Questo capitolo presenta una panoramica dei controlli che il programma in automatico esegue sul modello della struttura.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questo capitolo presenta una panoramica dei controlli che il programma in automatico esegue sul modello della struttura."

Transcript

1 Capitolo 7 Controllo del modello della struttura, rinumerazione degli oggetti e risoluzione problemi Questo capitolo presenta una panoramica dei controlli che il programma in automatico esegue sul modello della struttura. Sono riportati: Capitolo 7 Controllo del modello della struttura, rinumerazione degli oggetti e risoluzione problemi Controllo del modello della struttura, dei carichi applicati e risoluzione problemi Risultati non trovati I comandi di visualizzazione e modifica della numerazione degli oggetti Controllo dei warning di Algor Capitolo 7 Pag. 1

2 Controllo del modello della struttura, dei carichi applicati e risoluzione problemi I modelli realizzati con PRO_SAP sono composti da oggetti: elementi D2, elementi D3, nodi, solai, ecc.. e da altre componenti come vincoli rigidi, elastici, svincoli, fondazioni, ecc.., allo scopo di simulare il reale comportamento della struttura e rispondere, quindi, alle esigenze della progettazione strutturale. L assegnazione dei carichi al modello e lo sviluppo del calcolo, vengono eseguiti correttamente solamente se non sono presenti errori o dimenticanze nella modellazione della struttura; a tale scopo il programma per entrare nella fase di assegnazione dei carichi, richiede opportuni controlli (Check dati struttura) sugli oggetti che compongono la struttura e sulle loro proprietà. Il comando di controllo effettua, inoltre, la rigenerazione della numerazione dei nodi, degli elementi e dei macroelementi. La numerazione dei macroelementi è possibile solamente dopo aver realizzato il controllo del modello strutturale. Il controllo del modello viene realizzato con i seguenti comandi: Contesto Check dati struttura Appare la finestra Controllo dello stato in cui vengono riportati i controlli effettuati sulla struttura; la lista dei controlli si chiude con Processo completato! premere il tasto x di chiusura della finestra. Il contenuto della finestra di testo può essere esportato in un qualunque programma di gestione testi. Check dati struttura - Messaggi di errore: Potenziali labilità selezionate. Forse necessari ulteriori controlli. Questo messaggio di attenzione avverte sulla presenza nel modello di uno o più nodi o elementi non collegati alla struttura. Tali oggetti sono selezionati in modo automatico ed è possibile isolarli per il controllo. Elementi con nodi intermedi selezionati. Forse necessari ulteriori controlli. Questo messaggio avverte che nel modello sono presenti uno o più nodi sovrapposti ad elementi e ad loro non connessi; i nodi e gli elementi interessati vengono selezionati in modo automatico ed è possibile isolarli per il controllo. Il comando Interseca permette la connessione automatica dei nodi agli elementi. Elementi sovrapposti o doppi selezionati. Verificare la modellazione (numerazione elementi). Questo messaggio avverte che nel modello sono presenti elementi sovrapposti; gli elementi interessati sono selezionati in modo automatico ed è possibile isolarli per il controllo. Per facilitare il controllo è possibile attivare la numerazione degli elementi. Il comando Elimina Solo elementi permette l eliminazione di uno degli elementi sovrapposti. Individuati nodi sovrapposti. Verranno rimossi automaticamente. Forse necessari ulteriori controlli. Questo messaggio avverte che nel modello sono presenti nodi sovrapposti; i nodi interessati sono selezionati ed eliminati in modo automatico. Per facilitare il controllo è possibile attivare la numerazione dei nodi. Dopo la visualizzazione del messaggio, è necessario ripetere l operazione di check. Generazione scarichi troppo complessa. Suddividere l elemento D2 x. Questo messaggio avverte che nel modello sono presenti uno o più elementi solaio che appoggiano su elementi con suddivisioni molto diverse. Se tale differenza non permette la generazione degli scarichi con adeguata precisione, viene visualizzato il messaggio di attenzione e viene predisposto l inserimento di un nodo intermedio nel solaio. Attivando il comando Divide viene inserito automaticamente il nodo intermedio. Generazione scarichi sospetta (divisore del momento assegnato <= 2). Forse necessari ulteriori controlli. Questo messaggio avverte che nel modello sono presenti uno o più elementi solaio interni alla struttura (non elementi balcone), che scaricano a sbalzo o in modo anomalo. Elementi D2 con potenziali problemi selezionati (in modello solido). Forse necessari ulteriori controlli. Questo messaggio avverte che sono stati selezionati gli elementi che presentano un problema visibile solamente in modalità solida. Questo messaggio è tipico della presenza di un filo fisso errato. Capitolo 7 Pag. 2

3 Attivando il comando (pulsante destro del mouse) Visualizza Isola topologia viene visualizzato solamente l elemento o gli elementi da controllare. Attivando il comando evidenziato. Modo grafico Solido veloce è possibile visualizzare il problema Rapporto L/h per D2 di fondazione x non corretto. Forse necessari ulteriori controlli. Questo messaggio avverte che la sezione assegnata all elemento di fondazione numero x non è corretta, in quanto il rapporto tra le dimensioni della sezione non è adatto ad una trave di fondazione (es. profilo in acciaio). Il programma ha rilevato la presenza di elementi D2 con dimensioni non rispondenti ai dettami sismici. Forse necessari ulteriori controlli. Questo messaggio avverte che esistono uno o più elementi che non rispettano i controlli sismici dimensionali previsti dall'a normativa (dimensione minima pilastri, forma della sezione per travi, ecc ) Probabili errori nella definizione tipologica. Il programma provvederà alla correzione. Ripetere il check. Questo messaggio avverte che nel modello sono presenti elementi senza i nodi che li definiscono; i nodi interessati sono inseriti in modo automatico. Nel caso si desideri procedere ad ulteriori controlli, (premendo SI), essendo gli oggetti selezionati in modo automatico dal programma, è sufficiente eseguire i comandi: Attivando il comando (pulsante destro del mouse) Visualizza Isola topologia viene visualizzato solamente l elemento o gli elementi da controllare. A questo punto è possibile effettuare i controlli degli oggetti con le metodologie già presentate (numerazione nodi ed elementi, visualizzazione solida, visualizzazione con effetto esploso, ecc..); per ripristinare la visualizzazione precedente premere Visualizza tutto; Al termine del controllo è necessario chiudere la finestra visualizzata con il consueto comando di chiusura. Per realizzare il controllo Check dati struttura solamente su alcuni elementi della struttura è possibile utilizzare il comando: Modifica Comandi Avanzati Check dat-struttura solo su visibili Questo comando permette di effettuare le operazioni di controllo del modello, solamente sugli elementi visibili. Effettuate queste operazioni è possibile accedere al Contesto di assegnazione dei carichi. Controllo dei carichi applicati Al termine della fase di assegnazione dei carichi è necessario procedere con il controllo dei carichi inseriti con i seguenti comandi: Contesto Check dati di carico Questo comando permette di realizzare il controllo dei casi di carico e dei carichi applicati alla struttura. Nel caso in cui siano presenti dei problemi, il programma visualizza il messaggio di attenzione. Check dati di carico - Messaggi di errore: La definizione dei casi di carico sismici non è corretta. La massa risulta nulla - utilizzare il comando di definizione. Questo comando segnala un errore nella definizione delle masse sismiche. In particolare non sono stati definiti tutti i parametri all interno della cartella Casi di carico sismici. Per effettuare la correzione è necessario utilizzare i seguenti comandi: Dati di carico Casi di carico sismici per visualizzare le finestra che permette la definizione dei parametri del calcolo sismico. Elementi D2 con carichi verticali positivi: contributo sismico nullo. Questo messaggio segnala l esclusione dalla partecipazione alla generazione delle masse sismiche dei carichi verticali positivi. Elementi D3 con carichi di pressione: contributo sismico nullo. Capitolo 7 Pag. 3

4 Questo messaggio segnala l esclusione dalla partecipazione alla generazione delle masse sismiche dei carichi con tipologia pressione. Tabella di applicazione dei carichi non accessibile. Non esistono casi di carico idonei. Questo messaggio segnala che non esistono nell archivio i casi di carico (ad es. Gk, Qk, ecc..) in cui è consentito inserire i carichi generici. Tabella dei casi di carico non corretta. Settata dal programma. Questo messaggio segnala che il caso di carico corrente non consente l inserimento dei carichi generici. Il programma modifica in automatico il caso di carico corrente. Controllo degli errori e risoluzione dei problemi In fase di soluzione può accadere che, a causa d errori di varia natura, il solutore interrompa il calcolo; l opzione di visualizzazione degli archivi permette l apertura automatica, mediante il programma Wordpad, dell archivio (file Fst.L) contenente (nelle ultime righe del documento) una breve descrizione della tipologia d errore. Nel caso in cui il calcolo non giunga a buon fine viene visualizzato nella finestra di Controllo dello statoreport il messaggio Risultati non trovati!!!. Risultati non trovati Al termine delle analisi la finestra Controllo dello stato report presenta il messaggio Risultati non trovati. Per determinare la causa del messaggio è necessario: Verificare la corretta installazione del solutore Algor. Controllare la presenza di eventuali labilità nel modello. Controllare la presenza errori dovuti alla configurazione del pc. Verifica della corretta installazione di Algor Per controllare la corretta installazione del solutore è necessario eseguire le analisi di un esempio test: Start Programmi PRO_SAP PROfessional SAP Esempi PRO_SAP Esempio - Test installazione ed eseguire i comandi: Contesto Riesecuzione veloce Se la finestra Controllo dello stato report presenta ancora il messaggio Risultati non trovati significa che il solutore non è installato correttamente. Se la finestra Controllo dello stato report presenta il messaggio Risultati verificati significa che il solutore è installato correttamente, sarà quindi necessario controllare al presenza di eventuali labilità del modello. Per vecchie versioni di Algor (precedenti alla 12) è necessario settare alcune variabili nel sistema operativo per far sì che Algor possa funzionare. Per Windows 95/98 nel file autoexec.bat aggiungere: SET ALGMEM = (per pc con 512 MB di RAM) SET ALGMEM = (per pc con 1 GB di RAM) Nei casi diversi è sufficiente immettere un valore pari alla metà circa della memoria RAM disponibile. Aggiungere al PATH il nome della cartella in cui è stato installato ALGOR, ad esempio c:\algor Per Windows NT, ME e superiori è necessario definire le variabili d ambiente nel seguente modo: Capitolo 7 Pag. 4

5 1. fare clic col tasto destro del mouse sul comando Risorse del computer e selezionare il comando Proprietà; 2. nella tabella Avanzate fare clic sul comando Variabili d ambiente; 3. nella cornice Variabili di sistema cercare path e fare clic su modifica; 4. nel valore della variabile aggiungere in coda la directory di installazione di Algor separata dal punto e virgola, ad esempio: [ ] C:\Windows;C:\Algor e fare clic su OK; 5. nella cornice Variabili di sistema fare clic su Nuovo e inserire in Nome variabile: ALGMEM 6. inserire in valore variabile: (per pc con 512 MB di RAM, o per pc con 1 GB di RAM, immettere un valore pari alla metà circa della memoria RAM disponibile); 7. fare clic sui comandi OK per chiudere la finestre delle variabili d ambiente. Controllo del modello Per avere una descrizione dell errore che ha provocato l interruzione del solutore è necessario aprire il file di archivio che contiene i codici di errore. Il file in questione si chiama fst.l e si trova nella cartella nomefile_data associata al modello; essendo un normale file di testo può essere aperto con il blocco note o con Wordpad. Nelle ultime righe del file fst.l è presente una descrizione dell errore; di seguito ne sono riportati alcuni: **** PRINT OF TYPE-7 ELEMENT DATA SUPPRESSED error: DIAGONAL TERM OF ZERO AT I = 3 error: DIAGONAL TERM OF ZERO AT I = 6 Error. Significa che alcuni elementi di fondazione non sono stati definiti correttamente, ad esempio una trave di fondazione può avere una lunghezza molto piccola in confronto alla sezione, o può essere che in una fondazione puntuale non siano stati definiti tutti i parametri richiesti (coefficienti di winkler, modulo del palo, ). **** Load case 1 error: your model isn't tied down enough make sure each DOF is set somewhere: 91 Error. Significa che nel modello della struttura è presente una labilità che provoca il blocco del solutore in corrispondenza dell equazione 91. Per indagare a quale nodo corrisponde il grado di libertà (DOF) 91 è necessario analizzare la tabella con la numerazione delle equazioni, presente nel file fst.l. Le righe della tabella corrispondono ad i nodi del modello; per ogni riga sono presenti, dopo il numero del nodo (che corrisponde alla numerazione dei nodi in PRO_SAP), 6 colonne che corrispondono ai 6 gradi di libertà del nodo: 3 traslazioni (DX, DY, DZ) e 3 rotazioni (RX, RY, RZ). Il titolo della tabella può essere: 1**** EQUATION NUMBERS N DX DY DZ RX RY RZ Oppure, nel caso sia stata fatta l ottimizzazione di banda: 1**** EQUATION NUMBERS AFTER MINIMIZATION OLD NEW DX DY DZ RX RY RZ NODE NODE E necessario effettuare la ricerca del valore del grado di libertà che presenta la labilità. Nell esempio preso in considerazione si deve ricercare l equazione n. 91 all interno della tabella: 1**** EQUATION NUMBERS N DX DY DZ RX RY RZ [ ] Capitolo 7 Pag. 5

6 Il numero del nodo che presenta labilità si trova nella colonna (N), in questo caso sarà il nodo n. 16 e, nello specifico, sarà necessario controllare la traslazione x del nodo (l equazione n. 91 si trova infatti nella colonna corrispondente alla traslazione x DX). Nel caso sia stata fatta l ottimizzazione di banda il numero del nodo è da ricercare nella colonna (OLD NODE ). Ora sarà sufficiente selezionare il nodo n. 16 nel modello PRO_SAP con il comando trova, indicando il nodo. Per far sì che il file fst.l venga aperto in automatico in caso di errori è necessario, nel contesto di Assegnazione carichi selezionare: Modifica Comandi avanzati Mostra archivi con errori Controllo delle impostazioni del pc Se nel file fst.l compare un messaggio che indica che lo spazio a disposizione sull hard disk non è sufficiente selezionare, nel contesto di Assegnazione carichi: Modifica Comandi avanzati Selezione del solutore Nella casella % di memoria RAM disponibile per il solutore incrementare il valore (si può arrivare fino all 80%) in modo che il solutore disponga di più memoria. La versione ALGOR installata non è attualmente supportata. E necessario contattare il fornitore. Nel caso in cui nella fase di Salvataggio dati per l analisi si visualizzi il messaggio riportato sopra è sufficiente selezionare, nel contesto di Assegnazione carichi: Modifica Comandi avanzati Selezione del solutore e definire, mediante il tasto Sfoglia, il percorso da assegnare per l individuazione del solutore ALGOR Supersap. Nel caso sia presente una delle seguenti problematiche: il modello possiede pochi gradi di libertà e si sono richiesti molti modi di vibrare; il modello presenta una labilità e l analisi dinamica non riesce ad arrivare a convergenza; il solutore dinamico non è istallato correttamente; al termine del calcolo viene presentato il messaggio Il numero di modi richiesto non è stato individuato. Si desidera procedere con n. -1 modi. La risoluzione del problema avviene nel seguente modo: Se il modello possiede pochi gradi di libertà è necessario diminuire il numero dei modi di vibrare; Se il modello presenta una labilità è necessario individuare la labilità aprendo il file Dynx.l con il Blocco Note e ricercare nelle ultime righe il codice di errore. Se il solutore dinamico non è istallato correttamente è necessario realizzare un test eseguendo il calcolo dinamico di un modello privo di errori (ad es. un esempio guidato contenuto nella cartella ESEMPI_2SI), e se necessario reinstallare il solutore Algor SUPERSAP. I comandi di visualizzazione e modifica della numerazione degli oggetti Durante le fasi di modellazione è possibile visualizzare la numerazione dei vari oggetti (nodi, elementi D2 ecc ). La numerazione dei nodi, degli elementi D2, degli elementi D3 e degli elementi solidi è definita in modo automatico, in base alla posizione geometrica nel sistema di riferimento globale e non può essere modificata. La numerazione delle macrostrutture (pilastrate, travate, pareti ecc ), attivabile solamente dopo aver eseguito il check dati struttura, può essere modificata mediante i comandi riportati nel cap. 4. Al termine delle fasi di modellazione è consigliato realizzare la rinumerazione degli oggetti, al fine di velocizzare la risoluzione e riordinare la numerazione di oggetti inseriti in tempi diversi e in diverse parti della struttura. Per visualizzare o modificare la numerazione degli oggetti è necessario eseguire i seguenti comandi: Preferenze Numerazioni Viene visualizzata la Finestra delle Opzioni di numerazione che riporta le opzioni ed i comandi di gestione della numerazione degli oggetti. Capitolo 7 Pag. 6

7 La finestra contiene le seguenti opzioni: Elementi Contiene le opzioni per la visualizzazione della numerazione dei seguenti oggetti: Nodi, Elementi D2, Elementi D3, Elementi solidi, Elementi solaio. Aiuti Contiene le opzioni per la visualizzazione degli aiuti alla modellazione: Fili fissi Numerazione dei fili fissi; Linee di costruzione Comando riservato a future versioni. Archivi in box di selezione Consente la visualizzazione della numerazione degli archivi contenuti nelle finestre delle proprietà degli oggetti (sezione, materiale, fondazione ecc ). Gruppi di Elementi Contiene le opzioni per la visualizzazione della numerazione dei macroelementi e della loro numerazione interna. Per la definizione e la modifica del tipo di testo e del colore dei numeri è necessario utilizzare i comandi Colore e Testo dopo aver attivato una opzione di visualizzazione. Con il comando Colore viene visualizzata la finestra Colore per la definizione della colorazione da attribuire ai numeri visualizzati. Con il comando Testo viene visualizzata la finestra Tipo di carattere che consente la definizione dello stile e della dimensione dei numeri visualizzati. Per eseguire la rinumerazione degli oggetti è necessario attivare i seguenti comandi: Preferenze Setta numerazione e procedere nel seguente modo: 1. Attivare il comando Preferenze Setta numerazione Viene visualizzato il menu di selezione della tipologia di oggetti di cui si desidera rigenerare la numerazione. 2. Selezionare la tipologia di oggetti da rinumerare, per visualizzare la finestra Opzioni per la rinumerazione. La finestra contiene le opzioni di rinumerazione applicabili alla tipologia di oggetti selezionati. 3. Nella finestra Opzioni per la rinumerazione, selezionare l opzione di interesse: Opzioni per la rinumerazione dei nodi: Per posizione XYZ(passo) Opzione che definisce la numerazione degli oggetti in modo crescente secondo l'asse X, e a parità di coordinata X secondo l'asse Y, quindi secondo l'asse Z; YXZ(passo) Opzione che definisce la numerazione degli oggetti in modo crescente secondo l'asse Y, e a parità di coordinata Y secondo l'asse X, quindi secondo l'asse Z; ZXY(passo) Opzione che definisce la numerazione degli oggetti in modo crescente secondo l'asse Z, e a parità di coordinata Z secondo l'asse X, quindi secondo l'asse Y; ZYX(passo) Opzione che definisce la numerazione degli oggetti in modo crescente secondo l'asse Z, e a parità di coordinata Z secondo l'asse Y, quindi secondo l'asse X; Definizione passo per nodi Opzione che permette di definire l'incremento della numerazione nel passaggio da una quota alla successiva (es. definendo 100, il secondo impalcato avrà numerazione partente dal numero 101, il terzo da 201 ecc..) Per proprietà Layer Permette la rinumerazione degli oggetti in base al layer di appartenenza e alla sua posizione nell archivio; Opzioni per la rinumerazione degli elementi D2: Per posizione Come sopra. Per proprietà Layer Permette la rinumerazione degli oggetti in base al layer di appartenenza e alla sua posizione nella tabella dei layer; Capitolo 7 Pag. 7

8 Materiale Permette la rinumerazione degli oggetti in base al materiale assegnato e alla sua posizione nell archivio dei materiali; Sezione Permette la rinumerazione degli oggetti in base alla sezione assegnata e alla sua posizione nell archivio delle sezioni; Criterio Permette la rinumerazione degli oggetti in base al criterio di progetto assegnato e alla sua posizione nell archivio dei criteri di progetto; Opzioni per la rinumerazione degli elementi D3: Per posizione Come sopra. Per proprietà Layer Come sopra; Materiale Come sopra; Spessore Permette la rinumerazione degli oggetti in base allo spessore assegnato, a partire dagli elementi; Criterio Come sopra; Opzioni per la rinumerazione degli elementi solidi: Per posizione Come sopra. Per proprietà Layer Come sopra; Materiale Come sopra; Criterio Come sopra; Opzioni per la rinumerazione degli elementi solaio: Per posizione Come sopra. Per proprietà Layer Come sopra; Materiale Come sopra; Spessore Come sopra; Sezione Permette la rinumerazione degli elementi solaio in base alla sezione assegnata al travetto e alla sua posizione nell archivio delle sezioni. Criterio Come sopra; Carico Permette la rinumerazione degli oggetti in base al carico assegnato e alla sua posizione nell archivio dei carichi automatici per solaio. Intervallo nella numerazione per la variazione della terza coordinata (attivo solamente per la numerazione dei nodi) Permette la rinumerazione dei nodi con intervalli di numerazione legati alla variazione della terza coordinata (ad es. nella numerazione per posizione XYZ (passo), Z è la terza coordinata). L intervallo nella numerazione viene definito nella apposita casella (ad es. 10, la numerazione varierà di 10 in 10). Nel caso in cui l intervallo definito sia inferiore al numero dei nodi presenti su uno dei piani definiti dalla terza coordinata, viene visualizzato il messaggio riportato a lato. 4. Premere il tasto Applica per confermare il comando e per rigenerare lo schermo. Controllo dei warning di Algor Dalla versione di PRO_SAP è possibile visualizzare in maniera automatica un file di testo contenente l'elenco dei messaggi del solutore, come previsto dal D.M Tale funzionalità consente al progettista un uso più consapevole della modellazione a elementi finiti. I messaggi forniti dal solutore sono di due tipi: - messaggi di warning; - messaggi di errore. I messaggi di warning sono informazioni sulla elaborazione (ad esempio sulla fattorizzazione della matrice delle rigidezze) e, in generale, sono da ritenersi messaggi di approfondimento e, come tali, non devono allarmare il progettista. Capitolo 7 Pag. 8

9 I messaggi di errore, al contrario, indicano un funzionamento non normale del solutore che compromette l'esito dell'analisi e non possono essere ignorati. Messaggi di warning di Algor più comuni: Warning: zero stiffness replaced by 1.0E+20 at EQN#490, NODE#82 Rx indica che per nell'equazione numero 490 è stata trovata una rigidezza nulla e viene sostituita con una rigidezza di 1.0E+20. Tale messaggio compare, ad esempio, se nel modello sono presenti dei balconi e quindi dei nodi di costruzione per cui non passano elementi finiti (il balcone è solo un carico per la struttura). Si suggerisce di ignorare questo messaggio. Warning: (Masses/No. Frequencies) ratio is low for sparse solver. indica che il solutore "skyline" è più adeguato del solutore "sparse" per la risoluzione del modello. Si suggerisce di utilizzare il comando, nel contesto assegnazione carichi, "modifica -> comandi avanzati -> selezione del solutore", selezionare il solutore n.1 e togliere l'opzione "modale sparse mat." warning: max/min stiffness ratio = E+11 indica il rapporto tra il massimo e il minimo valore delle rigidezze. Si suggerisce di ignorare il messaggio se il rapporto è minore di 1E+21, in caso contrario verificare che nel modello non siano presenti elevate variazioni di rigidezza. Messaggi di errore di Algor dei più comuni: Error: your model isn't tied down enough make sure each DOF is set somewhere 139 indica che il modello non è vincolato abbastanza pertanto non è possibile visualizzare i risultati dell'analisi. Si suggerisce un controllo del modello. Error. Eigensolver failure. Possible rigid body modes. indica che l'analisi dinamica modale non è andata a buon fine. Si suggerisce di sostituire il sisma dinamico con il sisma statico e verificare la presenza di eventuali labilità. Capitolo 7 Pag. 9

10 Capitolo 7 Pag. 10

Generazione delle immagini, degli esecutivi della struttura, della relazione di calcolo e dei computi

Generazione delle immagini, degli esecutivi della struttura, della relazione di calcolo e dei computi Capitolo 14 Generazione delle immagini, degli esecutivi della struttura, della relazione di calcolo e dei computi Questo capitolo presenta una panoramica dei comandi e delle procedure per la generazione

Dettagli

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti)

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) In questa semplice esercitazione di progettazione viene eseguito il calcolo completo di una struttura in

Dettagli

Modo grafico Solido dinamico viene visualizzata la struttura riportata nell immagine. Premere il tasto x per uscire.

Modo grafico Solido dinamico viene visualizzata la struttura riportata nell immagine. Premere il tasto x per uscire. Esercitazione n. 7 di progettazione con PRO_SAP: Analisi dell interazione terreno-struttura In questa esercitazione guidata sono illustrate alcune semplici procedure che permettono di sperimentare direttamente

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

Modellazione 3D con elementi solidi. Esempio guidato 10 Pag. 1

Modellazione 3D con elementi solidi. Esempio guidato 10 Pag. 1 Esempio guidato 10 Modellazione 3D con elementi solidi Esempio guidato 10 Pag. 1 Esempio guidato 10 Modellazione 3D con elementi solidi In questo Tutorial si illustra la procedura per la modellazione 3D

Dettagli

Progetto di un telaio tridimensionale in. cemento armato. Esempio guidato 2 Pag. 1

Progetto di un telaio tridimensionale in. cemento armato. Esempio guidato 2 Pag. 1 Esempio guidato 2 Progetto di un telaio tridimensionale in cemento armato Esempio guidato 2 Pag. 1 Esempio guidato 2 - Progetto di un telaio tridimensionale in cemento armato In questo Tutorial viene eseguito

Dettagli

Esempio guida n. 4: Modellazione con l ausilio di un disegno architettonico (CAD)

Esempio guida n. 4: Modellazione con l ausilio di un disegno architettonico (CAD) Esempio guida n. 4: Modellazione con l ausilio di un disegno architettonico (CAD) In questa semplice esercitazione di progettazione viene eseguita la modellazione di parti di struttura partendo da un disegno

Dettagli

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 Modellazione mediante importazione di file.dxf Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 - Modellazione mediante importazione di file.dxf In questo Tutorial viene illustrata la procedura

Dettagli

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA Requisisti di sistema L applicazione COMUNICAZIONI ICI è stata installata e provata sui seguenti

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

CODICI IVA. Adeguamento aliquote d'imposta. Release 5.00 Manuale Operativo

CODICI IVA. Adeguamento aliquote d'imposta. Release 5.00 Manuale Operativo Release 5.00 Manuale Operativo CODICI IVA Adeguamento aliquote d'imposta Per rendere funzionale e veloce l adeguamento dei codici Iva utilizzati nel sistema gestionale, e rispondere così rapidamente alle

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana. Regole per il corretto funzionamento della posta elettronica

Consiglio regionale della Toscana. Regole per il corretto funzionamento della posta elettronica Consiglio regionale della Toscana Regole per il corretto funzionamento della posta elettronica A cura dell Ufficio Informatica Maggio 2006 Indice 1. Regole di utilizzo della posta elettronica... 3 2. Controllo

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS...

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... Manuale Utente (Gestione Formazione) Versione 2.0.2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... 4 2.1. Pagina Iniziale... 6 3. CARICAMENTO ORE FORMAZIONE GENERALE... 9 3.1. RECUPERO MODELLO

Dettagli

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password Capitolo 7 83 C A P I T O L O 7 Avvio di Blue s Questo capitolo introduce l'utilizzatore all'ambiente di lavoro e alle funzioni di aggiornamento delle tabelle di Blue s. Blue s si presenta come un ambiente

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

Capitolo 4. Introduzione dati: generazione del modello della struttura

Capitolo 4. Introduzione dati: generazione del modello della struttura Capitolo 4 Introduzione dati: generazione del modello della struttura Questo capitolo presenta una panoramica dei comandi e delle opzioni per la realizzazione del modello della struttura. Sono riportati

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

Capitolo 1 Installazione del programma

Capitolo 1 Installazione del programma Capitolo 1 Installazione del programma Requisiti Hardware e Software Per effettuare l installazione del software Linea Qualità ISO, il computer deve presentare una configurazione minima così composta:

Dettagli

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER.

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. Windows 7 e 8 strumenti per l ipovisione. Windows Seven/8 offrono ottimi strumenti per personalizzare la visualizzazione in caso di ipovisione: - una lente di

Dettagli

INDICE. IL CENTRO ATTIVITÀ... 3 I MODULI... 6 IL MY CLOUD ANASTASIS... 8 Il menu IMPORTA... 8 I COMANDI DEL DOCUMENTO...

INDICE. IL CENTRO ATTIVITÀ... 3 I MODULI... 6 IL MY CLOUD ANASTASIS... 8 Il menu IMPORTA... 8 I COMANDI DEL DOCUMENTO... MANCA COPERTINA INDICE IL CENTRO ATTIVITÀ... 3 I MODULI... 6 IL MY CLOUD ANASTASIS... 8 Il menu IMPORTA... 8 I COMANDI DEL DOCUMENTO... 12 I marchi registrati sono proprietà dei rispettivi detentori. Bologna

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad

Dettagli

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad internet

Dettagli

MANUALE UTENTE. Computer Palmare WORKABOUT PRO

MANUALE UTENTE. Computer Palmare WORKABOUT PRO MANUALE UTENTE Computer Palmare WORKABOUT PRO INDICE PROCEDURA DI INSTALLAZIONE:...3 GUIDA ALL UTILIZZO:...12 PROCEDURA DI AGGIORNAMENTO:...21 2 PROCEDURA DI INSTALLAZIONE: Per il corretto funzionamento

Dettagli

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli)

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli) IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Statistics versione 19 con licenza per utenti

Dettagli

SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli)

SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli) SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di SPSS Statistics con licenza per utenti singoli. Una

Dettagli

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni:

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: 1 - FILE FIGURA 1.1 Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: - apertura e salvataggio di disegni nuovi ed esistenti; - spedizione di disegni tramite email; - collegamento

Dettagli

Istruzioni operative instal azione FirmaVerifica3.0 Pag.1 di 27

Istruzioni operative instal azione FirmaVerifica3.0 Pag.1 di 27 Istruzioni operative installazione FirmaVerifica3.0 Pag.1 di 27 Generalità... 3 Operazioni preliminari... 4 Requisiti tecnici... 5 Installazione applicazione...6 Visualizzazione fornitura... 14 Gestione

Dettagli

Guida introduttiva. Aprire una finestra di dialogo Facendo clic sull'icona di avvio vengono visualizzate ulteriori opzioni per un gruppo.

Guida introduttiva. Aprire una finestra di dialogo Facendo clic sull'icona di avvio vengono visualizzate ulteriori opzioni per un gruppo. Guida introduttiva L'aspetto di Microsoft Excel 2013 è molto diverso da quello delle versioni precedenti. Grazie a questa guida appositamente creata è possibile ridurre al minimo la curva di apprendimento.

Dettagli

DINAMIC: gestione assistenza tecnica

DINAMIC: gestione assistenza tecnica DINAMIC: gestione assistenza tecnica INSTALLAZIONE SU SINGOLA POSTAZIONE DI LAVORO PER SISTEMI WINDOWS 1. Installazione del software Il file per l installazione del programma è: WEBDIN32.EXE e può essere

Dettagli

PARAMETRI. Guida all installazione

PARAMETRI. Guida all installazione PARAMETRI Guida all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto Parametri 2009 consente di determinare i ricavi o compensi realizzabili da parte dei contribuenti esercenti attività d impresa o arti e professioni

Dettagli

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO Capittol lo 5 File 5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO In Word è possibile creare documenti completamente nuovi oppure risparmiare tempo utilizzando autocomposizioni o modelli, che consentono di creare

Dettagli

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net - Introduzione Con questo articolo chiudiamo la lunga cavalcata attraverso il desktop di Windows XP. Sul precedente numero ho analizzato il tasto destro del mouse sulla Barra delle Applicazioni, tralasciando

Dettagli

PARAMETRI 2014 P.I. 2013. Guida all uso ed all installazione

PARAMETRI 2014 P.I. 2013. Guida all uso ed all installazione PARAMETRI 2014 P.I. 2013 Guida all uso ed all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto PARAMETRI 2014 consente di stimare i ricavi o i compensi dei contribuenti esercenti attività d impresa o arti e professioni

Dettagli

Guida al backup e aggiornamento del programma MIDAP

Guida al backup e aggiornamento del programma MIDAP 1 Guida al backup e aggiornamento del programma MIDAP Giugno 2013 2 Premessa Questo manuale descrive passo-passo le procedure necessarie per aggiornare l installazione di Midap Desktop già presente sul

Dettagli

2 - Modifica. 2.1 - Annulla. 2.2 - Selezione finestra. S.C.S. - survey CAD system FIGURA 2.1

2 - Modifica. 2.1 - Annulla. 2.2 - Selezione finestra. S.C.S. - survey CAD system FIGURA 2.1 2 - Modifica FIGURA 2.1 Il menu a tendina Modifica contiene il gruppo di comandi relativi alla selezione delle entità del disegno, alla gestione dei layer, alla gestione delle proprietà delle varie entità

Dettagli

Versione 2.0. Manuale d uso. Software per la gestione. degli applicativi Bticino. TiManager 03/07-01 PC

Versione 2.0. Manuale d uso. Software per la gestione. degli applicativi Bticino. TiManager 03/07-01 PC Versione 2.0 03/07-01 PC Manuale d uso TiManager Software per la gestione degli applicativi Bticino TiManager INDICE 2 1. Requisiti Hardware e Software Pag. 4 2. Installazione Pag. 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Outlook Plugin per VTECRM

Outlook Plugin per VTECRM Outlook Plugin per VTECRM MANUALE UTENTE Sommario Capitolo 1: Installazione e Login... 2 1 Requisiti di installazione... 2 2 Installazione... 3 3 Primo Login... 4 Capitolo 2: Lavorare con Outlook Plugin...

Dettagli

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare.

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. E stato previsto l utilizzo di uno specifico prodotto informatico (denominato

Dettagli

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni it 2 Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale contiene importanti informazioni sulle caratteristiche e sull impiego

Dettagli

F-Series Desktop Manuale Dell utente

F-Series Desktop Manuale Dell utente F-Series Desktop Manuale Dell utente F20 it Italiano Indice dei contenuti Legenda di icone e testo...3 Cos'è F-Series Desktop?...4 Come si installa F-Series Desktop sul computer?...4 Come ci si abbona

Dettagli

L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP

L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP Premessa Le informazioni contenute nel presente documento si riferiscono alla configurazione dell accesso ad una condivisione

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password.

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Uso del computer e gestione dei file Primi passi col computer Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Spegnere il computer impiegando la procedura corretta.

Dettagli

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP)

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP) Le diverse componenti HARDWARE, pur opportunamente connesse ed alimentate dalla corrette elettrica, non sono in grado, di per sé, di elaborare, trasformare e trasmettere le informazioni. Per il funzionamento

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Product Updater. Scaricamento e Installazione aggiornamento

Product Updater. Scaricamento e Installazione aggiornamento CUBE AZIENDA CUBE TAGLIE & COLORI CUBE AUTOTRASPORTI EXPERT UP Product Updater Scaricamento e Installazione aggiornamento Attenzione! REQUISITO ESSENZIALE PER SCARICARE PRODUCT UPDATER È AVERE INSTALLATO

Dettagli

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per sito)

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per sito) IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per sito) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Statistics versione 21 con licenza per sito. Questo documento

Dettagli

Scadenziario e Rubrica

Scadenziario e Rubrica Scadenziario e Rubrica Breve panoramica Lo Scadenziario è un software creato con lo scopo di avere sempre sotto controllo i propri impegni e le proprie attività da svolgere. Quante volte ci si dimentica

Dettagli

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424 Scansione In questo capitolo sono inclusi i seguenti argomenti: "Nozioni di base sulla scansione" a pagina 4-2 "Installazione del driver di scansione" a pagina 4-4 "Regolazione delle opzioni di scansione"

Dettagli

LINEA UP Installazione aggiornamento da Dynet Web

LINEA UP Installazione aggiornamento da Dynet Web LINEA UP Installazione aggiornamento da Dynet Web Versioni:...VB e.net Rel. Docum.to... 0112LUDY Alla cortese attenzione del Responsabile Software INDICE A) MODIFICA IMPOSTAZIONI DI PROTEZIONE CORRENTI...2

Dettagli

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli)

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli) IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza per utenti singoli) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Statistics versione 21 con licenza per utenti

Dettagli

PARAMETRI 2012 P.I. 2011. Guida all installazione

PARAMETRI 2012 P.I. 2011. Guida all installazione PARAMETRI 2012 P.I. 2011 Guida all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto PARAMETRI 2012 consente di stimare i ricavi o compensi realizzabili da parte dei contribuenti esercenti attività d impresa o

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO Windows è il programma che coordina l'utilizzo di tutte le componenti hardware che costituiscono il computer (ad esempio la tastiera e il mouse) e che consente di utilizzare applicazioni

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR PJ-6/PJ-66 Stampante mobile Versione 0 ITA Introduzione Le stampanti mobili Brother, modelli PJ-6 e PJ-66 (con Bluetooth), sono compatibili con numerose

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

2 - Modifica. 2.1 - Annulla 2.2 - ANNULLA TOPOGRAFICO 2.3 - ANNULLA TOPOGRAFICO MULTIPLO FIGURA 2.1

2 - Modifica. 2.1 - Annulla 2.2 - ANNULLA TOPOGRAFICO 2.3 - ANNULLA TOPOGRAFICO MULTIPLO FIGURA 2.1 2 - Modifica FIGURA 2.1 Il menu a tendina Modifica contiene il gruppo di comandi relativi alla selezione e alla gestione delle proprietà delle entità del disegno e alla gestione dei layer. I comandi sono

Dettagli

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015]

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Panoramica... 2 Menù principale... 2 Link Licenza... 3 Link Dati del tecnico... 3 Link

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Product Updater Scaricamento e Installazione aggiornamento

Product Updater Scaricamento e Installazione aggiornamento Scaricamento e Installazione aggiornamento Versioni... VB e.net Rel. docum.to...1012lupu Alla cortese attenzione del Responsabile Software INDICE A) MODIFICA IMPOSTAZIONI DI PROTEZIONE CORRENTI...2 GESTIONE

Dettagli

AMICO 2.1 INSTALLAZIONE 2 PRIMO AVVIO DI AMICO 2.1 6

AMICO 2.1 INSTALLAZIONE 2 PRIMO AVVIO DI AMICO 2.1 6 AMICO 2.1 INSTALLAZIONE 2 PRIMO AVVIO DI AMICO 2.1 6 AVVIO DEL PROGRAMMA 6 CARICAMENTO DATI AMICO 2.0 (FUNZIONE DISPONIBILE SOLO NELLA VERIONE ITALIANA) 7 PREMESSA 7 PANORAMICA GENERALE SUL SOFTWARE 9

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

progecad NLM Guida all uso Rel. 10.2

progecad NLM Guida all uso Rel. 10.2 progecad NLM Guida all uso Rel. 10.2 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Come Iniziare... 3 Installare progecad NLM Server... 3 Registrare progecad NLM Server... 3 Aggiungere e attivare le licenze...

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007

BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007 BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007 INDICE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE...1 CONFIGURAZIONE AREA51...2 IMPOSTAZIONE ANAGRAFICA...2 CONFIGURAZIONE BILANCIA...2

Dettagli

bla bla Documenti Manuale utente

bla bla Documenti Manuale utente bla bla Documenti Manuale utente Documenti Documenti: Manuale utente Data di pubblicazione mercoledì, 25. febbraio 2015 Version 7.6.2 Diritto d'autore 2006-2013 OPEN-XCHANGE Inc., Questo documento è proprietà

Dettagli

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA Descrizione Generale E un programma di supervisione in grado di comunicare, visualizzare, memorizzare e stampare i consumi dell

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

TELE2Internet ADSL Manuale d'uso

TELE2Internet ADSL Manuale d'uso TELE2Internet ADSL Manuale d'uso Il presente Manuale d'uso include le istruzioni di installazione per TELE2Internet e TELE2Internet ADSL. Per installare TELE2Internet ADSL, consultare pagina 3. Sommario

Dettagli

Quaderni di formazione Nuova Informatica

Quaderni di formazione Nuova Informatica Quaderni di formazione Nuova Informatica Airone versione 6 - Funzioni di Utilità e di Impostazione Copyright 1995,2001 Nuova Informatica S.r.l. - Corso del Popolo 411 - Rovigo Introduzione Airone Versione

Dettagli

La GESTIONE INVENTARI di Area 51 permette di variare o correggere le giacenze in 4 maniere differenti:

La GESTIONE INVENTARI di Area 51 permette di variare o correggere le giacenze in 4 maniere differenti: GESTIONE INVENTARI La GESTIONE INVENTARI di Area 51 permette di variare o correggere le giacenze in 4 maniere differenti: 1. CHIUSURA DI MAGAZZINO: il classico inventario di fine anno o cambio gestione.

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE Quando una parola non è presente nel dizionario di Word, oppure nello scrivere una frase si commettono errori grammaticali, allora si può eseguire una delle seguenti

Dettagli

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI Manuale Operativo Istruzioni per l utilizzo del Software di controllo uniemens aggregato per l invio mensile unificato delle denunce retributive individuali (EMENS) e delle denunce contributive aziendali

Dettagli

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 1. I PRIMI PASSI INDICE GENERALE 2. COMANDI DI GESTIONE FINESTRA 3. DISPOSIZIONE

Dettagli

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza di rete)

IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza di rete) IBM SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione (Licenza di rete) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Statistics versione 21 con licenza di rete. Questo documento

Dettagli

GUIDA UTENTE WEB PROFILES

GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES... 1 Installazione... 2 Primo avvio e registrazione... 5 Utilizzo di web profiles... 6 Gestione dei profili... 8 Fasce orarie... 13 Log siti... 14 Pag.

Dettagli

sistemapiemonte Anagrafe Agricola Unica Manuale d'uso sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Anagrafe Agricola Unica Manuale d'uso sistemapiemonte.it sistemapiemonte Anagrafe Agricola Unica Manuale d'uso sistemapiemonte.it 2 Indice 1 Premessa 3 2 Accesso al servizio 4 2.1 Configurazione minima per l utilizzo 4 2.2 Accesso alla home page del servizio

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

1. Individuare il tipo di microprocessore del tuo computer, la memoria RAM installata e il sistema operativo utilizzato

1. Individuare il tipo di microprocessore del tuo computer, la memoria RAM installata e il sistema operativo utilizzato SIMULAZIONE ESAME E.C.D.L. - MODULO 2 (Parte 1) 1. Individuare il tipo di microprocessore del tuo computer, la memoria RAM installata e il sistema operativo utilizzato 2. Modificare lo sfondo del desktop

Dettagli

Guida associazione automatica apertura file Scarico Dati RI (.u3x)

Guida associazione automatica apertura file Scarico Dati RI (.u3x) Fedra Plus Prodotto per la gestione e compilazione della modulistica relativa al Registro delle Imprese Guida associazione automatica apertura file Scarico Dati RI (.u3x) Maggio 2007 versione software

Dettagli

3.6 Preparazione stampa

3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina Le impostazioni del documento utili ai

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

Product Updater Scaricamento e Installazione aggiornamento

Product Updater Scaricamento e Installazione aggiornamento Scaricamento e Installazione aggiornamento Versioni... VB e.net Rel. docum.to...0215lupu Alla cortese attenzione del Responsabile Software INDICE A) MODIFICA IMPOSTAZIONI DI PROTEZIONE CORRENTI...2 GESTIONE

Dettagli

Aggiornamento programma da INTERNET

Aggiornamento programma da INTERNET Aggiornamento programma da INTERNET In questo documento sono riportate, nell ordine, tutte le operazioni da seguire per il corretto aggiornamento del ns. programma Metodo. Nel caso si debba aggiornare

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437 QUICK ANALYZER Manuale Operativo Versione 5.3 Sommario 1.0 Generalità... 2 CONTRATTO DI LICENZA... 3 2.0 Configurazione dei Canali... 4 2.1 Gestione DataLogger IdroScan... 7 3.0 Risultati di Prova... 9

Dettagli

Metodo 1: utilizzare un disco di. Informazioni. Per accedere a Windows XP, utilizzare uno dei seguenti metodi: Sommario

Metodo 1: utilizzare un disco di. Informazioni. Per accedere a Windows XP, utilizzare uno dei seguenti metodi: Sommario Le informazioni in questo articolo si applicano a Microsoft Windows XP Home Edition Microsoft Windows XP Professional Sommario In questo articolo viene descritto come accedere a Windows XP se si dimentica

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo SUI Sportello Unico Immigrazione Sistema inoltro telematico domande di nulla osta al lavoro, al ricongiungimento familiare e conversioni

Dettagli

ACCESSO AL SISTEMA FUTURO...

ACCESSO AL SISTEMA FUTURO... Manuale Utente Gestione IBAN Volontari Versione 1.0.0 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA FUTURO... 3 3. IMPORTAZIONE CODICI IBAN VOLONTARI... 6 3.1. RECUPERO MODELLO CON VOLONTARI... 7 3.2.

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul web

On-line Corsi d Informatica sul web On-line Corsi d Informatica sul web Corso base di Windows Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 IL DESKTOP Quando si avvia il computer, si apre la seguente schermata che viene

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli