LINEA GUIDA PER USO DEGLI EMOCOMPONENTI, DEGLI EMODERIVATI E DEI FARMACI EMOCOAGULATIVI NELL EMORRAGIA MASSIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEA GUIDA PER USO DEGLI EMOCOMPONENTI, DEGLI EMODERIVATI E DEI FARMACI EMOCOAGULATIVI NELL EMORRAGIA MASSIVA"

Transcript

1 COMITATO AZIENDALE BUON USO DEL SANGUE Versione n.01 del 06/06/2010 Pagina 1 di 14 LINEA GUIDA PER USO DEGLI EMOCOMPONENTI, DEGLI EMODERIVATI E DEI FARMACI EMOCOAGULATIVI NELL EMORRAGIA MASSIVA Redazione / Aggiornamento Verifica / Approvazione Autorizzazione alla diffusione 06/06/2010 Il Coordinatore 24/06/2010 Cobus Dr. G.M.Guarrera Prof. G. Della Rocca Dr. G. Barillari Dr. P. Chiarandini Dr. R. Cravero Dr. C. Lirusso Dr.ssa A.Cecchi Dr. O. Margarit Dr. B. Martinez Dr. C. Melli Dr. P. Nadbath Dr. P. Piersante Dr.ssa L.Mattioni 08/07/2010 Il Coordinatore Cabuf Dr. P. Rossi Firme Firme Firma 19/07/2010 Il Direttore Sanitario Dr. Fabrizio Fontana RIFERIMENTI CHIAVE DELLA LINEA GUIDA Capitolo Manuale JCI Argomento specifico ICD9-CM / MeSH MeSH Cura del paziente Emorragia Massiva Care of Patient Massive Hemorrhage

2 INDICE 1. Scopo Pag Campo di applicazione Pag Destinatari Pag Contenuto Pag ) Utilizzo degli emocomponenti Pag ) Utilizzo di farmaci emocoagulativi e di fattori di sostituzione Pag Distribuzione Pag Terminologie e abbreviazioni Pag Storia del protocollo Pag Indicatori e monitoraggio Pag Riferimenti normativi e bibliografici Pag Allegati Pag. 9 ELABORAZIONE DELLA LINEA GUIDA La linea guida è stata elaborata sulla base delle evidenze scientifiche riportate in letteratura da un panel multidisciplinare di esperti individuato dal Comitato Aziendale per il Buon Uso del Sangue e dal Comitato Aziendale per il Buon Uso del Farmaco e coordinato dal Prof. Giorgio Della Rocca (Clinica di Anestesia e Rianimazione): Dott.Paolo Chiarandini Clinica di Anestesia e Rianimazione Dott.Giovanni Barillari SOC Medicina Trasfusionale Dott.Orlando Margarit SOC Anestesia e Rianimazione 2 Dott.ssa Blanca Martinez SOC Anestesia e Rianimazione 2 Dott. Paolo Nadbath Clinica di Anestesia e Rianimazione Dott.Ranieri Cravero SOC Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Dott.Pietro Piersante SOC Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Dott.ssa Chiara Lirusso SOC Chirurgia Generale Pagina 2 di 14

3 1) Scopo Lo scopo di questa linea guida è quello di ottimizzare l utilizzo degli emocomponenti ed emoderivati e durante il trattamento delle emorragie massive. 2) Campo di applicazione La linea guida si applica nel trattamento del paziente con diagnosi di emorragia massiva. 3) Destinatari La linea guida sarà utilizzata dal personale: della Unità Operativa di Pronto Soccorso della Unità Operative e Clinica di Anestesia e Rianimazione della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale della Unità Operativa di Cardiochirurgia della Clinica di Ostetricia-Ginecologia 4) Contenuto L emorragia massiva è definita dalla perdita dell intero volume ematico entro le ventiquattro ore, dalla perdita del 50% del volume ematico nelle prime 3 ore o dalla perdita ematica di 1.5 ml/kg in 20 minuti. Lo shock emorragico è definito da una pressione arteriosa sistolica < 90 mmhg e ph < Va ricordato che shock emorragico non è sinonimo di emorragia massiva (1). Il sanguinamento massivo è secondario alla combinazione del danno vascolare associato allo sviluppo di coagulopatia. Le cause di coagulopatia sono il consumo, la diluizione delle piastrine, dei fattori della coagulazione e l aumento della fibrinolisi. I fattori di rischio per lo sviluppo della coagulopatia sono: acidosi (ph < 7.2), ipotermia (T < 34 ), ipotensione (PAS < 70 mmhg), ISS > 25. Quando alla coagulopatia si associa l ipotermia e l acidosi si sviluppa una situazione fisiopatologica definita la triade letale per l elevata mortalità associata, in quanto nonostante un adeguato rimpiazzo volemico e di emoderivati difficilmente si è in grado di bloccare l emorragia critica. Pagina 3 di 14

4 Le linee guida per la rianimazione prevedono la rapida somministrazione fino a 2 litri di cristalloidi e, nel caso di mancata stabilizzazione, l uso precoce di sangue 0 neg, plasma fresco congelato e piastrine (2). Un aspetto importante è che la somministrazione di fluidi appare migliorare l emodinamica e gli indici derivati nel breve periodo, ma presenta degli effetti avversi sulla coagulazione che possono portare a una ripresa o all aumento del sanguinamento (3-4). Le cause sono da ricercare nello sviluppo della coagulopatia diluizionale, e nella rottura del coagulo a causa dell aumento del flusso ematico, dell incremento della pressione di perfusione e della diminuzione della viscosità ematica. Partendo da questa base molti autori hanno dimostrato che la rianimazione a bassa somministrazione di fluidi fino al trattamento definitivo del focolaio emorragico, si associa ad un decremento della mortalità e della morbidità, rimangono comunque aperte una serie di domande in particolare sul trattamento dell emorragia nel trauma cranico e nei pazienti anziani vittime di trauma (5-6). Gli end points della rianimazione ipotensiva prevedono: 1. La somministrazione rapida di bassi volumi di fluidi (250 ml) che vanno ripetuti nel tempo. 2. La ricerca della ricomparsa del polso periferico dopo la rapida somministrazione di boli di fluidi, nei traumi chiusi, in assenza di trauma cranico. La presenza del polso radiale indica una pressione di mmhg che è generalmente sufficiente a mantenere la perfusione d organo. 3. In presenza di trauma cranico l end point pressorio deve essere mmhg. 4. Nei pazienti con trauma penetrante è sufficiente la presenza dei polsi centrali (PA 60 mmhg) fino a trattamento chirurgico. Pagina 4 di 14

5 4.1) UTILIZZO DEGLI EMOCOMPONENTI NELL EMORRAGIA MASSIVA TRASFUSIONE PRECOCE di EMAZIE CONCENTRATE La trasfusione precoce offre il beneficio di aumentare il cardiac output e di preservare il trasporto di ossigeno (7-8). Un altra ragione per l utilizzo precoce di RBC è che un elevato Ht facilita i processi di coagulazione attraverso (9) : Il rilascio del PAF, L aumento della viscosità ematica, Esteriorizzazione delle PTL e dei fattori della coagulazione. Il valore di Hb deve essere mantenuto tra 7-9 gr/dl (grado 1 C), vanno presi in considerazione valori maggiori di Hb nei pazienti con patologia ischemica nota, e trauma cranico (10). Va ricordato che nelle emorragie massive la somministrazione di elevate quantità di emazie concentrate può determinare lo sviluppo precoce di una coagulopatia aumentando quindi il sanguinamento. Un aspetto importante è l uso di end point fisiologici più che il valore assoluto di Hb per decidere se trasfondere e quanto trasfondere un paziente emorragico, in particolare l andamento nel tempo dei lattati plasmatici, del ph arterioso e delle PE (11). PRECOCE UTILIZZO DI PLASMA L emorragia massiva si associa alla perdita ed al consumo dei fattori della coagulazione e delle piastrine, e la loro attività viene ridotta dall ipotermia, acidosi e diluizione. Quest ultima secondaria sia all eccessiva somministrazione di fluidi ed emazie concentrate, sia al refilling capillare. La perdita e il consumo dei fattori della coagulazione e delle piastrine a sua volta si associa a ulteriore sanguinamento richiedente la somministrazione precoce di plasma fresco congelato (12). Attualmente ci sono due scuole di pensiero sull utilizzo del plasma nel paziente emorragico (13) : La somministrazione di plasma fresco congelato fatta sulla base dei valori delle prove emogeniche: INR e apttratio > 1.5 vn, PTL < 50 x 10 9, fibrinogeno < 1 gr/l. La somministrazione precoce di plasma fresco congelato con un rapporto PFC(litri)/RBC(unità) di 1/6-1/1 a seconda degli autori nelle emorragie massive richiedenti > 10 RBC (14-15). La somministrazione di plasma fresco congelato, nelle emorragie massive è consigliata alla dose iniziale di ml/kg per ridurre il pericolo dello sviluppo di coagulopatia (grado 1 C) (16). La somministrazione precoce di plasma non guidato dalle prove emogeniche ma con un rapporto PFC/RBC 2/3 sembra essere il miglior compromesso per evitare l eccessiva diluizione plasmatica, la compromissione dell emostasi e si associa al miglioramento della sopravvivenza ( ). PIASTRINE Considerare di mantenere una conta piastrinica > a 75 x 10 9(20). Considerare inoltre di mantenere i valori delle piastrine > 100 x 10 9 nei pazienti con trauma cranico ed in tutti i casi in cui esista una alterazione della funzionalità piastrinica (20). FIBRINOGENO/CRIOPRECIPITATO Vanno somministrati in presenza di valori di fibrinogeno < a 1 gr/l, il dosaggio raccomandato è di 50 mg/kg per il fibrinogeno o unità di crioprecipitato in un paziente di 70 Kg. La somministrazione è associata a un miglior controllo del sanguinamento nei pazienti traumatizzati (grado 1C) (8). Nella nostra realtà il crioprecipitato non è al momento disponibile. Pagina 5 di 14

6 4.2) UTILIZZO DI FARMACI EMOCOAGULATIVI E DI FATTORI DI SOSTITUZIONE NELL EMORRAGIA MASSIVA FARMACI ANTIFIBRINOLITICI Questa classe di farmaci va considerata nel caso esista evidenza di iperfibrinolisi al tromboelastogramma, ove disponibile Acido tranexamico: Acido Σ.Aminocaproico: bolo mg/kg seguita da un infusione di 1-5 mg/kg/h, emivita plasmatica 120 minuti. bolo 150 mg/kg seguito da un infusione 15 mg/kg/h, emivita plasmatica minuti. La somministrazione dei farmaci antifribrinolitici non si accompagna ad un aumentato incremento di eventi trombotici, l unica accortezza è la riduzione del dosaggio nei pazienti con insufficienza renale (21). FATTORI DI SOSTITUZIONE rfviia L uso del rfviia è suggerito nell emorragia massiva persistente, nonostante un adeguato controllo del focus emorragico e solo in caso di fallimento di tutte le misure terapeutiche messe in atto compresa la best practice nell utilizzo dei componenti ematici (20-22) (grado 2 C) La dose consigliata è di 100 mcg/kg seguita in caso di necessità da ulteriori due dosi di 100 mcg/kg a distanza di 1 e 3 ore qual ora il sanguinamento non venisse controllato ( ). Si può pensare di utilizzare il rfviia nell emorragia persistente post traumatica solo dopo che i parametri coagulativi siano stati normalizzati (Ht > 24%, PTL > 50 x 10 9, fibrinogeno > 1 gr), l acidosi severa corretta (ph > 7.2), la temperatura corporea sia > a 32 ed il calcio ionizzato > a 0.8 mmol/l ( ). Esiste evidenza di un aumentato rischio di complicanze trombotiche che può controbilanciare il potenziale beneficio del rfviiia nell emorragia massiva (22). COMPLESSO PROTROMBINICO Il complesso protrombinico va usato solo quando il paziente è in terapia anticoagulante cronica (grado 1). L uso del complesso protrombinico si accompagna a un aumentato rischio di trombosi venose, arteriose e di DIC (27). Pagina 6 di 14

7 5) Distribuzione della linea guida La linea guida viene resa disponibile via intranet e in formato cartaceo presso le Unità Operative e le Cliniche segnalate al punto 3. 6) Terminologie e abbreviazioni DIC PCC aptt ratio PFC DDVP INR TEG ACS ISS PAF PE PTL RBC rfviia coagulazione intravascolare disseminata concentrato di complesso protrombinico tempo di tromboplastina parziale espresso in rapporto paziente /controllo plasma fresco congelato desmopressina tempo di protrombina espresso in rapporto normalizzato internazionale tromboelastogramma American College of Surgeons Injury severity Score fattore attivante le piastrine prove emogeniche piastrine globuli rossi concentrati fattore VII attivato ricombinante 7) Storia della Linea Guida Versione Data Motivo Prossima revisione/aggiornamento 01 06/06/2010 Creazione della Linea Guida 3 anni dalla creazione o prima se necessario. 8) Indicatori e monitoraggio L applicazione della linea guida decorre dal momento della pubblicazione su Intranet. E previsto un monitoraggio dell applicazione della linea guida attraverso specifiche rilevazioni trimestrali in forma di audit della richiesta trasfusionale con riferimento alle raccomandazioni cliniche ed ai parametri laboratoristici segnalati. 9) Riferimenti bibliografici 1. Spahn D.R., Cerry D.R., Coats T.J. et al. Management of bleeding following major trauma: a European guideline: Crit. Care, 2007, 11:R17. Pagina 7 di 14

8 2. Advanced Trauma Life Support. American College of Surgeons Sphan D.R., Rossaint R. Coagulophy and blood component transfusion in trauma. B.J.Anaesthesia. 2005;95(2): Brohi K, Cohen M.J and Davenport R.A. Acute coagulopathy of trauma: mechanism, identification And effect.current Opinion in Critical Care 2007, 13: Mohan D., Milbrandt E. B., Alarcon L.H. Black hawk down: the evolution of resuscitation in massive traumatic hemorraghe. Critical Care 2008;12: Arlati S., Storti E., Pradella V, et al. Decrease fluid volume to reduce organ damage: a new approach to burn shock resuscitation? A preliminary study. Resuscitation 2007;72: Dutton R.P., Carson J. Indications for Early Red Blood Cell Transfusion. J Trauma. 2006;60:S35 S American Society of Anesthesiologist. Practice guideline for perioperative blood transfusion and adjuvant therapies: an updated report by the American Society of Anesthesiologist Task Force on perioperative blood transfusion and adjuvant therapies Anesthesiology. 2006; 105: Valeri C.R., Cassidy G., Pivacek L.E., et al. Anemia induce increase in bleeding time: implication for treatment of non surgical blood loss. Transfusion 2001;41: Smith R.J., Stiefel R.F., Magge S., et al. Blood cell transfusion increase local cerebral oxigenation. Crit.Care Med.2005;33: Bilkoski R.N., Rivers E.P., Horst H.R. Trageted resuscitation strategies after injury. Curr.Op.Crit.care Med. 2004;10: Ketchum L., Hess J.R., Hiippala S. Indications for Early Fresh Frozen Plasma, Cryoprecipitate, and Platelet Transfusion in Trauma. J Trauma. 2006;60:S51 S Gonzalez A., Moore F.A., Holcomb J.B., et al. Fresh frozen plasma should be given earlier to patients requiring massive transfusion. J.Trauma.2007;62: The North Pacific Surgical Association. A high ratio of plasma and platelets to packed red blood cells in the first 6 hours of massive transfusion improves outcomes in a large multicenter study. The American Journal of Surgery. 2009;197: Rose AH, Kotzè A,Doolan D,Norfolk DR,Bellamy MC. Massive transfusion-evaluation of current clinical practice and outcome in two large teaching hospital trusts in Northern England. Vox Sanguinis.2009;97: O Shaughnessy D.F., Attembury C., Bolton Magge P., et al. Guidelines for the use of fresh frozen plasma, cryoprecipitate and cryosupernatant. Br.J.Haematol. 1004;126: Ho A.M., Dion P.W., Cheng C.A., et al. A mathematical model for fresh frozen plasma transfusion strategies during major trauma resuscitation with ingoi hemorrhage. Can.J.Surg. 2005;48: Borgman A., Spinella P.C., Prekins J.G., et al. The ratio of blood products transfused affects mortality in patients receiving massive transfusions at a combact support hospital. J.Trauma. 2007;63: Kashuk J.L., Moore E., Johnson L, et al. Postinjury threading coagulopathy: is 1:1 fresh frozen plasma:pace blood cell the ansie?. J.Trauma 2008;65: British Committee for Standards in Haematology. Guidelines on the management of massive blood loss.british Journal Haematologj.2006;135: Coats T., Roberts I., Shakun H. Antifibrinolytic drugs for acute traumatic injury. Cochrane Database REV 2004:Cd Mannucci P.,Levi M. Prevention and treatment of major Blood Loss. The New England Journal of Medicine. 2007:356: Klitgaart T, Tabanera YPR, Boffard K, et al. Recomandation on the use of recombinant factor VII in trauma patients with severe beeding: Crit. Care. 2006;10:R104. Pagina 8 di 14

9 24. O Connell KA, Wood JJ, Wise PR, et al. Thromboembolic adverse events after use of recombinant factor VII. JAMA 2006;295: Martinowitz U, Michealson M. Guidelines for the use os recombinant activated factor VII in uncontrolled bleeding: a report by Israeli multidisciplinary rviia task force. J Thromb Haemost. 2005;3: Meng ZH, Wolberg AS, Monroe DM, et al. The effect of temperature and ph on the activity af factor VIIa: implication for the efficacy of higt dose factor VIIa in hipotermic and acidotic patients. J.Trauma.2003;55: Levi Marcel,Peters Marjolein,Bullen Haray.Efficacy and safety of recombinant factor VIIa for treatment of severe bleeding: A systematic review. Crit Care Med,Vol 33(4).April Kessler CM. Urgent reversal of warfarin with prothrombin complex concentrate: where are the evidence-base data? J Thromb. Haemost. 2006;4: ) Allegati alla Linea Guida Pagine seguenti: Allegato 1: Flow chart emorragia massiva Allegato 2: Flow chart emorragia massiva nel trauma Allegato 3: Flow chart emorragia massiva in chirurgia generale Allegato 4: Flow chart emorragia massiva in ostetricia Allegato 5: Flow chart emorragia massiva in cardiochirurgia Pagina 9 di 14

10 ALLEGATO 1 FLOW-CHART EMORRAGIA MASSIVA Almeno 1 dei seguenti punti: In base a perdita stimata 1 volume ematico/24 ore 1/2 volume ematico in 3 ore > 150 ml/min Classi III e IV classificazione dello shock Qualsiasi emorragia che a giudizio del clinico possa mettere a rischio la vita del paziente Richiedere Emocromo Prove emogeniche Fibrinogeno TEG (se possibile) Mantenere ph > 7.2 Calcio ionizzato > 0,8 mmol/l T paziente > 34 C Trasfondere RBC e PFC (rapporto PFC/RBC = 4/6) Complesso proprombinico attivato IU/Kg(se in terapia con dicumarolici o insuff.epatica) 6 RBC 4 PFC (1000 ml) 1 Unità piastrine Goals terapeutici Hb 7-9 g/l (considera 8-10 g/l se pz cardiopatico) Hct > 24 % INR < Plt >75 x 10 9 /mm 3. (>100 x 10 9 /mm 3. se trauma carnico,disfunzione piastrinica) Fibrinogeno > 100 mg./dl Sanguinamento persistente Escludere cause chirurgiche Acido Tranexamico (se segni fibrinolisi su TEG) Dose carico: mg/kg Infusione continua: 1-5 mg/kg Sospendere appena il sanguinamento controllato Considera(utilizzo off label) dopo la somministrazione di almeno ml/kg di PFC : rfviia 100 mcg/kg in bolo (ripetibile dopo 1 e 3 ore) Pagina 10 di 14

11 ALLEGATO N 2 FLOW CHART EMORRAGIA MASSIVA NEL TRAUMA Ridurre al minimo il tempo tra il trauma ed il controllo dell emorragia Valutazione iniziale della gravità dell emorragia secondo la classificazione dell ACS Corretta identificazione del paziente; richiesta di emocromo con PLT, INR,aPTTratio, fibrinogeno, emogruppo, prove di compatibilità IMMEDIATO SOURCE CONTROL Se la sede dell emorragia è immediatamente evidente ULTERIORI INDAGINI Se la sede ell emorragia non è evidente Controllo dell emorragia Entità dell emorragia ECOGRAFIA Una precoce FAST in tutti i paz con trauma chiuso del tronco ECOGRAFIA Se instabilità emodinamica e FAST positiva immediato source control (chirurgia) TAC In tutti i pazienti emodinamicamente stabili La entità dell emorragia non va valutata su un singolo dato di ematocrito ma piuttosto sul trend della lattatemia SOURCE CONTROL (controllo fonte emorragia) GESTIONE EMODERIVATI RIANIMAZIONE DI VOLUME Chiusura dell anello pelvico P.U.BE. Nei pazienti con evidenza di frattura aperta del bacino Angiografia ed embolizzazione Nei pazienti con evidenza di frattura aperta del bacino che in cui permane nstabilità emodinamica nonostante la chiusura dell anello pelvico Chirurgia Instabilità emodinamica e FAST postiva Stabilità emodinamica ed evidenza TAC di emorragia controllabile chirurgicamente Infusione di emazie concentrate gruppo-specifiche per mantenere un livello di Hb tra 7 e 9 g/dl PFC Pazienti con emorragia massiva o con emorragia complicata da coagulopatia (INR/APTT ratio > 1,5) Dose iniziale u/kg; ulteriori dosi in relazione alle modifiche dei test di laboratorio PCC Concentrato di fattori della coagulazione nei pazienti in TAO o per evitare sovraccarico di voluma da PFC Dose iniziale: 50 u/kg Antifibrinolitici Trattamento opzionale, non supportato da evidenze chiare Stabilire l urgenza trasfusionale (O neg se classe III o IV di shock sec ACS all arrivo nel DEA nonostante adeguata rianimazione do volume Piastrine Mantenere PLT > 50x10 9 /L; in caso di emorragia massiva correlata al trauma o di trauma cranico mantenere livello > 100x10 9 /L. Dose iniziale: 4-8 sacche di concentrato piastrinico o una sacca di aferesi. Fibrinogeno o Crioprecipitato Se emorragia con livello di fibrinogeno < 1 g/l nonostante adeguata somministrazione di PFC Dose iniziale: 50 mg/kg Non indicata somministrazione di Antitrombina Ottenere due grossi accessi venosi periferici di grosso calibro (14 G); Cristalloidi nella rianimazione iniziale; device per la infusione rapida e per il riscaldamento dei fluidi Target emodinamico: PAS mmhg fino ad avvenuto controllo dell emorragia (eccetto nel trauma cranico); PAM > 65 mmhg Mantenere normotermia (riscaldamento passivo, attivo esterno ed interno) Ottimizzazione calcemia (> 1,13 mmoli/l) Considera rfviia se:sanguinamento in atto > 300 ml/h,source control impossibile o inefficace,adeguata correzione emostasi,acidosi,ipotermia,ipocalcemia Pagina 11 di 14

12 Allegato N 3 FLOW CHART EMORRAGIA MASSIVA IN CHIRURGIA GENERALE Sanguinamento a rischio NO Valutazione clinica e screening emostasi se indicato SI Anamnesi coagulopatie Sospensione/reversal famaci anticoagulanti Prove emogeniche/emocromo Se in anticoagulanti orali: Consulenza trasfusionale Considera Complesso Protrombinico attivato Fonte sanguinamento controllabile/trattabile NO SI Procedi a trattamento Sanguinamento controllato? SI Recupero intraoperatorio Coagulopatia? SI Correggi: -Acidosi - Ipotermia - Ipocalcemia -Ematocrito Deficit selettivo? Considera PFC e Plt Sanguinamento controllato? SI NO Ripeti PE/Emocromo Esami coagulazione 2 livello (Fibrinogeno, D-Dimero, TEG) Correggi: -Acidosi - Ipotermia - Ipocalcemia -Ematocrito SI/DUBBIO Fibrinolisi? Antifibrinolitico NO Considera rfviia Pagina 12 di 14

13 FLOW-CHART EMORRAGIA MASSIVA IN OSTETRICIA ALLEGATO N 4 PREVENZIONE Scheda di rischio Correggere anemia Studio placenta Parametri vitali Emogruppo Valutazione perdite Managment attivo III stadio RICONOSCIMENTO PRECOCE Ispezione tratto genitale Valutazione ripetuta perdite, tono uterino e parametri vitali Metilergometria Doppio incannulamento venoso Cristalloidi e colloidi Emocromo,coagulazione e T&S Cateterizzazione vescicole Monitoraggio parametri vitali Ossigeno terapia Allertare aiuto anziano,preallertare anestesista e centro trasfusionale Identificare e trattare la causa: ATONIA (70%) TRAUMA (20%) TISSUE (10%) THROMBIN (1%) Massaggio uterino Compressione bimanuale Farmaci uterotonici Sulprostone iv (0.5 mg/2 h) Misoprostolo subling 400 mcg o rettale 800 mcg Sutura lacerazioni, evacuazione ematomi Correzione inversione utero Se rottura d utero LPT Scovolamento e RCU ecoguidata Placenta accreta, increta isterectomia Fattori della coagulazione EMORRAGIA PERSISTENTE Atonia uterina: analoghi prostaglandine baloon tamponade embolizzazione Emorragia dal segmento inf: baloon tamponade embolizzazione legatura arterie uterine Lesioni tratto genitale: riparazione chirurgica legatura art. ipogastriche embolizzazione - Rimpiazzare perdite entro la prima ora (2 RBC 0 - ) - Monitoraggio invasivo PA e PVC - Emocromo, prove emogeniche, EGA a-v, TEG - riscaldare la paziente - amine vasoattive dopo il rimpiazzo volemico - pre-allertare radiologo interventista EMORRAGIA INTRATTABILE Placenta accreta:embolizzazione Placenta accreta: embolizzazione Rimpiazzare perdite con RBC Valutare plasma ed altri emoderivati Analgesia/sedazione/anestesia e IOT Opzioni chirurgiche: legatura art. uterine suture emostatiche isterectomia totale/sub-totale Pagina 13 di 14

14 ALLEGATO N 5 FLOW-CHART EMORRAGIA MASSIVA IN CARDIOCHIRURGIA Accessi venosi di grosso calibro monitoraggio, O2 Inizia fluidoterapia (cristalloidi/colloidi) Mantiene adeguata pressione di perfusione (MAP 60 mmhg) Invia appena possibile emocromo, prove emogeniche, tromboelastograma Prevenzione e correzione della ipotermia, acidosi, anemia, ipocalcemia Anamnesi:antagonizza farmaci anticoagulanti(ufh e LMWH-protamina, anticoagulanti orali-pfc,cp, vit K, antiaggreganti) Sanguinamento chirurgico TEG normale Attua emorecupero, se non controindicato ± emazie Sanguinamento biologico Controllo: -chirurgico -embolizzazione -endoscopico PFC:EC 1:1,5 per emorragie massive. Senza prove emogeniche (prevenire coagulopatia da emodiluizione) Se sanguinamento massivo life-threatening ed incontrollabile con la terapia standard CONSIDERA: -DDVP (in caso di uremia,cirrosi,antiaggreganti).dose 0.3 ug/kg ev -rfviia (50-90 ug/kg ev)con ph>7.2,temperatura>35 C,Hct > 20%.Particolare attenzione ai pazienti ad alto rischio tromboembolico:cad,cabg R-TEG > R-TEG Hep: protamina INR >1.5 o R-TEG-Hep lungo: PFC 15 ml/kg Fibrinogeno <1gr/L o α-teg ridotto: fibrinogeno o crioprecipitato PLT < /uL o MA-TEG ridotto: aferesi piastrinica Calcio Cloruro 1 gr ev lento Ac tranexamico 10 mg/kg:se sospetto o diagnosi di iperfibrinolisi primaria (LY30, EPL-TEG prolungati) Controlla esami ematochimici dopo la trasfusione di ogni 4-6RBC Pagina 14 di 14

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara Valutazione iniziale del paziente con emorragia digestiva

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Terapia Trasfusionale

Terapia Trasfusionale Percorso Didattico S.I.M.U.T.I.V Ordine dei medici veterinari della provincia di Ravenna Ravenna, 15 settembre 2014 Pronto Soccorso Terapia Trasfusionale Dott. Paolo Gaglio Ospedale Veterinario Gregorio

Dettagli

Emorragia nel politrauma. dott. Matteo De Roberto U.O. Medicina d Urgenza A.O.U. OO.RR. S.Giovanni di Dio e Ruggi D Aragona Salerno

Emorragia nel politrauma. dott. Matteo De Roberto U.O. Medicina d Urgenza A.O.U. OO.RR. S.Giovanni di Dio e Ruggi D Aragona Salerno Emorragia nel politrauma dott. Matteo De Roberto U.O. Medicina d Urgenza A.O.U. OO.RR. S.Giovanni di Dio e Ruggi D Aragona Salerno 5 milioni di persone muoiono ogni anno nel mondo per traumi (10% di tutti

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA)

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Percorso Sepsi Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Giulio Toccafondi Centro Gestione Rischio Clinico,

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

La dose complessiva può essere infusa in 15-20 minuti. E' richiesto il Consenso informato come per tutti gli emoderivati.

La dose complessiva può essere infusa in 15-20 minuti. E' richiesto il Consenso informato come per tutti gli emoderivati. PAZIENTI IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE CHE COSA FARE IN CASO DI: emorragia intracranica emorragie maggiori emorragie minori (con o senza eccessiva anticoagulazione) correzione di eccessiva anticoagulazione

Dettagli

Tabella 1. Giorni di sospensione richiesti per la chirurgia elettiva. Funzione renale (CrCL ml/min)

Tabella 1. Giorni di sospensione richiesti per la chirurgia elettiva. Funzione renale (CrCL ml/min) Indicazioni operative per la terapia con NAO Integrazione del documento regionale Linee Guida di indirizzo per l impiego dei NAO nella Regione Veneto di cui al Decreto n. 75 del 25 luglio 2013 Follow-up

Dettagli

Protesi di ginocchio

Protesi di ginocchio Giornata Regionale della Sicurezza e Qualità delle cure 2014 L efficacia dell'acido tranexamico, nel ridurre le perdite ematiche e il rischio trasfusionale nella chirurgia protesica del ginocchio Dr.ssa

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

UPDATE IN PREHOSPITAL

UPDATE IN PREHOSPITAL EDIZIONE N 11 FEBBRAIO 2011 UPDATE IN PREHOSPITAL BACHECA VIRTUALE DELL EMERGENZA TERRITORIALE [Inserire un breve sunto del contenuto del documento.] SOMMARIO: - - Novità operative (A. Orlandini)...pag

Dettagli

EMERGENZE EMORRAGICHE IN OSTETRICIA PROCEDURE ED ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA OPERATIVA

EMERGENZE EMORRAGICHE IN OSTETRICIA PROCEDURE ED ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA OPERATIVA EMERGENZE EMORRAGICHE IN OSTETRICIA PROCEDURE ED ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA OPERATIVA Le complicanze emorragiche peri-partum rappresentano ancora oggi una delle principali cause di morbilità e mortalità

Dettagli

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Medicina trasfusionale Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli Fonti di sangue

Dettagli

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK:

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK: Shock Percorso diagnostico terapeutico di orientamento FISIOPATOLOGIA E in atto una situazione di shock quando a causa di una disfunzione cardiovascolare si crea un inadeguata perfusione degli organi vitali.

Dettagli

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

IL TRAUMA CRANICO LIEVE NEL PAZIENTE IN TAO - NAO

IL TRAUMA CRANICO LIEVE NEL PAZIENTE IN TAO - NAO IL TRAUMA CRANICO LIEVE NEL PAZIENTE IN TAO - NAO Dott.ssa G. Racca - Medicina d Urgenza e DEA Ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo - Direttore Dott. B. Tartaglino Como,6-7-8 maggio 2015 1. Indicazione

Dettagli

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica 5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica EMOCOMPONENTI: PRODUZIONE E LAVORAZIONI Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale A.O.U. San Luigi Gonzaga-Orbassano EMOCOMPONENTI Emazie concentrate

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Carlo Feo Sezione e U.O. di Chirurgia Generale Università degli Studi di Ferrara Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara Introduzione Costituzione di

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale La trasfusione placentare: fisiologia Taglio precoce e tardivo: effetti nel nato a termine e pretermine Gestione del III stadio del travaglio

Dettagli

LINEE GUIDA INTERNE: RACCOMANDAZIONI SULL USO CLINICO DI EMAZIE CONCENTRATE

LINEE GUIDA INTERNE: RACCOMANDAZIONI SULL USO CLINICO DI EMAZIE CONCENTRATE LINEE GUIDA INTERNE: RACCOMANDAZIONI SULL USO CLINICO DI EMAZIE CONCENTRATE SOMMARIO SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE INDICAZIONI GENERALI ANEMIA DA EMORRAGIA ACUTA AMBITO PERI-OPERATORIO ANEMIA CRONICA ANEMIA

Dettagli

Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0

Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0 Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0 2 INDICE Premessa pag. 3 Azioni pag.3 Obiettivo pag.

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU Stretto controllo glicemia nei pazienti Critici Intensive insulin therapy in critically

Dettagli

TEST COAGULATIVI anno 2012

TEST COAGULATIVI anno 2012 17 novembre 2012 1 TEST COAGULATIVI anno 2012 200000 150000 100000 50000 0 savona pietra albenga cairo Presidio esami per DH esami per esterni esami urgenti per interni esami routine per interni INTERNI

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Furio Colivicchi Dipartimento Cardiovascolare ACO S.Filippo Neri Roma Dicumarolici e Prevenzione dello Stroke nella FA non valvolare Per oltre 60 anni gli

Dettagli

La Trasfusione di Plasma nell Individuo Adulto

La Trasfusione di Plasma nell Individuo Adulto AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI ATTISTA DI TORI La Trasfusione di Plasma nell Individuo Adulto ~ Versione breve ~ Linee Guida Aziendali sulla Trasfusione di Plasma Novembre 2006 AZIENDA SANITARIA

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

dinamiche di gestione extraospedaliera. La conseguenza

dinamiche di gestione extraospedaliera. La conseguenza Anno 0, Numero 1 - Luglio 2010 Editoriale La patologia traumatica costituisce un importante problema di salute pubblica. Come noto ai più, il trauma è responsabile su base mondiale del 9% dei decessi,

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE SOPHIE TESTA Centro Emostasi E Trombosi Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche E

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE Claudia Ferocino TSLB; Dott.ssa Francesca Tanzi Responsabile Accreditamento Servizio Immunoematologia e Dott.ssa

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie.

Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie. 1 Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie. la trasfusione di sangue è stata identificata come una delle 8 funzioni chiave

Dettagli

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Varese 19 Dicembre Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Francesco Dentali, Dipartimento di Medicina Clinica Università dell Insubria Varese Manovre Invasive/Interventi Chirurgici Manovre

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche LO SHOCK Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche Obiettivi Identificare un bambino in stato di shock Differenziare lo shock compensato da quello scompensato Saper porre

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9 4 INDICATORI...9

INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9 4 INDICATORI...9 Prima Stesura Data: 15-02-2014 Redattori: Dott. M. Trenta SIMT POS 030 GESTIONE PAZIENTE ANEMICO PRESSO IL DH TRASFUSIONALE INDICE INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9

Dettagli

www.regione.piemonte.it/sanita 1

www.regione.piemonte.it/sanita 1 1 PREMESSA L infarto miocardico acuto (IMA) e l angina instabile (AI) fanno parte di un gruppo di malattie globalmente definite sindromi coronariche acute (SCA). Gli aspetti elettrocardiografici di esordio

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. ABBREVIAZIONI 5. APPROCCIO TERAPEUTICO FASI NOME/COGNOME (Funzioni) FIRMA DATA Redazione Verifica Approvazione Pagina 2 di 7 1.

Dettagli

CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia. AOU Novara

CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia. AOU Novara NURSING DEL PAZIENTE CONTROPULSATO CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia terapia intensiva AOU Novara NURSING DEL PAZIENTE CONTROPULSATO Il rapporto tra infermiere e

Dettagli

Gestione della terapia trasfusionale

Gestione della terapia trasfusionale Regione Sicilia Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Papardo - Piemonte Gestione della terapia trasfusionale Rev. data Causale della modifica Redatta da Condivisa/Valutata da 00.00 ---------- Stesura Direttore

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EMERGENZA

DIPARTIMENTO DI EMERGENZA DIPARTIMENTO DI EMERGENZA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE Accettazione, Pronto Soccorso ed Osservazione Breve Responsabile Dott. Felice ROTA Via Martiri della Liberta - 17014 Cairo Montenotte (SV) Tel

Dettagli

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO Corso di Laurea in Infermieristica Didattica 2013/2014 INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione IL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE Sommario IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO...

Dettagli

Assistenza al neonato in ipotermia

Assistenza al neonato in ipotermia Assistenza al neonato in ipotermia Laura Brombin Sabrina Gibin NEONATO CON ENCEFALOPATIA IPOSSICO ISCHEMICA AFISSIA PERINATALE è un evento raro ( 3-5 neonati / 1.000 nati vivi ) Conseguenze su vari organi

Dettagli

Un caso di trauma stradale

Un caso di trauma stradale Un caso di trauma stradale Bologna 15 novembre 2013 Michele C. Santoro Dipartimento di Medicina d Urgenza e Accettazione Direttore: Ivo Casagranda Ospedale di Alessandria SS. Antonio e Biagio Anamnesi

Dettagli

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE Aula Magna I.I.S.S. O. Notarangelo-G. Rosati Foggia AIL Pazienti Mielodisplasie La trasfusione di sangue: Quando è necessaria e quali rischi comporta 22

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII Giancarlo Maria Liumbruno Direttore Centro Nazionale Sangue Istituto

Dettagli

SIMT-POS 054 PROCEDURA OPERATIVA AZIENDALE PER L ATTIVITA DI DONAZIONE PREOPERATORIA DI SANGUE AUTOLOGO DPSA

SIMT-POS 054 PROCEDURA OPERATIVA AZIENDALE PER L ATTIVITA DI DONAZIONE PREOPERATORIA DI SANGUE AUTOLOGO DPSA 1 Prima Stesura Data: 16-12-2015 SIMT-POS 054 PROCEDURA OPERATIVA AZIENDALE PER L ATTIVITA DI DONAZIONE PREOPERATORIA DI SANGUE AUTOLOGO DPSA Indice Pagina 1. Scopo 2 2. Campo di Applicazione 2 3. Destinatari

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTO CASTELLI AZIENDA OSPEDALIERA L SACCO POLO UNIVERSITARIO Telefono 02/39041 Fax E-mail Castelli.roberto@hsacco.it

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO Il giorno che precede la prova RILEVAZIONE PARAMETRI VITALI : P.A., POLSO PERIFIERICO E CENTRALE ESECUZIONE ECG FORMATO 3X4 + II DERIVAZIONE RILEVAZIONE

Dettagli

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica?

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO) con complicanza emorragica gastrointestinale presenta aspetti problematici

Dettagli

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO IN PRONTO SOCCORSO VADEMECUM 1 LA GOLDEN HOUR La corretta organizzazione nel gestire l assistenza al politraumatizzato, comporta una significativa riduzione

Dettagli

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1 PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO SpO2 < 90% con O 2 in maschera a 10 l/min Acidosi respiratoria con ph < 7.25 Evidenza clinica di imminente distress

Dettagli

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI A LLEGATO V RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI PARTE A A.1 Modalità per la raccolta del sangue intero e degli emocomponenti raccolti mediante aferesi

Dettagli

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese.

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. Dr. Gianluigi Devoto Direttore Laboratorio Analisi ASL 4 Chiavarese Introduzione Con l introduzione nella pratica

Dettagli

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Dott.ssa Antonella Cocorocchio CPSI UOC PS-BO AO S. Giovanni Addolorata Roma Coordinatore Area Nursing Simeu Lazio Definizione Il care

Dettagli

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca Obiettivi dell incontro Epidemiologia OBIETTIVO DELL INCONTRO Parlare dei nuovi orientamenti nel trattamento dell operando

Dettagli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA ARCISPEDALE S.ANNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA SEZIONE DI EMATOLOGIA Centro per lo Studio dell Emostasi e della Trombosi Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO IN PRONTO SOCCORSO Federica Sturaro SSD Pronto Soccorso Cittiglio GAVIRATE, 25 OTTOBRE 2014 Persona in cui: è assente almeno una delle tre funzioni vitali:

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo Trasfusioni fetali Anemia Alloimmunizzazione Rh Anemia da parvovirus B19 Anemia da

Dettagli

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale Fino al 50% dei casi riscontri incidentali Costante aumento dell incidenza di nuove diagnosi Aumento dell eta

Dettagli

PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE,

PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE, Medicina d urgenza Prof. G. Vendemiale PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE, Dott. G. Serviddio Medicina Interna Universitaria Secrezione pancreatica Il pancreas esocrino produce

Dettagli

FLUIDOTERAPIA PERIOPERATORIA

FLUIDOTERAPIA PERIOPERATORIA FLUIDOTERAPIA PERIOPERATORIA Ospedale Filippo del Ponte Varese Protocolli e Procedure Anestesia Pediatrica N. PAGINE Destinatari: Dirigenti Medici Anestesia e Rianimazione C Ospedale F. del Ponte 0 Prima

Dettagli

Shock settico: trattare già dal Triage?

Shock settico: trattare già dal Triage? Pillola d emergenza SETTEMBRE 2011, Numero 37 In questa pillola di Agostino Nocerino due aggiornamenti di rilievo: - Shock settico: trattare già dal triage? - Il monitoraggio emodinamico avanzato del bambino

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA A cura di: Dott.ssa R. Fiorentini Dott.ssa E. Palma QUANTITA E COMPOSIZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI IL 60% del peso corporeo di un adulto è costituito da liquidi. I

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM PIANO DIDDATICO DEL MASTER IN CHIRURGIA TROPICALE E DELLE EMERGENZE UMANITARIE. A.A. 00-0 Denominazione Moduli Denominazione insegnamenti ORE di didattica frontale per insegnamento CFU tot. Per modulo

Dettagli

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Equivalenza degli antiaggreganti nelle SCA? STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Lo studio PCI-CURE Lancet 2001; 358: 427

Dettagli

Vito Ferro. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico.

Vito Ferro. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico. Vito Ferro Infermiere Strumentista Blocco Operatorio Ch.Gen. E Ch.Ped. A.O.P.C. Catanzaro Premessa La SIC definisce il Trauma una Malattia

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

Preparazione del paziente in sala

Preparazione del paziente in sala 6. Th Turin Cardiovascular Nursing Convention Sostituzione della valvola aortica per via transapicale (TA TAVI) TransApical Transcatheter Aortic Valve Implantation Preparazione del paziente in sala Bonetti

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione Anna Maria Marata Area Valutazione del Farmaco ASSR Regione Emilia Romagna 9 Dicembre 2013 October

Dettagli

:: Tromboastenia di Glanzmann

:: Tromboastenia di Glanzmann :: Tromboastenia di Glanzmann Queste raccomandazioni, tratte dalla versione francese pubblicata nel 2012, sono state adattate da Orphanet-Italia in collaborazione con la Dr.ssa Francesca Clementina Radio

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

XIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Emaferesi e Manipolazione Cellulare. Inibitori dell Enzima di Conversione

XIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Emaferesi e Manipolazione Cellulare. Inibitori dell Enzima di Conversione XIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Emaferesi e Manipolazione Cellulare Inibitori dell Enzima di Conversione dell Angiotensina (ACEi) e Aferesi Produttiva Maurizio Soli Servizio di Immunoematologia

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

Fase intraospedaliera, reti e percorsi

Fase intraospedaliera, reti e percorsi Fase intraospedaliera, reti e percorsi Parte endovascolare Il neuroradiologo interventista Trattamento endovascolare dello stroke ischemico Trattamento endovascolare dello stroke emorragico Salvatore Mangiafico

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

GEL PIASTRICO AUTOLOGO

GEL PIASTRICO AUTOLOGO GEL PIASTRICO AUTOLOGO NECESSITA DI COOPERAZIONE CON IL CENTRO TRASFUSIONALE Considerazioni Medico-Legali L I.S.S. in una nota del 27/12/2001, precisa che: 1) Il prelievo e tutta la procedura di preparazione

Dettagli

Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare. dr. Moreno Marri

Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare. dr. Moreno Marri Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare Dr. Moreno Marri 05/07/13 Fibrillazione atriale e ictus La FA è associata a un aumento di 5 volte

Dettagli