... Dov'è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov'è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? T.S. Eliot

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "... Dov'è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov'è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? T.S. Eliot"

Transcript

1 AZIONE E TRANSIZIONE E ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE CITTADINANZA SCOLASTICA COMPETENZE PER LA LIFE LONG LEARNING A.S. 2011/2012 TIPOLOGIE DI INTERVENTO E2 Orientarsi nella Complessità: Orientamento alle Professioni e all Istruzione Superiore E3 Orientarsi nella Complessità: Orientamento al Lavoro Dov'è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov'è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? T.S. Eliot Potenza, dicembre 2012 REPORT SUL GRADIMENTO DELLE ATTIVITA 1

2 CITTADINANZA SCOLASTICA COMPETENZE PER LA LIFE LONG LEARNING AZIONE E TRANSIZIONE E ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE TIPOLOGIE DI INTERVENTO E2 ORIENTARSI NELLA COMPLESSITA : ORIENTAMENTO ALLE PROFESSIONI E ALL ISTRUZIONE SUPERIORE E 3 ORIENTARSI NELLA COMPLESSITA : ORIENTAMENTO AL LAVORO. A.S. 2011/2012 REPORT SUL GRADIMENTO DELLE ATTIVITA I PARTE Dov'è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov'è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? T.S. Eliot Potenza, dicembre

3 INTRODUZIONE Non è importante quello che scoprite, è importante cosa fate relativamente a quello che avete scoperto Philip Crosby Per Apof-il, Agenzia in house della Provincia di Potenza per l orientamento, la formazione, l istruzione ed il lavoro, la promozione di una cultura della qualità in grado di garantire la valorizzazione dei risultati conseguiti è elemento imprescindibile che non può non avvalersi di un attività costante di monitoraggio e valutazione della qualità dei servizi stessi. L'importanza della verifica delle azioni intraprese per valutarne la qualità e l'efficacia si inserisce all interno di una scelta agenziale che privilegia l approccio al miglioramento continuo. L'attività di valutazione pertanto non può considerarsi episodica, o conclusiva di ciascun intervento formativo, ma costituisce un percorso di crescita continua per i singoli operatori coinvolti e per l' organizzazione intesa complessivamente. Infatti, la possibilità di valutare costantemente il livello qualitativo delle attività consente azioni di programmazione tempestive e affidabili. Per sviluppare un approccio metodologico strutturato e personalizzato, dedicato in modo mirato alla valutazione delle attività e all'impatto delle stesse sull'organizzazione, Apof-il ha avviato azioni di sistema per la valutazione delle attività, così come previsto dal Modello di monitoraggio e valutazione adottato. Gli obiettivi che costituiscono gli elementi fondanti di tale approccio sono, da una parte, la possibilità di integrare la valutazione delle attività nel ciclo di gestione manageriale dell Agenzia, come processo distintivo di un sistema reiterato di programmazione, erogazione, monitoraggio e valutazione e, dall altro, di coinvolgere gli operatori rispetto alle dinamiche di modernizzazione dell intero sistema di formazione da cui scaturiscono mutate esigenze gestionali, attraverso anche l accrescimento del know how e delle competenze, particolarmente rispetto alla valutazione. Lo sviluppo della cultura della valutazione non può non portare alla consapevolezza che la qualità di un intervento formativo è misurabile, in termini di efficacia formativa, attraverso i 3

4 risultati conseguiti e la capacità di rispondere agli obiettivi proposti. Pur necessitando, i processi di cambiamento culturale, di tempi lunghi, spesso poco conciliabili con l esigenza dei processi di miglioramento continuo, é evidente come, nell attuale situazione di Apof-il, alcuni tratti culturali coerenti con quelli che il modello intende promuovere, sono già presenti e, quindi, possono facilitare l efficace implementazione di un sistema di valutazione. Il consolidamento di una cultura della valutazione, che necessariamente passa attraverso il radicamento di modalità operative coerenti, si attua attraverso una serie di elementi quali: la scelta di intendere la valutazione come attività non separata dal processo di produzione/erogazione del servizio; il coinvolgimento degli operatori che erogano il servizio stesso; la messa in relazione di diversi livelli organizzativi, servizi e procedure, per monitorare e valutare stabilmente la qualità dei servizi erogati e contribuire così a sviluppare modalità cooperative di relazione e scambio tra più ambiti organizzativi; la definizione di standard condivisi di qualità e di misurazione degli stessi che permettano l adozione di strumenti di rilevazione basati su criteri e strumenti utilizzabili da tutte le strutture agenziali; l integrazione tra le finalità dei servizi erogati e le metodologie di monitoraggio e valutazione per consentire di misurare il grado di coerenza e di pertinenza tra le scelte programmate e il servizio effettivamente effettuato. l individuazione di procedure di miglioramento continuo sia del sistema organizzativo nel suo complesso, sia delle prestazioni professionali dei singoli operatori. Infatti, l azione di valutazione è indispensabile per individuare le aree di possibile miglioramento dell efficienza e dell efficacia del servizio, così come nella logica del modello adottato. la confrontabilità e comparabilità dei dati relativi ai diversi servizi erogati dall agenzia in termini di gradimento degli stessi e/o risultati conseguiti. L intero processo di monitoraggio e valutazione della qualità della formazione si esplica, quindi, in un continuum che, partendo dalla qualità desiderata dai committenti/partecipanti, si sviluppa attraverso la qualità interpretata dagli 4

5 operatori coinvolti nelle attività rispetto all analisi del fabbisogno ed alla percezione delle aspettative, alla qualità progettata, a quella comunicata agli utenti ed esplicitata nel progetto di intervento ed effettivamente erogata, confrontate con la qualità attesa dagli utenti attraverso la loro interpretazione e decodificazione rispetto a quanto comunicato, alla qualità di fatto percepita dagli utenti, a quella valutata sulla base delle informazioni acquisite ed elaborate ed, infine, confrontata con le altre esperienze. Questo processo si inserisce,quindi, all interno di un approccio fortemente collegato al concetto di Accountability che, in sostanza, sottolinea l importanza da parte dell Agenzia di mettere a disposizione di tutte le categorie di stakeholder informazioni che, di fatto, non costituiscono oggetto di rilevazione contabile, ma sono estremamente importanti per la valutazione dell attività svolta e dei risultati conseguiti in una logica di comunicazione trasparente. 5

6 PERCHE VALUTARE Bisogna imparare a controllare la qualità di ogni nostra azione o lavoro e anche la qualità degli insegnamenti che ci propongono Roberto Vacca Volendo dare continuità al percorso di analisi del gradimento degli interventi attivati dall Agenzia, vengono, con il presente lavoro, presentati i dati analitici e riportate le osservazioni e le valutazioni relative esclusivamente alla valutazione effettuata in un ambito specifico dei servizi erogati da Apof-il quale quello dell attività di Orientamento rivolta agli studenti delle ultime classi di alcuni istituti di scuola secondaria di II grado della Provincia di Potenza. Tale valutazione ha riguardato la globalità dell intervento, con particolare riferimento alla qualità ed al gradimento dell intervento orientativo, incluse le valutazioni sulle prestazioni professionali e sull attività organizzativa a supporto dell intervento stesso. La valutazione della customer satisfaction del servizio di orientamento erogato da Apof-il rappresenta infatti il momento essenziale per cogliere il reale valore dell impatto dell intervento realizzato sugli utenti e la percezione dello stesso da parte dei soggetti a vario titolo coinvolti, anche e, soprattutto, in vista di un processo di ulteriore qualificazione dell offerta del servizio. Elaborare un analisi della customer satisfaction significa partire dalla percezione dei fruitori degli interventi stessi e dalla valutazione dei soggetti cointeressati, per poi renderle funzionali ad una strategia di valutazione dell efficacia dell intervento orientativo attuato sul territorio provinciale, in quanto strumenti per la comprensione degli elementi di miglioramento possibile, sia sul piano organizzativo che dei contenuti. Le finalità conoscitive costituiscono l elemento di partenza del presente rapporto, cui si affiancano quelle strategico-propositive, per consentire, da una parte, una rilevazione puntuale della soddisfazione delle differenti tipologie di fruitori coinvolti a vario titolo, interni ed esterni e, dall altro, per tradurre tali indicazioni in logiche di azione. Occorre inoltre considerare che, al di là della necessità di sviluppare una cultura aziendale in grado di approcciarsi e svilupparsi in maniera equilibrata tra l esigenza di misurare, quella di leggere e interpretare i risultati e quella di comunicarli, confrontarli e renderli operativi, la 6

7 customer satisfaction nell ambito di un servizio pubblico non può coincidere con le finalità proprie delle indagini di mercato strettamente legate all incremento della domanda, ma si concentra invece nella capacità di intercettare e interpretare i bisogni per migliorare la qualità dei servizi. Occorre pertanto saper integrare la lettura della qualità percepita e della qualità attesa ad una corretta individuazione e valutazione delle prestazioni erogate, poiché il rapporto non è sempre diretto e immediato e i dati vanno collegati con le competenze interpretative che derivano dall esperienza degli operatori e dalla sinergia di lavoro tra gli stessi. 7

8 IL CONTESTO La conoscenza parla ma la saggezza ascolta Jimi Hendrix Nell'ottica del miglioramento continuo della qualità dell offerta formativa proposta, è scelta di Apof-il implementare indagini di customer satisfaction finalizzate a rilevare il grado di soddisfazione dei partecipanti agli interventi formativi da essa organizzati. Oggetto del presente Report è l esito dell indagine sul gradimento del percorso di Orientamento relativo al progetto Cittadinanza scolastica- competenze per la life long learning Azione E transizione e orientamento scolastico e professionale relativamente alle tipologie di intervento E2 Orientarsi nella complessità: Orientamento alle professioni e all istruzione superiore e E3 Orientarsi nella complessità: Orientamento al lavoro realizzato nell A.S. 2011/2012. Il contesto organizzativo di riferimento è costituito dal sistema di istruzione relativo alla scuola secondaria di II grado; in particolare esso è rappresentato da quegli Istituti scolastici che hanno manifestato interesse al presente Progetto. Relativamente a tali scuole, i destinatari degli interventi risultano gli studenti delle ultime classi che si trovano di fronte ad una fase di transizione verso percorsi di istruzione successivi a quelli in corso o verso la scelta di percorsi professionali e di lavoro. Il contesto è rappresentato, inoltre, sia dalle normative quadro che sono state definite in materia di orientamento in ambito nazionale ed europeo (cfr. fra l altro: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, Dipartimento per l Istruzione, Circolare ministeriale n. 43 prot. n del 15/04/2009 Piano nazionale di Orientamento: Linee guida in materia di orientamento lungo tutto l arco della vita. Indicazioni nazionali), sia dai Piani di Offerta Formativa (POF) che ciascuna scuola definisce. I bisogni che hanno sostanziato la realizzazione del Progetto, relativamente a ciascun intervento, sono stati individuati in due ambiti di intervento. INTERVENTO E.2 Le motivazioni che sono alla base dell intervento si incardinano nei fabbisogni orientativi 8

9 emergenti dall istituzione scolastica e dagli studenti che a conclusione del ciclo di studio, relativo alla secondaria di II grado, si proiettano verso il mondo delle professioni e della Formazione Tecnica Superiore, e verso i percorsi di Istruzione superiore: Università e Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica. Ne deriva quindi un bisogno precipuo degli Istituti scolastici beneficiari dell intervento di offrire un sostegno ed un supporto organizzativo e sistematico agli studenti che si accingono alla scelta di percorsi di studi superiori o all ingresso nelle professioni conseguenti alla acquisizione del diploma. Da parte della scuola è evidente l esigenza di fornire agli studenti in uscita un quadro informativo e conoscitivo sugli scenari futuri che concernono il lavoro, le professioni e gli sbocchi professionali, conseguenti ai percorsi di formazione accademica ed universitaria, per facilitarne l indirizzo e le scelte future. Allo stesso tempo, nel complesso degli studenti è presente un fabbisogno orientativo caratterizzato da molteplici fattori: conoscitivo ed informativo sul mondo del lavoro, sulle professioni e sulle modalità di accesso, sui percorsi di formazione professionale susseguenti al diploma e finalizzati alla acquisizione di competenze; informativo sul mondo dell università, sulla struttura dei percorsi, sulle sedi universitarie, sugli sbocchi lavorativi relativi ai diversi corsi di laurea; informativo sui percorsi dell Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica; di sostegno nella scelta di tali percorsi. INTERVENTO E.3 L intervento trae origine, e si struttura operativamente, dall analisi dei fabbisogni di orientamento emergenti dagli studenti delle ultime classi che si apprestano ad uscire dalla scuola secondaria di II grado, e che a seguito dell indirizzo di studio svolto (Tecnico o Professionale), guardano con particolare interesse ed attenzione ai percorsi concernenti il lavoro. I fabbisogni di orientamento si sostanziano, in particolare, sui seguenti elementi: 9

10 conoscenze e informazioni sul mercato del lavoro, sugli strumenti e sui percorsi di accesso al mondo del lavoro; conoscenza degli strumenti di politica attiva che facilitano l ingresso nel mondo del lavoro; informazioni sui servizi del lavoro: competenze e servizi erogati; significati del lavoro, bisogni e valori; percezione del mercato del lavoro. A tali fabbisogni aggregati, propri del target dei destinatari, corrisponde anche l esigenza dell istituzione scolastica, depositaria della conoscenza dei vissuti scolastici e del curricolo degli studenti, di contribuire a sviluppare un percorso di orientamento che faciliti l incontro degli stessi con il lavoro. 10

11 IL TARGET "Tre persone erano al lavoro in un cantiere edile. Avevano il medesimo compito, ma quando fu loro chiesto quale fosse il loro lavoro, le risposte furono diverse. "Spacco pietre" rispose il primo. "Mi guadagno da vivere" rispose il secondo. "Partecipo alla costruzione di una cattedrale" disse il terzo." Peter Schultz Il progetto ha visto il coinvolgimento di due tipologie di destinatari: le scuole e gli studenti. Il coinvolgimento delle scuole è avvenuto attraverso incontri diretti, con gli insegnanti di classe ed il referente dell orientamento, centrati sugli aspetti metodologici e contenutistici delle attività da realizzare e sulla restituzione di quanto risultante dall azione svolta, sia sul piano individuale, sia in ogni gruppo classe. Il coinvolgimento inoltre, si è avvalso anche della presentazione del report di monitoraggio che restituisce alla scuola l insieme dei fenomeni connessi all orientamento. Il coinvolgimento degli studenti è avvenuto nella fase iniziale attraverso un azione informativa e di sensibilizzazione sull intervento da realizzare e sull analisi dei bisogni e delle aspettative verso l orientamento attraverso la somministrazione di un questionario predisposto ad hoc; nella fase di erogazione diretta, attraverso un azione che ha messo al centro lo studente, il suo vissuto scolastico e le sue aspettative in funzione della scelta da realizzare. Il percorso di orientamento, della durata complessiva di 20 ore, ha nello specifico coinvolto 60 classi, oltre 1000 studenti e 19 Orientatori e si è svolto nel periodo gennaio - giugno

12 FINALITA Considerare quali effetti, che possono concepibilmente avere portate pratiche, noi pensiamo che l'oggetto della nostra conoscenza abbia. Allora la concezione di questi effetti è l'intera nostra concezione dell'oggetto C.S. Peirce Il presente rapporto vuole evidenziarsi come attività di lettura, approfondimento, sperimentazione e confronto che, partendo dall analisi di un servizio erogato dall Agenzia, individui e diffonda strumenti e soluzioni operative per il miglioramento del servizio stesso. L indagine tesa a rilevare il gradimento di studenti ed operatori coinvolti, ha previsto la somministrazione a tutti i partecipanti, al termine dell attività orientativa, di un questionario di gradimento (vedi format del questionario) a risposta chiusa, finalizzato a rilevarne la percezione con una scala di valori da 1 a 5 rispetto agli elementi salienti e caratterizzanti del percorso, afferenti sia alla sfera didattico-contenutistica (obiettivi, temi, metodologie, figure professionali coinvolte, materiali didattici etc.), che alla sfera della gestione organizzativa e dei servizi generali (logistica, segreteria, etc.) nonché, alla valutazione complessiva del percorso in relazione alle aspettative iniziali ed alla spendibilità dei risultati conseguiti in termini di conoscenze ed informazioni utili acquisite. Il risultato è quindi una lettura critica delle risultanze del progetto attraverso la raccolta di dati e informazioni di carattere quantitativo e qualitativo, capaci di offrire un accurata testimonianza del grado di soddisfazione del percorso orientativo. Obiettivo conseguente è la rilevazione della coerenza tra le azioni orientative proposte e le conoscenze e le competenze che i fruitori hanno percepito di avere acquisito ai fini della spendibilità futura: in sostanza, la valutazione intende comprendere se i partecipanti valutino come positiva l esperienza di orientamento e verificare la coerenza tra obiettivi, contenuti, metodologie e risultati raggiunti. L elaborazione del documento finale di sintesi è quindi finalizzata ad un analisi qualitativa e alla valutazione del processo per: verificare i contesti di efficacia ed efficienza della progettualità; individuare i punti di forza ed i punti di debolezza dell intervento; valutare il livello di gradimento degli operatori e degli utenti riguardo al servizio erogato; 12

13 valutare il grado di qualità percepito; tesaurizzare gli elementi di qualità per una riproposizione migliorativa in contesti similari. I risultati dell attività di orientamento documentati nel presente Report sono depositati agli atti presso la Direzione generale di Apof-il e resi pubblici e consultabili all'interno ed all esterno dell'agenzia, anche in modalità on-line (www.apofil.it sezione pubblicazioni), ai fini della circolazione dei risultati e della loro correlazione ad una eventuale nuova progettazione. L'elaborazione di questo documento, che contiene giudizi supportati soprattutto da dati oggettivi misurabili, ma anche da percezioni, costituisce l'azione conclusiva di sintesi dell'intero lavoro e fornisce una lettura chiara ed immediata anche attraverso l'ausilio di grafici ed elaborazioni statistiche. Il presente Report riporta una sintesi di tali risultanze, con una selezione dei dati statistici più significativi, corredati di rappresentazioni grafiche per agevolare l'analisi dei dati ed i processi decisionali. La prima parte è di carattere generale e comprende il contesto in cui è stata condotta l indagine, gli obiettivi perseguiti dal team di valutazione e le modalità utilizzate per la raccolta dei dati. La seconda afferisce all indagine quali/quantitativa, ricavata dall elaborazione delle informazioni raccolte attraverso la somministrazione del questionario di valutazione del grado di soddisfazione dei beneficiari, degli orientatori e dei referenti di istituto, dando evidenza ed esaminando le riflessioni e i suggerimenti emersi. 13

14 LE SCUOLE La cosa importante è non smettere mai di porsi domande. A.Einstein Apof-il ha attivato il percorso di orientamento all interno delle strutture scolastiche che avevano manifestato interesse al Progetto (come da elenco scuole pubblicato sul BUR n. 19 del 1 /07/2011). Il presente lavoro, in quanto avvio di una sperimentazione dell attività di monitoraggio e valutazione applicata a tutti i servizi erogati da Apof-il, riguarda esclusivamente la parte di intervento afferente all ultima parte del progetto di orientamento nelle scuole superiori per l anno Tutti gli interventi sono stati effettuati all interno delle strutture scolastiche richiedenti. Gli Istituti di Scuola Secondaria Superiore coinvolti nella rilevazione della customer satisfaction e suddivisi per area territoriale sono stati i seguenti: Lagonegrese Liceo Classico Carlomagno Lauria Liceo Socio Pedagogico De Sarlo Lagonegro Liceo Scientifico De Lorenzo Lagonegro Liceo Scientifico De Lorenzo Latronico Liceo Scientifico Miraglia Rotonda Liceo Scientifico Giovanni Paolo II Maratea Liceo Artistico Giovanni Paolo II Maratea ITIS Miraglia Lauria Istituto tecnico Commerciale Viggianello Senisese Liceo Classico Sinisgalli Senise Liceo Socio Pedagogico Senise Istituto Tecnico Commerciale Sinisgalli - Senise Istituto Tecnico Commerciale per Geometri Sinisgalli - Senise 14

15 Vulture Melfese Istituto D Arte - Rionero in Vulture Liceo Artistico Campanile Melfi ISIS Battaglini Venosa Liceo Artistico Carlo Levi Rionero in Vulture Potentino IIS Einstein Potenza Istituto Professionale Giorgi Potenza IIS Francesco Saverio Nitti - Potenza Liceo Scienze Umane Gianturco Potenza IIS Maiorana Acerenza 15

16 LA VALUTAZIONE PARTECIPATA Un fatto, anche il più modesto, conta più di una montagna di ipotesi. Pietro Nenni L intervento di orientamento, che ha riguardato le ultime classi del percorso di studio, ha complessivamente coinvolto 60 classi. Su 1088 questionari previsti, sono stati restituiti 945 questionari compilati (pari all 87% circa) e ne sono state elaborate ed analizzate le informazioni e le indicazioni emerse. Il presente rapporto di valutazione della customer satisfaction relativa al percorso di orientamento nelle ultime classi degli Istituti superiori, vuole proporre una lettura critica degli esiti di tale esperienza e raccoglie dati e informazioni di carattere quantitativo e qualitativo, in grado di offrire un accurata testimonianza del grado di soddisfazione del percorso orientativo da parte dei soggetti coinvolti. Obiettivo della rilevazione è rilevare la coerenza tra le azioni orientative proposte da Apofil e, da una parte, le conoscenze e le informazioni che gli studenti fruitori hanno percepito di aver acquisito ai fini della spendibilità futura e, dall altra, la valutazione complessiva che, dell intervento stesso, hanno fatto gli altri soggetti a vario titolo coinvolti (orientatori, referenti di istituto, responsabili di istituto). In buona sostanza, attraverso il presente lavoro si è inteso comprendere se i partecipanti hanno valutato come positiva l esperienza di orientamento e verificare la coerenza tra gli obiettivi, i contenuti, la metodologia adottata e i risultati conseguiti. Questo in quanto, per Apof-il, il processo di valutazione deve essere improntato nell ottica di una valutazione partecipata, condivisa, chiara ed imparziale con tutti gli attori partecipanti (studenti, orientatori, referenti e responsabili d istituto). Dal momento che costituisce il principale strumento a disposizione per verificare il conseguimento degli obiettivi di progetto e porre così in essere ogni possibile intervento nella direzione del miglioramento dei risultati, il coinvolgimento dei suddetti protagonisti é da ritenersi essenziale. 16

17 LO STRUMENTO DI RILEVAZIONE Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell avere nuovi occhi. Marcel Proust Per ognuna delle figure a vario titolo coinvolte rilevazione del gradimento. è stato previsto un questionario di Questionario di gradimento degli utenti (Allegato n. 1) A conclusione dell attività formativa è stata prevista la somministrazione agli studenti delle classi coinvolte di un questionario finalizzato a verificare il gradimento e l interesse nei confronti dell attività svolta. Il questionario si poneva l obiettivo di verificare sia il livello di gradimento dell attività di orientamento, con riferimento alla spendibilità della stessa, alla metodologia adottata, alla chiarezza espositiva da parte delle figure professionali coinvolte, alla rilevanza riconosciuta ai temi affrontati, etc., che la condizione di benessere ambientale e psicologico vissuta e la capacità dell organizzazione di supportare positivamente le esigenze dell intervento. Questionario di gradimento degli orientatori (Allegato n. 2) Anche per gli orientatori coinvolti, a conclusione dell attività orientativa, è stata prevista la somministrazione di un questionario strutturato, articolato in quattro sezioni: la prima sezione finalizzata a valutare gli aspetti generali e la capacità di raggiungere gli obiettivi prefissati, la seconda sezione gli aspetti organizzativi a supporto dell attività; la terza finalizzata a valutare la qualità dell intervento di orientamento e la rispondenza tra progettazione ed attività realizzate; l ultima sezione relativa alla valutazione dei risultati acquisiti dagli allievi, all esperienza professionale vissuta e all intervento inteso in un ottica complessiva. Questionario di gradimento dei referenti dell orientamento (Allegato n. 3) Un questionario articolato in maniera complementare a quello degli orientatori, sempre a conclusione dell attività orientativa, è stato previsto anche per i referenti di istituto. Questionario di gradimento dei responsabili di istituto (Allegato n. 4) 17

18 Alla fine del processo di erogazione del servizio di orientamento, allo scopo di verificare l effettiva rispondenza delle caratteristiche del servizio erogato con i requisiti stabiliti ed avere una misura della qualità del servizio erogato, è stata prevista la somministrazione ai responsabili di Istituto di un questionario aperto teso a rilevare pareri/osservazioni/valutazioni sull impostazione del progetto e sulla capacità dello stesso di raggiungere gli obiettivi prefissati ed eventuali suggerimenti utili al miglioramento del servizio stesso. Questo approccio valutativo globale, nelle intenzioni, si poneva l obiettivo di acquisire le percezioni dell intera esperienza orientativa da parte di tutti i soggetti coinvolti, potendo così confrontare i diversi punti di vista. Tuttavia, a fronte dell alta percentuale di risposte da parte degli studenti ed il discreto numero di orientatori che hanno compilato il questionario di gradimento, c è da sottolineare l esiguo numero di risposte da parte dei referenti di istituto e la totale assenza di feedback da parte dei responsabili di istituto. I motivi sottesi a questa carenza od assenza di risposte da parte delle figure proprie del mondo della scuola saranno oggetto da parte di Apof-il di ulteriore approfondimento e valutazione per comprenderne le cause ed apportare eventuali ed opportuni correttivi allo scopo di incrementare l adesione e ottenere una percentuale maggiore di riscontri anche attraverso azioni di informazione, sensibilizzazione e coinvolgimento diretto. 18

19 LE FIGURE PROFESSIONALI IMPEGNATE NEL PERCORSO DI ORIENTAMENTO Nell'attimo stesso in cui uno è convinto che tutto vada per il meglio, ci sono leggi statistiche che lavorano alle sue spalle, pronte a fregarlo. Charles Bukowski Le figure professionali impegnate nel progetto di orientamento si distinguono in Figure Direttive e Figure Operative o di staff, proprie di Apof-il (risorse interne ed esterne) o delle singole scuole. Figure Direttive Responsabile dell orientamento (Apof-il): E il responsabile del progetto e ha un controllo diretto sulle attività di orientamento; Definisce le strategie organizzative e gli standard del servizio; Pianifica e coordina le risorse umane, tecnologiche e organizzative; Supervisiona la manutenzione e il miglioramento del servizio; Gestisce le relazioni e gli accordi con le scuole; Individua nel rispetto delle procedure interne, le risorse professionali da inserire nel progetto e, verifica il livello di efficacia/efficienza del servizio erogato; Coordina il gruppo di lavoro impegnato nelle attività di intervento di orientamento. Il Ruolo di Responsabile dell orientamento è stato svolto dal dott. Franco Marcigliano. Responsabile di Istituto scolastico: E il decisore dell attività di orientamento all interno dell istituto scolastico; Definisce gli accordi in merito all intervento di orientamento con il responsabile Apof-il; Pone in essere ogni possibile intervento per il conseguimento dei risultati previsti; Coordina il personale d istituto referente di orientamento e i docenti delle classi coinvolte nel progetto di orientamento; Verifica e il conseguimento degli obiettivi di progetto; Effettua una valutazione complessiva del progetto. I Dirigenti scolastici sono riportati nella tabella seguente. 19

20 Tabella Riepilogativa relativa Istituti Scolatici Scuola Secondaria di II Grado Area territoriale Lagonegrese Denominazione Sede Dirigente Scolastico Istituto di Istruzione Superiore N. Miraglia Liceo Classico Nicola Carlomagno Lauria Straface Natalino Istituto si Istruzione Superiore N. Miraglia ITIS D. Ferrari Lauria Straface Natalino Istituto si Istruzione Superiore N. Miraglia - Liceo Scientifico Rotonda Straface Natalino Istituto Statale di Istruzione Superiore F. De Sarlo - Liceo Socio Psico Pedagogico Lagonegro Calabrese Pasquale Istituto Statale di Istruzione Superiore F. De Sarlo - Liceo Linguistico Lagonegro Calabrese Pasquale Istituto Statale di Istruzione Superiore F. De Sarlo - Liceo Scientifico G. De Lorenzo Lagonegro Calabrese Pasquale Istituto Statale di Istruzione Superiore F. De Sarlo - Liceo Scientifico Latronico Calabrese Pasquale Istituto Statale di Istruzione Superiore Giovanni Paolo II - Liceo Artistico Maratea Cicalese Vincenzo Istituto Statale di Istruzione Superiore Giovanni Paolo II - Liceo Scientifico Maratea Cicalese Vincenzo Istituto Tecnico Statale V. D Alessandro Lagonegro Filardi Carmine Istituto Omnicomprensivo Statale Scuole Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Grado e Sec. di 2 grado Istituto Tecnico Commerciale Viggianello Cortazzi Angela Figure operative o di staff Orientatori (Apof-il personale interno ed esterno) L'Orientatore attua, all interno delle classi coinvolte, il percorso di orientamento; Si relaziona con i destinatari degli interventi orientativi, in questo caso studenti delle ultime classi degli istituti superiori; Gestisce la raccolta, l'organizzazione, la redazione, il trattamento, l'erogazione e la diffusione delle informazioni (riguardo alle opportunità formative e/o di lavoro); Si rapporta con gli utenti per le scelte e la definizione di progetti individuali di studio e/o di inserimento professionale, attraverso l'offerta di informazione e l'adozione di specifiche tecniche di consulenza orientativa; Utilizza gli strumenti di orientamento elaborati ed adottati da Apof-il; Valuta l'efficacia dell'orientamento fornito; Si rapporta con i docenti delle scuole; 20

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli