Informatore de Il Sole 24 ORE 4 agosto 2008 n. 31 pag. 51. Costi connessi ai siti web di Zambon Paola, Rotondaro Walter

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informatore de Il Sole 24 ORE 4 agosto 2008 n. 31 pag. 51. Costi connessi ai siti web di Zambon Paola, Rotondaro Walter"

Transcript

1 Informatore de Il Sole 24 ORE 4 agosto 2008 n. 31 pag. 51 Costi connessi ai siti web di Zambon Paola, Rotondaro Walter Argomento - Si analizza la corretta imputazione in bilancio dei costi connessi al sito Internet sia con riferimento a chi ha una contabilità civilistica che rispetto a coloro che utilizzano i principi contabili internazionali. Gli standard IAS/IFRS, in particolare, hanno pubblicato uno specifico principio che viene utilizzato quale base per l'analisi seguente. Si confrontano, quindi, i riflessi fiscali delle scelte contabili operate. Novità - La Finanziaria 2008 ha sottolineato l'importanza del principio di derivazione della dichiarazione dei redditi rispetto al bilancio. La comunitaria 2007 ha stabilito l'avvicinamento del Codice civile agli standard internazionali. Si evidenziano le differenze tra i diversi principi, i relativi riflessi fiscali e di conseguenza il prevedibile evolversi della contabilità nazionale in un futuro molto prossimo su un tema di particolare interesse: la corretta valorizzazione dei costi dei siti web. La creazione di un sito è divenuta ormai un'esigenza pressoché imprescindibile per le imprese. Sia che il web site venga utilizzato esclusivamente per presentare i propri prodotti e servizi (cosiddetto sito vetrina), sia che lo stesso sia utilizzato quale mezzo per interagire con i propri clienti, diventando in alcuni casi strumento di commercio elettronico, è necessario, per le amministrazioni societarie, stabilire la corretta imputazione in bilancio dei costi relativi, sia dal punto di vista contabile che fiscale. I principi contabili internazionali, mediante il SIC32 - Attività immateriali. Costi connessi a siti web, sono intervenuti per definire l'aspetto contabile, ritenuto evidentemente piuttosto rilevante vista l'attenzione dedicata a tale problema. Il Codice civile, i principi contabili nazionali e la normativa fiscale nazionale, invece, non hanno preso specifici provvedimenti, ma hanno trattato solo la corretta imputazione e deduzione dei singoli costi che la società sostiene per costruire o acquisire e successivamente pubblicare il sito Internet. Principi contabili internazionali e il sito web - Il sito aziendale è un software che contiene una serie d'informazioni che possono essere o meno tutelate. Per renderlo accessibile e consultabile pubblicamente median-te la rete è necessario allocarlo su un server che dovrà essere in grado di contenerlo. Quindi la gestione e manutenzione del sito potrà essere predisposta direttamente dalla società o, come avviene nella maggior parte dei casi, delegata a un soggetto terzo specializzato. Inoltre sarà necessario sostenere costi di gestione, tra i quali, per esempio, il quid annuale da versare per il mantenimento del nome di dominio. Per sintetizzare le fasi che sottendono alla costruzione del sito e alla sua piena operatività, si puú utilizzare lo schema offerto dal SIC32, il quale si occupa della contabilizzazione dei costi relativi ai siti Internet, che sono utilizzati, principalmente, o per la vendita dei prodotti e dei servizi aziendali on-line o semplicemente come sito vetrina. Secondo il SIC32 i costi relativi al sito Internet possono essere considerati o come costi di costruzione o come costi della fase operativa. Per ogni fase sono previste condizioni al fine di stabilire se il costo sia o meno valorizzabile quale attività immateriale.

2 In tal caso, il relativo ammortamento, secondo i dettami del principio IAS38, deve essere effettuato sulla vita utile dell'attività, limitata nel tempo, non superiore, comunque, se non in casi eccezionali, ai vent'anni dalla data in cui diventa disponibile all'uso. Se si decidesse comunque, per la particolarità dell'attività, che la vita utile è indeterminabile, la società dovrà: - testare, almeno annualmente, l'effettivo valore dell'attività immateriale sulla base delle previsioni dello IAS36 - Impairment test che richiede un'analisi dettagliata per rilevare se vi sono delle perdite durevoli che si traducono in una svalutazione del bene stesso; - verificare la durata utile del bene. Per costruire il sito è necessario percorrere una serie di passaggi che di seguito vengono sintetizzati e che sono a loro volta ulteriormente scomputabili: 1. pianificazione: analisi di fattibilità, definizione degli obiettivi, valutazione delle alternative; 2. sviluppo di applicazioni e infrastrutture: acquisto del nome di dominio, dell'hardware e del software per lo sviluppo del progetto; 3. analisi e predisposizione dell'adeguata architettura grafica; 4. definizione dei contenuti da inserire nel sito. Costruito il sito dovranno essere affrontati i costi della fase operativa (schema 1 ). Schema 1 Costruzione del sito: fase di ricerca e sviluppo - I costi relativi alla costruzione del sito devono essere spesati a conto economico oppure, qualora rispettino le previsioni dello IAS38 - Attività immateriali, in tema di capitalizzazioni, valorizzati quali attività immateriali. Le stesse devono essere riscontrabili sia che il sito sia stato acquisito che nel caso in cui lo stesso sia stato sviluppato internamente utilizzando conoscenze interne. L'opportunità di capitalizzare si basa anche sull'effettiva volontà della società di completare l'attività intangibile e di renderla pienamente operativa, investendo il necessario, e verificando, in primis, la propensione del sito web a generare ricavi o quantomeno benefici economici futuri, come previsto dal par. 57 dello IAS38 - Attività immateriali (riquadro 1 ). Riquadro 1

3 Paragrafo 57 dello IAS38 Un'attività immateriale derivante dallo sviluppo (o dalla fase di sviluppo di un progetto interno) deve essere rilevata se, e solo se, l'entità può dimostrare quanto segue: (a) la fattibilità tecnica di completare l'attività immateriale in modo da essere disponibile per l'uso o per la vendita. (b) la sua intenzione a completare l'attività immateriale per usarla o venderla. (c) la sua capacità di usare o vendere l'attività immateriale. (d) in quale modo l'attività immateriale genererà probabili benefici economici futuri. Peraltro, l'entità può dimostrare l'esistenza di un mercato per il prodotto dell'attività immateriale o per l'attività immateriale stessa o, se è da usarsi per fini interni, l'utilità di tale attività immateriale. (e) la disponibilità di risorse tecniche, finanziarie e di altro tipo adeguate per completare lo sviluppo e per l'utilizzo o la vendita dell'attività immateriale. (f) la sua capacità di valutare attendibilmente il costo attribuibile all'attività immateriale durante il suo sviluppo. I costi sostenuti dalla società per la costruzione interna del sito possono essere suddivisi in: 1. costi di ricerca: seguono lo stesso trattamento contabile riservato alle spese di start-up, di formazione e di advertising. Si tratta, nella maggior parte dei casi, di costi da spesare a conto economico nell'esercizio di competenza. Solo eccezionalmente, come nel caso dello sviluppo interno di un software che si è rivelato appetibile anche all'esterno, i costi diverranno capitalizzabili, quindi attività immateriali; 2. costi di sviluppo: sono più facilmente capitalizzabili in quanto immediatamente identificabili e solitamente in grado di produrre benefici futuri. Questi saranno misurabili tramite uno dei seguenti metodi: - criterio di riferimento (benchmark treating ) : si deduce al costo storico l'ammortamento e l'invecchiamento del prodotto, condizione comune in un mercato in continua evoluzione; - criterio alternativo (allowed alternative treatment ) : si deduce il valore ottenibile in un mercato di beni immateriali (difficilmente riscontrabile). La fase di pianificazione viene considerata ricerca, pertanto le spese sostenute in questa fase devono essere rilevate come costo (schema 2 ). Schema 2 I costi relativi alle tre fasi sono paragonabili a quelli di sviluppo, dunque rilevabili come attività immateriali quando gli stessi possono essere direttamente attribuiti, per esempio con un opportuno centro di costo, e sono necessari per creare, produrre o preparare il sito web per l'uso e il funzionamento richiesto dal management, nella misura in cui il contenuto è sviluppato con scopi diversi dalla pubblicità e dalla promozione dei propri prodotti e servizi (esempio 1 ). Esempio 1

4 S'immagini una società che vende abbigliamento e che abbia deciso di presentare se stessa e i propri prodotti sulla rete. I costi relativi alla prima fase, ovvero quelli di indagine di marketing, di analisi della concorrenza e di previsione di crescita in caso di predisposizione del sito, verranno paragonati a costi di ricerca, quindi ai fini dei principi contabili internazionali spesati nell'esercizio di competenza. Gli altri costi, per essere capitalizzati e dunque divenire attività immateriali e spesati durante la vita utile del bene e non nel singolo esercizio, dovranno rispettare le condizioni richieste dallo IAS38 e in particolare essere un'attività che genera benefici economici futuri. Nel nostro esempio, la società, oltre a pubblicizzare il proprio marchio, crea un mezzo di vendita del proprio prodotto, instaurando con il cliente un commercio elettronico, e pertanto il sito diviene un mezzo che genera ricavi e dunque i costi relativi possono essere opportunamente capitalizzati. Gestione del sito: fase operativa - Quando lo sviluppo del sito è terminato inizia la fase operativa, nella quale la società si occupa di mantenere e migliorare le applicazioni, l'infrastruttura, il design grafico e il contenuto del sito web. Le spese relative sono solitamente spesate a conto economico, salvo le rare eccezioni nelle quali sono rispettate le condizioni richieste per la capitalizzazione, descritte in precedenza. Inoltre, è richiesto che i benefici economici futuri attesi, attribuibili all'attività che confluiranno alla società, nonché il costo dell'attività stessa, siano valutabili attendibilmente (schema 3 ). Schema 3 Il Codice civile, i principi contabili italiani e il sito web - Il principio contabile n. 24 -

5 Immobilizzazioni immateriali rivisitato nel 2005 dall'organismo Italiano di Contabilità (OIC), a seguito della riforma societaria, non si occupa nello specifico del trattamento contabile dei costi relativi al sito web, per cui sarà necessario adattarlo, per quanto possibile, alla nostra analisi. Seguendo lo schema utilizzato per qualificare le attività immateriali, un costo o un gruppo di costi per essere definito immobilizzazione immateriale deve rispettare, secondo i dettami del principio 24, i seguenti criteri: 1. deve essere un bene non monetario e senza sostanza fisica; 2. deve essere utilizzato per: - la produzione; - la vendita di beni o servizi; - essere affittato; - scopi amministrativi; 3. deve essere identificabile e in grado di produrre benefici economici futuri; 4. il valore deve essere controllato dall'impresa. Le spese relative al sito web, quest'ultimo elemento intangibile per eccellenza, potranno quindi essere imputate a stato patrimoniale se rispettano i requisiti precedenti e negli anni successivi svalutati, secondo le previsioni del comma 1 dell'art cod. civ., qualora, alla data di chiusura dell'esercizio, il valore iscritto in bilancio risulti durevolmente di valore inferiore imputando a conto economico il minor valore alla voce B.10.c. - Altre svalutazioni delle immobilizzazioni e indicando la svalutazione nella nota integrativa (art cod. civ.). Le stesse immobilizzazioni dovranno essere ammortizzate in ogni esercizio in base alla loro residua possibilità di utilizzazione, allocando il costo relativo a conto economico nella voce B.10.a. - Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali e indicando eventuali modifiche nei criteri di ammortamento in nota integrativa (riquadro 2 ). Riquadro 2 Il sito, inoltre, potrà essere acquistato o prodotto internamente. Nel primo caso la casistica trattata dal principio contabile che più si avvicina alla nostra analisi è il software applicativo, ovvero l'insieme di istruzioni che consentono l'utilizzo di funzioni del software per soddisfare specifiche esigenze dell'utente. In questo caso il software, sempre ricorrendo le previsioni per la capitalizzazione, potrà essere allocato come segue: - B.I.3. - Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno, in caso di acquisto del software a titolo di proprietà o di licenza d'uso a tempo indeterminato, ma anche se il software viene creato per uso interno tutelato (anche Intranet). L'ammortamento andrà effettuato in quote costanti sulla vita futura del bene se il valore è determinabile, altrimenti in tre esercizi; - B.I.4. - Concessioni, licenze, marchi e diritti simili, quale applicativo acquistato a titolo di licenza d'uso a tempo determinato, in caso di pagamento annuale di un importo per la durata della concessione. L'ammortamento del costo andrà dunque suddiviso in quote costanti per tale periodo. Se per la licenza fosse previsto un

6 versamento annuale, quest'ultimo andrebbe spesato in ciascun esercizio; - B.I.7. - Altre immobilizzazioni immateriali, in caso di software prodotto per uso interno tutelato o meno. Come per il primo caso l'ammortamento andrà effettuato in quote costanti sulla vita futura del bene se il valore è determinabile, altrimenti in tre esercizi. Quest'ultima ipotesi possiamo definirla residuale rispetto alle precedenti, quantomeno per la nostra analisi. Nell'ipotesi di sito costruito internamente, i costi di ricerca andranno considerati quali costi d'esercizio, se non in particolarissime tipologie nelle quali la stessa ricerca diventa misurabile, identificabile e chiaramente definibile. La capitalizzazione risulta comunque più agevole rispetto alle previsioni dello IAS38 (schema 4 ). Per le spese di sviluppo sarà necessario individuare se si tratta di sito vetrina o di un sito di commercio elettronico, ovvero un luogo sulla rete per pubblicizzare la società ed esaltarne i prodotti al pari di un depliant disponibile sulla rete o di uno spazio multimediale con il quale dialogare con i navigatori con il fine della vendita commerciale, magari permettendo ai clienti di acquistare direttamente on-line, divenendo un mezzo per produrre ricavi. Schema 4

7 Nel primo caso le spese diverranno spesabili nell'esercizio o capitalizzabili alla stregua di costi di promozione e pubblicità, iscrivibili nella voce B.I.2. Costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità. In tal caso, come prevede l'art cod. civ., tali immobilizzazioni immateriali possono essere iscritte nell'attivo con il consenso, ove esistente, del collegio sindacale e devono essere ammortizzate entro un periodo non superiore a cinque anni. I costi del sito di e-commerce saranno, invece, capitalizzabili se è prevedibile, con una certa attendibilità, che creeranno benefici economici futuri e andranno allocati in B.I.1. - Costi di impianto e ampliamento se si è in presenza di ipotesi di espansione dell'attività sociale in nuove direzioni o, diversamente, in B.I.7. - Altre immobilizzazioni immateriali. I costi di gestione, infine, dovranno essere iscritti, sulla base della loro specifica tipologia (costi di mantenimento del domain name, del server provider, del webmaster, e quant'altro) e andranno spesati nel conto economico dell'esercizio di sostenimento. Il Fisco e il sito web - Neanche la normativa fiscale interviene a definire la deducibilità dei costi relativi ai siti Internet, pertanto sarà necessario analizzare, come nel caso del Codice civile, le singole spese che fanno sî che si giunga alla realizzazione del sito Internet, verificandone la relativa deducibilità. In particolare, i costi spesabili in base alle previsioni del Codice civile o degli IAS/IFRS sono deducibili secondo i consueti postulati di competenza e inerenza, viste anche le recenti modifiche apportate all'art. 83, TUIR. L'art. 108, TUIR, stabilisce che le spese di ricerca sono deducibili nell'esercizio in cui sono state sostenute, oppure in quote costanti nell'esercizio stesso e nei successivi ma non oltre il quarto. Inoltre, la ris. n. 95/E del 25 luglio 2006 dell'agenzia delle entrate prevede che i costi dei progetti, correttamente capitalizzati in ossequio ai principi contabili, sono ammortizzabili e fiscalmente rilevanti a partire dall'esercizio in cui questi possono essere economicamente sfruttati. Per i soggetti che applicano i principi contabili internazionali, il principio di derivazione ridefinito dalla Finanziaria 2008 che ha modificato l'art. 83, TUIR, prevede che siano deducibili i costi solo se imputati a conto economico e nella misura in cui gli stessi sono stati valorizzati. Di conseguenza, siccome gli IAS/IFRS prevedono di spesare interamente i costi di ricerca, senza possibilità dunque di una loro capitalizzazione e della relativa imputazione in più esercizi, gli stessi dovranno essere dedotti interamente nell'esercizio di competenza, così come si evince anche dalla ris. n. 78/E dell'agenzia delle entrate del 17 giugno I costi di sviluppo sono deducibili in base alle previsioni del comma 3 dell'art. 108, TUIR, ovvero nel limite della quota imputabile a ciascun esercizio. Le medesime spese, non capitalizzabili per effetto dei principi contabili internazionali, sono deducibili in quote costanti nell'esercizio in cui sono state sostenute e nei quattro successivi. I costi di gestione, secondo i dettami del comma 1 dell'art. 109, TUIR, concorrono a formare il reddito nell'esercizio di competenza. Per completezza, si segnala che i contenuti di alcuni siti ricadono nelle previsioni della legge 633 del 22 aprile 1941 sul diritto d'autore. In tal caso è necessario fare riferimento all'art cod. civ., imputare i costi relativi se capitalizzati nelle voce B.I.3. - Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno e dedurre i valori imputati a conto economico in misura non superiore al 50% del costo (comma 1, art. 103, TUIR). Conclusioni - Gli standard internazionali hanno predisposto un apposito principio per la definizione e corretta imputazione in bilancio dei costi relativi ai siti Internet, i quali, a loro volta, hanno riflessi sulla dichiarazione dei redditi. Il Codice civile e i principi contabili nazionali, invece, non hanno previsto norme specifiche, pertanto, è necessario scomporre le singole fasi che attendono alla realizzazione del sito Internet, verificandone la corretta imputazione di ogni costo relativo e la corrispondente competenza e deduzione fiscale. Converrà agli operatori di calcolare le differenze tra i principi, quantomeno oggi per analisi interna,

8 in previsione dell'avvicinamento del Codice civile agli standard internazionali che sarà attuato dal nostro legislatore entro il prossimo anno secondo quanto stabilito dalla Comunitaria Sarà, inoltre, necessario valutare l'impatto fiscale di tali cambiamenti che già attualmente la legge Finanziaria 2008, disattendendo la neutralità fiscale stabilita dal D.Lgs. 38 del 28 febbraio 2005, crea di fatto, in quanto, applicando correttamente il principio di derivazione, si generano differenze temporali di deduzione dei costi tra gli utilizzatori della contabilità civilistica, rispetto a coloro che applicano gli IAS/IFRS, come per esempio nella valorizzazione dei costi di ricerca legati ai siti Internet.

PCN 24 IAS 38 attività immateriali

PCN 24 IAS 38 attività immateriali PCN 24 IAS 38 attività immateriali 1 Art. 2424 B I 1) Costi di impianto e di ampliamento 2) Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità 3) Brevetti industriali e di utilizzo di opere dell ingegno 4) Concessioni,

Dettagli

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Circolare N. 28 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 aprile 2009 COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Una tra le più ricorrenti problematiche inerenti la chiusura di bilancio

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 11/2015

NOTA OPERATIVA N. 11/2015 NOTA OPERATIVA N. 11/2015 OGGETTO: Il trattamento contabile e fiscale di software e siti web aziendali - Premessa La presente nota operativa riguarda un tema complesso e di non facile applicazione pratica:

Dettagli

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a Agenzia delle Entrate Ufficio controlli fiscali - Direzione Regionale

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 216/E

RISOLUZIONE N. 216/E RISOLUZIONE N. 216/E Roma 09 agosto 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto:Istanza di interpello - Afa S.p.a. - Applicazione dei principi contabili internazionali - Deduzione di costi

Dettagli

Le immobilizzazioni immateriali

Le immobilizzazioni immateriali Le immobilizzazioni immateriali B) IMMOBILIZZAZIONI I - Immobilizzazioni immateriali 1) costi di impianto e di ampliamento; 2) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità; 3) diritti di brevetto industriale

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società Delta S.p.A. redige il proprio Bilancio d esercizio in conformità ai principi contabili internazionali Ias/Ifrs. In relazione ad

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario 1 modulo Classificazione codice civile La classe B-I dell art. 2424 C.C. individua 7 categorie di immobilizzazioni

Dettagli

COSTI DI PUBBLICITÀ. Attivo SP B.I.2

COSTI DI PUBBLICITÀ. Attivo SP B.I.2 4 COSTI DI PUBBLICITÀ Attivo SP B.I.2 Prassi Documento OIC n. 24; Comitato consultivo per le norme antielusive, pareri 19.2.2001 n. 1; 24.2.2004 n. 1; 5.5.2005 n. 8 e 7.3.2006 n. 5; R.M. 5.11.74 n. 2/1016;

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

IL MARCHIO ED IL BREVETTO COME BENI INTANGIBILI A BILANCIO

IL MARCHIO ED IL BREVETTO COME BENI INTANGIBILI A BILANCIO IL MARCHIO ED IL BREVETTO COME BENI INTANGIBILI A BILANCIO dott. Milano, 15 marzo 2012 Il Brevetto come bene intangibile CONTABILIZZAZIONE ED AMMORTAMENTO CENNI: Se il brevetto o il marchio viene acquistato

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO

BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO Il principio contabile OIC n.25 stabilisce che i debiti per le singole imposte dell'esercizio siano imputati in bilancio al netto di eventuali

Dettagli

28.03.2012 Le spese di manutenzione e riparazione L imputazione a bilancio delle manutenzioni e riparazioni su beni strumentali

28.03.2012 Le spese di manutenzione e riparazione L imputazione a bilancio delle manutenzioni e riparazioni su beni strumentali Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 149 28.03.2012 Le spese di manutenzione e riparazione L imputazione a bilancio delle manutenzioni e riparazioni su beni strumentali Categoria:

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 43 27.11.2013 Svalutazioni immobilizzazioni e deducibilità interessi passivi Deducibilità degli interessi passivi ridotta Categoria: Bilancio e contabilità

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 50 27.05.2015 Spese di manutenzione e riparazione Profili contabili e compilazione modello Unico Categoria: Ires Sottocategoria: Determinazione

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

Svalutazione, ammortamento e ripristino di valore di un immobilizzazione: una questione anche di tempi

Svalutazione, ammortamento e ripristino di valore di un immobilizzazione: una questione anche di tempi Svalutazione, ammortamento e ripristino di valore di un immobilizzazione: una questione anche di tempi di Tiziano Sesana (*) La valutazione dell esistenza di difficoltà a recuperare il valore netto contabile

Dettagli

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI I fabbricati strumentali a cura di Roberto Protani I FABBRICATI STRUMENTALI L'art. 36, comma 7, del D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla L. 4 agosto

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 8/2014

NOTA OPERATIVA N. 8/2014 NOTA OPERATIVA N. 8/2014 OGGETTO: Le immobilizzazioni immateriali: definizione e classificazione, le scritture contabili, aspetti fiscali e verifiche dell Organo di controllo. - Introduzione I beni immateriali

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Si illustra il trattamento

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA. a cura di Norberto Villa

LA NOTA INTEGRATIVA. a cura di Norberto Villa LA NOTA INTEGRATIVA a cura di Norberto Villa Vecchio Codice 4 mesi 6 mesi se 2364-2 Nuovo Codice 120 giorni 180 giorni se Previsto da statuto Esigenze particolari Previsto da statuto Nel caso di... Nel

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 178 COMPUTO DEGLI AMMORTAMENTI

Dettagli

Professionisti e strumenti per la cultura, il governo e lo sviluppo delle imprese www.ateneoweb.com

Professionisti e strumenti per la cultura, il governo e lo sviluppo delle imprese www.ateneoweb.com Professionisti e strumenti per la cultura, il governo e lo sviluppo delle imprese www.ateneoweb.com L ISCRIZIONE IN BILANCIO DEI COSTI SOSTENUTI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SITO WEB A cura di Dott. Paolo

Dettagli

Periodico informativo n. 150/2015

Periodico informativo n. 150/2015 Periodico informativo n. 150/2015 Bilancio: le principali novità dal 2016 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che con il D.Lgs. n. 139 del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12/08/2003 Oggetto: Istanza di interpello - Art. 67 e 71 TUIR Deducibilità ammortamenti finanziari e svalutazione crediti in caso di

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 Il leasing è un contratto per mezzo del quale il locatore (lessor) trasferisce al locatario (lessee), in cambio di un pagamento o di una serie

Dettagli

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani IAS 17 : LEASING Schemi di analisi Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani INDICE SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE CLASSIFICAZIONE CONTABILIZZAZIONE VENDITA E RETROLOCAZIONE PRINCIPI CONTABILI

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI IAS 38 Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dall entità in in conseguenza di di eventi passati e dalla quale

Dettagli

Le società tenute all adozione degli IAS e i criteri di valutazione delle immobilizzazioni

Le società tenute all adozione degli IAS e i criteri di valutazione delle immobilizzazioni Principi contabili internazionali Le società tenute all adozione degli IAS e i criteri di valutazione delle immobilizzazioni di Raffaele Artina e Valerio Artina (*) Introduzione L ADEMPIMENTO Approvazione

Dettagli

NOTA OPERATIVA N.12 /2015

NOTA OPERATIVA N.12 /2015 NOTA OPERATIVA N.12 /2015 OGGETTO: Le spese di manutenzione. - Introduzione Con la presente nota operativa si affronterà il tema delle spese di manutenzione e del loro corretto trattamento contabile. Saranno

Dettagli

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE Raffaele Rizzardi Bologna 14 dicembre 2004 FONTI NORMATIVE - RIFORMA DEL CODICE CIVILE - D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (applicazione facoltativa per

Dettagli

Bilancio abbreviato al 31/12/2011

Bilancio abbreviato al 31/12/2011 LAMETIASVILUPPO SCRL Sede Legale: C.DA MADDAMMA LAMEZIA TERME (CZ) Iscritta al Registro Imprese di: CATANZARO C.F. e numero iscrizione: 02582730798 Iscritta al R.E.A. di CATANZARO n. 170344 Capitale Sociale

Dettagli

MARCO BODO LE OPERE D ARTE NEL REDDITO D IMPRESA

MARCO BODO LE OPERE D ARTE NEL REDDITO D IMPRESA MARCO BODO LE OPERE D ARTE NEL REDDITO D IMPRESA SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le opere d arte e la loro collocazione in bilancio 3. L acquisto di opere d arte e rilievi fiscali 4. La vendita di opere d arte

Dettagli

IAS 38 - OIC 24: Le Attività immateriali

IAS 38 - OIC 24: Le Attività immateriali IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 38 - OIC 24: Le Attività immateriali Roma, marzo/maggio 2015 Finalità del principio Per quale motivo è stato emanato il principio? PC OIC 24

Dettagli

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro INNOVAETICA SRL Sede in ROMA Codice Fiscale 12170501006 - Numero Rea ROMA 1355872 P.I.: 12170501006 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Società in liquidazione:

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali Art. 2426 c.c.; documento n. 16 dei principi contabili OIC Principi Contabili Internazionali IAS 16 "Immobilizzazioni tecniche" * IAS 40 "Investimenti in immobili"; DPR 917/86:

Dettagli

Novità in OIC 16 Le immobilizzazioni materiali

Novità in OIC 16 Le immobilizzazioni materiali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Novità in OIC 16 Le immobilizzazioni materiali Applicabili ai bilanci chiusi al 31 12 2014 OIC 16 Scopo e funzione L OIC 16 Immobilizzazioni materiali ha

Dettagli

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI MANUTENZIONE E a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Ai fini della chiusura del Bilancio d'esercizio il tema oggetto

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

IFRIC 12 Accordi per servizi in concessione. Incontro con l AEEG Milano, 5 aprile 2011

IFRIC 12 Accordi per servizi in concessione. Incontro con l AEEG Milano, 5 aprile 2011 IFRIC 12 Accordi per servizi in concessione Incontro con l AEEG Milano, 5 aprile 2011 IFRIC 12 Aspetti principali L IFRIC 12 disciplina la contabilizzazione (da parte dell operatore/concessionario) degli

Dettagli

BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013

BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013 A cura di Celeste Vivenzi BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013 Il principio contabile OIC n.25 stabilisce che i debiti per le singole imposte dell'esercizio

Dettagli

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER INFORMATIVA N. 134 06 MAGGIO 2015 BILANCIO LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER Art. 18, DL n. 91/2014 Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E Principi contabili OIC 16 e 25 Informativa

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 93 25.03.2016 L ammortamento: disciplina contabile Analisi dell OIC 16 Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Ammortamento La nuova

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo 83 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo Una delle problematiche che assume maggiore rilievo nelle Società di Mutuo Soccorso, riguarda l'individuazione della corretta

Dettagli

Le principali novità dei principi contabili OIC

Le principali novità dei principi contabili OIC Le principali novità dei principi contabili OIC. OIC 23 Lavori in corso su ordinazione OIC 23 Lavori in corso su ordinazione Classificazione Rilevazione dei corrispettivi fatturati a titolo definitivo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI

LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI Francesca Pirani Spoleto, 30 Marzo 2007 1 COSTI PER ATTREZZATURE DUREVOLI Le attrezzature durevoli sono beni che: non esauriscono la propria utilità dopo un utilizzo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 dicembre 2013 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale della svalutazione civilistica di beni materiali

Dettagli

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Circolare N. 26 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 5 aprile 2011 LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Nelle aziende, specie in quelle industriali, rivestono una notevole importanza i costi di

Dettagli

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore di Paolo Moretti Le perdite di valore per le immobilizzazioni materiali, disciplinate dallo IAS 16 «Immobili, impianti e macchinari»,

Dettagli

La fiscalità del bilancio IAS. Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali

La fiscalità del bilancio IAS. Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali La fiscalità del bilancio IAS Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ. * in giallo le modifiche apportate rispetto alla versione precedente datata 02/12/2009. Simulazione ammortamenti

Supporto On Line Allegato FAQ. * in giallo le modifiche apportate rispetto alla versione precedente datata 02/12/2009. Simulazione ammortamenti Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-7Y3DUZ57666 Data ultima modifica 07/01/2010 Prodotto Sistema Professionista - Picomwin Modulo Cespiti Oggetto Simulazione ammortamenti * in giallo le modifiche

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

COSTI DI RICERCA E SVILUPPO

COSTI DI RICERCA E SVILUPPO 4 COSTI DI RICERCA E SVILUPPO Attivo SP B.I.2 Prassi Documento OIC 12; Documento OIC 16; Documento OIC 24; Guida all applicazione dell impairment test dello IAS 36 1 PREMESSA La voce B.I.2 dello Stato

Dettagli

CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 1/E DEL 19 GENNAIO 2007: AMMORTAMENTO DEI TERRENI

CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 1/E DEL 19 GENNAIO 2007: AMMORTAMENTO DEI TERRENI N. 11 2007 CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 1/E DEL 19 GENNAIO 2007: AMMORTAMENTO DEI TERRENI 1. Premessa Con il decreto legge n. 223 del 2006 e con il successivo decreto legge n. 262 del 2006 (cosiddetto

Dettagli

Il trattamento contabile delle immobilizzazioni immateriali, dell avviamento e l impairment test secondo i principi contabili internazionali

Il trattamento contabile delle immobilizzazioni immateriali, dell avviamento e l impairment test secondo i principi contabili internazionali Il trattamento contabile delle immobilizzazioni immateriali, dell avviamento e l impairment test secondo i principi contabili internazionali 24 settembre 2008 Relatore Andrea Restelli Revisore contabile

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Via Poli 29, 00187 Roma

Organismo Italiano di Contabilità Via Poli 29, 00187 Roma Organismo Italiano di Contabilità 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 Sito: Fondazioneoic.it Organismo Italiano di Contabilità Via Poli 29, 00187 Roma Proposte in materia di bilancio

Dettagli

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale La valorizzazione dei beni immateriali: i metodi di valutazione Rag. Roberto Spaggiari Reggio Emilia 20 giugno 2013 Page 1 Tempi di crisi Coscienza

Dettagli

REGOLAMENTO EMITTENTI

REGOLAMENTO EMITTENTI REGOLAMENTO EMITTENTI ATTESTAZIONE DEL DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI E DEGLI ORGANI AMMINISTRATIVI DELEGATI SUL BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO E SULLA RELAZIONE

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Individuazione dei costi ai fini del calcolo dei contributi per la pubblicazione delle testate in formato digitale ai sensi dell articolo 3, comma 5 del

Dettagli

SMARTLY:NATIVES OF SMART LIVING S.R.L.

SMARTLY:NATIVES OF SMART LIVING S.R.L. SMARTLY:NATIVES OF SMART LIVING S.R.L. Sede in VIA VETOIO 1 COPPITO C/O UNIVAQ - 67100 L'AQUILA (AQ) Codice Fiscale 01926380666 - Numero Rea AQ 000000131566 P.I.: 01926380666 Capitale Sociale Euro 10.000

Dettagli

1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2

1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2 1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2 Introduzione...2 Nuova struttura del menù dei cespiti...4 Conversione archivi...5 Aggiornamento anagrafiche...6 Anagrafica cespiti...8 Calcolo degli ammortamenti...

Dettagli

In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc.

In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc. Le Rimanenze In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc.; in un apposita lezione verranno trattate le rimanenze

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

La gestione dei cespiti ammortizzabili

La gestione dei cespiti ammortizzabili La gestione dei cespiti ammortizzabili Aggiornato al 10/05/2013 Indice 1 I parametri nella gestione ditta... 3 2 Registrazione di un bene ammortizzabile... 6 3 Calcolo Ammortamento Cespiti... 18 Calcolo

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 15 14.05.2014 La svalutazione dei crediti Disciplina fiscale ed esempi di compilazione del modello Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002

RISOLUZIONE N. 41/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002 Oggetto: Interpello n../2001 - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Deducibilità degli ammortamenti relativi a

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI Il leasing finanziario a cura di Roberto Protani IL LEASING FINANZIARIO Il leasing finanziario è un contratto atipico non disciplinato dal Codice civile che consente all'impresa

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

GAL OLTREPO' MANTOVANO SOC.CONS.ARL Codice fiscale 02277540205

GAL OLTREPO' MANTOVANO SOC.CONS.ARL Codice fiscale 02277540205 GAL OLTREPO' MANTOVANO Società consortile a responsabilità limitata Codice fiscale 02277540205 Partita iva 02277540205 Piazza Pio Semeghini, 1-46026 Quistello MN Iscritta al Numero R.E.A 239049 di Mantova

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi. Relazione tra. Risultato ante imposte reddito imponibile. Si pongono diversi problemi:

Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi. Relazione tra. Risultato ante imposte reddito imponibile. Si pongono diversi problemi: Relazione tra Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi Risultato ante imposte reddito imponibile Si pongono diversi problemi: Che relazione esiste tra bilancio d esercizio e dichiarazione dei redditi?

Dettagli

Corso di bilancio e principi contabili

Corso di bilancio e principi contabili Corso di bilancio e principi contabili Quinta lezione: Lo stato patrimoniale Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli 1 LO SCHEMA DELLO STATO PATRIMONIALE A SEZIONI DIVISE E CONTRAPPOSTE

Dettagli

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI sono: FATTORI PRODUTTIVI AD UTILIZZO PLURIENNALE «STRUMENTI» DEL PROCESSO PRODUTTIVO Le immobilizzazioni incorporano

Dettagli

Il trattamento contabile e fiscale dei c.d. beni complessi

Il trattamento contabile e fiscale dei c.d. beni complessi Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * Il trattamento contabile e fiscale dei c.d. beni complessi Una recente sentenza della Commissione Tributaria di II grado

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. OGGETTO: Determinazione della base imponibile IRAP - Ulteriori chiarimenti.

CIRCOLARE N. 26/E. OGGETTO: Determinazione della base imponibile IRAP - Ulteriori chiarimenti. CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 giugno 2012 OGGETTO: Determinazione della base imponibile IRAP - Ulteriori chiarimenti. 2 INDICE Premessa...3 1. Trattamento della svalutazione delle

Dettagli

Contributi regionali per la certificazione di qualità

Contributi regionali per la certificazione di qualità Agevolazioni & Incentivi Contributi regionali per la certificazione di qualità I contributi regionali (o in c/capitale) per la certificazione di qualità sono compatibili con gli incentivi fiscali per la

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota Integrativa parte iniziale Ai sensi delle disposizioni del codice civile in tema di bilancio si forniscono le informazioni seguenti ad integrazione

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

residua possibilità di utilizzazione

residua possibilità di utilizzazione Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni La modifica dei piani di ammortamento: vincoli civilistici e fiscali Premessa A causa del difficile contesto economico e di mercato dovuto alla perdurante

Dettagli

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA Controllo Contabile Giudizio sul bilancio Signori Soci, Come previsto dall art. 14 del D.lgs 39/2010

Dettagli