I BORGHI FAR RIVIVERE LA MEDIA E ALTA VALLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I BORGHI FAR RIVIVERE LA MEDIA E ALTA VALLE"

Transcript

1 I BORGHI FAR RIVIVERE LA MEDIA E ALTA VALLE

2 I BORGHI Far rivivere la media ed alta valle Con il termine borghi si è scelto di classificare il patrimonio edilizio storico dell alta Valle Varaita che si sviluppa a partire dal territorio di Melle oltre la quota 1000 sui livello del mare e che a livello di popolazione insediata conta singolarmente meno di abitanti residenti. All interno di questo vasto territorio si sono individuati circa un centinaio di insediamenti di media e piccola entità che costituiscono una delle caratteristiche insediative della Valle e del suo paesaggio. Il sistema costituito da questi piccoli nuclei agricoli medio-alto montani ha subito dal secondo dopoguerra ad oggi una profonda trasformazione: le borgate, un tempo armatura territoriale a servizio delle attività agrosilvo-pastorali, con il graduale abbandono dell agricoltura hanno conosciuto la decadenza causando alla montagna una notevole perdita in termini di valori paesistici, naturalistici e culturali. Essi costituiscono tuttavia il principale patrimonio edilizio della media-alta valle, basti pensare che offrono circa mq di superficie edificata, ad oggi quasi del tutto inutilizzata o, nel migliore dei casi, sottoutilizzata. Sorge dunque spontanea una domanda: è possibile oggigiorno pensare di risparmiare l uso del suolo per la nuova edificazione promuovendo il recupero di questo grande patrimonio edilizio esistente? E soprattutto, tale azione può essere economicamente, culturalmente e socialmente sostenibile? L ottimale utilizzo di questa risorsa costituisce un problema di grande complessità in quanto coinvolge aspetti plurimi e sfaccettati, che vanno dalle relazioni sociali ed economiche, al patrimonio culturale e all assetto politico. Non è dunque possibile ridurre e delimitare il problema al solo aspetto ediliziourbanistico-pianificatorio, infatti, così facendo si produrrebbe l abbandono a priori della prospettiva di un recupero sostenibile di queste borgate. Salvare dal degrado tale patrimonio significa dunque, oltre a garantirne l integrità dei valori storici ed artistici, immaginarne nuovi usi e funzioni, capaci di produrre un ritorno economico ed occupazionale che giustifichi l investimento economico non solo da parte di enti pubblici ma anche da privati. Non ci si può quindi limitare ad una loro semplice musealizzazione ma bisogna ipotizzare una gestione di tali beni capace di mantenerli in vita nel tempo. Solo così i borghi possono diventare parte di un progetto di riassetto territoriale, dove la riflessione sulle specificità delle singole situazioni e contesti può portare ad immaginare strategie progettuali per vasti ambiti, nei quali tali borgate possano assumere un ruolo di attivazione di sinergie e di creazione di situazioni favorevoli. Per cercare di dare una risposta concreta e credibile alla possibilità di rivitalizzazione delle borgate si è scelto innanzitutto di presentare una rassegna di buone pratiche messe in atto in contesti simili: la riflessione critica sulle scelte effettuate permette di comprendere quali strategie si siano rivelate vincenti e quali altre invece fallimentari. Viene quindi proposta un analisi della situazione attuale delle borgate della Valle Varaita, comparandone punti di forza e debolezza per poter individuare le aree, gli obiettivi e le azioni su cui far leva per promuove l innesco di modelli di sviluppo sostenibile e rimuovere o mitigare i processi e gli elementi di degrado. Parallelamente si esaminano le opportunità offerte dal territorio e le minacce che su di esso insistono per meglio definire le ipotesi strategiche su cui orientare obiettivi e azioni del piano strategico di Valle. 212

3 BORGHI BORGHI E PROGETTI DI AREA VASTA

4 I BORGHI Borghi e progetti di area vasta PARALOUP (Rittana - CN) Origine Tra 1943 e il 1944 fu la sede della prima brigata partigiana di Giustizia e libertà Attori Coinvolti Ideazione e promozione: Fondazione Nuto Revelli onlus + Associazione Mai Tardi Finanziamento: Regione Piemonte e Fondazioni Bancarie del territorio Obiettivo Testimonianza storica della guerra partigiana e della vita contadina Far tornare la vita e la produzione Azioni Recupero architettonico eco sostenibile e reversibile, chiaramente distinguibile Museo del racconto Biblioteca e sala convegni Rifugio con ristorante Mostre d arte NARBONA (Castelmagno - CN) Origine Vi è mistero sull origine di questo borgo abbandonato negli anni 60, collocato in fondo ad un vallone che parte dall abitato di Campomolino per arrivare fino alle pendici del M.te Tibert. E caratterizzato dalla fortissima pendenza del terreno su cui si trova ed inaccessibilità. Attori Coinvolti Vari progetti di recupero, poi falliti a causa della morfologia del territorio che rende impossibile la costruzioni di vie di comunicazione. Nasce nel 2010 il progetto Una casa per Narbona, ovvero la raccolta e lo studio di tutto quanto possibile Obiettivo Simbolo dell antica civiltà della montagna e del suo spopolamento ed abbandono. Conserva alcuni edifici in puro stile alpino di grande interesse Azioni In seguito a vari progetti ed operazioni per renderlo raggiungibile tramite strada, si desiste. Viene lasciato come borgo abbandonato al suo destino 214

5 I BORGHI Borghi e progetti di area vasta VALLIERA (Castelmagno - CN) Origine Abbandonata dalla seconda metà del Novecento. A Valliera si produceva il Castelmagno migliore grazie alla ricchezza dei pascoli Attori Coinvolti Nel 2007, si è iniziato rintracciando i vari proprietari degli immobili. Un edificio è stato completamente ristrutturato e trasformato in albergo diffuso con proventi della Comunità montana Valle Grana. E stata costituita un azienda agricola e si sta ristrutturando l intera borgata. Obiettivo Ridare vita a Valliera; dato che le stalle e le cantine scavate nella roccia dove veniva stagionato e conservato il Castelmagno si presentavano intatte, il progetto ha previsto che venisse ripresa la produzione casearia. Azioni Recupero architettonico nel rispetto delle antiche strutture e dei materiali Azienda agricola casearia Legare la tradizione produttiva con l innovazione tecnologica Creare posti di lavoro COLLETTA DI CASTELBIANCO (Albenga - SV) Origine Antico borgo medioevale risalente al 1202 facente parte del Marchesato dei Clavesana e dei Del Carretto, ridotto ad un mucchio di ruderi dopo il terremoto del Attori Coinvolti Nel 1980, grazie ad un gruppo di imprenditori, inizia un operazione di recupero sotto la consulenza dell architetto Giancarlo De Carlo. Obiettivo ORIGINALE: insediamento per telelavoro. Poi fallito a causa del troppo isolamento del borgo. ATTUALE: albergo diffuso. Vacanza per chi ama lo sport, il trekking (vari percorsi), climbing (vicinanza di falesie) Azioni Recupero architettonico nel rispetto delle antiche strutture e dei materiali Primo borgo telematico italiano Eventi culturali 215

6 I BORGHI Borghi e progetti di area vasta BORGATE DI OSTANA (la Villo_Campanho_Lou Sère_la Ruà_San Bernart) GHESC (Montecrestese Val d Ossola ) Origine Borgate in stato di abbandono Attori Coinvolti A partire dalla metà degli anni 80, l Amministrazione locale promuove un progetto di riqualificazione urbanistica delle varie borgate. Collaborazione con il dipartimento di progettazione architettonica e di disegno industriale del Politecnico di Torino. Obiettivo Ripopolamento delle borgate Azioni Recupero del patrimonio architettonico locale tramite progettualità organiche e d insieme Origine Piccolo villaggio medioevale disabitato in totale stato di isolamento ed abbandono, al punto che la natura ha già ripreso il percorso di riconquista. Attori Coinvolti Nel 2007, l Associazione Canova decide di intervenire acquistandone un fabbricato Obiettivo Restaurare il borgo creando un villaggiolaboratorio, ovvero un luogo dove organizzare seminari e campi scuola legati alla tematica del recupero architettonico. Le basi del progetto sono il recupero dei materiali locali tradizionali Interventi di ampliamento delle borgate storiche realizzati in legno per rendere leggibili le differenze nuovo-antico (secondo il Manuale di Best Practices del comune di Ostana elaborato dallo IAM) Collaborazioni con soggetti d eccellenza (Politecnico di Torino) Produzione e vendita in loco dei prodotti locali Turismo ecocompatibile sono il recupero dei materiali locali tradizionali e l utilizzo di tecniche di bioedilizia. Azioni Collaborazione con università italiane e straniere Realizzazione di opere di urbanizzazione primaria: acquedotto, linea elettrica, sistema trattamento acque reflue. Organizzazione di campi scuola sul restauro architettonico. Organizzazione di seminari e corsi di approfondimento con gli attori operanti nel settore edile locale. 216

7 I BORGHI Borghi e progetti di area vasta SERRE (San Damiano Macra Valle Maira-CN) Origine Borgo montano a m di altitudine, completamente spopolato Attori Coinvolti Ideazione del progetto è Bepi Martinelli, falegname originario delle Langhe che si è trasferito a Serre sistemando alcuni edifici e gettandone le basi Obiettivo Dare vita ad una comunità stabile che faccia rinascere il borgo Azioni Sviluppo di attività economiche collettive: creazione di ostello-posto tappa per turisti, creazione di orti collettivi Sviluppo di attività economiche individuali: laboratori artigianali, di falegnameria Recupero utilizzando materiali naturali locali TORRI SUPERIORE (Ventimiglia IM) Origine Villaggio di origine militare risalente al tardo XIII secolo, totalmente spopolato fino agli anni 80 Attori Coinvolti Ideazione e promozione: Associazione Culturale di Torri Superiore Finanziamento: 90% fondi privati degli associati; 10% contributi regionali, provinciali e comunali Obiettivo Dare vita ad una comunità stabile che contribuisca alla salvaguardia dell ambiente e alla tutela dei diritti umani Azioni Sviluppo di attività economiche collettive: centro ricettivo culturale con ristorante Sviluppo di attività economiche individuali: laboratori artigianali, coltivazione biologica e vendita diretta dei prodotti Recupero utilizzando materiali naturali locali e secondo i principi della bioarchitettura e riciclaggio urbanistico Utilizzo di fonti rinnovabili Organizzazione di corsi di varie discipline Incentivato l uso del trasporto pubblico per i residenti e non (in totale il villaggio conta 5 automobili) ed utilizzato il trasporto con animali per la campagna 217

8 BORGHI LA SITUAZIONE DELLE BORGATE

9 BORGHI La situazione delle borgate DINAMICHE INSEDIATIVE La Valle Varaita è un area alquanto omogenea dal punto di vista socioeconomico e culturale e, di conseguenza, anche architettonico ed urbanistico. Simili risultano la struttura e l organizzazione degli insediamenti, le tipologie edilizie, le tecniche e i materiali di costruzione. L antropizzazione progressiva del territorio si è realizzata secondo i modelli tipici degli ambiti montani dove l insediamento umano si spinge fino al limite morfologico naturale, seguendo una dislocazione non uniforme e legata a corridoi di transito. La conformazione degli impianti urbanistici risulta differenziata a seconda dell ubicazione, con tre situazioni-tipo: di fondovalle, di crinale e di mezzacosta, con una larga prevalenza di quest ultima. Sono dunque le condizioni orografiche, geologiche e geomorfologiche che hanno condizionato la realtà insediativa dei luoghi determinando nel fondovalle il formarsi di nuclei di dimensioni medie lungo gli assi di collegamento, alle medie quote di insediamenti sparsi, a bassa densità edilizia, relazionati da una parte al sistema della fascia dei pascoli e dall altra alla fascia dei coltivi ed, infine, sui crinali montuosi nuclei di sommità diffusi a rete. La forma degli agglomerati ha seguito, nel corso del suo sviluppo, uno schema libero nell impianto planimetrico, adattandosi alle condizioni orografiche del terreno: lo snodarsi dei percorsi è coerente con la variazione del rilievo e ricalca probabilmente il tracciato di antichi sentieri, precedenti alla formazione dei nuclei stessi. La struttura viaria che ne risulta evidenzia l assenza di un organizzazione gerarchica degli edifici intorno ad un centro, nonostante si possano rintracciare dei nodi di importanza che coincidono con gli incroci, le chiesette, le cappelle votive o coi luoghi dove è disponibile l acqua. Il modello insediativo più diffuso è dunque quello ad aggregazione compatta, tipico della cultura architettonica locale, dove in un perimetro limitato si concentra una densità molto elevata. 219

10 I BORGHI La Analisi situazione cartografica delle borgate e statistica < >40 NUMERO ABITANTI *dati al Censimento

11 BORGHI I BORGHI La situazione Analisi cartografica delle borgate e statisti Centrale < >40 NUMERO ABITANTI *dati al Censimento

12 I BORGHI BORGHI Analisi La situazione cartografica delle e statistica borgate < >40 NUMERO ABITANTI *dati al Censimento

13 I BORGHI La Analisi situazione cartografica delle borgate e statistica < >40 NUMERO ABITANTI *dati al Censimento

14 BORGHI La situazione delle borgate I BORGHI Analisi cartografica e statistica < >40 NUMERO ABITANTI *dati al Censimento

15 BORGHI La situazione delle borgate PUNTI DI FORZA Gli insediamenti rurali presentano una limitata espansione recente e contenute sostituzioni del tessuto antico conservando pressoché inalterate le caratteristiche originarie nonché gli spazi liberi ed orti a suo corollario. Nello specifico i fabbricati hanno conservato nella maggior parte dei casi la cubatura originaria, il numero e la dimensioni delle aperture (porte e finestre) e ben si inseriscono nel paesaggio locale per materialità, colore e grana delle loro componenti. A livello paesistico non emergono elementi di detrazione alla scala territoriale, anzi i borghi si fondono armonicamente con il paesaggio naturale che li circonda, mentre alla scala urbana sono limitati ad alcuni episodi di volumi sovradimensionati. In particolare nell alta Valle si riscontrano scorci visuali di notevole valore. Per quanto concerne il patrimonio culturale immateriale si rileva un elevato pregio naturalistico oltre che la presenza di valenze storiche e religiose da valorizzare a scopi turistici e culturali. 225

16 BORGHI La situazione delle borgate PUNTI DI DEBOLEZZA I fattori di debolezza sono da ricercarsi prima di tutto nelle cause che hanno indotto lo spopolamento delle borgate che sono essenzialmente raggruppabili in due famiglie: quelle socioeconomiche e quelle ambientali. Dal punto di vista socioeconomico fattore scatenante è stato l isolamento dal lavoro, dalla vita sociale e dai servizi di prima necessità, siano essi pubblici (scuole, poste, ospedali, centri medici, etc.) o privati (negozi, luoghi di ritrovo, servizi alle famiglie e alle imprese, etc.). La loro posizione geograficamente marginale, ha causato problemi di accessibilità per la mancanza fisica o inadeguatezza di strade di collegamento piuttosto che per l assenza o carenza di servizi di pubblico trasporto che li colleghino al fondo valle dove si concentrano le attrezzature ed i servizi. Dal punto di vista ambientale la conformità fisica dei luoghi contribuisce alla loro scarsa accessibilità oltre che influire sui fenomeni di carattere idrogeologico tipici delle zone montane (valanghe, frane od altri eventi potenzialmente lesivi della pubblica incolumità) aumentando pertanto il fattore di rischio legato all investimento economico. Inoltre, la scarsa manutenzione di sorgenti, strade e sentieri ha contribuito al degrado generalizzato che costituisce spesso fattore scatenante per i succitati fenomeni. Gli edifici storici che li compongono non rispondono più alle esigenze del vivere contemporaneo e così come sono non garantiscono standards abitativi adeguati ad esse. Nel caso in cui vi siano edifici più recenti spesso non sono consoni alle tipologie e tecnologie costruttive ricorrenti determinando un forte impatto visivo a causa della volumetria sovradimensionata rispetto alla borgata. Anche le stalle di recente edificazione per collocazione, forma e soluzione materica sono completamente avulse al contesto. 226

17 BORGHI La situazione delle borgate OPPORTUNITA Principale opportunità offerta dal territorio è il consistente patrimonio costruito esistente, composto da immobili che, per la maggior parte, si prestano alla trasformazione sia per il discreto stato di conservazione che per la variegata tipologia edilizia, che ne permette differenti usi potenziali. Si riscontra, infatti, un architettura rurale molto eterogenea derivante dai differenti caratteri morfologici del territorio oltre che dal grado di antropizzazione. Nello specifico è possibile riconoscere tre diverse tipologie di fabbricato: Cellule elementari: caratterizzate da dimensioni piuttosto ridotte e da uno sviluppo su due piani, quello inferiore semi interrato e quello superiore fuori terra. Tali caratteristiche le rendono facilmente convertibili a scopi turistici (albergo-rifugio diffuso, bad and breakfast) o quali fabbricati accessori ai principali. Cellula intermedia: caratterizzata da dimensioni medio-piccole che la rendono compatibile sia a scopi turistici che residenziali temporanei. Cellula complessa: caratterizzata da una struttura della casa più articolata, in cui pieni e vuoti si alternano, e da un maggiore sviluppo verticale ed orizzontale della stessa. Il possesso di tali caratteristiche le rende destinabile alla residenza stabile e alla rifunzionalizzazione a scopi lavorativi. Innumerevoli sono poi le risorse legate all ambiente naturale oltre che all offerta turistica podistica e sportiva di cui si omette la trattazione in quanto vi è già stato dato ampio spazio nei capitoli dedicati rispettivamente al belvedere, agli spazi aperti e all acqua. 227

18 BORGHI La situazione delle borgate MINACCE Alla scala edilizia si riscontra una realtà patrimoniale piuttosto compromessa poiché quasi la totalità degli edifici ha la medesima situazione di notevole frazionamento dei diritti reali sugli immobili. Appare evidente che maggiore è il numero dei proprietari più complicato diventa gestire un recupero unitario sia a livello di borgata che di singolo fabbricato, infatti, la maggior parte di loro non ha alcun interesse né ad aprire trattative di compravendita né ad intervenire per la salvaguardia dei propri beni. Risulta, inoltre, difficile applicare le vigenti normative urbanistico edilizie, spesso contraddittorie, al recupero dei fabbricati storici tipici delle borgate e garantirne i requisiti igienico - sanitari senza intaccarne le caratteristiche tipologico formali. I materiali utilizzati per la loro edificazione sono difficilmente conciliabili con i principi di efficienza energetica, influendo talvolta anche negativamente in termini di confort legati all abitare. A livello di utilizzazione del patrimonio costruito prevale nettamente, in tutti i borghi, la residenza temporanea. Una destinazione esclusiva a seconda casa costituisce una minaccia per la loro riqualificazione in quanto li espone ad un impoverimento della struttura sociale rendendoli luoghi elitari oltre che contenitori vuoti per la maggior parte dell anno incidendo però ugualmente sui notevoli costi di gestione del territorio a carico delle amministrazioni. Lo spopolamento della Valle, infine, accresce le situazioni di abbandono, siano esse dell edificato piuttosto che dell ambiente naturale, e causa impoverimento materiale e socio economico del territorio. 228

19 BORGHI 1 STRATEGIA GENERALE E 3 SOTTO STRATEGIE

20 BORGHI 1 strategia generale e 3 sottostrategie Obiettivo che ci si pone con il presente lavoro è il conseguimento del risparmio di uso del suolo per la nuova edificazione recuperando quanto già esistente per poter parallelamente invertire il trend negativo della popolazione residente nell alta e media Valle. La strategia generale per conseguire tale obiettivo consiste nell individuare una nuova possibile vita ai borghi, mediante la rivitalizzazione del tessuto economico e sociale oltre che nel recupero del patrimonio edilizio esistente, che sia economicamente, culturalmente e socialmente sostenibile. La sostenibilità è da intendersi sia in termini di accessibilità e di gestione del borgo stesso che di impatto che esso avrà sul territorio e sulla qualità di vita di residenti e fruitori. Potranno dunque essere attuate due diverse tipologie di intervento: il primo consiste nel mettere in atto azioni specifiche a livello di agglomerato, enfatizzando le qualità e peculiarità offerte dal territorio e dal patrimonio costruito, il secondo invece consiste nel puntare su azioni diffuse che promuovano la formazione di reti di collegamento ai servizi e all ambiente naturale e costruito così da favorire anche la creazione di reti di relazione. Sono da escludersi a priori investimenti massivi, poco credibili ed antieconomici per chi li attua, ma piuttosto si deve puntare su un reale coinvolgimento di soggetti singoli che, interessati al recupero dei propri beni patrimoniali ereditati o acquisiti, siano anche disposti a gettare le basi di una nuova vita in questi luoghi. A tal riguardo le migliori incentivazioni paiono essere sgravi fiscali legati alla effettiva residenza ed esercizio di attività in loco, la possibilità di attuare deroghe a quelle normative che impongono standard astratti, difficilmente applicabile al patrimonio storico, piuttosto che i contributi a pioggia che non hanno portato ad una vera e propria rinascita dei borghi ma al massimo ad un loro esclusivo recupero a seconde case per fini speculativi. Prima di avanzare delle vere e proprie proposte progettuali, si è cercato di analizzare puntualmente i singoli borghi alla ricerca di una classificazione gerarchica che permettesse di individuare rapidamente sia le variabili economiche, territoriali, culturali e sociali che hanno influito sulla loro fondazione e/o che possono essere in un prossimo futuro volano di sviluppo. Ne è emersa una gerarchizzazione in tre grandi famiglie denominate Accessibili, Satellite e Decadenti, classificate sulla base della loro vitalità demografica, del sistema dell accessibilità ed, infine, per la qualità e tipologia delle abitazioni esistenti ed il loro grado di conservazione. BORGHI ACCESSIBILI BORGHI DECADENTI BORGHI SATELLITE 230

21 BORGHI 1 strategia generale e 3 sottostrategie 231

22 BORGHI 1 strategia generale e 3 sottostrategie I BORGHI COME LUOGO DEL TURISMO Le borgate satellite si distinguono dalle altre due tipologie per la prossimità ad una risorsa territoriale esistente o potenziale legata al loisir. Costituiscono nuclei mediamente accessibili già parzialmente dotati di servizi e di un multiforme patrimonio edilizio che racchiude tutte tre le diverse tipologie di fabbricato storico in precedenza analizzate. Le loro caratteristiche salienti sono l omogeneità della massa costruita, la possibilità di percorsi diversi all interno dell abitato, la presenza di scorci architettonici e paesaggistici di particolare rilievo. Sono borghi che hanno preservato il legame tra microsistema urbano, storicamente determinato, ed ambiente naturale circostante. Considerata la loro accessibilità presentano ancora ridotti nuclei di popolazione residente. Il possesso di tali caratteristiche ne ha determinato il recupero di numerosi edifici a seconda casa e suggerisce una loro possibile riconversione come luogo del turismo. Gli attrattori turistici del territorio su cui far leva per una loro valorizzazione a scopi turistici sono costituiti sia da elementi tangibili e materiali presenti al suo interno (fiumi, monti, boschi, etc.) ma anche ad attività più o meno immateriali predisposte dall uomo (sport invernali ed estivi, attività culturali, gastronomia, prodotti tipici, etc.). Affinché le borgate possano diventare luogo del turismo è necessario mettere in atto sia azioni specifiche per il sito che diffuse a livello terriotriale al fine di conferire un immagine riconoscibile e competitiva dell identità culturale del territorio che lo renda attraente per il potenziale turista. A livello urbanistico diventa dunque importante: Salvaguardare le peculiarità paesaggistiche e gli spazi urbani d insieme promuovendo un ridisegno degli spazi pubblici mediante la riqualificazione delle pavimentazioni delle vie e delle piazze, e mediante la riprogettazione di nuovi punti di interesse quali belvedere e piccoli slarghi interclusi tra gli edifici Conservare i caratteri architettonici originari (cubatura originaria, numero e dimensioni delle aperture esistenti, strutture, materiali) attraverso azioni di conservazione, riproposizione di elementi storicamente esistenti e introduzioni di elementi nuovi, ma dialoganti, solo dove inevitabile Promuovere e favorire il collegamento con gli ambienti di pregio naturalistico ad esempio realizzando nuovi percorsi pedocicloturistici, ippovie, etc. o potenziando quelli esistenti attraverso la previsione di strutture destinate alla promozione dei prodotti locali, alla promozione dei prodotti locali, agroalimentari ed artigianali, o destinate all assistenza alle attività turistico-sportive RICADUTE INSEDIATIVE Definizione di una forma riconoscibile ed attraente dei borghi i cui elementi caratterizzanti sono i fili di costruzione, i rapporti tra pieni e vuoti, la giacitura dei tetti, la materia e le tecniche costruttive 232

23 BORGHI 1 strategia generale e 3 sottostrategie I BORGHI COME LUOGO DEL LAVORO Tale gruppo ricomprende tutte quelle borgate localizzate lungo la direttrice principale della Valle o comunque collegate ad essa mediante strade carrabili usufruibili durante tutto il corso dell anno nonché servite dalle urbanizzazioni primarie o facilmente asservibili. A livello urbano costituiscono degli aggregati compatti dalle dimensioni ridotte in cui la maggior parte degli edifici, di cui alla tipologia cellule complesse, possiede fin dalla sua origine una destinazione a carattere residenziale e pertanto costituiscono un patrimonio architettonico su cui investire per migliorare la vitalità demografica dei borghi. Il possesso di tali caratteristiche ne ha evitato lo spopolamento completo e suggerisce una loro possibile riconversione/ritorno a luogo del lavoro alpino. Un tempo le borgate erano popolate in quanto offrivano la possibilità di svolgere attività particolari che erano principalmente legate alla specificità del luogo e alle risorse che il territorio poteva offrire. Da questo semplice concetto si può ripartire per dare un nuovo sviluppo lavorativo ai borghi e garantire così l insediamento stabile della popolazione. Come emerso dalle analisi effettuate nei precedenti capitoli l alta Valle si caratterizza per un ambiente naturale di buona qualità che permette l insediamento di attività legate: all agricoltura non tanto di carattere estensivo quanto quanto connessa alle produzioni di nicchia (erbe officinali, piccoli frutti, etc.); all allevamento, principalmente legato alla risorsa degli alpeggi estivi e alla filiera del latte; al recupero ambientale (protezione dei suoli e sistemazione di prati, pascoli e boschi); alle produzioni artigianali con uso di prodotti locali (falegnameria, lavorazione della pietra, etc.) Affinché le borgate possano diventare luogo di lavoro è necessario mettere in atto azioni specifiche per il sito che garantiscano la vivibilità e la fruibilità degli edifici e degli spazi che li costituiscono, adeguandoli così alle esigenze del vivere e del lavorare contemporaneo. A livello urbanistico diventa dunque importante: Garantire l autonomia energetica mediante l uso di fonti rinnovabili sia per il singolo fabbricato che per l intero borgo e nello specifico per le urbanizzazioni primarie (illuminazione, riscaldamento, smaltimento acque reflue) Riaggregare la proprietà per ricostruire l integrità degli edifici e ridistribuire le funzioni negli ambienti a seconda della qualità ambientale o potenzialità d uso. Consentire ampliamenti volumetrici che per collocazione e tipologia si leghino alle tracce preesistenti (morfologia del terreno, giaciture, pendenza, muri di contenimento). Conservare e valorizzare il paesaggio agrario impedendo le costruzioni ex novo al di fuori dei perimetri abitati e mettendo in atto azioni di recupero ambientale che permettano lo sfruttamento a scopi agricoli degli spazi aperti che circondano le borgate Unire a sistema i borghi mediante percorsi e sistemi telematici RICADUTE INSEDIATIVE Riqualificazione del patrimonio edilizio e ridisegno del sistema degli spazi aperti. 233

24 BORGHI 1 strategia generale e 3 sottostrategie I BORGHI COME ROVINA All interno di questa famiglia si è voluto ricomprendere tutto quel insieme di borgate che versano in un avanzato stato di degrado o abbandono per via della posizione geografica o per l assenza di collegamenti viari o per l impossibilità di portarvi le urbanizzazioni primarie. Non a caso non si registra popolazione ivi residente. Tali borgate, isolate nei boschi o nei pascoli di alta montagna, sono costituite da piccoli gruppi di edifici dalle dimensioni piuttosto ridotte che racchiudono entro un unico perimetro locali nati per soddisfare sia esigenze abitative che di ricovero del bestiame, degli attrezzi e dei prodotti della terra e sono assimilabili alla tipologia della cellula elementare. Il recupero di queste borgate a scopi insediativi permanenti risulterebbe scarsamente sostenibile sia in termini economici e sociali che ambientali. Le stesse costituiscono comunque delle risorse in termini culturali e materici suggerendone una destinazione a luogo e risorsa documentaria. Considerato che la media ed alta valle presentano una presenza cospicua di borghi, molti dei quali difficilmente accessibili non è pensabile riproporre per tutti un ripopolamento stabile sulla base di opportunità lavorative o turistiche. La maggior parte di essi resteranno forzatamente nello stato di nel quale si trovano attualmente, quelle in miglior stato stato di conservazione potranno però essere valorizzati come risorsa patrimoniale in quanto testimonianza di una vita passata e come luoghi che conservano l eredità culturale e la natura, gli edifici e gli oggetti dell uomo, mentre quelle che versano in uno stato di totale degrado, tanto da costituire un ammasso di ruderi, potranno rinascere mediante il recupero della materia prima di cui si componevano. Affinché le borgate possano diventare una risorsa documentaria è necessario mettere in atto azioni diffuse che ne permettano la conservazione o il riutilizzo urbanistico o materico, nello specifico si ipotizza di: Promuovere la realizzazione di percorsi naturalistici di collegamento tra i borghi a maggior valenza documentaria sfruttando gli esistenti tracciati d alta quota Promuovere eventi culturali legati all arte, alla musica e al teatro Promuovere il riutilizzo dei materiali di costruzione degli edifici diroccati per rimpiegarli negli interventi di recupero e ristrutturazione degli edifici oggetto di riqualificazione RICADUTE INSEDIATIVE Miglioramento della qualità architettonica e dell inserimento paesistico dei borghi da recuperare facendo leva sul riuso dei materiali locali tradizionali e riordino delle situazioni di degrado localizzate alle alte quote. 234

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Asse di intervento A. Recupero degli edifici rurali

Asse di intervento A. Recupero degli edifici rurali Progetto 3P Tavolo Paesaggio dell edilizia rurale Verbale dell incontro del 23 aprile 2008 Presenti: Nome Lino Balotti Ivan Bernardi Lorenzo Cervelli Alessia Chiappini Renato Marchesi Marcella Salvetti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Delibera di Giunta

Giunta Regionale della Campania. Delibera di Giunta Giunta Regionale della Campania Delibera di Giunta Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 13 Turismo e Beni Culturali N 792 Del A.G.C. Settore Servizio 21/12/2012 13 2 3 Oggetto: Regolamento "albergo diffuso"

Dettagli

CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO.

CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO. Allegato parte integrante Allegato A) Criteri di Coerenza CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO. In relazione alle finalità indicate nel Progetto Strategico di Sviluppo e nel

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

Struttura della Città Rurale.

Struttura della Città Rurale. Sine Putimu. Città Rurale_ALLEGATI In occasione del quinto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico Generale)

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento 3 Gli insediamenti Il Piano individua come territori che compongono gli insediamenti: 3a) i centri storici, gli insediamenti della fabbrica Dalmine 3b) il tessuto urbano 3c) gli insediamenti produttivi

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

Workshop IL RECUPERO E LA RIVALUTAZIONE DELLE CASE E DELLE BORGATE MONTANE DEL PIEMONTE la rivitalizzazione economica e sociale delle aree marginali

Workshop IL RECUPERO E LA RIVALUTAZIONE DELLE CASE E DELLE BORGATE MONTANE DEL PIEMONTE la rivitalizzazione economica e sociale delle aree marginali UNCEM Piemonte Unione Nazionale Comuni, Comunità, ed Enti Montani DAD - Dipartimento di Architettura e Design IAM- Istituto di Architettura Montana Workshop IL RECUPERO E LA RIVALUTAZIONE DELLE CASE E

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici

CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici Cristina Lucca Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici delle Province di Torino, Asti,

Dettagli

Provincia di Torino Determinazione del Dirigente del Servizio Urbanistica

Provincia di Torino Determinazione del Dirigente del Servizio Urbanistica Provincia di Torino Determinazione del Dirigente del Servizio Urbanistica Prot. n..../248063/2006 OGGETTO: COMUNE DI MORIONDO TORINESE - VARIANTE STRUTTURALE AL P.R.G.I. - D.C.C. N. 14 DEL 21/04/2006 -

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004 CONSULTAZIONI PER LA DEFINIZIONE CONDIVISA DEGLI OBIETTIVI E DELLE SCELTE STRATEGICHE DELLA PIANIFICAZIONE ( Legge 241/90, art. 5 L.R.16/04 e Regolamento di attuazione per il governo del territorio della

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI LABMATER=Laboratorio dei "Materiali e risparmio energetico" Corso di: A.A. 2011/2012 Tema d anno: Ambienti Mediterranei e

Dettagli

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE Legge regionale 03 gennaio 2005, n. 1 Norme per il governo del territorio. Art. 01 - Oggetto e finalità della legge Comma 2. Ai fini di cui al comma 1, i comuni, le province e la Regione perseguono, nell'esercizio

Dettagli

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO Regolamento per l applicazione del contributo di concessione Approvato con: Deliberazione del Consiglio comunale n. 64 di data 26 giugno 2002 ed entrato in vigore il

Dettagli

RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI SICILIA FARO DI BRUCOLI, AUGUSTA (SR)

RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI SICILIA FARO DI BRUCOLI, AUGUSTA (SR) RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI SICILIA FARO DI BRUCOLI, AUGUSTA (SR) 1. IL PROGETTO Valore Paese DIMORE E LA RETE Fari, torri ed edifici costieri Valore Paese DIMORE è un progetto volto al rafforzamento

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi.

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi. Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico Piazza verdi Progetto degli arredi Relazione PIAZZA VERDI: UTILIZZAZIONE, TUTELA E ARREDO Descrizione tecnica

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

Forum intercomunale aperto 22 aprile 2005

Forum intercomunale aperto 22 aprile 2005 Forum intercomunale aperto 22 aprile 2005 Grosio Grosotto Vervio Tovo S. Agata Mazzo di Valtellina Relatori: Comunità Montana: Assessore Lorena Moretti Comune di Grosio: Vicesindaco Umberto Bozzini Ambiente

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA Rabai M., Lugoboni A. DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA - Regione Lombardia Riassunto Gli autori delineano la realtà zootecnica

Dettagli

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE 4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE PREMESSA L amministrazione comunale di Aviatico, al fine di favorire una regolare e ordinata gestione ambientale e paesaggistica delle aree prative

Dettagli

Documenti del convegno RUSTICO È MEGLIO

Documenti del convegno RUSTICO È MEGLIO Documenti del convegno RUSTICO È MEGLIO Incontro per il recupero dei fabbricati agricoli destinati a fini abitativi o ad attività direzionali, commerciali e turistiche Dai sottotetti ai rustici Una continuità

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N 3 VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009, pubblicato sulla G.U. n 87 del 7

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA L'Amministrazione Comunale di Brienza nell ambito del suo programma di sviluppo del Comune ha individuato, quale punto di forza, la valorizzazione del patrimonio architettonico

Dettagli

Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato

Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato SISTEMA PROVINCIALE DELLE AREE PROTETTE ANPIL ALTO CARIGIOLA E MONTE DELLE SCALETTE RISERVA NATURALE ACQUERINO CANTAGALLO ANPIL DEL MONTEFERRATO

Dettagli

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti.

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. Premessa La scuola Arcobaleno (www.scuolaarcobaleno.org) si trova dal 1994 nel quartiere

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste

Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste convegno relatore Maria Genovese Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste Nuovo Piano Regolatore Generale Comunale Le direttive Contenere

Dettagli

RELAZIONE DI ANALISI

RELAZIONE DI ANALISI CITTA DI VENTIMIGLIA Prov. di Imperia P. Iva/C.f. 00247210081 Piazza della Libertà, 3 18039 Ventimiglia (IM) Tel. 0184 2801 - Fax 0184-352581 PEC comune.ventimiglia@legalmail.it PIANO DEL COLORE DEL CENTRO

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Casa dell Architettura - Roma 24 gennaio 2013 USO PUBBLICO DELLE CASERME progetti di città nelle aree militari in dismissione I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Coordinamento Cittadino Progetto

Dettagli

Il Vicepresidente GELLI

Il Vicepresidente GELLI 10 14.2.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Art. 25 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore novanta giorni dopo la sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della

Dettagli

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo Regione Piemonte Bollettino Ufficiale n. 38 del 24 settembre 2009 Circolare della Presidente della Giunta Regionale 21 settembre 2009, n. 4/PET Legge regionale 14 luglio 2009, n. 20 Snellimento delle procedure

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica

CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica COMUNE DI THIENE UFFICIO URBANISTICA CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica 1 Premessa Il presente documento detta i criteri di valutazione

Dettagli

STUDIO BETA ASSOCIATI via Castiglione, 31 40124 BOLOGNA tel. 051 270290 fax 051 2915203 E-Mail: info@studiobeta.bo.it P.

STUDIO BETA ASSOCIATI via Castiglione, 31 40124 BOLOGNA tel. 051 270290 fax 051 2915203 E-Mail: info@studiobeta.bo.it P. STUDIO BETA ASSOCIATI via Castiglione, 31 40124 BOLOGNA tel. 051 270290 fax 051 2915203 E-Mail: info@studiobeta.bo.it P.IVA 01998241200 COMUNE DI CARPI MO OSSERVAZIONE ALLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1)

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) Art. 2 (Interventi di edilizia

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E comune di CAMPOSANTO P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E Norme di specificazione per gli interventi di ricostruzione e/o delocalizzazione di edifici posti in territorio rurale vincolati dalla

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

CAMPANIA. Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del:

CAMPANIA. Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del: CAMPANIA AMPLIAMENTI Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del: 20% del volume esistente per tipologie uni-bifamiliari o comunque

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 1 Comune di Recanati Recanati li 21.11.2007 Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 Sottotitolo P.P. 1 Castelnuovo PREMESSA In attuazione degli

Dettagli

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità.

Completa lo studio un analisi sulla qualità dell aria in relazione ai consumi energetici civili, industriali ed alla mobilità. Scheda : Piano territoriale di coordinamento della Provincia di Modena Adozione: 22 luglio 2008 Riguarda il territorio provinciale Referente INU per la scheda: Fatima Alagna. Direttivo INU Emilia Romagna

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Il Progetto Parella di Manital

Il Progetto Parella di Manital Il Progetto Parella di Manital Dalla capacità imprenditoriale di Manital, dal proprio spirito innovativo e dal profondo legame con il territorio, nasce un progetto che affonda le proprie radici nella

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

RELAZIONE TECNICA - ADOTTATO - 314/GR. allegato. Adottato dal C.C. con delibera n del. n del. Provvedimento di compatibilità con il PTCP

RELAZIONE TECNICA - ADOTTATO - 314/GR. allegato. Adottato dal C.C. con delibera n del. n del. Provvedimento di compatibilità con il PTCP Progettista: Sindaco: - ADOTTATO - Segretario: Adottato dal C.C. con delibera n del Provvedimento di compatibilità con il PTCP n del Approvato dal C.C. con delibera n del - PIANO DELLE REGOLE - RELAZIONE

Dettagli

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero

Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero A cura del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati Dott. Geom. Alessio Gallo Iscritto al collegio dei Geometri e dei Geometri

Dettagli

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese Manifesto per l adesione delle aziende Il Distretto Neorurale delle tre acque di Milano

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-225 del 30/06/2015

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-225 del 30/06/2015 118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-225 del 30/06/2015 DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA PROPOSTA PRESENTATA DALLA SOGEGROSS S.P.A.,

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Allegato a) RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento riguarda l immobile in piazza Bernini n. 5, nella Circoscrizione Amministrativa n. 3 (San Paolo, Cenisia, Pozzo Strada, Cit Turin, Borgata Lesna),

Dettagli

Cosa faremo. Programma legislatura 2010-2015 TURISMO

Cosa faremo. Programma legislatura 2010-2015 TURISMO Cosa faremo Programma legislatura 2010-2015 TURISMO INFRASTRUTTURE Utilizzo e valorizzazione delle infrastrutture già in opera, studio di fattibilità per adeguamento e abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO)

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) 1 2 3 UNITA EDILIZIA N. 1 Sono

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA

COMUNE DI MASSA MARITTIMA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA P. DI R. A- REA COMPLESSO EDILIZIO MOLINO BADII U.T.O.E. DI MASSA M.MA E GHIRLANDA (P.A.12 M.G.3). COMUNE DI MASSA MARITTIMA PROVINCIA DI GROSSETO COMMITTENTE: SIG. FRANCO

Dettagli

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO Settore Assetto del Territorio ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA C o m u n e d i M o m b e r c e l l i Piazza Alfieri, n.2-14047 Mombercelli - Provincia di Asti c.f. e p.i. 00206070054 - Tel. 0141 959.610 Fax 0141 959.756 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli