LINEA GUIDA PER USO DEGLI EMOCOMPONENTI, DEGLI EMODERIVATI E DEI FARMACI EMOCOAGULATIVI NELL EMORRAGIA MASSIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEA GUIDA PER USO DEGLI EMOCOMPONENTI, DEGLI EMODERIVATI E DEI FARMACI EMOCOAGULATIVI NELL EMORRAGIA MASSIVA"

Transcript

1 COMITATO AZIENDALE BUON USO DEL SANGUE Versione n.01 del 06/06/2010 Pagina 1 di 14 LINEA GUIDA PER USO DEGLI EMOCOMPONENTI, DEGLI EMODERIVATI E DEI FARMACI EMOCOAGULATIVI NELL EMORRAGIA MASSIVA Redazione / Aggiornamento Verifica / Approvazione Autorizzazione alla diffusione 06/06/2010 Il Coordinatore 24/06/2010 Cobus Dr. G.M.Guarrera Prof. G. Della Rocca Dr. G. Barillari Dr. P. Chiarandini Dr. R. Cravero Dr. C. Lirusso Dr.ssa A.Cecchi Dr. O. Margarit Dr. B. Martinez Dr. C. Melli Dr. P. Nadbath Dr. P. Piersante Dr.ssa L.Mattioni 08/07/2010 Il Coordinatore Cabuf Dr. P. Rossi Firme Firme Firma 19/07/2010 Il Direttore Sanitario Dr. Fabrizio Fontana RIFERIMENTI CHIAVE DELLA LINEA GUIDA Capitolo Manuale JCI Argomento specifico ICD9-CM / MeSH MeSH Cura del paziente Emorragia Massiva Care of Patient Massive Hemorrhage

2 INDICE 1. Scopo Pag Campo di applicazione Pag Destinatari Pag Contenuto Pag ) Utilizzo degli emocomponenti Pag ) Utilizzo di farmaci emocoagulativi e di fattori di sostituzione Pag Distribuzione Pag Terminologie e abbreviazioni Pag Storia del protocollo Pag Indicatori e monitoraggio Pag Riferimenti normativi e bibliografici Pag Allegati Pag. 9 ELABORAZIONE DELLA LINEA GUIDA La linea guida è stata elaborata sulla base delle evidenze scientifiche riportate in letteratura da un panel multidisciplinare di esperti individuato dal Comitato Aziendale per il Buon Uso del Sangue e dal Comitato Aziendale per il Buon Uso del Farmaco e coordinato dal Prof. Giorgio Della Rocca (Clinica di Anestesia e Rianimazione): Dott.Paolo Chiarandini Clinica di Anestesia e Rianimazione Dott.Giovanni Barillari SOC Medicina Trasfusionale Dott.Orlando Margarit SOC Anestesia e Rianimazione 2 Dott.ssa Blanca Martinez SOC Anestesia e Rianimazione 2 Dott. Paolo Nadbath Clinica di Anestesia e Rianimazione Dott.Ranieri Cravero SOC Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Dott.Pietro Piersante SOC Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Dott.ssa Chiara Lirusso SOC Chirurgia Generale Pagina 2 di 14

3 1) Scopo Lo scopo di questa linea guida è quello di ottimizzare l utilizzo degli emocomponenti ed emoderivati e durante il trattamento delle emorragie massive. 2) Campo di applicazione La linea guida si applica nel trattamento del paziente con diagnosi di emorragia massiva. 3) Destinatari La linea guida sarà utilizzata dal personale: della Unità Operativa di Pronto Soccorso della Unità Operative e Clinica di Anestesia e Rianimazione della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale della Unità Operativa di Cardiochirurgia della Clinica di Ostetricia-Ginecologia 4) Contenuto L emorragia massiva è definita dalla perdita dell intero volume ematico entro le ventiquattro ore, dalla perdita del 50% del volume ematico nelle prime 3 ore o dalla perdita ematica di 1.5 ml/kg in 20 minuti. Lo shock emorragico è definito da una pressione arteriosa sistolica < 90 mmhg e ph < Va ricordato che shock emorragico non è sinonimo di emorragia massiva (1). Il sanguinamento massivo è secondario alla combinazione del danno vascolare associato allo sviluppo di coagulopatia. Le cause di coagulopatia sono il consumo, la diluizione delle piastrine, dei fattori della coagulazione e l aumento della fibrinolisi. I fattori di rischio per lo sviluppo della coagulopatia sono: acidosi (ph < 7.2), ipotermia (T < 34 ), ipotensione (PAS < 70 mmhg), ISS > 25. Quando alla coagulopatia si associa l ipotermia e l acidosi si sviluppa una situazione fisiopatologica definita la triade letale per l elevata mortalità associata, in quanto nonostante un adeguato rimpiazzo volemico e di emoderivati difficilmente si è in grado di bloccare l emorragia critica. Pagina 3 di 14

4 Le linee guida per la rianimazione prevedono la rapida somministrazione fino a 2 litri di cristalloidi e, nel caso di mancata stabilizzazione, l uso precoce di sangue 0 neg, plasma fresco congelato e piastrine (2). Un aspetto importante è che la somministrazione di fluidi appare migliorare l emodinamica e gli indici derivati nel breve periodo, ma presenta degli effetti avversi sulla coagulazione che possono portare a una ripresa o all aumento del sanguinamento (3-4). Le cause sono da ricercare nello sviluppo della coagulopatia diluizionale, e nella rottura del coagulo a causa dell aumento del flusso ematico, dell incremento della pressione di perfusione e della diminuzione della viscosità ematica. Partendo da questa base molti autori hanno dimostrato che la rianimazione a bassa somministrazione di fluidi fino al trattamento definitivo del focolaio emorragico, si associa ad un decremento della mortalità e della morbidità, rimangono comunque aperte una serie di domande in particolare sul trattamento dell emorragia nel trauma cranico e nei pazienti anziani vittime di trauma (5-6). Gli end points della rianimazione ipotensiva prevedono: 1. La somministrazione rapida di bassi volumi di fluidi (250 ml) che vanno ripetuti nel tempo. 2. La ricerca della ricomparsa del polso periferico dopo la rapida somministrazione di boli di fluidi, nei traumi chiusi, in assenza di trauma cranico. La presenza del polso radiale indica una pressione di mmhg che è generalmente sufficiente a mantenere la perfusione d organo. 3. In presenza di trauma cranico l end point pressorio deve essere mmhg. 4. Nei pazienti con trauma penetrante è sufficiente la presenza dei polsi centrali (PA 60 mmhg) fino a trattamento chirurgico. Pagina 4 di 14

5 4.1) UTILIZZO DEGLI EMOCOMPONENTI NELL EMORRAGIA MASSIVA TRASFUSIONE PRECOCE di EMAZIE CONCENTRATE La trasfusione precoce offre il beneficio di aumentare il cardiac output e di preservare il trasporto di ossigeno (7-8). Un altra ragione per l utilizzo precoce di RBC è che un elevato Ht facilita i processi di coagulazione attraverso (9) : Il rilascio del PAF, L aumento della viscosità ematica, Esteriorizzazione delle PTL e dei fattori della coagulazione. Il valore di Hb deve essere mantenuto tra 7-9 gr/dl (grado 1 C), vanno presi in considerazione valori maggiori di Hb nei pazienti con patologia ischemica nota, e trauma cranico (10). Va ricordato che nelle emorragie massive la somministrazione di elevate quantità di emazie concentrate può determinare lo sviluppo precoce di una coagulopatia aumentando quindi il sanguinamento. Un aspetto importante è l uso di end point fisiologici più che il valore assoluto di Hb per decidere se trasfondere e quanto trasfondere un paziente emorragico, in particolare l andamento nel tempo dei lattati plasmatici, del ph arterioso e delle PE (11). PRECOCE UTILIZZO DI PLASMA L emorragia massiva si associa alla perdita ed al consumo dei fattori della coagulazione e delle piastrine, e la loro attività viene ridotta dall ipotermia, acidosi e diluizione. Quest ultima secondaria sia all eccessiva somministrazione di fluidi ed emazie concentrate, sia al refilling capillare. La perdita e il consumo dei fattori della coagulazione e delle piastrine a sua volta si associa a ulteriore sanguinamento richiedente la somministrazione precoce di plasma fresco congelato (12). Attualmente ci sono due scuole di pensiero sull utilizzo del plasma nel paziente emorragico (13) : La somministrazione di plasma fresco congelato fatta sulla base dei valori delle prove emogeniche: INR e apttratio > 1.5 vn, PTL < 50 x 10 9, fibrinogeno < 1 gr/l. La somministrazione precoce di plasma fresco congelato con un rapporto PFC(litri)/RBC(unità) di 1/6-1/1 a seconda degli autori nelle emorragie massive richiedenti > 10 RBC (14-15). La somministrazione di plasma fresco congelato, nelle emorragie massive è consigliata alla dose iniziale di ml/kg per ridurre il pericolo dello sviluppo di coagulopatia (grado 1 C) (16). La somministrazione precoce di plasma non guidato dalle prove emogeniche ma con un rapporto PFC/RBC 2/3 sembra essere il miglior compromesso per evitare l eccessiva diluizione plasmatica, la compromissione dell emostasi e si associa al miglioramento della sopravvivenza ( ). PIASTRINE Considerare di mantenere una conta piastrinica > a 75 x 10 9(20). Considerare inoltre di mantenere i valori delle piastrine > 100 x 10 9 nei pazienti con trauma cranico ed in tutti i casi in cui esista una alterazione della funzionalità piastrinica (20). FIBRINOGENO/CRIOPRECIPITATO Vanno somministrati in presenza di valori di fibrinogeno < a 1 gr/l, il dosaggio raccomandato è di 50 mg/kg per il fibrinogeno o unità di crioprecipitato in un paziente di 70 Kg. La somministrazione è associata a un miglior controllo del sanguinamento nei pazienti traumatizzati (grado 1C) (8). Nella nostra realtà il crioprecipitato non è al momento disponibile. Pagina 5 di 14

6 4.2) UTILIZZO DI FARMACI EMOCOAGULATIVI E DI FATTORI DI SOSTITUZIONE NELL EMORRAGIA MASSIVA FARMACI ANTIFIBRINOLITICI Questa classe di farmaci va considerata nel caso esista evidenza di iperfibrinolisi al tromboelastogramma, ove disponibile Acido tranexamico: Acido Σ.Aminocaproico: bolo mg/kg seguita da un infusione di 1-5 mg/kg/h, emivita plasmatica 120 minuti. bolo 150 mg/kg seguito da un infusione 15 mg/kg/h, emivita plasmatica minuti. La somministrazione dei farmaci antifribrinolitici non si accompagna ad un aumentato incremento di eventi trombotici, l unica accortezza è la riduzione del dosaggio nei pazienti con insufficienza renale (21). FATTORI DI SOSTITUZIONE rfviia L uso del rfviia è suggerito nell emorragia massiva persistente, nonostante un adeguato controllo del focus emorragico e solo in caso di fallimento di tutte le misure terapeutiche messe in atto compresa la best practice nell utilizzo dei componenti ematici (20-22) (grado 2 C) La dose consigliata è di 100 mcg/kg seguita in caso di necessità da ulteriori due dosi di 100 mcg/kg a distanza di 1 e 3 ore qual ora il sanguinamento non venisse controllato ( ). Si può pensare di utilizzare il rfviia nell emorragia persistente post traumatica solo dopo che i parametri coagulativi siano stati normalizzati (Ht > 24%, PTL > 50 x 10 9, fibrinogeno > 1 gr), l acidosi severa corretta (ph > 7.2), la temperatura corporea sia > a 32 ed il calcio ionizzato > a 0.8 mmol/l ( ). Esiste evidenza di un aumentato rischio di complicanze trombotiche che può controbilanciare il potenziale beneficio del rfviiia nell emorragia massiva (22). COMPLESSO PROTROMBINICO Il complesso protrombinico va usato solo quando il paziente è in terapia anticoagulante cronica (grado 1). L uso del complesso protrombinico si accompagna a un aumentato rischio di trombosi venose, arteriose e di DIC (27). Pagina 6 di 14

7 5) Distribuzione della linea guida La linea guida viene resa disponibile via intranet e in formato cartaceo presso le Unità Operative e le Cliniche segnalate al punto 3. 6) Terminologie e abbreviazioni DIC PCC aptt ratio PFC DDVP INR TEG ACS ISS PAF PE PTL RBC rfviia coagulazione intravascolare disseminata concentrato di complesso protrombinico tempo di tromboplastina parziale espresso in rapporto paziente /controllo plasma fresco congelato desmopressina tempo di protrombina espresso in rapporto normalizzato internazionale tromboelastogramma American College of Surgeons Injury severity Score fattore attivante le piastrine prove emogeniche piastrine globuli rossi concentrati fattore VII attivato ricombinante 7) Storia della Linea Guida Versione Data Motivo Prossima revisione/aggiornamento 01 06/06/2010 Creazione della Linea Guida 3 anni dalla creazione o prima se necessario. 8) Indicatori e monitoraggio L applicazione della linea guida decorre dal momento della pubblicazione su Intranet. E previsto un monitoraggio dell applicazione della linea guida attraverso specifiche rilevazioni trimestrali in forma di audit della richiesta trasfusionale con riferimento alle raccomandazioni cliniche ed ai parametri laboratoristici segnalati. 9) Riferimenti bibliografici 1. Spahn D.R., Cerry D.R., Coats T.J. et al. Management of bleeding following major trauma: a European guideline: Crit. Care, 2007, 11:R17. Pagina 7 di 14

8 2. Advanced Trauma Life Support. American College of Surgeons Sphan D.R., Rossaint R. Coagulophy and blood component transfusion in trauma. B.J.Anaesthesia. 2005;95(2): Brohi K, Cohen M.J and Davenport R.A. Acute coagulopathy of trauma: mechanism, identification And effect.current Opinion in Critical Care 2007, 13: Mohan D., Milbrandt E. B., Alarcon L.H. Black hawk down: the evolution of resuscitation in massive traumatic hemorraghe. Critical Care 2008;12: Arlati S., Storti E., Pradella V, et al. Decrease fluid volume to reduce organ damage: a new approach to burn shock resuscitation? A preliminary study. Resuscitation 2007;72: Dutton R.P., Carson J. Indications for Early Red Blood Cell Transfusion. J Trauma. 2006;60:S35 S American Society of Anesthesiologist. Practice guideline for perioperative blood transfusion and adjuvant therapies: an updated report by the American Society of Anesthesiologist Task Force on perioperative blood transfusion and adjuvant therapies Anesthesiology. 2006; 105: Valeri C.R., Cassidy G., Pivacek L.E., et al. Anemia induce increase in bleeding time: implication for treatment of non surgical blood loss. Transfusion 2001;41: Smith R.J., Stiefel R.F., Magge S., et al. Blood cell transfusion increase local cerebral oxigenation. Crit.Care Med.2005;33: Bilkoski R.N., Rivers E.P., Horst H.R. Trageted resuscitation strategies after injury. Curr.Op.Crit.care Med. 2004;10: Ketchum L., Hess J.R., Hiippala S. Indications for Early Fresh Frozen Plasma, Cryoprecipitate, and Platelet Transfusion in Trauma. J Trauma. 2006;60:S51 S Gonzalez A., Moore F.A., Holcomb J.B., et al. Fresh frozen plasma should be given earlier to patients requiring massive transfusion. J.Trauma.2007;62: The North Pacific Surgical Association. A high ratio of plasma and platelets to packed red blood cells in the first 6 hours of massive transfusion improves outcomes in a large multicenter study. The American Journal of Surgery. 2009;197: Rose AH, Kotzè A,Doolan D,Norfolk DR,Bellamy MC. Massive transfusion-evaluation of current clinical practice and outcome in two large teaching hospital trusts in Northern England. Vox Sanguinis.2009;97: O Shaughnessy D.F., Attembury C., Bolton Magge P., et al. Guidelines for the use of fresh frozen plasma, cryoprecipitate and cryosupernatant. Br.J.Haematol. 1004;126: Ho A.M., Dion P.W., Cheng C.A., et al. A mathematical model for fresh frozen plasma transfusion strategies during major trauma resuscitation with ingoi hemorrhage. Can.J.Surg. 2005;48: Borgman A., Spinella P.C., Prekins J.G., et al. The ratio of blood products transfused affects mortality in patients receiving massive transfusions at a combact support hospital. J.Trauma. 2007;63: Kashuk J.L., Moore E., Johnson L, et al. Postinjury threading coagulopathy: is 1:1 fresh frozen plasma:pace blood cell the ansie?. J.Trauma 2008;65: British Committee for Standards in Haematology. Guidelines on the management of massive blood loss.british Journal Haematologj.2006;135: Coats T., Roberts I., Shakun H. Antifibrinolytic drugs for acute traumatic injury. Cochrane Database REV 2004:Cd Mannucci P.,Levi M. Prevention and treatment of major Blood Loss. The New England Journal of Medicine. 2007:356: Klitgaart T, Tabanera YPR, Boffard K, et al. Recomandation on the use of recombinant factor VII in trauma patients with severe beeding: Crit. Care. 2006;10:R104. Pagina 8 di 14

9 24. O Connell KA, Wood JJ, Wise PR, et al. Thromboembolic adverse events after use of recombinant factor VII. JAMA 2006;295: Martinowitz U, Michealson M. Guidelines for the use os recombinant activated factor VII in uncontrolled bleeding: a report by Israeli multidisciplinary rviia task force. J Thromb Haemost. 2005;3: Meng ZH, Wolberg AS, Monroe DM, et al. The effect of temperature and ph on the activity af factor VIIa: implication for the efficacy of higt dose factor VIIa in hipotermic and acidotic patients. J.Trauma.2003;55: Levi Marcel,Peters Marjolein,Bullen Haray.Efficacy and safety of recombinant factor VIIa for treatment of severe bleeding: A systematic review. Crit Care Med,Vol 33(4).April Kessler CM. Urgent reversal of warfarin with prothrombin complex concentrate: where are the evidence-base data? J Thromb. Haemost. 2006;4: ) Allegati alla Linea Guida Pagine seguenti: Allegato 1: Flow chart emorragia massiva Allegato 2: Flow chart emorragia massiva nel trauma Allegato 3: Flow chart emorragia massiva in chirurgia generale Allegato 4: Flow chart emorragia massiva in ostetricia Allegato 5: Flow chart emorragia massiva in cardiochirurgia Pagina 9 di 14

10 ALLEGATO 1 FLOW-CHART EMORRAGIA MASSIVA Almeno 1 dei seguenti punti: In base a perdita stimata 1 volume ematico/24 ore 1/2 volume ematico in 3 ore > 150 ml/min Classi III e IV classificazione dello shock Qualsiasi emorragia che a giudizio del clinico possa mettere a rischio la vita del paziente Richiedere Emocromo Prove emogeniche Fibrinogeno TEG (se possibile) Mantenere ph > 7.2 Calcio ionizzato > 0,8 mmol/l T paziente > 34 C Trasfondere RBC e PFC (rapporto PFC/RBC = 4/6) Complesso proprombinico attivato IU/Kg(se in terapia con dicumarolici o insuff.epatica) 6 RBC 4 PFC (1000 ml) 1 Unità piastrine Goals terapeutici Hb 7-9 g/l (considera 8-10 g/l se pz cardiopatico) Hct > 24 % INR < Plt >75 x 10 9 /mm 3. (>100 x 10 9 /mm 3. se trauma carnico,disfunzione piastrinica) Fibrinogeno > 100 mg./dl Sanguinamento persistente Escludere cause chirurgiche Acido Tranexamico (se segni fibrinolisi su TEG) Dose carico: mg/kg Infusione continua: 1-5 mg/kg Sospendere appena il sanguinamento controllato Considera(utilizzo off label) dopo la somministrazione di almeno ml/kg di PFC : rfviia 100 mcg/kg in bolo (ripetibile dopo 1 e 3 ore) Pagina 10 di 14

11 ALLEGATO N 2 FLOW CHART EMORRAGIA MASSIVA NEL TRAUMA Ridurre al minimo il tempo tra il trauma ed il controllo dell emorragia Valutazione iniziale della gravità dell emorragia secondo la classificazione dell ACS Corretta identificazione del paziente; richiesta di emocromo con PLT, INR,aPTTratio, fibrinogeno, emogruppo, prove di compatibilità IMMEDIATO SOURCE CONTROL Se la sede dell emorragia è immediatamente evidente ULTERIORI INDAGINI Se la sede ell emorragia non è evidente Controllo dell emorragia Entità dell emorragia ECOGRAFIA Una precoce FAST in tutti i paz con trauma chiuso del tronco ECOGRAFIA Se instabilità emodinamica e FAST positiva immediato source control (chirurgia) TAC In tutti i pazienti emodinamicamente stabili La entità dell emorragia non va valutata su un singolo dato di ematocrito ma piuttosto sul trend della lattatemia SOURCE CONTROL (controllo fonte emorragia) GESTIONE EMODERIVATI RIANIMAZIONE DI VOLUME Chiusura dell anello pelvico P.U.BE. Nei pazienti con evidenza di frattura aperta del bacino Angiografia ed embolizzazione Nei pazienti con evidenza di frattura aperta del bacino che in cui permane nstabilità emodinamica nonostante la chiusura dell anello pelvico Chirurgia Instabilità emodinamica e FAST postiva Stabilità emodinamica ed evidenza TAC di emorragia controllabile chirurgicamente Infusione di emazie concentrate gruppo-specifiche per mantenere un livello di Hb tra 7 e 9 g/dl PFC Pazienti con emorragia massiva o con emorragia complicata da coagulopatia (INR/APTT ratio > 1,5) Dose iniziale u/kg; ulteriori dosi in relazione alle modifiche dei test di laboratorio PCC Concentrato di fattori della coagulazione nei pazienti in TAO o per evitare sovraccarico di voluma da PFC Dose iniziale: 50 u/kg Antifibrinolitici Trattamento opzionale, non supportato da evidenze chiare Stabilire l urgenza trasfusionale (O neg se classe III o IV di shock sec ACS all arrivo nel DEA nonostante adeguata rianimazione do volume Piastrine Mantenere PLT > 50x10 9 /L; in caso di emorragia massiva correlata al trauma o di trauma cranico mantenere livello > 100x10 9 /L. Dose iniziale: 4-8 sacche di concentrato piastrinico o una sacca di aferesi. Fibrinogeno o Crioprecipitato Se emorragia con livello di fibrinogeno < 1 g/l nonostante adeguata somministrazione di PFC Dose iniziale: 50 mg/kg Non indicata somministrazione di Antitrombina Ottenere due grossi accessi venosi periferici di grosso calibro (14 G); Cristalloidi nella rianimazione iniziale; device per la infusione rapida e per il riscaldamento dei fluidi Target emodinamico: PAS mmhg fino ad avvenuto controllo dell emorragia (eccetto nel trauma cranico); PAM > 65 mmhg Mantenere normotermia (riscaldamento passivo, attivo esterno ed interno) Ottimizzazione calcemia (> 1,13 mmoli/l) Considera rfviia se:sanguinamento in atto > 300 ml/h,source control impossibile o inefficace,adeguata correzione emostasi,acidosi,ipotermia,ipocalcemia Pagina 11 di 14

12 Allegato N 3 FLOW CHART EMORRAGIA MASSIVA IN CHIRURGIA GENERALE Sanguinamento a rischio NO Valutazione clinica e screening emostasi se indicato SI Anamnesi coagulopatie Sospensione/reversal famaci anticoagulanti Prove emogeniche/emocromo Se in anticoagulanti orali: Consulenza trasfusionale Considera Complesso Protrombinico attivato Fonte sanguinamento controllabile/trattabile NO SI Procedi a trattamento Sanguinamento controllato? SI Recupero intraoperatorio Coagulopatia? SI Correggi: -Acidosi - Ipotermia - Ipocalcemia -Ematocrito Deficit selettivo? Considera PFC e Plt Sanguinamento controllato? SI NO Ripeti PE/Emocromo Esami coagulazione 2 livello (Fibrinogeno, D-Dimero, TEG) Correggi: -Acidosi - Ipotermia - Ipocalcemia -Ematocrito SI/DUBBIO Fibrinolisi? Antifibrinolitico NO Considera rfviia Pagina 12 di 14

13 FLOW-CHART EMORRAGIA MASSIVA IN OSTETRICIA ALLEGATO N 4 PREVENZIONE Scheda di rischio Correggere anemia Studio placenta Parametri vitali Emogruppo Valutazione perdite Managment attivo III stadio RICONOSCIMENTO PRECOCE Ispezione tratto genitale Valutazione ripetuta perdite, tono uterino e parametri vitali Metilergometria Doppio incannulamento venoso Cristalloidi e colloidi Emocromo,coagulazione e T&S Cateterizzazione vescicole Monitoraggio parametri vitali Ossigeno terapia Allertare aiuto anziano,preallertare anestesista e centro trasfusionale Identificare e trattare la causa: ATONIA (70%) TRAUMA (20%) TISSUE (10%) THROMBIN (1%) Massaggio uterino Compressione bimanuale Farmaci uterotonici Sulprostone iv (0.5 mg/2 h) Misoprostolo subling 400 mcg o rettale 800 mcg Sutura lacerazioni, evacuazione ematomi Correzione inversione utero Se rottura d utero LPT Scovolamento e RCU ecoguidata Placenta accreta, increta isterectomia Fattori della coagulazione EMORRAGIA PERSISTENTE Atonia uterina: analoghi prostaglandine baloon tamponade embolizzazione Emorragia dal segmento inf: baloon tamponade embolizzazione legatura arterie uterine Lesioni tratto genitale: riparazione chirurgica legatura art. ipogastriche embolizzazione - Rimpiazzare perdite entro la prima ora (2 RBC 0 - ) - Monitoraggio invasivo PA e PVC - Emocromo, prove emogeniche, EGA a-v, TEG - riscaldare la paziente - amine vasoattive dopo il rimpiazzo volemico - pre-allertare radiologo interventista EMORRAGIA INTRATTABILE Placenta accreta:embolizzazione Placenta accreta: embolizzazione Rimpiazzare perdite con RBC Valutare plasma ed altri emoderivati Analgesia/sedazione/anestesia e IOT Opzioni chirurgiche: legatura art. uterine suture emostatiche isterectomia totale/sub-totale Pagina 13 di 14

14 ALLEGATO N 5 FLOW-CHART EMORRAGIA MASSIVA IN CARDIOCHIRURGIA Accessi venosi di grosso calibro monitoraggio, O2 Inizia fluidoterapia (cristalloidi/colloidi) Mantiene adeguata pressione di perfusione (MAP 60 mmhg) Invia appena possibile emocromo, prove emogeniche, tromboelastograma Prevenzione e correzione della ipotermia, acidosi, anemia, ipocalcemia Anamnesi:antagonizza farmaci anticoagulanti(ufh e LMWH-protamina, anticoagulanti orali-pfc,cp, vit K, antiaggreganti) Sanguinamento chirurgico TEG normale Attua emorecupero, se non controindicato ± emazie Sanguinamento biologico Controllo: -chirurgico -embolizzazione -endoscopico PFC:EC 1:1,5 per emorragie massive. Senza prove emogeniche (prevenire coagulopatia da emodiluizione) Se sanguinamento massivo life-threatening ed incontrollabile con la terapia standard CONSIDERA: -DDVP (in caso di uremia,cirrosi,antiaggreganti).dose 0.3 ug/kg ev -rfviia (50-90 ug/kg ev)con ph>7.2,temperatura>35 C,Hct > 20%.Particolare attenzione ai pazienti ad alto rischio tromboembolico:cad,cabg R-TEG > R-TEG Hep: protamina INR >1.5 o R-TEG-Hep lungo: PFC 15 ml/kg Fibrinogeno <1gr/L o α-teg ridotto: fibrinogeno o crioprecipitato PLT < /uL o MA-TEG ridotto: aferesi piastrinica Calcio Cloruro 1 gr ev lento Ac tranexamico 10 mg/kg:se sospetto o diagnosi di iperfibrinolisi primaria (LY30, EPL-TEG prolungati) Controlla esami ematochimici dopo la trasfusione di ogni 4-6RBC Pagina 14 di 14

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica?

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO) con complicanza emorragica gastrointestinale presenta aspetti problematici

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Raccomandazioni SIMTI sul corretto utilizzo degli emocomponenti e dei plasmaderivati. Gruppo di Redazione G. Liumbruno, F.

Raccomandazioni SIMTI sul corretto utilizzo degli emocomponenti e dei plasmaderivati. Gruppo di Redazione G. Liumbruno, F. di Medicina Trasfusionale SIMTI Raccomandazioni SIMTI sul corretto utilizzo degli emocomponenti e dei plasmaderivati Gruppo di Redazione G. Liumbruno, F. Bennardello, A. Lattanzio, P. Piccoli, G. Rossetti

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI

LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI 3 a edizione Dicembre 2008 Questa terza edizione delle Linee Guida per la trasfusione di sangue ed emoderivati, frutto della collaborazione e dell

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Storia di Rischio emorragico Chirurgia o procedura a rischio

Storia di Rischio emorragico Chirurgia o procedura a rischio Rischio tromboembolico alto basso Storia di Rischio emorragico alto basso Chirurgia o procedura a rischio alto basso URGENZA ELEZIONE Problemi di coagulazione in pazienti ricoverati SCELTA SCELTA TRA TRA

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale - Area Valutazione del farmaco I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI nella fibrillazione atriale non valvolare L impiego delle terapie anticoagulanti è molto diffuso: dai dati

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Stat Profile CCX Critical Care Xpress

Stat Profile CCX Critical Care Xpress Stat Profile CCX Critical Care Xpress Semplicemente la miglior soluzione strumentale e gestionale dell emogasanalisi e dei parametri biochimici d urgenza Stat Profile CCX Critical Care Xpress PIU TEST...

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei Flora Peyvandi Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi, Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico,

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

LEVOSIMENDAN NELL INSUFFICIENZA CARDIACA ACUTA

LEVOSIMENDAN NELL INSUFFICIENZA CARDIACA ACUTA LEVSIMEDA ELL ISUFFIIEZA ARDIAA AUTA 30 marzo 2015 16:30 18:30 ardiocentro Ticino - Sala Zwick PRGRAMMA IL SIMPSI SARÀ AREDITAT 2 REDITI DA: SGAR - SSAR SIETÀ SVIZZERA DI AESTESIA E RIAIMAZIE SGI-SSMI

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma:

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: !"# Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: $ % &'( ')*! " # $% & % '!!!"# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Gruppo di lavoro: "!"# Firma Dr. Carmelo Guccione Dr. Diego

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli