Antonio Brucato, Paola Francesca Corbella*, Marina Muscarà, Simona Nava*, Antonio Ragusa*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Antonio Brucato, Paola Francesca Corbella*, Marina Muscarà, Simona Nava*, Antonio Ragusa*"

Transcript

1 Gravidanza e contraccezione nella donna con malattia reumatica autoimmune Antonio Brucato, Paola Francesca Corbella*, Marina Muscarà, Simona Nava*, Antonio Ragusa* Dipartimento di Area Medica, Ospedali Riuniti, Bergamo, Reumatologia e Div. Ostetricia e Ginecologia*, azienda ospedaliera Niguarda Ca Granda, Milano. autore cui sono destinate la bozza e la corrispondenza: dr. Antonio Brucato Via San Vincenzo Milano FAX TEL E mail 1

2 INTRODUZIONE Molte malattie reumatiche autoimmuni (MRA) possono colpire le giovani donne in età fertile e di solito non hanno effetti negativi sulla fertilità delle pazienti; si è spesso ritenuto che possano aggravarsi in gravidanza, con conseguenze dannose per la madre e per il feto. Ciò ha indotto tradizionalmente i medici a scoraggiare le gravidanze in queste donne, anche sulla base di isolati segnalazioni in letteratura medica che riportavano esiti disastrosi. D altra parte, però, a queste pazienti veniva anche "proibita" la pillola contraccettiva a base di estroprogestinici, nel timore che essa potesse aggravare la malattia di base. Dato che si tratta generalmente di donne in età fertile, è facile capire come la "proibizione" sia della gravidanza sia del metodo contraccettivo più sicuro fosse vissuta angosciosamente in persone già provate anche psicologicamente dalla malattia. Negli ultimi anni i progressi scientifici e terapeutici hanno dimostrato che il problema della poliabortività poteva essere talvolta risolto e che la gravidanza poteva essere affrontata, a certe condizioni, con ottimi risultati e senza gravi rischi per la salute della madre (1, 2). Come o ottenere questi buoni risultati? La strategia è la programmazione della gravidanza che ovviamente presuppone: 1) Scelta di una contraccezione efficace (v. paragrafo). 2) Valutazione della attività della malattia: la gravidanza deve essere affrontata quando la malattia di base è in fase di remissione da almeno 6 mesi; particolare attenzione va posta all impegno renale, per esempio nei pazienti con lupus eritematoso sistemico (LES) e pregressa nefrite. 3) Dosaggio di alcuni anticorpi specifici: gli anticorpi antifosfolipidi (anti-cardiolipina, anti beta 2 glicoproteina I e lupus anticoagulant LAC -) si associano a poliabortività e a scarsa crescita del feto; gli anticorpi anti Ro/SSA possono associarsi molto raramente al lupus neonatale e al blocco cardiaco congenito (1-2% dei casi) (3); alti titoli di anticorpi tipici del LES (es. anticorpi anti-dna) si associano a gestosi (cioè gravi complicanze ostetriche), nefrite, e in generale a rischio di riattivazione del LES. La esecuzione di questi tests di laboratorio dovrebbe essere fatta in laboratori di riferimento per queste malattie. 4) Monitoraggio da parte di un equipe multidisciplinare con esperienza in questo settore, con controlli clinici e ematochimici almeno mensili, nel corso della gravidanza. La gestione quindi della gravidanza in queste donne è frutto di una valutazione clinica e di un approccio multidisciplinare, che hanno condotto a protocolli adottati in campo internazionale. Tali protocolli richiedono una stretta collaborazione fra ginecologo, reumatologo-immunologo, neonatologo, ematologo, il laboratorista e tutti gli altri specialisti che di volta in volta si rendono necessari. L equipe multidisciplinare si propone di aiutare le coppie in due momenti: prima e durante la gravidanza. Prima della gravidanza per consulenza sulla contraccezione, per la valutazione preliminare in caso di poliabortività o infertilità, per la programmazione della gravidanza, che resta pur sempre una gravidanza a rischio. Durante la eventuale gravidanza la donna e il feto vengono monitorizzati con visite periodiche, ginecologiche e immunoreumatologiche, e ecografie seriate; il tempo e le modalità del parto vengono valutate attentamente, in collaborazione con i neonatologi Come orientamento generale la donna viene visitata almeno ogni mese fino al parto. Il monitoraggio fetale è essenziale, e viene svolto con ecografie fetali seriate. Talora vengono 2

3 gestiti casi molto impegnativi e complessi (es. feti con blocco cardiaco congenito, gestosi, riacutizzazioni di nefriti lupiche); ma, per fortuna, più frequentemente essenzialmente si tranquillizza la coppia, offrendo un punto di riferimento a donne che non hanno in realtà grossi problemi, ma essendo affette da LES o patologie simili, vengono quasi "rifiutate" dalle normali strutture. ASPETTI CARATTERISTICI DELLE DIVERSE MALATTIE LES. Se è vero che la gravidanza può indurre recidive, tali eventi sono per lo più non gravi e facilmente controllabili con un piccolo aumento della dose di cortisone, se diagnosticati precocemente. Ovviamente, la gestione della gravidanza è più problematica per le pazienti con interessamento d organo severo, per esempio renale o cerebrale; in questo caso sarà necessaria una specifica valutazione che tenga conto del particolare tipo di lupus di cui la donna soffre. In queste pazienti sono più frequenti i parti pretermine, probabilmente legati non solo alla patologia, ma anche al trattamento corticosteroideo frequentemente assunto. ARTITE REUMATOIDE (AR). L effetto della gravidanza sull AR è modesto. Nella maggior parte dei casi le manifestazioni della malattia migliorano durante la gravidanza e peggiorano nel puerperio. Nell AR è particolarmente importante la valutazione preconcezionale della terapia materna, dato che il methotrexate, farmaco di riferimento nel trattamento della artrite, è teratogeno (vedi paragrafo seguente). SINDROME DI SJOGREN. Nelle pazienti con sindrome di Sjogren il decorso della gravidanza è analogo a quello atteso nella popolazione generale. Le donne con anticorpi anti-ssa/ro hanno, però, un rischio di circa 1-2% di avere feti affetti da blocco cardiaco congenito o da altre manifestazioni del cosiddetto Lupus Neonatale. Si tratta di una rara sindrome, associata alla presenza di anticorpi anti-ssa, detti anche anti-ro ( SSA indica sindrome di Sjogren tipo A, dato che questi anticorpi sono soprattutto frequenti nella sindrome di Sjogren, e Ro indica le iniziali del paziente in cui tali anticorpi sono stati individuati per la prima volta). Sono anticorpi del gruppo dei cosidetti ENA ( Extractable Nuclear Antigens ). Molto raramente donne positive per anticorpi anti-ssa hanno dei bambini che nei primi mesi di vita sviluppano macchie cutanee simili a quelle presenti nei pazienti col Lupus Cutaneo Subacuto; da ciò è nato il nome Lupus Neonatale. Tale termine è però molto impreciso, e induce molti equivoci, dato che lascia pensare che tali mamma hanno o potranno sviluppare il LES. In realtà nella maggioranza dei casi le madri dei bambini con Lupus Neonatale NON HANNO IL LES, ma hanno piuttosto la sindrome di Sjogren (malattia caratterizzata da secchezza oculare o orale) o malattie simili. Tale sindrome è caratterizzata dalla comparsa di blocco cardiaco congenito, più talvolta particolari lesioni cutanee nei neonati. Le lesioni cutanee sono transitorie, invece il blocco cardiaco congenito è di solito permanente. Si tratta di una lesione del cuore del feto e del neonato tale per cui il cuore batte con una frequenza molto bassa, spesso insufficiente per il 3

4 normale sviluppo del bambino, per cui è necessario applicare un pacemaker, che rinormalizza la frequenza cardiaca. Con tale pacemaker questi bambini generalmente conducono una vita normale. Nel caso di donne incinte portatrici di tali anticorpi è importante sia spiegare la rarità del problema (1-2% dei casi), sia impostare controlli clinici e ecografici fetali tesi a svelare la comparsa del disturbo precocemente; è infatti possibile che terapie cortisoniche particolari, che passano la placenta (betametasone e desametazone), se inziate ai primi sintomi, possano esercitare una azione positiva sul successivo andamento della malattia fetale. In pratica in caso di donne positive per anticorpi anti-ssa si consigliano controlli ecografici fetali almeno ogni 2 settimane a partire dalla 16 settimana di gravidanza, con controllo anche del cuore del feto e della sua frequenza. SCLERODERMIA. L effetto della gravidanza sulla sclerodermia è di solito modesto, in particolare nella forma limitata di malattia in cui l evoluzione del processo morboso è molto lenta. La prognosi di questi pazienti in gravidanza dipende in larga misura dall impegno viscerale. La funzionalità renale deve essere buona prima del concepimento, perché la complicanza più grave che può verificarsi in gravidanza è l insufficienza renale e l ipertensione arteriosa. Gli ACE-inibitori, che sono impiegati spesso nella sclerodermia, devono essere sospesi e sostituiti con altri farmaci prima del concepimento perché sono teratogeni L ipertensione polmonare severa è una controindicazione pressoché assoluta alla gravidanza. SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI. La presenza di anticorpi anti-fosfolipidi (anti-cardiolipina, anti-beta 2 glicoproteina I e Lupus Anticoagulant, detto anche LAC) può causare trombosi arteriose e venose a aborti ricorrenti. Tutte le donne con malattie reumatiche autoimmuni che programmano una gravidanza devono essere testate per tali anticorpi. I danni causati da tali anticorpi sono bene antagonizzati dalla terapia, che si basa su aspirina a basse dosi (100 mg al giorno) con la eventuale aggiunta di eparina nei casi più impegnativi. Se le donne con sindrome da anticorpi anti-fosfolipidi assumono queste terapie e vengono seguite da equipes multidisciplinari esperte nel settore l andamento delle loro gravidanze diviene molto simile a quello nelle donne normali, a parte una maggiore tendenza alla prematurità. FARMACI IN GRAVIDANZA L'impiego di vari farmaci "anti-reumatici" in gravidanza è materia relativamente recente; di regola le relative schede tecniche indicano che tali farmaci sono controindicati in tale condizione. Idealmente meno farmaci si impiegano in gravidanza e meglio è, soprattutto nel primo trimestre. D altra parte il pericolo principale è in realtà la riattivazione della malattia materna, e l unico modo di evitare tale evenienza è generalmente l impiego di farmaci. Dunque è un errore, assai diffuso tra i medici non-addetti ai lavori, ritenere che i farmaci vadano sospesi in ogni caso; vanno invece generalmente mantenuti, e la terapia va spesso rinforzata in gravidanza, 4

5 utilizzando, ovviamente, farmaci consentiti, per mantenere la malattia in remissione. Inoltre alcuni farmaci possono avere una sicurezza diversa nelle varie fasi della gravidanza (es. gli anti-infiammatori non steroidei - FANS). Ci pare utile segnalare che il prednisone è in definitiva il farmaco più sicuro per la madre e per il feto, purchè utilizzato a dosaggi medio-bassi, dato che gli effetti collaterali sono dose-dipendenti (ipertensione, diabete mellito, osteoporosi, rottura prematura delle membrane); non passa la barriera placentare; può essere assunto durante l allattamento. I FANS tradizionali sono sicuri nella prima metà della gravidanza, mentre dopo la 27 settimana vanno evitati per il rischio di chiusura prematura del dotto di Botallo. La esperienza nelle donne trapiantate ha insegnato che azatioprina e ciclosporina possono essere utilizzate, in caso di necessità e sotto attento controllo medico; l allattamento è controindicato con tali farmaci. La idrossicolorochina viene sempre più utilizzata in gravidanza, per tre motivi: in primo luogo la sua eliminazione dall organismo richiede varie settimane, per cui anche sospendendola all inizio della gravidanza il feto rimane esposto ad essa a lungo; in secondo luogo è stato dimostrato che la sua sospensione può provocare una riattivazione del LES; infine vari studi non hanno segnalato effetti negativi sul feto e sul neonato esposti a tale farmaco; può essere assunta durante l allattamento. Aspirina a basse dosi ed eparina sono farmaci sicuri in gravidanza, e vengono utilizzate frequentemente nelle donne con anticorpi anti-fosfolipidi; le eparine in particolare non passano la placenta; aspirina e eparine possono essere assunte durante l allattamento. Il Methotrexate è teratogeno ed assolutamente controindicato in gravidanza; questo è di grande importanza nelle donne con AR, che sono spesso trattate con tale farmaco, che va sospeso circa sei mesi prima di rimanere incinte. Tutte le donne ( non solo quelle affette da patologie reumatologiche!) che programmano una gravidanza dovrebbero iniziare ad assumere acido folico prima del concepimento, per ridurre il rischio di malformazioni del tubo neurale (spina bifida). Da segnalare come la scheda tecnica riporti che l uso del farmaco non è controindicato dopo il terzo mese di gravidanza (revisione luglio 2003). Ciò dimostra come, talvolta, siano di scarso aiuto le schede tecniche dei farmaci. CONTRACCEZIONE La pillola contraccettiva estroprogestinica è ancora sconsigliata da alcuni medici; altri la ammettono in casi di malattia ben controllata e in assenza di anticorpi antifosfolipidi e altri fattori di rischio quali ipertensione, fumo di sigaretta etc. Nel Dicembre 2005 sono stati pubblicati due studi molto validi che hanno dimostrato che in donne con LES stabile, poco attivo e a basso rischio di eventi trombotici, l uso della pillola contracettiva estroprogestinica non ha aumentato il rischio di riacutizzazioni e/o di complicanze. Questi recentissimi studi dimostrano quindi che le donne con LES possono assumere con ragionevole serenità contraccettivi estroprogestinici, purché in assenza di anticorpi anti-fosfolipidi a titolo significativo o di altri fattori di rischio trombotici (es. fumo, grave obesità), e se la malattia è lieve e stabile. 5

6 A proposito degli altri metodi contraccettivi si ricorda che la cosiddetta minipillola, cioè la pillola con solo progesterone, è efficace e non sembra aumentare il rischio trombotico o di riacutizzazione lupica teoricamente associato agli estrogeni, ma è poco usata, anche per il frequente spotting intermestruale. Validi, se utilizzati correttamente, sono i mezzi di barriera. Il profilattico (o preservativo) è un efficace ed innocuo mezzo contraccettivo che garantisce una valida sicurezza contraccettiva se utilizzato correttamente fin dall inizio del rapporto. E considerato da molti la metodica di prima scelta nella coppie in cui la donna sia affetta da malattie autoimmuni. Il diaframma ha pure dei buoni margini di sicurezza (soprattutto se associato a creme spermicide) ma trova una scarso utilizzo nel nostro paese; le ragioni possono derivare dalle difficoltà di inserimento (facilmente superabili dopo un breve training) e dalla necessità di mantenerlo in vagina per almeno otto ore dopo il rapporto. I dispositivi intrauterini ( spirale o IUD) agiscono determinando uno stato infiammatorio cronico a livello della mucosa endometriale. In generale la presenza di questo corpo estraneo all interno della cavità uterina può favorire la risalita di germi verso le tube; perciò molti la considerano inopportuna, soprattutto nelle donne che non abbiano ancora avuto gravidanze, al fine di scongiurare il rischio di pelviperitoniti che possono provocare occlusione tubarica. A maggior ragione ne viene sconsigliato l utilizzo in tutte quelle pazienti con MRA che siano sottoposte a trattamenti immunosoppressivi. La sterilizzazione tubarica va riservata a quei casi, peraltro fortunatamente molto rari, in cui la gravidanza possa costituire un pericolo per la vita della paziente e nei quali non sia possibile ricorrere ad alcuna delle opzioni sopra esposte. Richiede indicazioni molto precise ed un consenso informato dettagliato di entrambi i componenti la coppia sul fatto che tale procedura è irreversibile e determinante sterilità permanente. Infine va menzionata la sterilizzazione maschile (che viene eseguita ambulatorialmente ) mediante legatura dei dotti deferenti. E anch essa procedura irreversibile ben poco praticata nel nostro paese a differenza del nord-europa e nord-america. LA GRAVIDANZA Durante una fisiologica gravidanza la donna può avvertire disturbi quali stanchezza, perdita di capelli, arrossamento al volto e alle mani, dolori articolari, gonfiori alle gambe o formicolii alle mani; è normale che si verifichi lieve anemia, lieve piastrinopenia e lieve proteinuria. La comparsa di tali disturbi e di tali alterazioni può naturalmente creare confusione facendo sospettare una riaccensione di malattia, che andrà sempre esclusa. Durante la gravidanza è, dunque, imperativo che la paziente venga controllata almeno una volta al mese, ma anche più spesso se si sospettano problemi particolari. Il monitoraggio deve essere sia clinico (visita ginecologica e immunoreumatologica) sia strumentale con esami di laboratorio e con determinazione ecografica della biometria fetale (cioè come cresce il feto) e della flussimetria delle arteria uterine e placentare. PREMATURITA La gravidanza dura di regola 40 settimane; se il parto si espleta prima della 37 settimana si parla di prematurità. Le attuali competenze dei neonatologi sono tali che per bambini 6

7 nati dopo la 34 settimana di gestazione non si attendono di solito problemi particolari; viceversa per quelli nati prima della 34 settimana o ancora più precocemente i rischi successivi possono essere anche gravi, e lo sono tanto più quanto più prematura è stata la nascita del neonato La prematurità è sicuramente più frequente nelle donne con LES o sindrome da antifosfolipidi anche se spesso si tratta di parti fra la 34 e la 37 settimana, e che quindi oggigiorno non creano di solito problemi di rilievo. DOMANDE COMUNI: TRASMETTERO LA MIA MALATTIA AL MIO BAMBINO? I figli derivano il loro patrimonio genetico dai genitori, e lo stato di salute o di malattia dei genitori influisce ovviamente su quello dei figli. Se un genitore soffre di qualche malattia (es. infarto miocardico, diabete, tumore, malattia autoimmune) i figli sono in qualche modo predisposti a tale malattia, con un rischio che dipende fra l altro dal sesso del figlio. Nel caso delle malattie immuno reumatologiche, in particolare, i figli nati da donne con malattie autoimmuni hanno un rischio di circa 2-3% di sviluppare essi stessi malattie autoimmuni di vario tipo (non necessariamente quella presente nella madre o nel padre); in particolare le figlie femmine saranno più a rischio di sviluppare una malattia autoimmune clinicamente evidente, mentre i figli maschi tenderanno meno a sviluppare malattie autoimmuni sintomatiche, mentre d altra parte saranno più a rischio di altri tipi di malattie (es. ictus e infarti). IL PARTO SARA SICURAMENTE CESAREO? Il parto può benissimo essere anche spontaneo, e in linea generale non è previsto un taglio cesareo. La scelta del momento del parto e della sua modalità è fondamentale, e va fatta dalla donna insieme alla equipe, soprattutto il ginecologo. In caso di problemi fetali infatti si può decidere di interrompere la gravidanza facendo nascere il bambino con taglio cesareo, per sottrarlo a un ambiente materno che ormai è diventato pericoloso per lui, per es. perché la placenta non è più in grado di sostenerne la crescita. Tale scelta implica sempre un bilancio fra i possibili rischi e benefici sia per la madre sia per il feto prevedibili in base alla situazione specifica e alla età gestazionale attuale. Altre volte invece non si tratta di una scelta, ma il travaglio del parto inizia spontaneamente in una settimana gestazionale ancora precoce, e in tale caso si può decidere se espletare il parto o cercare di ritardarlo. Fare nascere un bambino prima della 40 settimana ma dopo la 37 è sempre una scelta tranquilla; fra la 37 e 34 settimana di solito non si hanno particolari problemi; invece se il parto si espleta prima della 34 settimana si possono poi avere anche grossi problemi per il neonato. Tali scelte implicano sempre anche il coinvolgimento del neonatologo. CORTISONE E PARTO Se la donna durante al gravidanza ha assunto stabilmente del cortisone, al parto sono generalmente consigliate dosi stress, cioè extra, di steroidi, dato che il parto è uno stress aggiuntivo per la donna, 7

8 soprattutto se si tratta di un taglio cesareo, e la donna cortisonata cronicamente richiede una dose aggiuntiva di cortisone per affrontarlo al meglio. SUBITO DOPO IL PARTO, POSSO SOSPENDERE LE TERAPIE? L e 6 settimane dopo il parto sono chiamate puerperio; è un periodo critico, sia per le riaccensioni di malattia sia per un rischio aumentato di trombosi e di riattivazione della malattia. L aumentato rischio di trombosi è bene spiegato dal fatto che la natura ha predisposto delle modificazioni del sistema della coagulazione materno dopo il parto tali da proteggere la donna dalle emorragie post-partum, che nei decenni e secoli scorsi costituivano il maggiore pericolo per la madre. Le stesse alterazioni che proteggono dalle emorragie oggi però predispongono alla trombosi. Durante tale periodo quindi se la paziente è a rischio trombotico (per es. è portatrice di anticorpi antifosfolipidi) va proseguita la terapia in corso durante la gravidanza o eseguita una profilassi antitrombotica, per es. con eparina a basso peso molecolare (una iniezione sottocutanea al giorno). Inoltre durante tale periodo è consuetudine non ridurre la dose del cortisone, anzi se mai aumentarlo, per ridurre il rischio di riacutizzazioni. POTRO ALLATTARE? Anche i figli delle donne con LES hanno il diritto, se possibile, di godere dei vantaggi legati all allattamento al seno. Cortisone, aspirinetta, eparina e idrossiclorochina sono compatibili con l allattamento. Naturalmente è bene tenere conto anche delle condizioni generali della donna, e del suo desiderio o meno di allattare. Chi vuole saperne di più può consultare il libro Gravidanza e Reumatologia. Guida per le pazienti. Mattioli, Fidenza 2001, disponibile on line al sito 8

9 BIBLIOGRAFIA 1. Canesi BM e Brucato A. Gravidanza e Reumatologia. Guida per le pazienti. Mattioli, Fidenza 2001 (il libro è scaricabile on line dal sito: www. Mattioli1885.com ) 2. Tincani A, Doria A, Brucato A, et al, for the Pregnancy Study Group of Italian Society of Rheumatology. Pregnancy and autoimmunity: Maternal treatment and maternal disease influence on pregnancy outcome. Autoimmunity Reviews 2005; Brucato A, Frassi M, Franceschini F, et al. Risk of congenital complete heart block in newborns of mothers with anti-ro/ssa antibodies detected by counterimmunoelectrophoresis: a prospective study of 100 women. Arthritis Rheum 2001; 44: Sanchez-Guerrero J, Uribe AG, Jimenez-Santana L et al. A trial of contraceptive methods in women with systemic lupus erythematosus. New Engl J Med 2005;353: Petri M, Kim MY, Kalunian KC, et al. Combined oral contraceptives in women with systemic lupus erythematosus. New Engl J Med 2005;353: Rossouw JE, Anderson GL, Prentice RL, et al. Risks and benefits of estrogen plus progestin in healthy postmenopausal women: principal results From the Women s Health Initiative randomized controlled trial. JAMA. 2002;288: Buyon JP, Petri M, Kim MY, et al. The Effect of Combined Estrogen and Progesterone Hormone Replacement Therapy on Disease Activity in Systemic Lupus Erythematosus: A Randomized Trial. Ann Intern Med 2005;142: Shoenfeld Y, Gerli R, Doria A, et al. Accelerated atherosclerosis in autoimmune rheumatic diseases. Circulation 2005; 112:

10 Gravidanza e contraccezione nella donna con malattia reumatica autoimmune RIASSUNTO Molte donne con malattie malattie reumatiche autoimmuni (MRA) hanno una fertilità normale, e si pone quindi il problema della gravidanza e della contraccezione. GRAVIDANZA. Se seguite da equipe multidisciplinari con ampia esperienza nel settore, anche queste donne possono affrontare con ragionevole serenità la gravidanza. Le attuali linee guida per il monitoraggio della gravidanza nelle pazienti affette da MRA prevedono visite preconcezionali con valutazione di attività di malattia, trattamento in corso e profilo autoanticorpale. In particolare. Dovrebbe essere valutata la positività degli anti-fosfolipidi, che possono associarsi ad aborti ricorrenti, e degli anticorpi anti-ro /SSA, che possono associarsi molto raramente (1-2%) al lupus neonatale e al blocco cardiaco congenito. La gravidanza andrebbe idealmente affrontata solo durante fasi di malattia quiescente, stabile, e ben controllata. La donna e il feto dovrebbero essere monitorati strettamente, con controlli almeno mensili. La terapia di queste malattie in gravidanza richiede una competenza specialistica; il prednisone è probabilmente il farmaco più sicuro. Il LES tende a riacutizzarsi in gravidanza, con manifestazioni generalmente lievi e facilmente controllabili con un aggiustamento della terapia. L influenza della gravidanza sull andamento di artrite reumatoide, sclerodermia e sindrome di Sjogren è minore di quella sul LES, anche se possono crearsi seri problemi soprattutto per le possibili controindicazioni dei trattamenti cui sono sottoposte le pazienti. Tutte le donne che programmano una gravidanza dovrebbero iniziare ad assumere acido folico prima del concepimento, per ridurre il rischio di malformazioni del tubo neurale. CONTRACCEZIONE. La pillola contraccettiva estroprogestinica sembra sicura nelle pazienti affette da LES lieve, non attivo, e senza altri fattori di rischio trombotici quali fumo di sigaretta, anticorpi anti-fosfolipidi, etc. La pillola a base di progestinici ( minipillola ) è una valida alternativa. I metodi più consigliati in queste coppie rimangono, comunque, quelli di barriera (preservativo e diaframma), mentre la spirale è spesso considerata a rischio di possibili infezioni. 10

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze.

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. Le malattie autoimmuni e gli ormoni femminili. La maggior parte delle malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, sclerodermia,

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

Malattie Reumatiche e Gravidanza

Malattie Reumatiche e Gravidanza Malattie Reumatiche Autoimmuni e Gravidanza Dipartimento Medico Specialistico Unità Operativa Complessa di Reumatologia Direttore: Prof. Marcello Govoni Malattie Reumatiche e Gravidanza Cosa è utile sapere

Dettagli

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE fase di remissione di malattia. Una gravidanza che insorge in fase di attività di malattia è infatti molto più a rischio di problemi materni e fetali. Secondo molti autori, una gravidanza può essere intrapresa

Dettagli

Quali sono i segni e i sintomi del Lupus?

Quali sono i segni e i sintomi del Lupus? Dott. Lorenzo Bettoni Sito web: www.lorenzobettoni.it E-mail: info@lorenzobettoni.it Quali sono i segni e i sintomi del Lupus? Il lupus è una malattia che può coinvolgere tutti i distretti corporei e,

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA Beatrice Berluti, Andrea Luigi Tranquilli Istituto di Scienze Materno-infantili Sezione di Clinica Ostetrica e Ginecologica Parlare di malattie autoimmuni in gravidanza

Dettagli

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES)

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES) LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES) A cura della Dottoressa Susanna Peccatori UO Reumatologia Ospedale Santa Chiara Trento La parola lupus fu utilizzata in passato per indicare malattie della pelle che determinano

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE UFFICIO V 15 settembre 2014 La contraccezione per la donna che allatta Tavolo Tecnico Operativo Interdisciplinare

Dettagli

L utilizzo dei farmaci immunosoppressori in gravidanza

L utilizzo dei farmaci immunosoppressori in gravidanza L utilizzo dei farmaci immunosoppressori in gravidanza Firenze, 3 dicembre 2011 Incontro Associazioni Malattie Autoimmuni Mario Rossi Dott Lorenzo Emmi Dott. Danilo Squatrito Dott. Enrico Beccastrini Centro

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Informazioni per i pazienti Reggio Emilia, MARZO 2015 Lupus Eritematoso Sistemico

Dettagli

LA GRAVIDANZA NELLE MALATTIE REUMATICHE: LE SICUREZZE DI OGGI

LA GRAVIDANZA NELLE MALATTIE REUMATICHE: LE SICUREZZE DI OGGI LA GRAVIDANZA NELLE MALATTIE REUMATICHE: LE SICUREZZE DI OGGI Simone Ferrero Professore Associato Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Genova IRCCS AOU San Martino IST Numerose malattie

Dettagli

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA Di cosa parleremo? Potrò concepire e avere figli come tutte le altre persone? Influenza della gravidanza sul decorso della malattia e influenza

Dettagli

FERTILITA E CONTRACCEZIONE NELLE DONNE CON LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO

FERTILITA E CONTRACCEZIONE NELLE DONNE CON LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO FERTILITA E CONTRACCEZIONE NELLE DONNE CON LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Beatrice Berluti, M. Giovanna Danieli Andrea Luigi Tranquilli Istituto di Scienze Materno-Infantili Clinica Ostetrica e Ginecologica

Dettagli

Dalla diagnosi alla terapia: Il lupus eritematoso sistemico a 360

Dalla diagnosi alla terapia: Il lupus eritematoso sistemico a 360 Brescia, 7 Maggio 2011 Breve report di una giornata dedicata al LES Dalla diagnosi alla terapia: Il lupus eritematoso sistemico a 360 Micol Frassi, Matteo Filippini, Angela Tincani U.O. Di Reumatologia

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Il Lupus Eritematoso Sistemico

Il Lupus Eritematoso Sistemico Il Lupus Eritematoso Sistemico Definizione Le cause del Lupus. Il Lupus Eritematoso Sistemico (LES) è un disordine del sistema immunitario indicato come patologia autoimmune. Nelle malattie autoimmuni,

Dettagli

VISITA PRE-CONCEZIONALE

VISITA PRE-CONCEZIONALE VISITA PRE-CONCEZIONALE Avete deciso che è arrivato il momento giusto di avere un bambino è avete già iniziato a prepararvi anche emotivamente al coinvolgimento necessario e all impegno a lungo termine

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA?

COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA? COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA? 1 COSA SIGNIFICA MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? Le patologie autoimmuni sistemiche rappresentano condizioni poco

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Anno di insorgenza dei sintomi: Anno della diagnosi: Anno di avvio del primo trattamento:

Anno di insorgenza dei sintomi: Anno della diagnosi: Anno di avvio del primo trattamento: PRIMA PAGINA DEL QUESTIONARIO Storia reumatologica Paese di residenza A voi o a qualcuno avete nella vostra famiglia (consanguineo), è stata diagnosticata una patologia malattia reumatica? Tu Tuo parente

Dettagli

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel complesso tessuto con funzione di riempimento, sostegno

Dettagli

Relazione annuale (terzo anno) per associazione pazienti: Gennaio 2012

Relazione annuale (terzo anno) per associazione pazienti: Gennaio 2012 Bergamo, 31 Gennaio 2012 Relazione annuale (terzo anno) per associazione pazienti: Gennaio 2012 ATTIVITA CLINICA In questi primi 3 anni di attività (2009, 2010 e 2011) dell ambulatorio dedicato alle Malattie

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide)

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) Brescia, 3 giugno 2009 Circ. n. 169 INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009 Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) La Regione Lombardia,

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES)

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES) Una malattia quasi rara, che richiede tre anni per una risposta: il lupus LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES) ROLANDO PORCASI Responsabile Medico Area Immunologia GSK Verona Una malattia quasi rara, che

Dettagli

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Prof. Valerio De Stefano Dott. Antonio Oliverio Roma 12 aprile 2014 Dott. Antonio Oliverio MMG Roma 12 aprile 2014 screening indagine sanitaria

Dettagli

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità La mini guida di Onda sulla contraccezione Testi a cura della Dott.ssa Nicoletta Orthmann Coordinatore Scientifico di Onda Qual è il ruolo della

Dettagli

Codice di Esenzione per patologia lupus erimatoso sistemico: COD 037

Codice di Esenzione per patologia lupus erimatoso sistemico: COD 037 onlus Con il patrocinio e il sostegno economico di Emilia Romagna LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO (LES) Codice di Esenzione per patologia lupus erimatoso sistemico: COD 037 Grande importanza è farsi riconoscere

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE.

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 2 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina

Dettagli

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo Allegato III Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo 39 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 40 Paragrafo 4.1. Indicazioni terapeutiche

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA Informazioni per i pazienti Reggio Emilia, settembre 2015 Artropatia psoriasica DESCRIZIONE

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

La pillola contraccettiva

La pillola contraccettiva Prof.ssa Alessandra Graziottin Direttore, Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, H. San Raffaele Resnati, Milano Prof. Mauro Busacca Ordinario di Ginecologia e Ostetricia, Università di Milano La

Dettagli

Bergamo, 4 Febbraio 2014

Bergamo, 4 Febbraio 2014 Bergamo, 4 Febbraio 2014 Progetto: Istituzione di un Centro per la gestione e la cura delle donne con malattie reumatiche autoimmuni in gravidanza presso gli ospedali Riuniti di Bergamo. Durante l anno

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Diventa protagonista della tua vita sessuale e riproduttiva

Diventa protagonista della tua vita sessuale e riproduttiva In ogni caso... Diventa protagonista della tua vita sessuale e riproduttiva Mettere al mondo un figlio è una scelta importante Se non desideri ora avere un figlio, hai a disposizione molti metodi (reversibili

Dettagli

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Dott. F. Stoppoloni, Responsabile U.O.S. Gravidanze ad alto rischio Dott. G. Salvia, Responsabile U.O.S. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Osp. Buon Consiglio

Dettagli

I CONTRACCETTIVI ORMONALI: NOTIZIE IN PILLOLE

I CONTRACCETTIVI ORMONALI: NOTIZIE IN PILLOLE I CONTRACCETTIVI ORMONALI: NOTIZIE IN PILLOLE COME FUNZIONANO: L EFFETTO CONTRACCETTIVO I contraccettivi ormonali sono farmaci generalmente contenenti estrogeni (o derivati) e progestinici di diverso tipo

Dettagli

"La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale".

La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale. LEGGE REGIONALE 8 maggio 1987, N. 16 "La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale". (BURL n. 19, 1º suppl. ord. del 13 Maggio 1987 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1987-05-08;16 Titolo

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino

Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici. Walter Bertolino Trombofilia e Gravidanza: Casi Clinici Walter Bertolino Patologie ostetriche che si associano alle 3 mutazioni più frequenti Tipo di deficit Patologia gravidica associata Iperomocisteinemia In omozigosi

Dettagli

Meglio informati sulla contraccezione con la pillola

Meglio informati sulla contraccezione con la pillola Informazioni per le pazienti Meglio informati sulla contraccezione con la pillola -00 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno «Contraccezione con la pillola» Indice Il ciclo mestruale

Dettagli

PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE. Prof. Maurizio Pietro Faggioni

PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE. Prof. Maurizio Pietro Faggioni PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE Prof. Maurizio Pietro Faggioni La diagnosi prenatale è un atto medico che coinvolge la responsabilità del medico verso due pazienti: la madre e il nascituro.

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

Annesso 1 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

Annesso 1 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Annesso 1 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale. Ciò permetterà la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. Agli operatori sanitari

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Menopausa e terapia ormonale sostitutiva S.Cattaneo Definizione menopausa secondo OMS Menopausa Spontanea: Cessazione definitiva

Dettagli

IPOTIROIDISMO i dubbi

IPOTIROIDISMO i dubbi IPOTIROIDISMO i dubbi Dr. Giuseppe Polizzi Dr.ssa Michela Dal Pont Appropriatezza in patologia tiroidea Belluno, 30 settembre - 1 ottobre 2011 CASO CLINICO Amalia Donna di 39 anni ANAMNESI FAMILIARE: La

Dettagli

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri Dr. V. Agnello, Dr. P. Di Gaetano, Dr. V. Guaiana, Dr. V. Sparacino Taormina, 15 aprile 2011 CONTATTI SCHEDA DATI 10 anni (1977-1987)

Dettagli

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI NUMERO MONOGRAFICO Notiziario gennaio 2010 SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI a cura del dr.moreno Dindelli Specialista in Ginecologia e Ostetricia Dall autunno 2009,

Dettagli

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante.

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante. PATIENT INFORMATION ON Australian Rheumatology Association METHOTREXATE (Italian) (Brand names: Methoblastin) Questo opuscolo informativo èstato creato dall Associazione Remautologica Australiana per aiutarvi

Dettagli

Lupus eritematoso sistemico (LES)

Lupus eritematoso sistemico (LES) www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Lupus eritematoso sistemico (LES) Versione 2016 1. CHE COS È IL LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO 1.1 Che cos è? Il lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Regione. Abruzzo. L Aquila (AQ) - Ospedale Civile S. Salvatore... Pag. 5 Pescara (PE) - Ospedale Civile Spirito Santo... Pag. 7

Regione. Abruzzo. L Aquila (AQ) - Ospedale Civile S. Salvatore... Pag. 5 Pescara (PE) - Ospedale Civile Spirito Santo... Pag. 7 Regione Abruzzo L Aquila (AQ) - Ospedale Civile S. Salvatore... Pag. 5 Pescara (PE) - Ospedale Civile Spirito Santo... Pag. 7 Ospedale Civile S. Salvatore Indirizzo Comune Provincia CAP Telefono E-mail

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari Ingressi L ingresso al percorso può essere: - Sanità Territoriale: PUA, servizio sociale distrettuale, consultorio famigliare e materno infantile, servizio dipendenze, DSM - Territorio (sociale): Servizi

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLA CONIUGALITA E GENITORIALITA

AZIONI A SOSTEGNO DELLA CONIUGALITA E GENITORIALITA AZIONI A SOSTEGNO DELLA CONIUGALITA E GENITORIALITA Dr.ssa Rosa Nunzella Dirigente Medico U.O.C. Ginecologia e Ostetricia P.O. Giovanni Paolo II - Policoro Dr.ssa Antonella Dragonetti Dirigente Medico

Dettagli

Scritto da andrea Domenica 23 Gennaio 2011 12:35 - Ultimo aggiornamento Domenica 08 Gennaio 2012 16:49

Scritto da andrea Domenica 23 Gennaio 2011 12:35 - Ultimo aggiornamento Domenica 08 Gennaio 2012 16:49 FERTILITA, GRAVIDANZA E CELIACHIA 4. Malattia celiaca,aborto spontaneo,peso alla nascita e lattazione Le Alterazioni riproduttive più frequentemente riscontrate nelle donne affette da Malattia Celiaca

Dettagli

RENE E GRAVIDANZA ASPETTI INTERNISTICI E REUMATOLOGICI

RENE E GRAVIDANZA ASPETTI INTERNISTICI E REUMATOLOGICI RENE E GRAVIDANZA ASPETTI INTERNISTICI E REUMATOLOGICI DOTT. ROBERTO CARDILLO DIR. MEDICO UO di Medicina Interna P.O. ACIREALE. Rene e gravidanza Il rene ha sicuramente un ruolo fondamentale nel divenire

Dettagli

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA D. Arduini, H. Valensise ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA II edizione riveduta ed ampliata Volume cartonato di 382 pagine f.to cm 21x29 70,00 per acquisti online www.gruppocic.com Giorn. It. Ost. Gin.

Dettagli

Prepararsi alla gravidanza : precauzioni, attenzioni e una vitamina in più

Prepararsi alla gravidanza : precauzioni, attenzioni e una vitamina in più Prepararsi alla gravidanza : precauzioni, attenzioni e una vitamina in più A chi è rivolto questo opuscolo. A tutte le donne che: hanno deciso di avere un figlio pensano in un futuro, anche lontano, di

Dettagli

Servizi per la gestione del diabete in gravidanza e del diabete pre-gravidico

Servizi per la gestione del diabete in gravidanza e del diabete pre-gravidico I Bollini Rosa sono il riconoscimento Onda che, l'osservatorio nazionale sulla salute della donna, attri Nel è possibile sito consultare le www.bollinirosa.it schede di tutti gli ospedali con i relativi

Dettagli

PROFILO DI ASSISTENZA

PROFILO DI ASSISTENZA PROFILO DI ASSISTENZA 1. CRITERI DI AMMISSIONE * - Certificato per IVG rilasciato da un medico e firmato dalla donna - Consenso informato per il trattamento medico - Gravidanza in utero con datazione ecografica

Dettagli

- Quadri ecografici di aborto - Aborto interno - Aborto completo e incompleto - Cause di aborto sporadico - Cause di aborto ricorrente

- Quadri ecografici di aborto - Aborto interno - Aborto completo e incompleto - Cause di aborto sporadico - Cause di aborto ricorrente - Quadri ecografici di aborto - Aborto interno - Aborto completo e incompleto - Cause di aborto sporadico - Cause di aborto ricorrente redatto da E. Cimmino, G Albano, A. Di Meglio, N. Pacilio L aborto

Dettagli

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE 1 Durante la gravidanza vi verranno offerti alcuni test che forniscono informazioni sulla eventuale presenza di malformazioni nel vostro bambino prima che

Dettagli

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari Dia 1 Quando parliamo di diabete in gravidanza, dobbiamo distinguere : il Diabete di tipo 1, il Diabete di tipo 2, la ridotta tolleranza glucidica preesistenti alla gravidanza, oppure tutte quelle alterazioni

Dettagli

Nozioni generali efficacia innocuità reversibilità accettabilità Indice di Pearl Metodo Percentuale Metodo Percentuale Coito interrotto

Nozioni generali efficacia innocuità reversibilità accettabilità Indice di Pearl Metodo Percentuale Metodo Percentuale Coito interrotto Nozioni generali Si definisce contraccettivo un metodo che viene utilizzato per impedire temporaneamente la fertilità della coppia, intervenendo con diversi meccanismi (meccanici, ormonali, ecc.) a livello

Dettagli

Toctino Quello che deve sapere

Toctino Quello che deve sapere Principio attivo: alitretinoina. Indicazioni: trattamento di adulti affetti da grave eczema cronico delle mani, refrattario alle terapie, che siano stati sottoposti a trattamento locale esteso, senza reazione,

Dettagli

www.anmar-italia.it Numero Verde Anmar 800 910 625

www.anmar-italia.it Numero Verde Anmar 800 910 625 Proprietà riservata. Senza l autorizzazione dell ALOMAR è vietata la riproduzione anche parziale del testo nonché l uso di esso sotto qualsiasi forma rappresentativa, divulgativa, commerciale, lucrativa.

Dettagli

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Red Alert for Women s Heart Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Molti sono gli allarmi rossi legati al genere e alle malattie cardiovascolari. Di seguito sono descritti i risultati più importanti

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 )

PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE (PIANO SANITARIO NAZIONALE 1998 2000 ) INDICE DOCUMENTO PRECEDENTE LEGENDA SIGLE E ABBREVIAZIONI SUCCESSIVA 2. IL PERCORSO NASCITA La gravidanza ed il parto sono eventi

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie da cancerogeni, mutageni e genotossici Valutazione del rischio per la riproduzione in ambiente di lavoro 1 of 28 A quali agenti è esposto il lavoratore o la lavoratrice?

Dettagli

Meglio informati sulla contraccezione con la pillola

Meglio informati sulla contraccezione con la pillola Informazioni per le pazienti Meglio informati sulla contraccezione con la pillola Quelli con l arcobaleno Tutte le guide Mepha sono disponibili al sito www.mepha.ch Per scandire il «QR-Code» con lo smartphone

Dettagli

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita Linee Guida Pierpaolo Mastroiacovo Professore di Pediatria Direttore ICBD Alessandra Lisi International Centre on Birth Defects and Prematurity

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BORGHESE, MERLO. Norme per il riconoscimento della sindrome di Sjögren come malattia invalidante

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BORGHESE, MERLO. Norme per il riconoscimento della sindrome di Sjögren come malattia invalidante Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3360 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BORGHESE, MERLO Norme per il riconoscimento

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via L.Landucci,25 35127, Padova Telefono 049755501 3401419225 E-mail alessandra.ruffatti@alice.it

Dettagli

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag.

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. Regione Sardegna Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. 219 Cagliari (CA) - Azienda Ospedaliera G. Brotzu... Pag. 220 Carbonia

Dettagli

L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti

L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti Abbiamo pensato di scrivere questo volume perché da alcuni anni, nell ambito della

Dettagli

PROF. PAOLO ALTIERI DIRETTORE DIPARTIMENTO PATOLOGIA RENALE OSPEDALE G. BROTZU (CAGLIARI)

PROF. PAOLO ALTIERI DIRETTORE DIPARTIMENTO PATOLOGIA RENALE OSPEDALE G. BROTZU (CAGLIARI) TERAPIA DELLE NEFRITI DEI PAZIENTI CON LUPUS ERITEMATOSO (LES) PROF. PAOLO ALTIERI DIRETTORE DIPARTIMENTO PATOLOGIA RENALE OSPEDALE G. BROTZU (CAGLIARI) 1 Terapia della nefrite lupica Paolo Altieri Questo

Dettagli

Guida pratica per pazienti con Lupus Eritematoso Sistemico

Guida pratica per pazienti con Lupus Eritematoso Sistemico www.anmar-italia.it Guida pratica per ANMAR ITALIA Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Guida pratica per pazienti con Lupus Progettazione, coordinamento e divulgazione su autorizzazione dell

Dettagli

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo IL TAGLIO CESAREO ELETTIVO: INDICAZIONI Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo Marcella Falcieri 2011 TAGLIO CESAREO ELETTIVO INDICAZIONI DA EBM/EBO LG ISS 2011 RCOG 2011 REALTA ASSISTENZIALE Tasso

Dettagli

Quando il neonatologo interrompe le cure. Paolo Villani, Marzia Giuradei SC TIN, Neonatologia e Nido AO C.Poma

Quando il neonatologo interrompe le cure. Paolo Villani, Marzia Giuradei SC TIN, Neonatologia e Nido AO C.Poma Quando il neonatologo interrompe le cure Paolo Villani, Marzia Giuradei SC TIN, Neonatologia e Nido AO C.Poma Neonati per cui non c éc niente da fare NEONATI CON CONDIZIONI LIFE LIMITING: - Compatibili

Dettagli

FERTILITA E GRAVIDANZA NELLE GLICOGENOSI

FERTILITA E GRAVIDANZA NELLE GLICOGENOSI Convegno AIG Rimini, 21-22 Novembre 2015 FERTILITA E GRAVIDANZA NELLE GLICOGENOSI Sabrina Paci, Chiara Montanari Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo, Università degli Studi di Milano MA DI COSA PARLEREMO

Dettagli