GESTIONE DEGLI HOME CARE DEVICE: ESPERIENZA DI UN AZIENDA SANITARIA. Annalisa Cozzarini, Università degli Studi di Trieste.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE DEGLI HOME CARE DEVICE: ESPERIENZA DI UN AZIENDA SANITARIA. Annalisa Cozzarini, Università degli Studi di Trieste."

Transcript

1 GESTIONE DEGLI HOME CARE DEVICE: ESPERIENZA DI UN AZIENDA SANITARIA Annalisa Cozzarini, Università degli Studi di Trieste. Nelle nazioni industrializzate l aspettativa di vita della popolazione è in continuo aumento, e la maggior parte delle persone che utilizzano gli ausili rientra nella terza età, di conseguenza cresce anche la percentuale degli individui con disabilità di tipo invalidante. Da una parte si assiste quindi ad un incremento della domanda per cure e dispositivi a scopi riabilitativi, dall altra emergono però le difficoltà economiche; ciò mette in luce la necessità di una migliore organizzazione che miri a ottimizzare le spese sanitarie. L'adozione di un ausilio ha ripercussioni sulla qualità della vita e sull'autonomia dell'utilizzatore, ma anche sulla spesa socio-sanitaria-assistenziale necessaria: si pensi, ad esempio, al costo di una cura per lesioni da decubito che si sarebbe potuta prevenire tramite l adozione di un adeguato sistema antidecubito. Un importante contenimento della spesa può essere raggiunto tramite l ottimizzazione delle forniture, traducibile nel prestito d uso come disciplinato nelle norme nazionali contenute nel D.M.332/99; sistema che andrebbe implementato tramite una stretta collaborazione fra l esperienza medica del personale dei distretti sanitari e quella tecnica ed economica, garantita da un Servizio d Ingegneria Clinica. Grazie all introduzione di tale sistema è possibile, infatti, soddisfare un maggior numero di utenti e fornire agli stessi un servizio post-vendita migliore e più attento. GLI AUSILI EROGABILI DAL SISTEMA SANITARIO: IL D.M.332/99 Il Decreto Ministeriale n 332 del 1999 è suddiviso in due parti; la prima contiene norme che controllano l erogazione degli ausili, processo che richiede quattro fasi: La prescrizione, che include anche il programma di cura ed altre indicazioni, da parte di un medico specialista dei Servizio Sanitario Nazionale; L autorizzazione alla fornitura rilasciata dall Azienda Sanitaria; La fornitura dell ausilio e del libretto di istruzioni, che deve avvenire entro i termini indicati nell allegato insieme ad un attenta istruzione sul suo uso; Il collaudo.

2 La seconda parte consiste in due allegati: Il primo consiste nel Nomenclatore Tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche che riporta la descrizione degli ausili tecnici per disabili e le relative norme, facendo riferimento alla classificazione ISO Questa classificazione per funzione che si riferisce ad oggetti concepiti per uso individuale nella vita quotidiana, non ad attrezzature a finalità clinica, distingue tra prodotti principalmente finalizzati al recupero di una funzione corporea (protesi ed ortesi) e prodotti principalmente finalizzati allo svolgimento di specifiche attività della vita quotidiana, gli ausili; Il secondo include i tempi minimi di rinnovo per le forniture, i tempi massimi di consegna e le garanzie. A sua volta il nomenclatore è suddiviso in tre elenchi: Nell elenco 1 rientrano i dispositivi (protesi, ortesi ed ausili tecnici) che richiedono l intervento di un tecnico abilitato ed altri che, seppur di serie, richiedono adattamenti specifici a seconda delle caratteristiche dell utente. Questi dispositivi, che hanno una precisa tariffa, una volta in possesso del paziente diventano di sua proprietà. Nell elenco 2 rientrano i dispositivi di serie (ausili tecnici) e le relative norme tecniche, che non richiedono l intervento di un tecnico abilitato. Queste apparecchiature sono anche di fatto di proprietà dell utilizzatore. Per acquisire questi dispositivi è prevista una procedura pubblica di acquisto quindi accanto al codice ISO nel Nomenclatore non è indicata nessuna tariffa. L elenco 3 include invece gli apparecchi acquistati direttamente dalle Aziende Sanitarie, che sono quindi di loro proprietà e possono nuovamente venir ceduti all assistito mediante contratto di comodato. Anche la loro tariffa viene decisa in sede di gara. È inoltre previsto che l assistito possa scegliere un ausilio non incluso nel Nomenclatore ma riconducibile, cioè che possa essere ricondotto per omogeneità funzionale ad uno presente nell elenco. Sono anche permesse autorizzazioni per forniture di dispositivi non previsti dal Nomenclatore in casi particolari di soggetti affetti da gravissime disabilità. Il contributo da parte dell Azienda Sanitaria in questi casi sarà pari alla tariffa del dispositivo omogeneo presente nel Nomenclatore, la quota restante sarà a carico dell utente. Un particolare di primaria importanza sull erogazione dei dispositivi lo si trova al punto 12 dell articolo 4 del Decreto, che recita: I dispositivi protesici di cui agli elenchi 1 e 2 del nomenclatore allegato si intendono ceduti in proprietà all'assistito, fatta salva la facoltà delle regioni di disciplinare modalità di cessione in comodato dei dispositivi per i quali sia possibile il riutilizzo, allo scopo di conseguire economie di gestione, prevedendo comunque l obbligo dell azienda cedente di garantire la perfetta funzionalità e sicurezza dei dispositivi e di fornire all assistito le istruzioni previste dalla normativa vigente. I fornitori sono tenuti all adempimento degli obblighi di cui al comma 11 anche nei confronti dei soggetti ai quali i dispositivi sono ceduti in proprietà.

3 I dispositivi degli elenchi 1 e 2 sono quindi di proprietà degli assistiti ma, se recuperabili secondo quanto disciplinato dalle singole Regioni, rientrano all Azienda Sanitaria e diventano di sua proprietà al fine di essere ricondizionati e riassegnati a nuovi utenti. Gli ausili riconducibili o extratariffario, acquistati ad hoc per l assistito, normalmente non rientrano all A.S.S. poiché per essi non vi sarebbe una facile e veloce riassegnazione. Se l assistito si dichiara d accordo, l Azienda Sanitaria può però procedere a una verifica sulla convenienza di un eventuale ricondizionamento del dispositivo. Per quanto riguarda l erogazione ed il recupero degli ausili, ogni singola Azienda Sanitaria può scegliere la modalità che desidera, compreso l appalto a ditte esterne; deve però garantire la perfetta funzionalità e sicurezza del bene per il periodo in cui esso è in carico all assistito. L A.S.S. dovrà provvedere quindi alla manutenzione preventiva e correttiva dell ausilio; dal canto suo, il comodatario, si impegnerà a provvedere alla manutenzione ordinaria del bene È basilare che l erogazione dell ausilio avvenga in un progetto riabilitativo documentato e che segua le stesse procedure previste per l erogazione di un ausilio nuovo, cioè l individuazione del bisogno, l individuazione dell ausilio, la verifica dell idoneità e della funzionalità, la prescrizione ed il collaudo. L ESPERIENZA DI TRIESTE STATO DELL ARTE A Trieste nel 2004, l Azienda per i Servizi Sanitari ha appaltato ad un Azienda di Servizi privata un servizio di riciclo ausili al fine di contenere la spesa sanitaria ed offrire un servizio più attento all utenza. L esperienza di questi anni (fino a dicembre 2011), di seguito descritta, è stata monitorata con l intento di verificare l utilità del servizio, di migliorarlo e di fornire le basi per l eventuale avvio di nuovi centri di ricondizionamento. Essendo il servizio nato negli ultimi mesi del 2004 si sono monitorate le consegne dei dispositivi a partire dall anno successivo fino al 2011, separando fra le consegne effettuate dal personale del Magazzino, in cui rientrano sia gli acquisti con procedura pubblica che quelli di riciclo, e quelle relative agli ausili acquistati direttamente dal fornitore. Dall analisi del trend di crescita del numero totale di ausili erogati si evince come questo si sia incrementato notevolmente proprio con l introduzione nella provincia di Trieste del Magazzino Ausili per poi stabilizzarsi a partire dal Tale stabilizzazione si può facilmente notare focalizzandosi sull ultimo triennio ( ), durante il quale la richiesta totale di ausili negli anni presenta una crescita lieve ma costante. Tale trend è dovuto in parte all assestamento dell età media della popolazione, in parte al fatto che si può considerare il Magazzino una struttura ben avviata e consolidata. Si possono poi osservare gli andamenti opposti che assumono le curve per dispositivi erogati da magazzino (crescente) ed acquisti diretti (decrescente).

4 L incremento della richiesta di home care device non è quindi solo da correlare ad un reale incremento del fabbisogno, ma anche al consolidamento di un sistema che negli anni è stato conosciuto ed apprezzato. Con l introduzione del Magazzino Ausili si è riusciti ad accrescere la domanda grazie alla presa di coscienza, da parte di utenti e distretti, che un sistema di riciclo permette di erogare molti più ausili incrementando il servizio. In questo caso, come spesso si verifica in Sanità, non è stata soltanto la domanda dell utenza a far sì che venisse incrementata l offerta, ma è anche stata una migliore offerta a generare una crescita di domanda. Andamento delle consegne di ausili - anni Dai dati si evince che in meno di dieci anni sul totale di home care device a carico del Sistema Sanitario la fornitura da Magazzino è passata da meno del 40% ad un ottimo 90%, valore che non era prevedibile ai tempi dell adozione del sistema. Il sistema appena descritto non può che tendere all equilibrio: la curva che rappresenta le erogazioni da magazzino si sta avvicinando al numero di ausili totali (ormai stabilizzato), il flusso di ausili riciclati soddisfa ormai quasi totalmente il fabbisogno. Si ricorda che fra questi vi sono gli ausili comprati a gara che, grazie ad una buona programmazione, dovrebbero essere sufficienti a controbilanciare i dispositivi che escono dal sistema di riciclo perché rotti od obsoleti. La curva dei dispositivi acquistati direttamente dal fornitore è decrescente; essa, però, non potrà mai raggiungere il valore zero: gli utenti che necessitano di ausili personalizzabili devono infatti poter acquistare direttamente dal fornitore. Si può desumere quindi che prossimamente l attività del magazzino non possa aumentare ancora, se non lievemente: ottimizzando il sistema tale curva tenderà a quella delle consegne totali senza però mai raggiungerla, poiché una base di dispositivi acquistati direttamente da fornitore dovrà sempre essere presente. Nel 2011 sono stati erogati ausili di cui forniti da magazzino; per questi ultimi si è indagato quanti sono stati gli effettivi fruitori del servizio e come sono ripartiti tra le varie fasce di età.

5 Anno Utenti Numero di utenti - monitoraggio biennale - anni Suddivisione dell'utenza per fasce d'età I risultati confermano le considerazioni discusse riguardo l andamento delle consegne: parallelamente all introduzione del Magazzino si nota che non solo è cresciuto il numero di ausili erogati, ma anche il numero di utenti è notevolmente aumentato. Questo è un importante risultato poiché l Ingegnere Clinico ha fra i suoi compiti la gestione efficace ed efficiente della tecnologia; ciò significa che accanto ad una minor spesa deve minimizzare il rapporto fra il servizio reso ed il suo costo. Non si hanno a disposizione i dati assoluti della spesa sostenuta dall A.S.S.1 per l assistenza protesica in questi anni ma si è riscontrato che, con l introduzione del sistema di riciclo, l Azienda Sanitaria è riuscita in 6 anni a quasi raddoppiare il numero di effettivi fruitori del sistema. Focalizzandosi sulle consegne, dai dati provenienti dall Azienda Sanitaria, si è risalito alle gare d appalto svolte ai fini di trovare quanti degli ausili consegnati dal magazzino fossero nuovi rispetto a quelli effettivamente di riciclo. All inizio del triennio gli home care device acquistati da fornitore erano leggermente superiori a quelli acquisiti mediante procedura pubblica; alla fine del 2011 i ruoli che si ritrovano sono invertiti; questo dato è tra l altro accompagnato da un aumento di fornitura degli ausili ricondizionati.

6 [N] [%] [N] [%] Ausili acquistati da fornitore % % Gara % % Riciclo % % Totale da Magazzino % % TOT % % Suddivisione del totale delle erogazioni: ausili di riciclo, da gara e da acquisti diretti MOVIMENTAZIONI Per completezza si è deciso di analizzare tutte le movimentazioni svolte dal personale del Magazzino Ausili: sono state monitorate nel quadriennio il numero di consegne, ritiri e sanificazioni. Tali movimentazioni non corrispondono a un numero di apparecchi diversi, ma lo stesso apparecchio uscito e rientrato più volte viene riconteggiato ad ogni movimentazione. Modellizzazione del Magazzino Ausili Infatti ogni richiesta di apparecchio, che sia nuovo o di riciclo, rappresenta comunque un bisogno da parte dell utenza che avrebbe dovuto essere soddisfatto e quindi è corretto contarlo più volte.

7 Anno Consegne Ritiri Sanificazioni Movimentazioni anni Le sanificazioni presentano valori significativamente più bassi rispetto ai ritiri, questo perché il sistema di riciclo ausili non è in grado di autoalimentarsi. Dopo un paio di anni che sono in circolo gli ausili ritirati possono risultare obsoleti o troppo danneggiati per poter essere riassegnati e dovrebbero quindi venir messi fuori uso. Il numero di sanificazioni cresce quindi all aumentare dei ritiri effettuati, ma il suo valore si mantiene costantemente inferiore all altro. Questo ragionamento si può ripetere anche considerando la curva delle consegne: il Magazzino per contratto effettua le consegne anche per gli ausili acquistati a gara, è chiaro quindi che gli home care device consegnati saranno più di quelli ricondizionati. Per una gestione funzionale del magazzino è quindi necessaria un opportuna programmazione degli acquisti poiché i flussi di entrata e uscita portano a una doppia criticità se non gestiti correttamente: un accumulo di ausili poco richiesti che rischiano di diventare obsoleti e una richiesta elevata di ausili non disponibili che si traduce in una fornitura diretta, con la conseguenza di costi maggiori rispetto a quelli ottenibili grazie ad un adeguata programmazione degli acquisti tramite gara. Questa programmazione deve essere incentrata sul lungo periodo poiché l Azienda Sanitaria, essendo un ente pubblico, prima di effettuare un acquisto deve compiere una serie di passaggi (delibera, pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, affissione all albo..) che comportano tempi lunghi. Al fine di verificare quali sono i dispositivi che vengono maggiormente richiesti e capire quali siano le scorte necessarie per far sì che, salvo casi particolari (es.:ausili personalizzabili), non sia necessario ricorrere ad acquisti tramite affidamento diretto è stata svolta anche un analisi per tipologia di ausilio.

8 Erogazione per tipologia di ausilio - anno 2011 La classe d ausili più movimentata è quella dei materassi antidecubito (nel 2011 quasi consegne), seguita dalle carrozzine; fra gli ausili meno movimentati vi sono le stampelle (che ormai vengono solo consegnate nuove, non riciclate), gli stabilizzatori e le carrozzine elettriche. Ai fini di un opportuna programmazione per l approvvigionamento degli ausili sono state confrontate le consegne da Magazzino con gli acquisti diretti.

9 Questi dati hanno fra l altro dimostrato come con l introduzione del sistema di riciclo, per dispositivi standard come montascale, letti, supporti per alzarsi da letto e aspiratori chirurgici, ecc. gli acquisti diretti non sono stati più necessari; mentre le carrozzine elettriche, ausilio prescritto generalmente a pazienti giovani che desiderano mantenere la loro indipendenza, vengano invece acquistati preferibilmente su misura. I dati evidenziano inoltre una scelta di gestione apertamente dichiarata dall A.S.S.1 per quanto concerne i dispositivi con basso prezzo di listino: la fornitura di stampelle e rialzi per wc è quasi esclusivamente effettuata tramite acquisto diretto poiché si ritiene che il riciclo per tali dispositivi non sia conveniente. ANALISI DEL CICLO DI VITA DELLE APPARECCHIATURE Per un oculata programmazione degli acquisti è importante, a partire dalle apparecchiature inventariate, condurre un analisi sul loro ciclo di vita. Attualmente nell inventario della ditta in appalto sono presenti ausili; dei apparecchi con data di collaudo precedente al 2012, risultano in dismissione. Come si può osservare la maggior parte dei dispositivi entrati a sistema sono tutt ora in buono stato e continuano a restare nel sistema di riciclo. Questo è un dato importante poiché fa capire come l adozione di tale sistema abbia posto fine a uno spreco di dispositivi che, essendo ancora utilizzabili, possono ora venir riassegnati ad altri utenti, consentendo quindi all Azienda Sanitaria di effettuare un maggior numero di erogazioni. Stato degli ausili presenti in inventario Si può desumere, comunque, che questo 13% di home care device rottamati dal 2004 ad oggi è probabilmente una leggera sottostima del numero reale di ausili che dovrebbero essere rottamati poiché può capitare che alcuni apparecchi permangano in magazzino prima che venga scelta e approvata la rottamazione. Soffermandosi sulle singole classi si può osservare che la distribuzione del numero reale di ausili presenti in inventario segue grossomodo l andamento del numero di consegne degli stessi. Da questa considerazione si discostano gli aspiratori chirurgici, che presentano un bassissimo numero di consegne annuali, ma il numero di apparecchi inventariati non è altrettanto basso; soffermandosi sullo stato dell apparecchiatura emerge che gli aspiratori chirurgici sono la categoria che in assoluto ha la percentuale più alta di fuori uso.

10 Indagando sull età risulta che molti apparecchi hanno date di collaudo antecedenti al 2004, anno di introduzione del Magazzino; essi, al contrario delle altre tipologie di ausili, sono di proprietà dell Azienda Sanitaria già dal primo acquisto. È chiaro che gli apparecchi più vecchi, a parità di condizioni, sono i primi a guastarsi; è stato verificato infatti che l 80% degli aspiratoti chirurgici in fuori uso ha data di collaudo antecedente al 2004, mentre fra quelli collaudati nell ultimo quadriennio non vi è nessun apparecchio andato in rottamazione. Lo studio sul ciclo di vita delle apparecchiature è anche utilizzabile al fine di verificare il riutilizzo medio di un apparecchio: per dispositivi fuori uso, se essi erano più di 10, si è calcolata la media per classe del numero di consegne effettuate per lo stesso ausilio; per le restanti categorie, al fine di avere una quantità sufficiente per il campione, si è effettuata un ulteriore analisi includendo anche i dispositivi non ancora in dismissione. Quasi tutte le classi hanno presentato una media di riutilizzi fra le 2 e le 3 volte. A questo punto si è indagato in che maniera, oltre al numero di movimentazioni, anche il numero dei fuori uso abbia influito sulla quantità di acquisti effettuati. Osservando le classi di ausili che presentano un gran numero di oggetti in inventario si nota che per i sistemi antidecubito su questo numero incide, oltre l elevato numero di richieste, anche il grande numero di dismissioni (30% non più in uso); mentre per altre classi molto numerose, come ad es. le carrozzine, il numero di dismissioni è % nettamente inferiore, probabilmente perché risultano meno soggette all usura.

11 Questa differenza ha aperto un interrogativo sul perché di questo tasso molto elevato di fuori uso per i sistemi antidecubito che ha portato ad analizzare le marche produttrici che presentavano il maggior numero di rientri. Analizzando la media di riutilizzo per classe di ausilio si è notato che i letti per degenza erano fra le categorie con il valor medio di riciclo maggiore; in particolare mentre quelli elettrificati avevano solo due apparecchi fuori uso, per quelli non elettrificati il numero di rottamazioni era, se pur non elevatissimo, non trascurabile. Questa differenza è ancora una volta dovuta all età effettiva dell ausilio: negli ultimi anni si predilige, anche per comodità dei caregivers, la prescrizione di letti

12 elettrici anziché manuali; affermazione questa avvalorata dalle date di messa in inventario di letti elettrici e manuali e dal numero di consegne degli stessi. L elevata percentuale di riciclo dei letti, elettrici e non, può essere spiegata andando ad ricercare i motivi per cui vengono richiesti; le consegne vengono effettuate per le seguenti tipologie di utenti: 1. Persone disabili cronici/gravi, il letto serve per fornire un concreto aiuto ai caregiver; 2. Giovani disabili, sono una minoranza sul totale degli assistiti, in questo caso il letto serve per migliorarne l'autonomia; 3. Persone gravemente disabili con malattie degenerative o terminali, proprio grazie a questa classe di home care device essi riescono a rimanere in casa, in certi casi, fino anche al decesso; 4. Persone che vengono dimesse dall'ospedale con patologie che richiedono elevata assistenza quindi necessitano del letto soprattutto per facilitare il lavoro dei caregivers; in casa spesso si riprendono, viene lievemente ridotto il grado di assistenza e l aiuto del letto non è più necessario; 5. Persone molto anziane o con gravi patologie che vengono dimesse da RSA o da ospedali e decedono in breve tempo. Nei primi due casi i letti possono restare a domicilio del paziente anche per moltissimi anni; in tutti gli casi invece il turn-over dei letti è molto alto ed è questo che probabilmente influisce sui valori riscontrati. Per questa classe di ausilio la politica del riciclo risulta essere quindi estremamente conveniente. BENEFICI IN TERMINI DI COSTO È chiaro che essendo quelli presenti in magazzino ausili o di riciclo o comprati a gara (abbattimento dei costi per acquisti su larga scala) il loro costo è minore degli ausili comprati direttamente dai fornitori. Non essendo disponibili dati sulla spesa effettiva sostenuta dall Azienda Sanitaria si è calcolata la differenza dell importo pagato dalla A.S.S.1 per la consegna, il ritiro e la sanificazione degli ausili rispetto a quello che avrebbe dovuto sostenere ipotizzando un pari numero di consegne ma al costo di mercato. Si è effettuato questo calcolo per il primo anno utile del servizio (2005) e per l ultimo disponibile, il (2011) nel seguente modo: Per il calcolo del valore che avrebbe avuto la fornitura ipotizzando di acquistare apparecchiature nuove si è sommato il numero consegne effettuate per classe di ausilio moltiplicate per il prezzo di mercato Per il costo del servizio si è presa la tariffa per le consegne, i ritiri e le sanificazioni e si è moltiplicata per il numero delle stesse.

13 COSTI ANNO Costo complessivo per A.S.S.1 per riutilizzi [ ] Valore forniture se l'a.s.s.1 avesse comprato nuovo [ ] Stima del potenziale risparmio introdotto dall'adozione del Magazzino - anni 2005 e 2011 Si può constatare come la soluzione di un servizio di riciclo fosse già conveniente ad un anno dell introduzione; all aumentare degli utenti e delle consegne effettuate si può notare l aprirsi della forbice fra il costo reale del servizio e la spesa che si sarebbe dovuta sostenere effettuando lo stesso numero di erogazioni ma al prezzo di mercato. Calcolo del fabbisogno ogni abitanti Dai dati estrapolati dall esperienza nelle realtà di Trieste si può, con gli opportuni accorgimenti, porre le basi per esportare i sistemi in ambienti differenti. Calcolando ad esempio qual è il fabbisogno di apparecchiature ogni abitanti si avrà un punto di partenza per l approvvigionamento iniziale, che andrà corretto sia tenendo conto delle informazioni estrapolate dalle altre analisi sia monitorando nel tempo l evolversi del sistema implementato. Poiché è stato confermato che la quasi totalità dei fruitori del servizio ha più di 65 anni, durante la pianificazione degli acquisti bisogna tener conto anche dell età media della popolazione che si intende servire. Partendo dall esperienza di Trieste, che conta quasi abitanti; circa dei quali rientra nella terza età, si sono calcolate quante apparecchiature bisognerebbe avere all anno ogni abitanti. Questo calcolo è stato effettuato tenendo in considerazione, per ogni classe, il numero medio di consegne sul triennio e il tempo medio a domicilio del paziente. Ausili permanenza consegne n apparecchi ogni [gg] medie anno abitanti CARROZZINA ELETTRICA ,73 CARROZZINA ,78 MATERASSO ANTIDECUBITO ,92 SPONDE PER LETTO ,17 Dimensionamento del "parco macchine" ogni abitanti, a partire dai dati raccolti nella provincia di Trieste - Estrapolazione

14 CRITICITÀ E SOLUZIONI Grazie all analisi dei tempi di attesa sono emerse delle criticità per quanto riguarda la fase di ritiro e quella di sanificazione; si è supposto che i lunghi tempi di quest ultima creassero un blocco per la fase precedente. Per chi entra in Magazzino questa considerazione è immediata: nell area adibita alla sanificazione stazionano infatti un numero elevato di apparecchiature anche per periodi di tempo molto lunghi. In tale zona devono essere possibili le movimentazioni e le riparazioni, perciò se tale area risulta troppo piena i ritiri non vengono più effettuati. Si è voluto quantificare tali considerazioni, modellando il Magazzino tramite sottoblocchi e flussi. Ci si è concentrati sul blocco relativo alla sanificazione, esso è scomponibile ulteriormente in due fasi: al rientro in Magazzino gli ausili vengono stoccati in una zona sporca che funge da buffer in attesa che essi entrino nella fase di sanificazione vera e proprio. Partendo dal numero di addetti e di sanificazioni effettuate si è stimato che mediamente il tempo di ripristino di un dispositivo è attorno alle 2 ore; il tempo che questi trascorrono nel blocco di sanificazione, come emerso dall analisi dei tempi di attraversamento, è invece dell ordine dei giorni. Tale risultato ha confermato quanto supposto: la maggior parte del tempo che gli home care device trascorrono nel blocco di sanificazione si traduce in una situazione di giacenza e non è quindi tempo utile ai fini del processo di trasformazione. Essendo in possesso del ritmo medio di sanificazioni, del tempo di attraverso medio del blocco e supponendo la stabilità del processo, tramite l applicazione della Legge di Little, si è calcolato il numero di unità presenti nel processo. Correlando queste unità al relativo ingombro si è ricavato che la superficie mediamente occupata dagli apparecchi è pari a circa il 75% dell area sporca. Considerando che questi sono valori medi e non di picco e che l area considerata non è adibita solo allo stoccaggio bensì è un area operativa dove sono necessari continui spostamenti e movimentazioni si ritiene che tale livello di occupazione sia critico. Per ovviare a questo problema esisterebbe più di una soluzione: si potrebbe ingrandire l area del buffer per permettere la giacenza ad un numero maggiore di ausili o incrementare il ritmo medio di sanificazione. Tali suggerimenti potrebbero essere utili ma non risolverebbero il problema principale; è stata quindi proposta l adozione di un protocollo per la messa fuori uso di quei dispositivi che, per questioni di obsolescenza o elevata personalizzazione, non avrebbero una veloce riassegnazione. Come soluzione immediata è invece stata decisa e già implementata una mascherina accessibile sia al personale dei distretti che a quello dell azienda di servizi. Tale sistema dà immediata evidenza della collocazione degli ausili e fornisce un metodo per la priorità delle sanificazioni: tramite i valori medi di consegna è stato infatti calcolato ed inserito l intervallo desiderato per il numero di ausili prenotabili.

15 CONCLUSIONI Basandosi sull esperienza di Trieste, monitorando nel tempo il livello del servizio, si è osservato come il bacino di utenza sia cresciuto al consolidarsi del sistema; calcolando la spesa che si sarebbe dovuta sostenere ipotizzando di effettuare tutti gli acquisti direttamente dai fornitori, si è giunti alla conclusione che soddisfare tale crescita di domanda non sarebbe stato possibile senza l introduzione della concezione del riciclo. Affidare tale sistema di riciclo ad un Servizio di Ingegneria Clinica permette inoltre di gestire i guasti, meccanici ed elettronici, delle apparecchiature senza dover far sempre ricorso alle ditte fornitrici; garantendo agli utenti un assistenza in tempi rapidi con un costo minore per l Azienda Sanitaria. Si ha già evidenza in altri ambiti di come l adozione di un Servizio di Ingegneria Clinica, per quanto concerne la gestione della tecnologia biomedica in campo ospedaliero, permetta un servizio più efficace ed efficiente; visti il trend dell invecchiamento della popolazione e la stretta economica cui non solo la sanità si trova attualmente assoggettata, il momento è maturo per adottare le metodiche proprie dell Ingegneria Clinica anche riguardo la gestione dell utilizzo delle apparecchiature per le cure domiciliari.

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Allegato 4 Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Premessa Il documento fornisce le indicazioni operative all utilizzo

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Trieste, 11 giugno 2005 Aspetti medico-legali nella gestione dei pazienti con Sclerosi Multipla ASSISTENZA PROTESICA Dott.ssa Viviana VARONE ASS n. 5 Bassa Friulana Dipartimento di Prevenzione SOGGETTI

Dettagli

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 Dott. Leonardo Bonafede Medico del distretto Fossano-Savigliano NORME DI RIFERIMENTO NORMATIVA

Dettagli

PARTE TERZA CURE PRIMARIE

PARTE TERZA CURE PRIMARIE PARTE TERZA CURE PRIMARIE a cura del Dott. Oliviero Zanardi UNITA ORGANIZZATIVA COMPLESSA CURE PRIMARIE E l Unità organizzativa che all interno del D.S.S.B. comprende i servizi e gli interventi rivolti

Dettagli

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA pag. 1 di 18 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE: Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA 1 Eliminate linee guida plantari e sostituite con Indirizzi per la prescrizione di ausili per la mobilita personale, scarpe e plantari

Dettagli

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Riferimenti di legge L Assistenza Sanitaria protesica è sancita dalla L. 118/71, art. 3, comma 1, ulteriormente precisata dal D.M.S. 332/99 a cui è allegato

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali ASSISTENZA INTEGRATIVA E ICA Pag. 1 di 11 Assistenza Integrativa e Protesica Definizione dei Cataloghi Regionali Versione 1.0 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 830 del 13-11-2014 O G G E T T O Ripristino igienico e manutentivo dei montascale (CIG 59882815CE) Proponente: Coordinamento

Dettagli

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) - assistenza in materia di protesi ed ausili.

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) - assistenza in materia di protesi ed ausili. Milano, 02-03-2015 Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) - assistenza in materia di protesi ed ausili. Osservazioni L analisi dei documenti relativi alla revisione, appena presentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI Il presente regolamento, condiviso con l UOC Anziani ed A.D.I. è parte integrante delle Linee Guida per l Assistenza Protesica, e la modulistica

Dettagli

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI REGIONE ABRUZZO Azienda Sanitaria Locale di Teramo DIPARTIMENTO ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE Direttore: Dott. Valerio F. Profeta SERVIZIO TERRITORIALE DI RIABILITAZIONE Dirigente Responsabile: Dott.sa

Dettagli

Il software per le Ortopedie & Sanitarie

Il software per le Ortopedie & Sanitarie Il software per le Ortopedie & Sanitarie L introduzione in azienda di un software applicativo, che si pone come obiettivo la informatizzazione completa di tutti gli aspetti legati all attività dell azienda,

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA INDICE 1. PERCORSO DI ASSISTENZA PROTESICA

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili «Ripartiamo dal territorio 2015 Lavori in corso» Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili Dott. Giuseppe Coluzzi Azienda ASL LATINA DISTRETTO 2 ASSISTENZA RIABILITATIVA SONO UTILIZZATI, A SECONDA

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO:

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: CARTA DEI SERVIZI Azienda convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale 7 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: - invalidi civili, di guerra e per servizio

Dettagli

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA)

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) Milano, 12-02-2015 Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) Analisi dei documenti di presentazione e della bozza di DPCM; osservazioni e posizione del C.S.R. I testi pubblicati in questi

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROTES FASE 2 EVOLUZIONE TECNOLOGICA E FUNZIONALE DEFINIZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI

REGIONE PIEMONTE PROTES FASE 2 EVOLUZIONE TECNOLOGICA E FUNZIONALE DEFINIZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI Pag. 1 di 46 PROTES FASE 2 Evoluzione tecnologica e funzionale Medicina Integrativa e Protesica Definizione dei requisiti funzionali Versione 2.0 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA.

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA. REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA. LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI INGEGNERIA CLINICA Il Servizio di Ingegneria Clinica si occupa dell'aspetto gestionale e strategico

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli

VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO

VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO Distretto di Sassari Direttore Dott. N. Licheri VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO Distretto di Sassari 1 VENTILAZIONE MECCANICA

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

Azioni di indirizzo, alle Aziende e agli Enti del SSR,

Azioni di indirizzo, alle Aziende e agli Enti del SSR, Allegato A Azioni di indirizzo, alle Aziende e agli Enti del SSR, Quadro di obiettivi e azioni coordinate immediatamente eseguibili 1. Farmaceutica a. Ulteriori interventi di razionalizzazione per la farmaceutica

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE Art.1 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente Capitolato Speciale ha come oggetto la

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA E PUBBLICHE PROCEDURE DI ACQUISTO: I MOTIVI DELLA RICERCA.

ASSISTENZA PROTESICA E PUBBLICHE PROCEDURE DI ACQUISTO: I MOTIVI DELLA RICERCA. ASSISTENZA PROTESICA E PUBBLICHE PROCEDURE DI ACQUISTO: I MOTIVI DELLA RICERCA. Linee per l attuazione del D.M. 27 agosto 1999, n 332 Regolamento recante norme per le prestazioni di Assistenza Protesica

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria. degliausili. Come orientarsi nel mondo

Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria. degliausili. Come orientarsi nel mondo Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria degliausili Come orientarsi nel mondo Sommario GLI AUSILI 6 CHE COS È UN AUSILIO? 6 A CHI PUÒ ESSERE NECESSARIO UN AUSILIO? 7 COME OTTENERE UN AUSILIO? 7 DOVE

Dettagli

Come acquistare ALLERT:

Come acquistare ALLERT: Come acquistare ALLERT: da privato (vai alla slide 2) tramite richiesta di contributo ASL come comunicatore simbolico (vai alla slide 3) Da privato: Dopo aver scelto ALLERT, per cui consigliamo vivamente

Dettagli

Maria Teresa Agati, presidente C.S.R.

Maria Teresa Agati, presidente C.S.R. Maria Teresa Agati, presidente C.S.R. 4/27/2015 1 Il C.S.R. ha lo scopo statutario di studiare i sistemi istituzionali di erogazione di ausili, destinati a facilitare l assistenza domiciliare, aumentare

Dettagli

PROTESICA E PRESIDI IN DIMISSIONE Dott. Maurizio Maria Fiorentino ASL RM C Responsabile UOSD Medicina Legale D9 Coordinatore Attività Protesica Aziendale Roma, 13 Giugno 2015 DECRETO MINISTERIALE 332/99

Dettagli

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa:

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa: Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario Premessa: Il corso di OSS - Operatore Socio sanitario -, riguarda tutti coloro che vogliono sviluppare abilità finalizzate all'assistenza socio sanitaria di persone

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROGETTO DELLA REGIONE LAZIO FACILITAZIONE DELLA COMUNICAZIONE NEI PAZIENTI CON GRAVI PATOLOGIE NEUROMOTORIE Azienda Complesso Ospedaliero S. Filippo Neri www.sanfilipponeri.roma.it ausili.comunicazione@sanfilipponeri.roma.it

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 LA RETE TERRITORIALE DEI LABORATORI AZIENDALI PER GLI AUSILI DELLA REGIONE TOSCANA Marco Tagliaferri ISTITUZIONE, ATTIVAZIONE E SVILUPPO Settore Servizi alla Persona sul Territorio PSR 1999 2001 le aziende

Dettagli

Dalla Conferenza, gli elementi essenziali di una proposta condivisa.

Dalla Conferenza, gli elementi essenziali di una proposta condivisa. Dalla Conferenza, gli elementi essenziali di una proposta condivisa. La conferenza, promossa dalla Commissione Diritti Umani del Senato e dal C.S.R., Centro studi e ricerche per gli ausili per persone

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE Aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica

Dettagli

DESTINATARI DELL AVVISO E PRESTAZIONI DA EROGARE

DESTINATARI DELL AVVISO E PRESTAZIONI DA EROGARE AVVISO PUBBLICO PROPEDEUTICO ALLA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI SOGGETTI ATTUATORI DI PRESTAZIONI INTEGRATIVE PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE PER NON AUTOSUFFICIENTI INPS EX GESTIONE

Dettagli

ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011

ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011 ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011 RELAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI

Dettagli

S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej

S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej Commissione per la prevenzione, sorveglianza e trattamento delle lesioni da pressione Presidente dr. Rosolino Trabona S.C. Servizio

Dettagli

Ausili per il superamento delle barriere architettoniche

Ausili per il superamento delle barriere architettoniche Ausili per il superamento delle barriere architettoniche Spesso le abitazioni private non sono completamente accessibili per coloro che si spostano con una carrozzina o che comunque hanno difficoltà nella

Dettagli

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 MP 5 SERVIZI V. 1.0

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 MP 5 SERVIZI V. 1.0 Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 6 5 SERVIZI 5.0 DESCRIZIONE In questo capitolo è descritta tutta la serie di attività di servizio che, pur non creando direttamente valore aggiunto sulla prestazione,

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 Le misure organizzative per implementare un sistema di gestione degli impianti di distribuzione dei gas medicinali

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

Capitolo 9 Gestione delle scorte. Introduzione

Capitolo 9 Gestione delle scorte. Introduzione Capitolo 9 Gestione delle scorte Introduzione 1 Salvo rare eccezioni, le scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti sono una presenza invitabile in ogni tipo di processo e in ogni rete di

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 1000 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SINTESI PER LA STAMPA Intervento del Prof. Emilio Mortilla Presidente Ageing Society-Osservatorio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013 Oggetto: Finanziamento a favore delle Aziende Sanitarie Locali per gli interventi finalizzati allo sviluppo del sistema dell Assistenza Domiciliare Integrata. Ripartizione fondo regionale 2013. L Assessore

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Capitolato speciale d Appalto per il servizio di manutenzione da effettuarsi mediante somministrazione - di tutti gli estintori

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Aventi diritto alle prestazioni ANFFAS Brescia Onlus ASSISTENZA PROTESICA 1) invalidi civili (con valutazione superiore al 33%), di guerra, per servizio, ciechi e sordomuti 2) minori di anni 18 che necessitano

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0 Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 5 SOSTEGNO 5.0 DESCRIZIONE Il buon funzionamento dell istituto esige la gestione di tutta una serie di attività che, pur non creando direttamente valore

Dettagli

Centralizzazione degli acquisti: l impatto sul settore Service per Tessuto Non Tessuto sterile per sala operatoria.

Centralizzazione degli acquisti: l impatto sul settore Service per Tessuto Non Tessuto sterile per sala operatoria. Associazione nazionale per le tecnologie biomediche, diagnostiche, apparecchiature medicali, servizi e telemedicina La posizione associativa in tema di Centralizzazione degli acquisti: l impatto sul settore

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 Ettore Turra Innovazione Organizzativa e Gestione del Cambiamento

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

Ostacoli senza barriere

Ostacoli senza barriere Ostacoli senza barriere Le barriere architettoniche dovrebbero essere scomparse o quanto meno diminuite notevolmente grazie a normative specifiche e al, pur lento, diffondersi di una cultura dell'accessibilità.

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

70017 PUTIGNANO (BARI)

70017 PUTIGNANO (BARI) La soluzione che soddisfa tutte le esigenze e gli adempimenti normativi delle ORTOPEDIE e SANITARIE www.sigao.it - tel/fax 080.4931281-080.4055698 - email: info@datasoftware.it 70017 PUTIGNANO (BARI) ORTOPEDIA

Dettagli

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo.

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. (Organizzazione Mondiale della Sanità) Il progetto Accettazione

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna

La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna La rilevanza strategica della logistica nelle Aziende Sanitarie Stefano Villa, Ricercatore di Economia

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL SARRABUS Provincia di Cagliari Ufficio di Piano Ambito PLUS Sarrabus Gerrei

UNIONE DEI COMUNI DEL SARRABUS Provincia di Cagliari Ufficio di Piano Ambito PLUS Sarrabus Gerrei UNIONE DEI COMUNI DEL SARRABUS Provincia di Cagliari Ufficio di Piano Ambito PLUS Sarrabus Gerrei PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L'EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI HOME CARE PREMIUM 2014 INPS GESTIONE INPDAP

Dettagli

SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO

SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta per la Fornitura e affidamento del servizio di gestione manutentiva e di logistica distributiva di montascale di proprietà delle AA.SS.LL. della Regione Liguria

Dettagli

presenti in Consip e Intercenter prevedono il ritiro dell usato oppure con il conferimento in discarica.

presenti in Consip e Intercenter prevedono il ritiro dell usato oppure con il conferimento in discarica. Allegato A) alla delibera G.P. nn. 145/39710 del 11/05/2010 Piano triennale anni 2010-2012 per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo di beni strumentali Dotazioni

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P.

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P. COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Piazza Matteotti, n.17 C.A.P. 41054 Tel. 059-705.711 Fax 059-705.158 Cod. Fisc. / P. IVA 00675950364 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE N. generale 112 data

Dettagli

Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia

Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Sottotitolo: Il contributo degli accumuli per aumentare la quota di autoconsumo dei consumatori con impianto di generazione FV Autori: Renato Urban,

Dettagli

C O M U N E D I L E I N I

C O M U N E D I L E I N I Regolamento per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi di telefonia mobile dell Ente Indice Titolo 1 Definizioni...2 Articolo 1 Finalità...2 Articolo 2 Definizioni...2 Articolo 3 Suddivisione degli

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

Copyright A&D future. La filosofia di MODELPROD per la Sanità tende alla rivalutazione della

Copyright A&D future. La filosofia di MODELPROD per la Sanità tende alla rivalutazione della Commento Dia 1 La versione per le Aziende Sanitarie di MODELPROD consente di vedere l Ospedale come processo produttivo e si propone come strumento per estendere ad esso i criteri di gestione e controllo

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 400 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

Servizio di Ingegneria Clinica

Servizio di Ingegneria Clinica Servizio Ingegneria Clinica Energy Management Tel. 0874/409.550 (Interno 2550) Fax 0874/409.551 (Interno 2551) e-mail: sic@asrem.org Servizio con sistema di gestione certificato ISO 9001 Riferimenti Normativi:

Dettagli

Software STUDIO FAST FATTURE. Modifiche apportate con l aggiornamento versione 3.24.00

Software STUDIO FAST FATTURE. Modifiche apportate con l aggiornamento versione 3.24.00 Software STUDIO FAST FATTURE Modifiche apportate con l aggiornamento versione 3.24.00 Giugno 2013 Gestione ddt (modulo fatture) Propone causale predefinita se specificata nel tipo documento. In fase di

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER)

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Ricerca corrente 2014 Titolo: Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Anagrafica progetto: Responsabile Progetto:

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

ALL. 1 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SUI PERCORSI ORGANIZZATIVI NELL ASSISTENZA PROTESICA, ORTESICA E FORNITURA DI AUSILI TECNOLOGICI

ALL. 1 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SUI PERCORSI ORGANIZZATIVI NELL ASSISTENZA PROTESICA, ORTESICA E FORNITURA DI AUSILI TECNOLOGICI ALL. 1 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SUI PERCORSI ORGANIZZATIVI NELL ASSISTENZA PROTESICA, ORTESICA E FORNITURA DI AUSILI TECNOLOGICI 1. OBIETTIVO DEL DOCUMENTO Il D.M. 332/99 e ss. mm. reca le norme e

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna

La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna Stefano Sanniti U.O. Fisica e Tecnologie Biomediche - AUSL CESENA SAN MARINO, 28 Settembre

Dettagli

Congresso regionale SIGG 2012

Congresso regionale SIGG 2012 Congresso regionale SIGG 2012 15 dicembre 2012, Brescia Università degli Studi di Brescia - Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CURE DOMICILIARI ALL ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Servizio di Adattamento degli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E PREVISTE - MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa

Dettagli

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S.

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. REGOLAMENTO MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 13 del 22-12-2014

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

Azienda Sanitaria di Nuoro. Barbagie Baronie Mandrolisai Marghine. COD. 002 VERSIONE 001 DATA 26.05.09 Pagina 1 di 10

Azienda Sanitaria di Nuoro. Barbagie Baronie Mandrolisai Marghine. COD. 002 VERSIONE 001 DATA 26.05.09 Pagina 1 di 10 COD. 002 VERSIONE 001 DATA 26.05.09 Pagina 1 di 10 INDICE INDICE...1 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. DIAGRAMMA DI FLUSSO...3...3 4.RESPONSABILITÀ...4 5. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ...5 6.RIFERIMENTI...10

Dettagli

Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza.

Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza. Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza. Linee guida PRESENTAZIONE Il presente lavoro costituisce un estratto da una

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008)all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli