Piano industriale strategico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano industriale strategico"

Transcript

1 Liveup srl Piano industriale strategico Bilanci previsionali Rimini, 31 marzo 216 A cura di: Rossi & Associati srl

2 SOMMARIO NO DISCLOSURE E DISCLAIMER 3 1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO IL PROGETTO L AZIENDA E LA SUA STORIA ASPETTI METODOLOGICI IL PIANO STRATEGICO IL SETTORE E IL MERCATO 2.2 LINEE STRATEGICHE IL PIANO DELLE VENDITE E IL MARKETING MIX ANALISI DEL CICLO PRODUTTIVO, COSTO DEL VENDUTO E SCORTE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA. 2.6 IL COSTO DEL LAVORO 2.7 ALTRI COSTI E SPESE GENERALI IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI. 2.9 ASPETTI FINANZIARI IMPATTI AMBIENTALI ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI ANALISI ECONOMICA. 3.2 ANALISI PATRIMONIALE ANALISI FINANZIARIA E FABBISOGNO FINANZIARIO 4. CONCLUSIONI. 9 ALLEGATI... 9 Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

3 NO DISCLOSURE E DISCLAIMER Nel ricevere questo documento, vi impegnate a mantenere e garantire la massima riservatezza sulle informazioni ivi contenute, e su quelle di cui verrete a conoscenza, anche solo verbalmente, nel corso di eventuali ulteriori indagini e/o incontri, nonchè a restituire immediatamente, su richiesta di XXXXX, tutto il materiale ricevuto senza trattenere alcuna copia. Questo documento non dovrà essere fotocopiato, riprodotto o distribuito, per intero o in parte, né citato in documenti ufficiali, senza il preventivo consenso scritto di XXXXX. Il presente Business plan è stato redatto secondo ipotesi, dati e indicazioni formulate e fornite da XXX, alla luce delle informazioni note, della situazione in essere e di quanto poteva essere ragionevolmente supposto, al momento della sua stesura. Si precisa che, in conformità con l incarico ricevuto, tali informazioni sono state assunte dai materiali redattori acriticamente, ovvero senza svolgere alcun controllo in merito alla correttezza, completezza e validazione dei dati e informazioni ricevute. Sebbene siano state adottate tutte le necessarie cautele per un accurata e diligente stesura dei dati e delle analisi contenute nel presente documento, né XXX, né XXX spa, né i materiali redattori, si assumono alcuna responsabilità sulla correttezza, completezza e validità dei dati evidenziati e delle proiezioni formulate, né sulla completezza del presente documento, e non forniscono alcuna garanzia, espressa o implicita, in ordine alle informazioni in esso contenute. 3, Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

4 1. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO 1.1 Il Progetto Società Alfa srl Piano industriale strategico La Alfa Plus srl attualmente svolge la propria attività in locali assunti in locazione, aventi una superficie complessiva di circa 5 mq, tra uffici e magazzini. Il forte sviluppo che la società ha avuto negli ultimi anni, hanno determinato volumi operativi e di fatturato che hanno completamente saturato gli attuali spazi fisici a disposizione dell azienda. Pertanto, per poter mantenere anche i futuro gli alti tassi di crescita aziendale che si stanno registrando anche nel 215, è necessario dotarsi di una sede molto più ampia, avente una superficie di almeno 1. quadri. Per tale ragione, la strategia aziendale prevede di trasferirsi, possibilmente entro il , in locali idonei a supportarne la crescita e più adeguati alla dimensione raggiunta dall azienda. Il presente Business Plan, quindi, è stato redatto al fine di rappresentare l evoluzione della Alfa Plus srl nei prossimi anni, alla luce delle linee strategiche di sviluppo aziendale previste per il futuro, incluso il trasferimento in una nuova sede sociale ed operativa. 4 La nuova sede consentirà non solo di ottimizzare l efficienza dei vari reparti aziendali, ma di avere a disposizione spazi molto più ampi da adibire a magazzino. Ciò consentirà, in particolare, di allargare ulteriormente la gamma delle categorie merceologiche offerte (ad esempio il comparto alimentare biologico e naturale), sfruttando ancora meglio le potenzialità del proprio marchio. Più in dettaglio, il progetto aziendale prevede di acquistare entro il mese di settembre 215 un immobile già esistente, e di ristrutturarlo per adeguarlo alle esigenze e finalità aziendali. I lavori potrebbero essere terminati entro il mese di giugno 215. Il trasferimento nella nuova sede sociale, pertanto, avverrebbe con decorrenza luglio 215. Tuttavia, per tutto il 216 si è preferito prevedere di non rilasciare gli attuali locali, in modo da gestire con più gradualità il trasloco. L investimento riguarderà anche il nuovo arredamento, attrezzature per il magazzino, e un ulteriore ammodernamento delle apparecchiature elettroniche. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

5 5 Con la nuova sede la Alfa Plus srl avrà a disposizione complessivamente mq. 1., così divisi: - uffici per mq. 4; - magazzino per mq. 6. Il costo complessivo di acquisto dell immobile e delle successive opere di ristrutturazione è stato stimato in circa iva (incluso spese direzione lavori). e spese di trasloco sono state quantificate in circa 5. + iva. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

6 P e r f i n a n z i ar e t ut t o q u a n t o s o p r a p r e v i s t o, i l p r o g e t t o prevede il r i c o r s o a l l e s e g u e nti fonti finanzi a r i e : - o p e r a z i o n e d i l ea s ing i m m o b iliare: i m p o r t o d i , d u r a t a d i c i ot t o a n n i, t a s s o 4,7 5 %, m a x i - c a n on e d e l 1 % d a e r o g a r s i n el m e s e d i s e t t e mb r e 2 1 5, c o n t e s t u a l m e nt e al l acquisto d e l l i m m o bile d a rist r u t t u r a r e ; r i s c atto d e l 1 % ; i c a n o ni m e n s i li d e c o r r e r a n n o d al , d a t a i n c u i l a n u o v a s e d e d i v e r rà o p e r a t i v a. A p a r t ire d a s ettembre e s i n o a l l a s o c i e t à di l ea s i n g e f f e t t u e r à il p a ga m e n t o di a c c o nti alla s o c i e t à c h e g e st i rà l a r i st r ut t u r a z i o n e, i n b a s e ai S AL, c h e s o n o s t at i r ipart iti in u g u a l m i s u r a n e i v a r i m e s i ; n e g l i a llegat i b ilanci p r e v i s i o n al i, g l i o n eri f i nanziari r e lat i vi a t al e p r e - f i nanziamento, q u a n t i f icat i a l t a s so d e l 4,7 5 %, s o n o s t ati i n s e rit i a lla v o ce Al t ri o n e r i f i nanziari. 6 P e r t a nt o, d a l m e se d i g en n ai o v e r r à e liminat o l a t t u ale c a n o n e d i l o c a z i o ne di circa 16. a n n u i. I l Al f a P l u s s r l s i a p p r e st a a n ch e a r e a l i z z a r e u n p r o g e t t o d i r i o r g a n i z z a z i o n e d el l a p r o p r ia s it u a z i on e f i nanziaria e d el l e s p o s i z i o n e a b r e v e v e r s o i l s i st e ma b a n cario. I n p a rticolare: - t ra s e t t e m b r e e o t t o b r e 2 1 5, a c c e n s i o n e d i u n m u t u o d i 1.5. d e l l a d u r a t a d i 1 2 a n n i (d i c u i i p r i m i d u e di p r e a m m o r t a m ent o ), a l t a s s o d e l 5,5 %, g a r a n t it o d a i pot e c h e s u b e n i p e r s o n a l i d e i s o c i ; Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

7 - c o nt e s t u al e c hiusura di alcuni affi d amenti a breve; - c o n s e g u e n z i a l e ri l a s ci o d i a l c u n e c o n t r o g a r an z i e p r est at e s ia d a l la societ à ( 2 7.) che da part e d e i S o c i ( 8 2. ) ; - a u m e nt o d e l c ap it a l e s o ci a l e p e r 8 2., p a r i p roprio a l le c o n t r o g a r an z i e l iberatesi in c ap o a i S o c i ; t a l e a u m e nt o s i a g g i u n g e a q u e l l o g i à già effettu at o i n da t a L e s u d d e t t e o p e r azioni d e t e r mi n e ra nno u n n e t t o r a f f or z a m e n t o p a t r i m o n iale d e lla S o c i e t à e u n p r of o n d o r i e q u i libri o d e l l a s it u a z i o n e f i n a n zi a r ia, come verrà meglio illust r ato nel Capit o l o 3. 7 Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

8 1.2 L azienda e la sua storia L a Al f a P l u s s r l n a sc e n el c o m e r e a lt à t ra l e più importanti s t r u t t u r e indust ri a li d e l p r o p ri o s e t t o r e. L ' e s p e r i e n z a m at u r a t a n e i 2 an n i d i a t t i v it à, c o n g i u nt a a c o nt i n ui i nt e r v e nti d i i n n ov a z i o n e t ec n o l o g ica d e g li i mp i ant i e d e i s i st e mi p r o d u t t i v i, h a c o n se n t it o d i r a ggiungere e l e v at i st an d ard q u a l it ativi e p r o d u t t i v i, tale da re n d e r e il prodotto leader d e l s etto r e. N e l 2 6 s i d e c i d e d i t r a s f o r m a r e l a s oc i et à d a S n c i n S rl m a r i m a ne s e m p r e a c o n d u z i o ne famigliare. L a A l f a P l u s s r l coltiva l e t r a di z i o n i e g li a nt ichi s a pori d e lla m e r a v i g liosa t e r r a e m i l iana, e g ra z i e a i b r illant i r i s u lt ati e d o bbiettivi azi e n d al i r a g gi u nt i n e g l i an ni, h a e s t e s o l ' a t t i v ità d i p roduzione a n c h e n e l la zona di Parma. F o r t e d e lle t r a di z ioni e d e s p e ri e n z e r e l at i v e a lla l a vorazione a r t i g ianal e, r i e s c e a t r a s m ettere a d og n i s u o p r o d o t t o quelle p r o p r i et à t ipich e d e lle z o n e d e i c o l li e m ilian i c om e a d e s e m p i o : g l i a r o m i, i s a p o r i, i l c o l o r e, il gust o, la dolcezza, i l p r o f u m o e l a f r a g r an z a. L a p o t e n z i al it à p r od u t t i v a a nnuale è d i c i r c a 4.1. k g. p a r i a 3 5. prodot t i. L a s o c i e t à h a a l momento u n c a p it a le d i , d e t e n u t o d ai s e g u e n t i s o c i : 8 - S i g n o r Al f a, quot a del 75% - S i g n o r B et a, quot a d e l 2 5 % O l t r e a l s u d d etto capit al e s o c i al e, i l patri m o n i o n etto è compost o d a f i nanziament i s o c i vi n c o l ati a f u t u r o a u m e n t o d el capitale s o c i al e, p er , e r i s e r v e p e r , p e r u n t ot a le di P e r t a nt o, d o p o c h e s a r à s t ato effettu at o l a u m en t o d i capit a l e s o ciale di 8 2., a s e g u i t o d e l r i lasci o d e l l e c o nt r o g a r an z i e, i l p a t r i m o n i o n e t t o s a l irà a I l C o ns i g l i o d i A m m i n i s tr a z i o n e è i n v ec e c o s ì c o m p o s t o : - Sig n o r C a r l o B i an c hi - P r e s i d e nt e - S i g n o r M a ri o V e r di C o n s i g l i e r e - S i g n o r a C a r l a Bramb i lla - Consigliere Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

9 N e l l a s u c c e s s i v a t a b e lla s o n o st at e s i nt et i z z at e a l c u ne m a c r o - g r a n d e z z e e c o n o m iche e pat ri m o n i al i d e l l a s o ci e t à V e n di t e R e d d i t o o p e r a t i v o R O I 5,1 6 % 2,8 3 % 3,8 4 % C a p i t a l e s o c i a l e C a p i t a l e n e t t o C a p i t a l e i n v e st i t o Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

10 1.3 I prodotti N e l s e t t o r e i n c u i o p e r a l a s o c i e t à, i l bacino d i a p p r o v vi g ionamento è d a t o d a u n 3 5 / 4 % d i p r o d o t t o l o cale c h e v i e n e st o ck a t o n el l e c e lle f r i g o r i f e r e s o c i et a ri e. P e r i l r i ma n en t e 6 / 6 5 % d e l p r o d o t t o v i e ne i m p o r t at o d i r ettamente d a lla F r an c i a, i n q u a nt o i l ra p p o rt o q u a l it à / p r e z z o è p i ù c o n v e n i e nt e. 1 N e l c o r s o d e g l i a n n i l a s t r ut t u r a p rodut t i v a è s t ata p i ù v o lte p o t e n z iat a e d a m modernata. N e l v i e n e c o s t r u i t o u n n u o v o i m p i a nt o p e r aumentare n o t e v o l m e nt e i v o l u m i p r o d u t t i vi. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

11 N e l 2 1 s i p r o c ed e n u o v a m e n t e al l a m pliament o d e lla s e d e, c o s t r u e n d o u n n u o v o m a g a z z i n o d i l a v o r a z i o n e c o n a n n e s s e c e l l e f r i g o r i f e r e di s t o ccaggio. T u t t o c i ò p e r m etterà al la s o c i età d i p ot e r incrementare n o t e v o l m e nt e i l v o lume d affari. 11 A l f a P l u s s r l d e d ica c o s t ant e m e nt e t e m p o e d i ngent i i nvest i m enti p e r e s s e r e a ll avanguardia n el l e n u o v e t e cn o l o g i e. L a c quist o e l ut ilizzo d i n u o v i m a cchinari p e r m etto n o u n a p r o d u z i o n e c o m p l et a m e nt e a u t o m a t i z z at a e d u n c o n t r ol l o s u l l intero p r o c e s s o p r o d u t t ivo, r i u s c e n d o a g a r a nt ire ai c lient i p r o d o t t i alt a m e nt e a f f i d a bili. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

12 L a z i e n d a o g g i e s porta al l e st e r o l o t t a n t a p e r c ent o d e lla p r o p ria p r o d u z i o n e, g u a d a g n a n d o u n p o s t o d i s p i cco t r a i g ra n d i p r o d ut t o ri m o n d i a li. F i li ali n e l Mondo 12 Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

13 1.3 Aspetti metodologici Nel processo di gestione dell impresa è sempre più avvertita la necessità di supportare le decisioni sia strategiche che operative, con opportune misurazioni economico-finanziarie, sia di natura previsionale che a consuntivo, idonee a fornire importanti informazioni in merito alla convenienza di certe scelte gestionali, pre-quantificando i presumibili effetti delle strategie aziendali in fase di ideazione, e la loro compatibilità con gli obiettivi di fondo dell impresa. La gestione intuitiva che ha caratterizzato l imprenditoria dei decenni passati, è gradualmente sostituita da una gestione consapevole, in cui le decisioni vengono assunte dopo averne stimato i presumibili effetti economici e verificata la fattibilità finanziaria. Questo processo di cambiamento in atto nello stile direzionale, è stimolato e favorito anche dal settore creditizio, ed in particolare dal nuovo accordo interbancario denominato Basilea2, per effetto del quale gli affidamenti che gli istituti di credito concederanno all impresa, e il relativo costo, dipenderanno dal rating aziendale e della capacità della stessa di pianificare la propria gestione e la propria politica finanziaria, nonché di monitorare costantemente i propri risultati. Pertanto l alta direzione aziendale sempre più spesso sta facendo ricorso a strumenti quali il Business plan, il Budget d esercizio, il Controllo di gestione e a sistemi di auto-diagnosi economico-finanziaria. L analisi svolta con il presente studio, ha lo scopo di XXXXX Nella prima parte del presente lavoro (Capitolo 2) verrà illustrato nel dettaglio l articolazione del progetto proposto, e tutte le ipotesi che sono state assunte ai fini dello sviluppo dei bilanci previsionali. Ciò consentirà al lettore di effettuare un attenta analisi critica di tutto quanto è stato supposto nella costruzione dei Piani economico-finanziari. 13 Per maggior prudenza, sono stati elaborati due diversi scenari, denominati Ipotesi A e Ipotesi B. L Ipotesi A è stata costruita utilizzando variabili e condizioni medio-ordinarie ritenute le più ragionevolmente supponibili e prevedibili, mentre l Ipotesi B rappresenta uno scenario più prudenziale. Nella parte successiva del presente lavoro (Capitolo 3), i risultati ottenuti vengono accuratamente analizzati attraverso i più moderni sistemi di analisi e diagnosi economicofinanziaria allo scopo di pervenire ad un giudizio sulla fattibilità e convenienza del progetto, sintetizzato nelle Conclusioni (Capitolo 4). Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

14 2. IL PIANO STRATEGICO Società Alfa srl Piano industriale strategico In questo Capitolo viene dettagliatamente illustrato il Progetto proposto, e tutte le ipotesi che sono state assunte ai fini dello sviluppo dei bilanci previsionali. Ciò consentirà al lettore di effettuare un attenta analisi critica di tutto quanto è stato supposto nella costruzione degli Piani economico-finanziari. 2.1 Il Settore e il Mercato Il settore di riferimento, in Italia e nel mondo, è costituito da oltre XXX imprese (fonte: Databank), prevalentemente rappresentato da YYYY. Il grado della concorrenza 33% 27% Analisi del settore 18% 22% Alfa Beta Gamma Delta 14 I principali concorrenti sono distribuiti nei segmenti di mercato. Principali strategie dei concorrenti diretti e loro quote di mercato Il rischio di concorrenti entranti è basso per via di Processi di concentrazione/integrazione in atto.. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

15 Società Alfa srl Piano industriale strategico Il rischio di prodotti sostitutivi è basso per via di Il potere negoziale con i Fornitori è medio, e si segue la filosofia della fidelizzazione e comaker-ship Individuazione precisa della clientela del settore, del comportamento d acquisto e della sensibilità ai processi di comunicazione/promozione/pubblicità dei prodotti/servizi La clientela è composta da I segmenti di riferimento sono costituiti da. Posizionamento del prodotto.. Gamma del prodotto.. Dati relativi ai volumi di produzione, al fatturato ed all andamento dei prezzi del prodotto x Fattori critici di successo del settore sono (prezzo, qualità, gamma, packaging, distribuzione, comunicazione, servizio, post-vendita, costi di produzione, economie di scala, innovazione, flessibilità, logistica, ecc..) Prodotti maturi e prodotti innovativi... Analisi del mercato delle materie prime I bisogni della clientela.. Prospettive di sviluppo del settore.., ciclo di vita del settore,. 15 Congiuntura economica accadimenti economici, politici, sociali e giuridici influenti sull andamento futuro del mercato Prodotto A Prodotto B Il potere negoziale con i clienti è nella media e si segue la filosofia della fidelizzazione. Il frazionamento della clientela è media. Stima della domanda.. Nel periodo 2-23 la domanda di xxxx ha registrato un incremento del % (Fonte: Databank). Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

16 Consumi Andamento atteso dei prezzi.. Il livello di attenzione nei confronti delle tematiche ambientali nei processi produttivi utilizzazione di tecnologie idonee a ridurre gli impatti sull ambiente ed il consumo di risorse naturali è. 16 Ripartizione del fatturato per linee di prodotto 18% 33% 22% 27% Prod. 1 Prod. 2 Prod. 3 Prod. 4 Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

17 Ripartizione del fatturato per area geografica 26% 29% 3% 8% 7% Ripartizione del fatturato per canale distributivo Italia Germania Usa Spagna Cile 47% 18% 35% 17 Coop. Acquisto Grande distrib. Vendite Dirette 2.2 Linee Strategiche Oggi il punto di forza della società è rappresentato da tecnologia e qualità del prodotto, prezzo, comunicazione-packaging (pubblicità, fiere, cataloghi, promozioni), canali distributivi, sia in Italia che all estero, aspetti logistici e organizzativi. La strategia su cui l azienda ha puntato e sta puntando sono.., investimenti sul prodotto e sul processo, qualità, innovazione, gamma, promozione, prezzo.. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

18 Descrizione del nuovo prodotto/servizio oggetto del progetto, dei mercati geografici e segmenti clientela Descrizione degli obiettivi che si intende raggiungere. Descrizione della strategia che verrà adottata. e breve descrizione degli investimenti previsti. Evidenziare gli investimenti in Ricerca & Sviluppo, le innovazioni nella qualità o nella gamma dei prodotti/servizi, le innovazioni di processo, ecc. Argomentazioni a supporto del successo dell iniziativa. Tempificazione del progetto. 18 Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

19 2.3 Il Piano delle vendite e il marketing mix Società Alfa srl Piano industriale strategico Indicare anche le modalità che si intendono seguire per organizzare l attività commerciale, le politiche di marketing adottate, i canali di distribuzione, le attività promozionali, ecc.. Descrivere la parte di fatturato già coperta da contratti certi o trattative molto avanzate. Riportare l andamento dei prezzi negli ultimi 5 anni per i prodotti interessati. Stimare i prezzi futuri previsionali. Categorie Mix a) Altri Prodotti Fatturato previsionale (Valori espressi in Euro) Anni Storico Previsionali % Var./Mix % / 78% Var./Mix % / 76% Var./Mix % / 76% Var./Mix % / 76% Var./Mix % / 76% Altri Prodotti Altri Prodotti % -557% % / 19% 3. % / 1% % / 22% 3. % / 1% % / 23% -1% / % % / 23% % / % % / 23% % / % 19 Altri Prodotti -557% % / -475% % / -385% % / -327% % / -299% % / -275% Altri Prodotti -557% % / -475% % / -385% % / -327% % / -299% % / -275% Altri Servizi -557% % / -475% % / -385% % / -327% % / -299% % / -275% Altri Servizi -557% % / -475% % / -385% % / -327% % / -299% % / -275% Totali ,5% ,29% ,73% ,54% ,81% Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

20 Esame dei volumi di produzione. Capacità produttiva e Volumi di produzione Categorie Uno Anni (Valori espressi in Unità/pezzi) Storico Previsionali Totale Esame dei costi commerciali. Altri Costi Commerciali (Valori espressi in Euro) Storico Previsionali Anni Provvigioni Royalties Commerciali Pubblicita' e Sponsorizzazioni Mostre, Fiere e Convegni Trasporti Italia Esame delle condizioni di incasso Condizioni di incasso dai Clienti Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

21 (Valori espressi in giorni) GG dilazione Quota di fatturato % 5% 5% 1% 1% 2% 2% 2% Dilazione media concessa = 157 gg 21 Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

22 2.4 Analisi del Ciclo produttivo, Costo del venduto e Scorte Descrizione del ciclo di produzione, di tutti i processi tecnologici di produzione coinvolti e di tutti i servizi ausiliari, compresa la gestione del magazzino, le modalità di approvvigionamento, la composizione e natura dei costi di produzione, gli accordi di ricerca e sviluppo Descrizione degli aspetti significativi della produzione: esistenza di brevetti o di marchi, innovatività tecnologica del processo, grado di automazione, flessibilità quali-quantitativa, scelte di make or buy, impatto sui costi variabili delle scelte di produzione, ecc. Rinviare ad eventuali allegati gli approfondimenti tecnici, quali il lay-out dei macchinari, la gestione delle scorte, i metodi di programmazione della produzione, il controllo di qualità, ecc. Esame dei consumi Incidenza % dei Consumi sul fatturato (M.P.= Materie prime P.F.= Prodotto finito) Anni Storico Previsionali Categorie M.P. P.F. M.P. P.F. M.P. P.F. M.P. P.F. M.P. P.F. M.P. P.F. b) Altri Prodotti % % % % % % % % % % % % 22 Altri Prodotti % % % % % % % % % % % % Altri Prodotti % % % % % % % % % % % % Altri Prodotti % % % % % % % % % % % % Altri Prodotti % % % % % % % % % % % % Altri Servizi % % % % % % % % % % % % Altri Servizi % % % % % % % % % % % % Media pond. % % % % % % % % % % % % Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

23 Categorie Prezzi medi unitari e Costi medi unitari (Valori espressi in di Euro) Anni Storico Previsionali Prezzi Costi Prezzi Costi Prezzi Costi Prezzi Costi Prezzi Costi Prezzi Costi c) Altri Prodotti Altri Prodotti Altri Prodotti Altri Prodotti Altri Prodotti Altri Servizi 23 Altri Servizi Media Esame delle scorte Scorte di magazzino Materie Prime e Semilavorati Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

24 Categorie Altri Prodotti Altri Prodotti Altri Prodotti Altri Prodotti Altri Prodotti Anni (Valori espressi in di Euro) Storico Previsionali Totale Scorte di magazzino Prodotto finito Categorie Altri Prodotti Anni (Valori espressi in di Euro) Storico Previsionali Altri Prodotti Altri Prodotti Altri Prodotti Altri Prodotti Totale Esame delle condizioni di pagamento Condizioni di pagamento dei Fornitori (Valori espressi in giorni) GG dilazione Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

25 Quota di fatturato % 5% 5% 5% 1% 1% 3% 2% Dilazione media ottenuta = 169 gg Esame degli altri principali costi di produzione Altri Costi di produzione Categorie Anni Storico (Valori espressi in di Euro) Previsionali Lavorazioni Esterne Manutenzioni Tecniche Leasing Royalties su Brevetti Locazioni, Affitti e Noli 25 Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

26 2.5 La Struttura organizzativa L azienda ha il modello di governance ed è guidata da un management costituito dai seguenti responsabili: Amministratori Funzionari Membri del comitato Nome e cognome Nome e cognome Nome e cognome Titolo ufficiale Titolo ufficiale Titolo ufficiale Nome della società Nome della società Nome della società Continua continua continua Nome e cognome Nome e cognome Nome e cognome Titolo ufficiale Titolo ufficiale Titolo ufficiale Nome della società Nome della società Nome della società Continua continua continua Nome e cognome Nome e cognome Titolo ufficiale Titolo ufficiale Nome della società Nome della società Continua continua Nome e cognome Titolo ufficiale Nome della società Continua Nome e cognome Titolo ufficiale Nome della società Continua L evoluzione della struttura dei dipendenti della società nell ultimo triennio, suddiviso per categorie, risulta dalla tabella seguente: 26 Dettaglio Risorse Umane Dirigenti Intermedi Impiegati Operai Totale Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

27 L organigramma generale della Società alla data attuale, suddiviso per area funzionale, si può invece evincere dal grafico successivo: Nome Nome Nome Nome Nome Nome Nome Nome Nome Nome Nome 27 Procedure operative formalizzate. La società è dotata di adeguati strumenti di programmazione e controllo di gestione Sviluppa regolarmente Budget d esercizio, cui seguono controlli mensili con i risultati effettivamente conseguiti. Prima di effettuare significativi investimenti o scelte strategiche, la società è solita sviluppare specifici Business plan pluriennali. La società ha/non ha ottemperato alle necessarie misure organizzative e di funzionamento atte ad evitare l automatica estensione alla azienda delle responsabilità penali di cui al D.Lgs n.231. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

28 2.6 Il Costo del lavoro Indicare l evoluzione prevista, quantitativa e qualitativa del personale dipendente Costo del lavoro (Valori in Euro) (Incluso T.f.r.) Storico Previsionali Amministrativi Commerciali Prod. Diretti Prod. Indir. 4 R. & S Totale Responsabile Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

29 2.7 Altri costi e Spese generali Indicare i principali costi di struttura e generali. Principali Costi di struttura e Spese Generali Costi Compenso Amministratori Locazioni, Affitti e Noli Consulenze Tecniche e Varie (Valori in Euro) Storico Previsionali Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

30 2.8 Il Piano degli Investimenti Descrivere dettagliatamente gli investimenti previsti, la loro tempificazione e il piano dei pagamenti Piano degli Investimenti % Amm.to (Valori espressi in Euro) TERRENI IMMOBILI OPERATIVI IMPIANTI MACCHINARI ATTREZZATURE ARREDI E MOBILI MACCHINE ELETTRON. MEZZI TRASPORTO BENI NON OPERATIVI BREV.,MARCHI,SOFTW. PUBBLICITA' STUDI E RICERCHE 2 ALTRI COSTI PLUR ALTRI COSTI PLUR. PARTECIPAZIONI - Totale Sottolineare gli investimenti in Ricerca & Sviluppo. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

31 2.9 Aspetti Finanziari Descrivere le fonti di finanziamento che si intende attivare. Affidamenti a Breve (Valori espressi in Euro) Anni Tipologia Tasso / Tasso / Tasso / Tasso / Tasso / Uno Due Tre Totale 31 Affidamenti a Medio lungo (Valori espressi in Euro) Anni Tipologia Tasso / Tasso / Tasso / Tasso / Tasso / Uno Due Tre Totale Aliquota iva media vendite Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

32 Aliquota ive media acquisti Nella costruzione del Business plan si è tenuto conto del fenomeno inflattivo; in particolare, i ricavi, i costi e gli investimenti sono stati determinati assumendo un tasso di inflazione del X% annuo. 2.1 Impatti ambientali. Descrizione dell impatto ambientale del processo produttivo adottato e delle misure adottate come metodologie di prevenzione 32 Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

33 3. ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI Società Alfa srl Piano industriale strategico Nel presente capitolo verranno illustrati i bilanci previsionali frutto delle ipotesi descritte nel Capitolo 2. I risultati economico-finanziari ottenuti saranno accuratamente analizzati attraverso i più moderni sistemi di analisi e diagnosi economico-finanziaria allo scopo di pervenire ad un giudizio sulla fattibilità e convenienza del progetto. Per far ciò si farà ricorso alle seguenti tecniche: analisi di composizione percentuale applicate agli schemi riclassificati del Conto economico e dello Stato patrimoniale; analisi per indici; analisi per flussi. Questo metodologie sono perfettamente complementari tra loro, integrando analisi di tipo statico con altre di tipo più dinamico. Gli aspetti che verranno esaminati sono riconducibili a tre macro-categorie: analisi della solidità aziendale, ovvero accertamento del grado di equilibrio che caratterizza l assetto patrimoniale in termini di corretto e fisiologico rapporto tra Impieghi (Attività) e Fonti (Passività e Capitale netto), e del grado di dipendenza finanziaria da fonti esterne; 33 analisi della solvibilità aziendale, cioè esame della situazione finanziaria corrente e verifica del corretto ed equilibrato rapporto tra entrate e uscite monetarie a breve; analisi della gestione reddituale, cioè del grado di redditività complessiva e indagine sui fattori che la determinano. I principali indici di bilancio che verranno illustrati nelle successive tabelle, saranno commentati anche attraverso frecce colorate aventi il seguente significato: - freccia rossa: il valore dell indice è squilibrato; - freccia gialla: il valore dell indice è insufficiente; - freccia verde: il valore dell indice è positivo. La direzione della freccia, inoltre, indica il trend dell indice nei vari anni esaminati: - freccia su: trend positivo; - freccia giù: trend negativo; - freccia orizzontale: indice costante. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

34 3.1 Analisi Economica Questa serie di indagini sono finalizzate a valutare l attitudine dell azienda a remunerare in misura congrua sia il capitale proprio che le fonti esterne di finanziamento. L analisi effettuata si riferisce ai bilanci relativi agli esercizi xxxx/xxxx. Nella tabella che segue vengono sintetizzati i Piani economici ottenuti. Cont Conto economico (Valori espressi in Euro) Anni Storico Previsionali Ricavi operativi netti Var. Rim. Prodotti e Semil Acquisti Prodotto finito -5 Lavori in Economia Valore della Produzione Var. Rim. Merci/Mat. Prime Acquisti Merci/Mat. Prime Costi vari per Servizi Lavorazioni Esterne Valore Aggiunto Costo lavoro M.O.L Ammortamenti materiali Ammortamenti immateriali Accantonamenti Risultato Operativo Oneri Finanziari Proventi Finanziari Gestione Straordinaria Gestione non operativa Imposte Risultato Netto Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

35 Per una migliore lettura dei risultati ottenuti, è bene fare ricorso ai principali indicatori di analisi economica, che vengono riepilogati nella tabella successiva. Indicatori di redditività Storico Previsionali Reddito Netto Saggio Redditività netta Reddito N./Fatturato N.,36% 1,19% 1,85% 5,41% 7,54% 7,81% ROE Reddito Netto/Mezzi Propri 1,43% 3,94% 7,28% 23,34% 28,85% 25,23% Reddito Operativo ROI Reddito Operat./Capit. Invest.,52% 3,64% 3,96% 9,56% 13,44% 13,99% ROS Reddito Operat./Fatturato N.,68% 3,95% 4,5% 9,38% 12,24% 12,27% Turnover Capitale Investito Fatturato/Capitale Investito,77,92,97 1,1 1,9 1,14 ROD (return on debts) Oneri Finanz./Capitale Terzi 3,51% 2,38% 2,1% 2,46% 2,34% 2,1% Incidenza Consumi su Fatturato 37,99% 48,77% 52,2% 52,76% 53,6% 54,64% Incid. Costo lavoro/fatturato 14,63% 11,95% 11,5% 1,17% 9,57% 9,6% Incid. Costo lavoro/valore Agg. 57,14% 65,1% 63,8% 46,21% 4,64% 4,41% Fatturato per addetto Valore Aggiunto per addetto Trend 35 Il Saggio di redditività netta (Utile/fatturato) è senz altro un ottimo indicatore di redditività complessiva. Maggiore è il suo valore, migliore è la capacità reddituale dell azienda. Nel caso in esame Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

36 Risultati d'esercizio Il ROE esprime il rendimento del capitale proprio; pertanto, tenendo conto del rischio d impresa che grava su tali capitali, questo indice dovrebbe tendenzialmente raggiungere valori non inferiori al 7%-1%. Nel caso in esame R.O.E. ROS TURNOVER LEVERAGE GEST.STR.-FIN. GEST. FISC. RO Fatturato Fatturato Cap. Inv. Cap. Inv Cap.Netto Ris. Lordo RO RN Ris.Lordo =1,43%,68%,77 4,92 2,3,22 215=3,94% 3,95%,92 3,55,93,31 217=7,28% 4,5%,97 4,24,85,53 218=23,34% 9,38% 1,1 3,46,9,62 219=28,85% 12,24% 1,9 2,75,94,64 22=25,23% 12,27% 1,14 2,35,97,65 Il ROI. indica la redditività media delle risorse investite nell attività operativa, e quindi esprime la capacità dell azienda di remunerare tutte le proprie fonti di finanziamento (capitale proprio e di terzi). Nel caso in esame Il ROS esprime il grado di efficienza della struttura operativa, cioè il margine di reddito operativo prodotto con un certo volume di fatturato: una sua crescita può dipendere o da una maggiore efficienza o da un allargamento della forbice prezzi-costi. Nel caso in esame Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

37 37 Effetto della gestione extra-caratteristica Storico Previsionali Incid. gestione non caratt. Reddito N./Reddito Operativo,52,29,45,57,61,63 Oneri Finanz.N./Valore Pr.,% 1,15% 1,33% 1,46% 1,25%,9% Trend Per capire l effetto della gestione finanziaria sulla dimensione economica dell impresa, sono utili due specifici indicatori. Il ROD (Oneri finanziari/debiti totali), esprime il tasso di onerosità media delle Fonti esterne. Il ROI deve necessariamente essere superiore al ROD. In tale caso si è in presenza di un effetto leva positiva, cioè un aumento del fatturato o del livello di indebitamento aziendale comporterà un incremento del ROE; è quindi importante individuare il più opportuno grado di indebitamento, quello cioè che consente di massimizzare il ROE mantenendo un equilibrato equilibrio finanziario e un accettabile livello di rischio aziendale. Nel caso in esame Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

38 Anche il Saggio di incidenza degli oneri finanziari sul fatturato (o meglio ancora sul Valore della produzione ) è un indicatore estremamente importante in quanto esprime il grado di equilibrio o disequilibrio della struttura finanziaria dell impresa. Gli oneri finanziari sono lo specchio del grado di dipendenza nei confronti di Fonti finanziarie onerose, e tale indice consente subito di capirne gli effetti sulla redditività. Tenuto conto dell attuale basso livello dei tassi finanziari, tale indice non dovrebbe superare le soglie massime di 2,5%-3,%, mentre valori fisiologici possono oscillare tra l 1% e il 2%. Tenuto conto di quanto detto in merito al Turnover, e al diverso grado di fabbisogno di Capitale Investito, nelle imprese commerciali l indice in esame deve assumere mediamente valori più bassi che in quelle di natura industriale. Nel caso in esame Dettaglio Oneri finanziari Euro/ A breve A M/L Totale L E.v.a. 6 è uno dei più moderni indicatori di performance economica, e si propone di stimare il valore economico creato dall azienda nel periodo esaminato. Viene determinato confrontando la redditività operativa (intesa come rendimento del capitale investito oneroso) con il costo medio del capitale investito oneroso (capitale di terzi oneroso + capitale netto) necessario per il funzionamento dell azienda. La redditività operativa viene 6 Marchio registrato di Stern Steward & Co. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

39 identificata con il Reddito Operativo al netto delle relative imposte operative (N.o.p.a.t.= Net Operating Profit After Tax). Il capitale investito oneroso su cui calcolare il relativo costo, invece, viene quantificato come dato medio annuo (media tra capitale investito a inizio e a fine periodo). Se la differenza tra redditività e costo, del capitale investito oneroso, è positiva, l azienda ha creato un valore economico a disposizione per gli azionisti, altrimenti ha distrutto ricchezza. Per cui, con questo approccio, l impresa non è più considerata sana se genera utili o flussi di cassa, ma solo se è in grado di generare redditività superiore al costo delle risorse investite. L E.V.A. è quindi il sovrareddito che l impresa produce dopo aver remunerato a condizioni di mercato sia il capitale di debito che quello azionario. Nel caso in esame Calcolo dell E.v.a. Storico Previsionali Economic Value Added Trend 39 L analisi del Punto di pareggio (Bep) consente interessanti valutazioni sul grado di flessibilità o rigidità della struttura dei costi aziendali. In particolare permette: di individuare il volume d affari minimo da raggiungere per evitare perdite operative; di quantificare il margine di sicurezza, ovvero la distanza che esiste tra i volumi operativi previsti e il break even point (punto di pareggio); in altre parole esprime di quanto potrebbe calare il fatturato previsionale senza che l azienda consegua delle perdite economiche; Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

40 di individuare la presenza di elementi strutturalmente patologici, quali una pericolosa rigidità della struttura per via dell eccessivo livello dei propri costi fissi, misurato anche in termini di leva operativa (Margine lordo di contribuzione/reddito operativo): all aumentare del valore che assume tale indice, aumenta anche la rischiosità della gestione. Analisi del punto di pareggio (Valori espressi in Euro) Anni Storico Previsionali B.E.P Costi Fissi Margine di contribuz. % 52,84% 38,12% 35,83% 35,8% 35,35% 33,88% Fatturato lordo di pareggio Margine di sicurezza 3,66% 7,43% 7,65% 22,72% 31,28% 33,77% Leva operativa 27, 13,58 13,12 4,41 3,2 2,97 4 Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

41 3.2 Analisi Patrimoniale. Scopo della presente analisi, è quello di segnalare se sussistono le condizioni fondamentali di equilibrio finanziario dell impresa: l omogeneità tra la natura del capitale investito e quella delle fonti di finanziamento utilizzate; l esistenza di equilibrio tra l entità del capitale netto e quella dei capitale di terzi; un equilibrato rapporto tra capitale di terzi oneroso e non oneroso. Nella tabella successiva viene riassunta la struttura del Capitale investito, e delle relative fonti di finanziamento, ottenuta riclassificando i bilanci previsionali. Stato Patrimoniale (Valori espressi in Euro) Anni Storico Previsionali Liquidità Finanziarie Clienti e Crediti diversi Risconti attivi Magazzino ATTIVO CORRENTE Immobil. Materiali Fondi Ammortamento Immobil. Immateriali Immobil. Finanziarie ATTIVO FISSO CAPITALE INVESTITO Debiti finanz. a breve Fornitori e Debiti div PASSIVO CORRENTE Debiti Finanziari a ML Altri debiti a ML PASSIVO CONSOLIDATO Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

42 MEZZI PROPRI Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

43 L andamento e la composizione della Posizione finanziaria netta è illustrata nella tabella successiva. A breve A M/L Posizione Finanziaria netta Euro Totale Considerando anche i canoni residui dei contratti di leasing, la Posizione finanziaria netta è la seguente: Posizione Finanziaria netta* Euro P.F.N. Contabile Rate residue leasing Totale *incluso canoni residui dei contratti di leasing Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

44 44 Questi sono, invece, i principali indicatori patrimoniali: Indici di solidità Storico Previsionali Trend I.Compless. copert. Immob. Fonti permanti/attivo Immob. I. Autocopertura Immobil. Mezzi propri/attivo Immobil. 1,37 1,87 1,44 1,56 1,71 1,96,51,85,58,75 1,1 1,3 In una struttura finanziaria sana ed equilibrata, il cosiddetto attivo immobilizzato (immobili, beni strumentali, ecc.) deve essere finanziato con fonti interne permanenti (capitale netto) e con fonti esterne a medio-lungo termine (mutui, f.do t.f.r., ecc.): tale circostanza è verificata dal Quoziente di Struttura (Fonti permanenti/attivo immobilizzato), che, quindi, è auspicabile assuma valori maggiori di 1, o comunque prossimi all 1. Nel caso in esame Quindi è opportuno procedere esaminando il livello di indebitamento. Uno dei più delicati aspetti della gestione economico-finanziaria d impresa, infatti, è proprio la individuazione del Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

45 più adeguato mix tra mezzi propri e debiti. La presenza di considerevoli mezzi propri, infatti, da una parte conferisce solidità all impresa, riducendone la rischiosità, ma dall altra parte riduce il ROE, cioè la redditività dei capitali investiti dagli azionisti. Come in qualsiasi investimento finanziario, aumentando il grado di rischio (in tale caso l indebitamento), aumenta il corrispondente guadagno per l investitore, per via dell effetto leva finanziaria. Alla luce di ciò, è bene preferire dei rapporti di indebitamenti più contenuti in presenza di: leva operativa alta, in quanto ciò è indice di una struttura dei costi fissi elevata, bassa elasticità della struttura operativa e quindi di una maggiore vulnerabilità dell impresa in caso di contrazioni del fatturato; un attivo immobilizzato elevato, cioè bassa elasticità della struttura del capitale investito. Pertanto, anche se il Debt/Equity ratio varia sensibilmente da settore a settore, in presenza dei citati fattori è bene che non superi valori massimi di 3-4 (3-4 euro di debiti, ogni euro di mezzi propri). Nel caso in esame Indici di indebitamento Storico Previsionali Debt Equity ratio Capitale di terzi/mezzi propri Rapporto Indebitam. Oner. Indeb. Finanz.N./Mezzi propri ,93 2,55 3,24 2,46 1,75 1,35 2,16 1,19 1,92 1,27,76,39 Trend 45 Per valutare la congruità del grado di indebitamento, è anche importante procedere con l analisi qualitativa del capitale di terzi, in particolare distinguendo tra debiti onerosi e debiti non onerosi. E evidente che sono accettabili anche valori del Debt equity ratio più elevati di quanto sopra indicato, qualora ci si riesca a trasferire la maggior parte del debito a carico dei fornitori, piuttosto che delle banche. Il rapporto Capitale di terzi oneroso/mezzi propri è bene che non superi di troppo l 1, specie nei casi a rischio sopra indicati. Nel caso in esame Considerando anche le rate residue dei contratti di leasing, gli indici di indebitamento sono i seguenti: Indici di indebitamento* Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

46 Società Alfa srl Piano industriale strategico Storico Previsionali Trend Debt Equity ratio Capitale di terzi/mezzi propri Rapporto Indebitam. Oner. Indeb. Finanz.N./Mezzi propri *incluso canoni residui dei contratti di leasing I. Primario di Struttura Rapporto di Indebitamento 1,,8,6,4,2, 3, 2,5 2, 1,5 1,,5, 46 L indice di Liquidità corrente, detto anche Current ratio, (Attività correnti/passività correnti), segnala l attitudine dell impresa a far fronte alle uscite future derivanti dall estinzione delle passività correnti, con i mezzi liquidi a disposizione e con le entrate future provenienti dal realizzo delle attività correnti. Per assumere valori ottimali tale indice non dovrebbe essere inferiore a 1,5 2, il che implica l esistenza di un capitale circolante lordo prossimo al doppio dell indebitamento a breve termine. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

47 Indici di solvibilità Storico Previsionali Trend Current ratio Attivo Circol./Passivo Circol. Quick ratio (Liq.Imm.+Liq.Diff.)/Pass.Circ. 1,31 1,75 1,43 1,54 1,66 1,86,86 1,18 1,2 1,1 1,22 1,41 Indice di Altman 1,1 1,39 1,25 1,69 2,1 2,15 Nel caso in esame Current Ratio Quick Ratio,,5 1, 1,5 2,,,5 1, 1,5 2, L Indice di Altman esprime la solvibilità aziendale, ovvero la probabilità che si verifichi un incaglio finanziario (probabilità maggiore del 5% se l indice assume valori sotto l 1,8). Nel caso in esame Il Turnover del Capitale investito esprime l efficienza con cui si riescono a far girare gli investimenti durevoli e il capitale circolante (magazzino e crediti). Nel caso in esame La gestione del Capitale circolante emerge anche dall analisi del Ciclo monetario circolante, pari all indice di durata media crediti v/clienti (espresso in giorni), cui va sommato l indice di permanenza media delle scorte nel magazzino (espresso in giorni), e detratto l indice di durata media dei debiti v/fornitori (espresso in giorni). Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

48 Società Alfa srl Piano industriale strategico Indici di rotazione Storico Previsionali Durata media dei crediti v/clienti Giacenza media del magazzino (gg) Durata media debiti v/fornitori commerciali Ciclo monetario circolante Trend Nel caso in esame Tali indici sono calcolati sul saldo di Clienti, Fornitori e Magazzino a fine esercizio: se tali saldi non sono rappresentativi dei valori medi mensili, l indice ne risulterà approssimato. Durata media Clienti Durata media fornitori Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

49 Società Alfa srl Piano industriale strategico Giacenza media Magazzino Durata Ciclo Monetario Analisi Finanziaria e Fabbisogno finanziario. 49 Attraverso questa importante analisi, si riesce a ricostruire la dinamica dei flussi finanziari negli esercizi esaminati, individuando quali sono i fattori che generano il fabbisogno finanziario, qual è stato l autofinanziamento creato dalla stessa impresa e, in caso di sua insufficienza, quali sono state le fonti di copertura previste. I flussi di cassa (cioè le entrate e le uscite) vengono in genere suddivisi in tre principali macrocategorie: flussi di cassa della gestione corrente: sono costituiti dagli incassi dai clienti, dal pagamento di fornitori, stipendi, versamenti di iva e altre imposte, ecc.; flussi di cassa da investimenti/disinvestimenti: sono le uscite monetarie per l acquisto di beni strumentali, o le entrate in caso di loro vendita; flussi di cassa della gestione finanziaria: riguardano quelle operazioni con cui l azienda gestisce il proprio fabbisogno finanziario; le entrate sono costituite dalle fonti di finanziamento scelte dall azienda (mutui, apporti del titolare, ecc.), mentre le uscite rappresentano il rimborso di tali finanziamenti, la distribuzione di utili, ecc.. Nella tabella successiva viene schematizzato il rendiconto finanziario riferito ai Piani previsionali. Alfa srl, Via Verdi n. 33 Roma RM

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it Fondamenti di analisi i di bilancio i Le analisi di bilancio: introduzione gghelfi@liuc.it Le analisi di bilancio - Introduzione Il bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione l andamento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito Approfondimenti Analisi efficienza Approfondimenti 1 2 La formazione degli indici di bilancio! gli

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli