TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO"

Transcript

1 TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO Un taglio cesareo (TC) è detto elettivo quando è stato deciso a priori ed è effettuato in situazioni non di urgenza. Elettivo è sinonimo di scelto e nel caso del TC il termine elettivo non va mai utilizzato da solo, ma richiede la specifica relativa alla/e motivazione/i per cui tale intervento è programmato in modo elettivo. La rassegna delle indicazioni che più frequentemente motivano l esecuzione di un taglio cesareo elettivo, valutata alla luce delle linee guida delle Società Scientifiche di riferimento, permette di evidenziare che se per alcune di esse l'indicazione è pertinente, per altre viceversa è molto meno forte e, addirittura in alcuni casi va riconsiderata l'appropriatezza della necessità di ricorrere ad un TC. Presentazione podalica: interessa il 3-4% dei feti singoli a termine e tale percentuale può essere ridotta attraverso il rivolgimento per manovre esterne, a partire dalla 37^ settimana. Tale manovra è controindicata in caso di travaglio di parto, rottura delle membrane, anomalie cardiotocografiche, sanguinamenti vaginali, cicatrici e malformazioni uterine. Il caso di fallimento del rivolgimento o di mancata esecuzione, l'indicazione al TC, è appropriata. Il parto vaginale in questi casi può essere effettuato solo nell'ambito di protocolli specifici, previa acquisizione di consenso e l'esito è legato all'esperienza dell'operatore. Placenta previa: l'indicazione è assoluta sia in caso di localizzazione centrale che marginale (distanza dall' orifizio interno inferiore a 2 cm). In questi casi il rischio di emorragia in corso di TC è 12 volte superiore alla media e pertanto tale intervento deve essere effettuato in contesti di strutture attrezzate per l' emergenza. Patologia da adesione placentare, placenta accreta/percreta, da sospettare nei soggetti con precedente TC e localizzazione placentare bassa. In questi casi l esecuzione del Color Doppler effettuato a settimane è indicata per arrivare ad una diagnosi più accurata possibile. In caso di conferma dell' adesione patologica della placenta, il TC andrà effettuato presso una struttura attrezzata per l'emergenza coinvolgendo anche il personale senior (ostetrico, anestesista ed ematologo). Gravidanza multipla: nella gravidanza gemellare bicoriale o monocoriale, per presentazioni diverse da quella cefalica-cefalica, deve o può essere indicato il taglio cesareo rispettivamente se la presentazione del I feto è diversa da quella cefalica o se la presentazione del secondo feto è podalica. Infezioni con rischio di trasmissione materno-fetale: a) per l' HIV il TC è indicato quando la paziente non ha effettuato terapia antiretrovirale, ha effettuato terapia antiretrovirale altamente attiva (HAART) ma la carica virale è maggiore di 400 copie, ha effettuato terapia diversa da HAART e la carica virale è maggiore di 50 copie; b) per infezione da Herpes Virus Simplex c'è indicazione al TC solo se le lesioni virali a livello genitale sono presenti nel 3 trimestre o al momento del parto; c) HbsAg e HCV non costituiscono indicazioni al TC. Parto pretermine spontaneo: la prematurità in se non costituisce indicazione all'esecuzione del TC. Ritardo di crescita intrauterino: il ricorso al TC va valutato in funzione della gravità del caso e solo in presenza di alterazioni della velocimetria doppler. Cardiopatie materne: le indicazioni al TC sono oggi molto ridimensionate rispetto al passato e vanno discusse con il cardiologo. In caso di TC, l'anestesia epidurale è controindicata e, nelle pazienti ad alto rischio, va fatta la profilassi antibiotica Sclerosi multipla, epilessia, patologie oftalmiche ed obesità non costituiscono indicazioni al TC. Richiesta materna in assenza di indicazioni mediche e/o ostetriche: in Italia è un argomento equivoco e finché non ci sarà giurisprudenza in merito, l'interrogativo rimane. Esistono elementi a

2 favore ed elementi contrari e molto ruota attorno all'interpretazione più o meno restrittiva dell'art. 5 del Codice Civile che vieta gli atti di disposizione del proprio corpo che comportano una riduzione dell'integrità fisica, o quando siano contrari alla legge, all'ordine pubblico e al buon costume e dell'art 32 della Costituzione che fa riferimento al principio dell'autodeterminazione del soggetto. Per concludere va ricordato che, nella gravidanza singola, con eccezione della placenta previa e del ritardo di crescita intrauterino, in tutti gli altri casi il TC elettivo non va mai programmato prima della 39^ settimana per il rischio di esiti neonatali avversi, non solo riferibili alla patologia respiratoria. PARTO PER VIA VAGINALE NELLA GRAVIDANZA GEMELLARE Negli ultimi 10 anni nella nostra regione si è assistito ad un incremento costante del numero di gravidanze gemellari: nel 2012 i nati da parti gemellari in Toscana sono stati il 3.5% del totale, con un incremento percentuale del 55 % rispetto al Nel 3 % dei casi circa si tratta di gravidanze sono tri/quadrigemellari. L aumento delle gravidanze gemellari riconosce due fattori principali: da una parte l aumento dell età materna al parto, che è un fattore che predispone alle gravidanze plurime di per sé e dall altra il ricorso sempre più frequente a tecniche di fecondazione assistita. Un analisi statistica multivariata dei dati toscani per il triennio , dimostra in effetti come il ricorso alla procreazione medicalmente assistita risulti essere il principale fattore di rischio per la gemellarità con un OR di 22,9 (IC 95%: 20,8-25,2). Nel 2012 l 85.8% dei gemelli sono nati con TC Se analizziamo però i TC della nostra regione secondo le classi di Robson vediamo che l incidenza dei TC per le gravidanze gemellari (VIII classe di Robson) pesa per un 6.1 % tra tutti i TC ( 1.8% di tutti i parti) a fronte di altre classi come la V (pregresso TC), la II (travagli indotti o TC fuori travaglio) e la I (nullipare, travaglio spontaneo, feto singolo, cefalico), che pesano molto di più. Esiste un aumento di rischio per alcune patologie materno-fetali: rischio di mortalità materna (OR 2.5), rischio di preeclampsia (OR 3 nelle bigemine, OR 9 nelle trigemine), rischio di emorragia postparto (OR 3), rischio di mortalità perinatale (OR 1.34) Contribuiscono per il 19% alle gravidanze fortemente pretermine (< 32 settimane) e presentano un OR di 22.4 nel rischio di parto pretermine (< 36 settimane) Esiste inoltre un rischio aumentato per diabete, malformazioni fetali, morbilità neonatale Evidenze per quanto riguarda modalità del parto: Per quanto riguarda le modalità del parto dopo PMA tutte le principali Società Scientifiche ritengono che, indipendentemente dalla tecnica utilizzata, debba essere assolutamente sovrapponibile a quella insorta spontaneamente: Safety first approach non giustificato. Non vi sono chiare prove di efficacia che supportino una specifica modalità di parto nel caso di nato pretermine Per la successiva condotta ostetrica è importante individuare precocemente la corionicità (B) La corionicità si evidenzia meglio entro la 14 settimana (C) Una revisione della Cochrane ha valutato l unico trial randomizzato effettuato sulla modalità del parto per i gemelli concludendo che il TC non dovrebbe essere considerato come la modalità di parto universalmente adottata nei gemelli. È opportuno che il parto gemellare sia programmato in un ospedale di II o III livello (II C)

3 Quando si offra il parto per via vaginale nella gravidanza gemellare è fondamentale che la donna riceva un counceling personalizzato (IIIC) Le Evidenze supportano la possibilità di parto vaginale nelle gravidanze gemellari bicoriali late preterm o a termine con peso stimato > 1500 gr, se fra i due feti non esiste una discordanza > 500 gr Non sono invece decisivi i dati in merito alla migliore modalità di espletamento del parto nei feti < 1500 g Nella presentazione vertice-vertice il TC programmato è associato a una più alta mortalità perinatale (RR: 2.24) Nella presentazione vertice-podice, TC associata a una più bassa mortalità neonatale senza tuttavia raggiungere la significatività statistica (RR: 0,79 ) Pertanto la presentazione podalica del 2 feto non è una controindicazione all espletamento del parto per via vaginale ma richiede ostetrici esperti, in grado di effettuare ECV o estrazione podalica del II gemello (IIIC) Estrazione podalica o ECV sono associate ad una riduzione di TC con outcome neonatali e materni sovrapponibili in feti > 1,500 g. (IIB) Nelle gravidanze monocoriali bi amniotiche senza complicazioni, è possibile offrire un parto vaginale, se la donna lo accetta, a settimane (Good Practice) È consigliabile invece proporre un TC elettivo (II B) a. Nei gemelli Monocoriali monoamniotici b. Quando il primo feto è podalico c. In presenza di altre indicazioni al TC (come nelle gravidanze singole) d. Nelle gravidanze tri/quadrigemine ( GP) Evidenze per quanto riguarda il timing del parto Nelle gravidanze Monocoriali Monoamniotiche: offrire TC elettivo a settimane per l elevato rischio di mortalità perinatale (II-C) Nella gravidanza monocoriale biamniotica parto a settimane Nelle gravidanze bicoriali biamniotiche senza complicazioni parto a settimana Nelle gravidanze trigemine parto a 35 settimane Nelle gravidanze quadrigemine parto a 30 ( GP)

4 MM Triple MB BB Comportamenti non sostenuti da evidenze NO evidenze sufficienti a favore dell induzione Riposo a letto Somministrazione vaginale o intramuscolare di progesterone (studi in corso) Cerchiaggio cervicale Uso di Tocolitici orali Raccomandazioni per il parto nelle gravidanze gemellari: Nelle gravidanze bicoriali/ biamniotiche con entrambi i feti cefalici,in assenza di fattori di rischio,si raccomanda il parto per via vaginale in quanto non è dimostrata l efficacia del TC nel ridurre mortalità e morbosità neonatali (IVB) Nelle gravidanze bicoriali/biamniotiche in cui il 2 gemello non ha presentazione cefalica non sono disponibili prove di efficacia a sostegno dell efficacia del TC nel ridurre mortalità e morbosità neonatali ( IV C ). Può essere pertanto discusso il parto vaginale se non ci sono complicazioni e se il bishop favorevole, offrendo EVC o parto podalico in una struttura che possa offrire un expertise ostetrico-neonatologico Nelle gravidanze bicoriali/biamniotiche in cui il 2 gemello non ha presentazione cefalica può essere offerta l assistenza al parto vaginale in una struttura ospedaliera che offra un expertise ostetrico-ginecologico appropriato ( GP) Nelle gravidanze bicoriali/biamniotiche senza fattori di rischio, in caso di indicazioni al TC, l intervento non deve essere effettuato prima della 38 settimana, per evitare eventi avversi neonatali (IVB) Nelle gravidanze monocoriali/biamniotiche non complicate discutere parto vaginale se entrambi i feti cefalici e Bishop favorevole. Si raccomanda comunque l espletamento del parto a settimane di gestazione. (IVB)

5 Nelle gravidanze monocoriali/monoamniotiche (MCMA) non complicate si raccomanda l espletamento del parto mediante TC elettivo a 32 settimane di gestazione (VB) Altre Raccomandazioni: Offrire eco tra settimana per valutazione EG e coriogenicità Offrire screening per anomalie cromosomiche, e anomalie strutturali Individuazione rischio parto pretermine Individuazione GDM Individuazione precoce IUGR Individuazione anemia Individuazione precoce trasfusione feto-fetale Promuovere parto vaginale nelle situazioni non complicate Informare e sostenere la donna e i familiari Informare le donne con gravidanze gemellari o trigemine del fatto che il trattamento con aspirina a basso dosaggio dalla 12 settimana, riduce il rischio di ipertensione e deve essere considerato Alla prima gravidanza Nelle donne over 40 Nelle gravidanze che intervengono dopo più di 10 aa dall ultima effettuata Se BMI > 30 alla prima visita Se c è familiarità per preeclampsia (RCOG)

6 Lg TC ISS

7 ESPLETAMENTO DEL PARTO DOPO PREGRESSO TAGLIO CESAREO (VBAC) Cosa significa effettuare un parto di prova dopo un pregresso taglio cesareo In Italia il tasso di TC è in media del 38%, con una ampia variazione regionale. La Toscana si colloca al quarto posto con il 26%. Per quanto riguarda la distribuzione dei VBAC, la media nazionale è del 10%, mentre quella Toscana è del 21%. I principali rischi del travaglio di prova sono rappresentati da un aumentato numero di rotture d utero e isterectomie post-partum. D altra parte, nel 2010 la Consensus Conference del National Institut of Health statunitense ha dichiarato il TOLAC un opzione ragionevole. Non essendo presente in letteratura nessun trial randomizzato che confronti il TC ripetuto con il VBAC, nonostante sia ormai chiarito che gli outcomes sfavorevoli materno-fetali siano rari (< 1%), la scelta della donna è altamente influenzata dal parere del medico e dal luogo scelto per partorire. Nel 2011 nelle strutture toscane l incidenza di taglio cesareo è stata del 26,0% (dati Certificato di Assistenza al Parto). La classe di Robson costituita dai pregressi TC (V) assorbe il 29,0% dei cesarei pur rappresentando l 8,8% del totale dei parti. L incidenza di taglio cesareo in questa classe è dell 83,3%. Porsi il problema del contenimento dei cesarei non può prescindere dal verificare se queste percentuali siano appropriate e se con idonee misure correttive possiamo ridurre il ricorso al taglio routinario in questa classe di pazienti. Perché è importante motivare le pazienti con pregresso taglio cesareo a effettuare un parto di prova per via vaginale L atteggiamento di diffidenza nei confronti del VBAC dimostrato in alcune realtà ospedaliere Toscane è legato alla percezione del rischio materno-fetale in cui si può incorrere adottando questa modalità di parto. Quando si fa un analisi dei rischi e dei benefici di una determinata procedura medica, però, è corretto fare la stessa analisi anche sulla procedura alternativa. Il confronto tra le due modalità di parto nella paziente con pregresso TC in relazione ai rischi materni è esposto nella Tabella 1. Rischi materni TC ripetuto (%) TOLAC (%) 1 pregresso TC > 1 pregresso TC Endometrite 1,5-2,1 2,9 3,1 Lesioni intraoperatorie 0,42-0,6 0,4 0,4 Emotrasfusione 1,0-1,4 0,7-1,7 3,2 Isterectomia 0-0,4 0,2-0,5 0,6 Rottura uterina 0,4-0,5 0,7-0,9 0,9-1,8 Morte materna 0,02-0,04 0,02 0 Tabella 1. Rischi materni da TC ripetuto e da TOLAC (da: ACOG Practice Bulletin n 115, 2010) Nella Tabella 2 sono confrontate le cause di morbilità neonatale nei nati da TC ripetuto e da VBAC. Come si può notare i rischi sono quelli sovrapponibili ai parti di pazienti senza pregresso TC. Rischi neonatali TC ripetuto (%) TOLAC (%) Morte intrauterina fetale (37-38 settimane) 0,08 0,38 Morte intrauterina fetale (> 39 settimane) 0,01 0,16 Encefalopatia ischemica ipossica 0-0,13 0,08

8 Morte neonatale 0,05 0,08 Morte perinatale 0,01 0,13 Morbilità respiratoria 1-5 0,1-1,8 Tachipnea 6,2 3,5 Iperbilirubinemia 5,8 2,2 Tabella 2. Rischi neonatali da TC ripetuto e da TOLAC (da: ACOG Practice Bulletin n 115, 2010) Qual è l attuale atteggiamento suggerito dalle società internazionali di ostetricia Nel 2010 la Consensus Conference del NIH ha affrontato il tema del VBAC chiarendo tre punti importanti: il rischio globale di mortalità e morbilità perinatale per il VBAC è simile a quello di ogni nullipara in travaglio; il VBAC richiede un più alto standard di cure rispetto ad altre situazioni ostetriche; vi è una oggettiva difficoltà ad una copertura ottimale sanitaria e organizzativa in tutte le strutture ostetriche che consenta la diffusione del VBAC. Le associazioni inglesi e americane di ostetricia e ginecologia (RCOG e ACOG) hanno pubblicato le loro raccomandazioni sulla gestione della paziente con pregresso TC, ponendo al centro della questione la corretta selezione delle pazienti a cui proporre il TOLAC. Anche l Istituto Superiore di Sanità, tramite il Sistema Nazionale Linee Guida, ha espresso le proprie raccomandazioni riguardo al TC e al TOLAC. In particolare vengono specificate le seguenti buone pratiche cliniche:

9 Conclusioni Tutte le linee guida nazionali ed internazionali concordano sul fatto che il VBAC dovrebbe sempre essere considerato una alternativa al TC ripetuto nelle pazienti con pregresso TC. Nella pratica clinica, però, la gestione di questa situazione ostetrica è ben differente: negli Stati Uniti il VBAC viene offerto a meno della metà delle donne che sarebbero candidabili al TOLAC, in circa il 25% dei casi il VBAC viene rifiutato dalla paziente stessa e comunque il ricorso al TOLAC è ancora poco considerato (la media di VBAC è del 10% in Italia e del 20% in Toscana). Certamente occorre capire quali sono gli ostacoli alla diffusione del TOLAC e cercare di implementare le conoscenza e la pratica del VBAC. Tutto ciò si potrebbe ottenere fornendo un informazione continua alla donna a sostegno del TOLAC e incentivando le procedure che consentono il VBAC. Occorre ricordare che per il successo del VBAC è necessario selezionare con appropriatezza il TOLAC ed è necessario sostenere i punti nascita affinché siano dotati delle condizioni (soprattutto dal punto di vista della sicurezza) che consentano loro di incrementare in maniera appropriata i VBAC. Anche lo studio della riduzione dei costi deve essere considerato dalle struttura sanitarie allo scopo di aumentare il ricorso al TOLAC. Il VBAC può essere uno strumento valido per il contenimento dei costi, ma solo se utilizzato in maniera razionale. L efficienza dei costi del VBAC, infatti, dipende dalla probabilità di successo del parto vaginale: se la probabilità del parto è superiore al 74% allora il VBAC risulterà vantaggioso rispetto ad un TC ripetuto. Infine non bisogna dimenticare che né il TC elettivo né il parto vaginale sono esenti da rischi nella paziente con pregresso TC. Il metodo migliore per ridurre i problemi del parto in questa categoria di pazienti è (e rimane) quello di evitare il primo TC. CLASSIFICAZIONE DI ROBSON E FLUSSO DI DATI L analisi dell incidenza del taglio cesareo è strettamente correlata con la frequenza delle diverse indicazioni che portano all esecuzione dell intervento stesso. È quindi importante definire gruppi di categorie mutuamente esclusivi e totalmente inclusivi, rilevanti da un punto di vista clinico, al fine di rendere possibile una comparazione di risultati di una stessa unità operativa nel tempo o tra più unità operative. La classificazione di Robson risponde a queste caratteristiche. I parti sono suddivisi in 10 categorie usando i principali parametri utilizzati in ostetricia, presenti al momento del parto: presentazione fetale, parità, pregresso TC, numero di feti, travaglio ed età gestazionale. Il vantaggio di utilizzare questa classificazione è legato anche alla disponibilità di tutte queste informazioni nel Certificato di Assistenza al Parto (CAP) che viene compilato per ogni parto da tutti punti nascita a livello nazionale. In Toscana il Certificato di Assistenza al Parto ha raggiunto un ottimo livello di copertura: confrontando infatti il numero di parti rilevati attraverso il CAP con quelli delle Schede di Dimissione Ospedaliera si evince che il CAP è un flusso di dati che presenta una copertura pressoché totale. L utilizzo della classificazione di Robson per l analisi dell incidenza del taglio cesareo richiede anche che le variabili che la costituiscono siano di buona qualità. Dall analisi delle

10 variabili di interesse si sono rilevate delle criticità nella variabile sui pregressi tagli cesarei in alcuni punti nascita ai quali, durante la Conferenza di Consenso sul taglio cesareo del 18/12/2013, è stato richiesto un maggiore impegno nella compilazione. È stato inoltre sottolineato che l impegno sulla qualità dei dati deve riguardare tutte le variabili del Certificato di Assistenza al Parto la cui compilazione, oltre ad essere un obbligo di legge, rappresenta il punto cardine del sistema di sorveglianza perinatale nazionale. Alcuni risultati dell analisi per classe di Robson: Nel 2012 in Toscana si sono verificati parti e l incidenza di taglio cesareo è stata del 26,5%. Le prime 5 classi di Robson riguardano i parti a termine con feto singolo in presentazione cefalica. In particolare, la prima e la terza classe comprendono i parti con travaglio spontaneo delle primipare e delle pluripare senza pregresso taglio cesareo (TC) rispettivamente. Esse rappresentano il 58,9% dei parti mentre assorbono il 13,3% dei cesarei. La proporzione di TC è infatti molto bassa in queste due classi: 9,3% tra le primipare e 1,9% tra le altre. La seconda e la quarta classe comprendono invece i parti indotti o con taglio cesareo prima del travaglio, delle primipare e pluripare senza pregresso TC rispettivamente, e costituiscono il 21,8% del totale dei parti totali e il 30,2% dei parti cesarei. È invece la classe di Robson costituita dai pregressi TC (V) ad assorbire il 29,5% dei cesarei pur rappresentando il 9,2% del totale dei parti. L incidenza di taglio cesareo in questa classe è dell 83,1%. Le altre classi di Robson rappresentano in totale il 10,1% dei parti e sono le gravidanze singole con feto in presentazione podalica (classe VI e VII), le gravidanze plurime (classe VIII), le gravidanze singole con feto in presentazione anomala (classe IX) e il feto singolo in presentazione cefalica ma pretermine (classe X). La proporzione di tagli cesarei è del 44,4% in quest ultima classe. Le altre classi di Robson presentano proporzioni superiori al 75%, in particolare la VI e la VII che riguardano i podalici presentano un incidenza superiore al 90%. L'analisi per classe di Robson evidenzia una variabilità tra punti nascita. BIBLIOGRAFIA: Linea Guida 22 ISS: Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole. (seconda parte) 2012 NICE Clinical Guidelines: Cesarea section Berghella V et al: Use and misuse of the term elective in obstetrics. Obstet Gynecol 2011: 117( 2); Spong C Y et al from The NICHHD, SMFM ACOG: Preventing the first cesarean delivery. Obstet Gynecol 2012: 120 (5); MANAGEMENT OF MONOCHORIONIC TWIN PREGNANCY RCOG Green-top Guideline No. 51 Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Seconda parte (ISS) gennaio 2012 Multiple pregnancy: the management of twin and triplet pregnancies in the antenatal period NHS Settembre 2011 SOGC Consensus Statement : Management og Twin Pregnancies No 91, 2000 South Australian Perinatal Practice Guidelines Department of Health, Governement of South Australia 2012 ACOG Practice Bullettin No 56, October 2004 National Guideline Clearinghouse Multiple gestation: complicated twin,triplet and highorder multifetal pregnancy, 2009 WHO recommendation for induction of labour

PRESENTAZIONE PODALICA

PRESENTAZIONE PODALICA 1 2 3 INDICE 4 PRESENTAZIONE PODALICA 4% delle gravidanze a termine (CeDAP 2008) Nel 2000 è stato pubblicato un Trial multicentrico randomizzato internazionale (Term Breech trial) che ha dimostrato che

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo IL TAGLIO CESAREO ELETTIVO: INDICAZIONI Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo Marcella Falcieri 2011 TAGLIO CESAREO ELETTIVO INDICAZIONI DA EBM/EBO LG ISS 2011 RCOG 2011 REALTA ASSISTENZIALE Tasso

Dettagli

Il rapporto nascita: nati nel 2008

Il rapporto nascita: nati nel 2008 Bologna 9 dicembre 2009 Il rapporto nascita: nati nel 2008 Dante Baronciani, 1 WHO CC for evidence-based research synthesis and guideline development in reproductive health le buone notizie Goodnews 2

Dettagli

Prof. Luigi Fedele Prof. Giorgio Bolis D.ssa Alessandra Kustermann

Prof. Luigi Fedele Prof. Giorgio Bolis D.ssa Alessandra Kustermann Percorso nascita in CLINICA MANGIAGALLI - Milano Schede di Dimissione Ospedaliera e del Certificato di Assistenza al Parto 2009 e 2010 DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO

Dettagli

Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara

Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara La plurifecondazione umana con lo sviluppo di più feti e la fecondazione unica con sdoppiamento e sviluppo dei due feti costituiscono

Dettagli

Dipartimento di Scienze Ostetrico-Ginecologiche, Urologiche e Fisiopatologia della Riproduzione Umana, Università di Napoli "Federico II"

Dipartimento di Scienze Ostetrico-Ginecologiche, Urologiche e Fisiopatologia della Riproduzione Umana, Università di Napoli Federico II C. DI CARLO, A. DI SPIEZIO SARDO, C. NAPPI Dipartimento di Scienze Ostetrico-Ginecologiche, Urologiche e Fisiopatologia della Riproduzione Umana, Università di Napoli "Federico II" - Testo articolo - Bibliografia

Dettagli

GEMELLI DIZIGOTI. zigosità 70% DEI GEMELLI CORREDO CROMOSOMICO E GENETICO DIFFERENTE POSSONO ESSERE DI SESSO DIFFERENTE

GEMELLI DIZIGOTI. zigosità 70% DEI GEMELLI CORREDO CROMOSOMICO E GENETICO DIFFERENTE POSSONO ESSERE DI SESSO DIFFERENTE DIAGNOSI DI GRAVIDANZA GEMELLARE: L'IMPORTANZA DELL'ECOGRAFIA NEL I TRIMESTRE Carla Verrotti U.O. Salute Donna Dipartimento Cure Primarie Distretto di Parma Azienda USL di Parma zigosità corionicità amnioticità

Dettagli

La gravidanza a rischio e la nascita prematura

La gravidanza a rischio e la nascita prematura La gravidanza a rischio e la nascita prematura Pier Luigi Montironi Direttore S.C. Ostetricia Ginecologia Ospedale S. Croce Moncalieri Il parto pretermine costituisce uno dei maggiori problemi sanitari,

Dettagli

Raffaella Michieli Venezia

Raffaella Michieli Venezia Le malattie infettive in gravidanza: quando è indicato il Taglio Cesareo? Raffaella Michieli Venezia Trasmissione verticale delle infezioni in gravidanza Contagio intrauterino ( infezioni congenite) Contagio

Dettagli

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto Clinica Ostetrico Ginecologica Direttore Prof. A. Patella Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto vaginale dopo cesareo Liliana Pittini Per una scelta informata Cosa dire Come dirlo Quando

Dettagli

Nascere oggi in Italia: luci e ombre

Nascere oggi in Italia: luci e ombre Nascere oggi in Italia: luci e ombre Mario De Curtis Convegno: I Gemelli in Età Pediatrica: Epigenetica, Epidemiologia e Clinica Roma, 4-5 Ottobre 2013 mario.decurtis@uniroma1.it Cambiamenti demografici

Dettagli

12 Commissione Igiene e sanità del Senato della Re pubblica

12 Commissione Igiene e sanità del Senato della Re pubblica Indagine conoscitiva sul percorso nascita e sulla situazione dei punti nascita con riguardo all individuazione di criticità specifiche circa la tutela della salute della donna e del feto e sulle modalità

Dettagli

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il parto naturale è quello che inizia spontaneamente e che si mantiene tale, senza segni di disfunzione,

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM)

IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM) IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM) Dr.ssa Donatella Zavaroni Il diabete gestazionale ( GDM ) è un alterazione del metabolismo glucidico che compare in gravidanza.e tra le

Dettagli

Si definisce gravidanza multipla quella in cui si sviluppano contemporaneamente due embrioni e, poi, feti.

Si definisce gravidanza multipla quella in cui si sviluppano contemporaneamente due embrioni e, poi, feti. Si definisce gravidanza multipla quella in cui si sviluppano contemporaneamente due embrioni e, poi, feti. Quando gli embrioni sono due gravidanza gemellare; Se sono tre gravidanza trigemina ( quadrigemina,

Dettagli

Parto dopo taglio cesareo

Parto dopo taglio cesareo Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva UU.OO. Ostetricia e Ginecologia U.O. Aziendale di Pediatria e Neonatologia Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Familiari Parto dopo taglio cesareo

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari Dia 1 Quando parliamo di diabete in gravidanza, dobbiamo distinguere : il Diabete di tipo 1, il Diabete di tipo 2, la ridotta tolleranza glucidica preesistenti alla gravidanza, oppure tutte quelle alterazioni

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof.

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Corso di Laurea in OSTETRICIA Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Fabio GHEZZI Programma: Il monitoraggio della gravidanza fisiologica

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA Dr.ssa FEDERICA GIOMMI Milano Marittima 5 Giugno 2010 www.centroaretusa.it Preeclampsia Preeclampsia : 2% delle gravidanze,

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione. L. Cobellis.

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione. L. Cobellis. Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione L. Cobellis IUGR: definizione IUGR: Un feto non in grado di raggiungere il suo potenziale

Dettagli

COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO

COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO 11 COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO (630-677) Le condizioni che influenzano l evoluzione della gravidanza, del parto e del puerperio sono classificate da 630 a 677, nell ambito

Dettagli

I risultati del progetto pilota di sorveglianza della mortalità materna ISS-Regioni

I risultati del progetto pilota di sorveglianza della mortalità materna ISS-Regioni XXXIX Congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Alimentazione e Salute nell era della Globalizzazione Milano, 28-30 ottobre 2015 I risultati del progetto pilota di sorveglianza della mortalità

Dettagli

Medicina-Ostetricia e Ginecologia. Medico Ostetrico-Ginecologo; Attività didattica e di ricerca in ambito biomedico

Medicina-Ostetricia e Ginecologia. Medico Ostetrico-Ginecologo; Attività didattica e di ricerca in ambito biomedico Europass curriculum vitae Informazioni personali Cognome/i e nome/i Nazionalità/e Data e luogo di nascita Codice Fiscale Impiego ricercato / Settore di competenza Locatelli Anna Italiana 02/19/1964 Milano

Dettagli

Il nuovo modello di assistenza alla gravidanza fisiologica elaborato dal WHO

Il nuovo modello di assistenza alla gravidanza fisiologica elaborato dal WHO Il nuovo modello di assistenza alla gravidanza fisiologica elaborato dal WHO ---------------------------------------------------------------------------------------- Criteri per l'identificazione delle

Dettagli

Immigrazione, gravidanza e parto

Immigrazione, gravidanza e parto 9 febbraio 2013 Immigrazione, gravidanza e parto Monica Da Frè, Monia Puglia, Eleonora Fanti, Fabio Voller Settore Epidemiologia dei servizi sociali integrati Osservatorio di epidemiologia Agenzia Regionale

Dettagli

Induzione del parto. Quesiti Clinico-Assistenziali anno 3, n.2 gennaio 2012

Induzione del parto. Quesiti Clinico-Assistenziali anno 3, n.2 gennaio 2012 Che cosa si intende per induzione del parto?...2 Quali sono i principali metodi di induzione del parto?...4 Come si sceglie il metodo di induzione?...7 Quali sono le principali complicanze dell induzione

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 )

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) INDICE DOCUMENTO PRECEDENTE LEGENDA SIGLE E ABBREVIAZIONI SUCCESSIVA 2. IL PERCORSO NASCITA La gravidanza ed il parto sono eventi

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione LA GRAVIDANZA GEMELLARE. N.

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione LA GRAVIDANZA GEMELLARE. N. Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione LA GRAVIDANZA GEMELLARE N. Colacurci EPIDEMIOLOGIA Coll. Of Obstet and Gyn., ACOG, 1998 Norwitz

Dettagli

Dr.ssa IVANA ALGERI IL LIQUIDO AMNIOTICO

Dr.ssa IVANA ALGERI IL LIQUIDO AMNIOTICO Dr.ssa IVANA ALGERI IL LIQUIDO AMNIOTICO CONGRESSO REGIONALE AOGOI 25/26/27 MARZO 2010 OLIGOIDRAMNIOS OLIGOIDRAMNIOS Liquido amniotico Compartimento/Distretto dinamico in continua e stretta correlazione

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Allegato A PERCORSO ASSISTENZIALE MONITORAGGIO OSTETRICO-METABOLICO DEL DIABETE GESTAZIONALE

Allegato A PERCORSO ASSISTENZIALE MONITORAGGIO OSTETRICO-METABOLICO DEL DIABETE GESTAZIONALE Allegato A PERCORSO ASSISTENZIALE MONITORAGGIO OSTETRICO-METABOLICO DEL DIABETE GESTAZIONALE 1 1- PREMESSA Il diabete gestazionale, definito come intolleranza ai carboidrati di gravità variabile ad insorgenza

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza.

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 2) Docente, dal 1995, della Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. - Diagnosi

Dettagli

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Lg linea guida Sistema nazionale per le linee guida Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Seconda parte linea guida 22 Nota per gli utilizzatori Le linee guida rappresentano uno strumento

Dettagli

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Dott. F. Stoppoloni, Responsabile U.O.S. Gravidanze ad alto rischio Dott. G. Salvia, Responsabile U.O.S. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Osp. Buon Consiglio

Dettagli

Lavori originali L AMBULATORIO DI FINE GRAVIDANZA CLINICAL VALUATION OF PREGNANCY AT TERM

Lavori originali L AMBULATORIO DI FINE GRAVIDANZA CLINICAL VALUATION OF PREGNANCY AT TERM Lavori originali L AMBULATORIO DI FINE GRAVIDANZA CLINICAL VALUATION OF PREGNANCY AT TERM U. O. di Ginecologia e Ostetricia - Ospedale C. Magati Scandiano (RE) RIASSUNTO L obbiettivo di ogni operatore

Dettagli

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine ECOGRAFIA FETO NUMERO e VITALITA CORIONICITA AMBIENTE FETALE ACCRESCIMENTO MORFOLOGIA e FUNZIONALITA PLACENTA LOCALIZZAZIONE FUNZIONALITA

Dettagli

La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione

La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione GISCI Riunione operativa gruppo di lavoro di 2 livello Napoli 11 dicembre 2006 ADOLESCENTI

Dettagli

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Lg linea guida Sistema nazionale per le linee guida Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Seconda parte linea guida 21 Nota per gli utilizzatori Le linee guida rappresentano uno strumento

Dettagli

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio 1. BACKGROUND La mortalità e la morbosità materna grave correlate al travaglio o

Dettagli

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum La sorveglianza della mortalità materna in Italia: validazione del progetto pilota e prospettive future 5 Marzo 2015 Istituto Superiore di Sanità La Sorveglianza Ostetrica come occasione di integrazione

Dettagli

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri Dr. V. Agnello, Dr. P. Di Gaetano, Dr. V. Guaiana, Dr. V. Sparacino Taormina, 15 aprile 2011 CONTATTI SCHEDA DATI 10 anni (1977-1987)

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA.

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. Partecipanti al gruppo di redazione Serra Giovanni, direttore U.O. Patologia Neonatale-Centro Neonati a Rischio, Istituto G.Gaslini,

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI DIABETE E GRAVIDANZA SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI ALESSANDRO VOLTA Alessandro.Volta@ausl.re.it ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

LEZIONI OSTETRICIA E GINECOLOGIA

LEZIONI OSTETRICIA E GINECOLOGIA OTTOBRE 2011 3 LU 4 MA dalle 11.30 alle 12.15 GAMETOGENESI - FECONDAZIONE PLACENTAZIONE D'ANTONA 5 ME dalle 12.30 alle 13.15 FUNZIONI PLACENTARI - MODIFICAZIONI MATERNE IN GRAVIDANZA D'ANTONA dalle 13.30

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita Linee Guida Pierpaolo Mastroiacovo Professore di Pediatria Direttore ICBD Alessandra Lisi International Centre on Birth Defects and Prematurity

Dettagli

"CORSO TREVISO" VI 2012/2013 DECRETO D'AREA

CORSO TREVISO VI 2012/2013 DECRETO D'AREA OTTOBRE 2012 LEZIONI OSTETRICIA e GINECOLOGIA "CORSO TREVISO" VI anno, Primo semestre a.a. 2012/2013 1 LU 2 MA dalle 11.30 alle 12.15 GAMETOGENESI - AMBROSINI 3 ME dalle 12.30 alle 13.15 FECONDAZIONE PLACENTAZIONE

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia DEFINIZIONE PROM Per premature rupture of membranes (PROM) si intende

Dettagli

Taglio cesareo e parto gemellare

Taglio cesareo e parto gemellare Taglio cesareo e parto gemellare V. Dubini * M. Puglia, M. Da Frè, E. Fanti * Direttore f.f. SC Ginecologia e Ostetricia Nuovo ospedale San Giovanni di Dio ARS Toscana, Osservatorio di Epidemiologia, Settore

Dettagli

Programmazione di gravidanza nelle donne con diabete pregestazionale: applicazione del nostro modello organizzativo in un follow up di 7 anni

Programmazione di gravidanza nelle donne con diabete pregestazionale: applicazione del nostro modello organizzativo in un follow up di 7 anni Programmazione di gravidanza nelle donne con diabete pregestazionale: applicazione del nostro modello organizzativo in un follow up di 7 anni Bonfadini S., Agosti B., Rocca L., Zarra E., Cimino A. UO Diabetologia,

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

L assistenza ostetrica in gravidanza

L assistenza ostetrica in gravidanza L assistenza ostetrica nella gravidanza fisiologica: attualità e prospettive Roma, 17 Dicembre 2010 L assistenza ostetrica in gravidanza Raccomandazioni di comportamento clinico sul percorso nascita redatte

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

PATOLOGIE IN ETA PRENATALE

PATOLOGIE IN ETA PRENATALE PATOLOGIE IN ETA PRENATALE PREMATURITA La WHO definisce il parto pretermine come il parto che avviene prima delle 37 settimane di gravidanza 6-10% dei parti sono pretermine ma di questi 50% > 35 settimane.

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

Indice generale. Unità 1. Introduzione all assistenza in area materno-infantile 1. 1 La donna, la famiglia, la comunità e la salute 3

Indice generale. Unità 1. Introduzione all assistenza in area materno-infantile 1. 1 La donna, la famiglia, la comunità e la salute 3 Indice generale Indice dei riferimenti on-line Prefazione alla seconda edizione Autori e collaboratori Unità 1 XIII XVII XXIII Introduzione all assistenza in area materno-infantile 1 1 La donna, la famiglia,

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE SCREENING ECOGRAFICO DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE DEL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE SCREENING ECOGRAFICO DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE DEL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE ENTE ECCLESIASTICO CIVILMENTE RICONOSCIUTO 16122 GENOVA Corso Solferino, 1A Tel 010/55221 Sede Legale: Salita Sup. S. Rocchino, 31/A STRUTTURA COMPLESSA DI OSTETRICIA

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Diagnosi invasiva delle anomalie fetali: dall amniocentesi alla villocentesi

Diagnosi invasiva delle anomalie fetali: dall amniocentesi alla villocentesi Diagnosi invasiva delle anomalie fetali: dall amniocentesi alla villocentesi Gianluigi Pilu Clinica Ginecologica e Ostetrica, Università di Bologna GynePro Medical Centers Bologna, Italy Amniocentesi e

Dettagli

Corso di laurea in Ostetricia

Corso di laurea in Ostetricia Corso di laurea in Ostetricia SCHEDA PER L ILLUSTRAZIONE DEL PERCORSO DIDATTICO DISCIPLINARE Insegnamento Modulo Docente del Modulo Email da fornire agli studenti Settore scientifico disciplinare Programma

Dettagli

L interpretazione e la gestione del test

L interpretazione e la gestione del test LO SCREENING DEL I TRIMESTRE : TECNICHE, RUOLI E PROSPETTIVE Imola 14 Settembre 2013 L interpretazione e la gestione del test combinato del I trimestre : come e chi? A.Visentin Azienda USL di Bologna U.O.

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

Il test combinato del primo trimestre:

Il test combinato del primo trimestre: CORSO DI ECOGRAFIA CLINICA: SCREENING DEL I TRIMESTRE e SCREENING GINECOLOGICO PRECHIRURGICO Il test combinato del primo trimestre: interpretazione e gestione del referto A.Visentin M.Segata Azienda USL

Dettagli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli LIVELLI DI PROVA I L esecuzione di questa procedura è fortemente raccomandata II Prove ottenute da un solo studio randomizzato di disegno adeguato III Prove

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

prestazione Tale refertazione deve avvalersi di un linguaggio descrittivo conforme agli standard stabiliti ad oggi dalle Società Scientifiche

prestazione Tale refertazione deve avvalersi di un linguaggio descrittivo conforme agli standard stabiliti ad oggi dalle Società Scientifiche L Interpretazione del Reperto Ecografico Ostetrico Ost. Dr.ssa Il referto ecografico costituisce, in quanto comunicazione dei dati rilevati dall ecografia, l espressione finale dell atto ecografico, rivolto

Dettagli

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali La domanda che ogni donna in gravidanza rivolge al proprio ginecologo e quali esami eseguire per essere certi che il proprio bambino

Dettagli

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. Giovanni Battista Nardelli Inserzione

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde

Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde Ostetrica e ultrasuoni: Il ruolo dell Ostetrica alla luce delle nuove normative VI CORSO GALLURESE DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA OLBIA

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ 1 Frequenza delle anomalie cromosomiche alla nascita in funzione dell età materna anomalie/1000 nati 40 35 30 25 20 15 10

Dettagli

I near miss da emorragia del post-partum: una della attività di ricerca e formazione dell Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS)

I near miss da emorragia del post-partum: una della attività di ricerca e formazione dell Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS) I near miss da emorragia del post-partum: una della attività di ricerca e formazione dell Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS) Serena Donati Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

DECISION MAKING. E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente:

DECISION MAKING. E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente: DECISION MAKING E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente: Cosa indosserò questa mattina? Dove e cosa mangerò a pranzo? Dove parcheggerò l auto? Decisioni assunte

Dettagli

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI NUMERO MONOGRAFICO Notiziario gennaio 2010 SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI a cura del dr.moreno Dindelli Specialista in Ginecologia e Ostetricia Dall autunno 2009,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3121 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI COLONNESE, LOREFICE, GRILLO, SILVIA GIORDANO, LUIGI GALLO, CASO, BRESCIA, CARINELLI, CASTELLI,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE UFFICIO V 15 settembre 2014 La contraccezione per la donna che allatta Tavolo Tecnico Operativo Interdisciplinare

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Responsabile - S.C. Ostetricia e Ginecologia.

Responsabile - S.C. Ostetricia e Ginecologia. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Meir Yoram Jacob Data di nascita 01/12/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico ASL DI BASSANO D. GRAPPA Responsabile

Dettagli

! i.pozzi@ospedale.lecco.it

! i.pozzi@ospedale.lecco.it CURRICULUM VITAE Dr.ssa Ilaria POZZI! i.pozzi@ospedale.lecco.it PROFILO E COMPETENZE Medico Specialista in Ginecologia e Ostetricia, titolo conseguito il 13 Dicembre 2013 con votazione di 70/70, laureata

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Emofilia L emofilia è una malattia autosomica recessiva legata al cromosoma X Meccanismo ereditario dell Emofilia A e B 50% 50% 100% 100%

Dettagli

Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI

Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI Giovedì 27 novembre 09:00 12:30 LE BOTTEGHE DEI SAPERI CORSI PRE CONGRESSUALI CORSO 1 SIMP SIEOG Diagnosi e counselling delle malformazioni cardiache feto-neonatali Screening ecografico in utero Di Luzio

Dettagli

NASCERE OGGI NATURALMENTE

NASCERE OGGI NATURALMENTE CAMMINI DI SOBRIETA DOMENICA 23 FEBBRAIO 2014 PERCORSI SULLA SALUTE NASCERE OGGI NATURALMENTE Serena Paris La nascita nel mondo (Safe materhood programme, WHO, 2007) Ogni anno ci sono almeno 3.200.000

Dettagli

Tullia Todros Unità di Medicina Materno-Fetale Università di Torino

Tullia Todros Unità di Medicina Materno-Fetale Università di Torino EPIDEMIOLOGIA DELLE GRAVIDANZE MULTIPLE Tullia Todros Unità di Medicina Materno-Fetale Università di Torino Incidenza nel tempo Fattori predisponenti PMA Malformazioni ANDAMENTO TEMPORALE Numero di parti

Dettagli

Profilo assistenziale aborto chirurgico

Profilo assistenziale aborto chirurgico 30 anni di applicazione della legge 194 in Emilia-Romagna riflessioni e proposte Modena - 24 Novembre 2009 Profilo assistenziale aborto chirurgico Marinella Lenzi U.O.C Ostetricia e Ginecologia Direttore

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

NASCERE in toscana. serie In cifre - N. 8

NASCERE in toscana. serie In cifre - N. 8 NASCERE in toscana serie In cifre - N. 8 La pubblicazione può essere scaricata gratuitamente dal sito dell Agenzia regionale di sanità della Toscana: www.ars.toscana.it Ottobre Ottobre 2015 2015 Agenzia

Dettagli

RAPPORTO SULLA NATALITÀ IN CAMPANIA

RAPPORTO SULLA NATALITÀ IN CAMPANIA Università di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Scienze Mediche e Preventive Sezione di Igiene Regione Campania Assessorato alla Sanità Settore Assistenza Sanitaria Osservatorio

Dettagli