Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/ Fax 0346/76540

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Programmazione di religione cattolica

Sacra Famiglia Parrocchia dell Annunciazione della B.V. Maria Via Centro n 33 Moniego di Noale (VE) Arcobaleno

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGETTO ACCOGLIENZA

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI

Progetto educativo. Anno Scolastico

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

DALLA TESTA AI PIEDI

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO

Anno Scolastico Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico

Guida alla didattica e ai servizi

CURRICOLO DI ISTITUTO RELIGIONE CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI 4 ANNI

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

SCUOLA PARITARIA SAN GIUSEPPE. Estratto del Piano di Offerta Formativa

Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

QUANTE EMOZIONI GESU

La scuola dell infanzia accoglie i bambini in una fase importante e delicata

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

IO, CITTADINO DEL MONDO

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ASILO INFANTILE MONUMENTO AI CADUTI GUARDA VENETA

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari Dal LUN. al VEN.

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico PROGETTO TEATRO

FINALITÀ EDUCATIVA Promuovere lo star bene a scuola e il piacere di tornarvi.

UNMARED ACCOGLIENZA IOEGLIALTRI. Obiettivi d apprendimento 1 LIVELLO. Attività Mezziestrumenti 2-3 LIVELLO. Unitàformativa.

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

Scuola dell Infanzia

Fondazione. L Asilo di Vignola. Scuola dell Infanzia paritaria Vittorio Emanuele II e Garibaldi. Estratto dal P.O.F. A.S.

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Istituto comprensivo di Finale Ligure. Cittadinanza e Costituzione

Progetti educativi e didattici per l anno scolastico 2013/14

Anno scolastico

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO

Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

Processi di comunicazione scuola-famiglia

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA

UNA SCUOLA VERDE E BLU

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico

Advertisement
Transcript:

Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X

La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario, gestita dalla Parrocchia San Pietro Apostolo, è una scuola di ispirazione cristiana. Essa è quindi una scuola che la comunità cristiana ha istituito perché riconosce in essa un mezzo privilegiato volto alla formazione integrale dell'uomo nella prospettiva di una visione cristiana del mondo, della persona e della storia. La scuola è riconosciuta paritaria ai sensi della legge 62 /2000 a decorrere dall anno scolastico 2000/2001 con protocollo 488/1026. I valori di riferimento I valori di riferimento che ispirano l'attività educativa della scuola sono anzitutto quelli del Vangelo, perché ciò che definisce la scuola cattolica è il suo riferirsi alla vera concezione cristiana della realtà. Di tale concezione Gesù Cristo è il centro... È proprio nel riferimento esplicito e condiviso da tutti i membri della comunità scolastica - sia pure in grado diverso - alla visione cristiana, che la scuola è cattolica, poiché i principi evangelici diventano in essa norme educative, motivazioni interiori e insieme mete finali. La scuola cattolica in tal modo è consapevole di impegnarsi a promuovere l uomo integrale, perché nel Cristo, l'uomo perfetto, tutti i valori umani trovano la loro realizzazione piena e quindi la loro unità. Oltre ad un chiaro riferimento ai valori evangelici, questa scuola cattolica ispira la sua azione educativa anche ai valori espressi nella Costituzione italiana e nei documenti internazionali sui Diritti dell'uomo e del bambino. Principi generali di una Visione Cristiana della persona e dell educazione La proposta educativa offerta da questa scuola parte da alcune convinzioni fondamentali, che possono essere cosi sinteticamente riassunte. - La vera formazione consiste nello sviluppo armonioso di tutte le capacità dell'uomo e della sua vocazione personale, in accordo ai principi fondamentali del Vangelo e in considerazione del suo fine ultimo, nonché del bene della collettività umana di cui l'uomo è membro e nella quale è chiamato a dare il suo apporto con cristiana responsabilità. L'educazione integrale della persona è dunque un aspetto ineliminabile della visione cristiana dell'educazione. - L'opera educativa è possibile solo se fondata su una solida fiducia e speranza. - L'educatore cristiano è sostenuto dalla consapevolezza che per poter guidare altri può e deve anzitutto contare egli stesso sulla guida di Dio - il primo e unico educatore. È una consapevolezza rassicurante e pacificante: solo chi è guidato può guidare. - La vita buona - cioè la vita che è fonte di gioia e di benessere per sé e per la società - è quella che, ispirandosi ai valori cristiani, pone al suo centro il dono come compimento della maturazione della persona. L'educazione autentica dovrà sempre creare le condizioni affinché la persona, nel corso del suo sviluppo, superi progressivamente il proprio egocentrismo e si apra agli altri in atteggiamento di accoglienza, servizio, dono di sé. La felicità, ha detto alcuno, è una porta che si apre sempre verso l esterno. Appartenenza alla Chiesa locale La scuola dell Infanzia Beata Vergine del Rosario è una comunità educante, strettamente inserita nella più ampia comunità che è la comunità cristiana di Azzano Decimo. In quanto scuola cattolica, infatti, essa deriva il motivo fondamentale della propria identità e della propria esistenza dall'appartenenza alla Chiesa locale in cui è chiamata a vivere e a servire. All'interno della comunità educante si vuole privilegiare il dialogo scuola-famiglia, nella convinzione che la famiglia non deve essere considerata semplicemente come utente, ma a lei spetta il ruolo di autentico committente del servizio educativo. L obiettivo da perseguire costantemente è quello di dar vita ad un ambiente comunitario scolastico permeato dallo spirito evangelico di libertà e carità che costituisce l elemento caratteristico della scuola cattolica. In questa luce la corresponsabilità tra genitori ed insegnanti può favorire la trasformazione della scuola in comunità preposta all istruzione e all educazione delle nuove generazioni Appartenenza al Sistema nazionale di istruzione" In quanto parte del Sistema nazionale di istruzione (L. 62/00), la Scuola dell Infanzia Beata Vergine del Rosario tiene conto, nello svolgimento delle attività didattiche, delle indicazioni ministeriali per la scuola dell'infanzia, sempre facendo riferimento, nel loro svolgimento, ad una visione cristiana della persona, della vita e dell'educazione. Nello stesso tempo, essa dà particolare importanza ad alcuni temi o dimensioni dell educazione, quali: l'educazione religiosa e in particolare l'insegnamento della Religione Cattolica, la formazione della coscienza e la dimensione morale, le domande di senso presenti nei bambini. Indirizzo educativo Le richieste delle famiglie, gli effettivi bisogni psicologici dei bambini e delle bambine e le attese dell ambiente socio-culturale propongono alla nostra scuola un attenzione particolare alla crescita armonica ed integrale dei bambini. La scuola realizza appieno la sua funzione pubblica impegnandosi per il successo scolastico di tutti gli studenti, con una particolare attenzione al sostegno delle varie forme di diversità, di disabilità o di svantaggio. La nostra scuola dell infanzia si impegna a garantire, mediante il proprio intervento educativo, il raggiungimento degli Obiettivi Specifici di Apprendimento (O.S.d.A.), così come indicati dalla legge 53/03, quali livelli essenziali di prestazione da assicurare ad ogni bambino iscritto.. In riferimento all autonomia consentita da questa legge, la scuola traduce gli O.S.d.A in Obiettivi Formativi O.F. finalizzati allo sviluppo e potenziamento delle competenze di ogni bambino.

Tali obiettivi sono sintetizzabili in cinque campi di esperienza: Il sé e l altro (l ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini) Il corpo in movimento (identità, autonomia, salute) L Arte, la Musica e i Media (linguaggi, creatività, espressione) I discorsi e le parole (Comunicazione, lingua, cultura) Numeri e spazio, fenomeni viventi (la Conoscenza del mondo) Idea di bambino L intervento educativo è fondato sui principi di una pedagogia attiva che si caratterizza per: Saper ascoltare Prestare attenzione Accompagnare nuove forme di conoscenza La nostra scuola diventa il luogo nel quale: ogni bambino apprende a conoscere se stesso e gli altri attraverso l ascolto di sé e degli altri; impara a conoscere le proprie emozioni e i propri sentimenti imparando ad esprimerli e ad ascoltarli; riesce a fare esperienze cariche di significato e di messaggi educativi, divenendo attore e riuscendo a modulare in modo armonico la sua crescita; diventa costruttore del suo sapere condividendo strategie con i suoi amici e gradualmente gli è permesso di imparare ad imparare. In tal modo la Scuola dell infanzia diventa il luogo dove: Lo star bene del bambino si accompagna allo star bene dell insegnante che può coniugare professionalità, competenza e fantasia. L insegnante diventa regista della meravigliosa storia dell apprendere e dell insegnare nella quale ciascuno è attore principale e dove le caratteristiche di ognuno sono amplificate per permettere a tutti di esprimere, in un percorso sempre più differenziato,la propria originalità. Gruppi di bambini si avviano a percorrere quell itinerario che giorno dopo giorno li porterà a diventare grandi. Il giudicare lascia il posto al comprendere. La nostra scuola dell infanzia si fa promotrice della formazione e dello sviluppo integrale della personalità dei bambini e delle bambine iscritti e li vede protagonisti attivi attraverso il raggiungimento dei seguenti Obiettivi Generali del Processo Educativo: La maturazione dell identità mediante il rafforzamento integrale della personalità dei bambini sotto il profilo corporeo, intellettuale e relazionale La conquista dell autonomia per mezzo di situazioni adatte al progressivo sviluppo delle capacità di compiere scelte autonome, interagire con il diverso e il nuovo, aprirsi alla scoperta, rispettare i valori religiosi, pensare autonomamente, prendere coscienza della realtà e operare per modificarla Lo sviluppo delle competenze con attività atte a potenziare le abilità sensoriali-percettive, motorie, linguistiche ed intellettive; sviluppare l interpretazione e la produzione di messaggi, attraverso l uso di strumenti linguistici e di rappresentazione, sviluppare le capacità di comprensione, rielaborazione e comunicazione. Lo sviluppo della cittadinanza porta il bambino a scoprire gli altri, i loro bisogni, e la necessità di gestire la vita quotidiana attraverso regole condivise; implica il dialogo, l attenzione al punto di vista dell altro, il primo riconoscimento di diritti e doveri; significa porre le fondamenta di un ambito democratico, eticamente orientato, aperto al futuro e rispettoso dell ambiente, degli altri e della natura. Appartenenza alla FISM Nel perseguire le proprie finalità, questa scuola intende anche beneficiare di un collegamento organico e stabile con le altre scuole cattoliche presenti nel territorio, partecipando ad iniziative di coordinamento realizzate dalla FISM, alla quale essa aderisce. Espressione del diritto di libera scelta da Parte delle famiglie La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario è, infine, espressione del diritto di tutti i cittadini alla libertà di educazione, e del corrispondente dovere di solidarietà nella costruzione della convivenza civile. Essa rende possibile nel territorio in cui opera il raggiungimento di un importante obiettivo di convivenza democratica, costituito dalla realizzazione nel nostro Paese di un sistema integrato di servizio scolastico, sulla base del fondamentale principio di sussidiarietà espressamente riconosciuto nella Costituzione.

Ad ogni famiglia, infatti, deve essere resa possibile una reale scelta educativa, senza essere penalizzata sul piano economico, poiché a lei spetta il primato educativo dei figli. Contratto Formativo Il contratto formativo è l accordo fra Direzione, Insegnanti, Genitori e Alunni, volto alla maturazione della responsabilità e dell impegno personale ed è uno strumento rivedibile in funzione delle esigenze che emergono nella fase attuattiva del Progetto. Doveri del docente Ascoltare i bambini; Ascoltare i genitori (previo appuntamento); Valutare i bambini con una certa regolarità; Collaborare con docenti e genitori; Rispettare i doveri derivanti dal contratto di lavoro Diritti del docente Libertà di insegnamento; Programmare e collaborare; Garanzia della sicurezza del posto di lavoro; Rispetto dei diritti derivanti dal contratto di lavoro; All aggiornamento, alla collegialità. Doveri del bambino Rispettare se stesso, le persone, l ambiente; Rispettare le regole di gruppo per una buona convivenza; Rispettare la diversità; Ascoltare coetanei e adulti. Diritti del bambino Essere accompagnato/guidato nell educazione e nell apprendimento; Ad un ambiente idoneo che garantisca la libera espressione dell attività ludica; Poter usufruire delle offerte formative della scuola; Essere amato e ascoltato; Esprimersi e comunicare; Socializzare; Essere rispettato nella sua unicità e diversità; Essere valutato con regolarità. Doveri dei genitori Collaborare con la scuola; Rispettare gli orari di lavoro dei bambini; Rispettare la libertà di insegnamento; Rispettare tutto il personale della scuola. Diritti dei genitori Collaborare con la scuola; Conoscere gli obiettivi e le attività formative offerte dalla scuola; Essere ascoltato previo accordo con l insegnante; Essere informato sul cammino del bambino; Esprimere pareri e proposte. Ogni componente è tenuto a collaborare per la realizzazione degli ambienti educativi.

Finalità della scuola Seguendo quanto stabilito dalle direttive ministeriali, la nostra scuola dell Infanzia applica quanto previsto dalla legge n 53/03. Tutte le azioni educative promosse saranno finalizzate alla personalizzazione del percorso educativo di ciascun allievo, senza trascurare l attenzione rivolta agli aspetti relazionali con i pari e con l adulto. Grande attenzione è rivolta all osservazione dei bambini attraverso la proposta di attività appositamente strutturate per favorire l espressione delle diverse dimensioni relative ai Campi di Esperienza via via considerate. Istituto Infanzia Parrocchiale Beata Vergine del Rosario Via Don Bosco 1 33082 Azzano X Tel 0434 631112 fax 0434 641482 Mail scuolamaterna@parrocchiaazzanodecimo.it Info: www.parrocchiaazzanodecimo/scuolamaterna Azzano X 02/09/13