Dipartimento Interateneo di Fisica Michelangelo Merlin, Università degli Studi e Politecnico di Bari 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento Interateneo di Fisica Michelangelo Merlin, Università degli Studi e Politecnico di Bari 2"

Transcript

1 267 ESTRAZIONE SEMI-AUTOMATICA DELLA LINEA DI COSTA DA IMMAGINI SATELLITARI AD ALTA RISOLUZIONE: VALUTAZIONE ED APPLICABILITÀ Maria Teresa Chiaradia 1, Roberto Francioso 2, Raffaella Matarrese 1 ; Antonio Felice Petrillo 2, Gennaro Ranieri 2, Cesar Urrutia 3 1 Dipartimento Interateneo di Fisica Michelangelo Merlin, Università degli Studi e Politecnico di Bari 2 Dipartimento di Ingegneria delle Acque e di Chimica - Laboratorio di Ricerca e Sperimentazione per la Difesa delle Coste, Politecnico di Bari 3 SPACEDAT srl - Lecce Introduzione La conoscenza della posizione della linea di riva è uno degli elementi fondamentali nella pianificazione della fascia costiera. È noto che essa subisce spostamenti di carattere stagionale, ma che mediamente tende ad una situazione di equilibrio, a meno di modificazioni del trasporto solido costiero determinato da azioni antropiche nei bacini idrografici in cui è inserita l unità fisiografica del litorale in esame o dalla realizzazione di opere a mare. Da qui la necessità di supportare la pianificazione della fascia costiera con il monitoraggio della linea di riva con rilievi almeno semestrali al fine di correggere le variabilità stagionali o le singolarità indotte da mareggiate intense. La linea di riva normalmente si ricava da rilievi tradizionali in situ, tuttavia non mancano esempi di estrazione da cartografia ortografica e da immagini satellitari. Uno degli obbiettivi del progetto IMCA 1 finanziato con fondi PON, è stato quello di attivare una procedura semi-automatica per l estrazione della posizione della linea di riva da immagini satellitari ad alta risoluzione. Nel presente lavoro è illustrata la tecnica utilizzata per questa procedura, i risultati ottenuti in un caso reale di applicazione e la valutazione della loro affidabilità. 1 IMCA Integrated Monitoring of Coastal Areas (2003). Progetto PON finanziato dal MIUR in data 26/06/2003 ai sensi dell art. 5 del DM 593 del 8/8/2000. Partecipano al Progetto: PLANETEK ITALIA S.r.l., Bari; COASTAL CONSULTING & EXPLORATION S.r.l., Bari; SPACEDAT S.r.l., Lecce; POLITECNICO DI BARI: Dipartimento Interateneo di Fisica, Dipartimento di Ingegneria delle Acque e Chimica; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI: Dipartimento di Zoologia.

2 268 Convegno di Maratea 1 - Il tratto di litorale in esame Lo studio è stato condotto su un tratto di costa di circa 1800 m adiacente il porto di Margherita di Savoia in provincia di Foggia (fig. 1). Il litorale in studio, negli ultimi 60 anni ha subito una notevole trasformazione a causa della realizzazione negli anni 50 del porto di Margherita di Savoia. Infatti, il molo di levante, intercettando il trasporto solido netto proveniente dalla foce del fiume Ofanto, ha determinato un notevole ripascimento a levante del porto ed ha innescato un processo erosivo a ponente dello stesso. In questo ultimo tratto di litorale, per una lunghezza di circa 10 chilometri, il processo erosivo è stato molto intenso e per difendere la fascia costiera sono state realizzate numerose opere di protezione; nella figura 1 si notano alcune di queste. Le profonde modifiche del litorale iniziate a cavallo degli anni 50 sono tuttora in atto. La figura 1 evidenzia l evoluzione nel tempo sia del processo di accumulo a ridosso del molo di levante che di quello erosivo a ponente del porto. Dal 1956 si è avuto un avanzamento di circa 180 m a levante e un arretramento di circa 80 m a ponente. Il fenomeno è continuato anche negli ultimi anni, infatti dalla figura 1 infatti si nota che dal 2000 al 2005 è aumentato l accumulo a levante del porto e in corrispondenza del molo si è avuto un avanzamento della linea di riva di circa 20 m. L accumulo ha raggiunto valori così elevati che negli ultimi anni parte dei sedimenti trasportati dalla corrente longitudinale non sono più trattenuti dal molo e vanno ad insabbiare l imboccatura del porto. Figura 1 - In tratteggio la linea di costa del 1956, in chiaro la linea di costa del 2000, in scuro la linea di costa del Trasversalmente alla linea di costa sono riportati il primo e l ultimo transetto lungo i quali sono stati effettuati rilievi con il GPS (Base ortofoto del 2005)

3 Coste: Prevenire, Programmare, Pianificare La metodologia di estrazione semi-automatica della linea di riva Ad oggi non esiste una metodologia standard o automatica per l estrazione della linea di costa, in generale questo processo viene realizzato mediante fotointerpretazione a video con la possibilità concreta che il processo di vettorializzazione avvenga ad una scala non constante. L obiettivo di estrarre la linea di riva dal dato satellitare è stato realizzato mediante una procedura consistente nello sfruttamento dell elevato contenuto informativo offerto dai dati satellitari ad alta risoluzione spaziale e che è stata ideata in modo tale da poter essere applicata anche alle immagini aeree, siano esse a colori o in bianco e nero. Nella figura 2 è riportata l immagine satellitare Ikonos del 21/09/2006 che insieme a quella del 16/05/2007, non riportata per brevità, saranno utilizzate per l estrazione semi-automatica della linea di riva L estrazione della linea di riva si basa sull applicazione di tre algoritmi: il Datafusion, il Filtro Direzionale e il Band Math. Il Datafusion è un procedimento che permette di combinare le informazioni ad altissima risoluzione contenute nelle immagini satellitari pancromatiche con quelle radiometriche contenute nei dati satellitari multispettrali. Questa fase della procedura è esclusiva delle immagini satellitari. I dati Ikonos acquisiti sono stati sottoposti al Datafusion del dato pancromatico a 1m di risoluzione spaziale con il dato multispettrale a 4 m di Figura 2 - Immagine Ikonos del 21 /09/2006

4 270 Convegno di Maratea risoluzione spaziale. Il risultato è una immagine a falsi colori con risoluzione spaziale di 1 m. Successivamente è stato applicato un filtro direzionale per evidenziare la consistenza del territorio ed in particolare la direzionalità degli elementi presenti. Il filtro permette di evidenziare caratteristiche lineari che possiedono un orientamento particolare quale la linea di costa. Il filtro viene applicato ad un angolo di 180 mediante una matrice (KERNEL) di dimensione 3 x 3 con le seguenti caratteristiche: Partendo dal presupposto che il mare è interpretabile come un liquido in quiete e che quindi non presenta caratteristiche lineari, l immagine dovrebbe evidenziare principalmente la differenza tra terra e mare, esaltando le features lineari quali la linea di riva, le strade e le case. L immagine satellitare Ikonos del 21 settembre del 2006 dopo l applicazione del filtro direzionale si presenta come in figura 3. In questa figura si notano le caratteristiche principali dette innanzi, alle quali, in alcuni tratti del litorale, si aggiungono strutture lineari dovute ai piccoli frangimenti che si verificano in prossimità della linea di riva. Il risultato ottenuto dalla applicazione del filtro direzionale viene moltiplicato per la Banda 4 mediante l algoritmo Band Math, al fine di rendere la differenza tra terra e mare ancora più evidente (figura 4). Figura 3 - Elementi lineari evidenziati attraverso l applicazione del filtro direzionale (Base Immagine Ikonos del 21 /09/2006)

5 Coste: Prevenire, Programmare, Pianificare 271 Figura 4 - Output dell applicazione dell algoritmo Band Math (Base Immagine Ikonos del 21 /09/2006) L immagine ottenuta come output di questa elaborazione viene utilizzata in ambiente GIS per supportare la successiva fase di interpretazione a video e vettorializzazione finale della linea di rivaa. Data la risoluzione spaziale dell immagine satellitare utilizzata, ovvero un metro lineare, la scala di vettorializzazione ottimale è compresa tra 1:2.500 e 1: La campagna di raccolta di dati di verità sul tratto di costa in esame Come detto in premessa, uno degli scopi del progetto IMCA è l analisi della fattibilità di un processo di estrazione semi-automatico della linea di riva da immagini satellitari. Anzitutto, questo processo necessita di una preparazione dell immagine satellitare, infatti, essa viene fornita con un errore di posizionamento rispetto alla realtà di circa 15 m a causa del modello utilizzato per l ortorettifica. Al fine di ridurre tale errore si è reso necessario un processo di georeferenzazione di precisione per il quale è stato effettuato un rilievo di campo preliminare indirizzato all acquisizione della posizione di punti riconoscibili anche sull immagine satellitare, da utilizzare per la definizione della geoposizione. Il rilevamento dei punti sul terreno è stato eseguito con uno strumento GPS con metodologia di acquisizione RTK. L output del rilievo è un data set di una decina di punti caratterizzati da un errore di posizione inferiore al metro sia sulla coordinata orizzontale che sulla coordinata verticale.

6 272 Convegno di Maratea Il numero di punti è stato considerato sufficiente per la georeferenzazione di precisione dell area di interesse. L applicazione del processo di geoposizionamento con un apposito software ha comportato la minimizzazione degli errori, all interno dell immagine, per valori inferiori a 2 m, errori confrontabili con quelli delle ortofoto della Regione Puglia del 2005, che al momento sono il prodotto disponibile più accurato. Contestualmente alle acquisizioni satellitari è stata effettuata anche una campagna di rilievi, con il GPS, della spiaggia emersa lungo il tratto di litorale in esame riportato nella figura 1. I rilievi sono stati eseguiti in 250 transetti (110 e 140 rispettivamente a ponente e levante del porto) posti ad una distanza di circa 7 m. I rilievi hanno evidenziato che la pendenza media del litorale sia a ponente che a levante del porto è di circa 8. I dati così rilevati sono stati poi corretti per tener conto delle diverse condizioni di marea registrate al mareografo installato nel porto di Manfredonia tra l ora di passaggio del satellite e l ora in cui sono state effettuate le misure di campo. Tale correzione permette di definire la nuova posizione plano-altimetrica dei rilievi in funzione dei valori di pendenza della spiaggia e della variazione verticale della marea. I dati così ottenuti sono stati impiegati per valutare l affidabilità della linea di riva estratta dall immagine satellitare con la procedura semiautomatica. La procedura innanzi esposta è stata eseguita per due immagini satellitari Ikonos acquisite il 21 settembre del 2006 e il 16 Maggio Validazione dei risultati Di seguito sono esposti i risultati del confronto tra le linee di riva estratte con la procedura semi-automaticamente e quelle ricavate dai rilievi GPS. In figura 5 è riportata l immagine del tratto di litorale a ponente del porto rilevato da Ikonos II il 21 settembre del 2006, sulla quale sono state sovrapposte le linee di riva ottenute attraverso il processo semi-automatico (linea chiara) e il rilievo GPS (linea scura). Nella figura 6 sono riportate in tratteggio la linea estratta semi-automaticamente e in scuro quella rilevata con il GPS per il tratto di costa a levante del porto. Le due figure evidenziano che le due linee di riva, pur intersecandosi in diversi punti, sono qualitativamente molto simili.

7 Coste: Prevenire, Programmare, Pianificare 273 Figura 5 - Lato a ponente del porto di Margherita di Savoia. Le linee di riva ottenute con il processo semi-automatico e con i rilievi di campo sono, rispettivamente, in chiaro e in scuro. (Base immagine Ikonos II del 21 /09/2006) Figura 6 - Lato a levante del porto di Margherita di Savoia. Le linee di riva ottenute con il processo semi-automatico e con i rilievi di campo sono, rispettivamente, in tratteggio e scuro. (Base immagine Ikonos del 21 /09/2006)

8 274 Convegno di Maratea Analoghi andamenti si sono ottenuti per l immagine Ikonos acquisita il 16 maggio del 2007 che qui non si riportano per brevità. Per ricavare indicazioni quantitative sull affidabilità del processo di restituzione semi-automatica sono stati elaborati i dati delle linee di riva calcolando le loro differenze nei transetti utilizzati per i rilievi di campo. Successivamente sono stati calcolati i valori minimi, massimi, medio e lo scarto quadratico medio. Per l immagine acquisita il 21 settembre 2006 la fascia di indeterminazione delle differenze è di +/- 6 m con uno scarto quadratico medio di 3,2 m, mentre per quella acquisita il 16 maggio 2007 la fascia di indeterminazione delle differenze è di +/- 6,35 m con uno scarto quadratico medio di 3,02 m. Per le due prove, quindi, anche se effettuate in tempi diversi, le differenze tra la linea di riva estratta semi-automaticamente e quella rilevata sul campo sono del tutto paragonabili e, in complesso, indicano che con il processo di restituzione adottato si ottengono risultati soddisfacenti. Nell ambito del progetto di ricerca IMCA sono previste altre due elaborazioni di immagini satellitari con le quali si intende verificare ed, eventualmente, migliorare i risultati. In particolare si cercherà di effettuare i rilievi di campo in contemporanea al passaggio del satellite e, in alcuni transetti, sarà effettuata una caratterizzazione della sabbia al fine di migliorare la fase di interpretazione a video dell immagine ottenuta dopo l applicazione dell algoritmo Band-Math. Bibliografia Bo G., Delle Piane S., De Laurentiis R. (2000) - Semiautomatic coastline detection in remotely sensed images, Geoscience and Remote Sensing Symposium, Proceedings. IGARSS 2000, 5, Damiani L., Petrillo A.F., Ranieri G. (2002) - Management of coastal area in Apulia Region, Landscapes of Water, History, Innovation and Sustainable Design, 1, Uniongrafica Corcelli Editrice, Bari. Dominici D., Feltrami G.M., De Girolamo P., Visca C., Del Guzzo F., Caputi P. (2006) - Monitoraggio costiero a scala regionale mediante immagini satellitari ad alta risoluzione, XXX Convegno di Idraulica e costruzioni idrauliche, Roma, Settembre 2006 Sterponi L., Urrutia C., Ciurlia S., De Pascalis S., Moschettini A. (2007) - Sistema WEBGIS di monitoraggio satellitare delle coste della Provincia di Lecce, SIMONCOSTA. ASITA Nov, 2007 Victorov S., Bychkova I., Popova T., Sukhacheva L. (2004) - Remote sensing change detection in coastal zone landscapes: Case study of St. Petersburg Region, EcoSys Supplements, Zakariya R., Rosnan Y., Saidin S.A., Yahaya M.H., Kasawani I., Lokman H. (2006) - Shoreline detection and changes for Terengganu river mouth from satellite imagery (Landsat 5 and Landsat 7), Journal of Sustainability Science and Management, 2006, 1 (1),

Dott. Raimondo De Laurentiis

Dott. Raimondo De Laurentiis Dott. Raimondo De Laurentiis RELAZIONE SULL'ATTIVITA' E LE RICERCHE SVOLTE ALLA CONCLUSIONE DEL II ANNO DEL XV CICLO DEL CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE E INGEGNERIA DELLO SPAZIO 1. TEMATICHE

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed AGENZIA SPAZIALE ITALIANA BANDO PERIODICO RISERVATO

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI

Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI Attività di telerilevamento e GIS svolte dal laboratorio LaMMA della Regione Toscana L. BOTTAI, F. MASELLI In questo articolo vengono descritte alcune applicazioni operative basate sull elaborazione di

Dettagli

CONVENZIONE. tra. Autorità di Bacino della Puglia. e il. Politecnico di Bari. Dipartimento di Ingegneria delle Acque e di Chimica

CONVENZIONE. tra. Autorità di Bacino della Puglia. e il. Politecnico di Bari. Dipartimento di Ingegneria delle Acque e di Chimica CONVENZIONE tra Autorità di Bacino della Puglia e il Politecnico di Bari Dipartimento di Ingegneria delle Acque e di Chimica Laboratorio di Ricerca e Sperimentazione per la Difesa delle Coste (LIC) con

Dettagli

Monitoraggio ed analisi delle dinamiche dei litorali costieri mediante dati telerilevati ad alta ed altissima risoluzione spaziale

Monitoraggio ed analisi delle dinamiche dei litorali costieri mediante dati telerilevati ad alta ed altissima risoluzione spaziale Monitoraggio ed analisi delle dinamiche dei litorali costieri mediante dati telerilevati ad alta ed altissima risoluzione spaziale Ing. Nicomino Fiscante Pisa, 13 febbraio 2015 SIGIEC Sistema di Gestione

Dettagli

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola)

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Concetti fondamentali sul Telerilevamento. Sensori e sistemi di telerilevamento: le caratteristiche dell'oggetto e dell'immagine. Le

Dettagli

GIS & TELERILEVAMENTO

GIS & TELERILEVAMENTO Febbraio 2006 PROPOSTA PER UN CORSO GIS & TELERILEVAMENTO IN DUE LIVELLI (BASE ED AVANZATO) PRESSO L ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA D AGRIGENTO s.r.l. Via Massaua 12, 70123 Bari INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

ATTIVITA' DI RICERCA SVOLTA

ATTIVITA' DI RICERCA SVOLTA ATTIVITA' DI RICERCA SVOLTA Raimondo De Laurentiis Dottorato in Scienza ed Ingegneria dello Spazio Introduzione Il primo anno di attività nell ambito del dottorato di ricerca in Scienza ed Ingegneria dello

Dettagli

Eleonora Bertacchini, Alessandro Capra. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria

Eleonora Bertacchini, Alessandro Capra. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Immagini satellitari ad alta risoluzione per l aggiornamento cartografico e per il controllo della linea di costa. Applicazione alla costa del Molise e della Puglia Eleonora Bertacchini, Alessandro Capra

Dettagli

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN.

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN. Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione territoriale Infrastrutture Ambiente Ufficio Staff Supporto alla Pianificazione e alla Progettazione Via Garibaldi 50, 29100 PIACENZA, tel. 0523/7951

Dettagli

IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA

IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA ENEA Progetto LITTORISK Termoli, 20/10/2006 IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA ENEA - Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia, e per l Ambiente Italia S. Cardinali, E. Valpreda,

Dettagli

EROSIONE COSTIERA misure di gestione della fascia litoranea romana

EROSIONE COSTIERA misure di gestione della fascia litoranea romana Attività del centro di monitoraggio dell'osservatorio dei Litorali Laziali Ciro Riccardi Capo Settore Centro di Monitoraggio Osservatorio dei Litorali Laziali Regione Lazio Funzioni e compiti dell Osservatorio

Dettagli

ll satellite WorldView-2: Pan-sharpening e Correzione Geometrica

ll satellite WorldView-2: Pan-sharpening e Correzione Geometrica ll satellite WorldView-2: Pan-sharpening e Correzione Geometrica Philip Cheng e Chuck Chaapel Il successo dell operazione WorldView-2 della DigitalGlobe ha creato un altra pietra miliare per i satelliti

Dettagli

METODOLOGIE AUTOMATICHE NELL ELABORAZIONE DI IMMAGINI SATELLITARI STEREOSCOPICHE AD ALTA RISOLUZIONE PER APPLICAZIONI INGEGNERISTICHE

METODOLOGIE AUTOMATICHE NELL ELABORAZIONE DI IMMAGINI SATELLITARI STEREOSCOPICHE AD ALTA RISOLUZIONE PER APPLICAZIONI INGEGNERISTICHE METODOLOGIE AUTOMATICHE NELL ELABORAZIONE DI IMMAGINI SATELLITARI STEREOSCOPICHE AD ALTA RISOLUZIONE PER APPLICAZIONI INGEGNERISTICHE R. Brigante Università di Perugia Dipartimento di Ingegneria Civile

Dettagli

Come si assegnano le coordinate?

Come si assegnano le coordinate? Come si assegnano le coordinate? Ma come vengono assegnate le coordinate ad una mappa?. Mappa di nuova produzione definisco all inizio il sistema di coordinate. Mappa già esistente ma non riferita ad sistema

Dettagli

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Idraulica Marittima VALUTAZIONE DELLA PROPAGAZIONE DEL MOTO ONDOSO DEL LITORALE DELLA FOCE DEL FIUME LATO CALCOLO DEL FETCH EFFICACE

Dettagli

Telerilevamento. da immagini satellitari

Telerilevamento. da immagini satellitari Università Iuav di Venezia Facoltà di Pianificazione del Territorio Master di I livello in SIT&TLR Telerilevamento da immagini satellitari Relazione sulle attività effettuate durante il corso a.a. 2007/2008

Dettagli

OSSERVAZIONE DELLA TERRA

OSSERVAZIONE DELLA TERRA OSSERVAZIONE DELLA TERRA Gestione del Territorio Monitoraggio Ambientale Prevenzione Rischi Naturali Le caratteristiche di unicità della Telespazio Telespazio ha sviluppato Servizi Applicativi che rispondono

Dettagli

Beach dune system interaction and evolution. E. Pallottini, V. Campo, S. Cappucci, L. Rossi, G.B. La Monica

Beach dune system interaction and evolution. E. Pallottini, V. Campo, S. Cappucci, L. Rossi, G.B. La Monica Beach dune system interaction and evolution E. Pallottini, V. Campo, S. Cappucci, L. Rossi, G.B. La Monica Spiaggia e duna sono due distinte componenti dello stesso sistema. La loro evoluzione nel tempo

Dettagli

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine Dr. Geol. Gaetano La Bella Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine MoGeIFaCo Elaborazione di un modello di gestione integrata della

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

Monitoraggio a scala regionale: l impiego dei GIS e dei DGPS

Monitoraggio a scala regionale: l impiego dei GIS e dei DGPS Monitoraggio a scala regionale: l impiego dei GIS e dei DGPS Augusto Screpanti ACS - ENEA augusto.screpanti@enea.it Rilevare e Rappresentare Rilevare il territorio attività di campagna come Rilievi geologici

Dettagli

MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI

MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI ATTRAVERSO ANALISI TERMICHE DA IMMAGINI TELERILEVATE INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 3 2. METODOLOGIA pag. 4 3. AREA IN ESAME pag. 6 4. RISULTATI pag. 7 6. CONCLUSIONI

Dettagli

Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento

Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento Stefano De Corso e Daniele Magrì IPT - Informatica per il Territorio, via Sallustiana,

Dettagli

Analisi e validazione di una metodologia per il calcolo della batimetria costiera da immagini satellitari ad alta risoluzione

Analisi e validazione di una metodologia per il calcolo della batimetria costiera da immagini satellitari ad alta risoluzione Analisi e validazione di una metodologia per il calcolo della batimetria costiera da immagini satellitari ad alta risoluzione Linda CORUCCI (*), Andrea MASINI (**), Maurizio DEMARTE (***) (*) Dipartimento

Dettagli

Pan-sharpening, Estrazione DEM e Correzione Geometrica dei Satelliti SPOT-6 e SPOT-7

Pan-sharpening, Estrazione DEM e Correzione Geometrica dei Satelliti SPOT-6 e SPOT-7 Pan-sharpening, Estrazione DEM e Correzione Geometrica dei Satelliti SPOT-6 e SPOT-7 By Philip Cheng GeoInformatics Marzo 2015 Il successo dei satelliti SPOT-6 e SPOT-7 deriva dal fatto che fornisce un

Dettagli

b) invia informazioni al Pilot Display per il controllo di rotta e di quota rispetto ai parametri di missione pianificati;

b) invia informazioni al Pilot Display per il controllo di rotta e di quota rispetto ai parametri di missione pianificati; Newsletter Update Tecnologico n. 2/2006 a cura di Andrea Fiduccia, Executive Consultant, Intergraph Italia LLC andrea.fiduccia@intergraph.com FORTE CRESCITA DELLA FOTOGRAMMETRIA DIGITALE IN ITALIA Nuova

Dettagli

CAPITOLO 2. Il Catasto delle aree percorse dal fuoco 4-13

CAPITOLO 2. Il Catasto delle aree percorse dal fuoco 4-13 4-13 CAPITOLO 2 Il Catasto delle aree percorse dal fuoco Carlo Ricotta - Università di Roma La Sapienza documento redatto per il piano AIB 2006 del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano" Considerazioni

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali Convegno conclusivo Livorno 28 maggio 2013 Webgis Costa Costa Sarda Giovanni Vitale* Claudio Kalb** * Università

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente

Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente Orientamento Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente N. Pierdicca - pierdicca@die.uniroma1.it V. Ferrara - ferrara@die.uniroma1.it Sistemi complessi per l ambiente Monitoraggio ambientale /

Dettagli

torinese e tratto vercellese/alessandrino e Cuneese)?? Direzione Servizi Territorio e Ambiente (CSI-Piemonte)

torinese e tratto vercellese/alessandrino e Cuneese)?? Direzione Servizi Territorio e Ambiente (CSI-Piemonte) MONITORAGGIO DEL PROCESSO EVOLUTIVO DEL TERRITORIO DI UN'AREA PROTETTA CON IL TELERILEVAMENTO: ANALISI MULTITEMATICA E MULTITEMPORALE DELL'USO DELLE TERRE E RELATIVA INDIVIDUAZIONE E APPLICAZIONE DI INDICI.

Dettagli

Corso di Telerilevamento

Corso di Telerilevamento www.terrelogiche.com Corso di Telerilevamento Analisi di immagini acquisite da piattaforme satellitari ed aviotrasportate >> ROMA >> 15% di sconto per iscritti a ordini professionali, studenti, ricercatori

Dettagli

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni M. Crespi, V. Baiocchi, A. Mazzoni, G. Reina Area di Geodesia e Geomatica

Dettagli

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Direttiva Habitat mantenere l habitat naturale prioritario

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

DATI PERSONALI Nato a Bari il 22 Maggio 1965 e ivi residente in via XXIV Maggio, 23

DATI PERSONALI Nato a Bari il 22 Maggio 1965 e ivi residente in via XXIV Maggio, 23 DATI PERSONALI Nato a Bari il 22 Maggio 1965 e ivi residente in via XXIV Maggio, 23 CENNI CRONOLOGICI Aprile 1989 Laurea in Ingegneria Civile Idraulica presso l Università di Bari con la votazione di 110/110

Dettagli

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera

Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Il ruolo del rilevamento a distanza nell interpretazione dell evoluzione geomorfologica di un area costiera Vantaggi delle foto verticali La scala è uniforme in tutta la foto Si possono determinare angoli

Dettagli

Individuazione della linea di costa mediante immagini satellitari multispettrali ad alta risoluzione

Individuazione della linea di costa mediante immagini satellitari multispettrali ad alta risoluzione Individuazione della linea di costa mediante immagini satellitari multispettrali ad alta risoluzione Valerio Baiocchi (*), Raffaella Brigante (**), Donatella Dominicin (***), Fabio Radicioni (**) (*) DICEA

Dettagli

Dinamica costiera: monitoraggio tramite web camera del litorale da Sestri Levante a Lavagna

Dinamica costiera: monitoraggio tramite web camera del litorale da Sestri Levante a Lavagna Dinamica costiera: monitoraggio tramite web camera del litorale da Sestri Levante a Lavagna D. C. Conley 1, M. R. Erdman 2 1 SACLANT Undersea Research Centre La Spezia, Italia 2 Erdman Video Systems Inc.

Dettagli

Studio Tecnico Survey Project. Applicazioni Sviluppate

Studio Tecnico Survey Project. Applicazioni Sviluppate Studio Tecnico Survey Project La Ricerca applicata al Territorio Applicazioni Sviluppate Tecnici Dott. For. Johnny Moretto, Ph.D. Dott. Nicola Trolese Applicazioni Sviluppate Batimetria canali bagnati

Dettagli

Nota tecnica su metodologia specifica per la redazione delle mappe di pericolosità e di rischio da alluvione marina

Nota tecnica su metodologia specifica per la redazione delle mappe di pericolosità e di rischio da alluvione marina Nota tecnica su metodologia specifica per la redazione delle mappe di pericolosità e di rischio da alluvione marina A cura di: Geol. Parlani S., Ing. Piermattei L., Geol. Scalella G. PREMESSA Fino ad oggi

Dettagli

Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna

Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna Andrea Balzano, Andrea Sulis, Claudia Pedone, Massimiliano Ventroni Università di Cagliari - DICAAR Torino, 9-1 Ottobre 213 Torino,

Dettagli

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Attività generali le finalità del centro saranno perseguite mediante le seguenti

Dettagli

Figura 1 Differenza linea di costa di Ventimiglia Cala del Forte Figure 1 Difference of Ventimiglia s coast line

Figura 1 Differenza linea di costa di Ventimiglia Cala del Forte Figure 1 Difference of Ventimiglia s coast line HYDRA VOL. II GNSS EVOLUTION Introduzione Il monitoraggio costiero, uno dei temi principali relativi alla salvaguardia del paesaggio, è un argomento di grande attualità ed è legato perlopiù alla pressione

Dettagli

dalla mappa al satellite

dalla mappa al satellite Di dalla mappa al satellite Ridotto Teatro Cagnoni Di il responsabile S.I.T. di il responsabile S.I.T. di Di sistemi informativi territoriali, varie definizioni e acronimi: S.I.T. - G.I.S. - Geographical

Dettagli

ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO GIS DESERTO OCCIDENTALE PER DIVULGAZIONE SUL WEB

ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO GIS DESERTO OCCIDENTALE PER DIVULGAZIONE SUL WEB ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO GIS DESERTO OCCIDENTALE PER DIVULGAZIONE SUL WEB Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Daniele Moretto Approvato: Daniele Moretto Versione: 1.0 Distribuito: 06/05/2013 1 INDICE

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE (Legge 208/98, periodo 2005/2008, delibera

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Bologna 2. ISMAR - CNR Bologna

Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Bologna 2. ISMAR - CNR Bologna 87 EVOLUZIONE STORICA DEL DELTA DEL DANUBIO (MAR NERO) Adriana Galvani 1, Francesco Marabini 2 1 Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Bologna 2 ISMAR - CNR Bologna 1 - La costa romena e il

Dettagli

Carabinieri per la Tutela dell Ambiente Nucleo Operativo Ecologico di Trento

Carabinieri per la Tutela dell Ambiente Nucleo Operativo Ecologico di Trento Carabinieri per la Tutela dell Ambiente Nucleo Operativo Ecologico di Trento DALL EMERGENZA DELLE BONIFICHE AD UNA GESTIONE CONSAPEVOLE DEL TERRITORIO Trento 3 4 luglio 2008 a cura di: Carlo Bellini Maresciallo

Dettagli

LE DUNE COME STRUMENTO DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO COSTIERO

LE DUNE COME STRUMENTO DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO COSTIERO LE DUNE COME STRUMENTO DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO COSTIERO Edi Valpreda ENEA Dipartimento Ambiente Cambiamenti Globali e Sostenibilità ACS EROSIONE COSTIERA misure di gestione della fascia litoranea romana

Dettagli

Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi

Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi ovvero di quantitativo inferiore a 1000 metri cubi 1 Parte

Dettagli

CONVENZIONE. tra. Regione Puglia. Assessorato Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Demanio e Patrimonio. Politecnico di Bari

CONVENZIONE. tra. Regione Puglia. Assessorato Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Demanio e Patrimonio. Politecnico di Bari CONVENZIONE tra Regione Puglia Assessorato Trasparenza e Cittadinanza Attiva Settore Demanio e Patrimonio e Politecnico di Bari Dipartimento di Architettura e Urbanistica Dipartimento di Ingegneria delle

Dettagli

CONVENZIONE. tra. Regione Puglia. Assessorato Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Demanio e Patrimonio. Politecnico di Bari

CONVENZIONE. tra. Regione Puglia. Assessorato Trasparenza e Cittadinanza Attiva. Settore Demanio e Patrimonio. Politecnico di Bari CONVENZIONE tra Regione Puglia Assessorato Trasparenza e Cittadinanza Attiva Settore Demanio e Patrimonio e Politecnico di Bari Dipartimento di Architettura e Urbanistica Dipartimento di Ingegneria delle

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE

Dettagli

Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati. MED Ingegneria S.r.l., Ferrara

Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati. MED Ingegneria S.r.l., Ferrara 431 STUDIO METEOMARINO ED ANALISI MODELLISTICA PER LA PROGETTA- ZIONE DEL NUOVO PORTO TURISTICO ALLE ISOLE TREMITI Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati MED Ingegneria S.r.l., Ferrara 1 - Introduzione

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Telefono 0667666509 Fax 0667666494 E-mail t.maggi@provincia.roma.it. Data di nascita 21.12.1957 ESPERIENZA LAVORATIVA

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Telefono 0667666509 Fax 0667666494 E-mail t.maggi@provincia.roma.it. Data di nascita 21.12.1957 ESPERIENZA LAVORATIVA FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TOMMASO MAGGI Telefono 0667666509 Fax 0667666494 E-mail t.maggi@provincia.roma.it Data di nascita 21.12.1957 ESPERIENZA LAVORATIVA Date

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring)

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) 2 Bando Tematico riservato alle P.M.I. Osservazione della Terra SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) INNOVA Consorzio per l Informatica e la Telematica srl Dott. Antonio Valentino 13 luglio

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l.

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Aerofotogrammetria Dettagli costruttivi Aerofotogrammetria con SAPR Introduzione Al-To Drones Srl 2 Introduzione Lunghezza focale

Dettagli

COMUNE DI CRUCOLI Provincia di Crotone *****

COMUNE DI CRUCOLI Provincia di Crotone ***** COMUNE DI CRUCOLI Provincia di Crotone ***** LAVORI DI COMPLETAMENTO OPERE A DIFESA DELLA FASCIA LITORANEA DEL COMUNE DI CRUCOLI DAI FENOMENI EROSIVI MEDIANTE RIPASCIMENTO PROTETTO ----------------------------

Dettagli

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra Progetto WHERE World HEritage monitoring by Remote sensing Realizzazione di un sistema per il monitoraggio Sistema

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

Uso del suolo 2003 Documentazione. a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi

Uso del suolo 2003 Documentazione. a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi Uso del suolo 2003 Documentazione a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi Edizione maggio 2011 1 Sommario Scheda riepilogativa database uso del suolo 2003...3

Dettagli

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO IRPI Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA GRUPPO DI GEOMONITORAGGIO - TORINO IL MONITORAGGIO DI CORSI D ACQUA E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI

Dettagli

CONVENZIONE. tra. Autorità di Bacino della Puglia. Politecnico di Bari. Dipartimento di Ingegneria delle Acque e di Chimica

CONVENZIONE. tra. Autorità di Bacino della Puglia. Politecnico di Bari. Dipartimento di Ingegneria delle Acque e di Chimica CONVENZIONE tra Autorità di Bacino della Puglia e Politecnico di Bari Dipartimento di Ingegneria delle Acque e di Chimica Laboratorio di Ricerca e Sperimentazione per la Difesa delle Coste (LIC) Studi

Dettagli

Rilievi Laser Scanner a supporto dell attività estrattiva.

Rilievi Laser Scanner a supporto dell attività estrattiva. Rilievi Laser Scanner a supporto dell attività estrattiva. SIR - Soluzioni Innovative per il Rilevamento Srl è una società Spin-off del Politecnico di Torino, che fornisce soluzioni per il rilevamento,

Dettagli

1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8. 1.5 Le barene e le alofite della laguna di Venezia come indicatori morfologici...

1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8. 1.5 Le barene e le alofite della laguna di Venezia come indicatori morfologici... INDICE INTRODUZIONE...1 1. MORFOLOGIA LAGUNARE...5 1.1 La laguna di Venezia...5 1.2 Area di studio...7 1.3 Le barene: caratteristiche ed evoluzione...8 1.4 La zonazione delle alofite...13 1.5 Le barene

Dettagli

TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P.

TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P. TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P. G. Caricato 1 & V. Telesca 2 1 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente di Basilicata 2 Università degli Studi della Basilicata,

Dettagli

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Prof. Ing. Virgilio Fiorotto *, Ing. Mauro Castellarin ** * Dipartimento di Ingegneria Civile, Sezione di Idraulica e Geotecnica,Università

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

L evento ha causato vari danni al litorale del comprensorio cesenate colpendo in particolare i seguenti tratti:

L evento ha causato vari danni al litorale del comprensorio cesenate colpendo in particolare i seguenti tratti: PREMESSA Tra il 31/10/2012 e il 01/11/2012 il litorale regionale è stato oggetto di un evento meteomarino di eccezionale rilevanza. La concomitanza sfavorevole dei massimi di marea astronomica, di acqua

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

CENSIMENTO DELLE CADITOIE STRADALI DI ROMA CAPITALE

CENSIMENTO DELLE CADITOIE STRADALI DI ROMA CAPITALE CENSIMENTO DELLE CADITOIE STRADALI DI ROMA CAPITALE Dott.ssa Rita Di Domenicantonio, Roma Capitale Dott.ssa Antonella Daidone, AMA S.p.a. Maria Marsella, D.I.C.E.A. - La Sapienza Università di Roma Marianna

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale pkm027-534-1.0 Presentazione aziendale Domenico Laforenza, Daniela Drimaco Roma, 14 Aprile 2011 Introduzione Planetek Italia S.r.l. è una società leader nella consulenza multi-disciplinare per lo sviluppo

Dettagli

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO 1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO Il Comune di Rimini con finanziamento della Giunta Regionale dell Emilia Romagna (delibere G.R. n. 2552/2003 del 09/12/2003 e n. 2334/2005 del 29/12/2005)

Dettagli

Misure altimetriche integrate a terra e satellitari per lo studio della subsidenza nel Delta del Po

Misure altimetriche integrate a terra e satellitari per lo studio della subsidenza nel Delta del Po SERVIZIO GEOLOGIA Misure altimetriche integrate a terra e satellitari per lo studio della subsidenza nel Delta del Po Prime considerazioni Riccardo Campana, Savino Cimarosto, Anna Galuppo, Enrico Schiavon,

Dettagli

Casi studio di dinamica costiera dei litorali italiani

Casi studio di dinamica costiera dei litorali italiani Casi studio di dinamica costiera dei litorali italiani APAT, Via Curtatone, Venerdì 23 settembre 2005 Relatori: Prof. Ing. Paolo De Girolamo, Ing. Paolo Contini Analisi di rischio a scala regionale Trasporto

Dettagli

Ordine dei Geologi Regione del Veneto

Ordine dei Geologi Regione del Veneto Corso CARTOGRAFIA E GIS Luogo di svolgimento Cittadella (PD) Durata 10 moduli tra loro indipendenti da svolgersi tra aprile e giugno 2011. E possibile l iscrizione anche a singoli moduli. Docenti Dr. Lorenzo

Dettagli

WorldView-1 Analisi comparativa con i dati QuickBird

WorldView-1 Analisi comparativa con i dati QuickBird WorldView-1 Analisi comparativa con i dati QuickBird Di Philip Cheng e Chuck Chaapel Worldview-1, è un satellite con sensore pancromatico che produce immagini alla risoluzione di 50 centimetri. Con una

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

TELERILEVAMENTO DA SATELLITE AD ALTA RISOLUZIONE PER IL MONITORAGGIO DEL TERRITORIO DA PARTE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

TELERILEVAMENTO DA SATELLITE AD ALTA RISOLUZIONE PER IL MONITORAGGIO DEL TERRITORIO DA PARTE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TELERILEVAMENTO DA SATELLITE AD ALTA RISOLUZIONE PER IL MONITORAGGIO DEL TERRITORIO DA PARTE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Francesco IMMORDINO (*), Vincent OTTAVIANI (**), Gianluca MASSEI (**), Silvia

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento Paolo PLINI, Rosamaria SALVATORI, Sabina DI FRANCO, Valentina DE SANTIS Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Segmentazione in GRASS Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Alfonso Vitti e Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Italy FOSS4G-it

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio Affari Generali A.P. Contratti di rilevanza comunitaria PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D.LGS. n.163/06, PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

Potenzialità e applicazioni innovative del Servizio

Potenzialità e applicazioni innovative del Servizio Potenzialità e applicazioni innovative del Servizio Bianca Federici bianca.federici@unige.it Laboratorio di Geodesia, Geomatica e GIS DICAT Università degli Studi di Genova SERVIZIO REGIONALE DI POSIZIONAMENTO

Dettagli

Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine

Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine di Philip Cheng Per molti anni la camera a pellicola aerotrasportata è stata la miglior scelta per l acquisizione di foto

Dettagli

Ortorettificazione di immagini satellitari ad alta risoluzione con GRASS

Ortorettificazione di immagini satellitari ad alta risoluzione con GRASS Ortorettificazione di immagini satellitari ad alta risoluzione con GRASS...A work in progress... Francesco Paolo Lovergine f.lovergine@ba.issia.cnr.it CNR ISSIA Ortorettifica È noto che per utilizzare

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli