TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO"

Transcript

1 TAGLIO CESAREO INDICAZIONI AL TAGLIO CESAREO ELETTIVO Un taglio cesareo (TC) è detto elettivo quando è stato deciso a priori ed è effettuato in situazioni non di urgenza. Elettivo è sinonimo di scelto e nel caso del TC il termine elettivo non va mai utilizzato da solo, ma richiede la specifica relativa alla/e motivazione/i per cui tale intervento è programmato in modo elettivo. La rassegna delle indicazioni che più frequentemente motivano l esecuzione di un taglio cesareo elettivo, valutata alla luce delle linee guida delle Società Scientifiche di riferimento, permette di evidenziare che se per alcune di esse l'indicazione è pertinente, per altre viceversa è molto meno forte e, addirittura in alcuni casi va riconsiderata l'appropriatezza della necessità di ricorrere ad un TC. Presentazione podalica: interessa il 3-4% dei feti singoli a termine e tale percentuale può essere ridotta attraverso il rivolgimento per manovre esterne, a partire dalla 37^ settimana. Tale manovra è controindicata in caso di travaglio di parto, rottura delle membrane, anomalie cardiotocografiche, sanguinamenti vaginali, cicatrici e malformazioni uterine. Il caso di fallimento del rivolgimento o di mancata esecuzione, l'indicazione al TC, è appropriata. Il parto vaginale in questi casi può essere effettuato solo nell'ambito di protocolli specifici, previa acquisizione di consenso e l'esito è legato all'esperienza dell'operatore. Placenta previa: l'indicazione è assoluta sia in caso di localizzazione centrale che marginale (distanza dall' orifizio interno inferiore a 2 cm). In questi casi il rischio di emorragia in corso di TC è 12 volte superiore alla media e pertanto tale intervento deve essere effettuato in contesti di strutture attrezzate per l' emergenza. Patologia da adesione placentare, placenta accreta/percreta, da sospettare nei soggetti con precedente TC e localizzazione placentare bassa. In questi casi l esecuzione del Color Doppler effettuato a settimane è indicata per arrivare ad una diagnosi più accurata possibile. In caso di conferma dell' adesione patologica della placenta, il TC andrà effettuato presso una struttura attrezzata per l'emergenza coinvolgendo anche il personale senior (ostetrico, anestesista ed ematologo). Gravidanza multipla: nella gravidanza gemellare bicoriale o monocoriale, per presentazioni diverse da quella cefalica-cefalica, deve o può essere indicato il taglio cesareo rispettivamente se la presentazione del I feto è diversa da quella cefalica o se la presentazione del secondo feto è podalica. Infezioni con rischio di trasmissione materno-fetale: a) per l' HIV il TC è indicato quando la paziente non ha effettuato terapia antiretrovirale, ha effettuato terapia antiretrovirale altamente attiva (HAART) ma la carica virale è maggiore di 400 copie, ha effettuato terapia diversa da HAART e la carica virale è maggiore di 50 copie; b) per infezione da Herpes Virus Simplex c'è indicazione al TC solo se le lesioni virali a livello genitale sono presenti nel 3 trimestre o al momento del parto; c) HbsAg e HCV non costituiscono indicazioni al TC. Parto pretermine spontaneo: la prematurità in se non costituisce indicazione all'esecuzione del TC. Ritardo di crescita intrauterino: il ricorso al TC va valutato in funzione della gravità del caso e solo in presenza di alterazioni della velocimetria doppler. Cardiopatie materne: le indicazioni al TC sono oggi molto ridimensionate rispetto al passato e vanno discusse con il cardiologo. In caso di TC, l'anestesia epidurale è controindicata e, nelle pazienti ad alto rischio, va fatta la profilassi antibiotica Sclerosi multipla, epilessia, patologie oftalmiche ed obesità non costituiscono indicazioni al TC. Richiesta materna in assenza di indicazioni mediche e/o ostetriche: in Italia è un argomento equivoco e finché non ci sarà giurisprudenza in merito, l'interrogativo rimane. Esistono elementi a

2 favore ed elementi contrari e molto ruota attorno all'interpretazione più o meno restrittiva dell'art. 5 del Codice Civile che vieta gli atti di disposizione del proprio corpo che comportano una riduzione dell'integrità fisica, o quando siano contrari alla legge, all'ordine pubblico e al buon costume e dell'art 32 della Costituzione che fa riferimento al principio dell'autodeterminazione del soggetto. Per concludere va ricordato che, nella gravidanza singola, con eccezione della placenta previa e del ritardo di crescita intrauterino, in tutti gli altri casi il TC elettivo non va mai programmato prima della 39^ settimana per il rischio di esiti neonatali avversi, non solo riferibili alla patologia respiratoria. PARTO PER VIA VAGINALE NELLA GRAVIDANZA GEMELLARE Negli ultimi 10 anni nella nostra regione si è assistito ad un incremento costante del numero di gravidanze gemellari: nel 2012 i nati da parti gemellari in Toscana sono stati il 3.5% del totale, con un incremento percentuale del 55 % rispetto al Nel 3 % dei casi circa si tratta di gravidanze sono tri/quadrigemellari. L aumento delle gravidanze gemellari riconosce due fattori principali: da una parte l aumento dell età materna al parto, che è un fattore che predispone alle gravidanze plurime di per sé e dall altra il ricorso sempre più frequente a tecniche di fecondazione assistita. Un analisi statistica multivariata dei dati toscani per il triennio , dimostra in effetti come il ricorso alla procreazione medicalmente assistita risulti essere il principale fattore di rischio per la gemellarità con un OR di 22,9 (IC 95%: 20,8-25,2). Nel 2012 l 85.8% dei gemelli sono nati con TC Se analizziamo però i TC della nostra regione secondo le classi di Robson vediamo che l incidenza dei TC per le gravidanze gemellari (VIII classe di Robson) pesa per un 6.1 % tra tutti i TC ( 1.8% di tutti i parti) a fronte di altre classi come la V (pregresso TC), la II (travagli indotti o TC fuori travaglio) e la I (nullipare, travaglio spontaneo, feto singolo, cefalico), che pesano molto di più. Esiste un aumento di rischio per alcune patologie materno-fetali: rischio di mortalità materna (OR 2.5), rischio di preeclampsia (OR 3 nelle bigemine, OR 9 nelle trigemine), rischio di emorragia postparto (OR 3), rischio di mortalità perinatale (OR 1.34) Contribuiscono per il 19% alle gravidanze fortemente pretermine (< 32 settimane) e presentano un OR di 22.4 nel rischio di parto pretermine (< 36 settimane) Esiste inoltre un rischio aumentato per diabete, malformazioni fetali, morbilità neonatale Evidenze per quanto riguarda modalità del parto: Per quanto riguarda le modalità del parto dopo PMA tutte le principali Società Scientifiche ritengono che, indipendentemente dalla tecnica utilizzata, debba essere assolutamente sovrapponibile a quella insorta spontaneamente: Safety first approach non giustificato. Non vi sono chiare prove di efficacia che supportino una specifica modalità di parto nel caso di nato pretermine Per la successiva condotta ostetrica è importante individuare precocemente la corionicità (B) La corionicità si evidenzia meglio entro la 14 settimana (C) Una revisione della Cochrane ha valutato l unico trial randomizzato effettuato sulla modalità del parto per i gemelli concludendo che il TC non dovrebbe essere considerato come la modalità di parto universalmente adottata nei gemelli. È opportuno che il parto gemellare sia programmato in un ospedale di II o III livello (II C)

3 Quando si offra il parto per via vaginale nella gravidanza gemellare è fondamentale che la donna riceva un counceling personalizzato (IIIC) Le Evidenze supportano la possibilità di parto vaginale nelle gravidanze gemellari bicoriali late preterm o a termine con peso stimato > 1500 gr, se fra i due feti non esiste una discordanza > 500 gr Non sono invece decisivi i dati in merito alla migliore modalità di espletamento del parto nei feti < 1500 g Nella presentazione vertice-vertice il TC programmato è associato a una più alta mortalità perinatale (RR: 2.24) Nella presentazione vertice-podice, TC associata a una più bassa mortalità neonatale senza tuttavia raggiungere la significatività statistica (RR: 0,79 ) Pertanto la presentazione podalica del 2 feto non è una controindicazione all espletamento del parto per via vaginale ma richiede ostetrici esperti, in grado di effettuare ECV o estrazione podalica del II gemello (IIIC) Estrazione podalica o ECV sono associate ad una riduzione di TC con outcome neonatali e materni sovrapponibili in feti > 1,500 g. (IIB) Nelle gravidanze monocoriali bi amniotiche senza complicazioni, è possibile offrire un parto vaginale, se la donna lo accetta, a settimane (Good Practice) È consigliabile invece proporre un TC elettivo (II B) a. Nei gemelli Monocoriali monoamniotici b. Quando il primo feto è podalico c. In presenza di altre indicazioni al TC (come nelle gravidanze singole) d. Nelle gravidanze tri/quadrigemine ( GP) Evidenze per quanto riguarda il timing del parto Nelle gravidanze Monocoriali Monoamniotiche: offrire TC elettivo a settimane per l elevato rischio di mortalità perinatale (II-C) Nella gravidanza monocoriale biamniotica parto a settimane Nelle gravidanze bicoriali biamniotiche senza complicazioni parto a settimana Nelle gravidanze trigemine parto a 35 settimane Nelle gravidanze quadrigemine parto a 30 ( GP)

4 MM Triple MB BB Comportamenti non sostenuti da evidenze NO evidenze sufficienti a favore dell induzione Riposo a letto Somministrazione vaginale o intramuscolare di progesterone (studi in corso) Cerchiaggio cervicale Uso di Tocolitici orali Raccomandazioni per il parto nelle gravidanze gemellari: Nelle gravidanze bicoriali/ biamniotiche con entrambi i feti cefalici,in assenza di fattori di rischio,si raccomanda il parto per via vaginale in quanto non è dimostrata l efficacia del TC nel ridurre mortalità e morbosità neonatali (IVB) Nelle gravidanze bicoriali/biamniotiche in cui il 2 gemello non ha presentazione cefalica non sono disponibili prove di efficacia a sostegno dell efficacia del TC nel ridurre mortalità e morbosità neonatali ( IV C ). Può essere pertanto discusso il parto vaginale se non ci sono complicazioni e se il bishop favorevole, offrendo EVC o parto podalico in una struttura che possa offrire un expertise ostetrico-neonatologico Nelle gravidanze bicoriali/biamniotiche in cui il 2 gemello non ha presentazione cefalica può essere offerta l assistenza al parto vaginale in una struttura ospedaliera che offra un expertise ostetrico-ginecologico appropriato ( GP) Nelle gravidanze bicoriali/biamniotiche senza fattori di rischio, in caso di indicazioni al TC, l intervento non deve essere effettuato prima della 38 settimana, per evitare eventi avversi neonatali (IVB) Nelle gravidanze monocoriali/biamniotiche non complicate discutere parto vaginale se entrambi i feti cefalici e Bishop favorevole. Si raccomanda comunque l espletamento del parto a settimane di gestazione. (IVB)

5 Nelle gravidanze monocoriali/monoamniotiche (MCMA) non complicate si raccomanda l espletamento del parto mediante TC elettivo a 32 settimane di gestazione (VB) Altre Raccomandazioni: Offrire eco tra settimana per valutazione EG e coriogenicità Offrire screening per anomalie cromosomiche, e anomalie strutturali Individuazione rischio parto pretermine Individuazione GDM Individuazione precoce IUGR Individuazione anemia Individuazione precoce trasfusione feto-fetale Promuovere parto vaginale nelle situazioni non complicate Informare e sostenere la donna e i familiari Informare le donne con gravidanze gemellari o trigemine del fatto che il trattamento con aspirina a basso dosaggio dalla 12 settimana, riduce il rischio di ipertensione e deve essere considerato Alla prima gravidanza Nelle donne over 40 Nelle gravidanze che intervengono dopo più di 10 aa dall ultima effettuata Se BMI > 30 alla prima visita Se c è familiarità per preeclampsia (RCOG)

6 Lg TC ISS

7 ESPLETAMENTO DEL PARTO DOPO PREGRESSO TAGLIO CESAREO (VBAC) Cosa significa effettuare un parto di prova dopo un pregresso taglio cesareo In Italia il tasso di TC è in media del 38%, con una ampia variazione regionale. La Toscana si colloca al quarto posto con il 26%. Per quanto riguarda la distribuzione dei VBAC, la media nazionale è del 10%, mentre quella Toscana è del 21%. I principali rischi del travaglio di prova sono rappresentati da un aumentato numero di rotture d utero e isterectomie post-partum. D altra parte, nel 2010 la Consensus Conference del National Institut of Health statunitense ha dichiarato il TOLAC un opzione ragionevole. Non essendo presente in letteratura nessun trial randomizzato che confronti il TC ripetuto con il VBAC, nonostante sia ormai chiarito che gli outcomes sfavorevoli materno-fetali siano rari (< 1%), la scelta della donna è altamente influenzata dal parere del medico e dal luogo scelto per partorire. Nel 2011 nelle strutture toscane l incidenza di taglio cesareo è stata del 26,0% (dati Certificato di Assistenza al Parto). La classe di Robson costituita dai pregressi TC (V) assorbe il 29,0% dei cesarei pur rappresentando l 8,8% del totale dei parti. L incidenza di taglio cesareo in questa classe è dell 83,3%. Porsi il problema del contenimento dei cesarei non può prescindere dal verificare se queste percentuali siano appropriate e se con idonee misure correttive possiamo ridurre il ricorso al taglio routinario in questa classe di pazienti. Perché è importante motivare le pazienti con pregresso taglio cesareo a effettuare un parto di prova per via vaginale L atteggiamento di diffidenza nei confronti del VBAC dimostrato in alcune realtà ospedaliere Toscane è legato alla percezione del rischio materno-fetale in cui si può incorrere adottando questa modalità di parto. Quando si fa un analisi dei rischi e dei benefici di una determinata procedura medica, però, è corretto fare la stessa analisi anche sulla procedura alternativa. Il confronto tra le due modalità di parto nella paziente con pregresso TC in relazione ai rischi materni è esposto nella Tabella 1. Rischi materni TC ripetuto (%) TOLAC (%) 1 pregresso TC > 1 pregresso TC Endometrite 1,5-2,1 2,9 3,1 Lesioni intraoperatorie 0,42-0,6 0,4 0,4 Emotrasfusione 1,0-1,4 0,7-1,7 3,2 Isterectomia 0-0,4 0,2-0,5 0,6 Rottura uterina 0,4-0,5 0,7-0,9 0,9-1,8 Morte materna 0,02-0,04 0,02 0 Tabella 1. Rischi materni da TC ripetuto e da TOLAC (da: ACOG Practice Bulletin n 115, 2010) Nella Tabella 2 sono confrontate le cause di morbilità neonatale nei nati da TC ripetuto e da VBAC. Come si può notare i rischi sono quelli sovrapponibili ai parti di pazienti senza pregresso TC. Rischi neonatali TC ripetuto (%) TOLAC (%) Morte intrauterina fetale (37-38 settimane) 0,08 0,38 Morte intrauterina fetale (> 39 settimane) 0,01 0,16 Encefalopatia ischemica ipossica 0-0,13 0,08

8 Morte neonatale 0,05 0,08 Morte perinatale 0,01 0,13 Morbilità respiratoria 1-5 0,1-1,8 Tachipnea 6,2 3,5 Iperbilirubinemia 5,8 2,2 Tabella 2. Rischi neonatali da TC ripetuto e da TOLAC (da: ACOG Practice Bulletin n 115, 2010) Qual è l attuale atteggiamento suggerito dalle società internazionali di ostetricia Nel 2010 la Consensus Conference del NIH ha affrontato il tema del VBAC chiarendo tre punti importanti: il rischio globale di mortalità e morbilità perinatale per il VBAC è simile a quello di ogni nullipara in travaglio; il VBAC richiede un più alto standard di cure rispetto ad altre situazioni ostetriche; vi è una oggettiva difficoltà ad una copertura ottimale sanitaria e organizzativa in tutte le strutture ostetriche che consenta la diffusione del VBAC. Le associazioni inglesi e americane di ostetricia e ginecologia (RCOG e ACOG) hanno pubblicato le loro raccomandazioni sulla gestione della paziente con pregresso TC, ponendo al centro della questione la corretta selezione delle pazienti a cui proporre il TOLAC. Anche l Istituto Superiore di Sanità, tramite il Sistema Nazionale Linee Guida, ha espresso le proprie raccomandazioni riguardo al TC e al TOLAC. In particolare vengono specificate le seguenti buone pratiche cliniche:

9 Conclusioni Tutte le linee guida nazionali ed internazionali concordano sul fatto che il VBAC dovrebbe sempre essere considerato una alternativa al TC ripetuto nelle pazienti con pregresso TC. Nella pratica clinica, però, la gestione di questa situazione ostetrica è ben differente: negli Stati Uniti il VBAC viene offerto a meno della metà delle donne che sarebbero candidabili al TOLAC, in circa il 25% dei casi il VBAC viene rifiutato dalla paziente stessa e comunque il ricorso al TOLAC è ancora poco considerato (la media di VBAC è del 10% in Italia e del 20% in Toscana). Certamente occorre capire quali sono gli ostacoli alla diffusione del TOLAC e cercare di implementare le conoscenza e la pratica del VBAC. Tutto ciò si potrebbe ottenere fornendo un informazione continua alla donna a sostegno del TOLAC e incentivando le procedure che consentono il VBAC. Occorre ricordare che per il successo del VBAC è necessario selezionare con appropriatezza il TOLAC ed è necessario sostenere i punti nascita affinché siano dotati delle condizioni (soprattutto dal punto di vista della sicurezza) che consentano loro di incrementare in maniera appropriata i VBAC. Anche lo studio della riduzione dei costi deve essere considerato dalle struttura sanitarie allo scopo di aumentare il ricorso al TOLAC. Il VBAC può essere uno strumento valido per il contenimento dei costi, ma solo se utilizzato in maniera razionale. L efficienza dei costi del VBAC, infatti, dipende dalla probabilità di successo del parto vaginale: se la probabilità del parto è superiore al 74% allora il VBAC risulterà vantaggioso rispetto ad un TC ripetuto. Infine non bisogna dimenticare che né il TC elettivo né il parto vaginale sono esenti da rischi nella paziente con pregresso TC. Il metodo migliore per ridurre i problemi del parto in questa categoria di pazienti è (e rimane) quello di evitare il primo TC. CLASSIFICAZIONE DI ROBSON E FLUSSO DI DATI L analisi dell incidenza del taglio cesareo è strettamente correlata con la frequenza delle diverse indicazioni che portano all esecuzione dell intervento stesso. È quindi importante definire gruppi di categorie mutuamente esclusivi e totalmente inclusivi, rilevanti da un punto di vista clinico, al fine di rendere possibile una comparazione di risultati di una stessa unità operativa nel tempo o tra più unità operative. La classificazione di Robson risponde a queste caratteristiche. I parti sono suddivisi in 10 categorie usando i principali parametri utilizzati in ostetricia, presenti al momento del parto: presentazione fetale, parità, pregresso TC, numero di feti, travaglio ed età gestazionale. Il vantaggio di utilizzare questa classificazione è legato anche alla disponibilità di tutte queste informazioni nel Certificato di Assistenza al Parto (CAP) che viene compilato per ogni parto da tutti punti nascita a livello nazionale. In Toscana il Certificato di Assistenza al Parto ha raggiunto un ottimo livello di copertura: confrontando infatti il numero di parti rilevati attraverso il CAP con quelli delle Schede di Dimissione Ospedaliera si evince che il CAP è un flusso di dati che presenta una copertura pressoché totale. L utilizzo della classificazione di Robson per l analisi dell incidenza del taglio cesareo richiede anche che le variabili che la costituiscono siano di buona qualità. Dall analisi delle

10 variabili di interesse si sono rilevate delle criticità nella variabile sui pregressi tagli cesarei in alcuni punti nascita ai quali, durante la Conferenza di Consenso sul taglio cesareo del 18/12/2013, è stato richiesto un maggiore impegno nella compilazione. È stato inoltre sottolineato che l impegno sulla qualità dei dati deve riguardare tutte le variabili del Certificato di Assistenza al Parto la cui compilazione, oltre ad essere un obbligo di legge, rappresenta il punto cardine del sistema di sorveglianza perinatale nazionale. Alcuni risultati dell analisi per classe di Robson: Nel 2012 in Toscana si sono verificati parti e l incidenza di taglio cesareo è stata del 26,5%. Le prime 5 classi di Robson riguardano i parti a termine con feto singolo in presentazione cefalica. In particolare, la prima e la terza classe comprendono i parti con travaglio spontaneo delle primipare e delle pluripare senza pregresso taglio cesareo (TC) rispettivamente. Esse rappresentano il 58,9% dei parti mentre assorbono il 13,3% dei cesarei. La proporzione di TC è infatti molto bassa in queste due classi: 9,3% tra le primipare e 1,9% tra le altre. La seconda e la quarta classe comprendono invece i parti indotti o con taglio cesareo prima del travaglio, delle primipare e pluripare senza pregresso TC rispettivamente, e costituiscono il 21,8% del totale dei parti totali e il 30,2% dei parti cesarei. È invece la classe di Robson costituita dai pregressi TC (V) ad assorbire il 29,5% dei cesarei pur rappresentando il 9,2% del totale dei parti. L incidenza di taglio cesareo in questa classe è dell 83,1%. Le altre classi di Robson rappresentano in totale il 10,1% dei parti e sono le gravidanze singole con feto in presentazione podalica (classe VI e VII), le gravidanze plurime (classe VIII), le gravidanze singole con feto in presentazione anomala (classe IX) e il feto singolo in presentazione cefalica ma pretermine (classe X). La proporzione di tagli cesarei è del 44,4% in quest ultima classe. Le altre classi di Robson presentano proporzioni superiori al 75%, in particolare la VI e la VII che riguardano i podalici presentano un incidenza superiore al 90%. L'analisi per classe di Robson evidenzia una variabilità tra punti nascita. BIBLIOGRAFIA: Linea Guida 22 ISS: Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole. (seconda parte) 2012 NICE Clinical Guidelines: Cesarea section Berghella V et al: Use and misuse of the term elective in obstetrics. Obstet Gynecol 2011: 117( 2); Spong C Y et al from The NICHHD, SMFM ACOG: Preventing the first cesarean delivery. Obstet Gynecol 2012: 120 (5); MANAGEMENT OF MONOCHORIONIC TWIN PREGNANCY RCOG Green-top Guideline No. 51 Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Seconda parte (ISS) gennaio 2012 Multiple pregnancy: the management of twin and triplet pregnancies in the antenatal period NHS Settembre 2011 SOGC Consensus Statement : Management og Twin Pregnancies No 91, 2000 South Australian Perinatal Practice Guidelines Department of Health, Governement of South Australia 2012 ACOG Practice Bullettin No 56, October 2004 National Guideline Clearinghouse Multiple gestation: complicated twin,triplet and highorder multifetal pregnancy, 2009 WHO recommendation for induction of labour

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Lg linea guida Sistema nazionale per le linee guida Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Seconda parte linea guida 22 Nota per gli utilizzatori Le linee guida rappresentano uno strumento

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Le nascite nel Lazio. Anno 2011

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Le nascite nel Lazio. Anno 2011 LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Le nascite nel Lazio Anno 2011 Gennaio 2013 Le nascite nel Lazio Anno 2011 a cura di: Domenico Di Lallo Sara Farchi Arianna Polo Francesco Franco Valeria De Pascali

Dettagli

Luigi Filippo Orsini, Silvia Sansavini, Rosita Fratto, Maura Bolletta

Luigi Filippo Orsini, Silvia Sansavini, Rosita Fratto, Maura Bolletta Riv. It. Ost. Gin. - 2008 - Num. 19 - Gravidanza oltre i 40 anni: rischi materni L. F. Orsini et al pag. 862 Gravidanza oltre i 40 anni: rischi materni Luigi Filippo Orsini, Silvia Sansavini, Rosita Fratto,

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Depressione post-partum

Depressione post-partum Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma Policlinico Agostino Gemelli Servizio di Consultazione Psichiatrica Direttore: Prof. Pietro Bria Istituto di Psichiatria e Psicologia Clinica Direttore: Prof.

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI NURSIND - Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche - Pisa - Periodico Trimestrale - Poste Italiane Spa Spedizione in abb. postale

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

La Cardiotocografia: come si interpreta... Rimini 21 marzo 2013

La Cardiotocografia: come si interpreta... Rimini 21 marzo 2013 La Cardiotocografia: come si interpreta... Rimini 21 marzo 2013 Razionale dell utilizzazione del monitoraggio elettronico fetale (EFM) in travaglio di parto EFM Ipossia fetale Acidosi metabolica PROVVEDIMENTI

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Gravidanza fisiologica

Gravidanza fisiologica Lg linea guida Sistema nazionale per le linee guida Gravidanza fisiologica A g g i o r n a m e n t o 2 0 1 1 linea guida 20 Nota per gli utilizzatori Le linee guida rappresentano uno strumento che consente

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Lg LINEA GUIDA Sistema nazionale per le linee guida Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole LINEA GUIDA 19 Nota per gli utilizzatori Le linee guida rappresentano uno strumento che consente

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Kangaroo Mother Care Una guida pratica

Kangaroo Mother Care Una guida pratica ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO Acta Neonantologica & Pediatrica, 1, 2006, 5-39 Kangaroo Mother Care Una guida pratica Edizione Italiana del testo WHO a cura del Gruppo di Studio della S.I.N. sulla Care in Neonatologia

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA:

IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA: IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA: DAI DATI ALLE SCELTE La valutazione dei risultati delle aziende territoriali toscane a cura di: Sabina Nuti Direttore Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant'Anna

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Raccomandazioni per la prevenzione ed il trattamento della Malattia Emolitica del Feto e del Neonato. Gruppo di Redazione

Raccomandazioni per la prevenzione ed il trattamento della Malattia Emolitica del Feto e del Neonato. Gruppo di Redazione Società Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia Raccomandazioni per la prevenzione ed il trattamento della Malattia Emolitica del Feto e del Neonato Gruppo di Redazione Francesco Bennardello,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

GRAVIDANZA AD ALTO RISCHIO

GRAVIDANZA AD ALTO RISCHIO BURLO ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARA TTERE SCIENTIFICO B U R L O G A R O F O L O GRAVIDANZA AD ALTO RISCHIO Management in assenza di EBM A cura di Salvatore Alberico, Uri Wiesenfeld GRAVIDANZA AD ALTO

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli