PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2012 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA CANDIDATURA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2012 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA CANDIDATURA"

Transcript

1 PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2012 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA CANDIDATURA 1

2 Sommario Cosa sono i Bollini Rosa...pag. 3 I destinatari...pag. 3 Perché partecipare...pag. 3 Come partecipare...pag. 4 Criteri di assegnazione dei Bollini Rosa...pag. 5 Questionario di auto-candidatura...pag. 5 Modalità di valutazione...pag. 6 Allegato n 1...pag. 7 Allegato n 2...pag. 11 Allegato n 3...pag. 52 2

3 Cosa sono i Bollini Rosa Il Programma Bollini Rosa promosso dall Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (O.N.Da) dal 2007, è un programma speciale di valutazione degli ospedali basato sul loro livello di women friendship, da intendersi come: impegno nei campi della medicina dedicati alle patologie femminili attenzione verso le specifiche esigenze delle donne ricoverate Alle Strutture Ospedaliere che possiedono i requisiti identificati dall Osservatorio e dunque di eccellenza nella prevenzione e nella cura delle patologie femminili, vengono assegnati da uno a tre bollini rosa con validità biennale, con lo scopo di attestare il loro impegno. I Bollini Rosa rappresentano dunque un punto di partenza per favorire la crescita della prospettiva di genere, intesa come fattore strategico di qualità nell erogazione delle cure nell ambito delle strutture sanitarie. L iniziativa è stata promossa con i seguenti obiettivi: premiare le Strutture Ospedaliere che già possiedono caratteristiche a misura di donna; incentivare gli altri ospedali a migliorare e/o implementare nel tempo i servizi rivolti alle donne I destinatari Il Programma si rivolge a tutte le Strutture Ospedaliere del territorio nazionale (singola Azienda, Presidio Ospedaliero, Ospedali a gestione diretta, Casa di Cura accreditata) ed agli Ospedali in lingua italiana all estero. Perché partecipare Le strutture premiate che diventano parte del Network Bollini Rosa, possono ottenere i seguenti benefici: Benefici diretti: 1) le informazioni che le Strutture Ospedaliere premiate inseriscono nella candidatura, verranno promosse attraverso: una Guida Nazionale Bollini Rosa che avrà distribuzione capillare su tutto il territorio italiano e che comprenderà le strutture di eccellenza nella prevenzione e cura delle patologie femminili un sito web nel quale gli utenti potranno trovare gli ospedali premiati per ciascuna regione ed esprimere i propri commenti sui servizi erogati 2) le strutture premiate diventeranno parte del Network Ospedali Bollini Rosa, avendo così l opportunità di partecipare ad eventi e iniziative (giornate a Porte Aperte, convegni, conferenze, incontri formativi) finalizzati alla promozione dei servizi erogati. Benefici indiretti: i Bollini Rosa stimolano la concorrenza tra le strutture ospedaliere italiane i Bollini Rosa favoriscono il consolidamento dell immagine corporativa della struttura stessa ed attestano il suo impegno nei confronti delle donne, generando sicurezza, vicinanza e rassicurazione 3

4 i Bollini Rosa contribuiscono ad una scelta consapevole da parte dell utente, attraverso il confronto concreto tra i servizi offerti dalle diverse strutture possibilità di ampliare il proprio bacino di utenza anche al di fuori del consueto territorio di offerta di servizi e prestazioni Come partecipare Per partecipare al Programma Bollini Rosa, la struttura ospedaliera dovrà compilare la modulistica direttamente sul nuovo sito internet entro il 31 maggio Un questionario richiederà informazioni sulla Struttura Ospedaliera nel suo complesso e sulle Unità Operative che si occupano specificamente di patologie femminili. Dovrà essere indicato il nome di un Referente della Struttura Ospedaliera che avrà il ruolo di interlocutore con O.N.Da per il Programma Bollini Rosa. Di seguito le istruzioni per la compilazione: Registrazione Compilare il modulo di registrazione allegando la lettera firmata dal Direttore Generale della struttura, scannerizzata e in formato pdf. (vedi allegato 1) Gestione Password Una volta registrata la struttura, il Referente riceverà tramite mail una password da parte dell amministratore del Programma Bollini Rosa, che gli consentirà di: 1) accedere al modulo di auto-candidatura online 2) decidere in qualunque momento (e anche da postazioni differenti), di compilare il questionario e/o modificare i dati inseriti 3) verificare ulteriormente le domande del questionario prima di inviare definitivamente l'auto-candidatura. O.N.Da declina ogni responsabilità in merito all'utilizzo inappropriato della password Compilazione questionario La compilazione del questionario rappresenta una fase cruciale della candidatura al Programma Bollini Rosa poichè la Struttura Ospedaliera deciderà le Unità Operative da rendere note perché considerate eccellenti nei confronti della cura di patologie femminili specifiche. Le domande del questionario costituiscono lo strumento attraverso cui la Struttura Ospedaliera auto-certificherà la sua attività nell ambito dei servizi erogati, dei progetti di ricerca, delle pubblicazioni e di qualsiasi altro elemento distintivo nella cura della Donna. Invio candidatura E possibile inviare la candidatura SOLO dopo aver compilato il questionario in ogni sua parte, cliccando sul tasto INVIA. Non saranno valutate le candidature incomplete. E possibile inviare la candidatura SOLO tramite il sito internet Non saranno valutate le candidatura inviate in forma cartacea. Il termine ultimo per l invio della candidatura è il 31 maggio 2011 alle ore Una mail di conferma dell avvenuta ricezione della candidatura sarà inviata automaticamente all indirizzo del Referente della struttura per il Programma Bollini Rosa, indicato nella modulistica in fase di registrazione. 4

5 Criteri di assegnazione dei Bollini Rosa Per l assegnazione dei Bollini Rosa, l Osservatorio ha definito tre criteri valutativi: 1. presenza di Unità Operative dedicate all assistenza ed alla cura delle patologie di maggiore incidenza e di maggior rilievo clinico nella popolazione femminile 2. appropriatezza dei servizi erogati da intendersi come garanzia di un approccio clinico specifico ed accurato alla patologia in conformità con le esigenze e le caratteristiche psicofisiche della donna 3. posizionamento della paziente al centro delle cure e tutela della sua dignità Questionario di auto-candidatura Il questionario di auto-candidatura deve essere compilato online tramite il sito Il questionario comprende tre sezioni che hanno lo scopo di valutare: SEZIONE A: esistenza di Unità Operative per la cura di patologie femminili SEZIONE B: tipologia ed appropriatezza dei servizi offerti SEZIONE C: centralità della paziente nel percorso di prevenzione, diagnosi e cura SEZIONE A: esistenza di Unità Operative per la cura di patologie femminili specifiche L edizione 2012 del Programma Bollini Rosa ha individuato tredici Unità Operative dedicate alle categorie di maggior rilevo clinico-epidemiologico nella popolazione femminile italiana (vedi SEZIONE A del questionario nell allegato 2). Nella Sezione A la struttura ospedaliera dovrà scegliere le Unità Operative che vorrà candidare al Programma Bollini Rosa, utilizzando come criterio le patologie femminili per le quali l ospedale offre servizi all avanguardia e ritiene di essere altamente competitivo a livello di diagnosi e cura. SEZIONE B: tipologia e adeguatezza dei servizi offerti Una volta che la struttura ha selezionato le Unità Operative che desidera candidare, nella Sezione B dovrà compilare informazioni sulle caratteristiche generali e strutturali dell Unità stessa, come: tipologia, attività di reparto, attività di ambulatorio, produzione scientifica. Inoltre, la struttura dovrà rispondere a domande specifiche sulle attività svolte e sui servizi erogati in ciascuna patologia. Queste domande sono state formulate con il supporto di specialisti esperti in ogni patologia considerata, in accordo con le linee guida del Ministero della Sanità e delle Società scientifiche di riferimento. ATTENZIONE: si suggerisce che la compilazione delle domande relative ad ogni Unità Operativa, sia a cura del rispettivo Direttore Responsabile. 5

6 SEZIONE C: centralità della paziente nel percorso di prevenzione, diagnosi e cura Questa sezione intende valutare l offerta di servizi atti a soddisfare alcuni bisogni quotidiani ed il rispetto dei diritti delle donne malate. In particolare, le domande contenute nella Sezione C valutano alcune variabili come: accompagnamento della paziente, contenimento dell attesa per l accesso ai servizi, chiarezza nella comunicazione e nelle istruzioni, controllo del dolore e altre tipologie di attenzioni rivolte alle specifiche condizioni ed esigenze della paziente. ATTENZIONE: nell allegato 2 è possibile visionare il questionario completo con tutte le domande. Modalità di valutazione A ciascuna domanda del questionario è stato attribuito un punteggio stabilito secondo criteri di valutazione definiti da una Commissione di esperti in accordo con le linee guida del Ministero della Sanità e delle Società scientifiche di riferimento. Un apposito Advisory Board (vedi allegato 3) avrà il compito di considerare anche gli eventuali progetti di ricerca promossi dalla Struttura, le pubblicazioni e qualsiasi elemento di distinzione nella cura della Donna. Il punteggio totale verrà valutato da O.N.Da attraverso l assegnazione di Bollini Rosa (da uno a tre) con validità biennale. Contatti O.N.Da O.N.Da Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna Foro Buonaparte, Milano tel fax Referenti del Programma Bollini Rosa Dott.ssa Pilar Montilla - Dott.ssa Elisabetta Vercesi - Dott.ssa Nicoletta Orthmann - Per ricevere informazioni generali sul Programma Bollini Rosa Per ricevere informazioni sulla registrazione al Programma Bollini Rosa 6

7 ALLEGATO 1 MODULO DI REGISTRAZIONE Dati della struttura Ospedaliera Inserire nei seguenti campi i dati richiesti. Si prega di compilare il format di registrazione in ogni sua parte. Struttura Ospedaliera Nome Provincia Comune Cap Indirizzo telefono Sito web Allegare un'immagine della struttura (ATTENZIONE: l'immagine deve essere in formato jpg.) Ricoveri e posti letto della Struttura Ospedaliera Totale posti letto accreditati Numero di ricoveri ordinari Numero di ricoveri in day hospital Numero di ricoveri in day surgery 7

8 Direttore Generale Nome Cognome Indirizzo Città Cap Provincia Telefono Direttore Sanitario Nome Cognome Indirizzo Città Cap Provincia Telefono Responsabile del Programma Bollini Rosa Nome Cognome Qualifica Indirizzo Città Cap Provincia Telefono (le comunicazioni saranno inviate a questa mail) 8

9 LETTERA DI ACCETTAZIONE (da inviare su carta intestata dell Ospedale, firmata dal Direttore Generale, scannerizzata e allegata al format di registrazione in formato pdf.) Spett.le O.N.Da Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna PROGRAMMA BOLLINI ROSA OGGETTO: LETTERA DI ACCETTAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE DEL PROGRAMMA BOLLINI ROSA Io sottoscritto, in qualità di Direttore Generale della Struttura Ospedaliera, sono stato informato e ho preso atto che: il Programma Bollini Rosa di O.N.Da, Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna, è un programma speciale di valutazione degli ospedali basato sul loro livello di women friendship inteso come grado di attenzione posta non solo nei confronti dei campi della medicina dedicati alle patologie femminili, ma anche verso le esigenze specifiche delle donne ricoverate; i Bollini Rosa rappresentano un punto di partenza per favorire la crescita della prospettiva di genere da intendersi come fattore strategico di qualità nell erogazione delle cure nell ambito delle strutture sanitarie; la partecipazione ai Bollini Rosa si realizza compilando il questionario di auto-candidatura, online sul sito con il quale O.N.Da valuta la presenza di Unità Operative che curano patologie femminili specifiche, la pertinenza dei servizi offerti ed il posizionamento della paziente al centro delle cure; alle strutture ospedaliere che possiedono i requisiti identificati dall Osservatorio e dunque di eccellenza nella prevenzione e nella cura delle patologie femminili, verranno assegnati da 1 a 3 Bollini Rosa con validità biennale, attestanti il loro impegno; qualora l Ospedale sia considerato idoneo ai fini del premio, O.N.Da potrà richiedere di effettuare una visita esplorativa da parte della Commissione Bollini Rosa, come fase finale del processo di selezione; tutte le informazioni, fornite attraverso il questionario di auto-candidatura, saranno pubblicate su una Guida Nazionale Bollini Rosa ed inserite nel sito web nel quale gli utenti potranno trovare le strutture premiate per ciascuna Regione ed esprimere i propri commenti sui servizi erogati; gli Ospedali premiati entreranno a far parte di un network Ospedali Bollini Rosa, potendo così partecipare ad eventi ed iniziative (giornate a porte aperte, eventi life, convegni, conferenze, incontri informativi), organizzate con lo scopo di promuovere i servizi erogati all interno degli ospedali 9

10 dichiaro che: tutte le informazioni contenute nel questionario di auto-candidatura relative ai servizi erogati corrispondono al vero; l'osservatorio potrà utilizzare tutte le informazioni per eventuali pubblicazioni con lo scopo di aumentare la consapevolezza della necessità di un impegno da parte di tutti gli ospedali volto al miglioramento della qualità e dei servizi e delle prestazioni erogate; un componente dello staff della Struttura da me diretta è stato individuato quale Responsabile del Programma Bollini Rosa, incaricato di gestire tutte le fasi del procedimento di auto-candidatura online. Direttore Generale (nome e cognome) Firma Data 10

11 ALLEGATO 2 IL QUESTIONARIO SEZIONE A In questa sezione si richiede di indicare quali Unità Operative che curano patologie femminili specifiche presenti all interno della Struttura Ospedaliera si desiderano candidare. Si prega di selezionare almeno una Unità Operativa ATTENZIONE: le domande sono classificate per Unità Operativa. Per la compilazione del questionario dovrà essere rispettato l ordine alfabetico delle diverse Unità Operative. DIABETOLOGIA DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA ENDOCRINOLOGIA GINECOLOGIA MALATTIE E DISTURBI DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO MEDICINA DELLA RIPRODUZIONE NEUROLOGIA ONCOLOGIA OSTETRICIA PSICHIATRIA REUMATOLOGIA SENOLOGIA VIOLENZA SULLA DONNA 11

12 SEZIONE B Per ogni Unità Operativa è richiesto di rispondere ad alcune domande per conoscere le caratteristiche delle prestazioni offerte. Ogni domanda del questionario possiede un punteggio stabilito secondo i criteri di valutazione definiti da una Commissione di esperti. Diabetologia L Unità Operativa di Diabetologia è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura in considerazione dell impatto epidemiologico della patologia diabetica che registra un incremento esponenziale di incidenza e prevalenza nella popolazione mondiale, colpendo specificatamente il sesso femminile durante la gravidanza e la menopausa. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali Attività di ricerca Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile 12

13 Numero di donne in posizione apicale 1) Esiste nell ospedale un gruppo multidisciplinare completo con competenze specifiche (mediche, psicologiche, nutrizionali, infermieristiche, sociali) per una corretta gestione del diabete? 2) L ospedale fornisce assistenza e strumenti idonei per un Percorso di Diabete Gestazionale? a) L ospedale realizza attività di educazione terapeutica e di assistenza sanitaria per la donna con diabete in gravidanza? b) L assistenza e il monitoraggio delle donne con diabete in gravidanza e delle donne che hanno sviluppato un diabete gestazionale sono garantiti da parte di un gruppo multidisciplinare composto da diabetologo, ginecologo, ostetrica, infermiere e pediatra? 3) L accesso a specifiche terapie e a strumenti di somministrazione per la donna con diabete è offerto tramite procedure semplici e in tempi brevi? 4) L ospedale promuove attività formative ed informative per la donna con diabete e familiari, relativamente a strumenti e servizi utili ad una corretta gestione del diabete? a) Quali? 5) L ospedale favorisce, nelle situazioni di ricovero in reparti non specifici, il coinvolgimento del diabetologo nelle scelte terapeutiche o un assistenza diabetologica qualificata? Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) 13

14 Dietologia e nutrizione clinica L Unità Operativa di Dietologia e Nutrizione Clinica è stata individuata tra le quelle partecipanti alla candidatura in considerazione della rilevanza epidemiologica dell obesità e delle patologie correlate al sovrappeso nei Paesi Industrializzati, che vedono sempre più coinvolta la popolazione femminile per il cambiamento dello stile di vita e delle abitudini alimentari. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali Attività di ricerca Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale 14

15 1) L ospedale dispone di un Ambulatorio multidisciplinare dedicato alla prevenzione, alla diagnosi e alla terapia del sovrappeso e dell obesità? 2) L ospedale offre un percorso assistenziale rivolto alle pazienti con sovrappeso e obesità? a) Se risponde Sì, quali servizi sono erogati: I. Valutazione diagnostica II. Consulenza specialistica III. Terapia educazionale IV. Attività riabilitativa fisica e psicologica 3) L ospedale offre un programma terapeutico per il trattamento delle pazienti con sovrappeso e obesità? a) Se risponde Sì, quali servizi sono erogati: I. Trattamento medico II. Trattamento chirurgico III. Trattamento psicologico 4) L ospedale offre un servizio di valutazione dello stato di rischio di sovrappeso e obesità rivolto alle donne in generale? 5) L ospedale promuove interventi di educazione alla salute rivolti alle donne, al fine di facilitare abitudini alimentari e stili di vita corretti? a) Quali? Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) 15

16 Endocrinologia L Unita Operativa di Endocrinologia è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura per la rilevanza epidemiologica e clinica delle patologie dell apparato endocrino, che più frequentemente colpiscono la popolazione femminile, nella fattispecie osteoporosi e patologia tiroidea. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali Attività di ricerca Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale 16

17 1) L ospedale offre un servizio dedicato alla diagnosi e cura (impostazione della terapia) dell osteoporosi? 2) Esiste un ambulatorio per l esecuzione della Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) per la diagnosi di osteoporosi? 3) L ospedale offre servizi di cura e successiva riabilitazione per le pazienti con fratture ossee patologiche? 4) L ospedale offre un servizio dedicato alla diagnosi e alla terapia della patologia tiroidea? 5) Esiste un ambulatorio dedicato alla diagnosi della patologia tiroidea (ecografia, scintigrafia)? 6) Esiste un reparto di chirurgia specialistica per la cura della patologia tiroidea? Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) 17

18 Ginecologia L Unità Operativa di Ginecologia è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura in considerazione della tutt ora scarsa sensibilità delle donne verso la diagnosi ginecologica precoce e della criticità di due fasi della vita della donna, l adolescenza e la menopausa. Questa parte prevede la compilazione di domande articolate in tre sezioni così suddivise: Ginecologia patologia benigna Ginecologia adolescenziale Menopausa Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali Attività di ricerca Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile 18

19 Numero di donne in posizione apicale GINECOLOGIA PATOLOGIA BENIGNA 1) L ospedale pratica un programma integrato di visite diagnostiche nell ambito di patologie ginecologiche benigne? 2) Quali dei seguenti servizi sono offerti nell ospedale: Ecografia Risonanza magnetica Chirurgia ginecologica microinvasiva 3) Esiste nell ospedale un Ambulatorio del dolore pelvico cronico e endometriosi? 4) Esiste nell ospedale un Ambulatorio per l uroginecologia e la riabilitazione del pavimento pelvico? 5) L ospedale offre un servizio di terapia per la cura delle donne affette da fibroma all utero? 19

20 GINECOLOGIA ADOLESCENZIALE 1) Esiste all interno dell ospedale un Ambulatorio dedicato all assistenza e alla cura delle problematiche connesse alla Ginecologia Adolescenziale? 2) Esiste un Protocollo terapeutico all interno dell ambulatorio per la Ginecologia adolescenziale? a) Il Protocollo è conosciuto da tutto il personale che esercita all interno dell ambulatorio? 3) Le prestazioni dei servizi di ginecologia adolescenziale sono eseguite: a. In un ambiente confortevole e accogliente per le ragazze b. In orari comodi da gestire per i genitori c. Da un equipe specializzata e multidisciplinare 4) Esistono programmi di formazione e informazione per aiutare i genitori ad affrontare le problematiche legate all età della pubertà e dell adolescenza delle loro figlie? a) Quali? 20

21 MENOPAUSA 1) Esiste all interno dell ospedale un ambulatorio dedicato alla donna in peri- menopausa e in menopausa? 2) L ospedale offre un percorso assistenziale integrato per il sostegno della donna durante la peri-menopausa e menopausa? 3) L ospedale offre dei programmi di terapia alternativa (dieta, attività fisica e un corretto stile di vita), per aiutare le donne a migliorare la qualità di vita durante la menopausa? 4) L ospedale offre un servizio di ricostruzione del pavimento pelvico relativo a problematiche di incontinenza urinaria? 5) L ospedale offre un servizio informativo sulla menopausa dedicato alle donne? Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) 21

22 Malattie e disturbi dell apparato cardiocircolatorio L Unità Operativa dedicata alle malattie ed ai disturbi dell apparato cardiocircolatorio è stata individuata tra le partecipanti alla candidatura in considerazione dell impatto epidemiologico delle stesse nella popolazione femminile, ove rappresentano la principale causa di morte. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali Attività di ricerca Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale 22

23 1) È presente nell ospedale un Ambulatorio dedicato alle pazienti ad alto rischio cardiovascolare? 2) L ospedale realizza attività di educazione terapeutica e di assistenza sanitaria per la donna con problemi cardiaci in gravidanza? 3) L assistenza e il monitoraggio delle donne con problemi cardiaci in gravidanza sono garantiti da parte di un gruppo multidisciplinare composto da cardiologo, ginecologo, ostetrica, infermiere e pediatra? 4) L ospedale offre servizi di assistenza e monitoraggio rivolto alle pazienti dimesse con problemi cardiovascolari? 5) L ospedale offre un programma di informazione alle donne sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari? a) Quali? Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) 23

24 Medicina della riproduzione L Unità Operativa dedicata alla Medicina della Riproduzione è stata individuata tra le partecipanti alla candidatura in considerazione del progressivo calo del tasso di fertilità registrato a livello nazionale tra i più bassi d Europa e della rilevanza delle ripercussioni socio-economiche delle patologie riproduttive. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali Attività di ricerca Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale 24

25 1) L ospedale offre un percorso integrato di diagnosi e terapia? a) La coppia può eseguire tutti gli esami diagnostici di primo e secondo livello all interno della struttura ospedaliera in tempi brevi? b) Le diverse tappe della terapia si realizzano all interno della struttura ospedaliera? 2) Esiste nell Unità un team di medici specialisti in Medicina della Riproduzione (ginecologi, andrologi, genetisti, psicologi) dedicato ad impostare con la coppia un programma riproduttivo? 3) Medici, biologi, tecnici di laboratorio e personale infermieristico operanti nell'ambito della medicina della riproduzione presso la Struttura, partecipano continuamente a programmi di aggiornamento e formazione sulla medicina della riproduzione? 4) L ospedale realizza attività di informazione relativamente a rischi, possibilità di successo e problematiche connesse al trattamento, rivolta alle coppie che si sottopongono a un programma riproduttivo? a) Quali? Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) 25

26 Neurologia L Unità Operativa di Neurologia è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura, ponendo l attenzione in particolare sulla malattia di Alzheimer, che vede prevalentemente coinvolto il sesso femminile nelle vesti di pazienti e di care giver. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali Attività di ricerca Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale 26

27 1) L ospedale offre servizi dedicati di diagnosi precoce della malattia di Alzheimer rivolti alle donne? a) Se SI, quali servizi di diagnosi precoce sono erogati: a) Esami clinici e valutazione multifunzionale b) Test neuropsicologici c) Neuroimmagini (RM, SPET, PET) 2) L ospedale offre interventi di terapia di orientamento alla realtà (ROT), protocolli di riabilitazione cognitiva dedicati alle pazienti colpite dalla malattia di Alzheimer? 3) L ospedale offre un servizio di fisioterapia individuale o di gruppo rivolto alle pazienti colpite dalla malattia di Alzheimer? 4) L ospedale offre servizi di assistenza continuativa alle pazienti colpite dalla malattia di Alzheimer? 5) L ospedale offre un servizio di aiuto, di informazione e di formazione rivolto ai familiari delle pazienti colpite dalla malattia di Alzheimer? 6) L ospedale promuove attività di informazione rivolte alle donne in generale, mirate ad evidenziare i sintomi con i quali si manifesta la malattia di Alzheimer? a) Quali? 27

28 Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) Oncologia L Unità Operativa di Oncologia è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura in considerazione della rilevanza clinico-epidemiologia e dell impatto socio-economico delle patologie che afferiscono a questa branca. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali Attività di ricerca Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile 28

29 Numero di donne in posizione apicale 1) L ospedale si prende carico della paziente attraverso l offerta di percorsi integrati multidisciplinari? 2) Esiste nell ospedale una struttura di radioterapia? a) Se SI, specificare: i. U.O. Complessa ii. U.O. Semplice dipartimentale iii. U.O. Semplice 3) Esiste nell ospedale una struttura di medicina nucleare? a) Se SI, specificare: iv. U.O. Complessa v. U.O. Semplice dipartimentale vi. U.O. Semplice 4) Esiste nell ospedale una Struttura di Terapia del Dolore? a) Se SI, specificare: i. U.O. Complessa ii. U.O. Semplice dipartimentale iii. U.O. Semplice 5) Esiste nell ospedale una Struttura dedicata alle Cure Palliative? a) Se SI, specificare: i. U.O. Complessa ii. U.O. Semplice dipartimentale iii. U.O. Semplice 29

30 6) L ospedale dispone di un Hospice oncologico? a) Se SI, specificare: i. U.O. Complessa ii. U.O. Semplice dipartimentale iii. U.O. Semplice 7) L ospedale offre un servizio di Riabilitazione Oncologica? a) Se SI, specificare: i. UO Complessa ii. UO Semplice dipartimentale iii. UO Semplice 8) Esiste, all interno dell ospedale, un servizio di psicologia rivolto alle pazienti oncologiche? 9) È presente un supporto per l'attivazione del percorso di assistenza domiciliare? 10) La Struttura partecipa a sperimentazioni cliniche? a) Se SI, specificare: i. Su quali patologie oncologiche? ii. Quante sperimentazioni l anno? 11) L ospedale dispone di un ufficio dedicato ai diritti dei malati? 12) L ospedale dispone di sale d attesa per gli accompagnatori delle pazienti? 30

31 Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) Ostetricia L Unità Operativa di Ostetricia è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura in considerazione dell importanza delle attività e dei servizi ad essa correlati nella promozione del parto fisiologico e dell allattamento materno. Questa parte prevede la compilazione di domande articolate in due sezioni così suddivise: Patologie della gravidanza Percorso gravidanza e parto Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N di parti di pazienti affette da patologie ostetriche N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali Attività di ricerca 31

32 Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale PATOLOGIA DELLA GRAVIDANZA 1) Esiste in funzionamento un Ambulatorio di Ostetricia per la gravidanza? 2) E presente nell ospedale un Ambulatorio di II livello dedicato alle patologie complesse in gravidanza? 3) All interno dell Ambulatorio sono presenti diversi specialisti come internista, diabetologo, nefrologo e immunologo per la gestione integrata di patologie complesse? 4) L ospedale offre l ecografia di secondo livello? 5) L ospedale offre l ecografia di terzo livello? 6) L ospedale offre servizi di consulenza di genetica medica ai genitori? 7) La mamma che affronta una gravidanza patologica riceve dei servizi di supporto psicologico? 32

33 8) Esiste nell ospedale un ambulatorio per la diagnosi prenatale? 9) Esiste un ambulatorio per curare e seguire le patologie riscontrate con la diagnosi prenatale? 10) L ospedale offre servizi per la valutazione del rischio di anomalie cromosomiche? a) La paziente viene informata in modo comprensibile sia sui vantaggi sia sui limiti di questi esami? b) L ospedale verifica e rispetta le motivazioni etiche o religiose della donna in gravidanza che non desideri essere sottoposta ad un esame di diagnosi prenatale? 33

34 PERCORSO GRAVIDANZA E PARTO 1) Esiste in funzionamento un Pronto Soccorso Ostetrico? 2) a) Inserire il numero totale di parti all anno b) Inserire il numero di parti naturali c) Inserire il numero di parti con taglio cesareo d) Il numero di parti con taglio cesareo è: i. < 20% ii. Tra 20% - 38% iii. > 38% 3) Nell ospedale sono presenti in turno due ginecologi h 24? 4) E presente nell ospedale una Sala Operatoria dedicata alle urgenze ostetriche situata all interno o in vicinanza del Blocco Parto? 5) È presente nell ospedale un Centro Trasfusionale e/o un Emoteca dedicata alle urgenze ostetriche? 34

35 6) E presente nell ospedale un servizio di radiologia interventistica h24 per la gestione delle emorragie puerperali? 7) È presente nell ospedale un Laboratorio Analisi in funzione h 24 che effettua esami dedicati alle urgenze ostetriche? 8) L ospedale produce un rapporto annuale statistico-epidemiologico sulla natalità, con i dettagli della tipologia di parti cesarei effettuati? 9) Il numero di analgesie epidurali fornite gratuitamente h 24 (in convenzione con il SSN) è? i. Tra 0 e 20% ii. Tra 20 e 40% iii. > del 40% 10) È presente una guardia h 24 dedicata interamente all analgesia ostetrica? 11) L ospedale offre percorsi di accoglienza per la donna partoriente? 12) L ospedale permette che su richiesta della donna partoriente sia presente una persona di sua fiducia in sala travaglio e in sala parto? 35

36 13) Esiste adeguata informazione, comunicazione, e supporto psicologico nei confronti dei genitori durante la degenza? 14) L ospedale segue il decalogo delle raccomandazione dell'unicef e dell'oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) sull allattamento materno? Di seguito gli articoli del decalogo: a) Definire un protocollo scritto per l'allattamento al seno da far conoscere a tutto il personale sanitario b) Preparare tutto il personale sanitario per attuare compiutamente questo protocollo c) Informare tutte le donne in gravidanza dei vantaggi e dei metodi di realizzazione dell'allattamento al seno d) Aiutare le madri perché comincino ad allattare al seno già mezz'ora dopo il parto e) Mostrare alle madri come allattare e come mantenere la secrezione lattea anche nel caso in cui vengano separate dai neonati f) Non somministrare ai neonati alimenti o liquidi diversi dal latte materno, tranne che su precisa prescrizione medica g) Sistemare il neonato nella stessa stanza della madre ( rooming-in ), in modo che trascorrano insieme ventiquattr'ore su ventiquattro durante la permanenza in ospedale h) Incoraggiare l allattamento al seno a richiesta tutte le volte che il neonato sollecita nutrimento 36

37 i) Non dare tettarelle artificiali o succhiotti ai neonati durante il periodo dell'allattamento j) Favorire la creazione di gruppi di sostegno alla pratica dell allattamento al seno, in modo che le madri vi si possano rivolgere dopo essere state dimesse dall ospedale o dalla clinica. 15) L ospedale offre percorsi dedicati post-dimissione per le donne con un documentato disagio sociale o psicologico? 16) Viene praticata la dimissione contestuale della mamma e del bambino nel caso dei neonati sani? Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) 37

38 Psichiatria L Unità Operativa di Psichiatria è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura ponendo l attenzione sulle patologie che più frequentemente colpiscono la popolazione femminile, nella fattispecie depressione e disordini del comportamento alimentare. Questa parte prevede la compilazione di domande articolate in due sezioni così suddivise: Depressione Disturbi del comportamento alimentare Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali 38

39 Attività di ricerca Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale DEPRESSIONE 1) L ospedale dispone di un programma di prevenzione rivolto alle donne con sofferenza psichica? a) Il programma di prevenzione offre informazione alla popolazione in generale? b) Negli ambulatori si offre un servizio informativo sulla prevenzione primaria, ovvero la riduzione dei fattori di rischio, per evidenziare le donne a rischio di psicopatologia? c) Le pazienti con sofferenza psichica ricevono informazioni sulla prevenzione secondaria, ovvero la diagnosi precoce? 2) L ospedale offre interventi di psicoterapia individuale e di gruppo? SI NO 3) L ospedale offre interventi di presa in cura psicofarmacologica specifica per la psicopatologia dei cicli vitali della donna? SI NO 4) Esistono interventi psico-educazionali volti a spiegare la psicopatologia che la paziente manifesta rivolti al compagno e/o alla famiglia? 39

40 5) L ospedale dispone di un programma di prevenzione e cura focalizzato al sostegno delle donne sofferenti di depressione in gravidanza e nel post partum? DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 1) L ospedale dispone di un Ambulatorio che offra un inquadramento diagnostico e l impostazione del trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)? 2) L ospedale offre un percorso assistenziale rivolto al sostegno delle pazienti colpite da Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)? a) Il percorso assistenziale viene articolato a seconda delle necessità di intervento? b) Esiste un equipe integrata dedicata al percorso assistenziale per i Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)? c) Il percorso assistenziale offre un trattamento clinico-psicologico per i Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)? d) Il percorso assistenziale offre un trattamento di terapia e riabilitazione nutrizionale per i Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)? e) L ospedale offre un servizio di day hospital per il trattamento di tali disturbi? d) L ospedale offre un servizio di follow up rivolto alle pazienti colpite da Disturbi del Comportamento Alimentare? 40

41 3) L ospedale promuove attività formative ed informative per le pazienti e i familiari, relativamente a strumenti e servizi utili ad una corretta gestione dei Disturbi del Comportamento Alimentare? a) Quali? 4) L ospedale promuove attività di informazione rivolte alle donne in generale, mirate ad evidenziare i comportamenti inadeguati che favoriscono l insorgere di Disturbi del Comportamento Alimentare? a) Quali? Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) 41

42 Reumatologia L Unità Operativa di Reumatologia è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura in considerazione della rilevanza clinico-epidemiologica e dell impatto economico per i costi diretti e socio assistenziali delle patologie che vi afferiscono. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali Attività di ricerca 42

43 Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale 1) L ospedale dispone di una struttura complessa o dipartimentale di Reumatologia? 2) Esiste nell ospedale un ambulatorio per visite di valutazione specialistica delle patologie reumatiche? 3) L ospedale offre un servizio di monitoraggio rivolto alle donne affette da patologie reumatiche? 4) L ospedale offre servizi di riabilitazione e/o fisioterapia? 5) L ospedale offre ausili sanitari gratuiti (ad esempio: sedia a rotelle, bastone, ecc.) 6) L ospedale promuove attività formative rivolte ai familiari e a tutti coloro che si occupano dell'assistenza dei malati di patologie reumatiche? a) Quali? 43

44 7) L ospedale promuove attività di ricerca aventi come oggetto le patologie reumatiche? Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) Senologia L Unità Operativa di Senologia è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura, avendo in considerazione che una gestione della paziente con carcinoma al seno da parte di una equipe che si avvale di figure professionali dedicate e di strumenti tecnologici avanzati costituisce una garanzia di qualità del trattamento. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali 44

45 Attività di ricerca Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale 1) Esiste una Breast Unit certificata EUSOMA (unità funzionale di senologia) all interno della struttura? (SE SI, LA COMPILAZIONE È TERMINATA. ALTRIMENTI PROSEGUIRE CON LA DOMANDA N 2) 2) Di quanti nuovi casi di tumore alla mammella (a qualsiasi stadio) si occupa l ospedale all anno? b) < 150 casi di tumore mammario c) > 150 casi di tumore mammario 3) L ospedale dispone di almeno un chirurgo dedicato* alle operazioni di tumore alla mammella? * Significa che il chirurgo occupa il 50% del suo tempo esclusivamente in casi di malattie del seno OPPURE che il chirurgo rappresenta il riferimento per i casi di malattie del seno 4) L ospedale dispone di almeno un radiologo dedicato* ai casi di tumore alla mammella? * Significa che il radiologo occupa il 30% del suo tempo esclusivamente in casi di malattie del seno OPPURE che il radiologo rappresenta il riferimento per i casi di malattie del seno 5) L ospedale dispone di almeno un patologo dedicato* ai casi di tumore alla mammella? 45

46 * Significa che il patologo occupa il 30% del suo tempo esclusivamente in casi di malattie del seno OPPURE che il patologo rappresenta il riferimento per i casi di malattie del seno 6) L ospedale dispone di chirurgia ricostruttiva immediata rivolta alle pazienti colpite da tumore alla mammella? 7) L ospedale dispone di un servizio di psico-oncologia rivolto alle pazienti colpite da tumore alla mammella? 8) L ospedale sostiene servizi di consulenza genetica e di valutazione del rischio del tumore alla mammella? a) L ospedale offre un servizio di analisi genetica (test genetico) nell ambito del tumore alla mammella? b) L ospedale offre un programma di monitoraggio rivolto alle donne ad alto rischio di tumore alla mammella? 9) L ospedale si occupa di studi e ricerche cliniche nell ambito della senologia? Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) 46

47 Violenza sulla Donna L Unità Operativa dedicata alla Violenza sulla donna è stata individuata tra quelle partecipanti alla candidatura a fronte delle dimensioni del fenomeno, considerato dall Organizzazione Mondiale della Sanità uno dei maggiori problemi di pubblica salute. Tipologia Unità Operativa: Complessa Dipartimentale Semplice Attività di Reparto N posti letto N ricoveri ordinari annuali N ricoveri annuali day hospital N ricoveri annuali day surgery N interventi chirurgici annuali Attività ambulatoriali N visite annuali N esami strumentali 47

48 Attività di ricerca Numero di pubblicazioni scientifiche annue Posizione lavorativa femminile Numero di donne in posizione apicale 1) Esiste nell ospedale un Protocollo del Pronto Soccorso Violenza sulla Donna? 2) Gli operatori ricevono formazione sul Protocollo del Pronto Soccorso Violenza sulla Donna? 3) Esiste del personale all interno del Pronto Soccorso dedicato ai servizi di assistenza alla violenza sulle donne? 4) Esiste nell ospedale uno sportello per la consulenza legale dedicato alle donne che hanno subito violenza fisica e/o psicologica familiare o occasionale? 5) Lo sportello per la consulenza legale dedicato alle donne che hanno subito violenza fisica e/o psicologica familiare o occasionale è ubicato in un luogo visibile e accessibile? 6) Esistono altre tipologie di servizi dedicati all assistenza delle donne che hanno subito violenza 48

49 fisica e/o psicologica familiare o occasionale? i. Telefono Rosa ii. Centro di Ascolto iii. Altro Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello dell'unità Operativa (max 1000 caratteri) SEZIONE C I servizi per la donna al centro della cura Questa sezione suddivisa in cinque aree di interesse, ha lo scopo di valutare l offerta di servizi atti a soddisfare alcuni bisogni quotidiani ed il rispetto dei diritti delle donne malate. Per favore, indicare quali dei seguenti servizi sono erogati dall ospedale: Accompagnamento 1) L ospedale garantisce un'informazione adeguata, chiara e completa sulla diagnosi, sul Progetto Terapeutico Personalizzato e sulle caratteristiche della struttura sanitaria? 2) La paziente ha la possibilità di conoscere l'identità e la qualifica professionale del personale che l assiste? Contenimento dell attesa 3) Il Sito Web della Struttura Ospedaliera dispone di una sezione dedicata alla comunicazione dei dati sui tempi d attesa reali e/o massimi per l accesso ai servizi? 49

50 4) Esiste un programma di verifica delle liste d attesa con l obiettivo di pervenire a soluzioni organizzative, tecnologiche e strutturali che ne consentano la riduzione? Chiarezza nella comunicazione e nelle istruzioni 5) L ospedale garantisce il diritto di presentare un reclamo a seguito di un disservizio da parte delle pazienti? 6) La documentazione informativa che viene consegnata alle pazienti è multilingue? 7) L ospedale offre un supporto di mediazione culturale rivolto alle donne di nazionalità straniera? 8) L ospedale garantisce il rispetto della Privacy delle pazienti ai sensi del "Codice in materia di protezione dei dati personali" (D.L , n.196)? Controllo del dolore 9) Nella struttura ospedaliera è presente un Programma organico di Terapia del Dolore? 10) La struttura utilizza strumenti per rilevare la soddisfazione delle pazienti che usufruiscono del servizio di Terapia del Dolore? 50

51 Attenzione alle specifiche condizioni ed esigenze 11) L ospedale offre la possibilità di modificare la dieta delle pazienti con particolari esigenze o restrizioni dovute a motivi religiosi? 12) L ospedale offre i seguenti servizi di supporto dedicati alle pazienti (risposta multipla): a) Servizi estetici b) Lavanderia c) Noleggio parrucche per pazienti oncologiche d) Prestito libri e) Altro (specificare ) 13) Esiste nell ospedale una ludoteca per i figli delle pazienti che si recano presso la struttura in regime ambulatoriale o di Day Hospital? 14) L ospedale dispone di spazi che possono essere utilizzati dalle donne per accudire i propri figli? a) Se risponde si, quali dei seguenti servizi sono a disposizione? i. Ambulatori con scalda biberon ii. Fasciatoi iii. Vendita di prodotti per bisogni femminili/infantili iv. Altro (specificare ) 15) L ospedale è convenzionato con servizi alberghieri per i familiari delle pazienti e per le pazienti stesse? Fiore all occhiello indicare il fiore all'occhiello inerente a questa sezione (max 1000 caratteri) 51

52 ALLEGATO 3 ADVISORY BOARD Luigi Corradini (Presidente) Già Direttore Generale dell A.O. Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano. Adriana Albini Direttore Scientifico MultiMedica Castellanza. Giuliano Binetti Responsabile del laboratorio di Neurobiologia e del Centro per La Memoria Day Hospital presso l IRCSS Centro San Giovanni di Dio Fatebenefratelli, Brescia. Maria Luisa Brandi Professore Ordinario in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Minerale e Osseo, Dipartimento di Medicina Interna, Università degli Studi di Firenze. Direttore S.O.D Malattie del Metabolismo Minerale e Osseo Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze. Presidente di F.I.R.M.O. Fondazione Raffaella Becagli. Patrizia Colarizi Professore ordinario di Pediatria e Neonatologia presso l'università La Sapienza di Roma. Direttore di Terapia Intensiva neonatale presso il Policlinico Umberto I di Roma. Amelia Compagni Ricercatrice presso il Dipartimento di Analisi Istituzionale e Management - CERGAS, Università Bocconi, Milano. Alberto Costa Coordinatore del Centro di Senologia Fondazione Maugeri di Pavia. Direttore della Scuola Europea di Oncologia (ESO). Coordinatore del Centro di Senologia del Canton Ticino di Lugano. Flori Degrassi Direttore Sanitario dell'azienda Ospedaliera universitaria senese. Luca Gianaroli Presidente CDA S.I.S.ME.R, Società Italiana Studi Medicina e Riproduzione. Presidente dell ESHRE, Società Europea di Riproduzione Umana ed Embriologia. Alessandra Kustermann Dirigente medico specialista in ostetricia e ginecologia presso la Fondazione IRCSS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena di Milano. Direttore dell UOC di Pronto Soccorso e Accettazione Ostetrico Ginecologico e del Centro Soccorso Violenza Sessuale dell'ospedale Mangiagalli di Milano. Claudio Mencacci Direttore del Dipartimento di Neuroscienze, A.O. Fatebenefratelli e Oftalmico, Milano. Direttore del Centro per la ricerca sulla Diagnosi e il trattamento della Depressione e dell Ansia A.O. Fatebenefratelli Milano e del Centro Depressione Donna P.O. Melloni. Francesca Merzagora Presidente Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (O.N.Da). Maria Antonietta Nosenzo Chirurgo Oncologo presso la Casa di Cura S.Pio X, Milano. Annachiara Nuzzo Medico presso l Unità Operativa di Cardiologia dell Ospedale S. Maria Bianca di Mirandola, Modena. Riccardo Vigneri Professore ordinario di Endocrinologia presso l Università di Catania e Direttore del Dipartimento di Medicina - Azienda Alta Specialità Ospedale Garibaldi di Catania. Veronica Zuber Chirurgo Generale presso il Dipartimento di Scienze Chirurgiche - Unità Funzionale di Senologia IRCCS San Raffaele di Milano 52

Regione. Abruzzo. L Aquila (AQ) - Ospedale Civile S. Salvatore... Pag. 5 Pescara (PE) - Ospedale Civile Spirito Santo... Pag. 7

Regione. Abruzzo. L Aquila (AQ) - Ospedale Civile S. Salvatore... Pag. 5 Pescara (PE) - Ospedale Civile Spirito Santo... Pag. 7 Regione Abruzzo L Aquila (AQ) - Ospedale Civile S. Salvatore... Pag. 5 Pescara (PE) - Ospedale Civile Spirito Santo... Pag. 7 Ospedale Civile S. Salvatore Indirizzo Comune Provincia CAP Telefono E-mail

Dettagli

Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile

Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile Obiettivo: individuare, collegare e premiare le strutture ospedaliere

Dettagli

Servizi per la gestione del diabete in gravidanza e del diabete pre-gravidico

Servizi per la gestione del diabete in gravidanza e del diabete pre-gravidico I Bollini Rosa sono il riconoscimento Onda che, l'osservatorio nazionale sulla salute della donna, attri Nel è possibile sito consultare le www.bollinirosa.it schede di tutti gli ospedali con i relativi

Dettagli

Regione. Liguria. Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86

Regione. Liguria. Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86 Regione Liguria Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86 Genova (GE) - Ente Ospedaliero Ospedali Galliera... Pag. 87 Lavagna (GE) - Ospedali

Dettagli

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2014-2015

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2014-2015 PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2014-2015 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA Sommario 1. Cosa sono i Bollini Rosa...pag. 3 2. I destinatari...pag. 3 3. Il patrocinio delle Società

Dettagli

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Ancona, 14 aprile 2012 L esperienza della Medicina di Genere nell Azienda Ospedali Riuniti di Ancona. Dall organizzazione alla clinica Perdita di salute nella

Dettagli

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag.

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. Regione Sardegna Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. 219 Cagliari (CA) - Azienda Ospedaliera G. Brotzu... Pag. 220 Carbonia

Dettagli

Regione. Calabria. Cinquefrondi (RC) - Casa di Cura Villa Elisa... Pag. 11

Regione. Calabria. Cinquefrondi (RC) - Casa di Cura Villa Elisa... Pag. 11 Regione Calabria Cinquefrondi (RC) - Casa di Cura Villa Elisa... Pag. 11 Cosenza (CS) - Casa di Cura Sacro Cuore... Pag. 12 Cosenza (CS) - Presidio Ospedaliero Annunziata... Pag. 13 Cosenza (CS) - Presidio

Dettagli

Azienda Ospedaliera Cannizzaro

Azienda Ospedaliera Cannizzaro Regione Sicilia Catania () - Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania... Pag. 227 Catania () - Casa di Cura Gretter Lucina... Pag. 228 Catania () - Humanitas Centro Catanese di... Pag. 229 Viagrande ()

Dettagli

Ospedale Città di Castello

Ospedale Città di Castello Regione Umbria Città di Castello (PG) - Ospedale Città di Castello... Pag. 269 Foligno (PG) - Ospedale S. Giovanni Battista di Foligno... Pag. 270 Gubbio (PG) - Presidio Ospedaliero Alto Chiascio... Pag.

Dettagli

meditel Centro Medico Polispecialistico

meditel Centro Medico Polispecialistico meditel Centro Medico Polispecialistico ILProgetto Un vantaggio per LaDonna che accede a percorsi a lei dedicati, nella sicurezza di una struttura qualificata e supportata a livello ospedaliero. IlTerritorio

Dettagli

Concorso Best Practice 2014 VIOLENZA SULLA DONNA

Concorso Best Practice 2014 VIOLENZA SULLA DONNA Concorso Best Practice 2014 VIOLENZA SULLA DONNA I migliori servizi all interno degli ospedali Bollini Rosa Cerimonia di premiazione 10 dicembre 2014 A cura di Francesca Merzagora Riconoscimento ai migliori

Dettagli

Regione. Trentino Alto Adige

Regione. Trentino Alto Adige Regione Trentino Alto Adige Bressanone () - Ospedale Aziendale di Bressanone... Pag. 261 Brunico () - Ospedale Aziendale di Brunico... Pag. 262 San Candido () - Ospedale di Base di San Candido... Pag.

Dettagli

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA Sommario 1. Cosa sono i Bollini Rosa pag. 03 2. I destinatari pag. 03 3. Il patrocinio delle Società

Dettagli

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA

PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA PROGRAMMA BOLLINI ROSA 2016-2017 MANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPRIA CANDIDATURA Sommario 1. Cosa sono i Bollini Rosa pag. 03 2. I destinatari pag. 03 3. Il patrocinio delle Società

Dettagli

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe PER LA VOSTRA SALUTE GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): Servizio Sanitario Nazionale: tel. 02 86 87 88 89 A pagamento, con Fondi e/o Assicurazioni: tel. 02 999 61 999 Per orari e caratteristiche

Dettagli

Regione. Emilia Romagna. Sassuolo (MO) - Ospedale di Sassuolo... Pag. 33

Regione. Emilia Romagna. Sassuolo (MO) - Ospedale di Sassuolo... Pag. 33 Regione Emilia Romagna Sassuolo (MO) - Ospedale di Sassuolo... Pag. 33 Bologna (BO) - Ospedale Maggiore C. A. Pizzardi... Pag. 34 Carpi (MO) - Ospedale B. Ramazzini di Carpi... Pag. 35 Ferrara (FE) - Azienda

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

Ospedale Piero Palagi

Ospedale Piero Palagi Regione Toscana Firenze (FI) - Ospedale Piero Palagi... Pag. 240 Borgo San Lorenzo (FI) - Ospedale del Mugello di Borgo S. Lorenzo... Pag. 241 Massa (MS) - Ospedale SS. Giacomo e Cristoforo di Massa...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli

Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita

Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita La nascita prematura Tavolo tecnico Lazio 21 novembre 2014 O.N.Da e la nascita pretermine: perché La percentuale di nascite pretermine

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio

Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio Dott.ssa Simona Arletti Assessore alla Salute e Pari Opportunità Comune di Modena Funzione dei consultori familiari

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.)

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Dipartimento Materno Infantile Struttura Operativa Complessa di OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARTA

Dettagli

La formula per una pelle più bella non è solo scientifica. È magistrale.

La formula per una pelle più bella non è solo scientifica. È magistrale. GUIDA NAZIONALE BOLLINI ROSA 2014-2015 La formula per una pelle più bella non è solo scientifica. È magistrale. Cosmetici Magistrali è un marchio Difa Cooper - IFC Group Cosmetici Magistrali cura la pelle

Dettagli

Regione Veneto SEGUE -->

Regione Veneto SEGUE --> Regione Veneto Padova (PD) - Ospedale Sant Antonio... Pag. 285 Monselice (PD) - Ospedale di Monselice... Pag. 286 Piove di Sacco (PD) - Ospedale Immacolata Concezione di Piove di Sacco... Pag. 287 Castelfranco

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO 1/7 Attività L unità operativa di Psicologia Ospedaliera assicura interventi psicologici per: 1. Garantire, quando richiesto, il supporto

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

Regione Lazio SEGUE -->

Regione Lazio SEGUE --> Regione Lazio () - INMI L. Spallanzani IRCCS... Pag. 54 () - Ospedale G. B. Grassi... Pag. 55 () - Ospedale Generale di Zona Cristo Re... Pag. 56 () - Ospedale Generale Santo Spirito... Pag. 57 () - Policlinico

Dettagli

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari Ingressi L ingresso al percorso può essere: - Sanità Territoriale: PUA, servizio sociale distrettuale, consultorio famigliare e materno infantile, servizio dipendenze, DSM - Territorio (sociale): Servizi

Dettagli

Il S.Croce meritatrebollinirosa

Il S.Croce meritatrebollinirosa gg Sanità/Checosacambia Il S.Croce meritatrebollinirosa Premiato con il punteggio massimo per prevenzione, diagnosi e cura delle patologie di interesse femminile g CAMILLA PALLAVICINO CUNEO Con tre«bollini

Dettagli

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2.

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Alcuni dati di contesto 2 La S.O.C. Psicologia dell A.S.L. CN2 ha valenza territoriale ed ospedaliera; articola gli interventi sanitari su due Presidi Ospedalieri

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA.

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. Partecipanti al gruppo di redazione Serra Giovanni, direttore U.O. Patologia Neonatale-Centro Neonati a Rischio, Istituto G.Gaslini,

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

2-3-2 Percorso Neonatale

2-3-2 Percorso Neonatale 2-3-2 Percorso Neonatale Primo accesso percorso Colloquio di informazione e di accoglienza Consegna libretto protocollo esami previsti per la gravidanza Consegna opuscolo informativo tradotto in più lingue

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Albero di Gaia

Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009. Ambulatorio ostetrico-ginecologico Albero di Gaia Carta dei Servizi rev. 2 del 20 maggio 2009 Ambulatorio Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento Materno Infantile Ospedale di Villafranca Monoblocco - Primo piano Direttore: dott. Alberto Ottaviani

Dettagli

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0 1 PRESENTAZIONE Il settore di Neonatologia dell U. O. C. di Pediatria dell Ospedale di Vibo Valentia attualmente è rappresentato dal Nido. In questa struttura si accolgono tutti i nati sani all interno

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO

UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO 1/6 Attività L unità operativa di Chirurgia Maxillo-Facciale rappresenta un centro di eccellenza nel suo settore e si rivolge ai cittadini

Dettagli

La salute della donna. Ricercare, promuovere e comunicare

La salute della donna. Ricercare, promuovere e comunicare La salute della donna Ricercare, promuovere e comunicare 2 www.ondaosservatorio.it www.bollinirosa.it Foro Buonaparte, 48 20121 Milano t. +39 02 29.01.52.86 f. +39 02 29.00.47.29 Grazie all esperienza

Dettagli

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

ATTIVITà. visite e accertamenti diagnostici

ATTIVITà. visite e accertamenti diagnostici 1 PRESENTAZIONE Il Consultorio Familiare garantisce le cure primarie nell area della salute sessuale, riproduttiva e psico-relazionale per la donna e per la coppia, con equipe costituite da ostetriche,

Dettagli

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti Milano 2013 1 PIANO SANITARIO Integrativo Dirigenti Riservato agli iscritti al FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA F.A.S.I. Le prestazioni previste nel presente Piano

Dettagli

Casa di Cura Villa Fiorita S.p.A.

Casa di Cura Villa Fiorita S.p.A. Regione Campania Capua (CE) - Casa di Cura Villa Fiorita S.p.A... Pag. 17 Maddaloni (CE) - Casa di Cura San Michele... Pag. 18 Napoli (NA) - Clinica Mediterranea S.p.A... Pag. 19 Castellammare di Stabia

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29 Pagina 1 di 14 Indice Presentazione pag. 2 Attività ambulatoriale pag. 3 Ambulatorio ed orari pag. 6 Modalità di accesso pag. 8 Modulo soddisfazione pag. 14 Gentile Signora, il Personale Sanitario desidera

Dettagli

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/7 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità la promozione

Dettagli

Ospedale San Martino - Belluno Unità operativa/servizio Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Salute della donna e del bambino Direttore

Ospedale San Martino - Belluno Unità operativa/servizio Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Salute della donna e del bambino Direttore CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI OSTERICIA E GINECOLOGIA Ospedale San Martino - BELLUNO Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Struttura Ospedale San Martino - Belluno Unità operativa/servizio

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Via F. S. Hahneman, 10 Bari Tel. 0805555111 Prenotazioni 800290848 www.oncologico.bari.it Direttore Generale Dott. Nicola Pansini Direttore Sanitario Dott. Giuseppe

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

UOSD Unità Operativa Semplice Dipartimentale CENTRO SCLEROSI MULTIPLA FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE

UOSD Unità Operativa Semplice Dipartimentale CENTRO SCLEROSI MULTIPLA FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE Centro di riferimento della Regione Lazio per la Sclerosi Multipla [Prof. Diego Centonze] Carta dei Servizi FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE L AMBULATORIO GENERALE L AMBULATORIO

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita:

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita: VI Congresso Nazionale AICM: Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cura. Percorso della paziente affetta da cancro della mammella :esperienza lombarda M. Gjeloshi Riccione,25-26

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14. 12 SIAMO APERTI Dal Lunedì al Venerdì 9.00-12.30 e 14.00-18.00 Milano - Via S. Antonio, 5 Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.43 COME RAGGIUNGERCI La pace e l avvenire dell umanità passano attraverso

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Luca RIgon neonatologo ULSS15

ALLATTAMENTO AL SENO Luca RIgon neonatologo ULSS15 PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA Programma Regionale GenitoriPiù quali novità? ALLATTAMENTO AL SENO Luca RIgon neonatologo ULSS15 REGIONE VENETO - AZIENDA ULSS 15 Alta Padovana Dipartimento

Dettagli

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 A.G.I. Medica srl Poliambulatorio A.G.I. Medica Viale Toselli 94 Siena CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 Pagina 1 di 6 Chi siamo Il POLIAMBULATORIO A.G.I. Medica, gestito dalla società A.G.I. Medica srl,

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

PROGETTO. Definizione del problema

PROGETTO. Definizione del problema 1 PROGETTO LA CASA DI FAUSTA Realizzazione della Casa di Accoglienza La Casa di Fausta per bambini ricoverati presso il Dipartimento Materno Infantile, dell Azienda Ospedaliero Sanitaria Policlinico di

Dettagli

Iniziativa Ospedale Amico del Bambino Il ruolo della direzione. L esperienza dell Ospedale Alto Vicentino

Iniziativa Ospedale Amico del Bambino Il ruolo della direzione. L esperienza dell Ospedale Alto Vicentino L esperienza dell Ospedale Alto Vicentino 1giovedì, 21/05/2015 Daniela Carraro Direttore Generale Ulss4 23 maggio 2015 Perché aderire all iniziativa Ospedale Amico del Bambino? Obiettivo tutela della salute

Dettagli

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme Nascere all Ospedale San Giuseppe Guida pratica per future mamme Indice Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme La storia Pag. 2 Benvenuta Pag. 3 L accoglienza Pag. 4 L assistenza

Dettagli

Friuli Venezia Giulia

Friuli Venezia Giulia Regione Friuli Venezia Giulia Gorizia (GO) - Ospedale di Gorizia... Pag. 47 Pordenone (PN) - Casa di Cura Privata S. Giorgio S.p.A... Pag. 48 Trieste (TS) - Azienda Ospedaliero Universitaria - Ospedali

Dettagli

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia 2 SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia Andrea Sagona Istituto Clinico Humanitas, Milano Adele

Dettagli

CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO. Scopri un nuovo modo di stare bene

CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO. Scopri un nuovo modo di stare bene CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO Scopri un nuovo modo di stare bene Piazza Sant Agostino 1-20123 Milano www.cmsantagostino.it Pag. 1 di 7 INDICE 1. LA MISSION pag. 3 2. IL TARGET pag. 3 3. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

! "# $% $ A. Gorel i!!!

! # $% $ A. Gorel i!!! !"# $%!! ! " # $ && %!&!%&!%'( &!%&!%'( %&!%&!%'( ) $ * +,-./ ) $ 1 + -./ 0 $ + -../! + -../ -./1+ -../ ' ( 3 ' & 2! )) 2 $ )!!$*!! #!!* 2!%% &)! 2 *!% ) *!!! 2!! ) 2 #$ $*)! +%!$ 2! )) * #!! )*%!!%*)!,#-&)

Dettagli

O.N.DA Milano 17 novembre 2014

O.N.DA Milano 17 novembre 2014 O.N.DA Milano 17 novembre 2014 Miriam Guana Presidente Federazione Nazionale Collegi Ostetriche Caterina Masè - Presidente Collegio Ostetriche Trento PREGRAVIDICO COUNSELLING PRECONCENZIONALE STILI DI

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CONSULTORIO FAMILIARE A.I.E.D.

CARTA DEI SERVIZI CONSULTORIO FAMILIARE A.I.E.D. CARTA DEI SERVIZI CONSULTORIO FAMILIARE A.I.E.D. Accreditato dalla Regione Sicilia Suppl. ord. n. 2 GURS (p. I) n. 59 del 21-12-2007 (n. 36) CENNI STORICI L'Associazione Italiana per l Educazione Demografica

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO. Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4

OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO. Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4 OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4 Contesto Tutor clinico Contatti e riferimenti Nome ANNALISA Cognome LOMBARDO Telefono O11/4395744 e-mail annalisa.lombardo@unito.it

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N. 1 CARTA DEI SERVIZI

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N. 1 CARTA DEI SERVIZI AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N. 1 CARTA DEI SERVIZI - Consultorio Familiare ARLUNO Via Deportati di Mauthausen s.n.c. Carta dei Servizi dei C.F. Indice 1. Definizione 2. Status giuridico

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA - OSPEDALE DI BENTIVOGLIO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE

UNITÀ OPERATIVA DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA - OSPEDALE DI BENTIVOGLIO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE UNITÀ OPERATIVA DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA - OSPEDALE DI BENTIVOGLIO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Come si accede Per le prestazioni ambulatoriali si prenota: - attraverso il punto CUP, con la richiesta

Dettagli

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Chirurgia fa parte del Dipartimento di Chirurgia Generale e d Urgenza. Comprende la Struttura Semplice

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA Protocollo d intesa tra FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI di MEDICINA GENERALE e EUROPA DONNA ITALIA Il giorno

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN OSTETRICIA. www.unipg.it INFORMAZIONI DI CONTATTO CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN OSTETRICIA. www.unipg.it INFORMAZIONI DI CONTATTO CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA INFORMAZIONI DI CONTATTO Sede del corso Dipartimento Scienze Chirurgiche e Biomediche Piazza Lucio Severi, 1 - Edificio B - 1 Piano 06132 Perugia tel. 075 5858022 - Fax 075 5858433 email: cdl-triennale.ostetricia@unipg.it

Dettagli

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio

ALLEGATO 2. 1. Scheda Presidio. Istruzioni per la compilazione. 1.1 Fac simile scheda presidio ALLEGATO 2 1. Scheda Presidio Istruzioni per la compilazione Al punto 1.1 è riportato il fac simile della scheda; al punto 1.2 sono riportate le tabelle da utilizzare per la compilazione delle voci,,.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Gueli Lina Maria Indirizzo n 4, Via Borgese 95122 Catania, Telefono 095/7143030, 3466062329 CODICE FISCALE

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI C A R T A D E I S E R V I Z I D E L L E CURE DOMICILIARI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Via Maresciallo Giardino 20 20037 Paderno Dugnano MI tel. 02/99038571 fax 02/9186247 E-mail: curedomiciliari@clinicasancarlo.it

Dettagli

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria OFFERTA SERVIZI Servizi Sanitari Ospedalieri Questi servizi vengono resi all interno del Presidio Ospedaliero di Bobbio e si declinano in: primo intervento urgente valutazioni diagnostico specialistiche

Dettagli

PROGRAMMA BOLLINI ROSA

PROGRAMMA BOLLINI ROSA PROGRAMMA BOLLINI ROSA Gli ospedali che si prendono cura delle donne si vedono da lontano O.N.Da - Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna Foro Buonaparte, 48 20121 Milano www.ondaosservatorio.it

Dettagli

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli