Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario. Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario. Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM"

Transcript

1 Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM Le linee Guida nel panorama della standardizzazione Europea e Internazionale Ing. Gianosvaldo Fadin ANIE Assifer 1

2 SOMMARIO 1. Lo scenario di standardizzazione RAMS in ambito europeo; a) Lo stato attuale della normativa RAMS; b) la struttura documentale della nuova serie EN50126; c) Le novità introdotte; 2. lo scenario di standardizzazione RAM in ambito internazionale; a) La manutenzione del documenti RAMS provenienti dal CENELEC b) Liniziativa delliec TC9 AHG RAM c) La serie di standard relativi alla dependability 3. Il Gruppo di Lavoro AICQ per le Linee Guida RAM a) Costituzione del GdL b) Obiettivi del GdL c) Contenuti LG 2

3 SCENARIO DI STANDARDIZZAZIONE EUROPEO (1) Lo stato attuale della norme RAMS EN (1999) EN (2006) Guide to the application for safety TR (2006) Guide to the application for rolling stock RAMS EN (2001) EN (2003) TR (2007) Application Guide Part 1: Cross-acceptance TR (2007) Application Guide Part 2: Safety assurance EN (2011) EN (2007) Electronic equipment used on rolling stock Attualmente in revisione TS (2011) Proposta pendente di trasformazione in EN 3

4 SCENARIO DI STANDARDIZZAZIONE EUROPEO (2) RAMS - la struttura documentale della nuova serie EN50126 Iso guide Safety safety integrity Cross-accept Progettazione software PART 1 PART 2 PART 4 PART 4 EN Part 1 Generic RAMS process, Terms&Def Part 2 Systems Approach to Safety (Part 3 Safety Management System for RU/IM) Part 4 Functional Safety - Electric and electronic systems Part 5 Functional Safety - Software 4

5 SCENARIO DI STANDARDIZZAZIONE EUROPEO (3) Le novità che verranno introdotte dalla nuova serie RAMS: Applicabilità a infrastruttura, materiale rotabile e segnalamento Armonizzazione con Direttive e TSI e con i relativi processi di certificazione (e.g. Common Safety Methods) Approccio probabilistico e deterministico (sistema di riferimento, linee guida, code of practice) Metodi qualitativi e quantitativi Migliore specificazione delle Responsabilità e dei Processi Definizione dei Criteri di accettabilità La parte RAM rimane inalterata e quindi ancora specificata ad alto livello. La nuova serie conserva ancora la caratteristica RAMS 5

6 SCENARIO DI STANDARDIZZAZIONE INTERNAZIONALE (1) IEC 62278: Railway Applications Specification and demonstration of reliability, maintainability and safety (RAMS) E la trasposizione IEC della EN IEC TR : The specification and Demonstration of Reliability, Availability, Maintainability and Safety (RAMS) - part 3: Guide to the application of IEC62278 for rolling stock RAM E la trasposizione IEC della EN , attualmente è in revisione. Vedi attività di IEC TC9 AHG9. IEC 62279: Communications, signalling and processing systems Software for railway control and protection system. E la trasposizione IEC della EN , attualmente è in revisione. 6

7 SCENARIO DI STANDARDIZZAZIONE INTERNAZIONALE (2) E previsto lallineamento con la nuova serie EN50126 IEC : The specification and Demonstration of Reliability, Availability, Maintainability and Safety (RAMS) - Part 1: Generic RAMS process Sarà la trasposizione IEC della EN IEC : The specification and Demonstration of Reliability, Availability, Maintainability and Safety (RAMS) - Part 2: Systems Approach to Safety Sarà la trasposizione IEC della EN IEC : The specification and Demonstration of Reliability, Availability, Maintainability and Safety (RAMS) - Part 4: Functional Safety - Electric and electronic systems Sarà la trasposizione IEC della EN IEC : The specification and Demonstration of Reliability, Availability, Maintainability and Safety (RAMS) - Part 4: Functional Safety - Electric and electronic systems Sarà la trasposizione IEC della EN

8 SCENARIO DI STANDARDIZZAZIONE INTERNAZIONALE (3) In IEC TC9 è stato costituito un Gruppo Ad Hoc per le RAM che è nato a seguito della costatazione che la serie dei documenti RAMS non contiene una trattazione della parte RAM adeguata e sufficientemente dettagliata per standardizzare il calcolo, la dimostrazione e la gestione dei parametri RAM nel ciclo di vita del prodotto. In particolare non esiste per i parametri RAM un equivalente della valutazione e gestione del rischio. Il gruppo AHG9 sta lavorando da un anno e ha introdotto il concetto di: PSLR: Potential Source of Loss of RAM Parimenti ha introdotto il concetti di: severity of loss of RAM Lattività dovrebbe completarsi entri il 2014 con un documento di amendment a IEC 62278, che tratta le problematiche RAM. 8

9 SCENARIO DI STANDARDIZZAZIONE INTERNAZIONALE (4) IEC TC56 ha aggiornato e sta completando gli standard riguardanti la dependability. In particolare: WG2 lavora su Dependability Techniques WG3 lavora su Dependability Management I documenti prodotti e in produzione sono 14. Vengono segnalati: IEC Analysis techniques for system reliability Procedure for failure mode and effects analysis (FMEA). IEC Programmes for Reliability Growth. IEC Application guide - Test Conditions and Statistical. Test Principles. IEC Dependability management - Part 3-1: Application guide - Analysis techniques for dependability - Guide on methodology. IEC Spare parts management. IEC Ed. 1.0 Guide to the demonstration of dependability requirements. The dependability case IEC Ed. 1.0 International Electrotechnical Vocabulary - Part 692: Electric power systems: dependability and quality of service 9

10 Il Gruppo di Lavoro AICQ per le Linee Guida RAM (1) Il Gruppo di Lavoro è stato costituito in ambito AICQ Settore Ferroviario per lo sviluppo di: Linee guida per la gestione dei requisiti RAM in ambito ferroviario è stato costituito a Gennaio 2013 con lo scopo di: definire i criteri e le modalità con le quali gestire i requisiti RAM di sistemi, sottosistemi, equipaggiamenti, organi, apparati, apparecchiature e componenti nellambito del sistema ferroviario. Ha già effettuato 6 incontri nei quali ha: Analizzato lo stato della documentazione esistente relativa alla standardizzazione dei requisiti RAM Raccolto casi duso relativi ad apparecchiature di bordo e di terra, di tipo meccanico, elettromeccanico ed elettronico Sviluppato un framework per la preparazione delle linee guida definendo la struttura del documento e i contenuti di massima 10

11 Il Gruppo di Lavoro AICQ per le Linee Guida RAM (2) Il Gruppo di Lavoro RAM è costituito da 18 esperti con una composizione equilibrata in termini di rappresentanza dei portatori di interesse, infatti sono presenti: PMI, Grande Industria, Assifer, AICQ, Operatori ferroviari Enti di certificazione 11

12 Il Gruppo di Lavoro AICQ per le Linee Guida RAM (3) Il documento di linee Guida è stato cosi strutturato: 1 INTRODUZIONE 1.1 SCOPO 1.2 CAMPO DI APPLICAZIONE 1.3 RIFERIMENTI NORMATIVI INTERNAZIONALI Riferimenti Normativi Internazionali Riferimenti Normativi Europei Altri Riferimenti Normativi 1.4 TERMINI E DEFINIZIONI 1.5 ACRONIMI e ABBREVIAZIONI 12

13 Il Gruppo di Lavoro AICQ per le Linee Guida RAM (4) 2 IL RAM NELL'AMBITO FERROVIARIO 3 L FATTORI CHE INFLUENZANO IL RAM NELL'AMBITO FERROVIARIO 4 I MEZZI PER RAGGIUNGERE I REQUISITI RAM NELL'AMBITO FERROVIARIO 5 PROCEDURE PER EFFETTUARE ANALISI RAM PRELIMINARI 6 PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEI REQUISITI RAM 6.1 Introduzione 6.2 Obiettivi di Affidabilità 6.3 Obiettivi di Manutenibilità 6.4 Obiettivi di Disponibilità 7 PROCESSO DI SPECIFICAZIONE DEL RAM 8 PROGRAMMA RAM 13

14 Il Gruppo di Lavoro AICQ per le Linee Guida RAM (5) 9 STRUMENTI PER LA CONDUZIONE E LA GESTIONE DI UN PROGRAMMA RAM 9.1 Allocazione requisiti RAM 9.2 Analisi RAM di Progetto 9.3 Tecniche FMECA 9.4 Tecniche FTA 9.5 Analisi di Manutenibilità 9.6 Bilanciamento delle analisi 10 ACCRESCIMENTO DELL'AFFIDABILITÀ 10.1 La crescita dell'affidabilità - Generalità 10.2 Il periodo di monitoraggio 10.3 Procedura di " Rilevazione ed Analisi dei guasti e delle relative Azioni Correttive" (FRACAS) 10.4 Schema procedurale del sistema di "Rilevazione ed Analisi dei Guasti e delle Relative Azioni Correttive 10.5 Modellazione della crescita dell'affidabilità 10 ESEMPI E CASI DUSO 14

15 Grazie per lattenzione Gianosvaldo Fadin Presidente CEI CT9 ANIE - Assifer Technical Advisor 15

Specifica dei Requisiti di Sistema Sottosistema di Terra SSC

Specifica dei Requisiti di Sistema Sottosistema di Terra SSC 1 di 6 Specifica dei Requisiti di Sistema Sottosistema di Terra SSC Rev. Data Descrizione Redazione Verifica Autorizzazione A 23/02/06 Prima Emissione G.Gallo F.Senesi E.Marzilli 2 di 6 Indice 1 Introduzione...3

Dettagli

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Fasi del ciclo di vita overview Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Modularità Individuazione più agevole delle componenti riutilizzabili Ciclo di vita Esaustività Certezza di coprire tutte

Dettagli

Firenze, 09/06/2014 DECISIONE 2012/88/UE. Novità e proposte di modifica

Firenze, 09/06/2014 DECISIONE 2012/88/UE. Novità e proposte di modifica Firenze, 09/06/2014 DECISIONE 2012/88/UE Novità e proposte di modifica DECISIONE 2012/88/UE (STI CCS) Specifica tecnica di interoperabilità per i sottosistemi controllo-comando e segnalamento del sistema

Dettagli

Sicurezza Funzionale Macchinari

Sicurezza Funzionale Macchinari Sicurezza Funzionale Macchinari Uno degli aspetti fondamentali della sicurezza dei macchinari è l affidabilità delle parti di comando legate alla sicurezza, ovvero la Sicurezza Funzionale, definita come

Dettagli

LA NORMATIVA IEC/CEI SULL AFFIDABILITÀ: UN SISTEMA DI STRUMENTI OPERATIVI

LA NORMATIVA IEC/CEI SULL AFFIDABILITÀ: UN SISTEMA DI STRUMENTI OPERATIVI LA NORMATIVA IEC/CEI SULL AFFIDABILITÀ: UN SISTEMA DI STRUMENTI OPERATIVI Giorgio Turconi - Segretario CT 56 CEI 1 CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano Costituito nel 1909, il primo ente di normazione

Dettagli

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO GLI STRUMENTI DI STANDARDIZZAZIONE TECNICA

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO GLI STRUMENTI DI STANDARDIZZAZIONE TECNICA GLI STRUMENTI DI STANDARDIZZAZIONE TECNICA Roberto Bacci Riproduzione riservata Low Carbon Mobility - Roma, 26 ottobre 2010 Mercato leale e competitivo Sicurezza e affidabilità Sviluppo tecnologico Economicità

Dettagli

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DELLA NORMA Il quadro di definizione delle competenze

Dettagli

LE NORME E LA CERTIFICAZIONE

LE NORME E LA CERTIFICAZIONE LE NORME E LA CERTIFICAZIONE Introduzione alla Qualità 1 DEFINIZIONE DI NORMA Documento, prodotto mediante consenso ed approvato da un organismo riconosciuto, che fornisce, per usi comuni e ripetuti, regole,

Dettagli

ELENCO DELLE REVISIONI

ELENCO DELLE REVISIONI 2 di 66 Rev. Data 00 30 Settembre 2004 00 23 Dicembre 2004 A 03 Marzo 2005 B 20 Luglio 2005 ELENCO DELLE REVISIONI Motivo della revisone Prima emissione Strutturato il documento in modo da descrivere i

Dettagli

Sistemi di Sicurezza ad Alta Affidabilita Safety Integrity Level (SIL) RASSEGNA DELLA NORMATIVA. Ing. Domenico Barone Studio db

Sistemi di Sicurezza ad Alta Affidabilita Safety Integrity Level (SIL) RASSEGNA DELLA NORMATIVA. Ing. Domenico Barone Studio db Sistemi di Sicurezza ad Alta Affidabilita Safety Integrity Level (SIL) RASSEGNA DELLA NORMATIVA Ing. Domenico Barone Studio db Seminario 3ASI CESNEF Milano 30.06.04 1. Incidenti rilevanti accaduti nell

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

Company Management System Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA-SSB

Company Management System Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA-SSB Company Management System Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA-SSB Codice documento: Classificazione: 1-CMS-2010-005-01 Società Progetto/Servizio Anno N. Doc Versione Pubblico

Dettagli

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Software Embedded Integration Testing Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Chi siamo Skytechnology è una società di ingegneria che opera nell area dei sistemi embedded aiutando i propri Clienti

Dettagli

Sistemi Qualità e normativa

Sistemi Qualità e normativa Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi B2_1 V2.1 Sistemi Qualità e normativa Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Sistemi Qualità e normativa

Sistemi Qualità e normativa Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi B2_1 V3.0 Sistemi Qualità e normativa Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa

Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa Roma, 10 novembre 2008 Il Processo di Omologazione in ambito di segnalamento ferroviario a tecnologia innovativa Ing. Gabriele Ridolfi RFI Direzione Tecnica Mail: g.ridolfi@rfi.it Processo Omologativo:

Dettagli

RSM01. Pag. 1/9 Rev.03. Regolamento VSSM. E. Stanghellini R. De Pari. S. Ronchi R. De Pari 03 11/02/2015. S. Ronchi R. De Pari

RSM01. Pag. 1/9 Rev.03. Regolamento VSSM. E. Stanghellini R. De Pari. S. Ronchi R. De Pari 03 11/02/2015. S. Ronchi R. De Pari Pag. 1/9 03 11/02/2015 Modificata da EA a IAF la denominazione dei Settori merceologici. S. Ronchi R. De Pari E. Stanghellini R. De Pari 02 03/01/2014 Modificata ragione sociale 01 10/04/2012 Aggiornamento

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA SU: RAMS, FMEA, FMECA, HAZOP, FTA, ETA, RBD, MARKOV

OFFERTA FORMATIVA SU: RAMS, FMEA, FMECA, HAZOP, FTA, ETA, RBD, MARKOV OFFERTA FORMATIVA SU: RAMS, FMEA, FMECA, HAZOP, FTA, ETA, RBD, MARKOV NIER Ingegneria S.p.A. da diversi anni offre attività di formazione specialistica di alto livello per ingegneri e manager. NIER Ingegneria,

Dettagli

Associazione Italiana Cultura Qualità. Progetto IRIS. International Railway. Standard. Industry. Gianfranco Saccione

Associazione Italiana Cultura Qualità. Progetto IRIS. International Railway. Standard. Industry. Gianfranco Saccione Associazione Italiana Cultura Qualità Progetto IRIS International Railway Industry Standard Gianfranco Saccione 1 Aicq Settore Trasporto su Rotaia Giornata di Studio e Dibattito del Settore Trasporto su

Dettagli

SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT

SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT 1 6 SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT Durante le diverse fasi del ciclo di vita di un Progetto, dalla fase di Concept, allo studio di fattibilità, fino alla progettazione di dettaglio,

Dettagli

La normativa UNI EN ISO serie 9000. Introduzione alla Vision 2000 Lezione 6 marzo 2001

La normativa UNI EN ISO serie 9000. Introduzione alla Vision 2000 Lezione 6 marzo 2001 MARIA GISELLA CONCA GESTIONE DELLA QUALITÀ La normativa UNI EN ISO serie 9000. Introduzione alla Vision 2000 Lezione 6 marzo 2001 LIUC - Castellanza febbraio - maggio 2001 CERTIFICAZIONE: MOTIVAZIONI,

Dettagli

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN)

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 1 di 11 NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 2 di 11 Indice 1.0 PREMESSA... 3 2.0 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3.0 DEFINIZIONI... 3 4.0 DOCUMENTI

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2016

CALENDARIO CORSI 2016 SAFER, STER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 9 66409 - Fax +39 9 68324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvgl.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO CORSI

Dettagli

ATEX ed Ambienti Confinanti DCS Safety System Sistemi di Sicurezza e Controllo in ambienti a rischio esplosione

ATEX ed Ambienti Confinanti DCS Safety System Sistemi di Sicurezza e Controllo in ambienti a rischio esplosione TUSL - TESTO UNICO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO In ambito lavorativo, il Dlgs. 81/2008 propone un sistema di gestione della sicurezza e della salute preventivo e permanente,

Dettagli

Ing Omar Morales Qualità del Software

Ing Omar Morales Qualità del Software Ing Omar Morales Qualità del Software Soluzioni Professionali Integrate Viale F.Petrarca, 96-50124 Firenze LinkedIn it.linkedin.com/in/omarmoralescv TEL (+39) 335 52.10.589 FAX (+39) 055 39.06.93.26 info@omarmorales.net

Dettagli

Specifica dei requisiti

Specifica dei requisiti Specifica dei requisiti Contenuto: Cosa sono i requisiti Specifica col metodo classico Standard IEEE 830-1998 Cenni su altri standard 1 Cosa sono i requisiti Con la parola requisito si intende una caratteristica

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

LA GESTIONE DEI PHYSICAL ASSETS

LA GESTIONE DEI PHYSICAL ASSETS OSSERVATORIO SULLE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE DEGLI AEROPORTI ITALIANI LA GESTIONE DEI PHYSICAL ASSETS 10 Convegno OSSERVATORIO DI MANUTENZIONE 26/5/2014 FIUMICINO-ROMA ING. FRANCO SANTINI Presidente Aiman

Dettagli

LA SICUREZZA DEI SISTEMI DI COMANDO E CONTROLLO. Quale norma utilizzo per il calcolo?

LA SICUREZZA DEI SISTEMI DI COMANDO E CONTROLLO. Quale norma utilizzo per il calcolo? LA SICUREZZA DEI SISTEMI DI COMANDO E CONTROLLO Quale norma utilizzo per il calcolo? Matteo Marconi AC&E S.r.l. Una pietra miliare il punto 1.2 della 2006/42/CE 1.2. SISTEMI DI COMANDO 1.2.1. Sicurezza

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2016

CALENDARIO CORSI 2016 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvgl.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

SMICC. 1) di valutare per importanza i progetti di adeguamento (approccio basato sul rischio)

SMICC. 1) di valutare per importanza i progetti di adeguamento (approccio basato sul rischio) SMICC INTRODUZIONE Le normative applicabili all interno delle Organizzazioni crescono in numero e complessità di giorno in giorno: per evitare che questa situazione crei strutture sempre più difficili

Dettagli

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 Per_Ind_Valeri_Vanni - PL.doc PAG. 1 DI 8 REV. 00 SAVE DATA: 09/10/12 PRINT DATA: 10/10/12 SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 LA EN 954-1 VA IN PENSIONE A fine 2011,

Dettagli

IRIS International Railway Industry Standard

IRIS International Railway Industry Standard Italiano Appendice, 19 Giugno 2008 IRIS International Railway Industry Standard Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner

Dettagli

Automazione. sicurezza ed efficienza di sistemi, impianti e prodotti. TÜV Italia - Gruppo TÜV SÜD

Automazione. sicurezza ed efficienza di sistemi, impianti e prodotti. TÜV Italia - Gruppo TÜV SÜD Automazione sicurezza ed efficienza di sistemi, impianti e prodotti. TÜV Italia - Gruppo TÜV SÜD Il gruppo TÜV SÜD e TÜV Italia L impegno per la sicurezza nel rapporto uomomacchina e, più in generale,

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti e della Sicurezza Industriale: Fault Tree Analysis (FTA) I/E e Safety Instrumented System (SIS)

Corso di Progettazione di Impianti e della Sicurezza Industriale: Fault Tree Analysis (FTA) I/E e Safety Instrumented System (SIS) Corso di Progettazione di Impianti e della Sicurezza Industriale: Fault Tree Analysis (FTA) I/E e Safety Instrumented System (SIS) Negli impianti a rischio di incidente rilevante, al fine di prevenire

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti Titolo ISO/FDIS 9001:2000 Sistemi di gestione per la qualità Requisiti Quality management systems Requirements DOCUMENTO ISO ALLO STADIO DI PROGETTO FINALE DI NORMA INTERNAZIONALE (FINAL DRAFT INTERNATIONAL

Dettagli

Firenze 28.11.2013. A. Colzani - L. Rota. 01/12/2013 Servizio Acquisti

Firenze 28.11.2013. A. Colzani - L. Rota. 01/12/2013 Servizio Acquisti Valutazione dei Rischi per la modifica e l installazione di un nuovo azionamento elettrico per le porte di salita in conformità alla EN 14752. Esempio di applicazione su automotrici ALN668 circolanti su

Dettagli

10. GLI STANDARD DI AFFIDABILITA

10. GLI STANDARD DI AFFIDABILITA 10. GLI STANDARD DI AFFIDABILITA Ed.1 del 14/09/98 Rev. 3 del 08/09/00 AFFIDABILITA' DI COMPONENTI E SCHEDE ELETTRONICHE - sez 10 1 DEFINIZIONE DI NORMA Le Norme sono: Specifiche tecniche (o altri documenti)

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO ALLE NORME DI RiFERIMENTO... 2 4.1 Referente per DNV GL...

Dettagli

e-pod banca dati documentale RFI - download effettuato da 933896 il 21/09/2012 14.11.39 - stato di vigenza: IN VIGORE - livello di riservatezza USO

e-pod banca dati documentale RFI - download effettuato da 933896 il 21/09/2012 14.11.39 - stato di vigenza: IN VIGORE - livello di riservatezza USO 2 di 16 INDICE 1 GENERALITA... 3 2 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3 RIFERIMENTI DOCUMENTALI E NORMATIVI... 3 4 DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI ALIMENTAZIONE ATTUALE DEGLI APPARATI TT 5 5 REQUISITI GENERALI DI RFI

Dettagli

RMT 01 REQUISITI SPECIFICI PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DEL PERSONALE DI MANUTENZIONE. Pag. 1/14 Rev.02. Regolamento RMT 01

RMT 01 REQUISITI SPECIFICI PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DEL PERSONALE DI MANUTENZIONE. Pag. 1/14 Rev.02. Regolamento RMT 01 Pag. 1/14 02 18/11/2015 01 11/09/2015 Revisione sulla base delle indicazioni date da ACCREDIA in seguito alla verifica documentale (rif: AICQ-SICEV Es-Doc PRS UNI EN_15628-14 Manuten_15-11- 15) par 1;

Dettagli

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 Indice Prefazione Presentazione XI XII PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 3 Elementi di teoria della affidabilità, manutenibilità e disponibilità

Dettagli

Da decenni, le funzioni vitali per il governo LA SICUREZZA DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE INFRASTRUTTURE CRITICHE

Da decenni, le funzioni vitali per il governo LA SICUREZZA DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE INFRASTRUTTURE CRITICHE INFRASTRUTTURE CRITICHE EMANUELE CIAPESSONI CESI RICERCA S.p.A. Milano LA SICUREZZA DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE NORMATIVA TECNICA APPLICABILE AL SISTEMA ELETTRICO Da decenni, le funzioni vitali per il

Dettagli

La norma CEI 79:3-2012 e le disposizioni dell Allegato K. Giorgio Belussi - IMQ

La norma CEI 79:3-2012 e le disposizioni dell Allegato K. Giorgio Belussi - IMQ La norma CEI 79:3-2012 e le disposizioni dell Allegato K Giorgio Belussi - IMQ SICUREZZA 2012 Convegno AIPS La nuova CEI 79-3: Chi sarà l installatore di domani? 8 Novembre 2012 GROUP Profilo del Gruppo

Dettagli

LE NORME CEI CENELEC IEC

LE NORME CEI CENELEC IEC LA SITUAZIONE NORMATIVA INTERNAZIONALE ED I RIFLESSI SULLA NORMATIVA EUROPEA DOTT. ING. CARLO R. LOI Presidente Comitato Tecnico Europeo TC 79 del CENELEC e Presidente del CT79 del CEI Membro e Past President

Dettagli

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009 Incontro di aggiornamento SINCERT - UNI riservato agli Organismi accreditati e agli Ispettori SINCERT LA NUOVA UNI EN ISO 9001:2008. SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA REQUISITI Le principali novità della

Dettagli

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa)

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa) PPENDICE B MODIFICHE TR L ISO 9001:2000 E L ISO 9001:2008 (informativa) prospetto B.1 Modifiche tra la ISO 9001:2000 e la ISO 9001:2008 ISO 9001:2000 Punto Capoverso/Figura/ Prospetto/Nota Premessa Capoverso

Dettagli

Fieldbus Foundation e la sicurezza

Fieldbus Foundation e la sicurezza Fieldbus Foundation Freedom to choose. Power to integrate Italia Fieldbus Foundation e la sicurezza Safety Integrity System Alberto Digiuni Filedbus Foundation Italia La sicurezza Cosa è la sicurezza?...

Dettagli

La Normativa comunitaria ed i nuovi progetti di Norma nel settore tranviario

La Normativa comunitaria ed i nuovi progetti di Norma nel settore tranviario 2 Convegno Nazionale Sistema Tram Roma 19 e 20 ottobre 2006 La Normativa comunitaria ed i nuovi progetti di Norma nel settore tranviario UNIFER 1 La gerarchia normativa Direttive Europee Leggi nazionali

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373- Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR /

Dettagli

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS 1 Introduzione La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS Ioanis Tsiouras 1 (Rivista ZeroUno, in pubblicazione) I sistemi informativi con le applicazioni basate su Web

Dettagli

Approccio alla nuova normativa macchine con Easy Safe Calculator

Approccio alla nuova normativa macchine con Easy Safe Calculator Approccio alla nuova normativa macchine con Easy Safe Calculator SAVE, Verona 21 ottobre 2009 Pierluca Bruna Product Manager Safety & Atex CEI CT 44 Schneider Electric La Direttiva Macchine Il riferimento

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

Intervento: Autore: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011. Ing. Valerio Paoletti

Intervento: Autore: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011. Ing. Valerio Paoletti Intervento: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011 Autore: Ing. Valerio Paoletti Giugno 2006 nasce in ISO la New Work Item Proposal ISO/IEC 17021 Part 2 Conformity

Dettagli

Il processo di certificazione del software MD

Il processo di certificazione del software MD Il processo di certificazione del software MD Ing. Maurizio Bianchi Responsabile Tecnico Dispositivi Medici - IMQ S.p.A. maurizio.bianchi@imq.it Vicenza, 5 ottobre 2007 Introduzione Moduli certificativi

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Principali Processi Applicativi per lo Sviluppo e Commercializzazione di Dispositivi Medici - Seminario Gruppo di Lavoro Dispositivi Medici Auditorium Bayer

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

Sistemi di allarme intrusione:

Sistemi di allarme intrusione: Sistemi di allarme intrusione: la nuova norma CEI 79-3 CEI 79-3:1998 e TS50131-7:2010 L unione fa la forza Giorgio Belussi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S.

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

IEC 62603: Nuove linee-guida per progettare, valutare e provare i sistemi di automazione

IEC 62603: Nuove linee-guida per progettare, valutare e provare i sistemi di automazione 84 IEC 62603: Nuove linee-guida per progettare, valutare e provare i sistemi di automazione Con il nome Process Control System (PCS) è definito un sistema di controllo generico, indipendentemente dalla

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Articolazione intervento

Articolazione intervento Efficienza energetica e Beni Strumentali Dott. Ing. Enrico Annacondia Direzione Tecnica UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE Articolazione intervento 1.Misure di intervento sull efficienza energetica 2.La gestione

Dettagli

PROGRAMMA CORSI DI FORMAZIONE ANNO 2010

PROGRAMMA CORSI DI FORMAZIONE ANNO 2010 PROGRAMMA CORSI DI FORMAZIONE ANNO 2010 Safety Service Techno GR, il vostro partner per la sicurezza! Le giornate formative avranno luogo presso le sedi Omron. Caratteristiche della sala presso cui si

Dettagli

APPENDICE B CORRISPONDENZA TRA ISO 9001:2000 E ISO 9001:1994 (informativa)

APPENDICE B CORRISPONDENZA TRA ISO 9001:2000 E ISO 9001:1994 (informativa) APPENDICE B CORRISPONDENZA TRA ISO 9001:2000 E ISO 9001:1994 (informativa) prospetto B.1 Corrispondenza tra ISO 9001:1994 e ISO 9001:2000 ISO 9001:1994 ISO 9001:2000 1 Scopo e campo di applicazione 1 2

Dettagli

Linee Guida Gestione dei requisiti RAM in ambito ferroviario

Linee Guida Gestione dei requisiti RAM in ambito ferroviario Pag. 1 di 61 Linee Guida Gestione dei requisiti RAM Associazione Italiana Cultura Qualità - Settore Trasporto su Rotaia - Via Cornalia 19-20124 Milano INDICE Pag. 2 di 61 1 INTRODUZIONE...5 1.1 SCOPO...5

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo Istituto di CAlcolo e Reti ad alte prestazioni

Dettagli

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 Introduzione Il primo ottobre 2015 la normativa ISO/IEC 27001: 2005 verrà definitivamente sostituita dalla più recente versione del 2013: il periodo di

Dettagli

ANALISI DEL RISCHIO DEI DISPOSITIVI MEDICI: ASPETTI REGOLATORI E PUNTI DI VISTA. Quadro Normativo. Roberto Belliato. Modena - 10 Dicembre 2014

ANALISI DEL RISCHIO DEI DISPOSITIVI MEDICI: ASPETTI REGOLATORI E PUNTI DI VISTA. Quadro Normativo. Roberto Belliato. Modena - 10 Dicembre 2014 ANALISI DEL RISCHIO DEI DISPOSITIVI MEDICI: ASPETTI REGOLATORI E PUNTI DI VISTA Quadro Normativo Roberto Belliato Modena - 10 Dicembre 2014 Syllabus Syllabus Concetto di sicurezza Introduzione Riuscire

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE LE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE 1 L'obbedienza da parte di un produttore, agli standard fissati dalle norme volontarie viene garantita e certificata attraverso una: Certificazione

Dettagli

ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE DELLA WORK BREAKDOWN STRUCTURE (WBS)

ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE DELLA WORK BREAKDOWN STRUCTURE (WBS) Pagina: 1 di 12 ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE DELLA WORK BREAKDOWN Pagina: 2 di 12 INDICE 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Definizioni e Acronimi... 3 4. Documenti Applicabili e di

Dettagli

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved.

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved. ISO/IEC 2700:2013 Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione ISO/IEC 27001 La norma ISO/IEC 27001, Information technology - Security techniques - Information security management systems

Dettagli

L approccio globale ABB per l efficienza energetica.

L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Luca Zanella - ABB Energy Efficiency Country Team Manager 6a Giornata sull efficienza energetica nelle industrie - 14 Maggio 2013 L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dall audit al supporto

Dettagli

Prefazione. Introduzione

Prefazione. Introduzione Prefazione Introduzione XI XIII 1 Comportamento a stati finiti di un sistema embedded 3 1.1 Richiami su automi a stati finiti riconoscitori di linguaggi... 4 1.2 Grammatiche............................

Dettagli

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005)

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005) La Qualità secondo ISO Qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite (UNI

Dettagli

υ Verifica della completezza di una definizione υ Identificazione dei requisiti del software υ Identificazione degli obiettivi del progetto

υ Verifica della completezza di una definizione υ Identificazione dei requisiti del software υ Identificazione degli obiettivi del progetto La Norma ISO/IEC 9126 Luigi Lavazza, 2001 ISO/IEC 9126 1 υ Standard di valutazione della qualità di prodotti software dell International Organisation for Standardisation e dell International Electrotechnical

Dettagli

Un Sistema Informativo per il Monitoraggio di Apparati Radar mediante l uso di Griglie Computazionali

Un Sistema Informativo per il Monitoraggio di Apparati Radar mediante l uso di Griglie Computazionali tesi di laurea Un Sistema Informativo per il Monitoraggio di Apparati Radar Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Generoso Paolillo candidato Vincenzo Carletti Matr.

Dettagli

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario 1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 1.1 Introduzione... 19 1.2 Sviluppo tecnologico delle minacce... 19 1.2.1 Outsourcing e re-engineering... 23 1.3 Profili delle minacce... 23 1.3.1 Furto... 24 1.3.2

Dettagli

Manuale CAP 1. SISTEMA QUALITA

Manuale CAP 1. SISTEMA QUALITA CAP 1. SISTEMA QUALITA 1. SCOPO Lo scopo del presente manuale è definire e documentare, a livello generale, le politiche, l'organizzazione, i processi e le risorse relative al Sistema del Rotary Club...

Dettagli

ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT

ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT 1di 19 ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT (*) Verifica Tecnica: Rev. Data Descrizione Redazione Verifica Tecnica Autorizzazione A 15 03 2001 (*) A.5 18 09 2001 2di 19

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

Ing. Giovanni Antico S.Te.L. Servizi per le Telecomunicazioni e la Logistica

Ing. Giovanni Antico S.Te.L. Servizi per le Telecomunicazioni e la Logistica Ing. Giovanni Antico S.Te.L. Servizi per le Telecomunicazioni e la Logistica Un messaggio può essere trasmesso esplicitamente.. ..o scritto....scolpito nella pietra o disegnato su un papiro.. ..questo

Dettagli

La Certificazione AS/EN 9100. Schema di Certificazione Aerospaziale Europeo del Sistema Qualità dei Fornitori

La Certificazione AS/EN 9100. Schema di Certificazione Aerospaziale Europeo del Sistema Qualità dei Fornitori La Certificazione AS/EN 9100 Schema di Certificazione Aerospaziale Europeo del Sistema Qualità dei Fornitori 1 UNAVIAcert ha adottato lo schema di certificazione AS/EN 9100 per incrementare la fiducia

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Linee di interconnessione secondo le evoluzioni normative UNI - CEI

Linee di interconnessione secondo le evoluzioni normative UNI - CEI secondo le evoluzioni normative UNI - CEI Panorama normativo nei sistemi di rilevazione fumi ed EVAC Sistemi di rilevazione fumi rif. UNI 9795 : 2010* Sistemi EVAC rif. UNI ISO 7240-19* 1 UNI TC 72 Ing.Andrea

Dettagli

Applicazioni dello standard ISO 31000:2009 Risk Management Principles and guidelines

Applicazioni dello standard ISO 31000:2009 Risk Management Principles and guidelines Applicazioni dello standard ISO 31000:2009 Risk Management Principles and guidelines Lo standard ISO 31000 nel sistema di controllo interno e di gestione dei rischi ex art. 7 del Codice di Autodisciplina

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA

Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA Company Management System Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA Scopo del documento: Redatto da: Verificato da: Approvato da: Codice documento: Classificazione: Dominio di applicazione:

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

LEAD AUDITOR ISO/IEC 27001

LEAD AUDITOR ISO/IEC 27001 LEAD AUDITOR ISO/IEC 27001 Mogliano Veneto 20-21, 26-27-28 Settembre 2012 Sistemi di Gestione per la Sicurezza delle Informazioni secondo la norma UNI CEI ISO/IEC 27001:2006 ISACA VENICE CHAPTER propone

Dettagli

Università degli studi di Perugia ing. Andrea Nicolini RISORSE ENERGETICHE ED ENERGIE ALTERNATIVE. AUDIT e Diagnosi Energetica

Università degli studi di Perugia ing. Andrea Nicolini RISORSE ENERGETICHE ED ENERGIE ALTERNATIVE. AUDIT e Diagnosi Energetica Università degli studi di Perugia ing. Andrea Nicolini RISORSE ENERGETICHE ED ENERGIE ALTERNATIVE AUDIT e Diagnosi Energetica 1 AUDIT ENERGETICO DEFINIZIONE NELLA DIRETTIVA 2012/27/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

BASIC TRAINING. 10 Febbraio Good Distribution Practice. 6 Aprile Annex15: novità su qualifica e convalida processo

BASIC TRAINING. 10 Febbraio Good Distribution Practice. 6 Aprile Annex15: novità su qualifica e convalida processo 2016 CTP SYSTEM.COM BASIC TRAINING Corsi di taglio basic su argomenti consolidati, frutto di un esperienza pluri-ventennale maturata sul campo in ambito GMP, destinati agli operatori dell Industria Farmaceutica,

Dettagli

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Dott. Ing. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it

Dettagli

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management 10-dic-2008 Osservatorio P 3 MO Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management Oscar Pepino Consigliere Esecutivo Reply S.p.A. 2 Sommario Gruppo Reply - scenario

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT

ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT Allegato al documento ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SCMT SCMT Codifica: DI TC PATC ST CM 01 G05 A01 FOGLIO 1 di 7 ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI

Dettagli

LE NORME DELLA SERIE EN 45000

LE NORME DELLA SERIE EN 45000 LE NORME DELLA SERIE EN 45000 Le EN 45000 riguardano il processo di accreditamento di: laboratori di prova; organismi di accreditamento dei laboratori di prova; organismi di certificazione di prodotto;

Dettagli