REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI E PER LE RACCOLTE DIFFERENZIATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI E PER LE RACCOLTE DIFFERENZIATE"

Transcript

1 COMUNE DI BRUGHERIO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI E PER LE RACCOLTE DIFFERENZIATE (Approvto dl Consiglio Comunle con deliberzione n. 6 del 11/01/2002) Brugherio Pizz C. Bttisti, 1 Tel Fx P.IVA C.F

2 I N D I C E CAPITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art: 8 Art. 9 Obiettivi dell gestione rifiuti Riferimenti normtivi Principi generli Oggetto del Regolmento Competenze del Comune Gestione dei rifiuti: mterili, soggetti, ttività ed operzioni qulificnti Clssificzione dei rifiuti Rifiuti specili ssimilti i rifiuti solidi urbni Rifiuti specili e pericolosi 9.1 Disposizioni di crttere generle 9.2 Deposito temporneo dei rifiuti specili e pericolosi 9.3 Conferimento dei rifiuti specili e pericolosi 9.4 Rifiuti snitri pericolosi 9.5 Aminto Art. 10 Prticolri ctegorie di rifiuti 10.1 Imbllggi 10.2 Rifiuti costituiti d veicoli motore, rimorchi e simili fuori uso e loro prti 10.3 Rifiuti cimiterili CAPITOLO 2 - FORME DI GESTIONE - DIVIETI E CONTROLLI Art. 11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 Forme di gestione Obblighi e divieti Vigilnz del servizio Ordinnze contingibili ed urgenti Disinfezione e disinfestzione dei mezzi e delle ttrezzture Tutel snitri del personle ddetto l servizio 2

3 CAPITOLO 3 - RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Art. 17 Art. 18 Art. 19 Oggetto dell rccolt differenzit Finlità Loclizzzione siti e contenitori Art. 20 Conferimento Frzioni orgnico e residu d smltire dei rifiuti solidi urbni Crt e crtoni Vetro e lttine Contenitori in plstic per liquidi ed ltri imbllggi in plstic Rottmi metllici Beni durevoli Legnme e mnuftti in legno esclusi gli scrti dell lvorzione del legno Pneumtici Componenti elettronici Polistirolo espnso Films plstici Rifiuti ingombrnti non ulteriormente differenzibili Rifiuti inerti Rifiuti vegetli Oli e grssi vegetli ed nimli residui dll cottur degli limenti Art. 21 Rifiuti urbni pericolosi Btterie e pile scriche Accumultori l piombo esusti Prodotti e reltivi contenitori etichettti con il simbolo T e/o F Prodotti frmceutici inutilizzti, scduti o vriti Lmpde scric e tubi ctodici Siringhe gicenti sulle strde ed ree pubbliche o sulle strde o ree privte comunque soggette d uso pubblico Crtucce esuste di toner per fotocopitrici e stmpnti Oli minerli e filtri usti Art. 22 Istituzione di nuovi servizi di rccolt differenzit Art. 23 Criteri di orgnizzzione del servizio di rccolt Art. 24 Art. 25 Trsporto llo smltimento finle Pittform ecologic comunle per l rccolt differenzit 3

4 CAPITOLO 4 - MODALITÀ DI CONFERIMENTO, RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANI ESTERNI Art. 26 Art. 27 Art. 28 Art. 29 Art. 30 Art. 31 Art. 32 Art. 33 Art. 34 Art. 35 Art. 36 Art. 37 Art. 38 Definizione Rccolt, spzzmento e trttmento Modlità di svolgimento del servizio Cestini gett crt e port rifiuti Aree occupte d esercizi pubblici, spettcoli vigginti ecc. Rccolt rifiuti provenienti di mercti Obbligo di tenere puliti i terreni non occupti d fbbricti Pottur lberi, siepi ed rbusti Crico e scrico di merci e mterili Disposizioni per proprietri di nimli domestici Volntinggio Disposizioni per esecutori di interventi edilizi Educzione e informzione ll cittdinnz CAPITOLO 5 - DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI COMUNALI IN MATERIA DI BONIFICA DEI LUOGHI INQUINATI Art. 39 Art. 40 Abbndono di rifiuti Bonific e ripristino mbientle dei luoghi inquinti CAPITOLO 6 - DISPOSIZIONI FINALI Art. 41 Art. 42 Snzioni Triff Art. 43 Contributi CONAI Art. 44 Art. 45 Art. 46 Riferimento d ltri regolmenti Riferimento ll legge Efficci del presente Regolmento - Entrt in vigore. 4

5 CAPITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Obiettivi dell gestione rifiuti Considerto che l produzione incontrollt dei rifiuti e il reltivo smltimento costituiscono ormi un oggettivo limite llo sviluppo e che un forte riduzione nell quntità dei rifiuti prodotti si impone in modo sempre più drstico, si individuno come obiettivi primri del Comune: ) informre i cittdini dell importnz che ssume un economic ed efficiente gestione dei rifiuti i fini dell equilibrio mbientle e rendere gli stessi conspevoli dell necessità di ttivrsi per ottenere corretti sistemi di smltimento b) proporre zioni tte : coinvolgere le diverse componenti economiche e socili (produttori, consumtori, utenti dei servizi di trttmento e smltimento dei rifiuti), in un gestione controllt e rzionle di ogni fse dell vit dei prodotti e dei mterili fino l reimpiego o llo smltimento finle diffondere, presso gli opertori del settore produttivo, l conspevolezz dei vntggi economici che l produzione pulit rppresent per gli interessi economici delle imprese nche sotto il profilo concorrenzile promuovere l ttività di rccolt differenzit in modo d fvorire l umento dei quntittivi riciclbili e recuperbili e l effettiv diminuzione delle frzioni perdere. Articolo 2 - Riferimenti normtivi Il presente Regolmento, che disciplin l gestione dei Rifiuti urbni sotto il profilo tecnico ed igienico - snitrio, è dottto i sensi dell rt. 21 del Decreto Legisltivo 5 febbrio 1997 n 22 ( Decreto Ronchi ) - ttutivo delle direttive comunitrie 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689 sui rifiuti pericolosi e 94/62 sugli imbllggi e i rifiuti di imbllggio nonché l Decreto Legisltivo 8 novembre 1997 n. 389 (Decreto Ronchi bis), ll Legge 9 dicembre 1998 n 426 (Decreto Ronchi ter) e successive modifiche e integrzioni. Esso rimnd inoltre ll Legge Regione Lombrdi 1 luglio 1993, n. 21, con prticolre rigurdo ll rccolt delle frzioni di rifiuto utilizzbili ll Legge Regione Lombrdi 11 prile 1994 Regolmento Comunle Tipo per il servizio di rccolt differenzit dei rifiuti urbni e ssimilbili l Decreto 29 mggio 1991 del Ministro dell Ambiente Indirizzi generli per l regolmentzione dell rccolt differenzit dei rifiuti l Decreto Ministero Ambiente 5 febbrio 1998 Individuzione dei rifiuti non pericolosi sottoposti lle procedure semplificte di recupero i sensi degli rtt. 31 e 33 del Decreto Legisltivo 5 febbrio 1997, n. 22 l Decreto Ministero Ambiente 26 giugno 2000, n. 219 Disciplin per l gestione dei rifiuti snitri, i sensi dell rticolo 45 del Decreto Legisltivo 5 febbrio 1997, n. 22 ll Legge 23 mrzo 2001 n. 93 Disposizioni in cmpo mbientle l Codice dell Strd, in prticolre ll rt. 25, 3 comm ed rt.68 del D.P.R. 6/12/1992, n. 495 Regolmento di esecuzione e di ttuzione del nuovo Codice dell Strd che disciplin l colloczione dei cssonetti e successive modificzioni ed integrzioni. Recepisce infine le norme dello Sttuto di desione l Consorzio Est Milnese - Consorzio Pubblico di Igiene Ambientle, del Regolmento di gestione dell Stzione di trsferimento/lvorzione di Bellusco/Mezzgo e del Regolmento di Gestione dell Pittform per l Rccolt Differenzit dei Rifiuti del Comune di Brugherio. 5

6 Articolo 3 - Principi generli L intero ciclo dell rccolt e dello smltimento dei rifiuti, nelle sue vrie fsi, costituisce ttività di pubblico interesse ed è sottoposto ll osservnz dei seguenti criteri generli di comportmento: ) deve essere evitto ogni dnno o pericolo per l slute, l incolumità, il benessere e l sicurezz dell collettività e dei singoli b) deve essere grntito il rispetto delle norme igienico-snitrie ed evitto ogni rischio di inquinmento dell ri, dell cqu, del suolo e del sottosuolo, nonché ogni inconveniente derivnte d rumori e odori c) devono essere slvgurdte l fun e l flor e deve essere evitt qulsisi form di degrdo dell mbiente e del pesggio d) devono essere rispettte le esigenze di pinificzione economic e territorile e) devono essere promossi, con l osservnz di criteri di economicità ed efficienz, sistemi tendenti riciclre, riutilizzre i rifiuti o recuperre d essi mterili o energi. Il Comune promuoverà con il Consorzio Est Milnese - se del cso, di concerto con l eventule Applttrice dei servizi e/o ltri Enti o Associzioni opernti nel settore ecologico sul territorio - l sperimentzione di tutte le forme orgnizztive e di gestione tendenti limitre l produzione dei rifiuti, nonché d tture tutte le possibili forme di rccolt differenzit intes l recupero di mterili e/o energi. Ciò potrà vvenire nche con il coinvolgimento del cittdino-utente e delle ssocizioni di volontrito. Articolo 4 - Oggetto del Regolmento L gestione dei rifiuti nelle vrie fsi di conferimento, di rccolt, di cernit e rggruppmento, di trsporto, di recupero, di trttmento, nonché di mmsso e smltimento, di pulizi e spzzmento, costituisce ttività di pubblico interesse sottopost lle disposizioni del presente Regolmento. Sono esclusi dll mbito di ppliczione del presente Regolmento gli effluenti gssosi emessi nell tmosfer nonché, in qunto disciplinti d specifiche disposizioni di legge: ) i rifiuti rdiottivi b) i rifiuti risultnti dll prospezione, estrzione, trttmento ed mmsso di risorse minerli e dllo sfruttmento delle cve c) le crogne e i seguenti ltri rifiuti d ziende gricole: liqumi, mterie fecli e le ltre sostnze nturli non pericolose utilizzte nell ttività gricol ed in prticolre i mterili litoidi o vegetli riutilizzti nelle normli prtiche gricole e di conduzione dei fondi rustici e le terre d coltivzione provenienti dll pulizi dei prodotti vegetli eduli d) le cque di scrico, esclusi i rifiuti llo stto liquido e) i mterili esplosivi in disuso. Articolo 5 - Competenze del Comune Compete obbligtorimente l Comune l gestione in regime di privtiv - nelle forme di cui l D.Lgs. 18 gosto 2000 n delle operzioni di rccolt, spzzmento, trsporto e trttmento dei rifiuti clssificti nelle seguenti ctegorie: ) tutti i rifiuti urbni di cui l secondo comm dell rticolo Clssificzione dei rifiuti del presente Regolmento 6

7 b) ltri rifiuti specili dichirti ssimilti quelli urbni di cui ll rticolo Rifiuti specili ssimilti i rifiuti solidi urbni del presente Regolmento c) i rifiuti e i fnghi di cui l punto 7 del 3 comm del citto rticolo Clssificzione dei rifiuti. Competono inoltre l Comune ) il controllo su tutte le operzioni di gestione dei rifiuti urbni, ivi compresi gli dempimenti che il decreto 22/97 ttribuisce l Gestore del servizio; b) l orgnizzzione dell rccolt differenzit dei rifiuti di imbllggio nel rispetto dei principi previsti dll rt.36 del decreto 22/97; c) l dozione dei provvedimenti di diffid provvedere nei confronti del responsbile dell inquinmento dei siti; d) l pprovzione dei progetti di bonific dei siti inquinti di cui ll rt. 17 del Decreto Legisltivo 22/97, nonché l relizzzione d ufficio degli interventi necessri, nel cso in cui non vi provvedno o non sino individubili i responsbili dell situzione di inquinmento. Competono l Sindco i provvedimenti, circoscritti l territorio comunle, rivolti ll rimozione, ll vvio recupero o llo smltimento dei rifiuti bbndonti, nonché l ripristino dei luoghi i sensi dell rt.14 del decreto 22/97. Articolo 6 - Gestione dei rifiuti: mterili, soggetti, ttività ed operzioni qulificnti In relzione lle disposizioni e norme contenute nel presente Regolmento sono fisste le seguenti definizioni di mterili, soggetti, ttività ed operzioni qulificnti. MATERIALI: rifiuto: qulsisi sostnz che rientr nelle ctegorie di cui ll llegto A del D. Lgs. 22/1997, derivnte d ttività umn o d cicli nturli, di cui il detentore si disfi o bbi deciso o bbi obbligo di disfrsi frzione orgnico : i mterili putrescibili d lto tsso di umidità presenti nei rifiuti urbni frzione residu d smltire : i mterili bsso o nullo tsso di umidità venti di norm elevto contenuto energetico, d vvire ll termodistruzione, ovvero d vvire llo smltimento finle in discric compost d rifiuti: prodotto ottenuto dl compostggio dell frzione orgnico dei rifiuti urbni nel rispetto di pposite norme tecniche finlizzte definire contenuti e usi comptibili con l tutel mbientle e snitri, e in prticolre definire i grdi di qulità combustibile d rifiuti: il combustibile ricvto di rifiuti urbni medinte trttmento finlizzto ll eliminzione delle sostnze pericolose per l combustione ed grntire un deguto potere clorico, e che possied crtteristiche specificte con pposite norme tecniche imbllggio: il prodotto composto di mterile di qulsisi ntur, dibito contenere e proteggere determinte merci, dlle mterie prime i prodotti finiti, consentire l loro mnipolzione e l loro consegn dl produttore l consumtore o ll utilizztore, e d ssicurre l loro protezione, nonché gli rticoli perdere usti llo stesso scopo. SOGGETTI: produttore: l person l cui ttività h prodotto rifiuti e/o l person che h effettuto operzioni di pretrttmento o di miscuglio o ltre operzioni che hnno mutto l ntur o l composizione dei rifiuti detentore: il produttore dei rifiuti o l person fisic o giuridic che li detiene. ATTIVITÀ ED OPERAZIONI QUALIFICANTI: gestione: l rccolt, il trsporto, il recupero e lo smltimento di rifiuti, compreso il controllo di queste operzioni 7

8 conferimento: le modlità secondo le quli i rifiuti vengono consegnti l servizio di rccolt d prte del detentore rccolt: l operzione di prelievo, di cernit e/o di rggruppmento dei rifiuti per il loro trsporto rccolte differenzite: l rccolte idonee rggruppre i rifiuti urbni in frzioni merceologiche omogenee cernit: le operzioni di selezione di mterili, qulittivmente omogenei di rifiuto, i fini del riciclggio, riutilizzo o reimpiego degli stessi trsporto: le operzioni di trsferimento dei rifiuti, dl luogo di produzione, d ttrezzture o impinti, l luogo di stoccggio, recupero, trttmento e/o smltimento recupero: le operzioni medinte le quli i rifiuti vengono: - utilizzti come combustibile o come ltro mezzo per produrre energi, - sottoposti rigenerzione o reimpiegti tl quli, - sprsi sul suolo beneficio dell gricoltur o dell mbiente riciclggio: ogni zione intes riprodurre un mterile nuovo prtendo dllo stesso tipo di mterile seprto di rifiuti riutilizzo: ogni zione intes produrre beni e/o combustibili prtendo d mterie prime ottenute d mterili seprti di rifiuti reimpiego: ogni zione intes utilizzre mnuftti, seprti di rifiuti, nell stess funzione inizile (vuoti rendere) trttmento: le operzioni necessrie per il riutilizzo, l rigenerzione, il recupero, il riciclo, l innocuizzzione smltimento: le operzioni consistenti in ttività di stoccggio, di incenerimento, di deposito o discric sul suolo o nel suolo luogo di produzione dei rifiuti: uno o più edifici o stbilimenti o siti infrstrutturli collegti tr loro ll interno di un re delimitt in cui si svolgono le ttività di produzione dlle quli originno i rifiuti stoccggio: le operzioni di deposito preliminre di rifiuti in luogo diverso d quello dell loro produzione, in ttes di successive operzioni di reimpiego, riutilizzo, recupero deposito temporneo: il rggruppmento dei rifiuti effettuto, prim dell rccolt, nel luogo in cui sono prodotti lle seguenti condizioni: 1. i rifiuti depositti non devono contenere policlorodibenzodiossine, policlorodibenzofurni, policlorodinbenzofenoli in quntità superiore 2,5 ppm né policlorobifenile, policlorotrifenili in quntità superiore 25 ppm 2. il deposito temporneo deve essere effettuto per tipi omogenei e nel rispetto delle reltive norme tecniche, nonché, per i rifiuti pericolosi, nel rispetto delle norme che disciplinno il deposito delle sostnze pericolose in essi contenute 3. devono essere rispettte le norme che disciplinno l imbllggio e l etichetttur dei rifiuti pericolosi spzzmento: le operzioni di rimozione dei rifiuti gicenti su strde ed ree pubbliche o su strde privte comunque soggette d uso pubblico o sulle rive di fiumi, fossi e cnli isole ecologiche: ree ttrezzte secondo le più moderne tecnologie, distribuite sul territorio, destinte ricevere dlle utenze le singole frzioni ottenute dll rccolt differenzit pittform ecologic di primo livello: re di servizio destint l conferimento seprto delle frzioni di cui ll rt. 5 comm 2 dell legge di Revisione dell L.R. 21/93, ivi compresi i mterili inerti quli mcerie edilizie, mterili provenienti d scvi e demolizioni di modest entità; il bcino di utenz non deve essere, di norm, inferiore bitnti pittform ecologic di secondo livello: re di servizio con crtteristiche nloghe quelle dell pittform ecologic di primo livello, dott di impinti di primo trttmento e/o recupero (triturzione, selezione, press) compreso il compostggio dell frzione orgnico costituit dl verde proveniente d ree pubbliche e privte. 8

9 Articolo 7 - Clssificzione dei rifiuti Agli effetti dell ppliczione del presente Regolmento, come previsto dll rt.7 del Decreto Legisltivo 22/97, i rifiuti sono clssificti, secondo l origine, in rifiuti urbni e rifiuti specili e, secondo le crtteristiche di pericolosità, in rifiuti pericolosi e rifiuti non pericolosi. Sono rifiuti urbni: 1) i rifiuti domestici, nche ingombrnti, provenienti d locli e luoghi dibiti uso di civile bitzione 2) i rifiuti non pericolosi provenienti d locli e luoghi dibiti usi diversi d quelli di cui l punto 1), ssimilti i rifiuti urbni per qulità e quntità, i sensi dell rticolo 21, comm 2 letter g) del Decreto Legisltivo 22/97 3) i rifiuti provenienti dllo spzzmento delle strde 4) i rifiuti di qulunque ntur o provenienz, gicenti sulle strde e ree pubbliche e ree privte comunque soggette uso pubblico e sulle rive dei corsi d cqu 5) i rifiuti vegetli provenienti d ree verdi, quli girdini, prchi e ree cimiterili 6) i rifiuti provenienti d esumzioni ed estumulzioni, nonché gli ltri rifiuti provenienti d ttività cimiterili. Sono rifiuti specili quelli derivnti: 1) d ttività gricole e gro-industrili 2) dlle ttività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti pericolosi che derivno dlle ttività di scvo. Per qunto rigurd i rifiuti in eternit si f riferimento ll rt. 9.5 del presente regolmento 3) d lvorzioni industrili 4) d lvorzioni rtiginli 5) d ttività commercili 6) d ttività di servizio 7) d ttività di recupero e smltimento di rifiuti; i fnghi prodotti dll potbilizzzione e d ltri trttmenti delle cque e dll depurzione delle cque reflue e d bbttimento di fumi 8) d ttività snitrie 9) i mcchinri e pprecchiture deteriorti e obsoleti 10) i veicoli motore, rimorchi e simili fuori uso e loro prti. Sono pericolosi i rifiuti non domestici precisti nell elenco di cui ll llegto D del già citto Decreto Legisltivo 22/97 sull bse degli llegti G, H, ed I e dll rt. 5 dell Legge Regionle 21/93. Articolo 8 - Rifiuti specili ssimilti i rifiuti solidi urbni Il Ministero dell Ambiente, di concerto con i Ministeri interessti dell Industri, dell Snità, dell Agricoltur e dei Trsporti - così come previsto dll rt. 18 comm 2, letter d) del Decreto Legisltivo 22/97 - deve determinre i criteri qulittivi e quli-quntittivi per l ssimilzione, i fini dell rccolt e dello smltimento, dei rifiuti specili i rifiuti urbni. In ttes di tle provvedimento i rifiuti specili, che i fini dell rccolt e dello smltimento vengono ssimilti gli urbni, sono qulittivmente indicti nell Allegto 1. Per qunto concerne i criteri quntittivi essi sono così stbiliti: Produzione nnu riferit ll superficie complessivmente tsst in cpo d ttività industrili, rtiginli, gricole, commercili, e di servizio. 9

10 E' considert ssimilbile se non superiore l vlore dell'indice numerico di riferimento, espresso in x Kg/mq, ovvero y mc/mq; Residui derivnti d pottur e/o flcitur, nche se svolte in superfici costituenti pertinenz o ccessorie di superfici soggette tss. Sono considerti ssimilbili qulor l quntità medi giornlier non si superiore l vlore dell'indice numerico di riferimento, espresso in z kg/giorno; Beni durevoli (televisori, frigoriferi, lvtrici, ecc.). Sono considerti ssimilbili qulor il numero di conferimenti per tipologi di bene e per nucleo fmilire non si superiore l vlore dell'indice numerico di riferimento espresso in n. k conferimenti ll nno. I vlori degli indici di riferimento sono pprovti dll Giunt Comunle con pposito tto delibertivo, e si considerno tcitmente mntenuti di nno in nno slvo espress modific medinte nuov deliberzione dell Giunt stess. Nel cso in cui l rccolt dei rifiuti ssimilti, reltiv determinti utenti, comporti modlità diverse d quelle dottte per il servizio di rccolt R.S.U., queste modlità verrnno stbilite in bse d pposite convenzioni e comporternno, per i reltivi utenti, triffe proporzionli gli oneri che ne derivno. Articolo 9 - Rifiuti specili e pericolosi DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE I produttori dei rifiuti specili non ssimilti e dei rifiuti pericolosi, hnno l obbligo di mntenere seprti i reltivi flussi d quelli urbni ed ssimilti. L obbligo è rivolto nche d un deguto smltimento in ottempernz delle norme specifiche contenute: nel Decreto Legisltivo 22/97 ggiornto dl Decreto Legisltivo 8 novembre 1997 n. 389, dll Legge 9 dicembre 1998 n 426 e successive modifiche e integrzioni nell Deliberzione Interministerile 27 luglio 1984 nelle disposizioni regionli e provincili. Chiunque intend vvire un ttività produttiv suscettibile di generre rifiuti pericolosi deve frne esplicit menzione in sede di richiest di null ost ll esercizio dell ttività o di concessione edilizi per l costruzione di nuovi stbilimenti, ovvero per le eventuli ristrutturzioni, indicndo con quli mezzi e modlità intende smltire tli rifiuti. I costi reltivi ll ttività di smltimento dei rifiuti specili non ssimilti e dei rifiuti pericolosi sono sempre crico dei produttori dei medesimi. In cso di istituzione d prte del Comune del servizio di smltimento di rifiuti specili non ssimilti, gli utenti possono ccedere l servizio medesimo sottoscrivendo pposite convenzioni - di cui ll rt. 10, 2 comm del Decreto Legisltivo 22/97 - pprovte dll Amministrzione Comunle; le reltive triffe sono sottoposte verific con frequenz lmeno nnule e se del cso ggiornte, in modo d grntire l copertur dei costi effettivi del servizio DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI SPECIALI E PERICOLOSI Nell fse di detenzione dei rifiuti specili non ssimilti e dei rifiuti pericolosi: 10

11 ) devono essere osservti i limiti posti l deposito temporneo dl Decreto Legisltivo 22/97 (rt. 6, letter m, punti 2 e 3) si per qunto rigurd le quntità, che per qunto rigurd l cdenz dell sportzione (*); b) devono essere rispettte eventuli prescrizioni dell Amministrzione Provincile, qule Autorità prepost l controllo sulle ttività di smltimento dei rifiuti c) dovrà essere effettuto il deposito temporneo, seprto d ogni ltro rifiuto prodotto, mntenendo distint ogni frzione di rifiuto specile e/o pericoloso nche in relzione d eventuli trttmenti o interventi preventivi. (*) STRALCIO DECRETO LEGISLATIVO 22/97 (Articolo 6-1 comm - letter m)... omissis... 2) i rifiuti pericolosi devono essere rccolti ed vviti lle operzioni di recupero o di smltimento con cdenz lmeno bimestrle indipendentemente dlle quntità in deposito, ovvero, in lterntiv, qundo il quntittivo di rifiuti pericolosi in deposito rggiunge i 10 metri cubi; il termine di durt del deposito temporneo è di un nno se il quntittivo di rifiuti in deposito non super i 10 metri cubi nell nno o se, indipendentemente dlle quntità, il deposito temporneo è effettuto in stbilimenti loclizzti nelle isole minori 3) i rifiuti non pericolosi devono essere rccolti ed vviti lle operzioni di recupero o di smltimento con cdenz lmeno trimestrle indipendentemente dlle quntità in deposito, ovvero, in lterntiv, qundo il quntittivo di rifiuti non pericolosi in deposito rggiunge i 20 metri cubi; il termine di durt del deposito temporneo è di un nno se il quntittivo di rifiuti in deposito non super i 20 metri cubi nell nno o se, indipendentemente dlle quntità, il deposito temporneo è effettuto in stbilimenti loclizzti nelle isole minori.... omissis CONFERIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI E PERICOLOSI Ai fini del trsporto per lo smltimento, devono essere utilizzti ppositi contenitori e/o ttrezzture, secondo le disposizioni vigenti in mteri. È tsstivmente vietto il loro conferimento nei contenitori o punti di ccumulo specifici per ccogliere i rifiuti specili ssimilti gli urbni i sensi del presente Regolmento. È ltresì tsstivmente vietto il conferimento nei contenitori dibiti d ccogliere i rifiuti specili non ssimilti m comunque destinti llo smltimento finle d impinti di discric di 1ª ctegori o d ltri impinti di smltimento dei rifiuti urbni RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI Secondo l clssificzione previst dll rt. 2, lettere c) e d) del D.M. 26 giugno 2000 n 219 i rifiuti snitri pericolosi sono distinti in : - rifiuti snitri pericolosi non rischio infettivo Tli rifiuti rientrno nell fttispecie dei rifiuti pericolosi: pertnto devono essere trttti e smltiti osservndo le prescrizioni già dettte l rigurdo i precedenti punti rifiuti snitri pericolosi rischio infettivo Per il loro trttmento - sterilizzzione, deposito temporneo, stoccggio, rccolt e smltimento - trovno ppliczione le norme di cui l cpo II, Articoli d 7 11 del citto D.M. 26 giugno 2000 n 219 (cfr. Allegto 4). 11

12 9.5 - AMIANTO Per i rifiuti contenenti minto ed in prticolre per i mnuftti edili in cemento-minto, quli l eternit, si f riferimento ll specific normtiv sttle vigente, nonché lle linee guid dell Regione Lombrdi per qunto concerne le modlità di smltimento e, preliminrmente, le procedure di rimozione e mess in sicurezz dei mnuftti. Il Comune, con riferimento ll ultimo comm del precedente punto 1, si impegn vlutre modlità di orgnizzzione di un servizio di gestione dei rifiuti in cemento-minto, provenienti d utenze presenti sul territorio comunle, l fine di conseguire l obiettivo di mssim intercettzione degli stessi e l ottimizzzione delle procedure di gestione. Articolo 10 - Prticolri ctegorie di rifiuti IMBALLAGGI È definito rifiuto di imbllggio ogni imbllggio rientrnte nell definizione di rifiuto, esclusi i residui di produzione. Il Titolo II del Decreto Legisltivo 22/97: - h disciplinto l gestione degli imbllggi e dei rifiuti d imbllggio - h istituito il CONAI (Consorzio Nzionle Imbllggi) orgno deputto stipulre un ccordo di progrmm-qudro con l ANCI per stbilire in prticolre le modlità di rccolt dei rifiuti d imbllggio in relzione lle esigenze delle ttività di riciclggio e di recupero. I produttori e gli utilizztori sono responsbili dell corrett gestione mbientle degli imbllggi e dei rifiuti di imbllggio generti dl consumo dei propri prodotti; nelle more dell emnzione di norme di dettglio per l rccolt dei rifiuti d imbllggio - in prticolre i primri - gli stessi sono rccolti in modo differenzito ed vviti l trttmento finle in relzione ll loro rispettiv composizione merceologic. È vietto immettere nel normle circuito di rccolt dei rifiuti urbni imbllggi terziri di qulsisi ntur. Eventuli imbllggi secondri non restituiti ll utilizztore dl commercinte l dettglio possono essere conferiti l servizio pubblico solo in rccolt differenzit (Decreto Legisltivo 22/97, rticolo 43, 2 comm). STRALCIO D.L. 22/1997, ART. 35 È definito imbllggio per l vendit o primrio l imbllggio concepito in modo d costituire, nel punto di vendit, un unità di vendit per l utente finle o per il consumtore È definito imbllggio multiplo o secondrio l imbllggio concepito in modo d costituire, nel punto di vendit, il rggruppmento di un certo numero di unità di vendit, indipendentemente dl ftto che si venduto come tle ll utente finle o l consumtore, o che serv soltnto fcilitre il rifornimento degli scffli nel punto di vendit. Esso può essere rimosso dl prodotto senz lterrne le crtteristiche È definito imbllggio per il trsporto o terzirio l imbllggio concepito in modo d fcilitre l mnipolzione e il trsporto di un certo numero di unità di vendit oppure di imbllggi multipli per evitre l loro mnipolzione e i dnni connessi l trsporto, esclusi i continer per i trsporti strdli, ferroviri, mrittimi e erei. 12

13 RIFIUTI COSTITUITI DA VEICOLI A MOTORE, RIMORCHI E SIMILI FUORI USO E LORO PARTI I rifiuti costituiti d: - prti di veicoli motore - crcsse di utoveicoli e motoveicoli - crcsse di utocrri, trttori strdli, rimorchi, crvn, mcchine opertrici e simili sono conferiti di privti o dll pubblic utorità i centri di rccolt, ppositmente utorizzti, per l mess in sicurezz, l demolizione, il recupero dei mterili e l rottmzione. Il proprietrio di un veicolo motore destinto ll demolizione può ltresì consegnrlo i concessionri o lle succursli delle cse costruttrici per l consegn successiv i centri di cui l comm 1 qulor intend cedere il predetto veicolo per cquistrne un ltro RIFIUTI CIMITERIALI Rientrno nell ctegori dei rifiuti urbni nche i rifiuti cimiterili, così come definiti dl Decreto del Ministero dell Ambiente 26 giugno 2000, n. 219 e precismente: ) rifiuti d esumzione ed estumulzione (cfr. rticolo 2, comm 1, letter e, del D.M. citto), costituiti d prti, componenti, ccessori e residui contenuti nelle csse utilizzte per inumzione o tumulzione: 1) ssi e resti lignei delle csse utilizzte per l sepoltur; 2) simboli religiosi, piedini, ornmenti e mezzi di movimentzione dell css (d es. mniglie); 3) vnzi di indumenti, imbottiture e similri; 4) resti non mortli di elementi biodegrdbili inseriti nel cofno; 5) resti metllici di csse (d es. zinco, piombo). Tli rifiuti devono essere confezionti in imbllggi perdere flessibili, di colore distinguibile d quelli utilizzti per l rccolt delle ltre frzioni di rifiuti urbni, recnti l dicitur Rifiuti urbni d esumzioni ed estumulzioni ed vviti gli impinti di smltimento utorizzti. b) rifiuti derivnti d ltre ttività cimiterili (cfr. rticolo 2, comm 1, letter f del D.M. citto), costituiti d: 1) mterili lpidei, inerti provenienti d lvori di edilizi cimiterile, smurture e similri 2) ltri oggetti metllici o non metllici sportti prim dell cremzione, tumulzione o inumzione. 3) Tli rifiuti possono essere riutilizzti ll interno dell stess struttur cimiterile, vviti recupero o smltiti in impinti per rifiuti inerti. Infine, c) per gli ltri rifiuti che si originno nei cimiteri, quli fiori secchi, ceri, corone, crte, ecc., si pplicno le disposizioni del presente Regolmento reltive i rifiuti solidi urbni. 13

14 CAPITOLO 2 FORME DI GESTIONE - DIVIETI E CONTROLLI Articolo 11 - Forme di gestione Le ttività di rccolt e smltimento previste nel presente Regolmento vengono esplicte dl Comune in form dirett, o medinte ffidmento d impres specilizzt e debitmente utorizzt, o con un delle ltre forme previste dll rt. 42 del D. Lgs. 18 gosto 2000 n L gestione del servizio di rccolt dei rifiuti urbni e ssimilti comprende nche le ttività concernenti le rccolte differenzite che, di norm, non sono ffidte più soggetti, né medinte più procedimenti contrttuli o di pplto. Requisito indispensbile per l ffidmento del servizio in concessione è, per i soggetti pplttori, l iscrizione ll Albo Nzionle delle Imprese che effettuno l gestione dei rifiuti di cui ll rt. 30 del Decreto Legisltivo 22/97. Ai fini dello svolgimento del servizio di rccolt differenzit e del conferimento delle mterie rccolte, il Comune, nche trmite l eventule Applttrice, stipul pposite convenzioni con impinti di riciclggio/recupero utorizzti, convenzionti con i Consorzi Nzionli Obbligtori istituiti i sensi del Decreto Legisltivo 22/97 (cfr. rticoli ) e con le Associzioni di ctegori specilizzte. Le ttività di volontrito, esplette ttrverso forme ssocitive che operino senz fine di lucro, potrnno concorrere ll orgnizzzione dell rccolt differenzit dei rifiuti urbni recuperbili nell mbito di convenzioni stipulte: - con il Consorzio Est Milnese - con l Applttrice, pprovte dl Comune e/o dl Consorzio Est Milnese, - direttmente con il Comune, senz necessità di preventivo ssenso dell eventule Applttrice. Articolo 12 - Obblighi e divieti Competono i produttori dei rifiuti urbni le ttività di conferimento l servizio di rccolt, nel rispetto delle norme e delle prescrizioni contenute nel presente Regolmento. È obbligo del produttore di rifiuti urbni tture l rccolt differenzit nei modi e nei tempi previsti dll Amministrzione Comunle. È vietto gettre, versre e depositre busivmente su ree pubbliche e privte soggette d uso pubblico di tutto il territorio comunle e nei pubblici mercti coperti e scoperti, qulsisi rifiuto, immondizi, rifiuto solido, semi solido e liquido e in genere mterile di rifiuto e scrto di qulsisi tipo, ntur e dimensione, nche se rcchiuso in scchetti o contenuto in recipienti. Il medesimo divieto vige per le fognture pubbliche e/o privte, nonché rgini, lvei, sponde, ecc. di corsi d cqu, cnli e fossi. In cso di indempienz il Sindco, llorché sussistno motivi igienico-snitri od mbientli e previ fisszione di un termine gli interessti per provvedere direttmente, dispone con propri ordinnz lo sgombero dei rifiuti ccumulti, con spese crico dei soggetti obbligti. 14

15 È viett ogni form di cernit, rovistmento o recupero dei rifiuti collocti negli ppositi contenitori eventulmente dislocti nel territorio comunle, ovvero presso l Pittform ecologic comunle, slvo che d prte del personle utorizzto. È vietto conferire insieme i rifiuti urbni ordinri e ssimilti: - i rifiuti urbni pericolosi - i rifiuti ingombrnti - i rifiuti specili pericolosi - gli ltri rifiuti specili non ssimilti (fr cui rifiuti inerti, rifiuti ospedlieri, prti di veicoli, ecc.) - sostnze liquide - mterili ccesi - mterili (metllici e non) che possno recre dnno i mezzi di rccolt e trsporto. È vietto l uso improprio dei vri tipi di contenitori utilizzti per le rccolte dei rifiuti. In prticolr modo è viett si l introduzione dei rifiuti ingombrnti nei contenitori si il loro bbndono finco degli stessi. È vietto lo spostmento dei contenitori dei rifiuti, di proprietà comunle o di Ditte convenzionte con l Amministrzione Comunle, dll sede in cui sono stti collocti. L utenz dei servizi è tenut d gevolre in ogni modo e comunque non intrlcire o ritrdre con il proprio comportmento l oper degli opertori ecologici ddetti l servizio. Qulor l responsbilità del ftto illecito si imputbile d mministrtori o rppresentnti di person giuridic, i sensi e per gli effetti dell rt. 14 comm 4 del Decreto Legisltivo n. 22/97, sono tenuti in solido l person giuridic e i soggetti che subentrno nei diritti dell person stess. Articolo 13 - Vigilnz del servizio Il controllo sul corretto svolgimento del servizio reltivo ll gestione dei rifiuti in tutto il territorio comunle è ffidto ll Ufficio Ecologi del Comune, i sensi dell rt. 21 del Decreto Legisltivo 22/97. L ttività degli interventi ispettivi e di controllo, i fini dell corrett osservnz delle norme e disposizioni contenute nel presente Regolmento, e l ppliczione delle snzioni previste spettno ll Polizi Municiple. Il Sindco può nominre uno o più dipendenti comunli in possesso di qulific non inferiore ll Ctegori B, Agenti Accerttori dell corrett esecuzione dell rccolt rifiuti, con fcoltà di emettere snzioni in cso infrzione qunto disciplinto dl presente regolmento. Un prticolre vigilnz, sotto il profilo igienico-snitrio, deve essere ssicurt sui mezzi e sulle ttrezzture in dotzione l servizio, nonché sul conferimento seprto dei rifiuti urbni pericolosi. All Amministrzione Provincile spettno: il controllo per lo smltimento dei rifiuti in ttuzione l disposto dell rt comm del D.P.R. 24 luglio 1977, n 616 e dell rt. 20 del Decreto Legisltivo 22/97, nonché l ttività di controllo e vigilnz sull rispondenz delle opere relizzte i progetti pprovti e sull gestione delle pittforme utorizzte. 15

16 Articolo 14 - Ordinnze contingibili ed urgenti In considerzione di qunto previsto dll rt. 13 del Decreto Legisltivo 22/97, qulor si verificssero situzioni di eccezionle e urgente necessità di tutel dell slute pubblic e dell mbiente e non si potesse ltrimenti provvedere, il Sindco, nell mbito dell propri competenz, può emettere ordinnze contingibili ed urgenti per consentire il ricorso temporneo specili forme di smltimento di rifiuti nche in derog lle disposizioni vigenti, grntendo un elevto livello di tutel dell slute e dell mbiente. Dette ordinnze sono comunicte l Ministero dell Ambiente, l Ministero dell Snità e l Presidente dell Regione entro tre giorni dll emissione e hnno efficci per un periodo non superiore sei mesi. Le ordinnze di cui l precedente comm indicno le norme cui si intende derogre e sono dottte su prere degli orgni tecnici o tecnico-snitri locli, che lo esprimono con specifico riferimento lle conseguenze mbientli. Le succitte ordinnze non possono essere reiterte per più di due volte. Articolo 15 - Disinfezione e disinfestzione dei mezzi e delle ttrezzture È ftto obbligo l personle incricto del servizio di provvedere periodicmente ll disinfezione e disinfestzione: - dei mezzi di trsporto dei rifiuti - delle ttrezzture, compresi gli eventuli contenitori - dei locli di ricovero di mezzi e ttrezzture. Articolo 16 - Tutel snitri del personle ddetto l servizio Il personle ddetto i servizi di rccolt, trsporto e smltimento, di gestione dell Pittform ecologic comunle, di spzztur delle vie e delle pizze, nonché qulsisi ltr operzione reltiv ll gestione dei rifiuti: 1. deve essere sottoposto i controlli snitri che l prticolre ntur del servizio suggerisce e che l Aziend Snitri Locle riterrà necessri, lmeno un volt ll nno 2. deve essere dotto degli indumenti di lvoro prescritti dl CCNL di ctegori. Inoltre deve essere ssicurt l pien osservnz delle norme sncite dl Decreto Legisltivo 19 settembre 1994 n 626 e di ogni successiv disposizione legisltiv in merito, sull ttuzione delle Direttive CEE rigurdnti il migliormento dell sicurezz e dell slute dei lvortori sul luogo di lvoro. Deve essere grntito i lvortori, in ogni cso, l esercizio dei diritti snciti dll rt. 9 dell legge 20 mggio 1970, n

17 CAPITOLO 3 RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Articolo 17 - Oggetto dell rccolt differenzit L rccolt differenzit è effettut secondo qunto disposto dll rt. 6 dell L.R. 21/93, ed in ttuzione di qunto previsto dll rt. 4 del Decreto Legisltivo 22/97, ftti slvi i necessri degumenti lle crtteristiche precipue del territorio comunle, per qunto concerne le modlità di conferimento e smltimento. L rccolt differenzit dei rifiuti solidi urbni interess: principlmente quelle frzioni merceologiche che, rccolte seprtmente, sono direttmente riutilizzbili, quli: vetro, plstic, lluminio, crt, crtone, imbllggi, mterili ferrosi e ogni ltro mterile o sostnz il cui riutilizzo si dimostri economicmente conveniente nche rispetto i vntggi mbientli oppure quelle sostnze che, se smltite unitmente gli ltri rifiuti solidi urbni, cus del loro crico di contminzione, potrebbero comportre problemi di inquinmento mbientle e risultre pericolose per l slute pubblic. Fnno prte di quest second ctegori: le pile scriche e btterie esuste, gli ccumultori l piombo, i frmci inutilizzti o scduti, le siringhe bbndonte, i prodotti e i reltivi contenitori etichettti con il simbolo T e/o F, le lmpde scric e i tubi ctodici, le crtucce esuste di toner per fotocopitrici e stmpnti, gli oli e grssi nimli e vegetli residui dll cottur degli limenti presso i luoghi di ristorzione collettiv, gli oli minerli usti. Articolo 18 - Finlità L rccolt differenzit è finlizzt : ) diminuire il flusso dei rifiuti d smltire tl quli b) fvorire l vlorizzzione dei rifiuti ttrverso il recupero dei mterili fin dll fse dell produzione, distribuzione, consumo e rccolt c) migliorre i processi tecnologici degli impinti per il recupero e lo smltimento dei rifiuti, l fine di ridurre i consumi energetici e le emissioni d) ridurre le quntità e l pericolosità delle frzioni non recuperbili d vvire llo smltimento finle ssicurndo mggiori grnzie di protezione mbientle e) fvorire il recupero di mterili ed energi nche nell fse di smltimento finle. Articolo 19 - Loclizzzione siti e contenitori Qulor, per le rccolte differenzite, sino previsti ppositi contenitori, il loro posizionmento sul territorio srà disposto dll Amministrzione Comunle. Ove risulti conveniente, sono relizzti punti di rccolt, denominti isole ecologiche, dove è possibile effetture il conferimento contemporneo di più frzioni merceologiche oggetto di rccolt differenzit. L loclizzzione dei siti di cui i commi precedenti tiene conto, oltre che delle esigenze di rredo urbno e di rispetto dell mbiente, nche delle prticolri situzioni di vibilità ordinri, rendendo possibile un fcile ccesso si d prte dell utenz, che d prte degli ppositi veicoli utilizzti per lo svolgimento del servizio. È vietto spostre i contenitori dll loro colloczione in qunto operzione di competenz del solo personle ddetto lle operzioni di svuotmento. 17

18 Per il servizio di rccolt differenzit dei rifiuti urbni e ssimilti il colore dei contenitori utilizzti dovrà essere: Frzione orgnico e Scrti vegetli MARRONE Crt BIANCO Vetro VERDE Plstic GIALLO Metlli AZZURRO Pile GRIGIO SU SUPPORTO VERDE Medicinli scduti BIANCO + CROCE ROSSA Lmpde scric e tubi ctodici GIALLO (doppi contenitori metllici, di progettzione e proprietà consortile) I contenitori già in uso ll dt di entrt in vigore del presente provvedimento, nche se di colore diverso, potrnno essere ncor utilizzti. I contenitori che verrnno utilizzti dlle nuove utenze o sostituiti, dovrnno essere invece del colore sopr previsto. Articolo 20 - Conferimento I rifiuti solidi urbni e i rifiuti specili ssimilti devono essere conferiti cur del produttore, il qule è tenuto conservrli in modo d evitre cttivi odori o dispersioni nell mbiente. I rifiuti non ingombrnti, prodotti presso le bitzioni e gli insedimenti civili in genere, verrnno normlmente conferiti in contenitori o in scchi omologti. I fbbricti devono disporre di un deposito o re preferibilmente copert e pvimentt tt d ospitre i scchi contenenti i rifiuti nei giorni che precedono l rccolt secondo qunto disposto dl Regolmento locle di igiene e in osservnz del Regolmento Edilizio. Le cnne di cdut sono viette. Per il conferimento dei rifiuti di cui l presente rticolo devono essere osservte le norme di seguito riportte, reltivmente ciscun tipologi. Frzioni orgnico e residu d smltire dei rifiuti solidi urbni Il conferimento seprto di rifiuti di provenienz limentre, di scrti vegetli, o comunque d lto tsso di umidità, deve essere diretto ll seprzione dell frzione orgnico dll frzione residu d smltire. I rifiuti pprtenenti ll frzione orgnico devono essere conferiti cur del produttore in ppositi contenitori debitmente contrssegnti, svuotmento meccnizzto o mnule. Nei contenitori devono essere introdotti solo rifiuti urbni pprtenenti ll frzione orgnico, eventulmente chiusi in scchi o in ltri involucri perdere possibilmente di mterile crtceo oppure in mterile biodegrdbile o comunque comptibile con impinti di compostggio. Il conferimento di erb tglit è consentito solo per limitte quntità. Il Comune, prevedendo nche prticolri incentivi, promuove l utilizzo di composttori d prte delle utenze civili. I rifiuti rccolti verrnno trsportti dl Gestore del servizio ll Stzione Consortile di trsferimento/lvorzione di Bellusco/Mezzgo o d ltr Stzione di trsferimento/lvorzione indict dl Consorzio Est Milnese, o d quest ultimo concordt con l Amministrzione Comunle. I rifiuti urbni interni pprtenenti ll frzione residu d smltire verrnno conferiti direttmente dgli utenti trmite scchi in polietilene semitrsprenti. 18

19 Eventuli cssette o ltri contenitori rigidi di ridotte dimensioni - e quindi non considerbili rifiuti ingombrnti - che non fosse possibile frntumre per inserire nel scco srnno posizionti vuoti finco dello stesso; frà crico ll Applttrice il contestule sporto. Anche i rifiuti pprtenenti quest frzione verrnno trsportti ll Stzione Consortile di trsferimento/lvorzione di Bellusco/Mezzgo o d ltr Stzione di trsferimento/lvorzione indict dl Consorzio Est Milnese, o d quest ultimo concordt con l Amministrzione Comunle. Crt e crtoni L crt viene rccolt domicilio, conferit dgli utenti ordintmente confeziont e legt in pcchi oppure in scchi di crt o in bidoni crrellbili. Gli utenti dovrnno conferire seprtmente l crt e i crtoni, questi ultimi opportunmente piegti e ridotti di volume. Oltre che con servizio di ritiro domicilio, l crt può essere rccolt nche medinte utilizzo di ppositi contenitori di degut cpcità posizionti presso l Pittform ecologic comunle ttrezzt per le rccolte differenzite. L crt verrà introdott direttmente dgli utenti nei contenitori. L crt rccolt srà conferit impinti di riciclggio/recupero utorizzti, convenzionti con il Consorzio Nzionle Obbligtorio istituito i sensi del Decreto Legisltivo 22/97 e con le ssocizioni di ctegori specilizzte. Vetro e lttine - Vetro cvo L rccolt del vetro può essere orgnizzt: con ritiri domicilio. Gli utenti conferiscono bordo strd in contenitori di plstic, di degut cpcità e di colore verde. per punti ccentrti sul territorio. Gli utenti conferiscono nelle cmpne ivi posizionte. medinte conferimenti diretti ll Pittform ecologic comunle, in ppositi contenitori. - Vetro in lstre L rccolt di rottmi di lstre di vetro viene effettut medinte l utilizzo di un contenitore di degut cpcità posizionto presso l Pittform ecologic comunle ttrezzt per rccolte differenzite. Gli utenti vi provvedono medinte conferimenti diretti. Il mterile rccolto verrà vvito d Impinti di riciclo/recupero utorizzti, convenzionti con il Consorzio Est Milnese, o d quest ultimo concordti con l Amministrzione Comunle. - Lttine di lluminio e/o bnd stgnt Le lttine vengono rccolte domicilio, conferite bordo strd dgli utenti in scchi trsprenti, normlizzti d lt.100. Gli utenti possono nche provvedere conferimenti diretti presso l Pittform ecologic in pposito contenitore ivi posizionto. Le lttine rccolte verrnno trsportte impinti di trttmento e recupero utorizzti. Contenitori in plstic per liquidi ed ltri imbllggi in plstic I contenitori in plstic per liquidi ed ltri imbllggi in plstic vengono rccolti domicilio, conferiti cur degli utenti in scchi perdere trsprenti, normlizzti d lt L plstic rccolt verrà conferit impinti di riciclo/recupero utorizzti, convenzionti con il Consorzio Nzionle Obbligtorio istituito i sensi del Decreto Legisltivo 22/97. Rottmi metllici L rccolt seprt dei rottmi metllici e prticolrmente del mterile ferroso viene effettut medinte l utilizzo di un contenitore di degut cpcità posizionto presso l Pittform ecologic ttrezzt per rccolte differenzite. 19

20 Gli utenti vi provvedono medinte conferimenti diretti. Il mterile rccolto verrà conferito impinti di riciclo/recupero utorizzti, convenzionti con il Consorzio Est Milnese, o d quest ultimo concordti con l Amministrzione Comunle. Beni durevoli Apprtengono quest prticolre ctegori di rifiuti, istituit dl Decreto Legisltivo 22/97: ) frigoriferi, surgeltori e congeltori b) televisori c) computer d) lvtrici e lvstoviglie e) condiziontori d ri. Tli beni di uso domestico, qundo bbino esurito l loro durt opertiv, devono essere consegnti cur del detentore: d un rivenditore, contestulmente ll cquisto di un bene durevole di tipologi equivlente, ovvero d uno degli ppositi centri di rccolt istituiti i sensi del Decreto Legisltivo 22/97, rt. 44, comm 2, oppure ll Ente incricto dell gestione dei rifiuti urbni: in quest ultimo cso il conferimento potrà nche essere effettuto direttmente dgli utenti presso l Pittform ecologic comunle ttrezzt per le rccolte differenzite. I beni in oggetto - d esclusione dei frigoriferi, surgeltori e congeltori per i quli viene effettut rccolt seprt i fini del recupero del gs CFC - continuernno tuttvi d essere considerti rifiuti ingombrnti e trttti come tli tutti gli effetti, fino qundo srnno definite nuove modlità di gestione, sull bse degli ccordi di progrmm che il Ministro dell Ambiente dovrà promuovere tr le imprese produttrici e distributrici con i soggetti, pubblici e privti, che ne gestiscono l rccolt, il recupero, il riciclggio e lo smltimento e che dovrnno prevedere: ) l individuzione di centri di rccolt diffusione nzionle b) il recupero e il riciclo dei mterili costituenti i beni durevoli c) lo smltimento di qunto non recuperbile d prte dei soggetti che gestiscono il servizio pubblico. I beni durevoli rccolti srnno vviti ll Stzione di trsferimento/lvorzione di Bellusco/Mezzgo o d ltr Stzione di trsferimento/lvorzione indict dl Consorzio Est Milnese, oppure impinti di riciclo/recupero utorizzti, convenzionti con quest ultimo e concordti con l Amministrzione Comunle. Legnme e mnuftti in legno esclusi gli scrti dell lvorzione del legno L rccolt del legnme e dei mnuftti in legno viene effettut medinte l utilizzo di un contenitore di degut cpcità posizionto presso l Pittform ecologic comunle ttrezzt per rccolte differenzite. Gli utenti vi provvedono medinte conferimenti diretti. Il mterile rccolto verrà vvito d Impinti di riciclo/recupero utorizzti, convenzionti con il Consorzio Nzionle Obbligtorio istituito i sensi del Decreto Legisltivo 22/97. Pneumtici L rccolt di pneumtici, esclusivmente conferibili d utenti privti, viene effettut medinte l utilizzo di un contenitore di degut cpcità posizionto presso l Pittform ecologic ttrezzt per le rccolte differenzite. Gli utenti vi provvedono medinte conferimenti diretti. Il mterile rccolto verrà vvito d idoneo impinto di recupero. 20

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC)

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC) 4. Trsporto pubblico non di line: txi e noleggio con conducente (NCC) L domnd di mobilità dei cittdini incontr un corrispondente offert delle diverse modlità di trsporto, sull bse delle crtteristiche degli

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio "Mercury Premier"

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio Mercury Premier Grzie per vere cquistto uno dei migliori motori fuoribordo sul mercto che si rivelerà un ottimo investimento per l nutic d diporto. Il fuoribordo è stto fbbricto d Mercury Mrine, leder internzionle nel

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE Riservto ll Poste itline Sp N. Protocollo t di presentzione UNI CONORME AL PROVVEIMENTO AGENZIA ELLE ENTRATE EL 000 E SUCCESSIVI PROVVEIMENTI Periodo d'impost 0 COGNOME COICE ISCALE Informtiv sul trttmento

Dettagli

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana.

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana. lle ASSUN ZIONI AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIO NI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALII Guid 2013 PROGRAMMAA POT Pinificzione territorile opertiv Aggiornt l 31 dicembre 20133 Sommrio PRINCIPI GENERALI... 4 GIOVANI...

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI Codice civile: I crediti devono essere iscritti secondo il vlore presumibile di relizzzione; quindi già l netto dell svlutzione derivnte dl monitorggio di ciscun

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STTLE "SLVTORE TODRO" 96011 UGUST (SR) - Via Gramsci - 0931/993733-0931/511970

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali i sensi del D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULL SLUTE E SICUREZZ SUL LVORO ttuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0 Ctlogo generle Process Het 2014 /15 L soluzione giust per ogni ppliczione. Versione 4.0 We know how. Leister Technologies AG, Corporte Center, Kegiswil, Schweiz Leister Technologies AG, Stilimento di produzione,

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale Biliotec Tecnic Knuf 05/2006 L cutic con Knuf Indice 1. Introduzione...4 2. Suoni e rumori...5 Glorio...5 Rumori erei...5 Rumori impttivi...6 Tempo di rivererzione (T60)...6 Fonoiolmento e fonoorimento...7

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE

CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 UNITÀ DIDATTICA 7 CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE IN QUESTA UNITÀ IMPAREREMO... onosere le norme he regolno il iritto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura .S.: - - IC GIOVNNI XXIII/CESTE MIICBC (CF: ) nno Finnzirio: Ftture registro unico Ftture trovte: Numero- Dt Prg Reg Procoll o /B - -- /B - -- /B - -- Tipo Doc fttur fttur fttur Numero Fttur V- /M Dt Fttur

Dettagli