della domanda al prezzo e positiva del prezzo all'intensitaá di domanda, presupposti necessari per raggiungere l'equilibrio, oltre a variabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "della domanda al prezzo e positiva del prezzo all'intensitaá di domanda, presupposti necessari per raggiungere l'equilibrio, oltre a variabili"

Transcript

1 VII. DALLE RIVISTE L. Pezzolo, Elogio della rendita. Sul debito pubblico degli Stati italiani nel Cinque e Seicento, in ``Rivista di Storia Economica'', n. 3, ottobre Il debito pubblico, in Italia, tra il Cinquecento e il Seicento, fu un elemento che interessoá la rivoluzione dei mercati finanziari europei all'inizio dell'etaá moderna. In questo articolo, l'autore affronta l'evoluzione del debito statale, sottolineando non solo il carattere, prevalentemente, economico degli investimenti in rendite pubbliche, ma anche l'importanza del crescente numero di risparmiatori che impegnarono i loro capitali in questo settore. Il lavoro riguarda, dapprima, il sistema del debito pubblico veneziano e, poi, l'evoluzione delle entrate statali delle altre cittaá italiane. A Venezia, tra il Quattrocento e il Cinquecento, il debito pubblico si basoá sui prestiti forzosi. I contribuenti veneziani, infatti, dovettero investire una parte dei loro redditi in rendite pubbliche, in cambio di un interesse del cinque per cento. Nel Cinquecento, questo sistema fu abbandonato, poicheâ lo stato fu inadempiente verso i contribuenti sfiduciati. Successivamente, il governo costituõá i depositi in Zecca, che consistettero in titoli emessi dallo stato e sottoscritti liberamente dagli acquirenti. Il ricorso al libero mercato creditizio fu incentivato dagli alti saggi di interesse, dalla possibilitaá di restituire il capitale in breve tempo, dalla totale esenzione fiscale e dalla dispensa da qualsiasi tipo di sequestro. Alla metaá del Seicento, un incremento della pressione fiscale causoá un'elevata attivitaá speculativa nell'acquisto dei titoli statali. Durante il XVII secolo, la rendita finanziaria fu definita parassitaria ed improduttiva, poicheâ serviva piuá per affermare un proprio potere sul territorio che per rappresentare una somma da investire in attivitaá commerciali o in altre attivitaá produttive. Coloro che investirono nella rendita pubblica furono persone che rappresentavano vari ceti sociali, quali nobili, borghesi, magistrati, enti religiosi, istituzioni laiche, mercanti ed artigiani. Una delle principali ragioni, per cui i governi italiani ebbero bisogno di prestiti di denaro furono i conflitti bellici, i cui costi erano in continua crescita. Nella rendita pubblica si riscontroá una triplice importanza. Dapprima sociale, per cui il pagamento degli interessi sostenne quotidianamente tutti i cittadini. Una rilevanza politica, poicheâ rappresentoá un mezzo per rafforzare la sicurezza sociale e consolidare i rapporti tra i governanti e gli investitori. Dal punto di vista economico, invece, costituõá uno degli investimenti piuá appetibili. Questa situazione sorprese, poicheâ i rendimenti dei titoli pubblici furono piuttosto bassi, rispetto a quelli di altre attivitaá, ma piuá sicuri. La crisi di alcuni settori, quali quello agricolo e commerciale, ridusse la differenza tra i vari saggi di interesse. CioÁ indusse i risparmiatori ad investire i propri capitali in un'attivitaá non rischiosa. 145

2 Si puoá concludere, che i titoli di stato furono principalmente un mezzo per consolidare i patrimoni personali, una possibilitaá di impiego sicuro, uno strumento di pagamento in mancanza della moneta ed una rendita per il sostentamento della collettivitaá. (T. Borriello) P. Ventura, Le ambiguitaá di un privilegio: la cittadinanza napoletana tra Cinque e Seicento, in ``Quaderni Storici'', n. 89, anno XXX, fascicolo 2, agosto Durante il XVI secolo, la cittaá di Napoli ebbe una densitaá di popolazione tale da essere considerata il secondo centro urbano in Europa. Numerosi furono gli immigrati che, nella seconda metaá del Cinquecento, si trasferirono nella cittaá partenopea, ottenendo ne la cittadinanza. Fu un privilegio essere considerato cittadino napoletano, poicheâ si ottennero numerosi vantaggi fiscali e giurisdizionali. L'ente che concesse la cittadinanza fu la Regia Camera della Sommaria; un ufficio, che oltre a sostenere gli interessi del fisco, disciplinoá e limitoá i permessi di cittadinanza napoletana. I privilegi furono l'esonero dal pagamento delle imposte dirette e indirette, il vantaggio di non essere processati per reati di lesa maestaá e la possibilitaá di partecipare alla vita politicoistituzionale. Dalla fine del Quattrocento fino al Settecento, gli Eletti (cioeá gli amministratori del comune), come i componenti della Camera della Sommaria, ebbero dal sovrano il compito di accordare il privilegio di cittadinanza. Tale vantaggio si ottenne in base a dei canoni di giustizia sociale, come l'acquisto di una casa, oppure con il possesso di cariche onorifiche, L'acquisizione, o meno, del privilegio di cittadinanza non incise sullo svolgimento delle attivitaá produttive, associative ed assistenziali. Nelle corporazioni di mestieri, ad esempio, si creoá una struttura che integroá bene le persone che vi lavoravano, al di laá del possesso della cittadinanza. Gli enti assistenziali, invece, si preoccuparono di trovare persone in grado di soccorrere i bisognosi, senza fare alcuna discriminazione. Per la concessione della cittadinanza napoletana la Camera della Sommaria istruõá un processo, in cui si accertoá che il richiedente avesse i requisiti giuridici, una buona integrazione sociale, il possesso di beni mobili e immobili, la mancanza di debiti e lo svolgimento di un'attivitaá mercantile. Il privilegio, una volta accordato, fu necessario rinnovarlo in base a delle norme giuridiche prestabilite. (T. Borriello) N. Giocoli, La teoria dell'interesse di Ferdinando Galiani e l'ipotesi di Bernoulli: una grande occasione perduta?, in ``Pensiero Economico Italiano'', V/1997/1. L'articolo riassume la teoria dell'interesse di Galiani e valuta il suo contributo all'evoluzione della teoria economica alla luce delle possibili interpretazioni di ``Bernoulli'' presente nel volume Della Moneta. Propedeutica all'analisi della teoria dell'interesse eá la teoria del valore: secondo Galiani, il valore eá determinato da ``un rapporto tra due rapporti, I cui fattori sono: l'utilitaá, scaturente dal rapporto tra costi e benefici e la raritaá, derivante dal rapporto tra stock di beni ed uso degli stessi. Da cioá nascono i princõápi di ``soggezione'' negativa 146

3 della domanda al prezzo e positiva del prezzo all'intensitaá di domanda, presupposti necessari per raggiungere l'equilibrio, oltre a variabili economiche, quali incidenza del reddito, del gusto e dell'analisi qualitativa dei beni correlati all'elasticitaá della domanda, rispetto al prezzo. Le intuizioni arrivano, passando per il principio dell'utilitaá marginale del bene, all'asserzione che la massimizzazione dell'utilitaá scaturisce dalla soluzione di un sistema, le cui incognite sono il bene (piacere) ed il male (batticuore), tendente ad eguagliare i benefici marginali ai costi marginali. Nella teoria dell'interesse, in relazione al contratto di mutuo, il giovane Galiani supera l'impasse dell'usura identificando i tratti essenziali del contratto: ``consegnare una cosa con il patto di riavere l'equivalente e niente di piuá''. Con il ``niente di piuá'' evita le problematiche connesse all'usura; mentre con ``l'equivalente'' ammette l'interesse in relazione al rischio che il mutuante corre, ragguagliato alla sicurezza del prestito ed all'incomodo subito: l'interesse ± prezzo corrisposto eá quello individuato seguendo l'equivalenza tra il piacere e la pena. L'interesse eá cioá che il mutuante avrebbe ottenuto investendo da seâ il denaro: il suo trasferimento, nel tempo e nello spazio, rappresenta la rinunzia ad un fondo di riccheza. I motivi del dovuto guadagno hanno aperto una querelle tra gli studiosi di economia: eá un compenso per la perdita di produttivitaá del capitale o un aggio per il rischio sostenuto? L'autore propende per questa seconda ipotesi. Dunque la portata innovatrice ed antesignana della teoria di Galiani risulta limitata con il conseguente allontanamento dalla stessa ``teoria dell'astinenza'', ma restano salde le intuizioni. Sul fraintendimento tra interesse ed usura, nel saggio Della Moneta, l'autore compie un'accurata analisi sugli accidenti del caso e della fortuna, evidenziando il passaggio storico da quando essi erano causa di paura a quando, grazie ``alla luce della vera scienza'', divennero eventi domabili tramite il calcolo di una proporzione tra il ``certo presente e l'incerto avvenire'', cosõá che l'arte dell'indovinare diventa figlia della matematica. L'interesse, compenso del rischio, quantificabile con il calcolo delle probabilitaá non eá altro che il concetto di speranza matematica o valore atteso. La deduzione del giovane iliuminista eá frutto della lettura dell'opera di Daniel Bernoulli ed il paradosso di San Pietroburgo, ovvero deriva dalle asserzioni sul sistema di regolaritaá logiche del lavoro di Jaques Bernoulli? E Á imputabile, Galiani, di essersi fatto sfuggire un'occasione? Se si fosse trattato di Daniel, certamente si, per non aver ripreso e sviluppato le possibilitaá applicative nella sua opera piuá matura. L'autore propende per la seconda ipotesi, sottolineando le considerazioni che la rendono piuá plausibile: l'arte di indovinare, di cui parla Galiani, non sarebbe altro che il titolo del libro di Jaques; le sue successive applicazioni, nel settore assicurativo, si basano sul progresso del calcolo delle probabilitaá sviluppato in seguito da Daniel; l'utilizzo della definizione di speranza matematica lo allontana dal concetto di speranza morale elaborato da Daniel. Le intuizioni di Galiani sarebbero potute approdare alla teoria di Daniel se non fossero state tese piuá a smontare l'errore logico-etico di avversione all'interesse che a costruire una teoria matematica, per la quale, per altro, non avrebbe avuto la competenza necessaria. La sua tesi, comunque, gli rende merito per aver applicato i concetti del calcolo delle probabilitaá alia teoria economica. Al margine dell'articolo l'autore sottolinea la distanza tra le due opere di Galiani 147

4 (il Della Moneta eidialoghi sul Commercio del grano) sulle intuizioni intorno al concetto di probabilitaá, che, nell'opera piuá matura, subiscono un ridimensionamento dovuto alla successiva lettura di Hume (1756). (S. Scognamiglio) G. Zedra, Il sistema bancario nel Mezzogiorno dalla crisi alla convergenza, in ``Bancaria'', settembre 1997, n. 9. Il direttore generale dell'abi, in questo articolo, riporta le condizioni del sistemabancarionelmezzogiornod'italiaeincentralesueriflessionisuiproblema della bancarizzazione e sull'ampliamento di questo verso i mercati esterni dell'area. La struttura bancaria operativa, secondo i dati del quinquennio , nel meridione eá sufficientementepresente,allineataaquelledelsuopil,anzirisulta,rispetto al Nord, un overbranching. Tuttavia il prodotto bancario per sportello diventa negativo se commisurato alla popolazione ed al volume dei depositi per abitante, cioá riflette un piuá basso grado di crescita economica dell'area e costituisce un fattore di abbattimento di economie di scala e di innalzamento dei costi bancari. Positivo eá il risultato secondo cui il sistema creditizio ha sostenuto il sistema produttivo del Mezzogiorno, anche durante il quinquennio di crisi, posta la scarsa incidenza di canali alternativi di finanziamento, dovuta alla dimensione delle aziende ed alla scarsa cultura esistente circa i moderni sistemi di gestione di impresa. Sorge, cosõá, un problema qualitativo, piuá che quantitativo, che rende fragile la struttura finanziaria delle imprese. Il secondo aspetto considerato eá la presenza di nuovi poli bancari (quali BNL ± INA ± Banco Napoli ± Mediocredito Centrale ± Banco Sicilia ± Sicilcassa ± Ambro ± Cariplo e Banca di Roma) che da soli controllano il 40 per cento degli sportelli del Mezzogiorno, creando un oligopolio concorrenziale tale da rinvigorire il mercato dell'offerta bancaria. Aspetto non secondario eá l'assorbimento, da parte dei poli bancari, di problematiche tipicamente meridionali connesse alle sofferenze, le quali divennero voci nazionali nei bilanci consolidati. Il processo di aggregazione modificheraá la politica di offerta di prodotti e servizi, di controllo rischi e le strutture organizzative: risorse manageriali, politiche distributive, ecc. tenderanno all'omogeneitaá per tutto il territorio nazionale. La presenza di grandi gruppi bancari nel Mezzogiorno, inoltre, fortificheraá le aziende bancarie locali in prospettiva di una futura aggressione da parte di enti creditizi stranieri. Nella stessa ottica, sono da collocare sia il progetto del governo di creare un ``Fondo di Garanzia'' finalizzata a concentrare le sofferenze in uno stretto numero di banche e ad agevolare l'ingresso delle stesse nel capitale delle PMI, promuovendo incentivi agli intermediari finanziari e subordinando la compartecipazione delle imprese alle stesse, che la proposta di Messori di istituire un ``Fondo Assicurativo'', su base volontaria, per favorire il controllo sui rischi, anche se saraá da limitare la naturale tendenza alla concentrazione di troppe funzioni da parte del fondo stesso. Zadra aggiunge altri elementi da tenere in considerazione nell'attuare i due progetti citati e valutarne i risultati economici significativi e le proposte di introdurre benefici fiscali, analoghi a quelli previsti per le funzioni bancarie. (S. Scognamiglio) 148

5 T. Bianchi, Un nuovo modo di fare banca in Europa, in ``Bancaria'', giugno 1997, n. 6. Secondo l'autore, che scrisse questo articolo prima che l'economia italiana rientrasse nei parametri di Maastricht, l'unione Europea rappresenta l'unica possibilitaá, per il vecchio continente, di competere con altre aree geografiche (Nord America, Est e Sud Est), e, in quest'ottica, uno scenario dal quale l'italia non puoá essere estromessa. Il raggiungimento dei parametri di Maastricht richiede un impegno serio dell'italia, soprattutto sul versante della riforma sociale. Il dibattito si incentra su due voci che incidono, sensibilmente, sul bilancio dello stato: la spesa previdenziale pensionistica e quella sanitaria. L'allungamento della vita media, il pagamento delle prestazioni con il metodo della ripartizione, in luogo della capitalizzazione, e il maggior bisogno di assistenza medica, sono tutte cause di una situazione che non puoá attendere oltre. Nella Unione Europea eá possibile entrare e rimanervi anche grazie ad una consistente politica di privatizzazione. Le ragioni sono molteplici. Il nuovo mercato richiederaá delle ``ristrutturazioni, intese, collegamenti, fusioni e acquisizioni'', per le quali la proprietaá pubblica potrebbe rappresentare un grosso elemento di disincentivazione. Essa, inoltre, permetterebbe allo stato di liberarsi di compiti ed oneri che non gli sono consoni, favorendo ``lo spirito di creazione di valore, tipico dell'imprenditoria moderna in competizione su mercati sempre piuá integrati''. Oltre che necessaria, si tratta di una scelta conveniente, visto che essa permetterebbe, in via diretta o mediata, la liberazione di cospicue risorse statali. A cioá va aggiunto che il processo di privatizzazione configura una condizione indispensabile al rafforzamento del mercato mobiliare e, di conseguenza, ad una migliore amministrazione del risparmio nazionale, altrimenti attratto da altri mercati. In tale contesto gioca un ruolo fondamentale il sistema bancario, sotto il duplice profilo del concorso al successo delle operazioni finanziarie, conseguenti alle operazioni di privatizzazione e percheâ sono esse stesse oggetto di tale politica. Sotto questo secondo aspetto, la prospettiva dell'unione Europea costituisce una spinta ulteriore alla dismissione di pacchetti azionari di banche da parte di fondazioni. Il problema, come sottolinea l'autore, non eá solo di una modifica dell'assetto proprietario. La terza rivoluzione industriale e l'integrazione dei mercati impongono la ristrutturazione e il riposizionamento strategico delle banche italiane. La privatizzazione delle banche infonderebbe al sistema creditizio uno spirito d'impresa di creazione del valore, che la mano pubblica non ha mai promosso, e favorirebbe la capacitaá competitiva, da sempre ostacolata da un modello di crescita incentrato esclusivamente sul processo di autofinanziamento. Il terreno sul quale si innestano queste esigenze non eá tra i migliori, soprattutto sul versante della redditivitaá, rispetto al quale le banche italiane presentano livelli inferiori ad altri stati europei. Il primo passo deve essere finalizzato al ripristino di una situazione di equilibrio economico, agendo su due fronti: riduzione dei costi operativi, in particolare del costo del lavoro, e mutamento organizzativo, attraverso un ridimensionamento degli assetti e delle professionalitaá da troppo tempo definiti entro l'orizzonte domestico. Il percorso lungo il quale le banche italiane possono muoversi, purtroppo, eá delineato da confini stretti tracciati dalla politica monetaria e da quella tributaria. Se, peroá, rispetto alla prima, la posizione dell'abi non eá contraria, in quanto pur 149

6 limitando le possibilitaá di sviluppo delle tipiche attivitaá bancarie (i depositi e i prestiti per cassa) risulta essere, comunque, una delle poche strade percorribili, molto piuá duro eá il giudizio sulla seconda. La riduzione del disavanzo pubblico, infatti, va raggiunto attraverso una politica di contenimento delle spese, piuttosto che di un inasprimento fiscale. (K. Iacoviello) C. Doria, G. Majnoni e C. Salleo, Rendimenti e valori di mercato delle banche italiane, in ``Bancaria'', maggio 1998, n. 5. L'articolo affronta, per il decennio , il problema della significativitaá dei valori di mercato delle azioni bancarie, con particolare riguardo alle partecipazioni bancarie detenute dalle fondazioni. Il tutto risponde ad un quesito fondamentale: quali ostacoli si pongono alla dismissione delle partecipazioni bancarie, non costituenti pacchetto di maggioranza, da parte delle fondazioni? La risposta non puoá prescindere dal confronto dei diversi sistemi bancari dei paesi piuá industrializzati (Italia, Germania, Francia, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti), passando in rassegna gli indici maggiormente rappresentativi (indice di capitalizzazione, price/earning e dividend yield). Il risultato di questa prima fase evidenzia un sostanziale allineamento dei valori, ravvisando delle differenze che trovano la loro origine piuá nelle carattertistiche peculiari del mercato azionario italiano, che in bassi livelli di performance delle banche italiane. La seconda parte dell'analisi ha per oggetto, da un lato, la stima del saggio di rendimento delle azioni bancarie, attraverso l'utilizzazione del Capital Asset Pricing Model (CAPM), dall'altro l'individuazione delle influenze che tale tasso subisce a causa di fattori macroeconomici (inflazione, cambio reale della lira, prezzo del petrolio, differenziali di tassi a breve e a lungo termine), ricorrendo all'uso dell'arbitrage Pricing Theory, non applicato, tuttavia, nella sua forma pura. I dati elaborati nelle due fasi precedenti permettono di determinare il valore di mercato delle partecipazioni bancarie, il cui pacchetto di controllo eá, in forma diretta o indiretta, nelle mani di fondazioni. In realtaá, si tratta di una simulazione condotta su un campione di 69 banche, considerando tre ipotesi differenti di saggio di sconto e crescita degli utili. Ne eá derivato un valore di mercato che, in due casi su tre, risulta essere inferiore al valore contabile. In particolare: «a fronte di un valore contabile di miliardi per il campione analizzato, un collocamento sul mercato frutterebbe dai ai miliardi (a seconda del tasso di sconto compreso tra il 6,1per cento e il 7,3 per cento) nell'ipotesi piuá pessimistica di crescita zero degli utili, dai ai miliardi nell'ipotesi intermedia (tasso di crescita 2 per cento annuo), e dai ai miliardi nell'ipotesi piuá ottimistica di crescita reale di lungo periodo degli utili del 4 per cento''. CioÁ, naturalmente, comporta l'impossibilitaá se non a caro prezzo, della dismissione di tali partecipazioni. Quanto eá stato rilevato trova eccezione nella sola ipotesi di cessione di pacchetto di maggioranza; in questo caso, infatti, il premio per il controllo incide, sensibilmente, sul valore finale, portandolo ad un livello superiore a quello contabile. (K. Iacoviello) 150

7 G. Cavera, Un conflitto istituzionale dietro la ``crisi Tambroni'', Carteggio Giovanni Gronchi ± Cesare Merzagora (luglio 1960), in ``Nuova Storia Contemporanea'', anno II, n. 5, settembre-ottobre Scopo principale del lavoro eá quello di presentare alcuni documenti inediti reperiti nel ``Fondo Gronchi'' conservato nell'archivio storico dell'istituto Luigi Sturzo e ancora in fase di riordinamento. Si tratta di uno scambio epistolare tra G. Gronchi (presidente della Repubblica) e C. Merzagora (presidente del Senato): in particolare, di una lettera inviata a Merzagora dal capo dello stato, il 5 aprile 1960; la risposta del presidente del Senato, datata 21aprile, ed uno ``schema di risposta'' alla lettera di Merzagora del 21aprile. Per agevolare la comprensione del contenuto delle lettere e, nel contempo, per fornire la giusta chiave di interpretazione del cosiddetto ``caso Merzagora'' ± a cui scarsa attenzione ha dedicato la storiografia contemporanea e per il quale poco ``confortanti'' sono risultate le informazioni della stampa quotidiana e dei periodici di attualitaá politica del tempo ± l'autore ripercorre i fatti storici e politici alla luce dei quali si consumarono la ``crisi Merzagora'' ed il ``clamoroso'' conflitto tra le due massime cariche dello stato: Gronchi e Merzagora. Il 20-21febbraio 1960, l'uscita dal Partito Liberale di Malagodi dalla maggioranza parlamentare, che sosteneva il secondo governo Segni, fu dettata dal tentativo di impedire la prospettata ``apertura a sinistra'' del governo democristiano e dalla volontaá di dimostrare che soltanto con stabili governi ``centristi'' si poteva assicurare al paese una crescita politica, economica e sociale. Il rifiuto gronchiano della proposta liberale di aprire un dibattito parlamentare dimostroá ``l'incapacitaá del partito di maggioranza relativa di elaborare una linea politica forte ed unitaria'' e, conseguentemente, conferõá alle dimissioni dell'esecutivo la natura di una crisi extraparlamentare. Il clima di tensione, che si respirava negli ambienti politici nazionali, giunse ad interessare anche la sfera delle istituzioni dello stato. L'annuncio delle dimissioni di Segni e, ancor piuá il carattere extraparlamentare della crisi, spinsero Merzagora a prendere netta posizione'' contro una crisi di governo provocata da una ``semplice dichiarazione di ostilitaá antigovernativa di un organo di partito''. Il presidente del Senato si dichiaroá pronto a rivendicare i diritti del Parlamento, stigmatizzando la violazione delle norme costituzionali. La seduta del consiglio dei ministri del 24 febbraio 1960 ratificoá la decisione di Segni di rassegnare le dimissioni. Il giorno successivo (25 febbraio), Merzagora, come preannunciato, presentoá, a Palazzo Madama, un discorso che non si limitoá a deplorare il sistematico ricorso alla pratica delle crisi extraparlamentari; ma denuncioá il ``malcostume dilagante'' e lo strapotere dei partiti, che unito all'``affarismo'' e agli ``interventi finanziari illeciti e ben noti dei grandi gruppi di potenza parastatali e privati'', favorõá il diffondersi di ``un'atmosfera di corruzione'' che pesava in modo preoccupante ``sulla vita politica italiana''. I toni ed i contenuti del discorso crearono un aspro contrasto tra Merzagora e la Democrazia Cristiana (A. Moro, leader democristiano, A. Segni e G. Gronchi), che trovoá la soluzione con la presentazione delle dimissioni di Merzagora dalla, carica di presidente del Senato. Il 29 febbraio 1960, dunque, la ``crisi Merzagora prese corpo, contrassegnata dalla commistione di contrasti di natura po- 151

8 litico-costituzionale con tensioni di carattere esclusivamente politico. Questo ``pericoloso intreccio'', cosõá definito da Cavera, ``comprensibile alla luce del rapporto di stretta consequenzialitaá esistente tra la caduta del governo Segni e le dimissioni del senatore lombardo, contraddistinse anche la fase conclusiva di tale complicata vicenda''. La duplice votazione, con la quale, a fine marzo, Merzagora fu convinto a ritirare le dimissioni, non fu soltanto una dimostrazione di gratitudine dell'assemblea senatoriale, ma anche frutto di una ``ritirata strategica'' della DC, che aveva subito pensato ad un proprio candidato (Piccioni) alla presidenza del Senato. Fu, dunque, in virtuá del ripensamento democristiano che il senatore lombardo fu riconfermato alla guida di Palazzo Madama, con un numero di voti maggiore rispetto a quanti ne aveva ricevuti nel 1953 e nel Il ``ritorno'' di Merzagora non fu gradito da Gronchi. Il disappunto del capo dello stato eá rilevabile dallo scambio epistolare intrattenuto con Merzagora. Cavera riproduce integralmente e commenta le lettere reperite nell'archivio personale di Gronchi. Uno scambio di lettere che copre un arco temporale di sedici giorni, durante i quali si manifestarono gli eventi piuá significativi della crisi politica della primavera-estate L'articolista, facendo particolare riferimento alla ``crisi Tambroni'' si chiede la ragione per la quale Gronchi, preoccupato per il difficile inizio del dibattito sulla fiducia del governo Tambroni, si fosse deciso ad esprimere il proprio parere sul ``caso Merzagora'' solo quando la vicenda si era ormai conclusa. La lettera del 5 aprile fornisce una risposta inequivocabile: l'intenzione di Gronchi di scrivere a Merzagora, nei giorni immediatamente successivi al ``clamoroso'' discorso, venne meno in seguito alle dimissioni del presidente del Senato. Il proposito di Gronchi si rinnovoá quando Merzagora ritiroá le sue dimissioni. La forza del dissenso del capo dello stato, rispetto alle iniziative di Merzagora, sono al centro del commento di Cavera al documento. Il forte contrasto esistente tra Gronchi e Merzagora, forse iniziato qualche anno prima (1955) ± quando alla presidenza della Repubblica fu preferito il ``brillante'' presidente della Camera e non Merzagora che, vittima delle faide interne della DC, non riuscõá ad ottenere la maggioranza necessaria per il mancato voto di una parte dei deputati democristiani ± risulta chiaro dalla critica gronchiana articolata in tre paragrafi che ricalcano con puntualitaá gli argomenti trattati da Merzagora nel suo discorso del 25 febbraio In sostanza, Gronchi, con toni polemici, tentoá di dimostrare la correttezza del suo operato, considerando, ormai, superata la tradizionale distinzione tra crisi parlamentare ed extraparlamentare fondata sull'applicazione dell'art. 94 della Costituzione; si mostroá, inoltre, schierato a difesa del ``sistema dei partiti''. La risposta di Merzagora, datata 21aprile, risultoá speculare rispetto alla lettera di Gronchi, senza mostrare alcun cedimento circa le posizioni assunte e le affermazioni fatte nel ``discorso sul piacere dell'onestaá''. La tenacia e la fermezza con cui Merzagora ribadõá il suo pubblico l'accuse spinse il presidente della Repubblica ± nello ``schema di risposta'' conservato nelle carte di Gronchi ± alla sarcastica constatazione della ``mancanza di valide controdeduzioni'' alle sue argomentazioni. In ogni caso, non si intravide alcuno spiraglio di intesa tra le due massime autoritaá dello stato. (R. Scarica) 152

9 M. De Cecco, La strana origine della natura speciale dell'attivitaá di banca d'affari in Italia, ``Tahoma'', in ``Studi e note di economia'', n. 2, 1996, quaderno 1. Sono sempre ricchi di spunti originali gli interventi di Marcello De Cecco che riesce ad estrapolare dagli eventi storici le tendenze dei sistemi finanziari e monetari cogliendo analogie e diversitaá tra il caso italiano e le evoluzioni internazionali. L'articolo in oggetto segue e precede altri scritti di De Cecco sul modello bancario italiano indicandone le radici e le sue possibili prospettive in un mercato che vede la crescente integrazione internazionale. Le analisi dell'autore, che in conclusione del suo intervento esamina le possibili modalitaá di integrazione delle banche italiane con istituti internazionali, sono particolarmente interessanti ora che si stanno realizzando una serie di integrazioni tra banche nazionali che sicuramente, in un futuro prossimo, si porranno il problema dell'internazionalizzazione. De Cecco trae spunto per le sue riflessioni da un articolo scritto alla fine del 1995 sul Sole 24 ore da Alessandro Penati di cui condivide le premesse, ma non le conclusioni ed in cui l'autore analizza il fenomeno degli scorpori che dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna si eá esteso all'europa. Gli anni novanta sono stati caratterizzati, scrive Penati, da un'inversione di tendenza rispetto all'accorpamento nei vari gruppi industriali di una quantitaá disparata di aziende che non agivano negli stessi settori, secondo la logica delle conglomerate. L'ampliamento delle dimensioni dei grossi gruppi eá stato, infatti, fonte di inefficienze per la capogruppo di cui ha aumentato i costi. Nei paesi orientati al mercato come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, la logica di premiare quelle aziende che producono profitti nel breve termine, ha spinto i gruppi industriali ad una riaggregazione per settore di attivitaá industriale secondo le logiche delle economie di scala e della integrazione verticale. Questa politica eá stata ad esempio svolta dal gruppo chimico Sandoz, dalla Du Pont, dalla Ici dalla Kodak dalla Dow Chemical e da numerose altre aziende. Per cioá che riguarda il settore bancario la logica di integrazione tesa a creare maggiore efficienza si rivela in maniera chiara in operazioni come l'acquisizione da parte di alcune banche continentali, come la Dresdner Bank, la Ing, la Suiss Bank e la Deutsche Bank delle principali merchant banks inglesi ossia, rispettivamente, la Kleinwort Benson, la Baring, la Warburg, la Morgan Grenfell. Il fatto che banche olandesi, tedesche e svizzere abbiano fagocitato banche inglesi, insieme al fenomeno degli scorpori, di cui si eá parlato, eá, a parere di Penati, la chiara dimostrazione della volontaá delle istituzioni continentali di affidarsi, nella competizione internazionale, all'esperienza anglosassone. Diversa la conclusione di De Cecco. I fatti esposti da Penati, rappresentano per De Cecco l'estendersi del modello tedesco su scala internazionale. Le banche inglesi sono rimaste vittime di cospicue perdite nel settore dei derivati e dei titoli a reddito fisso che, con le dimensioni straordinariamente grandi dei mercati attuali, richiedono una solida base patrimoniale estranea alle merchant banks inglesi. Il nuovo modello di integrazione del sistema bancario sembra mostrare la necessitaá di avere una istituzione specializzata come una merchant mani:: sulla piazza di Londra o di New York, con alle spalle una raccolta capillare di risparmio che permetta alla banca londinese di appoggiare le sue operazioni su una massa patrimoniale adeguata che, anche avendo a disposizione il mercato piuá efficiente al mondo, una merchant inglese non eá in grado di avere. Questa saldatura tra un'attivitaá di 153

10 raccolta capillare ed una presenza massiccia sul territorio, tipica delle banche continentali da un lato e l'attivitaá specialistica di una merchant bank avraá con molta probabilitaá un suo sviluppo anche negli Stati Uniti. L'acquisizione di Bankers Trust da parte di Deutsche Bank sembra andare nella direzione preconizzata da De Cecco. Ridefinite le conclusioni di Penati nei termini esposti, De Cecco passa all'analisi del caso italiano. Penati si chiede come mai le Banche italiane abbiano una scarsa vocazione all'acquisto di banche straniere: merchant banks inglesi con ROE doppio rispetto a banche regionali italiane sono state pagate molto meno. La risposta eá per De Cecco da ricercarsi nell'evoluzione del sistema bancario italiano. L'autore evidenzia come il punto di svolta per il sistema bancario italiano sia stata la crisi degli anni trenta da cui, sotto la regia di Beneduce, l'organizzazione del credito ha finito per assomigliare piuá al modello sovietico che a quello occidentale. Se fino a quegli anni, infatti, il nostro sistema si era sviluppato in linea con quanto succedeva in Europa, paradossalmente, contrariamente a quanto doveva avvenire, con la legge del 1936, si arrivoá ad una despecializzazione del credito. Il pluriaffidamento, nel frazionare i rischi dell'affidamento bancario, deresponsabilizzava le banche creando, di fatto, un'unica banca con una miriade di sportelli. In questo modo il credito eá arrivato alle singole imprese con una diffusione a pioggia. Se al pluriaffidamento si affianca il controllo della Banca d'italia all'apertura degli sportelli, che l'autore definisce la vendetta postuma di Beneduce su Comit e Credit, il forte spread tra tassi, le commissioni corpose realizzate sui titoli del debito pubblico, si comprendono le ragioni della despecializzazione del nostro sistema bancario, della sua inefficienza, della sua incapacitaá di selezione del merito creditizio. Il decentramento industriale e l'erogazione del credito a pioggia hanno fatto sõá che vi fosse ben poca necessitaá di merchant banks. Le crisi di liquiditaá, periodicamente abbattutesi sul nostro mercato, venivano affrontate dalle imprese italiane, per lo piuá medio-piccole, con il lavoro a domicilio, il lavoro nero e la flessibilitaá produttiva. Per le esigenze di corporate finance consulting la piccola impresa italiana ha utilizzato i servizi offerti dai commercialisti. Questo quadro cosõá delineato per grandi linee da De Cecco, che pone in sede storiografica numerosi interrogativi sulla troppo rapida condanna della banca mista e sulla presunta inevitabilitaá della legge bancaria del '36, eá stato messo in crisi dal confronto con l'europa. A partire dal '93 si eá preso atto che la normativa europea consentiva la costituzione della banca universale. Di fronte all'erosione dei profitti si sono realizzate le prime fusioni frutto piuá di integrazioni regionali che funzionali. Nella logica della monobanca plurisportello ad avviso di De Cecco si eá voluto con queste operazioni arrivare ad una diversificazione territoriale che attenuasse i rischi di incaglio distribuendo il credito su aree geografiche non omogenee. Questa notazione, che risponde alla precedente domanda di Penati, trascura, a nostro avviso, alcune motivazioni alla fusioni come la necessitaá di creare economie di scala in settori come quello del risparmio gestito; la regia ``politica'' della Banca d'italia tesa a creare gruppi patrimonialmente forti in grado di resistere agli attacchi dei colossi stranieri e, per cioá che riguarda il mancato acquisto di merchant straniere, la scarsa vocazione internazionale del nostro sistema bancario che, fatte salve rare eccezioni, non eá stato in grado di proporsi come polo di aggregazione per gruppi multinazionali. In questa situazione ben poca necessitaá vi eá stata delle merchant banks, di cui si avvertiraá i bisogno in concomitanza con lo sviluppo delle privatizza- 154

11 zioni e l'esigenza di razionalizzazione avvertita dai pochi gruppi privati esistenti in Italia. Dato che Mediobanca non potraá fare tutto vi saraá spazio per l'ingresso delle merchant banks straniere che cercheranno un accordo con le imprese italiane il cui valore aggiunto saraá di conoscere meglio un mercato poco trasparente. Su questo terreno, certo non particolarmente graátificante, potraá avvenire l'integrazione tra banche italiane e banche straniere le cui professionalitaá potranno essere utilizzate anche per dar vita a quel fenomeno di razionalizzazione illustrato da Penati che soprattutto nei grossi gruppi pubblici diverraá sempre piuá necessario. (G. Mastroianni). B. Curli, Ricostruzione e sviluppo. La banca mondiale e l'economia italiana, , in ``Archivi e Imprese'', anno VII, giugno 1997, n. 15, pp Questo saggio propone una ricostruzione della storia della Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (BIRS), istituita, insieme al Fondo monetario internazionale, durante i lavori della seconda Commissione della Conferenza monetaria e finanziaria internazionale di Bretton Woods, il 3 luglio PiuÁ che sull'impalcatura politica-diplomatica del cosiddetto ``sistema'' di Bretton Woods, l'autrice si sofferma sull'effettivo funzionamento dell'istituto, approfondendo, in modo particolare, i rapporti tra la Banca e l'italia. Emergono, cosõá, numerosi spunti di riflessione storiografica, sia su alcuni momenti dello sviluppo economico italiano del dopoguerra e sulle loro dimensioni internazionali, sia sulla dinamica del processo decisionale interno alla Banca come organismo finanziario, nel suo rapporto con un paese membro e cliente al tempo stesso, e in relazione alle scelte di politica estera economica degli Stati Uniti. La documentazione a cui si fa riferimento ± consultata, tra l'altro, presso l'archivio storico della Banca che eá parte degli World Bank Group Archives ± riguarda due principali serie di discussioni che coinvolsero l'italia: quelle relative a un prestito per la ricostruzione nel , restate senza esito; e quelle che condurranno, nel 1951, alla decisione di finanziamento. Per entrambi le parti, Italia e Banca mondiale, si trattoá di una sorta di apprendistato alla cooperazione internazionale, entro il quale si trovarono ad essere negoziati e continuamente ridefiniti mutevoli prioritaá, interessi e vincoli reciproci. In tale percorso prese forma la nuova natura del dirigismo post bellico, sia nella sua forma interna ± di costruzione dello ``Stato economico'' occidentale ± sia sul piano internazionale che, sotto l'egemonia degli Stati Uniti, fu perseguito attraverso istituzioni nuove. Dai diversi momenti di interesse della banca mondiale nei confronti dell'italia emergono, cosõá, elementi di forza e di debolezza dello stesso Stato italiano, cosõá come vengono percepiti da un organismo finanziario internazionale. Emerge, anche, per quanto il punto d'osservazione possa non sembrare del tutto appropriato, un'ulteriore chiave di lettura del rapporto bilaterale Italia-Banca mondiale, che attiene alla dimensione europea della crescita, una dimensione che sembra talvolta configurarsi come momento intermedio tra singole realtaá economica nazionale e sistema multilaterale e, talaltra, come sistema alternativo. (E. Boccia) 155

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

Capitolo I Regolamentazione pubblica delle attività economiche e governo politico dell economia

Capitolo I Regolamentazione pubblica delle attività economiche e governo politico dell economia INDICE - SOMMARIO Istruzioni per l uso XIII Upgrade per la presente edizione. XVII Capitolo I Regolamentazione pubblica delle attività economiche e governo politico dell economia 1. Lo studio giuridico

Dettagli

Report sui risultati della consultazione sul Rapporto Annuale dell'istat

Report sui risultati della consultazione sul Rapporto Annuale dell'istat Report sui risultati della consultazione sul Rapporto Annuale dell'istat La consultazione, indirizzata ai 26 componenti della Cuis, è stata organizzata per conoscere le loro opinioni sull'impostazione

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

Presentazione di Luca Pellegrini...8. 1. Il governo del fenomeno commerciale: l'attualità e la pluralità di un tema di ricerca...

Presentazione di Luca Pellegrini...8. 1. Il governo del fenomeno commerciale: l'attualità e la pluralità di un tema di ricerca... Indice Presentazione di Luca Pellegrini...8 1. Il governo del fenomeno commerciale: l'attualità e la pluralità di un tema di ricerca...10 2. Territori del commercio: figure insediative, strategie, processo

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INDICE INTRODUZIONE pag. 1 CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE pag. 5 I.1 NASCITA DELLA PREVIDENZA ITALIANA pag. 8 I.2 TERMINOLOGIA RICORRENTE pag. 9 I.3 DAL DOPOGUERRA AI GIORNI NOSTRI pag. 11 I.4 LE

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006 PURICELLI S.p.A. Al termine di una lunga discussione con i suoi principali collaboratori, il dr. Rossini -amministratore unico della PURICELLI S.p.A. - aveva deciso di acquistare nuovi macchinari e di

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

GLI EQUILIBRI AZIENDALI

GLI EQUILIBRI AZIENDALI GLI EQUILIBRI AZIENDALI Il fine ultimo dell azienda è se stessa, ossia la sua capacità di sopravvivere e svilupparsi, operando in condizioni di «equilibrio». Le condizioni di equilibrio aziendale sono

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

III.5 L Indebitamento 2001-2004 e le Revisioni Eurostat

III.5 L Indebitamento 2001-2004 e le Revisioni Eurostat La presenza del sommerso comporta l evasione fiscale, sottrae risorse al bilancio pubblico e distorce la concorrenza: per modificare la struttura del bilancio e ridurre il disavanzo senza aumentare le

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Roma, 12 novembre 2008 La CNA di Roma ha condotto dal 29 ottobre al 4 novembre 2008 un indagine tra

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi A13 457 Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi Potenzialità, criteri di investimento, rischi Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO 17 ottobre 2014 REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Dalla crisi (per guardare oltre) alla politica del credito

Dalla crisi (per guardare oltre) alla politica del credito Dalla crisi (per guardare oltre) foto Ti-Press / Francesca Agosta Il tema Congiuntura L analisi alla politica del credito Le banche ticinesi tra struttura e congiuntura a cura dell Associazione Bancaria

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA PRIMO BIENNIO COMUNE INDIRIZZI AFM e TURISMO collocare

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

Finanziare le start-up

Finanziare le start-up Stampa Finanziare le start-up admin, Riccardo Ferranti in Bilancio Finanziare le startup Avviare un impresa è il sogno di molte persone che hanno acquisito conoscenze e competenze in un determinato settore

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti 2 LA I GUERRA MONDIALE Con lo scoppio della prima guerra mondiale, le spese dello Stato

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

LEGISLAZIONE BANCARIA ITALIANA (1861-2003)

LEGISLAZIONE BANCARIA ITALIANA (1861-2003) FRANCO BELLI LEGISLAZIONE BANCARIA ITALIANA (1861-2003) G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO pag. Awertenza e istruzioni per l'uso XI Introduzione Contenuti, limiti ed articolazione del presente volume 1.

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

DESTINAZIONE PREVIDENZIALE E PRELIEVO TRIBUTARIO

DESTINAZIONE PREVIDENZIALE E PRELIEVO TRIBUTARIO L'ORDINAMENTO TRIBUTARIO ITALIANO Collana diretta da G. FALSITTA e A. FANTOZZI PAOLO PURI DESTINAZIONE PREVIDENZIALE E PRELIEVO TRIBUTARIO DALLA PARAFISCALITÅ ALLA FISCALIZZAZIONE DEL SISTEMA PREVIDENZIALE

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

LA GESTIONE AZIENDALE

LA GESTIONE AZIENDALE LA GESTIONE AZIENDALE GESTIONE = insieme delle operazioni che l impresa effettua, durante la sua esistenza, per realizzare gli obiettivi perseguiti dal soggetto economico. ESERCIZIO = parte di gestione

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito A cura del Prof. Arcangelo Marrone A sol titolo esemplificativo, si consideri la contabilizzazione della stipula

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

N. 9-2008. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it

N. 9-2008. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it N. 9-2008 Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it 1 Anche per i paesi a forte vocazione anarcoide, come l Italia, arriva il momento

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

MG Strategic Limited cura ed affianca le aziende sviluppando, con soluzioni tecnologiche all avanguardia, le migliori strategie volte

MG Strategic Limited cura ed affianca le aziende sviluppando, con soluzioni tecnologiche all avanguardia, le migliori strategie volte Per una qualsiasi azienda che sceglie di ampliare il proprio raggio d azione, oggi diventa sempre più necessario affermarsi nei mercati internazionali attraverso l arduo percorso di un vasto processo di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli