Il marketing operativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il marketing operativo"

Transcript

1 MARKETING OPERATIVO

2 Il marketing operativo Definiti gli obiettivi (mercato, fornitori, intermediari, ecc) e la direzione per raggiungerli, la parte operativa del marketing si preoccupa materialmente di decidere come impostare la propria organizzazione e quella della attività commerciale Si decide, quindi, in che modo gestire le 4 leve del mtkg (prodotto, prezzo, distribuzione e comunicazione)

3 Il Marketing Mix (1) Individuato il target e scelto il posizionamento bisogna definire il marketing mix, che è dato dalla combinazione delle variabili controllabili di marketing che l impresa impiega al fine di conseguire gli obiettivi predefiniti nell ambito del mercato obiettivo Molteplici sono gli elementi che compongono il marketing mix, ma Mc- Carthy ha classificato i vari elementi in 4 macrovariabili (le 4 leve del marketing mix): Prodotto(Product) Prezzo(Price) Distribuzione(Place) Comunicazione(Promotion)

4 Il Marketing Mix (2) Il marketing mix deve essere formulato in modo tale che si verifichi: coerenza interna tra le 4 leve; coerenza con il posizionamento dell azienda; coerenza con il target prescelto.

5 LA COMUNICAZIONE

6 Cosa si cerca con la comunicazione?

7 OBIETTIVI DELLA COMUNICAZIONE NEL MARKETING Gli obiettivi della comunicazione di marketing possono essere categorizzati in base alle diverse fasi del processo di acquisto di un prodotto/servizio: la percezione del bisogno, la ricerca di informazioni, la valutazione dell alternative d offerta, la decisione di acquisto Quindi la comunicazione di marketing può influenzare il sistema motivazionale dell individuo, il sistema percettivo, il sistema valutativo e per ultimo il sistema comportamentale.

8 a Comunicazione e motivazioni Per ciò che concerne il sistema motivazionale, si intende aumentare l interesse nel prodotto e quindi la probabilità di suscitare preferenza nella fase valutativa In particolare, si pone due obiettivi: aumentare la spinta motivazionale, Es., aumentare il livello di attenzione verso il prodotto o la marca, stimola la percezione del bisogno, accresce la motivazione alla ricerca di informazioni per proseguire nel processo decisionale evidenziare il legame esistente tra l immagine percepita del prodotto e i bisogni del cliente Es., sollecitare una forte connessione tra attributi/benefici offerti dal prodotto e esigenze espresse dal mercato.

9 b Comunicazione e percezioni Con riferimento invece al sistema percettivo, gli obiettivi sono: modificare l insieme dei prodotti che formano l oggetto di comparazione e scelta, Es., inserimento del prodotto dall insieme negativo o da quello inerte a quello evocato. Insieme evocato = l insieme di quei prodotti o di marche in grado di soddisfare le esigenze dei clienti. Insieme inerte = prodotti verso cui ancora non si sono maturati convincimenti portare il cliente ad apprezzare le differenze tra i prodotti oggetto di comparazione. Es., definire un preciso posizionamento o riposizionamento di un dato prodotto o marca compreso nell insieme evocato

10 c - Comunicazione e valutazione La comunicazione che agisce sul processo valutativo del cliente mira a: l identificazione del prodotto comunicato con il profilo d offerta ideale che ciascun cliente crea ordinando insieme gli attributi secondo una propria gerarchia. Es., comunicazione volta a modificare nella mente del cliente le associazioni tra il prodotto comunicato e particolari attributi/benefici

11 d - Comunicazione e comportamenti Comunicazione usata per rafforzare alcuni comportamenti dei clienti fino a renderli radicali Per modificare alcuni comportamenti, di solito abitudinari, che creano ostacoli all uso del prodotto Per fare ciò si agisce sulle diverse variabili che denotano l acquisto o l uso del prodotto: la propensione prima dell acquisto, lemodalità,lequantità,itempi,iluoghid acquistoediuso, il riutilizzo e la fidelizzazione.

12 LA COMUNICAZIONE Def. Comunicazione: attività attraverso cui un organizzazione informa i potenziali clienti dell esistenza di un potenziale prodotto o cerca di persuaderli a compiere una determinata azione/comportamento

13 Sul processo di comunicazione

14 La comunicazione Ogni tipo di comunicazione prevede lo scambio di un messaggio tra un emittente e un ricevente e il ricorso a un sistema di codifica e decodifica che permette di esprimere e interpretare il messaggio. Emittente Codifica Decodifica Ricevente Messaggio Mezzo Rumore Retroazione Risposta

15 Emittente: si tratta della persona o dell organizzazione che origina la comunicazione. Codifica: si intende l insieme dei mezzi e degli strumenti attraverso i quali una determinata idea di comunicazione viene trasformata in un messaggio comprensibile e in grado di influenzare il sistema cognitivo e le percezioni del ricevente. Messaggio: si intende l insieme dei simboli trasmessi dalla fonte emittente. Mezzo: è il supporto fisico utilizzato per far si che il messaggio giunga al destinatario. Decodifica: è il sistema attraverso il quale il destinatario ricevente riesce a comprendere i messaggi veicolati dalla fonte emittente. Rumore: distorsione non pianificata che si manifesta durante il processo di comunicazione, per cui al ricevente arriva un messaggio diverso da quello emesso dall emittente.

16 Le domande della comunicazione Per un azienda comunicare significa riuscire a rispondere ad una serie di quesiti riguardanti: Il/i destinatario/i (target di riferimento) il messaggio: Che cosa dire (contenuto) Come esprimerlo in senso logico (struttura) Come confermarlo a livello simbolico (formato) La fonte (Chi dovrebbe dirlo) I veicoli La verifica dell efficacia/efficienza

17 EFFICACIA DEL PROCESSO DI COMUNICAZIONE L EFFICACIAdi un processo di comunicazione dipende soprattutto dalla sua credibilità. Essa si fonda su 5 fattori: competenza di un esperto fiducia percepita nel personale di vendita similarità tra fonte e destinatario del messaggio. attrazione(es.:personaggi famosi come testimonial) prestigio dell azienda e del suo marchio

18 La Strategia di Comunicazione 1. Scelta del destinatario 2. Scelta degli obiettivi della comunicazione 3. Sviluppo del piano di azione strategica 4. Scelta delle leve del mix di comunicazione: 5. Determinazione del budget comunicazionale 6. Sviluppo del messaggio 7. Selezione del mezzo 8. Programmazione dei tempi e delle modalità di azione 9. Definizione degli standard per il controllo della performance professionale 10. Valutazione dell efficacia dell azione

19 1) LA SCELTA DEL DESTINATARIO NELL AMBITO DEL MERCATO OBIETTIVO consumatori gia esistenti consumatori potenziali consumatori acquisiti consumatori di aziende concorrenti ALTRI PUBBLICI (possono ricoprire diversi ruoli nell ambito del processo di acquisto) intermediari istituzioni pubbliche opinione pubblica fornitori azionisti dipendenti personale di vendita

20 2) SCELTA DEGLI OBIETTIVI DELLA COMUNICAZIONE IN F(x) DEL TARGET: STIMOLARE LA DOMANDA PRIMARIA INFORMARE IL MERCATO CONVINCERE IL CONSUMATORE ALL ACQUISTO (spingerlo all azioneindicando indirizzi, numeri verdi, percorsi) RASSICURARE GLI ACQUIRENTI CREARE O RAFFORZARE L IMMAGINE DI UN MARCHIO E/O PRODOTTO RAFFORZARE L IMMAGINE ISTITUZIONALE DELL IMPRESA, ECC Per rendere davvero efficace una strategia, gli obiettivi devono essere: misurabili basati su una ricerca di mercato orientati a un target definito realistici coerenti con il piano di mtkg controllati periodicamente

21 3) SVILUPPO DEL PIANO DI AZIONE (STRATEGIA) DI COMUNICAZIONE 4) SCELTA DELLE LEVE DEL COMMUNICATION MIX pubblicità promozioni delle vendite relazioni esterne personale di vendita

22 5) DETERMINAZIONE DEL BUDGET in termini di : DIMENSIONE In basea: obiettivi del piano di mtkg condizione economica del mercato categoria di prodotto ciclo di vita del prodotto canali di distribuzione esperienza dei concorrenti, ecc. ALLOCAZIONE Si sceglie come distribuire il budget in riferimento alle 4 leve del communication mix pubblicità promozioni delle vendite relazioni esterne personale di vendita La dimensione del budget è calcolatain maniera arbitraria come: % sulle vendite in relazione agli obiettivi aziendali analogamente agli investimenti della concorrenza. P.S: Spesso la dimensione del budget è un vincolo prefissato.

23 6) SVILUPPO DEL MESSAGGIO 7) SELEZIONE DEL MEZZO Secondo: il tipo di prodotto le caratteristiche del mercato le caratteristiche del mezzo: generali (es: tv o giornale) peculiari(es:: tipo di giornale)misurabili 8) PROGRAMMAZIONE DI TEMPI E MODALITÀ DI AZIONI 9) DEFINIZIONE DEGLI STANDARD PER IL CONTROLLO DELLA PERFORMANCE 10) VALUTAZIONE DELL EFFICACIA

24 LE MODALITÀ DELLA COMUNICAZIONE

25 Il Brand

26 Definizioni Brand o Marca è l insieme delle rappresentazioni (nome, simbolo, jingle, ) che distinguono un bene o servizio, offerto da un data impresa, da quelli dei prodotti concorrenti. Immagine di marca è l insieme delle rappresentazioni mentali ad essa associate Il Marchio è la rappresentazione che l impresa è in grado di far valere anche giuridicamente( segno distintivo ). La Legge Marchi (D.Lgd 480/92) individua nei marchi due funzioni distintiva -o di differenziazione per indicare all acquirente il legame esistente tra il prodotto e l impresa di garanzia: di assicurare che tutti i prodotti dello stesso tipo recanti un certo contrassegno provengano dalla stessa impresa.

27 Importanza della marca nel SAA Il moderno SAA è caratterizzato da crescente asimmetria informativa. Ciò rende necessaria la distinzione dei prodotti alimentari tra: 1. Prodotti ricerca : le caratteristiche del prodotto sono note ai consumatori prima della decisione di acquisto 2. Prodotti esperienza : le caratteristiche del prodotto sono note ai consumatori dopo il consumo. 3. Prodotti fiducia : le caratteristiche del prodotto non sono note ai consumatori neanche dopo il consumo.

28 Le funzioni del brand FUNZIONE IDENTIFICATIVA: è rappresentata dai segni di riconoscimento (logo, nome, marchio, etc.) che agevolano il consumatore nell identificazione distintiva di un alternativa d offerta. FUNZIONE VALUTATIVA: consiste nelle valenze - denotative e connotative - che il consumatore attribuisce alla marca (tecnicofunzionali, psico-sociali e simboliche) FUNZIONE FIDUCIARIA: si basa sulla ragionevole certezza che l associazione tra valenze e marca si ripeta nel tempo (e nei diversi mercati- fenomeno della brand extension)

29 Funzioni del Brand Tipo di Prodotto Distintiva Valutativa Fiducia Search Experience Trust

30 Natura e definizione di marca (1) Componenti Costitutive (struttura) Prospettiva dell impresa/ organizzazione Funzioni della Marca (Segni, Significati, Esperienze) Prospettiva del consumatore/ acquirente Funzioni di Utilità per la domanda (Valore) Assumendo la prospettiva del consumatore, la marca è un insieme di segni ai quali sono associati dei significati che si rafforzano attraverso l esperienza maturata nel tempo, ed acquista valore in quanto utile nei processi di valutazione, scelta e consumo. Nella prospettiva dell impresa, lo sviluppo del valore della marca è perseguibile mediante una accurata progettazione e gestione delle componenti (identificativa, valutativa e fiduciaria) che ne definiscono la struttura. Ciò è necessario perché la marca possa svolgere le sue funzioni (segni, significati, esperienze) e possa, conseguentemente, fornire utilità al consumatore.

31 Natura e definizione di marca (2) In sintesi, quindi, progettare e gestire una marca necessita della corretta comprensione di un modello di base, così rappresentabile: Struttura di Conoscenza Funzioni di Utilità per la domanda MARCA Componenti Costitutive (struttura) Funzioni della Marca (Segni, Significati, Esperienze)

32 Il valore della marca per il consumatore Identità di marca (Brand Identity) Componenti (struttura) Segni di riconoscimento Valori imprenditoriali Funzioni Identificativa Utilità per il cliente Riconoscimento della marca Consapevolezza di marca (Brand Awareness) (Brand Recognition) Richiamo della marca (Brand Recall) Identificativa Informativa Immagine di marca (Brand Associazioni di marca (Brand Associations) Valutativa comunicativa Image) Funzionali e Simbolico-Emozionali Soddisfazione cumulata nel tempo Fiducia nella Marca (Brand Trust & Immagine veicolata dai clienti Fiduciaria di garanzia Reputation)

33 Il Brand e la Comunicazione Per la sua funzione di differenziazione/identificazione del prodotto la Marca è il presupposto per le politiche di comunicazione La Marca può avere un elevato valore semiotico e come tale è un ottimo strumento di comunicazione La crescente rilevanza delle valenze simboliche aumenta l importanza del brand (consumatori appagati sotto il profilo tecnico-funzionale e attratti da consumi connotativi) La crescente velocità dei processi di scambio (tecnologia) e la capacità di sintesi informativa (funzionale e simbolica) della marca la rendono un veicolo di informazioni e di valore.

34 Componenti del brand Per svolgere al meglio le funzioni identificative e valutative è fondamentale presidiare le seguenti componenti (elementi identificativi della marca): il nome di marca (naming), i simboli (symbolizing), il design distintivo (picturing), il jingle (animating), lo slogan (describing), i caratteri (wording o lettering)

35 Le politiche di Brand (1) - Marche ombrello - Marche Multiple

36 Le politiche di Brand (2) - Flanker brands marche di "affiancamento" -Fighting brands, marche "d'assalto", lanciate sui segmenti low-cost (ad esempio vendute nei discount).

37 Requisiti per la scelta del nome Originalità Facilità di pronuncia Traducibilità in altre lingue Coerenza con prodotto le sue caratteristiche il mercato obiettivo

38 Il Packaging

39 La confezione deve tener conto delle esigenze del: consumatore finale distributore mtkg Favorire l impiego (comodità d uso) Fornire informazioni Garantire l igiene Contenere e proteggere il prodotto Facilitare il trasporto Rendere riconoscibile il prodotto Differenziare il prodotto Attirare il consumatore Selezionare un dato segmento obiettivo Rivitalizzare il prodotto Per l importanza legata alle politiche di mtkg, la confezione è spesso definita quinta P del marketing!

40 IL COMMUNICATION MIX

41 IL COMMUNICATION MIX Def.: E l insieme delle diverse forme (o mezzi, o strumenti) con cui l impresa può realizzare la comunicazione. UTILIZZA I SEGUENTI STRUMENTI: PUBBLICITA RELAZIONI PUBBLICHE FORZA VENDITA PROMOZIONE ALLE VENDITE

42 I FATTORI DI SCELTA DEL COMMUNICATION MIX La scelta del communication mixè realizzata tenendo conto dei seguenti fattori: Natura del prodotto Analisi del mercato obiettivo (dimensione e distribuzione geografica dei destinatari) Fase del ciclo di vita del prodotto Strategie di canale: strategie pull (indirizzate ai consumatori finali) strategie push (indirizzate alla distribuzione, e/o al personale di vendita)

43 CARATTERISTICHE GENERALI DELLE LEVE DEL COMMUNICATION MIX leve del communication mix PUBBLICITA Caratteristiche della comunicazione Di massa (per mercato di grandi.dimensioni). Non personale. Solitamente per prodotti di uso comune in fase di lancio. Rivolta al consumatore. Vantaggi Messaggio standard controllabile. Svantaggi Assenza di feedback diretti. Costi generali elevati. PROMOZIONE Di massa. Messaggio Messaggio non DELLE VENDITE Non personale. Rivolta al consumatore o al distributore. Solitamente per rivitalizzare un prodotto in maturità o declino o per fidelizzare il cliente. standard. Ad efficacia rapida. costante. Assenza di feedback diretto. RELAZIONI ESTERNE PERSONALE DI VENDITA Di massa. Non personale. Rafforza l immagine dell impresa. Mirata. Personale. Solitamente per prodotti industriali. Rivolta al consumatore, ma anche al distributore. Assenza di costi diretti. Credibilità del messaggio. Messaggio tagliato per il cliente. Feed-back diretto. Assenza di feedback diretti. Messaggio non controllabile Alti costi-contatto.

44 PUBBLICITA

45 PUBBLICITA DEFINIZIONE: Complesso di comunicazione a carattere persuasivo, a pagamento, opportunamente programmato da un azienda, per perseguire finalità di natura commerciale.

46 TIPOLOGIE DI PUBBLICITA (1/2) Esistono 2 tipologie di pubblicità: PUBBLICITÀ DI PRODOTTO: Definita per promuovere un prodotto o una linea di prodotti. PUBBLICITÀ ISTITUZIONALE: Designata per rafforzare l immagine di un impresa o di un settore industriale oppure di un organizzazione o di un governo.

47 TIPOLOGIE DI PUBBLICITA (2/2) PUBBLICITÀ PRIMARIA: Relativa alla promozione di una classe di prodotti (es.: consumo di latte). Utilizzata per diffondere o rivitalizzare, rispettivamente, prodotti in fase di lancio o di declino. PUBBLICITÀ SELETTIVA: Per persuadere il consumatore all acquisto di una determinata marca di un dato prodotto.

48 LA STRATEGIA CREATIVA Stabiliti i vincoli (target, obiettivi e budget), la fase creativa dell azione pubblicitaria si fonda sulla formula AIDA. Infatti il messaggio pubblicitario per avere successo deve realizzare 4 compiti: attirare l attenzione mantenere l interesse dell audiance stimolare il desiderio dei potenziali clienti spingere il consumatore all azione.

49 LA STRATEGIA MEDIA (1/2) Scelta dei mezzi, dei veicoli, della forma e della distribuzione spazialee temporaledei messaggi (MEDIA PLANNING). Mezzi: (stampa, televisione, radio, cinema) Veicoli:(testate di giornale, programmi televisivi, programmi radiofonici, circuiti cinematografici)

50 LA STRATEGIA MEDIA (2/2) In termini di strategia media, il principale obiettivo è quello di fornire il n desiderato di esposizioni del messaggio al pubblico. Esso deriva dalla combinazione di 3 fattori: n di contatti: n di personeesposte al messaggio almeno una volta durante un determinato arco di tempo. frequenza dei contatti: n di volte, in quel dato arco temporale, in cui la persona è esposta al messaggio impatto: valore qualitativo del messaggio attraverso il canale prescelto. Gross rating point (GRP) = (n totale di esposizioni) = n di contatti X frequenza N.B. E importante che il responsabile del piano di comunicazione conosca il costo del GRP relativo ai mezzi di comunicazione prescelti per determinare il rapporto costo-efficacia:

51 PIANO DI AZIONE PUBBLICITARIA Stabilita la strategia creativa e la strategia media, il piano di azione pubblicitaria dovrà quindi definire: n di pubblicità la distribuzione per mezzo dimensione e lunghezza del messaggio tecniche di esecuzione tempi di apparizione P.S.: Solitamente gli obiettivi sono raggiunti con messaggi ripetuti per più tempo e su diversi mezzi La messa in atto del messaggio pubblicitario è, in seguito, affidata ad un agenzia pubblicitaria specializzata. Infine, l efficacia di una campagna pubblicitaria dovrà essere valutata prima (pretesting) e dopo (post-testing) la sua realizzazione.

52 PROMOZIONE ALLE VENDITE

53 PROMOZIONE ALLE VENDITE DEFINIZIONE: Tutte le attività di marketing, eccetto quelle trattate separatamente, che stimolano l acquisto da parte del cliente o l efficienza da parte del dettagliante

54 OBIETTIVI DELLA PROMOZIONE ALLE VENDITE 1. Introduzione di un nuovo prodotto 2. Maggiore tasso di consumo 3. Maggiori scorte presso il dettagliante o il consumatore 4. Conquista di nuovi mercati 5. Contenimento della stagionalita delle vendite 6. Opposizione ad attivita analoghe della concorrenza

55 DESTINATARI DELLA PROMOZIONE ALLE VENDITE La promozione alle vendite può essere diretta a: CONSUMATORE FINALE CANALE COMMERCIALE (DISTRIBUTORE) AL PERSONALE DI VENDITA

56 GLI STRUMENTI DELLA PROMOZIONE ALLE VENDITE CONSUMATORI FINALI a)in home promotion (campioni omaggio, buoni sconto, concorsi a premi, raccolta punti, dimostrazioni) b) In store promotion (omaggi e premi,riduzioni temporanee di prezzo dimostrazioni sul punto vendita, liquidazioni,agevolazioni di pagamento, sopravvalutazione dell usato) VERSO IL DISTRIBUTORE (gare di vendita, premi in merce, sconti all atto dell acquisto,, contributi alle pubblicità, contributi connessi all accettazione del display) VERSO AL FORZA VENDITA (gare di vendita, premi)

57 FASI DI UNA CAMPAGNA DI DI PROMOZIONE ALLE VENDITE 1. definizione degli obiettivi 2. selezione degli strumenti 3. sviluppo dei programmi e realizzazione 4. controllo e valutazione dei risultati

58 fasi 1. e 2. TARGET OBIETTIVO STRUMENTO CONSUMATORE FINALE FAR CONOSCERE UN NUOVO PRODOTTO RIVITALIZZARE LE VENDITE DI UN PRODOTTO IN FASE DI MATURITA O DECLINO RAFFORZARE LE QUOTE DI MERCATO DI UN PRODOTTO IN FASE DI SVILUPPO ATTRARRE IL CLIENTE FIDELIZZARE IL CLIENTE INCORAGGIARE L ACQUISISZIONE DI SCORTE AL FINE DI: AUMENTARE IL TASSO DI CONSUMO COMBATTERE LA CONCORRENZA dimostrazioni ai clienti campioni omaggio invio di cataloghi riduzioni di prezzo omaggio buoni sconto omaggi con l acquisto del prodotto premi e lotterie presentazioni ed altri eventi al punto vendita (in store promotion) raccolta punti buoni sconto all interno della confezione confezioni multiple e offerte famiglia ( il consumatore per un peiodo non acquisterà il prodotto analogo della concorrenza)

59 fasi 1. e 2. TARGET OBIETTIVO STRUMENTO DISTRIBUTORE FORZA VENDITA INTRODURE O AGEVOLARE LA PRESENZA DI UN PRODOTTO IN UN CANALE DISTRIBUTIVO (TRADE MARKETING) MIGLIORARE LA ROTAZIONE DEGLI STOCK AUMENTARE GLI STOCK ACQUISTATI DAI RIVENDITORI MOTIVARE IL PERSONALE AL FINE DI INCREMENTARE LE VENDITE INTRODURRE IL PRODOTTO IL NUOVI CANALI DISTRIBUTIVI (MARKETING INTERNO) premi e concorsi per il distributore contributi alla pubblicità assistenza merchandising dimostrazioni gratuite sul punto vendita sconti su grandi volumi di prodotto acquistato riunioni e convegni in località turistiche premi e concorsi per i migliori

60 3. Sviluppo dei programmi e realizzazione 1. MISURA DELL INCENTIVO 2. CONDIZIONI PER LA PARTECIPAZIONE 3. PERIODO E DURATA DELLA PROMOZIONE 4. BUDGET

61 4. Controllo e valutazione dei risultati quota di mercato del prodotto prima durante subito dopo lungo periodo

62 RELAZIONI ESTERNE

63 RELAZIONI ESTERNE DEFINIZIONE: Forme di comunicazione orientate a far conoscere l impresa e i suoi prodotti, a rafforzare la sua immagine e a migliorare i rapporti con l ambiente esterno

64 OBIETTIVI DELLE RELAZIONI ESTERNE creare notorietà stimolare la forza vendita o i distributori migliorare la credibilità di un prodotto ottimizzare il budget disponibile

65 GLI STRUMENTI DELLE RELAZIONI ESTERNE Le relazioni esterne comprendono: ATTIVITA NON PERSONALI: Quando sono i mezzi di comunicazione a promuovere gratuitamente l immagine dell azienda (es.: propaganda) ATTIVITA INTERPERSONALI: Relazioni con la stampa (es.: conferenze, rassegne stampa, dimostrazioni) Comunicazioni aziendali (es.: seminari) RELAZIONI PUBBLICHE: Attività finalizzate a mantenere i rapporti tra l impresa e i suoi pubblici quali soci, banche, comunità locali, istituzioni (SOCIAL MARKETING), fornitori, (MARKETING D ACQUISTO), intermediari commerciali, dipendenti, consumatori, opinion leader (giornalisti, personaggi noti)

66 VALUTAZIONE DEI RISULTATI 1. NUMERO ESPOSIZIONI 2. MODIFICA DELLA CONSAPEVOLEZZA 3. CONTRIBUTO ALLO SVILUPPO DELLE VENDITE

67 FORZA VENDITA

68 FORZA VENDITA DEFINIZIONE: Presentazione in forma verbale di un prodotto- i, di iniziative ad esso-i connesso-i, dell azienda nel suo complesso, indirizzata ad uno o più clienti preferenziali al fine di effettuare la vendita

69 OBIETTIVI DELLA FORZA VENDITA individuare nuovi clienti comunicare al cliente le caratteristiche e i benefici del prodotto vendita svolgere attività di assistenza e consulenza al cliente intrattenere relazioni con il cliente

70 DESTINATARI DELLA FORZA VENDITA La vendita attraverso personale è suddivisa in: VENDITA AL CONSUMO (retail selling) VENDITA A IMPRESE: (industrial selling) quando la vendita è indirizzata al consumatore finale quando la vendita è diretta alla distribuzione o ad altre imprese

71 GLI STRUMENTI DELL A FORZA VENDITA PRESENTAZIONI DI VENDITA RIUNIONI DI VENDITA TELEMARKETING FIERE CAMPIONARI DI VENDITA

72 STRATEGIE DELLA FORZA VENDITA 1. CONTATTO PERSONALE VENDITORE-ACQUIRENTE 2. CONTATTO PERSONALE VENDITORE-GRUPPO ACQUIRENTI 3. CONTATTO PERSONALE GRUPPO VENDITORE-GRUPPO ACQUIRENTI 4. CONFERNZA DI VENDITA 5. SEMINARIO DI VENDITA

73 PROCESSO DI VENDITA MEDIANTE PERSONALE Un processo-tipo di vendita attraverso il personale può essere suddiviso in 7 fasi: 1. la ricerca dei clienti potenziali, 1. la ricerca dei clienti potenziali, 2. l analisi e la valutazione del cliente, 3. l approccio al cliente, 4. la presentazione del prodotto, 5. gli interventi del cliente, 6. la chiusura della vendita, 7. il mantenimento di buone relazioni post-vendita.

74 STRUTTURA E DIMENSIONE DELLA FORZA VENDITA L azienda può scegliere tra: venditori diretti: dipendente venditori indipendenti: rappresentante e agente VENDITORE DIRETTO Completa disponibilità Maggiore rispetto delle norme aziendali Maggiore preparazione COSTO FISSO VENDITORE INDIPENDENTE Minore disponibilità Minore rispetto delle norme aziendali Minore preparazione COSTO PROPORZIONALE

75 ORGANIZZAZIONE DELLA FORZA VENDITA ORGANIZZAZIONE DI VENDITA TERRITORIALE il territorio è diviso in diverse aree geografiche ORGANIZZAZIONE DI VENDITA PER PRODOTTO in base alle linee di prodotto ORGANIZZAZIONE DI VENDITA PER CLIENTE in base al target La dimensione di ciascuna organizzazione è determinata da 3 fattori: n di clienti potenziali frequenza con cui i clienti devono essere contattati n di contatti giornalieri che il personale di vendita dovrà mantenere con i clienti

76 GESTIONE DELLA FORZA VENDITA Per effettuare la forza vendita occorre: 1. RECLUTAMENTO, SELEZIONE E ADDESTRAMENTO 2. REMUNERAZIONE: a stipendio fisso a provvigione a premio 3. MOTIVAZIONE (vedi strumenti promozionali) gare di vendita premi riunioni e convegni 4. ORGANIZZAZIONE DELLA ATTIVITA DEL VENDITORE: zona di vendita itinerario argomentario risultati

77 DEFINIZIONE DEL MIX DELLA COMUNICAZIONE

78 LA DEFINIZIONE DEL MIX DELLA COMUNICAZIONE Sulla base delle caratteristiche delle leve della comunicazione, i fattori da analizzare per definire il mix della comunicazione sono: CARATTERISTICHE DEI CANALI DI COMUNICAZIONE TIPOLOGIA DEL MERCATO STRATEGIE STADIO DI DISPONIBILITA DELL ACQUIRENTE STADIO DEL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO

79 CARATTERISTICHE DEI CANALI DI COMUNICAZIONE LEVA DELLA COMUNICAZIONE CARATTERISTICHE VANTAGGI SVANTAGGI PUBBLICITÀ comunicazione di massa persuasività espressività amplificata impersonalità messaggio standard e controllabile assenza di feedback diretto. costo elevato PROMOZIONE comunicazione di massa messaggio messaggio non ALLE VENDITE incentivazione all acquisto invito alla prova standard ad efficacia rapida costante assenza di feedback diretto. RELAZIONI ESTERNE comunicazione di massa alta credibilita superamento delle difese drammatizzazione assenza di costi diretti credibilità del messaggio messaggio non controllabile assenza di feedback diretto. FORZA VENDITA comunicazione personale preparazione del terreo risposta messaggio tagliato sul cliente feedback diretto elevato costo per contatto

80 TIPOLOGIA DEL MERCATO MERCATO DEI BENI DI CONSUMO 1. pubblicità 2. promozioni alle vendite 3. forza vendita 4. pubbliche relazioni MERCATO EI BENI INDUSTRIALI 1. vendita personale 2. promozioni alle vendita 3. pubblicità 4. pubbliche relazioni

81 STRATEGIE STRATEGIE PULL (= di attrazione) Attirano il consumatore mediante: pubblicità promozione alle vendite STRATEGIE PUSH Sono gli intermediari a spingere il prodotto, attraverso i canali commerciali, verso il consumatore: forza vendita promozione alle vendite

82 STADIO DI DISPONIBILITA DELL ACQUIRENTE Efficacia della leva di comunicazione promozione alle vendite forza vendita pubblicità e pubbliche relazioni consapevolezza comprensione convinzione acquisto riacquisto

83 STADIO DEL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO Efficacia della leva di comunicazione promozione alle vendite forza vendita pubblicità e pubbliche relazioni introduzione sviluppo maturità declino

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE PROMOZIONE ED

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

La Fiera di successo Una Guida per gli espositori.

La Fiera di successo Una Guida per gli espositori. La Fiera di successo Una Guida per gli espositori. Pagina 5 Introduzione Indice Indice LA PREPARAZIONE DELLA FIERA Pagina GLI OBIETTIVI DI PARTECIPAZIONE Definite gli obiettivi prima di agire! 4 LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

BRILLANTE ANCHE NELLA CONVENIENZA

BRILLANTE ANCHE NELLA CONVENIENZA codice manifestazione: 14/013 REGOLAMENTO DELL OPERAZIONE A PREMIO BRILLANTE ANCHE NELLA CONVENIENZA Promosso da HENKEL ITALIA S.p.A. - Divisione Cosmetica Soggetto Promotore HENKEL ITALIA S.p.A. Divisione

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli