Il Coupon: strumento del marketing mix

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Coupon: strumento del marketing mix"

Transcript

1 Il Coupon: strumento del marketing mix Copyright Valassis S.r.l. Tutti i diritti sono riserati a norma di legge. Nessuna parte può essere riprodotta senza l autorizzazione scritta di Valassis S.r.l.

2 Introduzione Con il buono sconto l azienda indirizza direttamente al consumatore un incentio di prezzo a bree termine. Il coupon, infatti, permette di abbassare il prezzo di acquisto del prodotto con flessibilità e elocità, in perfetta armonia con tutti gli altri obiettii di marketing, quali: aumentare i olumi di endita attrarre nuoi consumatori incentiare la proa dei nuoi prodotti. senza alterare il prezzo a scaffale definito dal punto endita Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 1

3 Vantaggi per l Azienda Amplia la distribuzione Supporta la forza di endita Riduce il prezzo senza intaccare l immagine Aumenta la ripetizione di acquisto e la fedeltà alla marca Spinge la proa di prodotti in lancio o esistenti Reagisce alla concorrenza senza ariare il prezzo a scaffale Diminuisce l impatto di un aumento dei listini Aumenta la rotazione alleggerendo gli stock Raggiunge nuoi target di consumatori Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 2

4 Vantaggi per il Trade Ottiene consumatori sul punto endita E stimolato a trattare il prodotto o aumentare gli acquisti Incrementa i olumi sul prodotto promozionato Mantiene l autonomia nella scelta del prezzo di endita Ottiene un indicazione utile per l assortimento Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 3

5 Vantaggi per il Consumatore Ottiene un risparmio sicuro Lo usa quando è pronto all acquisto Non crea sorastock in casa Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 4

6 La pianificazione della campagna buoni sconto Definizione degli obiettii di marketing Analisi del mercato di riferimento e del posizionamento della marca Scelta del mezzo di distribuzione più idoneo Stima della redemption e definizione del budget Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 5

7 Obiettii

8 Obiettii La ersatilità del coupon è in grado di conciliare obiettii di bree e lungo termine quali: Ampliare la distribuzione Generare la proa di prodotti nuoi o esistenti Mantenere e aumentare la quota di mercato Stimolare la ripetizione d acquisto Ridurre il liello delle scorte Aumentare le endite stagionali e/o occasionali Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 7

9 Obiettii Ampliare la distribuzione ll coupon è un utile strumento di endita al Trade. Con un azione di couponing ben progettata il trade è spinto a trattare il prodotto e/o a fare ordini addizionali per anticipare la domanda dei consumatori. Mantenere e aumentare la quota di mercato Nei mercati caratterizzati da una forte concorrenza una buona strategia di couponing aiuta a mantenere la fedeltà alla marca consolidando la quota di mercato dei consumatori abituali. L ampiezza del parco trattanti ha una diretta influenza sul potenziale siluppo. Ad esempio, se la marca è utilizzata con regolarità dal 15% dei consumatori della classe di prodotto, è realistico pensare che nel restante 85% esista una consistente possibilità di introduzione. Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 8

10 Obiettii Generare la proa del Prodotto Il coupon aiuta il lancio o il riposizionamento del prodotto. Oltre all incentio dello sconto, è la promozione in se stessa che aumenta l aspetto pubblicitario e comunicazionale. Stimolare la ripetizione d acquisto Il coupon permette di arriare direttamente al consumatore finale incentiandolo a: - riacquistare agendo sulla fedeltà alla marca - aumentare gli atti di acquisto - aumentare le quantità acquistate - dientare acquirente abituale Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 9

11 Obiettii Ridurre il liello delle scorte Il coupon può essere usato per eitare e fronteggiare potenziali problemi di sorastoccaggio sia a liello aziendale che sul punto endita. Offrendo al consumatore un immediato incentio all acquisto si agisce da acceleratore sui tempi medi di endita riducendo rapidamente i lielli di stock. È ad esempio, molto utile per smaltire le giacenze di prodotti fuori produzione per facilitare l inserimento dei nuoi. Aumentare le endite stagionali e/o occasionali Per prodotti con occasioni di consumo concentrate in specifici periodi dell anno il coupon agisce da acceleratore. Permette all azienda di interenire in precisi archi temporali, incentiando il consumatore regolare all acquisto di quantità aggiuntie e i triers alla proa. Può essere inoltre utilizzato nel resto dell anno quando le endite sono tradizionalmente basse per garantirsi un liello minimo di consumi. Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 10

12 Organizzazione della promozione

13 Organizzazione della promozione Fissati gli obiettii di marketing, anno definiti e pianificati gli aspetti relatii allo solgimento della campagna in termini di: mezzo distributio struttura e contenuti del buono sconto stima della redemption calcolo delle risorse necessarie (budget totale) allocazione temporale delle risorse finanziarie Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 12

14 Organizzazione della promozione Si identificano quindi gli elementi del mercato di riferimento del prodotto ed il posizionamento della marca, ad esempio: La fase del ciclo di ita del prodotto L ampiezza del mercato La quota della marca La ricorrenza d acquisto della classe di prodotto La ripetizione d acquisto della marca Il grado di fedeltà alla marca Le occasioni di consumo Eentuale stagionalità La distribuzione della marca (capillarità/concentrazione) Il ruolo della forza endita L attiità della concorrenza La strategia pubblicitaria e comunicazionale Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 13

15 I mezzi di distribuzione

16 I mezzi di distribuzione La scelta del mezzo da utilizzare per eicolare il coupon è funzione: degli obiettii strategici e/o tattici che ci si prefigge dopo aer analizzato il contesto competitio ed il posizionamento del prodotto promozionato, di una corretta alutazione del rapporto costi/benefici di ogni tipologia di mezzo distributio. Dai grossi numeri del magazine, ai piccoli numeri dell in-store, esiste una serie di possibilità per indirizzare il buono sconto al consumatore giusto, sia esso potenziale o abituale: In Pack/On Pack On Pack Instant In Store Forza Vendita Direct Mailing Magazine Door to door Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 15

17 In Pack/On pack Attraerso la confezione stessa si incentia il consumatore alla proa del prodotto o alla ripetizione dell acquisto. AREE DI FORZA Raggiunge i consumatori abituali e rinforza la fedeltà alla marca incoraggiando la ripetizione all'acquisto Ha costi di distribuzione contenuti e ritorni eleati È utile in fase di lancio/riposizionamento In caso di cross dienta un utile strumento di sellin per i enditori nell'introduzione distributia di un nuoo prodotto utilizzando come ponte un prodotto noto e conosciuto Può essere utilizzato per promuoere prodotti tra loro complementari (sul caffè per i biscotti) o tra loro succedanei (sulla pasta di semola per la pasta all'uoo...) AREE DI DEBOLEZZA La definizione della data di scadenza è in stretta relazione alla rotazione a scaffale del prodotto Non è indicato per prodotti a lenta rotazione con occasioni di consumo saltuarie La grafica è fondamentale per l immagine del pack del prodotto Occorre attenzione nel quantificare e tempificare la produzione delle confezioni promozionate È consigliabile monitorare con cadenza regolare l allocazione temporale del budget in quanto la cura di rientro dei coupons tende ad allungarsi tanto più la distribuzione del prodotto è capillare e diffusa Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 16

18 On pack Instant I buoni sono apposti sulla confezione e sono scontati alla cassa per l acquisto della stessa. A seconda del tipo di prodotto e di confezione coinolta possono essere fix-à-form, collarini, parte della confezione stessa, etc. AREE DI FORZA È uno strumento prettamente tattico Permette un utilizzo mirato e selettio per area geografica e insegna Dà ottimi risultati in termini di in-store merchandising È un mezzo efficiente per dare un incentio di prezzo alla marca aumentando l attrazione dell offerta È flessibile nell utilizzo infatti può essere applicato durante il processo produttio sul punto di endita da parte del negoziante stesso o dalla forza endita AREE DI DEBOLEZZA La grafica, la produzione e il materiale del coupon deono tener conto che il suo utilizzo dee essere il più possibile ageole sia da parte del consumatore che del trade. Attenzione quindi alle dimensioni troppo piccole, difficili da staccare, con residui appiccicosi, etc. La comunicazione dell immediatezza dell offerta dee essere isibile e chiara Se il coupon è applicato sul punto endita è opportuno erificarne lo solgimento Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 17

19 In Store con promoters E usato nelle grosse superfici della grande distribuzione. In seguito a specifici accordi le promoters offrono i buoni sconto ai consumatori all interno del punto endita. AREE DI FORZA Raggiunge il consumatore al momento della decisione d acquisto Genera acquisti d impulso Attrae nuoi consumatori Incoraggia la proa del prodotto Aumenta l attrattia della marca sullo scaffale Riduce rapidamente gli stocks Consente la selezione dei punti endita Migliora le relazioni con il trade Offre l opportunità di comunicare direttamente con il consumatore argomentando le qualità e potenzialità del prodotto AREE DI DEBOLEZZA La selezione dei punti di endita, l organizzazione della manifestazione e la professionalità delle promoters, insieme alla durata temporale sono le chiai della buona riuscita Il numero di contatti è limitato in termini assoluti a fronte di una % di redemption eleata È uno strumento costoso che richiede specifici accordi con il trade, il quale può iere queste animazioni come un intralcio per il normale traffico del punto endita Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 18

20 Forza Vendita Con questo mezzo l azienda dà ai propri enditori un ulteriore strumento per azioni di merchandising. È normalmente utilizzato nel dettaglio tradizionale. AREE DI FORZA Lascia spazio alla imprenditorialità dell uomo di endita, la cui attiità iene alorizzata È flessibile e tattico È utile per reagire con tempestiità a dierse situazioni concorrenziali Permette di selezionare target diersi di punti di endita Rafforza l'azione di merchandising: tanto più i coupons sono posizionati icino allo scaffale del prodotto, tanto più aumenta l acquisto di impulso AREE DI DEBOLEZZA L ampia discrezionalità data al enditore può talolta rendere difficoltoso il controllo della dinamica distributia, sia in termini di quantità effettiamente distribuite, sia dei criteri di selezione dei punti endita È difficile stabilire l arco temporale in cui si solge la distribuzione dei buoni sconto e di conseguenza stimare la cura di rientro della redemption Fattori critici sono lo solgimento dell azione di merchandising e il posizionamento logistico dei buoni sconto nel p.. Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 19

21 Direct Mailing Permette di raggiungere, attraerso la spedizione postale, target di consumatori predefiniti con messaggi promozionali specifici. AREE DI FORZA È indirizzato al consumatore giusto. La selezione può aenire per area geografica, per stile di consumo, per sesso, età... Il liello di selettiità può essere molto eleato L attenzione aumenta tanto più il messaggio è personalizzato È un effettio incentio all acquisto in particolare accompagnando il buono sconto ad un campione del prodotto AREE DI DEBOLEZZA Criteri di determinazione e selezione del target Affidabilità dei data base e loro aggiornamento Efficacia ed efficienza del mezzo utilizzato per la distribuzione Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 20

22 Magazine I buoni sconto engono stampati direttamente sulla pagina della riista (on-page) o sono contenuti in un inserto fascicolato con la stessa. AREE DI FORZA La scelta delle testate permette di selezionare il target più adatto e di aumentare la isibilità della promozione L attenzione del lettore/consumatore aumenta in relazione alla sinergia tra coupon, messaggio pubblicitario e contenuti editoriali I costi di distribuzione sono contenuti, in parte già pagati dallo spazio pubblicitario AREE DI DEBOLEZZA È da alutare con molta attenzione se richiedere al consumatore di apporre la proa d acquisto del prodotto sul coupon per ottenere lo sconto sul riacquisto Per eitare utilizzi non corretti occorre cautela e sicurezza nella gestione delle copie inendute in edicola Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 21

23 Door to door Permette di raggiungere direttamente, in forma totale o selettia, targets di consumatori (aree geografiche, ampiezze di centro abitato..). AREE DI FORZA È adatto per azioni congiunte di campionamento È ottimizzabile in rapporto alla presenza del prodotto sul mercato Consente di abbinare un numero eleato di buoni sconto per contatto (anche di aziende dierse) riducendo i costi di distribuzione Entra direttamente in casa del consumatore Permette di raggiungere nuoi consumatori AREE DI DEBOLEZZA I criteri di determinazione e selezione del target, l organizzazione della distribuzione e la durata temporale sono le chiai della buona riuscita Il numero di contatti può essere molto eleato a fronte di una % di redemption modesta Al di fuori delle aree urbane, con forte concentrazione di abitanti, può dienire uno strumento costoso Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 22

24 Taola di Sintesi Magazine Sulla pagina o inserto Direct Mailing Spedizione postale In/On Pack Sulla confezione per il riacquisto On Pack Instant Sulla confezione per l acquisto Forza Vendita Nel dettaglio tradizionale In Store Nelle grandi superfici Door to door A casa Forza Selettiità Sinergia con pubblicità ed editoriale Selettiità Incentio alla proa Fedeltà Riacquisto Bassi costi Prodotti in lancio Tatticità Facilità di uso Facilità di applicazione Selettiità Supporto alla endita Flessibilità e tatticità Acquisto d impulso Richiamo Esclusiità Selettiità Selettiità Abbinamento Sampling Debolezza Uso complesso se richiesta p.o.p. Gestione copie inendute Criterio di selezione del target Efficienza postale Scadenza Grafica Rotazione Rientro lento Dimensioni Grafica Chiarezza del messaggio Controllo dei tempi e delle quantità Organizzazione Alto costo contatto Accordi specifici Criterio di selezione del target Alto costo contatto Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 23

25 Ciclo di ita del Prodotto È possibile correlare le fasi del ciclo di ita del prodotto con gli obiettii ed il mezzo distribuzione Ciclo di ita del prodotto Introduzione Siluppo Maturità Obiettii Acquisizione triers Distribuzione sui p.. Ampliamento parco trattanti Ottimizzazione distribuzione Aumento consumo medio Mantenimento market share Aumento fedeltà Reazione attiità concorrenza Mezzo di distribuzione Instant on pack Forza endita In store Door to door Instant on pack Forza endita In store Mailing Magazine Door to door In - on pack Mailing Declino o riitalizzazione Ridefinizione e riposizionamento Smaltimento scorte esistenti Instant on pack Forza endita In store In - on pack cross Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 24

26 Struttura e Contenuti

27 Struttura e contenuti L impostazione grafica ha noteole importanza ai fini del successo dell operazione. La cura di particolari, apparentemente poco rileanti, solge una funzione fondamentale nel processo di comunicazione con il consumatore. E quindi consigliabile alutare con attenzione: Formato, Materiale e Disegno Immagine Prodotto Valore Facciale Data di Scadenza Codice Valassis Aertenze al Consumatore Aertenze al Rienditore Proa di Acquisto (se richiesta) Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 26

28 Esempio di struttura BUONO SCONTO (Fronte) BUONO SCONTO (Retro) AVVERTENZE AL CONSUMATORE IMMAGINE PRODOTTO AVVERTENZE AL RIVENDITORE VALORE FACCIALE DATA DI SCADENZA PROVA DI ACQUISTO (se richiesta) CODICE Valassis CODICE Valassis DATA DI SCADENZA Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 27

29 Struttura e contenuti Formato Materiale Disegno Il formato del coupon dee garantire un uso facile e ageole da parte del consumatore e del rienditore. Non dee essere troppo piccolo, difficile da rimuoere dalla confezione o appiccicoso Il materiale, in termini di qualità e peso, dee assicurare buoni risultati di stampa L offerta dee essere comunicata in forma semplice, chiara e sintetica. Deono essere chiaramente specificate le modalità di utilizzo e di rimborso L immagine grafica dee essere in linea con la strategia comunicazionale della marca Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 28

30 Struttura e contenuti Valore Facciale E l incentio. Come tale a indicato in modo chiaro e preciso Il alore assoluto dello sconto è un aspetto cruciale dell operazione. È consuetudine di mercato applicare un alore intorno al 15-20% del prezzo a scaffale del prodotto Se iene definito un alore superiore è opportuno enfatizzarne graficamente la conenienza Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 29

31 Struttura e contenuti Immagine del del Prodotto La comprensione chiara e immediata della marca e del formato per il cui acquisto si ottiene lo sconto, sono enfatizzate dalla capacità grafica di attrarre l attenzione del consumatore Se le dimensioni lo permettono è utile il richiamo del marchio e dell immagine del prodotto su entrambi i lati Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 30

32 Struttura e contenuti Proa di di Acquisto (se (se richiesta) Se si chiede al consumatore di utilizzare il buono sconto per l acquisto successio del prodotto, e quindi di applicare la proa d acquisto, è necessario preedere sul buono stesso un apposito spazio rispettando le dimensioni del tagliando richiesto È utile indicarne in dettaglio la tipologia, stampando un facsimile. Si facilita in tal modo consumatore e rienditore e si eitano possibili contestazioni in fase di rimborso per specifiche non chiare Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 31

33 Quando non richiedere la proa d acquisto? Richiedere la proa di acquisto è un argomento piuttosto dibattuto. Riteniamo pertanto utile introdurre alcuni dati sulle tendenze del mercato. La proa di acquisto NON iene richiesta quando il buono sconto e eicolato: dalla dalla confezione: confezione: fix à form fix à form collarino collarino retroetichetta retroetichetta pre-fustellato pre-fustellato on pack da ritagliare on pack da ritagliare in pack in pack sul sul punto punto endita: endita: hostess hostess marsupi a scaffale marsupi a scaffale distributori a scaffale distributori a scaffale co-marketing co-marketing ed ed inoltre: inoltre: stampato su riiste stampato su riiste molto targettizzate, per molto targettizzate, per temi trattati temi trattati spedito con attiità di spedito con attiità di mailing personalizzato mailing personalizzato Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 32

34 % coupons senza proa d acquisto % sul totale coupons distribuiti 42,4% 52,1% 66,3% 49,6% 62,2% 60,8% 69,1% 78,5% 81,8% 6,0% % sul totale coupons redenti 37,0% 48,7% 57,4% 64,0% 64,9% 65,0% 62,2% 75,4% 22,6% 1,4% Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 33

35 Quando non richiedere la proa d acquisto? di conseguenza: nel su 4 dei coupons utilizzati dal consumatore sono stati scontati sul primo acquisto l assenza della proa d acquisto ha incentiato la risposta del consumatore aumentando l efficacia della promozione la tendenza si concilia con l offerta proa del prodotto nel caso di: lancio di nuoi prodotti ampliamento del parco trattanti dei prodotti esistenti ampliamento della linea Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 34

36 Struttura e contenuti Codice Valassis Il codice Valassis identifica in modo unioco L azienda Il prodotto La singola promozione La sua indicazione leggibile ed eidenziata garantisce il preciso rimborso al trade e la corretta tabulazione delle statistiche di rientro Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 35

37 Struttura e contenuti La La data data di di Scadenza E fondamentale per il consumatore conoscere l arco temporale a disposizione per l utilizzo del buono sconto. E opportuno eidenziare il termine ultimo di presentazione alla cassa in un apposito spazio facilmente isibile e in neretto Il richiamo nelle aertenze al consumatore è ottimale Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 36

38 Struttura e contenuti Aertenze al al Consumatore Di seguito indichiamo un esempio di dicitura: Per ottenere lo sconto il buono dee essere presentato al momento dell acquisto del prodotto entro il gg/mm/aa e completo della proa d acquisto specificata nell apposito spazio Se il buono sconto è utilizzabile per l acquisto della confezione stessa occorre indicarlo. In questo caso: Il presente buono è immediatamente scontabile al momento dell acquisto di questa confezione entro il gg/mm/aa Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 37

39 Struttura e contenuti Aertenze al al Rienditore Una corretta dicitura potrebbe essere: Per ottenere il rimborso di questo buono sconto si prega di iniare il medesimo alla Società c/o Valassis S.r.l. C.P Via Grosio, 10/ Milano. La Società rimborserà questo buono solo se utilizzato dal consumatore per l'acquisto del prodotto (e conalidato dal tagliando di controllo presente sulla stessa). Ogni altro uso sarà perseguito a norma di legge. Non saranno rimborsati buoni non integri in ogni loro parte o che presentino segni alterazione di manomissione. Il rimborso dei buoni potrà essere sospeso ai negozianti i cui acquisti risultino inferiori al n dei buoni presentati. Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 38

40 La stima di redemption

41 La stima di redemption La stima della redemption e la quantificazione dei alori di spesa attesi passano inizialmente attraerso la raccolta e la alutazione dei dati storici di ritorno di operazioni similari del mercato e della marca. Le informazioni così raccolte anno poi rielaborate tenendo conto delle dinamiche concorrenziali e di mercato in atto. E infatti ero che i risultati ottenibili sono fortemente influenzati dal momento storico in cui l attiità si siluppa. Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 40

42 La redemption è funzione di. PROMOZIONE PROMOZIONE Mezzo distributio Mezzo distributio Valore facciale Valore facciale Target di riferimento Target di riferimento Supporto comunicazionale Supporto comunicazionale Coinolgimento del Trade Coinolgimento del Trade Informazione alla forza endita Informazione alla forza endita ECONOMIA ECONOMIA Espansione, recessione, ripresa Espansione, recessione, ripresa Aspettatie economiche Aspettatie economiche Propensione al risparmio Propensione al risparmio Propensione alla spesa pubblica Propensione alla spesa pubblica Propensione alla spesa priata Propensione alla spesa priata Tasso di crescita Tasso di crescita Tasso di inflazione Tasso di inflazione % redemption MARCA MARCA Posizionamento Posizionamento Grado di fedeltà Grado di fedeltà Conoscenza e diffusione Conoscenza e diffusione Quota di mercato Quota di mercato Presenza sul punto endita Presenza sul punto endita Immagine Immagine Strategia pubblicitaria Strategia pubblicitaria Strategia promozionale Strategia promozionale MERCATO MERCATO Ciclo di ita Ciclo di ita Grado di fedeltà Grado di fedeltà Penetrazione in famiglia Penetrazione in famiglia Grado di concentrazione Grado di concentrazione Occasioni di consumo Occasioni di consumo Attiità pubblicitarie Attiità pubblicitarie Attiità promozionali Attiità promozionali Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 41

43 Il calcolo del budget

44 Il calcolo del budget Definiti il numero di coupon da distribuire, il alore facciale e la percentuale di redemption attesa, si procede al calcolo del budget totale di redenzione: COSTO COSTO per per COUPON COUPON X Numero di Numero di COUPONS COUPONS attesi attesi = BUDGET DI REDENZIONE + Valore Facciale Valore Facciale + Sconto Rienditore Sconto Rienditore + Sconto Quantità Sconto Quantità + Fee Valassis Fee Valassis N Coupons Distribuiti N Coupons Distribuiti X X % Redemption Preista % Redemption Preista Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 43

45 Il calcolo e ripartizione del budget Definita la cifra complessia da accantonare, occorre ripartirla su più esercizi finanziari considerando che il rientro di una operazione di coupons potrebbe arriare ad esaurirsi anche dopo tre anni dall inizio della dist ribuzione. La cura di rientro può presentarsi più o meno eloce a seconda del mezzo di eicolazione dei coupons, della concentrazione distributia della marca e della struttura di endita (canale lungo - canale corto). Ad esempio, una distribuzione in-store con promoters si esaurisce nell arco di pochi mesi, mentre un operazione sulla confezione distribuita capillarmente su tutte le realtà distributie nazionali, tende ad aere code di rientro molto lunghe. Va infine ricordato che è molto importante periodicamente, e comunque sempre in fase di chiusura annuale dell esercizio, rierificare le stime di redemption fatte in fase di implementazione della distribuzione. La alutazione del budget accantonato ed i suoi aggiornamenti permettono di liberare risorse finanziarie immobilizzate o di integrare in caso contrario. Valassis S.r.l. Connecting People to Brands 44

46 Valassis S.r.l. a s.u. Via Grosio 10/ Milano tel fax

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

Il Progetto in Italia

Il Progetto in Italia Milano, 22 Marzo 2006 Il Progetto in Italia Angelo Tosoni Amministratore Delegato Marina Bisio Direttore Commerciale Scenario LA COMUNICAZIONE DI MARCA Necessità di equilibrare e integrare la comunicazione

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

Strategia di marketing

Strategia di marketing Strategia di marketing La strategia di marketing è il complesso di azioni coordinate che un impresa realizza per raggiungere i propri obiettivi di marketing Elementi fondamentali della strategia di marketing

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

VERSO IL DISTRETTO TECNOLOGICO ICT PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI NEL LAZIO

VERSO IL DISTRETTO TECNOLOGICO ICT PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI NEL LAZIO VERSO IL DISTRETTO TECNOLOGICO ICT PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI NEL LAZIO 1 L Associazione Uniersità Ricerca Innoazione Società - AURIS onlus è un Associazione di utilità sociale, senza fini di lucro,

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

E-COUPONING UNA REALTA ANCHE IN ITALIA

E-COUPONING UNA REALTA ANCHE IN ITALIA E-COUPONING UNA REALTA ANCHE IN ITALIA DA QUALSIASI LUOGO DA UN PC A CASA 39,7 Mio 35,5 Mio 83,9% (11-74 anni) DA UN PC A CASA DA CELL/SMARTHPHONE 15,2 Mio DA TABLET 9,1 Mio 21,1 Mio 75,1% 68,8% 53,2%

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Capitolo 16. La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1

Capitolo 16. La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1 Capitolo 16 La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1 La vendita personale e la promozione delle vendite Obiettivi di apprendimento Vendita personale Il ruolo della forza

Dettagli

Il Marketing Analitico

Il Marketing Analitico Il Marketing Analitico Terza Lezione Bari, 19 Novembre 2007 Agenda Il mercato (follow-up) Le performance interne Esercitazione interattiva 2 Il Marketing Analitico 1 2 3 Il consumatore Il mercato Le performance

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di attrattività dei segmenti I Mktg-L05 L ANALISI DI ATTRATTIVITA In ciascuna

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

Distribuzione e Redemption Buoni Sconto in Italia MARZO 2012

Distribuzione e Redemption Buoni Sconto in Italia MARZO 2012 Distribuzione e Redemption Buoni Sconto in Italia MARZO 2012 Distribuzione 2 Quantità distribuite nell anno 2011 Volume distributivo Aziende Largo Consumo (CPG), in milioni Dall anno precedente le quantità

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

La misurazione e la previsione della domanda

La misurazione e la previsione della domanda La misurazione e la previsione della domanda Le domande fondamentali Quali sono i principi che sottendono alla misurazione e alla previsione della domanda? Come si può stimare la domanda attuale? Come

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

MEDI SERVICE s.r.l. SERVIZI PROMOZIONALI

MEDI SERVICE s.r.l. SERVIZI PROMOZIONALI MEDI SERVICE s.r.l. SERVIZI PROMOZIONALI Medi Service Srl, nasce nel 2000 ed opera con successo nel settore delle attività promozionali, offrendo ai propri clienti serietà, qualità e professionalità.

Dettagli

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA IL CICLO DI VITA DEL CLIENTE RETENTION SVILUPPO Mantenere un elevata percentuale di clienti di valore riducendo le

Dettagli

Pubblicità e Relazioni Pubbliche

Pubblicità e Relazioni Pubbliche Pubblicità e Relazioni Pubbliche Attenta analisi d ambiente e del mercato, dei consumatori e del prodotto Marketing OBIETTIVI: Immagine Espansione Quantitativa Crescita dell immagine Uso strumenti pubblicitari

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

RICERCA SUL MERCATO DELLA PROMOZIONE

RICERCA SUL MERCATO DELLA PROMOZIONE AssAP CULTURA RICERCA SUL MERCATO DELLA PROMOZIONE PROMOZIONE AL CONSUMO SERVIZI DI MARKETING OPERATIVO INCENTIVAZIONE VENDITE Quinta edizione 19 Ottobre 2004 PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 1 OBIETTIVI Analizzare

Dettagli

S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere

S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere Profilo STRATEGA si occupa dello sviluppo d impresa, seguendola passo a passo nella pianificazione marketing, studio della comunicazione e affiancamento vendita.

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Brochure di presentazione

Brochure di presentazione Brochure di presentazione Introduzione La Scacco Matto Agency è un Agenzia specializzata nell'in Store Promotion, la promozione dei prodotti con il presidio sul punto vendita che consente di conoscere

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

GeoAnalyzer lo strumento ideale per il GeoMarketing. Soluzioni del futuro

GeoAnalyzer lo strumento ideale per il GeoMarketing. Soluzioni del futuro GeoAnalyzer lo strumento ideale per il GeoMarketing Soluzioni del futuro Sistema informativo di marketing Cosa si intende per Geomarketing? Il termine si riferisce all utilizzo della geografia per rendere

Dettagli

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Perché alcuni personaggi di film per ragazzi crescono? Perché nel 2009 Disney decide di realizzare un nuovo

Dettagli

Il piano di marketing

Il piano di marketing Il piano di marketing I benefici di un piano aziendale (1) Il piano può essere uno strumento di comunicazione: nei confronti dei livelli superiori nei confronti dei livelli inferiori (perché possano capire

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

LE STRATEGIE CONCORRENZIALI SILVIA LEGNANI

LE STRATEGIE CONCORRENZIALI SILVIA LEGNANI LE STRATEGIE CONCORRENZIALI Non ci sono aree di mercato libere azienda 1 azienda 2 azienda 3 azienda 4 azienda 5 azienda 6 azienda 7 Per incrementare il fatturato L azienda deve rubare quote di mercato

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE COMMERCIALI Comunicazione esterna Comunicazione interna I target group della comunicazione: la domanda finale il personale di vendita i fornitori i concorrenti.

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezione 25 20 dicembre 2010

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezione 25 20 dicembre 2010 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU Lezione 25 20 dicembre 2010 Metodi per la determinazione dei prezzi 1. Domanda 2. Concorrenza 3. Costi

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

E-COUPONING: L ESPERIENZA DI DISTRIBUZIONE EFFICACE E REDEMPTION SICURA. Milano, 22 Aprile 2015

E-COUPONING: L ESPERIENZA DI DISTRIBUZIONE EFFICACE E REDEMPTION SICURA. Milano, 22 Aprile 2015 E-COUPONING: DISTRIBUZIONE EFFICACE E REDEMPTION SICURA L ESPERIENZA DI Milano, 22 Aprile 2015 CHI SIAMO 5 BUSINESS UNIT DISTRIBUZIONE RACCOLTA 1 DIGITALE 2 IN-STORE REPORTING & INSIGHT 3 DIRECT MARKETING

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

Comunicazione commerciale

Comunicazione commerciale Comunicazione commerciale Università di Urbino La comunicazione commerciale Definizione Marca Pubblicità Direct marketing Promozione delle vendite Sponsorizzazioni Fiere e mostre Relazioni pubbliche di

Dettagli

ELEMENTI DI MARKETING MUSEALE. A cura di Alessandro Isaia Responsabile Comunicazione, Marketing e Web della Fondazione Torino Musei

ELEMENTI DI MARKETING MUSEALE. A cura di Alessandro Isaia Responsabile Comunicazione, Marketing e Web della Fondazione Torino Musei ELEMENTI DI MARKETING MUSEALE A cura di Alessandro Isaia Responsabile Comunicazione, Marketing e Web della Fondazione Torino Musei IL MARKETING Il marketing è un ramo dell'economia che si occupa dello

Dettagli

LE SALES PROMOTION & LE POLITICHE PROMOZIONALI

LE SALES PROMOTION & LE POLITICHE PROMOZIONALI LE SALES PROMOTION & LE POLITICHE PROMOZIONALI 1 Gae Stella Desirée Tanese Alessia Huenchunir Martina Buccarini Erica Grasso Antonio Carbone Francesco Fabri L EVOLUZIONE DELLA PROMOZIONE 2 DALL ORIENTAMENTO

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

EDICOM. Le edicole come punto di comunicazione diretta al consumatore

EDICOM. Le edicole come punto di comunicazione diretta al consumatore EDICOM 1 Le edicole come punto di comunicazione diretta al consumatore Kinet Via A. Sciesa 40/A 21013 Gallarate VA t 0331 1830967 m 335 295991 info@kinetmedia.com kinetmedia.com your.logo EDICOM 2 L edicola

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

L innovazione della fidelity nel mondo retail

L innovazione della fidelity nel mondo retail Relatore: Vincenzo Tondolo L innovazione della fidelity nel mondo retail Panoramica sul mondo fidelity Come funziona A chi si rivolge Quali strumenti sono in circolazione Differenze tra i vari sistemi

Dettagli

Il prodotto. Il ciclo di vita del prodotto

Il prodotto. Il ciclo di vita del prodotto Il prodotto Il ciclo di vita del prodotto La fase di introduzione di un nuovo prodotto La fase di introduzione: caratteristiche fase in cui il nuovo prodotto fa il suo ingresso nel mercato. Il volume delle

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende Soluzioni di LOYALTY e CRM per Grandi Aziende NEXUSCOM Nexuscom è un agenzia nata nel 2005 e focalizzata nella realizzazione di progetti che consentono alle aziende di entrare in contatto con i propri

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Perché segmentare? I mercati sono numerosi, dispersi geograficamente ed eterogenei nelle loro esigenze d'acquisto. Un'impresa che decide di operare in un certo mercato non

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo Le principali strategie di approccio che le Pmi possono sviluppare nei confronti della GDO Uno dei principali problemi delle piccole e medie imprese (Pmi) produttrici di beni di largo consumo (vale a dire,

Dettagli

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2007 The Companies srl CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING 1. Che cos è il marketing? 2. L obiettivo del marketing è e i bisogni dei consumatori. 3. Quali sono

Dettagli

Il Piano di Marketing

Il Piano di Marketing Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso Strategico OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE IL CONTENUTO E LE FASI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI MARKETING ACQUISIRE LE INFORMAZIONI

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

L abc del geomarketing: la geografia

L abc del geomarketing: la geografia L abc del geomarketing: la geografia 2013 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata applicata al business Geomarketing, questo sconosciuto. La parola chiave è territorio : il geomarketing

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

Introduzione al Marketing Mix

Introduzione al Marketing Mix Introduzione al Marketing Mix Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il Marketing Mix Le 4 P Product Price Promotion Place È la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 2013

CARTA DEI SERVIZI 2013 CASA DI RIPOSO CARTA DEI SERVIZI 2013 Il presente documento è stato redatto con la collaborazione del Responsabile della Struttura, dell Amministratore Unico, del personale operante nella Struttura ed

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

IN STORE PROMOTION & MERCHANDISING

IN STORE PROMOTION & MERCHANDISING IN STORE PROMOTION & MERCHANDISING www.mctradesrl.it SE LA SOLUZIONE CHE CERCATE è QUELLA PIù SEMPLICE... MC TRADE, azienda consorziata UCI (Unione Consortile di Impresa), prende vita dall esigenza di

Dettagli

Realizzazione MOVIDA per Sport&Management. Cos è il marketing

Realizzazione MOVIDA per Sport&Management. Cos è il marketing Cos è il marketing E quali le sue principali Il marketing è una precisa competenza manageriale, da sempre associata ad attività di promozione, vendita, pubblicità. Il marketing è responsabile delle valutazioni

Dettagli

M 3 P. Multimodal Mobile Marketing Platform. twitter.com/liberologico

M 3 P. Multimodal Mobile Marketing Platform. twitter.com/liberologico M 3 P Multimodal Mobile Marketing Platform Executive Summary 2 Liberologico Il contesto Perché il mobile marketing M 3 P - Multimodal Mobile Marketing Platform Esempi di campagne Liberologico profile 3

Dettagli

POSTATARGET GOLD GENNAIO, 2011

POSTATARGET GOLD GENNAIO, 2011 POSTATARGET GOLD GENNAIO, 2011 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO... 4 2.1 OBIETTIVI DI QUALITA... 4 3 ALCUNE POSSIBILI APPLICAZIONI... 6 4 VANTAGGI... 7 5 CONDIZIONI DI ACCESSO... 8

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Emmebi srl. Strategie di marketing urbano per i. Centri Commerciali Naturali

Emmebi srl. Strategie di marketing urbano per i. Centri Commerciali Naturali Emmebi srl Strategie di marketing urbano per i Centri Commerciali Naturali IL NETWORK DEI "CENTRI COMMERCIALI NATURALI" E LE NOSTRE STRATEGIE Partendo dalla considerazione che è in atto un profondo cambiamento

Dettagli

Fare clic per modificare lo stile del. titolo dello schema

Fare clic per modificare lo stile del. titolo dello schema Parte 4 INDICE OBIETTIVI METODOLOGIA E CAMPIONE GLI ACQUIRENTI DI GIORNALI E RIVISTE IN GDO La multicanalità I fattori di scelta del canale e customer satisfaction Il processo di acquisto Il livello di

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

VALUE LAB CONSULENZA DI DIREZIONE AZIENDALE

VALUE LAB CONSULENZA DI DIREZIONE AZIENDALE VALUE LAB CONSULENZA DI DIREZIONE AZIENDALE LOYALTY PROGRAM Le fasi di definizione di un programma fedeltà Di Marco Di Dio Roccazzella Partner di Value Lab marcodidio@valuelab.it 2 Numerose aziende si

Dettagli

LotusLive. LotusLive Guida alla gestione

LotusLive. LotusLive Guida alla gestione LotusLie LotusLie Guida alla gestione LotusLie LotusLie Guida alla gestione Nota Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto supportato, leggere attentamente le informazioni riportate in Informazioni

Dettagli

Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Liberare risorse per sviluppare il proprio business FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente

Dettagli

Loyalty App SUPPORTING YOUR RETAIL AMBITIONS

Loyalty App SUPPORTING YOUR RETAIL AMBITIONS Loyalty App SUPPORTING YOUR RETAIL AMBITIONS IL CONTESTO: SEMPRE PIÙ CONCORRENZA, E OPPORTUNITÀ, PER L UNICO MERCATO OMNICANALE Mercato dinamico, sensibile al cambiamento Sempre meno margini per i Retailers;

Dettagli

LotusLive. LotusLive Engage e LotusLive Connections Guida per l'utente

LotusLive. LotusLive Engage e LotusLive Connections Guida per l'utente LotusLie LotusLie Engage e LotusLie Connections Guida per l'utente LotusLie LotusLie Engage e LotusLie Connections Guida per l'utente Nota Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto che le

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

FORMart Scarl. www.formart.it

FORMart Scarl. www.formart.it FORMart Scarl 2 Chi siamo Costituita nel 1995 come Società Consortile a Responsabilità Limitata è emanazione di Confartigianato Imprese Emilia-Romagna. FORMart ha scelto le micro, piccole e medie imprese

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

PRESENTAZIONE network Radio in Store

PRESENTAZIONE network Radio in Store PRESENTAZIONE network Radio in Store MISSION Fornire soluzioni per comunicare con i consumatori nei luoghi dove si sviluppa il processo di acquisto : il punto vendita Infatti i messaggi trasmessi dalla

Dettagli

Nella tabella successiva vengono ripresi i contenuti di entrambi i documenti e si indicano le parti che sono comprese in ciascuno.

Nella tabella successiva vengono ripresi i contenuti di entrambi i documenti e si indicano le parti che sono comprese in ciascuno. Le differenze fra piano di marketing e business plan Nelle pagine che seguono presenteremo un esempio schematico, ma realistico e completo, di un piano di marketing. Prima di procedere, tuttavia, riteniamo

Dettagli

anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Anno 2009, versione 1.0

anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Anno 2009, versione 1.0 Anno 2009, versione 1.0 anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Antherica Srl Via Passo Buole, 82 42123 Reggio Emilia Email: info@antherica.com Web: www.antherica.com

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

la Comunicazione è un fatto di cuore!

la Comunicazione è un fatto di cuore! la Comunicazione è un fatto di cuore! La Heart Communication srl nasce come agenzia concessionaria di spazi pubblicitari nella città di Napoli. Le capacità imprenditoriali dei fondatori la portano presto

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il Geomarketing I Mktg-L13 Il Geomarketing,

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

La fondatezza delle ipotesi qualitative e quantitative. I confini dell investimento interno all impresa fra imprese

La fondatezza delle ipotesi qualitative e quantitative. I confini dell investimento interno all impresa fra imprese Divisione Iniziative di rilevante interesse aziendale Progetto di fattibilità Iniziative non strategiche Controllo strategico Verifica coerenza con piano strategico Analisi di coerenza competitiva Direzione

Dettagli

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com IL RUOLO DEL BRAND di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management Sommario Introduzione...3 Definizione di marchio...4 Che cosa rende un marchio forte...4 Marchio e pubblicità...5 Monitoraggio...6

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 30 Comunicazione esterna. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 30 Comunicazione esterna. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing e Direzione d Impresa Lezione 30 Comunicazione esterna Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Quale messaggio diffondere? Generazione e valutazione del messaggio Posizionamento

Dettagli

BUSINESS IMAGING INTELLIGENCE

BUSINESS IMAGING INTELLIGENCE La nuova soluzione di Video Analisi e Business Intelligence dedicata alle realtà commerciali e agli ambienti pubblici Canon Business Imaging Intelligence COS È è la soluzione di Video Analisi e Business

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

Presentazione servizi concorsi a premi

Presentazione servizi concorsi a premi Presentazione servizi concorsi a premi Max Marketing S.r.l. società a socio unico Via G. Sangervasio, 62-25062 Concesio (BS) Tel. 030 5240149 - Fax 030 5240154 www.maxmarketing.it 1 Chi siamo Max Marketing

Dettagli