Il manuale. del coach. Federazione Italiana Vela

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il manuale. del coach. Federazione Italiana Vela"

Transcript

1 Il manuale del coach Federazione Italiana Vela 1

2 Questo quaderno rappresenta uno strumento operativo per tutti gli istruttori che, insegnando a vari livelli lo sport della vela, costituiscono la struttura portante dell attività formativa della Federazione Italiana Vela. Il manuale è utile per chi vuole approfondire le conoscenze didattiche personali e dedicarsi in maniera più sistematica all attività di allenatore. Tutti i consigli che ci perverranno saranno utili per sviluppare ulteriormente la guida. Buon Lavoro PINO BARBIERI Coordinatore attività agonistica e squadre federali I PRINCIPI DELL ALLENAMENTO Sviluppo delle lezioni (struttura e progressione) Preparazione Abilità di comunicare e motivare Rispettare gli allievi Conoscenza dello sport insegnato Approccio scientifico(effettiva analisi del velista e della regata) Fogli di lavoro 2

3 PREPARAZIONE E PRESENTAZIONE DELLA LEZIONE Accentuare il positivo e ridurre il negativo Ricordare il detto: Ascolto e dimentico Vedo e ricordo Faccio e capisco Quando fai lezione, cerca sempre di essere positivo ed entusiasta, tieni in mente i seguenti fattori: Considera le dimensioni dell aula. Ogni cosa che dici o fai sarà inutile se i tuoi allievi non potranno vederti e ascoltarti. Incoraggia i tuoi allievi a seguire frontalmente e assicurati che l aula sia confortevole e ben ventilata. Cerca di essere breve e chiaro (10-20 minuti sono il limite massimo entro il quale gli allievi prestano attenzione) Dai alla tua lezione una struttura-introduzione, Contenuti, Conclusioni. Chiama gli allievi per nome e per ricordarlo scrivilo sulla barca o sul salvagente usando nastro adesivo. Adatta la tua presentazione al tipo di uditorio Utilizza un linguaggio comprensibile Scegli la miglior posizione per essere ascoltato da tutti Promuovi la partecipazione degli allievi alla lezione, guardali negli occhi, non fare monologhi, invitali a partecipare alla discussione con esempi, domande o giochi. Evita distrazioni-ogni distrazione limiterà l attenzione dei tuoi allievi. Se fate lezione all aperto evitate che gli allievi abbiano il sole negli occhi o che il loro sguardo sia rivolto verso l ingresso del club. Parlate rivolti agli allievi, evitando di stare rivolti troppo tempo rivolti verso la lavagna, meglio avere disegni già pronti. Lampo di genio -Questa è una grande tecnica che coinvolge gli allievi nell argomento trattato. Può essere utilizzato come rinforzo alla lezione. Il segreto sta nel fatto che ogni novità improvvisa costringe gli allievi a pensare. 3

4 Non bleffare- Se non conoscete la risposta a una domanda o non siete preparati ad un argomento non inventate una risposta. Meglio dire la verità. Gli allievi manterranno la fiducia in voi. Non abbiate paura di fare verifiche sull apprendimento- Le domande fatte agli allievi durante la lezione saranno di rinforzo all insegnamento. Evitare sarcasmi e umiliazioni. Non lasciate che i vostri pregiudizi prendano il sopravvento e portino all alienazione dell allievo. In particolare evitate battute sul sesso. Evitare argomenti troppo teorici, esempio la meteorologia meglio trattarla con esempi pratici sul campo. Infine ricorda che la tua lezione avrà successo se i tuoi allievi riusciranno ad apprendere le cose più importanti che volevate comunicare e se saranno stimolati ad apprendere altro in futuro. Domande,domande,domande-Il concetto di utilizzare le domande nella lezione è molto utile per insegnare, verificare e stimolare a un maggior apprendimento. Se ben utilizzata questa tecnica aiuta gli allievi a stare più attenti perché coinvolti direttamente. Porre la domanda, fare pausa e indicare l allievo che deve dare la risposta. Non indicare prima l allievo della domanda altrimenti gli altri non si sentiranno interessati. Se un allievo non riesce a rispondere, porre la domanda ad un altro senza mortificarlo,avere risposte serve a verificare l efficacia del vostro insegnamento. Le domande possono essere a risposta chiusa (semplice e breve) o aperte, che richiedono una spiegazione più ampia e personale. PREPARAZIONE E UTILIZZO DI VIDEO Le foto o i video mostrati devono essere attinenti alla lezione altrimenti diventano fonte di distrazione. Chiarezza: ii disegni devono essere semplici e chiari, visibili da tutti. Tempismo: utilizza foto e video quando necessario o se richiesti, se non sono attinenti al momento saranno oggetto di distrazione. Evidenziare e marcare le cose importanti da ricordare 4

5 ASPETTI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO NELLA VELA. Percorso Centratura della barca Assetto barca equipaggio Regolazione delle vele Deriva e sue posizioni ASPETTI PRINCIPALI DELLA REGATA Padronanza del mezzo Velocità Tattica Allenamento fisico e mentale alla gara Preparazione Obiettivi-Descrivere gli obiettivi dell esercizio o dell attività in acqua Gli argomenti- Elencare gli argomenti teorici che possono accompagnare la pratica Video-immagini- Avere un archivio video o immagini da utilizzare durante la lezione Percorsi - Illustrare i percorsi utilizzati in acqua Sequenza delle attività Sicurezza Promemoria Hai scelto le migliori immagini per illustrare la tua lezione? Hai illustrato bene gli esercizi? 5 Hai chiesto se hanno capito l argomento della lezione

6 ESEMPIO DI SCHEDE DI LAVORO Es.1-Padronanza del mezzo Obiettivi- Sviluppare le abilità di controllo della velocità e della direzione del mezzo ESERCIZI Partire e fermarsi a comando in tutte le andature Fare marcia indietro Fermarsi prua al vento e ripartire al segnale Esercizio della V alla boa o gavitello Orzare e poggiare a comando Conduzione senza timone Giro di penalità Navigare in fila Partenza coniglio Virate con rollio ripetute Doppia virata Virate ripetute senza timone Il giro introno al gommone Mezzi e strumenti Video 1 boa- Da ricordare Livello degli allievi Videocamera e fischietto Direzione e forza del vento Argomenti trattati Uso scotta peso timone Sicurezza Salvagente- Tipo di fondale Onda 6

7 Es.2 -Equilibrio Obiettivo- Sviluppare le abilità di equilibrio in acqua ESERCIZI In piedi sullo scafo o sulla tavola In piedi sulla tavola e remare con la pagaia Varianti a livello superiore In piedi sul bordo dello scafo in navigazione Navigo in poppa inclinato sopravento Video Tavola da wsurf Scafo optimist Da ricordare Livello degli allievi Videocamera e fischietto Condizioni ambientali -mare e fondali Sicurezza Salvagente- Tipo di fondale Onda Argomenti trattati Uso della pagaia Posizione dei piedi Esercizi di equilibrio a terra e in acqua La stabilità di forma 7

8 Es.3-Virare Obiettivo- Sviluppare le abilità di virata ESERCIZI Virata con cambio ritardato di stick Virare a comando Virare a coppie Virare a farfalla Doppia virata Virate a tempo Virata con rollio Virata con saltello Virate in fila indiana Video 2 boe- Da ricordare Livello degli allievi Videocamera e fischietto Direzione e forza del vento Sicurezza Salvagente- Distanza tra le barche Evitare collisioni Argomenti trattati Uso scotta peso timone 8

9 Es.4-Esercizi a coppie Obiettivo- Sviluppare la collaborazione in allenamento ESERCIZI Coppie in bolina e velocità Marcamento a coppie in bolina Cane e lepre(si parte al traverso, il primo stramba e si mette dietro e si ripete ) Farfalla Verifica del bordeggio in bolina Variante Esercizio a tre Video 1 boa- Da ricordare Livello degli allievi Videocamera e fischietto Direzione e forza del vento Sicurezza Salvagente- Verificare gli incroci Argomenti trattati Centratura Regolazioni 9

10 Esercizio 5-Virate a comamdo Obiettivo- Perfezionare la virata e osservare individualmente la manovra di ciascuno L esercizio- 1. Tutte le barche formano una linea al traverso ciascuno sulla poppa dell altro a uno scafo di distanza. 2. La velocità deve essere controllata per mantenere la distanza. 3. Quando tutti sono allineati il coach da un segnale e tutte le barche orzano fino alla rotta di bolina. 4. Al segnale successivo si vira e cosi a tutti gli altri segnali 5. Il gommone dell istruttore si dispone al vento e tutti lo girano lasciandolo a sinistra e iniziando la poppa. Varianti- Le barche sono in fila in bolina e virano seguendo il capofila Video-immagini- Mostrare La tecnica di virata Frazionare la virata in sequenze Riprendere ciascuno con il video Da ricordare Livello degli allievi Videocamera e fischietto Direzione e forza del vento 1 fischio si vira, fischi ripetuti fine es. Sicurezza Salvagente- Uso di eventuale trapezio Argomenti trattati Livello degli atleti Coordinazione della manovra Minimi movimenti del timone Lavoro di scotta e bilanciamento dello scafo per iniziare la manovra Velocità della manovra Velocità della barca Distanza tra le imbarcazioni 10

11 Es. 6-Mettere a punto l imbarcazione Obiettivo- Insegnare i fondamentali della messa a punto e della funzione delle varie regolazioni L esercizio- Varianti- Armare una barca e mostrare le regolazioni a terra. In seguito ciascun allievo arma e regola la propria imbarcazione e l istruttore controlla ciascuno. La barca può essere inclinata a 90 per mostrare la forma della vela e la sporgenza della deriva Si esegue il controllo delle dotazioni di sicurezza e il rispetto delle norme di stazza Video-immagini- Mostrare le fasi di stazza durante un campionato Materiale- Imbarcazione con attrezzatura funzionante Da ricordare Livello degli allievi Videocamera e fischietto Direzione e forza del vento Sicurezza Se si insegna l uso del trapezio predisporre materiale protettivo sul terreno. Argomenti trattati Armo dell imbarcazione Sequenza delle regolazioni Regolazione delle cinghie Posizione alle cinghie Collaborazione Nomi delle regolazioni Domande di verifica 11

12 Es.7 Regola 10 mure a dritta e a sinistra Obiettivo- Insegnare una regola base della regata,(la prima per evitare collisioni), e sviluppare la percezione delle altre imbarcazioni sul campo di regata L esercizio- 1. Utilizzando una linea di partenza dividere la flotta in 2 gruppi 2. Il gruppo 1 deve virare mettendosi mure a sinistra appena possibile dopo la partenza dal comitato 3. Il gruppo 2 deve partire dall estremo sinistro mure a sinistra e virare mettendosi mure a dritta appena possibile. 4. Al segnale del coach tutti virano 5. Tutte le barche si incrociano e le barche con mure a dritta chiedono acqua 6. Alla boa di bolina tutti lasciano la boa a sinistra. Varianti- Dopo aver girato la boa al vento le barche ripetono l esercizio in poppa un gruppo mantiene le mure a dritta l altro le mure a sinistra e al segnale dell istruttore si incrociano fino alla boa di poppa. Video-immagini- Illustrare la regola 10 Materiale- Mezzi 2 boe e barca comitato con bandiere Da ricordare Livello degli allievi Direzione e forza del vento Esercizi alternativi Sicurezza Evitare contatti e collisioni in partenza e durante gli incroci. Esercizio da svolgere inizialmente con vento medio leggero. Argomenti trattati Definizione di mure a dritta e mure a sinistra Introduzione al regolamento Fare esempi a terra prima di andare in acqua 12

13 Es.8-La partenza e i suoi segnali Obiettivo- Insegnare il significato dei segnali acustici e delle bandiere con i rispettivi tempi L esercizio- Varianti- Utilizzare i segnali e organizzare una linea di partenza sul piazzale. Organizzare una linea di partenza in acqua e ripetere l esercizio(posizioni,tempo) E necessario stabilire dei limiti per la zona di prepartenza Ciascuno parte con le mura a dritta Ciascuno parte nella zona assegnata Le mura sono libere Nell ultimo minuto si deve restare fermi nel punto in cui ci troviamo Video-immagini- Illustrare i segnali di partenza Materiale- Bandiere /Boa/linea Da ricordare Livello degli allievi Direzione e forza del vento Fischietto/bandiere /aste L esercizio richiede tempo e aiuto per tenere le bandiere L esercizio sul piazzale può essere eseguito anche con le bandiere e i segnali acustici. Sicurezza Evitare collisioni e insegnare l ingresso in linea nel rispetto delle regole Argomenti trattati Tempi e segnali in partenza Valutare il tempo e uso del cronometro Avvicinarsi alla linea tempo/distanza Diminuire i tempi per fare più partenza Regole principali in partenza 13

14 Es.9-Le regolazioni Obiettivo- Insegnare il significato del cambio di regolazioni nei vari lati del percorso e nelle varie andature L esercizio- Varianti- Con gli allievi elencare la check list delle regolazioni nelle differenti zone del percorso in base all andatura.(deriva/base randa/vang/picco/cunningham/scotta. Effettuare un percorso e provare a modificare le regolazioni con l aiuto del coach Infine fare un test durante la regata sul raggiungimento delle abilità Numeri pari regolano numeri dispari no L istruttore filma gli assetti errati e quelli giusti Video- immagini- Scheda delle regolazioni Mezzi Barca armata per dimostrazione Da ricordare Livello degli allievi Direzione e forza del vento Posizionarsi dietro a ogni imbarcazione oppure aspettare il passaggio alle varie boe e verificare le modifiche. Sicurezza- Con vento sostenuto andare in acqua già regolati in maniera ottimale. Argomenti trattati Introdurre il significato delle regolazioni nelle varie andature e nei vari lati del percorso Far capire come migliora la velocità della barca cambiando le regolazioni Approfondire le conoscenze sull'importanza della messa a punto dopo i giri di boa 14

15 Es.10-Regola 18- Giro di boa Obiettivo- Insegnare il significato della regola e della tecnica per girare le boe correttamente L esercizio- 1. Posizionare 2 boe a 200 mt di distanza 2. Far partire le barche a coppia girando in senso antiorario 3. A ogni approccio in boa ciascuno deve gridare ingaggio dammi spazio o non ingaggio, no spazio Varianti- Chi si trova indietro deve raggiungere l altro Ridurre la distanza tra le boe per aumentare la frequenza dei giri di boa. Video-immagini- Illustrare le regole alle varie boe Da ricordare Livello degli allievi Direzione e forza del vento Sicurezza Evitare collisioni e preparare il passaggio in boa Materiale- Boe Fischietto e bandiera rossa Argomenti trattati Definizione di Ingaggio Nuova regola 3 lunghezze Diritto di rotta Diritto di spazio Barca che sta raggiungendo una boa 15

16 Es.11-Centratura e regolazioni in bolina Obiettivi- Insegnare la differenza tra centratura e assetto in bolina e come queste condizionano la velocità della barca L esercizio deve essere fatto in base al vento. Varianti- Inclinare la barca 5 gradi sottovento e sopravento navigando in bolina e lasciarsi mettere in assetto dal coach Navigando i in bolina far sedere l equipaggio molto a poppa o molto a prua e far osservare la scia che lascia la barca., l obiettivo è evitare trascinamento a poppa e ingavonamento a prua. 2 barche vicine una modifica l assetto l altra no Principi teorici la centratura condiziona la direzione, mentre l assetto deve variare nelle differenti andature e condizioni di vento per ridurre il trascinamento e migliorare la velocità della barca. Il tipo di scia e la forza sul timone sono importanti per capire gli effetti della centratura e delle regolazioni. Video-immagini- Materiale- Video camera Da ricordare Livello degli allievi Direzione e forza del vento. Sicurezza Distanza tra le barche che provano Breefing meteo Argomenti trattati Centro velico e centro di deriva Barca orziera centrata o poggiera Rollio Beccheggio 16

17 Es.12-Centratura e regolazioni in poppa Obiettivo- Insegnare la differenza tra centratura e assetto in poppa e come queste condizionano la velocità della barca L esercizio deve essere fatto in base al vento. Seguendo barca per barca far eseguire le regolazioni Navigare in poppa e inclinare sopravento e sottovento Spostare i pesi sopraventon sottovento, avanti e indietro e verificare le differenze di velocità e di pressione sul timone Prova a coppie facendo fare modifiche a una sola barca Principi teorici la corretta posizione dell equipaggio riduce il trascinamento e migliora la velocità della barca. il tipo di scia e la forza sul timone sono importanti per capire gli effetti della centratura e delle regolazioni. Video -immagini Filmato assetti nelle andature portanti Mezzi- videocamera Da ricordare Livello degli allievi Direzione e forza del vento Fischietto videocamera Sicurezza- Mantenere la distanza dalle altre barche, ad esclusione dell esercizio a coppie Argomenti trattati Come cambiano le posizioni dell equipaggio in poppa. Come cambiano le posizioni dell equipaggio in funzione del vento. Come cambiano le posizioni dell equipaggio in funzione dell andatura. Breefing meteo 17

18 Es.13-Virata con Rollio Obiettivo- Insegnare la differenza tra virata normale e virata con rollio L esercizio Fare una virata completa Individuare le fasi della manovra Virare a comando Dare un punteggio fino a 10 in base all uso del timone,corpo,vela,rollio Principi teorici Dirigere la barca mediante l inclinazione dello scafo e la regolazione della vela. Varianti: eseguire virate rollio lente,normali e veloci battere le mani dopo la virata Video-immagini Filmato virata Mezzi- Videocamera Promemoria Livello degli allievi Direzione e forza del vento Sicurezza Evitare collisioni durante gli esercizi. Breefing meteo Argomenti trattati Aumento della velocità dopo la virata Virata modello Pompare in virata Scomporre la virata Regola 42 18

19 Es.14-Strambata con rollio Obiettivo- Insegnare la tecnica di strambata e migliorare la velocità della manovra mediante il rollio L esercizio deve essere fatto in base al vento. Strambare a segnale Se c è vento forte utilizzare boe per fare uno slalom Dimostrare a terra le fasi della strambata senza o con spi Utilizzare le linee d acqua dello scafo per aiutare la barca a poggiare e strambare. Video-immagini- Filmato assetti andature portanti Argomenti trattati Da ricordare Frazionare le fasi della strambata Utilizzare lo scafo per dirigere la barca Pompare con la vela Regolare la tensione del wang Fare la strambata in massima velocità Livello degli allievi Direzione e forza del vento Fischietto Videocamera Consigli Utilizzare un allievo esperto per dimostrare a tutti gli altri. Si può utilizzare anche un video ma i dettagli e l attenzione possono essere minori. Sicurezza Mantenere la distanza durante le strambate. Breefing meteo Mezzi Set di boe. 19

20 Es.15-Regole che si applicano in partenza Obiettivo- Conoscenza del regolamento e abituare gli atleti alle situazioni che si hanno in partenza ESERCIZI 1. Fare un quadrilatero sottovento alla linea di partenza, 2. Tutte le barche devono rimanere nel box durante la sequenza di partenze. 3. Si possono inserire anche lay lines. 4. Utilizzare le regole 10 e 11. Material e mezzi Video 4 boe-bandiere Da ricordare Livello degli allievi Direzione e forza del vento Fischietto Videocamera Sicurezza Evitare collisioni Non fare l esercizio con vento superiore alle possibilità degli allievi Breefing meteo Argomenti trattati Reg Timing prima della partenza Partire in velocità Regolare la velocità Evitare contatti con le altre barche Padronanza del mezzo nei piccoli spazi 20

21 Es.16-Esercizi per valutare l inclinazione della linea Obiettivo- Svluppare le abilità in fase di prepartenza e la tecnica di controllo del posizionamento della linea ESERCIZI Varianti Scorrere la linea, in entrambe le direzioni e capire quale estremo sia migliore Fare prua al vento in metà linea per capire quale estremo sia più basso Osservare le bandiere sulla barca comitato e capire l orientamento della linea. Fare molte partenze modificando la linea Material e mezzi Video Linea di partenza e bandiere Da ricordare Livello degli allievi Direzione e forza del vento Fischietto Videocamera Sicurezza Evitare collisioni Breefing meteo Argomenti trattati Come scorro la linea Metodi di rilevamento del vento Uso della bussola Regolare la velocità Evitare contatti con le altre barche 21

22 Es.17 La prima bolina Obiettivo- Scelta della rotta migliore per arrivare alla boa e scelta della zona di partenza ESERCIZI 1. Assegnare agli allievi la zona di bordeggio a sinistra, centrale o a destra. 2. Ogni allievo deve partire nella parte di linea più idonea a fare la scelta di rotta assegnata. 3. Al termine fare una gara lasciando gli allievi liberi di scegliere il bordeggio Varianti Fare molte partenze modificando l assegnazione dei settori Material e mezzi Video Linea di partenza e bandiere per segnali 2 boe Promemoria Livello degli allievi Direzione e forza del vento Sicurezza Evitare collisioni Breefing meteo Argomenti trattati Come scegliere la rotta migliore Posizionarsi sulla linea nella zona scelta Procedure di approccio alla linea Osservare cosa fanno le altre barche 22

23 Es.18 Girare una boa in andature portanti Obiettivo- Sviluppare la conoscenza delle regole e della tecnica per girare le boe in poppa. ESERCIZIO 1. Posizionare le boe e compiere il percorso indicato distanziando le imbarcazioni 2. Ripetere l esercizio a coppie Mezzi e materiale Video 6 boe- Promemoria Livello degli allievi Direzione e forza del vento Argomenti trattati Sicurezza Evitare collisioni Breefing meteo Regola 18 Regolazioni Approccio al giro di boa Tattica sull avversario Altri argomenti Prima del giro di boa cercare lo spazio Avvicinarsi in boa mure a dritta Spazio per girare la boa Trovare il tempo per fare le regolazioni. 23

24 Es.19 Esercizio di marcamento e copertura Obiettivo- Sviluppare l abilità di saper fare la marcatura stretta dell avversario anche vicino ad altri. ESERCIZI Disporre tre imbarcazioni come nel disegno L obiettivo della barca al vento è quello di marcare la barca centrale per aiutare l altra a passare avanti. La barca in mezzo deve impedirlo virando più possibile e continuando a marcare l avversario sottovento. Il gioco continua e ricomincia appena la barca sottovento diventa leader Il percorso può essere bastone o triangolo. L esercizio si può fare in bolina e in poppa Materiale e mezzi Video 2 o 3 boe Promemoria Livello degli allievi Direzione e forza del vento Sicurezza Evitare collisioni Breefing meteo Argomenti trattati La regata a squadre Teoria sul cono di copertura Regole(tenersi discosti) 24

25 Es.20 Capire i salti di vento Obiettivi- Essere consapevoli dei cambi di direzione di vento e saperli utilizzare ESERCIZI 1 Giro-Si naviga in bolina e devono dire a voce alta quando pensano di avere un buono o uno scarso. 2 giro-si naviga a coppie, uno vira sullo scarso l altro vira sui buoni. 3 giro- si ripete e si invertono i ruoli. Varianti- si può estendere a tutto il gruppo con alcuni che virano sugli scarsi ed altri sui buoni. -Ripetere in andatura di poppa Mezzi e materiali Video 2 boe Promemoria Livello degli allievi Direzione e forza del vento Cosa fa l istruttore Posiziona il gommone alla boa di bolina o segue ciascuna barca Sicurezza Evitare collisioni Breefing meteo Argomenti trattati Vira sugli scarsi e rimani sui buoni Riconoscere i salti di vento Tattica sugli altri 25

26 Es.21 Le penalità Obiettivo- Capire quando si prendono le penalità, come e quando di deve fare una protesta in acqua e come si eseguono uno o due giri di penalità. ESERCIZI 1 Giro-Si naviga in bolina e si fa un giro di penalità uno alla volta, l obiettivo è di mantenere in assetto la barca e di avere velocità. 2 giro-al segnale tutti devono fare la penalità 3 giro- L istruttore si comporta come un Umpire e assegna le penalità. Varianti- Si fanno 2 giri Si ripete l esercizio in poppa Mezzi e materiali Video 2 boe Bandiera rossa Promemoria Livello degli allievi Direzione e forza del vento Cosa fa l istruttore Argomenti trattati Regole Cosa sono le penalità e quando si prendono Inizio di una protesta Abilità nella padronanza del mezzo. Prendere confidenza con le proteste Se sei in dubbio fai 720 e protesta In bolina inizia virando in poppa strambando. Segue ciascuna barca Sicurezza Evitare collisioni Breefing meteo 26

27 Es.22 Capire le Lay-lines Obiettivo- Per fare il percorso più breve bisogna imparare a capire la posizione delle lay- lines e l approccio migliore per i giri di boa. ESERCIZI 1 Giro-Si naviga in liberi e si sceglie l approccio preferito alla boa. 2 giro-si naviga liberi ma si deve fare solo una virata in bolina e solo una strambata in poppa per andare in boa 3 giro Alla boa di poppa si vira subito mure a dritta e si va in boa con mure a sinistra, si stramba subito e si abbatte in lay -line andando in boa mure a dritta Mezzi e material Video 2 o 3 boe Promemoria Livello degli allievi Direzione e forza del vento Cosa fa l istruttore Posiziona il gommone alla boa di bolina o di poppa. Sicurezza Breefing meteo Argomenti trattati Come valutare la lay line in bolina e in poppa Come variano le lay-lines con la corrente 27

28 Es.23 Senza timone Obiettivo- Essere consapevoli che la barca può essere manovrata con peso e scotta soltanto. ESERCIZI 1 -Fissare il timone con un elastico per limitarne i movimenti. 2 -Si deve fare il percorso indicato utilizzando solo scotta e peso per manovrare, si utilizza il timone solo in caso di problemi di rotta.. Varianti- Si può aumentare o diminuire la tensione dell elastico Si può togliere il timone TEORIA La regolazione delle vele e la disposizione dell equipaggio condizionano la rotta della barca, con l esercizio dimostriamo che il timone può essere utilizzato il meno possibile. Mezzi e material Video 2 o 3 boe Promemoria Livello degli allievi Direzione e forza del vento Cosa fa l istruttore Segue ciascuna barca Sicurezza Evitare collisioni Breefing meteo Distanza tra le barche che tolgono il timone Argomenti trattati Regolazione delle vele e peso ci aiutano a manovrare. Ridurre l effetto frenante del timone Migliorare la sensibilità nella padronanza del mezzo Differenze nella messa a punto del mezzo, timone orziero o centrato 28

29 Es.24 Navigare a occhi chiusi Obiettivo- Migliorare il feeling con la barca, sui doppi migliorare la comunicazione tra timoniere e prodiere. ESERCIZI 1 -L esercizio richiede molto spazio 2 -Ciascuno viene invitato a chiudere gli occhi e ad aprirli solo quando si ha la sensazione di non poter controllare la barca. L obiettivo è di prolungare la navigazione a occhi chiusi il più a lungo possibile. L istruttore deve prevenire situazioni di collisioni. Varianti- Si possono richiedere regolazioni a occhi chiusi (es scotta,deriva,peso ecc) L equipaggio chiude gli occhi a turno e si fa guidare dall altro. TEORIA Eliminando la vista, si automatizzano nuove abilità, che possono essere utili per rendere automatizzati certi comportamenti e avere più concentrazione su tattica e strategia nel campo di gara. Mezzi e material- Video Promemoria Livello degli allievi Direzione e forza del vento Cosa fa l istruttore Segue individualmente tutti gli equipaggi Fa compiere l esercizio con vento medio leggero Sicurezza Evitare collisioni Breefing meteo Argomenti trattati Migliorare la sensibilità nella conduzione del mezzo Prolungare la navigazione senza vista Barca orziera e poggiera 29

30 Es.25 Fermarsi e accellerare Obiettivo-Migliorare le abilità nel controllo della barca e nello specifico migliorare il controllo del mezzo nell approccio alla linea di partenza ESERCIZI 1 -Seguire il capofila che varierà la velocità 2 -Fermarsi a una boa e mantenere la posizione il più a lungo possibile. Il segnale dell istruttore da inizio e fine dell esercizio. Al termine si deve far accelerare la barca in bolina nel più breve tempo possibile. 3 -Utilizzando una linea di partenza o una box start si deve stare fermi per 1 e accelerare solo al segnale di partenza regatando fino alla boa di bolina TEORIA Barca ferma Mezzi e materiali Video 1-4 boe Da ricordare Livello degli allievi Direzione e forza del vento Cosa fa l istruttore Segnala il tempo di inizio esercizio Regola i tempi di barca ferma Argomenti trattati Come rallentare Come accelerare Aumentare l uso di timone, scotta e peso per rallentare 30

31 Esempio di programmazione per un raduno di club o di classe della durata di 2 gg. Giorno Argomento Mattino Esercizi in acqua Argomento Pomeriggio Esercizi Lavoro di gruppo Dentro la manovra 1 Armare l imbarcazione Regate test Padronanza del mezzo Virata e abbattuta a comando Fermarsi e accelerare Regate test 2 Messa a punto Messa a punto a coppie Navigare a occhi chiusi Esercizio di marcamento a tre Regata di flotta Laylines Esercizi di Regata Regate finali Vira sulla lay line Box start Profilo degli atleti Lista dei dati Diario giornaliero Video analisi 31

32 Esempio di programmazione per un raduno di 6 gg MATTINO GIORNO TEMA ESERCIZI 1 -Armare l imbarcazione -Il percorso di regata -La regola 10 -Regata di valutazione -2 gruppi partono dalla barca e dalla boa e si incrociano al segnale ARGOMENTI Trattati -Sicurezza -Il campo di regata POMERIGGIO GIORNO TEMA ESERCIZI 1 Serie di partenze Uso delle regolazioni Partenze Esercizio 3 Esercizio 4 Regata di verifica ARGOMENTI Trattati Preparazione della barca alla regata Abbigliamento Manovre in regata Centratura e assetto Sintesi del giorno precedente Prima bolina Giri di boa Riconoscere e classificare i salti di vento Serie di partenze Regata di valutazione Esercizi 6-7 Regata di valutazione Regata di valutazione Esercizio 12 Esercizi 5/13 Regata di valutazione Esercizio 15 Regata di valutazione Esercizio 10 Info sulle condizioni meteo Info sulle condizioni meteo Info sulle condizioni meteo Partenze Virate e abbattute Virate e abbattute Padronanza del mezzo Regate di valutazione Penalità Copertura e marcamento Fondamentali barca-barca Esercizi Esercizi 8/9 Regate di valutazione. Esercizi 8/9 Esercizio 14 Esercizio 16 Esercizio a tre Regata a 2 Regata di valutazione Diario del giorno e lista delle priorità Progressione di riscaldamento in acqua Proteste 5 6 Se manca il vento Regole in lay lines e partenze Partenze Padronanza del mezzo Regola delle 3 lunghezze Regate di valutazione Esercizio 17 Regata di valutazione Esercizi 20/10 Esercizio 17 Info sulle condizioni meteo Info sulle condizioni meteo NOTE: 5 Padronanza del mezzo Messa a punto tra 2 barche 6 La regata Messa a a punto della barca Check List Meteo Il Team Esercizi 8/9 Esercizio 19 Regate finali di valutazione Fondamentali della messa a punto NOTE le barche con spinnaker devono includere l issata, l ammainata e la strambata e inserirle al terzo o quarto giorno in funzione del vento 32

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Guida per le regolazioni del Dinghy 12 di Paolo Viacava e Vittorio d Albertas

Guida per le regolazioni del Dinghy 12 di Paolo Viacava e Vittorio d Albertas Guida per le regolazioni del Dinghy 12 di Paolo Viacava e Vittorio d Albertas con la collaborazione di Filippo Jannello e Paco Rebaudi 1 Guida per la regolazione del Dinghy 12 PREMESSA 3 1. PREPARAZIONE

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

Chimica Suggerimenti per lo studio

Chimica Suggerimenti per lo studio Chimica Suggerimenti per lo studio Dr. Rebecca R. Conry Traduzione dall inglese di Albert Ruggi Metodo di studio consigliato per la buona riuscita degli studi in Chimica 1 Una delle cose che rende duro

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Guida per i velisti. all allenamento con l Indoor Rower. Di Eddie Fletcher. Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham

Guida per i velisti. all allenamento con l Indoor Rower. Di Eddie Fletcher. Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham Guida per i velisti all allenamento con l Indoor Rower Di Eddie Fletcher Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham RYA Exercise Physiologist, componente della Squadra Olimpica di Vela della Gran Bretagna.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

L'utensile é diventato bianco

L'utensile é diventato bianco L'utensile é diventato bianco In questi giorni mi sono allenato a fare delle vele sia di carta che di tessuto. Sono soddisfatissimo, mai avuto vele cosi belle, pero, pero' non riesco ad ottenere un bel

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 EDIZIONE IN ITALIANO LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 Indice Informazioni sul gioco... 1 1 2 3 Come Iniziare Per duellare hai bisogno delle seguenti cose... 2 Carte del Gioco Carte Mostro... 6

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Il punto ed il vento. Ottimizzare la discesa

Il punto ed il vento. Ottimizzare la discesa Capitolo 4 Avere il meglio dalla proprio vela 23 Se guardate una zona di atterraggio impegnata per un momento, diventerà ovvio che alcuni paracadutisti sono padroni della propria vela. Essi atterrano bene

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ Questo documento deve essere letto congiuntamente all allegato estratto del Regolamento delle attrezzature per lo sport della vela nel quale sono definiti alcuni

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.910.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Flavio Turchet Cell. +39 335 70 61 395 Email: flavio.turchet@libero.it Web: www.flavioturchet.com

Flavio Turchet Cell. +39 335 70 61 395 Email: flavio.turchet@libero.it Web: www.flavioturchet.com 1 Questo corso è pensato per assimilare i principi di base per immergersi con lo Scooter o DPV (Diver Propulsion Vehicle). Vengono prese in esame le abilità critiche necessarie nel momento i cui si utilizza

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli