Analisi di strumenti software per l automazione dei processi di Configuration Management dei sistemi: Puppet Software Tool

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi di strumenti software per l automazione dei processi di Configuration Management dei sistemi: Puppet Software Tool"

Transcript

1 Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Reti di Calcolatori Analisi di strumenti software per l automazione dei processi di Configuration Management dei sistemi: Puppet Software Tool Anno Accademico 2013/2014 Candidato: Pasquale Amoruso matr. N

2 Alla mia famiglia, per essermi stata sempre vicina. Sempre.

3 Indice Indice... III Introduzione... 4 Capitolo 1: Il movimento DevOps I principi e le finalità secondo DevOps DevOps & Mobile DevOps & Business: Opinioni Capitolo 2: Puppet Puppet Management Tool Come funziona Puppet (Master/Agent)? Come installare e configurare Puppet? Puppet Enterprise Console (PE Console) Capitolo 3: Panoramica su Chef, Ansible e Salt Chef Ansible Salt Conclusioni Bibliografia... 38

4 Introduzione Puppet è uno degli strumenti software open-source (disponibile anche nella versione commerciale) nati negli ultimi dieci anni allo scopo di gestire sistemi e infrastrutture di rete durante il loro ciclo di vita in maniera del tutto automatica, dalla configurazione e provisioning fino al reporting, e di mantenere sempre aggiornata un'enorme quantità di servizi da essi offerti, garantendo così costi sempre più bassi [1]. L esigenza di nuove funzionalità e l inevitabile crescita della rete Internet e della potenza dei server, accompagnate dalla nascita di nuove tecnologie come il cloud computing, hanno portato ad un aumento significativo del numero di server da gestire all'interno e all'esterno di un'organizzazione. Ciò ha incrementato la necessità di automatizzare i processi di gestione del software e dei servizi distribuiti, per esempio, su strutture virtuali o in esecuzione sul cloud oppure su istanze ospitate in data center remoti, superando così le difficoltà dovute alla loro gestione manuale che rendeva man mano sempre più onerose e costose le operazioni di manutenzione e complicava di conseguenza l espansione, lo sviluppo del software e le relative operazioni di testing. Grazie a questi software management tools si è in grado di seguire l intero ciclo di vita di un sistema, a partire dalla creazione e inizializzazione della sua prima istanza fino ad automatizzare operazioni di modifiche e di aggiornamento della stessa. Esistono due principali approcci alla gestione: Standalone (Single-Host) e Master/Agent. 4

5 Le infrastrutture più piccole e meno complesse possono beneficiare del modello Masterless per sviluppare e testare rapidamente nuove configurazioni, evitando il sovraccarico del modello Client/Server consigliato, invece, per distribuzioni più complesse che richiedono maggior centralizzazione ma, allo stesso tempo, maggior parallelismo delle operazioni di gestione. Infatti, il modello Standalone (Fig. 1) consiste nel testare e inviare cataloghi da una workstation locale, in cui è installato il software tool, in grado di funzionare sia da client che da server. Figura 1: Modello Standalone per la gestione delle istanze software Secondo il modello Master/Agent (Fig. 2), invece, ogni client (Agent) esegue autonomamente il software tool con cui è in grado di richiedere nuovi cataloghi al server (Master), il quale è in grado di stabilire connessioni in entrata e in uscita con tutti i nodi della rete e di gestire separatamente le informazioni di configurazione per ciascuno di essi. Figura 2: Modello Master/Agent per la gestione delle istanze software 5

6 Oltre al Puppet, esistono altri tools (open-source o in versione Enterprise), come Chef, Salt e Ansible, tutti in grado di configurare e manutenere decine, centinaia o addirittura migliaia di server. Essi forniscono un proprio DSL (Domain-Specific Language) in modo da poter definire all interno di ciascun file di configurazione lo stato finale desiderato per il sistema da gestire. In questo elaborato è effettuata una panoramica sulle caratteristiche di ciascun tool sovracitato, soffermando maggiormente l attenzione sul modello Master/Agent di Puppet di cui sarà illustrata la procedura di configurazione e il tipo di informazioni trasmesse durante la comunicazione tra due host di riferimento. Inoltre, è mostrato l utilizzo della Puppet Enterprise Console (PE Console), l interfaccia web utente presente all interno della versione Enterprise del software che consente di realizzare il classifying di un agent locale e gestire la sua esecuzione tramite Live Management. 6

7 Capitolo 1: Il movimento DevOps Col termine DevOps si intende il principio secondo cui imprenditori e sviluppatori, operation managers e servizi di garanzia della qualità, appartenenti ad una stessa organizzazione IT (Information Technology), lavorano uniti allo scopo di migliorare la produttività e la velocità di sviluppo e distribuzione del software, automatizzando i flussi di lavoro e misurando continuamente le prestazioni delle applicazioni [2]. Tradizionalmente, Dev (Developers) e Ops (Operations Team) lavorano separatamente: da un lato, uno sviluppatore costruisce l applicazione; dall altro, un team operativo si occupa di tutto il resto, come il controllo di qualità del software, l ottimizzazione della gestione delle risorse, ecc. Questa distinzione dava i suoi frutti quando realizzare un applicazione richiedeva ancora settimane o mesi. Ma nell attuale era degli app store e dei software-as-a-service la durata dello sviluppo del software si è ridotta a pochi giorni e quindi il divario tra developers e operations è stato messo quasi subito in discussione. Inoltre, molto spesso viene progettata un applicazione al di là di ciò che l infrastruttura IT può realmente offrire: infatti può succedere, ad esempio, che non ci sono abbastanza risorse disponibili per eseguire l applicazione su larga scala. Il movimento DevOps nasce nel 2009 quando fu organizzata una serie di DevOps Days (iniziati in Belgio e poi svolti in India, USA, Brasile, Australia, Germania e Svezia) per discutere sul divario operativo e lasciare che ingegneri del software potessero parlare dei modi migliori per raggiungere dimensioni e velocità ottimali nella distribuzione del codice. 7

8 In questo contesto molte imprese incominciarono ad assumere dei professionisti del DevOps come agenti intermediari di scambio culturale fra le due entità, e in parallelo altre aziende, quali SaltStack, AnsibleWorks, Chef e Puppet Labs, trovarono il loro successo nella costruzione di strumenti software per favorire lo sviluppo delle metodologie portate avanti dal movimento. Il DevOps ha trovato terreno fertile soprattutto grazie all avvento del cloud computing, un insieme di servizi e tecnologie che permettono di memorizzare e elaborare dati grazie all utilizzo di risorse hardware/software distribuite e virtualizzate in rete, favorendo l automazione e la continuità in termini di sviluppo e distribuzione del software. L idea fondamentale di DevOps, quindi, è descrivere un infrastruttura come codice per consentire il provisioning e la configurazione di ambienti DevOps, grazie all utilizzo di alcuni tools essenziali come Git-GitHub e Jenkins. Il primo è una repository per la memorizzazione di versioni del codice che può essere scaricato e condiviso, noto anche come sistema di revisione e di controllo; il secondo, invece, è un open source continuous integration server essenziale per testare il nuovo codice, prima della distribuzione tramite tools come Chef, Puppet, Salt e Ansible. Questi ultimi sono capaci di spingere le infrastrutture IT verso nuovi radicali cambiamenti, accelerando i progressi tecnologici e rendendo numerose aziende sempre più competitive perché pronte a rispondere rapidamente alle richieste di mercato. 1.1 I principi e le finalità secondo DevOps Lo sviluppo e l adozione di qualsiasi nuova funzionalità richiede, tipicamente, persone, processi e tecnologia. Anche se il termine DevOps suggerisce questo, esso è qualcosa di concettualmente più grande poiché coinvolge tutte le parti interessate in un organizzazione, come imprenditori, architetture, design, sviluppo, qualità, sicurezza, partner e fornitori. DevOps è cultura: alla radice c è, infatti, un movimento culturale. Un organizzazione può adottare gli strumenti e i processi più automatizzati possibile, ma questi sono inutili senza la presenza di un team di persone in grado di eseguire tali operazioni e utilizzare tali strumenti. 8

9 Alla base vi è un elevato grado di collaborazione tra le persone dell organizzazione, ognuna con le proprie esperienze e capacità, unite per formare, quindi, una cultura basata sulla fiducia, individuando gli obiettivi di business comuni ed eliminando ogni forma di competizione. DevOps non è l obiettivo, ma aiuta a raggiungere gli obiettivi. Esso, infatti, investe su tre punti fondamentali: - Miglioramento dell esperienza dell utente finale: il business deve continuamente soddisfare le richieste dei clienti, grazie al feedback raccolto da tutti gli stakeholder dell applicazione, come linee di business, utenti, fornitori, partner, ecc. - Incremento della capacità di innovazione: obiettivi primari sono ridurre gli sprechi e riorganizzare le risorse per applicazioni di maggior valore. - Incremento della velocità di valutazione: sono richiesti strumenti e nozioni per facilitare la pianificazione di un rilascio efficiente e migliorare la prevedibilità e il successo. Il movimento DevOps si basa su alcuni principi ancora in evoluzione, tra cui: - Sviluppo e testing tramite shift-left: lo scopo è quello di implementare e testare il software, osservando continuamente il comportamento dell applicazione durante le varie fasi di sviluppo attraverso l approccio dello shift-left (Fig. 3) prima che sia pronta per la distribuzione. Figura 3: Rappresentazione grafica dell approccio shift-left 9

10 - Supporto alla distribuzione mediante processi affidabili e ripetibili: qui l automazione è essenziale affinché l organizzazione possa implementare test automatici sulla distribuzione del software, riducendo il rischio di fallimenti al momento del rilascio. - Monitoring e convalida della qualità operativa: in base a questo principio è necessario monitorare le caratteristiche, funzionali e non, dell applicazione attraverso l utilizzo e la valutazione di determinate metriche sulla qualità. Questi parametri devono essere acquisiti in un formato tale da poter essere compresi e utilizzati da tutti gli stakeholder dell azienda. - Amplificazione dei cicli di feedback: questo principio richiede alle organizzazioni di creare canali di comunicazione affinché gli stakeholder possano accedere e operare sul feedback. Le funzionalità che caratterizzano DevOps sono organizzate in modelli di riferimento per le aziende, costituiti da un insieme di persone specializzate, pratiche ben definite e strumenti di automazione, nel rispetto di quattro set di procedure: - Pianificazione e Misura: consiste in una pratica concentrata sulle linee di business e sulla loro pianificazione. Le aziende devono essere in grado di rispondere rapidamente al feedback dei clienti, attuando tecniche di lean thinking allo scopo di aumentare l efficienza e ridurre gli sprechi. Secondo queste tecniche bisogna partire da risultati e risorse necessarie al soddisfacimento dei vincoli di business, per poi regolare lo sviluppo e gli aggiornamenti del software in base alle esigenze e ai progressi compiuti. - Sviluppo e Testing: i responsabili di queste operazioni lavorano in squadre che spesso sono distribuite in più sedi. In base allo sviluppo collaborativo, queste si trovano a lavorare insieme, condividendo pratiche e piattaforme che possono utilizzare per creare e distribuire il software. La caratteristica di base di questo tipo di sviluppo è l integrazione continua del lavoro svolto dagli sviluppatori con quello degli altri membri del team. In particolare, ciò consente di verificare di volta in volta il codice integrato con le funzioni e con gli altri componenti dell applicazione e testarla continuamente in fase di sviluppo, con l aiuto di processi automatizzati e servizi virtualizzati. 10

11 - Rilascio e Distribuzione: l obiettivo è quello di rilasciare nuove funzionalità agli utenti il più presto possibile. - Monitoraggio e Ottimizzazione: il monitoring permette alle aziende di ottenere risultati più facilmente e rapidamente ed ottimizzare, se necessario, i loro piani aziendali. Questa procedura fornisce dati e metriche di valutazione della qualità del progetto che, insieme al feedback che i clienti forniscono utilizzando personalmente l applicazione, permette di prendere misure appropriate per migliorare le applicazioni e la customer experience. 1.2 DevOps & Mobile Discorso a parte, invece, va fatto per le applicazioni mobili: lo sviluppo e la conseguente consegna del software mobile sono più complessi e richiedono una serie di servizi dipendenti tra loro da portare a termine in modo coordinato con affidabilità ed efficienza. In particolare, per le app mobili aziendali è necessario coordinare i rilasci dei propri servizi con le altre app mobili con cui interagiscono. Infatti, secondo DevOps si dovrebbe adottare un team formato dagli utenti insieme al resto del team aziendale. Inoltre, la maggior parte delle applicazioni non possono essere distribuite direttamente ma devono essere immagazzinate negli store online. Infatti, anche per correzioni di bug critici, le nuove versioni di un applicazione devono passare prima per altre due fasi, cioè quelle di presentazione e recensione sugli app store. Nonostante ciò, è ancora possibile effettuare testing grazie all esistenza di simulatori per dispositivi mobili su cui andranno poi a girare le applicazioni. L utilizzo dei simulatori è essenziale anche per testare l hardware: infatti la collaborazione tra sviluppo/testing ed ingegneri dei sistemi, che progettano e costruiscono hardware dedicato ai dispositivi, è fondamentale per garantire che hardware e software siano sviluppati e consegnati coordinatamente, nonostante essi seguono processi di creazione e distribuzione differenti. 11

12 1.3 DevOps & Business: Opinioni DevOps è ampiamente compreso come un modo per risolvere un problema IT, consentendo alle operations e allo sviluppo di collaborare per la consegna e la distribuzione del software. Ma non è il suo obiettivo finale, come ha detto Damon Edwards, co-fondatore della DTO Solutions. Il punto di DevOps, ha aggiunto poi, è quello di consentire alle attività di business di reagire alle forze di mercato nel modo più rapido, efficiente e affidabile possibile. Senza il business non c è ragione di parlare di questioni relative a DevOps, né tanto meno spendere tempo a risolverle. Anche l IBM (International Business Machines Corporation) dichiara una visione più olistica a riguardo, vedendo DevOps come un approccio allo sviluppo del software businessdriven, cioè un approccio che consente alle aziende di avere una maggiore attenzione al mondo del business, a partire da un idea fino alla sua produzione, catturando il feedback da parte dei clienti e sviluppando poi miglioramenti sulla base di tale informazione. DevOps non riguarda i software tools, si tratta di cultura, come ha detto Patrick Debois che ha coniato il termine del movimento e ha fondato la conferenza DevOps Days. Secondo Debois i tools giocano un ruolo importante nella gestione del software ma DevOps non definisce di per sé una categoria di strumenti software. 12

13 Capitolo 2: Puppet Puppet è uno strumento di gestione delle risorse e del software, rilasciato nel 2005 dalla Puppet Labs, grazie al quale è possibile automatizzare facilmente operazioni ripetitive, sviluppare rapidamente applicazioni critiche e gestire proattivamente cambiamenti all interno di un infrastruttura (hardware-software) in poco tempo. Esso consente di: - definire lo stato desiderato della configurazione dell infrastruttura grazie ad un linguaggio di tipo dichiarativo; - simulare modifiche alla configurazione stessa prima di renderla definitiva per quell infrastruttura; - applicare lo stato desiderato in maniera automatica, correggendo così eventuali variazioni nella configurazione; - confrontare gli stati reali dell infrastruttura con quelli desiderati apportando, se necessario, modifiche alla configurazione per il raggiungimento dello stato finale. Per poter definire, quindi, lo stato desiderato del sistema, ci sono più di 2000 moduli di configurazione pre-compilati messi a disposizione online dal Puppet Forge Marketplace da cui sono scaricabili gratuitamente. Inoltre, è possibile definire nuovi moduli in base alle proprie specifiche di realizzazione utilizzando il DSL di Puppet. Infine, si possono realizzare dei complete application configuration stacks in modo che più moduli condividano lo stesso tipo di configurazione. 13

14 Puppet Software è disponibile nelle due distribuzioni OpenSource (personalizzabile, flessibile e disponibile sotto la licenza Apache 2.0) e Enterprise (che include più di 40 servizi open-source come Puppet, PuppetDB, PE Console, ecc.). In particolare, in questo elaborato vengono illustrate le istruzioni necessarie per: - installare la versione gratuita su due sistemi linux-based Ubuntu, in esecuzione su due VMware virtual machines, una per ospitare il server e l altra per il client, collegate alla stessa rete interna (indirizzi IP del tipo: ); - automatizzare semplici attività di configurazione all interno di un infrastruttura IT locale. E stata poi scaricata gratuitamente la Learning VM, una macchina virtuale pre-impostata e configurata con PE (versione di prova), messa a disposizione dalla Puppet Labs al fine di mostrare il funzionamento della GUI (Graphical User Interface) per la Configuration Management di un nodo [3]. 2.1 Puppet Management Tool Puppet Management Tool rappresenta lo strumento più completo in termini di azioni disponibili, moduli di configurazione e interfaccia utente. La versione open-source offre le funzionalità fondamentali sulla gestione a quasi tutti i principali sistemi operativi. Tutti i moduli e le configurazioni sono scritti con un linguaggio specifico, basato su Ruby, richiedendo particolari competenze di programmazione. Per quanto riguarda l interfaccia utente, Puppet ha la GUI più completa tra i tools sovracitati, con pieno supporto per Linux, Microsoft Windows, Unix/Unix-like e MacOS X, consentendo il controllo in tempo reale dei nodi gestiti mediante moduli e cataloghi precedentemente compilati ma limitando la possibilità di configurarli. Il reporting, invece, è ben sviluppato in quanto fornisce dettagli sullo stato dei sistemi e sulle modifiche di volta in volta apportate. Dopo aver installato il software, possono essere necessarie modifiche ai file di configurazione a seconda del caso specifico. In particolare, secondo la modalità Master/Agent, i client agent riceveranno le informazioni dal server master tramite operazioni di polling. 14

15 2.1.1 Come funziona Puppet (Master/Agent)? E caratterizzato da un server master Puppet e da uno o più client agent Puppet. In realtà, è possibile configurare più di un master per evitare il sovraccarico delle richieste da parte dei client. Tutte le possibili configurazioni sono salvate sul server e da questo poi distribuite ai vari hosts ad esso connessi. Come illustrato in Fig. 4, ogni client contatta il server sulla porta 8140 (impostata di default). La connessione che si stabilisce tra loro è crittografata: il client genera una key auto-firmata prima di collegarsi al server, dopodiché gliela invia e attende che la verifichi. In seguito, l agent invia una richiesta di certificato che il master deve convalidare per poter stabilire definitivamente una connessione sicura, cioè il server si comporta come autorità di certificazione. In questo modo il client potrà richiedere (polling) le impostazioni di configurazione compilate precedentemente sul server e applicarle poi sul proprio sistema. Figura 4: Rappresentazione grafica della connessione crittografata tra client e server 15

16 Dopo aver creato le due istanze virtuali, si può procedere con l installazione e la configurazione del software Puppet. I comandi che seguono provvedono anche ad installare Ruby, come linguaggio di programmazione, e il tool facter, che legge tutte le informazioni di sistema (come hostname, indirizzo IP, sistema operativo, ecc ) e le rende disponibili a Puppet. Infatti, il facter deve essere installato su tutti i client Puppet consentendo loro di inviare dettagli specifici utili al server ad esso collegati, prima di procedere alla fase di configurazione Come installare e configurare Puppet? 1. Scaricare i packages richiesti da Puppet su ciascuna macchina (server e client); dalla Command Line Interface (CLI) quindi digitare : #sudo apt-get update #sudo apt-get install irb libopenssl-ruby libreadline-ruby rdoc ri ruby ruby-dev 2. Installare Rubygems (servizio di hosting della comunità di Ruby), #cd /usr/local/src #sudo wget #sudo tar -xzf rubygems tgz #cd rubygems #sudo ruby setup.rb #sudo update-alternatives --install /usr/bin/gem gem /usr/bin/gem1.8 1 #sudo gem update system, grazie al quale sarà installato Puppet open-source: #sudo gem install puppet 16

17 3. Digitare ifconfig per conoscere il proprio IP, mentre digitare nmap sp /24 per conoscere gli IP degli host connessi alla rete (interna) di riferimento, potendo così settarli nel file /etc/hosts di ciascun sistema attraverso il seguente comando: #echo puppetmaster.example.com puppetmaster puppet >> /etc/hosts #IP server master #echo puppetclient.example.com puppetclient >> /etc/hosts #IP client agent 4. Configurare quindi il server master Puppet: #cd /etc #sudo wget #sudo tar -xzf powering-up-with-puppet.tar.gz A tal proposito, si noti che è stato scaricato un archivio (powering-up-with-puppet.tar.gz) che si può usare come modello di configurazione base, reso disponibile da John Arundel della Bitfield Consulting, per creare le seguenti due directories: /etc/puppet/modules/, contenente il codice Puppet, e /etc/puppet/manifests/, in cui è specificato come applicare il codice ai client. In particolare, si possono aggiungere moduli nella directory /modules/ dopo averli scaricati gratuitamente dal sito della Puppet Forge. 5. Aprire il terminale su ciascun sistema e accedervi come root, digitando: #sudo i 6. Impostare correttamente il firewall. Per semplicità può essere disattivato al boot del sistema col seguente comando: #ufw disable 17

18 In realtà, bisognerebbe impostare il firewall in base alle proprie specifiche di comunicazione. In questo caso specifico, bisogna consentire tutto il traffico dati attraverso l interfaccia loopback lo (locale) della workstation: #iptables -A INPUT -i lo -j ACCEPT Per quanto riguarda la comunicazione col server, invece, bisogna consentire tutto il traffico dati che dall esterno chiede di entrare attraverso la sua porta (di default 8140): #iptables -A INPUT -p tcp --dport j ACCEPT 7. Cancellare eventuali vecchi certificati di connessione presenti sul server: #puppet cert clean --all 8. Cancellare eventuali precedenti richieste di certificato presenti sul client: #cd /etc/puppet/ssl/ #cd certificate_requests/ #rm rf /etc/puppet/ssl/* 9. Avviare il server Puppet: #puppet master --mkusers --verbose #per la prima volta Info: Creating a new SSL key for puppetmaster.example.com Info: csr_attributes file loading from /etc/puppet/csr_attributes.yaml Info: Creating a new SSL certificate request for puppetmaster.example.com Info: Certificate Request fingerprint (SHA256): Notice: puppetmaster.example.com has a waiting certificate request Info: Autosigning puppetmaster.example.com Notice: Signed certificate request for puppetmaster.example.com 18

19 Notice: Removing file Puppet::SSL::CertificateRequest puppetmaster.example.com at '/var/lib/puppet/ssl/ca/requests/puppetmaster.example.com.pem' Notice: Removing file Puppet::SSL::CertificateRequest puppetmaster.example.com at '/var/lib/puppet/ssl/certificate_requests/puppetmaster.example.com.pem' Notice: Starting Puppet master version Avviare l agent dalla root directory del client: #puppet agent ( server hostname) --verbose waitforcert 60 (--test) Info: Creating a new SSL key for ubuntu.homenet.telecomitalia.it Info: csr_attributes file loading from /etc/puppet/csr_attributes.yaml Info: Creating a new SSL certificate request for ubuntu.homenet.telecomitalia.it dove hostname è il nome del server a cui il client desidera collegarsi. Questo coincide con uno dei nomi del server assegnati dal Domain Name System (DNS) [4], tra cui compare anche quello associato al proprio certificato. In questo caso tale informazione può essere omessa in quanto è presente un unico server. Così l agent Puppet trova il master Puppet e gli invia la richiesta di certificazione, ma poi si interrompe perché non ancora autorizzato ad accedere alle configurazioni salvate sul server. In particolare, si può configurare il master in modo tale da convalidare in automatico, tramite il meccanismo dell autosign, il certificato richiesto dall agent, modificando il file /etc/puppet/puppet.conf : [master] autosign=true 19

20 Dalla CLI del server si leggerà così: Notice: ubuntu.homenet.telecomitalia.it has a waiting certificate request Info: Autosigning ubuntu.homenet.telecomitalia.it Notice: Signed certificate request for ubuntu.homenet.telecomitalia.it Notice: Removing file Puppet::SSL::CertificateRequest ubuntu.homenet.telecomitalia.it at '/var/lib/puppet/ssl/ca/requests/ubuntu.homenet.telecomitalia.it.pem' Intanto il client riceverà la convalida e avvierà il processo puppet: Info: Certificate Request fingerprint (SHA256): Info: Caching certificate for ubuntu.homenet.telecomitalia.it Notice: Starting Puppet client version Creare uno script puppetmaster nella directory /etc/init.d del master per la gestione del corrispondente processo: #!/usr/bin/env ruby module PuppetMaster def self.puppetmaster_cmd 'puppet master --mkusers --verbose --no-daemonize' end def self.start puts "Starting Puppet Master in Verbose+NoDaemon mode" puts "Started." if system("#{puppetmaster_cmd}") end def self.stop puppet_master_ps = %x{ps aux grep -e '#{puppetmaster_cmd}' grep -v grep} puppet_master_pid = puppet_master_ps.split[1] 20

21 if system("kill -9 #{puppet_master_pid}") puts "PuppetMaster with pid:#{puppet_master_pid} has been killed." else puts "Failure killing PuppetMaster with pid:#{puppet_master_pid}." end end def self.status puppet_master_ps = %x{ps aux grep -e '#{puppetmaster_cmd}' grep -v grep} puppet_master_pid = puppet_master_ps.split[1] if puppet_master_pid.nil? puts "No PuppetMaster found." else puts #{puppet_master_ps}" end end end case ARGV.first when 'start' PuppetMaster.start when 'stop' PuppetMaster.stop when 'restart' PuppetMaster.stop PuppetMaster.start when 'status' PuppetMaster.status else puts <<-PMUSAGE $service puppetmaster (start stop restart status) PMUSAGE end end end end 21

22 case ARGV.first when 'start' PuppetMaster.start when 'stop' PuppetMaster.stop when 'restart' PuppetMaster.stop PuppetMaster.start when 'status' PuppetMaster.status else puts <<-PMUSAGE $service puppetmaster (start stop restart status) PMUSAGE end dove l opzione no-daemonize indica che il processo non eseguirà in background ma sulla shell saranno visibili le informazioni circa l andamento dell esecuzione. 12. Creare un modulo start.pp che, invocando il processo (puppetmaster) abilita l esecuzione automatica del servizio Puppet al boot del sistema : service { 'puppetmaster': enable => true } 13. Applicare la nuova impostazione digitando: #puppet apply start.pp 22

23 14. Ripetere gli ultimi tre procedimenti per il client. In particolare, si può configurare l agent in modo tale che dopo un certo intervallo di tempo invia automaticamente al server una richiesta di aggiornamento della propria configurazione tramite il meccanismo del polling, modificando il file /etc/puppet/puppet.conf, [agent] runinterval=10 #dove 10 è l attesa tra un messaggio di polling e un altro, espresso in secondi dalla CLI del server si leggerà: Info: Caching node for ubuntu.homenet.telecomitalia.it Notice: Compiled catalog for ubuntu.homenet.telecomitalia.it in environment production in 0.01sec (attesa di 10 secondi...) Info: Caching node for ubuntu.homenet.telecomitalia.it Notice: Compiled catalog for ubuntu.homenet.telecomitalia.it in environment production in 0.02sec Intanto il client riceverà il nuovo catalogo e applicherà la nuova configurazione: Info: Retrieving pluginfacts Info: Retrieving plugin Info: Loading facts in /var/lib/puppet/lib/facter/gemhome.rb Info: Caching catalog for ubuntu.homenet.telecomitalia.it Info: Applying configuration version ' ' Notice: Finished catalog run in 0.25 seconds 23

24 15. Stabilita la connessione tra i due host, è possibile inserire nuovi moduli di configurazione nella directory /etc/puppet/modules del server; per esempio, si può creare un nuovo folder hello, al cui interno creiamo altre due cartelle, manifests e tests, e inseriamo nella prima directory il file init.pp che definisce la classe principale del modulo : class hello { file { '/tmp/hello': ensure => present, content => "Per il momento... tt ok!\n" } } All interno di questo.pp è stata definita una class chiamata hello al cui interno troviamo una risorsa di tipo file che crea o sovrascrive, nel caso fosse già presente, nella directory /tmp del client un file generico hello dal contenuto specificato alla riga successiva. Se tentando di ri-eseguire il master (per esempio per aggiornare i moduli) compare il seguente errore : #Error: could not run: Could not create PID file: /var/run/puppet/master.pid vuol dire che è già in esecuzione in background un istanza del server precedentemente sospesa. Riavviare il processo puppetmaster col seguente comando : #service puppetmaster restart 24

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Studio e analisi di strumenti di gestione automatica di infrastrutture IT (Chef, Ansible, Puppet )

Studio e analisi di strumenti di gestione automatica di infrastrutture IT (Chef, Ansible, Puppet ) Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Sistemi Operativi Studio e analisi di strumenti di gestione automatica di infrastrutture IT (Chef,

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Indice. Documentazione ISPConfig

Indice. Documentazione ISPConfig Documentazione ISPConfig I Indice Generale 1 1 Cos'è ISPConfig? 1 2 Termini e struttura del manuale 1 3 Installazione/Aggiornamento/Disinstallazione 1 3.1 Installazione 1 3.2 Aggiornamento 1 3.3 Disinstallazione

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli