Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento"

Transcript

1 COMUNE DI CESSALTO Provincia di Treviso Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento Aggiornamento novembre 2006 N.B.: i disegni contenuti negli schemi illustrativi hanno solo valore illustrativo, servono solo a suggerire possibili soluzioni compositive, non a prescriverle: sono vincolanti invece gli schemi normativi nonché i punti 2., 3., 4. e 5. delle norme scritte relative ad ogni scheda urbanistica. L altezza di gronda riportata nello schema normativo di ogni scheda urbanistica si riferisce esattamente alla cornice di gronda di progetto, ed è determinata in relazione a quella degli edifici contermini, mentre l altezza massima riportata nel punto 4. dell apparato normativo di ogni scheda urbanistica si riferisce all intradosso medio dell ultimo solaio, secondo la definizione di cui alla lettera e) dell art. 4 delle presenti N.T.A. Aggiornamento normativo: A. T. e T. Associati, via S. Giuseppe 21/i, Conegliano TV, tel , fax

2 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n. 1 - Unità Minima di Intervento 1. Il lotto oggetto dell intervento appartiene al più ampio contesto di riordino urbanistico di cui, oltre alla presente, anche alle schede n. 2, 3, 4 e 5, nonché ai Progetti Norma n. 9, 10 e 11. In particolare, l intervento in oggetto è finalizzato a consentire la realizzazione del nuovo asse di penetrazione previsto dall adiacente Progetto Norma n. 10, necessario al fine di recuperare l intera area racchiusa nell ansa del fiume Piavon. E proposta, quindi, la costruzione di un volume edilizio, che si estende anche sul contiguo lotto di cui alla Scheda n. 2, da collocarsi in prospicienza alla filanda oggetto del recupero di cui al citato Progetto Norma n. 10. Con la presente si realizza anche l allargamento, sul lato nord, della sede viaria che, da via Magnadola, costeggiando il fiume conduceva alla casa colonica sorta probabilmente sopra ai resti dell antico castello caminese. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq Superficie fondiaria mq Superficie viaria mq 50 Volume aggiuntivo all esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 5 4. Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 6,00) 5. Prescrizioni particolari: allineamento cornice di gronda con cellula adiacente.

3

4

5 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n. 2 - Unità Minima di Intervento 1. Il lotto oggetto dell intervento appartiene al più ampio contesto di riordino urbanistico di cui, oltre alla presente, anche alle schede n. 1, 3, 4 e 5, nonché ai Progetti Norma n. 9, 10 e 11. In particolare, l intervento in oggetto è finalizzato a consentire la realizzazione del nuovo asse di penetrazione previsto dall adiacente Progetto Norma n. 10, necessario al fine di recuperare l intera area racchiusa nell ansa del fiume Piavon. E proposta, quindi, la costruzione di un volume edilizio, che si estende anche sul contiguo lotto di cui alla Scheda n. 1, da collocarsi in prospicienza alla filanda oggetto del recupero di cui al citato Progetto Norma n. 10. Con la presente si realizza anche l allargamento, sul lato nord, della sede viaria che, da via Magnadola, costeggiando il fiume conduceva alla casa colonica sorta probabilmente sopra ai resti dell antico castello caminese. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq Superficie fondiaria mq Superficie viaria mq 40 Volume aggiuntivo all esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 5 4. Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 6,00) 5. Prescrizioni particolari: allineamento cornice di gronda con cellula adiacente.

6

7

8 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n. 3 - Unità Minima di Intervento 1. Il lotto oggetto dell intervento appartiene al più ampio contesto di riordino urbanistico di cui, oltre alla presente, anche alle schede n. 1, 2, 4 e 5, nonché ai Progetti Norma n. 9, 10 e 11. Con la presente si ipotizza la costruzione di un nuovo volume edilizio, previa la demolizione dei fabbricati esistenti, ormai fatiscenti e privi di elementi di pregio architettonico-ambientale e, in accordo con quanto previsto dalle schede n. 1 e 2, si dà continuità all allargamento, sul lato nord, della sede viaria di accesso all area di maggior valore paesaggistico collocata in corrispondenza dell ansa fluviale. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq Superficie fondiaria mq 860 Superficie viaria mq 150 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 9 4. Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 9,00) 5. Prescrizioni particolari: almeno il 40% della superficie a verde sia piantumato con alberature di specie tipica locale.

9

10

11 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n. 4 - Unità Minima di Intervento 1. Il lotto oggetto dell intervento appartiene al più ampio contesto di riordino urbanistico di cui, oltre alla presente, anche alle schede n. 1, 2, 3 e 5, nonché ai Progetti Norma n. 9, 10 e 11. In particolare, l intervento in oggetto è finalizzato a consentire l allargamento della viabilità esistente che, da via Magnadola, dà accesso all adiacente comparto di cui al Progetto Norma n. 11. L intervento consiste nella realizzazione della parte terminale della cortina edilizia in prolungamento a quella esistente attestata sull incrocio tra la via Magnadola ed il ponte pedonale sul Piavon. L obiettivo è quello di rafforzare il margine del tessuto insediativo che fronteggia il fiume e, nel contempo, sollecitare la pulizia delle superfetazioni e delle costruzioni precarie che degradano la percezione del paesaggio fluviale. La costruzione dei volumi edilizi dovrà rigorosamente rispettare l allineamento previsto, onde consentire l allargamento sul lato sud della sopraddetta viabilità con la realizzazione di un marciapiede. L accesso ai lotti è previsto mediante passi carrai da ricavarsi nell ambito della cortina edilizia, secondo le modalità illustrate nei grafici allegati. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 860 Superficie fondiaria mq 730 Superficie viaria mq 130 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 7 4. Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 6,50) 5. Prescrizioni particolari: allineamento cornice di gronda con cellula adiacente di cui alla scheda n. 5. La quota di pavimento finito al PT sia a + 50 cm rispetto alla quota stradale.

12

13

14 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n. 5 - Unità Minima di Intervento 1. Il lotto oggetto dell intervento appartiene al più ampio contesto di riordino urbanistico di cui, oltre alla presente, anche alle schede n. 1, 2, 3 e 4, nonché ai Progetti Norma n. 9, 10 e 11. In particolare, l intervento in oggetto è finalizzato a consentire l allargamento della viabilità esistente che, da via Magnadola, dà accesso all adiacente comparto di cui al Progetto Norma n. 11. L intervento riguarda la porzione intermedia del prolungamento della cortina edilizia attestata sull incrocio tra la via Magnadola ed il ponte pedonale sul Piavon, così da rafforzare il margine del tessuto insediativo che fronteggia il fiume e, nel contempo, sollecitare la pulizia delle superfetazioni e delle costruzioni precarie che degradano la percezione del paesaggio fluviale. La costruzione dei volumi edilizi dovrà rigorosamente rispettare l allineamento previsto, onde consentire la realizzazione di un marciapiede sul lato sud della sopraddetta viabilità. L accesso ai lotti è previsto mediante passi carrai da ricavarsi nell ambito della cortina edilizia, secondo le modalità illustrate nei grafici allegati. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 630 Superficie fondiaria mq 530 Superficie viaria mq 100 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 5 4. Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 6,50) 5. Prescrizioni particolari: allineamento cornice di gronda con cellula adiacente di cui alla scheda n. 4. La quota di pavimento finito al PT sia a + 50 cm rispetto alla quota stradale.

15

16

17 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n. 6 - Unità Minima di Intervento 1. L intervento riguarda la saturazione di un lotto collocato sul lato occidentale di via Magnadola, in modo da ritrovare l allineamento con gli edifici adiacenti e riequilibrare architettonicamente lo sky-line del fronte urbano. In sostanza, si propone il recupero di un manufatto edilizio che risulta ormai marginale sia alla scena urbana, che ai requisiti prestazionali minimi per l utilizzazione residenziale secondo gli attuali standards igienico-sanitari. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 116 Superficie fondiaria mq 116 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 4 4. Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 6,50) 5. Prescrizioni particolari: allineamento cornice di gronda con cellula adiacente di cui alla scheda n. 4. La quota di pavimento finito al PT sia a + 50 cm rispetto alla quota stradale.

18

19

20 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n. 7 - Unità Minima di Intervento 1. L intervento in oggetto riguarda due unità contigue e prevede la conversione di volumetrie precedentemente utilizzate con finalità artigianali o annesse agli usi residenziali. Si propone quindi una sostituzione di manufatti anche di tipo precario, realizzati peraltro con materiali eterogenei e non conformi alla tipologia residenziale del tessuto insediativo, con un volume edilizio compatto. Tale nuova volumetria sarà disposta parallelamente alla cortina edilizia affacciata su via Magnadola e sarà allineata sul percorso esistente di accesso carraio dalla medesima via. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 530 Superficie fondiaria mq 530 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 7 4. Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 6,50) 5. Prescrizioni particolari: alberatura in filare sul lato del lotto adiacente via Magnadola.

21

22

23 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.8 - Unità Minima di Intervento 1. La scheda riguarda il lotto posto all estremità occidentale della zona A lungo via Maggiore. L intervento consiste sostanzialmente nel riequilibrare la porzione ad un piano, sopraelevandola ed arretrandone la facciata verso strada in allineamento con la porzione occidentale, di impianto più antico e che, nonostante rimaneggiamenti anche pesanti realizzati in copertura, dimostra l origine quale fabbricato colonico del tipo più minuto. L arretramento del prospetto fronte strada, inoltre, consentirà una migliore percezione anche della contigua cortina edilizia che, proseguendo verso est, dà avvio alla continuità edilizia di via Maggiore. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 580 Superficie fondiaria mq 520 Superficie a uso pubblico mq 60 Volume aggiuntivo all esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 2 4. Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 6,00) 5. Prescrizioni particolari: alberatura in filare sul lato del lotto adiacente via Magnadola.

24

25

26 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.9 - Unità Minima di Intervento 1. L intervento oggetto della scheda riguarda un immobile situato all angolo fra via Maggiore e via Bosco Olmè. Consiste di un fabbricato principale allineato lungo via Maggiore e di un corpo di fabbrica secondario collocato in adiacenza al lato interno. Poiché la funzione di via Bosco Olmè assumerà un carattere più deciso quale asse di penetrazione ed accesso alle aree poste fra l insediamento di Cessalto e l autostrada - come previsto dal Progetto Norma n l attuazione dell intervento in oggetto garantirebbe una larghezza adeguata all innesto stradale di via Bosco Olmè. In sostanza, si propone la sostituzione delle volumetrie esistenti con un corpo di fabbrica articolato in due porzioni: la principale affacciata su via Maggiore, rispettando gli allineamenti esistenti e con la sopraelevazione di un piano, l altra, con un altezza inferiore, quale parte terminale dell edificio in prolungamento parallelo all asse di via Bosco Olmè. L obiettivo, oltre che strettamente funzionale all allargamento viario, è anche quello di realizzare una testata urbana al completamento del sistema insediativo verso sud, cui si darà attuazione con il citato Progetto Norma n Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 565 Superficie fondiaria mq 420 Superficie viaria mq 145 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 6,00); PT + un piano abitabile (ml. 6,00) 5. Prescrizioni particolari: copertura a due falde come illustrato negli schemi allegati. Alberatura in filare, sul lato prospiciente via Bosco Olmè, con specie tipiche locali.

27

28

29 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.10 - Unità Minima di Intervento 1. La scheda riguarda il lotto adiacente a quello di cui alla scheda n. 11 e l intervento proposto si relaziona a quel nuovo impianto edilizio. In sostanza, poiché il fabbricato principale è in corso di ristrutturazione ed ha mantenuto le caratteristiche originarie dell impianto a cortina lungo via Maggiore, si prevede la possibilità di realizzare un corpo secondario per il ricavo di un eventuale garage, staccato da quello principale e collocato nella parte interna del lotto in aderenza al volume edilizio di cui alla citata scheda n Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 560 Superficie fondiaria mq 560 Volume aggiuntivo all esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 1 4. Altezza massima: PT (ml. 3,00) 5. Prescrizioni particolari: almeno il 30% dell area scoperta sia piantumato con alberature di specie tipica locale.

30

31

32 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.11 - Unità Minima di Intervento 1. L intervento oggetto della scheda costituisce parte di un contesto urbano più ampio, che interessa anche gli immobili di cui alla scheda n. 12 e costituisce la parte terminale del nuovo isolato mediante il quale si riassetta l intero nodo relativo all incrocio fra via Maggiore e via Vittoria. Si prevede quindi la conservazione dell edificio esistente, realizzando un volume di congiunzione che dia continuità all isolato ed al percorso porticato previsto al piano terra. Sempre in relazione alla continuità con l intervento previsto nel lotto contiguo di cui alla scheda n. 12, dovrà essere ceduta e realizzata la porzione di marciapiede prospiciente il volume di nuova realizzazione. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 650 Superficie fondiaria mq 620 Superficie a uso pubblico mq 30 Volume aggiuntivo all esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 2 4. Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 7,00) 5. Prescrizioni particolari: la recinzione del lotto lungo via Maggiore si attesti in corrispondenza del lato orientale del fabbricato esistente.

33

34

35 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.12 - Unità Minima di Intervento 1. L intervento oggetto della scheda costituisce parte di un contesto urbano più ampio che interessa anche gli immobili contigui di cui alla scheda n. 11. Il lotto, dal punto di vista urbanistico, risulta strategico, in quanto si trova collocato al centro dell insediamento urbano di Cessalto. La scheda propone un riordino complessivo del lotto, intervenendo radicalmente sulle volumetrie edilizie e riconfigurandone anche l assetto planimetrico. Si dovrà quindi riallineare gli edifici attestandoli, su via Maggiore in prolungamento all edificio esistente sul lotto di cui alla citata scheda n.11, su via Vittoria arretrando in modo da consentire la realizzazione di un marciapiede lungo il filo attuale della strada. La nuova sistemazione al piano terra dovrà prevedere un percorso porticato lungo l intero sviluppo delle facciate verso strada, mentre l edificio, seppur con modulazioni di facciata articolate, dovrà essere trattato come un organismo unitario. Il riordino dell area dovrà comprendere anche quelle volumetrie annesse, collocate nella zona più interna del lotto e costruite, in modo precario con i materiali più eterogenei. La finalità dell intervento, oltre a realizzare una correzione degli allineamenti stradali che attualmente comportano qualche difficoltà allo scorrimento viario, è anche quella di dare forma compiuta di isolato urbano ad un pezzo di insediamento che probabilmente tendeva ad un tale assetto come forma naturale, ma la cui evoluzione verso questa soluzione è mancata forse a causa del frazionamento delle proprietà e ad una edificazione non coordinata. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq Superficie fondiaria mq Superficie a uso pubblico mq 200 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 6,50) 5. Prescrizioni particolari: allineamento della cornice di gronda della facciata obliqua con almeno una delle facciate adiacenti. Coperture a due falde. Almeno il 30% della superficie a verde sia piantumato con specie arboree tipiche locali.

36

37

38 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.13 - Unità Minima di Intervento 1. A seguito della demolizione del fabbricato posto all incrocio fra via Isonzo e via Maggiore, effettuata per ottenere l accesso al PEEP, si è creata una smagliatura nel tessuto insediativo del capoluogo che ha portato in primo piano la percezione del rilevante volume architettonico costituito dalla barchessa dell ottocentesco palazzo De Rienzo. Allo scopo di riequilibrare la trama del tessuto urbano e ristabilire gli equilibri percettivi in un tratto di strada - via Isonzo - che ha assunto un ruolo di evidenza urbana, con l intervento in oggetto si propone la realizzazione di una quinta edilizia lungo il lato del lotto prospiciente via Isonzo. Si consentirà così di riequilibrare anche la percezione del complesso edilizio che ha nell ex Canonica la parte più pregevole ed antica, dando completamento al processo di evoluzione dal modello insediativo a cortina in quello ad isolato urbano. L intervento consiste nella costruzione di una nuova volumetria, articolata in più parti con altezze diverse e caratterizzata da un corpo porticato collocato all angolo sud-ovest del lotto. L accesso al lotto potrà avvenire mediante un passante da evidenziarsi anche architettonicamente mediante una riduzione del volume soprastante. Infine, è previsto anche un riordino formale delle forometrie relative alla facciata del braccio secondario esistente in prospicienza a via Maggiore. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq Superficie fondiaria mq Superficie a uso pubblico mq 100 Volume aggiuntivo all esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml.6,50); PT + due piani abitabili (ml. 9,50) 5. Prescrizioni particolari: almeno il 40% della superficie a verde sia piantumato con specie arboree tipiche locali.

39

40

41 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.14 - Unità Minima di Intervento 1. Il lotto in oggetto, attualmente ancora inedificato pur essendo compreso nell ambito della zona PEEP, è considerato quale parte del riordino complessivo di via Isonzo e, pertanto, va letto urbanisticamente in continuità con l intervento contiguo di cui alla scheda n. 13. L obiettivo, dunque, è quello di realizzare una quinta architettonica anche sul lato orientale di via Isonzo, così da confermare l evidenza urbana di questo asse viario che dà accesso ad un settore dell insediamento di Cessalto ormai consolidato. E prevista quindi una edificazione lungo i bordi est e sud del lotto, lasciando spazio al verde privato nella parte più interna ed in modo da non occludere la percezione dei coni ottici sul palazzetto relativo alla ex Canonica. Le volumetrie saranno articolate in più corpi ad altezze diversificate, assumendo, in prospicienza a via Isonzo, una conformazione tipologica seriale. Nella parte nord del lotto, in corrispondenza all attacco con l intervento di cui alla scheda n. 13, dovrà essere ricavato uno spazio da cedere quale verde pubblico, onde realizzare un collegamento pedonale alternativo che darà collegamento all edificio comunale sede delle associazioni ed alle zone verdi del PEEP. Il corpo di fabbrica da collocare sulla testata nord del nuovo isolato dovrà allinearsi con quello della parte terminale sud dell intervento di cui alla scheda n. 13 e, in modo analogo, dovrà essere dotato al piano terra di un portico ad uso pubblico. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq Superficie fondiaria mq Superficie a verde pubblico mq 700 Superficie a uso pubblico mq 300 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: Altezza massima: PT + un piano abitabile (ml. 6,50); PT + due piani abitabili (ml. 9,50) 5. Prescrizioni particolari: almeno il 40% della superficie a verde sia piantumato con specie arboree tipiche locali. I margini del lotto non edificati vengano delimitati da recinzione in muratura.

42

43

44 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.15 - Unità Minima di Intervento 1. L intervento oggetto della scheda riguarda sostanzialmente la pulizia dei volumi annessi al corpo di fabbrica principale che costituisce la parte terminale, verso est, del complesso edilizio cui appartiene il palazzetto della ex Canonica di cui alla scheda n.13. In sostanza si prevede la demolizione delle superfetazioni costruite lungo il confine occidentale del lotto e in aderenza al lato meridionale del fabbricato principale, in sostituzione si propone la costruzione di una volumetria per uso di annesso alla residenza da realizzarsi sull angolo sud-est, in aderenza al fabbricato esistente sul lotto contiguo, così da realizzare un unico corpo di fabbrica parallelo e più interno agli edifici principali. In questo modo l edificio principale potrà essere liberato, consentendo la valorizzazione integrale dei prospetti ed una lettura migliore anche dell organismo più antico di cui alla citata scheda n Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 700 Superficie fondiaria mq 700 Volume aggiuntivo all esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 4 4. Altezza massima: PT + un piano (ml. 6,00) 5. Prescrizioni particolari: allineamento cornice di gronda con quella dell edificio contiguo.

45

46

47 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.16 - Unità Minima di Intervento 1. La scheda riguarda un lotto posto all ingresso del nucleo insediativo di Cessalto. Si propone la compattazione dei volumi esistenti, uno dei quali ormai fatiscente e con dimensioni troppo ridotte per essere utilizzato, trasformandoli in un unico complesso. L intervento potrà essere articolato in due corpi di fabbrica, con altezze diversificate e disposti in modo da consentire il ricavo di alcuni parcheggi in fregio alla strada. La scheda prevede l allineamento del nuovo fabbricato sul lato occidentale del lotto, in modo che la facciata corrispondente prospetti sulla contigua area di pertinenza del fabbricato comunale sede delle associazioni e dei gruppi del volontariato. Al fine di migliorare l accesso da sud a tale lotto contiguo, con la realizzazione dell intervento di cui alla scheda dovrà essere ceduta la porzione evidenziata in corrispondenza dell angolo sud-est del lotto. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 950 Superficie fondiaria mq 630 Superficie a verde pubblico mq 90 Superficie a parcheggio mq 80 Superficie a uso pubblico mq 150 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: Altezza massima: PT + un piano (ml. 6,50) 5. Prescrizioni particolari: sul lato fronte strada del corpo di fabbrica sopravanzante dovrà essere realizzato un porticato ad uso pubblico.

48

49

50 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.17 - Unità Minima di Intervento 1. Il lotto in oggetto comprende due unità edilizie, una delle quali appena recuperata. L intervento riguarda l edificio non ancora sottoposto a ristrutturazione e, considerato il contesto architettonico-ambientale, si ritiene di consentire l ampliamento onde ottenere requisiti dimensionali adeguati agli standards igienico-sanitari della funzione residenziale, ma con l obiettivo di conservare la matrice tipologica e morfologica dell edificio esistente. Pertanto, l ampliamento dovrà avvenire mantenendo l articolazione in due volumi aggregati con profondità del corpo di fabbrica differenziate e la copertura a due falde. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 750 Superficie fondiaria mq 750 Volume aggiuntivo all esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 3 4. Altezza massima: PT + un piano (ml. 6,00) 5. Prescrizioni particolari: l area scoperta sia piantumata con specie arboree tipiche locali.

51

52

53 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.18 - Unità Minima di Intervento 1. L intervento oggetto della scheda riguarda un unità edilizia situata in via Isonzo. Trattasi di un manufatto privo di caratteristiche architettoniche di pregio e dei requisiti dimensionali rispondenti agli standards minimi della funzione residenziale. La scheda, quindi, propone un ampliamento che, nel rispetto dell impianto di base e delle modalità di accesso dalla strada dell organismo esistente, realizza un incremento volumetrico concentrato ad un estremità del corpo di fabbrica esistente. In questo modo la cellula edilizia originaria, pur mantenendo l articolazione in due parti con spessori leggermente diversi, viene integrata in un organismo con schema planimetrico costituito da due ali fra loro perpendicolari. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 300 Superficie fondiaria mq 300 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 5 4. Altezza massima: PT + un piano (ml. 6,00) 5. Prescrizioni particolari: allineamento delle cornici di gronda secondo schema allegato.

54

55

56 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.19 - Unità Minima di Intervento 1. La scheda riguarda un lotto con un edificio esistente di dimensioni eccessivamente ridotte per il recupero alle funzioni residenziali. Analogamente alle schede relative agli altri interventi previsti su via Isonzo, anche in questo caso si prevede il mantenimento dell organismo edilizio esistente, prevedendone un ampliamento mediante aggiunta di un corpo di fabbrica collocato all estremità opposta all accesso dalla strada. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq Superficie fondiaria mq Superficie a parcheggio mq 80 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 7 4. Altezza massima: PT + un piano (ml. 6,00) 5. Prescrizioni particolari: allineamento delle cornici di gronda dei due corpi edilizi. Almeno il 40% dell area a verde sia piantumato con specie arboree tipiche locali.

57

58

59 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.20 - Unità Minima di Intervento 1. La scheda riguarda un lotto collocato sulla piazza municipale e pertanto va letto come parte dell intervento di riordino urbanistico più ampio che, attraverso anche le schede n. 21 e 22, interesserà tale comparto. L intervento in sostanza interessa un immobile esistente privo di caratteri architettonici rilevanti, se non per la collocazione rispetto all intorno che garantisce la chiusura del fondale urbano della piazza sul lato rivolto verso il canale Brian. Tale ruolo morfologicamente rilevante per la percezione della struttura urbana della piazza municipale costituisce anche la finalità dell intervento oggetto della scheda. Infatti, si propone l ispessimento e la sopraelevazione dell edificio in modo da realizzare un terminale architettonico omogeneo al prospetto sud-est della piazza che si verrà determinando dalla concretizzazione degli interventi previsti nelle citate schede n. 21 e 22. Onde sottolineare il ruolo urbano dell edificio, al piano terra, sul lato rivolto verso la piazza, dovrà essere ricavato un percorso porticato per tutta la lunghezza corrispondente alla parte del fabbricato sopravanzante verso la piazza. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq 730 Superficie fondiaria mq 730 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: 8 4. Altezza massima: PT + due piani (ml. 9,00) 5. Prescrizioni particolari: Almeno il 40% dell area a verde sia piantumato con specie arboree tipiche locali. Le pavimentazioni degli spazi pedonali dovranno essere realizzate con materiali omogenei a quelli utilizzati nella pavimentazione della piazza municipale

60

61

62 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.21 - Unità Minima di Intervento 1. L intervento oggetto della scheda riguarda il complesso edilizio più significativo fra quelli collocati sulla piazza municipale. Va quindi considerato come parte del più ampio riordino urbanistico che anche mediante le schede n. 20 e 22 interesserà tale comparto. La scheda prevede il mantenimento del palazzetto porticato prospiciente la piazza, la pulizia dalle superfetazioni della barchessa restrostante ed un ampliamento di recupero volumetrico da collocarsi sul lato orientale del lotto, alla parte opposta rispetto alla piazza. L obiettivo è dunque quello di sollecitare un riordino complessivo della struttura che viene assunta come matrice dell intera sistemazione dell area: sia per quanto riguarda il prospetto sulla piazza, dove la facciata dell edificio porticato esistente diventa il modello di riferimento formale per gli interventi previsti dalle altre schede, sia per quanto riguarda l assetto planimetrico, relativamente al quale il riordino degli allineamenti e l evidenziazione della struttura originaria degli edifici consente di strutturare con più chiarezza la maglia insediativa. Tale ruolo morfologicamente rilevante per la percezione della struttura urbana della piazza municipale costituisce anche la finalità dell intervento oggetto della scheda. Infatti, si propone l ispessimento e la sopraelevazione dell edificio in modo da realizzare un terminale architettonico omogeneo al prospetto sudest della piazza che si verrà determinando dalla concretizzazione degli interventi previsti nelle citate schede n. 21 e 22. Onde sottolineare il ruolo urbano dell edificio, al piano terra, sul lato rivolto verso la piazza, dovrà essere ricavato un percorso porticato per tutta la lunghezza corrispondente alla parte del fabbricato sopravanzante verso la piazza. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq Superficie fondiaria mq Superficie a uso pubblico mq 350 Volume aggiuntivo all esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: Altezza massima: PT + due piani (ml. 9,50) 5. Prescrizioni particolari: Almeno il 40% dell area a verde sia piantumato con specie arboree tipiche locali. Le pavimentazioni degli spazi pedonali pubblici o ad uso pubblico dovranno essere realizzate con materiali omogenei a quelli utilizzati nella pavimentazione della piazza municipale

63

64

65 Schede urbanistiche Scheda urbanistica n.22 - Unità Minima di Intervento 1. La scheda ha per oggetto la sistemazione della parte terminale posta a nordest della piazza municipale e da completamento al più ampio programma di riordino urbanistico del comparto che si attuerà anche mediante le schede n. 20 e 22. L intervento prevede la sostituzione delle volumetrie esistenti, prodotto di un edilizia di tipo minimo, con edifici adeguati al ruolo simbolico ed urbano della piazza municipale. L intervento pertanto si articolerà sostanzialmente in due unità edilizie a loro volta articolate in più parti e disposte in modo da assicurare continuità al fondale architettonico della piazza. A tal fine si prescrive un allineamento verso piazza leggermente più arretrato rispetto al palazzetto esistente oggetto dell intervento di cui alla contigua scheda n. 21 e nel contempo si prevede la realizzazione di un portico al pianoterra da effettuarsi anche sul secondo blocco edilizio, ubicato in secondo piano rispetto al fronte principale sulla piazza. Al fine di sottolineare la relazione dei nuovi edifici con la maglia del tessuto insediativo, la scheda prevede il mantenimento del volume esistente collocato sul lato orientale del lotto con destinazione ad attività parrocchiali. Lo spazio che si viene a creare all interno del complesso sarà attrezzato a parcheggi ed a spazi per una utilizzazione pedonale che si integrerà con i percorsi previsti dalla scheda n. 21 relativa al lotto contiguo sul lato sud. 2. Carature urbanistiche: Superficie territoriale mq Superficie fondiaria mq Superficie a parcheggio mq 100 Superficie a uso pubblico mq 600 Superficie viaria mq 300 Volume totale compreso l esistente mc Insediabilità aggiuntiva (150 mc/abitante) n. persone: Altezza massima: PT + un piano (ml. 6,50); PT + due piani (ml. 9,50) 5. Prescrizioni particolari: le pavimentazioni degli spazi pedonali dovranno essere realizzate con materiali omogenei a quelli utilizzati nella pavimentazione della piazza municipale.

66

67

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01 INDICE MONTE SAN SAVINO Tav. 1a e 1b Ap mss 02 pag. 01 Ap mss 03 pag. 04 Ap mss 04 pag. 07 Bc mss 01 pag. 10 Bc mss 02 pag. 13 Bc mss 03 pag. 16 Bc mss 04 pag. 19 Bc mss 05 pag. 22 Bc mss 06 pag. 25 Bc

Dettagli

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 Ricostruzione dell'isolato di via Frigia - via Capelli attraverso la realizzazione di nuova residenza, attività commerciali e un parcheggio pubblico; creazione

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA Proprietà : COOP. S. GONDA. Progetto : Arch. Alessio Cantini Arch. Marco Benassai Ing. Sirio Chilleri RELAZIONE

Dettagli

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 1 Comune di Recanati Recanati li 21.11.2007 Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 Sottotitolo P.P. 1 Castelnuovo PREMESSA In attuazione degli

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

Provincia di Pesaro e Urbino

Provincia di Pesaro e Urbino Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino OGGETTO: VENDITA DI LOTTI EDIFICABILI UBICATI NELL AREA DI PROPRIETÀ COMUNALE DESTINATA DALLO STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE AD UN AREA PROGETTO PREVALENTEMENTE

Dettagli

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 - Oltre ai contenuti prescrittivi delle Tavv. 3 e 4 tutti gli interventi compresi nel perimetro del Piano di Lottizzazione sono soggetti alle norme di cui ai successivi articoli. ART. 2 - Ai fini

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni Comune di Ghedi Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO A Piani di recupero del centro antico Approvato con delibera C.C. n.17 del

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 0 Pagina 9 di 16 di una nuova rete lungo il tratto di via San Giuseppe prospiciente la lottizzazione. Rete Gas Metano La rete di distribuzione del Gas metano verrà realizzata secondo le prescrizioni espresse

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

via Gramsci-via Einaudi

via Gramsci-via Einaudi COMUNE DI TRENTO PROVINCIA DI TRENTO RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA DELL'INTERVENTO: Nuova Residenza via Gramsci-via Einaudi p.ed. 2212/1, C.C. di Trento Premessa L intervento in progetto riguarda la costruzione

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile

Dettagli

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Obiettivi : Semplificazione (100 pag. invece di 400) Adeguamento alle nuove Leggi Superamento difficoltà d interpretazione

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Prova pratico-grafica (6 ore) 1 Tema Progetto di Villa Urbana

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA COMUNE DI OLBIA Provin cia di Olbia - Te m pio OGGETTO: PROGETTO DI VARIANTE NON S OS TANZIALE AL COMPARTO DI ZONA AH OS PEDALIERA S ITA IN COMUNE DI OLBIA, LOCALITA' TANNAULE. ELABORATO: Norm e di Attu

Dettagli

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante 1 Premessa 1.1 Incarico Con Deliberazione della Giunta Comunale del Comune di San Vito di Leguzzano N. Reg. 75 del 30/07/2012 si è deliberato di avviare la procedura per una variante al Piano Particolareggiato

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

Degrado finiture. Cat. d int.

Degrado finiture. Cat. d int. 4 V. di Panieretta Si R R D2 Senza incremento 5 V. di Panieretta No R P D2 Senza incremento in altezza e ampliamento in superficie, con mantenimento caratteristiche formali e tipologiche. 6 Campo dei Lupi

Dettagli

PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA

PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA INDICE INTRODUZIONE... 2 CARATTERISITCHE COMPOSITIVE COMPARTO 1 - PUBBLICO... 3 CARATTERISITCHE COMPOSITIVE COMPARTO

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - S.C.I.A. presentate -

D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - S.C.I.A. presentate - D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - presentate - N. d'ordine Servizio Oggetto Contenuto Soggetto Presentatore Estremi di presentzione

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica Cosio Valtellino, 05.06.2008 REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE ALLEGATO 1 Relazione tecnica COMMITTENTI: Sigg DEL NERO DAVIDE DEL NERO LAURA PROGETTO: geom. RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA *************

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO

COMUNE DI SANT ANTIOCO - COMUNE DI SANT ANTIOCO Norme di attuazione del centro matrice PPR - Sardegna ARCH. ANGELO MARONGIU & ING. FRANCO MARTIS R.d. P. Arch. Giovanna Manunza (uff. urbanistica) NORMATIVA INTEGRATIVA per le

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 143 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 GENERALITA Il comparto edificabile Cver01 può essere utilizzato in conformità a quando previsto nel R.U. nonché delle norme di cui agli articoli seguenti. ART. 2 NORME

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti.

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. Premessa La scuola Arcobaleno (www.scuolaarcobaleno.org) si trova dal 1994 nel quartiere

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni Allegato F Relazione Tecnica aggiornamento Giugno 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi Architetto 20900 Monza MB

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO N. 14 2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - NORME GENERALI Le presenti

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica COMUNE DI PISA PIANO DI RECUPERO COLONIA GOFFREDO NANNINI CALAMBRONE VIA DEL CASONE Relazione paesaggistica Richiedente: Società Immobiliare FAB srl p.zza D Azeglio, 39 Firenze 1. Tipologia di intervento

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno Comune di Pesaro Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno RELAZIONE TECNICA Inquadramento urbanistico L intervento rientra nel Comparto Attuativo B/C del Piano Particolareggiato in oggetto

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici Distacchi stradali a) Per l < 7,00 m d = 5,00 m b) Per 7,00 m = l = 15,00 m d = 7,50 m c) Per l > 15,00 m d = 10,00

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n PLEOSINVEST SAS DI BARBIERO MARIO BOSELLO LILIANA A VARIANTE AMBITO E DEL PDL DI VIA TREVISO APPROVATO CON DELIBERA G.C. 17/2012 E 64/2012 RELAZIONE DICHIARAZIONI

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Assessorato all urbanistica ed edilizia REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE INSEGNE D ESERCIZIO E CARTELLI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio Comunale nella

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

Terminal autobus, ristrutturazione del Lato nord del centro storico e impianto di risalita dal parcheggio Orzolo a piazzale Azzalino.

Terminal autobus, ristrutturazione del Lato nord del centro storico e impianto di risalita dal parcheggio Orzolo a piazzale Azzalino. Terminal autobus, ristrutturazione del Lato nord del centro storico e impianto di risalita dal parcheggio Orzolo a piazzale Azzalino. Fermo, Ascoli Piceno 1997-2002 Massimo e Gabriella Carmassi Il progetto

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI:

INDICE DEGLI ARGOMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI: PREMESSA INQUADRAMENTO URBANISTICO INQUADRAMENTO PAESISTICO E REGIME VINCOLISTICO DESCRIZIONE DEI LUOGHI DESCRIZIONE DELL INTERVENTO FINALITÀ DELL INTERVENTO PREMESSA Il progetto

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

ECONOMICA POPOLARE. Variante di specificazione art.34 L. 865/71 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE DI SPESA

ECONOMICA POPOLARE. Variante di specificazione art.34 L. 865/71 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE DI SPESA COMUNE DI MODENA PIANO EDILIZIA ECONOMICA POPOLARE 2006 Variante di specificazione art.34 L. 865/71 Zona Peep N 2-62 VIA SANTA CATERINA - Area 01 (intervento pubblico) Tav N RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

AGORA' 6 Completamento e riqualificazione del comparto orientale del Centro Direzionale di Napoli Nell area orientale della città di Napoli è partita una grande iniziativa di sviluppo. Con la firma della

Dettagli

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO Adottata dal Consiglio Comunale il 8 Novembre 2012 COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO URBANISTICO

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata 1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata interessata da profondi fenomeni di trasformazione dell apparato

Dettagli

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo.

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Parere n. 50/2010 - Edificazione su territorio agricolo Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Si precisa che le risposte ai quesiti posti

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (da Piano degli Interventi Variante 2 Dicembre 2011) Committente:

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO -.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO Comune di (Borgata/Frazione) CRAVEGGIA VOCOGNO Classificazione dell intervento RISTRUTTURAZIONE Opere interne ed esterne

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

PERIZIA TECNICA DESCRITTIVA ed ESTIMATIVA DELL ALLOGGIO di VIA GOBETTI N. 18

PERIZIA TECNICA DESCRITTIVA ed ESTIMATIVA DELL ALLOGGIO di VIA GOBETTI N. 18 COMUNE DI VITTORIO VENETO U.O. PATRIMONIO E POLITICHE ENERGETICHE PERIZIA TECNICA DESCRITTIVA ed ESTIMATIVA DELL ALLOGGIO di VIA GOBETTI N. 18 Vittorio Veneto, 13 aprile 2011 ELABORATI: A. Relazione generale:

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti-

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- - Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- Il P.A.r.17a come si evince dalla relativa scheda allegata è derivante dalla suddivisione del P.A.r.17 in due lottizzazioni separate approvate in variante al

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO Variante di manutenzione con procedura semplificata ai sensi art. 30 L.R. 65/14 Responsabile del procedimento: Arch. Paola Pollina Responsabile Area Tecnica

Dettagli

INDICE. RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA: pag. 2. 1) COLLOCAZIONE DELL AREA pag. 2. 2) DESCRIZIONE DELL AREA D INTERVENTO E RILIEVO TOPOGRAFICO pag.

INDICE. RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA: pag. 2. 1) COLLOCAZIONE DELL AREA pag. 2. 2) DESCRIZIONE DELL AREA D INTERVENTO E RILIEVO TOPOGRAFICO pag. INDICE RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA: pag. 2 1) COLLOCAZIONE DELL AREA pag. 2 2) DESCRIZIONE DELL AREA D INTERVENTO E RILIEVO TOPOGRAFICO pag. 2 2.1) Elaborazione rilievo topografico e contenuti tavola

Dettagli

ambito A Villa Don Bosco Mq. superficie volumetria Superficie territoriale e in cessione al Comune Mq. 69.760,00

ambito A Villa Don Bosco Mq. superficie volumetria Superficie territoriale e in cessione al Comune Mq. 69.760,00 RELAZIONE ECONOMICA 1) Ambito e contenuti dell intervento L intervento proposto riguarda un programma integrato di intervento che prevede la cessione al Comune di Triuggio della villa Don Bosco e del relativo

Dettagli