WORKSHOP Focus su sicurezza d uso e nutrizionale degli alimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WORKSHOP Focus su sicurezza d uso e nutrizionale degli alimenti"

Transcript

1 WORKSHOP Focus su sicurezza d uso e nutrizionale degli alimenti Metodologie tradizionali ed innovative per la valutazione dell esposizione alle micotossine Carlo Brera ISS - Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari - Reparto OGM e Xenobiotici di origine fungina Roma, Novembre 2005

2 Definizione La valutazione dell esposizione, come parte della valutazione del rischio, è definita come la valutazione qualitativa e/o quantitativa della probabile assunzione di agenti biologici, chimici o fisici attraverso il consumo di alimenti così come quella derivante da altre fonti (inalazione) (WHO, 1997)

3 Approcci per la valutazione della Deterministico esposizione point-estimates - ottenuta attraverso la raccolta di singoli livelli di concentrazione o di livelli medi sia degli analiti che dei dati sui consumi. Probabilistico Valutazione della probabilità della distribuzione dei parametri di esposizione potenzialmente in grado di influenzare l esposizione, prendendo in considerazione l incertezza e le variabilità dei parametri

4 Single point method Probabilistic method Improved consumption data quality Model diets Best quality, least uncertainty and greatest cost Regional diets First estimate National diets Household and individual diets Methods used for estimating exposure As consumed levels Best estimate Monitored levels Maximum levels in standards Least quality, greatest uncertainty and least cost Improved residue data quality

5 L algoritmo della esposizione Indipendentemente dagli aspetti legati a valutazioni sugli aspetti acuti e/o cronici ed al modello utilizzato per la sua valutazione, l esposizione è un apparente semplice funzione della quantità di alimento consumato e della concentrazione della sostanza tossica nell alimento stesso secondo la seguente formula: Esposizione = Quantità dell alimento consumato X livello di concentrazione dell analita Peso corporeo

6 Strumenti utilizzati dalla Unione Europea per la valutazione dell esposizione delle micotossine Scientific CO-OPeration on questions relating to Food SCOOP tasks

7 DIRETTIVA del Consiglio 93/5/EEC Il razionale di ciascuna task è di procurare una informazione armonizzata ed attendibile disponibile per la Commissione per la gestione delle problematiche correlate ai prodotti alimentari

8 Tasks sulle micotossine Assessment of the dietary intake by the population in EU Member State Aflatossine - Completata (1995) Ocratossina A - Completata (1996) Ocratossina A - Completata (2002) FusarioTossine - Completata (2003) Patulina - Completata (2003)

9 Obiettivi delle Tasks Procurare una descrizione, armonizzata a livello Europeo, dello stato di contaminazione delle micotossine negli alimenti in ciascun Stato Membro Ottenere informazioni sulla incidenza di contaminazione delle micotossine sia nelle materie prime sia nei prodotti trasformati Valutare l assunzione con la dieta in relazione alle categorie alimentari Valutare la migliore stima della assunzione totale con la dieta da alimenti e bevande in ciascun Stato Membro Valutare le assunzioni per particolari gruppi di popolazione (forti consumatori, bambini, intera popolazione, etc.). Paragonare l assunzione totale con quella calcolata, ove possibile, dalla estrapolazione dei calcoli effettuali sui fluidi biologici

10 SCOOP Task Figure 18 Contribution of each food commodity to the mean European total dietary intake of OA* *Consumption data related to consumers only were employed for France Norway and Sweden 13% 10% 8% 50% 1% 3% 4% 5% 6% Cereals Wine Coffee Spices Others Beer Cocoa Dried fruits Meat

11 Valutazione della esposizione alla patulina (ng/kg pc/g) - SCOOP Task PMTDI = 400 ng/kgpc/g Succo di frutta Purea di frutta Prodotti per l infanzia Frutta fresca Totale Popolazione Succhi e purea Frutta fresca Succhi e purea Consumatori Frutta fresca

12 Progetti recenti Valutazione della esposizione della popolazione italiana alla Fumonisina B1: uno studio di dieta totale Valutazione dell esposizione da ocratossina A in campioni di siero di donatori sani Valutazione della esposizione alle micotossine nei posti di lavoro SAFE FOODS ( ) Progetto Integrato (VI FP) Quantitative risk assessment of combined exposure to food contaminants (mycotoxins) and natural toxins. Aflatossine - Ocratossina A - Patulina - Fusariotossine

13 Progetti recenti Valutazione della esposizione della popolazione italiana alla Fumonisina B1: uno studio di dieta totale Valutazione dell esposizione da ocratossina A in campioni di siero di donatori sani Valutazione della esposizione alle micotossine nei posti di lavoro SAFE FOODS ( ) Progetto Integrato (VI FP) Quantitative risk assessment of combined exposure to food contaminants (mycotoxins) and natural toxins. Aflatossine - Ocratossina A - Patulina - Fusariotossine

14 VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE MEDIANTE L ALIMENTAZIONE Linee guida rganizzazione ondiale anità Singoli Alimenti Porzioni in Duplicato Assunzione Giornaliera (dietary intake) Incidenza contaminazione x consumo alimentare giornaliero/pc Porzione duplicata del pasto consumato (solo per piccoli gruppi di popolazione) Dieta Totale Su materie prime alimentari (quando la (contaminazione interessa uno o due prodotti) Paniere della spesa (market basket) - Riproduce la dieta totale di un gruppo di consumatori - Alimenti nella forma in cui vengono consumati - Alimenti analizzabili individualmente o in modo aggregato

15 MATRICE o CATEGORIA ALIMENTARE CODICE MATRICE NUMERO DI MARCHE PRELEVATE Punto Vendita "A" Punto Vendita B Punto Vendita "C" Campionamento BIRRA CHIARA A BIRRA SCURA E ROSSA B BIRRA ANALCOLICA C MAIS DOLCE D FIOCCHI DI MAIS E FARINA PER POLENTA F FAGIOLI G PISELLI H MUESLI E CEREALI I MISTI ORZO L RISO M CIOCCOLATO E N CIOCCOLATINI CACAO PER PRIMA O COLAZIONE CACAO IN POLVERE P CREME CON CACAO Q CREME DESSERT BUDINI R CATEGORIE ALIMENTARI E RELATIVO NUMERO DI MARCHE PRELEVATE MERENDINE AL CACAO S

16 Principali risultati Il maggior contributo all esposizione della popolazione italiana alla FB 1 è stato apportato dalle matrici: - Farina per polenta - Birra chiara Il contributo della matrice acqua potabile è risultato essere nullo Tra la popolazione la fascia di età più esposta è risultata essere quella degli adulti (18-64anni) perché maggiori consumatori delle matrici interessate dalla contaminazione da FB 1 La stagione in cui si è rilevata una esposizione maggiore è risultata essere l inverno L area geografica italiana più esposta è risultata essere il Nord Ovest

17 La stima dell esposizione alla FB 1 condotto con metodologia Dieta Totale sulla popolazione italiana è risultata essere comunque ben al di sotto del valore di TDI (2µg/Kgpc/die) Sicurezza d uso delle derrate alimentari I cereali si confermano essere le matrici alimentari maggiormente interessate dalla contaminazione da FB 1 I bassi contributi apportati dai prodotti a base di cacao sono interessanti in quanto non costituiscono un rischio per la fascia di consumatori alquanto critica quale quella dei bambini L efficienza dei metodi di analisi verificati sulle matrici presenti nel paniere ha fornito parametri conformi alle indicazioni della normativa CEN (Standard 35035)

18 Food Member State Corn Corn fractions Corn derived products Cereal products Millet Rice Others Sum of dietary intake (ng/kg bw/d) Population Consumers Italy - POPULATION 21,20 24,90 0,60 46,7 Italy - CONSUMERS 314,65 194,65 7,40 516,7 Dati di esposizione alla FB 1 provenienti della SCOOP Task (2003) Esposizione della popolazione italiana = 46.7 ng/kgpc/die ALIMENTO POPOLAZIONE TOTALE esposizione Esposizione media 95 percentile µg/kgpc/die µg/kgpc/die RISO 0,0000 0,0000 MAIS 0,0000 0,0000 ORZO 0,0001 0,0000 FARINA PER POLENTA 0,0388 0,3238 FIOCCHI DI MAIS 0,0022 0,0000 MUESLI E CEREALI MISTI 0,0001 0,0000 FAGIOLI IN SCATOLA 0,0000 0,0000 CIOCCOLATO E CIOCCOLATINI 0,0004 0,0027 CACAO IN POLVERE 0,0004 0,0002 CREME CON CACAO 0,0000 0,0000 CACAO PER PRIMA COLAZIONE 0,0000 0,0000 MERENDINE A BASE DI CACAO 0,0002 0,0004 CREME, DESSERT, BUDINI 0,0007 0,0031 BIRRA CHIARA 0,0115 0,0604 BIRRA SCURA E ROSSA 0,0000 0,0000 BIRRA ANALCOLICA 0,0000 0,0000 PISELLI CONSERVATI 0,0000 0,0000 Dieta Totale 0,0542 (54.2) 0,3904 (390.4) Stesso ordine di grandezza Dati di esposizione alla FB 1 provenienti dallo studio condotto con metodologia Dieta Totale Esposizione della popolazione italiana = 54.2 ng/kgpc/die

19 Confronto dei valori di esposizione relativi alla Dieta Totale con il valore di TDI (2µg/Kgpc/die) 95 percentile media TDI Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole Bambini Adolescenti Adulti Anziani Primavera Estate Autunno Inverno popolazione totale area età stagione. µg/kgpc/die

20 Progetti recenti Valutazione della esposizione della popolazione italiana alla Fumonisina B1: uno studio di dieta totale Valutazione dell esposizione da ocratossina A in campioni di siero di donatori sani Valutazione della esposizione alle micotossine nei posti di lavoro SAFE FOODS ( ) Progetto Integrato (VI FP) Quantitative risk assessment of combined exposure to food contaminants (mycotoxins) and natural toxins. Aflatossine - Ocratossina A - Patulina - Fusariotossine

21 COLLETTIVO CAMPIONARIO Donatori sani di sesso maschile da 4 centri trasfusionali: Verona Firenze Benevento Lecce Collettivo campionario: 690

22 SCHEDA ALIMENTARE DATI SENSIBILI anagrafici peso professione e titolo di studio stato civile stato di salute e fumatori DATI ALIMENTARI quanto spesso? (giorno/settimana/mese) tipo di alimento quantità in grammi RIORGANIZZAZIONE le risposte sono state semplificate in: Sempre spesso raramente mai

23 METODO (Breitholtz et al., modificato) ESTRAZIONE: 2 ml SIERO + 10 ml soluz. 0.1M Cl 2 Mg 0.05M HCl (ph=2) + 8 ml AcEt in centrifuga 10000RPM 2 ml surnatante a secco sotto flusso di N 2 CLEAN-UP: Ripreso con 1 ml F.M. Passato su filtro a siringa (Ø 25mm, porosità 0.45, volume 1ml) HPLC: F.M. AcCN:H 2 O* 50:50 (v/v) *acidulata al 2% con Ac. Acetico Flusso 1 ml/min Spettrofluorimetro: λ ex = 333 nm; λ em = 470 nm LOD=0.1 µg/l FR=95%

24 Valori medi di concentrazione di OTA nei sieri: NORD-VERONA 1.1 µg/l CENTRO-FIRENZE 1.1 µg/l SUD-BENEVENTO/LECCE 0.62 µg/l BENEVENTO 0.6 µg/l LECCE 0.77 µg/l

25 Campioni<LOD: 9/ % Lecce 6/90 6.7% Benevento 3/ %

26 VALUTAZIONE ESPOSIZIONE Per correlare il livello di concentrazione di OTA trovato nel siero con la TDI (Tolerable Daily Intake - 5 ng/kg p.c.) Equazione di Klassen Con: K 0 = Cl p x C p A -K 0 = assunzione continua (ng/kg p.c./die) -Cl p = Clearance plasmatica (70 kg p.c.) -C p = OTA ng/ml - A= OTA libera nel sangue: 50%

27 NORD-VERONA K 0 = 2.1 ng/kg p.c./die 35,00 30,00 25,00 20,00 15,00 10,00 5,00 0,00 VR 413 VR 417 VR 418 VR 423 VR 439 VR 455 VR 461 VR 474 VR 490 VR 519 VR 538 VR 552 VR 556 VR 581 Campioni Campioni sopra la TDI = 7.0% (14 su 200)

28 CENTRO-FIRENZE K 0 = 2.1 ng/kg p.c./die 55,00 50,00 45,00 40,00 35,00 30,00 25,00 20,00 15,00 10,00 5,00 0,00 FI 207 FI 212 FI 253 FI 258 FI 274 FI 297 FI 302 FI 314 FI 326 FI 328 FI 376 Campioni Campioni sopra la TDI = 5.5% (11 su 200)

29 SUD-BENEVENTO/LECCE K 0 = 1.2 ng/kg p.c./die 20,00 15,00 10,00 5,00 0,00 bn 051 bn 074 bn 118 bn 148 bn 150 le 637 le 661 le 669 le 672 le 682 Campioni Campioni sopra la TDI = 3.5% (10 su 290)

30 SUD BENEVENTO Campioni sopra la TDI 2.5% (5 su 200) K 0 = 1.1 ng/kg p.c./die LECCE Campioni sopra la TDI 5.6% (5 su 90) K 0 = 1.5 ng/kg p.c./die

31 CONCLUSIONI (1) TDI=5 ng/kg p.c. 2.1; 2.1;1.2 ng/kg p.c./die Campioni sopra la TDI 7.0%, 5.5%; 3.5% Superamento elevato della TDI in alcuni casi Collettivo campionario particolare: donatori sani Campioni<LOD: 9/ %

32 CONCLUSIONI (2) La situazione più critica risulta quella del NORD-VERONA: Forte contaminazione di OTA (>3.0 µg/l) Campioni sopra la TDI = 7.0% (14 su 200) K 0 = 2.1 ng/kg p.c. SECONDO STUDIO Nord - Verona - Nord Est

33 Progetti recenti Valutazione della esposizione della popolazione italiana alla Fumonisina B1: uno studio di dieta totale Valutazione dell esposizione da ocratossina A in campioni di siero di donatori sani Valutazione della esposizione alle micotossine nei posti di lavoro SAFE FOODS ( ) Progetto Integrato (VI FP) Quantitative risk assessment of combined exposure to food contaminants (mycotoxins) and natural toxins. Aflatossine - Ocratossina A - Patulina - Fusariotossine

34 Scopo: (1) Valutare la presenza delle micotossine (AFs e OTA) nelle polveri aerodisperse di cacao, spezie e caffè, attraverso l impiego di una metodologia per HPLC; (2) Valutare in modo comparativo l esposizione di gruppi di lavoratori Numero di campioni di polveri: 44 Numero di campioni di siero: 10 Siti di campionamento: porto di Livorno Risultati ottenuti Campionamento: le polveri sono state campionate attraverso l uso di maschere applicate all altezza del viso degli operatori investigati (scarico merci, direzione, etc.); i campioni di aria attraverso trappole opportunasmente dislocate in vari punti delle aree del porto; I sieri sono stati campionati solo a chi ha accettato di sottoporsi al prelievo Livelli riscontrati: Polveri: LR-0.08 ng per le aflatossine; LR-5,5 ng per l OTA Aria: ng/m 3 ; ng/m 3 per l AFB 1, AFB 2 e AFG 1 ; ng/m 3 per l AFG 2 Sieri: ng/ml. I livelli riscontrati hanno mostrato sia un aumento fino a 5 volte del livello medio di OTA rispetto alla popolazione italiana sia differenze interne ai gruppi di operatori selezionati con un aumento di circa 3 volte negli operatori a diretto contatto con lo scarico delle merci. Sulla base dei risultati ottenuti si può verosimilmente dedurre che le micotossine possono raggiungere l uomo anche per via inalatoria

35 Progetti recenti Valutazione della esposizione della popolazione italiana alla Fumonisina B1: uno studio di dieta totale Valutazione dell esposizione da ocratossina A in campioni di siero di donatori sani Valutazione della esposizione alle micotossine nei posti di lavoro SAFE FOODS ( ) Progetto Integrato (VI FP) Quantitative risk assessment of combined exposure to food contaminants (mycotoxins) and natural toxins. Aflatossine - Ocratossina A - Patulina - Fusariotossine

36 Obiettivi Caratterizzare il rischio (margine di esposizione) esposizione: livelli di assunzione di una sostanza tossica in una popolazione (LE) effetto: il livello che può recare un effetto tossico critico (DEC) attraverso un modelling dell effetto Calcolo del margine di esposizione DEC/LE Quantificare il rischio Per quantificare il margine tra l esposizione e l effetto delle varie micotossine Per paragonare il rischio tra le differenti micotossine e fra micotossine ed altri composti tossici Per cumulare i rischi tra le differenti micotossine (effetto sinergico)

37

38 Progetti futuri Ocratossina A Determinanti micotici occasionalmente presenti nelle uve (MiPAF, ) (etilisti, studenti) Ocratossina A Follow-up del Progetto EPIC sulla contaminazione da OTA nei sieri (2006)

39 Carlo Brera Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari Reparto OGM e Xenobiotici di origine fungina Tel. e Fax

Valutazione della esposizione derivante dalla presenza di micotossine negli alimenti per l infanzia

Valutazione della esposizione derivante dalla presenza di micotossine negli alimenti per l infanzia Valutazione della esposizione derivante dalla presenza di micotossine negli alimenti per l infanzia Sonia Colicchia V Congresso Nazionale Le Micotossine nella filiera Agro-alimentare ISS, 28-30 Settembre

Dettagli

L analisi del rischio da micotossine. Marina Miraglia Istituto Superiore di Sanità miraglia@iss.it. Istituto Superiore di Sanità 1

L analisi del rischio da micotossine. Marina Miraglia Istituto Superiore di Sanità miraglia@iss.it. Istituto Superiore di Sanità 1 L analisi del rischio da micotossine Marina Miraglia Istituto Superiore di Sanità miraglia@iss.it Istituto Superiore di Sanità 1 Le micotossine sono sostanze tossiche prodotte dal metabolismo secondario

Dettagli

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE. Marina Miraglia

APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE. Marina Miraglia APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE Roma 22 Novembre 2005 Marina Miraglia Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari

Dettagli

Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale. Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it

Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale. Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it Bologna 14 settembre 2006 Analisi del rischio ( libro bianco) L analisi del rischio deve costituire

Dettagli

I risultati delle analisi di ARPA ER

I risultati delle analisi di ARPA ER I risultati delle analisi di ARPA ER Cecilia Bergamini PERCEZIONE DEL RISCHIO CHIMICO CONTAMINAZIONE DI UN ALIMENTO Tossici di sintesi: pesticidi coloranti conservanti ecc.. Tossici naturali: micotossine

Dettagli

Rapporto Attività 2013 - Micotossine

Rapporto Attività 2013 - Micotossine Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Rapporto Attività 2013 - Micotossine Relazione a cura di Sara Ciacciarelli, Francesca Alesso e Sara Coluccia. Laboratorio Polo Alimenti Le micotossine,

Dettagli

INTRODUZIONE...3. Controlli Ufficiali per l anno 2009 in Piemonte...4. Aflatossine B1, B2, G1, G2...5. Aflatossina M1...7. Ocratossina A...

INTRODUZIONE...3. Controlli Ufficiali per l anno 2009 in Piemonte...4. Aflatossine B1, B2, G1, G2...5. Aflatossina M1...7. Ocratossina A... SOMMARIO INTRODUZIONE...3 Controlli Ufficiali per l anno 2009 in Piemonte...4 Aflatossine B1, B2, G1, G2...5 Aflatossina M1...7 Ocratossina A...8 Patulina...10 Fusariotossine: Fumonisine B1 e B2, Zearalenone,

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

I principali risultati del progetto europeo PERFOOD: esposizione a PFAS dei consumatori italiani

I principali risultati del progetto europeo PERFOOD: esposizione a PFAS dei consumatori italiani I principali risultati del progetto europeo PERFOOD: esposizione a PFAS dei consumatori italiani Gianfranco Brambilla Istituto Superiore di Sanità, Roma I composti perfluoroalchilici(pfas) nelle acque

Dettagli

Sintesi articoli e parole chiave

Sintesi articoli e parole chiave REGOLAMENTO (CE) n. 401/2006 DELLA COMMISSIONE, DEL 23 FEBBRAIO 2006, RELATIVO AI METODI DI CAMPIONAMENTO E DI ANALISI PER IL CONTROLLO UFFICIALE DEI TENORI DI MICOTOSSINE NEI PRODOTTI ALIMENTARI (TESTO

Dettagli

Ricerca nei cereali di micotossine che presentano attività di interferenti endocrini

Ricerca nei cereali di micotossine che presentano attività di interferenti endocrini Ricerca nei cereali di micotossine che presentano attività di interferenti endocrini Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it Bologna 25 febbraio 2009 RAR Alimenti,

Dettagli

Assunzione dei residui di fitofarmaci attraverso la dieta: risultati ti del Progetto Residui nel Pranzo Pronto anni 2005 2008.

Assunzione dei residui di fitofarmaci attraverso la dieta: risultati ti del Progetto Residui nel Pranzo Pronto anni 2005 2008. 8 Convegno Fitofarmaci i e Ambiente ISPRA - Via Curtatone, 7 Roma, 12 e 13 maggio 2010 Gruppo di lavoro Fitofarmaci delle Agenzie Ambientali Assunzione dei residui di fitofarmaci attraverso la dieta: risultati

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi

Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi Benedetta Rosetti Biologo nutrizionista SIAN - ASUR ZT 13 Ascoli P. Promuovere gli stili di vita salutari,

Dettagli

Ingestione di residui di fitofarmaci attraverso la dieta: risultati dell indagine effettuata negli anni 2005 2006

Ingestione di residui di fitofarmaci attraverso la dieta: risultati dell indagine effettuata negli anni 2005 2006 7 Convegno Nazionale Fitofarmaci e Ambiente Torino 6-7 dicembre 2007 gruppo di lavoro APAT ARPA APPA Fitofarmaci Ingestione di residui di fitofarmaci attraverso la dieta: risultati dell indagine effettuata

Dettagli

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Alcol e salute In Europa (OMS) terza causa di mortalità prematura, dopo

Dettagli

Esposizione alimentare all arsenico inorganico della popolazione italiana: lo studio di dieta totale nazionale 2012-14

Esposizione alimentare all arsenico inorganico della popolazione italiana: lo studio di dieta totale nazionale 2012-14 Esposizione alimentare all arsenico inorganico della popolazione italiana: lo studio di dieta totale nazionale 2012-14 Marilena D Amato, Federica Aureli, Andrea Raggi, Francesco Cubadda Dipartmento di

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

VADEMECUM MICOTOSSINE

VADEMECUM MICOTOSSINE VADEMECUM MICOTOSSINE PREMESSA Questo vademecum ha il solo scopo di aiutare nelle scelte imposte dall ennesima annata in cui una o l altra micotossina, diventano una variabile impazzita o importante del

Dettagli

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI 3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI Esaminati 137 campioni di frutta secca, cereali e legumi; 430 campioni di semi oleaginosi;

Dettagli

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT)

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Gruppo di ricerca Sorveglianza del rischio alimentare Sorveglianza dell esposizione

Dettagli

LA GESTIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NEL RASFF IL MODELLO DANESE

LA GESTIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NEL RASFF IL MODELLO DANESE LA GESTIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NEL RASFF IL MODELLO DANESE Dott.ssa Veronica Cibin SC8 - Laboratorio di Analisi del Rischio, IZSVE WORKSHOP RASFF PER IL NORDEST 2012_ Montecchio Precalcino 30

Dettagli

La posizione italiana sui limiti delle fumonisine

La posizione italiana sui limiti delle fumonisine Sicura 4 edizione ModenaFiere Prevenzione e gestione. Il Pericolo micotossine: le fumonisine 19 settembre 2007 La posizione italiana sui limiti delle fumonisine Ilaria De Leva Ministero della Salute Direzione

Dettagli

Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo

Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo Ilaria De Leva Ministero della Salute Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere di Commercio piemontesi

Dettagli

IL CONSUMO DI ALIMENTI IN ITALIA

IL CONSUMO DI ALIMENTI IN ITALIA Indagine IL CONSUMO DI ALIMENTI IN ITALIA PREMESSA Le fonti di dati sui consumi alimentari rappresentativi della realtà italiana sono essenzialmente: 1- Bilanci Alimentari Nazionali (ISTAT) 2- Consumi

Dettagli

Linee guida per il campionamento di OGM in alimentazione umana ed animale

Linee guida per il campionamento di OGM in alimentazione umana ed animale 3 Workshop dei laboratori del controllo ufficiale di OGM Roma 23-25 Novembre 2011 Linee guida per il campionamento di OGM in alimentazione umana ed animale Roberta Onori, Carlo Brera Istituto Superiore

Dettagli

Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione umana e animale sul territorio nazionale

Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione umana e animale sul territorio nazionale Gruppo di Lavoro Tecnico Interregionale sul tema degli OGM istituito dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome WORKSHOP 20-21 febbraio 2008 Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione

Dettagli

Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità

Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità Servizio Tecnologie e Siti Contaminati APAT 1 Software - Modelli applicativi I software maggiormente utilizzati in Italia sono:

Dettagli

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici Workshop: Focus su Sicurezza d Uso e Nutrizionale degli Alimenti 21-22 Novembre 2005, Istituto Superiore di Sanità, Roma Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

Comunicato stampa IL RISCHIO MICOTOSSINE IN PIEMONTE

Comunicato stampa IL RISCHIO MICOTOSSINE IN PIEMONTE Torino, 3 marzo 2011 Comunicato stampa IL RISCHIO MICOTOSSINE IN PIEMONTE Il perché della conferenza stampa C è sembrato opportuno far conoscere le attività che vengono svolte da Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

Fitofarmaci e Ambiente Roma 12,13 maggio 2010

Fitofarmaci e Ambiente Roma 12,13 maggio 2010 Dispersione ambientale del chlorpyrifos: valutazione della popolazione non professionalmente esposta e Francesco Pizzo, U.O. Prevenzione Ambientale Lavoro - APSS, Trento. Dario Uber, U.O. Prevenzione e

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA STUDIO DI SETTORE WM21E ATTIVITÀ 46.31.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI ATTIVITÀ 46.32.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA ATTIVITÀ 46.33.10 COMMERCIO ALL INGROSSO

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Studio su comportamenti e abitudini alimentari dei cittadini ferraresi (II fase). Valutazione dell esposizione a contaminanti ambientali presenti negli alimenti Maria Eleonora

Dettagli

Gli aspetti tecnici e le linee guida per la conformità delle etichette alimentari. Giovanna Rufo Milano, 18 novembre 2013

Gli aspetti tecnici e le linee guida per la conformità delle etichette alimentari. Giovanna Rufo Milano, 18 novembre 2013 Gli aspetti tecnici e le linee guida per la conformità delle etichette alimentari Giovanna Rufo Milano, 18 novembre 2013 CHI SIAMO AIDEPI, Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane,

Dettagli

L'esposizione a interferenti endocrini attraverso gli alimenti per l'infanzia: il caso del Bisfenolo A

L'esposizione a interferenti endocrini attraverso gli alimenti per l'infanzia: il caso del Bisfenolo A L'esposizione a interferenti endocrini attraverso gli alimenti per l'infanzia: il caso del Bisfenolo A INRAN Istituto Nazionale di Ricerca sugli Alimenti e la Nutrizione www.inran.it http://precariatoinran.wordpress.com

Dettagli

5: ALIMENTI INTRODUZIONE

5: ALIMENTI INTRODUZIONE 5: ALIMENTI INTRODUZIONE Gli alimenti rappresentano tutto ciò di cui l uomo necessita per il mantenimento delle proprie funzioni vitali. A fronte di questa importanza, manca una corretta educazione alimentare

Dettagli

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Università degli Studi di Torino DISAFA Molino Peila SpA Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Collegno 24 aprile 2015 Dr.

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA

IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA SANTUARIO DI VICOFORTE (CN) 8/11/2007 Elena Cerrato DEFINIZIONE CAMPIONAMENTO Procedimento per cui da una totalità di elementi oggetto

Dettagli

Agricoltori: amici o nemici dell ambiente?

Agricoltori: amici o nemici dell ambiente? Agricoltori: amici o nemici dell ambiente? L utilizzo sostenibile degli agrofarmaci a favore della salute umana e dell ambiente Valdobbiadene 23 marzo 2011 AULSS 8 Asolo - Dr. Renato Ranieri Utilizzo sostenibile

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO Il Menù è stato elaborato tenendo conto dei Livelli raccomandati di Assunzione e di Nutrienti LARN-fissati dall Istituto

Dettagli

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE OGGETTO 1. Contaminazione da Fumonisine nel mais italiano allo scopo di individuare la quota di mais che rimane al di sotto dei limiti massimi proposti;

Dettagli

CRITERI DEI CONTROLLI CHIMICI DEGLI ALIMENTI

CRITERI DEI CONTROLLI CHIMICI DEGLI ALIMENTI CONTROLLI CHIMICI DEGLI ALIMENTI CRITERIO OPERATIVO N 6 CRO 06 Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 5 CONTAMINANTI CHIMICI NEI PRODOTTI ALIMENTARI Il Regolamento Ce n. 1881/2006 e s.m.i. definisce i tenori

Dettagli

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Alberton dr.antonio Medico Veterinario L.P. Seminario Fiera Millenaria Gonzaga (MN) 07 Settenbre 2013 Le Micotossine Sostanze

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in: Fisiopatologia d origine nutrizionale ed ambientale in sistemi zootecnici. Ciclo XXº. S.S.D: AGR18 Studio degli effetti tossici indotti

Dettagli

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino Giovanni Peira Università degli studi di Torino L agricoltura dalla parte del consumatore Domanda e offerta di prodotti agroalimentari: il punto di vista del consumatore. 2 dicembre 2008, Torino 1 Evoluzione

Dettagli

Il nuovo scenario normativo comunitario, le micotossine nei paesi extra UE

Il nuovo scenario normativo comunitario, le micotossine nei paesi extra UE Il nuovo scenario normativo comunitario, le micotossine nei paesi extra UE Carlo Brera Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto OGM e Micotossine

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG61A ATTIVITÀ 51.17.2 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI

STUDIO DI SETTORE UG61A ATTIVITÀ 51.17.2 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI STUDIO DI SETTORE UG61A ATTIVITÀ 51.17.1 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI ATTIVITÀ 51.17.2 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI ALTRI PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO Marzo 2007 PREMESSA

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Prodotti da forno salutistici senza glutine

Prodotti da forno salutistici senza glutine Prodotti da forno salutistici senza glutine Decreto di autorizzazione numero DGSAN/IV/I.5.H.3/OFF.815 Ministero della Salute Cos 'e la celiachia IL PIÙ FREQUENTE DISTURBO ALIMENTARE AL MONDO La celiachia

Dettagli

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Il Biologico nella Ristorazione Collettiva Sabato 7 novembre 2009 Sala Botticelli Palazzo dei Congressi Roma EUR "SEI CIÒ CHE MANGI":

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE IT L 70/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.3.2006 REGOLAMENTO (CE) N. 401/2006 DELLA COMMISSIONE del 23 febbraio 2006 relativo ai metodi di campionamento e di analisi per il controllo ufficiale

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

Abitudini alimentari e disuguaglianze sociali: l esperienza della collaborazione EPIC Italia

Abitudini alimentari e disuguaglianze sociali: l esperienza della collaborazione EPIC Italia Abitudini alimentari e disuguaglianze sociali: l esperienza della collaborazione EPIC Italia Fulvio Ricceri, Francesca Fasanelli, Maria Teresa Giraudo, Sabina Sieri, Valeria Pala, Giovanna Masala, Ilaria

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria. Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti

Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria. Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti FRUMENTO tenero (Triticum aestivum) duro (Triticum durum) ISIDE DEMETRA CERERE

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA PROFESSIONE ODONTOIATRICA IN ITALIA. Roberto Callioni Past-President Responsabile Servizio Studi ANDI

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA PROFESSIONE ODONTOIATRICA IN ITALIA. Roberto Callioni Past-President Responsabile Servizio Studi ANDI INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA PROFESSIONE ODONTOIATRICA IN ITALIA 2011 Roberto Callioni Past-President Responsabile Servizio Studi ANDI ANALISI DEI DATI GEOGRAFICI ED ANAGRAFICI 2 Campione Il campione certificato

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

5 CONVEGNO NAZIONALE FITOFARMACI E AMBIENTE PALERMO 20-21 OTTOBRE 2004

5 CONVEGNO NAZIONALE FITOFARMACI E AMBIENTE PALERMO 20-21 OTTOBRE 2004 5 CONVEGNO NAZIONALE FITOFARMACI E AMBIENTE PALERMO 20-21 OTTOBRE 2004 PIANI TRIENNALI PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEI FITOFARMACI: RUOLO DELL ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ R. DOMMARCO - E. FUNARI DIPARTIMENTO

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Direzione Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ufficio VI PIANO

Dettagli

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi Allegato 3 Cereali, derivati e tuberi TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Pasta o riso asciutti 50-60 Pasta, riso, orzo o simili in brodo 20-30 Gnocchi di patate

Dettagli

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Angelo ROBOTTO Direttore Generale ARPA Piemonte Ambiente Sano per una Alimentazione

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9

LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9 GENERE DI FORNITURA LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9 ACETO DI VINO BIANCO da lt. 1 LT. 70 d uve italiane ANANAS SCIROPPATO latta kg. 3 Senza aggiunta di coloranti BICARBONATO confezioni da

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

APPENDICE 1.B5 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO

APPENDICE 1.B5 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO APPENDICE 1.B5 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO (g/die) CONSUMI DEL CAMPIONE TOTALE 8 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO Tabella 1.1- Media, deviazione standard, mediana, alti percentili del consumo giornaliero (g/die)

Dettagli

Il punto di vista dell Istituto Superiore di Sanità sulle indagini nsui vegetali

Il punto di vista dell Istituto Superiore di Sanità sulle indagini nsui vegetali Il punto di vista dell Istituto Superiore di Sanità sulle indagini nsui vegetali Federica Scaini Istituto Superiore di Sanità Gestione integrata del rischio in un Sito di Interesse Nazionale Brescia 22

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

TUTTO SULLE MICOTOSSINE - 11 novembre Torino Lingotto Fiere

TUTTO SULLE MICOTOSSINE - 11 novembre Torino Lingotto Fiere TUTTO SULLE MICOTOSSINE - 11 novembre 2011 - Torino Lingotto Fiere ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario supporto analitico e tecnico-scientifico alle ASL e agli altri organi di vigilanza, per

Dettagli

Campionamento e analisi delle micotossine

Campionamento e analisi delle micotossine Campionamento e analisi delle micotossine Emma Tealdo, Veneto Agricoltura 5.1 Introduzione Un corretto campionamento è il presupposto essenziale per un metodo analitico affidabile, tenendo presente che

Dettagli

Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore

Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore 11 Febbraio 2014 Isabella Cecchini Direttore Dipartimento Ricerche sulla Salute - GfK Eurisko GfK Eurisko Milano,

Dettagli

ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario

ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario ARPA Piemonte: attività di interesse sanitario supporto analitico e tecnico-scientifico alle ASL e agli altri organi di vigilanza, per i controlli di acque destinate al consumo umano, alimenti e bevande,

Dettagli

APPENDICE 1.B6 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO

APPENDICE 1.B6 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO APPENDICE 1.B6 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO (g/kg peso corporeo/die) CONSUMI DEL CAMPIONE TOTALE 4 CEREALI E PRODOTTI DA FORNO Tabella 1.1- Media, deviazione standard, mediana, alti percentili del consumo

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE

CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE II Congresso nazionale LE MICOTOSSINE NELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE ROMA 16-18 OTTOBRE

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999)

Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999) Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999) Fattore % fumo di tabacco (attivo) 29-31 alcol 4-6 dieta 20-50 infezioni (parassiti, batteri, virus) 10-20

Dettagli

ALIMENTI FUNZIONALI II Parte

ALIMENTI FUNZIONALI II Parte ALIMENTI FUNZIONALI II Parte Amedeo Schipani Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita Alimenti funzionali In Europa nel 1996, sotto il coordinamento dell ILSI (International Life

Dettagli

L esposizione alimentare a additivi ed aromi in età pediatrica

L esposizione alimentare a additivi ed aromi in età pediatrica L esposizione alimentare a additivi ed aromi in età pediatrica INRAN silver zeolite A acrilamide acrilamide mycotoxins mycotoxins mercury Heavy metals Toxic substances lead lead dioxine dioxine cadmium

Dettagli

Osservatorio SANA 2012

Osservatorio SANA 2012 Osservatorio SANA 2012 A cura di: Evento organizzato da: In collaborazione con: I CONSUMI ALIMENTARI BIOLOGICI DI FRONTE ALLA CRISI ECONOMICA I risultati dell indagine di Nomisma Fabio Lunati - Silvia

Dettagli

METODI DI ANALISI PER LA DETERMINAZIONE DELLE FUSARIOTOSSINE NEGLI ALIMENTI

METODI DI ANALISI PER LA DETERMINAZIONE DELLE FUSARIOTOSSINE NEGLI ALIMENTI METODI DI ANALISI PER LA DETERMINAZIONE DELLE FUSARIOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Francesca Debegnach Reparto OGM e Xenobiotici di Origine Fungina Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

Quando l abito fa la sicurezza. Gli indumenti e il nodo igiene

Quando l abito fa la sicurezza. Gli indumenti e il nodo igiene I risultati di una ricerca sugli standard di qualità da rispettare Quando l abito fa la sicurezza. Gli indumenti e il nodo igiene a cura di ALSCO Italia L E.T.S.A., con il supporto di un Istituto di ricerca

Dettagli

Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana*

Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana* Dieta per Negati. Perdere quei ( ) chili in eccesso e ricominciare a vivere una vita sana* Sono due gli errori che non ci permettono di perdere il peso in eccesso e tornare a vivere una vita sana e felice,

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 1 Il contesto strutturale in Italia Numeri importanti, ma c è ancora

Dettagli

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni)

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - Servizio Igiene della Nutrizione Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) Per una crescita armoniosa è importante che il bambino assuma i pasti in modo

Dettagli

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA D O X A ISTITUTO PER LE RICERCHE STATISTICHE E L ANALISI DELL OPINIONE PUBBLICA Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 di ricerche dell Istituto DOXA 1. Premessa In Italia vivono attualmente

Dettagli

Menu: i nuovi standard regionali

Menu: i nuovi standard regionali Menu: i nuovi standard regionali Assessorato politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna M.Fridel Reggio Emilia 29 settembre 2012 Abitudini alimentari da migliorare A livello regionale sono attive

Dettagli

Aspetti scientifici del ferro cosa si sa e cosa no

Aspetti scientifici del ferro cosa si sa e cosa no L'organizzazione settoriale dell'economia svizzera della carne Proviande società cooperativa Finkenhubelweg 11 Casella postale CH-3001 Berna +41(0)31 309 41 11 +41(0)31 309 41 99 info@proviande.ch www.carnesvizzera.ch

Dettagli

Programmazione della classe 5^ ipssar Materia:cucina Docente:De Nicola Antonio

Programmazione della classe 5^ ipssar Materia:cucina Docente:De Nicola Antonio Programmazione della classe 5^ ipssar Materia:cucina Docente:De Nicola Antonio 1)i prodotti alimentari L approviggionamento a) la qualità dei prodotti alimentari la qualità certificata b) i nuovi prodotti

Dettagli

LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE

LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE Riassunto: Nell anno 2000 l industria del rame ha dato inizio ad una procedura

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Questionario. Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori

Questionario. Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Questionario Alimentare (FQ) Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre" 28 Novembre 2014, Bologna

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, ENOGASTRONOMICI E PER L'OSPITALITA' ALBERGHIERA "NICOLO' GALLO" VIA QUARTARARO PITTORE

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, ENOGASTRONOMICI E PER L'OSPITALITA' ALBERGHIERA NICOLO' GALLO VIA QUARTARARO PITTORE ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, ENOGASTRONOMICI E PER L'OSPITALITA' ALBERGHIERA "NICOLO' GALLO" VIA QUARTARARO PITTORE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Materia: Scienza e cultura dell

Dettagli