... Dov'è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov'è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? T.S. Eliot

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "... Dov'è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov'è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? T.S. Eliot"

Transcript

1 AZIONE E TRANSIZIONE E ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE CITTADINANZA SCOLASTICA COMPETENZE PER LA LIFE LONG LEARNING A.S. 2011/2012 TIPOLOGIE DI INTERVENTO E2 Orientarsi nella Complessità: Orientamento alle Professioni e all Istruzione Superiore E3 Orientarsi nella Complessità: Orientamento al Lavoro Dov'è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov'è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? T.S. Eliot Potenza, dicembre 2012 REPORT SUL GRADIMENTO DELLE ATTIVITA 1

2 CITTADINANZA SCOLASTICA COMPETENZE PER LA LIFE LONG LEARNING AZIONE E TRANSIZIONE E ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE TIPOLOGIE DI INTERVENTO E2 ORIENTARSI NELLA COMPLESSITA : ORIENTAMENTO ALLE PROFESSIONI E ALL ISTRUZIONE SUPERIORE E 3 ORIENTARSI NELLA COMPLESSITA : ORIENTAMENTO AL LAVORO. A.S. 2011/2012 REPORT SUL GRADIMENTO DELLE ATTIVITA I PARTE Dov'è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov'è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? T.S. Eliot Potenza, dicembre

3 INTRODUZIONE Non è importante quello che scoprite, è importante cosa fate relativamente a quello che avete scoperto Philip Crosby Per Apof-il, Agenzia in house della Provincia di Potenza per l orientamento, la formazione, l istruzione ed il lavoro, la promozione di una cultura della qualità in grado di garantire la valorizzazione dei risultati conseguiti è elemento imprescindibile che non può non avvalersi di un attività costante di monitoraggio e valutazione della qualità dei servizi stessi. L'importanza della verifica delle azioni intraprese per valutarne la qualità e l'efficacia si inserisce all interno di una scelta agenziale che privilegia l approccio al miglioramento continuo. L'attività di valutazione pertanto non può considerarsi episodica, o conclusiva di ciascun intervento formativo, ma costituisce un percorso di crescita continua per i singoli operatori coinvolti e per l' organizzazione intesa complessivamente. Infatti, la possibilità di valutare costantemente il livello qualitativo delle attività consente azioni di programmazione tempestive e affidabili. Per sviluppare un approccio metodologico strutturato e personalizzato, dedicato in modo mirato alla valutazione delle attività e all'impatto delle stesse sull'organizzazione, Apof-il ha avviato azioni di sistema per la valutazione delle attività, così come previsto dal Modello di monitoraggio e valutazione adottato. Gli obiettivi che costituiscono gli elementi fondanti di tale approccio sono, da una parte, la possibilità di integrare la valutazione delle attività nel ciclo di gestione manageriale dell Agenzia, come processo distintivo di un sistema reiterato di programmazione, erogazione, monitoraggio e valutazione e, dall altro, di coinvolgere gli operatori rispetto alle dinamiche di modernizzazione dell intero sistema di formazione da cui scaturiscono mutate esigenze gestionali, attraverso anche l accrescimento del know how e delle competenze, particolarmente rispetto alla valutazione. Lo sviluppo della cultura della valutazione non può non portare alla consapevolezza che la qualità di un intervento formativo è misurabile, in termini di efficacia formativa, attraverso i 3

4 risultati conseguiti e la capacità di rispondere agli obiettivi proposti. Pur necessitando, i processi di cambiamento culturale, di tempi lunghi, spesso poco conciliabili con l esigenza dei processi di miglioramento continuo, é evidente come, nell attuale situazione di Apof-il, alcuni tratti culturali coerenti con quelli che il modello intende promuovere, sono già presenti e, quindi, possono facilitare l efficace implementazione di un sistema di valutazione. Il consolidamento di una cultura della valutazione, che necessariamente passa attraverso il radicamento di modalità operative coerenti, si attua attraverso una serie di elementi quali: la scelta di intendere la valutazione come attività non separata dal processo di produzione/erogazione del servizio; il coinvolgimento degli operatori che erogano il servizio stesso; la messa in relazione di diversi livelli organizzativi, servizi e procedure, per monitorare e valutare stabilmente la qualità dei servizi erogati e contribuire così a sviluppare modalità cooperative di relazione e scambio tra più ambiti organizzativi; la definizione di standard condivisi di qualità e di misurazione degli stessi che permettano l adozione di strumenti di rilevazione basati su criteri e strumenti utilizzabili da tutte le strutture agenziali; l integrazione tra le finalità dei servizi erogati e le metodologie di monitoraggio e valutazione per consentire di misurare il grado di coerenza e di pertinenza tra le scelte programmate e il servizio effettivamente effettuato. l individuazione di procedure di miglioramento continuo sia del sistema organizzativo nel suo complesso, sia delle prestazioni professionali dei singoli operatori. Infatti, l azione di valutazione è indispensabile per individuare le aree di possibile miglioramento dell efficienza e dell efficacia del servizio, così come nella logica del modello adottato. la confrontabilità e comparabilità dei dati relativi ai diversi servizi erogati dall agenzia in termini di gradimento degli stessi e/o risultati conseguiti. L intero processo di monitoraggio e valutazione della qualità della formazione si esplica, quindi, in un continuum che, partendo dalla qualità desiderata dai committenti/partecipanti, si sviluppa attraverso la qualità interpretata dagli 4

5 operatori coinvolti nelle attività rispetto all analisi del fabbisogno ed alla percezione delle aspettative, alla qualità progettata, a quella comunicata agli utenti ed esplicitata nel progetto di intervento ed effettivamente erogata, confrontate con la qualità attesa dagli utenti attraverso la loro interpretazione e decodificazione rispetto a quanto comunicato, alla qualità di fatto percepita dagli utenti, a quella valutata sulla base delle informazioni acquisite ed elaborate ed, infine, confrontata con le altre esperienze. Questo processo si inserisce,quindi, all interno di un approccio fortemente collegato al concetto di Accountability che, in sostanza, sottolinea l importanza da parte dell Agenzia di mettere a disposizione di tutte le categorie di stakeholder informazioni che, di fatto, non costituiscono oggetto di rilevazione contabile, ma sono estremamente importanti per la valutazione dell attività svolta e dei risultati conseguiti in una logica di comunicazione trasparente. 5

6 PERCHE VALUTARE Bisogna imparare a controllare la qualità di ogni nostra azione o lavoro e anche la qualità degli insegnamenti che ci propongono Roberto Vacca Volendo dare continuità al percorso di analisi del gradimento degli interventi attivati dall Agenzia, vengono, con il presente lavoro, presentati i dati analitici e riportate le osservazioni e le valutazioni relative esclusivamente alla valutazione effettuata in un ambito specifico dei servizi erogati da Apof-il quale quello dell attività di Orientamento rivolta agli studenti delle ultime classi di alcuni istituti di scuola secondaria di II grado della Provincia di Potenza. Tale valutazione ha riguardato la globalità dell intervento, con particolare riferimento alla qualità ed al gradimento dell intervento orientativo, incluse le valutazioni sulle prestazioni professionali e sull attività organizzativa a supporto dell intervento stesso. La valutazione della customer satisfaction del servizio di orientamento erogato da Apof-il rappresenta infatti il momento essenziale per cogliere il reale valore dell impatto dell intervento realizzato sugli utenti e la percezione dello stesso da parte dei soggetti a vario titolo coinvolti, anche e, soprattutto, in vista di un processo di ulteriore qualificazione dell offerta del servizio. Elaborare un analisi della customer satisfaction significa partire dalla percezione dei fruitori degli interventi stessi e dalla valutazione dei soggetti cointeressati, per poi renderle funzionali ad una strategia di valutazione dell efficacia dell intervento orientativo attuato sul territorio provinciale, in quanto strumenti per la comprensione degli elementi di miglioramento possibile, sia sul piano organizzativo che dei contenuti. Le finalità conoscitive costituiscono l elemento di partenza del presente rapporto, cui si affiancano quelle strategico-propositive, per consentire, da una parte, una rilevazione puntuale della soddisfazione delle differenti tipologie di fruitori coinvolti a vario titolo, interni ed esterni e, dall altro, per tradurre tali indicazioni in logiche di azione. Occorre inoltre considerare che, al di là della necessità di sviluppare una cultura aziendale in grado di approcciarsi e svilupparsi in maniera equilibrata tra l esigenza di misurare, quella di leggere e interpretare i risultati e quella di comunicarli, confrontarli e renderli operativi, la 6

7 customer satisfaction nell ambito di un servizio pubblico non può coincidere con le finalità proprie delle indagini di mercato strettamente legate all incremento della domanda, ma si concentra invece nella capacità di intercettare e interpretare i bisogni per migliorare la qualità dei servizi. Occorre pertanto saper integrare la lettura della qualità percepita e della qualità attesa ad una corretta individuazione e valutazione delle prestazioni erogate, poiché il rapporto non è sempre diretto e immediato e i dati vanno collegati con le competenze interpretative che derivano dall esperienza degli operatori e dalla sinergia di lavoro tra gli stessi. 7

8 IL CONTESTO La conoscenza parla ma la saggezza ascolta Jimi Hendrix Nell'ottica del miglioramento continuo della qualità dell offerta formativa proposta, è scelta di Apof-il implementare indagini di customer satisfaction finalizzate a rilevare il grado di soddisfazione dei partecipanti agli interventi formativi da essa organizzati. Oggetto del presente Report è l esito dell indagine sul gradimento del percorso di Orientamento relativo al progetto Cittadinanza scolastica- competenze per la life long learning Azione E transizione e orientamento scolastico e professionale relativamente alle tipologie di intervento E2 Orientarsi nella complessità: Orientamento alle professioni e all istruzione superiore e E3 Orientarsi nella complessità: Orientamento al lavoro realizzato nell A.S. 2011/2012. Il contesto organizzativo di riferimento è costituito dal sistema di istruzione relativo alla scuola secondaria di II grado; in particolare esso è rappresentato da quegli Istituti scolastici che hanno manifestato interesse al presente Progetto. Relativamente a tali scuole, i destinatari degli interventi risultano gli studenti delle ultime classi che si trovano di fronte ad una fase di transizione verso percorsi di istruzione successivi a quelli in corso o verso la scelta di percorsi professionali e di lavoro. Il contesto è rappresentato, inoltre, sia dalle normative quadro che sono state definite in materia di orientamento in ambito nazionale ed europeo (cfr. fra l altro: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, Dipartimento per l Istruzione, Circolare ministeriale n. 43 prot. n del 15/04/2009 Piano nazionale di Orientamento: Linee guida in materia di orientamento lungo tutto l arco della vita. Indicazioni nazionali), sia dai Piani di Offerta Formativa (POF) che ciascuna scuola definisce. I bisogni che hanno sostanziato la realizzazione del Progetto, relativamente a ciascun intervento, sono stati individuati in due ambiti di intervento. INTERVENTO E.2 Le motivazioni che sono alla base dell intervento si incardinano nei fabbisogni orientativi 8

9 emergenti dall istituzione scolastica e dagli studenti che a conclusione del ciclo di studio, relativo alla secondaria di II grado, si proiettano verso il mondo delle professioni e della Formazione Tecnica Superiore, e verso i percorsi di Istruzione superiore: Università e Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica. Ne deriva quindi un bisogno precipuo degli Istituti scolastici beneficiari dell intervento di offrire un sostegno ed un supporto organizzativo e sistematico agli studenti che si accingono alla scelta di percorsi di studi superiori o all ingresso nelle professioni conseguenti alla acquisizione del diploma. Da parte della scuola è evidente l esigenza di fornire agli studenti in uscita un quadro informativo e conoscitivo sugli scenari futuri che concernono il lavoro, le professioni e gli sbocchi professionali, conseguenti ai percorsi di formazione accademica ed universitaria, per facilitarne l indirizzo e le scelte future. Allo stesso tempo, nel complesso degli studenti è presente un fabbisogno orientativo caratterizzato da molteplici fattori: conoscitivo ed informativo sul mondo del lavoro, sulle professioni e sulle modalità di accesso, sui percorsi di formazione professionale susseguenti al diploma e finalizzati alla acquisizione di competenze; informativo sul mondo dell università, sulla struttura dei percorsi, sulle sedi universitarie, sugli sbocchi lavorativi relativi ai diversi corsi di laurea; informativo sui percorsi dell Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica; di sostegno nella scelta di tali percorsi. INTERVENTO E.3 L intervento trae origine, e si struttura operativamente, dall analisi dei fabbisogni di orientamento emergenti dagli studenti delle ultime classi che si apprestano ad uscire dalla scuola secondaria di II grado, e che a seguito dell indirizzo di studio svolto (Tecnico o Professionale), guardano con particolare interesse ed attenzione ai percorsi concernenti il lavoro. I fabbisogni di orientamento si sostanziano, in particolare, sui seguenti elementi: 9

10 conoscenze e informazioni sul mercato del lavoro, sugli strumenti e sui percorsi di accesso al mondo del lavoro; conoscenza degli strumenti di politica attiva che facilitano l ingresso nel mondo del lavoro; informazioni sui servizi del lavoro: competenze e servizi erogati; significati del lavoro, bisogni e valori; percezione del mercato del lavoro. A tali fabbisogni aggregati, propri del target dei destinatari, corrisponde anche l esigenza dell istituzione scolastica, depositaria della conoscenza dei vissuti scolastici e del curricolo degli studenti, di contribuire a sviluppare un percorso di orientamento che faciliti l incontro degli stessi con il lavoro. 10

11 IL TARGET "Tre persone erano al lavoro in un cantiere edile. Avevano il medesimo compito, ma quando fu loro chiesto quale fosse il loro lavoro, le risposte furono diverse. "Spacco pietre" rispose il primo. "Mi guadagno da vivere" rispose il secondo. "Partecipo alla costruzione di una cattedrale" disse il terzo." Peter Schultz Il progetto ha visto il coinvolgimento di due tipologie di destinatari: le scuole e gli studenti. Il coinvolgimento delle scuole è avvenuto attraverso incontri diretti, con gli insegnanti di classe ed il referente dell orientamento, centrati sugli aspetti metodologici e contenutistici delle attività da realizzare e sulla restituzione di quanto risultante dall azione svolta, sia sul piano individuale, sia in ogni gruppo classe. Il coinvolgimento inoltre, si è avvalso anche della presentazione del report di monitoraggio che restituisce alla scuola l insieme dei fenomeni connessi all orientamento. Il coinvolgimento degli studenti è avvenuto nella fase iniziale attraverso un azione informativa e di sensibilizzazione sull intervento da realizzare e sull analisi dei bisogni e delle aspettative verso l orientamento attraverso la somministrazione di un questionario predisposto ad hoc; nella fase di erogazione diretta, attraverso un azione che ha messo al centro lo studente, il suo vissuto scolastico e le sue aspettative in funzione della scelta da realizzare. Il percorso di orientamento, della durata complessiva di 20 ore, ha nello specifico coinvolto 60 classi, oltre 1000 studenti e 19 Orientatori e si è svolto nel periodo gennaio - giugno

12 FINALITA Considerare quali effetti, che possono concepibilmente avere portate pratiche, noi pensiamo che l'oggetto della nostra conoscenza abbia. Allora la concezione di questi effetti è l'intera nostra concezione dell'oggetto C.S. Peirce Il presente rapporto vuole evidenziarsi come attività di lettura, approfondimento, sperimentazione e confronto che, partendo dall analisi di un servizio erogato dall Agenzia, individui e diffonda strumenti e soluzioni operative per il miglioramento del servizio stesso. L indagine tesa a rilevare il gradimento di studenti ed operatori coinvolti, ha previsto la somministrazione a tutti i partecipanti, al termine dell attività orientativa, di un questionario di gradimento (vedi format del questionario) a risposta chiusa, finalizzato a rilevarne la percezione con una scala di valori da 1 a 5 rispetto agli elementi salienti e caratterizzanti del percorso, afferenti sia alla sfera didattico-contenutistica (obiettivi, temi, metodologie, figure professionali coinvolte, materiali didattici etc.), che alla sfera della gestione organizzativa e dei servizi generali (logistica, segreteria, etc.) nonché, alla valutazione complessiva del percorso in relazione alle aspettative iniziali ed alla spendibilità dei risultati conseguiti in termini di conoscenze ed informazioni utili acquisite. Il risultato è quindi una lettura critica delle risultanze del progetto attraverso la raccolta di dati e informazioni di carattere quantitativo e qualitativo, capaci di offrire un accurata testimonianza del grado di soddisfazione del percorso orientativo. Obiettivo conseguente è la rilevazione della coerenza tra le azioni orientative proposte e le conoscenze e le competenze che i fruitori hanno percepito di avere acquisito ai fini della spendibilità futura: in sostanza, la valutazione intende comprendere se i partecipanti valutino come positiva l esperienza di orientamento e verificare la coerenza tra obiettivi, contenuti, metodologie e risultati raggiunti. L elaborazione del documento finale di sintesi è quindi finalizzata ad un analisi qualitativa e alla valutazione del processo per: verificare i contesti di efficacia ed efficienza della progettualità; individuare i punti di forza ed i punti di debolezza dell intervento; valutare il livello di gradimento degli operatori e degli utenti riguardo al servizio erogato; 12

13 valutare il grado di qualità percepito; tesaurizzare gli elementi di qualità per una riproposizione migliorativa in contesti similari. I risultati dell attività di orientamento documentati nel presente Report sono depositati agli atti presso la Direzione generale di Apof-il e resi pubblici e consultabili all'interno ed all esterno dell'agenzia, anche in modalità on-line (www.apofil.it sezione pubblicazioni), ai fini della circolazione dei risultati e della loro correlazione ad una eventuale nuova progettazione. L'elaborazione di questo documento, che contiene giudizi supportati soprattutto da dati oggettivi misurabili, ma anche da percezioni, costituisce l'azione conclusiva di sintesi dell'intero lavoro e fornisce una lettura chiara ed immediata anche attraverso l'ausilio di grafici ed elaborazioni statistiche. Il presente Report riporta una sintesi di tali risultanze, con una selezione dei dati statistici più significativi, corredati di rappresentazioni grafiche per agevolare l'analisi dei dati ed i processi decisionali. La prima parte è di carattere generale e comprende il contesto in cui è stata condotta l indagine, gli obiettivi perseguiti dal team di valutazione e le modalità utilizzate per la raccolta dei dati. La seconda afferisce all indagine quali/quantitativa, ricavata dall elaborazione delle informazioni raccolte attraverso la somministrazione del questionario di valutazione del grado di soddisfazione dei beneficiari, degli orientatori e dei referenti di istituto, dando evidenza ed esaminando le riflessioni e i suggerimenti emersi. 13

14 LE SCUOLE La cosa importante è non smettere mai di porsi domande. A.Einstein Apof-il ha attivato il percorso di orientamento all interno delle strutture scolastiche che avevano manifestato interesse al Progetto (come da elenco scuole pubblicato sul BUR n. 19 del 1 /07/2011). Il presente lavoro, in quanto avvio di una sperimentazione dell attività di monitoraggio e valutazione applicata a tutti i servizi erogati da Apof-il, riguarda esclusivamente la parte di intervento afferente all ultima parte del progetto di orientamento nelle scuole superiori per l anno Tutti gli interventi sono stati effettuati all interno delle strutture scolastiche richiedenti. Gli Istituti di Scuola Secondaria Superiore coinvolti nella rilevazione della customer satisfaction e suddivisi per area territoriale sono stati i seguenti: Lagonegrese Liceo Classico Carlomagno Lauria Liceo Socio Pedagogico De Sarlo Lagonegro Liceo Scientifico De Lorenzo Lagonegro Liceo Scientifico De Lorenzo Latronico Liceo Scientifico Miraglia Rotonda Liceo Scientifico Giovanni Paolo II Maratea Liceo Artistico Giovanni Paolo II Maratea ITIS Miraglia Lauria Istituto tecnico Commerciale Viggianello Senisese Liceo Classico Sinisgalli Senise Liceo Socio Pedagogico Senise Istituto Tecnico Commerciale Sinisgalli - Senise Istituto Tecnico Commerciale per Geometri Sinisgalli - Senise 14

15 Vulture Melfese Istituto D Arte - Rionero in Vulture Liceo Artistico Campanile Melfi ISIS Battaglini Venosa Liceo Artistico Carlo Levi Rionero in Vulture Potentino IIS Einstein Potenza Istituto Professionale Giorgi Potenza IIS Francesco Saverio Nitti - Potenza Liceo Scienze Umane Gianturco Potenza IIS Maiorana Acerenza 15

16 LA VALUTAZIONE PARTECIPATA Un fatto, anche il più modesto, conta più di una montagna di ipotesi. Pietro Nenni L intervento di orientamento, che ha riguardato le ultime classi del percorso di studio, ha complessivamente coinvolto 60 classi. Su 1088 questionari previsti, sono stati restituiti 945 questionari compilati (pari all 87% circa) e ne sono state elaborate ed analizzate le informazioni e le indicazioni emerse. Il presente rapporto di valutazione della customer satisfaction relativa al percorso di orientamento nelle ultime classi degli Istituti superiori, vuole proporre una lettura critica degli esiti di tale esperienza e raccoglie dati e informazioni di carattere quantitativo e qualitativo, in grado di offrire un accurata testimonianza del grado di soddisfazione del percorso orientativo da parte dei soggetti coinvolti. Obiettivo della rilevazione è rilevare la coerenza tra le azioni orientative proposte da Apofil e, da una parte, le conoscenze e le informazioni che gli studenti fruitori hanno percepito di aver acquisito ai fini della spendibilità futura e, dall altra, la valutazione complessiva che, dell intervento stesso, hanno fatto gli altri soggetti a vario titolo coinvolti (orientatori, referenti di istituto, responsabili di istituto). In buona sostanza, attraverso il presente lavoro si è inteso comprendere se i partecipanti hanno valutato come positiva l esperienza di orientamento e verificare la coerenza tra gli obiettivi, i contenuti, la metodologia adottata e i risultati conseguiti. Questo in quanto, per Apof-il, il processo di valutazione deve essere improntato nell ottica di una valutazione partecipata, condivisa, chiara ed imparziale con tutti gli attori partecipanti (studenti, orientatori, referenti e responsabili d istituto). Dal momento che costituisce il principale strumento a disposizione per verificare il conseguimento degli obiettivi di progetto e porre così in essere ogni possibile intervento nella direzione del miglioramento dei risultati, il coinvolgimento dei suddetti protagonisti é da ritenersi essenziale. 16

17 LO STRUMENTO DI RILEVAZIONE Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell avere nuovi occhi. Marcel Proust Per ognuna delle figure a vario titolo coinvolte rilevazione del gradimento. è stato previsto un questionario di Questionario di gradimento degli utenti (Allegato n. 1) A conclusione dell attività formativa è stata prevista la somministrazione agli studenti delle classi coinvolte di un questionario finalizzato a verificare il gradimento e l interesse nei confronti dell attività svolta. Il questionario si poneva l obiettivo di verificare sia il livello di gradimento dell attività di orientamento, con riferimento alla spendibilità della stessa, alla metodologia adottata, alla chiarezza espositiva da parte delle figure professionali coinvolte, alla rilevanza riconosciuta ai temi affrontati, etc., che la condizione di benessere ambientale e psicologico vissuta e la capacità dell organizzazione di supportare positivamente le esigenze dell intervento. Questionario di gradimento degli orientatori (Allegato n. 2) Anche per gli orientatori coinvolti, a conclusione dell attività orientativa, è stata prevista la somministrazione di un questionario strutturato, articolato in quattro sezioni: la prima sezione finalizzata a valutare gli aspetti generali e la capacità di raggiungere gli obiettivi prefissati, la seconda sezione gli aspetti organizzativi a supporto dell attività; la terza finalizzata a valutare la qualità dell intervento di orientamento e la rispondenza tra progettazione ed attività realizzate; l ultima sezione relativa alla valutazione dei risultati acquisiti dagli allievi, all esperienza professionale vissuta e all intervento inteso in un ottica complessiva. Questionario di gradimento dei referenti dell orientamento (Allegato n. 3) Un questionario articolato in maniera complementare a quello degli orientatori, sempre a conclusione dell attività orientativa, è stato previsto anche per i referenti di istituto. Questionario di gradimento dei responsabili di istituto (Allegato n. 4) 17

18 Alla fine del processo di erogazione del servizio di orientamento, allo scopo di verificare l effettiva rispondenza delle caratteristiche del servizio erogato con i requisiti stabiliti ed avere una misura della qualità del servizio erogato, è stata prevista la somministrazione ai responsabili di Istituto di un questionario aperto teso a rilevare pareri/osservazioni/valutazioni sull impostazione del progetto e sulla capacità dello stesso di raggiungere gli obiettivi prefissati ed eventuali suggerimenti utili al miglioramento del servizio stesso. Questo approccio valutativo globale, nelle intenzioni, si poneva l obiettivo di acquisire le percezioni dell intera esperienza orientativa da parte di tutti i soggetti coinvolti, potendo così confrontare i diversi punti di vista. Tuttavia, a fronte dell alta percentuale di risposte da parte degli studenti ed il discreto numero di orientatori che hanno compilato il questionario di gradimento, c è da sottolineare l esiguo numero di risposte da parte dei referenti di istituto e la totale assenza di feedback da parte dei responsabili di istituto. I motivi sottesi a questa carenza od assenza di risposte da parte delle figure proprie del mondo della scuola saranno oggetto da parte di Apof-il di ulteriore approfondimento e valutazione per comprenderne le cause ed apportare eventuali ed opportuni correttivi allo scopo di incrementare l adesione e ottenere una percentuale maggiore di riscontri anche attraverso azioni di informazione, sensibilizzazione e coinvolgimento diretto. 18

19 LE FIGURE PROFESSIONALI IMPEGNATE NEL PERCORSO DI ORIENTAMENTO Nell'attimo stesso in cui uno è convinto che tutto vada per il meglio, ci sono leggi statistiche che lavorano alle sue spalle, pronte a fregarlo. Charles Bukowski Le figure professionali impegnate nel progetto di orientamento si distinguono in Figure Direttive e Figure Operative o di staff, proprie di Apof-il (risorse interne ed esterne) o delle singole scuole. Figure Direttive Responsabile dell orientamento (Apof-il): E il responsabile del progetto e ha un controllo diretto sulle attività di orientamento; Definisce le strategie organizzative e gli standard del servizio; Pianifica e coordina le risorse umane, tecnologiche e organizzative; Supervisiona la manutenzione e il miglioramento del servizio; Gestisce le relazioni e gli accordi con le scuole; Individua nel rispetto delle procedure interne, le risorse professionali da inserire nel progetto e, verifica il livello di efficacia/efficienza del servizio erogato; Coordina il gruppo di lavoro impegnato nelle attività di intervento di orientamento. Il Ruolo di Responsabile dell orientamento è stato svolto dal dott. Franco Marcigliano. Responsabile di Istituto scolastico: E il decisore dell attività di orientamento all interno dell istituto scolastico; Definisce gli accordi in merito all intervento di orientamento con il responsabile Apof-il; Pone in essere ogni possibile intervento per il conseguimento dei risultati previsti; Coordina il personale d istituto referente di orientamento e i docenti delle classi coinvolte nel progetto di orientamento; Verifica e il conseguimento degli obiettivi di progetto; Effettua una valutazione complessiva del progetto. I Dirigenti scolastici sono riportati nella tabella seguente. 19

20 Tabella Riepilogativa relativa Istituti Scolatici Scuola Secondaria di II Grado Area territoriale Lagonegrese Denominazione Sede Dirigente Scolastico Istituto di Istruzione Superiore N. Miraglia Liceo Classico Nicola Carlomagno Lauria Straface Natalino Istituto si Istruzione Superiore N. Miraglia ITIS D. Ferrari Lauria Straface Natalino Istituto si Istruzione Superiore N. Miraglia - Liceo Scientifico Rotonda Straface Natalino Istituto Statale di Istruzione Superiore F. De Sarlo - Liceo Socio Psico Pedagogico Lagonegro Calabrese Pasquale Istituto Statale di Istruzione Superiore F. De Sarlo - Liceo Linguistico Lagonegro Calabrese Pasquale Istituto Statale di Istruzione Superiore F. De Sarlo - Liceo Scientifico G. De Lorenzo Lagonegro Calabrese Pasquale Istituto Statale di Istruzione Superiore F. De Sarlo - Liceo Scientifico Latronico Calabrese Pasquale Istituto Statale di Istruzione Superiore Giovanni Paolo II - Liceo Artistico Maratea Cicalese Vincenzo Istituto Statale di Istruzione Superiore Giovanni Paolo II - Liceo Scientifico Maratea Cicalese Vincenzo Istituto Tecnico Statale V. D Alessandro Lagonegro Filardi Carmine Istituto Omnicomprensivo Statale Scuole Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Grado e Sec. di 2 grado Istituto Tecnico Commerciale Viggianello Cortazzi Angela Figure operative o di staff Orientatori (Apof-il personale interno ed esterno) L'Orientatore attua, all interno delle classi coinvolte, il percorso di orientamento; Si relaziona con i destinatari degli interventi orientativi, in questo caso studenti delle ultime classi degli istituti superiori; Gestisce la raccolta, l'organizzazione, la redazione, il trattamento, l'erogazione e la diffusione delle informazioni (riguardo alle opportunità formative e/o di lavoro); Si rapporta con gli utenti per le scelte e la definizione di progetti individuali di studio e/o di inserimento professionale, attraverso l'offerta di informazione e l'adozione di specifiche tecniche di consulenza orientativa; Utilizza gli strumenti di orientamento elaborati ed adottati da Apof-il; Valuta l'efficacia dell'orientamento fornito; Si rapporta con i docenti delle scuole; 20

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità MISSION La GIMARCEF Associazione Culturale intende offrire possibilità di sviluppo professionale a tutti gli allievi, privilegiando

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Mission L Istituto Aurelia Fevola opera da anni nel settore della formazione attraverso una vasta offerta formativa che si basa principalmente

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 7 CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità L Istituto Aniene Srl si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la

Dettagli

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo Pagina1 Allegato A Monitoraggio delle formazioni docenti PON 2010/2011 e richieste specifiche per la valutazione e il monitoraggio delle azioni PON DIDATEC corso base e corso avanzato 1) Il Programma Operativo

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità GENESIS LICEO DEL PARRUCCHIERE si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la realtà

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità MISSION La DESANTISAP SOC COOP.VA ARL garantisce il controllo qualitativo di ogni parte dell attività formativa dalla progettazione

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* TPPPS11000A LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA PIAZZALE PLACIDO RIZZOTTO - 91022 CASTELVETRANO

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Mission della struttura L Associazione Cultura d Impresa è un ente senza finalità di lucro, nasce nel 1999 come progetto formativo professionale

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Mission L Accademia Romana di Acconciatura ente formativo riconosciuto dalla Regione Lazio opera a 360 nel settore dell acconciatura con soluzioni vincenti e uno

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE

SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE Dirigenti e Posizioni Organizzative Personale dei Livelli Sistema Integrato di valutazione del personale.docx Sommario CAPO I METODOLOGIA

Dettagli

L analisi dei fabbisogni dell EDA nell area sub-provinciale di Roma. Risultati conseguiti dal progetto: guida alla consultazione

L analisi dei fabbisogni dell EDA nell area sub-provinciale di Roma. Risultati conseguiti dal progetto: guida alla consultazione BANDO PER L EDUCAZIONE PERMANENTE DEGLI ADULTI Delibera Giunta Regionale n. 30 dell 11/01/2001 (Pubblicato nel BUR Lazio n.5 del 20 febbraio 2002 Parte I e II) Misura di sistema: Ricerche e analisi finalizzate

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE DI TIPO INTERUNIVERSITARIO MODELLO A

PROGETTO NAZIONALE DI TIPO INTERUNIVERSITARIO MODELLO A DIPARTIMENTO PER L'UNIVERSITÀ, L'ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA E PER LA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE RICHIESTA DI COFINANZIAMENTO (DM n. del ) PROGETTO

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO *******

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO ******* [Regolamento di Tirocinio del Corso di Laurea Magistrale in 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM87) REGOLAMENTO DI TIROCINIO La declaratoria

Dettagli

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Introduzione 2 1. Il contesto di riferimento 1.1 Riferimenti istituzionali Si inserisce nell ambito della Strategia Europa 2020 e delle

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECOMICI 0. INDICE 0. INDICE... 1 1. LINEE GUIDA EUROPEE E RMATIVA NAZIONALE... 2 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA CONSULTAZIONE... 3

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA fra la Città di Torino e l Ufficio scolastico territoriale di Torino per lo sviluppo dei tirocini formativi e l avvicinamento all attività di alternanza scuola-lavoro L Ufficio scolastico

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

Biblioteca estense universitaria

Biblioteca estense universitaria Biblioteca estense universitaria, Modena Progetto Qualità 2009 19/11/2008 P. 1 / 11 Ministero per i beni e le attività culturali Biblioteca estense universitaria Modena PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE

Dettagli

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 Il Piano di orientamento dell U.S.R. dell Umbria Promuovere le scelte è rivolto ai docenti della scuola secondaria di I grado

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE Opzione Economico-Sociale Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2013/2014 INDICE 1. Introduzione. pag. 3 2. Finalità e obiettivi

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI Via Danimarca, 54 90146 Palermo c.f. 80012700821 Telefono 091 515231 - Fax 091 520622 www.liceoggalileipalermo.gov.it - paps010002@istruzione.it paps010002@pec.istruzione.it

Dettagli

Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto Murolo Laura Pennisi Angelo Petralia Venera

Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto Murolo Laura Pennisi Angelo Petralia Venera Docenti: Gruppo N. 4 Gruppo di lavoro per la progettazione di Alternanza Scuola Lavoro costituito da: Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE COMUNE DI RIMINI / UO Gestione Pubblicità e Affissioni

Dettagli

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV NORMATIVA E DOCUMENTI Il format di autovalutazione Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV SINTESI PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E RAV DPR 28 Marzo 2013, n. 80 Direttiva n.11 del 18 settembre 2014

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot. n. 560 Bari, 25 gennaio 2012 Il Dirigente : Anna Cammalleri BANDO per la selezione di proposte progettuali per attività di ricerca azione in rete verticale tra istituti di istruzione secondaria di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Premessa Nel quadro delle azioni del Ministero da attuare in coerenza con i principi generali contenuti nel Decreto legislativo

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE Allegato. PROCEDURE DI VALUTAZIONE Procedura di valutazione della performance individuale del DG Data inizio validità: gennaio 0 Data fine validità: n.d. SOMMARIO Soggetti coinvolti... Procedura di valutazione....

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Cosa è Scuola Valore, Finalità... 2 I progetti... 3 Le risorse e i possibili utilizzi... 4 Il processo di produzione delle risorse... 6 1 Cosa è

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

La soddisfazione media complessiva

La soddisfazione media complessiva Nell'ottica del miglioramento continuo della qualità dell offerta formativa, il Settore "Studio, Organizzazione e Metodo - Formazione del Personale" implementa indagini di Customer Satisfaction (CS) finalizzate

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa Politica della Qualità L IIS A. Petrocchi adotta un sistema interno di gestione della qualità per garantire l efficacia e il continuo miglioramento dei servizi.

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DIREZIONE DIDATTICA PAOLO VETRI - RAGUSA PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Commissione Inclusione Alunni BES Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) Anno scolastico

Dettagli

REPORT ESITI MONITORAGGIO DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

REPORT ESITI MONITORAGGIO DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl

Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Il presente documento si propone di esplicitare e comunicare gli impegni che l'istituto Italiano Arte e Artigianato

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Prot. del AI DOCENTI AL D.S.G.A. Al personale ATA Al sito web dell istituto All Albo SEDE

Prot. del AI DOCENTI AL D.S.G.A. Al personale ATA Al sito web dell istituto All Albo SEDE LICEO SCIENTIFICO STATALE Indirizzo Classico Linguistico Scientifico Scientifico opzione Scienze Applicate 87027 Paola (CS) C.M. CSPS210004 Sito web: www.liceogalilei-paola.gov.it E-mail: csps210004@istruzione.it

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. 9^ edizione. a.s. 2012-2013

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. 9^ edizione. a.s. 2012-2013 Promozione percorsi sperimentali di Alternanza scuola-lavoro (art.4, Legge 28 marzo 2003, n.53) D.D.G. n. 640 del 30/01/2012 PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 9^ edizione a.s. 2012-2013 Istituto: I.I.S.S.

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli