Indice. Unità 1 L arte dell Africa Subsahariana 4. Unità 2 L arte islamica 12. Unità 3 L arte cinese e giapponese 18

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Unità 1 L arte dell Africa Subsahariana 4. Unità 2 L arte islamica 12. Unità 3 L arte cinese e giapponese 18"

Transcript

1 Indice Unità 1 L arte dell Africa Subsahariana 4 1. Conoscere l arte africana 6 2. L influenza dell arte primitiva sull arte contemporanea 8 Leggere un opera d arte Maschera Kifwebe 10 Laboratorio d arte interculturale Le maschere 11 Unità 2 L arte islamica Conoscere l arte islamica 14 Leggere un opera d arte Il tappeto persiano 16 Laboratorio d arte interculturale La decorazione nell arte islamica 17 Unità 3 L arte cinese e giapponese Conoscere l arte cinese Conoscere l arte giapponese 22 Leggere un opera d arte Il giardino Zen 24 Laboratorio d arte interculturale La giada e la ceramica cinese 25 Unità 4 L arte indiana e del Sud-est asiatico Conoscere l arte indiana Conoscere l arte del Sud-est Asiatico 30 Leggere un opera d arte Le decorazioni del tempio di Surya a Konarak 32 Laboratorio d arte interculturale La decorazione dei templi indiani 33 Indice 3 Unità 5 L arte delle civiltà precolombiane Conosecere l arte maya e azteca Conosecere l arte inca 38 Leggere un opera d arte Il sito archeologico di Machu Picchu 39 Laboratorio d arte interculturale I simboli sacri dell arte azteca 40 Unità 6 L arte dei Balcani Conoscere l arte in Romania Conoscere l arte in Bulgaria 45 Leggere un opera d arte Icona con San Giorgio e il Drago 46 Laboratorio d arte interculturale La raffigurazione sacra nell arte balcanica 47 Indice analitico 48

2 Unità 1 L arte dell Africa Subsahariana Arte per l educazione interculturale 4 La storia dell arte africana Per molto tempo l arte africana è stata ritenuta priva di storia; sembra, infatti, che essa abbia lasciato poche tracce di sé rispetto all arte del resto del mondo. La difficoltà nel ricostruire la storia, i cambiamenti e gli stili dell arte africana, ha principalmente le seguenti cause: l assenza di scrittura nelle civiltà africane le quali sono basate su una cultura orale; la mancanza di una mentalità conservatrice del patrimonio culturale ed artistico; la deperibilità dei materiali utilizzati per la realizzazione di manufatti artistici (come paglia, terra e legno); la mancanza di scavi archeologici adeguati per il ritrovamento dei reperti. L arte africana è stata scoperta ed apprezzata solo in tempi relativamente recenti, grazie anche e soprattutto all interesse di alcuni artisti europei che collezionarono e studiarono con passione le maschere e le sculture del continente nero. Breve quadro storico Avanti Cristo Fine del I millennio: sviluppo delle tecniche legate alla lavorazione del ferro nell Africa occidentale. 500: cultura di Nok (Nigeria). Dopo Cristo 200: fine della cultura di Nok. X secolo: scambi commerciali tra alcune tribù e alcuni regni africani e asiatici. XII/XIV secolo: nel Congo e nel Niger maturano varie culture artistiche. 1200/1400: Regno di Ife in Nigeria. 1400/1900: Regno del Benin. 1885: Conferenza di Berlino; gli stati occidentali si spartiscono quasi tutta l Africa. XIX secolo: distruzione del palazzo del re del Benin. I principali luoghi dell arte africana La geografia relativa alla produzione artistica africana resta molto imprecisa; i luoghi artistici che possiamo indicare con precisione sono: il Gabon con le sue maschere Fang; il Congo con le sue maschere Batéké; la Nigeria con le sue statuette Mumuye; la Costa d Avorio; il Regno del Benin, sempre in Nigeria, con i suoi bassorilievi e le statue in bronzo; il Burkina Faso con le sue maschere legate ai rituali. Tribio (Nigeria), Figura in legno e pigmenti seduta su un barile, XIX secolo. Altezza 87 cm. Londra, Museo Horniman. RCS LIBRI EDUCATION SPA Igbo (Nigeria), Statua lignea ikenga. Altezza 49 cm. Collezione privata. Ashanti (Ghana), Kente. Inizio XX secolo. Tessuto in seta e cotone, Birmingham, Museum and Art Gallery.

3 Per l insegnante Si possono guidare gli alunni nello studio attraverso le seguenti operazioni: inserire gli argomenti che riguardano l arte africana parallelamente a quelli trattati nel programma; coinvolgere gli alunni di origine africana nella discussione in classe sulle origini, la storia e i luoghi del proprio paese; confrontare opere d arte africana ed europea per evidenziarne aspetti comuni e diversità; spiegare il significato simbolico rituale dell arte africana partendo dalla lettura di una maschera; organizzare un laboratorio per produrre maschere con materiali diversi e discutere sulle varie funzioni; lavorare con gli insegnanti di Lettere e di Educazione Musicale sull uso della narrazione di storie e sull uso della danza e del corpo nella comunicazione. Per lo studente Nel corso di questa Unità imparerai a: conoscere la storia e i principali luoghi geografici in cui si è sviluppata l arte africana subsahariana; comprendere il significato, la funzione dell arte e il ruolo dell artista nella società africana; confrontare e riconoscere l influenza dell arte africana sull arte moderna e su quella delle avanguardie europee; saper leggere e confrontare il significato simbolico di una maschera e di una statua africane; partendo da una maschera africana, rielaborarne di nuove in modo creativo e personale. GHANA GABON NIGERIA CONGO Gabon, maschera di Fang, XIX-XV sec.. Legno scolpito e dipinto, altezza 70 cm. Parigi, Museo dell Uomo. Yaka (Congo R.D.), Poggiatesta in legno con supporto a figura femminile. Altezza 19 cm. Zurigo, Rietberg Museum. Approfondimenti interdisciplinari Ti forniamo alcune indicazioni utili ad arricchire le tue conoscenze sulla cultura africana. Letteratura Mbacke Gadji, Lo spirito delle sabbie gialle, Bologna, Edizioni dell Arco, Joseph Conrad, Cuore di tenebra, Torino Einaudi, Musica Cinema Ejagham (Nigeria), Cimiero, XIX-XX secolo. Altezza 73,6 cm. Seattle, Museo d Arte di Seattle. La mia Africa, regia di Sidney Pollack. U.S.A., Kirikú e la strega Karaba, regia di Michel Ocelot, Francia/Belgio/Lussemburgo, Sognando l Africa, regia di Hugh Hudson, U.S.A., L arte dell Africa Subsahariana Unità 5

4 1. Conoscere l arte africana obiettivi Capire il significato, la funzione dell arte e il ruolo dell artista nella società africana. Arte per l educazione interculturale 6 Il concetto africano di Arte Il concetto di arte nella cultura africana non corrisponde al nostro. Nel continente africano l arte deve possedere anche e soprattutto una sua utilità nella vita sociale e religiosa. La funzione dell opera d arte All opera d arte africana, oltre alla funzione di mezzo espressivo di grande efficacia nella trasmissione orale della cultura, è affidato anche l importante ruolo di mediazione comunicativa con l aldilà, permettendo così l incontro tra esperienza visibile, quotidiana, con un mondo invisibile e mistico. Igbo (Nigeria), Statua lignea ikenga. Altezza 49 cm. Collezione privata. Congo, Figura lignea di maternità. Londra, British Museum. Nelle società prive di un sistema di scrittura, sono molto importanti la concretezza dell esperienza e della pratica; per cui, il decorare una parete, il costruire una maschera, il fabbricare un vaso, sono azioni che possiedono precisi significati e senso pratico e non sono finalizzate solamente alla creazione dell opera d arte. Regno di Benin (Nigeria), Testa in ottone di regina madre, XVI secolo. Altezza 51 cm. Lagos, National Museum. Chi è l artista africano Per le finalità sociali, politiche e religiose dell oggetto artistico, l artista, nella realizzazione dell opera d arte non ha un ruolo centrale. Le sue abilità sono richieste e riconosciute, ma l opera non è legata al suo artefice e non ne deve rappresentare la personalità. Infatti, l oggetto artistico è considerato come la manifestazione visibile e tangibile delle divinità che si mostrano agli uomini tramite l artista, per cui quest ultimo, essendo solo un intermediario, non può sovrapporsi alla loro volontà. Inoltre, in genere l opera d arte non è frutto esclusivo di un unico artista, ma vede la partecipazione di più figure nella sua realizzazione: ad esempio, deve rispondere alle esigenze di un committente e la maggior parte delle volte deve poi essere consacrata da uno o più sacerdoti. L artista è dunque solo un anello di una lunga catena.

5 La scelta dei materiali I materiali con cui vengono realizzati i manufatti artistici, sono scelti in base alle disponibilità offerte dal territorio e a ragioni simboliche e culturali. Gli artisti usano spesso materiali deperibili, ma la decomposizione della materia non è vista come una minaccia alle loro opere, perché per la cultura africana non è necessario che l opera d arte duri nel tempo. Ghana, Kente, inizio XX secolo. Tessuto in seta e cotone. Birmingham, Museum and Art Gallery. I materiali usati Ogni materiale ha specifiche proprietà curative, può essere associato a determinate divinità e simboleggiare virtù umane. Ad esempio, l avorio, materiale prezioso ricavato dalle zanne dell elefante, viene utilizzato per rappresentare la forza, la salute e la prosperità. Il legno verde, quindi tagliato da poco e non ancora essiccato, rimanda all albero vivo e pieno di linfa e serve a simboleggiare la forza vitale. La lavorazione dei metalli è associata a poteri di natura sacra. La terracotta è invece il materiale maggiormente utilizzato per la realizzazione di vasellame e statue legate ai riti funebri. Infine, nelle arti tessili hanno una considerevole importanza sia la scelta dei colori che dei disegni utilizzati per la realizzazione di tappeti, stuoie, stoffe per abbigliamento. Il volto e il corpo per comunicare Yaka (Congo R.D.), Poggiatesta in legno con supporto a figura femminile. Altezza 19 cm. Zurigo, Rietberg Museum. RCS LIBRI EDUCATION SPA 1 L arte dell Africa Subsahariana Unità 7 L arte è anche attenzione alla forma, ad iniziare dalla cura per il volto e il corpo considerate come superfici da decorare, incidere, modellare attraverso acconciature elaborate, colori particolari, tatuaggi e marchi impressi con il fuoco. Controlla se hai capito 1 Chi è l artista africano e quale è il suo compito nella realizzazione delle opere? 2 Che funzione ha il manufatto artistico? 3 Elenca alcuni materiali usati nell arte africana e descrivi che cosa rappresentano.

6 Leggere e capire un opera d arte Provenienza: Repubblica Democratica del Congo, etnia Songye Materiale: Legno e pigmenti colorati Dimensioni: altezza 59,6 cm Luogo di conservazione: Zurigo, Museo Rietberg. Maschera Kifwebe Arte per l educazione interculturale 10 Maschere femminili e maschili Possiamo distinguere i due tipi di maschera, quella femminile e quella maschile, sulla base del colore utilizzato e dei tratti del volto più o meno accentuati. Le maschere femminili hanno il volto decorato con sottili incisioni di colore bianco, i tratti del volto marcati di nero e sono associate alla fecondità e agli spiriti benevoli. Le maschere maschili, dette Kilume, possiedono tratti e colori più potenti e aggressivi; tra le funzioni che rivestivano c erano la protezione durante le guerre tra tribù, la sorveglianza dei campi coltivati, delle strade e dei luoghi dedicati alle iniziazioni. La funzione della maschera Queste maschere fanno parte degli oggetti cerimoniali di società omonime che ricorrono all uso dei poteri mistici della stregoneria, alle quali si appoggia ancora oggi il potere politico delle varie etnie per esercitare il controllo sociale del territorio. RCS LIBRI EDUCATION SPA Il significato simbolico dei colori Bianco e nero, nella loro polarità, assumono il significato del contrasto tra bontà e cattiveria, vita e morte, salute e malattia, purezza e impurità. Il colore rosso ha una funzione di mediazione e ambiguità tra questi due opposti. Controlla se hai capito Il significato simbolico delle incisioni Le incisioni sulle superfici delle maschere richiamano i luoghi (le grotte, secondo le credenze tribali) dai quali provengono gli spiriti fondatori delle società Kifwebe. Ricostruisci il significato dell opera 1 Qual era la funzione della maschera Kifwebe? 2 Da chi veniva usata? 3 Qual era il significato simbolico dei colori e delle incisioni?

7 Laboratorio Le maschere Osserva obiettivi d arte interculturale Realizzare una maschera ispirandosi a quella africana. La funzione della maschera è quella di nascondere il volto di chi la indossa e dunque anche quella di poter assumere una nuova identità. È un oggetto molto importante nell arte africana ed è legato alla simbologia religiosa utilizzata in riti di tipo sociale e religioso, come ad esempio quelli che richiedono la protezione degli spiriti o che segnano il passaggio da una fase della vita all altra (il passaggio dall infanzia all età adulta, da ragazza a sposa, a madre). Mettiti alla prova Proposta operativa 1 Realizza una maschera di cartone o compensato Materiale Per realizzare questo elaborato ti occorrono: una fotocopia ingrandita della fig.1; un foglio di carta da lucido; una matita morbida (HB), colla, taglierino e forbici; un cartoncino pesante o un foglio di compensato sottile; colori a tempera o ad olio. Procedimento Esegui le seguenti operazioni: a. fai una fotocopia ingrandita della fig. 1 grande all incirca quanto il tuo volto e, utilizzando il foglio di carta lucida, ricava lo schema della maschera (fig. 2); b. sullo schema puoi aggiungere dei particolari come ad esempio i capelli, delle decorazioni o la barba (fig. 3); c. fai una fotocopia dello schema su un foglio bianco e incolla questo sul cartoncino pesante o sul compensato; d. aiutandoti con un taglierino fai i buchi per gli occhi e, volendo, anche quelli per le orecchie; e. con le forbici (se utilizzi un cartoncino pesante) o con un seghetto (se utilizzi il compensato) ritaglia la maschera e poi colorala con i colori a tempera o ad olio. Fig. 2. Fig. 1. Boa (Congo), Maschera Pongdudu, inizi del XX secolo. Altezza 30 cm. Tervuren, Museo Reale dell Africa Centrale. Fig L arte dell Africa Subsahariana Unità 11

8 Leggere e capire un opera d arte Titolo: San Giorgio che uccide il Drago Epoca: XV secolo Stile: Scuola di Novgorod Luogo di conservazione: San Pietroburgo. Icona con San Giorgio e il Drago Notizie sull opera L icona rappresenta San Giorgio che lotta contro il drago, tema che simboleggia la sconfitta del Male operata attraverso la Chiesa Cristiana. Arte per l educazione interculturale 46 Chi era San Giorgio San Giorgio visse nel III secolo e fu venerato come santo e martire dai cristiani fin dal IV secolo. Non ci sono notizie certe sulla sua vita; tuttavia, sembra che si arruolò nell esercito dell imperatore Diocleziano, comportandosi da valoroso soldato. Gli sono stati attribuiti straordinari miracoli compiuti in vita, compreso quello dell uccisione del Drago. Morì probabilmente a Lydda (presso l odierna Tel Aviv), secondo alcune fonti nel 303. Il soggetto L opera rappresenta San Giorgio, vestito come un antico cavaliere, che cavalca un cavallo bianco, mentre trafigge la testa di un mostruoso drago. I colori I colori sono prevalentemente caldi: su uno sfondo dorato risalta il rosso del mantello di San Giorgio. Sullo scudo di forma rotonda è dipinto il sole, simbolo della natura solare del Santo. Le decorazioni dell abito e dei paramenti del cavallo sono raffinate e preziose. La struttura compositiva La geometria della composizione prodotta dalla posizione diagonale del cavaliere, dalla sua lancia e il profilo del cavallo, fanno di quest opera un vero capolavoro di semplicità e di efficacia. RCS LIBRI EDUCATION SPA L icona Il termine può essere tradotto con immagine e nel campo dell arte religiosa identifica una raffigurazione sacra dipinta su tavola. Si tratta di una creazione bizantina del V secolo. L icona veniva dipinta su tavole di legno iniziando con l applicazione di una lamina in oro e argento o altro metallo su tutti i particolari (bordi dell icona, pieghe dei vestiti, sfondo e corone), poi si procedeva a dipingere il volto, le mani e i piedi dei soggetti raffigurati (principalmente il Cristo, la Madonna o i Santi), per completare con gli altri dettagli presenti nell opera. Spesso era decorata anche con pietre preziose e smalti. Controlla se hai capito 1 Quale significato ha la figura di San Giorgio che uccide il Drago? 2 In quale epoca nasce il culto di San Giorgio? 3 Cos è un icona? 4 Qual è lo stile compositivo usato in quest opera?

9 Laboratorio obiettivi d arte interculturale La raffigurazione sacra nell arte balcanica Osserva Dopo aver osservato l icona alla pagina precedente, prova rielaborarla per realizzarne una anche tu su una base di vetro o plexiglas. Rielaborare un icona lavorando su vetro o plexiglas. Mettiti alla prova Proposta operativa Rielabora un icona Materiali Per realizzare questo elaborato ti occorrono: una lastra di vetro o plexiglas; un pennarello a punta fine nero per scrivere sul vetro; colori per il vetro; pasta per il vetro di color oro; pennelli. Fig. 1. Fig. 2. Procedimento a. Fai una fotocopia ingrandita della figura 1 e posizionala sotto la lastra di vetro o plexiglas; b. con il pennarello nero ricalca i contorni dell immagine; c. ripassa i contorni con la pasta per il vetro di colore oro (fig. 2); d. colora la lastra utilizzando i colori che preferisci e i pennelli di diverse misure (fig. 3). 6 L arte dei balcani Unità 47 La figura 3 è la nostra rielaborazione dell icona di San Giorgio alla pagina precedente: è stata eseguita su plexiglas, materiale plastico simile al vetro ma infrangibile. La gamma cromatica che abbiamo usato rispetta quella originale ad eccezione del blu usato per dipingere il cavallo. Abbiamo utilizzato pennelli sottili per colorare i particolari decorativi e medi per le campiture più estese, in particolare per lo sfondo. Fig. 3.

TUTTE LE CLASSI. Storie di Legno. Blu, rosso, giallo, bianco e nero: caccia al colore

TUTTE LE CLASSI. Storie di Legno. Blu, rosso, giallo, bianco e nero: caccia al colore TUTTE LE CLASSI Storie di Legno -osservare un opera d arte partendo dalla sua materia -sviluppare la manualità (manipolazione della pasta di legno) Filo conduttore della visita alle collezioni del MVSA

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti La mummificazione o imbalsamazione è il metodo con cui gli antichi Egizi conservavano i corpi dei defunti, preservandoli dalla decomposizione. Questo risultato era particolarmente importante perché, secondo

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

Il mondo dei materiali

Il mondo dei materiali Il mondo dei materiali Tutti i giorni usiamo moltissimi oggetti che sono fatti di materiali diversi come il legno, la plastica, il ferro, la stoffa. Alcuni materiali si trovano in natura, altri sono stati

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Attività didattica per l anno scolastico 2010 2011 Il museo, nato nel dicembre 2008 nei suggestivi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni/cittadinanza I ROMANI Mappa concettuale del percorso sviluppato. PowerPoint Verona romana. Cartellone Il Vangelo secondo Giotto Competenze chiave

Dettagli

DI SEGNARE PER IMPARARE

DI SEGNARE PER IMPARARE DI SEGNARE PER IMPARARE A scuola di Guggenheim è un programma formativo, arrivato alla sua decima edizione, rivolto a tutte le scuole del Veneto, di ogni ordine e grado, realizzato attraverso la collaborazione

Dettagli

ACCOCCOLIAMOCI. Settore. Tema HOME. Classi PREMESSA. Autori OBIETTIVI MATERIALE SVOLGIMENTO OSSERVAZIONI E SUGGERIMENTI BIBLIOGRAFIA

ACCOCCOLIAMOCI. Settore. Tema HOME. Classi PREMESSA. Autori OBIETTIVI MATERIALE SVOLGIMENTO OSSERVAZIONI E SUGGERIMENTI BIBLIOGRAFIA Settore HOME PREMESSA Attività creative Geometria Studio d ambiente Tema Realizzazione di un cuscino ispirato alle opere di Mondrian Classi Quarta elementare Autori Elena Moretti ACCOCCOLIAMOCI OSSERVAZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

LA STORIA DELLA BICICLETTA

LA STORIA DELLA BICICLETTA LA STORIA DELLA BICICLETTA Dalla realizzazione di un disegno di Leonardo da Vinci tratto dal Codice Atlantico, attraverso velocipedi ottocenteschi originali, fino ai prototipi delle grandi case automobilistiche

Dettagli

- 72 - - 73 - Figura di Buddha in metallo. H. cm. 30. 100/200. - 74 - Figura di Buddha in legno. H. cm. 35. 100/200-75 - - 76 - - 77 - - 78 -

- 72 - - 73 - Figura di Buddha in metallo. H. cm. 30. 100/200. - 74 - Figura di Buddha in legno. H. cm. 35. 100/200-75 - - 76 - - 77 - - 78 - - 72 - - 74 - - 73 - - 75 - - 76 - - 72 - Figura di Buddha in terracotta. H. cm. 36. - 73 - Figura di Buddha in metallo. H. cm. 30. - 74 - Figura di Buddha in legno. H. cm. 35. - 75 - Figura di Buddha

Dettagli

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT Scoprire il territorio attraverso l archeologia sperimentale Nell'ambito del progetto didattico CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT in lingua friulana, per l'anno

Dettagli

Traccia di analisi dell annuncio stampa del profumo J Adore di Christian Dior

Traccia di analisi dell annuncio stampa del profumo J Adore di Christian Dior Traccia di analisi dell annuncio stampa del profumo J Adore di Christian Dior 1 2 Cosa vedo? Associazioni enciclopediche L'annuncio stampa occupa due pagine, unite da uno sfondo comune dorato e attraversato

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti:

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti: Museo Nazionale Preistorico Etnografico L. Pigorini w w w.pigorini/beniculturali.it Scuola dell infanzia Una serie di percorsi ludico-didattici rivolti in particolare alla scuola dell infanzia, per dare

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2

TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2 Pagina 1 di 4 TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2 Realizzazione di un vaso con la tecnica a Lastra NOTE INTRODUTTIVE La tecnica di costruzione a lastra offre la possibilità di realizzare una svariata

Dettagli

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Premessa Il Museo, situato all interno dell'area archeologica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE. Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE. Classi Prime PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE Classi Prime Progettazione annuale 1. Rilevazione dei livelli di partenza della classe ed individuazione delle competenze precedentemente acquisite. Profilo

Dettagli

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES pag. 16-17-18 Unità aggiornata: 7/2012 2 Se vogliamo

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE NOVITA SCUOLE MATERNE FINESTRA O SPECCHIO? Scuola materna ed elementare Il percorso prevede la visita della collezione della Pinacoteca Agnelli, con un approfondimento sulle opere di Henri Matisse. La

Dettagli

Programmi didattici. Le scuole & il Museo Archeologia a Varese

Programmi didattici. Le scuole & il Museo Archeologia a Varese Le scuole & il Museo Archeologia a Varese Programmi didattici Museo Civico Archeologico di Villa Mirabello - Varese Museo Civico Preistorico Isolino Virginia - Lago di Varese - Biandronno Visite guidate

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA

UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA Giovedì 5 marzo noi alunni di I B siamo andati, insieme alla classe 1E, in visita al Museo Africano di Verona. Siamo partiti con l autobus di linea e siamo arrivati nel cortile

Dettagli

IMMAGINARTE Laboratori di educazione all immagine

IMMAGINARTE Laboratori di educazione all immagine Il nostro gruppo lavoro, formato da persone che da anni operano nel settore dell illustrazione, della grafica e della didattica, propone laboratori di educazione all immagine, rivolti agli studenti delle

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo IL CUBISMO Nei primi anni del 1900 i pittori cubisti (Pablo Picasso, George Braque) dipingono in un modo completamente nuovo. I pittori cubisti rappresentano gli oggetti in modo che l oggetto appare fermo,

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

Come si costruisce il Totem Io non rischio!

Come si costruisce il Totem Io non rischio! Come si costruisce il Totem Io non rischio! La struttura 5 scatoloni circa 50x50x50, anche usati, purché in buone condizioni e possibilmente con poche scritte Scotch di carta da carrozzieri Vernice nera,

Dettagli

STORIE DA INDOSSARE, REGALARE E COLLEZIONARE

STORIE DA INDOSSARE, REGALARE E COLLEZIONARE STORIE DA INDOSSARE, REGALARE E COLLEZIONARE La Bottega di AVSI si prefigge di promuovere un economia sostenibile attraverso la vendita di prodotti artigianali di qualità sbocciati dal saper fare di persone

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO ARTE E IMMAGINE Competenze finali AMBITO ARTISTICO [Dal Profilo educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del primo ciclo di istruzione (6-11 anni)] per l'espressione di sé e per la

Dettagli

Materiale occorrente:

Materiale occorrente: L attività è proposta ai bambini come una sorta di laboratorio per la costruzione di maschere di Carnevale che lasciano scoperto il viso del bambino. Quest ultimo accorgimento consente anche ai più piccoli

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

FESTA DIOCESANA UNITARIA della PACE LA PIENEZZA E LA MOLTECIPLITA DEL CONCETTO DI PACE. Nardò, 26 Gennaio 2013

FESTA DIOCESANA UNITARIA della PACE LA PIENEZZA E LA MOLTECIPLITA DEL CONCETTO DI PACE. Nardò, 26 Gennaio 2013 FESTA DIOCESANA UNITARIA della PACE PAC E I N S I E M E I N P R I M A F I L A P E R L A LA PIENEZZA E LA MOLTECIPLITA DEL CONCETTO DI PACE Nardò, 26 Gennaio 2013 In quest anno dedicato alla FEDE e così

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 ITALIANO VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente in modo significativo. - Leggere

Dettagli

Sono state ideate e condotte 4 letture animate per la scuola Infanzia e Primaria ed altrettanti 4 incontri per l'utenza libera.

Sono state ideate e condotte 4 letture animate per la scuola Infanzia e Primaria ed altrettanti 4 incontri per l'utenza libera. Cristina Sedioli V. Marconi, 15 Montiano (FC) Tel: 0547-314074; 347-7354539 E-mail: cristina.sedioli@alice.it Al Sindaco Fabio Molari Resoconto del progetto Che avventura la lettura Percorsi narrativi

Dettagli

Laboratori di educazione all immagine

Laboratori di educazione all immagine Il nostro gruppo lavoro, formato da persone che da anni operano nel settore dell illustrazione, della grafica e della didattica, propone laboratori di educazione all immagine, rivolti agli studenti delle

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

CON CHE SI GIOCAVA....UNA VOLTA

CON CHE SI GIOCAVA....UNA VOLTA CON CHE SI GIOCAVA....UNA VOLTA Tutto l occorrente per il laboratorio è a disposizione sui tavoli comprese le istruzioni per la realizzazione dei giochi. I gruppi sono tre e ognuno creerà i giochi di una

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò

Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò Gli bastava un emozione anche piccola e la sua immaginazione si metteva in moto. Una macchia sul muro. Un filo che usciva dalla tela, un granello di polvere.

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

La linea...in movimento

La linea...in movimento La linea...in movimento Il percorso di arte e immagine riprende con la LINEA. Sarà però una linea dinamica ed emotiva, una linea che prenderà vita grazie alle emozioni suscitate dalla musica, una linea

Dettagli

L arte come gioco di forme e colori. a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea

L arte come gioco di forme e colori. a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea L arte come gioco di forme e colori a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea Le forme di Kandiskij Scrive Kandinskij: Oggi il punto può significare qualche volta nella pittura più di una

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

LABORATORI DELL INFANZIA

LABORATORI DELL INFANZIA LABORATORI DELL INFANZIA Le attività rivolte ai più piccoli sono ricche di esperienze pratiche e manipolative capaci di coinvolgerli anche con l accompagnamento di un tema musicale appropriato. I bambini

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

Percorso per bambini. Ogni volta che trovi questo pannello, osserva il dettaglio riprodotto, poi cercalo con attenzione nel quadro.

Percorso per bambini. Ogni volta che trovi questo pannello, osserva il dettaglio riprodotto, poi cercalo con attenzione nel quadro. Exposition Mantegna 26 septembre 2008-5 janvier 2009 Percorso per bambini Andrea Mantegna è un artista che ha dato molta importanza ai dettagli. Guardare da vicino la sua pittura aiuta a capire il suo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

SEGNI, FORME E COLORI NELL ARTE MODERNA

SEGNI, FORME E COLORI NELL ARTE MODERNA Direzione Didattica 7 Circolo LABORATORIO DI ESPRESSIONE ARTISTICA E APPROCCIO ALLE OPERE D ARTE CONTEMPORANEA CURATO DALLE INSEGNANTI CANTALICE -- CRESPI -- FAVA -- FUSCO -- MOLINARI SCUOLE DELL INFANZIA

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Comune di Grosseto AL EO! Guida alle attività didattiche REGIONE TOSCANA ITr,M :,; I i[ 1,1.A MAREMMA MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA ffllffl MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Coordinamento:

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA Classe V sez. C Docente : Giuliano Maria Per gli OBIETTIVI GENERALI e la VALUTAZIONE, si fa riferimento

Dettagli

Le fonti della storia

Le fonti della storia Le fonti della storia Per comprendere bene queste pagine devi conoscere il significato delle parole autoctono ed editto. Aiutati con il dizionario: Autoctono:... Editto:.... La storia è una scienza che

Dettagli

Il pacchetto regalo. con. MATERIALI Pattex 100% Repair Gel Super Attak Power Easy Carta da pacco Rafia naturale Potpourri vari

Il pacchetto regalo. con. MATERIALI Pattex 100% Repair Gel Super Attak Power Easy Carta da pacco Rafia naturale Potpourri vari Il pacchetto regalo Impacchetta il regalo la carta da pacco e utilizza la rafia come nastro; incolla vicino al nodo di chiusura il potpourri più grande Pattex 100% Repair Gel. Utilizza Super Attak Power

Dettagli

La Pasqua: lavoretti. Come si fa! Un biglietto per Pasqua. Cosa ci serve

La Pasqua: lavoretti. Come si fa! Un biglietto per Pasqua. Cosa ci serve La Pasqua: lavoretti Un biglietto per Pasqua fogli da disegno tempera arancione pennarelli spugnette e piatti di plastica pennello fogli di gomma colorati (rosso, giallo e bianco) occhietti mobili per

Dettagli

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita.

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita. PROGETTARE UNA GITA Prima di dare avvio al percorso è opportuno condividere con gli alunni tutto il progetto ed eventualmente modificare alcuni elementi in rapporto alla discussione. Gli alunni devono

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

ALLA SCOPERTA DELLE MERAVIGLIE DELLA SICILIA La Villa Romana del Casale di Piazza Armerina (Enna)

ALLA SCOPERTA DELLE MERAVIGLIE DELLA SICILIA La Villa Romana del Casale di Piazza Armerina (Enna) SCUBlMONDO 5 - GEOGRAlA ALLA SCOPERTA DELLE MERAIGLIE DELLA SICILIA La illa Romana del Casale di Piazza Armerina (Enna) In tutte le regioni italiane ci sono tesori d arte importantissimi. Nel cuore della

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

La linea...in movimento

La linea...in movimento Arte e immagine: la linea in movimento. La linea...in movimento Il percorso di arte e immagine riprende con la LINEA. Sarà però una linea dinamica ed emotiva, una linea che prenderà vita grazie alle emozioni

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 1 dicembre 2002 La domenica con Gesù Tempo di Avvento Domenica 1 dicembre Vegliare per non essere sorpresi L'artista della settimana Alessandro Ferraro Internet

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Allegato alla nota prot. 1661 del 31 gennaio 2011 1

Allegato alla nota prot. 1661 del 31 gennaio 2011 1 1 Per ragazzi un po più grandi potrebbe risultare divertente questo indiano con la colica fatto con una lattina di bibita piegata al centro e dipinta con colori acrilici. Gli occhi sono quelli che si acquistano

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UNITÀ DIDATTICA DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE TESSILE- ABBIGLIAMENTO, MODA E COSTUME CLASSE: V A PTS RIF. COMPETENZA:1 A.S. 2015-2016 TITOLO: LA COLLEZIONE MODA COD. 01 A PRESENTAZIONE

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Diaz CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L insegnamento della Religione Cattolica si colloca nel

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE TECNOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE TECNOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA - L alunno riconosce e identifica nell ambiente che lo

Dettagli

Metti in scena la tua Carmen

Metti in scena la tua Carmen Metti in scena la tua Carmen Se vuoi, puoi divertirti a mettere in scena una tua rappresentazione di Carmen creando un allestimento scenico con l aiuto della fantasia e... delle tue mani. Per ricostruire

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Canneto sull'oglio Museo Civico

Canneto sull'oglio Museo Civico Canneto sull'oglio Museo Civico Canneto sull'oglio Museo Civico Recapiti - Canneto sull'oglio tel. 0376 70175 segreteria.tecnica@comune.canneto.mn.it www.comune.canneto.mn.it A COME ARGILLA, MATERIA PER

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE L Associazione Culturale Aurea Incoming, ente gestore del Punto di Informazione Turistica della Città di Chieri, propone per il prossimo anno scolastico 2014/2015 una serie

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16 Gentile insegnante, preparare una visita al Museo e Villaggio Africano significa affrontare in una prospettiva interdisciplinare qualsiasi aspetto della realtà, dai gesti del corpo ai rapporti familiari,

Dettagli