MANSIONARIO AZIENDALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANSIONARIO AZIENDALE"

Transcript

1 MANSIONARIO AZIENDALE settembre 2012

2 INDICE MANSIONARIO DIRETTORE GENERALE... 2 DIRETTORE TECNICO... 4 DIRETTORE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO... 6 RESPONSABILE SERVIZIO DI MANUTENZIONE EDILIZIA... 8 RESPONSABILE SERVIZI GENERICI (AUTOPARCO, IGIENE E PULIZIA, ACCOGLIENZA E CENTRALINO, MANUTENZIONE PICCOLI ARREDI E TRASLOCHI E FACCHINAGGIO) RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE VIABILITA RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO UFFICIO TECNICO ADDETTO RESPONSABILE GRUPPI OPERATIVI (COORDINATORE) RESPONSABILE UFFICIO SICUREZZA (RSPP) ADDETTO UFFICIO SICUREZZA (ASPP) RESPONSABILE SISTEMA QUALITA, VERIFICHE E CONTROLLI RESPONSABILE UFFICIO GESTIONE RISORSE UMANE E AFFARI GENERALI RESPONSABILE UFFICIO AFFARI LEGALI ASSISTENTE DI DIREZIONE RESPONSABILE UFFICIO ACQUISTI ADDETTO UFFICIO ACQUISTI RESPONSABILE UFFICIO PERSONALE ADDETTO UFFICIO PERSONALE ADDETTO UFFICIO CONTABILITA ADDETTO RECEPTION/CENTRALINO ADDETTO UFFICIO PROTOCOLLO ADDETTO UFFICIO INFORMATICO

3 DIRETTORE GENERALE Il direttore generale è un esecutore delle decisioni del consiglio di amministrazione interpretandole, operando le opportune scelte tattiche, trasmettendole agli organi subordinati e controllandone la puntuale esecuzione: il tutto sotto la direzione e la vigilanza dello stesso consiglio. Ha la responsabilità di coordinare e ottimizzare di tutte le attività operative e progettuali dell azienda per renderle più efficaci e funzionali agli obiettivi aziendali. Ha la responsabilità gestionale e di conduzione dell Azienda e cura i rapporti con gli enti in relazione al contratto di servizio in essere. Collabora con il Presidente nella realizzazione degli investimenti tecnici. Assicura il raggiungimento degli obiettivi aziendali, compie gli atti di ordinaria amministrazione occorrenti per la gestione sociale, cura l organizzazione delle risorse umane e degli impianti e materiali, in armonia con le attribuzioni delegate dal Consiglio di Amministrazione, con autonomia tecnico-amministrativa di decisione e di direzione. Dà esecuzione alle delibere del Consiglio di Amministrazione, in accordo con il Presidente e pone in essere le procedure relative ad appalti e forniture in genere. Formula al Presidente proposte per l adozione di provvedimenti di non sua esclusiva competenza. Dirige il personale dell Azienda e adotta, con esclusione dei dirigenti, i provvedimenti disciplinari e i licenziamenti, nei limiti e con le modalità previsti dalle leggi e dai contratti collettivi di lavoro e secondo l intesa con il Presidente. Cura i rapporti con le organizzazioni sindacali e di categoria, sottoscrivendo gli accordi e i contratti aziendali, d intesa con il Presidente. Provvede all effettuazione degli investimenti tecnici, appalti e a forniture in genere, compresi i contratti di leasing per acquisizione di beni strumentali, sottoscrivendo i relativi contratti per singoli importi nei limiti delle deleghe attribuite. Provvede all assunzione e al licenziamento del personale operaio, impiegatizio e dei quadri con esclusione dei dirigenti, sulla base degli indirizzi generali e delle modalità fissate dai contratti di lavoro. 2

4 Determina le promozioni del personale nell ambito delle categorie previste contrattualmente ad eccezione del passaggio alle categorie di dirigenti. Agisce e resta in giudizio per cause di lavoro e per cause relative a crediti, debiti e risarcimento danni, nominando avvocati e periti, con facoltà di delegare i dipendenti della Società. Adempie agli obblighi prescritti dalla legge a carico del datore di lavoro in tema di sicurezza, igiene sul lavoro, salute dei lavoratori e tutela dell ambiente, con facoltà di delegare detti obblighi a Dirigenti o collaboratori interni o esterni qualificati. Presenta con cadenza annuale un budget da sottoporre all approvazione del Consiglio di Amministrazione. Cura gli adempimenti contabili, fiscali, e previdenziali della Società e sottoscrive le relative dichiarazioni e/o denunce. Provvede alla gestione della liquidità aziendale sulla base degli indirizzi generali fissati dal Consiglio di Amministrazione. Può delegare a dipendenti della Società, nell ambito dei diritti, doveri e poteri come sopra conferiti e nei limiti della legge e dello Statuto, quanto ritiene opportuno al fine di migliorare l operatività della Società. 3

5 DIRETTORE TECNICO Dirige tutta la struttura tecnica secondo le direttive del Direttore Generale al quale riferisce periodicamente e con il quale si confronta costantemente al fine di verificare il raggiungimento degli obiettivi aziendali di sua competenza. L approccio gestionale è di tipo manageriale. Egli, pertanto, agisce all interno delle politiche aziendali, lavorando per obiettivi, nel rispetto degli obblighi assunti dall Azienda, pianificando, predisponendo e organizzando le risorse con criteri di efficienza, efficacia ed economicità, seguendo l evoluzione dei piani nella fase di attuazione, confrontando il trend con il programma, verificando i risultati conseguiti con gli standard prefissati, con cadenza almeno mensile. Di tali attività riferisce puntualmente con relazioni scritte al Direttore Generale. Assieme ai responsabili della sicurezza sui posti di lavoro partecipa alla diffusione della cultura del rispetto della sicurezza, propone azioni e campagne speciali per la radicazione e il consolidamento di tale cultura. Accanto al tema della sicurezza, egli contribuisce, supportato dal Direttore Generale, a diffondere fra i lavoratori una cultura del lavoro e del rispetto del dovere con comportamenti etici che nel rispetto del ruolo ognuno assume all interno dell organizzazione aziendale. Presenta al Direttore Generale proposte di miglioramento della produttività e della qualità dei risultati, studi di fattibilità, comparativi e benchmarking che presuppongono anche la realizzazione di nuovi investimenti produttivi, innovazione di processo e cambiamenti organizzativi. Prepara il budget per la parte di sua competenza nei tempi e modalità stabiliti dalle procedure aziendali, impegnandosi a rispettarlo dopo l approvazione del Consiglio di Amministrazione, rispondendo, quindi, degli scostamenti. Cura le risorse umane di sua competenza per la loro crescita professionale e comportamentale e propone programmi di formazione e addestramento on the job al fine di migliorare l assetto produttivo dell azienda con programmi di medio/lungo periodo. Incentiva e stimola fra i suoi collaboratori l applicazione di uno stile di lavoro orientato al continuo miglioramento e alla piena partecipazione e configurazione negli obiettivi aziendali. Può disporre ordini di servizio e procedure operative, nel rispetto delle mansioni a ciascuno assegnate, alle funzioni che ad esso riportano. 4

6 Assegna gli obiettivi da raggiungere ai vari responsabili del servizio di sua competenza e vigila contestualmente sull andamento. Propone passaggi di livello e/o riconoscimenti di premi per coloro che si sono distinti in particolari operazioni o per avere conseguito risultati di eccezionale rilievo. Di contro, propone contestazioni e provvedimenti disciplinari nei confronti di coloro che non rispettano le regole aziendali e le disposizioni aziendali. Dal punto di vista dimensionale gestisce direttamente numerosi collaboratori che riportano a lui e ha la responsabilità di un organico numeroso e complesso. Gestisce mezzi tecnici per un valore stimato di circa euro ,00. 5

7 DIRETTORE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Dirige tutta la struttura amministrativa secondo le direttive del Direttore Generale al quale riferisce periodicamente e con il quale si confronta costantemente al fine di verificare il raggiungimento degli obiettivi aziendali di sua competenza. L approccio gestionale è di tipo manageriale. Egli, pertanto, agisce all interno delle politiche aziendali, lavorando per obiettivi, nel rispetto degli obblighi assunti dall Azienda, pianificando, predisponendo e organizzando le risorse con criteri di efficienza, efficacia ed economicità, confrontando l andamento della gestione corrente con il budget, verificando i risultati conseguiti con gli standard prefissati, con cadenza almeno mensile. Di tali attività riferisce puntualmente con relazioni scritte al Direttore Generale. Crea, coordina e valuta i piani finanziari, supportando il sistema informativo della Società; predispone il budget, nei tempi e modalità stabiliti dalle procedure aziendali, monitorando le cause degli scostamenti rilevati. Cura la pianificazione fiscale societaria avendo cura della salvaguardia della patrimonio aziendale e coordina, supervisiona e finalizza la redazione del bilancio d esercizio e dei report gestionali e finanziari e adempie alle relative dichiarazioni fiscali; Apporta la necessaria competenza in materia fiscale, civilistica e societaria e mantiene il costante aggiornamento su tutta la materia di competenza. Organizza e sovrintende tutte le attività amministrative e tutti gli adempimenti inerenti la tenuta della contabilità di esercizio, inclusa la supervisione della contabilità fornitori, contabilità clienti e della tesoreria Sovrintende ai rapporti con i fruitori ed i clienti dei servizi erogati dalla Società, per quanto riguarda l aspetto economico e contabile. Propone al Direttore Generale iniziative volte alla razionalizzazione dei servizi amministrativi, alla qualificazione della spesa e allo snellimento delle procedure. Conosce gli obiettivi e le politiche aziendali e collabora con il management aziendale fornendo un continuo supporto alle decisioni strategiche aziendali attraverso analisi e report economico-finanziari. Stabilisce e mantiene un sistema di controllo interno adeguato e sviluppa ed implementa le procedure finanziarie e contabili. 6

8 Gestisce i rapporti con gli Istituti di Credito ed effettua analisi sui flussi di cassa e sul controllo dei costi al fine di dare un supporto operativo alle decisioni del Direttore Generale; Gestisce i rapporti con il Collegio dei Sindaci e quelli con la società di revisione. E responsabile dell amministrazione del personale. Sono escluse dalla sua competenza decisioni attinenti alla gestione delle risorse umane quali ad esempio variazioni contrattuali, aumenti di retribuzioni anche di fatto, variazione di mansioni, etc.; Cura le risorse umane di sua competenza per la loro crescita professionale e comportamentale e propone programmi di formazione e addestramento on the job al fine di migliorare l assetto produttivo dell azienda con programmi di medio/lungo periodo. Incentiva e stimola fra i suoi collaboratori l applicazione di uno stile di lavoro orientato al continuo miglioramento e alla piena partecipazione e configurazione negli obiettivi aziendali. Può disporre ordini di servizio e procedure operative, nel rispetto delle mansioni a ciascuno assegnate, alle funzioni che ad esso riportano. Propone passaggi di livello e/o riconoscimenti di premi per coloro che si sono distinti in particolari operazioni o per avere conseguito risultati di eccezionale rilievo. Di contro, propone contestazioni e provvedimenti disciplinari nei confronti di coloro che non rispettano le regole aziendali e le disposizioni aziendali. 7

9 RESPONSABILE SERVIZIO DI MANUTENZIONE EDILIZIA Dirige il servizio di manutenzione degli edifici scolastici e degli altri edifici facenti parte del patrimonio della Provincia di Catania ad eccezione del complesso Le Ciminiere, del Centro Direzionale Nuovaluce e del Palazzo Minoriti che restano di competenza direttamente del Direttore Tecnico. Riferisce al Direttore Tecnico sull andamento del servizio e con questi si confronta costantemente per ricercare adeguate soluzioni ai problemi che giornalmente si presentano, proponendo soluzioni, variazioni organizzative strutturali e investimenti produttivi. Rientrano nelle sue autonome competenze le normali variazioni di organico assegnato per la composizione delle squadre, onde far fronte agli impegni produttivi. La sua attività è focalizzata all ottenimento dei risultati operativi previsti dal disciplinare di affidamento relativo alla manutenzione degli edifici nonché al raggiungimento degli specifici obbiettivi assegnati. In particolare l attività del Responsabile del servizio consiste in : Pianificazione dell attività di manutenzione programmata degli edifici. La pianificazione riguarda il periodo annuale e periodi più brevi, fino all attività giornaliera, anche attraverso l uso di applicativi informatici; Per tale attività di programmazione, sviluppata preferibilmente per settimana, si avvale delle verifiche preventive che potranno essere demandate oltre che ai coordinatori, anche agli addetti alla logistica ed all area tecnico-amministrativa, secondo le specifiche competenze, ciò al fine di consentire l acquisto preventivo di tutti i materiali occorrenti per l esecuzione degli interventi, Costituzione delle squadre di manutenzione programmata, delle squadre specialistiche, delle squadre di intervento a richiesta. Preparazione degli standard di produttività da sottoporre all approvazione del Direttore Tecnico. Comunicazione degli standard ai Coordinatori responsabili. Controllo giornaliero del rispetto o meno degli standard e del manuale delle manutenzioni anche attraverso l utilizzo del sistema di controllo e gestione delle commesse Preparazione delle check list periodiche. Controllo delle check list delle varie squadre e analisi delle difformità riscontrate anche rispetto al manuale delle manutenzioni. Costanti rapporti con i Coordinatori responsabili. Sopralluoghi, con o senza il Coordinatore, di concerto con l aea Tecnico-amministrativa, per verificare lavori effettuati, controllarne la loro compatibilità con gli standard quanti/qualitativi. Controllo degli acquisti e dell uso dei materiali, costante interfaccia con l ufficio acquisti. Controllo delle ore impiegate, dei materiali impiegati e dei relativi costi nei singoli interventi e in particolare negli interventi a richiesta. 8

10 Comunicazioni periodiche al Direttore Tecnico sull andamento dello stesso secondo uno standard concordato. Tenere costanti rapporti e collaborazione con i Responsabili aziendali per la sicurezza, al fine di assicurare il pieno rispetto della disciplina e delle disposizioni aziendali in materia. Rapporti scritti al Direttore Tecnico, con cadenza mensile o su richiesta, secondo le specifiche che saranno emanate dallo stesso Direttore Tecnico. Partecipazione agli incontri periodici con il Direttore Tecnico e/o il Direttore Generale per la verifica dei risultati. Riferire al Direttore Tecnico sulle performance individuali e di gruppo e sui comportamenti dei singoli, proponendo, se necessario, azioni correttive, corsi di formazione, encomi per coloro che si distinguono particolarmente per meriti, professionalità e disciplina e di contro, proporre provvedimenti disciplinari per coloro che non adempiono alle disposizioni, soprattutto in materia di sicurezza. Ha, altresì, il compito di gestire il contratto di servizio garantendo il rispetto di tutti gli adempimenti periodici da effettuarsi per quanto di sua competenza. 9

11 RESPONSABILE SERVIZI GENERICI (AUTOPARCO, IGIENE E PULIZIA, ACCOGLIENZA E CENTRALINO, MANUTENZIONE PICCOLI ARREDI E TRASLOCHI E FACCHINAGGIO) Dirige i servizi generici e riporta al Direttore Amministrativo per i servizi Autoparco e Accoglienza e Centralino e al Direttore Tecnico per i restanti servizi. Riferisce sull andamento dei servizi e con questi si confronta costantemente per ricercare adeguate soluzioni ai problemi che giornalmente si presentano, proponendo soluzioni, variazioni organizzative strutturali e investimenti produttivi. Rientrano nelle sue autonome competenze le normali variazioni di organico assegnato per la composizione delle squadre, onde far fronte agli impegni produttivi. La sua attività è focalizzata all ottenimento dei risultati operativi previsti dai disciplinari di affidamento relativo ai vari servizi nonché al raggiungimento degli specifici obiettivi assegnati. In particolare l attività del Responsabile del servizio consiste in : Pianificazione dell attività di manutenzione programmata del parco automezzi e attrezzature a disposizione. La pianificazione riguarda il periodo annuale e periodi più brevi, fino all attività giornaliera, anche attraverso l uso di applicativi informatici. Preparazione degli standard di produttività da sottoporre all approvazione del Direzione competente. Comunicazione degli standard ai Coordinatori responsabili. Controllo giornaliero del rispetto o meno degli standard. Preparazione delle check list periodiche del servizio Pulizia. Controllo delle check list e analisi delle difformità riscontrate. Costanti rapporti con i Coordinatori responsabili. Sopralluoghi, con o senza il Coordinatore, di concerto con la Direzione Competente, per verificare i lavori effettuati, controllarne la loro compatibilità con gli standard quanti/qualitativi. Controllo degli acquisti e dell uso dei materiali. Controllo delle ore impiegate, dei materiali impiegati e dei relativi costi nei singoli servizi. Comunicazioni periodiche al Responsabile della Provincia sull andamento del servizio secondo uno standard concordato. Tenere costanti rapporti e collaborazione con i Responsabili aziendali per la sicurezza, al fine di assicurare il pieno rispetto della disciplina e delle disposizioni aziendali in materia. Rapporti periodici scritti alla Direzione competente. Partecipazione agli incontri periodici con il Direttore Tecnico/Amministrativo e/o il Direttore Generale per la verifica dei risultati. Riferire alla Direzione competente sulle performance individuali e di gruppo e sui comportamenti dei singoli, proponendo, se necessario, azioni correttive, corsi di formazione, encomi per coloro che 10

12 si distinguono particolarmente per meriti, professionalità e disciplina e di contro, proporre provvedimenti disciplinari per coloro che non adempiono alle disposizioni, soprattutto in materia di sicurezza. Ha, altresì, il compito di gestire il contratto di servizio garantendo il rispetto di tutti gli adempimenti periodici da effettuarsi per quanto di sua competenza. 11

13 RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE VIABILITA Dirige il servizio di manutenzione delle strade Provinciali facenti parte del patrimonio della Provincia di Catania. Riferisce al Direttore Tecnico sull andamento del servizio e con questi si confronta costantemente per ricercare adeguate soluzioni ai problemi che giornalmente si presentano. Riferisce al Direttore Tecnico sull andamento del servizio e con questi si confronta costantemente per ricercare adeguate soluzioni ai problemi che giornalmente si presentano, proponendo soluzioni, variazioni organizzative strutturali e investimenti produttivi. Rientrano nelle sue autonome competenze le normali variazioni di organico assegnato per la composizione delle squadre, onde far fronte agli impegni produttivi. La sua attività è focalizzata all ottenimento dei risultati operativi previsti dal disciplinare di affidamento relativo alla manutenzione delle strade provinciali nonché al raggiungimento degli specifici obbiettivi assegnati. In particolare l attività del Responsabile del servizio consiste in: Pianificazione dell attività di manutenzione programmata delle strade Provinciali. La pianificazione riguarda il periodo annuale e periodi più brevi fino all attività giornaliera, anche attraverso uso di applicativi informatici; Per tale attività di programmazione, sviluppata preferibilmente per settimana, si avvale delle verifiche preventive che potranno essere demandate oltre che ai coordinatori, anche agli addetti alla logistica ed all are tecnico-amministrativa, secondo le specifiche competenze, ciò al fine di consentire l acquisto preventivo di tutti i materiali occorrenti per l esecuzione degli interventi. Concertare modifiche delle squadre dei servizi di manutenzione già predisposti, sia a canone che a misura, delle squadre specialistiche ( ad es. asfalto, segnaletica orizzontale e verticale, barriera metallica, muretti, diserbo, controllo territorio ecc..) e delle squadre di intervento a richiesta. Preparazione degli standard di produttività da sottomettere all approvazione del Direttore Tecnico. Revisione periodica degli standard in funzione dell utilizzo di nuovi macchinari e attrezzature e/o nuove metodologie che consentono il raggiungimento di più elevati risultati. Comunicazione degli standard ai Coordinatori responsabili. Controllo giornaliero del rispetto o meno degli standard anche attraverso l utilizzo del sistema di controllo e gestione delle commesse Controllo e analisi dei report rilasciati dai manutentori nell ambito delle procedure aziendali. Esame delle difformità riscontrate. Azioni correttive. Costanti rapporti con i Coordinatori responsabili. Sopralluoghi, con o senza il Coordinatore, di concerto con l area Tecnico-amministrativa, per verificare lavori effettuati, controllarne la loro compatibilità con gli standard quanti/qualitativi 12

14 Comunicazioni periodiche al Direttore Tecnico sull andamento dello stesso secondo uno standard concordato. Costanti rapporti e collaborazione con i Responsabili aziendali per la sicurezza, al fine di assicurare il pieno rispetto della disciplina e delle disposizioni aziendali in materia. Rapporti scritti al Direttore Tecnico, con cadenza mensile o su richiesta, secondo le specifiche che saranno emanate dallo stesso Direttore Tecnico. Partecipazione agli incontri periodici con il Direttore Tecnico e/o il Direttore Generale per la verifica dei risultati. Riferire al Direttore Tecnico sulle performance individuali e di gruppo e sui comportamenti dei singoli, proponendo, se necessario, azioni correttive, corsi di formazione, encomi per coloro che si distinguono particolarmente per meriti, professionalità e disciplina e di contro, provvedimenti disciplinari per coloro che non adempiono alle disposizioni, soprattutto in materia di sicurezza. Ha, altresì, il compito di gestire il contratto di servizio garantendo il rispetto di tutti gli adempimenti periodici da effettuarsi per quanto di sua competenza. 13

15 RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO Il Responsabile dell Ufficio Tecnico è a supporto della struttura per la pianificazione e il controllo delle attività, per la preparazione di progetti tecnici, per la preparazione di preventivi. Inoltre, ha la responsabilità della gestione dell Anagrafica degli Immobili (istituzione e mantenimento in costante aggiornamento), secondo il programma concordato con la Provincia, occorrendo, con l ausilio di esperti esterni. Analogamente ha la responsabilità della istituzione del Manuale delle Manutenzioni e del suo aggiornamento. Nella sua attività si avvale di strumenti informatici avanzati, hardware e software, in grado di potere espletare al meglio la funzione. In particolare, l attività del Responsabile dell Ufficio Tecnico consiste in: Coordinamento dei dati di input utili alla gestione informatica del controllo delle manutenzioni attraverso uso di applicazioni informatiche. Verifica dei dati di cui al p. precedente al fine di assicurare corretti flussi di informazione agli utilizzatori. Preparazione di specifici progetti a richiesta. Preparazione di studi di fattibilità, analisi, offerte e preventivi. Sopralluoghi con i singoli Responsabili dei servizi preordinati al p. precedente. Sopralluoghi preordinati a controlli e verifiche di singoli interventi. Sopralluoghi preordinati alla stesura e verifica successiva degli standard di produttività. Stesura e aggiornamento costante dell anagrafica degli immobili. Stesura e aggiornamento costante del manuale delle manutenzioni. Studio e ricerca delle innovazioni di processo attraverso gli usuali canali di informazione: internet, riviste specializzate, partecipazione a congressi, convegni e mostre, al quale si aggiunge il canale delle relazioni con altre aziende similari con visite mirate, concordate con il Direttore Tecnico e il Direttore Generale. Gestione della produttività e proposte tecniche innovative con l obiettivo di migliorare la stessa. Aggiornamento degli archivi tecnici e loro conservazione con moderne metodologie di archiviazione e ricerca. 14

16 UFFICIO TECNICO ADDETTO L Ufficio Tecnico è a supporto della struttura per la pianificazione e il controllo delle attività, per la preparazione di progetti tecnici, per la preparazione di preventivi e per la consuntivazione di tutti i lavori a misura e/o a richiesta sia del settore viabilità che del settore edilizia. Inoltre, ha la responsabilità della gestione dell Anagrafica degli Immobili (istituzione e mantenimento in costante aggiornamento), secondo il programma concordato con la Provincia, occorrendo, con l ausilio di esperti esterni. Analogamente ha la responsabilità della istituzione del Manuale delle Manutenzioni e del suo aggiornamento. Nella sua attività si avvale di strumenti informatici avanzati, hardware e software, in grado di potere espletare al meglio la funzione. L ufficio si compone di due sezioni 1) Tecnico-amministrativo, la cui attività consiste in: - Preparazione di documentazione tecnica per gare ed affidamenti - Coordinamento dei dati di input utili alla gestione informatica del controllo delle manutenzioni attraverso uso di applicazioni informatiche. - Verifica dei dati di cui al punto precedente al fine di assicurare corretti flussi di informazione agli utilizzatori. - Preparazione di specifici progetti a richiesta. - Preparazione di studi di fattibilità, analisi, offerte e preventivi specifici richiesti. - Sopralluoghi con i singoli Responsabili dei servizi preordinati al p. precedente. - Sopralluoghi preordinati a controlli e verifiche di singoli interventi. - Sopralluoghi preordinati alla stesura e verifica successiva degli standard di produttività. - Consuntivazione di tutti gli interventi a misura sia del settore edilizia che vibilità - Coordinamento dei dati di output con gli uffici contabilità per l emissione delle fatture. - Studio e ricerca delle innovazioni di processo attraverso gli usuali canali di informazione: internet, riviste specializzate, partecipazione a congressi, convegni e mostre, al quale si aggiunge il canale delle relazioni con altre aziende similari con visite mirate, concordate con il Direttore Tecnico e il Direttore Generale. - Proposte tecniche innovative con l obiettivo di migliorare la produttività 2) Anagrafica, la cui attività consiste in: - Censimento degli immobili e rilievo degli stessi - Restituzione informatica dei rilievi. - Censimento degli elementi componenti il patrimonio, codifica ed inserimento - Sviluppo di specifici applicativi. - Stesura e aggiornamento costante. 15

17 - Stesura e aggiornamento costante del manuale delle manutenzioni e del manuale d uso. - Coordinamento dei dati di output con l area tecnica, per il costante aggiornamento degli asbuilt - Aggiornamento degli archivi tecnici e loro conservazione con moderne metodologie di archiviazione e ricerca. 16

18 RESPONSABILE GRUPPI OPERATIVI (COORDINATORE) Il responsabile del gruppo operativo (coordinatore) svolge funzioni di coordinamento e di controllo dell attività di squadre o gruppi. Rappresenta l anello di congiungimento fra il responsabile del Servizio cui è adibito e la base operativa. Tutte le decisioni aziendali che hanno un impatto operativo, programmi, fasi sperimentali, proposte, anche di natura amministrativa, è opportuno che vengano discusse con i Coordinatori responsabili che possono dare un contributo di esperienza sul campo, di misura del livello di accettabilità o di reazione possibili da parte degli operatori. Con loro si effettua, quindi, un test market che consente di assumere le decisioni con consapevolezza. Il Coordinatore lavora in stretto contatto con il superiore gerarchico (Responsabile del servizio) dal quale riceve le direttive, le disposizioni, le informazioni e le procedure per l espletamento dell attività. Di contro, il Coordinatore fornisce al superiore gerarchico tutte le informazioni relative all attività svolta, collaborando anche alla stesura del programma periodico. Il Coordinatore riferisce periodicamente con relazioni scritte al suo superiore gerarchico in merito all attività del periodo, la produttività conseguita rispetto agli standard assegnati. Riferisce, inoltre sulle problematiche riscontrate soprattutto con riferimento alle squadre e ai singoli. Nell ambito dell area di sua competenza, e nel rispetto delle direttive ricevute, coordina e utilizza al meglio il personale con un assetto organizzativo delle squadre che risponda al principio del perseguimento di livelli di efficienza sempre più alti. Se, per motivi contingenti non riesce a trovare adeguate soluzioni all interno dell area di sua competenza, si rivolge al Responsabile del Servizio per la ricerca di una soluzione allargata alle altre aree. Ha la responsabilità del rispetto dei programmi di lavoro, così come risponde della buona tenuta dei mezzi e delle attrezzature. Tiene i contatti sul campo con i tecnici della Provincia di cui riferisce al Responsabile del servizio. Interviene a richiesta, immediatamente, nei casi di emergenza organizzando le squadre all uopo predisposte e quindi reperibili per tali evenienze. Propone variazioni organizzative, di processo e quant altro ritiene utile per il buon andamento del servizio. 17

19 Segnala situazioni di rischio riscontrate sul campo e propone interventi necessari per eliminarli. Collabora intensamente con gli addetti aziendali alla sicurezza con i quali si interfaccia costantemente per verificare le condizioni di sicurezza, soprattutto prima di iniziare lavorazioni ritenute particolarmente rischiose. Verifica costantemente le condizioni di sicurezza intervenendo immediatamente in caso di inadempienza degli operatori o per situazioni di rischio ambientale oggettivo e segnalando il caso al Responsabile del servizio. Segnala le squadre e/o i singoli che si sono distinti in particolari circostanze, così come coloro che si rendono inadempienti delle disposizioni aziendali o evidenziano un carente livello di produttività. Fra le sue mansioni rientrano, inoltre, gli aspetti di natura amministrativa nell ambito delle direttive e delle procedure aziendali, quali: il controllo delle presenze effettive sui luoghi di lavoro, la programmazione delle ferie annuali da concordare con il Responsabile del servizio, la concessione di ferie e permessi brevi, la richiesta di acquisto di materiali necessari agli interventi da effettuare, l acquisto diretto su piazza di materiali di scarsa entità che si rende necessario per impreviste necessità, il ricorso al lavoro straordinario quando ritenuto strettamente necessario per inderogabili esigenze e comunque sempre concordandolo con il Responsabile del servizio. L autorizzazione allo straordinario, quindi viene firmata dal Coordinatore e controfirmata dal Responsabile del Servizio. Lo stesso dicasi per il piano ferie. 18

20 DELEGATO DI FUNZIONI EX D.LGS. 81/2008 Con riferimento alle competenze del delegato di funzione, si rimanda all art. 16 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori.

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori. ORGANIGRAMMA Collegio dei Revisori Assemblea dei Soci Cda - Presidenza Direzione Generale Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione Risorse Umane, Organizzazione e Qualità Appalti e Forniture Sistemi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili 1. PREMESSA La disciplina dei cantieri temporanei e mobili ha trovato preciso regolamentazione nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e nel successivo

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3 1 di 6 Alta Direzione (DS) DS, nell'ambito dei poteri conferitigli dalla normativa vigente, esercita un'attività di coordinamento dei servizi erogati dall Istituto, in esecuzione delle politiche e degli

Dettagli

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0 REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO Art.1 - Identità dell Ufficio tecnico L Ufficio tecnico: 1. ha la funzione di supporto e coordinamento delle attività di laboratorio e le esercitazioni previste dai Dipartimenti,

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI UFFICI

DESCRIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI UFFICI DESCRIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI UFFICI DIREZIONE GENERALE INFORMATION TECHNOLOGY SEGRETERIA GENERALE E RISORSE UMANE COMUNICAZIONE AUDIT INTERNO DIREZIONE SERVIZI AGLI ISCRITTI DIREZIONE PATRIMONIO

Dettagli

gestione del personale

gestione del personale La gestione del personale della tua impresa in mani esperte e sicure Servizi ed Informatica gestione del personale IL VALORE DELLA QUALITÀ E DELLA COMPETENZA CNA garantisce all imprenditore analisi e soluzioni

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE COMUNE DI CORMANO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (approvato con deliberazione C.C. n. 58 del 01/12/2003) 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 AMBITO DI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA Azienda Sanitaria Locale n. 4 - Chiavarese Via G.B. Ghio 9-16043 CHIAVARI C.F. e P.IVA 01038700991 UNITA OPERATIVA GESTIONE TECNICA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale

Regolamento per il reclutamento del personale Pagina 1 di 7 Regolamento per il 1 Pagina 2 di 7 INDICE PREMESSA... 3 ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 ARTICOLO 2 PROCEDURA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE... 4 ARTICOLO 3 PROCEDURA PER LA RICERCA

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO Rev.00 del 10/01/2012 Pagina 1 di 5 Preparato da: Responsabile Gestione Aziendale Approvato da: Direzione Firma: Firma: 1. Organigramma DIREZIONE AMMINISTR. E SEG. RSSP/RGA AMMINISTR. E SEG. RLS/RGA UFFICIO

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO CONDUZIONE CANTIERE: gestione tecnico amministrativa

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

Carta di Qualità dell offerta formativa

Carta di Qualità dell offerta formativa Carta di Qualità dell offerta formativa Livello strategico Politica della Qualità della HOLLYWOON & FASHION SRL La HOLLYWOON & FASHION SRL definisce la propria politica della Qualità come segue: essere

Dettagli

Prot. n. 5059 San Marzano di San Giuseppe, 01/12/2012.

Prot. n. 5059 San Marzano di San Giuseppe, 01/12/2012. Istituto Comprensivo Statale A.Casalini Via Lazio 3 74020 S.Marzano di S.G. (TA) TEL. 099/9574163 FAX:099/9571309 C.F.: 90121500731 Email:taic822009@istruzione.it Cod. mecc. TAIC822009 Sito internet: www.scuolacasalini.it

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA CONTABILITA

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 1. SCOPO La presente procedura ha lo scopo di disciplinare le attività e i controlli relativi alla Gestione delle Risorse Umane di Torino Wireless. 2. VALIDITÀ La presente

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE 1 PREMESSA Il presente codice disciplina le procedure di ricerca, selezione ed inserimento di personale, che sono demandate alla Direzione Generale,

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE Il contratto per la fornitura del servizio di elaborazione paghe ha generalmente validità di 12 mesi e comprenderà tutte le elaborazioni mensili ed annuali,

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

Direzione dei Sistemi Informativi e dell Innovazione

Direzione dei Sistemi Informativi e dell Innovazione Direzione dei Sistemi Informativi e dell Innovazione Guida alla determinazione e comparazione degli elementi di costo relativi ai servizi stipendiali erogati dal Ministero dell Economia e delle Finanze

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Mansionario Cooperativa Meridiana

Mansionario Cooperativa Meridiana Mansionario Cooperativa Meridiana 1) Direzione Generale: Rappresenta la cooperativa davanti a qualsiasi ente pubblico o privato in tutte le operazioni e iniziative con detti enti; Rileva le esigenze dei

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 14 in data 09 maggio 2011 1 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE L anno il giorno del mese di TRA Il Comune di con sede in via n., Codice

Dettagli

PRESENTAZIONE DEI SERVIZI OFFERTI ALLE IMPRESE

PRESENTAZIONE DEI SERVIZI OFFERTI ALLE IMPRESE PRESENTAZIONE DEI SERVIZI OFFERTI ALLE IMPRESE LO STUDIO Work S.r.l. nasce dall esperienza ultra trentennale del suo Presidente nel campo della consulenza e del diritto del lavoro. Con l attuale società,

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Effettuare gli audit interni

Effettuare gli audit interni Scopo Definire le modalità per la gestione delle verifiche ispettive interne Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Qualità (centrale) e Referenti Qualità delle sedi territoriali Direzione Qualità

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Il dirigente scolastico, nel suo ruolo di Datore di lavoro ai sensi dell art. 17, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/2008, è obbligato (si tratta di

Dettagli

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A.

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A. INDICE 1 GENERALITA... 2 2 RESPONSABILITA... 2 3 MODALITA DI GESTIONE DELLA... 2 3.1 DEI NEOASSUNTI... 3 3.2 MANSIONI SPECIFICHE... 4 3.3 PREPOSTI... 4 3.4 ALTRI INTERVENTI FORMATIVI... 4 3.5 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati)

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) Doc.: PQ13 Rev.: 1 Data: 05/05/09 Pag.: 1 di 6 Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO Rev.00 del 10/01/2013 Pagina 1 di 5 Preparato da: Responsabile Gestione Aziendale Approvato da: Direzione Firma: Firma: 1. Organigramma AMMINISTRAZIONE MARIA LUCIA COSENTINO DIRETTORE DI SALA Tommaso Ciccopiedi

Dettagli

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari Allegato al documento tecnico IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari ELENCO delle FIGURE PROFESSIONALI di RIFERIMENTO N 1 - Tecnico superiore per le operazioni di sportello nel settore dei servizi

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Procedura Gestione Settore Manutenzione

Procedura Gestione Settore Manutenzione Gestione Settore Manutenzione 7 Pag. 1 di 6 Rev. 00 del 30-03-2010 SOMMARIO 1. Scopo 2. Generalità 3. Applicabilità 4. Termini e Definizioni 5. Riferimenti 6. Responsabilità ed Aggiornamento 7. Modalità

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA SEGRETERIA - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

Università della Terza Età - "Luigi Imperati" Statuto

Università della Terza Età - Luigi Imperati Statuto Università della Terza Età - "Luigi Imperati" Statuto Art. 1 Istituzione La Provincia di Foggia istituisce l Università della Terza Età "Luigi Imperati" con sede in Foggia, in Palazzo Dogana, presso l

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

Organigramma della Società. Job description delle posizioni organizzative aziendali

Organigramma della Società. Job description delle posizioni organizzative aziendali Job description delle posizioni organizzative aziendali BOLOGNA, Marzo 2014 INDICE PRESENTAZIONE... 5 MODELLO ORGANIZZATIVO... 7 JOB DESCRIPTION... 10 PRESIDENTE... 11 DIRETTORE OPERATIVO... 13 Infrastrutture

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto Carta dei Servizi IL CAF DELLA CISL Il Caf Cisl opera per fornire ad iscritti, lavoratori e pensionati assistenza e consulenza completa e qualificata nel campo fiscale e delle agevolazioni sociali. Nato

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER Prot. N. 5338/C14 GARA AD INVITO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE (ex art.17, comma 1, lettera b, D. Lgs. 9.4.2008, n 81 e smi) NONCHÉ ESPLETAMENTO

Dettagli

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2016 APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 9 DEL 31/01/2014

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA CORSO GRATUITO SEDI E CONTATTI CONTABILITA ORDINARIA ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato da professionisti provenienti

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA

PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA 137 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

Procedura Gestione delle Risorse Umane

Procedura Gestione delle Risorse Umane Pag. 1 di 7 Procedura Gestione delle Risorse Umane Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 7 del 23.09.2015 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RESPONSABILITÀ...2 4. PROCESSO

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO via Alassio, n. 36/E 10126 TORINO Tel. 011.5663800 - Fax

Dettagli