P A G L I A & A S S O C I A T I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P A G L I A & A S S O C I A T I"

Transcript

1 Spett. Comune di Peschiera Borromeo Via 25 aprile, 1 c.a. Dott.ssa M.Patrizia Corvo MILANO ANTICIPATA E MAIL Genova, A seguito dei contatti telefonici intercorsi, con la presente, si interviene per precisare quanto segue: 1. La perizia in esame, redatta nel mese di febbraio marzo 2007, rispecchia le valutazioni e il mercato immobiliare in allora sviluppato. L applicazione dei valori ad oltre un anno di distanza potrebbe, in casi specifici, risultare parzialmente disallineata dalle prospettive economiche attuali. 2. In merito alla necessità di applicare i valori ottenuti a terreni collocati a margine di alcune microzone catastali o, in altri casi, a scavalco tra più comparti o microzone, con la presente, si conferma, per tali situazioni, la possibilità di giungere all applicazione del valore desunto dalla media aritmetica tra i valori applicati alle zone omogenee interessate e confinanti tra loro. 3. In merito all individuazione di nuove zone edificabili non presenti all atto della ricognizione compiuta in fase di stima, in via preliminare, non si esclude la possibilità di applicare a tali zone i valori riscontrati o determinati per zone omogenee ad esse adiacenti. Fermo restando la necessità di calibrare eventuali differenzazioni in termini di asservimento logistico e di perifericità del plesso. 4. Rimane evidente il graduale superamento temporale del lavoro in allora svolto. Le mutate condizioni del costo del denaro potrebbero nel prossimo medio periodo influenzare pesantemente le valutazioni in allora compiute. Nelle pagine seguenti, a compendio del lavoro svolto, si allega una breve relazione in merito alle analisi, agli studi e alle tipologie estimative adottate. Si autorizza la trasmissione a terzi soggetti del curriculum del Dott. Flavio Paglia così come contenuto a pag. 146 della stima. Nel rimanere a disposizione per ogni ulteriore chiarimento si coglie l occasione per porgere i migliori saluti. 1

2 1. ANALISI e DETERMINAZIONE PROPENSIONE ALL INVESTIMENTO e AL CONSUMO La valutazione dei terreni edificabili, in quanto beni imperfetti e soggetti a trasformazione in un arco temporale più o meno determinato devono essere valutati considerando attentamente la cosiddetta propensione all investimento e al consumo del territorio di riferimento. In altre parole, prima di giungere all individuazione del valore occorre capire se il tessuto comunale o sovracomunale di riferimento può essere economicamente interessato alle nuove costruzioni e al mercato immobiliare. La stima redatta ha quindi analizzato scrupolosamente l andamento e tutti gli indici inerenti a: Analisi PIL procapite della provincia Analisi settori di sviluppo produttivo e impiego delle società Analisi sistema occupati della provincia (tassi di occupazione, disoccupazione ecc ) Analisi tasso di crescita e mortalità delle imprese Analisi imponibile IRPEF per famiglia Analisi andamento del leasing immobiliare Analisi crescita dei depositi bancari e propensione al reinvestimento dei capitali Analisi tasso di motorizzazione Andamento popolazione Peschiera Borromeo Andamento motorizzazione Peschiera Borromeo (da pag. 4 a pag. 17 della stima) 2. ANALISI e MONITORAGGIO AZIENDE OPERANTI NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI L analisi delle società operanti sul mercato delle costruzioni favorisce chiare riflessioni in merito all appetibilità di mercato dei beni oggetto di stima. L analisi di questo mercato favorisce altresì la successiva analisi dei costi di produzione e di redditività dell investimento. La stima redatta ha quindi analizzato scrupolosamente l andamento e tutti gli indici inerenti a: Analisi del numero di permessi a costruire rilasciati Analisi numero nuove costruzioni Analisi numero di ampliamenti realizzati Bilanciamento mercato residenziale e non residenziale Proporzione con mercato delle costruzioni della Lombardia e della Provincia di Milano Analisi tipologia costruttiva richiesta dal mercato (dati OMI nuove costruzioni Agenzia del Territorio) Analisi indice NTN (dati OMI nuove costruzioni Agenzia del Territorio) Dati analizzati (vocazione prevalente, dimensione prevalente, densità abitativa) (da pag. 18 a pag. 23 della stima) 2

3 3. SVILUPPO RATING IMMOBILIARE A seguito dell entrata in vigore dell accordo di Basilea 2, in futuro, le procedure di credito coniugheranno il fabbisogno di capitale al rischio sottostante al finanziamento o all investimento ad esso correlato e quindi, quasi inevitabilmente, il prezzo di quel finanziamento o di quel investimento diverrà calibrato e proporzionale al rischio implicitamente contenuto. Il compito del gestore di immobili sarà quindi quello di individuare, all interno di più percorsi di valorizzazione immobiliare, quello che offre maggiore credibilità e quindi quella valorizzazione capace di strappare sul mercato un costo del denaro più basso. Le riflessioni compiute hanno riguardato le seguenti tematiche: Dimensioni dell area di intervento Progettualità dell intervento Facilità di intervento Rapporto Costi Ricavi Alee di inesigibilità Probabilità di perequazioni Previsione di probabili espropri Densità abitativa, Propensione all investimento Previsione di peggioramenti o miglioramenti ambientali Esistenza di rischi tecnici dei capitali non assicurabili Difficoltà di locazione con conseguenti alee di sfitto Particolari redditività superordinarie Ubicazioni periferiche o in quartieri popolari Dimensioni subordinarie o sovraordinarie degli spazi Previsione di realizzazioni infrastrutturali Propensione al risparmio Costi di produzione in aumento Durabilità della struttura oltre il periodo coincidente con il mutuo Piano di ammortamento sicuro Analisi di stress finanziario (tassi di interesse, crescita economica) Compatibilità con BASILEA 2 (da pag. 24 a pag. 51 della stima) 3

4 4. PRINCIPALI FONTI DI RIFERIMENTO I dati riportati nella presente stima sono stati reperiti PRINCIPALMENTE all interno de: Agenzia del Territorio sito istituzionale, ISTAT sito istituzionale, ASPESI sito istituzionale, rassegna stampa CAMERA DI COMMERCIO, Milano CNEL sito istituzionale MINISTERO DELLE FINANZE sito istituzionale, Consulente Immobiliare edizione il Sole 24 ore, L Osservatorio sul mercato immobiliare edizioni Nomisma, MONITOR IMMOBILIARE edizione Scenari Immobiliari, l Osservatorio del mercato immobiliare, Dea Agenzia del Territorio, TUTTO CITTA Navteo, FIAIP Osservatorio sul mercato immobiliare, SCENARI IMMOBILIARI edizione Scenari Immobiliari, COMUNE DI PESCHIERA BORROMEO sito istituzionale, PROVINCIA DI MILANO sito istituzionale, GOOGLE EARTH, REGIONE LOMBARDIA sito istituzionale, PREZZIARIO TIPOLOGIE EDILIZIA, Collegio degli Ingegneri e Architetti Milano, DEI Tipografia del Genio Civile, OSMI BORSA DI MILANO quotazioni immobiliari. 5. LA METODOLOGIA ADOTTATA PER IL CASO IN ESAME Come ampiamente noto, il valore di incidenza area da attribuirsi ad una superficie nuda o ad un immobile bisognoso di trasformazione deve svilupparsi considerando il cespite stesso come un immobile che si trova in una condizione imperfetta o mediana rispetto ad un percorso già ipotizzato. Il traghettamento dell area avviene mediante trasformazione del sito e l approdo finale è costituito dalla futura destinazione dell immobile appena costruito sull area nuda. Il percorso più concreto e reale per determinare detta incidenza area risiede nell adozione del criterio a valore di trasformazione Attraverso tale percorso si evitano difficili paragoni sintetico comparativi con altre aree nude disponibili in luogo. E altresì vero che il caso in esame pone all attenzione del tecnico estimatore un insieme di aree diverse tra loro e collocate in contesti urbanistici caratterizzati da altrettante caratteristiche intrinseche ed estrinseche. Ciò premesso stabilito un valore comune di trasformazione per tipologia di utilizzo si e reso necessario plasmare tale valore in ragione delle singole caratteristiche che contraddistinguono ogni bene collocato nel territorio comunale. Il valore medio, quanto caratterizzato da peculiarità proprie, potrà essere modificato in ragione di specifici coefficienti di differenzazione appositamente individuati. 4

5 Accanto al percorso analitico per trasformazione si è deciso di calmierare il medesimo con i dati sintetico comparativi forniti da OSMI Borsa di Milano. I dati inerenti il prodotto finito e trasformato (vendita nuove costruzioni) è stato calcolato mediante media aritmetica tra le seguenti quotazioni immobiliari: 1. Agenzia del Territorio sito istituzionale, 2. Consulente Immobiliare edizione il Sole 24 ore, 3. L Osservatorio sul mercato immobiliare edizioni Nomisma, 4. MONITOR IMMOBILIARE edizione Scenari Immobiliari, 5. l Osservatorio del mercato immobiliare, Dea Agenzia del Territorio, 6. FIAIP Osservatorio sul mercato immobiliare, 7. SCENARI IMMOBILIARI edizione Scenari Immobiliari, 8. OSMI BORSA DI MILANO quotazioni immobiliari. La valutazione media tra otto borsini immobiliari garantisce la massima e più trasparente correttezza dei valori adottati Il Prezzo di costruzione è stato desunto da: PREZZIARIO TIPOLOGIE EDILIZIA, Collegio degli Ingegneri e Architetti Milano I valori attribuiti alle singole aree edificabili sono stati individuati in ragione dei singoli comparti edificabili così come individuati dal Piano urbanistico del Comune o, in alternativa, in ragione delle MICROZONE CATASTALI così come individuate dall Agenzia del Territorio. (da pag. 52 a pag. 131 della stima) 6. LE ULTERIORI RIFLESSIONI COMPIUTE A completamento del percorso estimativo, i valori ottenuti sono stati successivamente calibrati in ragione del confronto con le microzone catastali esistenti econ la necessaria valutazione del grado di maturazione urbanistica raggiunta (PUC, Convenzione o piano attuativo approvato, permesso di costruire già rilasciato). Al fine di garantire la più corretta applicazione dei valori, la stima propone altresì la possibile applicazione di appropriati coefficienti di differenzazione. (da pag. 131 a pag. 145 della stima) Dott. Flavio Paglia Perito esperto iscritto al Ruolo presso la CCIAA di Genova al n 1996, Consulente Tecnico del Tribunale di Genova (cat. XXV stima e valutazione di immobili), SEGUONO TABELLE RIEPILOGATIVE DEI VALORI ADOTTABILI 5

6 6

7 ZONA C con permesso di costruire senza permesso di costruire senza permesso di costruire con piano attuativo senza piano attuativo C 1 485,00 430,00 240,00 C 2 485,00 430,00 240,00 C 3 485,00 430,00 240,00 C 4 563,00 500,00 280,00 C 5 C 6 563,00 500,00 280,00 C 7 485,00 430,00 240,00 C 8 485,00 430,00 240,00 C 9 485,00 430,00 240,00 C ,00 270,00 100,00 C ,00 430,00 240,00 ZONA D con permesso di costruire senza permesso di costruire senza permesso di costruire con piano attuativo senza piano attuativo D 1 200,00 180,00 130,00 D 2 200,00 180,00 130,00 7

P A G L I A COMUNE & A S S O C I A T I

P A G L I A COMUNE & A S S O C I A T I COMUNE P A G L I A & A S S O C I A T I COMPETENZA E PROFESSIONALITA DAL 1987 di CASTAGNETO CARDUCCI Consulenza inerente la determinazione del più probabile valore di mercato dell immobile ubicato in Via

Dettagli

GARDONE RIVIERA C O M U N E. Consulenza inerente la determinazione del. Rating immobiliare e del più probabile valore ai fini I.C.I.

GARDONE RIVIERA C O M U N E. Consulenza inerente la determinazione del. Rating immobiliare e del più probabile valore ai fini I.C.I. C O M U N E GARDONE RIVIERA Consulenza inerente la determinazione del Rating immobiliare e del più probabile valore ai fini I.C.I. delle aree edificabili presenti nel comune EDIZIONE MARZO 2011 OGGETTO

Dettagli

CORSO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI E STIME IMMOBILIARI

CORSO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI E STIME IMMOBILIARI CORSO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI E STIME IMMOBILIARI (34 ore di lezione) Il corso si articola in 3 moduli per 34 ore di formazione in aula: Primo modulo: Procedura giudiziale e stragiudiziale. N. 6+6+6

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Manuale dei coefficienti di differenziazione. vai alla scheda del libro IMMOBILI

Manuale dei coefficienti di differenziazione. vai alla scheda del libro IMMOBILI IMMOBILI altri titoli vai alla scheda del libro Flavio Paglia, Patrizia Carvelli Manuale dei coefficienti di differenziazione Guida per l individuazione, il calcolo e l applicazione al processo di stima

Dettagli

ASSET e PROPERTY MANAGEMENT DUE DILIGENCE IMMOBILIARE

ASSET e PROPERTY MANAGEMENT DUE DILIGENCE IMMOBILIARE ASSET e PROPERTY MANAGEMENT DUE DILIGENCE IMMOBILIARE Consulenza per raggiungere con professionalità e certezza la migliore redditività patrimoniale P A G L I A & A S S O C I A T I COMPETENZA E PROFESSIONALITA

Dettagli

Corso di specializzazione Professionale Esperto valutatore immobiliare

Corso di specializzazione Professionale Esperto valutatore immobiliare Esperto valutatore immobiliare anno 20/13 www.borsaimmobiliare.net Esperto valutatore immobiliare anno 20/13 O.S.M.I. Borsa Immobiliare O.S.M.I. Borsa Immobiliare è l Azienda Speciale della Camera di Commercio

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

LA STIMA DEI PARCHEGGI E DEGLI AUTOSILO

LA STIMA DEI PARCHEGGI E DEGLI AUTOSILO Flavio Paglia Alessio Boccardo Patrizia Carvelli LA STIMA DEI PARCHEGGI E DEGLI AUTOSILO Guida alla valutazione dei beni che hanno registrato i rendimenti più elevati dell ultimo quinquennio INDICE GENERALE

Dettagli

STIMA DEI FABBRICATI

STIMA DEI FABBRICATI STIMA DEI FABBRICATI CRITERI DI STIMA COSTO DI COSTRUZIONE STIMA PER COMPARAZIONE CON I PREZZI DI MERCATO STIMA PER CAPITALIZZAZIONE VALORE DI TRASFORMAZIONE Stima fabbricati 1 PROCEDIMENTO ANALITICO:

Dettagli

Proc. Fallimentare n 990/1991 - G.D.: Dr.ssa Maria Carmela Andricciola

Proc. Fallimentare n 990/1991 - G.D.: Dr.ssa Maria Carmela Andricciola 1. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE...10 1.1. Ubicazione...10 1.2. Notizie storiche...15 1.3. Caratteristiche costruttive e finiture...16 1.4. Dotazione impianti tecnologici...45 1.5. Lavori di ristrutturazione...47

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ESTIMATIVA

RELAZIONE TECNICA ESTIMATIVA RELAZIONE TECNICA ESTIMATIVA Il sottoscritto Arch. Paolo Pozzaglio, con studio in Chiari, Via San Bernardino n. 8, regolarmente iscritto all'ordine degli Architetti della Provincia di Brescia al n. 1746,

Dettagli

e rating immobiliare

e rating immobiliare stima e rating immobiliare - F. Paglia IMMOBILI Flavio Paglia stima e rating immobiliare stima e rating immobiliare la valutazione degli immobili pubblici e privati e con particolari destinazioni d uso

Dettagli

Le fonti per la stima dei valori

Le fonti per la stima dei valori Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori Comunicazione curata da arch. Barbara Bolognesi Lo scopo della comunicazione Lo scopo della comunicazione è quello presentare in modo critico

Dettagli

Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato

Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato Bando per l accesso al Fondo per la realizzazione di Servizi Abitativi a Canone Convenzionato Nota per la compilazione del piano economico-finanziario (PEF) Sommario Premessa... Elementi generali... 3

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale COMUNE DI FABRO Provincia di Terni Regolamento Comunale Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 15.10.2003 P R E M E S S A Con il presente regolamento si intende dare attuazione alle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA

ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA ALLEGATO N. 3 C.T.U. CONTABILE ESTIMATIVA NEI GIUDIZI DI FAMIGLIA 1. Per la redazione dell elaborato peritale dovrà essere rispettato quanto previsto all art. 195, 3 comma c.p.c. Pertanto all udienza di

Dettagli

FIGG. 5: Vedute interne dell appartamento (cucina al piano terreno).

FIGG. 5: Vedute interne dell appartamento (cucina al piano terreno). Esecuzione immobiliare n. 71/11... FIGG. 5: Vedute interne dell appartamento (cucina al piano terreno). FIGG. 6: Vedute interne dell appartamento (scala collegamento P.terra-P.Primo). Esecuzione immobiliare

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA VERIFICA DI CONGRUITA VALORI

TRIBUNALE DI BRESCIA VERIFICA DI CONGRUITA VALORI TRIBUNALE DI BRESCIA CONCORDATO PREVENTIVO N. 23/09 ENTRA S.P.A. GIUDICE DELEGATO: DOTT.CARLO BIANCHETTI COMMISSARIO GIUDIZIALE: DOTT. SSA CLARA STERLI VERIFICA DI CONGRUITA VALORI Brescia, 27.10.2009

Dettagli

La destinazione del fabbricato è parzialmente vincolata dal P.R.G. come si evince da quanto detto alla IV e V riga. Nel nostro caso sceglieremo di

La destinazione del fabbricato è parzialmente vincolata dal P.R.G. come si evince da quanto detto alla IV e V riga. Nel nostro caso sceglieremo di Stima delle aree edificabili secondo l aspetto economico del p.p.v. di trasformazione Esempio di calcolo plano-volumetrico su lotto edificabile 30 x 22 m. Sia da valutare un area edificabile ricadente

Dettagli

Tribunale Civile di Genova R.G. n 600/12+630/12. Sezione VII. Fallimenti ed Esecuzioni Immobiliari

Tribunale Civile di Genova R.G. n 600/12+630/12. Sezione VII. Fallimenti ed Esecuzioni Immobiliari Tribunale Civile di Genova R.G. n 600/12+630/12 Sezione VII Fallimenti ed Esecuzioni Immobiliari Procedura di espropriazione immobiliare promossa da Unicredit S.p.A. (avv. Picedi Benettini Eugenio) Condominio

Dettagli

La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni mobili ed immobili dell ente.

La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni mobili ed immobili dell ente. Via Lepanto, 95 80045 POMPEI (Na) info@asfel.it 366.14.70.789 Spett.le Comune di Oggetto: servizio inventario La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni

Dettagli

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO Settore Patrimonio

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO Settore Patrimonio RELAZIONE DI STIMA Finalizzata alla determinazione del valore venale dell area attualmente di proprietà privata, da alienare in via XXV Aprile a Tagliuno Il Perito Geom. Paolo Fiumi Settembre 2015 indice

Dettagli

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato dei Fondi immobiliari per l edilizia privata Sociale FONDI IMMOBILIARI E HOUSING SOCIALE Roberto Brustia CBA Studio Legale e Tributario febbraio 2011 Premessa Per Social Housing si

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

I criteri di valutazione degli immobili, con particolare. riferimento alla stima dei fabbricati

I criteri di valutazione degli immobili, con particolare. riferimento alla stima dei fabbricati I criteri di valutazione degli immobili, con particolare riferimento alla stima dei fabbricati (a cura Dott. Umberto Fruttero) Come si è avuto già modo di esporre in altri interventi, la valutazione dell

Dettagli

STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI UN BENE IMMOBILIARE DI PROPRIETA REGIONALE. Comune di Cagliari - Magazzino in via Caprera, 8

STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI UN BENE IMMOBILIARE DI PROPRIETA REGIONALE. Comune di Cagliari - Magazzino in via Caprera, 8 STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI UN BENE IMMOBILIARE DI PROPRIETA REGIONALE Comune di Cagliari - Magazzino in via Caprera, 8 Ottobre 2007 Pagina 1 di 15 Contenuto della stima. Capo 1 1.1 Introduzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

a v v e r t e n z e 1. Guida alla lettura dei valori 1.1. Premesse 1.2. Avvertenze di tipo generale per la lettura dei dati

a v v e r t e n z e 1. Guida alla lettura dei valori 1.1. Premesse 1.2. Avvertenze di tipo generale per la lettura dei dati 4Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia 1 semestre 2013 1. Guida alla lettura dei valori 1.1. Premesse La presente pubblicazione - edita a cura di O.S.M.I. Borsa Immobiliare,

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

Loss Adjustment Basic Stima del macchinario ed impianti. Politecnico di Milano Corso Avanzato Loss Adjustment Basic. a.a. 2007. Ing.

Loss Adjustment Basic Stima del macchinario ed impianti. Politecnico di Milano Corso Avanzato Loss Adjustment Basic. a.a. 2007. Ing. Politecnico di Milano Corso Avanzato Loss Adjustment Basic a.a. 2007 Ing.Fabio Mancini Ringrazio i Docenti del corso ed in particolare il relatore Geom.Marco Valle per l assistenza prestatami. - 1 - INTRODUZIONE

Dettagli

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 data di pubblicazione: 14 maggio 2013 periodo di riferimento: anno 2012 Le informazioni rese nel presente rapporto sono di proprietà esclusiva dell Agenzia delle Entrate. Non

Dettagli

SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA

SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA CHIARIMENTI E RISPOSTE AI QUESITI Aggiornamento al 23.07.2013 Quesito N. 1 A pag. 19 del Disciplinare è scritto max.

Dettagli

La stima del valore di mercato Quattro casi applicativi

La stima del valore di mercato Quattro casi applicativi La stima del valore di mercato Quattro casi applicativi 25.X.2005 I procedimenti di stima del valore di mercato. Una sintesi Procedimenti di stima Sintetici comparativi Analitici ricostruttivi Monoparamatrici

Dettagli

giudice: dr. g. stano

giudice: dr. g. stano TRIBUNALE ORDINARIO DI LUCERA - procedura esecutiva n. 169/11 - giudice: dr. g. stano BANCA APULIA Spa - Avv. G. Tancredi - C O N T R O creditore Esecutato debitore CONSULENZA TECNICA ESTIMATIVA EPURATA

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Funzionalità del software

Funzionalità del software Expert Stime Immobiliari E il nuovo software Geo Network di ausilio al professionista per il calcolo del più probabile valore di mercato degli immobili e per la redazione della relativa perizia. Consente

Dettagli

Sistemia Storia e Profilo

Sistemia Storia e Profilo Sistemia S.p.A. Sistemia Storia e Profilo Sistemia S.p.A. nasce a Roma nel 2003 con la mission di Azienda di Business Process Outsourcing, e con una forte competenza specialistica nella valutazione della

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

TRIBUNALE DI TIVOLI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI. Esecuzione Forzata BANCA NAZIONALE DEL LAVORO. Contro. N Gen. 1669/2005

TRIBUNALE DI TIVOLI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI. Esecuzione Forzata BANCA NAZIONALE DEL LAVORO. Contro. N Gen. 1669/2005 Udienza 01/02/2011 TRIBUNALE DI TIVOLI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Esecuzione Forzata BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Contro N Gen. 1669/2005 Giudice Dr. Filippo Maria TROPIANO Custode Giudiziario Avv. Leonardo

Dettagli

GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015

GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015 ESTRATTO GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015 Domanda, offerta e rating di zona per investire e vendere al meglio Il mercato degli uffici di Milano e hinterland è il più importante

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI PINEROLO

TRIBUNALE ORDINARIO DI PINEROLO TRIBUNALE ORDINARIO DI PINEROLO Sezione Fallimenti C.P. 1/2009 Concordato Preventivo: CD Service S.n.c. di Grangetto Carlo & C Giudice Delegato: Dott.ssa Melania CAFIERO Commissario Giudiziale: Dott. Dario

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSO DI ESTIMO - Prof- G. Marchi

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSO DI ESTIMO - Prof- G. Marchi UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSO DI ESTIMO Prof G. Marchi http://www.unica.it/~armic/estimo/index.htm Allievo Matricola Anno Accademico 2004/2005.G Caratteristiche dell'immobile oggetto di stima

Dettagli

Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi

Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi Milano - 18 febbraio 2013 Direzione Regionale Lombardia

Dettagli

Si fa presente che i casi elencati sono indicativi di situazioni per le quali permane l obbligo dichiarativo.

Si fa presente che i casi elencati sono indicativi di situazioni per le quali permane l obbligo dichiarativo. DICHIARAZIONE ICI A partire dal 1 gennaio 2008 è soppresso l obbligo della presentazione della dichiarazione ICI per coloro che acquistano o vendono immobili. Coloro che nell anno 2007 hanno acquistato

Dettagli

Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi

Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi Milano - 20 febbraio 2013 Direzione Regionale Lombardia

Dettagli

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Art. 1 Oggetto del regolamento 1.Il presente regolamento è lo strumento per la disciplina

Dettagli

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti 30.X.2013 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui si formula

Dettagli

Esempi di stime di Terreni e di Aree Edificabili

Esempi di stime di Terreni e di Aree Edificabili Flavio Paglia, Patrizia Carvelli Esempi di stime di Terreni e di Aree Edificabili Terreni e aree asserviti o destinati a: case residenziali, aree produttive, parcheggi, attività commerciali, uso agricolo.

Dettagli

Estimo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA. Income approach. M. Ciuna, M. Simonotti

Estimo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA. Income approach. M. Ciuna, M. Simonotti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE, AEROSPAZIALE E DEI MATERIALI Estimo Anno accademico 2011-2012 Income approach M. Ciuna, M. Simonotti

Dettagli

Art. 41 (Immobili uso abitativo)

Art. 41 (Immobili uso abitativo) Articolo 41 (Incremento del patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa) Per incrementare il patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa, con particolare

Dettagli

La stima del valore di costo

La stima del valore di costo La stima del valore di costo 14.XI.2005 I costi del progetto Due sono i casi con produzioni di beni per progetto: un primo caso riguarda la produzione di beni intesa come promozione immobiliare un secondo

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A.

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. 2009-2010 DATI ANAGRAFICI Indicare il proprio nome, cognome e,

Dettagli

CONVEGNO CASA IMMIGRATI.

CONVEGNO CASA IMMIGRATI. CONVEGNO CASA IMMIGRATI. Percorsi possibili Il contesto attuale Nello studio sugli insediamenti degli immigrati nella nostra provincia, si deduce che è avvenuto in modo omogeneo nell intero territorio

Dettagli

2) Senatore BARBOLINI:

2) Senatore BARBOLINI: Oggetto: Audizione del Direttore dell Agenzia del Territorio dinanzi alla VI Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica. Ulteriori elementi informativi. Come noto, in data 26 maggio 2009,

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento è diretto ad individuare

Dettagli

DOCUMENTO ABI-ANCE PER IL RILANCIO DEL MERCATO IMMOBILIARE

DOCUMENTO ABI-ANCE PER IL RILANCIO DEL MERCATO IMMOBILIARE DOCUMENTO ABI-ANCE PER IL RILANCIO DEL MERCATO IMMOBILIARE Roma, 8 maggio 2013 La crisi che ha colpito il settore delle costruzioni ha avuto effetti particolarmente gravi in alcuni comparti che, tradizionalmente,

Dettagli

Scopo e struttura della comunicazione

Scopo e struttura della comunicazione Approfondimento # 2 Analisi di mercato e web Lezione di approfondimento individuale # 2 Valore di mercato A cura arch. Mirko Bisulli Scopo e struttura della comunicazione La comunicazione ha un duplice

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

Il mercato immobiliare in Milano città: la ripresa che verrà

Il mercato immobiliare in Milano città: la ripresa che verrà Collegio Agenti d Affari in Mediazione delle Province di Milano Monza & Brianza dal 1945 Presentazione dei prezzi degli Immobili di Milano e Provincia I semestre 2015 Il mercato immobiliare in Milano città:

Dettagli

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE . COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE Allegato alla deliberazione di C.C. n.14 del 26/03/2002 INDICE Regolamento Art. 1

Dettagli

DETERMINAZIONE OPEN MARKET VALUE, ALLA DATA DEL 25 FEBBRAIO 2008, DI N 285 IMMOBILI DI PROPRIETA DI IMMIT IMMOBILI ITALIANI SPA

DETERMINAZIONE OPEN MARKET VALUE, ALLA DATA DEL 25 FEBBRAIO 2008, DI N 285 IMMOBILI DI PROPRIETA DI IMMIT IMMOBILI ITALIANI SPA DETERMINAZIONE OPEN MARKET VALUE, ALLA DATA DEL 25 FEBBRAIO 2008, DI N 285 IMMOBILI DI PROPRIETA DI IMMIT IMMOBILI ITALIANI SPA FEBBRAIO 2008 INDICE ARGOMENTO PAGINA PREMESSA... 1 DEFINIZIONE DI OPEN MARKET

Dettagli

«Il riclassamento delle Unità Immobiliari di Roma»

«Il riclassamento delle Unità Immobiliari di Roma» «Il riclassamento delle Unità Immobiliari di Roma» Arch. Daniela Proietti Consigliere Ordine Architetti Pianificatori e Paesaggisti di Roma e Provincia Indice degli argomenti: 1) ACCERTAMENTO CATASTALE

Dettagli

Manuale per la Compravendita

Manuale per la Compravendita Manuale per la Compravendita Immobiliare di Paolo Tonalini Formule, esempi e schemi riportati in questo testo sono disponibili online e sono personalizzabili. Le istruzioni per scaricare i file relativi

Dettagli

UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75% DELL OFFERTA DI UFFICI E OGGI DI BASSA QUALITÀ

UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75% DELL OFFERTA DI UFFICI E OGGI DI BASSA QUALITÀ Nasce l Osservatorio sull offerta di immobili a uso uffici 1 Rapporto CRESME- II semestre 2014 Monitorati oltre 4.500 annunci per vendita e affitto UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75%

Dettagli

Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni. Considerazioni

Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni. Considerazioni Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni Considerazioni Il Mercato della Casa in Italia tra proprietari di casa e famiglie in affitto In Italia la percentuale di proprietari di case è molto

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE Documento riassuntivo per cittadini, tecnici e notai

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE Documento riassuntivo per cittadini, tecnici e notai 09 Direzione Ambiente Politiche Energetiche Versione ridotta - 01/10/2009 LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE Documento riassuntivo per cittadini, tecnici e notai VERSIONE RIDOTTA 01/10/2009

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento è diretto ad individuare, in via sperimentale, per un anno, i criteri unificati

Dettagli

PROPOSTA PER LA COSTITUZIONE DI UN IMMOBILIARE SOCIALE DI AMBITO METROPOLITANO

PROPOSTA PER LA COSTITUZIONE DI UN IMMOBILIARE SOCIALE DI AMBITO METROPOLITANO PROPOSTA PER LA COSTITUZIONE DI UN IMMOBILIARE SOCIALE DI AMBITO METROPOLITANO LE RAGIONI PER LA CREAZIONE DI UN IMMOBILIARE SOCIALE COMUNALE L ampliarsi del fabbisogno abitativo, che investe ormai vasti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL COSTO DELLA RETTA IN STRUTTURA.

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL COSTO DELLA RETTA IN STRUTTURA. CONSORZIO INTERCOMUNALE DI SERVIZI Comuni di: Beinasco, Bruino, Orbassano Piossasco, Rivalta, Volvera REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIU FREQUENTI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIU FREQUENTI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI !!"#$$#%&!!"$#$! '()*+, -%."%$/$ #! 0$! PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIU FREQUENTI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI A) - VENDITE DI FABBRICATI DA PRIVATI: 1) - Prima casa e/o relative

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: LE POTENZIALITA E LE TENDENZE

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: LE POTENZIALITA E LE TENDENZE IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: LE POTENZIALITA E LE TENDENZE In Italia il comparto residenziale ha sempre rappresentato la parte di gran lunga più consistente del mercato immobiliare. L interesse delle

Dettagli

Regione Lombardia. Valutazione di massima dell impatto generato dal. Progetto di legge regionale per il rilancio edilizio

Regione Lombardia. Valutazione di massima dell impatto generato dal. Progetto di legge regionale per il rilancio edilizio Regione Lombardia Valutazione di massima dell impatto dal Progetto di legge regionale per il rilancio edilizio (giugno 2009) VALUTAZIONE COMPLESSIVA DELL IMPATTO ECONOMICO milioni di 1) utilizzo patrimonio

Dettagli

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Modalità di attuazione degli interventi edilizi Gli interventi edilizi devono

Dettagli

MATERIALI E PROGRAMMA PER ESAMI SETTEMBRE ALLIEVI CON GIUDIZIO SOSPESO

MATERIALI E PROGRAMMA PER ESAMI SETTEMBRE ALLIEVI CON GIUDIZIO SOSPESO CLASSE IV B CAT MATERIALI E PROGRAMMA PER ESAMI SETTEMBRE ALLIEVI CON GIUDIZIO SOSPESO A.S. 2013/2014 Insegnante : prof. SGANDURRA Emanuele A) PROGRAMMA SVOLTO DI ESTIMO ED ECONOMIA Il trasporto dei capitali

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessore all urbanistica e ambiente Via Jacopo Aconcio, n. 5-38100 Trento Tel. 0461 493202- Fax 0461 493203 e-mail: ass.urbambiente@provincia.tn.it Trento, 8 MAGGIO 2006 Prot.

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Avviso pubblico per la presentazione di proposte per la realizzazione di alloggi da concedere in locazione ai sensi della Deliberazione Consiglio Regionale Toscana n. 51/2004,

Dettagli

Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione. Venezia, 8 maggio 2014

Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione. Venezia, 8 maggio 2014 Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione Venezia, 8 maggio 2014 La stima sintetica del valore di costo La stima sintetica fornisce una previsione del costo di costruzione di un opera

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/288 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione fallimentare. Giudice Delegato : Dott.ssa Francesca Maria Mammone RELAZIONE DI STIMA

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione fallimentare. Giudice Delegato : Dott.ssa Francesca Maria Mammone RELAZIONE DI STIMA TRIBUNALE DI MILANO Sezione fallimentare Giudice Delegato : Dott.ssa Francesca Maria Mammone RELAZIONE DI STIMA del valore del compendio immobiliare sito in Cornaredo (MI) via Cascina Croce, 115 FALLIMENTO

Dettagli

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI 1 Sommario Introduzione 1.1 La valorizzazione del patrimonio immobiliare

Dettagli

AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI

AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI IPOTESI PROGETTUALI PER LA VALORIZZAZIONE DELLA FARMACIA COMUNALE 1.1 ANDAMENTO FARMACIA COMUNALE I Bilanci degli ultimi anni dell Azienda Speciale evidenziano, per

Dettagli

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Ufficio Esecuzioni Immobiliari

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Nella procedura esecutiva esattoriale N... promossa da EQUITALIA CENTRO S.P.A. (Agente per la Riscossione Tributi della Provincia di Reggio Emilia) nei confronti di PIGNORAMENTO DEL / / R.P. IL GIUDICE

Dettagli

company profile aziendale rossi real estate

company profile aziendale rossi real estate company profile company profile 1 aziendale rossi real estate La Rossi Real Estate viene costituita a Rimini a metà degli anni 70 su iniziativa di Rossi Giorgio, noto imprenditore immobiliare, apprezzato

Dettagli

Riepilogo beni immobili in Concessione/locazione a lungo termine

Riepilogo beni immobili in Concessione/locazione a lungo termine ALLEGATO A Riepilogo beni immobili in alienazione IMMOBILE UBICAZIONE VALORE di stima VALORE inventario 1) Terreno inutilizzato in loc. Mazzetta 2) Ex area stradale in loc. Mazzetta(Questura) 3) Frastagli

Dettagli

LE BOLLE IMMOBILIARI: COME NASCONO E SCOPPIANO. COSA STA SUCCEDENDO OGGI IN ITALIA?

LE BOLLE IMMOBILIARI: COME NASCONO E SCOPPIANO. COSA STA SUCCEDENDO OGGI IN ITALIA? LE BOLLE IMMOBILIARI: COME NASCONO E SCOPPIANO. COSA STA SUCCEDENDO OGGI IN ITALIA? Senior Professor Area Amministrazione, Controllo, Finanza Aziendale e Immobiliare Jan Brueghel d. J. A Satire of the

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Procedimento sintetico di costo

Procedimento sintetico di costo Procedimento sintetico di costo La stima sintetica del valore di costo La stima sintetica fornisce una previsione del più probabile costo di costruzione di un opera fondata sul confronto dell opera da

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale

Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale Ai Gentili Clienti Loro sedi Milano, 13 luglio 2012 Oggetto: TAX NEWSLETTER N. 8/2012 NOVITA FISCALI SUGLI IMMOBILI DETENUTI DA IMPRESE: LE NUOVE REGOLE PER IL BONUS SUL RISPARMIO ENERGETICO E LA NUOVA

Dettagli

L attestazione di conformità delle planimetrie catastali di U.I.U., a seguito della legge 122 del 30/7/2010

L attestazione di conformità delle planimetrie catastali di U.I.U., a seguito della legge 122 del 30/7/2010 L attestazione di conformità delle planimetrie catastali di U.I.U., a seguito della legge 122 del 30/7/2010 a cura della Commissione Stime immobiliari e catasto A seguito del DL 31/5/2010 n. 78 art. 19

Dettagli

L anno duemila addì del mese di in Sassari, nella casa comunale sita in Piazza del Comune, innanzi a me Dr. SONO COMPARSI

L anno duemila addì del mese di in Sassari, nella casa comunale sita in Piazza del Comune, innanzi a me Dr. SONO COMPARSI Allegato al regolamento per l'assegnazione delle aree di proprietà comunale destinate alla realizzazione di interventi di edilizia economica e popolare COMUNE DI SASSARI SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

tip. Descrizione Quantificazione Fattore

tip. Descrizione Quantificazione Fattore Regolamento per la disciplina dei criteri, parametri tecnici e modalità operative da applicare per determinare le sanzioni amministrative degli artt. 134;135;139;140 della L.R.T. 1/05. (Deliberazione C.C.

Dettagli

proposta di regolamento n. 3/11

proposta di regolamento n. 3/11 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di regolamento n. 3/11 a iniziativa della Giunta Regionale presentata in data 1 dicembre 2011 ULTERIORI MODIFICHE AL REGOLAMENTO REGIONALE 24 OTTOBRE 2008,

Dettagli