La formazione in lingua inglese dei docenti di scuola primaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La formazione in lingua inglese dei docenti di scuola primaria"

Transcript

1 MIUR UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO Direzione Generale La formazione in lingua inglese dei docenti di scuola primaria La formazione in lingua inglese dei docenti di scuola primaria Esperienze e proposte ISBN Cover ANOÈ - La formazione.indd 1 10/02/ :14:36

2 Indice 1 La formazione in lingua inglese dei docenti di scuola primaria ANOÈ - La formazione.indd 1 13/02/ :47:58

3 2 Indice ANOÈ - La formazione.indd 2 13/02/ :47:58

4 Indice 3 Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto LA FORMAZIONE IN LINGUA INGLESE DEI DOCENTI DI SCUOLA PRIMARIA Esperienze e proposte a cura di Renato Anoè e Luciana Mion post fazione di Paolo Balboni ANOÈ - La formazione.indd 3 13/02/ :47:59

5 4 Indice MIUR UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO Direzione Generale Direttore Generale: Carmela Palumbo 2011 MIUR - Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Direzione Generale Riva de Biasio - S. Croce Venezia tel Coordinatore del progetto: Renato Anoé, Dirigente tecnico - Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Redazione e cura: Renato Anoé, Dirigente tecnico - Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Luciana Mion, docente distaccata presso Ufficio Scolastico Regionale Veneto Editing: Giovanni Battista Zannoni, Dirigente scolastico 5 Istituto Comprensivo Donatello di Padova Amerigo Pasqualin, docente di tecnologia presso Scuola Secondaria di Primo Grado Antonio Vivaldi - 11 Istituto Comprensivo Vivaldi di Padova Comitato di redazione: Renato Anoé, Luciana Mion, Giovanni Battista Zannoni, Amerigo Pasqualin Prima edizione: dicembre 2011 ISBN Coop. Libraria Editrice Università di Padova via G. Belzoni 118/3 Padova (tel ) Il presente volume può essere riprodotto per l utilizzo da parte delle scuole per le attività di formazione del personale direttivo e docente. Esso non potrà essere riprodotto e utilizzato parzialmente o totalmente per scopi diversi da quello sopraindicato, salvo esplicita autorizzazione dell USR per il Veneto. Copertina di Amerigo Pasqualin.

6 Indice 5 Indice Presentazione 7 Carmela Palumbo Il piano lingua inglese del veneto 9 Renato Anoè Il monitoraggio regionale 19 Luciana Mion L adulto che apprende Strategie per il docente della scuola primaria che impara l inglese 31 Cristina Richieri Cultura, culture, intercultura: approcci nella classe di lingua inglese 87 Paola Vettorel Buone pratiche per il miglioramento delle abilità di listening, reading, speaking and writing 103 Catia Longo L osservazione in classe e la co-docenza 117 maria De Luchi E-tutor: una presenza virtuale? To be means to be related 135 Beatrice Vallini L importanza dell uso della fonologia nella scuola primaria: un esperienza 143 Maria Pia Masiero ANOÈ - La formazione.indd 5 13/02/ :47:59

7 6 Indice Le azioni nei CRT della regione L attività dei CRT nella provincia di Treviso e l Organizzazione dei corsi per docenti di scuola primaria 2004/2009 Aspetti generali organizzativi e didattici 157 Claudio Baccarini La realizzazione del Piano a Verona 159 Laura Donà e Vania Ortolani L esperienza di formazione del centro risorse territoriali di padova 169 Ignazia Daniela Nespolo Post fazione 173 Paolo Balboni Appendice I dati delle province 177 Allegati Materiali per il monitoraggio 221 ANOÈ - La formazione.indd 6 13/02/ :47:59

8 Presentazione 7 Presentazione Carmela Palumbo L insegnamento delle lingue nella scuola primaria occupa un posto di rilevo nelle politiche scolastiche da almeno un ventennio. Risale infatti agli anni novanta la decisione di affiancare ai compiti tradizionali della scuola elementare, consistenti sostanzialmente nell alfabetizzazione strumentale e culturale, anche l avvio all apprendimento delle lingue straniere. Il punto centrale, mai messo in discussione di questa politica, è stato che l apprendimento doveva essere erogato tramite docenti di scuola primaria. Questa decisione ha evitato la scorciatoia dell immissione di esperti esterni, che avrebbe posto su un piano funzionale una complessa operazione di carattere formativo e culturale; ha però posto il grosso nodo della formazione dei docenti, che nel curricolo iniziale avevano acquisito competenze varie, ma complessivamente inferiori a quelle richieste per un insegnamento. Il compito formativo per il personale in servizio è stato gestito nel decennio direttamente dal Ministero, tramite gli Uffici Provinciali dell Amministrazione Scolastica. Nel frattempo erano maturate scelte di politica scolastica che hanno fatto concentrare gli obiettivi sulla lingua inglese (legge 53/2003), nella quale lo scoperto di risorse era ancora più elevato che nelle altre lingue. A partire dall Istituzione degli Uffici Scolastici Regionali e dell attribuzione dell autonomia agli istituti Scolastici, sono profondamente mutate le linee di gestione e le responsabilità connesse. Nel Veneto si sono costruite e potenziate strutture intermedie sul territorio regionale, i Centri risorse territoriali e l intero processo formativo è stato allestito tramite gli Uffici Regionali. Sfugge spesso, ad osservatori esterni, l entità e la complessità di piani formativi rivolti a migliaia di docenti (solo nel Veneto, attualmente, oltre unità), in un quadro di risorse scarse e di elevati vincoli normativi e sindacali, a cui vanno aggiunti l opzionalità dell impegno e l assenza di qualsiasi incentivo. Nonostante questi limiti, oltre duemila docenti di scuola elementare sono entrati volontariamente in un percorso impegnativo di qualificazione professionale, modulato su più annualità; di questi docenti, dopo selettivo esame, il 57% ha conse- ANOÈ - La formazione.indd 7 13/02/ :47:59

9 8 Carmela Palumbo guito l attestato di competenza relativo al livello B1 del Quadro Comune Europeo della Lingue, rilasciato dalle Università convenzionate di Padova, Venezia, Verona. Un successo, che ha permesso alla Direzione Regionale di immettere nelle scuole del Veneto docenti qualificati. È un risultato dovuto alla convergenza sul piano culturale e gestionale di una molteplicità di fattori che ritengo doveroso esplicitare. Innanzitutto il coordinamento tra il livello tecnico del Piano, affidato al Dirigente Tecnico Renato Anoè, e l Ufficio Amministrativo della Direzione diretto dalla dott.ssa Gianna Miola, la collaborazione degli Uffici e dei referenti provinciali, la complessa gestione organizzativa dei Centri Risorse Territoriali per le Lingue, che hanno assicurato una capillare distribuzione dei corsi nel territorio. La caratteristica vocazione della Regione a lavorare intorno a Reti di scuole, in stretto rapporto sia con il territorio che con il vertice amministrativo ha espresso in questo piano le sue potenzialità, arrivando a gestire in contemporanea, nell anno di massimo sviluppo, il 2006, 75 corsi differenti, mobilitando circa un centinaio di formatori, esperti di scuola e madrelingua e tre Centri Universitari di Ateneo. Oltre 200 docenti hanno inoltre fruito di corsi di perfezionamento presso Centri e università inglesi, ottenendo punteggi lusinghieri nelle prove di valutazione in ingresso e in uscita. L impresa non è compiuta, né sul piano pedagogico didattico, né sul piano amministrativo. L adeguamento della scuola agli standard richiesti dalla società del 21^ secolo, è un work in progress che impegna oltre alla scuola, la famiglia e le componenti sociali. Tutti gli studi concordano nel segnalare l importanza dei contesti di apprendimento, la fruizione allargata di opportunità in lingua attraverso media, tecnologie, mobilità, opportunità di apprendimento lungo tutto il corso della vita. È un programma ambizioso e necessario, al quale la scuola primaria, con questo piano, ha contribuito, con i propri insegnanti, i formatori, i dirigenti scolastici, fornendo basi attendibili e soprattutto un orientamento deciso alla società della conoscenza, per l accesso alla quale l apprendimento dell inglese e di altre lingue costituisce uno spartiacque. ANOÈ - La formazione.indd 8 13/02/ :47:59

10 Il piano lingua inglese del veneto 9 Il piano lingua inglese del veneto Renato Anoè La presente pubblicazione, oltre ad essere un doverosa risposta all esigenza di trasparenza e rendicontazione dell azione pubblica in materia di investimenti formativi, intende far conoscere alle scuole, agli amministratori e alla comunità di utenti la struttura e le linee culturali di questo lungo e complesso intervento formativo. Al tempo stesso, propone ai docenti impegnati in questo ambito di insegnamento le riflessioni pedagogiche e metodologiche uscite dall esperienza dei formatori, che hanno operato, in condizioni spesso difficili, maturando competenze che possono essere messe a frutto per sviluppare e migliorare la formazione in servizio e l insegnamento in aula con gli alunni; due piani che, pur essendo distinti, nel progetto di cui si dà conto, sono stati tenuti in costante connessione. È sicuramente un resoconto parziale, che indica tuttavia un modello di costruzione reticolare e partecipato della formazione, sia nella gestione che nell integrazione tra competenze e istituzioni diverse. Per comprendere nella giusta ampiezza di significato e di innovazione il Piano per lo sviluppo delle Lingua inglese sviluppato per la scuola primaria a partire dal 2004, credo valga la pena ripercorrere alcune linee di un percorso organizzativo, culturale e didattico insieme, che si è svolto dagli anni ottanta ad oggi, in parallelo con l evoluzione del nostro sistema scolastico. L insegnamento delle lingue moderne nel nostro paese ha avuto un cammino difficile e abbastanza tortuoso. Per lungo tempo è rimasto un tema estraneo, o solo marginalmente toccato dalla ricerca pedagogica, tanto da assumere la denominazione di tema delle lingue straniere, laddove l estraneità si riferisce più alla tradizione culturale che alla disciplina stessa. Una generale sottovalutazione dell importanza dell apprendimento delle lingue vive rispetto alle lingue morte latino e greco ha contraddistinto il sistema scolastico italiano, e ha costituito un retroterra socio culturale difficile per la diffusione generalizzata dell insegnamento. Non sono mancate nicchie di ricerca didattica e pedagogica presso Istituti e Università, che hanno mostrato il potenziale formativo generale della lingua mo- ANOÈ - La formazione.indd 9 13/02/ :47:59

11 10 Renato Anoè derna, il fecondo incrocio tra la lingua italiana, i dialetti le lingue straniere, ma si è trattato di un movimento ristretto ad esperti e a piccole comunità scolastiche, che sembra aver inciso poco sulle modalità concrete dell apprendimento, con una richiesta esplosa negli ultimi decenni in base a motivazioni funzionali piuttosto che culturali o pedagogiche. Va ricordato che fino al 1985 nella scuola elementare si sono svolte molteplici esperienze di insegnamento di lingue straniere attraverso le attività integrative facoltative, organizzate dalle scuole con docenti assegnati dai Provveditorati e con competenze auto dichiarate. I programmi del 1985 ne hanno affermato il valore formativo interno all educazione linguistica generale, dichiarando, in una accezione che potremo ancora definire riduttiva, che l educazione linguistica.. non può prescindere da un approccio alla conoscenza di una lingua straniera e suggerendo: Un breve tempo dedicato quotidianamente alla lingua straniera durante le normali attività didattiche assicurerà la necessaria continuità nell educazione linguistica e sarà ausilio non indifferente per rinforzare il processo di apprendimento. La valorizzazione pedagogica dei programmi del 1985 non sarà però sufficiente a dare all insegnamento delle lingue la centralità richiesta e un assetto stabile e strutturato. Nelle disposizioni attuative della legge 148/90 si esplicita chiaramente all art 10 che vi è nella scuola elementare l insegnamento di una lingua straniera, ma viene rimandato ad un decreto ministeriale successivo, emanato il 28 giugno 1991, la definizione delle modalità. Questo decreto, in realtà definisce l avvio della lingua dalla classe seconda, tramite un insegnante del modulo, ma, consapevole delle difficoltà di pianificazione dell offerta sul territorio apre a due fasi di transizione, destinate a durare parecchio e a condizionare l offerta: si tratta infatti di consentire in transizione l insegnamento a partire dalla terza classe e rendere possibile l affidamento dell insegnamento ad un docente specializzato che operi su più classi. Sul piano concreto di attuazione la combinazione di variabili: disponibilità dei docenti e competenze in lingue diverse (francese, inglese, tedesco e spagnolo), darà origine ad un variegato paesaggio di esperienze, con elevatissime difformità tra aree territoriali, sia nella quantità oraria che nella qualità dell insegnamento. Intorno a questa opzione si creeranno annuali piani di formazione per reperire e formare docenti in grado di insegnare le lingue straniere Per tutti gli anni 90 verranno selezionati e formati insegnanti sulle quattro lingue comunitarie, peraltro senza una definizione di standard qualitativi e con flessibilità negli orari e approcci. A partire dagli anni 90 l insegnamento è stato sviluppato in base alla disponibilità di competenze di lingua francese, inglese, tedesco e spagnolo presenti nel corpo docente, immesse nell insegnamento previo corsi di formazione, ma non essendo stato definito a livello normativo uno standard di competenze in uscita dai corsi di formazione, né essendo previsti accertamenti, i docenti hanno acquisito ANOÈ - La formazione.indd 10 13/02/ :47:59

12 Il piano lingua inglese del veneto 11 competenze molto differenziate. Si è creata anche una artificiosa distinzione tra insegnanti specialisti e specializzati, fondata sulla diversa quantità oraria di prestazione dell insegnamento linguistico: agli specialisti l intero orario su più classi e agli specializzati l insegnamento nelle 2 o 3 classi di riferimento del modulo. È evidente che l insegnamento da parte di docenti interni al team di modulo o esterni, comporta metodologie e approcci diversi, ma per molti anni le scelte sono state lasciate all organizzazione interna delle scuole, impegnate a trovare difficili composizioni tra esigenze diverse. L obiettivo di assicurare l insegnamento al più largo numero di allievi ha favorito l opzione tramite insegnanti specialisti, con orari condizionati dalla disponibilità di personale con frequenti deroghe rispetto alle disposizioni della legge 148 che prevedeva l insegnamento a partire dalla classe terza. Il campo delle variabili in gioco: reclutamento e formazione dei docenti, lingua insegnata, modello organizzativo specialista/specializzato, orari di insegnamento e loro distribuzione nella settimana, hanno reso molto flessibili le modalità di insegnamento, in relazione ai contesti. Negli anni dal 1991 al 1998, con piani annuali gestiti dalla Direzione Generale dell Istruzione Elementare attraverso la rete amministrativa (Provveditorati, Gruppi di Lavoro) e con l utilizzo di formatori interni al sistema scolastico o con accordi con Università, sono state formate decine di migliaia di docenti, si sono sperimentati modelli formativi e metodologie, comprese le prime risorse tecnologiche, si sono costruite reti di scuole e di competenze per realizzare il mandato dei Programmi del 1985 e della legge 148 di ordinamento; nel frattempo, tuttavia si era costruita una sensibilità maggiore verso l apprendimento delle lingue straniere e una domanda sociale molto più evoluta del quadro normativo di riferimento. Un passaggio importante è stato segnato dal Progetto Lingue 2000, centrato in particolare sulla scuola secondaria, che ha portato all evidenza il tema dell approccio metodologico e degli obiettivi dell insegnamento plurilingue. Riportando su scala nazionale gli indirizzi provenienti dal contesto europeo, è stato proposto un ri-orientamento metodologico basato sulla comunicazione orale, con finalità pragmatiche, sostenute anche dal Quadro Comune Europeo delle Lingue che, benché sorto al di fuori di un ottica pedagogica, ha finito per proporsi come livello e standard per apprendimenti anche in campo scolastico. Dagli anni 90 in poi si sono sviluppate le quattro lingue europee: inglese, francese, tedesca e spagnola in relazione alle disponibilità e competenze del personale docente. Il progetto Lingue 2000 ha permesso, con finanziamenti dedicati pluriennali anni, di estendere l insegnamento delle lingue anche nelle classi prime e seconde della primaria e nella scuola dell infanzia, con percorsi di sensibilizzazione ad una seconda lingua diversa dall inglese anche nelle classi quinte della scuola primaria. Per due annualità, inoltre, sono state finanziate anche le certificazioni per gli alunni con enti esterni qualificati, come stimolo alle scuole a curare la preparazione in ANOÈ - La formazione.indd 11 13/02/ :47:59

13 12 Renato Anoè coerenza con gli standard definiti nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue (QCER) 1 Le coordinate del piano nel veneto A partire dalla legge 53 del 2003 ( riforma Moratti) e dalla normativa secondaria da essa derivata, sono state fatte scelte di politica scolastica più nette: è stata scelta la lingua inglese come principale asse di insegnamento delle lingue moderne nel primo ciclo, con la generalizzazione dell inglese a partire dalla prima classe di scuola primaria sono stati definiti dei livelli di competenza minima sia per la formazione degli insegnanti che per l insegnamento in classe, sulla base del Quadro Comune Europeo delle Lingue è stata gradatamente fatta l opzione per l insegnamento da parte di un insegnante di classe con la progressiva riduzione degli specialisti. Queste scelte hanno evidenziato innanzitutto il grosso deficit di competenze disponibili per la scuola primaria per l insegnamento della lingua inglese, considerato che nel decennio si erano ancora svolti investimenti formativi su altre lingue comunitarie e inoltre, l estensione su tutte le classi della primaria aumentava la domanda. Nella finanziaria del 2004 veniva inserita a bilancio la somma di 28 milioni di Euro da utilizzare per la formazione dei docenti di scuola elementare in lingua inglese, con l obiettivo di una generalizzazione dell insegnamento attraverso l insegnante unico/prevalente e la progressiva eliminazione degli specialisti operanti su molte classi. Da questo dispositivo prendeva avvio quello che con successive estensioni e aggiustamenti può essere definito uno dei più consistenti piani di formazione del personale docente. Il piano andava a inserirsi sul paesaggio della scuola primaria molto frastagliato, in forte turbolenza per i ripetuti mutamenti di indirizzo politico e di linea pedagogica. Le Indicazioni Nazionali della riforma Moratti fornivano una mappa molto dettagliata di conoscenze e abilità definite per ciascuna classe per quanto riguarda le competenze linguistiche, anche di lingua inglese, ma senza che si potesse configurare una uniformità reale nei processi didattici, su cui incidevano i vincoli delle competenze presenti. L attribuzione dell autonomia scolastica a tutte le scuole e l istituzione delle Direzioni regionali offriva l opportunità di mettere in gioco strumenti organizzativi diversi per la realizzazione del Piano. Tale piano, in realtà è il risultato di una 1 Council of Europe, 2001 in RCS Scuola, Milano, La Nuova Italia, Oxford, 2022, pag.32 ANOÈ - La formazione.indd 12 13/02/ :47:59

14 Il piano lingua inglese del veneto 13 implementazione progressiva, e secondo un modello di pianificazione, con ampie aree di discrezionalità gestite in modo diversi nelle singole regioni. Gli elementi strutturali del Piano si possono sintetizzare in alcuni punti innovativi: definizione di un modello formativo per l apprendimento delle lingue strutturato sulla cultura e sugli alunni della scuola primaria definizione del livello di competenza linguistica in uscita B1 del Framework Europeo delle Lingue, da certificare da parte di esterni all Amministrazione scolastica; nella prima annualità sono stati interessati gli Enti Certificatori; in seguito, grazie a accordo nazionale, è stato attribuito alle Università, tramite i Centri di Ateneo, il compito di valutare e attestare il livello raggiunto di competenza linguistica definizione di un monte ore predefinito (380) per giungere al livello di competenza B1 distribuite su successive annualità; integrazione tra componenti linguistiche e metodologico didattiche attraverso un pacchetto orario predefinito. applicazione del modello blended di formazione attraverso l utilizzo di fonti online, gestite dall Indire e sul territorio tramite tutor specializzati. È da sottolineare che l intero piano di formazione si è retto sulla volontarietà della partecipazione; i docenti che si sono iscritti non avevano alcun obbligo giuridico, se non un obbligazione di tipo morale e professionale. Solo nelle due ultime annualità i docenti neoassunti, che sono peraltro una ridotta percentuale dell insieme, hanno sottoscritto un impegno di formazione all atto dell assunzione a tempo indeterminato. Per quanto riguarda il Veneto, l attribuzione dei finanziamenti ha avuto una riduzione fin dal primo anno per esigenze di bilancio del Ministero. Il problema principale comunque non risiedeva nella disponibilità economica, peraltro consistente, quanto nei vincoli di tipo amministrativo e sindacale. Sul fronte delle relazioni sindacali, l Ufficio Scolastico regionale del Veneto ha operato fin dall inizio una politica di informazione e partecipazione alle scelte con le rappresentanze sindacali. Il piano, in effetti, ha avuto un obiettivo di contenimento del numero di insegnanti in servizio e per questo non ha mai avuto esplicitamente, una condivisione piena dei sindacati di categoria. Questo elemento ha costituito una delle forze maggiori di resistenza all avvio e alla prosecuzione del piano, in quanto oltre agli aspetti di politica sindacale, si aggiungevano le perplessità, i timori e talvolta il personale dispiacere dei docenti in formazione, consapevoli che con il loro utilizzo, altri colleghi fino ad allora specialisti di lingue, sarebbero stati sostituiti e, nel linguaggio corrente, avrebbero perso il posto. Questi aspetti minuti, spesso ignorati della vita scolastica, hanno giocato un ruolo molto importante lungo l intero arco del piano, costituito da successi, ma anche da ritiri in corso, rinunce, defezioni. Sulle incompiutezze ci soffermeremo ANOÈ - La formazione.indd 13 13/02/ :47:59

15 14 Renato Anoè analizzando i dati; resta tuttavia da sottolineare che, oltre alla volontarietà della frequenza, per un consistente numero di ore (380), a cui vanno sommate le 20 ore di formazione on line, gli insegnanti non hanno goduto di facilitazioni alla partecipazione e i corsi sono stati fatti in costanza di servizio e con tutti gli oneri aggiunti ( vita collegiale della classe e compiti connessi all insegnamento). Le lezioni si sono svolte sempre in orario pomeridiano e, in qualche caso, utilizzando giorni di chiusura delle scuole per festività o ferie. Un maggiore sostegno istituzionale alla frequenza avrebbe permesso di ottimizzare l investimento finanziario. L adesione dei docenti è avvenuta sul piano di una scelta personale, su motivazioni e disponibilità lontane da una programmazione organizzativa relativa al rapporto tra bisogni e risorse. Oltre al carico di lavoro, meritano di essere segnalati alcuni elementi incisivi sulla professionalità docente. Una innovazione del piano è consistita nella valutazione dell apprendimento del corsista da parte di un organo esterno all Amministrazione Scolastica. Non vanno sottovalutati gli aspetti psicologici di tale scelta che rompe una concezione statica e monolitica della scuola, per cui solo gli allievi sono in condizione di essere valutati. In questo piano, docenti talvolta con lunga appartenenza ai ruoli si sono sottoposti volontariamente a prove di selezione in ingresso per valutare le competenze pregresse; anche durante i corsi è stato allestito un repertorio valutativo continuo interno. Le convenzioni con i centri linguistici di ateneo La raccomandazione di servizio ministeriale del luglio 2004 e le successive circolari hanno costituito la cornice entro la quale il piano si è realizzato seguendo variabili di tipo locale. Il livello di azione regionale si è concentrato nella ricerca di intese dell USR con i Centri linguistici di Ateneo. Dopo la prima annualità sperimentale, in cui la valutazione è stata affidata agli enti linguistici accreditati presso il British Council, l USR ha stipulato tre distinte convenzioni con i Centri Linguistici di Ateneo di Padova, Venezia, Verona. I Centri curano solitamente la formazione e la valutazione degli studenti iscritti ai corsi presso varie facoltà; l utenza del Piano Lingue, costituita da docenti adulti, ha richiesto marginali adattamenti nei contenuti delle prove, nel lessico e accorgimenti di natura relazionale, nella considerazione che per adulti in formazione professionale il fatto di sostenere un esame ha delle valenze molto diverse rispetto a uno studente in formazione iniziale. Le prove scritte sono da tempo informatizzate e, se per le nuove generazioni diventa immediato e senza difficoltà interagire con tecnologie, per insegnanti con soglie molto basse di competenze informatiche, ANOÈ - La formazione.indd 14 13/02/ :47:59

16 Il piano lingua inglese del veneto 15 l approccio con la valutazione e le prove on line è stato inizialmente problematico ed in ogni caso ha richiesto attenzioni particolari. I CLA hanno accolto con interesse la collaborazione, comprendendo i bisogni ed il clima particolare del contesto formativo sostenuto soprattutto su una motivazione intrinseca al corpo docente. È stato necessario portare ad evidenza queste specificità tramite una continua relazione negoziale tra CLA e USR su aspetti di procedure e di organizzazione, lasciando intatto il sistema dei contenuti e delle prassi consuete e consolidate nel Quadro Comune Europeo. Limitate modifiche alle modalità di esame hanno evitato l omologazione dell esame a quelli abitualmente erogati verso studenti, di tipo universitario, che avrebbe pesantemente e negativamente influito sui risultati. L organizzazione territoriale: i centri risorse Nel Veneto sono state rinforzate le dimensioni di relazione territoriale, attraverso il consolidamento dei Centri Risorse territoriali già costituiti ai quali sono stati affidati i compiti per la gestione dei corsi, sia in sede, che attraverso sedi scolastiche decentrate sul territorio. La rete comprendeva inizialmente 11 Centri che si sono ridotti successivamente a 7 in coincidenza con le province, per una semplificazione amministrativa e contabile. Si fornisce la tabella con le variazioni intervenute PROVINCIA BELLUNO PADOVA ROVIGO TREVISO VENEZIA VERONA VICENZA SEDI DEI CENTRI RISORSE Scuola Media Statale Gino Rocca (Feltre) Istituto Comprensivo IX Zanibon (dal 2007/08 IC XI ) IIS Munerati dal 2008 IIS C. Roccati Scuola Media Statale Casteller (Paese) Istituto Magistrale Stefanini - Mestre Istituto Tecnico Comprensivo Einaudi Istituto Comprensivo IX Il coordinamento provinciale con l USR è stato assicurato dai referenti per la formazione linguistica operanti presso gli Uffici Scolastici Provinciali, d intesa con i dirigenti dei CRT. La collaborazione ha attivato, oltre alle scuole sedi di CRT ubicate nei capoluoghi, una rete territoriale di corsi molto capillare in sedi decentrate, in modo da facilitare la partecipazione dei corsisti. I CRT sono diventati pertanto le strutture di riferimento per i docenti, per i formatori, per i dirigenti delle scuole del territorio e la loro azione si è progressivamente affinata con iniziative proprie di consulenza, valutazione, ricerca di competenze docenti e intese con enti privati. ANOÈ - La formazione.indd 15 13/02/ :47:59

17 16 Renato Anoè Il quadro organizzativo si è precisato nel tempo, anche attraverso la capitalizzazione delle esperienze e il circuito di alimentazione reciproca assicurato dal livello di indirizzo e coordinamento e controllo finanziario della Direzione Regionale. I ripetuti monitoraggi svolti in sede nazionale hanno fatto rilevare la buona risposta dei docenti del Veneto. Le iscrizioni si sono distribuite su tutto il territorio regionale e lungo tutto l arco temporale del piano. Ha fatto parte integrante del Piano anche un periodo di studio presso un centro di formazione in Inghilterra al quale hanno partecipato in due annualità un numero consistente di docenti già formati, per i quali si è trattato di un perfezionamento e consolidamento di competenze. I risultati I dati riportati nelle schede allegate al monitoraggio forniscono il quadro dell entità quantitativa del Piano. La rilevazione ha cercato di evidenziare i volumi di attività svolte e i soggetti della popolazione scolastica di scuola primaria coinvolti. La tabella riepilogativa a livello regionale permette di cogliere l entità dell impegno finanziario, organizzativo e didattico, che fa del piano lingue il più consistente impegno finanziario e organizzativo attivato dalla struttura scolastica regionale, dopo il Piano Pluriennale per la scuola elementare attivato tuttavia presso gli IRRSAE. Il Piano Lingua Inglese ha coinvolto direttamente oltre quattromila insegnanti, circa il 20% della popolazione docente di scuola primaria. I docenti che hanno conseguito il livello di competenza B1 atteso sono stati complessivamente 1279, con un tasso di successo oscillante intorno al 50% del personale iscritto, ma molto più elevato se riportato al numero di docenti che hanno completato i corsi. Va rilevato che lo scarto tra iscrizione ai corsi e risultati ottenuti comprende anche un tasso fisiologico di dispersione collegato a malattie, trasferimenti, maternità, uscite dal sistema scolastico per i motivi più vari. Le competenze diffuse dal piano nel sistema sono più elevate rispetto al dato del conseguimento del B1; un numero consistente di docenti ha conseguito il livello A2 o A1, che rappresentano tappe intermedie di competenza, sulle quali si possono innestare ulteriori interventi formativi brevi a completamento del percorso. Per quanto attiene alle competenze metodologiche e didattiche, l Agenzia Scuola ha allestito e progressivamente implementato una piattaforma informatica con accesso personalizzato, sulla quale si sono registrati e formati sul piano metodologico didattico i docenti frequentanti i corsi in presenza. I materiali forniti in piattaforma sono stati fruiti in parte come documenti on line, in parte come strumenti interattivi per l assistenza all apprendimento. In modalità on line sono stati forniti anche materiali didattici per l insegnamento agli alunni; l offerta del piano è stata completata dalle trasmissioni RAI del Divertinglese. ANOÈ - La formazione.indd 16 13/02/ :47:59

18 Il piano lingua inglese del veneto 17 Il progetto di formazione in servizio ha avuto un impatto molto forte sulla vita della scuola primaria. Sono stati raggiunti importanti obiettivi sul piano culturale e sul piano strategico di utilizzo delle risorse di personale. Le competenze messe a disposizione dal Piano Inglese Scuola Primaria rendono possibile un insegnamento da parte di un insegnante capace di gestire la complessità dell insegnamento nelle componenti socio affettive e relazionali difficili da conseguire nel modello specialistico di insegnamento rivolto a tante classi e un numero elevato di alllievi. È un ritorno, pedagogicamente fondato, al modello di insegnamento lingua2 ipotizzato già nei programmi ministeriali del Le rilevazioni delle abilità e competenze Invalsi, previste per il futuro anche in lingua inglese permetteranno di conoscere sul piano concreto i livelli raggiunti dell insegnamento erogato e delle variabili più significative per la qualità. Non vanno sottovalutate altre ricadute di sistema del piano attuato, in linea con gli obiettivi strategici della scuola. Le competenze disponibili hanno permesso di costituire sul piano della gestione, un nucleo di personale qualificato, ampiamente utilizzato nelle scuole, che ha permesso di ridurre l impatto della razionalizzazione e riduzione degli organici imposti dalle finanziarie 2008 e I docenti formati in inglese, inseriti nella scuole hanno ridotto fortemente il numero degli specialisti e hanno reso possibile il mantenimento e l espansione della rete di servizi di tempo pieno e tempo lungo, fortemente richiesti dalla comunità veneta. ANOÈ - La formazione.indd 17 13/02/ :47:59

19 18 Renato Anoè ANOÈ - La formazione.indd 18 13/02/ :47:59

20 Il monitoraggio regionale 19 Il monitoraggio regionale Luciana Mion Ci sono varie concezioni di monitoraggio della formazione: si va dalla semplice raccolta dati informatizzata a fini di documentazione, fino a forme di ascolto mirate a interventi di aggiustamento e revisione sulle situazioni in atto. Cambiano evidentemente le finalità ed anche gli strumenti. Nel caso della raccolta dati prevale l aspetto di controllo di conformità a procedure prestabilite; ciò è possibile quando l intervento formativo possiede scarsi margini di discrezionalità e quindi la standardizzazione del processo rende agevole comprendere l andamento attraverso dati quantitativi. Diversa è la situazione quando ad essere monitorate sono situazioni complesse che si realizzano in contesti non omogenei e dove i margini di flessibilità rispetto ai tempi e ai modi sono articolati, e anche i formatori e i destinatari della formazione costituiscono famiglie di soggetti diversi. Il monitoraggio del Piano Pluriennale Lingue ha rappresentato una sfida continua sia per la complessità numerica dei soggetti in azione, di cui si dà conto in altra parte del volume, sia per i tempi di realizzazione e la caratteristica di percorso aperto, costruito in modo incrementale, con modifiche in corso d opera, e con alti margini di incertezza e contestualizzazione. Contestualmente al percorso si sono andati sperimentando e affinando anche strumenti formativi diversi dai dati in presenza, rilevati dal sistema regionale. Ci riferiamo agli apporti formativi della piattaforma Indire Punto Edu e dai supporti forniti da Rai Educational, che hanno avuto un percorso proprio, gradualmente integrato nel Piano per l Inglese e la cui incisività sul modello formativo, anche grazie ai contributi on line è stata dimostrata dal sistema di rilevazione dei soggetti citati, reperibile sui siti di riferimento. Complessivamente il modello formativo si è andato consolidando come un modello blended, ma il baricentro della formazione in lingua è stato mantenuto, per quanto riguarda il Piano , sulle attività in presenza, dislocate sul territorio e gestite dalle Direzioni Regionali. Nel Veneto, il monitoraggio si è realizzato lungo alcune direttrici: ANOÈ - La formazione.indd 19 13/02/ :47:59

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli