L' argomento estetica è sempre difficile; qualsiasi giudizio venga espresso è opinabile in quanto soggettvo; la mia personale esperienza, maturata in

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L' argomento estetica è sempre difficile; qualsiasi giudizio venga espresso è opinabile in quanto soggettvo; la mia personale esperienza, maturata in"

Transcript

1 L' argomento estetica è sempre difficile; qualsiasi giudizio venga espresso è opinabile in quanto soggettvo; la mia personale esperienza, maturata in tal senso. mi porta ad affermare che non esistono sostanziali differenze tra una ceramica tradizionale e questa per titano. Nel tempo mi sono creato un protocollo di lavoro per la stratificazione di strutture in titanio, alfine di ottenere risultati sempre costanti e ad un livello qualitativo accettabile. La mia filosofia è molto semplice: il primo obiettivo deve essere quello di frenare a luce prima che arrivi all opaco, perché quando ciò avviene qualsiasi ceramica perde di profondità. La massa che ci permette di ottenere questo effetto è la dentina opaca; la sua presenza nella stratificazione diviene determinante sia quando abbiamo poco spessore che quando ne abbiamo in abbondanza. La dentina opaca può anche essere intensificata, l importante è usare colori cera- miei e non ossidi metallici; in alternativa possiamo colorare sopra la dentina opaca per ricreare effetti più caldi. A questo punto con la dentina o le dentine del colore modello approssimativamente il dente, si esegue il taglio della dentina e con gli smalti ed i trasparenti, messi a contrasto tra di loro per avere movimento, si finisce il dente, tenendo presente che gli smalti, a differenza degli opalescenti, sono filtri molto potenti e hanno un effetto coprente abbastanza alto, mentre i trasparenti si lasciano attraversare quasi completamente dalla luce. La difficoltà maggiore è dare alla zona smaltata sempre lo stesso spessore ottenendo così in superficie lo stesso effetto di trasparenze. E perciò necessario lavorare molto con le dentine opache e con le dentine per ottenere, in base allo spessore che abbiamo a disposizione, la tinta ed il risultato cromatico desiderato. Tengo comunque a ribadire il fatto che da un punto di vista cromatico l occhio umano ci permette un alto range di errore, anche perché se osserviamo attentamente i denti naturali, noteremo che non sono mai uguali l uno all altro. Diverso è invece il discorso della forma che è sempre un compromesso tra funzione ed estetica. Terminata la ceramizzazione, il lavoro viene lasciato sulla bocca del forno per 2-3 minuti e poi si lancia il programma di cottura con un tempo di preriscaldo di circa 10 mm. Dopo la cottura, si eseguono le rifiniture del caso e si passa alla cottura di correzione, mantenendosi sui valori della prima cottura. Lucidatura della ceramica edel titanio Quando il lavoro torna dalla prova biscotto, se tutto è ok, si può passare alla lucidatura della ceramica. Nel caso in cui fossero necessari piccoli ritocchi cromatici, questi saranno possibili utilizzando i colori universali. La lucidatura può avvenire manualmente o con auto lucentezza in forno. lo preferisco sempre fare una lucidatura mista, prima un auto lucentezza in forno (con la ceramica per titanio non è necessaria la glasure in quanto le superfici risultano già compatte dopo la

2 cottura) per poi trattare le superfici con gomme e un impasto di Sidol, pomice e vaselina liquida, per togliere l effetto uniforme che dà l auto lucentezza e ricreare quindi quei giochi di luce presenti nel dente naturale (foto da 9 a 16). Si passa una fresa in tungsteno sul titanio da lucidare e successivamente una serie di gomme dalla grana più grossa a quella più fine. Lo scopo è quello di ottenere una superficie con una satinatura molto fine ed uniforme. Infine, con uno spazzolino morbido, lavorando in senso rotatorio si passa la pasta Tiger (Ditta Dentaurum), con una ruotina in flanella. sempre in senso rotatorio, si passa labraso Stargelans (Ditta Bredent) e si rifinisce il tutto con una ruotina in flanella pulita. Prima di sgrassare il lavoro bisogna attendere mm. per dar modo al titanio di ripassivarsi pena la perdita di brillantezza delle superfici. Conclusioni. Con questo lavoro, ho cercato d illustrare le mie esperienze maturate in 6 anni di lavorazione del titanio. Ritengo che con il titanio si possano oggi realizzare tutti i tipi di ricostruzione protesica che necessitino di supporto metallico, con buoni risultati non solo da un punto di vista funzionale ma anche estetico. Vorrei rivolgere un ringraziamento particolare alla Dentaurum Italia ed al Prof. F.Simionato che grazie alla loro disponibilità ed alla loro collaborazione, mi hanno permesso di convincermi della validità del sistema che da anni utilizzo con i miei soci e collaboratori nel nostro laboratorio con piena soddisfazione di tutti i clienti. Titanio ceramica: come e perchè. di Bruno Marziali Parole chiave: Titanio, Progettazione, Modellazione, Fusione, Rifinitura, Ceramizzazione, Lucidatura. L'obbiettivo di questo articolo è di far conoscere l attuale stato dell arte del titanio, in particolare della titanio ceramica; da un punto di vista principalmente, pratico, illustrando quali sono state le mie esperienze in sei anni d utilizzo di questo materiale. Cenni storici: Seguo il titanio dalle sue prime apparizioni nel settore odontotecnico (circa 10 anni fa) e ricordo che all inizio se ne fece un gran parlare, poi le notevoli difficoltà incontrate da tutti nella sua lavorazione e lo scarso interesse dimostrato da alcune multinazionalrproduttrici di metallo, contribuirono a dare del titanio un giudizio totalmente negativo. Se oggi si torna a parlare di questo materiale è solo perché alcune aziende, come ad esempio la Dentaurum, hanno creduto ed investito nel titanio, risolvendo molti dei problemi principalmente legati alla fusione ed al rivestimento estetico in ceramica. Oggi possiamo affermare di avere raggiunto con il titanio apprezzabili risultati sia in termini di precisione che di estetica. I problemi relativi alla fusione sono dovuti al fatto che il titanio

3 fuso si comporta come una spugna e si lega con tutto ciò che lo circonda, in particolare con l ossigeno con cui ha una grande affinità. Questa sua caratteristica ha sempre creato problemi anche con i rivestimenti a legante fosfatico, la cui azione contaminante a livello superficiale della fusione viene detta comunemente a-case. Lo strato di a-case in un manufatto protesico deve essere asportato totalmente, sia nelle zone che verranno rivestite in ceramica che in quelle a contatto con i tessuti, ciò in quanto tale strato possiede caratteristiche di durezza elevatissime pari a circa 600 Vickers e di conseguenza conferisce al manufatto una notevole fragilità. Inoltre lo strato di ossido impedisce il legame con la ceramica, non presenta una buona passivazione e la lucidatura delle superfici risulta difficile se non impossibile ed una volta in bocca, la protesi assume una colorazione nera che tende a tatuare i tessuti con cui viene a contatto. Anche il basso peso specifico (4,5 gr/cm3) del titanio ha creato notevoli difficoltà di fusione nei sistemi a centrifugazione, che come spunto iniziale sfruttano il peso del metallo; tuttavia in questo senso non si avevano problemi di fusioni mancati, in quanto il titanio ha dalla sua parte una notevole sd~rrevolezza, anche se viene mantenuta per un asso di tempo molto breve. Con la creazione delle prime fonditrici a presso-fusione e l introduzione di rivestimenti speciali a bassa formazione di acase, molti problemi sono stati risolti. [anello mancante della catena era, a questo punto, rappresentato dalla ceramica. Con questo articolo si vuole mostrare l attuale stato dell arte della lavorazione del titanio con particolare riguardo per il rivestimento estetico in ceramica. Progettazione di un lavoro in titanio ceramica. Le cose che dobbiamo tenere presente nel progettare una protesi in titanio ceramica sono: Gli spessori idonei per la ceramizzazione sono identici a quelli utilizzati con le ceramiche tradizionali (1,5-2 mm); in caso di spessori inferiori o superiori le conseguenze che possiamo avere sono le ~tesse che già conosciamo con le ceramiche tradizionali. In caso di occlusione in metallo, è da tenere presente che il titanio tende, nei punti di centrica, a marcare lievemente l antagonista. Che cosa bisogna sapere prima di iniziare a lavorare il titanio. La lavorazione del titanio ha una procedura che non rientra negli schemi tradizionali delle normali leghe per fusione, per cui è necessario adottare uno specifico protocollo di lavorazione. Le caratteristiche principali che dobbiamo tenere presenti nella scelta del sistema di fusione sono: La grande fluidità che ha il titanio durante la fusione, ma che mantiene per poco tempo; per cui l entrata del metallo all interno del cilindro deve avvenire in maniera più rapida

4 possibile senza perdite di tempo. Per il suo basso peso specifico (4,5 gr/cm3) è sconsigliabile una 4usione per centrifugazione. Il titanio può essere saldato solo con un Laser. Preparazione del modello master : Non ci sono particolari accorgimenti da adottare rispetto alla tecnica abituale; quindi, si procede come si è soliti fare sia per lo sviluppo, il taglio dei monconi, la messa in articolatore e l applicazione della lacca spaziatrice sui monconi. Modellazione in cera. Possiamo realizzare cappette termoplastiche o in cera, l importante è che i materiali impiegati non lascino residui dopo la fusione. Noi utilizziamo delle cappe termoplastiche per avere una rigidità maggiore del nostro modellato. Per la modellazione è bene usare cere naturali (organiche) e non sintetiche. Verifica della struttura: I punti di connessione variano, come sappiamo, in funzione del carico presunto che dovrà sopportare; è tuttavia importante che la travata sia rigida e che non abbia flessioni (foto 1). Gli spessori del modellato non devono essere inferiori a 0,5 mm. Qualora la travata in cera non sia passiva sul modello, viene separata ed incollata in posizione priva di tensioni. IMMAGINE Pernatura della struttura. La pernatura dipende molto dal sistema di fusione utilizzato. Con il sistema Dentaurum, inizialmente ci siamo atte- nuti a ciò che la casa consigliava, vale a dire un sistema a T con perno di colata e barra stabilizzatrice da 4 mm e perni di collegamento da 3 mm lunghi 3 mm e posizionati nei punti più alti del nostro modellato. Importante è la posizione del perno d entrata che deve prolungare la tettarella del cilindro per circa 1 cm. In considerazione della grande fluidità del titano e le sue minime contrazioni in fase di fusione, tali da non necessitare di una barra stabilizzatrice che funga da riserva, abbiamo iniziato a pernare in maniera diretta con perni da 4 o 5 mm di diametro in funzione delle dimensioni della struttura, mantenendo il centimetro di prolungamento della tettarella per poi arrivare agli elementi con una curva molto dolce. Con questa tecnica è possibile fondere un circolare con solo due spine di colata (foto 2). La posizione ditali spine deve essere valutata di volta in volta considerando che l ideale è far passare il metallo da spessori grandi a spessori via via più sottili. Non avencfo la struttura collegata ad una barra, è necessario sfilare il lavoro dal modello con molta cautela. I vantaggi di questa tecnica sono: minori distorsioni dovute alla connessione di più spine di colata, tempi di rifinitura del metallo più brevi (foto 4 e 5) La posizione del modellato all interno del cilindro non ha alcuna importanza in quanto non siamo vincolati ad un centro termico (il

5 cilindro al momento della fusione è a 4300C) l importante è che la distanza dalle pareti del cilindro sia di almeno 4-5 mm e rispetto al bordo superiore di 6-8 mm (foto 3). All interno del cilindro viene posizionato uno spaziatore che deve essere alto 3 cm e posto in prossimità degli elementi, mentre non occorre suddividere la massa in quanto non abbiamo grandi espansioni; è importante comunque che rimanga una buona zona di rivestimento a contatto con il cilindro. Non è, infine, necessario utilizzare riduttori di tensione della cera. Colata del rivestimento. Il rivestimento a legante ceramico che utilizziamo è il Rematitan U/tra e come tutti i rivestimenti della sua categoria presenta tempi di lavorazione molto lunghi (circa 8 mm.). Va precisato che questi materiali sono sensibili all umidità presente nell ambiente di lavoro al momento della misceazione. Anche il miscelatore impiegato ha la sua importanza; il numero di giri/min ideale è di , e la spatola di miscelazione deve avere possibilmente delle fughe molto ampie per assicurare una miscelazione omogenea. E buona norma, inoltre, agitare bene il contenitore della polvere prima di ciascun prelievo e rispettare scrupolosamente le modalità dettate dal fabbricante per la miscelazione. I tempi di presa sono di circa 90 minuti e vanno rispettati per evitare la formazione di micro- fratture interne. Preriscaldo e fusione. Il preriscaldo avviene in più fasi; c è una prima salita a 250~C con relativa stabilizzazione, poi si raggiunge la temperatura di circa 860~C (in questa fase possiamo aumentare la temperatura al massimo di 6000 per avere un espansione maggiore) e la si stabilizza per mm. Successivamente, si ridiscende sino a 430~C, si stabilizza per circa mm. e si procede con la fusione. La fonditrice Dentaurum, una volta impostato il peso del titanio da fondere, è completamente automatica. Dopo la fusione, il cilindro viene raffreddato in acqua fredda. Smuffolatura. La fusione viene liberata dal rivestimento e sabbiata con sfere di plastica a 4 atm., con un inclinazione dell ugello a 90~ rispetto alla superficie da sabbiare. Radiografia Come sappiamo, una delle caratteristiche del titanio è quella di essere radio trasparente, per cui possiamo controllare tramite radiografia la qualità della fusione (foto 6). Tale passaggio è importantissimo in quanto qualora avessimo inclusioni di gas all interno, queste devono essere rimosse (ad esempio con il laser) per evitare spiacevoli sorprese nella successiva fase di ceramizzazione. Rifinitura. Nella rifinitura bisogna porre molta attenzione a non surriscaldare il titanio, in quanto alla temperatura di 8820C si ha la trasformazione del reticolo cristallino da esagonale compatta (fase

6 a) a cubica a corpo centrato (fase f3), con perdita delle caratteristiche chimico-fisiche. Il taglio delle spine di fusione viene eseguito con dischi separatori non inquinanti per ceramica a / giri/min. circa, facendo numerose soste intermedie di raffreddamento del metallo con aria o acqua. Per la rifinitura devono essere usate esclusivamente f rese al tungsteno, non esercitando mai una pressione eccessiva sulle superfici, solo così saremo sicuri di asportare il materiale nel più breve tempo possibile. Dopo aver eliminato le piccole imperfezioni di fusione, si prova il lavoro sui monconi e si controllano singolarmente le chiusure e la stabilità dell intera travata sul modello. Una volta ricontrollata la struttura e portata agli spessori utili, non inferiori a 0,4 mm, sempre con una f resa al tungsteno si lavora la superficie in un solo senso. Controllo delle superfici La struttura viene pulita con vapore a 8 atm o con apparecchio ad ultrasuoni e acqua distillata. Successivamente si inserisce la struttura nel forno per ceramica alla temperatura di 600~C per 5 mm. in atmosfera. Questo passaggio è necessario per individuare eventuali residui di a-case. Dopo questo trattamento la struttura risulta di tonalità varianti dal giallo paglierino all azzurro; le zone pigmentate di colore marrone scuro devono essere ripassate con f rese in tungsteno (foto 7). Sabbiatura. Per la sabbiatura viene impiegato biossido d alluminio da 110 pm (la grandezza del biossido dipende da ciò che consiglia il fabbricante della ceramica) sparato a 2-3 atm di pressione facendo attenzione di orientare l ugello a 9Q0 rispetto alle superfici. La pulizia della travata deve avvenire con ultrasuoni ed acqua distillata o con vapore a 8 atm in grado di procurare uno shock termico sulla superficie e ottenere una pulizia totale della struttura da residui di lavorazione (foto 8). La struttura deve essere lasciata riposare per circa mm. dando così modo alla struttura molecolare di stabilizzarsi. Ceramizzazione Bisogna sapere che il titanio ha un bassissimo coefficiente di dilatazione termica (9,6 x ]Q6 K1) per cui è facile intuire che necessiti di una ceramica specifica. Essendo il titanio un metallo puro, non presenta ossidi che favoriscono il legame metalloceramico; dovrà quindi essere impiegato un bonder per instaurare un legame che, contrariamente a quanto si possa pensare, non è di natura chimica ma meccanica. Il bonder è ceramica altamente vetrosa ed al momento della cottura raggiunge una fluidità tale da consentire l infiltrazione nelle insenature superficiali della struttura. È tuttavia importante applicare uno strato sottile di bonder sulla superficie, ma d altro

7 canto anche non avere zone scoperte che impedirebbero un buon legame. Dopo la cottura, il bonder si presenta lucido ed uniforme; un aspetto a buccia d arancia significherebbe che la superficie è inquinata o che è stato creato un accumulo eccessivo. In questo caso è consigliabile ritrattare la superficie della struttura e ripetere il passaggio. Il legame che si ottiene è stato valutato attorno a 35,6 MPa (SD 1,33). La struttura a questo punto si presenta con una colorazione molto scura, cosa che non crea alcun problema di copertura, in quanto non c è riossidazione continua delle superfici. L opacizzazione deve avvenire in due fasi: un primo strato con copertura pari ad un 60-70% ed un secondo per raggiungere la copertura totale. Da quasi 2 anni la Esprident, azienda del gruppo Dentaurum, ha messo in commercio la ceramica a basso punto di fusione Triceram, nata esclusivamente per il rivestimento di strutture in titanio. L' argomento estetica è sempre difficile; qualsiasi giudizio venga espresso è opinabile in quanto soggettvo; la mia personale esperienza, maturata in tal senso. mi porta ad affermare che non esistono sostanziali differenze tra una ceramica tradizionale e questa per titano. Nel tempo mi sono creato un protocollo di lavoro per la stratificazione di strutture in titanio, alfine di ottenere risultati sempre costanti e ad un livello qualitativo accettabile. La mia filosofia è molto semplice: il primo obiettivo deve essere quello di frenare a luce prima che arrivi all opaco, perché quando ciò avviene qualsiasi ceramica perde di profondità. La massa che ci permette di ottenere questo effetto è la dentina opaca; la sua presenza nella stratificazione diviene determinante sia quando abbiamo poco spessore che quando ne abbiamo in abbondanza. La dentina opaca può anche essere intensificata, l importante è usare colori cera- miei e non ossidi metallici; in alternativa possiamo colorare sopra la dentina opaca per ricreare effetti più caldi. A questo punto con la dentina o le dentine del colore modello approssimativamente il dente, si esegue il taglio della dentina e con gli smalti ed i trasparenti, messi a contrasto tra di loro per avere movimento, si finisce il dente, tenendo presente che gli smalti, a differenza degli opalescenti, sono filtri molto potenti e hanno un effetto coprente abbastanza alto, mentre i trasparenti si lasciano attraversare quasi completamente dalla luce. La difficoltà maggiore è dare alla zona smaltata sempre lo stesso spessore ottenendo così in superficie lo stesso effetto di trasparenze. E perciò necessario lavorare molto con le dentine opache e con le dentine per ottenere, in base allo spessore che abbiamo a disposizione, la tinta ed il risultato cromatico desiderato. Tengo comunque a ribadire il fatto che da un punto di vista cromatico l occhio umano ci permette un alto range di

8 errore, anche perché se osserviamo attentamente i denti naturali, noteremo che non sono mai uguali l uno all altro. Diverso è invece il discorso della forma che è sempre un compromesso tra funzione ed estetica. Terminata la ceramizzazione, il lavoro viene lasciato sulla bocca del forno per 2-3 minuti e poi si lancia il programma di cottura con un tempo di preriscaldo di circa 10 mm. Dopo la cottura, si eseguono le rifiniture del caso e si passa alla cottura di correzione, mantenendosi sui valori della prima cottura. Lucidatura della ceramica edel titanio Quando il lavoro torna dalla prova biscotto, se tutto è ok, si può passare alla lucidatura della ceramica. Nel caso in cui fossero necessari piccoli ritocchi cromatici, questi saranno possibili utilizzando i colori universali. La lucidatura può avvenire manualmente o con auto lucentezza in forno. lo preferisco sempre fare una lucidatura mista, prima un auto lucentezza in forno (con la ceramica per titanio non è necessaria la glasure in quanto le superfici risultano già compatte dopo la cottura) per poi trattare le superfici con gomme e un impasto di Sidol, pomice e vaselina liquida, per togliere l effetto uniforme che dà l auto lucentezza e ricreare quindi quei giochi di luce presenti nel dente naturale (foto da 9 a 16). Si passa una fresa in tungsteno sul titanio da lucidare e successivamente una serie di gomme dalla grana più grossa a quella più fine. Lo scopo è quello di ottenere una superficie con una satinatura molto fine ed uniforme. Infine, con uno spazzolino morbido, lavorando in senso rotatorio si passa la pasta Tiger (Ditta Dentaurum), con una ruotina in flanella. sempre in senso rotatorio, si passa labraso Stargelans (Ditta Bredent) e si rifinisce il tutto con una ruotina in flanella pulita. Prima di sgrassare il lavoro bisogna attendere mm. per dar modo al titanio di ripassivarsi pena la perdita di brillantezza delle superfici. Conclusioni. Con questo lavoro, ho cercato d illustrare le mie esperienze maturate in 6 anni di lavorazione del titanio. Ritengo che con il titanio si possano oggi realizzare tutti i tipi di ricostruzione protesica che necessitino di supporto metallico, con buoni risultati non solo da un punto di vista funzionale ma anche estetico. Vorrei rivolgere un ringraziamento particolare alla Dentaurum Italia ed al Prof. F.Simionato che grazie alla loro disponibilità ed alla loro collaborazione, mi hanno permesso di convincermi della validità del sistema che da anni utilizzo con i miei soci e collaboratori nel nostro laboratorio con piena soddisfazione di tutti i clienti.

Parliamo di Titanio..

Parliamo di Titanio.. http://www.infodental.it Parliamo di Titanio.. 1 di Vittorio De Nardi Laboratorio Odontotecnico De Nardi Vittorio Via Nazionale 65 31020 San Fior (Treviso) Tel: 0438/76454 Email: vdenar@tin.it Vittorio

Dettagli

RAP ID MA N UF A CT UR ING

RAP ID MA N UF A CT UR ING ISTRUZIONI PER LA PREPARAZIONE DI SOTTOSTRUTTURE METALLICHE IN LEGA DI COBALTO CROMO (SP2) PER PROTESI IN METALLO-CERAMICA PRODOTTE MEDIANTE FUSIONE LASER SELETTIVA Per l illustrazione del procedimento

Dettagli

Heraenium Pw Istruzioni per l uso A norma DIN EN ISO 9693 e tipo 5 a norma DIN EN ISO 22674 Heraenium Pw è una lega a base di cromo-cobalto per la

Heraenium Pw Istruzioni per l uso A norma DIN EN ISO 9693 e tipo 5 a norma DIN EN ISO 22674 Heraenium Pw è una lega a base di cromo-cobalto per la Heraenium Pw Istruzioni per l uso A norma DIN EN ISO 9693 e tipo 5 a norma DIN EN ISO 22674 Heraenium Pw è una lega a base di cromo-cobalto per la realizzazione di corone e ponti con rivestimento in ceramica

Dettagli

La sicurezza nelle grandi strutture su impianti

La sicurezza nelle grandi strutture su impianti La sicurezza nelle sovrastrutture su impianti è da sempre un aspetto fondamentale e di primaria importanza purché non venga compromessa l estetica e la funzionalità del lavoro. Il risultato estetico deve

Dettagli

Heraenium P. Istruzioni per l uso

Heraenium P. Istruzioni per l uso Heraenium P Istruzioni per l uso A norma DIN EN ISO 9693 e tipo 5 a norma DIN EN ISO 22674 Heraenium P è una lega a base di cromo-cobalto per la realizzazione di corone e ponti con rivestimento in ceramica

Dettagli

Relazione di scienza dei materiali dentali Laboratorio Odo

Relazione di scienza dei materiali dentali Laboratorio Odo Relazione di scienza dei materiali dentali Laboratorio Odo Scanu Giovanni Antonio V a Odontotecnico A.s. 2011\12 Prof. Sciolla - Fiori Realizzazione di un dispositivo protesico in metallo resina Obiettivo:

Dettagli

Presso-fusione con fonditrice ad alta frequenza...47 Fusione ad alta frequenza con centrifuga...47 Fusione a cannello... 47-48

Presso-fusione con fonditrice ad alta frequenza...47 Fusione ad alta frequenza con centrifuga...47 Fusione a cannello... 47-48 Indice Avvertenze d'uso generale....44 Modellazione...44 Preparazione del canale di fusione...45 Quantità di metallo necessario...45 Messa in rivestimento...45 Ceratura e preriscaldo...46 Fusione e colata...46

Dettagli

Domande e risposte sulla metallo-ceramica

Domande e risposte sulla metallo-ceramica Presa del colore VITA Comunicazione del colore VITA Riproduzione del colore VITA Controllo del colore VITA Data 09.12 VITA shade, VITA made. 1. Mancata unione di due strati di ceramica 4 2. Distacchi

Dettagli

IL MODELLO IN GESSO PER LA SALDATURA LASER

IL MODELLO IN GESSO PER LA SALDATURA LASER Alcuni consigli pratici per realizzare un modellino in gesso, da utilizzare nella saldatura al laser, partendo dagli elementi di un ponte bloccati in resina. Il materiale utilizzato Perni in ottone tipo

Dettagli

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il brico dalle mille idee... TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il legno all interno Colori e vernici 2 Se il legno grezzo da trattare non ha il colore desiderato dobbiamo

Dettagli

Rappresentazione schematica dei processi di sinterizzazione

Rappresentazione schematica dei processi di sinterizzazione Pagina 1 di 6 Cialde di biossido di zirconio, stabilizzate con ittrio, pre-sinterizzate Valido per tutte le varianti, geometrie e colorazioni I parametri di cottura elencati sono solo raccomandazioni indicative.

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO CERAMICA CREATION IN OSSIDO DI ALLUMINIO

ISTRUZIONI PER L USO CERAMICA CREATION IN OSSIDO DI ALLUMINIO CREATION WILLI GELLER INTERNATIONAL SIMPLY BRILLIANT ISTRUZIONI PER L USO CERAMICA CREATION IN OSSIDO DI ALLUMINIO Willi Geller, Oral Design Zurigo AV 1 INDICE Introduzione 3 Armatura/Shade Liner 4 Cottura

Dettagli

Colore Quantità REF V 1. marrone 100 pezzi 132 206 00

Colore Quantità REF V 1. marrone 100 pezzi 132 206 00 orone e ponti ccessori V 1 V2 V 3 V 4 V 5 V 6 V 1 marrone 100 pezzi 132 201 00 marrone 100 pezzi 132 202 00 V 3 marrone 100 pezzi 132 203 00 V 4 marrone 100 pezzi 132 204 00 V 5 marrone 100 pezzi 132 205

Dettagli

NNKOMNM. =kìçîç=~=é~êíáêé=ç~w. áå`çêáë=km. fëíêìòáçåá=çdìëç. fí~äá~åç

NNKOMNM. =kìçîç=~=é~êíáêé=ç~w. áå`çêáë=km. fëíêìòáçåá=çdìëç. fí~äá~åç =kìçîç=~=é~êíáêé=ç~w NNKOMNM áå`çêáë=km fëíêìòáçåá=çdìëç fí~äá~åç Indice Sirona Dental Systems GmbH Indice 1 Dati tecnici... 3 2 Indicazioni per la lavorazione... 4 2.1 Lavorazione... 4 2.2 Rivestimento...

Dettagli

Procedura operativa N PONTE METALLO CERAMICA

Procedura operativa N PONTE METALLO CERAMICA Procedura operativa N PONTE METALLO CERAMICA DATA ATTIVAZIONE / / DATA REVISIONE / / DATA REVISIONE / / DATA REVISIONE / / Fase 001 Ricevimento impronta Fase 002 Lavaggio impronte o modelli Materiale:

Dettagli

Milano, 5 giugno 2014 Prot. n. Art. 4 e 6 D.P.R. 416/74 Art. 3 D.P.R. 417/74. PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE anno 2013-14

Milano, 5 giugno 2014 Prot. n. Art. 4 e 6 D.P.R. 416/74 Art. 3 D.P.R. 417/74. PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE anno 2013-14 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

remanium ponti & corone it remanium Leghe non preziose per ponti e corone Modalitàd uso

remanium ponti & corone it remanium Leghe non preziose per ponti e corone Modalitàd uso remanium ponti & corone it remanium Leghe non preziose per ponti e corone Modalitàd uso Egregio Cliente La ringraziamo per aver scelto un prodotto Dentaurum di qualità. Le consigliamo di leggere e di seguire

Dettagli

Ceramica pressata IMAGINE h.e. Pressata fresca! Istruzioni d uso edizione febbraio 2011. www.wieland-dental.de

Ceramica pressata IMAGINE h.e. Pressata fresca! Istruzioni d uso edizione febbraio 2011. www.wieland-dental.de D E N T A L Ceramica pressata IMAGINE h.e. Pressata fresca! Istruzioni d uso edizione febbraio 2011 www.wieland-dental.de Restauri in ceramica integrale con bioestetica naturescente Molti pazienti desiderano

Dettagli

FINOCERAM FINO. Qualità Premium a prezzi eccellenti 1. FINOCERAM IL SISTEMA. 2. Indicazioni e controindicazioni. 3. Leghe adatte

FINOCERAM FINO. Qualità Premium a prezzi eccellenti 1. FINOCERAM IL SISTEMA. 2. Indicazioni e controindicazioni. 3. Leghe adatte I FINO 1. FINOCERAM IL SISTEMA FINOCERAM è un assortimento di ceramica che con sole 69 masse singole offre tutte le possibilità per la realizzazione di ricostruzioni estetiche in ceramica. FINOCERAM è

Dettagli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli I materiali di rivestimento di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli Porosità della ceramica -Le ceramiche hanno la caratteristica di essere porose, un fattore che non le ha rese utilizzabili

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

3 - Lezione frontale (risorse audio video, CD, DVD, )

3 - Lezione frontale (risorse audio video, CD, DVD, ) ANNO SCOLASTICO: 2014 /2015 MATERIA: Esercitazioni Pratiche di Odontotecnica INSEGNANTE: Calamano Giovanni CLASSE: 5^ A sez. Odont. FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative generali cui tende la disciplina):

Dettagli

Il caso. Neo: il CAD/CAM che fa... tutto di Gaetano Quaranta Responsabile Education Center Daniele Venturini. La scansione

Il caso. Neo: il CAD/CAM che fa... tutto di Gaetano Quaranta Responsabile Education Center Daniele Venturini. La scansione Il caso sistematica sostituisce interamente il lavoro di un operatore permettendo di fare eseguire alla macchina quanto prodotto da un dipendente o dal titolare. Colare il modello e poi poter subito lavorare

Dettagli

CARMEN Aspetti di una nuova metallo-ceramica Dr. Ing. J.Lindigkeit

CARMEN Aspetti di una nuova metallo-ceramica Dr. Ing. J.Lindigkeit CARMEN Aspetti di una nuova metallo-ceramica Dr. Ing. J.Lindigkeit Via degli Speziali, 142/144 CENTERGROSS - 40050 FUNO (Bologna) Tel. : 051/86.25.80 - Fax : 051/86.32.91 www.dentaurum.it - info@dentaurum.it

Dettagli

ESTETICA E FUNZIONALITA NELLA PROTESI IN ORO RESINA

ESTETICA E FUNZIONALITA NELLA PROTESI IN ORO RESINA Accademia Belle Arti di Venezia TESI FINALE PAS C130 (Percorsi Abilitanti Speciali) ESTETICA E FUNZIONALITA NELLA PROTESI IN ORO RESINA di Benedetta Gentilucci SCENARIO Istituto Professionale di Stato

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO PRESSOCERAMICA CREATION

ISTRUZIONI PER L USO PRESSOCERAMICA CREATION CREATION WILLI GELLER INTERNATIONAL SIMPLY BRILLIANT ISTRUZIONI PER L USO PRESSOCERAMICA CREATION Bertrand Thiévent CP 1 INDICE Introduzione 3-4 Preparazione del dente 5 Modellazione in cera (wax-up) 6

Dettagli

Perfetto per i denti l aspetto la tecnica ESTETICA + AFFIDABILITA

Perfetto per i denti l aspetto la tecnica ESTETICA + AFFIDABILITA Perfetto per i denti l aspetto la tecnica ESTETICA + AFFIDABILITA LA CERAMICA DI RIVESTIMENTO PER STRUTTURE IN ZIRCONIO INSPIRATIONzirkon è una ceramica di rivestimento priva di leucite, le componenti

Dettagli

Istruzioni d uso HeraCeram LiSi 2 per la stratificazione del Disilicato di Litio

Istruzioni d uso HeraCeram LiSi 2 per la stratificazione del Disilicato di Litio Istruzioni d uso HeraCeram LiSi 2 per la stratificazione del Disilicato di Litio 1 ISTRUZIONI D USO PER DISILICATO DI LITIO HeraCeram LiSi 2 - Per restauri protesici su Disilicato di Litio HeraCeram LiSi

Dettagli

Metallo-ceramica. Manuale tecnico. Moncone senza spalla preformata

Metallo-ceramica. Manuale tecnico. Moncone senza spalla preformata IT Metallo-ceramica Manuale tecnico Moncone senza spalla preformata Protesizzazione provvisoria con cuffia in policarbonato.0mm 5.0mm 6.5mm.0 x 6.5 5.0 x 6.5 6.5 x 6.5 1 SCELTA DELLA CUFFIA IN POLICARBONATO

Dettagli

Dott. Carlo Bianchessi & Odt. Giuseppe Lucente Le restaurazioni provvisiorie

Dott. Carlo Bianchessi & Odt. Giuseppe Lucente Le restaurazioni provvisiorie Dott. Carlo Bianchessi & Odt. Giuseppe Lucente Le restaurazioni provvisiorie Se fino a poco tempo fa il provvisorio era un dispositivo che doveva solo proteggere i pilastri in attesa del definitivo, nei

Dettagli

Lista Controlli CODICE DESCRIZIONE INTERNO F01 INTERNO F02 INTERNO F03 INTERNO F04. Controllo impronta. Controllo modello. Controllo articolatore

Lista Controlli CODICE DESCRIZIONE INTERNO F01 INTERNO F02 INTERNO F03 INTERNO F04. Controllo impronta. Controllo modello. Controllo articolatore Lista Controlli CODICE DESCRIZIONE TEMPO MINUTI TIPO CONTROLLO DATA ATTIVAZIONE DATA DISATTIVAZIONE Controllo impronta F01 Controllare: compressioni, stiramenti, bolle, bordi, colletti, con occhiali ingranditori

Dettagli

Ceramill ZOLID Agosto 2011

Ceramill ZOLID Agosto 2011 Ceramill ZOLID Agosto 2011 Sistema Ceramill ZOLID La soluzione per la realizzazione di ricostruzioni monolitiche di zirconio con funzione di protezione del paziente 2 Sistema Ceramill ZOLID DFP Protesica

Dettagli

Perfetto per i denti l aspetto la tecnica

Perfetto per i denti l aspetto la tecnica Per le tradizionali leghe per ceramica Perfetto per i denti l aspetto la tecnica La metalloceramica INSPIRATION è una vetroceramica leucitica sintetica, bifasica, a base di silicato di alluminio. Le caratteristiche

Dettagli

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition Oliver Brix Un legame stabile file:///c /infodental.it/articoli/oliver%20brix/art1/art1.html (1 of 17)28/07/2006 16.11.35 Dal 1998 esiste il sistema di ceramica a termopressione IPS Empress 2 per la realizzazione

Dettagli

www.adplast.it info@adplast.it 1

www.adplast.it info@adplast.it 1 1 PREFAZIONE Con il termine, nei materiali termoplastici, intendiamo una cementazione indissolubile ottenuta tramite temperature e pressioni specifiche, con o senza l'impiego di materiali di riporto. Questo

Dettagli

Creatina istruzioni per l uso

Creatina istruzioni per l uso Creatina istruzioni per l uso 07 2015 Indice Preparazione delle superfici 2 Preparazione per la posa su parete interno doccia e contorno vasca 3 Applicazione della membrana impermeabilizzante AquaPrim

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

Realizzazione di un inlay in composito

Realizzazione di un inlay in composito Lorenzo Mazza. Nato a Milano nel 1959, si è diplomato al Galileo Galilei nel 1978, suo docente il Prof. Cosimo Papadia. Nei primi anni 80 collaborò con Roberto Polcan, dall 85 titolare di laboratorio sempre

Dettagli

La ceratura nella protesi fissa Friedrich Jetter Christian Pilz

La ceratura nella protesi fissa Friedrich Jetter Christian Pilz La ceratura nella protesi fissa Friedrich Jetter Christian Pilz HI-LUX LABORATORIO ODONTOTECNICO di Martello Francesco Via Modena, 191/A 44122 Ferrara Italy Tel 0532771296 Cell 3483919876 www.hiluxsoluzionidentali.it

Dettagli

Informazioni per il paziente. in ceramica

Informazioni per il paziente. in ceramica Informazioni per il paziente Protesi dentale integralmente in ceramica Il materiale ossido di zirconio n Ossido di zirconio L ossido di zirconio è una ceramica ad elevate prestazioni che trova applicazione,

Dettagli

con il sistema for 2 press

con il sistema for 2 press S Y S T E M con il sistema for 2 press Leggere attentamente questo manuale d uso e le relative istruzioni prima di utilizzare il prodotto Manuale d uso Italiano Indice Introduzione... 3 Informazioni importanti...

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

Quando è per sempre deve essere una convivenza perfetta.

Quando è per sempre deve essere una convivenza perfetta. Dental Chemistry Specialist for over 70 years Quando è per sempre deve essere una convivenza perfetta. Silicone per Rilevare Punti di Frizione o di Pressione in Protesi Fissa e Mobile Pratico, facile,

Dettagli

Proviso La naturalezza di un provvisorio

Proviso La naturalezza di un provvisorio Proviso La naturalezza di un provvisorio Resina auto polimerizzante per provvisori su base MMA per la realizzazione tecnica di ponti e corone con tempi di indurimento ridotti. Stabile nel colore e resistente

Dettagli

3 - Lezione frontale (risorse audio video, CD, DVD, VHS )

3 - Lezione frontale (risorse audio video, CD, DVD, VHS ) ISTITUTO STATALE MAZZINI-DA VINCI - Savona Sede: via Aonzo, 2 (ingresso provvisorio via Manzoni, 5) tel. 019824450 - fax 019825966 Succursale: via Oxilia, 26 tel. 019804749 fax 0198428454 Succursale: via

Dettagli

triceram modalità d'uso La ceramica per titanio e ossido di zirconio Informazioni sul prodotto e modalità d'uso

triceram modalità d'uso La ceramica per titanio e ossido di zirconio Informazioni sul prodotto e modalità d'uso triceram modalità d'uso it La ceramica per titanio e ossido di zirconio Informazioni sul prodotto e modalità d'uso Titanio / I suoi vantaggi in breve Per pazienti soddisfatti Il titanio ha un'elevata resistenza

Dettagli

Carico Immediato Differito

Carico Immediato Differito Carico Immediato Differito soluzione protesica di un caso di edentulia totale inferiore (post estrattiva) risolto per mezzo di un provvisorio a supporto implantare del tipo a "carico immediato differito"

Dettagli

IL LIFTING DEL SORRISO MEDIANTE LE FACCETTE

IL LIFTING DEL SORRISO MEDIANTE LE FACCETTE IL LIFTING DEL SORRISO MEDIANTE LE FACCETTE Giorgio Tessore Scopo dell odontoiatria restaurativa dei settori anteriori è quello di ridare il sorriso e la voglia di sorridere a coloro che, per traumi, restauri

Dettagli

TECNICA. www.odontotecnicamadeinitaly.it. www.siced.info. Fig. 4 Ceramica bianca training 1 Fig. 5 Ceramica bianca training 2

TECNICA. www.odontotecnicamadeinitaly.it. www.siced.info. Fig. 4 Ceramica bianca training 1 Fig. 5 Ceramica bianca training 2 www.siced.info TECNICA Fig. 4 Ceramica bianca training 1 Fig. 5 Ceramica bianca training 2 Fig. 6 Ceramica bianca training 3 Fig. 7 Ceramica dopo rifinitura Fig. 8 Ceramica dopo lucidatura le impiegato

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

Il continuo sviluppo di nuove tecnologie impone all odontotecnico. Riabilitazioni protesiche su denti anteriori; tecniche e materiali

Il continuo sviluppo di nuove tecnologie impone all odontotecnico. Riabilitazioni protesiche su denti anteriori; tecniche e materiali dental dialogue www.teamwork-media.com Riabilitazioni protesiche su denti anteriori; tecniche e materiali Maurizio Rostello Introduzione Il continuo sviluppo di nuove tecnologie impone all odontotecnico

Dettagli

Semplificazione dei restauri diretti in composito in zona estetica

Semplificazione dei restauri diretti in composito in zona estetica Semplificazione dei restauri diretti in composito in zona estetica Autore_Ian E. Shuman, USA _Web Article Questo articolo è presente sul sito www.dental-tribune.com _La possibilità di creare restauri diretti

Dettagli

PRESS PROTESI FISSA / PONTI E CORONE. Matchmaker Press Ceramic System. Prodotti per il Laboratorio. Ceramica pressabile.

PRESS PROTESI FISSA / PONTI E CORONE. Matchmaker Press Ceramic System. Prodotti per il Laboratorio. Ceramica pressabile. Ceramica pressabile PRESS Matchmaker Press Ceramic System Il sistema Matchmaker Press Ceramic consente la creazione di corone, intarsi, onlay e faccette in ceramica integrale dall aspetto vitale e di grande

Dettagli

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE Indice Premessa Nota degli autori PARTE PRIMA ESSICCAZIONE E COTTURA: NOZIONI FONDAMENTALI Capitolo 1. INTRODUZIONE Capitolo 2. IL CALORE 1. I principali

Dettagli

I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011

I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011 I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011 Che cosa vuol dire IPERISOLAMENTO DISPERSIONI TERMICHE DELL INVOLUCRO minime unbeheizt unbeheizt WSVO

Dettagli

Ceramizzante. tutta la linea SottoSopra. Sanitari Piastrelle. Sotto Sopra il camaleonte di casa. Libretto di istruzioni. IT95K www.sottosopra.

Ceramizzante. tutta la linea SottoSopra. Sanitari Piastrelle. Sotto Sopra il camaleonte di casa. Libretto di istruzioni. IT95K www.sottosopra. tutta la linea SottoSopra TM Sotto Sopra il camaleonte di casa paints Ceramizzante Sanitari Piastrelle Colore per Interni Pareti e Mobili Vetrificante Resina di ancoraggio e finitura interno/esterno Libretto

Dettagli

Attenzione: Non diluire o mescolare Reviver con nessun altro prodotto! Questo può limitare le prestazioni e danneggiare la vs. auto.

Attenzione: Non diluire o mescolare Reviver con nessun altro prodotto! Questo può limitare le prestazioni e danneggiare la vs. auto. Soft Top Reviver Attenzione: Non diluire o mescolare Reviver con nessun altro prodotto! Questo può limitare le prestazioni e danneggiare la vs. auto. 1. Assicuratevi che la capote sia asciutta e pulita

Dettagli

Manuale Hatho per lucidare PROTESI IN RESINA

Manuale Hatho per lucidare PROTESI IN RESINA Manuale Hatho per lucidare 1 PROTESI IN RESINA Emulsione Polistar Contenuto: Preparazione con spazzolini Scotch Brite TM 1 Prelucidatura con micromotore 2 Prelucidatura con pulitrice 3 Brillantatura 4

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

Biocompatibilità + estetica = sicurezza e soddisfazione. Ottimizzare la bioqualità per essere competitivi

Biocompatibilità + estetica = sicurezza e soddisfazione. Ottimizzare la bioqualità per essere competitivi Presenta: La ceramica pressata su metallo nobile bioinerte un sistema di lavorazione per realizzare varie tipologie di protesi e che può essere anche una opportunità di sviluppo per l'impresa odontotecnica.

Dettagli

VI CONGRESSO NAZIONALE COI-AIOG

VI CONGRESSO NAZIONALE COI-AIOG VI CONGRESSO NAZIONALE COI-AIOG Treviso aprile 2002 ANALISI COMPARATIVA TRA PERNIMONCONI FUSI E PREFORMATI IN TITANIO Enrico Giulio Grappiolo Pernomoncone Implantare Dal 1989 utilizziamo impianti protesizzati

Dettagli

Pulire il Rame. Pulire Ottone

Pulire il Rame. Pulire Ottone Pulire il Rame La pulizia del rame viene effettuata come facevano i vecchi.si scioglie del sale con dell aceto o con del succo di limone e si strofina con uno straccio o una spugnetta non abrasiva tutta

Dettagli

Sez. 4/1 PROTESI FISSA

Sez. 4/1 PROTESI FISSA Sez. 4/1 PROTESI FISSA La protesi fissa è un manufatto posizionato su denti preparati che una volta fissato può essere disinserito dall'odontoiatra mediante decementazione. E' definita protesi fisiologica

Dettagli

Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua

Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua tutta la linea SottoSopra Colore per Interni Pareti e Mobili TM Sotto Sopra il camaleonte di casa paints Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua Libretto di istruzioni

Dettagli

ZIRCONIO - INFORMAZIONI PER MEDICI E ODONTOIATRI. FATTI Domande e risposte basate sulla pratica ITALIANO

ZIRCONIO - INFORMAZIONI PER MEDICI E ODONTOIATRI. FATTI Domande e risposte basate sulla pratica ITALIANO ZIRCONIO - INFORMAZIONI PER MEDICI E ODONTOIATRI FATTI Domande e risposte basate sulla pratica ITALIANO Zr Fatti e possibilità 2 Fatti e possibilità Che cos è lo zirconio? Lo zircone (ZrSiO ) è un minerale

Dettagli

I componenti presinterizzati DB+e DB+LUX vanno lavorati secondo la seguente procedura suggerita:

I componenti presinterizzati DB+e DB+LUX vanno lavorati secondo la seguente procedura suggerita: Premessa:; le caratteristiche meccaniche e chimiche dei componenti vengono raggiunti dopo la sinterizzazione (rif.: curva di cottura); qualsiasi lavorazione meccanica diversa da quella suggerita nel Manuale

Dettagli

Proteggere le superfici dalla pioggia nelle prime 24-48 ore dall applicazione. Caratteristiche tecniche: il prodotto sez. 7

Proteggere le superfici dalla pioggia nelle prime 24-48 ore dall applicazione. Caratteristiche tecniche: il prodotto sez. 7 Scheda Tecnica EXT/ia/04 SCHEDA TECNICA ---------------------------------------- Exterior -------------------------------------- Intonaco Antico Qualità tecniche sez. 1 INTONACO ANTICO by OIKOS è un rivestimento

Dettagli

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro Materiali, Sviluppo, Soluzioni Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro H.C. Starck, Molibdeno Materiali come il molibdeno e il tungsteno, sono vitali per le applicazioni di fusione, omogeneizzazione

Dettagli

MAGAZINE. 1- Laboratorio Odontotecnico Accioli & Puccini - http://www.accioliepuccini.com ACCIOLIEPUCCINI LUGLIO 2011

MAGAZINE. 1- Laboratorio Odontotecnico Accioli & Puccini - http://www.accioliepuccini.com ACCIOLIEPUCCINI LUGLIO 2011 MAGAZINE ACCIOLIEPUCCINI LUGLIO 2011 Questà foto è la prova tangibile della naturalezza dell effetto cromatico e della qualità estetica del Disilicato di Litio Vuoi una sistematica con un Effetto Cromatico

Dettagli

integrat evolution teco vario

integrat evolution teco vario integrat evolution teco vario Condizionamento dinamico delle cavità dello stampo Condizionamento Variotherm dello stampo Controllo del processo di condizionamento Introduzione ed applicazioni Lo stampaggio

Dettagli

La ceramica del sistema

La ceramica del sistema A06.14/D06.14 I valori di durezza della ceramica PLATINA m corrispondono a quelli dello smalto del dente e garantiscono quindi un normale comportamento all abrasione. Utilizzando leghe universali per ceramica

Dettagli

ASTIC ASSO ASTR B EPO EPO

ASTIC ASSO ASTR B EPO EPO MA STI CI MASTICS MASTICE/MASTICS Materials Marmo Granito Marmo resina Marmo cemento Pietre calcaree Pietre BLITZ ASTRA 24K EPOX 2000 EPOX PREMIUM IMPREPOX SPEZIAL TAK MASTICE 2000 STONEPOXY THASSOS Travertino

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

DETERGENTE UNIVERSALE PER PAVIMENTI ALL ACQUA. Per la pulizia di macchie e sporchi resistenti. Per esterni ed interni.

DETERGENTE UNIVERSALE PER PAVIMENTI ALL ACQUA. Per la pulizia di macchie e sporchi resistenti. Per esterni ed interni. UNIVERSALE Per la pulizia di macchie e sporchi resistenti. Per esterni ed interni. ALL ACQUA CERA PROTETTIVA Multiuso, incolore, antiscivolo, con elevata resistenza alle abrasioni ed ai graffi. Per interni.

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTESI MOBILE

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTESI MOBILE PROTESI MOBILE FASE 1 Inizio del trattamento 1.1. Compilazione della prescrizione medica in tutte le sue parti (colore manufatto, tipo di lega da utilizzare se si richiede retina) 1.2. Prendere impronta

Dettagli

SCHEDA TECNICA MONOSTRATO AMALFI

SCHEDA TECNICA MONOSTRATO AMALFI SCHEDA TECNICA EXT/ma/02 SCHEDA TECNICA MONOSTRATO AMALFI Qualità tecniche MONOSTRATO AMALFI è un rivestimento continuo per esterni, tipo intonachino, ad effetto frattazzato o spugnato. Grazie alla sua

Dettagli

VERNICIATURA PINZE FRENI by Antsrp

VERNICIATURA PINZE FRENI by Antsrp VERNICIATURA PINZE FRENI by Antsrp In questa guida verrà spiegato come verniciare le pinze dei freni senza dover smontare la pinza stessa. Se avete la possibilità (e le competenze) per farlo, è preferibile

Dettagli

Guida alle indicazioni cliniche

Guida alle indicazioni cliniche IT Guida alle indicazioni cliniche Multi-indicazioni, estetico, sicuro. Un sistema Tutte le opzioni di utilizzo Tecnica della monostratificazione Ricopertura estetica parziale Ricopertura estetica totale

Dettagli

Istruzioni per il Mantenimento

Istruzioni per il Mantenimento Livello Il Livello di mantenimento si riferisce a pavimenti oliati, naturali o bianchi. Lo sporco è la principale causa di usura nei pavimenti in legno, per questa ragione è necessaria un adeguata e periodica

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

La fusione dentale di precisione

La fusione dentale di precisione La fusione dentale di precisione Parte 2 Realizzazione della costruzione secondaria Protocollo della tecnica di fusione di precisione in base al sistema di fusione bredent per risultati riproducibili.

Dettagli

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO Convegno PromoLegno Lecce 2 ottobre 2009 Erlacher Peter Naturno (BZ), Scuola Professionale per l Artigianato, Bolzano ISOLAMENTO E BENESSERE.

Dettagli

10 bianco 11 grigio 12 nero 20 turchese. 23 blu 31 verde chiaro 33 verde 40 marrone

10 bianco 11 grigio 12 nero 20 turchese. 23 blu 31 verde chiaro 33 verde 40 marrone Mosaico Soft Il Mosaico La linea per Mosaico "Soft è realizzata in vetro trasparente smaltato e placcato da 4 mm di spessore. Grazie ad una ricottura ad oltre 700º, le tessere presentano bordi arrotondati

Dettagli

VITA CAD-Waxx for inlab Istruzioni di impiego

VITA CAD-Waxx for inlab Istruzioni di impiego Istruzioni di impiego Presa del colore VITA Comunicazione del colore VITA Riproduzione del colore VITA Controllo del colore VITA Data: 07.09 Blocchetti in poliacrilato, calcinabile senza residui, per le

Dettagli

Pareti Mobili Pavimenti Intonaco Gesso Piastrelle Legno Cemento Marmo

Pareti Mobili Pavimenti Intonaco Gesso Piastrelle Legno Cemento Marmo tutta la linea SottoSopra Colore per Interni Vetrificante Ceramizzante TM Sotto Sopra il camaleonte di casa Pareti Mobili Pavimenti Intonaco Gesso Piastrelle Legno Cemento Marmo Resina di finitura all

Dettagli

Lista fasi operative

Lista fasi operative Lista fasi operative Codice Descrizione Tempo 001 Ricevimento impronta Istruzioni: Aprire la scatola nel luogo stabilito. 3 mn 002 Lavaggio impronte o modelli l impronta con acqua/disinfettante a seconda

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità Generalità Le cere dentali Prof. Silvia Recchia le cere dentali sono: utilizzate in numerosi impieghi, ma soprattutto per la modellazione di protesi (da riprodurre in lega o resina) materiali termoplastici

Dettagli

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo diverse metodologie. 1 La tempra termica (o fisica) si basa

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Zirconia MILDE. Titanium MILDE. La nuova frontiera del sorriso

Zirconia MILDE. Titanium MILDE. La nuova frontiera del sorriso MILDE Zirconia e MILDE Titanium La nuova frontiera del sorriso 3D Objects & Data Software Una transizione possibile: dalla fusione alla tecnologia MILDE : 3D Objects & Data Software propone per la creazione

Dettagli

Vetrificante. tutta la linea SottoSopra. Sanitari Mobili Elettrodomestici. Sotto Sopra il camaleonte di casa. Libretto di istruzioni

Vetrificante. tutta la linea SottoSopra. Sanitari Mobili Elettrodomestici. Sotto Sopra il camaleonte di casa. Libretto di istruzioni tutta la linea SottoSopra Colore per Interni Pareti e Mobili TM Sotto Sopra il camaleonte di casa paints Vetrificante Sanitari Mobili Elettrodomestici Resina di finitura per interni Libretto di istruzioni

Dettagli

Quick Up. Materiale autopolimerizzante per cementazione di attacchi e componenti secondarie nelle protesi

Quick Up. Materiale autopolimerizzante per cementazione di attacchi e componenti secondarie nelle protesi Materiale autopolimerizzante per cementazione di attacchi e componenti secondarie nelle protesi Un kit per tutte le esigenze di cementazione In molti casi, la tenuta delle protesi totali è insoddisfacente.

Dettagli

Basi opache all acqua Envirobase T4xx Diluente Envirobase T494

Basi opache all acqua Envirobase T4xx Diluente Envirobase T494 GLOBAL REFINISH SYSTEM Gennaio 2007 Scheda Tecnica ENVIROBASE HIGH PERFORMANCE PRODOTTI Basi opache all acqua Envirobase T4xx Diluente Envirobase T494 Envirobase High Performance è un sistema tintometrico

Dettagli

Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto

Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto Memoriale I nostri Partner Unsere Partner Nos partenaires Pulizia e mantenimento 2 Gli autori di questo memoriale sono

Dettagli

Prodotti vernicianti in polvere: proprietà e prove di caratterizzazione.

Prodotti vernicianti in polvere: proprietà e prove di caratterizzazione. Convegno Surface Treatments News 2012 In ambito METEF Prodotti vernicianti in polvere: proprietà e prove di caratterizzazione. di Giuseppe Casati Verona, 19 Aprile 2012 Sommario Introduzione Formulazione

Dettagli

Gingiva Solution SR Nexco

Gingiva Solution SR Nexco Gingiva Solution SR Nexco Premessa 5 Design della struttura 6 Rivestimento estetico dentale 8 Rivestimento gengivale 10 Applicazione dell Opaquer 12 Applicazione della base gengiva 14 Mucosa mobile 16

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli