Emorragie post partum

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emorragie post partum"

Transcript

1 ASL 3 Foligno Presidio Ospedaliero di Foligno San Giovanni Battista S.C. di Ostetricia e Ginecologia Direttore: Dr. P.L. Narducci Emorragie post partum P.L. Narducci - F. Lombardo

2 INTRODUZIONE morti per anno, pari a una morte ogni 4 minuti nel mondo dovute a EPP Insorge nel 5% dei parti ed è responsabile della maggior parte delle morti materne che avvengono entro 4 ore dal parto Le EPP non fatali possono determinare comunque anemia sideropenica, S. di Sheehan, scarsa galattopoiesi, esposizione a rischio trasfusionale, coagulopatie, danno d organo associato all ipotensione e allo shock

3 DEFINIZIONE > 500 ml. Entro 24 ore dopo parto vaginale (5-17%) >1000 ml. dopo taglio cesareo SEVERA > 150 ml/min (in 20 provoca una perdita di circa il 50% del volume ematico complessivo) oppure improvvisa > ml PRECOCE o acuta: entro le 24 ore dal parto TARDIVA o secondaria : dalla 24 ora alla 12 settimana dopo il parto (1-3%) Prichard JA et al.: AJOG, 1962 Livello ISS V (ACOG III)

4 MA una perdita ematica post partum che si attesta intorno ai 500 ml. può considerarsi quasi fisiologica in quanto proteggono dall emorragia sia l espansione del volume ematico e l emodiluizione gravidica, che l autotrasfusione nel terzo stadio del parto, dovuta alla riduzione del volume uterino. Inoltre molte pazienti sottoposte a TC perdono circa 1000 ml. di sangue

5 DEFINIZIONE Diminuzione della concentrazione di Hb o dell ematocrito >/= 10% Condizioni cliniche che richiedano l effettuazione di una emotrasfusione Coombs CA et al.:obstet. Gynecol.,1991, Livello ISS IV (ACOG III)

6 MA il valore dell Ht dipende : dal tempo intercorso per il prelievo dalla quantità di fluidi somministrati alla paziente dall eventuale emoconcentazione preesistente (ad es. pre-eclampsia)

7 E esiste una estrema variabilità soggettiva nella valutazione della perdita e la possibilità di misconoscere la presenza di emorragie occulte una stima retrospettiva (come l Ht e aver o meno effettuata una emotrasfusione) dipende da molti fattori soggettivi e locali ed è soggetta a risultati ingannevoli e alla mancanza di elementi utili alla terapia del momento e alla prognosi.

8 EPP: DEFINIZIONE Sanguinamento eccessivo che rende la paziente sintomatica e/o con segni di ipovolemia (ipotensione, tachicardia, oliguria) Perdita ematica che provoca o potrebbe provocare, se non trattata, una instabilità emodinamica alla paziente BJOG 2006;113:919-24

9 Peculiarità dell emorragia ostetrica Emorragia chirurgica Emorragia da coagulapatia

10 MODIFICAZIONI DELLA COAGULAZIONE aumentano Diminuiscono invariate Fattori procoagul. I,V,VII,VIII,IX,X,XII XIII PC,AT fattori anticoag TM SOLUBILE PS proteine adesive Proteine fibrinolitiche Fattore tissutale Microparticelle Modificazioni placentari locali NELLA GRAVIDANZA NORMALE Vwf PAI-1,PAI-2 T-PA TF solubile MP TF Monociti TF TFPI TM, trombomodulina;ps, Proteina S;PC, proteina C;AT;,antitrombina;vWF,fattore Von Willebrand;PAI,attivatore-inibitore plasminogeno;t-pa,attivatore tissutale plasminogeno;tfpi, fattore tissutale inibente la cascata

11 EFFETTI SULLA COAGULAZIONE Ipercoagulabilità in gravidanza e nel terzo stadio Dopo secondamento aumento fibrinolisi Cambio di attività delle piastrine prima e dopo il parto Risposta infiammatoria nel letto placentare con facilitata coagulazione in situ

12 Irrorazione placentare

13 Emostasi post partum EMOSTASI POSTPARTUM EVENTI MECCANICI EFFICACE CONTRAZIONE FATTORI ORMONALI MECCANISMI DELLA COAGULAZIONE

14 Secondamento (modello Schultze e Duncan) retrazione dell utero Contrazione guaine muscolari attorno alle arterie spirali Occlusione arterie spirali formazione dei tappi piastrinici attivazione della cascata della coagulazione attivazione della fibrinolisi

15 ORMONALI: OSSITOCINA Non è chiaro il rapporto fra produzione di ossitocina endogena e gli eventi del terzo stadio del travaglio L uso di ossitocina a scopo terapeutico nel 3 stadio sembra correlata con l insorgenza di atonia Sembra avere un ruolo inconsistente o paradosso nel terzo stadio

16 ORMONALI: PROSTAGLANDINE (PGE 2 PGF 2α ) Interagiscono con ossitocina e luteolisi all inizio e nel mantenimento della gravidanza Forse intervengono nell inizio del travaglio Prodotte dalla decidua, placenta e membrane Aumentano e decrescono simultaneamente al secondamento

17 Shock ipovolemico Dovuto a perdita netta del volume intra vasale e al diminuito trasporto di ossigeno ai tessuti Meccanismi di compensazione: tachicardia riflessa, vasocostrizione periferica, aumentata contrattilità miocardica che aiutano a mantenere costante la perfusione tissutale L ingravescente perdita ematica determina collasso cardiocircolatorio, danno d organo ed eventuale morte

18 Shock emorragico: classificazione CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV % blood loss Up to >2000 % blood volume Up to 15% 15%-30% 30%-40% >40% Pulse rate <100 >100 >120 >140 Blood pressure Normal or increased Decreased Decreased Decreased Respiratory rate >35 Urine Output (ml/h) CSN/mental status > Negligible Slightly anxious Midly anxious anxious confused Confused Lethargic Fluid replacement (3:1 Rate) Crystalloid Crystalloid Crystalloid and blood Crystalloid and blood American College of Surgeons-Committee on Trauma

19 CLASSE PERDITA STIMATA (ml) PERDITA VOLUME (%) 0 (perdita normale) < nessuno ALERT LINE minimi ACTION LINE SEGNI E SINTOMI Diuresi polso periferico frequenza respiro PA posturale PA differenziale Ipotensione Tachicardia Tachipnea Sudorazione fredda 4 >2400 >40 shock Benedetti T.: Obstetric hemorrhage in : A. Poket Companion to Obstetrics,2002, Ch.17

20 ONE ISSU RAUMA EPP HROMBIN

21 cause TONE rischio clinico Sovradistensione uterina Esaurimento muscolo uterino Infezione intramniotica Anomalie funzionali/anatomiche dell utero Farmaci rilassanti l utero Distensione vescicale Pregressa EPP (r.r.=3.3) Etnia spagnola polidramnios,gravidanza multipla,macrosomia Travaglio veloce o rallentato,multipartià,uso di ossitocina Febbre, PROM prolungata Fibromi,anomalie uterine,placenta previa Anestetici alogenati, nitroglicerina

22 cause TISSUE rischio clinico Ritenzione materiale placentare (4%) Secondamento incompleto Placentazione anomala Cotiledone succenturiato o ritenuto Pregressa chirurgia uterina Multiparità Aspetto ecografico anomalo della placenta (previa/accreta) Ritenzione di coaguli Atonia uterina

23 cause TRAUMA rischio clinico Lacerazioni vaginali,cervicali,perineo Parto precipitoso o operativo Lacerazioni uterine durante TC Rottura d utero Inversione uterina Malposizioni,p.p. profondamente impegnata Pregressa chirurgia sull utero Multiparità,placenta fundica,eccessiva trazione funicolo

24 Ematoma del legamento largo

25 Ematoma vulvare

26 Ematoma paravaginale

27 cause THROMBIN rischio clinico Preesistenti M. di Von Willebrand Deficit di fibrinogeno (a- ipo- o disfibrinogenemia) Emofilia A Deficit fattore VII-X Deficit combinato fattore II-VII-X (Vit. K) Deficit fattore XI (emofilia B o m. di Christmas iatrogena Coagulapatie ereditarie o AFLP Ecchimosi,ipertensione Dicumarolici Acquisiti in gravidanza Porpopra trombotica S. emolitica uremica LES Infezioni virali (HIV-CMV-EBV) S. da anticorpi antifosfolipidi Trombocitopenia (</= ) 5% (75%) acuta fegato) Ipertensione gravidica EPH, CID AFLP (atrofia giallo acuta del fegato) iatrogena MEF,Sepsi,Abruptio placentae,embolia amniotica,anticoagulanti FANS, eparina Mortefetale,neutrofilia/neutropenia metrorragia antepartale,collasso improvviso

28 AFLP (Fegato Grasso Acuto della Gravidanza) 1: gravide Più in I gravide nel III trimestre In molte p. esiste deficit di LCHAD (catena lunga 3-idrossi-acil-CoA-deidrogenasi) Diminuita sintesi dei fattori o/e fibrinolisi Segni di danno epatico, aumento APTT e PT diminuzione AT, ipofibrinogenemia, emorragie,trombocitopenia Mortalità fetale 15%, Materna 5%

29 PRE-ECLAMPSIA -HELLP Le piastrine diminuiscono nel 50% delle p. in relazione alla gravità della sintomatologia Eccessiva attivazione delle Ptl, adesione all endotelio danneggiato e/o Distruzione delle Ptl rivestite dalla IgG da parte del sistema reticoloendoteliale Attivazione della cascata della coagulazione Attivazione APTT e PT Fibrinogeno normale Aumento del D-Dimero e dei complessi TAT

30 Ma Nonostante l identificazione di fattori di rischio, l emorragia post partum primaria si verifica spesso imprevedibilmente in donne a basso rischio Mousa HA,Alfirevic Z: Treatment for PPH, Cochrane Review-2004

31 PREVENZIONE DELLA EPP (SOGC)-1 AMTSL (conduzione attiva del III stadio del parto) riduce il rischio di EPP e dovrebbe essere offerta e raccomandata a tutte le donne (I-A) OSSITOCINA (10 UI) nei parti vaginali a basso rischio dopo il disimpegno della spalla anteriore, va considerato come farmaco di prima scelta (I-A) OSSITOCINA (20-40 UI in 1000 ml, 150 ml/h) è un alternativa accettabile al AMTSL (I-B) Una dose di 5-10 UI di ossitocina e.v. in 1-2 può essere usata dopo parto vaginale,ma non è raccomandata dopo TC (II-B) J Obstet Gynaecol Can 32009;31(10): WHO guideline for the menagement of PPH, 2009

32 Conduzione del III stadio del travaglio (AMTSL) ATTIVA Uso di uterotonici DI ATTESA Secondamento spontaneo Clampaggio precoce Trazione controllata del cordone Massaggio uterino o uterotonici solo se necessario

33 Conduzione attiva del secondamento dopo parto vaginale La gestione attiva nella terza fase del travaglio ha dimostrato di essere efficace nel ridurre la perdita di sangue in tutte le donne. Oxford Centre for Evidence-based Medicine livelli di evidenza. May Maggio FIGO 2006; RCOG 2007; Ministero Salute 2007

34 PREVENZIONE DELLA EPP (SOGC) Quando possibile, ritardare il taglio del cordone di almeno 60 è preferibile nei nati <37 sett.(i-a) Nei neonati a termine l aumento di rischio di ittero con necessità di fototerapia contrasta con i maggiori livelli di Hb e ferro al 6 mese di vita determinati da un ritardato clampaggio del cordone. (I-C) Non c è evidenza che il drenaggio del cordone ombelicale prevenga la EPP (II-1C) La somministrazione di ossitocina (10-30 UI) o misoprostolo (800 μg) intraombelicale può essere considerato prima del secondamento manuale (II-2C) Anticipare il secondamento prima dei tradizionali non riduce il rischio di EPP (II-2C) Obstet Gynaecol Can 32009;31(10):

35 E ' ammessa, tuttavia, a condizione che donna e operatore sanitario siano pienamente informati, la decisione di non usare una gestione attiva del III stadio, in alcuni casi individuali e / o che tale orientamento non debba essere considerato come cura substandard

36 Farmaci uterotonici Dose e via di somministrazione Ossitocina EV: 20 UI in 1 l. 60 gtt/min Dosi ulteriori EV : 20 UI in 1 l. 40 gtt/min Dose massima Max 3 l. di liquidi con ossitocina 20 UI/l NO ulteriori boli Ergometrina/metilergometrina Prostaglandina F2 alfa IM o EV lenta: 0.2mg IM 0.25 mg Ripetere dopo 15 Se necessario 0.2 mg ogni 4 ore Totale 1 mg. (5 dosi) Precauzioni/controindicazioni Preeclampsia,ipertensio ne,cardiopatie 0.25 mg ogni 15 Totale 2 mg. (8 dosi) Asma Managing complications in pregnancy and childbirth Ginevra, WHO, 2000, page 5-28, tabella S-8 modificata

37 PREVENZIONE DELLA EPP (SOGC) Carbetocina,100 μg e.v. in 1 in alternativa all infusione continua di ossitocina nei TC per diminuire la richiesta di uterotonici. (I-B) Dopo parto vaginale la Carbetocina 100 μg i.m. diminuisce la necessità di massaggio uterino nel prevenire la EPP comparata all infusione continua di ossitocina (I-B) Ergonovina (0.2 mg i.m.), Misoprostolo ( μg per os,sub-l, e.r.) in alternativa all ossitocina dopo parto vaginale quando non disponibile ossitocina (II-1B) J Obstet Gynaecol Can 32009;31(10):

38 Farmaci emostatici Dose e via di somministrazione Misoprostolo Ac.tranexamico rfviia μg os o via rettale Dosi ulteriori Ripetibile dopo 2 ore Dose massima Precauzioni/controindicazioni Disturbi gastrointestinali,feb bre EV: 1 gr EV: μg/kg in gr ogni 8 ore Ripetibile ogni 2 ore 3 gr. Aumento rischio trombotico Febbre, ipertensione trombosi

39 Fattore VII ricombinante attivato Il rfviia (NovoSeven) sembra poter essere un potenziale agente emostatico universale da usarsi prima delle tecniche di embolizzazione e/o legatura delle arterie uterine e/o iliache interne Israeli Multidisciplinary rviia Task Force. J Thromb Haemost 2005;3:640-8

40 rviia (NovoSeven) VANTAGGI Prodotto ricombinante Indipendente dalla carenza di sangue No trasmissioni virali No proteine umane Emostasi localizzata Basso rischio anafilattico Non risposte anamnestiche Bassa trombogenicità efficace durante e dopo atto chirurgico Breve periodo di dimezzamento Non efficacia 100% Azione non misurabile dal laboratorio Confezioni limitate Somministrazione endovenosa costo SVANTAGGI

41 EUPHRATES EUropean Project on obstetric Haemorrhage Reduction: Attitudes, Trial, and Early warning System JUN 2007 DOI: /j x RCOG 2007 BJOG An International Journal of Obstetrics and Gynaecology

42 EUPHRATES Questo consenso non è un protocollo o una linea guida. Esso rappresenta un consenso europeo su quanto potrebbe essere condiviso da tutti i paesi europei, pur riconoscendo che ogni singolo reparto di maternità dovrebbe avere il suo proprio protocollo scritto per il trattamento e la prevenzione delle emorragie post partum.

43

44

45 EUPHRATES L inadeguatezza nella gestione delle emorragie post-partum è spesso correlata ad una mancanza di comunicazione all'interno del team ostetrico e tra esso e quello di altre specialità. La gestione dei casi difficili da parte di una squadra può fare la differenza tra la vita e la morte.

46 problemi di comunicazione individuati a) ritardo dei Sanitari in prima linea nel chiamare i colleghi senior in tempo. b) la riluttanza dei colleghi più anziani a venire, quando informati del problema. c) ritardo da parte del team ostetrico nell informare in tempo altri specialisti, per esempio in terapia intensiva, anestesia, ed ematologia. d) il fallimento di anestesisti e ostetrici nel tenersi reciprocamente informati degli eventi pertinenti, come una rapida perdita di sangue, comparsa di tachicardia, interventi di sostegno della pressione arteriosa, quali fluidi sostitutivi e / o utilizzazione di farmaci vasopressori e) Il mancato ottenimento del sangue per le trasfusioni, a causa della mancanza di percezione da parte del laboratorio / personale trasfusionista della gravità della situazione.

47 Trattamento iniziale della EPP Chiamare aiuto Massimo sforzo terapeutico golden hour con coinvolgimento e condivisione ai massimi livelli di responsabilità e liberalità nei dosaggi farmacologici Controllo dell ABC (airway, breathing, circulation) Ossigeno in maschera Accesso venoso con due aghi da 16 o meglio 14 G Cristalloidi (regola del 3:1), soluz. Isotoniche (regola 1:1) Monitoraggio PA,FC,FR,PO2 Cateterismo vescicale, monitoraggio perdita ematica dall utero Laboratorio (emocromo,coagulazione, gruppo e prove crociate)

48 H: chiedere aiuto A: valutare i parametri vitali della p. e l entità del sanguinamento E: stabilire l eziologia e il trattamento più appropriato (somministrazione di ossitocina, ergometrina, syntometrina); M: praticare il massaggio uterino; O: procedere con l infusione di ossitocina, prostaglandine ( per via rettale,intramuscolare, endovena, intramiometriale); S: trasferire la paziente in sala operatoria, escludere traumi o ritenzione di materiale,procedere con la compressione bimanuale; T: : tamponade balloon ; A: applicare suture compressive ; S: devascolarizzazione pelvica sistematica (arterie uterine, ovariche, iliache interne); I: intervento radiologico, embolizzazione dell arteria uterina; S: intervento di isterectomia totale o subtotale per via laparotomica A. Lalonde, B.A. Daviss, A. Acosta, K. Herschderfer. Postpartum haemorrhage today:icm/figo initiative International Journal of Gynecology and Obstetrics 2006; 94,

49 etiologia Terapia mirata Persistenza della perdita Persistenza della perdita Persistenza della perdita Utero molle e rilassato Atonia uterina Massaggio uterino uterotonici Compressione bimanuale/aortica, tamponamento/pall one Suture compressive Embolizzazione arteriosa Legatura aa. Uterine/ipogastriche isterectomia Placenta non/parzialmente espulsa Placenta ritenuta Tutta placenta Uterotonici, trazione funicolo, uterotonici intracordonali Ritenzione frammenti placentari Secondamento manuale Placdenta accreta Rimozione laparotomica Isterectomia Incompleta separazione Secondamento manuale, courettage isterectomia Utero contratto, emorragia o Trauma del tratto genitale inferiore Riparazione delle lacerazioni schock subito dopo parto FU non apprezzabile o affiorante alla vulva Rottura d utero Laparotomia per riparazione o isterectomia Inversione uterina Correzione in narcosi Se riesce mantenere il tono uterino con uterotonici Correzione laparotomica isterectomia coagulazione Trattamennto trasfusionale WHO guideline, Geneva,2009

50 FATTORI SOCIALI (emarginazione, trasporti carenti) Cure prenatali carenti Anemia ante parto morte grave morbilità moderata morbilità media morbilità insulto clinico INTERVENTO TEMPESTIVO Personale qualificato Disponibilità farmaci e sangue Buoni servizi ostetrici popolazione generale gravide

51 A tutti coloro che hanno conosciuto i dubbi, le perplessità e le paure come io le ho conosciute, A tutti coloro che hanno commesso errori, come me, A tutti coloro la cui umiltà aumenta con la conoscenza di questa materia così affascinante, questo libro è dedicato. Professor Ian Donald: Practical Obstetric Problems -Glasgow University

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE

FATTORI DELLA COAGULAZIONE FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico.

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO.

FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO. FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO. La fisiopatologia del sistema coagulativo e fibrinolitico, in modo sempre più dettagliato, è stata caratterizzata e

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria

Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria Università degli Studi di Bari Prova di ammissione al corso di laurea Specialistica/Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Anno Accademico 2009/2010 Test di Teoria/pratica pertinente alla

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei Flora Peyvandi Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi, Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico,

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI

LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI 3 a edizione Dicembre 2008 Questa terza edizione delle Linee Guida per la trasfusione di sangue ed emoderivati, frutto della collaborazione e dell

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli