Formazione Manageriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formazione Manageriale"

Transcript

1 Formazione Manageriale

2 La proposta formativa TEC si suddivide in differenti aree: Interventi formativi su tematiche manageriali consentono l immediata applicabilità dei contenuti acquisiti in aula nella realtà lavorativa quotidiana. L obiettivo di ogni seminario è quello di riportare ad un contesto aziendale quanto appreso. Percorsi formativi esperienziali permettono di vivere esperienze coinvolgenti e diverse dalla realtà aziendale, che vengono poi, con l aiuto del trainer, ricondotte nel contesto organizzativo. Formazione Health, Safety & Sustainability aiuta a tendere al benessere fisico, mentale e sociale del lavoratore. Il vantaggio per l impresa e i collaboratori è quello di creare, quindi, un ambiente motivante per raggiungere performance eccellenti. Area veicoli seminari che ripercorrono le tecnologie e sistemi per autovetture, veicoli commerciali, industriali, macchine operatrici, movimento terra e agricoltura. Area industriale seminari che ripercorrono le tecnologie e i sistemi applicati nei vari settori industriali (Presse, Macchine Utensili, Siderurgia, Recycling, Testing Technology, Plastica, Offshore, Oil & Gas, Eolic, Energy Technology, Assembly and Handing, Automotive, Food and Packaging, Printing, Textiles ecc.). Area processi produttivi seminari finalizzati al miglioramento dei processi di produzione: Lean Production e Management degli impianti industriali. Tutti i percorsi formativi sono progettati ad hoc., durata e sede di erogazione vengono definiti in funzione delle esigenze del cliente.

3 Formazione Manageriale 1 TEC è la scuola di formazione del Gruppo Bosch in Italia, nata per rispondere con concretezza, innovazione e qualità alle esigenze di formazione manageriale e tecnologica dei propri clienti. TEC è una scuola unica nel suo genere, perché sa pensare come pensa un azienda. I clienti la scelgono perché proviene da una realtà aziendale internazionale che ha già affrontato e risolto problematiche spesso analoghe alle loro. TEC crede nella formazione come strumento di crescita per un azienda. La sua mission è quella di offrire una proposta formativa di elevata qualità, capace di integrare le metodologie più avanzate con i processi aziendali. Indice Vendita e marketing 6 Gestione di un area commerciale 7 Gestione dei reclami e delle richieste del cliente 8 Product Management e Brand Management 8 Vendita base 9 Vendita avanzata 9 La Vendita Sfidante 10 Incrementare le vendite utilizzando i social network e il web Think digital: le opportunità di business offerte dal digitale 11 Advanced Negotiation 11 Basic Marketing Formazione al femminile 14 Difesa personale: combattere stress e insicurezza 15 L equilibrio (im)possibile tra lavoro e vita privata 16 Leadership al femminile 17 Follow-Up Difesa personale: combattere stress e insicurezza 17 Follow-Up L equilibrio (im)possibile tra lavoro e vita privata

4 2 Formazione Manageriale Management 20 Strumenti Avanzati di gestione dei collaboratori 21 Manager Coach 22 Gestione di un team internazionale 23 Il valore dell errore 24 Percorso di sviluppo della Leadership - Leadership - Basic Knowledge - Comunicazione e gestione dei conflitti - Interview Technique - Performance Review Discussion Media Relation 28 Media Training 29 Costruzione e gestione del consenso aziendale 29 Reputazione e crisis management

5 Formazione Manageriale 3 Collaboration 32 Diversity management 32 Il conflitto come opportunità 33 Gestione delle critiche 33 Lavorare in contesti internazionali 34 Networking: gestire e sviluppare le proprie relazioni 35 Team working Comunicazione 38 Business Writing 38 Comunicare con efficacia 39 Comunicazione assertiva 39 Marketing di se stessi e della propria funzione 40 Public speaking 40 Follow-Up Public speaking: conoscere e valorizzare il proprio stile personale nelle comunicazioni in pubblico 41 Comunicazione e personalità 41 L arte di negoziare Entrepreneurship 44 Business game interfunzionale 44 Business game: strategie 45 Change Management Instruments 45 Gestione della crisi: il cambiamento come opportunità Performance Skills 48 Project management 48 Problem Solving 49 Problem Solving 8D 49 Automotivazione 50 Brain fitness 51 Memory 52 Decision Making 52 Innovare on the job 53 La gestione delle riunioni e meeting 53 Time Management 57 Coaching 60 Assessment

6 4 Formazione Manageriale Per avere maggiori informazioni visita il sito o chiama il numero

7 Formazione Manageriale 5 Formazione Manageriale TEC progetta e realizza interventi formativi su tematiche manageriali, che consentono un immediata applicabilità dei contenuti acquisiti in aula nella realtà lavorativa quotidiana. Qualunque sia la tipologia d intervento, l obiettivo di ogni seminario è quello di riportare ad un contesto aziendale le metodologie, le esperienze e le capacità apprese. Vendita e marketing Interventi formativi su tematiche che consentono di sviluppare competenze tecniche e specialistiche di vendita e marketing. Corsi: Gestione di un area commerciale Gestione dei reclami e delle richieste del cliente Product Management e Brand Management Vendita base Vendita avanzata La Vendita Sfidante Incrementare le vendite utilizzando i social network e il web 2.0 Think digital: le opportunità di business offerte dal digitale Advanced Negotiation Basic Marketing Tutti i percorsi di formazione in area vendite saranno progettati ad hoc per l azienda cliente, e prevedono una parte iniziale di affiancamento sul territorio della forza vendita da parte dei consulenti TEC.

8 6 Formazione Manageriale Gestione di un area commerciale Il corso si propone di aiutare i professionisti della vendita a pianificare la gestione dei propri clienti e ottimizzare il proprio tempo, classificando i clienti secondo la loro potenzialità e ricercando nuovi settori e opportunità di business. Il percorso è rivolto a tutte le figure professionali che si trovano a gestire i processi di vendita: commerciali e venditori junior e senior, area manager. conoscere la propria area per sviluppare meglio il business una metodologia pratica per classificare il portafoglio clienti e prospect: l analisi del valore l indice di potenzialità dei diversi clienti e settori: individuazione dei parametri e classificazione dei clienti la gestione della propria area commerciale: pianificazione delle visite, approcci di gestione, strumenti di gestione la gestione del tempo: allocare le attività in funzione delle proprie priorità costruire il piano di sviluppo della propria zona organizzando azioni di prospezione efficace

9 Formazione Manageriale 7 Gestione dei reclami e delle richieste del cliente Il corso intende sviluppare la capacità di trattare nel modo migliore e più rapido i reclami, mantenendo un atteggiamento positivo anche verso clienti aggressivi. Aiuta a saper gestire le diverse tipologie di clienti in un ottica positiva di servizio al cliente. Addetti al servizio clienti, personale dell amministrazione vendite, addetti all ufficio vendite interno, tecnici, personale di assistenza tecnica, venditori. le diverse tipologie di reclamo come valorizzare l interlocutore che ha bisogno di te la gestione delle diverse tipologie di clienti distinguere i fatti dalle opinioni il reclamo: analisi delle motivazioni e processo di gestione come scrivere una lettera per risolvere un problema specifico 1 giornata

10 8 Formazione Manageriale Product Management e Brand Management Vendita base Il corso aiuta i partecipanti a comprendere le logiche per orientare la gestione del prodotto al business, a selezionare e utilizzare strumenti di marketing diversi a seconda della fase di vita del prodotto, nonché ad essere aggiornati sui nuovi strumenti del marketing. Il percorso è rivolto ai Product Manager, Brand Manager e a tutte le figure commerciali e di marketing che hanno necessità di approfondire la conoscenza di strumenti, tecniche e metodi per gestire un processo di marketing all interno di situazioni competitive e complesse. I partecipanti acquisiranno la consapevolezza delle proprie modalità di comunicazione apprendendo le fasi del processo di vendita al cliente e le basi per potersi relazionare con il cliente in una logica efficace. Il percorso è rivolto a tutte le figure professionali che si trovano a gestire i processi di vendita: commerciali e venditori junior. il ruolo del Product Manager: competenze, attività e responsabilità come analizzare il mercato e la situazione interna aziendale la gestione strategica del prodotto/brand costruire una strategia di marketing vincente gestire le relazioni e la collaborazione con le altre funzioni aziendali gli strumenti di marketing di ultima generazione: analisi CUB, il marketing web 2.0, i social network e l ascolto virtual/attivo del cliente tecniche di comunicazione efficace: come entrare in relazione con il cliente il processo di vendita di un prodotto a partire dalle modalità d acquisto del cliente perché fare l analisi delle esigenze individuare le motivazioni d acquisto del cliente costruire un offerta commerciale personalizzata sulla realtà del cliente presentare e difendere il prezzo rispondere con destrezza alle obiezioni del cliente concludere la vendita: il minuto della verità

11 Formazione Manageriale 9 Vendita avanzata La Vendita Sfidante Il corso aiuta ad individuare i diversi ruoli coinvolti nel processo di una vendita complessa e le loro motivazioni. I partecipanti impareranno a sviluppare relazioni efficaci in ambiti impegnativi e a diventare dei consulenti e dei riferimenti per i diversi ruoli del cliente. Tutti coloro che si trovano a vendere a clienti complessi con una molteplicità di ruoli diversi con cui trattare. padroneggiare un approccio strategico al cliente e alla vendita l analisi della situazione: il cliente, l ambiente, l offerta, l obiettivo, il piano di approccio identificare e valutare il circuito decisionale dell azienda cliente: il g.r.i.d. rafforzare la propria posizione di partner privilegiato le informazioni rilevanti da raccogliere in una situazione complessa come acquisire e sviluppare le relazioni alimentare la pipe-line delle vendite future gestire, sviluppare e mantenere le relazioni con i diversi ruoli la gestione delle personalità difficili Analizzare un nuovo approccio alla vendita: dal prodotto alla vendita di idee di business fatte su misura per ogni cliente. Venditori, commerciali che hanno già frequentato un corso base di vendita i nuovi profili di venditore come sviluppare i metodi vincenti del Venditore Sfidante Teaching, Tailoring, Taking control come riuscire a mantenere i volumi di vendita anche in momenti difficili i cambiamenti nell approccio di vendita e le competenze del venditore di successo come individuare le opportunità di sviluppo del proprio business e di quello del cliente quali sono i problemi e i temi caldi per il nostro cliente e come possiamo aiutarlo a superare questo momento di crisi

12 10 Formazione Manageriale Incrementare le vendite utilizzando i social network e il web 2.0 Think digital: le opportunità di business offerte dal digitale Fornire una panoramica sulle opportunità, gli strumenti e le nuove modalità dell online marketing. Manager, Responsabili Commerciali e Venditori che vogliono comprendere le nuove opportunità offerte dai social network per incrementare le vendite. 1 giornata come la rivoluzione web 2.0 sta modificando la relazione tra azienda e consumatore imparare a generare nuovi contatti commerciali efficaci attraverso il web attrezzarsi per affrontare le nuove sfide relazionali promuovere il proprio prodotto/brand all interno dei social media cogliere le opportunità commerciali/marketing offerte dalle dinamiche della Rete ottimizzare la gestione del tempo con l utilizzo del web 2.0 e dei social network, riducendo i costi (no spostamenti e/o telefonate inutili) e aumentando l efficacia farsi trovare è più veloce che cercare: come migliorare la propria online reputation e partecipare con successo a blog e social media Comprendere come il mobile marketing ha cambiato il modo di stare sul mercato delle aziende; comprendere come si comunica nel mobile marketing e i suoi destinatari, superando i vincoli dello spazio fisico e del tempo. Collaboratori e manager dell area Marketing, Vendite e Comunicazione. impostare e gestire una campagna di marketing sui social valutare le opportunità del digitale nel generare business in modo nuovo e a costi contenuti trovare un modo nuovo per formare, motivare e incentivare i collaboratori, sviluppando allo stesso tempo il giro d affari

13 Formazione Manageriale 11 Advanced Negotiation Basic marketing Migliorare la conoscenza delle basi teoriche e delle diverse fasi della negoziazione, fornendo gli strumenti per analizzare, organizzare, preparare e condurre una negoziazione efficace. Collaboratori e manager che vogliono apprendere tecniche e strumenti di negoziazione avanzata. Prework giornata di follow up definizione degli obiettivi personali le fasi della negoziazione organizzazione: struttura, competenze chiave di una negoziazione efficace preparazione: obiettivi, strategie e tattiche; cosa e come negoziare conduzione della negoziazione: il ruolo della comunicazione esercitazioni pratiche su casi concreti dei partecipanti Action Plan: il mio piano di azione Il corso avrà una modalità particolarmente interattiva e sarà costituito prevalentemenete da esercitazioni pratiche su casi concreti degli stessi partecipanti. I partecipanti potranno acquisire gli strumenti di base del marketing ed ottenere una panoramica sui processi di marketing management. Tutte quelle figure professionali che svolgono la loro attività all interno della funzione commerciale-marketing o coloro che vogliono acquisire competenze di base del marketing. 3 giornate i processi di analisi del marketing e delle sue componenti: variabili ambientali analisi quantitativa e qualitativa della domanda e della concorrenza il marketing strategico: segmentazione della domanda, differenziazioni dei concorrenti, posizionamento dell offerta il marketing operativo: politiche di prodotto, distribuzione, comunicazione, prezzo i processi a supporto del marketing l orientamento al cliente

14 12 Formazione Manageriale Per avere maggiori informazioni visita il sito o chiama il numero

15 Formazione Manageriale 13 Formazione Manageriale TEC progetta e realizza interventi formativi su tematiche manageriali, che consentono un immediata applicabilità dei contenuti acquisiti in aula nella realtà lavorativa quotidiana. Qualunque sia la tipologia d intervento, l obiettivo di ogni seminario è quello di riportare ad un contesto aziendale le metodologie, le esperienze e le capacità apprese. Formazione al femminile Nell ambito delle iniziative dedicate alle formazione in rosa, TEC offre cinque seminari specificatamente dedicati alle collaboratrici donne, di cui tre di base e due di approfondimento. Corsi: Difesa personale: combattere stress e insicurezza L equilibrio (im)possibile tra lavoro e vita privata Leadership al femminile Follow-Up Difesa personale: combattere stress e insicurezza Follow-Up L equilibrio (im)possibile tra lavoro e vita privata I seminari di formazione saranno progettati ad hoc per l azienda cliente, a partire dagli strumenti di supporto esistenti.

16 14 Formazione Manageriale Difesa personale: combattere stress e insicurezza Il seminario offre strumenti per la gestione ed il controllo di situazioni di stress elevato, attraverso lo sviluppo di una maggior sicurezza di sé e fiducia nelle proprie capacità. Le partecipanti vengono aiutate a sviluppare una predisposizione proattiva nei confronti della realtà. Tutte le donne. 1 giornata lo stress nei suoi vari aspetti la presa di coscienza delle dinamiche psicofisiologiche come affrontare situazioni di stress relative al senso di insicurezza e inadeguatezza riflettere sui propri limiti e considerarli modificabili e migliorabili come trasformare le paure nella consapevolezza del pericolo per riuscire ad affrontare situazioni rischiose il concetto di risparmio energetico, utilizzo intelligente e tattico delle proprie risorse esecuzione di azioni di difesa, senza perdere il controllo sull ambiente circostante Durante il seminario saranno utilizzate specifiche tecniche pratiche di difesa personale. Gli esercizi pratici, ovvero le tecniche vere e proprie, vengono scelte tra le più semplici e tra quelle che richiedono la minore quantità di energia psichica e nervosa per essere attivate.

17 Formazione Manageriale 15 L equilibrio (im)possibile tra lavoro e vita privata Il seminario mira a individuare punti di forza e criticità nella modalità di gestione del lavoro femminile, migliorando la produttività del lavoro per costruire risultati senza ridurre il tempo dedicato alla vita privata. Gestione dello stress, maggior capacità di generare benessere e capacità di mobilitare le proprie energie favorendo un approccio positivo verso le situazioni sfidanti sono gli altri obiettivi. Tutte le collaboratrici. la gestione del tempo come strumento di work-life balance valore del benessere e impatto sull efficienza manageriale fattori che influiscono sull efficacia e sull efficienza del lavoro intellettuale conciliare aspirazioni e priorità professionali e personali tecniche di rilassamento 1 giornata

18 16 Formazione Manageriale Leadership al femminile Il corso ha come obiettivo lo sviluppo di uno stile di leadership personale, riflettendo sulla diversità delle aspettative e dei bisogni di collaboratori di sesso maschile e femminile e sulle diverse modalità di comunicazione che questo implica. Si focalizza sul ruolo della donna leader in un organizzazione prevalentemente maschile. Tutte coloro che sono responsabili di più collaboratori. stile di leadership maschile e femminile: in che modo le differenze fra genere possono costituire un valore aggiunto per l azienda imparare a gestire le differenze di Gender nella comunicazione e nello stile di leadership riflettere sul proprio ruolo di donna leader per esercitarlo in maniera più consapevole imparare a riconoscere ed apprezzare la propria intelligenza emotiva per poterla utilizzare al meglio nelle situazioni lavorative 1 giornata

19 Formazione Manageriale 17 Follow-Up Difesa personale Il seminario vuole approfondire le tematiche di gestione dello stress e dell insicurezza e permettere alle partecipanti di acquisire nuove tecniche per affrontare aggressioni fisiche e psicologiche, attraverso esercizi pratici. Follow-Up L equilibrio (im)possibile tra lavoro e vita privata Il seminario vuole approfondire le tematiche di gestione del tempo dal punto di vista femminile, aiutando la donna a mobilitare le proprie energie favorendo un approccio positivo alla diversity. Collaboratrici che hanno già frequentato il corso base di difesa personale. 1 giornata approfondimento delle tematiche di gestione dello stress e dell ansia come affrontare l insicurezza psicologica nuovi esercizi e prove pratiche di difesa personale come calare le tecniche di difesa personale su problematiche di stress personale Durante il seminario saranno utilizzate specifiche tecniche pratiche di difesa personale. Gli esercizi pratici, ovvero le tecniche vere e proprie, vengono scelte tra le più semplici e tra quelle che richiedono la minore quantità di energia psichica e nervosa per essere attivate. Collaboratrici che hanno già frequentato il corso base. 1 giornata approfondimento delle tematiche di gestione del tempo come strumento di work-life balance il benessere come valore per aumentare l efficacia sul lavoro fattori che influenzano l efficacia professionale e personale gender diversity: un pensiero che apre nuove possibilità di collaborazione tra i due sessi

20 18 Formazione Manageriale Per avere maggiori informazioni visita il sito o chiama il numero

21 Formazione Manageriale 19 Formazione Manageriale TEC progetta e realizza interventi formativi su tematiche manageriali, che consentono un immediata applicabilità dei contenuti acquisiti in aula nella realtà lavorativa quotidiana. Qualunque sia la tipologia d intervento, l obiettivo di ogni seminario è quello di riportare ad un contesto aziendale le metodologie, le esperienze e le capacità apprese. Management Percorsi formativi finalizzati a sviluppare la leadership e la capacità d influenza dei manager che si trovano a gestire le risorse umane. Corsi: Strumenti avanzati di gestione dei collaboratori Manager Coach Gestione di un team internazionale Il Valore dell errore Percorso di sviluppo della Leadership - Leadership - Basic Knowledge - Comunicazione e gestione dei conflitti - Interview Technique - Performance Review Discussion Tutti i percorsi di formazione in area management saranno progettati ad hoc a partire dagli strumenti di gestione risorse umane dell azienda cliente.

22 20 Formazione Manageriale Strumenti Avanzati di gestione dei collaboratori Far acquisire ai partecipanti una modalità di gestione dei collaboratori professionale e finalizzata agli obiettivi, nonché individuare gli strumenti più idonei all azione manageriale personale. Tutte quelle figure professionali che hanno responsabilità di guida di un ufficio o di un team di lavoro. in aula e 2 ore di coaching individuale Il training prevede una fase iniziale di formazione individuale con il trainer, alla quale fa seguito la formazione in aula. ruolo e obiettivi del capo modelli professionali di gestione dei collaboratori leadership i sistemi motivazionali: riconoscere la motivazione e gestirla dare e ricevere feedback la gestione del rapporto con le persone: il singolo ed il gruppo le competenze del capo efficace

23 Formazione Manageriale 21 Manager Coach Grazie all acquisizione di efficaci strumenti di coaching, il manager potrà esercitare un ruolo attivo nella gestione della crescita delle persone e costruire le basi per lo sviluppo di un modello di leadership e di coaching orientato ai risultati, alla motivazione e alla valorizzazione di talenti. Tutti i manager che hanno frequentato un corso di gestione dei collaboratori. l importanza del coaching apprendimento e capacità: sapere, sapere fare, sapere essere analisi degli stili cognitivi fare coaching: la spalla su cui contare le abilità e qualità del coach: ascolto, feedback, intelligenza emotiva il coaching come stile di management: stabilire gli obiettivi, definire la strategia, costruire il gruppo, valutare la performance, motivare al risultato come costruire una squadra vincente

24 22 Formazione Manageriale Se c è soluzione, perché ti preoccupi? Se non c è soluzione, perché ti preoccupi? Aristofane Gestione di un team internazionale Il corso aiuta a comprendere le diversità culturali e le loro implicazioni nella gestione di team internazionali. Insegna inoltre a motivare in maniera efficace colleghi e collaboratori stranieri, applicando tecniche e comportamenti per essere un buon manager anche in contesti internazionali. Tutti i manager che collaborano frequentemente con manager e collaboratori all estero, che hanno collaboratori di altre nazionalità nel loro team, o che fanno parte di un team internazionale. 1 giornata definire e comprendere diversi tipi di cultura saper distinguere tra: driver universali, caratteristiche culturali specifiche e tratti della personalità saper identificare le leve culturali chiave e saperle utilizzare per gestire al meglio il proprio team internazionale i concetti di conflitto, comunicazione, delega, feedback e management in un ambiente multi culturale sviluppare un toolbox di suggerimenti pratici, approcci e comportamenti per essere veramente internazionale

25 Formazione Manageriale 23 Il valore dell errore Definire un approccio positivo agli errori, disponendo di elementi teorici e pratici per comprendere e gestire gli errori propri e altrui e applicando metodi e strategie di prevenzione e di gestione degli errori. Coloro che vogliono approfondire tecniche di gestione costruttiva degli errori. quando possiamo parlare di errore tipologie e caratteristiche degli errori come la nostra percezione influenza il verificarsi degli errori e la loro valutazione gli atteggiamenti per affrontare produttivamente gli errori i comportamenti da adottare per prevenire e gestire gli errori comunicare l errore

26 24 Formazione Manageriale Percorso di sviluppo della Leadership Leadership Sviluppare nei nuovi manager le competenze di leadership secondo il modello ed i valori aziendali, e implementare competenze e tecniche di gestione dei collaboratori integrate con gli strumenti aziendali. Manager di nuova nomina. Programma Il percorso è di tipo modulare, progettato per individuare ed esplorare i punti cardine per lo sviluppo della leadership per un manager di nuova nomina. Si parte dall approfondimento di un contesto di riferimento relativo al ruolo, per poi passare all analisi delle competenze necessarie per sviluppare il ruolo stesso. Il concetto di cultura corporate I valori aziendali Teorie di leadership a confronto I primi 100 giorni da capo Esercitazioni pratiche su casi aziendali Basic Knowledge Fornire conoscenze di base di amministrazione del personale per diventare i primi interlocutori dei propri collaboratori e dell ufficio HR Le fonti normative e le tipologie contrattuali La riforma del mercato del lavoro La gestione del rapporto di lavoro Business Game: come gestire nuovi inserimenti e provvedimenti disciplinari

27 Formazione Manageriale 25 Comunicazione e Gestione dei Conflitti Performance Review Discussion Il potere della comunicazione per il leader Tecniche di comunicazione Utilizzare la comunicazione per valorizzare le differenze La gestione dei conflitti Esercitazioni pratiche su casi aziendali La valutazione come momento di confronto all interno del team Lo strumento di Performance Review La comunicazione dei risultati Esercitazioni pratiche su casi aziendali Interview Technique Strumenti di selezione del personale La persona all interno del contesto e del team Carattere e competenza Il colloquio di selezione: simulazioni pratiche

28 26 Formazione Manageriale Per avere maggiori informazioni visita il sito o chiama il numero

29 Formazione Manageriale 27 Formazione Manageriale TEC progetta e realizza interventi formativi su tematiche manageriali, che consentono un immediata applicabilità dei contenuti acquisiti in aula nella realtà lavorativa quotidiana. Qualunque sia la tipologia d intervento, l obiettivo di ogni seminario è quello di riportare ad un contesto aziendale le metodologie, le esperienze e le capacità apprese. Media Relation Seminari formativi progettati ad hoc per sviluppare competenze chiave di comunicazione con i Media e costruzione del consenso aziendale. Corsi: Media Training Costruzione e gestione del consenso aziendale Reputazione e crisis management Tutti i percorsi di formazione in area media relation saranno progettati ad hoc e prevedono una fase iniziale di studio ed analisi della realtà dell azienda cliente.

30 28 Formazione Manageriale Media training Perfezionare la conoscenza delle tecniche e del linguaggio dei media. Manager che hanno la necessità di apprendere nello specifico le tecniche del linguaggio dei media, con particolare attenzione alle dinamiche delle interviste televisive. l analisi degli strumenti e della modalità di gestione dei rapporti con la stampa il ruolo delle Media Relations all interno della strategia di Comunicazione integrata dell Organizzazione l intervista televisiva: le sue caratteristiche e quali le sue specificità, con esempi di interviste da analizzare al video e con la registrazione e simulazione di interviste dei manager

31 Formazione Manageriale 29 Costruzione e gestione del consenso aziendale Aumentare la percezione positiva dell azienda ed evitare situazioni di crisi. Manager che hanno la necessità di apprendere nello specifico le strategie per favorire un approccio partecipativo e positivo intorno alle scelte dell azienda. le variabili comunicative da monitorare con l insediamento di nuovi impianti di produzione, la costruzione di nuove infrastrutture a forte impatto ambientale, la gestione di un periodo di forte recessione gli stakeholder aziendali: dal target interno agli investitori, l opinione pubblica e i media, l influenza tra i tre attori della sfera pubblica mediatizzata (sistema politico, opinione pubblica e media) il ruolo strategico delle attività di Comunicazione, Informazione e Relazioni pubbliche, la reputazione aziendale Reputazione e crisis management Il corso aiuta i partecipanti ad aumentare la percezione positiva dell azienda, evitare situazioni di crisi, conoscere il linguaggio dei media e le tecniche di Relazioni Pubbliche. Manager che hanno la necessità di apprendere nello specifico le strategie e le tecniche per favorire l engagement aziendale con gli operatori dei media ed i portatori di interesse. la reputazione aziendale conoscere le strategie e definire le priorità di intervento gli stakeholder coinvolti: dai dipendenti ai media, dai clienti alle istituzioni agire con tempestività e massimo presidio nella fase acuta della crisi lavorare progressivamente a risultati duraturi che consolidino in profondità la reputazione dell organizzazione

32 30 Formazione Manageriale Per avere maggiori informazioni visita il sito o chiama il numero

33 Formazione Manageriale 31 Formazione Manageriale TEC progetta e realizza interventi formativi su tematiche manageriali, che consentono un immediata applicabilità dei contenuti acquisiti in aula nella realtà lavorativa quotidiana. Qualunque sia la tipologia d intervento, l obiettivo di ogni seminario è quello di riportare ad un contesto aziendale le metodologie, le esperienze e le capacità apprese. Collaboration Seminari e percorsi di formazione progettati ad hoc per sviluppare ed implementare le competenze relazionali, con particolare focus sulla capacità di collaborazione e cooperazione. Corsi: Diversity Management Il conflitto come opportunità Gestione delle critiche Lavorare in contesti internazionali Networking - gestire e sviluppare le proprie relazioni Team working Tutti i percorsi di formazione saranno progettati ad hoc per l azienda cliente.

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

ON LINE COACHING SCHOOL

ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL corso di coaching skills e avvio alla professione di coach Mentre si conclude la prima edizione, yucan.it e ICTF presentano il secondo corso online di avvio

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni VideoFisco - VideoLavoro ottobre 2014 Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni a cura di Eros Tugnoli 1 COMUNICAZIONE

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli