CAVO ORALE E PREVENZIONE: COME COMBATTERE LA CARIE VIAGGIO TRA LE DONNE CHE RIVOGLIONO LA VERGINITÀ 7 POSTURA CORRETTA DURANTE IL LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAVO ORALE E PREVENZIONE: COME COMBATTERE LA CARIE VIAGGIO TRA LE DONNE CHE RIVOGLIONO LA VERGINITÀ 7 POSTURA CORRETTA DURANTE IL LAVORO"

Transcript

1 FEB BRA IO RI VIS TA N 8 - ANNO II - COPIA A DISTRIBUZIONE GRATUITA CAVO ORALE E PREVENZIONE: COME COMBATTERE LA CARIE 5 POSTURA CORRETTA DURANTE IL LAVORO 16 VIAGGIO TRA LE DONNE CHE RIVOGLIONO LA VERGINITÀ 7 IL MENSILE CHE PARLA DI SALUTE

2 Potrebbe essere un problema di postura? CEFALEE DOLORI CERVICALI DISCOPATIE DOLORI LOMBARI SCIATALGIE CATTIVA CIRCOLAZIONE CELLULITE Presso il Centro di Valutazione Posturale OK POSTURA Sede di Castellammare di Stabia in via Rispoli, 56 Ingresso in Piazza Spartaco, 7 Sarà valutato, in ogni persona, l aspetto bio-meccanico, per individuare eventuali disordini posturali in atto o che si svilupperanno a medio o lungo termine. Info: Disponibile 2 parcheggio gratis presso garage STABIAE in via Marconi,13 seguici su ok postura

3 editoriale di Paolo Trapani Salute e prevenzione: Sanitalk torna in cattedra Si rinnova anche questo mese l impegno della nostra rivista al fianco dei cittadini. Un impegno che non riguarda solo la pubblicazione di un periodico di salute e benessere, che divulga notizie relative alla medicina ed alle nuove patologie e diffonde consigli pratici su come prendersi cura di sé. Il nostro impegno, infatti, si sostanzia anche nel sostenere progetti direttamente rivolti alle scuole ed agli adolescenti. E così, come già accaduto nello scorso mese di novembre presso il liceo Francesco Severi, a febbraio abbiamo organizzato al liceo Plinio Seniore di Castellammare di Stabia un corso gratuito di prevenzione. Obiettivo dichiarato: consolidare e rafforzare la lotta ai tumori al seno. Al centro della nostra iniziativa, che proseguirà nei prossimi mesi con nuovi appuntamenti in altre scuole, abbiamo posto le studentesse, le famiglie, i docenti. La battaglia per diffondere sempre più la cultura della prevenzione non si ferma. Tutti sanno che la diagnosi precoce è la prima fonte di successo nella lotta al cancro della mammella. E quindi, cominciando dai più giovani ed andando in prima persona tra i banchi di scuola, abbiamo deciso di diffondere capillarmente sul territorio il messaggio della prevenzione. Sanitalk, d altra parte, si è caratterizzata fin dalla sua nascita per avere capacità poliedriche. Ossia di non essere una mera rivista che ospita articoli rivolti alla salute, ma che è capace di muoversi ed interagire con quei soggetti istituzionali, come le scuole appunto, che sono chiamati a diffondere alle nuove generazioni la conoscenza ed il sapere. Sul nostro territorio ci sono casi positivi di buona sanità, la Campania è ricca di potenzialità inespresse e professionalità non valorizzate, ma crediamo che ancora non si faccia abbastanza per diffondere tra i giovani la cultura del sapersi prendere cura di sé stessi così da aiutare medici e strutture a svolgere il proprio lavoro di assistenza. Nel nostro piccolo siamo certi di aver compiuto solo i primi passi, visto che siamo nati da meno di un anno ma al tempo stesso abbiamo la consapevolezza di aver intrapreso la strada giusta che ci vede concretamente al servizio dei cittadini e dell opinione pubblica. Abbiamo dinanzi a noi nuove ambiziose scommesse: in primis quella del piccolo schermo. Stiamo, infatti, lavorando alla realizzazione di un format televisivo così da ampliare la gamma della nostra offerta di conoscenza e sapere. Integrare la carta stampata e la televisione, senza tralasciare ovviamente le moderne frontiere del web e dei social network, può rappresentare la giusta miscela per dar vita ad un prodotto editoriale integrato e capace di rispondere agli standard di efficienza e qualità che oggi si richiedono a chi fa informazione. 3

4 Cura del Piede Cura del piede doloroso e del piede diabetico. Calli, duroni, unghie incarnite, verruche. Strumenti rigorosamente sterili. Piazza Spartaco, Castellammare di Stabia (Na) Tel Informazioni dal Lunedì al Sabato Ama i tuoi piedi, ama te stesso...

5 CAVO ORALE E PREVENZIONE: COME COMBATTERE LA CARIE Fondamentali le visite di controllo periodiche e l igiene Vincenzo Russo Medico Odontoiatra La carie dentaria è un processo patologico che provoca la distruzione dei tessuti duri del dente, con complicanze di ordine locale e talvolta generali. Essa può essere definita come un affezione ad eziologia multifattoriale, che prevede l interazione di tre diverse componenti: ospite suscettibile (il dente), dieta ricca di carboidrati fermentabili (zuccheri), microrganismi ad attività cariogena (batteri). I primi due componenti sono da considerarsi fattori causali predisponenti, mentre i microrganismi ad attività cariogena vengono ritenuti fattori causali determinanti. L assunzione di carboidrati fermentabili rapidamente dalla placca muco-batterica (la placca è una pellicola bianco-giallastra composta da batteri, residui di cibo e saliva, che si attacca ai denti, soprattutto nei punti in cui la pulizia risulta più difficile), con produzione di acidi istolesivi per l elemento dentario, è sicuramente il fattore determinante per l insorgenza della carie. Altro elemento importante è sicuramente la quantità di carboidrati introdotti, ed in particolare la frequenza con cui tale assunzione avviene. L ingestione di zuccheri, anche in grandi quantità, ma con assunzione singola o ad ogni modo sporadica durante la giornata, è sicuramente meno nociva di piccole quantità assunte frequentemente, che tengono continuamente in attività le colonie microbiche produttrici di acido. E dunque consigliabile concentrare nel tempo l assunzione di cibi dolci, e allo stesso tempo privilegiare quei carboidrati che transitino rapidamente nel cavo orale, che più difficilmente aderiscono al dente. Si preferiranno allora gli zuccheri disciolti in un liquido, cercando comunque di evitare sostanze zuccherine viscose ad alta aderenza. La suscettibilità degli elementi dentari alla formazione di carie varia in base a fattori fisiologici o patologici sistemici, ad alterazioni del flusso salivare, alle caratteristiche strutturali del dente, e alla capacità del sistema immunitario di difendere il cavo orale. Esistono vari modi per prevenire la carie: - L igiene orale, innanzitutto, cioè la rimozione degli agenti cariogeni locali con strumenti meccanici (spazzolini, filo interdentale, scovolini) - La profilassi alimentare, attraverso la riduzione dell assunzione di zuccheri potenzialmente dannosi - La fluoroprofilassi, che per via generale e per via topica modifica i tessuti duri dentari, aumentandone la resistenza agli agenti cariogeni - L applicazione di sealants (sigillanti), una metodica che realizza preventivamente la chiusura dei solchi e delle fossette occlusali con un sottile strato di materiali compositi Resta comunque di fondamentale importanza eseguire regolarmente visite odontoiatriche di controllo (ogni 4-6 mesi) che permettono di trattare precocemente i processi cariosi in modo da evitare lesioni dentarie di maggiore gravità. 5

6 VIAGGIO TRA LE DONNE CHE RIVOGLIONO LA VERGINITÀ Imenoplastica e ringiovanimento vaginale: la parola all esperto Francesca Mari Riparare l imene e ripristinare la verginità, oggi si può. Si chiama imenoplastica la particolare tecnica chirurgica, sempre più in diffusione anche in Italia, che consente alle donne di qualsiasi età di tornare illibate proprio come mamma le ha fatte. L imene (setto di membrana mucosa che sovrasta o ricopre parzialmente l esterno dell apertura della vagina), è presente nella maggior parte delle femmine dalla nascita, e normalmente viene interrotto dopo il primo rapporto sessuale, o anche a seguito di attività fisica e uso di tamponi. La rottura dello stesso, manifestata dalla perdita di sangue rosaceo, è nella nostra cultura il segno della perdita della verginità, fattore oggi meno incisivo nella cultura occidentale rispetto al passato, ma determinante in alcune realtà, come quella mediorientale, ai fini del matrimonio. A volte, quindi, per motivi culturali o per altre ragioni personali, una donna vorrebbe ripristinare un imene intatto ed avere esperienza di sanguinamento vaginale e dolore, proprio come per il primo rapporto sessuale. Sempre più donne ricorrono a questo intervento, anche perché veloce e non doloroso: nella cultura musulmana, per esempio, è una necessità perché la non verginità è considerata come un marchio che compromette la vita sociale del soggetto. Ma anche in altre culture, sebbene più liberali, la verginità costituisce un valore significativo, per cui il ricorso alla chirurgia estetica serve a risolvere conflitti interiori, complessi o disagi psicologici conferendo maggiore serenità e benessere alla persona. Questo e gli altri interventi per il ringiovanimento vaginale, inoltre, sono efficaci sia per aumentare la gratificazione sessuale sia per correggere l incontinenza urinaria da stress. L approfondimento che segue è curato da uno dei maggiori specialisti di questa tecnica, e della chirurgia vaginale in generale, il dottor Ciro Borriello, specializzato in Chirurgia Plastica Estetica e Ricostruttiva, che ha all attivo migliaia di interventi ed è autore di molteplici pubblicazioni su riviste scientifiche, ed attualmente opera alla clinica «Santa Maria la Bruna» di Torre del Greco, a Napoli e a Roma. 6 La tecnica del ringiovanimento vaginale prevede:

7 «La procedura sottolinea lo specialista - sostanzialmente modella la vagina e aumenta la gratifica- così come diminuisce i diametri interni ed esterni della vagina». «In sintonia con Master e Johnson afferma Borriello - la gratificazione sessuale della donna è direttamente connessa alla frizione del- quarantenne in una vagina di una sedicenne». «Con il rilassamento dei muscoli vaginali conclude il chirurgo - anche i tessuti di supporto diventano rilassati, questa porta come risultato ad un scarso tono muscolare, ad una perdita di forza e di controllo. Il canale vaginale si allarga e diventa meno elastico così pure le strutture esterne della vagina. Il recupero ed il ritorno alle ordinarie attività è di circa dieci giorni, mentre per la ripresa della vita sessuale è opportuno attendere qualche giorno in più». È utile sapere che: - Nella maggior parte dei casi, l intervento di riparazione o hymenoplasty imene è pratica mente inosservabile dopo la completa guarigione. Normalmente le cicatrici non sono visibili perché posizionate nella mucosa. L eventuale li posuzione del pube lascia un unica piccola cicatrice nascosta di alcuni millimetri. - È mantenuta la massima riservatezza del paziente. - I pazienti devono avere una consultazione pre-chirurgica e approfondita visita ginecologica prima della chirurgia. - I bisogni individuali e le aspettative sono discussi nel momento della consultazione col medico. - I pazienti sono individualmente consigliati e istruiti su cosa aspettarsi, compresi i possibili rischi e i possibili benefici. - La chirurgia è di solito eseguita in anestesia locale. - Dopo l intervento, si raccomanda di evitare il sesso, i tamponi e lavande per sei settimanane. - Il costo della chirurgia estetica della vagina varia in funzione del rimodellamento richiesto. Indicativamente, varia tra i e i euro. 7

8 tuo Centro Diagnostico Stabia s.r.l. PRELIEVI A DOMICILIO SABATO APERTO La nostra struttura è certificata con ICIM -Sincert. Certificato n 5124/

9 MEDICINA DEL LAVORO: COS E E A CHI SPETTA Cosa prevede la normativa vigente in materia Fulvio Criscuolo La medicina del lavoro è la branca che si occupa della prevenzione, della diagnosi e della cura delle malattie causate dalle attività lavorative. Il medico del lavoro ha una particolare esperienza nell identificare i sintomi causati dall esposizione del lavoratore a: - agenti chimici, come gli acidi, le basi forti o pericolosi in generale, venuti in contatto con i vari apparati, in particolare quello respiratorio, digerente, tegumentario, e le ripercussioni sul sistema possono dare conseguenze di vario tipo. Queste sostanze sono in primis le fibre di asbesto che causano asbestosi, poi la polvere di carbone (evenienza rara ai giorni nostri). - agenti fisici, quali le radiazioni ionizzanti o non ionizzanti, di energia varia, in particolare raggi ultravioletti, raggi X, raggi gamma, il rumore, le vibrazioni, il microclima, movimentazione manuale dei carichi. - agenti biologici: batteri, virus, parassiti. - fattori di rischio psicosociali: stress lavoro correlato. Ogni datore di lavoro, dopo aver effettuato la valutazione dei rischi prevista dal Decreto 81/08 ( Testo Unico sulla Salute e Sicurezza del Lavoro ), qualora siano presenti rischi per i quali la legge prevede la sorveglianza sanitaria deve nominare un medico competente. Le aziende e lavorazioni soggette a sorveglianza e alla nomina del medico sono: - Lavorazioni industriali, che espongono all azione di sostanze tossiche o infettanti o che risultano comunque nocive (DPR 303/56). - Lavorazioni nelle quali vi è il rischio di esposizione al piombo e all amianto (D.Lgs. 277/91). - Lavorazioni nelle quali vi è il rischio di esposizioni a vibrazioni e rumore (D.Lgs. 187/05 e 195/06) - Rischio di esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici. - Rischio di esposizione alle radiazioni ionizzanti ( tecnici di radiologia, ecc) - Movimentazione manuale dei carichi. (Magazzineri, ecc) - Uso di attrezzature munite di videoterminali ( segretarie d ufficio, videoterminalisti, call center, ecc) - Rischio di esposizioni ad agenti cancerogeni e biologici. - Lavoro notturno ( portieri, vigilanti, bar, discoteche, autogrill ) - Rischio silicosi. - Rischio chimico. La sorveglianza sanitaria è l insieme delle misure preventive per la salvaguardia della salute dei lavoratori. Quest ultima prevede la designazione di un medico e di una programmazione di visite annuali o con cadenza diversa (a seconda della mansione svolta ) per controllare la salute dei lavoratori. La visita serve a controllare anche se il lavoratore è idoneo a svolgere un tipo di mansione. Il medico competente, qualora la visita abbia esito positivo provvederà al rilascio delle idoneità lavorative. Ogni azienda ha l obbligo di rispettare la normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Secondo i Decreti legislativi 81/08 e 106/09, il datore di lavoro è obbligato a sottoporre i dipendenti a visite specialistiche periodiche per verificarne l idoneità alle mansioni. Ha inoltre l obbligo di garantire ai propri dipendenti un luogo di lavoro senza rischi per la salute o quantomeno deve attuare tutte le misure necessarie per la riduzione del rischio lavorativo. Altro ed non ultimo dovere, infine, quello di informare i dipendenti sui rischi lavorativi con corsi sulla sicurezza. 9

10 IL REFERTO STRUTTURATO, NUOVO STRUMENTO PER IL RADIOLOGO Tutte le opportunità di un nuovo elemento informativo Francesco Amato Dottore (Phd) Consulente Informatico ASL Caserta 10 In questo breve articolo parliamo del referto strutturato, un elemento informativo a disposizione dello specialista radiologo, che permette di ampliare la presentazione del lavoro interpretativo con l aggiunta delle immagini diagnostiche che maggiormente hanno contribuito a formulare la diagnosi. Il documento così prodotto è memorizzabile negli stessi archivi in cui si conservano le immagini diagnostiche, noti come PACS. Infatti il referto strutturato è parte integrante dello standard DICOM ed al suo interno, secondo una organizzazione descritta dallo standard, troviamo un insieme di dati alfanumerici e di immagini che comprendono i dati anagrafici del paziente, il tipo di esame eseguito, le notizie anamnestiche, i reperti derivanti dalle immagini diagnostiche, le immagini stesse ed infine le nostre conclusioni, oltre ad una codifica della patologia di interesse. La sua archiviazione, lo rende parte inscindibile dell esame e ne permette la distribuzione sullo stesso supporto con cui si consegnano le immagini. La standardizzazione consente la fruizione delle informazioni da parte di un lettore umano ma anche da parte di una applicazione che oltre ad ampliarne la diffusione, consentendone una volta apposta la firma digitale dell autore, la distribuzione attraverso strumenti informatici e telematici, ne può anche interpretare il contenuto permettendo, ad esempio, di selezionare rapidamente gli esami dei pazienti in cui l aorta ha un lume superiore a 4 cm. Il contenuto informativo del documento si conserva anche quando con alcune trasformazioni lo pubblichiamo in una cartella clinica elettronica o in un fascicolo sanitario. E un documento interoperabile e permette al dato sanitario di sopravvivere alle applicazioni che lo hanno generato. Anche il valore probatorio del refer-

11 to viene accresciuto, con l aggiunta dell iconografia di riferimento, inoltre la stessa presenza all interno del documento delle immagini nella forma in cui le applicazioni in uso al momento della refertazione consentivano di mostrare tutelano lo specialista da tutte le eventuale rielaborazioni successive dei dati grezzi forniti al paziente. Il limite attuale dell introduzione della refertazione strutturata in tutte le realtà in cui le diagnostiche per immagini sono digitalizzate sta nella scarsità degli applicativi che la trattano e nella difficoltà per gli specialisti italiani ad utilizzare un linguaggio controllato che esprima i concetti in modo univoco. Occorre uno strumento che consenta di scrivere rapidamente un referto, che si collega ad ogni periferica di acquisizione, visualizzazione ed archiviazione disponibile, che assista il radiologo nella scrittura con l aiuto di una ontologia che contenga la conoscenza anatomica, funzionale e patologica in modo da ottenere un referto che sarà quindi strutturato (DICOM SR), oltre che nella modalità di archiviazione all interno del set di immagini DICOM in un PACS, anche nel linguaggio che permetterà indicizzazioni univoche per settore anatomico, patologia e diagnosi. Occorre inoltre diffondere la cultura e la consapevolezza che il lavoro del radiologo è enfatizzato e non appiattito dall uso di questo strumento. A tale scopo una delle mie aziende, Teleradiologia.net, sta sviluppando un simile strumento ed intende diffonderlo in modo gratuito nella comunità scientifica per utilizzare al meglio i feedback che perverranno. L applicazione, piccola e facilmente utilizzabile in ogni contesto è già disponibile e si può scaricare dal sito Deve essere completata dalla possibilità di firmare digitalmente i referti prodotti ed occorre lavorare ancora molto sull ontologia per la scrittura assistita, ma è già utilizzabile per: connettersi ad ogni fonte DICOM, a molti visualizzatori, ad alcuni software di accettazione e refertazione. ricercare l esame. attivare il visualizzatore preesistente per esaminare le immagini e marcare quelle maggiormente contribuiscono alla diagnosi. scrivere il referto strutturato, usando un set di frasi personalizzate e potendo includere le immagini selezionate in ogni punto del testo. archiviare il referto nel PACS. trasformarlo in documento clinico (CDA HL7) ed in formato pdf stampabile (vedi esempio). 11

12 DIAMO PIÙ ENERGIA AL TUO COMPUTER Vendita ed assistenza di prodotti per l informatica Assistenza Tecnica Strutture Sanitarie Riparazioni Notebook Consulenza Tecnica Prodotti Hi-Tech DG Informatica Via Tavernola, 35 Strada Tavernola, 7/ Castellammare di Stabia (Na) Tel Fax Arredo Ufficio Oggettistica Riparazioni TV e Monitor 12 visita il nostro website

13 FUTURO DELL ENPAM, MEDICI SUL PIEDE DI GUERRA Coesione nel merito ma sul metodo della protesta non c è accordo Stefania Pedersoli Condiviso nel merito, respinto nel metodo. Il Sindacato medici italiani rompe il fronte dei camici bianchi. E anche se alla fine lo sciopero di febbraio è stato revocato, restano gli strascichi di una polemica che ha diviso le sigle sindacali. Fuori dal coro quella presieduta dall ex presidente dell Ordine nazionale Giuseppe del Barone. Netta la frattura con la Federazione italiana medici di medicina generale promotrice dello sciopero poi ritirato. «No alla fuga in avanti» dice il vicesegretario nazionale Smi, Luigi De Lucia. E in questa lapidaria frase è riassunta la posizione dello Smi. Non è infatti un problema di merito, ma piuttosto di metodo. Quella convocazione dello sciopero, da parte della Fimmg, «in splendida solitudine, senza prima discuterne in una riunione intersindacale» non gli è proprio andata giù. E così, dopo tante discussioni, è arrivata la decisione di non aderire. La scelta é stata presa nella direzione nazionale presieduta da del Barone. Quando poi lo sciopero è stato ritirato, dallo Smi si è quasi gridato alla vittoria. «Riconfermiamo l impegno con le altre sigle sindacali a difendere con tutte le forze l autonomia dell Enpam (Ente nazionale di previdenza e assistenza medici e odontoiatri ndr) - dice De Lucia - Ma stigmatizzo le fughe in avanti della Fimmg che proclama da sola lo sciopero senza alcuna condivisione con gli altri». Intanto c è un altro appuntamento nell agenda dello Smi. «Saremo - continua De Lucia - al fianco degli altri liberi professionisti nella manifestazione organizzata dall Adepp (Associazione degli enti previdenziali privati) per marzo a Roma». Ed al di là della polemica delle settimane scorse, il vero nodo resta l Enpam. Su questo lo Smi ha chiesto un incontro con il ministro del Lavoro. A togliere il sonno alla categoria è l ipotesi che il Governo possa allungare le mani sulle casse dell ente previdenziale dei medici. Oltre ai problemi di carattere locale (irregolarità nei pagamenti delle amministrazioni e le convenzioni regionali, la difficoltà dell accesso al lavoro dei giovani, i problemi della Guardia medica, etc.) a preoccupare sono le nuove disposizioni del Governo che minerebbero l autonomia Enpam. Lo spettro è il taglio delle pensioni e un cospicuo aumento dei contributi da parte dei medici. E su questo lo Smi promette battaglia. «Se toccano i nostri soldi sarà un furto - dice Del Barone dallo Stato non riceviamo nemmeno un soldo e il nostro ente previdenziale deve restare autonomo. Non possono sottrarci i nostri risparmi, sono soldi nostri e nessuno può toccarli». «Attuare una riforma è importante - dice De Lucia - l attuale statuto Enpam è datato e non risponde a criteri di rappresentatività propri di un ente privato in cui i medici, oltre a essere contribuenti, sono di fatto anche soci-azionisti. Una mancata riforma e una gestione poco trasparente potrebbero provocare un commissariamento della cassa dei medici e, chissà, come già avvenuto per l Inpdap, un assorbimento nell Inps». 13

14 COME NON AVERE PIU UN DIAVOLO PER CAPELLO Salute, pulizia e uso dei cosmetici: cosa fare per curarli al meglio Francesca Mari Scuri, chiari, ricci, lisci, mossi: i capelli, cornice del volto, sono indispensabili per l identificazione estetica della persona e non solo. Secondo recenti studi il colore e la forma della nostra chioma inciderebbero anche sulla nostra personalità. Inoltre, i capelli sani sono indice della salute di tutto il corpo e, mantenerli puliti e curati la dice lunga sul nostro modo di essere. Quindi, prendiamoci cura dei nostri capelli e ci sentiremo più sani e più belli. I tre aspetti fondamentali per la cura dei capelli Salute La crescita dei capelli è di circa cm l anno, mentre la vita di un capello oscilla dai 2 ai 6 anni, e la loro salute e la loro crescita dipendono soprattutto da una dieta adeguata. Popolazioni con dieta proteica insufficiente perdono molti capelli, evenienza che in Occidente può capitare solo a chi segue una dieta da 800 calorie per ottenere una drastica riduzione del peso. Anche la carenza di ferro causa la perdita di capelli ed il rimedio è quello di introdurre nella propria dieta uova, carne, cereali, piselli, fagioli, frutta fresca e verdure che, contenendo vitamina C aiutano ad assorbire il ferro e a combattere l anemia. 14 Pulizia La pulizia riguarda innanzi tutto il cuoio capelluto che si desquama,con formazione di forfora e conseguente produzione di sebo. Il cuoio capelluto va lavato tanto più spesso quanto più sono presenti forfora e grasso e quanto più si lavori in un luogo polveroso. E quindi ovvio che chi lavora in una falegnameria o in un officina avrà bisogno di lavarsi i capelli tutti i giorni, mentre per chi lavora in ufficio è sufficiente lavarli una o due volte a settimana. Per eliminare il grasso e la polvere dai capelli si usa lo shampoo che contiene sapone detergente, olii e numerosi additivi come estratti di catrame, sali di selenio, uova, birra, erbe, profumi e coloranti vari. In realtà, poiché i capelli sono fibre morte, beneficiano pochissimo di tutti questi additivi e quindi possono essere utili, in caso di cute grassa ed abbondante forfora, solo i derivati del catrame ed il selenio solfuro. Shampoo molto costosi non sono quindi necessariamente più efficaci di quelli più economici e dalla composizione più semplice. Per quanto riguarda la capacità degli shampoo e dei dopo shampoo di rendere luminosi i capelli, si tratta di effetti momentanei in quanto i vari balsami, essendo generalmente a base di olio, emulsionanti e cere vegetali, ricoprono la superficie dei capelli con una sottile pellicola protettiva rendendoli più morbidi, lucenti, docili al pettine ed apparentemente più vigorosi solo fino al lavaggio successivo. I preparati dopo shampoo sono utili quando la superficie dei capelli o la cuticola sono rovinate: la

15 queste scaglie possono rovinarsi a causa di lavaggi troppo frequenti o aggressivi, dalle tinture e dai trattamenti come permanenti, piastre troppo calde ecc. L uso del balsamo dopo shampoo ne riduce l elettricità statica aumentando l aderenza della cuticola al fusto e mantenendo la giusta struttura a strati sovrapposti, favorendone la maneggevolezza e la lucentezza. Uso oculato di cosmetici Nonostante il fatto che il cuoio capelluto sia particolarmente robusto e resistente, bisogna prestare attenzione a non danneggiarlo con un uso eccessivo, aggressivo o inesperto di coloranti, decoloranti, massaggi, permanenti. Nella permanente, ad esempio, i capelli vengono dapprima ammorbiditi rompendo le giunzioni proteiche che ne formano lo scheletro tramite calore o composti chimici, per poter dare loro la forma voluta, e poi vengono di nuovo fissati con un agente ossidante. Per quanto riguarda le tinture per capelli, oggi i coloranti artificiali hanno rimpiazzato gli innocui ma poco pratici coloranti vegetali. I coloranti temporanei, che ricoprono semplicemente i capelli e vengono rimossi dallo shampoo, non sono pericolosi mentre lo sono le colorazioni permanenti, che possono danneggiare il cuoio capelluto. Talvolta la cute può risultare allergica a questi prodotti e pertanto, per evitare un eruzione cutanea dovuta ad allergia, bisognerebbe testare il prodotto tramite un applicazione cutanea, ad esempio sul braccio, e controllarla dopo 48 ore, evitando di usarla sul cuoio capelluto nel caso in cui abbia causato un infiammazione della pelle. Alcune persone usano schiarire i capelli con acqua ossigenata, ma se questo tipo di operazione viene ripetuta troppo spesso i capelli diventano fragili e sottili e sviluppano doppie punte, non potendo più essere sottoposti a tinture o permanenti. Come difendere i capelli dal freddo Anche il freddo fa male ai capelli. La fibra capillare si indebolisce, le squame si aprono. Le conseguenze? I capelli sono opachi, spenti e le ciocche piatte, senza corpo e volume. Ecco alcune strategie antifreddo: - Usare sempre il cappello (scegliendolo di un materiale che non elettrizzi i capelli, come cotone o fibre naturali). - È bene munirsi di pazienza e prodotti ad hoc per rimediare al danno subito quotidianamente, dopo aver chiesto consiglio al proprio acconciatore. - Usare shampoo, maschere e balsami per reidratare. Una volta alla settimana fare una maschera specifica può essere utile. Lasciare in posa e poi risciacquare con cura. Attenzione allo shampoo, deve essere privo di tensioattivi e di altri agenti chimici inquinanti ed aggressivi per il cuoio capelluto. - Bere tanto: per cancellare dalle chiome secchezza e ciocche rovinate è importante anche l idratazione, che offre l elasticità al capello. Basta una tazza di tè verde a lunga infusione per fare il pieno di antiossidanti, un toccasana per difendere i capelli (e non solo) da sostanze che li fanno invecchiare. 15

16 POSTURA CORRETTA DURANTE IL LAVORO Analisi delle principali fonti di pericolo Catello Coppola Posturologo e osteopata Buona parte delle patologie posturali derivano dalle posizioni scorrette che si assumono durante l attività lavorativa, soprattutto quando quest ultima presenta condizioni di ripetitività. Questo articolo è una specie di test, che si rivolge direttamente ai datori di lavoro, nell auspicio di agevolare una analisi delle condizioni dei lavoratori dell azienda. Al tempo stesso la sua lettura è utile anche ai lavoratori stessi. Una postura scorretta sul posto di lavoro causa sovraccarichi e un rapido affaticamento. I posti di lavoro nella vostra azienda sono concepiti in modo da favorire una postura corretta? Ecco i pericoli principali: - infortuni per reazioni sbagliate - infortuni per mancanza di concentrazione - danni all apparato locomotore Con la presente lista di controllo potete individuare meglio le fonti di pericolo, ed avere un riferimento di controllo da adottare. Le domande dalla 1 alla 10 servono a valutare approssimativamente la situazione nella vostra azienda. Se rispondete a tutte con «no», significa che le condizioni di lavoro non si orientano verso posture scorrette o inadeguate. Se le risposte con SI sono più della metà si consiglia un consulto specialistico Si lavora tenendo la testa e/o il busto girati di lato? 2 Durante il lavoro la testa è reclinata all indietro (direzione dello sguardo al di sopra dell orizzontale) oppure protesa in avanti? 3 Si lavora con la schiena ricurva e le spalle sollevate? 4 Durante il lavoro la schiena e la cervicale vengono inclinate di lato? 5 Nell esecuzione dei lavori che implicano motricità fine si appoggiano le braccia o le mani su spigoli duri o sulle superfici fredde di apparecchiature oppure, mancano completamente delle superfici di appoggio? 6 Durante il lavoro da seduti la mancanza di spazio costringe ad assumere una posizione scomoda, con le gambe piegate di lato o all indietro? 7 Durante il lavoro si appoggiano i piedi su sostegni improvvisati come casse, tavole o tubi oppure le gambe sono addirittura a penzoloni? 8 Si lavora spesso in posizioni estremamente scomode,ad esempio accovacciati, ricurvi, in ginocchio o ad un altezza superiore a quella della testa? 9 La postura durante il lavoro da l impressione di essere scomoda, innaturale o addirittura forzata? 10 I collaboratori lamentano di tanto in tanto dolori alla schiena, ai muscoli o alle articolazioni?

17 Con le domande elencate qui di seguito si possono individuare le eventuali carenze presenti nei singoli posti di lavoro. In presenza di risposte «no» occorre adottare una contromisura. Altezza del piano di lavoro 11 L altezza del piano di lavoro è adatta alla statura? 12 L altezza del piano di lavoro può essere adattata in modo facile e rapido (con manovelle o sistemi elettrici, con basamenti o piedistalli )? 13 Si cerca sempre di evitare posizioni estreme (lavoro in posizione accovacciata, ricurva, in gnocchio o con la testa reclinata all indietro)? 14 Se è inevitabile eseguire dei lavori in posizioni estreme, i lavoratori vengono facilitati con l uso di accessori appropriati? Lavorare seduti 15 L altezza del sedile è adattata all altezza di lavoro e alla statura? 16 La sedia o il sedile sono in buono stato e regolabili con facilità?(il bacino deve essere ben sostenuto!) 17 Se il sedile è regolato adeguatamente, è possibile tenere entrambe le piante dei piedi appoggiate completamente sul pavimento, senza che il bordo anteriore del sedile prema sulle cosce? dei singoli 18 Lo spazio sotto il piano di lavoro è sufficiente anche per le cosce, le gambe e i piedi e non impedisce i movimenti volontari del corpo? (Non devono esserci ostacoli quali gambe di tavoli, materiale, coperture, tubazioni, spigoli di apparecchi, tavoli o macchine) 19 È possibile appoggiare le braccia e le mani mentre si eseguono lavori di precisione Libertà di movimento 20 Tutti i movimenti del corpo necessari per svolgere correttamente il lavoro possono essere eseguiti liberamente senza il pericolo di urtare contro degli ostacoli? 21 L area di transito attorno al posto di lavoro è libera da materiale, attrezzi e apparecchi? (Badare in particolare allo spazio riservato alle gambe e ai piedi) Dispositivi di comando 22 Gli organi d azionamento e i dispositivi di comando sono installati a un altezza comoda e possono essere azionati senza un eccessivo sforzo muscolare? 23 Si trovano a portata di mano e possono essere azionati dal posto di sorveglianza degli indicatori? Attrezzi e utensili 24 Gli utensili e gli attrezzi in dotazione sono adatti ai lavori da eseguire? 25 Sono facili da usare e consentono di lavorare limitando la fatica e assumendo posture corrette? 17

18 PRENOTAZIONI IN FARMACIA, ECCO LA CARD DELLA SALUTE Una nuova possibilità per i cittadini che necessitano di prestazioni Tommy Greco 18 Dallo scorso 1 febbraio le prestazioni infermieristiche ed assistenziali a Napoli si possono prenotare in farmacia. Grazie all accordo tra Federfarma Napoli e Fisiomedical Consulting, società cooperativa sociale che opera nell assistenza infermieristica e domiciliare, i cittadini possono acquisire in farmacia la Card della Salute. Mediante questa tessera, si ottiene la possibilità di acquistare prestazioni di assistenza a domicilio (ad esempio: iniezioni intramuscolo o endovena, flebo, medicazioni), o socio-assistenziali, come l assunzione o la somministrazione di pasti, l assistenza domiciliare diurna e notturna, il sostegno nella deambulazione. Le prestazioni richieste possono essere prenotate con la card direttamente in farmacia, via telefono o via web. Gli interessati possono acquistare prestazioni singole o utilizzare la scheda nell opzione prepagata. Il servizio è attivo in tutte le farmacie di Napoli e provincia che aderiscono all iniziativa ed espongono il logo della Card. La carta consente di avere prestazioni in tempi rapidi (48 ore circa) e che vengono eseguite da personale specializzato. L iniziativa partenopea è la prima del genere in Italia. Michele Di Iorio, presidente di Federfarma Napoli, ha affermato: «Nonostante l atteggiamento ostile del governo centrale, ed a dispetto dell inconcludenza di quello regionale, i titolari di farmacia napoletani continuano a realizzare un percorso di vicinanza nei confronti dei cittadini attraverso l incremento dei servizi offerti dalle farmacie di Napoli e provincia. Dopo la possibilità per i cittadini-utenti di prenotare gratuitamente visite specialistiche in farmacia attraverso il Centro unico di prenotazione, e dopo la diffusione del sistema della distribuzione per conto, grazie al quale i cittadini possono comodamente ritirare dal proprio farmacista di fiducia quei prodotti che prima dovevano ritirare in ospedale, adesso con la Card della Salute, quando il sistema andrà a pieno regime, i cittadini potranno usufruire anche di una serie di servizi infermieristici al proprio domicilio trasparenti come prezzo e sicuri dal punto di vista professionale. Mi auguro che tali servizi possano essere sempre più velocemente incrementati e capillarizzati, anche se resto molto preoccupato dall atteggiamento punitivo del governo centrale che rischia di abbattere la qualità dei servizi offerti dalle farmacie italiane, sedotto com è dalla grande distribuzione». Tania Mautone, procuratrice della Fisiomedical Consulting ha specificato che «La nostra società opera nel settore delle prestazioni infermieristiche e socio assistenziali da oltre 10 anni, avendo così maturato un esperienza professionale, ma anche imparando ad essere elastici e pronti ad andare incontro alle esigenze dei clienti-pazienti che assistiamo. Per garantire la massima qualità del servizio, effettuiamo anche controlli campione sulla soddisfazione e la qualità del lavoro dei accessibile a tutte le fasce sociali».

19 DONNE OVER 40, NON PIÙ UNA VITA IN SALITA Tra i problemi più diffusi l osteoporosi Carla Coppola Medico Fisiatra Distretto 53 Asl Napoli 3 Sud Dai 40 anni in su la donna si trova a dover fronteggiare un nemico insidioso che mina, col tempo, il suo benessere fisico: si tratta dell osteoporosi. Il progressivo impoverimento del contenuto calcico delle ossa, che diventa sempre più veloce e sintomatico dopo la menopausa, è responsabile dei dolori diffusi e spesso di fratture improvvise. Fortunatamente ci vengono in aiuto sia i farmaci, che riducono la perdita di massa ossea, sia metodiche fisioterapiche che concorrono a mantenere la struttura ossea solida e ricca di calcio. Tra queste, c è una nuova metodica chiamata Alice, dall apparec- attività stimolante delle cellule preposte alla calcificazione ossea e, quindi, in tutte le condizioni patologiche di indebolimento scheletrico. Oltre all osteoporosi, l avanzare dell età spesso riserva, specie al sesso femminile, la progressiva degenerazione cartilaginea di tutti i distretti articolari, con l insorgenza di dolori spesso acuti e invalidanti: l artrosi. La metodica utilizzata con l apparecchiatura Alice permette l attivazione dei condroblasti, che sono i responsabili della rigenerazione cartilaginea, preservando così l integrità e la buona funzionalità articolare. Per le donne, e perché no, per quegli uomini che, nonostante il passare del tempo, vogliono mantenere una buona forma fisica e la bellezza della pelle, l apparecchiatura Alice consente anche di aiutare a dimagrire e tonificare la muscolatura in quei punti dove spesso le diete falliscono (fianchi, glutei, braccia, cosce), attraverso l azione di raggi infrarossi, ad elevato potere di penetrazione nel tessuto adiposo, condizione che causa lo scoppio degli adipociti e la liberazione di grasso nel circolo ematico che viene captato ed utilizzato come carburante dai muscoli impegnati in un lavoro di contrazione indotta elettricamente attraverso elettrodi applicati sul distretto interessato. L attivazione, infine, dei fibroblasti (cellule deputate a mantenere la pelle elastica) con il conseguente miglioramento dell elasticità cutanea, rappresenta l ultimo momento, non per importanza, per far si che le donne, a qualsiasi età, possano continuare a sentirsi belle e in totale benessere psicofisico. 19

20 ANALISI DELLE BUGIE: PERCHÈ SI MENTE E COME SI SCOPRONO Difficili nella società moderna i rapporti diretti e sinceri Carmen Onorato di dire sempre la verità. Tante possono essere le motivazioni: si mente per nascondere i nostri reali sentimenti, o magari per non urtare la sensibilità degli altri, o ancora, per evitare situazioni spiacevoli. Per alcuni, raccontare bugie è uno stile di vita. Si tratta di individui con un carattere poco definito, che sono molto immaturi e stentano ad avere rapporti con chi li circonda. Cercano così di costruirsi un proprio carattere in modo artificiale, raccontando anche cose non vere. Il bugiardo incallito si tradisce, quasi sempre, da solo e i virtù di alcuni comportamenti. Il nostro corpo parla inviando continui messaggi attraverso la mimica, la postura, i movimenti e le espressioni facciali. Spesso capita che siamo talmente concentrati sulle parole che dimentichiamo che il corpo trasmette messaggi. Ci troviamo, ad esempio, davanti ad una probabile bugia quando il nostro interlocutore non ci guarda negli occhi per evitare che ci si accorga che il diametro delle sue pupille si è ridotto, oppure la paura di essere scoperto gli procura una scarsa salivazione che lo induce a passarsi frequentemente e freneticamente la lingua sulle labbra. O ancora, le bugie possono essere scovate anche con un attento ascolto delle parole utilizzate e dal tono di voce utilizzato del nostro interlocutore. Come la voce, anche il corpo può assumere caratteristiche particolari, poco naturali, come tamburellare considerati solo tipici di chi mente, ma possono in alcuni casi anche mascherare una persona tesa o molto emotiva. Occorre quindi interpretare la situazione in cui ci si trova e ovviamente la persona che si ha di fronte. Esistono tanti tipi di frottole, spesso si sente parlare di bugie bianche, raccontate per quieto vivere e per evitare discussioni inutili. Si dicono, magari, per non essere scortesi e non ferire la sensibilità ilità altrui. Poi, chiaramente, ci sono le bugie raccontate nei rapporti d amore, definite preservatrici, i, ossia per non n far scoprire un eventuale tradimento, le bugie educative dette ai bambini o quelle pedagogiche che vengo- no raccontate perché i più piccoli si sentano sempre gratificati, anche se compiono gesti che possono apparire strani. Capitolo a parte è poi quello delle bugie raccontate sul posto di lavoro per evitare di assumere ruoli poco soddisfacenti o scarsamente remu- nerativi. Infine, categoria tutta particolare è quella delle bugie dette per apparire più intriganti o più interessanti: questo tipo di bugie vengono dette spesso dall uomo per conquistare una donna. Più in generale, erale, comunque, la bugia nasconde un disagio ed il miglior modo per non subirla è prevenirla, cercando di comunicare in modo efficace e mettendo tend a proprio agio la persona con cui si dialoga. In definitiva, iva, se non è possibile evitare che gli altri ci mentano, l obiettivo mi- nimo può essere almeno quello di costruire relazioni improntate sulla sincerità di base. 20

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Foglio1. 5-7.00 Piega 10,00. Masch.x lavaggio/sh.speciale

Foglio1. 5-7.00 Piega 10,00. Masch.x lavaggio/sh.speciale LISTINO PREZZI Servizio Singolo Pettinata 5-7.00 Piega Taglio Masch.x lavaggio/sh.speciale 2,00 Fiala ai minerali x lavaggio 5,00 Fiala x caduta 5,00 Cachet Masch.con elastina Masch.con cheratina Pagina

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Regalo n. 1. Keope MFV

Regalo n. 1. Keope MFV Regalo n. 1 Keope MFV Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva: La vibrazione è la forza vitale. Nell'universo tutto vibra. Attraverso la vibrazione meccanica, con il corpo in completo scarico funzionale,

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli