HUMAN TRAINING. METIS le strategie per vincere la crisi LA RIVISTA DELLA FORMAZIONE PER VALORIZZARE LA CONOSCENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HUMAN TRAINING. METIS le strategie per vincere la crisi LA RIVISTA DELLA FORMAZIONE PER VALORIZZARE LA CONOSCENZA"

Transcript

1 HUMAN TRAINING Anno 2 N 7 Giugno Luglio 2009 LA RIVISTA DELLA FORMAZIONE PER VALORIZZARE LA CONOSCENZA Periodicità bimestrale - Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento postale- D.L. 353/2003 (conv.in L.27/2/2004 n.46) art.1 comma 1 - CNS VR - 8,00 - chf 13 METIS le strategie per vincere la crisi PIERMARIO DONADONI a.d. Metis FOCUS Lo sviluppo dell imprenditoria femminile nel nuovo secolo SCHEDE DIDATTICHE IL CAPO IL BUDGET GLI EVENTI 1 - HT L OPINIONE DI... WILLIAM GRIFFINI Le opportunità di lavoro nella green energy

2 2 - HT FORMIAMO TALENTI PER UN MONDO DI SUCCESSO trasformazioni I SEMINARI DEL NEGATIVO per essere vincenti I seminari del negativo nascono da una lunga ricerca fatta dalla Power Training per codificare i cosiddetti Saperi svantaggiosi ossia tutti quei comportamenti di insuccesso che generano conflitto ed inefficienza. COME PERDERE TEMPO E NON CONCLUDERE I LAVORI Che cosa si ottiene dal seminario? Riconoscere i ruba tempo e limitarne i danni I principali errori che favoriscono la non conclusione dei lavori Rispettare le scadenze nonostante gli imprevisti e le interruzioni Limitare gli effetti negativi dello stress trasformandolo in stimolo positivo Milano 8/9 settembre COME FARSI ODIARE DAI PROPRI COLLABORATORI Conoscere tutte le possibili minacce che impediscono lo sviluppo di una leadership di successo. Che cosa si ottiene dal seminario? Conoscere cosa non fare per generare conflitto e demotivazione Evitare di utilizzare una leadership al negativo Capitalizzare il potenziale dei collaboratori Conoscere a fondo i propri punti di forza e le aree di miglioramento Milano 10/11 settembre COME ESSERE SICURI DI PERDERE LE VENDITE I più ricorrenti errori che non permettono di chiudere le trattative. Che cosa si ottiene dal seminario? Conoscere i diversi errori che vengono commessi durante le Esaminare e migliorare le proprie tecniche di vendita, Aumentare le chiusure delle proprie vendite. Milano 15/16 settembre A TUTTI GLI ISCRITTI VERRÀ OMAGGIATO UN ABBONAMENTO ANNUALE A HUMAN TRAINING Per iscrizioni e informazioni Via Olmetto, Milano

3 EDITORIALE RINNOVIAMO L OFFERTA FORMATIVA TRAMITE LA RICERCA Negli anni Ottanta, quando iniziai ad occuparmi di formazione, non vi era, sull argomento, una prospettiva ben definita nell immaginario collettivo, e sovente dovevo spiegare agli altri che mestiere facevo. Oggi, al contrario, tutti sanno cos è la formazione, definita nell abusato vocabolario collettivo, ma soprattutto in quello politico. Se ieri la praticavano solo le grandi aziende o le multinazionali, oggi vi accede anche la piccola impresa, sua sponte o per costrizione normativa. Usava dirmi, con una punta di fierezza, uno storico imprenditore italiano: Vede, ai miei addetti alla contabilità abbiamo fatto un corso d inglese, riescono a farsi pagare prima dai clienti esteri. Pertanto ci si è persuasi che formare le risorse umane non è un aggravio di costi o una prassi d èlite, ma un propulsore del Sistema Paese (sebbene fra i non addetti ai lavori permanga una certa confusione sulla differenza tra educazione, addestramento e formazione). In questo scenario l aumento della consapevolezza sui benefici della formazione non è andato di pari passo con l evolversi dell offerta formativa. La sudditanza alle metodologie e ai contenuti anglosassoni, altamente diffusa nelle proposte degli operatori, - è noto che in Italia contenuti e metodiche tipiche della formazione aziendale vengono importati a cavallo degli anni 50/ 60 e poi si diffondono tra gli anni 80 e i 90 - ha inibito una ricorrente attività di ricerca. Non essendoci una costante volontà di fare ricerca e sviluppo, e non esistendo, ipso facto, innovazione, si ricorre pigramente o per consuetudine alle stesse metodologie e contenuti utilizzati cinquant anni fa. Fare ricerca per rivitalizzare in toto l offerta, specificandola in funzione alle specifiche esigenze di sviluppo dei segmenti produttivi, deve essere l imperativo per il prossimo decennio. Solo potenziando la ricerca il settore della formazione potrà divenire fattore imprescindibile della nervatura economica del Paese; ma il settore, da solo, non può far fronte agli investimenti necessari per la ricerca stessa. Pertanto la politica, così brava ad abusare del concetto di formazione, deve risolversi a varare delle azioni al fine di colmare questo gap. Come? Per esempio, creando un fondo specifico per la ricerca sulla formazione, sostenuto dal contributo dello 0,30 % per i fondi interprofessionali. Avere buone metodologie per erogare buoni contenuti deve essere la nuova coscienza per questo secolo. Carlo Barberis 3 - HT

4 HUMAN TRAINING LA RIVISTA DELLA FORMAZIONE PER VALORIZZARE LA CONOSCENZA Anno 2 N 7 Giugno-Luglio 2009 Sommario EDITORIALE 3 Rinnoviamo l offerta formativa tramite la ricerca. COVER STORY 7 Metis al servizio delle risorse umane. INTERVISTE 10 Banche Popolari, valore aggiunto nel sistema del credito. 13 Italia Lavoro, puntiamo tutto sul capitale umano. FOCUS 16 Donne imprenditrici, una risorsa da valorizzare e sostenere. LE SCHEDE DI HT 23 Il capo e i suoi collaboratori. 33 Il budget. 39 Il marketing degli eventi. TAVOLA ROTONDA 46 Formazione, flessibilità, innovazione la sfida di confartigianato giovani. L OPINIONE DI Crisi economica ed enti di formazione. 54 Piccole, solide e con tanta voglia di creare. Quando l unione produce lavoro. 56 AAA manager qualificato nelle energie rinnovabili cercasi. 58 L Advocacy. Una necessità per la giustizia italiana. 60 Innovare per competere. 62 Sciaky Europe, una business school per il settore alberghiero. 64 La delega, strumento fondamentale per aumentare la performance del team. INTERNAZIONALE 65 Tagliare i budget promozionali o aumentarne l efficacia? CONTROEDITORIALE 66 L efficienza della Pubblica Amministrazione tramite la formazione. G. De Lucia Lumeno pag. 10 Natale Forlani pag. 13 Schede pag.23 Andrea Auriemma pag. 52 Federico Bolondi pag. 60 HT HUMAN TRAINING Direttore Responsabile: Carlo Barberis Direttore editoriale: Vittorio Baroffio Collaboratori: S. Airoldi, E. Avanzi, A. Baldi, M.R. Barberis, S. Cera, A. Diotallevi, C. Osnago Gadda, A. Mandelli, G. Robilotta, G. Rossi. Segreteria di redazione: Michela Corradin Realizzazione grafica: Fabio Meroni - Studio Slash Pubblicità: Carlo Traldi Tel HT Human Training è pubblicato da C.R.I.S.O.F. S.c.a.r.l Milano Via Olmetto, 5 Tel Fax e mail sito: Stampa: Arti Grafiche Stefano Pinelli Milano v. R. Farinelli, 8 Registrazione tribunale di Milano N 48 del 23/01/08 Costo copia 8,00 - Abbonamento annuo Italia 40,00, abbonamento Estero 60,00 versare l importo mediante bonifico bancario presso Banca Popolare d Intra Codice IBAN IT 29 AO , oppure inviare assegno presso la sede della rivista. L abbonamento sarà attivo dal momento di ricevimento del pagamento e può decorrere da qualsiasi periodo. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte della rivista può essere riprodotta in qualsiasi forma o rielaborata con l uso di sistemi elettronici, o riprodotta, o diffusa, senza l autorizzazione scritta dell editore. Manoscritti e foto, anche se non pubblicati, non vengono restituiti. 4 - HT

5 5 - HT

6 Macef Chibi&Cart Festivity Bijoux Chibimart Inverno Chibimart Affari d'estate Chibidue Lift Miart Tuttofood P iù di i visitatori l anno, provenienti da ogni parte del mondo, circa espositori. Sono i visitatori e gli espositori delle manifestazioni fieristiche specializzate firmate Fiera Milano International. Tanti nomi diversi, diversi settori coinvolti, un unica grande qualità: quella degli spazi, dei servizi e dell organizzazione garantita da FMI, il più grande promotore di fiere del Paese. Un partner competente per le associazioni produttive e le istituzioni, con il quale sviluppare business, formazione, informazione, internazionalità. Per dare al mondo la possibilità di incontrarsi, 6 - HT di conoscere, di crescere.

7 COVER STORY METIS AL SERVIZIO DELLE RISORSE UMANE L agenzia per il Lavoro a capitale interamente italiano, specializzata nella ricerca, selezione, formazione e gestione delle risorse umane, tiene testa alla crisi strizzando l occhio all internazionalizzazione. di Chiara Osnago Gadda Sono ormai passati 12 anni dall introduzione del lavoro temporaneo in Italia. Era infatti il 1997 quando l Unione Europea, con una sentenza denominata Job Centre II (n.181), condannava l Italia per la mancanza di libera concorrenza nel mercato del lavoro, allora sotto stretto monopolio del settore pubblico. Quella sentenza aprì le porte al Pacchetto Treu (Legge 196/1997) che introduceva le Società di Fornitura di Lavoro Temporaneo in Italia che poi, per effetto della Riforma Biagi (Legge 30/2003; D.Lgs 276/2003), si sarebbero trasformate in Agenzie per il Lavoro. Le Agenzie per il Lavoro, in questi 12 anni, hanno svolto un indubbia funzione sociale. Da un lato hanno affiancato le imprese nella loro necessità di gestione della flessibilità (picchi di lavoro, sostituzioni di lavoratori assenti, stagionalità) garantendo la tutela dei lavoratori con contratti conformi a quelli stipulati dalle stesse aziende per i propri dipendenti. Dall altro sono state un efficace servizio per l impiego, in particolare per i giovani in cerca di prima occupazione, per i lavoratori con necessità di reintegrazione o riposizionamento nel mondo del lavoro. Tra i più importanti player del settore si distingue Metis Spa. Una società a capitale interamente italiano, fondata nel 2000, con tre investitori istituzionali, Unicredit, Generali, PAM ed altri investitori privati nel suo azionariato. E proprio perchè operare nel settore delle Agenzie per il Lavoro comporta un dovere di responsabilità sociale evidente ed immediato, da alcuni anni Metis S.p.A., presenta, insieme al Bilancio d Esercizio, anche un Bilancio Sociale. Uno strumento di trasparenza e di dialogo con i propri interlocutori attraverso il quale l azienda vuole analizzare l impatto sociale della sua attività e al tempo stesso condivide- 7 - HT

8 COVER STORY «Attraverso un costante processo di crescita e sviluppo, una strategia di differenziazione e specializzazione dei servizi e un attento controllo di gestione, Metis punta a massimizzare i risultati per creare valore.» re le iniziative e i progetti no profit che ha posto in essere. La CSR infatti, è una scelta che va oltre la politica d immagine o le attività filantropiche dell azienda, ma che fa riferimento all ambito sociale in cui Metis opera. Sia internamente che esternamente, Metis è impegnata ad offrire standard sempre più elevati di servizio, di qualità del lavoro, di prospettive di carriera, d inserimento e reinserimento nel mercato dell occupazione. Human Training ha intervistato Piermario Donadoni, amministratore delegato di Metis, per capire come opera un azienda leader. Come si propone Metis al mercato di riferimento? Metis si propone come un soggetto polifunzionale, in grado di offrire alle aziende clienti e ai lavoratori diverse tipologie di servizi, grazie anche alla strategia di differenziazione che ha visto la creazione di quattro società controllate, Partis, Gestis, Seltis e Formetis, che operano tutte nell ambito delle risorse umane. In particolare, Partis si occupa di servizi di outsourcing del personale; Gestis è una società di servizi operante nell ambito della gestione amministrativa per il personale; Seltis srl è una società di ricerca e selezione che affianca le imprese nella scelta di professionisti che saranno chiamati a svolgere un ruolo strategico all interno dell azienda, Formetis è una società di formazione certificata UNI EN ISO 9001/2000, all interno della quale operano due divisioni specializzate: Formetis Finanziata e Formetis Manageriale. Solo nell anno 2008, Formetis ha erogato ore e corsi totali, attraverso quattro tipologie di formazione: base, professionale, continua e on the job. Che servizi offre? L obiettivo di Metis è quello di reclutare, selezionare, formare e gestire risorse umane qualificate e motivate, inserendole all interno delle aziende clienti. Inoltre, offre soluzioni personalizzate alle imprese seguendo con attenzione le loro esigenze di flessibilità nella gestione delle risorse umane, velocità ed efficacia nel processo di ricerca e selezione e corretta gestione amministrativa del personale. Due sono i servizi principali di Metis: la somministrazione del lavoro, la ricerca e selezione del personale (fascia media). La somministrazione del lavoro è un ambito in cui assume i lavoratori e li mette a disposizione delle aziende clienti (utilizzatrici) per un periodo di tempo stabilito, occupandosi dell intero processo di ricerca, selezione e gestione amministrativa (servizio tradizionale) oppure, nel caso in cui un lavoratore sia già a disposizione dell azienda, solo l assunzione e la gestione di tutte le procedure amministrative (servizio payroll).la ricerca e selezione del personale invece è un attività di consulenza, volta all individuazione di candidature idonee a ricoprire specifiche attività all interno di un azienda, che inserisce tali figure professionali direttamente nel suo organico. E proprio per garantire il miglior servizio Metis punta su qualità e specializzazione del suo 8 - HT

9 COVER STORY all azienda cliente e al candidato, Metis svolge questa attività con una divisione dedicata: Metis Divisione Permanent. Essa risponde ai bisogni di selezione di personale delle aziende in modo completo e nel rispetto delle esigenze di flessibilità, specializzazione e velocità di risposta richieste da contesti di mercato sempre più dinamici. Inoltre, offre anche altri servizi complementari quali pre selezione con intervista telefonica, realizzazione di annunci di RPQ su siti specializzati o su stampa; acquisto di spazi pubblicitari per annunci; gestione data base curricula dell azienda cliente; organizzazione e gestione assessment group. Che tipo di formazione viene fatta ai propri lavoratori somministrati? Abbiamo il sistema formativo più evoluto, di tipo bilaterale (50% agenzie per il lavoro e 50% organizzazioni sindacali per il lavoro) dove si è creato il fondo per la formazione a favore delle società interinali: Forma.Temp. La nostra strategia per la formazione dei lavoratori è quella di fornire degli strumenti e conoscenze spendibili nell attività di somministrazione in modo da supportare le richieste dei clienti. Così facendo, si va a capitalizzare il bagaglio di conoscenze di ogni singolo lavoratore in modo tale che lo stesso possegga il know how spendibile sul mercato. State risentendo in qualche modo della crisi che attanaglia il mondo intero? Indubbiamente anche noi siamo toccati dalla crisi, anche se in maniera lieve ( rispetto al 2008 siamo a quota -21%) ed entro la fine dell anno contiamo di tornare alla pari. Abbiamo comunque chiuso 8 filiali e ne abbiamo accorpate 12. Dunque, di attive ora ce ne sono 134. Inoltre, proprio per fronteggiare la congiuntura globale negativa, abbiamo chiamato a far parte del nostro board Jerome Caille, che è stato amministratore delegato di Adecco Mondo e con lui abbiamo intenzione di mettere a punto un nuovo piano industriale che porterà all internazionalizzazione della società. Quali sono i plus di Metis? Anzitutto, per monitorare e comprendere le dinamiche del mercato del lavoro in Italia e per anticiparne quindi l evoluzione, Metis ha dato vita ad un Osservatorio permanente sul lavoro, che monitora gli indici più significativi del mercato relativamente a domanda e offerta di lavoro e elabora analisi periodiche, creando degli spunti di riflessione da condividere con istituzioni, media e opinioni pubbliche. Per comprendere maggiormente e analizzare i bisogni e i comportamenti delle aziende clienti e dei propri lavoratori, Metis realizza ogni anno, in collaborazione con le società di ricerche di mercato Ab Research, delle analisi specifiche di soddisfazione nei confronti del servizio offerto, comparandole con i risultati degli anni precedenti. Non dimentichiamo poi l innovazione dei processi (il contributo dell IT è infatti fondamentale per la perfetta riuscita di tutte le attività che compongono il processo lavorativo di Metis); il sistema di qualità (Metis ha certificato con l ente De Norske Veritas a livello europeo UNI EN ISO 9001/2000 tutte le fasi della sua attività: dalla ricerca dei candidati alla selezione, dalla gestione amministrativa fino alla formazione); la gestione del credito e il bilancio d esercizio; la specializzazione dei servizi; l immagine e la comunicazione esterna forte e vincente. Ma sono la preparazione e la competenza delle risorse umane della struttura, oltre alla loro motivazione, fattori determinanti del successo della società. «Oltre all attività socialmente utile che deriva dal suo core business, Metis sviluppa iniziative a sostegno di associazioni che operano per categorie sociali svantaggiate.» servizio varando un nuovo piano industriale. 9 - HT

10 INTERVISTA BANCHE POPOLARI VALORE AGGIUNTO NEL SISTEMA DEL CREDITO La formazione bancaria secondo Giuseppe De Lucia Lumeno, segretario generale dell Associazione Nazionale fra le Banche Popolari del credito. Banche, territorio, clienti e credito: l Associazione Nazionale fra le Banche Popolari è una delle realtà più consolidate del nostro tessuto economico. È un organismo che raccoglie in sé qualcosa come 99 istituti di credito, sportelli, soci, 9 milioni di clienti, dipendenti per 541 miliardi di euro di attivo. Sin dalla sua fondazione, nel 1876, l Asdi Andrea Mandelli sociazione ha fatto propri i principi cardine del Credito Popolare, contribuendo allo sviluppo di un identità forte e organica della Categoria, basata sul concetto chiave di localismo. Il localismo, come valorizzazione del territorio, impegno sociale e supporto alle Piccole e medie imprese e alle famiglie, rappresenta ancora oggi il carattere distintivo del Credito Popolare che, pur partecipando ai Solo con la formazione è possibile perpetuare 10 - HT

11 INTERVISTA Dottor De Lucia Lumeno, lei ha svolto a Taormina una relazione sui profili istituzionali delle banche popolari tra tradizione e innovazione. Come si coniugano oggi sul mercato questi due aspetti? Tradizione e innovazione rappresentano anche oggi un binomio inscindibile delle Banche Popolari e la storia ultracentenaria di questi intermediari lo dicambiamenti e alle innovazioni del panorama bancario, rimane fortemente ancorato alla sua vocazione originaria. Tutelare il Credito Popolare sotto il profilo normativo, promuovendone immagine e attività, costituisce l obiettivo primario per l Associazione che, in rappresentanza della Categoria, è chiamata a mantenere relazioni strategiche con le maggiori istituzioni di riferimento del Paese, così come del contesto comunitario e internazionale. L evoluzione delle Banche Popolari a partire dagli anni 90 ha determinato un intensa crescita dimensionale ed il conseguente adeguamento delle strutture organizzative. Tuttavia, grazie a una profonda consapevolezza della propria identità e ad un azione costantemente focalizzata sul localismo, le Banche Popolari, anche in virtù dell azione dell Associazione, sono riuscite a mantenere intatta la propria vocazione e lo spirito che da sempre le anima. A parlarci di questa realtà e dell importanza strategica che la formazione riveste in questo singolare rapporto tra credito e territorio è il segretario generale dell Associazione, Giuseppe De Lucia Lumeno. Dottor De Lucia Lumeno, quanto è importante la formazione del personale delle banche popolari? La formazione riveste un ruolo importantissimo per le banche Popolari. Solo attraverso di essa è possibile perpetuare nel tempo le caratteristiche e i valori propri della banca locale. Formazione è una parola che è ricorsa sovente nel corso del recente convegno di Taormina: si tratta di una mission istituzionale delle popolari, oppure è un esigenza accresciuta dalla crisi inter- nazionale? Le Popolari come già detto annettono alla formazione grande rilevanza. Da sempre sia a livello nazionale che internazionale, nell ambito dei rapporti con le consorelle europee, esse si sono occupate di formare i propri quadri dirigenti. Rapporti di collaborazione a questo fine sono particolarmente stretti con l Associazione della cooperazione bancaria tedesca, con Rabobank, eccetera. Cosa fanno le popolari per la formazione? Organizzazione di scuole di formazione, con specifico utilizzo delle migliori risorse manageriali a questo fine. «Le Popolari annettono alla formazione grande rilevanza. Da sempre, sia a livello nazionale che internazionale, si sono preoccupate di formare i propri quadri e dirigenti.» nel tempo i valori propri della banca locale HT

12 INTERVISTA mostra appieno. C è chi dice che il settore è obsoleto Ai critici ed agli scettici rispondo che i principi che caratterizzano le Popolari - sussidiarietà, mutualismo e solidarietà - sono attualmente più importanti che mai. Aggiungo che proprio la crisi finanziaria in atto sta facendo apprezzare dalla clientela, che non a caso è in crescita, la peculiare governance delle banche cooperative. Questo è vero per tutte le Popolari, al di là delle dimensioni? Quello di spaccare il settore assimilando alcune Popolari alle banche spa, è un luogo comune che va rimosso. Non è forse un evidente manifestazione della mutualità il fatto di mettere i servizi bancari a disposizione dei soci, che potranno, a loro scelta, usufruire dei servizi della banca, nella quale ciascuno, grazie al voto capitario, ha un peso decisionale identico?. Come si spiega le continue prese di posizione per una riforma che modifichi i capisaldi dell attuale disciplina? Una riforma può essere utile, anzi auspicabile, soltanto qualora aggiorni senza snaturare la natura cooperativa e localistica delle banche popolari. Nella nostra economia, come in quella di molti altri Paesi, non solo europei, c è spazio sul mercato sia per le banche S.p.A. che per le banche cooperative. Nella crisi attuale, il Credito Popolare sta svolgendo un insostituibile funzione anticiclica. «Nella nostra economia, come in quella di molti altri Paesi, non solo europei, c è spazio sul mercato sia per le banche s.p.a. che per le banche cooperative.» GIUSEPPE DE LUCIA LUMENO Laureato in Scienze Politiche all Università di Roma La Sapienza, con 110/110 e lode. Condirettore alla Banca Nazionale dell Agricoltura Direttore Centrale alla Banca Popolare di Verona Presidente BPV Vita s.p.a. Amministratore Delegato Banca d Affari Segretario Generale dell Associazione Nazionale fra le Banche Popolari 12 - HT

13 INTERVISTA ITALIA LAVORO PUNTIAMO TUTTO SUL CAPITALE UMANO Parla Natale Forlani, amministratore delegato di Italia Lavoro, ente strumentale del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. di Andrea Mandelli a formazione permanente è di- da anni un cardine delle Lventata politiche europee. Natale Forlani, presidente e amministratore delegato di Italia Lavoro, fa il punto sullo stato dell arte della formazione in Italia, tenendo presente le migliori prassi che si attuano nella comunità europea. Dottor Forlani, Italia Lavoro unisce domanda e offerta per ciò che concerne il mercato del lavoro. Come è possibile realizzare una strategia vincente anche nei momenti di crisi? La strategia vincente, sempre e a maggior ragione nei momenti di crisi, credo consista nel puntare sulle persone, su quello che viene definito il capitale umano, sulla valorizzazione dello specifico individuale e sull apporto che ciascuno, con le sue caratteristiche, può dare al buon andamento complessivo nei luoghi di lavoro e nella società. È nell ambito delle crisi che vengono i cambiamenti che seminano il successo delle imprese e dei contesti produttivi successivi. Quanto è importante la formazione dei lavoratori nel vostro settore? È fondamentale, dal momento che ci si occupa di persone, individui, con le loro caratteristiche, esigenze, il proprio specifico percorso. Da un lato bisogna che i nostri operatori siano competenti al massimo grado sulla normativa e su tutte le opportunità a disposizione di chi deve inserirsi o re-inserirsi nel mercato del lavoro; ma serve anche e, soprattutto, la capacità di accogliere, 13 - HT

14 INTERVISTA «È indispensabile riuscire a capire quali siano i percorsi più utili a tutti e a ciascuno.» di ascoltare, di capire quale può essere il percorso lavorativo e di vita più adatto alla persona che si ha di fronte. Entrando nel dettaglio, come sviluppate il processo di formazione all interno della vostra società? Ogni anno viene stilato un piano che cerca di rispecchiare, nella proposta formativa e di aggiornamento, le aree di intervento nelle quali Italia Lavoro è impegnata, ed è incrociato con i principali profili professionali aziendali. All interno di questo, cerchiamo di sviluppare delle proposte che possano adattarsi alle esigenze dei singoli: la nostra è una società nella quale le competenze sono elevate, anche ai livelli dove l operatività è maggiore, ed è indispensabile riuscire a capire quali siano i percorsi più utili a tutti e a ciascuno. Quanto tempo dedicate alla formazione? È bene ricordare che nella nostra attività l apprendimento è costante e strettamente integrato con l attività sul campo. La formazione è un percorso trasversale all attività della società, articolata in fasi e periodi che variano in base alle esigenze aziendali e dei lavoratori. Il mercato del lavoro è un ambito di per sé complesso, che si evolve e modifica in continuazione, dal punto di vista normativo ma anche dal punto di vista dei fabbisogni professionali delle aziende e delle aspettative di chi vi entra; e lo è ancora di più se ci si occupa - come fa Italia Lavoro - di realtà delicate e di target di popolazione con una difficoltà in più, rispetto al cittadino medio, ad entrare e a rimanere nel mondo del lavoro: dalle persone con disabilità agli immigrati, agli over 45 piuttosto che i cassintegrati o i lavoratori in mobilità. Oppure - target ancora più delicato - gli ex detenuti. Che ruolo gioca l uomo in una struttura complessa come la vostra? La risorsa umana è il centro della nostra attività, perché gli interventi di politica attiva del lavoro non possono più prescindere dalla singolarità e dalla specificità della persona che deve reinserirsi: presa in carico. Questa espressione molto usata dagli esperti e spesso poco chiara, significa proprio questo: agire avendo presente quella persona e non categorie, masse indistinte. Questo sistema di intendere gli interventi ha ovviamente una ricaduta sul modo di essere e di agire degli operatori di Italia Lavoro. Essenzialmente la nostra società, che usa tecnologie e metodologie evolute, è basata sull organizzazione delle competenze delle risorse umane interne, che collaborano dall esterno sui medesimi obiettivi. Formazione anche verso le aziende? Non propriamente verso le aziende, ma verso le persone che vanno ricollocate: individuata l azienda e la mansione, ci si impegna a formare o a riqualificare la persona con una formazione finalizzata, anche attraverso un incentivo all azienda on the job. Soprattutto verso gli operatori dei servizi per il lavoro che operano all interno dei nostri programmi. Un lavoratore che perde il posto oggi quante possibilità ha di trovare un nuovo lavoro? E se viene formato? Noi canalizziamo essenzialmente la formazione verso la domanda reale di lavoro e per progetti personalizzati. Certamente la crisi che stiamo affrontando non è semplice, anche e soprattutto dal punto di vista dell occupazione. Ci sono settori, tuttavia, dei quali ancora non sono state esplorate tutte le potenzialità in termini occupazionali e che potrebbero ora rive- Grazie alle crisi avvengono i cambiamenti 14 - HT

15 INTERVISTA larsi particolarmente fecondi, anche alla luce degli incentivi europei e statali, mirati proprio al sostegno alle imprese e alla ripresa occupazionale. Penso per esempio a tutto l ambito dei servizi alla persona che, con adeguati interventi anche dal punto di vista della tipologia contrattuale (ad esempio con il ricorso al lavoro accessorio) e fiscale, può, da un lato, uscire dalla semiclandestinità dei rapporti tra famiglie e badanti e, dall altro, sviluppare opportunità notevoli per chi è alla ricerca di lavoro. E poi penso a tutto l ambito dell innovazione tecnologica e delle energie rinnovabili. Su questo settore l Unione europea si è direttamente impegnata, chiedendo agli Stati membri di indirizzare principalmente gli aiuti alle imprese. Ovviamente, si tratta di settori nei quali è indispensabile una formazione ad hoc, ed una sinergia stretta tra meccanismi efficaci e trasparenti di incontro della domanda/offerta di lavoro e sistema della formazione. Da tempo anche in Italia si va affermando il concetto di long life learning. Quanto è importante per la carriera di un lavoratore? Da qualche anno, ormai, la formazione permanente lungo tutto l arco della vita è diventata un cardine delle politiche europee, che caratterizza anche la Strategia di Lisbona. Essa parla. di una vera e propria sfida per modernizzare non solo i sistemi di welfare ma anche quelli dell educazione (intesa all anglosassone) e della formazione. Il life long learning è lo strumento principale che i lavoratori hanno in mano aumentare la sensibilità dei lavoratori sul tempo impiegato le loro opportunità di mobilità sociale e professionale: solo riqualificandosi e aggiornandosi continuamente si ha la possibilità di esplorare nuovi ambiti professionali, di crescere anche umanamente. Da questo punto di vista, c è ancora da fare, per aumentare da una parte la sensibilità dei lavoratori stessi verso il tempo che deve essere impiegato nell aggiornamento e nella formazione - che non è perso - ma anche delle aziende, in modo che abbiano della formazione una visione di investimento a medio e a lungo termine per la loro crescita complessiva. «Ci sono settori dei quali ancora non sono state esplorate tutte le potenzialità in termini occupazionali.» NATALE FORLANI L Amministratore delegato di Italia Lavoro è nato il 7 ottobre 1953 ad Osio Sopra, in provincia di Bergamo. Qui ha cominciato nel 1972 l attività sindacale come segretario provinciale degli Edili della FILCA CISL. Dopo un lungo percorso attraverso incarichi sempre più importanti, tra cui quello di Segretario europeo dei Sindacati edili e delegato CES per la definizione delle direttive sul lavoro mobile e temporaneo, nel 1991 è diventato Segretario confederale della CISL, incarico mantenuto fino al Dal 1995 al 1999 è stato Consigliere di Vigilanza dell INAIL. Nel 1999 è entrato nel Consiglio di Amministrazione di Italia Lavoro e dal maggio 2000 ricopre la carica di Amministratore Delegato, che l Assemblea gli ha rinnovato il 4 luglio 2002 e, per la seconda volta, il 3 agosto È stato estensore, insieme a Marco Biagi ed altri autori, del Libro Bianco sul Lavoro. che generano i successi HT

16 FOCUS DONNE IMPRENDITRICI UNA RISORSA DA VALORIZZARE E SOSTENERE L imprenditoria femminile negli ultimi anni si è sviluppata con successo. di Maria Rita Barberis PREMESSA Stiamo attraversando un periodo di forte crisi economica che a memoria storica è per certi versi sovrapponibile a quella verificatasi nel 29. Eppure, in questi tempi dalle avverse congetture vi è un segnale di mobilità della crescita imprenditoriale complessiva del Paese che proviene dalle imprese femminili, per lo più piccole (massimo 50 addetti e 10 milioni di euro di fatturato) e in molti casi classificabili come micro (massimo 10 addetti e 2 milioni di euro di fatturato). Si tratta di un dato peculiare in quanto determinante nel controbilanciare un saldo che in linea di massima sarebbe stato negativo. Un elemento, questo, ben recepito anche dalla Commissione Europea che considera l ingresso delle donne nel sistema produttivo una fonte latente di incremento economico e di impiego, oltreché un fattore basilare per incentivare l innovazione e l originalità di tutti i sistemi. Le donne, pur con mille difficoltà, si stanno facendo largo tra stereotipi ge HT

17 FOCUS nerali legati all occupazione femminile, sottraendosi per quanto possibile da situazioni di autosegregazione strisciante e offrendo all economia un surplus che è determinato dalla loro intraprendenza, dal desiderio di autonomia e di realizzare una propria idea investendo in buona volontà, competenze e creatività. L universo imprenditoriale femminile rappresenta quindi un fenomeno straordinario ed in crescita costante contraddistinto, come non mai, da una massiccia e significativa presenza di aziende guidate da donne non italiane, in particolare cinesi (le più numerose) seguite dalle colleghe marocchine, rumeni, albanesi, che hanno determinato l espansione delle ditte individuali guidate da donne. L impresa femminile è una avventura giovane, nata soprattutto dopo il 1980, eppure essa già emerge, seppur ancora in forma contenuta, al confronto della immobilità complessiva del tessuto imprenditoriale. LA SCINTILLA CHE SPINGE LE DONNE A FARE IMPRESA DISTINGUENDOSI Partiamo da un presupposto: le donne sono state relegate per tanti anni a ruoli privati ed a compiti di tipo sostanzialmente riproduttivi. A segnare una prima sostanziale modifica delle loro condizioni è stato l avvio dell era industrializzata e successivamente della terziarizzazione avvenuta dagli anni 70 in poi. Passaggi importanti, ma che in ogni caso non hanno risolto l ambiguità dei ruoli assegnati alle donne, spesso discriminate, schiacciate in mansioni tendenti a bassi livelli, con scarso peso sociale e con vertici assegnati a posizioni maschili. E oggi, quale cambiamento? Non esiste a tuttora una pari opportunità tra uomini e donne sul piano lavorativo/economico, tuttavia si sta avvertendo qualche segnale di trasformazione, almeno a livello di consapevolezza dei fatti. Innanzitutto, vi è una palese evoluzione socio-culturale, un accresciuto grado di istruzione delle donne e di attenzione alla formazione continua ed una maggiore cognizione delle proprie capacità, unita all ambizione di realizzarsi, di affermarsi professionalmente ed economicamente. Inoltre, tra le difficoltà di trovare un lavoro dipendente, di avanzare nella carriera (ricordiamo il famoso soffitto di vetro) e di conciliare i tempi di vita e i tempi di lavoro, che presentano ancora evidenti frammentarietà, si fa spazio nella coscienza delle donne l aspirazione di autonomia e di dare il meglio di sé stesse attraverso la concretizzazione della propria idea imprenditoriale. Questi sono fattori che hanno spinto e stanno spingendo tuttora le donne a mettersi in gioco e sperimentare forme di lavoro autonomo. Ed è proprio in questo inedito panorama, dominato dal connubio tra elementi individuali e sollecitazioni esterne, che si inserisce la crescita dell imprenditoria femminile. Giusto per dare qualche dato, sono il 23,5% le imprese attive in Italia guidate da donne, che rappresentano un soggetto economico di punta, in possesso di una formazione sempre più di qualità volta a fare riconoscere il proprio valore. A dispetto di pregiudizi e di scetticismi le donne sanno fare impresa. E anche se non riescono ancora a diventare un vero e proprio modello, lo stile al femminile si sta dimostrando un fattore vincente per presenza sul totale delle imprese nazionali e per risultati economici. Il tratto distintivo delle donne imprenditrici è quello di essere versatili, di avere una buona propensione alla novità, all intuizione di prodotti/servizi e di essere caparbie, determinate nel perseguire i propri obiettivi. Una flessibilità eclettica già sperimentata nella loro esperienza familiare. Esse sanno farsi carico dei pro- «Non esiste a tuttora una pari opportunità tra uomini e donne sul piano lavorativo/ economico.» 17 - HT

18 FOCUS «Un gran numero di imprenditrici si scontra con la gestione di intrigate faccende burocratiche fatte di leggi da interpretare, di norme da applicare correttamente.» blemi, sono pragmatiche, affrontano questioni delicate, sono inclini all analisi, al brainstorming, sanno prendere decisioni, ponderando eventuali rischi, ma soprattutto hanno un indole propensa alle relazioni sociali, all ascolto, all attenzione verso l altro. Il successo sembra provenire anche dalla spiccata attenzione per i clienti, improntata al servizio ed all assistenza, dalle caratteristiche innovative del prodotto/servizio offerto e dalla competitività dei prezzi. Ma il valore aggiunto dell imprenditoria femminile è testimoniato altresì da altri fattori peculiari, quali: rappresentare un traino dell intero aggregato dell imprenditorialità italiana occupare ampi spazi di mercato e segmenti un tempo monopolio degli uomini. Infatti, se i tassi di aziende rosa più elevati si annoverano ancora in settori da tradizione caratterizzati dalla presenza femminile: i servizi alle persone, la sanità, il turismo, l agricoltura, forte è la tendenza da parte delle donne imprenditrici di invadere ambiti solitamente appannaggio degli uomini (es. logistica, servizi professionali intellettuali, trasporti, attività immobiliari, ricerca e sviluppo, ecc.) attuando un lento, progressivo superamento degli stereotipi di genere determinare un aumento significativo di formule societarie diverse dall impresa individuale semplice meno strutturata. Vi è infatti un trend in crescita di forme giuridiche più complesse come le società di capitali, le società di persone, i consorzi, le cooperative. Tante sono le storie di donne con realtà diverse, con carattere e personalità agli antipodi, ma unite da un sogno : quello di svolgere un lavoro indipendente. Ebbene, tra queste c è chi proviene da una famiglia imprenditrice, chi ha ereditato un azienda e chi invece ha creato tutto da sola. Eppure in questi spaccati di vite diverse l essenza è sostanzialmente una: la determinazione di perseguire e realizzare un grande progetto ed il coraggio e la tenacia di non demordere mai, anche nei momenti più duri, quelli in cui la salita è ardua e apparentemente senza fine. Nelle aziende costituite dalle donne c è tutta la loro vita, il tempo sottratto a sé stesse ed alla loro famiglia ed il coraggio di andare controcorrente, scontrandosi a volte anche nei confronti di amici, parenti e familiari. Le imprese femminili sono un universo immenso, dinamico e in continua trasformazione tra novità ed incertezze. Una scommessa voluta con grande passione e con tanta incertezza e paura per gli ostacoli cui si deve affrontare per andare avanti e vincere. COME REAGISCONO LE IMPRENDITRICI DI FRONTE AGLI OSTACOLI DA SUPERARE Le difficoltà maggiori incontrate al momento di avviare una attività sono rap HT

19 FOCUS presentate per quasi la totalità delle neoimprenditrici: dalla burocrazia dal reperimento del capitale dalla conciliazione dei tempi Un gran numero di imprenditrici si scontra con la gestione di intrigate faccende burocratiche fatte di leggi da interpretare, di norme da applicare correttamente. In taluni casi ciò rappresenta un motivo per desistere dall iniziare una attività o dal richiedere finanziamenti e/o agevolazioni pubbliche. Altri ostacoli molto sentiti, sia nell avvio dell attività sia nelle fasi successive, sono la conciliazione dei tempi della vita privata delle imprenditrici e l accesso al credito, ovvero il reperimento dei capitali. In particolare, per quanto riguarda la conciliazione dei tempi la maggioranza delle imprenditrici, stando agli esiti di recenti indagini, ammette che la condizione imprenditoriale lascia sempre meno tempo per la famiglia, che spesso rischia di trascurala, e per la cura di sé. E se la conciliazione (famiglia-lavoro) nel momento in cui le donne attivano la propria azienda, rappresenta il secondo ostacolo maggiore dopo quello della burocrazia, successivamente diventa il freno principale alla piena realizzazione del proprio progetto imprenditoriale. Ciò non sembra comunque frenare la voglia delle donne di perseguire un lavoro autonomo. E CHE DIRE DELL ACCESSO AL CREDITO PER LO START-UP? Spesso l avvio della propria azienda avviene grazie al credito bancario, oppure ricorrendo a mezzi propri o della famiglia o alle agevolazioni pubbliche. Fare ricorso al sistema bancario durante il varo dell azienda è in molti casi una strada difficile da percorrere, per i problemi incontrati proprio nell accedere al credito. Ci sono difficoltà nel rapporto con le banche all inizio dell esperienza imprenditoriale soprattutto per le aziende del settore manifatturiero, che si caratterizzano per alte esigenze di investimento. Seguono altri comparti, quali: commercio, agricoltura per i quali l accesso al credito è un deterrente nello sviluppo dell impresa. Un numero sempre più crescente di donne fa ricorso ai finanziamenti pubblici (L. 215/90) strumenti messi a disposizione dell amministrazione pubblica e dalle associazioni di categoria. Un supporto spesso fondamentale nella fase di start-up e non solo. Tra i finanziamenti preferiti, oltre a quelli a fondo perduto spiccano i prestiti a tasso agevolato, i crediti di imposta e le garanzie per facilitare il credito bancario. In mezzo a questo groviglio di ostacoli, come reagiscono le imprenditrici? Le imprenditrici di fronte alle difficoltà mettono in azione differenti canali, tra cui anche quelli sottovalutati nella fase iniziale. E qui è bene soffermarsi su un aspetto importante. Dalle indagini emerge che la maggioranza delle imprenditrici non compie alcuna analisi di mercato e/o delle sue capacità professionali prima di sviluppare la propria idea imprenditoriale. Nei pochi casi in cui avvenga, la potenziale imprenditrice si affida alle proprie conoscenze oppure ai consigli e pareri di amici, parenti, conoscenti. Questo si verifica non tanto per la mancanza di punti di riferimento istituzionali, quanto per una scarsa sensibilità ad affrontare ex ante una pianificazione analitica dell attività. Tuttavia, nel momento in cui, lungo il percorso imprenditoriale, vengono percepiti degli ostacoli, le neo imprenditrici in tal caso sono spinte a rivolgersi sempre più spesso a consulenti esterni per ottenere suggerimenti e consigli, soprattutto «La maggioranza delle imprenditrici ammette che la condizione imprenditoriale lascia sempre meno tempo per la famiglia.» 19 - HT

20 FOCUS dal punto di vista burocratico. Si bussa la porta quindi ad Associazioni di categoria, Camera di commercio, Enti e non da ultimo viene chiesto l appoggio ad altre imprenditrici / colleghe con esperienza. È a questo filone che si ispirano peraltro i progetti come il mentoring promosso da alcune Regioni italiane. Vi è poi un altra importante risorsa alla quale attinge una imprenditrice su tre: la formazione permanente. Un valido modo per aggiornare e riqualificare le proprie conoscenze. In particolare, secondo recenti studi, le società più propense alla formazione risultano essere le cooperative, seguite dalle società di capitali, dalle società di persone e come ultime dalle ditte individuali. La richiesta di formazione è rivolta in particolare a corsi di marketing, comunicazione, materie tecniche inerenti alla professione oppure legate all informatica, alle lingue straniere. Resta ancora un bacino di contenuti formativi su cui le donne si soffermano poco, considerata la loro importanza, e che riguardano la sicurezza, l ambiente, la finanza, la qualità. In ogni caso pur tra i tanti ostacoli e disagi, oltre la maggioranza delle imprenditrici dichiara che ripeterebbe la scelta di lavoro indipendente. Vi è quindi una soddisfazione generalizzata che collima con il successo economico delle aziende. CONCLUSIONE L analisi dei dati dimostra che le donne sono sempre più attive sul mercato del lavoro, per capacità e professionalità, ma c è ancora molto da fare per garantire una sostanziale presenza femminile. È necessario innanzitutto impegnarsi nell eliminare tutti quei vincoli e quelle barriere che gravano sull impegno lavorativo delle donne, concedendo maggiore attenzione alla flessibilità dei tempi e sposando la cultura del risultato. Occor- re intervenire e rimuovere quegli ostacoli (burocratici, conciliazione, finanziamenti) che frenano le donne nei processi di creazione imprenditoriale, sostenendole nella realizzazione dei loro progetti attraverso un costante e capillare percorso formativo, che consenta una valorizzazione delle competenze individuali e dia loro gli strumenti manageriali necessari a favorire lo sviluppo di imprese più complesse e concorrenziali. Non basta quindi constatare che le donne sono brave, lavorano con metodo, sono propense alla mediazione, bisogna offrire loro l occasione per dimostrarlo, mettendole nelle condizioni di essere competitive sul mercato del lavoro e di dare il meglio di sé stesse. «Gli ostacoli che frenano l imprenditoria al femminile sono burocratici, di conciliazione e i finanziamenti.» 20 - HT

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane

Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane Quadro di riferimento Le opzioni per le aziende per crescere e garantirsi continuità incrementano: si acquisiscono imprese o

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

Formazione & Selezione

Formazione & Selezione Formazione & Selezione Pensiero guida Esiste un lavoro fatto di persone che accolgono altre persone, noi accogliamo te per insegnartelo al meglio. Sede direttiva a Roma. Filiali: Brescia, Catania, Milano

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE

CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE Il consorzio è un opportunità di crescita per la micro e piccola impresa. Le imprese che si trovano a misurarsi in un mercato dove i competitor sono rappresentati

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE

INTERNAZIONALIZZAZIONE 1) 10 FEBBRAIO 2015 9:00 14:00 INTERNAZIONALIZZAZIONE Come aumentare il fatturato della Tua Azienda attraverso un approccio strategico ai mercati esteri Un metodo solido, strutturato, basato su una visione

Dettagli

Una nuova generazione per l albergo di domani

Una nuova generazione per l albergo di domani I Una nuova generazione per l albergo di domani Indagine su come i giovanni vedono il proprio futuro professionale. Lettura assai utile anche ai senior Il Gruppo Giovani Albergatori sta vivendo una stagione

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO La flessibilità è entrata a far parte, ormai da molti anni, degli strumenti di gestione delle risorse umane, quale irrinunciabile opportunità per poter rispondere

Dettagli

Chi può partecipare alla proposta?

Chi può partecipare alla proposta? Irecoop Veneto presenta l opportunità per le cooperative aderenti al fondo interprofessionale FONCOOP di utilizzare le risorse a Valere sull Avviso 21 per coltivare la crescita della propria organizzazione

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

HUMAN RESOURCE MANAGEMENT

HUMAN RESOURCE MANAGEMENT HUMAN RESOURCE MANAGEMENT Corso Post Lauream in Human Resource Management IL CORSO POST LAUREAM L Esperto in gestione delle Risorse Umane è una figura che si occupa della pianificazione, in base agli obiettivi

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA pro MARISA SAVORELLI Marisa Savorelli Parrucchieri D E L L E M I L I A R O M A G N A 2 L AZIENDA Attenzione al servizio ed assistenza per clienti

Dettagli

PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE

PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE Bando pubblico per la selezione di 20 candidate per il percorso formativo di sviluppo di nuove idee imprenditoriali al

Dettagli

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte La domanda iniziale La signora M.B. si è avvicinata

Dettagli

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre Profilo aziendale Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre competenze e aiutarvi ad ottenere di

Dettagli

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Roma 21 giugno 2006 PREMESSA Fin dalla loro costituzione i Comitati per le pari Opportunità del Gruppo Ferrovie dello Stato hanno

Dettagli

Il corso è rivolto agli imprenditori, ai responsabili commerciali e della comunicazione di aziende turistiche.

Il corso è rivolto agli imprenditori, ai responsabili commerciali e della comunicazione di aziende turistiche. OBIETTIVI 2 giornate formative che permetteranno di: Il corso è rivolto agli imprenditori, ai responsabili commerciali e della comunicazione di aziende turistiche. Differenziarsi dalla concorrenza Identificare

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

LABORATORI DI FORMAZIONE D IMPRESA 2015

LABORATORI DI FORMAZIONE D IMPRESA 2015 LABORATORI DI FORMAZIONE D IMPRESA 2015 Il Comitato per la promozione dell imprenditoria femminile della Camera di Commercio di Catanzaro prosegue l attività formativa intrapresa nel 2014 con i laboratori

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

RELAZIONE LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEL RAPPORTO SOSEL OUTSOURCING

RELAZIONE LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEL RAPPORTO SOSEL OUTSOURCING RELAZIONE LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEL RAPPORTO SOSEL OUTSOURCING C è un imperativo da cui non può prescindere chiunque svolga un attività economica ed è la formazione professionale continua.

Dettagli

Carta dei servizi. Servizi al lavoro

Carta dei servizi. Servizi al lavoro Carta dei servizi Servizi al lavoro 1 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Ente proponente presentazione generale... 3 2.1. Formazione professionale... 4 2.2. Servizi al lavoro... 5 2.3. Antidiscriminazione

Dettagli

Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012)

Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012) Codice Fiscale - 80000030181 Settore Affari Generali Gestione e Organizzazione Risorse Umane Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012) Pagina 1

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M.

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M. Sistema di qualità conforme allo standard ISO 9001:2008 certificato n 9175.AMB3 Autorizzazione Ministero del Lavoro n 13/I/0015692/03.04 per Ricerca e Selezione del Personale Autorizzazione Ministero del

Dettagli

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

Politica del personale del Gruppo CSS.

Politica del personale del Gruppo CSS. Politica del personale del Gruppo CSS. Noi disponiamo dei collaboratori e delle collabo - ratrici per affrontare le sfide del futuro. A Valori di politica del personale e prese di posizione della CSS 1

Dettagli

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* Indice UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 1. Le caratteristiche generali e strutturali 2 2. L analisi del processo di lavoro e le figure

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI PRESENTAZIONE DELL AZIENDA GRUEMP nasce nel 1993 come conseguenza di un percorso di formazione personale e professionale dei titolari e ispiratori del progetto, Claudio e Damiano Frasson, che hanno saputo

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy -

La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy - La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy - Pasquale Cicchella, HR Training and Development Manager, DHL Express Italy Simonetta

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

SFIDE AD ALTA QUOTA. Punta alla vetta. Quando uomini e montagne si incontrano, grandi cose accadono.

SFIDE AD ALTA QUOTA. Punta alla vetta. Quando uomini e montagne si incontrano, grandi cose accadono. GLI ANTIRUGGINE DELLA MENTE Crescere fuori dagli schemi Quando uomini e montagne si incontrano, grandi cose accadono. (William Blake) Obiettivi Il successo e la competitività aziendale dipendono dalla

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE OPERANTE IN ENTI ED ISTITUZIONI ASSISTENZIALI E SANITARIE

PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE OPERANTE IN ENTI ED ISTITUZIONI ASSISTENZIALI E SANITARIE PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE OPERANTE IN ENTI ED ISTITUZIONI ASSISTENZIALI E SANITARIE STUDIO FORMAZIONE ha sviluppato una competenza specifica nel settore della formazione rivolta a strutture

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 Corsi a Milano Contatto: Manuela Meletti Tel. 02-58370605 e-mail: formazione@assolombarda.it Percorso base in materia di sicurezza per dirigenti Fornire una panoramica

Dettagli

abilità di una persona a orientare, sostenere, e sviluppare le potenzialità di un individuo Abilità di counselling

abilità di una persona a orientare, sostenere, e sviluppare le potenzialità di un individuo Abilità di counselling Abilità di counselling abilità di una persona a orientare, sostenere, e sviluppare le potenzialità di un individuo Accompagnamento supporto orientativo offerto a un candidato da parte di un professionista

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

Gruppo di ricerca: Andrea Ganzaroli Luciano Pilotti Ivan De Noni Luigi Orsi

Gruppo di ricerca: Andrea Ganzaroli Luciano Pilotti Ivan De Noni Luigi Orsi 09 Novembre 2012 Università degli Studi di Milano Milano. Convegno: Imprese e imprenditorialità multiculturali tra varietà e innovazione nei sistemi produttivi locali e metropolitani Gruppo di ricerca:

Dettagli

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA A.A. 2011/2012 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Fabio Bartolazzi CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco

Dettagli

Percorsi e storie d impresa a Roma

Percorsi e storie d impresa a Roma Percorsi e storie d impresa a Roma Esperienze, valutazioni e prospettive degli imprenditori stranieri Sintesi dei principali risultati Indagine realizzata attraverso la somministrazione telefonica o diretta

Dettagli

I top manager non familiari nelle aziende familiari. Guido Corbetta e Daniela Montemerlo,

I top manager non familiari nelle aziende familiari. Guido Corbetta e Daniela Montemerlo, I top manager non familiari nelle aziende familiari Guido Corbetta e Daniela Montemerlo, Indice Parte I. Introduzione pag. 3 1. Una collaborazione necessaria e delicata 2. I timori e le opportunità da

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

1 Chi siamo? Learning School è composto da professionisti con anni di esperienza dedicati alla risoluzione di problemi connessi con la gestione delle risorse umane in azienda 2 Chi siamo? Ognuno con le

Dettagli

Laboratorio di Leadership - 2 a edizione Percorso esperienziale per sviluppare e potenziare il proprio stile di leadership Milano, 3-4-5 novembre 2004

Laboratorio di Leadership - 2 a edizione Percorso esperienziale per sviluppare e potenziare il proprio stile di leadership Milano, 3-4-5 novembre 2004 www.24oreformazione.com Laboratorio di Leadership - 2 a edizione Percorso esperienziale per sviluppare e potenziare il proprio stile di leadership Milano, 3-4-5 novembre 2004 Agricoltura Banche, Assicurazioni

Dettagli

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO Aggiornato il 9 luglio PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie...

Dettagli

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità.

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità. Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione Master Management e Sanità III edizione La Scuola Quattro sono le fonti dell apprendimento Un quarto colui

Dettagli

Corsi 2011. per Donne imprenditrici e aspiranti imprenditrici. Gestione operativa. Associazione Modenese Formazione Aziendale

Corsi 2011. per Donne imprenditrici e aspiranti imprenditrici. Gestione operativa. Associazione Modenese Formazione Aziendale Corsi 2011 per Donne imprenditrici e aspiranti imprenditrici Gestione operativa Associazione Modenese Formazione Aziendale Il Comitato per la Promozione dell imprenditoria Femminile di Modena organizza

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

L etica come investimento:

L etica come investimento: L etica come investimento: il coinvolgimento in cause sociali ragione sociale: Monti Ascensori S.p.a. provincia: Bologna addetti: 140 settore: installazione, manutenzione e riparazione di ascensori sito

Dettagli

IL MANAGER PARTECIPATIVO

IL MANAGER PARTECIPATIVO IL MANAGER PARTECIPATIVO Prof. Mario Mazzoleni www.mariomazzoleni.com www.labser.it Forlì, 4 maggio 2007 Il manager IL MANAGEMENT La persona o il gruppo o l organo destinati a guidare e gestire l impresa

Dettagli

Insegnamento facoltativo (Ai sensi dell art.9 c.2 del DPR 279/99 e del successivo art.10 c.2 lett. c)

Insegnamento facoltativo (Ai sensi dell art.9 c.2 del DPR 279/99 e del successivo art.10 c.2 lett. c) Insegnamento facoltativo (Ai sensi dell art.9 c.2 del DPR 279/99 e del successivo art.10 c.2 lett. c) Denominazione dell insegnamento: LABORATORIO DI COMUNICAZIONE E MARKETING Indirizzo destinatario dell

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

Di un elemento però non si può non rilevare l assenza: un cenno all idea che questo governo ha o vuole dare del sistema nazionale di istruzione.

Di un elemento però non si può non rilevare l assenza: un cenno all idea che questo governo ha o vuole dare del sistema nazionale di istruzione. La raccolta di riflessioni di seguito riportata riguardante il documento per la consultazione popolare La buona scuola, prodotta nell autunno scorso, vede ora alcune delle prospettive indicate riflettersi

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto!

Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto! Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto! Solidità e passione Il gruppo Frigerio Viaggi Facciamo muovere il mondo Frigerio Ugo e C.

Dettagli

QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE

QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il questionario è composto da 4 sezioni: 1. PROCESSI ED ATTIVITA PRIMARI e DI SERVIZIO 2. CONOSCENZE 3. ABILITA 4. CARATTERISTICHE PERSONALI

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli