HUMAN TRAINING. METIS le strategie per vincere la crisi LA RIVISTA DELLA FORMAZIONE PER VALORIZZARE LA CONOSCENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HUMAN TRAINING. METIS le strategie per vincere la crisi LA RIVISTA DELLA FORMAZIONE PER VALORIZZARE LA CONOSCENZA"

Transcript

1 HUMAN TRAINING Anno 2 N 7 Giugno Luglio 2009 LA RIVISTA DELLA FORMAZIONE PER VALORIZZARE LA CONOSCENZA Periodicità bimestrale - Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento postale- D.L. 353/2003 (conv.in L.27/2/2004 n.46) art.1 comma 1 - CNS VR - 8,00 - chf 13 METIS le strategie per vincere la crisi PIERMARIO DONADONI a.d. Metis FOCUS Lo sviluppo dell imprenditoria femminile nel nuovo secolo SCHEDE DIDATTICHE IL CAPO IL BUDGET GLI EVENTI 1 - HT L OPINIONE DI... WILLIAM GRIFFINI Le opportunità di lavoro nella green energy

2 2 - HT FORMIAMO TALENTI PER UN MONDO DI SUCCESSO trasformazioni I SEMINARI DEL NEGATIVO per essere vincenti I seminari del negativo nascono da una lunga ricerca fatta dalla Power Training per codificare i cosiddetti Saperi svantaggiosi ossia tutti quei comportamenti di insuccesso che generano conflitto ed inefficienza. COME PERDERE TEMPO E NON CONCLUDERE I LAVORI Che cosa si ottiene dal seminario? Riconoscere i ruba tempo e limitarne i danni I principali errori che favoriscono la non conclusione dei lavori Rispettare le scadenze nonostante gli imprevisti e le interruzioni Limitare gli effetti negativi dello stress trasformandolo in stimolo positivo Milano 8/9 settembre COME FARSI ODIARE DAI PROPRI COLLABORATORI Conoscere tutte le possibili minacce che impediscono lo sviluppo di una leadership di successo. Che cosa si ottiene dal seminario? Conoscere cosa non fare per generare conflitto e demotivazione Evitare di utilizzare una leadership al negativo Capitalizzare il potenziale dei collaboratori Conoscere a fondo i propri punti di forza e le aree di miglioramento Milano 10/11 settembre COME ESSERE SICURI DI PERDERE LE VENDITE I più ricorrenti errori che non permettono di chiudere le trattative. Che cosa si ottiene dal seminario? Conoscere i diversi errori che vengono commessi durante le Esaminare e migliorare le proprie tecniche di vendita, Aumentare le chiusure delle proprie vendite. Milano 15/16 settembre A TUTTI GLI ISCRITTI VERRÀ OMAGGIATO UN ABBONAMENTO ANNUALE A HUMAN TRAINING Per iscrizioni e informazioni Via Olmetto, Milano

3 EDITORIALE RINNOVIAMO L OFFERTA FORMATIVA TRAMITE LA RICERCA Negli anni Ottanta, quando iniziai ad occuparmi di formazione, non vi era, sull argomento, una prospettiva ben definita nell immaginario collettivo, e sovente dovevo spiegare agli altri che mestiere facevo. Oggi, al contrario, tutti sanno cos è la formazione, definita nell abusato vocabolario collettivo, ma soprattutto in quello politico. Se ieri la praticavano solo le grandi aziende o le multinazionali, oggi vi accede anche la piccola impresa, sua sponte o per costrizione normativa. Usava dirmi, con una punta di fierezza, uno storico imprenditore italiano: Vede, ai miei addetti alla contabilità abbiamo fatto un corso d inglese, riescono a farsi pagare prima dai clienti esteri. Pertanto ci si è persuasi che formare le risorse umane non è un aggravio di costi o una prassi d èlite, ma un propulsore del Sistema Paese (sebbene fra i non addetti ai lavori permanga una certa confusione sulla differenza tra educazione, addestramento e formazione). In questo scenario l aumento della consapevolezza sui benefici della formazione non è andato di pari passo con l evolversi dell offerta formativa. La sudditanza alle metodologie e ai contenuti anglosassoni, altamente diffusa nelle proposte degli operatori, - è noto che in Italia contenuti e metodiche tipiche della formazione aziendale vengono importati a cavallo degli anni 50/ 60 e poi si diffondono tra gli anni 80 e i 90 - ha inibito una ricorrente attività di ricerca. Non essendoci una costante volontà di fare ricerca e sviluppo, e non esistendo, ipso facto, innovazione, si ricorre pigramente o per consuetudine alle stesse metodologie e contenuti utilizzati cinquant anni fa. Fare ricerca per rivitalizzare in toto l offerta, specificandola in funzione alle specifiche esigenze di sviluppo dei segmenti produttivi, deve essere l imperativo per il prossimo decennio. Solo potenziando la ricerca il settore della formazione potrà divenire fattore imprescindibile della nervatura economica del Paese; ma il settore, da solo, non può far fronte agli investimenti necessari per la ricerca stessa. Pertanto la politica, così brava ad abusare del concetto di formazione, deve risolversi a varare delle azioni al fine di colmare questo gap. Come? Per esempio, creando un fondo specifico per la ricerca sulla formazione, sostenuto dal contributo dello 0,30 % per i fondi interprofessionali. Avere buone metodologie per erogare buoni contenuti deve essere la nuova coscienza per questo secolo. Carlo Barberis 3 - HT

4 HUMAN TRAINING LA RIVISTA DELLA FORMAZIONE PER VALORIZZARE LA CONOSCENZA Anno 2 N 7 Giugno-Luglio 2009 Sommario EDITORIALE 3 Rinnoviamo l offerta formativa tramite la ricerca. COVER STORY 7 Metis al servizio delle risorse umane. INTERVISTE 10 Banche Popolari, valore aggiunto nel sistema del credito. 13 Italia Lavoro, puntiamo tutto sul capitale umano. FOCUS 16 Donne imprenditrici, una risorsa da valorizzare e sostenere. LE SCHEDE DI HT 23 Il capo e i suoi collaboratori. 33 Il budget. 39 Il marketing degli eventi. TAVOLA ROTONDA 46 Formazione, flessibilità, innovazione la sfida di confartigianato giovani. L OPINIONE DI Crisi economica ed enti di formazione. 54 Piccole, solide e con tanta voglia di creare. Quando l unione produce lavoro. 56 AAA manager qualificato nelle energie rinnovabili cercasi. 58 L Advocacy. Una necessità per la giustizia italiana. 60 Innovare per competere. 62 Sciaky Europe, una business school per il settore alberghiero. 64 La delega, strumento fondamentale per aumentare la performance del team. INTERNAZIONALE 65 Tagliare i budget promozionali o aumentarne l efficacia? CONTROEDITORIALE 66 L efficienza della Pubblica Amministrazione tramite la formazione. G. De Lucia Lumeno pag. 10 Natale Forlani pag. 13 Schede pag.23 Andrea Auriemma pag. 52 Federico Bolondi pag. 60 HT HUMAN TRAINING Direttore Responsabile: Carlo Barberis Direttore editoriale: Vittorio Baroffio Collaboratori: S. Airoldi, E. Avanzi, A. Baldi, M.R. Barberis, S. Cera, A. Diotallevi, C. Osnago Gadda, A. Mandelli, G. Robilotta, G. Rossi. Segreteria di redazione: Michela Corradin Realizzazione grafica: Fabio Meroni - Studio Slash Pubblicità: Carlo Traldi Tel HT Human Training è pubblicato da C.R.I.S.O.F. S.c.a.r.l Milano Via Olmetto, 5 Tel Fax e mail sito: Stampa: Arti Grafiche Stefano Pinelli Milano v. R. Farinelli, 8 Registrazione tribunale di Milano N 48 del 23/01/08 Costo copia 8,00 - Abbonamento annuo Italia 40,00, abbonamento Estero 60,00 versare l importo mediante bonifico bancario presso Banca Popolare d Intra Codice IBAN IT 29 AO , oppure inviare assegno presso la sede della rivista. L abbonamento sarà attivo dal momento di ricevimento del pagamento e può decorrere da qualsiasi periodo. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte della rivista può essere riprodotta in qualsiasi forma o rielaborata con l uso di sistemi elettronici, o riprodotta, o diffusa, senza l autorizzazione scritta dell editore. Manoscritti e foto, anche se non pubblicati, non vengono restituiti. 4 - HT

5 5 - HT

6 Macef Chibi&Cart Festivity Bijoux Chibimart Inverno Chibimart Affari d'estate Chibidue Lift Miart Tuttofood P iù di i visitatori l anno, provenienti da ogni parte del mondo, circa espositori. Sono i visitatori e gli espositori delle manifestazioni fieristiche specializzate firmate Fiera Milano International. Tanti nomi diversi, diversi settori coinvolti, un unica grande qualità: quella degli spazi, dei servizi e dell organizzazione garantita da FMI, il più grande promotore di fiere del Paese. Un partner competente per le associazioni produttive e le istituzioni, con il quale sviluppare business, formazione, informazione, internazionalità. Per dare al mondo la possibilità di incontrarsi, 6 - HT di conoscere, di crescere.

7 COVER STORY METIS AL SERVIZIO DELLE RISORSE UMANE L agenzia per il Lavoro a capitale interamente italiano, specializzata nella ricerca, selezione, formazione e gestione delle risorse umane, tiene testa alla crisi strizzando l occhio all internazionalizzazione. di Chiara Osnago Gadda Sono ormai passati 12 anni dall introduzione del lavoro temporaneo in Italia. Era infatti il 1997 quando l Unione Europea, con una sentenza denominata Job Centre II (n.181), condannava l Italia per la mancanza di libera concorrenza nel mercato del lavoro, allora sotto stretto monopolio del settore pubblico. Quella sentenza aprì le porte al Pacchetto Treu (Legge 196/1997) che introduceva le Società di Fornitura di Lavoro Temporaneo in Italia che poi, per effetto della Riforma Biagi (Legge 30/2003; D.Lgs 276/2003), si sarebbero trasformate in Agenzie per il Lavoro. Le Agenzie per il Lavoro, in questi 12 anni, hanno svolto un indubbia funzione sociale. Da un lato hanno affiancato le imprese nella loro necessità di gestione della flessibilità (picchi di lavoro, sostituzioni di lavoratori assenti, stagionalità) garantendo la tutela dei lavoratori con contratti conformi a quelli stipulati dalle stesse aziende per i propri dipendenti. Dall altro sono state un efficace servizio per l impiego, in particolare per i giovani in cerca di prima occupazione, per i lavoratori con necessità di reintegrazione o riposizionamento nel mondo del lavoro. Tra i più importanti player del settore si distingue Metis Spa. Una società a capitale interamente italiano, fondata nel 2000, con tre investitori istituzionali, Unicredit, Generali, PAM ed altri investitori privati nel suo azionariato. E proprio perchè operare nel settore delle Agenzie per il Lavoro comporta un dovere di responsabilità sociale evidente ed immediato, da alcuni anni Metis S.p.A., presenta, insieme al Bilancio d Esercizio, anche un Bilancio Sociale. Uno strumento di trasparenza e di dialogo con i propri interlocutori attraverso il quale l azienda vuole analizzare l impatto sociale della sua attività e al tempo stesso condivide- 7 - HT

8 COVER STORY «Attraverso un costante processo di crescita e sviluppo, una strategia di differenziazione e specializzazione dei servizi e un attento controllo di gestione, Metis punta a massimizzare i risultati per creare valore.» re le iniziative e i progetti no profit che ha posto in essere. La CSR infatti, è una scelta che va oltre la politica d immagine o le attività filantropiche dell azienda, ma che fa riferimento all ambito sociale in cui Metis opera. Sia internamente che esternamente, Metis è impegnata ad offrire standard sempre più elevati di servizio, di qualità del lavoro, di prospettive di carriera, d inserimento e reinserimento nel mercato dell occupazione. Human Training ha intervistato Piermario Donadoni, amministratore delegato di Metis, per capire come opera un azienda leader. Come si propone Metis al mercato di riferimento? Metis si propone come un soggetto polifunzionale, in grado di offrire alle aziende clienti e ai lavoratori diverse tipologie di servizi, grazie anche alla strategia di differenziazione che ha visto la creazione di quattro società controllate, Partis, Gestis, Seltis e Formetis, che operano tutte nell ambito delle risorse umane. In particolare, Partis si occupa di servizi di outsourcing del personale; Gestis è una società di servizi operante nell ambito della gestione amministrativa per il personale; Seltis srl è una società di ricerca e selezione che affianca le imprese nella scelta di professionisti che saranno chiamati a svolgere un ruolo strategico all interno dell azienda, Formetis è una società di formazione certificata UNI EN ISO 9001/2000, all interno della quale operano due divisioni specializzate: Formetis Finanziata e Formetis Manageriale. Solo nell anno 2008, Formetis ha erogato ore e corsi totali, attraverso quattro tipologie di formazione: base, professionale, continua e on the job. Che servizi offre? L obiettivo di Metis è quello di reclutare, selezionare, formare e gestire risorse umane qualificate e motivate, inserendole all interno delle aziende clienti. Inoltre, offre soluzioni personalizzate alle imprese seguendo con attenzione le loro esigenze di flessibilità nella gestione delle risorse umane, velocità ed efficacia nel processo di ricerca e selezione e corretta gestione amministrativa del personale. Due sono i servizi principali di Metis: la somministrazione del lavoro, la ricerca e selezione del personale (fascia media). La somministrazione del lavoro è un ambito in cui assume i lavoratori e li mette a disposizione delle aziende clienti (utilizzatrici) per un periodo di tempo stabilito, occupandosi dell intero processo di ricerca, selezione e gestione amministrativa (servizio tradizionale) oppure, nel caso in cui un lavoratore sia già a disposizione dell azienda, solo l assunzione e la gestione di tutte le procedure amministrative (servizio payroll).la ricerca e selezione del personale invece è un attività di consulenza, volta all individuazione di candidature idonee a ricoprire specifiche attività all interno di un azienda, che inserisce tali figure professionali direttamente nel suo organico. E proprio per garantire il miglior servizio Metis punta su qualità e specializzazione del suo 8 - HT

9 COVER STORY all azienda cliente e al candidato, Metis svolge questa attività con una divisione dedicata: Metis Divisione Permanent. Essa risponde ai bisogni di selezione di personale delle aziende in modo completo e nel rispetto delle esigenze di flessibilità, specializzazione e velocità di risposta richieste da contesti di mercato sempre più dinamici. Inoltre, offre anche altri servizi complementari quali pre selezione con intervista telefonica, realizzazione di annunci di RPQ su siti specializzati o su stampa; acquisto di spazi pubblicitari per annunci; gestione data base curricula dell azienda cliente; organizzazione e gestione assessment group. Che tipo di formazione viene fatta ai propri lavoratori somministrati? Abbiamo il sistema formativo più evoluto, di tipo bilaterale (50% agenzie per il lavoro e 50% organizzazioni sindacali per il lavoro) dove si è creato il fondo per la formazione a favore delle società interinali: Forma.Temp. La nostra strategia per la formazione dei lavoratori è quella di fornire degli strumenti e conoscenze spendibili nell attività di somministrazione in modo da supportare le richieste dei clienti. Così facendo, si va a capitalizzare il bagaglio di conoscenze di ogni singolo lavoratore in modo tale che lo stesso possegga il know how spendibile sul mercato. State risentendo in qualche modo della crisi che attanaglia il mondo intero? Indubbiamente anche noi siamo toccati dalla crisi, anche se in maniera lieve ( rispetto al 2008 siamo a quota -21%) ed entro la fine dell anno contiamo di tornare alla pari. Abbiamo comunque chiuso 8 filiali e ne abbiamo accorpate 12. Dunque, di attive ora ce ne sono 134. Inoltre, proprio per fronteggiare la congiuntura globale negativa, abbiamo chiamato a far parte del nostro board Jerome Caille, che è stato amministratore delegato di Adecco Mondo e con lui abbiamo intenzione di mettere a punto un nuovo piano industriale che porterà all internazionalizzazione della società. Quali sono i plus di Metis? Anzitutto, per monitorare e comprendere le dinamiche del mercato del lavoro in Italia e per anticiparne quindi l evoluzione, Metis ha dato vita ad un Osservatorio permanente sul lavoro, che monitora gli indici più significativi del mercato relativamente a domanda e offerta di lavoro e elabora analisi periodiche, creando degli spunti di riflessione da condividere con istituzioni, media e opinioni pubbliche. Per comprendere maggiormente e analizzare i bisogni e i comportamenti delle aziende clienti e dei propri lavoratori, Metis realizza ogni anno, in collaborazione con le società di ricerche di mercato Ab Research, delle analisi specifiche di soddisfazione nei confronti del servizio offerto, comparandole con i risultati degli anni precedenti. Non dimentichiamo poi l innovazione dei processi (il contributo dell IT è infatti fondamentale per la perfetta riuscita di tutte le attività che compongono il processo lavorativo di Metis); il sistema di qualità (Metis ha certificato con l ente De Norske Veritas a livello europeo UNI EN ISO 9001/2000 tutte le fasi della sua attività: dalla ricerca dei candidati alla selezione, dalla gestione amministrativa fino alla formazione); la gestione del credito e il bilancio d esercizio; la specializzazione dei servizi; l immagine e la comunicazione esterna forte e vincente. Ma sono la preparazione e la competenza delle risorse umane della struttura, oltre alla loro motivazione, fattori determinanti del successo della società. «Oltre all attività socialmente utile che deriva dal suo core business, Metis sviluppa iniziative a sostegno di associazioni che operano per categorie sociali svantaggiate.» servizio varando un nuovo piano industriale. 9 - HT

10 INTERVISTA BANCHE POPOLARI VALORE AGGIUNTO NEL SISTEMA DEL CREDITO La formazione bancaria secondo Giuseppe De Lucia Lumeno, segretario generale dell Associazione Nazionale fra le Banche Popolari del credito. Banche, territorio, clienti e credito: l Associazione Nazionale fra le Banche Popolari è una delle realtà più consolidate del nostro tessuto economico. È un organismo che raccoglie in sé qualcosa come 99 istituti di credito, sportelli, soci, 9 milioni di clienti, dipendenti per 541 miliardi di euro di attivo. Sin dalla sua fondazione, nel 1876, l Asdi Andrea Mandelli sociazione ha fatto propri i principi cardine del Credito Popolare, contribuendo allo sviluppo di un identità forte e organica della Categoria, basata sul concetto chiave di localismo. Il localismo, come valorizzazione del territorio, impegno sociale e supporto alle Piccole e medie imprese e alle famiglie, rappresenta ancora oggi il carattere distintivo del Credito Popolare che, pur partecipando ai Solo con la formazione è possibile perpetuare 10 - HT

11 INTERVISTA Dottor De Lucia Lumeno, lei ha svolto a Taormina una relazione sui profili istituzionali delle banche popolari tra tradizione e innovazione. Come si coniugano oggi sul mercato questi due aspetti? Tradizione e innovazione rappresentano anche oggi un binomio inscindibile delle Banche Popolari e la storia ultracentenaria di questi intermediari lo dicambiamenti e alle innovazioni del panorama bancario, rimane fortemente ancorato alla sua vocazione originaria. Tutelare il Credito Popolare sotto il profilo normativo, promuovendone immagine e attività, costituisce l obiettivo primario per l Associazione che, in rappresentanza della Categoria, è chiamata a mantenere relazioni strategiche con le maggiori istituzioni di riferimento del Paese, così come del contesto comunitario e internazionale. L evoluzione delle Banche Popolari a partire dagli anni 90 ha determinato un intensa crescita dimensionale ed il conseguente adeguamento delle strutture organizzative. Tuttavia, grazie a una profonda consapevolezza della propria identità e ad un azione costantemente focalizzata sul localismo, le Banche Popolari, anche in virtù dell azione dell Associazione, sono riuscite a mantenere intatta la propria vocazione e lo spirito che da sempre le anima. A parlarci di questa realtà e dell importanza strategica che la formazione riveste in questo singolare rapporto tra credito e territorio è il segretario generale dell Associazione, Giuseppe De Lucia Lumeno. Dottor De Lucia Lumeno, quanto è importante la formazione del personale delle banche popolari? La formazione riveste un ruolo importantissimo per le banche Popolari. Solo attraverso di essa è possibile perpetuare nel tempo le caratteristiche e i valori propri della banca locale. Formazione è una parola che è ricorsa sovente nel corso del recente convegno di Taormina: si tratta di una mission istituzionale delle popolari, oppure è un esigenza accresciuta dalla crisi inter- nazionale? Le Popolari come già detto annettono alla formazione grande rilevanza. Da sempre sia a livello nazionale che internazionale, nell ambito dei rapporti con le consorelle europee, esse si sono occupate di formare i propri quadri dirigenti. Rapporti di collaborazione a questo fine sono particolarmente stretti con l Associazione della cooperazione bancaria tedesca, con Rabobank, eccetera. Cosa fanno le popolari per la formazione? Organizzazione di scuole di formazione, con specifico utilizzo delle migliori risorse manageriali a questo fine. «Le Popolari annettono alla formazione grande rilevanza. Da sempre, sia a livello nazionale che internazionale, si sono preoccupate di formare i propri quadri e dirigenti.» nel tempo i valori propri della banca locale HT

12 INTERVISTA mostra appieno. C è chi dice che il settore è obsoleto Ai critici ed agli scettici rispondo che i principi che caratterizzano le Popolari - sussidiarietà, mutualismo e solidarietà - sono attualmente più importanti che mai. Aggiungo che proprio la crisi finanziaria in atto sta facendo apprezzare dalla clientela, che non a caso è in crescita, la peculiare governance delle banche cooperative. Questo è vero per tutte le Popolari, al di là delle dimensioni? Quello di spaccare il settore assimilando alcune Popolari alle banche spa, è un luogo comune che va rimosso. Non è forse un evidente manifestazione della mutualità il fatto di mettere i servizi bancari a disposizione dei soci, che potranno, a loro scelta, usufruire dei servizi della banca, nella quale ciascuno, grazie al voto capitario, ha un peso decisionale identico?. Come si spiega le continue prese di posizione per una riforma che modifichi i capisaldi dell attuale disciplina? Una riforma può essere utile, anzi auspicabile, soltanto qualora aggiorni senza snaturare la natura cooperativa e localistica delle banche popolari. Nella nostra economia, come in quella di molti altri Paesi, non solo europei, c è spazio sul mercato sia per le banche S.p.A. che per le banche cooperative. Nella crisi attuale, il Credito Popolare sta svolgendo un insostituibile funzione anticiclica. «Nella nostra economia, come in quella di molti altri Paesi, non solo europei, c è spazio sul mercato sia per le banche s.p.a. che per le banche cooperative.» GIUSEPPE DE LUCIA LUMENO Laureato in Scienze Politiche all Università di Roma La Sapienza, con 110/110 e lode. Condirettore alla Banca Nazionale dell Agricoltura Direttore Centrale alla Banca Popolare di Verona Presidente BPV Vita s.p.a. Amministratore Delegato Banca d Affari Segretario Generale dell Associazione Nazionale fra le Banche Popolari 12 - HT

13 INTERVISTA ITALIA LAVORO PUNTIAMO TUTTO SUL CAPITALE UMANO Parla Natale Forlani, amministratore delegato di Italia Lavoro, ente strumentale del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. di Andrea Mandelli a formazione permanente è di- da anni un cardine delle Lventata politiche europee. Natale Forlani, presidente e amministratore delegato di Italia Lavoro, fa il punto sullo stato dell arte della formazione in Italia, tenendo presente le migliori prassi che si attuano nella comunità europea. Dottor Forlani, Italia Lavoro unisce domanda e offerta per ciò che concerne il mercato del lavoro. Come è possibile realizzare una strategia vincente anche nei momenti di crisi? La strategia vincente, sempre e a maggior ragione nei momenti di crisi, credo consista nel puntare sulle persone, su quello che viene definito il capitale umano, sulla valorizzazione dello specifico individuale e sull apporto che ciascuno, con le sue caratteristiche, può dare al buon andamento complessivo nei luoghi di lavoro e nella società. È nell ambito delle crisi che vengono i cambiamenti che seminano il successo delle imprese e dei contesti produttivi successivi. Quanto è importante la formazione dei lavoratori nel vostro settore? È fondamentale, dal momento che ci si occupa di persone, individui, con le loro caratteristiche, esigenze, il proprio specifico percorso. Da un lato bisogna che i nostri operatori siano competenti al massimo grado sulla normativa e su tutte le opportunità a disposizione di chi deve inserirsi o re-inserirsi nel mercato del lavoro; ma serve anche e, soprattutto, la capacità di accogliere, 13 - HT

14 INTERVISTA «È indispensabile riuscire a capire quali siano i percorsi più utili a tutti e a ciascuno.» di ascoltare, di capire quale può essere il percorso lavorativo e di vita più adatto alla persona che si ha di fronte. Entrando nel dettaglio, come sviluppate il processo di formazione all interno della vostra società? Ogni anno viene stilato un piano che cerca di rispecchiare, nella proposta formativa e di aggiornamento, le aree di intervento nelle quali Italia Lavoro è impegnata, ed è incrociato con i principali profili professionali aziendali. All interno di questo, cerchiamo di sviluppare delle proposte che possano adattarsi alle esigenze dei singoli: la nostra è una società nella quale le competenze sono elevate, anche ai livelli dove l operatività è maggiore, ed è indispensabile riuscire a capire quali siano i percorsi più utili a tutti e a ciascuno. Quanto tempo dedicate alla formazione? È bene ricordare che nella nostra attività l apprendimento è costante e strettamente integrato con l attività sul campo. La formazione è un percorso trasversale all attività della società, articolata in fasi e periodi che variano in base alle esigenze aziendali e dei lavoratori. Il mercato del lavoro è un ambito di per sé complesso, che si evolve e modifica in continuazione, dal punto di vista normativo ma anche dal punto di vista dei fabbisogni professionali delle aziende e delle aspettative di chi vi entra; e lo è ancora di più se ci si occupa - come fa Italia Lavoro - di realtà delicate e di target di popolazione con una difficoltà in più, rispetto al cittadino medio, ad entrare e a rimanere nel mondo del lavoro: dalle persone con disabilità agli immigrati, agli over 45 piuttosto che i cassintegrati o i lavoratori in mobilità. Oppure - target ancora più delicato - gli ex detenuti. Che ruolo gioca l uomo in una struttura complessa come la vostra? La risorsa umana è il centro della nostra attività, perché gli interventi di politica attiva del lavoro non possono più prescindere dalla singolarità e dalla specificità della persona che deve reinserirsi: presa in carico. Questa espressione molto usata dagli esperti e spesso poco chiara, significa proprio questo: agire avendo presente quella persona e non categorie, masse indistinte. Questo sistema di intendere gli interventi ha ovviamente una ricaduta sul modo di essere e di agire degli operatori di Italia Lavoro. Essenzialmente la nostra società, che usa tecnologie e metodologie evolute, è basata sull organizzazione delle competenze delle risorse umane interne, che collaborano dall esterno sui medesimi obiettivi. Formazione anche verso le aziende? Non propriamente verso le aziende, ma verso le persone che vanno ricollocate: individuata l azienda e la mansione, ci si impegna a formare o a riqualificare la persona con una formazione finalizzata, anche attraverso un incentivo all azienda on the job. Soprattutto verso gli operatori dei servizi per il lavoro che operano all interno dei nostri programmi. Un lavoratore che perde il posto oggi quante possibilità ha di trovare un nuovo lavoro? E se viene formato? Noi canalizziamo essenzialmente la formazione verso la domanda reale di lavoro e per progetti personalizzati. Certamente la crisi che stiamo affrontando non è semplice, anche e soprattutto dal punto di vista dell occupazione. Ci sono settori, tuttavia, dei quali ancora non sono state esplorate tutte le potenzialità in termini occupazionali e che potrebbero ora rive- Grazie alle crisi avvengono i cambiamenti 14 - HT

15 INTERVISTA larsi particolarmente fecondi, anche alla luce degli incentivi europei e statali, mirati proprio al sostegno alle imprese e alla ripresa occupazionale. Penso per esempio a tutto l ambito dei servizi alla persona che, con adeguati interventi anche dal punto di vista della tipologia contrattuale (ad esempio con il ricorso al lavoro accessorio) e fiscale, può, da un lato, uscire dalla semiclandestinità dei rapporti tra famiglie e badanti e, dall altro, sviluppare opportunità notevoli per chi è alla ricerca di lavoro. E poi penso a tutto l ambito dell innovazione tecnologica e delle energie rinnovabili. Su questo settore l Unione europea si è direttamente impegnata, chiedendo agli Stati membri di indirizzare principalmente gli aiuti alle imprese. Ovviamente, si tratta di settori nei quali è indispensabile una formazione ad hoc, ed una sinergia stretta tra meccanismi efficaci e trasparenti di incontro della domanda/offerta di lavoro e sistema della formazione. Da tempo anche in Italia si va affermando il concetto di long life learning. Quanto è importante per la carriera di un lavoratore? Da qualche anno, ormai, la formazione permanente lungo tutto l arco della vita è diventata un cardine delle politiche europee, che caratterizza anche la Strategia di Lisbona. Essa parla. di una vera e propria sfida per modernizzare non solo i sistemi di welfare ma anche quelli dell educazione (intesa all anglosassone) e della formazione. Il life long learning è lo strumento principale che i lavoratori hanno in mano aumentare la sensibilità dei lavoratori sul tempo impiegato le loro opportunità di mobilità sociale e professionale: solo riqualificandosi e aggiornandosi continuamente si ha la possibilità di esplorare nuovi ambiti professionali, di crescere anche umanamente. Da questo punto di vista, c è ancora da fare, per aumentare da una parte la sensibilità dei lavoratori stessi verso il tempo che deve essere impiegato nell aggiornamento e nella formazione - che non è perso - ma anche delle aziende, in modo che abbiano della formazione una visione di investimento a medio e a lungo termine per la loro crescita complessiva. «Ci sono settori dei quali ancora non sono state esplorate tutte le potenzialità in termini occupazionali.» NATALE FORLANI L Amministratore delegato di Italia Lavoro è nato il 7 ottobre 1953 ad Osio Sopra, in provincia di Bergamo. Qui ha cominciato nel 1972 l attività sindacale come segretario provinciale degli Edili della FILCA CISL. Dopo un lungo percorso attraverso incarichi sempre più importanti, tra cui quello di Segretario europeo dei Sindacati edili e delegato CES per la definizione delle direttive sul lavoro mobile e temporaneo, nel 1991 è diventato Segretario confederale della CISL, incarico mantenuto fino al Dal 1995 al 1999 è stato Consigliere di Vigilanza dell INAIL. Nel 1999 è entrato nel Consiglio di Amministrazione di Italia Lavoro e dal maggio 2000 ricopre la carica di Amministratore Delegato, che l Assemblea gli ha rinnovato il 4 luglio 2002 e, per la seconda volta, il 3 agosto È stato estensore, insieme a Marco Biagi ed altri autori, del Libro Bianco sul Lavoro. che generano i successi HT

16 FOCUS DONNE IMPRENDITRICI UNA RISORSA DA VALORIZZARE E SOSTENERE L imprenditoria femminile negli ultimi anni si è sviluppata con successo. di Maria Rita Barberis PREMESSA Stiamo attraversando un periodo di forte crisi economica che a memoria storica è per certi versi sovrapponibile a quella verificatasi nel 29. Eppure, in questi tempi dalle avverse congetture vi è un segnale di mobilità della crescita imprenditoriale complessiva del Paese che proviene dalle imprese femminili, per lo più piccole (massimo 50 addetti e 10 milioni di euro di fatturato) e in molti casi classificabili come micro (massimo 10 addetti e 2 milioni di euro di fatturato). Si tratta di un dato peculiare in quanto determinante nel controbilanciare un saldo che in linea di massima sarebbe stato negativo. Un elemento, questo, ben recepito anche dalla Commissione Europea che considera l ingresso delle donne nel sistema produttivo una fonte latente di incremento economico e di impiego, oltreché un fattore basilare per incentivare l innovazione e l originalità di tutti i sistemi. Le donne, pur con mille difficoltà, si stanno facendo largo tra stereotipi ge HT

17 FOCUS nerali legati all occupazione femminile, sottraendosi per quanto possibile da situazioni di autosegregazione strisciante e offrendo all economia un surplus che è determinato dalla loro intraprendenza, dal desiderio di autonomia e di realizzare una propria idea investendo in buona volontà, competenze e creatività. L universo imprenditoriale femminile rappresenta quindi un fenomeno straordinario ed in crescita costante contraddistinto, come non mai, da una massiccia e significativa presenza di aziende guidate da donne non italiane, in particolare cinesi (le più numerose) seguite dalle colleghe marocchine, rumeni, albanesi, che hanno determinato l espansione delle ditte individuali guidate da donne. L impresa femminile è una avventura giovane, nata soprattutto dopo il 1980, eppure essa già emerge, seppur ancora in forma contenuta, al confronto della immobilità complessiva del tessuto imprenditoriale. LA SCINTILLA CHE SPINGE LE DONNE A FARE IMPRESA DISTINGUENDOSI Partiamo da un presupposto: le donne sono state relegate per tanti anni a ruoli privati ed a compiti di tipo sostanzialmente riproduttivi. A segnare una prima sostanziale modifica delle loro condizioni è stato l avvio dell era industrializzata e successivamente della terziarizzazione avvenuta dagli anni 70 in poi. Passaggi importanti, ma che in ogni caso non hanno risolto l ambiguità dei ruoli assegnati alle donne, spesso discriminate, schiacciate in mansioni tendenti a bassi livelli, con scarso peso sociale e con vertici assegnati a posizioni maschili. E oggi, quale cambiamento? Non esiste a tuttora una pari opportunità tra uomini e donne sul piano lavorativo/economico, tuttavia si sta avvertendo qualche segnale di trasformazione, almeno a livello di consapevolezza dei fatti. Innanzitutto, vi è una palese evoluzione socio-culturale, un accresciuto grado di istruzione delle donne e di attenzione alla formazione continua ed una maggiore cognizione delle proprie capacità, unita all ambizione di realizzarsi, di affermarsi professionalmente ed economicamente. Inoltre, tra le difficoltà di trovare un lavoro dipendente, di avanzare nella carriera (ricordiamo il famoso soffitto di vetro) e di conciliare i tempi di vita e i tempi di lavoro, che presentano ancora evidenti frammentarietà, si fa spazio nella coscienza delle donne l aspirazione di autonomia e di dare il meglio di sé stesse attraverso la concretizzazione della propria idea imprenditoriale. Questi sono fattori che hanno spinto e stanno spingendo tuttora le donne a mettersi in gioco e sperimentare forme di lavoro autonomo. Ed è proprio in questo inedito panorama, dominato dal connubio tra elementi individuali e sollecitazioni esterne, che si inserisce la crescita dell imprenditoria femminile. Giusto per dare qualche dato, sono il 23,5% le imprese attive in Italia guidate da donne, che rappresentano un soggetto economico di punta, in possesso di una formazione sempre più di qualità volta a fare riconoscere il proprio valore. A dispetto di pregiudizi e di scetticismi le donne sanno fare impresa. E anche se non riescono ancora a diventare un vero e proprio modello, lo stile al femminile si sta dimostrando un fattore vincente per presenza sul totale delle imprese nazionali e per risultati economici. Il tratto distintivo delle donne imprenditrici è quello di essere versatili, di avere una buona propensione alla novità, all intuizione di prodotti/servizi e di essere caparbie, determinate nel perseguire i propri obiettivi. Una flessibilità eclettica già sperimentata nella loro esperienza familiare. Esse sanno farsi carico dei pro- «Non esiste a tuttora una pari opportunità tra uomini e donne sul piano lavorativo/ economico.» 17 - HT

18 FOCUS «Un gran numero di imprenditrici si scontra con la gestione di intrigate faccende burocratiche fatte di leggi da interpretare, di norme da applicare correttamente.» blemi, sono pragmatiche, affrontano questioni delicate, sono inclini all analisi, al brainstorming, sanno prendere decisioni, ponderando eventuali rischi, ma soprattutto hanno un indole propensa alle relazioni sociali, all ascolto, all attenzione verso l altro. Il successo sembra provenire anche dalla spiccata attenzione per i clienti, improntata al servizio ed all assistenza, dalle caratteristiche innovative del prodotto/servizio offerto e dalla competitività dei prezzi. Ma il valore aggiunto dell imprenditoria femminile è testimoniato altresì da altri fattori peculiari, quali: rappresentare un traino dell intero aggregato dell imprenditorialità italiana occupare ampi spazi di mercato e segmenti un tempo monopolio degli uomini. Infatti, se i tassi di aziende rosa più elevati si annoverano ancora in settori da tradizione caratterizzati dalla presenza femminile: i servizi alle persone, la sanità, il turismo, l agricoltura, forte è la tendenza da parte delle donne imprenditrici di invadere ambiti solitamente appannaggio degli uomini (es. logistica, servizi professionali intellettuali, trasporti, attività immobiliari, ricerca e sviluppo, ecc.) attuando un lento, progressivo superamento degli stereotipi di genere determinare un aumento significativo di formule societarie diverse dall impresa individuale semplice meno strutturata. Vi è infatti un trend in crescita di forme giuridiche più complesse come le società di capitali, le società di persone, i consorzi, le cooperative. Tante sono le storie di donne con realtà diverse, con carattere e personalità agli antipodi, ma unite da un sogno : quello di svolgere un lavoro indipendente. Ebbene, tra queste c è chi proviene da una famiglia imprenditrice, chi ha ereditato un azienda e chi invece ha creato tutto da sola. Eppure in questi spaccati di vite diverse l essenza è sostanzialmente una: la determinazione di perseguire e realizzare un grande progetto ed il coraggio e la tenacia di non demordere mai, anche nei momenti più duri, quelli in cui la salita è ardua e apparentemente senza fine. Nelle aziende costituite dalle donne c è tutta la loro vita, il tempo sottratto a sé stesse ed alla loro famiglia ed il coraggio di andare controcorrente, scontrandosi a volte anche nei confronti di amici, parenti e familiari. Le imprese femminili sono un universo immenso, dinamico e in continua trasformazione tra novità ed incertezze. Una scommessa voluta con grande passione e con tanta incertezza e paura per gli ostacoli cui si deve affrontare per andare avanti e vincere. COME REAGISCONO LE IMPRENDITRICI DI FRONTE AGLI OSTACOLI DA SUPERARE Le difficoltà maggiori incontrate al momento di avviare una attività sono rap HT

19 FOCUS presentate per quasi la totalità delle neoimprenditrici: dalla burocrazia dal reperimento del capitale dalla conciliazione dei tempi Un gran numero di imprenditrici si scontra con la gestione di intrigate faccende burocratiche fatte di leggi da interpretare, di norme da applicare correttamente. In taluni casi ciò rappresenta un motivo per desistere dall iniziare una attività o dal richiedere finanziamenti e/o agevolazioni pubbliche. Altri ostacoli molto sentiti, sia nell avvio dell attività sia nelle fasi successive, sono la conciliazione dei tempi della vita privata delle imprenditrici e l accesso al credito, ovvero il reperimento dei capitali. In particolare, per quanto riguarda la conciliazione dei tempi la maggioranza delle imprenditrici, stando agli esiti di recenti indagini, ammette che la condizione imprenditoriale lascia sempre meno tempo per la famiglia, che spesso rischia di trascurala, e per la cura di sé. E se la conciliazione (famiglia-lavoro) nel momento in cui le donne attivano la propria azienda, rappresenta il secondo ostacolo maggiore dopo quello della burocrazia, successivamente diventa il freno principale alla piena realizzazione del proprio progetto imprenditoriale. Ciò non sembra comunque frenare la voglia delle donne di perseguire un lavoro autonomo. E CHE DIRE DELL ACCESSO AL CREDITO PER LO START-UP? Spesso l avvio della propria azienda avviene grazie al credito bancario, oppure ricorrendo a mezzi propri o della famiglia o alle agevolazioni pubbliche. Fare ricorso al sistema bancario durante il varo dell azienda è in molti casi una strada difficile da percorrere, per i problemi incontrati proprio nell accedere al credito. Ci sono difficoltà nel rapporto con le banche all inizio dell esperienza imprenditoriale soprattutto per le aziende del settore manifatturiero, che si caratterizzano per alte esigenze di investimento. Seguono altri comparti, quali: commercio, agricoltura per i quali l accesso al credito è un deterrente nello sviluppo dell impresa. Un numero sempre più crescente di donne fa ricorso ai finanziamenti pubblici (L. 215/90) strumenti messi a disposizione dell amministrazione pubblica e dalle associazioni di categoria. Un supporto spesso fondamentale nella fase di start-up e non solo. Tra i finanziamenti preferiti, oltre a quelli a fondo perduto spiccano i prestiti a tasso agevolato, i crediti di imposta e le garanzie per facilitare il credito bancario. In mezzo a questo groviglio di ostacoli, come reagiscono le imprenditrici? Le imprenditrici di fronte alle difficoltà mettono in azione differenti canali, tra cui anche quelli sottovalutati nella fase iniziale. E qui è bene soffermarsi su un aspetto importante. Dalle indagini emerge che la maggioranza delle imprenditrici non compie alcuna analisi di mercato e/o delle sue capacità professionali prima di sviluppare la propria idea imprenditoriale. Nei pochi casi in cui avvenga, la potenziale imprenditrice si affida alle proprie conoscenze oppure ai consigli e pareri di amici, parenti, conoscenti. Questo si verifica non tanto per la mancanza di punti di riferimento istituzionali, quanto per una scarsa sensibilità ad affrontare ex ante una pianificazione analitica dell attività. Tuttavia, nel momento in cui, lungo il percorso imprenditoriale, vengono percepiti degli ostacoli, le neo imprenditrici in tal caso sono spinte a rivolgersi sempre più spesso a consulenti esterni per ottenere suggerimenti e consigli, soprattutto «La maggioranza delle imprenditrici ammette che la condizione imprenditoriale lascia sempre meno tempo per la famiglia.» 19 - HT

20 FOCUS dal punto di vista burocratico. Si bussa la porta quindi ad Associazioni di categoria, Camera di commercio, Enti e non da ultimo viene chiesto l appoggio ad altre imprenditrici / colleghe con esperienza. È a questo filone che si ispirano peraltro i progetti come il mentoring promosso da alcune Regioni italiane. Vi è poi un altra importante risorsa alla quale attinge una imprenditrice su tre: la formazione permanente. Un valido modo per aggiornare e riqualificare le proprie conoscenze. In particolare, secondo recenti studi, le società più propense alla formazione risultano essere le cooperative, seguite dalle società di capitali, dalle società di persone e come ultime dalle ditte individuali. La richiesta di formazione è rivolta in particolare a corsi di marketing, comunicazione, materie tecniche inerenti alla professione oppure legate all informatica, alle lingue straniere. Resta ancora un bacino di contenuti formativi su cui le donne si soffermano poco, considerata la loro importanza, e che riguardano la sicurezza, l ambiente, la finanza, la qualità. In ogni caso pur tra i tanti ostacoli e disagi, oltre la maggioranza delle imprenditrici dichiara che ripeterebbe la scelta di lavoro indipendente. Vi è quindi una soddisfazione generalizzata che collima con il successo economico delle aziende. CONCLUSIONE L analisi dei dati dimostra che le donne sono sempre più attive sul mercato del lavoro, per capacità e professionalità, ma c è ancora molto da fare per garantire una sostanziale presenza femminile. È necessario innanzitutto impegnarsi nell eliminare tutti quei vincoli e quelle barriere che gravano sull impegno lavorativo delle donne, concedendo maggiore attenzione alla flessibilità dei tempi e sposando la cultura del risultato. Occor- re intervenire e rimuovere quegli ostacoli (burocratici, conciliazione, finanziamenti) che frenano le donne nei processi di creazione imprenditoriale, sostenendole nella realizzazione dei loro progetti attraverso un costante e capillare percorso formativo, che consenta una valorizzazione delle competenze individuali e dia loro gli strumenti manageriali necessari a favorire lo sviluppo di imprese più complesse e concorrenziali. Non basta quindi constatare che le donne sono brave, lavorano con metodo, sono propense alla mediazione, bisogna offrire loro l occasione per dimostrarlo, mettendole nelle condizioni di essere competitive sul mercato del lavoro e di dare il meglio di sé stesse. «Gli ostacoli che frenano l imprenditoria al femminile sono burocratici, di conciliazione e i finanziamenti.» 20 - HT

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Presentazione Formazione Professionale

Presentazione Formazione Professionale Presentazione Formazione Professionale Adecco Training Adecco Training è la società del gruppo Adecco che si occupa di pianificare, organizzare e realizzare progetti formativi che possono coinvolgere lavoratori

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli