BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS"

Transcript

1 BILANCIO AMBIENTALE 2012 GEWISS ha sempre superato di slancio tutte le sfide più importanti scommettendo sull innovazione e investendo nello sviluppo di nuovi prodotti. I traguardi che ci attendono saranno raggiunti grazie all entusiasmo, alla competenza che abbiamo dimostrato nel corso del tempo e alla capacità di guardare oltre al presente per immaginare un futuro migliore. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

2

3 BILANCIO AMBIENTALE 2012 INDICE PROFILO... 5 GEWISS e L AMBIENTE... 6 L impegno nella salvaguardia ambientale... 6 La politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente... 7 Il Bilancio Ambientale... 8 Le risorse umane... 8 I traguardi ambientali... 8 LE PRESTAZIONI AMBIENTALI... 9 Il consumo di acqua... 9 L uso delle fonti energetiche... 9 La gestione dei rifiuti Le emissioni in atmosfera Gas refrigeranti Salvaguardia del suolo e delle acque

4

5 BILANCIO AMBIENTALE 2012 PROFILO GEWISS Group è tra i leader mondiali nella produzione di soluzioni per la domotica, l'energia e l illuminotecnica negli ambiti residenziale, industriale e terziario. La gestione aziendale si fonda sui principi di innovazione, ricerca e controllo di qualità per lo sviluppo continuo del portafoglio prodotti che oggi conta circa articoli. Fondata nel 1970 dal Cavaliere del Lavoro Domenico Bosatelli, GEWISS è oggi un Gruppo internazionale con una presenza in 80 paesi nel mondo con 7 stabilimenti produttivi (4 in Italia, 1 in Germania, 1 in Portogallo, 1 in Francia), 10 società commerciali/service (UK, Spagna, Francia, Germania, Turchia, Russia, Romania, Cile, Emirati Arabi e Cina) e un polo logistico centralizzato in Italia (Calcinate, BG) dal quale gestisce in 48 ore le spedizioni in tutta Europa. Il Gruppo GEWISS ha attualmente circa dipendenti. La struttura industriale del gruppo è costituita da tre divisioni: Domotica, Energia (Din, Bloc e Box) e Illuminazione. 5

6 GEWISS e L AMBIENTE L impegno nella salvaguardia ambientale Da molti anni, GEWISS pone l Ambiente al primo posto nelle scelte economiche e sociali dell Azienda. Si tratta di una scelta radicata che nasce dalla convinzione, condivisa da tutto il personale GEWISS, che ogni attività industriale debba essere studiata, progettata e realizzata in modo da ridurre il potenziale impatto sull Ambiente. In tale ottica, per portare avanti uno sviluppo imprenditoriale di tipo eco-sostenibile, l Azienda indirizza i propri sforzi verso il consumo efficiente delle risorse energetiche e dei materiali, la prevenzione dell inquinamento, il contenimento delle emissioni, lo sviluppo di processi e ambienti di lavoro sicuri e il rigoroso rispetto delle norme di legge. L implementazione volontaria nei siti industriali italiani di un Sistema di Gestione Ambientale conforme alla norma ISO è una testimonianza importante della volontà GEWISS di perseguire la strada della salvaguardia ambientale di pari passo con lo sviluppo della realtà industriale. 6

7 BILANCIO AMBIENTALE 2012 La politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente Lo Sviluppo come costante della gestione e il Guardare oltre per costruire il successo di domani rappresentano i principi cardine della cultura di GEWISS, il centro di tutti i processi organizzativi, informativi e produttivi. Principi che sono anche il presupposto fondamentale per la continua sperimentazione e la ricerca di una maggiore efficienza dei flussi interni ed esterni. Questi valori significano anche agire nel rispetto del capitale umano, dell ambiente naturale e sociale indirizzando i propri sforzi verso la crescita delle competenze professionali delle risorse umane ed incentivando: la partecipazione attiva nel rispetto dei diritti della persona; la salvaguardia dell Ambiente attraverso il consumo efficiente delle risorse ed il contenimento degli impatti; lo sviluppo di processi e di ambienti di lavoro sicuri nel rispetto della normativa vigente. Da tutto ciò discendono le linee guida della Politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente GEWISS. 1. PRODOTTO: massima attenzione al prodotto quale insieme dei componenti tangibili e intangibili. Il Marchio è sinonimo di garanzia e qualità del Prodotto/Azienda e l unico strumento in grado di assicurare una crescita di lungo termine. 2. CLIENTE: si pone massima attenzione all individuazione delle esigenze ed aspettative del Cliente, alla loro traduzione in requisiti del prodotto/servizio e al loro soddisfacimento attraverso l offerta. 3. FLUSSI AZIENDALI: costante ricerca dell efficienza e dell efficacia dei processi e dei flussi aziendali con un impegno continuo al miglioramento attraverso: una scrupolosa attenzione ai costi che non generano valore ; un consumo efficiente delle risorse; la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali. Si fissano obiettivi misurabili e si pianificano le attività nel rispetto dei tempi e si confrontano i risultati con gli obiettivi prefissati. 4. REGOLAMENTI: è previsto un rigoroso rispetto delle prescrizioni legislative e dei regolamenti/procedure aziendali e l adozione, quando possibile, di parametri ancora più restrittivi a tutela dell Ambiente e dei luoghi di lavoro. Si attuano politiche di prevenzione dell inquinamento, nell ottica di un miglioramento continuo delle prestazioni ambientali e in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro. Si esegue un aggiornamento delle pratiche operative alla luce dei progressi delle tecnologie con l obiettivo di sviluppare processi ed ambienti di lavoro sicuri e salubri. 5. PERSONALE: è richiesto l impegno di ogni dipendente ad avere un atteggiamento responsabile nei confronti degli aspetti della Qualità, della Salute e Sicurezza sul Lavoro e dell Ambiente, sia nell individuazione di situazioni anomale, sia nello scrupoloso rispetto delle procedure aziendali, sia nella partecipazione attiva ai percorsi formativi proposti. Ogni Collaboratore è quindi tenuto ad individuare le esigenze e le aspettative dei propri clienti interni e a soddisfarle fornendo il migliore servizio, avendo un atteggiamento positivo, propositivo e responsabile nello svolgimento delle attività. In tale ottica, GEWISS si impegna a aggiornare questa politica, ad attuare e mantenere attivo il proprio Sistema di Gestione Qualità, Sicurezza e Ambiente, migliorando in continuo i propri risultati. 7

8 Il Bilancio Ambientale Il presente Bilancio Ambientale è un documento informativo nel quale sono descritte le principali relazioni tra l impresa e l ambiente: viene pubblicato volontariamente allo scopo di comunicare direttamente con il pubblico interessato. Tale scelta testimonia la volontà GEWISS di dare visibilità ai propri risultati ambientali in una logica di massima trasparenza nei confronti dei proprio Personale, degli Azionisti, dei Clienti, dei Fornitori ed in generale di tutte le parti interessate. I dati sono stati raccolti con l obiettivo di valutare l impegno profuso nel controllo degli aspetti ambientali e dell entità dei fattori di impatto generati dall Azienda attraverso l uso di idonei indicatori ambientali relativi al consumo risorse, alla produzione di rifiuti e all emissione di sostanze volatili in atmosfera. Il presente documento fornisce pertanto le principali informazioni di carattere qualitativo e quantitativo sulla gestione e sulle prestazioni ambientali nel triennio , relativamente a tutti i siti produttivi GEWISS S.p.A. operativi al momento della stesura del documento stesso. Le risorse umane GEWISS considera le risorse umane quale elemento fondamentale per il successo dell azienda e fattore determinante per garantire costantemente innovazione e sviluppo. Il coinvolgimento del personale ha da sempre rappresentato il punto di forza nel raggiungimento degli obiettivi ambientali. I traguardi ambientali L impegno GEWISS per la salvaguardia ambientale si è ampliato nel corso degli anni di pari passo con l evoluzione degli obiettivi aziendali in campo ambientale. Le attività hanno richiesto un grande investimento di risorse e un notevole sforzo organizzativo, ma hanno consentito di sviluppare processi industriali e prodotti sempre più innovativi ed eco-compatibili. Tra i principali obiettivi che GEWISS ha perseguito nel triennio , si evidenziano: l ottimizzazione dei consumi di energia, attraverso un attenta gestione e il miglioramento tecnologico degli impianti produttivi e di servizio; la scrupolosa analisi degli aspetti ambientali significativi connessi ai processi produttivi e al prodotto in genere; in particolare la gestione delle normative ambientali di prodotto, tra le quali Reach, RAEE, Pile e Accumulatori; il continuo sviluppo delle competenze interne e la diffusione della cultura in materia di sicurezza e ambiente, attraverso numerose iniziative di formazione e sensibilizzazione. 8

9 BILANCIO AMBIENTALE 2012 LE PRESTAZIONI AMBIENTALI Il consumo di acqua Presso i siti GEWISS, l acqua approvvigionata tramite pubblico acquedotto e, ove presente, pozzo artesiano privato, viene utilizzata principalmente a scopo civile, antincendio e per l irrigazione delle aree verdi. L utilizzo di acqua durante lo svolgimento delle attività lavorative viene mantenuto costantemente sotto controllo e gestito accuratamente al fine di prevenire sprechi e inefficienze. L uso delle fonti energetiche GEWISS promuove un uso consapevole delle risorse disponibili attraverso una gestione oculata ed ottimizzata delle fonti energetiche in ingresso ai propri cicli produttivi e la definizione di obiettivi per il risparmio energetico. In tale ottica, GEWISS intende svolgere un ruolo di parte attiva sul fronte della ricerca della massima efficienza energetica, nell uso di tecnologie avanzate e nell adozione di misure di razionalizzazione. DETTAGLIO CONSUMI ENERGIA ELETTRICA (KW/h) In particolare, il consumo totale di energia elettrica mostra una diminuzione nel corso del 2011 dovuta al progetto di riorganizzazione del layout produttivo presso i siti di Cenate Sotto e Cenate Sopra e all introduzione di alcune attrezzature a maggior risparmio energetico. Al fine di poter confrontare i dati nel triennio, i consumi totali di energia elettrica sono stati rapportati al numero totale di ore lavorate (ore uomo + ore macchina). Il valore dell indicatore mostra una lieve diminuzione nel corso del triennio. 9

10 CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA (kwh) PER ORA LAVORATA NEL TRIENNIO TOTALE ITALIA 20,00 16,00 17,04 16,60 15,91 12,00 8,00 4,00 0, La politica di riduzione dei consumi è stata adottata da GEWISS anche nell utilizzo del metano per il riscaldamento degli ambienti di lavoro. La gestione programmata degli impianti termici, il costante controllo informatico degli orari di funzionamento e l attenta manutenzione preventiva dei generatori di calore sono state le azioni che hanno permesso all Azienda di ottimizzare e razionalizzare i consumi della risorsa metano. DETTAGLIO CONSUMI METANO (m 3 )

11 BILANCIO AMBIENTALE 2012 Per un analisi più in dettaglio, i consumi di gas metano sono stati confrontati con i dati medi relativi alla temperatura minima esterna nei mesi invernali (Gennaio/Marzo Ottobre/Dicembre) disponibili, per quanto concerne il territorio di Bergamo, sul sito In particolare sono stati presi in considerazione il consumo di metano e la differenza tra la Temperatura media interna negli ambienti di lavoro (20 C) e la Temperatura minima media esterna. CONSUMO INVERNALE DI METANO DEI SITI GEWISS ITALIA (mc) RAPPORTATO ALLA TEMPERATURA MEDIA MINIMA ESTERNA INVERNALE NEL TRIENNIO * Consumo invernale Metano (mc) , , , Temperatura minima media invernale( C) (*) I consumi di metano del triennio si riferiscono al condizionamento dello stesso volume degli ambienti di lavoro. I dati evidenziano una riduzione dei consumi di metano tra 2010 e La gestione dei rifiuti La politica di gestione dei rifiuti negli insediamenti GEWISS ha privilegiato fin dall inizio la prevenzione della produzione dei rifiuti alla fonte, investendo notevoli sforzi sul recupero e sul riciclaggio dei materiali e sul corretto smaltimento delle frazioni non riciclabili. La sensibilizzazione del personale, l adozione di moderni ed efficienti sistemi di raccolta dei rifiuti nei differenti siti industriali, la definizione di procedure operative dedicate alla gestione dei rifiuti, il coinvolgimento delle società specializzate che effettuano le operazioni di ritiro e numerose altre iniziative hanno consentito nel tempo di migliorare qualitativamente e quantitativamente la produzione e il successivo recupero/smaltimento dei rifiuti. 11

12 QUANTITATIVO DI RIFIUTI AVVIATI AL RECUPERO/SMALTIMENTO (KG) NEL TRIENNIO , , , , ,00 0, Il quantitativo di rifiuti recuperati e smaltiti, diminuisce di oltre l 11% nel corso del triennio. Al fine di rendere maggiormente significativi i dati presentati, i quantitativi di rifiuto recuperati e smaltiti nell ultimo triennio (esclusi quelli derivanti da manutenzioni una tantum non comparabili negli anni) sono stati rapportati al numero di ore lavorate totali. KG DI RIFIUTI AVVIATI AL RECUPERO/SMALTIMENTO PER ORA LAVORATA TOTALE NEL TRIENNIO TOTALE ITALIA 0,60 0,50 0,40 0,511 0,468 0,450 0,30 0,20 0,10 0, Il quantitativo di rifiuti recuperati e smaltiti nei siti GEWISS Italia rapportati al numero di ore lavorate totali risulta in diminuzione nel corso del triennio. 12

13 BILANCIO AMBIENTALE 2012 Le emissioni in atmosfera Di seguito sono stati riepilogati i valori di concentrazione massima (espressi in mg/nm3) delle diverse tipologie di inquinanti emesse durante le attività produttive dai punti di emissione presenti negli stabilimenti GEWISS, secondo quanto rilevato dalle indagini ambientali più recenti effettuate da una società esterna specializzata. Tali valori di concentrazione sono stati confrontati con i limiti fissati dalla normativa vigente o da specifiche delibere autorizzative. Nelle situazioni in cui gli inquinanti ricercati sono risultati assenti analiticamente, in via cautelativa, per stimare il contributo massimo all emissione è stato considerato come significativo il limite di sensibilità analitica del metodo analizzato. 40,0 LIMITI DI LEGGE ,0 30, ,0 20, ,90 15,0 10,0 5,0 0,0 10 2,20 0,39 0,09 8,21 2,60 3 0,02 1 0,01 Il grafico evidenzia come la concentrazione massima di inquinanti i nei diversi punti di emissione sia sempre abbondantemente inferiore ai limiti di legge. 13

14 Gas refrigeranti GEWISS da sempre investe numerose energie nel rinnovamento delle attrezzature e dei macchinari presenti nei propri siti produttivi, al fine di migliorarne il rendimento e le prestazioni energetiche. È inoltre attenta a minimizzare gli impatti ambientali derivanti dai propri processi/attività, anche attraverso l adozione progressiva di nuovi gruppi frigoriferi impieganti refrigeranti a minor impatto per l ozono. Salvaguardia del suolo e delle acque I cicli produttivi adottati da GEWISS non danno luogo alla produzione di reflui scaricati sul suolo o nel sottosuolo; le attività di servizio, come il rifornimento degli automezzi aziendali, sono svolte nel pieno rispetto circostante, adottando le migliori tecnologie per la prevenzione dell inquinamento. Le zone di raccolta e di stoccaggio dei rifiuti liquidi sono realizzate nel pieno rispetto della normativa vigente e possiedono tutte le caratteristiche tecnico-strutturali necessarie per eliminare il potenziale rischio di inquinamento del suolo e delle acque. Le acque di scarico che effluiscono dai siti industriali sono di tipo civile o industriale e sono recapitate in pubblica fognatura o in acqua superficiale. Periodicamente sono eseguite per gli scarichi idrici le analisi di controllo delle concentrazioni e delle tipologie di inquinanti. Laddove necessario, per la salvaguardia del patrimonio ambientale, sono stati installati sistemi di depurazione delle acque reflue prima della loro immissione nei corpi recettori. 14

15

16 16

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Manuale di Gestione Integrata POLITICA AZIENDALE. 4.2 Politica Aziendale 2. Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI

Manuale di Gestione Integrata POLITICA AZIENDALE. 4.2 Politica Aziendale 2. Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI Pag.1 di 5 SOMMARIO 4.2 Politica Aziendale 2 Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI. Pag.2 di 5 4.2 Politica Aziendale La Direzione della FOMET SpA adotta e diffonde ad ogni livello della

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE Annalisa Oddone, Confindustria Confindustria Sardegna Meridionale 12 giugno 2012 CARTA DEI PRINCIPI

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure Esempi di applicazione della certificazione ambientale La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure 1 I riconoscimenti ottenuti 2 La dichiarazione ambientale 3 La dichiarazione

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

La rivoluzione verde: nasce Green Utility

La rivoluzione verde: nasce Green Utility La rivoluzione verde: nasce Green Utility Il 9 Marzo 2007, la Commissione Europea ha stabilito come obiettivo europeo vincolante sul piano politico che le energie rinnovabili raggiungano il 20% della produzione

Dettagli

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 Percorsi di ampliamento dei campi di applicazione gestiti in modo

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale Azienda leader nel campo della nutrizione, della salute e del benessere, Nestlé ambisce a migliorare

Dettagli

STAINLESS STEEL AND SUPERALLOYS

STAINLESS STEEL AND SUPERALLOYS STAINLESS STEEL AND SUPERALLOYS Modernità, dinamismo, esperienza, conoscenza e stato dell arte degli impianti: questi sono gli elementi che hanno reso Italfond una tra le più accreditate acciaierie a livello

Dettagli

LA BANCA E L'AMBIENTE

LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE Abbiamo maturato negli anni una sempre maggiore sensibilità verso le tematiche ecologiche e verso la tutela dell ambiente, nonostante la nostra organizzazione

Dettagli

03. Azienda. 07. Referenze

03. Azienda. 07. Referenze 03. Azienda 07. Referenze 03. Profilo 04. Valori e Missione 05. Struttura 05. Servizi 06. Ambiente 07. Fotovoltaico 08. Fotovoltaico 09. Impianti industriali 10. Impianti industriali 11. Impianti civili

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Per l ambiente Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Tenaris si impegna a realizzare le proprie attività salvaguardando l ambiente, la salute e la sicurezza dei propri dipendenti,

Dettagli

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 5 1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO (rif. punto 4.2 BS OHSAS 18001:2007) 1.1 SCOPO La dichiarazione di politica per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro,

Dettagli

NEXT LIGHTING: ILLUMINAZIONE URBANA, ARCHITETTURALE E INDUSTRIALE A LED. Fiera Milano 8 maggio 2014

NEXT LIGHTING: ILLUMINAZIONE URBANA, ARCHITETTURALE E INDUSTRIALE A LED. Fiera Milano 8 maggio 2014 NEXT LIGHTING: ILLUMINAZIONE URBANA, ARCHITETTURALE E INDUSTRIALE A LED Fiera Milano 8 maggio 2014 Efficienza energetica, comfort visivo ed ergonomia del posto di lavoro nell illuminazione industriale

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente Pag. 1 di 5 Qualità/Ambiente L azienda Di Leo Nobile S.p.A. è nata nel 1956 a Castel San Giorgio (Sa) ed è uno stabilimento di circa m² 16.591 di cui 10.000 m² coperti, nel quale è concentrata l attività

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

l attività a livello artigianale gn nella produzione di accumulatori al piombo per avviamento dei motori termici PRESENTAZIONE GRUPPO FAAM Slide 1

l attività a livello artigianale gn nella produzione di accumulatori al piombo per avviamento dei motori termici PRESENTAZIONE GRUPPO FAAM Slide 1 LA STORIA La FAAM nasce nel 1974, iniziando l attività a livello artigianale gn nella produzione di accumulatori al piombo per avviamento dei motori termici PRESENTAZIONE GRUPPO FAAM Slide 1 LA STORIA

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014 Prescrizioni per Autorizzazione allo Giugno 2014 Sommario Riferimenti... 1 Documenti Allegati... 1 Premessa... 1 L autorizzazione potrà essere rilasciata alle seguenti condizioni... 2 D. Lgs 152/06 (Parte

Dettagli

Specializzata nella fornitura e montaggio di impianti fotovoltaici, fornisce un ampia gamma di opzioni e garantisce un lavoro di alta professionalità.

Specializzata nella fornitura e montaggio di impianti fotovoltaici, fornisce un ampia gamma di opzioni e garantisce un lavoro di alta professionalità. Energia secondo natura Green Energy Italy nasce da un iniziativa imprenditoriale del Gruppo Gesim e subito entra nel mercato delle energie rinnovabili come leader nella progettazione, realizzazione e gestione

Dettagli

Progettare oggetti di ecodesign

Progettare oggetti di ecodesign Intervento dal titolo Progettare oggetti di ecodesign A cura di Arch.Marco Capellini Ecodesigner dello studio Capellini design e consulting 77 78 Eco-biodesign nell edilizia 10 Ottobre 2008- Fiera Energy

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE (UNI EN ISO 14001)

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE (UNI EN ISO 14001) GUIDA UTILE.......... LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE (UNI EN ISO 14001) Pag. 1 di 6 INDICE LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE (UNI EN ISO 14001) COS È LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE SECONDO LA NORMA ISO 14001?...

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L.

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. Codice Etico Indice 1. Missione e valori...1-2 2. Regole generali...3 2.1 Osservanza delle regole generali e comportamento etico.3 2.2 Esclusività...4 3. Responsabilità...4

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE

INGEGNERIA PER L AMBIENTE Studio associato di ingegneria per l ambiente INGEGNERIA PER L AMBIENTE E PER IL RISPARMIO ENERGETICO professionisti per l impresa e per i suoi obiettivi sostenibilità ambientale risparmio ed efficienza

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE Convegno SURFACE TREATMENTS News 2011 Fiera di Milano Rho LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE PER ANODIZZATORI E VERNICIATORI DELL ALLUMINIO Ing. Rolando Ragazzini 1 Principali aspetti ambientali nel settore

Dettagli

STRUTTURA PRESENTAZIONE

STRUTTURA PRESENTAZIONE STRUTTURA PRESENTAZIONE IDENTITÀ AZIENDALE: Politica, Mission, Valori PERFORMANCE ECONOMICA: Tipologia servizi Matrice attrattività / posizione competitiva Evoluzione aziendale Struttura operativa Contratti

Dettagli

RAPPORTO AMBIENTALE 2015. Rapporto Ambientale 2015

RAPPORTO AMBIENTALE 2015. Rapporto Ambientale 2015 Rapporto Ambientale 2015 RAPPORTO AMBIENTALE 2015 Printer Trento s.r.l. PREMESSA L attenzione verso le tematiche ambientali è ormai sempre presente e sempre più clienti chiedono garanzie e attestazioni

Dettagli

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali 24 gennaio 2013 Definizioni Cosa sono gli scarti di produzione o residui industriali (NON acque reflue industriali o rifiuti)

Dettagli

GESTIONE RISORSE NATURALI E FONTI ENERGETICHE ACQUA

GESTIONE RISORSE NATURALI E FONTI ENERGETICHE ACQUA GESTIONE RISORSE NATURALI E FONTI ENERGETICHE ACQUA Nel 2014 è diminuito del 5% il consumo di acqua rispetto al 2013. Infatti il consumo per ogni notte-ospite è stato di litri 144, 40 con un risparmio

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Q.TEAM SRL Società di Gruppo Medilabor HSE Via Curioni, 14 21013 Gallarate (VA) Telefono 0331.781670 Fax 0331.708614 www.gruppomedilabor.com Azienda con Sistema Qualità,

Dettagli

Cos è un APEA? Una nuova opportunità per le imprese insediate. Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI

Cos è un APEA? Una nuova opportunità per le imprese insediate. Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI Cos è un APEA? IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI L AREA PRODUTTIVA ECOLOGICAMENTE ATTREZZATA (APEA) Una nuova opportunità per le imprese insediate Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata Elevati standard

Dettagli

Stabilimento di Livorno

Stabilimento di Livorno Stabilimento di Livorno Lo Stabilimento EniPower opera all interno della Raffineria Eni di Livorno dal 2000 a seguito dell acquisizione da parte della Divisione Refining & Marketing della Centrale Termoelettrica

Dettagli

riqualificare risparmiare guadagnare

riqualificare risparmiare guadagnare riqualificare risparmiare guadagnare Il valore da proteggere Spesa annua per il riscaldamento domestico Francia 1150 Spagna 1116 Germania 1104 Ambiente, Energia e Casa. Tre parole unite da un unico comune

Dettagli

Ricicliamo metalli. per un futuro più sostenibile. Lavorazione e commercio di metalli non ferrosi e ferrosi

Ricicliamo metalli. per un futuro più sostenibile. Lavorazione e commercio di metalli non ferrosi e ferrosi Lavorazione e commercio di metalli non ferrosi e ferrosi Via Unità d Italia 78/80-25068 SAREZZO (BS) Italy Tel. : + 39 030 832111 - Fax.: + 39 030 832497 Mail: info@somef-spa.it www. somef-spa.it Reg.

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

CARTA SERVIZI AZIENDA CONSULENZA E SERVIZI IGIENE AMBIENTALE

CARTA SERVIZI AZIENDA CONSULENZA E SERVIZI IGIENE AMBIENTALE CARTA SERVIZI AZIENDA CONSULENZA E SERVIZI IGIENE AMBIENTALE Molteplici soluzioni, un unico interlocutore. Flessibilità, disponibilità, sicurezza, competenza. Offriamo servizi diversi ai medesimi standard

Dettagli

PANORAMICA SULLE ISO 14000

PANORAMICA SULLE ISO 14000 PANORAMICA SULLE ISO 14000 Premessa La motivazione di fondo che induce un azienda, sia essa pubblica o privata, ad investire nell ambiente è sostanzialmente fondata sulla volontà di organizzare attività

Dettagli

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena Ing. Francesco Pellegrino- Energy Manager PGI Milano, 12/11/2004 INDICE 1 LA BANCA MPS 2 LA POLITICA AMBIENTALE 3 IMMOBILIARI 4 ENERGY MANAGEMENT 2 1-

Dettagli

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale AFFIDARSI AI NUMERI UNO Da sempre al servizio dell efficienza per il risparmio energetico

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

primaprint Arti Grafiche dal 1991 COSTRUIAMO IL FUTURO SOSTENIBILE DELLA STAMPA IN ITALIA

primaprint Arti Grafiche dal 1991 COSTRUIAMO IL FUTURO SOSTENIBILE DELLA STAMPA IN ITALIA primaprint Arti Grafiche dal 1991 COSTRUIAMO IL FUTURO SOSTENIBILE DELLA STAMPA IN ITALIA l azienda Primaprint opera dal 1991 nel settore delle arti grafiche ed editoriali. Nata come service di prestampa

Dettagli

la solidità dell esperienza la forza di una visione integrata l energia dell innovazione

la solidità dell esperienza la forza di una visione integrata l energia dell innovazione la solidità dell esperienza la forza di una visione integrata l energia dell innovazione La società è operativa fin dal 1938 e si colloca in primo piano tra le aziende leader nel settore energetico e

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Tecnico della manutenzione. specializzato in. Sistemi Sostenibili ed Energie Rinnovabili.

Tecnico della manutenzione. specializzato in. Sistemi Sostenibili ed Energie Rinnovabili. Tecnico della manutenzione specializzato in Sistemi Sostenibili ed Energie Rinnovabili. Il presente progetto nasce dall esigenza di avvicinare la scuola e le competenze degli allievi alle tematiche più

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua CONTENUTO Conosciamo CONOSCIAMO IL VOSTRO SETTORE Conosciamo Nell ultimo decennio il settore dell energia solare ha registrato una crescita senza

Dettagli

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento Lamberti SpA di Zanica è uno degli insediamenti più importanti del Gruppo Lamberti grazie agli impianti e alle tecnologie

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

Gyproc Saint-Gobain 3. La nostra sostenibilità ambientale 3. Il Progetto Gy.eco 5. Il valore del riciclo 5. I siti di recupero 6

Gyproc Saint-Gobain 3. La nostra sostenibilità ambientale 3. Il Progetto Gy.eco 5. Il valore del riciclo 5. I siti di recupero 6 Sistema di gestione e recupero di scarti a base gesso Sommario Gyproc Saint-Gobain 3 La nostra sostenibilità ambientale 3 Il Progetto Gy.eco 5 Il valore del riciclo 5 I siti di recupero 6 La tecnologia

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

IL SISTEMA MICRORAPID certificato EPD. falpi tutela l ambiente

IL SISTEMA MICRORAPID certificato EPD. falpi tutela l ambiente IL SISTEMA MICRORAPID certificato EPD CERTIFICAZIONI. LA PRODUZIONE FALPI Fondamentale per l industrializzazione di un servizio di pulizia è poter disporre di attrezzature idonee ad ottenere il miglior

Dettagli

1.3.1.2.0 - Imprenditori, gestori e responsabili di piccole imprese nell industria in senso stretto

1.3.1.2.0 - Imprenditori, gestori e responsabili di piccole imprese nell industria in senso stretto 1.3.1.2.0 - Imprenditori, gestori e responsabili di piccole imprese nell industria in senso stretto Gli Imprenditori, gestori e responsabili di piccole imprese sono a capo di piccole imprese di cui definiscono,

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Impianti Geotermici con pompe di calore:

Impianti Geotermici con pompe di calore: Impianti Geotermici con pompe di calore: le energie rinnovabili nelle riqualificazioni Direttore R-S & Innovazione Ferrara 22 Settembre 2010 Chi siamo Siram: una solida realtà italiana parte di un grande

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività Bilancio di Sostenibilità 2012 dipendenti azionisti e investitori ambiente clienti e collettività fornitori istituzioni e comunità Sicurezza e salute dei lavoratori Per il gruppo A2A la prevenzione degli

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business).

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business). 1/8 1. PRESENTAZIONE A TLC S.r.l. sviluppa, produce e commercializza apparati per le telecomunicazioni, tra cui: terminazioni di rete ISDN; dispositivi di accesso alle reti xdsl; strumenti di misura per

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Scheda di Partecipazione per le imprese

Scheda di Partecipazione per le imprese Scheda di Partecipazione per le imprese www.festivalgreeneconomydistretto.it Da compilare e inviare entro il 29 agosto 2011 via e-mail: premio@festivalgreeneconomydistretto.it www.festivalgreeneconomydistretto.it

Dettagli

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Questa guida è stata messa a punto come parte della campagna di sensibilizzazione paneuropea in materia di CSR,

Dettagli

L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi

L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi ing. Matteo Manica Polo Tecnologico per l Energia l srl (Trento) L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi INTRODUZIONE Andamento storico delle emissioni

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

Politica energetica e ruolo delle aziende

Politica energetica e ruolo delle aziende Politica energetica e ruolo delle aziende Giovanni Bernasconi TicinoEnergia e SPAAS Manno, 27 novembre 2013 Evoluzione consumi in Ticino 1950-2012 2 2 Bilancio energetico 2012 Struttura Consumo totale:

Dettagli

Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili

Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili Agenzia CasaClima Bolzano Responsabile progetto: Norbert Lantschner Responsabile tecnico: Mariadonata Bancher La visione del settore residenziale...

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA NELL EDILIZIA TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Ing. EZIO PIREDDU Commissione Energia e Impianti Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli