fra gli stessi gradi. La scala maggiore presenta una particolare disposizione dei toni e semitoni che si ripete sempre uguale per tutte le scale e, siccome tale disposizione viene data dalla scala naturale di DO, useremo questa come modello per formare tutte le altre scale maggiori. Pertanto l effetto sonoro di tutte le scale maggiori, pur cambiando le note e l altezza, rimarrà sempre uguale. TONO TONO SEMITONO TONO TONO TONO SEMITONO Il 7 grado é stato innalzato altrimenti, con il FA naturale, non avremmo avuto il tono tra 6 e 7 grado e il semitono tra 7 e 8 grado SOL LA SI DO RE MI FA # SOL TONO TONO SEMITONO TONO TONO TONO SEMITONO Facciamo Pratica DO# RE# FA# SOL# LA# 9 Costruisci le scale maggiori partendo dalla nota data. (Si consiglia di scrivere prima tutte le note della scala e poi inserire le eventuali alterazioni, la tastiera qui riprodotta può essere di aiuto per lo svolgimento dell esercizio) REb MIb SOLb LAb SIb RE RE TONO TONO SEMITONO TONO TONO TONO SEMITONO MI MI TONO TONO SEMITONO TONO TONO TONO SEMITONO

11 38 11 Scrivi accanto a ogni scala il nome, il modo (maggiore o minore) e, se minore, il tipo di scala (naturale, armonica o melodica) = nome modo nat. arm. mel. = nome modo nat. arm. mel. = nome modo nat. arm. mel. = nome modo nat. arm. mel. = nome modo nat. arm. mel. = nome modo nat. arm. mel. 12 Di seguito viene proposta la famosa melodia Frà Martino scritta nella tonalità di DO maggiore con indicato, sotto ogni nota, il relativo grado della scala. Trascrivila nella tonalità di DO minore naturale e, dopo aver svolto l esercizio, suonala più volte facendo attenzione alle due versioni.

12 41 Attenzione ragazzi! Vi è stato appena indicato un procedimento per individuare, tramite le alterazioni permanenti, la tonalità del brano ma, come avete visto, viene individuata subito la tonalità maggiore. Per sapere se invece ci troviamo nella tonalità relativa minore, bisogna analizzare le note della melodia e verificare se tra queste ve ne sono alcune che appartengono al modo minore. Tra gli indizi principali suggeriamo di individuare le eventuali alterazioni transitorie. Alterazioni transitorie In base a quanto detto finora l esempio su riportato è scritto nella tonalità di LA b maggiore o FA minore ma, da una più attenta analisi, possiamo dire con una certa sicurezza di trovarci nella tonalità di FA minore perché: 1) vi troviamo per ben tre volte in sole 7 battute la tonica di FA minore (note nel cerchio); 2) vi è la presenza della dominante di FA minore (nota nel quadrato); 3) cosa più importante, le note RE e MI sono alterate e corrispondono al 6 e 7 grado della scala di FA minore melodica. Quando abbiamo parlato delle alterazioni abbiamo detto che ci sono delle note che, pur avendo un nome diverso, producono lo stesso suono (DO # = RE b ). Questi due suoni li abbiamo chiamati omologhi o enarmonici. Lo stesso discorso vale per quelle scale che hanno per tonica due suoni omologhi: DO # maggiore e LA # minore = RE b maggiore e SI b minore FA # maggiore e RE # minore = SOL b maggiore e MI b minore SI maggiore e SOL # minore = DO b maggiore e LA b minore. Generalmente si sceglie di usare le scale con meno alterazioni quindi RE b, SOL b e SI. Facciamo Pratica 17 A Collega con una linea le tonalità maggiori dell insieme A con le rispettive relative minori dell insieme B. MI RE SI b DO MI b SOL FA DO # RE b LA b Do # Si La # Sol La Mi b Si b Do Fa Mi Re B

13 44 Gli Accordi Quando si è parlato degli intervalli è stato detto che essi possono essere melodici o armonici. Questi ultimi sono stati spiegati prendendo come esempio la sovrapposizione di due suoni dai quali deriva il bicordo. Se adesso a questo bicordo andiamo ad aggiungere uno o più suoni, tutti a distanza di terza (minore o maggiore), otterremo un accordo (se formato da tre suoni viene anche detto triade). Per formare un accordo o triade bisogna sovrapporre almeno due intervalli di terza. A seconda di come vengono sovrapposti si otterranno diversi tipi di accordo: maggiore, minore, ecc.. Accordi Maggiori L accordo maggiore si ottiene sovrapponendo una terza maggiore e una minore. Nota di partenza per costruire l accordo Terza Maggiore (due toni) Terza Minore (un tono e mezzo) Accordo di DO maggiore + + = Accordo di MI maggiore + + = Un altro sistema molto pratico e veloce per ottenere un accordo maggiore è quello di sovrapporre il primo, il terzo e il quinto grado della scala maggiore che ha come tonica la nota dell accordo

14 54 Strumenti Traspositori Prima abbiamo visto come il trasporto può tornare utile in certe occasioni ma dovete sapere che ci sono alcuni strumenti, specialmente della famiglia dei fiati, che usano normalmente questa pratica nella scrittura o nella lettura e per questo vengono comunemente denominati strumenti traspositori. Esamineremo quelli più utilizzati. Normalmente l intonazione generale degli strumenti viene definita in DO. La particolarità degli strumenti traspositori è che la scrittura delle note sul pentagramma, quindi la posizione di una qualsiasi nota sullo strumento, non corrisponde al suono reale che produce. Per esempio se su uno strumento in SI bemolle prendiamo la posizione della nota DO il suono reale che viene fuori non è un DO ma un SI bemolle (1 tono sotto). Ma adesso andiamo a scoprire quali sono gli strumenti traspositori più comuni: a) Strumenti in SI bemolle (Clarinetto, Sax soprano, Sax tenore*, Tromba) una seconda (1 tono) sotto rispetto al DO. Essendo il suono reale un tono sotto rispetto a quello degli strumenti in DO, la scrittura deve essere un tono sopra per poter suonare insieme a essi. b) Strumenti in MI bemolle (Clarinetto piccolo, Sax contralto*, Sax baritono**, Tromba) una terza minore (1 tono e 1 semitono) sopra rispetto al DO. *Una ottava più grave ** Due ottave più gravi. Essendo il suono reale un tono e mezzo sopra rispetto a quello degli strumenti in DO, la scrittura deve essere un tono e mezzo sotto per poter suonare insieme a essi. * Nella normale scrittura per questi strumenti si usa trasportare i suoni reali un ottava sopra. c) Strumenti in FA (Tromba, Corno, Corno inglese) una quinta (3 toni e 1 semitono) sotto rispetto al DO. Essendo il suono reale tre toni e un semitono sotto rispetto rispetto a quello degli strumenti in DO, la scrittura deve essere due toni e un semitono sopra per poter suonare insieme a essi.

15 56 Finora abbiamo parlato solo dei tempi semplici e composti più utilizzati, ma oltre a questi esistono altri tempi di cui adesso vi voglio parlare.... ancora qualcosa sui Tempi Semplici e Composti Prima di riprendere questo argomento è bene introdurre alcuni concetti, l unità di battuta, l unità di movimento e l unità di suddivisione: 1) l unità di battuta (UdB) corrisponde alla figura musicale che rappresenta tutto il valore della misura (es. nel tempo 4/4 è la semibreve ); 2) l unità di movimento (UdM) corrisponde alla figura musicale che rappresenta il valore di un movimento della battuta (es. nel tempo 4/4 è la semiminima ); 3) l unità di suddivisione (UdS) corrisponde nei tempi semplici alla figura che rappresenta metà movimento (es. nel tempo 4/4 è la croma ), nei tempi composti, alla figura che rapprensenta una delle tre suddivisioni. Tempi Semplici = due mezzi; = tre mezzi; = quattro mezzi; = due ottavi; = tre ottavi = quattro ottavi. UdB UdB UdB UdM UdS La figura sopra segnata ( ) è una breve e vale il doppio della semibreve. UdB UdB UdB UdM UdS

16 60 Verifica finale di riepilogo 1) Analisi del brano popolare Cicerenella. a) E un tempo semplice o composto?. Perché la prima battuta è incompleta?. b) Ci sono alterazioni permanenti?. Se sì, quali?. c) Qual è la tonalità del brano?. E maggiore o minore?. d) Quali sono le figure musicali utilizzate?. e) Qual è la figura più presente?. f) L altezza generale delle note utilizzate nel brano è grave, media o acuta?. g) Ci sono pause?. Se sì, indica il numero delle battute in cui si trovano. h) Ci sono alterazioni transitorie?. Se sì, indica in quale battuta si trovano e la nota alterata. i) L intervallo tra le note SOL 3 e DO 4 è di quinta?. l) Qual è l intervallo più ricorrente?. m) In quale punto del brano si trova la nota più acuta?. E quella più grave?. n) Sono presenti delle figurazioni ritmiche di contrattempo?. Se sì, dove?. o) Eseguiresti il brano a una velocità sostenuta oppure lenta?. p) Con quale indicazione metronomica?. q) Vengono utilizzati dei segni di abbreviazione?. Se sì, quali?. r) Perché l ultima battuta è incompleta?. s) In che tipo di situazione utilizzeresti il brano come colonna sonora: allegra, malinconica o triste?. t) Tenendo conto dei ritornelli suonati, di quante battute è composto realmente il brano?. u) Dovendo mettere delle indicazioni di dinamica, dove e quali inseriresti?.

INDICE. Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... Facciamo Pratica...

INDICE. Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... Facciamo Pratica... INDICE Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... pag. 2 pag. 4 pag. 4 Le Note Musicali ovvero il nome dei suoni... pag. 6 pag. 6 Come indicare l Altezza Il pentagramma o rigo

Dettagli

INDICE. Il Tempo Composto... pag. 5 Cellule ritmiche... pag. 6 Solfeggio ritmico... pag. 7 Solfeggiamo... pag. 9 Solfeggiamo cantando... pag.

INDICE. Il Tempo Composto... pag. 5 Cellule ritmiche... pag. 6 Solfeggio ritmico... pag. 7 Solfeggiamo... pag. 9 Solfeggiamo cantando... pag. INDICE...ancora sulla scrittura musicale - Segni di Espressione La legatura di portamento... pag. 2 La legatura di frase... pag. 2 Lo staccato... pag. 2 Il portato o appoggiato......pag. 3 Lo sforzato

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica

Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica Le cose fondamentali che dobbiamo conoscere per poter accedere al corso specifico di tastiere elettroniche e di pianoforte li vado ad elencare

Dettagli

VALORI MUSICALI SUONI PAUSE battere levare VALORI MUSICALI

VALORI MUSICALI SUONI PAUSE battere levare VALORI MUSICALI VALORI MUSICALI 1 Per la formazione di un qualsiasi discorso musicale occorrono due elementi essenziali, e cioè: SUONI e PAUSE Non si può comprendere una composizione musicale senza che questi elementi

Dettagli

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Il punto di riferimento della musica tonale è la scala, in quanto essa è la sintesi di tutte le note che appartengono ad una data tonalità. Inoltre,

Dettagli

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO GIAMPIERO BARILE IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO Corso di solfeggio per bambini Esercizi ritmici di preparazione Illustrazioni: Giorgia Serafini Sigh!! Non Ä giusto voglio imparare anche io la musica ma

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Programmazione annuale Violoncello

Programmazione annuale Violoncello I.C. Boville Ernica Corso ad indirizzo musicale a.s. 2015/2016 Programmazione annuale Violoncello Docente: Gabriele Bassi CLASSE: II A CLASSE: II B CLASSE: II C 1. Analisi della situazione di partenza

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3-4 anni INFANZIA 5 anni Discriminare la

Dettagli

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori Corso di orientamento musicale diviso in lezioni semplici ed essenziali. L obiettivo è di assolvere alla funzione didattica utilizzando i parametri teorico-musicali essenziali in modo propedeutico ma anche

Dettagli

Lettura musicale e sviluppo della musicalità

Lettura musicale e sviluppo della musicalità Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Copyright

Dettagli

SOMMARIO. 1 Il sistema temperato... Pag 1 1.1 Semitono cromatico e semitono diatonico 1.2 il tono

SOMMARIO. 1 Il sistema temperato... Pag 1 1.1 Semitono cromatico e semitono diatonico 1.2 il tono SOMMARIO 1 Il sistema temperato... Pag 1 1.1 Semitono cromatico e semitono diatonico 1.2 il tono 2 Scala maggiore e scala minore... Pag 2 2.1 Definizione di scala 2.2 Scala di C maggiore 2.3 La scala di

Dettagli

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire La scala maggiore Ora che abbiamo dato un pò di cenni teorici e impostato sia la mano destra che la sinistra è venuto il momento di capire cosa suonare con il basso ( impresa ardua direi ), cioè quando

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI)

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Progetto di educazione musicale è finalizzato allo sviluppo di quattro competenze specifiche: - Educazione

Dettagli

CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA

CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA 1 Competenze in uscita per la classe prima 2 NU CLE I FON DA NTI O.S.A. -Individuare i ritmi interni del corpo aventi andamento costante (cardiaco, respiratorio) -Riconoscere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011

PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011 Istituto Comprensivo SOLARI Albino (BG) Scuola Secondario di I grado Materia: Pianoforte Docente: Maestro Paolo Rinaldi PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011 OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Impariamo a calcolare gli intervalli

Impariamo a calcolare gli intervalli Impariamo a calcolare gli intervalli A cosa servono gli intervalli? 1. Costruire le scale 2. Costruire gli accordi e i loro arpeggi 3. Capire da quale scala proviene una frase 4. Capire quale accordo puoi

Dettagli

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di MUSICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in

Dettagli

Alessandra Fralleone e Roberta Del Ferraro

Alessandra Fralleone e Roberta Del Ferraro Alessandra Fralleone e Roberta Del Ferraro Metodo per lo studio del pianoforte nella Scuola Media ad Indirizzo Strumentale Vol.1 Edizioni z Eufonia Edizioni - Via Trento, 5 25055 Pisogne (BS) Tel. 0364

Dettagli

Curricolo verticale di Musica scuola primaria

Curricolo verticale di Musica scuola primaria Curricolo verticale di Musica scuola primaria Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria (1) L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo,

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ESPRESSIVO-MUSICALE Lo studente al termine del PRIMO

Dettagli

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: Corso giocoso di teoria della musica. Lezione : le NOTE MUSICALI. Prima di apprendere nuovi contenuti musicali mettiti alla prova. } Come si chiama questa FIGURA DI VALORE? SEMIMINIMA } Quanto vale? CROMA

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

CLASSE I -II. Conoscenza delle posizioni/diteggiature e sviluppo di una funzionale tecnica digitale. Saper eseguire esercizi tecnici (colpi

CLASSE I -II. Conoscenza delle posizioni/diteggiature e sviluppo di una funzionale tecnica digitale. Saper eseguire esercizi tecnici (colpi Tecnica -Il braccio e la mano destra -La produzione del suono -I colpi d arco chiave -La mano sinistra ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI ALESSANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DEL CORSO DI VIOLINO (I II III

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CREAZZO CURRICOLO DI STRUMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CREAZZO CURRICOLO DI STRUMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CREAZZO CURRICOLO DI STRUMENTO ASPETTI FORMATIVI L'insegnamento strumentale costituisce integrazione interdisciplinare ed arricchimento dell'insegnamento obbligatorio dell'educazione

Dettagli

PROGRAMMI DEGLI ESAMI DI AMMISSIONE ALLE CLASSI PRIME

PROGRAMMI DEGLI ESAMI DI AMMISSIONE ALLE CLASSI PRIME ISTITUTO MAGISTRALE STATALE REGINA MARGHERITA P. TTA SS. SALVATORE, 1 90134 - PALERMO LICEO MUSICALE E COREUTICO - SEZIONE MUSICALE PROGRAMMI DEGLI ESAMI DI ALLE CLASSI PRIME PER L ANNO SCOLASTICO 2016/2017

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STRUMENTO E MUSICA D INSIEME E TEORIA MUSICALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STRUMENTO E MUSICA D INSIEME E TEORIA MUSICALE SCUOLA MEDIA STATALE PIUMATI-CRAVERI- DALLA CHIESA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STRUMENTO E MUSICA D INSIEME E TEORIA MUSICALE CORSI AD INDIRIZZO MUSICALE CLASSI 1A -1 B 2 A - 2

Dettagli

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori, dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte. L alunno esplora diverse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE I D A. S. 2014/15

PROGRAMMAZIONE CLASSE I D A. S. 2014/15 Daniela Laura Rosa Flauto Traverso PROGRAMMAZIONE CLASSE I D A. S. 2014/15 La classe è formata da due alunne : F. Berto e V. De Nonno Il primo approccio con il flauto è stato mediamente positivo anche

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

C O M P O S I Z I O N E

C O M P O S I Z I O N E Pagina 1 di 6 scuola di C O M P O S I Z I O N E corso tradizionale PROGRAMMI DEGLI ESAMI DI PROMOZIONE dei CORSI COMPLEMENTARI TEORIA SOLFEGGIO E DETTATO MUSICALE PROMOZIONE AL 2 ANNO DEL CORSO Lettura

Dettagli

PROPEDEUTICA MUSICALE

PROPEDEUTICA MUSICALE ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI VILLAPIANA (CS) SCUOLA PRIMARIA PLESSI VILLAPIANA, CENTRO, LIDO E SCALO PROGETTO DI PROPEDEUTICA MUSICALE Anno scolastico 2015/2016 COSA È LA PROPEDEUTICA MUSICALE? Una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA DELLA CLASSE PRIMA Percepisce il paesaggio sonoro in cui vive Usa la voce nelle più svariate forme di espressione

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Musica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : L alunno esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali,

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche

Dettagli

versione MiSta StRuMenti PeR una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Rosanna P.

versione MiSta StRuMenti PeR una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Rosanna P. Rosanna P. Castello StRuMenti PeR una didattica inclusiva a cura di Roberto Pigliapoco Schede facilitate Spartiti guidati Mappe illustrate Materiali audio Verifiche Scarica gratis il libro digitale con

Dettagli

scuola di V I O L A corso tradizionale PROGRAMMI DEGLI ESAMI DI PROMOZIONE dei CORSI COMPLEMENTARI TEORIA SOLFEGGIO E DETTATO MUSICALE

scuola di V I O L A corso tradizionale PROGRAMMI DEGLI ESAMI DI PROMOZIONE dei CORSI COMPLEMENTARI TEORIA SOLFEGGIO E DETTATO MUSICALE Pagina 1 di 5 scuola di V I O L A corso tradizionale PROGRAMMI DEGLI ESAMI DI PROMOZIONE dei CORSI COMPLEMENTARI TEORIA SOLFEGGIO E DETTATO MUSICALE Lettura di un solfeggio parlato, a prima vista, nelle

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID Scuola Secondaria di I grado PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE MUSICALE PER IL TRIENNIO. Finalità della disciplina

SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID Scuola Secondaria di I grado PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE MUSICALE PER IL TRIENNIO. Finalità della disciplina SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID Scuola Secondaria di I grado PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE MUSICALE PER IL TRIENNIO Finalità della disciplina La finalità generale dell'educazione Musicale consiste nel

Dettagli

AFFINAMENTO DELLA TECNICA DEL FLAUTO DOLCE ACQUISIZIONE DI CAPACITÀ ESPRESSIVE CONOSCENZA E ACQUISIZIONE DELLA NOTAZIONE MUSICALE

AFFINAMENTO DELLA TECNICA DEL FLAUTO DOLCE ACQUISIZIONE DI CAPACITÀ ESPRESSIVE CONOSCENZA E ACQUISIZIONE DELLA NOTAZIONE MUSICALE UAD N. 3 AFFINAMENTO DELLA TECNICA DEL FLAUTO DOLCE ACQUISIZIONE DI CAPACITÀ ESPRESSIVE E ACQUISIZIONE DELLA NOTAZIONE MUSICALE Riferimento OSA: 1-3(conoscenza) e A - B(abilità) Conoscenza della diteggiatura

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA MUSICA CLASSE PRIMA 1 Ascoltare e discriminare i suoni e i rumori della realtà ambientale dal vivo o registrati. 2 Attribuire significati a segnali sonori

Dettagli

CORSO DI CHITARRA moderna Marco Felix

CORSO DI CHITARRA moderna Marco Felix CORSO DI CHITARRA moderna Marco Felix 1 Sito internet : www.marcofelix.com email: info@marcofelix.com tel. 3470548692 1 2 Tipologie di chitarre e nomi delle parti che le compongono Distinguiamo le chitarre

Dettagli

CAPITOLO 1: "A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI?"

CAPITOLO 1: A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI? CAPITOLO 1: "A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI?" La nostra sala prove era nientemeno che lo scantinato del Liceo Scientifico Galilei, opportunamente equipaggiato grazie al fondo studenti. Avrò avuto sì e

Dettagli

Introduzione V. 261 M.

Introduzione V. 261 M. Introduzione L ampia aneddotica della vita di Wolfgang Amadeus Mozart, ma potremmo dire dell intera storia della musica, ci ricorda come il giovane musicista salisburghese aveva appena quattordici anni

Dettagli

CORSO PREACCADEMICO TEORIA, RITMICA E PERCEZIONE MUSICALE. Settore disciplinare:

CORSO PREACCADEMICO TEORIA, RITMICA E PERCEZIONE MUSICALE. Settore disciplinare: Disciplina Codice disciplina Tipologia della disciplina Obiettivi di apprendimento Teoria, ritmica e percezione musicale (livello A) 708 Conoscenze: -Conoscenza, classificazione, intonazione delle principali

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

Seminario di formazione

Seminario di formazione L Ora di Musica Seminario di formazione Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il seminario è indirizzato a musicisti, studenti, docenti di educazione musicale nella scuola dell infanzia e primaria,

Dettagli

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA La scelta dello studio triennale di uno strumento comporta, da parte dell alunno e dei genitori, un ulteriore carico di lavoro

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Piano di lavoro annuale

Piano di lavoro annuale Istituto Comprensivo Selvazzano Dentro 2 Scuola Secondaria di Primo Grado Melchiorre Cesarotti Piano di lavoro annuale Anno Scolastico 2014/2015 Prof. ELISABETTA BETTIO Materia: STRUMENTO MUSICALE - PIANOFORTE

Dettagli

PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI

PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI L attività del musicista, con la sua complessità dal punto di vista dell improvvisazione, della composizione e della performance, rappresenta un ottimo esempio di gestione

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare CANTO CORALE Particolarmente in preparazione di un concerto di Natale Canto corale, ascolto di canzoni e brani di musica per bambini, classica e non, giochi di ascolto, canto con

Dettagli

Gent.ma dott. Daniela Buzio Preside dell Istituto Comprensivo Cavour, Corso Cavour 49-27100 Pavia e p.c.

Gent.ma dott. Daniela Buzio Preside dell Istituto Comprensivo Cavour, Corso Cavour 49-27100 Pavia e p.c. Salvatore Alberghina, via Eredi Farina 27, 27100 Pavia cell: 3458528679 email: salvoalberghina86@gmail.com Gent.ma dott. Daniela Buzio Preside dell Istituto Comprensivo Cavour, Corso Cavour 49-27100 Pavia

Dettagli

Calendario temporale degli adempimenti. 14 gennaio 2011 : incontro di orientamento

Calendario temporale degli adempimenti. 14 gennaio 2011 : incontro di orientamento LICEO MUSICALE C. MONTANARI CONSERVATORIO DI MUSICA E.F. DALL ABACO SIMULAZIONE DELLA PROVA DI AMMISSIONE AL LICEO MUSICALE PER L ANNO SCOLASTICO 2011-12 Calendario temporale degli adempimenti 14 gennaio

Dettagli

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Musica. MUSICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Musica. MUSICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Istituto Comprensivo di Montesarchio A.S. 0-05 Curricolo Verticale di Musica Competenze ed usare le MUSICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Ascoltare e analizzare fenomeni sonori di ambienti e di oggetti.

Dettagli

Introduzione al sistema modale

Introduzione al sistema modale Introduzione al sistema modale a cura di Massimo Mantovani, Roberto Poltronieri, Lorenzo Pieragnoli La scala maggiore di Do, composta dalle note Do Re Mi Fa Sol La Si Do, è basata sulla struttura Tono

Dettagli

Francesco COLOMBARO. (Pescara) Laboratorio per coristi. Classe di Teoria e Solfeggio Laboratorio per coristi

Francesco COLOMBARO. (Pescara) Laboratorio per coristi. Classe di Teoria e Solfeggio Laboratorio per coristi Laboratorio per coristi -0001 Laboratorio per coristi Il Laboratorio per CORISTI presuppone l uso del metodo di Roberto Goitre pubblicato da Suvini Zerboni. Il metodo in questione tende a dare una formazione

Dettagli

pag. 1 Corsi pre-accademici

pag. 1 Corsi pre-accademici pag. 1 Prova attitudinale di ammissione ai corsi pre-accademici Prova attitudinale collettiva di ascolto basata essenzialmente sul riconoscimento di differenze tra brevi frasi musicali. Prova individuale

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA PRODUZIONE VOCALE/ STRUMENTALE Utilizzare la voce, il proprio corpo, semplici strumenti o oggetti vari in giochi, situazioni, storie e varie attività per espressioni parlate,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

MUSICA - CLASSE PRIMA

MUSICA - CLASSE PRIMA MUSICA - CLASSE PRIMA Discriminare sonorità e ascoltare brani musicali interpretandoli con diversi linguaggi espressivi. L alunno sa esplorare e discriminare eventi sonori. Gestisce possibilità espressive

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale

Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale L ora di Musica Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il corso è indirizzato a musicisti, insegnanti di educazione musicale nella scuola

Dettagli

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO MUSICA classe prima FINALITA OBIETTIVI GENERALI La musica, componente fondamentale

Dettagli

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura Scuola PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III MUSICA Docente: Milena Giannoni Preliminarmente alla presentazione

Dettagli

Il pentagramma e la scala musicale

Il pentagramma e la scala musicale Ai Docenti In questo libro presento un percorso didattico per lo studio del flauto dolce Soprano e Contralto, un primo approccio alla lettura delle note ed alcune orchestrazioni a più voci, con differenti

Dettagli

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE INGLESE Scuola primaria di Gignese Classi I, II, II, IV, V COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PL. 1 / 2 Comunicazione nelle lingue straniere Imparare ad

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA PER LA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA PER LA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA PER LA SCUOLA PRIMARIA elaborazione del gruppo di lavoro coordinato dall'insegnante GIULIA LORENZI ABATI CRISTINA BOLIS LAURA BRUGALI

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare Particolarmente in Tastiera elettronica, piccoli strumenti didattici a percussione, cd, cdrom. AVVIAMENTO ALL USO DEGLI STRUMENTI MUSICALI attività: realizzazione di semplici arrangiamenti

Dettagli

VUOI IMPARARE A LEGGERE VELOCEMENTE LE NOTE IN CHIAVE DI VIOLINO E IN CHIAVE DI BASSO?

VUOI IMPARARE A LEGGERE VELOCEMENTE LE NOTE IN CHIAVE DI VIOLINO E IN CHIAVE DI BASSO? VUOI IMPARARE A LEGGERE VELOCEMENTE LE NOTE IN CHIAVE DI VIOLINO E IN CHIAVE DI BASSO? Corri a leggere questo Report Gratuito! AUTORE : Cristina Regestro SITO WEB: SOMMARIO 1. PREMESSA 2. CHI SONO 3. IL

Dettagli

Sommario: Pag. 4...Introduzione. Pag. 5...Presentazioni dei brani. Pag. 7... DOLCE MELODIA per clarinetto, sax, flauto e pianoforte

Sommario: Pag. 4...Introduzione. Pag. 5...Presentazioni dei brani. Pag. 7... DOLCE MELODIA per clarinetto, sax, flauto e pianoforte 2 Un sentito ringraziamento al dirigente scolastico Dott.ssa Rossana Maletta per il vivo interesse con cui ha sostenuto l avvio e lo svolgimento del laboratorio di composizione musicale. Le partiture inserite

Dettagli

PROGRAMMA DI CANTO PRIMO ANNO

PROGRAMMA DI CANTO PRIMO ANNO PROGRAMMA DI CANTO PRIMO ANNO La prima fase del programma prevede un periodo di tempo, soggettivo per ciascun alunno, in cui il lavoro sarà impostato volgendo una particolare attenzione a studi mirati

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143 Programmazione annuale per l insegnamento di strumento musicale Corso di Sassofono Disciplina:

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

Progetto MUSICA 2020. I.C. Mazzini Castelfidardo

Progetto MUSICA 2020. I.C. Mazzini Castelfidardo Progetto MUSICA 2020 I.C. Castelfidardo Nel Comune di Castelfidardo è radicata la motivazione all educazione musicale, visto che la produzione degli strumenti musicali, costituisce una colonna portante

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale G. Armellini Boville Ernica Scuola Secondaria di Primo Grado Corso ad indirizzo musicale

Istituto Comprensivo Statale G. Armellini Boville Ernica Scuola Secondaria di Primo Grado Corso ad indirizzo musicale Istituto Comprensivo Statale G. Armellini Boville Ernica Scuola Secondaria di Primo Grado Corso ad indirizzo musicale 1 Anno Scolastico 2015-2016 Programmazione annuale di VIOLINO Docente Prof.ssa FOGLIETTA

Dettagli

Contenuti del programma di musica. classe I sez. A-C-D. a.s 2014-15

Contenuti del programma di musica. classe I sez. A-C-D. a.s 2014-15 Contenuti del programma di musica classe I sez. A-C-D a.s 2014-15 Il pentagramma La chiave di violino Le note sulle righe e le note negli spazi Figure, tempi e valori di note e pausee: semibreve, minima,

Dettagli

Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================

Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================ Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================ Attenzione: Questa prima lezione è indirizzata solo a coloro che non hanno nessuna conoscenza della

Dettagli

I.I.S. C. MARCHESI. Piano Annuale di Lavoro

I.I.S. C. MARCHESI. Piano Annuale di Lavoro Pag. 1 di ANNO SCOLASTICO 201/201 PIANO ANNUALE DI LAVORO INSEGNANTE Marco Pavin CL. 3 SEZ. BM MATERIA Chitarra 1 strumento 1) PROFILO INIZIALE DELLA CLASSE a) comportamento partecipazione Il gruppo che

Dettagli

IC BOSCO CHIESANUOVA - CURRICOLO UNITARIO SCUOLA PRIMARIA

IC BOSCO CHIESANUOVA - CURRICOLO UNITARIO SCUOLA PRIMARIA IC BOSCO CHIESANUOVA - CURRICOLO UNITARIO SCUOLA PRIMARIA MUSICA Classe Prima COMPETENZE SPECIFICHE ABILITÁ CONOSCENZE E ATTIVITÀ TRAGUARDI DI COMPETENZA L alunno: A. Esplora, discrimina eventi sonori

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica PROGETTO Istituto Comprensivo di San Stino di Livenza Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza Titolo del progetto annuale 2015/ 2016 Giochiamo alla musica Responsabile progetto:

Dettagli

MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI

MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Statale Sandro Pertini Via V. Cuoco,63 00013 Fonte Nuova (RM) Tel. 069059089 Fax

Dettagli

La candela. E. Fabri: La candela 80-ma puntata settembre 2013

La candela. E. Fabri: La candela 80-ma puntata settembre 2013 E. Fabri: La candela 80-ma puntata settembre 2013 La candela La riga di musica che vedete qui sopra indica il tema di questa puntata: mi sono reso conto che in oltre vent anni non ho mai parlato di musica

Dettagli

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI Teoria musicale - 13 ALTRE INDICAZIONI MUICALI EGNI DI ARTICOLAZIONE I segni di articolazione sono indicazioni grafiche collocate sopra o sotto le note che condizionano il modo in cui queste devono essere

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

ESAMI DI PROMOZIONE CORSI COMPLEMENTARI

ESAMI DI PROMOZIONE CORSI COMPLEMENTARI ESAMI DI PROMOZIONE CORSI COMPLEMENTARI Armonia complementare Prova scritta unica divisa in due parti: a) basso senza numeri con modulazioni, triadi, settime di tutte le specie e none di dominante b) analisi

Dettagli

A cura di : Daniela Piraino e Rodolfo La Banca

A cura di : Daniela Piraino e Rodolfo La Banca I.C. Villapiana (Cs) A cura di : Daniela Piraino e Rodolfo La Banca Esercitazioni in classe Body percussione lettura ritmica I bambini leggono piccole sequenze ritmiche e le eseguono con la voce e coi

Dettagli