ITIL: best practice per l IT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITIL: best practice per l IT"

Transcript

1 Slide 0.1 ITIL: best practice per l IT I processi e l approccio ( a cura di Stefania Renna CA) 24 Novembre 2005 Pag. 1

2 Slide 1.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 2

3 Slide 1.1 Le Best Practice ITIL Information Technology Infrastructure Libary ITIL come Best Practice NON sono una Metodologia Per Best Practice si intendono le esperienze più significative, le migliori pratiche e i servizi eccellenti adottati in diversi contesti. 24 Novembre 2005 Pag. 3

4 Slide 1.1 Da dove deriva Information Technology Infrastructure Library (ITIL) è un set di linee guida sviluppate dall Ufficio Governativo del Commercio Britannico (OGC). I libri ITIL sono una guida non proprietaria e di pubblico dominio, per la gestione dell IT Service Management. Il British Standard Institution (BSI) ha pubblicato (1998) il Code of Practice (PD0005) e lanciato la normativa BS15000 nel Novembre Novembre 2005 Pag. 4

5 Slide 2.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 5

6 Slide 1.1 Il framework ITIL 24 Novembre 2005 Pag. 6

7 Il Framework ITIL Tattico Operativo Altri processi Service Delivery Capacity Management Financial Mgt for IT Services Availability Management Service Level Management IT Service Continuity Mgt Customer Relationship Mgt Service Support Incident Management Problem Management Configuration Management Change Management Release Management Service Desk ICT Infrastructure Management Security Management Applications Management Environmental Infrastructure Mgt Project Management Destinato al Business Destinato agli Utenti 24 Novembre 2005 Pag. 7

8 Slide 2.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 8

9 Slide 1.1 Service Support: il modello dei processi Tools di Mgmnt Incidenti Incident Management Problem Management Incidenti Rilevazione sul Cliente Reports Business, Cliente e Utenti Incidenti Domande Indagini Service Desk Comunicazione Aggiornamenti Work-arounds Cambiamenti Releases Change Management Release Management Configuration Management Incidenti Problemi Known Errors Cambiamenti CMDB Releases CIs Relazioni 24 Novembre 2005 Pag. 9

10 Slide 2.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 10

11 Il Service Desk E una funzione, non un processo Agisce come punto centrale/unico di contatto (single point of contact) tra l Utente e l IT Service Management. Tratta Incidenti e Richieste, e fornisce un interfaccia verso le altre attività quali: Change, Problem, Configuration, Release, Service Level e IT Service Continuity Management. 24 Novembre 2005 Pag. 11

12 Le tematiche del Service Desk Responsabilità Necessità Skill Metriche Reporting Tecnologie di supporto Benefici Problemi Le tre tipologie di Service Desk 24 Novembre 2005 Pag. 12

13 Il Service Desk Locale Utente Locale Utente Locale Utente Locale Service Desk Supporto di primo livello Supporto delle Terze Parti Supporto di Rete e Operazionale Supporto delle Applicazioni Supporto Informatico 24 Novembre 2005 Pag. 13

14 Il Service Desk Centralizzato Utente Località 1 Utente Località 2 Utente Località 3 Service Desk Centralizzato Supporto di Seconda Linea Supporto delle Terze Parti Supporto di Rete e Operativo Supporto delle Applicazioni Supporto Informatico 24 Novembre 2005 Pag. 14

15 Il Service Desk Virtuale S.D. Toronto S.D. Sidney S.D. Londra S.D. New York S.D. Roma Modem Intranet Telephone WAN Virtual Service Desk S.D. Amsterdam Utente Locale LAN Modem LAN User Site 1 Utente Locale User Site n Utente Remoto Fax Service Management DB(s) Utente Locale Terze parti Fornitore Service Desk 24 Novembre 2005 Pag. 15

16 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 16

17 Obiettivo Ristabilire il normale servizio operativo il più presto possibile provocando il minimo scompiglio nel Business, in maniera da assicurare che sia raggiunto il miglior livello raggiungibile di disponibilità e di servizio. 24 Novembre 2005 Pag. 17

18 Definizione di Incidente E ogni evento che non è parte delle operazioni standard di un servizio e che causa, o potrebbe causare, un interruzione o una riduzione della qualità del servizio stesso. 24 Novembre 2005 Pag. 18

19 Uso del team di supporto Scoperta e registrazione Procedura di Richiesta dei Servizi Richiesta? si no Investigazione e Diagnosi Risolto? no Investigazione e Diagnosi si Soluzione e Ripristino Risolto? no Investigazione e Diagnosi si Soluzione e Ripristino Risolto? no Etc Chiusura dell Incidente si Soluzione e Ripristino 24 Novembre 2005 Pag. 19

20 Benefici Riduzione dell impatto sul Business mediante una tempestiva risoluzione Miglioramento del monitoraggio delle performance verso i target stabiliti Eliminazione di perdita degli Incidenti e di Richieste di Servizi Più accurate informazioni nel CMDB Miglioramento della soddisfazione del cliente Minore disgregazione tra l IT support staff e gli Utenti 24 Novembre 2005 Pag. 20

21 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 21

22 Definizione di Problema Un Problema è la causa sconosciuta di uno o più incidenti. Esso si trasforma in un Known Error quando viene individuata la causa scatenante e quando viene identificata una circumvenzione temporanea o una alternativa permanente. 24 Novembre 2005 Pag. 22

23 Attività Controllo dei problemi Controllo degli errori Supporto ai Major Incident Informazioni al Management (Report) Revisioni dei Major Incident Prevenzione Proattiva dei problemi (analisi del DB degli Incidenti) 24 Novembre 2005 Pag. 23

24 Benefici Riduzione di volume degli Incidenti Miglioramento della qualità dei Servizi IT Miglioramento del tempo di prima soluzione al Service Desk Soluzioni Permanenti Miglioramento dell apprendimento e della consapevolezza dell organizzazione 24 Novembre 2005 Pag. 24

25 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 25

26 Obiettivo E un processo atto a fornire un modello logico dell infrastruttura IT attraverso l identificazione, il controllo, la gestione e la verifica della versione di tutti gli Oggetti della Configurazione in esistenza. 24 Novembre 2005 Pag. 26

27 Attività Rendiconto di tutti gli oggetti IT Fornire informazioni accurate per supportare i processi del Service Management Fornire una base per tutte le discipline del Service Management Verifica di ciò che è stato catalogato rispetto all infrastruttura reale al fine di correggere le eccezioni 24 Novembre 2005 Pag. 27

28 Ambito, Baseline e Livello Base MAINFRAME Ambito Competenza MODEM NETWORK NETWORK HUB FILESERVER RELAZIONI RELAZIONI è è connesso connesso a a è è la la copia copia di di è è parte parte di di ATTRIBUTI ATTRIBUTI possessore, possessore, status, status, locazione, locazione, versione, versione, serial serial number number MODEM PC PC PC PC PC Livello dei CI PC Tastiera Schermo CPU 24 Novembre 2005 Pag. 28

29 Benefici Fornire accurate informazioni sui CI e sulla loro documentazione per il supporto di tutte le altre discipline del Service Management Agevolare l aderenza a obblighi legali e contrattuali Migliorare la sicurezza attraverso il controllo delle versioni dei CI in uso 24 Novembre 2005 Pag. 29

30 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 30

31 Obiettivo Assicurare che metodi e procedure standardizzate vengano utilizzate per un efficiente ed immediata gestione di tutti i cambiamenti, per minimizzare l impatto negativo di incidenti/problemi, al fine di realizzare dei Servizi di qualità. 24 Novembre 2005 Pag. 31

32 Responsabilità Evidenziare e registrare i Cambiamenti Stimare l impatto, il costo, il beneficio, la richiesta di risorse e il rischio del cambiamento proposto Sviluppare giustificazioni di Business e ottenere l approvazione Gestire e coordinare l implementazione dei Cambiamenti Effettuare monitoraggi e relazioni sull implementazione Rivedere e chiudere le Richieste di Cambiamento (RFCs) 24 Novembre 2005 Pag. 32

33 Tipi di cambiamento Cambiamenti Urgenti un cambiamento che necessita di essere implementato più velocemente (es.: patch specifica ad un problema bloccante) Cambiamenti Standard una soluzione accettata di un identificabile e relativamente comune set di requisiti (es.: creazione di un profilo utente) Cambiamenti Base Priorità: basata sull Impatto + l Urgenza Alta, Media, Bassa Categoria, basata sull Impatto sul Business Minore, Significativa, Maggiore 24 Novembre 2005 Pag. 33

34 Benefici Incrementata visibilità e comunicazione dei cambiamenti sia lato Business che verso lo staff di Supporto ai Servizi Riduzione dell impatto avverso dei cambiamenti attuati per il miglioramento del Business, valutando i rischi e l impatto tecnico Miglioramento della produttività degli Utenti evitando la confusione e massimizzando la qualità del servizio Migliore valutazione del costo dei cambiamenti proposti Maggiore abilità nell assorbire una maggior quantità di cambiamenti 24 Novembre 2005 Pag. 34

35 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 35

36 Obiettivo Avere una visione olistica di un Cambiamento ad un servizio IT ed assicurare che tutti gli aspetti di un Rilascio, sia tecnici che non, siano presi in considerazione assieme. 24 Novembre 2005 Pag. 36

37 Responsabilità Ambiente di Sviluppo Ambiente di Prova Controllato Ambiente di Produzione Policy del Rilascio Pianific. del Rilascio Software sviluppato o acquisito Gestione del Rilascio Costruz./ Configuraz. Versione Test su misura Accettaz. del Rilascio Piano di Rilascio Preparazione della Comunicaz. e Training Distribuzione e Installaz. DataBase di Gestione della Configurazione (CMDB) e Libreria Definitiva del Software (DSL) 24 Novembre 2005 Pag. 37

38 Benefici Incremento della qualità del Servizio data da migliori possibilità di successo dei rilasci e minimo impatto sul business Maggiore abilità nel fronteggiare alti livelli di Cambiamento Garanzia che hardware e software, rilasciati in ambienti di produzione, siano di qualità certificata, riducendo la possibilità che venga realizzato un cambiamento di software errato o non autorizzato Migliori prospettive per il Business e il personale dei Servizi IT 24 Novembre 2005 Pag. 38

39 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 39

40 Service Delivery: il modello dei processi Business, Cliente e Utenti Domande Indagini Comunicazioni Aggiornamenti Reports Availability Management Requisiti Targets Risultati Service Level Management Capacity Management Financial Management per Servizi IT Allarmi e Cambiamenti causati da eccezioni Continuity Management per Servizi IT Tool di gestione e Infrastruttura IT 24 Novembre 2005 Pag. 40

41 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 41

42 Obiettivo Mantenere e gradualmente migliorare la qualità del Servizio IT allineato al Business, attraverso un costante ciclo di definizione, accordo, monitoraggio, reporting e revisione del raggiungimento del servizio IT e attraverso azioni che spingano all eliminazione di un livello di servizio inaccettabile. 24 Novembre 2005 Pag. 42

43 Documenti Catalogo dei Servizi (SC) Requisiti del Livello di Servizio (SLR) Accordo sul Livello di Servizio (SLA) Accordo di Livello Operativo (OLA) Contratto Rafforzatore (Underpinning Contract UC) Programma di Miglioramento del Servizio ((C)SIP) 24 Novembre 2005 Pag. 43

44 Struttura del SLM Cliente Cliente Cliente Cliente Cliente Cliente Servizio IT Sistema IT Sistema IT Interni Esterni 24 Novembre 2005 Pag. 44

45 Benefici L attuale erogazione del servizio può essere misurato rispetto agli obiettivi Permette al Cliente di pesare il servizio in relazione al costo (Value for Money) Potenziale riduzione dei costi a lungo termine Percorsi concordati per la soluzione dei conflitti Minor numero di richieste imprevedibili Miglioramento delle relazioni col Cliente 24 Novembre 2005 Pag. 45

46 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 46

47 Obiettivo Fornire una gestione efficiente dei costi delle strutture/infrastrutture IT e delle risorse Finanziarie utilizzate nei Servizi. 24 Novembre 2005 Pag. 47

48 Obiettivi Identificazione dell attuale costo dei servizi forniti Fornire accurate e vitali informazioni finanziarie al fine di coadiuvare il processo decisionale Rendere consapevoli i clienti dell attuale costo dei servizi (se opportuno) Assistere nella valutazione e nella gestione dei Cambiamenti Guidare il comportamento del cliente Assumere una chiara posizione sulle politiche di pagamento 24 Novembre 2005 Pag. 48

49 Concetti Budget Contabilità Addebiti Elementi di costo Tipi di costo Classificazione dei costi Modelli di costo 24 Novembre 2005 Pag. 49

50 Benefici Aiuta a ridurre i costi di lungo termine Migliora la conoscenza nel fissare e gestire un budget Fornisce accurate informazioni sui costi per il supporto di investimenti IT Guida il comportamento del Cliente e del Fornitore Permette la comparazione tra fornitori alternativi del servizio 24 Novembre 2005 Pag. 50

51 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 51

52 Obiettivo Ottimizzare la capacità dell infrastruttura IT e supportare l organizzazione nel fornire un efficiente (dal punto di vista dei costi) e prolungato livello di disponibilità che consenta al business di soddisfare i propri obiettivi. 24 Novembre 2005 Pag. 52

53 Concetti di Disponibilità Disponibilità Affidabilità Manutenibilità Funzionalità Resistenza (capacità di reazione alle avversità) anche attinente alla Capacità di Gestire le Risorse Sicurezza Riservatezza, Integrità, Disponibilità 24 Novembre 2005 Pag. 53

54 Benefici I servizi sono progettati e gestiti per incontrare specifiche richieste di disponibilità del business Vengono identificate le mancanze nel livello di disponibilità e vengono prese le dovute azioni correttive Viene ridotta la frequenza e la durata dei problemi IT I livelli di disponibilità sono misurati per supportare pienamente la Gestione del Livello di Servizio (SLM) 24 Novembre 2005 Pag. 54

55 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 55

56 Obiettivo Comprendere i requisiti futuri del business (l erogazione del servizio richiesto), le attività dell organizzazione (l erogazione attuale), l infrastruttura IT (il mezzo della erogazione del servizio), e assicurare che la capacità attuale e futura e gli aspetti richiesti del business siano forniti con costi adeguati. 24 Novembre 2005 Pag. 56

57 Obiettivi Monitorare le performance e la capacità di erogazione dei servizi IT Guidare le attività verso un efficiente uso delle risorse Capire l attuale domanda per i Servizi IT e produrre previsioni per i requisiti futuri Guidare la richiesta delle risorse IT Produrre un Piano delle Capacità (Capacity Plan) che preveda le risorse IT necessarie a raggiungere livelli di servizio concordati o proposti 24 Novembre 2005 Pag. 57

58 Attività Gestione della domanda Modellazione Analisi dell andamento (Trend Analysis), Modellazione Analitica, Modelli per la Simulazione, Modellazione di Base Classificazione delle applicazioni Produzione del Capacity Plan 24 Novembre 2005 Pag. 58

59 Benefici Incremento dell efficienza e risparmio dei costi risultanti in forniture più economiche di servizi IT Eliminazione di spreco di capacità non necessarie Eliminazione di acquisti di emergenza (panic buying) Possibilità di spese differite Riduzione dei rischi relativi a problemi di performance Previsioni più veritiere e ottimizzate Miglioramento della conoscenza di problemi di capacity all interno del ciclo di sviluppo 24 Novembre 2005 Pag. 59

60 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 60

61 Obiettivo Supportare la totalità del processo di Gestione della Continuità per assicurare che i servizi IT, sia tecnici che strutturali richiesti, siano ripristinati nel tempo richiesto e concordato. 24 Novembre 2005 Pag. 61

62 Obiettivi Assicurare la sopravvivenza del business riducendo l impatto di un disastro o di un problema prioritario Ridurre la vulnerabilità e il rischio del business attraverso un efficace analisi dei rischi e una gestione del rischio Prevenire la perdita di fiducia del cliente e degli utenti Produrre piani di recupero IT che siano pienamente integrati e che supportino l intero Piano di Continuità del Business per l intera organizzazione 24 Novembre 2005 Pag. 62

63 Benefici Gestione del rischio e conseguente riduzione dell impatto Aderenza alle norme richieste Potenziali minori premi assicurativi Un approccio più focalizzato al business Minor impatto sul business derivante da un incidente Incremento della fiducia del Cliente e maggior credibilità nell organizzazione 24 Novembre 2005 Pag. 63

64 Slide 7.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework 3. Il Service Support 1. Il Service Desk 2. L Incident Management 3. Il Problem Management 4. Il Configuration Management 5. Il Change Management 6. Il Release Management 4. Il Service Delivery 1. Il Service Level Management 2. Financial Management 3. L Availability Management 4. Il Capacity Management 5. Il Continuity Management 5. Conclusioni 24 Novembre 2005 Pag. 64

65 Il percorso formativo ITIL Foundation: 2gg. + 1g ITIL Practitioner: 3gg + 1g ITIL Manager: 5gg + 5gg + 1g + 2gg 24 Novembre 2005 Pag. 65

66 itsmf Italia Information Technology Service Management Forum 24 Novembre 2005 Pag. 66

67 Domande? 24 Novembre 2005 Pag. 67

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Governo dei sistemi informativi

Governo dei sistemi informativi Executive Master Governo dei sistemi informativi > II edizione CONFINDUSTRIA VENEZIA CONFINDUSTRIA PADOVA CONFINDUSTRIA VENEZIA gennaio/luglio 2011 Obiettivi Un numero crescente di organizzazioni appartenenti

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza!

E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza! White paper tecnico RESOURCE MANAGEMENT www.novell.com E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza! Guida italiana alla gestione dell IT secondo una logica di servizio E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza!

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli