Emorragie post partum

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emorragie post partum"

Transcript

1 ASL 3 Foligno Presidio Ospedaliero di Foligno San Giovanni Battista S.C. di Ostetricia e Ginecologia Direttore: Dr. P.L. Narducci Emorragie post partum P.L. Narducci - F. Lombardo

2 INTRODUZIONE morti per anno, pari a una morte ogni 4 minuti nel mondo dovute a EPP Insorge nel 5% dei parti ed è responsabile della maggior parte delle morti materne che avvengono entro 4 ore dal parto Le EPP non fatali possono determinare comunque anemia sideropenica, S. di Sheehan, scarsa galattopoiesi, esposizione a rischio trasfusionale, coagulopatie, danno d organo associato all ipotensione e allo shock

3 DEFINIZIONE > 500 ml. Entro 24 ore dopo parto vaginale (5-17%) >1000 ml. dopo taglio cesareo SEVERA > 150 ml/min (in 20 provoca una perdita di circa il 50% del volume ematico complessivo) oppure improvvisa > ml PRECOCE o acuta: entro le 24 ore dal parto TARDIVA o secondaria : dalla 24 ora alla 12 settimana dopo il parto (1-3%) Prichard JA et al.: AJOG, 1962 Livello ISS V (ACOG III)

4 MA una perdita ematica post partum che si attesta intorno ai 500 ml. può considerarsi quasi fisiologica in quanto proteggono dall emorragia sia l espansione del volume ematico e l emodiluizione gravidica, che l autotrasfusione nel terzo stadio del parto, dovuta alla riduzione del volume uterino. Inoltre molte pazienti sottoposte a TC perdono circa 1000 ml. di sangue

5 DEFINIZIONE Diminuzione della concentrazione di Hb o dell ematocrito >/= 10% Condizioni cliniche che richiedano l effettuazione di una emotrasfusione Coombs CA et al.:obstet. Gynecol.,1991, Livello ISS IV (ACOG III)

6 MA il valore dell Ht dipende : dal tempo intercorso per il prelievo dalla quantità di fluidi somministrati alla paziente dall eventuale emoconcentazione preesistente (ad es. pre-eclampsia)

7 E esiste una estrema variabilità soggettiva nella valutazione della perdita e la possibilità di misconoscere la presenza di emorragie occulte una stima retrospettiva (come l Ht e aver o meno effettuata una emotrasfusione) dipende da molti fattori soggettivi e locali ed è soggetta a risultati ingannevoli e alla mancanza di elementi utili alla terapia del momento e alla prognosi.

8 EPP: DEFINIZIONE Sanguinamento eccessivo che rende la paziente sintomatica e/o con segni di ipovolemia (ipotensione, tachicardia, oliguria) Perdita ematica che provoca o potrebbe provocare, se non trattata, una instabilità emodinamica alla paziente BJOG 2006;113:919-24

9 Peculiarità dell emorragia ostetrica Emorragia chirurgica Emorragia da coagulapatia

10 MODIFICAZIONI DELLA COAGULAZIONE aumentano Diminuiscono invariate Fattori procoagul. I,V,VII,VIII,IX,X,XII XIII PC,AT fattori anticoag TM SOLUBILE PS proteine adesive Proteine fibrinolitiche Fattore tissutale Microparticelle Modificazioni placentari locali NELLA GRAVIDANZA NORMALE Vwf PAI-1,PAI-2 T-PA TF solubile MP TF Monociti TF TFPI TM, trombomodulina;ps, Proteina S;PC, proteina C;AT;,antitrombina;vWF,fattore Von Willebrand;PAI,attivatore-inibitore plasminogeno;t-pa,attivatore tissutale plasminogeno;tfpi, fattore tissutale inibente la cascata

11 EFFETTI SULLA COAGULAZIONE Ipercoagulabilità in gravidanza e nel terzo stadio Dopo secondamento aumento fibrinolisi Cambio di attività delle piastrine prima e dopo il parto Risposta infiammatoria nel letto placentare con facilitata coagulazione in situ

12 Irrorazione placentare

13 Emostasi post partum EMOSTASI POSTPARTUM EVENTI MECCANICI EFFICACE CONTRAZIONE FATTORI ORMONALI MECCANISMI DELLA COAGULAZIONE

14 Secondamento (modello Schultze e Duncan) retrazione dell utero Contrazione guaine muscolari attorno alle arterie spirali Occlusione arterie spirali formazione dei tappi piastrinici attivazione della cascata della coagulazione attivazione della fibrinolisi

15 ORMONALI: OSSITOCINA Non è chiaro il rapporto fra produzione di ossitocina endogena e gli eventi del terzo stadio del travaglio L uso di ossitocina a scopo terapeutico nel 3 stadio sembra correlata con l insorgenza di atonia Sembra avere un ruolo inconsistente o paradosso nel terzo stadio

16 ORMONALI: PROSTAGLANDINE (PGE 2 PGF 2α ) Interagiscono con ossitocina e luteolisi all inizio e nel mantenimento della gravidanza Forse intervengono nell inizio del travaglio Prodotte dalla decidua, placenta e membrane Aumentano e decrescono simultaneamente al secondamento

17 Shock ipovolemico Dovuto a perdita netta del volume intra vasale e al diminuito trasporto di ossigeno ai tessuti Meccanismi di compensazione: tachicardia riflessa, vasocostrizione periferica, aumentata contrattilità miocardica che aiutano a mantenere costante la perfusione tissutale L ingravescente perdita ematica determina collasso cardiocircolatorio, danno d organo ed eventuale morte

18 Shock emorragico: classificazione CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV % blood loss Up to >2000 % blood volume Up to 15% 15%-30% 30%-40% >40% Pulse rate <100 >100 >120 >140 Blood pressure Normal or increased Decreased Decreased Decreased Respiratory rate >35 Urine Output (ml/h) CSN/mental status > Negligible Slightly anxious Midly anxious anxious confused Confused Lethargic Fluid replacement (3:1 Rate) Crystalloid Crystalloid Crystalloid and blood Crystalloid and blood American College of Surgeons-Committee on Trauma

19 CLASSE PERDITA STIMATA (ml) PERDITA VOLUME (%) 0 (perdita normale) < nessuno ALERT LINE minimi ACTION LINE SEGNI E SINTOMI Diuresi polso periferico frequenza respiro PA posturale PA differenziale Ipotensione Tachicardia Tachipnea Sudorazione fredda 4 >2400 >40 shock Benedetti T.: Obstetric hemorrhage in : A. Poket Companion to Obstetrics,2002, Ch.17

20 ONE ISSU RAUMA EPP HROMBIN

21 cause TONE rischio clinico Sovradistensione uterina Esaurimento muscolo uterino Infezione intramniotica Anomalie funzionali/anatomiche dell utero Farmaci rilassanti l utero Distensione vescicale Pregressa EPP (r.r.=3.3) Etnia spagnola polidramnios,gravidanza multipla,macrosomia Travaglio veloce o rallentato,multipartià,uso di ossitocina Febbre, PROM prolungata Fibromi,anomalie uterine,placenta previa Anestetici alogenati, nitroglicerina

22 cause TISSUE rischio clinico Ritenzione materiale placentare (4%) Secondamento incompleto Placentazione anomala Cotiledone succenturiato o ritenuto Pregressa chirurgia uterina Multiparità Aspetto ecografico anomalo della placenta (previa/accreta) Ritenzione di coaguli Atonia uterina

23 cause TRAUMA rischio clinico Lacerazioni vaginali,cervicali,perineo Parto precipitoso o operativo Lacerazioni uterine durante TC Rottura d utero Inversione uterina Malposizioni,p.p. profondamente impegnata Pregressa chirurgia sull utero Multiparità,placenta fundica,eccessiva trazione funicolo

24 Ematoma del legamento largo

25 Ematoma vulvare

26 Ematoma paravaginale

27 cause THROMBIN rischio clinico Preesistenti M. di Von Willebrand Deficit di fibrinogeno (a- ipo- o disfibrinogenemia) Emofilia A Deficit fattore VII-X Deficit combinato fattore II-VII-X (Vit. K) Deficit fattore XI (emofilia B o m. di Christmas iatrogena Coagulapatie ereditarie o AFLP Ecchimosi,ipertensione Dicumarolici Acquisiti in gravidanza Porpopra trombotica S. emolitica uremica LES Infezioni virali (HIV-CMV-EBV) S. da anticorpi antifosfolipidi Trombocitopenia (</= ) 5% (75%) acuta fegato) Ipertensione gravidica EPH, CID AFLP (atrofia giallo acuta del fegato) iatrogena MEF,Sepsi,Abruptio placentae,embolia amniotica,anticoagulanti FANS, eparina Mortefetale,neutrofilia/neutropenia metrorragia antepartale,collasso improvviso

28 AFLP (Fegato Grasso Acuto della Gravidanza) 1: gravide Più in I gravide nel III trimestre In molte p. esiste deficit di LCHAD (catena lunga 3-idrossi-acil-CoA-deidrogenasi) Diminuita sintesi dei fattori o/e fibrinolisi Segni di danno epatico, aumento APTT e PT diminuzione AT, ipofibrinogenemia, emorragie,trombocitopenia Mortalità fetale 15%, Materna 5%

29 PRE-ECLAMPSIA -HELLP Le piastrine diminuiscono nel 50% delle p. in relazione alla gravità della sintomatologia Eccessiva attivazione delle Ptl, adesione all endotelio danneggiato e/o Distruzione delle Ptl rivestite dalla IgG da parte del sistema reticoloendoteliale Attivazione della cascata della coagulazione Attivazione APTT e PT Fibrinogeno normale Aumento del D-Dimero e dei complessi TAT

30 Ma Nonostante l identificazione di fattori di rischio, l emorragia post partum primaria si verifica spesso imprevedibilmente in donne a basso rischio Mousa HA,Alfirevic Z: Treatment for PPH, Cochrane Review-2004

31 PREVENZIONE DELLA EPP (SOGC)-1 AMTSL (conduzione attiva del III stadio del parto) riduce il rischio di EPP e dovrebbe essere offerta e raccomandata a tutte le donne (I-A) OSSITOCINA (10 UI) nei parti vaginali a basso rischio dopo il disimpegno della spalla anteriore, va considerato come farmaco di prima scelta (I-A) OSSITOCINA (20-40 UI in 1000 ml, 150 ml/h) è un alternativa accettabile al AMTSL (I-B) Una dose di 5-10 UI di ossitocina e.v. in 1-2 può essere usata dopo parto vaginale,ma non è raccomandata dopo TC (II-B) J Obstet Gynaecol Can 32009;31(10): WHO guideline for the menagement of PPH, 2009

32 Conduzione del III stadio del travaglio (AMTSL) ATTIVA Uso di uterotonici DI ATTESA Secondamento spontaneo Clampaggio precoce Trazione controllata del cordone Massaggio uterino o uterotonici solo se necessario

33 Conduzione attiva del secondamento dopo parto vaginale La gestione attiva nella terza fase del travaglio ha dimostrato di essere efficace nel ridurre la perdita di sangue in tutte le donne. Oxford Centre for Evidence-based Medicine livelli di evidenza. May Maggio FIGO 2006; RCOG 2007; Ministero Salute 2007

34 PREVENZIONE DELLA EPP (SOGC) Quando possibile, ritardare il taglio del cordone di almeno 60 è preferibile nei nati <37 sett.(i-a) Nei neonati a termine l aumento di rischio di ittero con necessità di fototerapia contrasta con i maggiori livelli di Hb e ferro al 6 mese di vita determinati da un ritardato clampaggio del cordone. (I-C) Non c è evidenza che il drenaggio del cordone ombelicale prevenga la EPP (II-1C) La somministrazione di ossitocina (10-30 UI) o misoprostolo (800 μg) intraombelicale può essere considerato prima del secondamento manuale (II-2C) Anticipare il secondamento prima dei tradizionali non riduce il rischio di EPP (II-2C) Obstet Gynaecol Can 32009;31(10):

35 E ' ammessa, tuttavia, a condizione che donna e operatore sanitario siano pienamente informati, la decisione di non usare una gestione attiva del III stadio, in alcuni casi individuali e / o che tale orientamento non debba essere considerato come cura substandard

36 Farmaci uterotonici Dose e via di somministrazione Ossitocina EV: 20 UI in 1 l. 60 gtt/min Dosi ulteriori EV : 20 UI in 1 l. 40 gtt/min Dose massima Max 3 l. di liquidi con ossitocina 20 UI/l NO ulteriori boli Ergometrina/metilergometrina Prostaglandina F2 alfa IM o EV lenta: 0.2mg IM 0.25 mg Ripetere dopo 15 Se necessario 0.2 mg ogni 4 ore Totale 1 mg. (5 dosi) Precauzioni/controindicazioni Preeclampsia,ipertensio ne,cardiopatie 0.25 mg ogni 15 Totale 2 mg. (8 dosi) Asma Managing complications in pregnancy and childbirth Ginevra, WHO, 2000, page 5-28, tabella S-8 modificata

37 PREVENZIONE DELLA EPP (SOGC) Carbetocina,100 μg e.v. in 1 in alternativa all infusione continua di ossitocina nei TC per diminuire la richiesta di uterotonici. (I-B) Dopo parto vaginale la Carbetocina 100 μg i.m. diminuisce la necessità di massaggio uterino nel prevenire la EPP comparata all infusione continua di ossitocina (I-B) Ergonovina (0.2 mg i.m.), Misoprostolo ( μg per os,sub-l, e.r.) in alternativa all ossitocina dopo parto vaginale quando non disponibile ossitocina (II-1B) J Obstet Gynaecol Can 32009;31(10):

38 Farmaci emostatici Dose e via di somministrazione Misoprostolo Ac.tranexamico rfviia μg os o via rettale Dosi ulteriori Ripetibile dopo 2 ore Dose massima Precauzioni/controindicazioni Disturbi gastrointestinali,feb bre EV: 1 gr EV: μg/kg in gr ogni 8 ore Ripetibile ogni 2 ore 3 gr. Aumento rischio trombotico Febbre, ipertensione trombosi

39 Fattore VII ricombinante attivato Il rfviia (NovoSeven) sembra poter essere un potenziale agente emostatico universale da usarsi prima delle tecniche di embolizzazione e/o legatura delle arterie uterine e/o iliache interne Israeli Multidisciplinary rviia Task Force. J Thromb Haemost 2005;3:640-8

40 rviia (NovoSeven) VANTAGGI Prodotto ricombinante Indipendente dalla carenza di sangue No trasmissioni virali No proteine umane Emostasi localizzata Basso rischio anafilattico Non risposte anamnestiche Bassa trombogenicità efficace durante e dopo atto chirurgico Breve periodo di dimezzamento Non efficacia 100% Azione non misurabile dal laboratorio Confezioni limitate Somministrazione endovenosa costo SVANTAGGI

41 EUPHRATES EUropean Project on obstetric Haemorrhage Reduction: Attitudes, Trial, and Early warning System JUN 2007 DOI: /j x RCOG 2007 BJOG An International Journal of Obstetrics and Gynaecology

42 EUPHRATES Questo consenso non è un protocollo o una linea guida. Esso rappresenta un consenso europeo su quanto potrebbe essere condiviso da tutti i paesi europei, pur riconoscendo che ogni singolo reparto di maternità dovrebbe avere il suo proprio protocollo scritto per il trattamento e la prevenzione delle emorragie post partum.

43

44

45 EUPHRATES L inadeguatezza nella gestione delle emorragie post-partum è spesso correlata ad una mancanza di comunicazione all'interno del team ostetrico e tra esso e quello di altre specialità. La gestione dei casi difficili da parte di una squadra può fare la differenza tra la vita e la morte.

46 problemi di comunicazione individuati a) ritardo dei Sanitari in prima linea nel chiamare i colleghi senior in tempo. b) la riluttanza dei colleghi più anziani a venire, quando informati del problema. c) ritardo da parte del team ostetrico nell informare in tempo altri specialisti, per esempio in terapia intensiva, anestesia, ed ematologia. d) il fallimento di anestesisti e ostetrici nel tenersi reciprocamente informati degli eventi pertinenti, come una rapida perdita di sangue, comparsa di tachicardia, interventi di sostegno della pressione arteriosa, quali fluidi sostitutivi e / o utilizzazione di farmaci vasopressori e) Il mancato ottenimento del sangue per le trasfusioni, a causa della mancanza di percezione da parte del laboratorio / personale trasfusionista della gravità della situazione.

47 Trattamento iniziale della EPP Chiamare aiuto Massimo sforzo terapeutico golden hour con coinvolgimento e condivisione ai massimi livelli di responsabilità e liberalità nei dosaggi farmacologici Controllo dell ABC (airway, breathing, circulation) Ossigeno in maschera Accesso venoso con due aghi da 16 o meglio 14 G Cristalloidi (regola del 3:1), soluz. Isotoniche (regola 1:1) Monitoraggio PA,FC,FR,PO2 Cateterismo vescicale, monitoraggio perdita ematica dall utero Laboratorio (emocromo,coagulazione, gruppo e prove crociate)

48 H: chiedere aiuto A: valutare i parametri vitali della p. e l entità del sanguinamento E: stabilire l eziologia e il trattamento più appropriato (somministrazione di ossitocina, ergometrina, syntometrina); M: praticare il massaggio uterino; O: procedere con l infusione di ossitocina, prostaglandine ( per via rettale,intramuscolare, endovena, intramiometriale); S: trasferire la paziente in sala operatoria, escludere traumi o ritenzione di materiale,procedere con la compressione bimanuale; T: : tamponade balloon ; A: applicare suture compressive ; S: devascolarizzazione pelvica sistematica (arterie uterine, ovariche, iliache interne); I: intervento radiologico, embolizzazione dell arteria uterina; S: intervento di isterectomia totale o subtotale per via laparotomica A. Lalonde, B.A. Daviss, A. Acosta, K. Herschderfer. Postpartum haemorrhage today:icm/figo initiative International Journal of Gynecology and Obstetrics 2006; 94,

49 etiologia Terapia mirata Persistenza della perdita Persistenza della perdita Persistenza della perdita Utero molle e rilassato Atonia uterina Massaggio uterino uterotonici Compressione bimanuale/aortica, tamponamento/pall one Suture compressive Embolizzazione arteriosa Legatura aa. Uterine/ipogastriche isterectomia Placenta non/parzialmente espulsa Placenta ritenuta Tutta placenta Uterotonici, trazione funicolo, uterotonici intracordonali Ritenzione frammenti placentari Secondamento manuale Placdenta accreta Rimozione laparotomica Isterectomia Incompleta separazione Secondamento manuale, courettage isterectomia Utero contratto, emorragia o Trauma del tratto genitale inferiore Riparazione delle lacerazioni schock subito dopo parto FU non apprezzabile o affiorante alla vulva Rottura d utero Laparotomia per riparazione o isterectomia Inversione uterina Correzione in narcosi Se riesce mantenere il tono uterino con uterotonici Correzione laparotomica isterectomia coagulazione Trattamennto trasfusionale WHO guideline, Geneva,2009

50 FATTORI SOCIALI (emarginazione, trasporti carenti) Cure prenatali carenti Anemia ante parto morte grave morbilità moderata morbilità media morbilità insulto clinico INTERVENTO TEMPESTIVO Personale qualificato Disponibilità farmaci e sangue Buoni servizi ostetrici popolazione generale gravide

51 A tutti coloro che hanno conosciuto i dubbi, le perplessità e le paure come io le ho conosciute, A tutti coloro che hanno commesso errori, come me, A tutti coloro la cui umiltà aumenta con la conoscenza di questa materia così affascinante, questo libro è dedicato. Professor Ian Donald: Practical Obstetric Problems -Glasgow University

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara Valutazione iniziale del paziente con emorragia digestiva

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

Le piastrinopenie in gravidanza e in puerperio

Le piastrinopenie in gravidanza e in puerperio Le piastrinopenie in gravidanza e in puerperio Dott.ssa Paola Pileri 20 aprile 2015, Conegliano La conta piastrinica in gravidanza: nel 90% rimane invariata La trombocitopenia è il secondo disordine (712%delle

Dettagli

PRESENTAZIONE PODALICA

PRESENTAZIONE PODALICA 1 2 3 INDICE 4 PRESENTAZIONE PODALICA 4% delle gravidanze a termine (CeDAP 2008) Nel 2000 è stato pubblicato un Trial multicentrico randomizzato internazionale (Term Breech trial) che ha dimostrato che

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

EMERGENZE EMORRAGICHE IN OSTETRICIA PROCEDURE ED ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA OPERATIVA

EMERGENZE EMORRAGICHE IN OSTETRICIA PROCEDURE ED ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA OPERATIVA EMERGENZE EMORRAGICHE IN OSTETRICIA PROCEDURE ED ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA OPERATIVA Le complicanze emorragiche peri-partum rappresentano ancora oggi una delle principali cause di morbilità e mortalità

Dettagli

E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12)

E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione (D.P.C.M. 14 luglio 1995) S.C. GINECOLOGIA E OSTETRICIA Linee

Dettagli

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI COINVOLGONO ENDOTELIO PIASTRINE FATTORI DELLACOAGULAZIONE Piccin Nuova

Dettagli

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale La trasfusione placentare: fisiologia Taglio precoce e tardivo: effetti nel nato a termine e pretermine Gestione del III stadio del travaglio

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Dr.ssa Ost. Monica Vitali San Pellegrino Terme, 31 Marzo 2012

Dettagli

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA Dr.ssa FEDERICA GIOMMI Milano Marittima 5 Giugno 2010 www.centroaretusa.it Preeclampsia Preeclampsia : 2% delle gravidanze,

Dettagli

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA Teresa Giusto La scelta dell anestesia loco-regionale nel taglio cesareo è influenzata da diversi fattori: poiché non esercita un azione depressiva sul nascituro rende

Dettagli

Terapia Trasfusionale

Terapia Trasfusionale Percorso Didattico S.I.M.U.T.I.V Ordine dei medici veterinari della provincia di Ravenna Ravenna, 15 settembre 2014 Pronto Soccorso Terapia Trasfusionale Dott. Paolo Gaglio Ospedale Veterinario Gregorio

Dettagli

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Ostetrica Monica Vitali Lallio, 14 Aprile 2009 1 Obiettivi Identificare

Dettagli

Fibromi uterini, le soluzioni possibili

Fibromi uterini, le soluzioni possibili Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A. Gemelli ROMA Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente Dipartimento di Bioimmagini e Scienze Radiologiche

Dettagli

Embolizzazione dei fibromi uterini Informazioni per il Paziente

Embolizzazione dei fibromi uterini Informazioni per il Paziente Embolizzazione dei fibromi uterini Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia www.cirse.org www.uterinefibroids.eu Cardiovascular and Interventional Radiological

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF.

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF. Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF. NICOLA COLACURCI Il puerperio PUERPERIO Tempo che intercorre tra la fine del

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof.

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Corso di Laurea in OSTETRICIA Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Fabio GHEZZI Programma: Il monitoraggio della gravidanza fisiologica

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it. Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico

Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it. Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico INTEGRITA DEL SISTEMA VASCOLARE PIASTRINE VASI SANGUIGNI FATTORI DELLA COAGULAZIONE Eziologia chiara Trauma,

Dettagli

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. Giovanni Battista Nardelli Dott.ssa

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro Emicrania e trombofilie C. Cavestro Perché porsi il problema L emicrania comporta un aumentato rischio di malattie vascolari, in particolare l emicrania con aura 2/3 degli emicranici sono donne, categoria

Dettagli

Raffaella Michieli Venezia

Raffaella Michieli Venezia Le malattie infettive in gravidanza: quando è indicato il Taglio Cesareo? Raffaella Michieli Venezia Trasmissione verticale delle infezioni in gravidanza Contagio intrauterino ( infezioni congenite) Contagio

Dettagli

Embolizzazione dei fibromi uterini

Embolizzazione dei fibromi uterini Embolizzazione dei fibromi uterini INFORMAZIONI PER LA PAZIENTE Allegato n.3 COSA SONO I FIBROMI I fibromi sono tumori benigni della parete muscolare dell'utero che possono causare problemi diversi a seconda

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA Divisione di Ostetricia e Ginecologia Ospedale V. Cervello Palermo Direttore Dott. Desiderio Gueli Alletti TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA I Corso di Aggiornamento su Trombofilia e Complicanze

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

TEST COAGULATIVI anno 2012

TEST COAGULATIVI anno 2012 17 novembre 2012 1 TEST COAGULATIVI anno 2012 200000 150000 100000 50000 0 savona pietra albenga cairo Presidio esami per DH esami per esterni esami urgenti per interni esami routine per interni INTERNI

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

EMERGENZE MEDICO- CHIRURGICHE IN OSTETRICIA

EMERGENZE MEDICO- CHIRURGICHE IN OSTETRICIA EMERGENZE MEDICO- CHIRURGICHE IN OSTETRICIA Prof. F. Polatti Ordinario di Ginecologia e Ostetricia Università degli Studi di Pavia NOTE INTRODUTTIVE CAUSE DI AUMENTO DELL INCIDENZA DI EMERGENZE IN AMBITO

Dettagli

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Le infezioni microbiologiche in Ostetricia e Ginecologia Bergamo, 27 Maggio 2011 Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Dr.ssa Stefania Rampello USS Area del parto - OORR

Dettagli

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO Corso di Laurea in Infermieristica Didattica 2013/2014 INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione IL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE Sommario IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO...

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

10 Urgenze nel travaglio e nel parto

10 Urgenze nel travaglio e nel parto 10 Urgenze nel travaglio e nel parto URGENZE NEL TRAVAGLIO E NEL PARTO Le urgenze cliniche che si possono presentare al momento del travaglio e del parto hanno caratteristiche tali da non permettere la

Dettagli

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA)

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Percorso Sepsi Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Giulio Toccafondi Centro Gestione Rischio Clinico,

Dettagli

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto Clinica Ostetrico Ginecologica Direttore Prof. A. Patella Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto vaginale dopo cesareo Liliana Pittini Per una scelta informata Cosa dire Come dirlo Quando

Dettagli

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Emofilia L emofilia è una malattia autosomica recessiva legata al cromosoma X Meccanismo ereditario dell Emofilia A e B 50% 50% 100% 100%

Dettagli

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE Dolore coronarico: gravativo, oppressivo, costrittivo, retrosternale, a morsa, in crescendo,con irradiazioni anche extratoraciche Dolore da dissecazione aortica: lacerante, precordiale e/dorsale, andamento

Dettagli

Sezione Ticino. Gravidanza

Sezione Ticino. Gravidanza Sezione Ticino Gravidanza Una gravidanza normale dura circa 40 settimane ovvero 280 giorni dal primo giorno dell ultima mestruazione. Si considera a termine un bambino nato tra 37+0 e 41+6 e viene considerato

Dettagli

Profilo assistenziale aborto chirurgico

Profilo assistenziale aborto chirurgico 30 anni di applicazione della legge 194 in Emilia-Romagna riflessioni e proposte Modena - 24 Novembre 2009 Profilo assistenziale aborto chirurgico Marinella Lenzi U.O.C Ostetricia e Ginecologia Direttore

Dettagli

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche LO SHOCK Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche Obiettivi Identificare un bambino in stato di shock Differenziare lo shock compensato da quello scompensato Saper porre

Dettagli

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Medicina trasfusionale Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli Fonti di sangue

Dettagli

Il Dolore da Travaglio di Parto: conoscerlo e controllarlo

Il Dolore da Travaglio di Parto: conoscerlo e controllarlo Il Dolore da Travaglio di Parto: conoscerlo e controllarlo U.O. di Anestesia e Rianimazione Clinica Mangiagalli - Milano Terapia del dolore da parto Analgesia non farmacologica Analgesia farmacologica

Dettagli

La gravidanza a rischio e la nascita prematura

La gravidanza a rischio e la nascita prematura La gravidanza a rischio e la nascita prematura Pier Luigi Montironi Direttore S.C. Ostetricia Ginecologia Ospedale S. Croce Moncalieri Il parto pretermine costituisce uno dei maggiori problemi sanitari,

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO Il giorno che precede la prova RILEVAZIONE PARAMETRI VITALI : P.A., POLSO PERIFIERICO E CENTRALE ESECUZIONE ECG FORMATO 3X4 + II DERIVAZIONE RILEVAZIONE

Dettagli

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino.

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino. Sulle sponde del Ticino Novara, 14-15 gennaio 2011 Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: competenze tecnico-professionali ed organizzative dell infermiere Cinzia Delpiano S.C. Cardiologia

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA ARCISPEDALE S.ANNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA SEZIONE DI EMATOLOGIA Centro per lo Studio dell Emostasi e della Trombosi Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA CARTELLA DELLA GRAVIDANZA Portare tutta la documentazione ad ogni visita ed al ricovero N 20.. Cognome.Nome.... Nata a. il. età.. Residente via/piazza. Comune.. Prov tel/cel.. Professione. Tessera Sanitaria.

Dettagli

Inibitori acquisiti della coagulazione

Inibitori acquisiti della coagulazione Inibitori acquisiti della coagulazione Cristina Legnani UO Angiologia e Malattie della Coagulazione Marino Golinelli Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna Bologna, 19 Giugno 2010 Inibitori acquisiti

Dettagli

DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO

DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO INQUADRAMENTO E DEFINIZIONE Le spalle non escono spontaneamente dopo la fuoriuscita della testa del feto e sono necessarie ulteriori manovre ostetriche dopo

Dettagli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli LIVELLI DI PROVA I L esecuzione di questa procedura è fortemente raccomandata II Prove ottenute da un solo studio randomizzato di disegno adeguato III Prove

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

Azienda Ospedaliera Università di Padova U.O.C. Clinica Ginecologica e Ostetrica - Direttore : Prof. Giovanni B. Nardelli Centro PMA

Azienda Ospedaliera Università di Padova U.O.C. Clinica Ginecologica e Ostetrica - Direttore : Prof. Giovanni B. Nardelli Centro PMA Azienda Ospedaliera Università di Padova U.O.C. Clinica Ginecologica e Ostetrica - Direttore : Prof. Giovanni B. Nardelli Centro PMA LA GESTIONE DELLA SINDROME DA IPERSTIMOLAZIONE OVARICA Aggiornamenti

Dettagli

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum La sorveglianza della mortalità materna in Italia: validazione del progetto pilota e prospettive future 5 Marzo 2015 Istituto Superiore di Sanità La Sorveglianza Ostetrica come occasione di integrazione

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.)

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) Si espongono, per opportuna conoscenza, gli ultimi aggiornamenti disponibili al 12/10/2014

Dettagli

LEVATRICI CHE LEGGONO E SCRIVONO

LEVATRICI CHE LEGGONO E SCRIVONO Reggio Emilia, 13 ottobre 2007 I libri dell ostetrica Dina Viani nella Sezione Antica P.G. Corradini della Biblioteca dell Azienda Ospedaliera Arcispedale S. Maria Nuova di Reggio Emilia : una riscoperta

Dettagli

PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE,

PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE, Medicina d urgenza Prof. G. Vendemiale PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE, Dott. G. Serviddio Medicina Interna Universitaria Secrezione pancreatica Il pancreas esocrino produce

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI A cura della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale

Dettagli

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo IL TAGLIO CESAREO ELETTIVO: INDICAZIONI Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo Marcella Falcieri 2011 TAGLIO CESAREO ELETTIVO INDICAZIONI DA EBM/EBO LG ISS 2011 RCOG 2011 REALTA ASSISTENZIALE Tasso

Dettagli

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA - alterazione funzione renale con quadro clinico molto vario da muto a gravissimo - patogenesi varia, distinta in tre forme: 1. pre-renale (funzionale) 2. renale (organica) 3. post-renale (ostruttiva)

Dettagli

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi Le varici in gravidanza: gestione della paziente Le varici in gravidanza sono un evenienza tutt altro che rara. Possiamo ritenerle quasi la regola. Poiché oltre il 70% delle donne durante la gravidanza

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo Trasfusioni fetali Anemia Alloimmunizzazione Rh Anemia da parvovirus B19 Anemia da

Dettagli

L URGENZA MEDICA IN REPARTO

L URGENZA MEDICA IN REPARTO L URGENZA MEDICA TRA PRONTO SOCCORSO E REPARTO Domande e risposte L URGENZA MEDICA IN REPARTO Paola Marvasi URGENZA STABILIZZATA IN PS URGENZA CHE SI MANIFESTA IN REPARTO: Sepsi severa shock Insufficienza

Dettagli

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK:

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK: Shock Percorso diagnostico terapeutico di orientamento FISIOPATOLOGIA E in atto una situazione di shock quando a causa di una disfunzione cardiovascolare si crea un inadeguata perfusione degli organi vitali.

Dettagli

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK FISIOPATOLOGIA dello SHOCK SHOCK O COLLASSO CARDIOCIRCOLATORIO insufficienza acuta del circolo periferico, causata da uno squilibrio tra massa liquida circolante e capacità del letto vascolare Si verificano:

Dettagli

I near miss da emorragia del post-partum: una della attività di ricerca e formazione dell Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS)

I near miss da emorragia del post-partum: una della attività di ricerca e formazione dell Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS) I near miss da emorragia del post-partum: una della attività di ricerca e formazione dell Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS) Serena Donati Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE. presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO

PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE. presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO Introduzione al Progetto La salute materno infantile è un indicatore importante del livello di sviluppo

Dettagli

scaricato da sunhope.it

scaricato da sunhope.it Test di secondo livello per la valutazione della coagulazione I test di cui vi parlo oggi sono test di secondo livello, che si fanno quando i test di primo livello sono risultati negativi ma il paziente

Dettagli

Fase intraospedaliera, reti e percorsi

Fase intraospedaliera, reti e percorsi Fase intraospedaliera, reti e percorsi Parte endovascolare Il neuroradiologo interventista Trattamento endovascolare dello stroke ischemico Trattamento endovascolare dello stroke emorragico Salvatore Mangiafico

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona Sala Cardiologia Interventista, Presidio ospedaliero Santa Corona Pietra Ligure (SV), ASL2 STROKE

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli