Bronchite cronica e broncopneumopatia cronica ostruttiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bronchite cronica e broncopneumopatia cronica ostruttiva"

Transcript

1 Bronchite cronica e broncopneumopatia cronica ostruttiva definizione epidemiologia fattori di rischio patogenesi classificazione o bronchite cronica o enfisema clinica diagnosi o diagnosi differenziale o stadiazione trattamento o introduzione o valutazione e monitoraggio o riduzione fattori di rischio o trattamento della BPCO stabilizzata o trattamento delle riacutizzazioni Definizione La broncopneumopatia cronica ostruttiva consiste in un ostruzione irreversibile delle vie aeree (limitazione del flusso aereo) (bronchiolite) e una distruzione di aree polmonari (enfisema) causate principalmente dal fumo di sigaretta. Si manifesta clinicamente con progressiva dispnea, prima sotto sforzo poi nei casi gravi anche a riposo, in associazione a tosse produttiva cronica. La principale causa è costituita dal fumo di sigaretta. Altre cause, che però hanno un impatto minore, sono l esposizione a sostanze irritanti in ambito lavorativo o in ambito domestico. Le infezioni possono contribuire alle riacutizzazioni, ma non è certo quale ruolo abbiano nella patogenesi della malattia. In un numero ridotto di pazienti esiste una predisposizione genetica allo sviluppo della BPCO, che tuttavia richiede sempre l esposizione ad un rischio ambientale quale il fumo di sigaretta. Sebbene la prevalenza della malattia sia in aumento, risulta probabilmente sottostimata: i sintomi vengono infatti spesso considerati una conseguenza naturale del fumo di sigaretta e non come le manifestazioni di una malattia.

2 Una diagnosi precoce ed un pronto intervento terapeutico in specie la sospensione del fumo di tabacco e la riduzione degli inquinanti ambientali permettono di migliorare la qualità di vita di questi pazienti, in particolare di ridurre le riacutizzazioni e in qualche caso anche di riportare la funzionalità respiratoria a livelli accettabili o di ridurre la velocità del peggioramento funzionale. Nei quadri più avanzati la BPCO può complicarsi con quadri di insufficienza respiratoria. In questi pazienti è necessario somministrare ossigeno per più di 15 ore al giorno, o sottoporre il paziente ad una ventilazione meccanica. Epidemiologia La BPCO costituisce la quarta più importante causa di morte a livello mondiale. Costituisce in assoluto la prima causa di ricovero in ambiente pneumologico e internistico. E una malattia in continua espansione sia nei paesi industrializzati sia nei paesi in via di sviluppo, con una prevalenza di circa il 5% sulla popolazione generale, con una maggiore concentrazione nell adulto ed anziano, prevalentemente di sesso maschile, dove può raggiungere, al di sopra dei 60 anni, tassi di prevalenza del 20%. Nel 1999 sono stati registrati ricoveri in ospedale per BPCO, per un totale di circa giorni di degenza. Si calcola che nel 2000 siano morti per BPCO pazienti, in Italia. Nel 1990 costituiva la 12 malattia per impatto sociale e si stima che entro il 2020 possa passare al 5 posto. La morbidità per BPCO è maggiore negli uomini che nelle donne ed aumenta rapidamente con l'età. Questa differenza tra i sessi è legata alla maggior prevalenza di fumo di sigaretta nel sesso maschile e alla diversa esposizione professionale ad agenti nocivi. Dati recenti evidenziano un aumento dell'abitudine al fumo di sigaretta tra le donne. Questo dato potrebbe influenzare i futuri quadri di morbidità per BPCO: le donne potrebbero inoltre essere più sensibili allo sviluppo di BPCO quando esposte ai fattori di rischio. Le patologie respiratorie figurano al terzo posto tra le cause di assenza dal lavoro per malattia: tra queste, la BPCO pare essere responsabile del 56% delle assenze per il sesso maschile e del 24% per quello femminile. La BPCO porta nel tempo ad una sostanziale invalidità, alla perdita di produttività e ad una peggiore qualità di vita, con il progredire della malattia la situazione peggiora. Per questo motivo l'impatto socio-economico di questa patologia è di particolare rilevanza. Le riacutizzazioni e l'insufficienza respiratoria possono rendere necessario sia il ricovero in ospedale che terapie complesse e costose. L'ossigenoterapia domiciliare a lungo termine, necessaria quando compare insufficienza respiratoria, rappresenta poi un ulteriore costo. Fattori di rischio

3 Maggiori Fumo di sigaretta (in minore misura il fumo di pipa o di sigaro) Alcune esposizioni lavorative (silice, cadmio) Inquinamento atmosferico Minori Condizioni economiche disagiate Consumo di bevande alcoliche Fumo passivo in età infantile Infezioni virali in età infantile Dieta povera di antiossidanti (Vit C, A, E) Fra i fattori ambientali, quelli di maggior rilievo sono il fumo di sigaretta e l'esposizione a polveri e gas pneumolesivi, particolarmente in ambito lavorativo. Se pur in modo minore rispetto al fumo di sigaretta, un ruolo importante è rivestito anche da inquinanti ambientali. La suscettibilità individuale ai diversi fattori di rischio varia notevolmente in relazione alle peculiari caratteristiche costituzionali. Fra queste, l'unica di provata importanza patogenetica è un grave deficit ereditario di antitripsina, mentre l'effettivo ruolo delle altre anomalie geneticamente determinate resta ancora in gran parte da definire. In complesso, non più di un quinto della naturale predisposizione a sviluppare BPCO può essere scientificamente spiegata sulla base dei dati attualmente disponibili. Patogenesi Occorre innanzi tutto differenziare i meccanismi eziopatogenetici responsabili della bronchite cronica/enfisema centrolobulare, da quelli responsabili dell'enfisema panlobulare. Bronchite cronica ostruttiva ed enfisema centrolobulare Sebbene i meccanismi patogenetici siano ancora poco chiari, è indubbio il ruolo del fumo di sigaretta e dei processi infiammatori ad esso conseguenti. I radicali ossidanti presenti nel fumo di sigaretta agiscono con diverse modalità: 1. azione citolitica diretta sulle cellule bronchiali e parenchimali 2. degradano la componente della matrice extracellulare 3. ossidano le antiproteasi del tratto respiratorio determinandone l'inattivazione cellulare Il fumo è inoltre in grado di reclutare e attivare cellule infiammatorie con il conseguente rilascio di fattori chemiotattici e l'espansione del processo infiammatorio con richiamo di altre cellule infiammatorie, rilascio di mediatori come radicali ossidanti ed enzimi proteolitici. Le proteasi, prodotte dai neutrofili e dalle altre cellule del sistema immunitario chiamate in causa dall'infiammazione provocata dal fumo di sigaretta, non sono più neutralizzate da molecole con attività antiproteasica (come la alfa1-antitripsina) compromesse dal danno ossidativo: su questa osservazione è basata la teoria dello squilibrio proteasi/antiproteasi secondo la quale proprio la

4 mancata inattivazione delle proteasi (prodotte in quantità maggiore della norma) sarebbe alla base delle trasforazioni della parete bronchiale e alla distruzione del parenchima polmonare. Esistono altre teorie che però attualmente godono di minor credito: la teoria meccanica secondo la quale un incremento della pressione negli alveoli, conseguente all'intrappolamento d'aria per ostruzione bronchiale, sarebbe responsabile della genesi dell'enfisema un'altra teoria è quella ischemica chiamata in causa nei casi di enfisema dovuto ad ostruzione del microcircolo polmonare che si avvera nel corso di microvasculiti sistemiche (es. nel caso di Lupus Eritematoso Sistemico o LES). Enfisema panlobulare Costituisce solo il 2-3% di tutte le forme di BPCO. Sebbene fattori estrinseci come il fumo di sigaretta favoriscano l'insorgenza di questa patologia, sembrano preponderati fattori endogeni individuali. Nella patogenesi di questa variante dell'enfisema è coinvolto un difetto (funzionale o quantitativo) di alfa-1-antitripsina: si tratta di una molecola con attività inibitrice verso una serie di enzimi proteolitici. Viene sintetizzata principalmente a livello degli epatociti e in misura minore dai fagociti mononucleati (si veda in approfondimento). Sembra comunque che anche portatori di questo difetto sviluppino più facilmente la malattia in presenza di fattori di rischio come il fumo di sigaretta. Classificazione Nella definizione di "BPCO" sono comprese la bronchite cronica e l'enfisema polmonare le due più frequenti malattie dell apparato respiratorio che, se pure differenti nelle loro forme pure, sono spesso indistinguibili anche perché sostenute da fattori eziologici non dissimili che attraverso meccanismi patogenetici che hanno numerosi punti in comune portano a quadri in cui le caratteristiche delle due forme si sommano in tutti i loro aspetti (anatomopatologici, funzionali, clinici). bronchite cronica: ha una definizione clinica: "condizione associata a tosse produttiva per più di tre mesi all anno per almeno due anni consecutivi in un paziente in cui si siano escluse altre forme di tosse cronica (bronchiettasie, fibrosi cistica, polmone ad alveare nelle fibrosi polmonari, patologie che hanno in comune importanti alterazioni anatomiche)". Nell'ambito della bronchite cronica si possono distinguere diverse forme:

5 o o forma ipersecretiva: caratterizzata dall'ipersecrezione mucosa, predispone a infezioni ricorrenti ma non si associa ad una limitazione al flusso aereo. Dal punto di vista anatomo-patologico si caratterizza per un ipertrofia delle strutture mucosecernenti delle vie aeree di calibro maggiore. Questa forma ha uno scarso impatto in termini di mortalità ma è importante da riconoscere perchè è proprio questo il momento in cui è possibile interrompere l'evoluzione della malattia sospendendo l'esposizione al fumo ed agli irritanti; l'importanza di questo concetto è sottolineata dal fatto che, sebbene l'assenza di ostruzione non sembrerebbe consentire di includere questi pazienti nella BPCO (dove O = ostruzione), nelle linee guida GOLD questo è considerato lo stadio I della malattia. forma ostruttiva: caratterizzata da un progressivo sviluppo di ostruzione al flusso aereo che porta ad una severa compromissione funzionale. A differenza della forma ipersecretiva si ha, in questo caso, un incremento della mortalità enfisema polmonare: ha una definizione anatomica: "anormale e permanente dilatazione degli spazi aerei distali ai bronchioli terminali con distruzione dei setti alveolari senza segni di fibrosi". Si distinguono: forma panlobulare: in tale forma i processi dilatativi e distruttivi interessano la totalità del lobulo secondario, con riduzione della superficie alveolare di scambio gassoso. Localizzato soprattutto ai inferiori. Associato, dal punto di vista eziopatogenetico, al difetto congenito di α- 1-AT. forma centrolobulare: distruzione parenchimale limitata alle zone dei bronchioli respiratori. L'interessamento del polmone è irregolare ma è maggiore nelle zone superiori del polmone. Causato dal fumo di sigaretta soprattutto.

6 Enfisema: A - centrolobulare (zone superiori); e B - panlobulare (zone inferiori) - Nell'enfisema centrolobulare, la forma più comune di enfisma, è coinvolta solo la parte prossimale del lobulo respiratorio (ovvero del bronchiolo respiratorio). Gli alveoli distali sono risparmiati. Solitamente è interessata principalmente il lobo superiore. Nell'enfisema panlobulare è coinvolto l'intero lobulo respiratorio. Sono interessate soprattutto le zone antero-inferiori del polmone. Clinica Solitamente un paziente affetto da BPCO si reca dal medico per la persistenza di tosse produttiva e dispnea, talora accompagnati da respiro sibilante. Spesso la tosse, che può costituire il sintomo predominante, si presenta più intensa al mattino con produzione di grandi quantità di escreato. La quantità giornaliera di espettorato raramente arriva a superare i 60 ml. L'espettorato generalmente è mucoso, ma diviene purulento durante le riacutizzazioni infettive. La dispnea insorge progressivamente nell'arco di diversi anni e nelle fasi avanzate limita le normali attività quotidiane. Generalmente la dispnea insorge intorno ai 40 anni di età, all'esecuzione di una spirometria si evidenzia in questa fase un'ostruzione al flusso aereo di grado moderato o severo. Le riacutizzazioni infettive possono verificarsi occasionalmente e sono caratterizzate da aumento della tosse e del catarro che in caso di eziologia batterica cambia di colore (muco-purulento o

7 purulento), respiro sibilante, dispnea e talvolta febbre. La presenza di respiro sibilante e dispnea può portare ad una errata diagnosi di asma. Con la progressione della malattia gli intervalli fra le riacutizzazioni divengono più brevi e nelle fasi ancora più avanzate la riacutizzazione può provocare ipossiemia con cianosi ed ipercapnia. Nelle fasi avanzate della BPCO sono frequenti l'anoressia e la perdita di peso. La presenza di sintomi correlati con il sonno, ed in particolare la sonnolenza diurna e il russamento marcato, dovrebbero suggerire la possibilità di una concomitante sindrome dell'apnea ostruttiva durante il sonno, che è particolarmente frequente negli obesi. All'esame obiettivo è spesso possibile rilevare la presenza di sibili durante la respirazione normale e l'allungamento (>5 sec) della fase espiratoria. La presenza e l'entità dei segni fisici nei pazienti con BPCO dipende dal grado di ostruzione al flusso aereo e dalla costituzione fisica del paziente. La sensibilità dell'esame fisico nel rivelare o escludere una BPCO di grado moderato è scarsa, e la riproducibilità dei segni fisici è piuttosto variabile. Possono essere presenti anche altri segni, come la diminuzione dei suoni respiratori, la riduzione dell'espansione della gabbia toracica e dell'escursione del diaframma; anche questi hanno scarso valore nella definizione dell grado di ostruzione al flusso aereo. L'evidenza di utilizzo dei muscoli accessori (figura a lato) o di respirazione a labbra socchiuse costituiscc invece un indice di grave ostruzione aerea. Pazienti con BPCO nella fase più avanzata possono assumere particolari posture atte a diminuire la dispnea, come quella di tendere il busto in avanti con il peso sostenuto dalle braccia tese con le mani aperte. Durante le riacutizzazioni i reperti clinici dipendono dal peggioramento della limitazione al flusso aereo, dalla gravità della BPCO e dalle condizioni patologiche coesistenti. Dal momento che sintomi e segni non hanno una sensibilità elevata e che non sempre è facile capire la gravità del quadro clinico è necessario procedere all'esecuzione di indagini strumentali quali ad esempio l'emogasanalisi arteriosa, la radiografia del torace (escludere la presenza di focolai) etc. In caso di dubbio riguardo la gravità della riacutizzazione la valutazione dovrebbe essere sempre effettuata in ambiente ospedaliero. Al riguardo, tra i criteri di ospedalizzazione del paziente con riacutizzazione della BPCO vanno annoverati l'inadeguata risposta al trattamento ambulatoriale, l'incapacità a camminare, la difficoltà a mangiare e a dormire dovuta all'aggravamento della dispnea, il peggioramento dei parametri emogasanalitici, l'alterazione dello stato mentale (confusione e sonnolenza diurna) e la coesistenza di altre condizioni morbose polmonari (ad es. polmonite) e non. Aspetti radiologici

8 Anche la radiografia del torace non mostra in genere alterazioni finché l'ostruzione delle vie aeree non è moderatamente avanzata. A questo stadio alterazioni delle pareti bronchiali e della vascolatura polmonare e segni di distensione polmonare possono essere presenti. La tomografia computerizzata del torace (TAC) può fornire una diagnosi morfologica di enfisema ad uno stadio più precoce ma sono richieste tecniche sofisticate e l'accuratezza è comunque limitata. Diagnosi e diagnosi differenziale Generalmente la diagnosi di BPCO viene fatta quando si sviluppa un'ostruzione cronica o persistente al flusso espiratorio. Si tratta pertanto di una diagnosi strumentale effettuabile solo tramite una spirometria: la presenza di un FEV1 postbroncodilatazione < 80% del predetto, associato ad un rapporto FEV1/CVF < 70% conferma la presenza di una riduzione del flusso aereo non reversibile. Il decorso temporale dell'ostruzione nella bronchite cronica e nell'enfisema polmonare è in genere diverso da quello dell'asma bronchiale: nella bronchite e nell'enfisema l'ostruzione si sviluppa in maniera insidiosa negli anni ed è poco reversibile, mentre nell'asma si può sviluppare anche acutamente ed è più (o completamente) reversibile. A lato riportato il Diagramma di Venn relativo alle patologie polmonari ostruttive. Nella maggior parte dei casi (9) l'asma bronchiale produce un'ostruzione bronchiale reversibile e non rientra nella categoria delle broncopneumopatie croniche ostruttive. Con gli anni, anche in caso di asma bronchiale (6-7-8 del Diagramma di Venn) è possibile che si instauri un'ostruzione non reversibile, dovuta alla alterazione anatomica delle vie aeree conseguente alla cronica infiammazione non controllata (rimodellamento delle vie aeree). Il rapporto dell'ostruzione con i sintomi (tosse, catarro, sibili e dispnea) è variabile. Tosse ed una piccola quantità di catarro mucoide sono sintomi frequenti in pazienti con BPCO. Tuttavia la loro presenza non predice la presenza o severità dell'ostruzione, che può essere presente anche in assenza di questi sintomi. Molti pazienti con BPCO si rivolgono inizialmente al medico per un infezione intercorrente del tratto respiratorio inferiore, abitualmente con aumento di tosse, catarro e dispnea. La dispnea, in assenza di un'infezione del tratto respiratorio inferiore (riacutizzazione), non si sviluppa fino a quando l'ostruzione è già moderatamente avanzata. Una riduzione graduale della tolleranza all'esercizio si sviluppa insidiosamente in molti anni. La diagnosi di BPCO si basa sul risultato di ostruzione bronchiale essenzialmente poco reversibile

9 alla spirometria, in presenza di dati anamnestici, sintomi, segni clinici e reperti radiologici suggestivi. Diagnosi differenziale BPCO Tipica l'insorgenza in età adulta, la progressiva insorgenza dei sintomi, la lunga storia di fumo, l'insorgenza di dispnea durante l'esercizio fisico, la non reversibilità dell'ostruzione del flusso aereo. asma bronchiale Può talvolta essere difficile distinguere sulla base dell'anamnesi pazienti con storia di asma bronchiale da pazienti affetti da BPCO. Fondamentale è riconoscere la reversibilità della limitazione del flusso (ostruzione) con una spirometria e test farmacologici (si vedano in approfondimento i test di reversibilità) dell'ostruzione bronchiale che depone a favore della diagnosi di asma bronchiale. Solo pazienti asmatici con ostruzione non reversibile possono rientrare nel capitolo delle bronpneumopatie croniche ostruttive (si veda il Diagramma di Venn sopracitato). I pazienti asmatici hanno spesso storia di atopia, rinite e/o eczema che solitamente manca nella BPCO. E' ovvio che un paziente asmatico fumatore maturi caratteristiche legate alla coesistenza delle due patologie. scompenso cardiaco congestizio All'auscultazione sono rilevabili fini rantoli bibasali. La radiografia del torace mostra incremento delle dimensioni dell'aia cardiaca e segni di edema polmonare. Alle PFR si evidenzia una sindrome restrittiva e non un'ostruzione. bronchiectasie Tipica la presenza di espettorato purulento abbondante. All'auscultazione sono rilavabili rantoli grossolani a tipo "pentola di fagioli". All'Rx e più spesso alla TC sono rilevabili le bronchiectasie tubercolosi Può insorgere in qualunque età. All'rx torace sono evidenziabili infiltrati polmonari. E' necessaria la conferma microbiologica. bronchiolite obliterante Insorge in soggetti giovani, anche non fumatori. Può essere presente una storia di artrite reumatoide o di esposizione a

10 fumi. Alla TC eseguita in espirio sono evidenziabili aree di alterata densità a carta grografica per presenza di zone con intrappolamento aereo e zone non alterate. Stadiazione In base ai sintomi si possono definire diversi stadi di gravità della malattia: STADIO 0: pazienti "a rischio" di sviluppare la malattia STADIO I: BPCO lieve caratterizzata da tosse cronica e produzione di escreato. Manca ancora la limitazione al flusso aereo che può comparire anche a distanza di anni. STADIO II: BPCO di media gravità caratterizzata da dispnea ingravescente e che può limitare le normali attività quotidiane. E' solitamente in questo stadio che i pazienti si recano dal medico. Talvolta la malattia si presenta in questo stadio senza passare attraverso lo stadio I. STADIO III: BPCO grave. In questa fase persiste la tosse, la produzione di escreato, la dispnea e insorgono nuovi sintomi come calo ponderale, anoressia, sintomi psichiatrici come ansia e depressione... Classificazione della gravità della BPCO livello sintomi pfr 0 (a rischio) sintomi cronici (tosse, espettorazione) I (lieve) II (media gravità) III (grave) con o senza sintomi cronici (tosse, espettorazione) con o senza sintomi cronici (tosse, espettorazione, dispnea) con o senza sintomi cronici (tosse, espettorazione, dispnea) nella norma VEMS/CVF < 70% VEMS > 80 del teorico VEMS/CVF < 70% VEMS compresa tra il 30% e l'80% del teorico VEMS/CVF < 70% VEMS < 30% o < 50% del teorico se concomita insufficienza respiratoria o scompenso cardiaco dx Trattamento introduzione valutazione e monitoraggio riduzione fattori di rischio

11 trattamento della BPCO stabilizzata trattamento delle riacutizzazioni Introduzione Un efficace trattamento della BPCO si basa su diversi punti: 1. valutazione e monitoraggio della malattia 2. eliminazione o riduzione dei fattori di rischio 3. miglioramento delle prestazioni fisiche e della tolleranza allo sforzo del soggetto 4. prevenzione delle complicanze 5. trattamento delle riacutizzazioni 6. riduzione della mortalità Per incrementare l'efficacia della terapia è importante trattare i pazienti già negli stadi iniziali. Valutazione e monitoraggio della patologia Lo scopo del monitoraggio della BPCO interessa diversi ambiti: 1. verificare che il paziente non si esponga più ai fattori di rischio della malattia (soprattutto il fumo di tabacco) 2. verificare la progressione della malattia e l'eventuale insorgenza di complicanze (si veda approfondimento relativo) 3. monitoraggio della terapia farmacologica (occorre infatti verificare sempre la "compliance" del paziente e l'eventuale insorgenza di effetti non desiderati della terapia) 4. valutare la frequenza e la gravità delle riacutizzazioni 5. valutare eventuali patologie concomitanti Si veda in approfondimento un esempio di anamnesi cui sottoporre un paziente nel corso di una visita di monitoraggio della malattia. Riduzione dei fattori di rischio E' fondamentale ridurre i fattori di rischio in grado di aggravare ulteriormente la patologia di un paziente affetto da BPCO. occorre invitare a cessare il fumo di sigaretta e aiutare un paziente cha abbia deciso di astenersi da questo consigliare i pazienti a cambiare ambiente di lavoro se occupati in professioni a rischio allontanare il paziente da luoghi con particolare inquinamento ambientale Queste strategie andrebbero condotte sia sul singolo paziente (individuale) sia a livello di popolazione (sociale) per ridurre, il più possibile l'esposizione ai fattori di rischio e dunque l'incidenza di BPCO.

12 Trattamento della BPCO stabilizzata Il trattamento della BPCO prevede in genere un progressivo aumento del numero e della dose dei farmaci in relazione al peggioramento progressivo della malattia. Occorro effettuare una valutazione individuale della gravità della malattia facendo riferimento alla classificazione proposta dalle linee guida. Nel trattamento della BPCO si possono individuare diverse fasi: 1. educazione E' importante che i pazienti comprendano la natura e la gravità della propria patologia. Anche nell'educazione del paziente occorre rapportarsi agli stadi della patologia: Stadio 0 Stadio I e II Stadio III informare e consigliare di ridurre i fatttori di rischio informare e consigliare di ridurre i fattori di rischio informare sulla BPCO istruire all'utilizzo di inalatori e altri dispositivi insegnare come riconoscere e tratare le riacutizzazioni insegnare strategie e accorgimenti per ridurre la dispnea informazioni fornite per gli stadi I e II informare sulle complicanze informare sull'ossigeno terapia informare sulla progressione della patologia 2. terapia farmacologica La formazione del paziente va eseguita durante la visita e con l'ultilizzo di materiale informativo prestampato. Ha lo scopo di prevenire e ridurre i sintomi, ridurre la frequenza e la gravità delle riacutizzazioni, migliorare lo stato di salute e la tolleranza allo sforzo. Purtroppo nessuno dei farmaci disponibili è in grado di modificare la progressiva riduzione della funzionalità ventilatoria e quindi il progressivo peggioramento della qualità di vita. L'unico trattamento in grado di modificare il decorso della malattia e quindi il peggiormento dell'ostruzione è la sospensione del fumo di tabacco nei soggetti fumatori.

13 Si riporta sotto la terapia raccomandata dalle linee guida in rapporto alla gravità della patologia (utilizzare i links per gli approfondimenti relativi alle singole categorie farmacologiche) Stadio Trattamento raccomandato tutti evitare i fattori di rischio vaccinazione anti-influenzale 0 (a rischio) I (lieve) broncodilatatori a breve durata d'azione al bisogno II (media gravità) trattamento regolare con uno o più broncodilatatori corticosteroidi inalatori in caso di presenza di sintomi importanti, ripetute riacutizzazioni, o se si ha una risposta spirometrica alla loro somministrazione riabilitazione III (grave) trattamento regolare con uno o più broncoditatatori corticosteroidi inalatori in caso di presenza di sintomi importanti, ripetute riacutizzazioni, o se si ha una risposta spirometrica alla loro somministrazione trattamento delle complicanze riabilitazione ossigenoterapia se esiste insufficienza respiratoria valutare la possibilità di un trattamento chirurgico (riduzione di volume polmonare o trapianto in caso di enfisema) Altre terapie farmacologiche: vaccini: consigliato il vaccino anti-influenzale in tutti i pazienti terapia sostitutiva con α1-antitripsina: solo in giovani pazienti con deficit ededitario di questa molecola. Terapia molto costosa, non disponibile in tutti i paesi antibiotici: negli studi effettuati non si è dimostrata efficace un antibiotico-profilassi nella BPCO mucolitici: nella maggior parte degli studi non ne è stata provata l'efficacia antiossidanti: come N-acetil-cisteina. Hanno dimostrato di ridurre la frequenza delle riacutizzazioni. Sono ancora in corso studi al riguardo. immunoregolatori: non dimostrata l'efficacia antitussivi: uso sconsigliato dal momento che la tosse ha un ruolo

14 protettivo liberando le secrezioni dalle vie respiratorie 3. terapia non farmacologica 4. terapia chirurgica riabitazione: soprattutto negli stadi più avanzati va posta attenzione alla cura della disabilità, dell'isolamento sociale, dello stato dell'umore. ossigenoterapia: può essere somministrata come terapia a lungo termine, durante lo sforzo fisico o per alleviare la dispnea acuta (approfondimento: ossigeno-terapia) ventilazione: da diversi anni viene utilizzata la ventilazione non invasiva, anche domiciliare, come supporto a pazienti in stadio III bullectomia: la rimozione di una grande bolla determina la decompressione del parenchima polmonare adiacente. In pazienti selezionati risulta efficace nel ridurre la dispnea e migliorare la funzionalità respiratoria chirurgia di riduzione del parenchima polmonare: viene eseguita la resezione di una parte rilavante del parenchima enfisematoso per ridurne l'iperinflazione incrementando così l'efficienza della contrazione di muscoli respiratori trapianto polmonare: in pazienti selezionati con enfisema grave. Trattamento delle riacutizzazioni trattamento domiciliare incremento della dose e/o della frequenza di somministrazione della terapia broncodilatatrice già in atto può essere aggiunto alla terapia un anticolinergico somministrazione di glucocorticoidi per via sistemica (secondo le linee guida andrebbero aggiunti alla terapia broncodilatatrice se con questa non si sono raggiunti valori del VEMS > 50% del predetto) in caso di incremento dell'espettorato, se questo diventa purulento, può essere necessario impostare una terapia antibiotica trattamento ospedaliero Indicazioni al ricovero ospedaliero marcato peggioramento dei sintomi storia di BPCO grave insorgenza di nuovi segni all'esame obiettivo (come cianosi o edemi periferici) assenza di miglioramento dopo il trattamento domiciliare presenza di patologie associate aritmie cardiache di recente insorgenza incertezza diagnostica

15 età avanzata insufficiente supporto familiare Indicazioni al ricovero in Unità di Terapia Intensiva dispnea ingravescente che non risponde al trattamento medico iniziale confusione mentale, obnubilamento del sensorio, coma ipossiemia persistente o ingravescente (PaO2 < 50 mmhg) e/o ipercapnia grave/ingravescente (PaCO2 > 60 mmhg), e/o acidosi respiratoria grave/ingravescente (ph < 7.35) nonostante la somministrazione di ossigeno terapia e ventilazione meccanica non invasiva La mortalità in corso di riacutizzazione è strettamente correlata all'insorgenza di acidosi respiratoria, alla presenza di patologie concomitanti e alla necessità di ventilazione. Provvedimenti terapeutici: ossigenoterapia terapia broncodilatatrice corticosteroidi antibiotici ventilazione ventilazione meccanica non invasiva

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

Appendice C: Algoritmi

Appendice C: Algoritmi NHS National Institute for Health and Clinical Excellence Gestione della Bronchite Cronica Ostruttiva negli adulti in assistenza primaria e secondaria. (Aggiornamento parziale) Pubblicata nel mese di giugno

Dettagli

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I CARTA DEI SERVIZI BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE E ASMA GRAVE 2015-2016 Con la Sponsorizzazione di BCPO La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia delle vie

Dettagli

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate.

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. BPCO 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. 1.Terapie inappropriate in presenza di diagnosi corrette. 1.

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE

PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE Direttore: Prof. L.M. Fabbri Progetto PnemoWeb E-medicine per la formazione e la gestione di Asma e BPCO PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE Dr.ssa Elisabetta Rovatti Modena 17 gennaio

Dettagli

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie ASMA BRONCHIALE Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie 2 aeree. Il restringimento è intermittente

Dettagli

Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years

Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years A.P.R.: - ha sofferto di non precisati episodi di tosse con sibili da bambina scomparsi nell età adulta. - Riferisce da circa 5 anni tosse produttiva con episodi

Dettagli

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte Le malattie fumo correlate Dott. Paolo Monte Fumo come fattore di rischio di malattia Il fumo costituisce il principale fattore di rischio evitabile per le principali malattie causa di mortalità ed invalidità

Dettagli

Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia. Anatomia (2) Anatomia (1) Anatomia (3) Anatomia (4) O 2 CO 2

Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia. Anatomia (2) Anatomia (1) Anatomia (3) Anatomia (4) O 2 CO 2 P.A. Lombardia Soccorso Corso di Formazione Base per Volontari-Soccorritori A cosa serve? Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia F. Sangalli APPARATO RESPIRATORIO: Insieme di organi che

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali

La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali Dott. Francesco Carbone II Corso multidisciplinare di aggiornamento La Sindrome delle Apnee Notturne: una sfida diagnostico terapeutica

Dettagli

Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia. B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli

Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia. B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli Test di funzionalità polmonare Indagano: La Ventilazione: Prove di Funzionalità Respiratoria

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON BPCO Versione III Aprile 2012 1 FASE 1: IDENTIFICAZIONE

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

MALATTIE RESPIRATORIE

MALATTIE RESPIRATORIE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE I CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO MALATTIE RESPIRATORIE

Dettagli

BPCO: Cosa sapere, cosa fare BPCO sta per BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva, termine utilizzato per indicare due malattie molto diffuse, chiamate

BPCO: Cosa sapere, cosa fare BPCO sta per BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva, termine utilizzato per indicare due malattie molto diffuse, chiamate BPCO: Cosa sapere, cosa fare BPCO sta per BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva, termine utilizzato per indicare due malattie molto diffuse, chiamate finora bronchite cronica ed enfisema polmonare, che

Dettagli

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici La polmonite è la malattia dei polmoni e del sistema respiratorio in cui gli alveoli polmonari si infiammano e si riempiono di liquido, ostacolando la funzione respiratoria. Frequentemente anche i bronchi

Dettagli

Diario del Paziente con BPCO

Diario del Paziente con BPCO BPCO - Broncopneumopatia cronica ostruttiva Linee guida Italiane BPCO, Rinite, Asma Diario del Paziente con BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Onlus broncopneumopatia cronica ostruttiva Nome UN PROGETTO

Dettagli

Televoto Far comparire poi la domanda 2

Televoto Far comparire poi la domanda 2 Caso 1 sess. 1 Antonio, 50 anni, fumatore, si presenta al medico di famiglia dopo un episodio influenzale perché la tosse persiste da 3 settimane negli ultimi giorni anche con un po di catarro giallino.

Dettagli

BPCO: trattamento ad oltranza La Riduzione volumetrica polmonare per via broncoscopica nell'enfisema. L. Corbetta, A. Tofani. A.

BPCO: trattamento ad oltranza La Riduzione volumetrica polmonare per via broncoscopica nell'enfisema. L. Corbetta, A. Tofani. A. BPCO: trattamento ad oltranza La Riduzione volumetrica polmonare per via broncoscopica nell'enfisema L. Corbetta, A. Tofani. A. Bonucci Tecniche broncoscopiche per la riduzione volumetrica polmonare: Sotto

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa Dott. Mario Berardi SIMG Perugia OBIETTIVI E INDICATORI Analisi del processo assistenziale al paziente

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit Organizzazione ed erogazione delle cure e audit LG SIGN 9 M.Mercuri 21/11/2010 IL CONTROLLO MEDICO E L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO BPCO

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO BPCO ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO BPCO in condivisione tra Azienda Sanitaria Locale della Provincia di

Dettagli

SERIE EDITORIALE DM. Disease Management 18

SERIE EDITORIALE DM. Disease Management 18 SERIE EDITORIALE DM Disease 18 Guida Pratica sulla Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) GERMANO BETTONCELLI, LORENZO CORBETTA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE PACINIeditore MEDICINA AUTORI

Dettagli

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE INTERREGIONALE MEDICA VFG 2 CONVEGNO INTERREGIONALE MONTAGNA PER TUTTI: PROBLEMATICHE MEDICHE Centro di Formazione per la Montagna Passo Pordoi 9-10 ottobre 2004 ALTITUDINE

Dettagli

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO DATA INIZIO 18 DICEMBRE 2015-DATA FINE 18 DICEMBRE 2016 Destinatari dell iniziativa: Il corso Ecm fad è destinato a 1.500 utenti Target di

Dettagli

SINTOMI NON TIPICI DI BPCO

SINTOMI NON TIPICI DI BPCO 1 BPCO-COPD SI DEFINISCE, DAL PUNTO DI VISTA FISIOPATOLOGICO, COME UNA MALATTIA CARATTERIZZATA DA OSTRUZIONE CRONICA E PROGRESSIVA DEL FLUSSO AEREO, CON ACCELERATO DECLINO DELLA FUNZIONE RESPIRATORIA,

Dettagli

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Le malattie respiratorie e, in particolare la BPCO e l'asma, stanno diventando un problema di salute sempre

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Stenosi polmonare www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Arteria polmonare L arteria polmonare è il vaso sanguigno che porta il sangue dal ventricolo destro ai polmoni dove

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Respiratorio Anno Accademico

Dettagli

Indicatori territoriali: Risultati

Indicatori territoriali: Risultati Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno Indicatori di Qualità del Servizio Sanitario nella Regione Veneto Indicatori territoriali: Risultati Roberto Turra Mestre, 30-11-2006 Contenuto Definizione

Dettagli

COMPLICANZE RESPIRATORIE

COMPLICANZE RESPIRATORIE ATELETTASIA: collasso di gruppi di alveoli che continuano ad essere vascolarizzati (ma non sono più ventilati! Quindi c è un alterazione degli scambi O2/CO2) Più l atelettasia dura nel tempo, più difficile

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Riabilitazione Respiratoria Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Definizione (American Thoracic Society) La riabilitazione polmonare è attività terapeutica multidisciplinare basata EBM, rivolta

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it 1

scaricato da www.sunhope.it 1 INSUFFICIENZA RESPIRATORIA Situazione clinico-laboratoristica laboratoristica complessa, di vario livello ed entità, espressione di una utilizzazione endocellulare dell ossigeno non rispondente alle esigenze

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria in Chirurgia Toracica

Riabilitazione Respiratoria in Chirurgia Toracica Riabilitazione Respiratoria in Chirurgia Toracica Gli Interventi di Chirurgia Toracica o Addominale alta favoriscono la comparsa di : Complicanze respiratorie polmonari. 1) Atelectasie. 2) Ingombro di

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Dott. Salvatore Battaglia Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica (Di.Bi.MIS) La spirometria semplice: BPCO Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

19/01/12 ASL 04. La ventilazione in SLEEP APNEA -BILEVEL. Sestri levante 21-10-2011. Pellegrina Moretti

19/01/12 ASL 04. La ventilazione in SLEEP APNEA -BILEVEL. Sestri levante 21-10-2011. Pellegrina Moretti ASL 04 La ventilazione in SLEEP APNEA -BILEVEL Sestri levante 21-10-2011 Pellegrina Moretti BILEVEL OBIETTIVI:migliorare ventilazione alveolare migliorare ossigenazione arteriosa prevenire atelettasia

Dettagli

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia (dispnea, tosse, ec) o INIZIO Individua tipologia dei pazienti Linee guida GOLD Ambulatori con agende riservate. Nella fase iniziale la frequenza dell ambulatorio

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari

www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari GROUND GLASS LESIONI ELEMENTARI Aumento della densità del parenchima polmonare con visualizzazione dei bronchi e dei vasi sottostanti: ISPESSIMENTO DELL INTERSTIZIO

Dettagli

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro ASMA PROFESSIONALE Definizione L Asma bronchiale è una malattia respiratoria caratterizzata da broncocostrizione totalmente o parzialmente reversibile, iperreattività bronchiale e infiammazione delle vie

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO APPARATO RESPIRATORIO TURBE del RESPIRO SINDROME da ANNEGAMENTO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APPARATO RESPIRATORIO Le TURBE DEL RESPIRO: INSUFFICIENZA

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON BPCO / INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA FASE SPERIMENTALE DEL CHRONIC CARE MODEL

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON BPCO / INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA FASE SPERIMENTALE DEL CHRONIC CARE MODEL Versione 1 del 31/12/2009 LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON BPCO / INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA FASE SPERIMENTALE DEL CHRONIC CARE MODEL DIMENSIONE EPIDEMIOLOGICA La BPCO colpisce 3 milioni

Dettagli

Asma difficile on-line

Asma difficile on-line Asma difficile on-line è il nome di un Archivio web-based promosso dalla SIMRI e gestito in collaborazione con il CINECA che raccoglie casi di pazienti con asma problematico grave, affetti cioè da asma

Dettagli

Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva: correlazione con clinica, funzione e imaging

Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva: correlazione con clinica, funzione e imaging Università degli Studi di Firenze Scuola di Scienze della Salute Umana IV Corso Master Universitario di II livello in Pneumologia Interventistica Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica

Dettagli

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA F. Blasi POLMONITI CLINICA E TERAPIA Prof. Francesco Blasi Istituto di Tisiologia e Malattie Apparato Respiratorio Università degli Studi di Milano IRCCS Ospedale Maggiore Milano POLMONITI CLINICA E TERAPIA

Dettagli

VALUTAZIONE PREOPERATORIA

VALUTAZIONE PREOPERATORIA VALUTAZIONE PREOPERATORIA Per sottoporre il paziente ad intervento di resezione polmonare è necessario un accurato studio fisiopatologico al fine di valutare: - il rischio di complicanze cardiorespiratorie

Dettagli

Diagnostica Microbiologica Delle Infezioni Delle Basse Vie Respiratorie

Diagnostica Microbiologica Delle Infezioni Delle Basse Vie Respiratorie Con la dizione Broncopneumopatie Croniche Ostruttive () si indica un gruppo di affezioni respiratorie invalidanti dell età adulta con elevati costi sociali, clinicamente caratterizzate da persistente espettorazione

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY ASMA

SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY ASMA SUHMS SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY ASMA RACCOMANDAZIONI 2012-2015 DELLA SOCIETÀ SVIZZERA DI MEDICINA SUBACQUEA E IPERBARICA "SUHMS" Società svizzera di medicina subacquea e iperbarica

Dettagli

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi MAN.VENTILAZ. 11-07-2000 10:23 Pagina 1 Il punto più importante è di capire e credere che anche se le condizioni di vita sono Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini modificate questo non può e non

Dettagli

PNEUMOLOGIA FAQ. Che cos'è la BPCO?

PNEUMOLOGIA FAQ. Che cos'è la BPCO? PNEUMOLOGIA FAQ Che cos'è la BPCO? La BPCO (Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva) è una ostruzione al flusso dell aria nelle vie aeree, progressiva nel tempo ed associata ad infiammazione dei bronchi,

Dettagli

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE IGIENE DENTALE E PREVENZIONE Dispensa n.3 Introduzione Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l origine di molte patologie organiche sono dovute ai rapidi cambiamenti dello stile di vita

Dettagli

CHE COSA CAUSA LA BPCO? DIAGNOSI DI BPCO

CHE COSA CAUSA LA BPCO? DIAGNOSI DI BPCO GUIDA POCKET PER LA DIAGNOSI, IL TRATTAMENTO E LA PREVENZIONE DELLA BPCO 5 CHE COSA CAUSA LA BPCO? In tutto il mondo, il fumo di sigaretta è il fattore di rischio più comunemente riscontrato per la BPCO.

Dettagli

SERIE EDITORIALE DM. Disease Management. Focus 7

SERIE EDITORIALE DM. Disease Management. Focus 7 SERIE EDITORIALE DM Disease Focus 7 La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva Riacutizzata GERMANO BETTONCELLI, LORENZO CORBETTA PACINIeditore MEDICINA AUTORI Germano Bettoncelli Medico di Medicina Generale,

Dettagli

Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari

Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari Università degli Studi di Pavia Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo INTERPRETARE

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN PRIMO SOCCORSO PATOLOGIE RESPIRATORIE ANATOMIA E FISIOLOGIA LA FUNZIONE PRINCIPALE DELL APPARATO RESPIRATORIO È DI FORNIRE AI TESSUTI UN SUFFICIENTE APPORTO DI OSSIGENO PER SODDISFARNE LE RICHIESTE ENERGETICHE

Dettagli

K.B.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

K.B.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige K.B.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige K.B. Uomo di 40 anni, agricoltore, fumatore (25 packyears), giuntoci alla prima osservazione

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

Funzioni dell apparato respiratorio

Funzioni dell apparato respiratorio Funzioni dell apparato respiratorio -Scambi di O2 e CO2 -Regolazione ph -Protezione da patogeni inalati -Vocalizzazione respirazione Ventilazione Scambi gassosi polmonari Trasporto dei gas respiratori

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Informazioni su BPCO. Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva e Insufficienza Respiratoria Cronica

Informazioni su BPCO. Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva e Insufficienza Respiratoria Cronica PCO Informazioni su BPCO Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva e Insufficienza Respiratoria Cronica Indice pag. 3 Presentazione pag. 4 Che cosa è la BPCO pag. 4 Gravità della malattia pag. 4 Sintomi pag.

Dettagli

Comprendere le malattie polmonari

Comprendere le malattie polmonari Comprendere le malattie polmonari Questa brochure monotematica fa parte della serie contenuta nella Guida dettagliata di riferimento all Alpha-1 della AlfaNet. INTRODUZIONE Per capire come il corpo lavora,

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Infezioni polmonari Vie di ingresso dei microorganismi: Inalazione (attraverso le alte vie respiratorie): batteri e virus Aspirazione

Dettagli

QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE

QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE INSUFFICIENZA RESPIRATORIA E QUALITA DI VITA Dr Rolando Negrin U.O.C.Pneumologia O.C.Vicenza 26-10-2013 La Sclerosi Laterale Amiotrofica(SLA)

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI Questa guida include informazioni su ciò che la European Respiratory Society e la American Thoracic Society hanno affermato

Dettagli

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica Asma : cos è L'asma è una malattia infiammatoria cronica del polmone. Nei soggetti predisposti l Asma provoca episodi ricorrenti di respiro sibilante, difficoltà respiratoria, senso di costrizione toracica

Dettagli

Domande e risposte 30 novembre 2010. Informazioni sulla tosse nei bambini sotto i 2 anni d età: perché i mucolitici non devono più essere utilizzati?

Domande e risposte 30 novembre 2010. Informazioni sulla tosse nei bambini sotto i 2 anni d età: perché i mucolitici non devono più essere utilizzati? Domande e risposte 30 novembre 2010 Informazioni sulla tosse nei bambini sotto i 2 anni d età: perché i mucolitici non devono più essere utilizzati? In sintesi: La tosse è un sintomo comune nei bambini

Dettagli

CAPITOLO PATOGENESI, ANATOMIA PATOLOGICA E FISIOPATOLOGIA

CAPITOLO PATOGENESI, ANATOMIA PATOLOGICA E FISIOPATOLOGIA CAPITOLO 4 PATOGENESI, ANATOMIA PATOLOGICA E FISIOPATOLOGIA CAPITOLO 4: PATOGENESI, ANATOMIA PATOLOGICA E FISIOPATOLOGIA MESSAGGI PRINCIPALI L inalazione di sostanze tossiche causa flogosi dell apparato

Dettagli

BPCO. Domande e risposte per conoscere, prevenire e curare. Progetto realizzato in collaborazione con. Consulenza scientifica

BPCO. Domande e risposte per conoscere, prevenire e curare. Progetto realizzato in collaborazione con. Consulenza scientifica BPCO Domande e risposte per conoscere, prevenire e curare Consulenza scientifica Progetto realizzato in collaborazione con 34 FARMACIE NEL TERRITORIO CITTADINO PER LA TUA SALUTE E QUELLA DELLA TUA FAMIGLIA.

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

A.O. S. Martino e Cliniche Universitarie convenzionate di Genova Pelucco David Direttore SC Pneumologia AO San Martino - Genova Scordamaglia Antonio

A.O. S. Martino e Cliniche Universitarie convenzionate di Genova Pelucco David Direttore SC Pneumologia AO San Martino - Genova Scordamaglia Antonio FORMAT DOCUMENTI RETI Titolo: RETE PNEUMOLOGICA Partecipanti Coordinatori Cognome Nome ruolo azienda recapito Nosenzo Marco Direttore SC Pneumologia PO Imperia - ASL1 IMPERIESE 0183 537016; m.nosenzo@asl1.liguria.it

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

Il carcinoma del polmone è associato a una sopravvivenza globale a 5 anni del 10-12%

Il carcinoma del polmone è associato a una sopravvivenza globale a 5 anni del 10-12% Il carcinoma del polmone è associato a una sopravvivenza globale a 5 anni del 10-12% Al momento della diagnosi solo il 10-15% dei soggetti con carcinoma del polmone ha una forma localizzata. Di questi,

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

BPCO i punti essenziali

BPCO i punti essenziali BPCO i punti essenziali La broncopneumopatia cronica ostruttiva o BPCO, COPD in inglese, è una malattia caraterizzata da limitazione al flusso aereo bronchiale non completamente reversibile. La limitazione

Dettagli

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica La Desensibilizzazione o Immunoterapia Allergene specifica Le allergie interessano il 25% della popolazione italiana e raggiungeranno 1 persona su 2 entro il 2010 La ragione di questo aumento è in parte

Dettagli

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento salute ambiente A cura di Andrea Colombo, Coordinatore Commissione Ambiente e Mobilità del Quartiere San Vitale Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento

Dettagli

ASMA BRONCHIALE. L eziologia è ignota ma se ne conosco alcuni fattori scatenanti quali:

ASMA BRONCHIALE. L eziologia è ignota ma se ne conosco alcuni fattori scatenanti quali: ASMA BRONCHIALE Definizione:Malattia infiammatoria cronica delle vie aeree a eziologia ignota,caratterizzata da ricorrenti episodi di ostruzione bronchiale reversibili e da iperreattività bronchiale ovvero

Dettagli

Pneumologia Pratica: dalla diagnosi alla gestione delle patologie respiratorie

Pneumologia Pratica: dalla diagnosi alla gestione delle patologie respiratorie Corso teorico - pratico Pneumologia Pratica: dalla diagnosi alla gestione delle patologie respiratorie 22-24 Gennaio 2014 Hotel Nettuno Catania Associazione Scientifica Interdisciplinare per lo Studio

Dettagli

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2 Gli studi caso controllo Obiettivi Negli ultimi decenni questo modello di indagine è stato applicato soprattutto per lo studio delle malattie cronicodegenerative (le più frequenti cause di morte in tutti

Dettagli

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test)

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) E ampiamente riconosciuto dalla comunità scientifica che lo stress ossidativo gioca

Dettagli

IL DOLORE ONCOLOGICO VALUTAZIONE

IL DOLORE ONCOLOGICO VALUTAZIONE IL DOLORE ONCOLOGICO CARATTERISTICHE E VALUTAZIONE 1 LE CURE CONTINUATIVE Il dolore del paziente oncologico varia nel tempo, anche rapidamente, in relazione all evoluzione della malattia Necessità di frequente

Dettagli

Percorso broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e insufficienza respiratoria in BPCO

Percorso broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e insufficienza respiratoria in BPCO Percorso broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e insufficienza respiratoria in BPCO EXPANDED CHRONIC CARE MODEL Elaborato a cura di: M.Bonini ; D.Cerullo ; R.Salvadori ; R.Torselli Direttore UFC

Dettagli