CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA"

Transcript

1 Regione del Veneto CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA Vittorina Zagonel Dipartimento di Oncologia Clinica e Sperimentale Oncologia Medica 1, IOV-IRCCS, Padova

2 CURE SIMULTANEE Integrazione tra le terapie oncologiche attive e le cure palliative* dal momento della presa in carico del paziente oncologico. * Prevenzione, identificazione, valutazione e trattamento dei sintomi fisici, funzionali e dei problemi psicosociali e spirituali del malato nella fase avanzata-terminale di malattia, quando l outcome non è più la sopravvivenza. AIOM Tumori 95: , 2009.

3 CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA Le cure palliative iniziano quando inizia la sofferenza del malato e dei familiari ^. TERAPIE ANTITUMORALI CURE PALLIATIVE ^E. Bruera Lectio magistralis, Bentivoglio 2011.

4

5 Potential palliative interventions across the care continuum. Hennessy J E et al. JOP 2013;9:78-80

6 INDIVIDUALIZED PATIENT-CENTERED CARE

7 Vicenza Venezia L Aquila Roma FBF

8 Cure Simultanee: le tappe 2008: istituzione task force Cure palliative in oncologia con i referenti dei centri ESMO accreditati 2009: Position Paper AIOM tumori Gruppo di lavoro Ministero legge 38/2010 Tavolo di lavoro permanente Continuità di cura Progetto master & back (MD Anderson) Linee guida terapia del dolore e malnutrizione 2012:Presenza nel WG ESMO palliative care

9 Tavolo di lavoro Continuità di cura in Oncologia

10 Dal Curare al PRENDERSI CURA DAL CURARE AL PRENDERSI CURA

11

12 Cure Simultanee:le tappe 2013 indagine ESOPO dolore 2013 questionario soci sulle CS 2013 CONFERENZA NAZIONALE sulle CS 2014 documento di consenso sulle CS 2015:tavolo di lavoro AIOM-SICP 2015:inserimento CS in LG polmone 2016 inserimento CS in LG pancreas e altre patologie

13

14 IV corso residenziale AIOM continuità di cura in oncologia Roma marzo 2012

15 Tavolo di lavoro :Pubblicazioni 1 doc. AIOM Tumori 2009 Documento di consenso Tumori 2015 Esito questionari sub Dolore ESOPO BJC 2015 Raccomandazioni nutrizione sub. Raccomandazioni nutrizione sito AIOM Documento AIOM-SICP 2015 sito AIOM

16 Tavolo:Protocolli di ricerca Maltoni Maltoni Broglia

17

18

19 L offerta clinico assistenziale per i percorsi di fine vita va riproposta con una logica di sistema che riconosce come punto di partenza la condivisione dei percorsi, già a partire dalla fase di cura attiva. Il sistema deve garantire il percorso di cure palliative che inizia all interno del percorso di trattamento oncologico e coesiste con esso, proiettandosi fisicamente al di fuori delle mura degli ospedali, verso la rete di cure palliative.

20 Congresso ESMO, Vienna 2015

21 Congresso ESMO, Vienna 2015

22 SIMULTANEOUS CARE There is a clear evidence for improved outcomes in multiple domains: 1. symptoms 2. quality of end-of life care 3. provider satisfaction 4. cost of care Ramchandran K et al Oncology 27:1-18, 2013

23 CURE SIMULTANEE-IOV Palliativista :12/2011 Attivazione breefing reparto : 1/2012 Accreditamento ESMO: 9/2012 Ambulatorio cure simultanee:6/2012 Inserimento cure simultanee nei PDTA ROV di patologia: Riaccreditamento ESMO (tutto il dipartimento) : 9/2015

24 RESEARCH IOV-Comprehensive Cancer Center PADOVA TRAINING TRIALS SETTING of CARE MULTIDISCIPLINARY TEAMS GI Breast Lung Uro Brain Gynecologic Sarcomas Melanoma H&N Limphomas Tyroid others National & International Networks General Practitioner Home Care Services Hospice PALLIATIVE CARE PATIENT PHSYCHOLOGIC SUPPORT VOLUNTEER ONCO-GERIATRIC CLINIC ONCO-BONE CLINIC SIMULTANEOUS CARE CLINIC Oncologist Geriatritian Radiologist Oncologist Palliativist Radiotherapist Spine surgeon Endocrinologist Oncologist Palliativist Psychologist Nutritionist Nurse

25 Electronic Medical Report Palliativista Nutrizionista Psicologo

26 CURE SIMULTANEE-IOV Criteria for selection of patients with metastatic disease: KPS <= 60 or: Symptomatic disease (pain, occlusion) or: Prognosis <= 6 months, or: Psychological problems / depression or: Significant weight loss Any patient who in the opinion of the oncologist require assessment for supportive care. Weekly multidisciplinary clinic Signaling the patient to local services for taking charge

27 Dynamic model of palliative care. Partridge A H et al. JCO 2014;32:

28 Indicators of integration of oncology and palliative care programs:an international consensus. I 1. Presence of palliative care inpatient consultation team 2. Presence of palliative care outpatient clinic 3. Presence of interdisciplinary palliative care team 4. Routine symptom screening in the outpatient oncology clinic 5. Routine documentation of advance care plans in patients with advanced cancer 6. Early referral to palliative care 7. Proportion of outpatients with pain assessed on either of the last two visits before death Hui D et al. Ann Oncol July 9, 2015

29 Indicators of integration of oncology and palliative care programs: an international consensus. II 8. Proportion of patients with 2 or more emergency room visits in last 30 days of life (-) 9. Place of death consistent with patient's preference 10. Didactic palliative care curriculum for oncology fellows provided by palliative care teams 11. Continuing medical education in palliative care for attending oncologists 12. Combined palliative care and oncology educational activities for fellows/trainees 13. Oncology fellows have routine rotation in palliative care Hui D et al. Ann Oncol July 9, 2015

30 Clinical Pathway CRC

Oncologi e palliativisti. nelle cure simultanee

Oncologi e palliativisti. nelle cure simultanee Oncologi e palliativisti Bergamo, 6 maggio 2014 nelle cure simultanee IL DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE CURE PALLIATIVE PER LA QUALITA DI CURA E ASSISTENZA IN DEGENZA E A DOMICILIO Roberto Labianca Direttore

Dettagli

Ruolo centrale della Oncologia Medica e del Dipartimento Oncologico

Ruolo centrale della Oncologia Medica e del Dipartimento Oncologico Reti Oncologiche Regionali. La centralità del paziente oncologico Roma 29 Settembre 2009 Ruolo centrale della Oncologia Medica e del Dipartimento Oncologico Vittorina Zagonel U.O.C. Oncologia e Dipartimento

Dettagli

IL MODELLO REGIONALE DI INTEGRAZIONE TRA RETI E PDTA C. De Chirico F. Figoli L. Trentin

IL MODELLO REGIONALE DI INTEGRAZIONE TRA RETI E PDTA C. De Chirico F. Figoli L. Trentin IL MODELLO REGIONALE DI INTEGRAZIONE TRA RETI E PDTA C. De Chirico F. Figoli L. Trentin La variabilità dei problemi presentati dai malati oncologici e dalle loro famiglie suggerisce un offerta secondo

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Continuità di cura e cure simultanee: PDTA TUMORE DELLA MAMMELLA. Padova 21 Marzo 2016

Continuità di cura e cure simultanee: PDTA TUMORE DELLA MAMMELLA. Padova 21 Marzo 2016 Continuità di cura e cure simultanee: PDTA TUMORE DELLA MAMMELLA Padova 21 Marzo 2016 L. Trentin SC Terapia del Dolore e Cure Palliative Istituto Oncologico Veneto I.R.C.C.S. CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE

Dettagli

Ambulatorio di terapie simultanee e supporto

Ambulatorio di terapie simultanee e supporto Ambulatorio di terapie simultanee e supporto per i pazienti oncologici in fase avanzata di malattia Renzo Causarano, Responsabile UO Hospice Il Tulipano Affrontare la complessità della malattia oncologica

Dettagli

Tavola Rotonda Dolore episodico intenso o

Tavola Rotonda Dolore episodico intenso o Tavola Rotonda Dolore episodico intenso o Breakthrough pain: solo cancro? Vittorina Zagonel Coordinatore Tavolo AIOM continuità di cura in oncologia Oncologia Medica 1, Istituto Oncologico Veneto, IRCCS

Dettagli

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA?

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Convegno La cura alla fine della vita Brescia 20 febbraio 2010 QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Flavia Caretta Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica del

Dettagli

Lo Sviluppo delle Cure Palliative nel Veneto

Lo Sviluppo delle Cure Palliative nel Veneto Lo Sviluppo delle Cure Palliative nel Veneto Dott. C. De Chirico Resp. Unità di Cure Palliative ULSS N 7 Segretario SICP Veneto Coordinamento Regionale Veneto per le Cure Palliative e la Lotta al Dolore

Dettagli

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Breast Unit Città della Salute e della Scienza-Torino

Dettagli

Dal 2 Giugno 2014 a tutt'oggi. Istituto Oncologico Veneto IRCCS Padova

Dal 2 Giugno 2014 a tutt'oggi. Istituto Oncologico Veneto IRCCS Padova F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Vittorina ZAGONEL Indirizzo Via P. Scalcerle. 4/a Padova Telefono cell + 39 049.8215953-5910 + 39 348.4430311

Dettagli

Corsi di Laurea una cultura delle Cure Palliative

Corsi di Laurea una cultura delle Cure Palliative Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie Firenze 13-14 maggio 2011 Orientamenti nazionali per diffondere nei Corsi di Laurea una cultura delle Cure Palliative Maria Grazia

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

IL PROGETTO EUBIOSIA

IL PROGETTO EUBIOSIA INTEGRATAZIONE PUBBLICO NON PROFIT Esperienze di assistenza domiciliare agli anziani IL PROGETTO EUBIOSIA Raffaella Pannuti Presidente Fondazione ANT Italia ONLUS BACKGROUND AUMENTO DELLA MORTALITÀ PER

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Dott. Nicola Balestrieri

Dott. Nicola Balestrieri CENTRO DI SENOLOGIA ULSS 9 TREVISO LILT SEZ. TREVISO Dott. Nicola Balestrieri le chance di guarigione di una paziente dipendono sempre di più dal livello di competenza del centro presso il quale viene

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Governo Clinico. e HTA. Misurare i processidi salute e assistenziali per migliorare gli outcome di salute e di cura. Il contributo del gruppo

Governo Clinico. e HTA. Misurare i processidi salute e assistenziali per migliorare gli outcome di salute e di cura. Il contributo del gruppo Misurare i processidi salute e assistenziali per migliorare gli outcome di salute e di cura. Il contributo del gruppo Governo Clinico e HTA Alessandro Ozzello CoME faremo Misurare i processidi salute e

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

LE CURE PALLIATIVE NEI TUMORI DELLA TESTA E DEL COLLO. Ornella Carminati

LE CURE PALLIATIVE NEI TUMORI DELLA TESTA E DEL COLLO. Ornella Carminati LE CURE PALLIATIVE NEI TUMORI DELLA TESTA E DEL COLLO Ornella Carminati RIFLESSIONI AD ALTA VOCE Quindi relax! I dati di letteratura servono da spunto per qualche considerazione da condividere con gli

Dettagli

Terapia Oncologica e Interazione con la Riabilitazione Giuseppe Lombardi Vittorina Zagonel

Terapia Oncologica e Interazione con la Riabilitazione Giuseppe Lombardi Vittorina Zagonel Terapia Oncologica e Interazione con la Riabilitazione Giuseppe Lombardi Vittorina Zagonel Oncologia Medica 1, IOV- IRCCS, Padova «Dovresti guardare il cancro come l inizio di una nuova vita: dal momento

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Le cure di fine vita nel paziente anziano La rete dei servizi. Il ruolo dell Università

Le cure di fine vita nel paziente anziano La rete dei servizi. Il ruolo dell Università Le cure di fine vita nel paziente anziano La rete dei servizi Il ruolo dell Università Mauro Zamboni Clinica Geriatrica Università di Verona Rovereto, 16 Ottobre 2009 Auditorium Melotti, MaRT Theoretical

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 203 ESPERIENZA PROFESSIONALE del PERSONALE SANITARIO che INTERAGISCE con il SURVIVOR Convivere con la malattia avanzata al Domicilio e in

Dettagli

La Rete Oncologica della Liguria ed il Patient Service

La Rete Oncologica della Liguria ed il Patient Service (AIOM-Liguria) La Rete Oncologica della Liguria ed il Patient Service Cinzia Caroti Coordinatore Regionale Associazione Italiana di Oncologia Medica Genova, 20 maggio 2009 evoluzione Introduzione : PSSR

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA SALUTE E LE CURE PALLIATIVE: ASPETTI CLINICO-TERAPEUTICI

GLI OPERATORI DELLA SALUTE E LE CURE PALLIATIVE: ASPETTI CLINICO-TERAPEUTICI 32 MEDIC 2014; 22(1): 32-36 Quaderno GLI OPERATORI DELLA SALUTE E LE CURE PALLIATIVE: ASPETTI CLINICO-TERAPEUTICI Health care PersoNnel and PalliatiVe care: CLINICAL AND THERAPEUTICAL ASPECTS Terapie palliative

Dettagli

Il punto di vista dei valutati : I professionisti

Il punto di vista dei valutati : I professionisti 1 Le novità dei sistemi di gestione della qualità in sanità: I PDTA come elemento di valutazione sperimentale Bologna, 29 novembre 2012 Il punto di vista dei valutati : I professionisti A Ghidini S.C.

Dettagli

L esperienza del medico di medicina generale

L esperienza del medico di medicina generale L INFORMAZIONE INDIPENDENTE SUL FARMACO: I FARMACI NEL DOLORE ONCOLOGICO Tavola rotonda: L esperienza del medico di medicina generale Sassari 21 Giugno 2008 Chiara Musio Il Sole 24 ore Sanità 10-16 Aprile

Dettagli

La rete ospedale-territorio per la lotta al dolore. 23 maggio 2012

La rete ospedale-territorio per la lotta al dolore. 23 maggio 2012 La rete ospedale-territorio per la lotta al dolore. 23 maggio 2012 Quali bisogni in cure palliative pediatriche Individuarli per orientare la risposta assistenziale Dorella Scarponi, Ivanna Gasparini Domain

Dettagli

Service ECM dell AIOM: Progetto Master and Back

Service ECM dell AIOM: Progetto Master and Back Service ECM dell AIOM: Progetto Master and Back L AIOM ha istituito il Service ECM affidandone la gestione al WG ECM & CONGRESSI Il WG ECM &CONGRESSI ha elaborato il Progetto Master and Back servendosi

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

IL CORE CURRICULUM IN PSICO-ONCOLOGIA 1. ATTIVITA DIDATTICA

IL CORE CURRICULUM IN PSICO-ONCOLOGIA 1. ATTIVITA DIDATTICA IL CORE CURRICULUM IN PSICO-ONCOLOGIA 1. ATTIVITA DIDATTICA MODULO I La Psico-oncologia Psico-oncologia e Oncologia Psico-sociale Storia della Psico-oncologia La Psico-oncologia in Italia Le implicazioni

Dettagli

La normativa europea. Genova 15 Marzo 2012. Luigi Cataliotti

La normativa europea. Genova 15 Marzo 2012. Luigi Cataliotti La normativa europea e le linee guida EUSOMA Genova 15 Marzo 2012 Luigi Cataliotti BU Guidelines The requirements of a specialist breast unit BU Guidelines The requirements of a specialist breast unit

Dettagli

Anita Andreano e Antonio Russo

Anita Andreano e Antonio Russo DEFINIZIONE DI UN SET DI INDICATORI DEL PROCESSO DI DIAGNOSI E CURA DEL TUMORE POLMONARE TRAMITE METODO DELPHI-MODIFICATO E PRESENTAZIONE DEGLI INDICATORI CALCOLATI SULLA POPOLAZIONE DI DUE ASL DELLA PROVINCIA

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA RETE

L ESPERIENZA DELLA RETE XIV CONGRESSO NAZIONALE CIPOMO L ESPERIENZA DELLA RETE ONCOLOGICA DELL UMBRIA Pesaro 19-21 maggio 2010 Maurizio Tonato Coordinatore 2 1 L ONCOLOGIA IN UMBRIA NEI PRIMI ANNI 2000 L istituzione in Umbria

Dettagli

Le cure palliative nel percorso del malato con insufficienza cardiaca avanzata

Le cure palliative nel percorso del malato con insufficienza cardiaca avanzata Le cure palliative nel percorso del malato con insufficienza cardiaca avanzata Fabio Lombardi Dipartimento Interaziendale della Fragilità ASL/AO Lecco 4 Focus e una riflessione conclusiva 1. Cure Palliative

Dettagli

Le Cure Palliative e la Neurologia

Le Cure Palliative e la Neurologia M. Jimenez Prieto Charcot visita una paziente in ospedale 1897 Le Cure Palliative e la Neurologia Bioindustry Park Colleretto Giacosa 7-5-2011 Simultaneous Care: modello assistenziale e multidisciplinarietà

Dettagli

Teresa Pira F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Dirigente medico.

Teresa Pira F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Dirigente medico. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Teresa Pira Data di nascita 23/06/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale e Numero di telefono e

Dettagli

Impatto dell intensità e della tempestività di attivazione delle Cure Domiciliari Palliative Oncologiche (CDPO) sul luogo del decesso

Impatto dell intensità e della tempestività di attivazione delle Cure Domiciliari Palliative Oncologiche (CDPO) sul luogo del decesso Eliana Ferroni Servizio Epidemiologico Regionale, Veneto Milano, 30 Ottobre 2015 XXXIX Congresso AIE Alimentazione e salute nell era della globalizzazione Impatto dell intensità e della tempestività di

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Stato civile Indirizzo Rodolfo Passalacqua Sposato, 3 figlie. Borgo S. Brigida 8-43100 Parma Telefono 0372/405242-237-248 Fax:

Dettagli

La gestione del paziente con scompenso cardiaco terminale. Mauro Feola

La gestione del paziente con scompenso cardiaco terminale. Mauro Feola La gestione del paziente con scompenso cardiaco terminale. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale Fossano-Mondovi (CN) LA GESTIONE DEL PAZIENTE TERMINALE Comparazione

Dettagli

Impatto dell intensità e della tempestività di attivazione delle Cure Domiciliari Palliative Oncologiche (CDPO) sul luogo del decesso

Impatto dell intensità e della tempestività di attivazione delle Cure Domiciliari Palliative Oncologiche (CDPO) sul luogo del decesso Eliana Ferroni Servizio Epidemiologico Regionale, Veneto Milano, 30 Ottobre 2015 XXXIX Congresso AIE Alimentazione e salute nell era della globalizzazione Impatto dell intensità e della tempestività di

Dettagli

La continuità nella Formazione, nei Modelli Organizzativi per la Gestione del Dolore e Requisiti per l Accreditamento

La continuità nella Formazione, nei Modelli Organizzativi per la Gestione del Dolore e Requisiti per l Accreditamento Firenze, 1-2 luglio 2011 La continuità nella Formazione, nei Modelli Organizzativi per la Gestione del Dolore e Requisiti per l Accreditamento Vittorina Zagonel Coordinatore tavolo di lavoro AIOM Continuità

Dettagli

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo XXXVI CONGRESSO ANNUALE AIE Bari, 29-31 ottobre 2012 Sistema

Dettagli

Curriculum Vitae di GINO GOBBER

Curriculum Vitae di GINO GOBBER Curriculum Vitae di GINO GOBBER DATI PERSONALI nato a CANAL S. BOVO il 26-12-1959 PROFILO BREVE Direttore dell Unità Operativa Complessa Multizonale di Cure Palliative dell Azienda Provinciale per i Servizi

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

Le cure avanzate nel fine vita

Le cure avanzate nel fine vita Associazione Italiana Infermieri di Area Oncologica II Congresso Nazionale AIIAO L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? Le cure avanzate nel fine vita Napoli, 24-25 Maggio

Dettagli

Screening per il tumore della prostata

Screening per il tumore della prostata Screening per il tumore della prostata Screening Un programma di screening oncologico ha per obiettivo diminuire la mortalità e/o l incidenza di una neoplasia attraverso l identificazione di tumori non

Dettagli

Busatto Alessia - Psicologo Psicoterapeuta

Busatto Alessia - Psicologo Psicoterapeuta CV Europass Dott.ssa - Psicologo Psicoterapeuta Informazioni personali Indirizzo via Bellocchio 1/37, 37050 Angiari (VR) Telefono 328.9419609 E-mail alessia.busatto@gmail.com Cittadinanza Data e luogo

Dettagli

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI ROBERTO FRANCESCO LABIANCA ESPERIENZA LAVORATIVA E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI ROBERTO FRANCESCO LABIANCA ESPERIENZA LAVORATIVA E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ROBERTO FRANCESCO LABIANCA Telefono +39 035/2673691 +39 035/2673684 Fax +39 035/2674968 E-mail

Dettagli

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO 1. Quadro generale Il dolore in ambito oncologico è diventato una questione sociale, una sfida per la persona che lo vive, ma anche per il mondo medico e

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

La rete di assistenza al malato terminale e alla famiglia nella AUSL n. 2 dell Umbria:

La rete di assistenza al malato terminale e alla famiglia nella AUSL n. 2 dell Umbria: Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel La rete di assistenza al malato terminale e alla famiglia nella AUSL n. 2 dell Umbria: il ruolo del volontariato

Dettagli

carlo.clerici@istitutotumori.mi.it www.ilprogettogiovani.it www.infoadolescentietumori.it

carlo.clerici@istitutotumori.mi.it www.ilprogettogiovani.it www.infoadolescentietumori.it L introduzione L oncologo pediatra al problema carlo.clerici@istitutotumori.mi.it www.ilprogettogiovani.it www.infoadolescentietumori.it indipendenza identità relazioni senso del limite il rapporto con

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PINOTTI GRAZIELLA Indirizzo U.O. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE DI CIRCOLO VIALE L. BORRI, 57 21100 VARESE Telefono

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 PROGETTO ESECUTIVO PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: Modello operativo per la presa in carico globale del paziente affetto da mesotelioma. ENTE PARTNER: Regione Piemonte ENTE RESPONSABILE

Dettagli

Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere

Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere Maria Chiara Rossi Reggio Emilia 10 e 11 aprile 2015 Centro Internazionale

Dettagli

La valutazione Multidisciplinare in Sanità dalla teoria alla applicazione pratica: modello di valutazione in oncologia

La valutazione Multidisciplinare in Sanità dalla teoria alla applicazione pratica: modello di valutazione in oncologia La valutazione Multidisciplinare in Sanità dalla teoria alla applicazione pratica: modello di valutazione in oncologia Alberto Bortolami Chiara Roni Coordinamento Rete Oncologica del Veneto Istituto Oncologico

Dettagli

La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O.

La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O. La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O.Ospedali Galliera Mercato degli Oppioidi: confronto con altri Paesi Europei ( % sul totale

Dettagli

Competenze Specialistiche Infermieristiche. Cancer Nursing Curriculum European Oncology Nursing Society (EONS)

Competenze Specialistiche Infermieristiche. Cancer Nursing Curriculum European Oncology Nursing Society (EONS) Competenze Specialistiche Infermieristiche Cancer Nursing Curriculum European Oncology Nursing Society (EONS) Competenze 1. Piena capacità di orientarsi in un determinato campo. 2. Legittimazione normativa

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione LE CURE PALLIATIVE - 2013 Non è sufficiente aggiungere giorni di vita, bisogna aggiungere vita ai giorni che rimangono Life before death : l importanza di cura della Sintomatologia Palliativa VEN-FOR54048

Dettagli

IL RUOLO DEI POLI ONCOLOGICI. Lucio Crinò

IL RUOLO DEI POLI ONCOLOGICI. Lucio Crinò Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia IL RUOLO DEI POLI ONCOLOGICI Lucio Crinò Direttore S.C. di Oncologia Medica Azienda Ospedaliera di Perugia Perugia, 30 ottobre 2007 Poli Oncologici Caratteristiche

Dettagli

SCHITO IVANO. Residenza :via Roma,99. 87012- Castrovillari (Cs) INFORMAZIONI PERSONALI. ivanoschito@libero.it ESPERIENZA LAVORATIVA

SCHITO IVANO. Residenza :via Roma,99. 87012- Castrovillari (Cs) INFORMAZIONI PERSONALI. ivanoschito@libero.it ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCHITO IVANO Indirizzo Residenza :via Roma,99 DOMICILATO VIA SAN SEBASTIANO,44 87012- Castrovillari (Cs) Telefono 0981.48905-347.8668725

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO (PTDA) NEL DOLORE ONCOLOGICO

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO (PTDA) NEL DOLORE ONCOLOGICO Rassegna clinica PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO (PTDA) NEL DOLORE ONCOLOGICO PATHWAY FROM DIAGNOSIS TO THERAPY IN CANCER PAIN Francesco Amato Direttore UOC Anestesia, Terapia del Dolore, CP e Dipartimento

Dettagli

Gestione del fine vita in RSA

Gestione del fine vita in RSA CONVEGNO SIGG LIGURIA GENOVA, 28 FEBBRAIO 2014 Gestione del fine vita in RSA Vito Curiale Centre Hospitalier Princesse Grace, Monaco Centre de Gérontologie Clinique Rainier III Cour t Séjour Gériarique

Dettagli

Supporto e cure palliative in oncologia; la centralità degli aspetti qualitativi della cura.

Supporto e cure palliative in oncologia; la centralità degli aspetti qualitativi della cura. Supporto e cure palliative in oncologia; la centralità degli aspetti qualitativi della cura. Dr.ssa Elena Bandieri Referente Formazione Aziendale in Cure palliative Usl Modena 18, Dicembre, 2010 Hotel

Dettagli

Ruolo dell USC Cure Palliative: stato dell arte

Ruolo dell USC Cure Palliative: stato dell arte Ruolo dell USC Cure Palliative: stato dell arte Dott. Simeone Liguori USC Cure Palliative Terapia del Dolore OO.RR. di Bergamo L USC Cure Palliative degli Ospedali Riuniti di Bergamo, svolge un ruolo importantissimo

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

HOSPICE E CURE PALLIATIVE Bisogno e risposta assistenziale. Le cure palliative

HOSPICE E CURE PALLIATIVE Bisogno e risposta assistenziale. Le cure palliative HOSPICE E CURE PALLIATIVE Bisogno e risposta assistenziale Le cure palliative Marco Maltoni Unità Cure Palliative AUSL Forlì Sabato 16 Febbraio 2013 Cagliari HOSPICE: luogo di vita, assistenza, e ricerca

Dettagli

ANNA COSTANTINI. Psicologo Clinico, Psicoterapeuta AO Sant Andrea Roma Direttore dell Unità Operativa Dipartmentale di Psiconcologia

ANNA COSTANTINI. Psicologo Clinico, Psicoterapeuta AO Sant Andrea Roma Direttore dell Unità Operativa Dipartmentale di Psiconcologia I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANNA COSTANTINI Data di nascita 10.05.1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio 06.33776717 0633776075

Dettagli

Vice Responsabile - Responsabile della sezione Tumori Apparato Gastroenterico

Vice Responsabile - Responsabile della sezione Tumori Apparato Gastroenterico Dott.ssa Lorenza Rimassa Ruolo Vice Responsabile - Responsabile della sezione Tumori Apparato Gastroenterico Io in Humanitas Unità operativa ed Ematologia Aree mediche di interesse Trattamento dei tumori

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

ELENCO PARTECIPAZIONI A CONGRESSI 2014

ELENCO PARTECIPAZIONI A CONGRESSI 2014 ELENCO PARTECIPAZIONI A CONGRESSI 2014 Dr.ssa Stefania Gori 1. Riunione scientifica relativa al Progetto Linee Guida AIOM 2014 Milano, 10 Gennaio 2014 2. Riunione del Consiglio Direttivo AIOM Milano, 21

Dettagli

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011 37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI Dr. Leonardo la Pietra Bologna, 10 giugno 2011 Associazione Italiana Documentazione Sanitaria www.aidosimera.it Healthcare

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma 1 m a r c o l o m b a r d i r o m a 2 4 a p r i l e 2 0 1 5 m l o m b a r d i @ a u s l. p r. i t Case della Salute: programmazione

Dettagli

Cure palliative e/o intensive nel paziente oncologico? Dr. Antonio Frassoldati Oncologia Clinica AOU Ferrara

Cure palliative e/o intensive nel paziente oncologico? Dr. Antonio Frassoldati Oncologia Clinica AOU Ferrara Cure palliative e/o intensive nel paziente oncologico? Dr. Antonio Frassoldati Oncologia Clinica AOU Ferrara Ferrara 5 ottobre 2014 Scelte difficili Paziente di 62 anni. Diagnosi di carcinoma mammario

Dettagli

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario FLAVIA CARETTA Dipartimento

Dettagli

LO PSICOLOGO NEI PERCORSI DI INTEGRAZIONE TRA

LO PSICOLOGO NEI PERCORSI DI INTEGRAZIONE TRA LO PSICOLOGO NEI PERCORSI DI INTEGRAZIONE TRA OSPEDALE E TERRITORIO PER LA PRESA IN CARICO DEI PAZIENTI ALLA FINE DELLA VITA Padova 19 aprile 2011 Dott.ssa SILVANA SELMI UO Psicologia 2 Rovereto silvana.selmi@apss.tn.it

Dettagli

CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA E INTEGRAZIONE OSPEDALE- TERRITORIO :la realizzazione di un progetto

CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA E INTEGRAZIONE OSPEDALE- TERRITORIO :la realizzazione di un progetto CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA E INTEGRAZIONE OSPEDALE- TERRITORIO :la realizzazione di un progetto Dott.ssa SILVIA E. NEGRETTI U.O. Oncologia Magenta 24 Gennaio 2017 EVIDENZE L introduzione precoce delle

Dettagli

Le Cure Domiciliari per i Malati con Problemi Ematologici

Le Cure Domiciliari per i Malati con Problemi Ematologici Le Cure Domiciliari per i Malati con Problemi Ematologici Claudio Cartoni Cure Palliative, Ematologia Policlinico Umberto I, Roma Associazione contro le Leucemie, Linfomi e Mieloma DESTINATARI E SETTING

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Association Rare Tumor

Association Rare Tumor Association Rare Tumor PARP-INHIBITORS E TUMORI RARI Il laboratorio nel percorso di cura L interpretazione del clinico Dr Stefania Marsili UOC Oncologia Medica Azienda Ospedaliera Universitaria Senese

Dettagli

Le Cure Palliative e la Terapia del Dolore in IEO

Le Cure Palliative e la Terapia del Dolore in IEO Le Cure Palliative e la Terapia del Dolore in IEO Dott. Vittorio A. Guardamagna Direttore Unità Cure Palliative e Terapia del Dolore IRCCS IEO Milano Consigliere Nazionale FCP Le Cure Palliative e la Terapia

Dettagli

IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE

IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE Verso l accreditamento delle cure palliative in Emilia-Romagna Antonio Brambilla Servizio assistenza territoriale Direzione

Dettagli

LO SGUARDO ALL EUROPA: LA CERTIFICAZIONE ESMO E NUOVI STRUMENTI. Dott. Cataldo Mastromauro UO Oncologia ULSS 12 Veneziana

LO SGUARDO ALL EUROPA: LA CERTIFICAZIONE ESMO E NUOVI STRUMENTI. Dott. Cataldo Mastromauro UO Oncologia ULSS 12 Veneziana LO SGUARDO ALL EUROPA: LA CERTIFICAZIONE ESMO E NUOVI STRUMENTI Dott. Cataldo Mastromauro UO Oncologia ULSS 12 Veneziana Integrazione tra oncologia e cure palliative la visione dell ESMO Istituzione del

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i)

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) LUIGI CAVANNA Azienda USL, Ospedale di Piacenza, via Taverna, 49, 29100 Piacenza. Dipartimento di Oncologia-Ematologia.

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

CORRADO TINTERRI CREMONA, 2013 Breast Unit : Why a multidisciplinary approach? Differences in Treatment and Survival in Breast Cancer Patients in Europe. Survival of women with breast cancer in Europe:

Dettagli

Le cure palliative simultanee e la presa in carico precoce

Le cure palliative simultanee e la presa in carico precoce Le cure palliative simultanee e la presa in carico precoce L'ESPERIENZA DI BERGAMO: Dai progetti di collaborazione tra USC, riflessioni su diffusione e criteri per l'attivazione delle Simultaneous Care.

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE Prodotto sotto forma di autodichiarazione (Art. 46 DPR 28/12/2000 n. 445)

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE Prodotto sotto forma di autodichiarazione (Art. 46 DPR 28/12/2000 n. 445) CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE Prodotto sotto forma di autodichiarazione (Art. 46 DPR 28/12/2000 n. 445) La sottoscritta Roberta Martino, nata a Melfi (PZ) il 06/09/85, residente a Venosa (PZ) in via

Dettagli

CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE

CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE Ferrara, 22 ottobre 2011 CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE Andrea Pession Clinica Pediatrica Università degli Studi di Bologna UO Pediatria Policlinico S.Orsola-Malpighi DEFINIZIONE CPP Le cure palliative pediatriche

Dettagli